Deducibilita` dei costi degli autoveicoli in UNICO 2010

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Deducibilita` dei costi degli autoveicoli in UNICO 2010"

Transcript

1 Deducibilita` dei costi degli autoveicoli in UNICO 2010 di Paolo Parisi (*) L ADEMPIMENTO " UNICO PF, SP, SC: Quadri RF, RG e RE Nella compilazione del modello UNICO e, in particolare, in sede di determinazione del reddito di impresa/lavoro autonomo si deve tener conto della radicale rivisitazione che ha avuto la disciplina delle spese dei veicoli destinati al trasporto di persone. La deducibilita` dei costi relativi ai veicoli posseduti in regime d impresa e` stabilita in diverse misure a seconda della destinazione del veicolo e del soggetto utilizzatore: nel caso del libero professionista, la deducibilita` e` limitata ad un solo veicolo se l attivita` e` esercitata in forma individuale, limitatamente ad un veicolo per ogni socio o associato se l attivita` e` svolta da societa` semplici e da associazioni. " Riferimenti Agenzia delle Entrate, provvedimento 1º febbraio 2010 D.P.R. 22 dicembre 1986 n. 917, art. 164 D.L. 2 luglio 2007, n. 81, convertito dalla legge 3 agosto 2007, n. 127: art. 15-bis, commi da 7 a 10 La disciplina recata dall art. 164 del T.U.I.R. concernente i criteri e i limiti di deducibilità delle spese e degli altri componenti negativi inerenti a taluni mezzi di trasporto a motore è stata nuovamente oggetto di modifica ad opera dell art. 15-bis, commi da 7 a 10, del D.L. n. 81/2007, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 127/2007. Con il decreto collegato alla Finanziaria per il 2007 (D.L. n. 262/2006, convertito, con modificazioni, nella legge n. 286/2006), il legislatore, al fine di far fronte agli effetti finanziari, in termini di minor gettito, derivanti dalla sentenza della Corte di Giustizia CE 14 settembre 2006, nella causa C-228/05, a seguito della quale era venuta meno l indetraibilità oggettiva dei beni indicati nelle lett. c) e d) del comma 1 dell art. 19-bis1 del D.P.R. n. 633/1972 utilizzati nell attività professionale o nell esercizio di impresa, aveva, infatti, attuato una significativa stretta in termini di deducibilità dei costi relativi alle autovetture. Appare, quindi, opportuno ricostruire il regime di deducibilità attualmente vigente per tali mezzi di trasporto a motore. Al riguardo, si ricorda, preliminarmente, che la disciplina contenuta nell art. 164 del T.U.I.R. trova applicazione unicamente per i veicoli ivi indicati; restano, quindi, integralmente deducibili le spese e gli altri componenti negativi relativi a motocarri, autocarri, autoveicoli a uso speciale e trattori, nonché a tutti i mezzi non a motore (per es. biciclette e gondole), sempre ché inerenti l attività di impresa. L Agenzia delle Entrate ha chiarito con la Risoluzione 12 novembre 2001, n. 179/E che, non rientrando gli autoveicoli a uso speciale di cui all art. 54, comma 1, lett. g), del D.Lgs. n. 285/1992, e, in particolare, gli autoveicoli a uso ufficio, nel regime fiscale di cui all art. 164 del T.U.I.R., la deducibilità, nell ambito della determinazione del reddito d impresa, è ammessa sempre ché risulti soddisfatto il principio generale stabilito nell art. 75 (ora art. 109), comma 5, del T.U.I.R. ed essi vengano effettivamente utilizzati ad uso ufficio. È opportuno rammentare che tra le spese e altri componenti negativi relativi ai veicoli di cui all art. 164 del T.U.I.R. devono essere compresi gli ammortamenti, i canoni di leasing e di noleggio, le spese di impiego (es. carburanti, lubrificanti, ecc.), le spese di custodia (es. autorimessa), le spese di manutenzione e di riparazione, nonché l IVA indetraibile. Veicoli utilizzati esclusivamente come beni strumentali all attività d impresa L art. 164, comma 1, lett. a), n. 1, del T.U.I.R. individua i mezzi di trasporto che danno luogo all integrale deduzione delle spese e di ogni altro componente negativo relativi all utilizzo degli stessi, laddove destinati ad essere utilizzati esclusivamente come beni strumentali nell attività propria dell impresa. (*) Professore di diritto tributario - Scuola Superiore dell Economia e delle Finanze Ezio Vanoni e Coordinatore del Centro Studi di Aggiornamento Tributario di IPSOA PRATICA FISCALE e Professionale 22 n. 21 del 24 MAGGIO 2010

2 I mezzi di trasporto a motore in questione sono gli aeromobili da turismo, le navi e imbarcazioni da diporto; le autovetture ed autocaravan, di cui alle lettere a) e m) del comma 1 dell art. 54 del D.Lgs. 30 aprile 1992, n. 285 (codice della strada); i ciclomotori e motocicli. Per detti veicoli, le quote di ammortamento sono interamente deducibili dal reddito, così come i canoni di leasing, a condizione che la durata del contratto non sia inferiore alla metà del periodo di ammortamento ordinario stabilito mediante l applicazione dei coefficienti di ammortamento di cui al D.M. 31 dicembre Risultano, altresì, pienamente deducibili le altre spese relative a tali mezzi di trasporto (carburanti, auto rimessa, ecc.). I veicoli adibiti a uso pubblico Altra ipotesi di deducibilità integrale delle spese e degli altri componenti negativi concerne i veicoli per il trasporto pubblico (art. 164, comma 1, lett. a, n. 2), e cioè quei veicoli per i quali vi sia un atto rilasciato dalla Pubblica amministrazione che attesti tale destinazione. Si pensi, a titolo di esempio, alle autovetture adibite al servizio taxi. Veicoli diversi da quelli utilizzati esclusivamente come beni strumentali nell esercizio d impresa : auto aziendali Il già citato art. 15-bis, comma 8, del D.L. n. 81/2007 ha ripristinato, con decorrenza dal periodo di imposta in corso al 27 giugno 2007, la deducibilità delle spese e degli altri componenti negativi relativi alle cd. auto aziendali, fissando, però, la percentuale nella misura del 40%, cosìda tenere anche conto della nuova misura di detraibilità dell IVA sulle auto stesse. L art. 2, comma 71, del D.L. n. 262/2006, espungendo dalla lett. b) del comma 1 dell art. 164 del T.U.I.R. ogni riferimento ai mezzi di trasporto a motore diversi da quelli utilizzati quali beni strumentali nell esercizio dell impresa di cui alla lett. a) della stessa norma, aveva determinato l integrale indeducibilità dei costi relativi a tali veicoli (deducibili, si ricorda, nella misura del 50% in vigenza della disciplina ante D.L. n. 262/2006). In sostanza, per imprese individuali e società, sia di persone che di capitali, non sussisteva più alcuna deducibilità parziale per i veicoli aziendali, ad eccezione del caso degli agenti e rappresentanti di commercio. Tale previsione risultava ancor più penalizzante per le imprese alla luce dall interpretazione fornita dall Amministrazione finanziaria, da ultimo, con la Risoluzione 22 agosto 2007, n. 231/E, che, circoscrivendo, ai fini della strumentalità, il concetto di utilizzo strumentale ai soli casi in cui il conseguimento dei ricavi caratteristici dell impresa dipenda direttamente dall impiego del veicolo, ha escluso la possibilità di dedurre tutti quei costi inerenti ad un veicolo che, seppur indirettamente, è comunque necessario per lo svolgimento di alcune fasi della produzione o della commercializzazione di beni o servizi. ESEMPIO N. 1 I veicoli utilizzati dagli amministratori o dai dipendenti del servizio commerciale, i veicoli necessari per i servizi di manutenzione dei beni commercializzati (diversi dagli autocarri) o, infine, i veicoli utilizzati per i contatti con i principali fornitori di beni e servizi. Tali mezzi di trasporto, infatti, pur non indispensabili all attività di impresa, appaiono il più delle volte fondamentali per il raggiungimento di un determinato margine di redditività. Tale problematica ha trovato parziale soluzione, a decorrere dal periodo di imposta 2007, a seguito della nuova riformulazione della lett. b) del comma 1 dell art. 164 del T.U.I.R. In particolare, a decorrere dal periodo di imposta in corso alla data del 27 giugno 2007 (periodo di imposta 2007 per i soggetti con periodo coincidente con l anno solare), è consentita la deduzione delle spese e degli altri componenti negativi relativi alle cd. auto aziendali nella misura del 40%. In questa fattispecie permangono i limiti entro cui rilevano le spese sostenute per l acquisto, la locazione anche finanziaria e per il noleggio, ossia: 1) nel caso di acquisto, non si tiene conto della parte del costo eccedente: E ,99 per le autovetture ed autocaravan; E 4.131,66 per i motocicli; E 2.065,83 per i ciclomotori. 2) nel caso di stipula di un contratto di leasing, non si tiene conto dell ammontare dei canoni proporzionalmente corrispondente al costo dei suddetti veicoli che eccede i limiti indicati al punto precedente. 3) nel caso di stipula di un contratto di locazione o di noleggio, non si tiene conto della parte del costo eccedente: E 3.615,20 per le autovetture ed autocaravan E 774,69 per i motocicli E 413,17 per i ciclomotori. PRATICA FISCALE e Professionale 23 n. 21 del 24 MAGGIO 2010

3 ESEMPIO N. 2 Un impresa edile acquista in data 1º settembre 2009, un autovettura per E ,00 + IVA. Al 31 dicembre 2009, dovrà determinare la quota di ammortamento deducibile di siffatta autovettura, tenendo conto che l ammortamento, con aliquota massima del 25% (ridotta al 12,5% nell esercizio di entrata in funzione del bene), è deducibile, sulla base della nuova normativa, nella misura del 40%, in funzione sempre delle limitazioni di valore previste nell art. 164, comma 1, lett. b), del T.U.I.R. Pertanto, nella fattispecie prospettata, la quota di ammortamento deducibile sarà pari a: E ,99 x 40% x 12,50% = E 903,80 ESEMPIO N. 3 Si ipotizzi che la società Gamma S.p.A. abbia acquistato, in data 1º ottobre 2008, un autovettura (non destinata ad essere utilizzata esclusivamente come bene strumentale all attività d impresa) per E ,00 + IVA. Al 31 dicembre 2009 ha calcolato: ammortamento contabile: E ,00 x 25% = E ,00 ammortamento deducibile: E ,99 x 40% x 25%= 1.808,00. La stessa società ha, inoltre, sostenuto, nel corso del 2009, costi per l acquisto di carburante pari a E 2.500,00 (deducibili nella misura di pari al 40% di 2.500). In sede di compilazione della dichiarazione dei redditi per il periodo d imposta 2009 (UNICO 2010), la società deve effettuare le seguenti variazioni in aumento: = = La sommatoria di tali importi pari a va indicata nelle variazioni in aumento del modello RF di UNICO 2010 SC nel rigo RF19 I mezzi di trasporto utilizzati dagli agenti e rappresentanti di commercio e dagli esercenti arti e professioni L attuale formulazione dell art. 164, comma 1, lett. b), del T.U.I.R. dispone la deducibilità parziale dei costi relativi ai mezzi di trasporto a motore degli esercenti arti e professioni nella misura del 40%, nel caso di esercizio di arti e professioni in forma individuale, nel limite di un solo veicolo. Analogamente, ove l attività èsvolta da società semplici o associazioni professionali, la deducibilità èconsenti- ta per un veicolo per ogni socio o associato. Inalterata è, invece, la possibilità per gli agenti e rappresentanti di commercio, indipendentemente dalla forma giuridica assunta (impresa individuale, società di persone o società di capitali), di dedurre le spese e gli altri componenti negativi nella misura dell 80%. Si ricorda che sono assimilati agli agenti o rappresentanti di commercio i promotori finanziari e gli agenti di assicurazione. Non lo sono, invece, gli agenti immobiliari. Invariati sono, altresì, i limiti entro cui rilevano le spese sostenute dagli agenti e rappresentanti di commercio e dai professionisti per l acquisto, la locazione anche finanziaria e per il noleggio, ossia: 1) nel caso di acquisto, non si tiene conto della parte del costo eccedente: E ,99 per le autovetture ed autocaravan (elevato a E ,84 per gli autoveicoli utilizzati da agenti e rappresentanti di commercio); E 4.131,66 per i motocicli; E 2.065,83 per i ciclomotori. 2) nel caso di stipula di un contratto di leasing, non si tiene conto dell ammontare dei canoni proporzionalmente corrispondente al costo dei suddetti veicoli che eccede i limiti indicati al punto precedente. 3) nel caso di stipula di un contratto di locazione o di noleggio, non si tiene conto della parte del costo eccedente: E 3.615,20 per le autovetture ed autocaravan E 774,69 per i motocicli E 413,17 per i ciclomotori. Si ricorda che i canoni di leasing sono deducibili, ai fini delle imposte sui redditi, a condizione che la durata del contratto non sia inferiore al periodo di ammortamento ordinario stabilito mediante l applicazione dei coefficienti di ammortamento del D.M. 31 dicembre E ciò per effetto della modifica dell art. 102, comma 7, del T.U.I.R. operata dalla legge n. 248/ 2006, in sede di conversione del D.L. n. 223/2006. In pratica, i contratti di leasing delle autovetture a deducibilità parziale non possono essere stipulati a decorrere dal 12 agosto 2006 con durata inferiore a quella dell intero periodo di ammortamento (4 anni). Tale disposizione opera anche per le autovetture degli esercenti arti e professioni. I mezzi di trasporto concessi in uso promiscuo ai dipendenti Il regime di deducibilità dei veicoli concessi in uso PRATICA FISCALE e Professionale 24 n. 21 del 24 MAGGIO 2010

4 promiscuo ai dipendenti è ora contenuto nella lett. b- bis) del comma 1 dell art. 164 del T.U.I.R., mentre nulla è espressamente previsto con riferimento al trattamento fiscale da riservare ai veicoli concessi in uso ai collaboratori. L intervento normativo in commento ha riguardato, altresì, il trattamento fiscale delle autovetture concesse in uso promiscuo ai dipendenti, modificando, da un lato, e, dall altro, il regime di deducibilità dei veicoli concessi in uso promiscuo agli stessi. Per quanto attiene alla quantificazione del fringe benefit in capo ai dipendenti è stata ripristinata la percentuale di imponibilità in capo al lavoratore dipendente del fringe benfit di cui all art. 51, comma 4, del T.U.I.R. nella misura del 30%. Per quanto concerne la deducibilità dei costi relativi ai veicoli concessi in uso ai dipendenti in capo al datore di lavoro, la citata lett. b-bis) del comma 1 dell art. 164 consente la deduzione dei costi relativi ai veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti per la maggior parte del periodo di imposta nella misura del 90%. Il legislatore, quindi, se, da un lato, ripristina il collegamento tra i costi relativi alle auto in uso promiscuo ai dipendenti effettivamente sostenuti dal datore di lavoro e l ammontare deducibile (pur nel limite del 90% degli stessi), dall altro, reintroduce il riferimento al periodo di possesso del veicolo da parte del dipendente. In ordine al periodo di possesso del veicolo l Amministrazione finanziaria con al Circolare n. 326/E/1997 aveva precisato che l importo da far concorrere alla formazione del reddito deve essere ragguagliato al periodo dell anno durante il quale al dipendente viene concesso l uso promiscuo del veicolo, conteggiando il numero dei giorni per i quali il veicolo è assegnato, indipendentemente dal suo effettivo utilizzo, al netto delle somme corrisposte dal dipendente per l utilizzo del veicolo. amministratori, ritenendo che gli stessi fossero deducibili nella misura del 50%. In particolare, si era chiarito che non avendo la legge n. 342/2000, in sede di riforma del trattamento fiscale dei redditi derivanti da rapporti di collaborazione coordinata e continuativa, modificato il disposto dell art bis (ora 164), comma 1, lett. a), n. 2, del vecchio T.U.I.R. che prevede la deducibilità integrale dei veicoli dati in uso promiscuo ai dipendenti per la maggior parte del periodo di imposta, per i veicoli concessi in uso ai collaboratori coordinati e continuativi devono essere applicate le disposizioni della successiva lettera b) della norma citata. In sostanza, in capo alla società non era riconosciuta la deducibilità integrale dei costi come, invece, era stabilito per i dipendenti e la società poteva dedurre un importo pari al fringe benefit, come spesa per il personale, e il 50% sui costi sostenuti eccedenti il fringe benefit. Tale orientamento ha trovato ulteriore conferma da parte dell Agenzia delle Entrate nella Circolare n. 1/ E/2007, laddove, con riferimento al 2006, si è precisato che, qualora un autovettura venga data in uso promiscuo all amministratore, l ammontare del fringe benefit che concorre a formare il reddito dell amministratore è deducibile per l impresa, ai sensi dell art. 95 del T.U.I.R., fino a concorrenza delle spese sostenute da quest ultima. L eventuale eccedenza delle spese sostenute dall impresa rispetto al fringe benefit non è deducibile, in ragione del regime di indeducibilità dei veicoli non strumentali introdotto dal D.L. n. 262/2006. Coordinando tali chiarimenti con le modifiche recate dal D.L. n. 81/2007 alla lett. b) del comma 1 dell art. 164 del T.U.I.R., ne dovrebbe derivare che in caso di assegnazione dell autovettura all amministratore di una società, le predette spese eccedenti il fringe benefit sono deducibili in misura pari al 40% fermo restando la deduzione di un importo pari al fringe benefit come spesa per prestazioni di lavoro, sempreché tali spese siano state effettivamente sostenute. I mezzi di trasporto concessi in uso promiscuo a collaboratori/amministratori Dalla prassi consolidata dell Agenzia delle Entrate e dall assenza di una espressa previsione normativa, si può concludere nel senso di ritenere che per le auto assegnate in uso promiscuo agli amministratori e/o collaboratori non si applica la disciplina dei veicoli assegnati ai dipendenti. L Amministrazione finanziaria, fino al 2005, aveva negato con le Circolari n. 5/E/2001 e n. 57/E/2001 la piena deducibilità dei costi relativi ai veicoli concessi in uso ai collaboratori, e, in special modo, agli Nei casi in cui è possibile che un dipendente rivesta, per lo stesso periodo, anche la carica di amministratore, e che tale ufficio rientri nei compiti istituzionali compresi nell attività di lavoro dipendente, i redditi percepiti in relazione a tale qualità sono attratti nel reddito di lavoro dipendente. In questo caso, poiché tutte le somme e i valori percepiti saranno qualificati e determinati come redditi di lavoro dipendente, si ritiene che, anche ai fini della deduzione dei costi dei veicoli da parte dell impresa, trovino applicazione le disposizioni di cui all art. 164, comma 1, lett. b-bis), del T.U.I.R. PRATICA FISCALE e Professionale 25 n. 21 del 24 MAGGIO 2010

5 I falsi autocarri Con Provvedimento direttoriale 6 dicembre 2006 l Agenzia delle Entrate ha indicato i parametri per individuare i veicoli che non sarà più possibile considerare fiscalmente come beni strumentali, in virtù di quanto previsto dall art. 35, comma 11, D.L. n. 223/2006. Gli autocarri che sono veicoli utilizzati esclusivamente e strettamente come beni strumentali all attività propria dell impresa, godono della: piena deducibilità dei costi ad essi inerenti; piena detraibilità dell IVA relativa al loro acquisto e alle spese ad essi inerenti. Proprio per usufruire del più vantaggioso regime fiscale degli autocarri, in passato molti contribuenti, nell esercizio di imprese, arti e professioni, hanno aggirato il Fisco immatricolando come autocarri dei veicoli che, in realtà, mantenevano inalterata la possibilità di trasporto privato di passeggeri. L art. 35, comma 11, D.L. n. 223/2006 (convertito dalla Legge n. 248/2006) ha voluto porre un freno a tali abusi, consentendo le deduzioni dei costi soltanto per i mezzi di trasporto che presentino oggettive caratteristiche di strumentalità. Pertanto, la norma ha anche preannunciato che, con apposito Provvedimento del Direttore dell Agenzia delle Entrate, da emanare una volta sentito il Dipartimento per i trasporti terrestri del Ministero dei trasporti, sarebbero stati individuati i...veicoli che, a prescindere dalla categoria di omologazione, risultano da adattamenti che non ne impediscono l utilizzo anche ai fini del trasporto privato di persone e che, pertanto, come chiarito nella Circolare n. 28/E/2006, vanno assoggettati al regime fiscale proprio degli autoveicoli destinati al trasporto privato di persone, e non al regime fiscale proprio dei beni strumentali. Il citato Provvedimento individua le caratteristiche dei veicoli che non devono essere considerati ai fini fiscali come beni strumentali, in quanto, a prescindere dalla categoria di omologazione, hanno subìto modifiche che non ne impediscono comunque l utilizzo per il trasporto privato di passeggeri. In particolare, come specifica il Provvedimento, si tratta di quei veicoli che, pur immatricolati o reimmatricolati come N1 (ovvero, veicoli progettati e costruiti per il trasporto di merci, aventi massa complessiva a pieno carico non superiore a 3,5 tonnellate), abbiano le seguenti caratteristiche: carrozzeria F0; 4opiùposti; rapporto tra la potenza del motore (Pt), espressa in Kw, e la portata (P) del veicolo (differenza tra la massa complessiva (Mc) e la tara (T), espressa in tonnellate), uguale o superiore a 180, secondo la formula indicata di seguito: Modello FORMULA DA UTILIZZARE PER LA DETERMINAZIONE DEL VALORE DI RIFERIMENTO I ¼ Massa a vuoto Pt ðkwþ Mc TðtÞ 180 Esempio Massa totale Portata Kw Indice Bmw X ,8 Land Rover Freelander ,5 I mezzi aventi le caratteristiche individuate dal citato Provvedimento direttoriale dell Agenzia non possono più essere considerati, ai fini fiscali, beni strumentali e devono seguire la disciplina fiscale prevista dall art. 164, comma 1, lett. b), del TUIR per quanto riguarda le imposte dirette e dall art. 19-bis1, comma 1, lettera c), D.P.R. n. 633/1972 per quanto concerne l imposta sul valore aggiunto, come esaminato in precedenza. Plusvalenze e minusvalenze dei mezzi di trasporto L art. 164, comma 2, del TUIR prevede che le plusvalenze e le minusvalenze relative ai mezzi di trasporto indicati nel medesimo art. 164 del T.U.I.R. rilevano nella stessa proporzione esistente tra l ammontare dell ammortamento fiscalmente dedotto e quello complessivamente effettuato. Si fa presente, infine, che, stante la nuova formulazione dell art. 54 del T.U.I.R., come da ultimo modificato dall art. 36, comma 29, del D.L. n. 223/ 2006, tale criterio di determinazione dei plusvalori (o dei minusvalori) è, altresì, applicabile agli esercenti arti e professioni, per i quali concorrono ora alla formazione del reddito di lavoro autonomo le plusvalenze e le minusvalenze relative ai beni strumentali. PRATICA FISCALE e Professionale 26 n. 21 del 24 MAGGIO 2010

Riassumiamo qui di seguito in ordine cronologico, gli interventi normativi che hanno colpito tale categoria di beni:

Riassumiamo qui di seguito in ordine cronologico, gli interventi normativi che hanno colpito tale categoria di beni: N. 10 2007 TRATTAMENTO FISCALE AUTOMEZZI Il legislatore negli ultimi mesi ha puntato molto l attenzione sugli autoveicoli aziendali, stravolgendo completamento lo scenario del loro trattamento fiscale.

Dettagli

Deducibilità auto aziendali dal 2013, i chiarimenti delle Entrate

Deducibilità auto aziendali dal 2013, i chiarimenti delle Entrate Numero 104/2013 Pagina 1 di 9 Deducibilità auto aziendali dal 2013, i chiarimenti delle Entrate Numero : 104/2013 Gruppo : Oggetto : Norme e prassi : IMPOSTE DIRETTE DEDUCIBILITÀ AUTO AZIENDALI ART. 164,

Dettagli

Legge di stabilità: stretta sui veicoli aziendali, deducibilità dimezzata

Legge di stabilità: stretta sui veicoli aziendali, deducibilità dimezzata Ai gentili clienti Loro sedi Legge di stabilità: stretta sui veicoli aziendali, deducibilità dimezzata Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla, che la legge di stabilità per l anno 2013,

Dettagli

Nuovo costo per le auto

Nuovo costo per le auto Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 19 21.01.2014 Nuovo costo per le auto Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette Con la chiusura del 2013 è necessario porre attenzione alle

Dettagli

Auto in uso promiscuo all amministratore

Auto in uso promiscuo all amministratore Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 276 08.10.2014 Auto in uso promiscuo all amministratore Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette È frequente l ipotesi che le società concedano

Dettagli

FISCALITÀ DEI MEZZI DI TRASPORTO

FISCALITÀ DEI MEZZI DI TRASPORTO FISCALITÀ DEI MEZZI DI TRASPORTO PERCENTUALI Utilizzo dei mezzi Veicoli stradali a motore (2) Deduzione costi Detraz. Iva Costi di manutenzione, riparazione, carburanti, custodia, bollo, assicurazione,

Dettagli

SPECIALE - BENI D IMPRESA CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI

SPECIALE - BENI D IMPRESA CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI SPECIALE - BENI D IMPRESA CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI I N D I C E Premessa... 2 Soggetti interessati... 2 Soggetti che concedono in godimento i beni... 2 Utilizzatori dei beni... 3 Beni concessi

Dettagli

I NUOVI LIMITI ALLA DEDUCIBILITÀ DEI VEICOLI A MOTORE DAL REDDITO DI IMPRESA E DI LAVORO AUTONOMO

I NUOVI LIMITI ALLA DEDUCIBILITÀ DEI VEICOLI A MOTORE DAL REDDITO DI IMPRESA E DI LAVORO AUTONOMO I NUOVI LIMITI ALLA DEDUCIBILITÀ DEI VEICOLI A MOTORE DAL REDDITO DI IMPRESA E DI LAVORO AUTONOMO 1 PREMESSA Le novità, in materia di deducibilità dal reddito di impresa e di lavoro autonomo delle spese

Dettagli

Alcuni limiti alla deducibilità dei costi

Alcuni limiti alla deducibilità dei costi Alcuni limiti alla deducibilità dei costi L art. 17, della Legge 449 del 27.12.1997 art. 121 bis ha con effetto dal 1 gennaio 1997 ha introdotto dei limiti alla deducibilità delle spese e degli altri componenti

Dettagli

CIRCOLARE PRO-MEMORIA PROT. 33/2006. CONVERSIONE IN LEGGE (N. 286 del 24/11/2006) DEL DECRETO N. 262/2006 COLLEGATO ALLA LEGGE FINANZIARIA 2007

CIRCOLARE PRO-MEMORIA PROT. 33/2006. CONVERSIONE IN LEGGE (N. 286 del 24/11/2006) DEL DECRETO N. 262/2006 COLLEGATO ALLA LEGGE FINANZIARIA 2007 A TUTTI I CLIENTI LORO SEDI Bologna, 29 novembre 2006. CIRCOLARE PRO-MEMORIA PROT. 33/2006 CONVERSIONE IN LEGGE (N. 286 del 24/11/2006) DEL DECRETO N. 262/2006 COLLEGATO ALLA LEGGE FINANZIARIA 2007 In

Dettagli

Ammortamenti maggiorati per l acquisto di beni strumentali nuovi («Super ammortamenti»)

Ammortamenti maggiorati per l acquisto di beni strumentali nuovi («Super ammortamenti») Le novità della Legge di Stabilità per il 2016 Ammortamenti maggiorati per l acquisto di beni strumentali nuovi («Super ammortamenti») Slide a cura di Emiliano Burzi 1 Sommario Premessa Ambito soggettivo

Dettagli

NOVITA FISCALI E FOCUS FINALE SU UNICO 2012

NOVITA FISCALI E FOCUS FINALE SU UNICO 2012 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO NOVITA FISCALI E FOCUS FINALE SU UNICO 2012 GIANCARLO DELLO PREITE 26 SETTEMBRE SALA ORLANDO C.SO VENEZIA, 47 MILANO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 13/E QUESITO RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 02 marzo 2010 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Istanza di interpello - Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 - Cessione di bene immobile strumentale e successiva stipula

Dettagli

Iva: detrazione per le auto

Iva: detrazione per le auto Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 342 21.11.2014 Iva: detrazione per le auto Categoria: Auto Sottocategoria: Iva Ai fini IVA, con la Legge n. 244/2007 è stato regolamentato il

Dettagli

LA GESTIONE DELLE FLOTTE DEI VEICOLI AZIENDALI: SOLUZIONI PER L EFFICIENZA E LA PRODUTTIVITA

LA GESTIONE DELLE FLOTTE DEI VEICOLI AZIENDALI: SOLUZIONI PER L EFFICIENZA E LA PRODUTTIVITA ISO 9001 : 2000 Certificato n. 97039 Area Monitoraggio del Territorio e Infrastrutture, Organizzazione Zonale LA GESTIONE DELLE FLOTTE DEI VEICOLI AZIENDALI: SOLUZIONI PER L EFFICIENZA E LA PRODUTTIVITA

Dettagli

LE NOVITÀ RELATIVE AI REDDITI DI LAVORO AUTONOMO

LE NOVITÀ RELATIVE AI REDDITI DI LAVORO AUTONOMO LE NOVITÀ RELATIVE AI REDDITI DI LAVORO AUTONOMO Dott. Pasquale SAGGESE Lavoro autonomo, impresa e altre criticità delle dichiarazioni dei redditi NOVITÀ 2007 NOVITÀ RELATIVE ALLA DETERMINAZIONE DEL REDDITO

Dettagli

I super-ammortamenti Art. 7, DDL Stabilità o t t o b r e

I super-ammortamenti Art. 7, DDL Stabilità o t t o b r e Art. 7, DDL Stabilità 2016 30 ottobre 2015 I super-ammortamenti nel DDL Stabilità 2016 Nell ambito di misure destinate a dare un nuovo impulso al sistema produttivo, il DDL Stabilità 2016 prevede, all

Dettagli

AUTO: IL PUNTO SULLE ULTIME NOVITÀ

AUTO: IL PUNTO SULLE ULTIME NOVITÀ AUTO: IL PUNTO SULLE ULTIME NOVITÀ - a cura Dott. Antonio Gigliotti - sullo stesso argomento: Ti consigliamo l utilissimo e-book predisposto dallo stesso autore, Dott. Sandro Cerato CLICCA QUI PER VEDERE

Dettagli

Cod. Civ., articoli 2424-bis; 2426 e 2427 D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917, articoli 102, 110 e 164

Cod. Civ., articoli 2424-bis; 2426 e 2427 D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917, articoli 102, 110 e 164 UNICO SP: il maxi-ammortamento per gli investimenti in beni strumentali di Paolo Monarca e Paola Zanaboni - Dottori commercialisti in Milano, Studio Tarantino Cremona Monarca ADEMPIMENTO " NOVITÀ FISCO

Dettagli

LA FISCALITÀ DEGLI AUTOVEICOLI

LA FISCALITÀ DEGLI AUTOVEICOLI LA FISCALITÀ DEGLI AUTOVEICOLI Settore: Commercialisti Circolare n. 4/17 05 aprile 2017 INDICE Introduzione Classificazione dei veicoli Deducibilità costi e detraibilità iva Limiti deducibilità del costo

Dettagli

Deducibilità canoni Leasing

Deducibilità canoni Leasing Deducibilità canoni Leasing La deducibilità dei canoni di leasing per i professionisti Il comma 2 dell articolo 54 del TUIR (Testo Unico Imposte dirette) consente per i soggetti titolari di reddito di

Dettagli

RISOLUZIONE N. 231/E.. Roma, 22 agosto 2007

RISOLUZIONE N. 231/E.. Roma, 22 agosto 2007 RISOLUZIONE N. 231/E. Roma, 22 agosto 2007 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Istanza di interpello - ALFA S.r.l. - Deducibilità dei costi relativi alle autovetture utilizzate nell esercizio

Dettagli

CIRCOLARE N. 36/E. Roma, 16 luglio 2009

CIRCOLARE N. 36/E. Roma, 16 luglio 2009 CIRCOLARE N. 36/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 luglio 2009 OGGETTO: Articolo 1, commi 50 e 51 della legge 24 dicembre 2007, n. 244 Modifiche alla determinazione della base imponibile

Dettagli

Fiscal Approfondimento La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal Approfondimento La circolare di aggiornamento professionale Fiscal Approfondimento La circolare di aggiornamento professionale N. 42 17.11.2015 Legge di Stabilità 2016: maxi ammortamento auto aziendali A cura di Pasquale Pirone Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte

Dettagli

REDDITI DI LAVORO AUTONOMO: NOVITÀ

REDDITI DI LAVORO AUTONOMO: NOVITÀ REDDITI DI LAVORO AUTONOMO: NOVITÀ a cura di Vincenzo D Andò Il legislatore fiscale è intervenuto più volte, a partire da agosto 2006, con una serie di modifiche concernenti i redditi di lavoro autonomo.

Dettagli

RISOLUZIONE n.95/e. Roma,21 marzo 2002

RISOLUZIONE n.95/e. Roma,21 marzo 2002 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Ufficio Persone Fisiche RISOLUZIONE n.95/e Roma,21 marzo 2002 Oggetto: Interpello - Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Articoli 48, commi 2, lett d) e comma

Dettagli

Le modifiche alla disciplina fiscale delle auto

Le modifiche alla disciplina fiscale delle auto Dott. Luca Bilancini Le modifiche alla disciplina fiscale delle auto 1 Nozione fiscale La nozione fiscale di autoveicoli La nozione fiscale di autoveicolo trascende dalla mera classificazione codicistica,

Dettagli

LA NUOVA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA PER CASSA (DAL 2017) REQUISITI PER LA TENUTA DELLA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA

LA NUOVA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA PER CASSA (DAL 2017) REQUISITI PER LA TENUTA DELLA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA LA NUOVA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA PER CASSA (DAL 2017) Come noto, l art. 5, Ddl della legge Finanziaria 2017, prevede: la modifica dell art. 66, TUIR, per effetto della quale, a decorrere dall 1.1.2017,

Dettagli

Ai sensi dell art. 14, D.Lgs. n. 23/2011 così come risultante dopo le modifiche apportate dall art. 1, comma 715, Finanziaria 2014:

Ai sensi dell art. 14, D.Lgs. n. 23/2011 così come risultante dopo le modifiche apportate dall art. 1, comma 715, Finanziaria 2014: INFORMATIVA N. 142 14 MAGGIO 2015 DICHIARAZIONI LA DEDUCIBILITÀ DELL IMU 2014 Art. 14, D.Lgs. n. 23/2011 Art. 1, comma 508, Legge n. 190/2014 Art. 1, comma 9-quater, DL n. 4/2015 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 308 07.10.2016 Auto per il servizio navetta: disciplina fiscale Categoria: Auto Sottocategoria: Iva A cura di Devis Nucibella Come noto per le

Dettagli

Legge di stabilità 2016 Maxiammortamento beni strumentali (autovetture)

Legge di stabilità 2016 Maxiammortamento beni strumentali (autovetture) Legge di stabilità 2016 Maxiammortamento beni strumentali (autovetture) Al fine di stimolare gli investimenti da parte delle imprese e dei professionisti, la Legge di Stabilità 2016 ha introdotto la possibilità

Dettagli

Prontuario sulle Auto: parte I

Prontuario sulle Auto: parte I Prontuario sulle Auto: parte I Autore: Dott. P.Pirone CHI SONO I SOGGETTI INTERESSATI DALLA DISCIPLINA DELLE AUTO AZIENDALI La disciplina delle auto aziendali intendendo per auto aziendale, un auto acquistata

Dettagli

I VEICOLI AZIENDALI: LE RILEVAZIONI

I VEICOLI AZIENDALI: LE RILEVAZIONI I VEICOLI AZIENDALI: LE RILEVAZIONI Acquisto Per i soggetti diversi da coloro che svolgono abitualmente l attività di compravendita di tali beni, i veicoli acquistati devono essere classificati tra le

Dettagli

Fisco e Tributi. Newsletter febbraio Nuova deducibilità delle Autovetture

Fisco e Tributi. Newsletter febbraio Nuova deducibilità delle Autovetture Fisco e Tributi Nuova deducibilità delle Autovetture Nuova deducibilità delle autovetture L art. 164 del Testo Unico delle Imposte sul Reddito disciplina fiscalmente le limitazioni dei veicoli che l impresa

Dettagli

INDICE. Introduzione... pag. 9 L EVOLUZIONE NORMATIVA DAL 2006 AD OGGI CAPITOLO PRIMO CLASSIFICAZIONE DEI VEICOLI

INDICE. Introduzione... pag. 9 L EVOLUZIONE NORMATIVA DAL 2006 AD OGGI CAPITOLO PRIMO CLASSIFICAZIONE DEI VEICOLI INDICE Introduzione... pag. 9 L EVOLUZIONE NORMATIVA DAL 2006 AD OGGI 1. Novità in tema di imposta sul valore aggiunto... pag. 13 1.1 Incompatibilità della legislazione nazionale con il diritto comunitario:

Dettagli

FISCALITA AUTO 2013. In collaborazione con

FISCALITA AUTO 2013. In collaborazione con FISCALITA AUTO 2013 In collaborazione con FISCALITA AUTO 2013 Le informazioni contenute nel presente documento non impegnano la responsabilità dei redattori. Il documento, redatto sulla base della normativa

Dettagli

FISCALITÀ DIRETTA UTILE PER L IMPRESA, GLI INTERESSI PASSIVI DEDUCIBILI

FISCALITÀ DIRETTA UTILE PER L IMPRESA, GLI INTERESSI PASSIVI DEDUCIBILI FISCALITÀ DIRETTA UTILE PER L IMPRESA, GLI INTERESSI PASSIVI DEDUCIBILI Le novità nei bilanci 2016, con la possibilità di scaricare file excel che riportano 2 esempi di calcolo della deducibilità degli

Dettagli

CIRCOLARE N. 36/E. Roma, 24 settembre Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 36/E. Roma, 24 settembre Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 36/E Direzione Centrale Normativa Roma, 24 settembre 2012 OGGETTO: Beni concessi in godimento a soci o familiari, ai sensi dell articolo 2, commi da 36 terdecies a 36- duodevicies, del decreto

Dettagli

Studio DUCCI Dott. Iuri Pesaro Via Agostini n. 3 Tel fax Mail :

Studio DUCCI Dott. Iuri Pesaro Via Agostini n. 3 Tel fax Mail : Studio DUCCI Dott. Iuri 61121 Pesaro Via Agostini n. 3 Tel. 0721-21210 - fax 0721-393861 Mail : studio.ducci@virgilio.it LOCAZIONE DI IMMOBILI Con riferimento agli immobili abitativi, viene introdotta

Dettagli

Ai gentili Clienti dello Studio

Ai gentili Clienti dello Studio INFORMATIVA N. 6 / 2017 Ai gentili Clienti dello Studio Oggetto: SUPER AMMORTAMENTO - PROSPETTO PER LA DEDUZIONE DEL 40% NEL MODELLO UNICO Riferimenti Legislativi: Circ. n. 23/E/2016 Agenzia delle Entrate

Dettagli

NOVITA' PER LA DEDUCIBILITA' INTERESSI PASSIVI

NOVITA' PER LA DEDUCIBILITA' INTERESSI PASSIVI NOVITA' PER LA DEDUCIBILITA' INTERESSI PASSIVI NOVITÀ PER LA DEDUCIBILITÀ DEGLI INTERESSI PASSIVI Nell ambito del c.d. Decreto Internazionalizzazione, pubblicato recentemente sulla G.U., il Legislatore

Dettagli

SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA

SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA RISOLUZIONE N. 275/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 luglio 2008 OGGETTO: Interpello ai sensi dell art. 11 della legge n. 212 del 2000 regime per i contribuenti minimi legge 24 dicembre

Dettagli

CIRCOLARE CLIENTI: N. 17 del 13/10/2010. La disciplina degli autoveicoli

CIRCOLARE CLIENTI: N. 17 del 13/10/2010. La disciplina degli autoveicoli CIRCOLARE CLIENTI: N. 17 del 13/10/2010 La disciplina degli autoveicoli La disciplina fiscale degli autoveicoli è stata oggetto, negli ultimi anni, di incisive e ripetute modifiche sia ai fini Iva, che

Dettagli

Contributo SSN RC veicoli

Contributo SSN RC veicoli Contributo SSN RC veicoli I contributi SSN relativi ai premi di assicurazione possono essere dedotti in sede di dichiarazione dei redditi. A decorrere dal 2012, tuttavia, la Legge n. 92/2012 ha apportato

Dettagli

LA FISCALITÀ DEGLI IMMOBILI

LA FISCALITÀ DEGLI IMMOBILI LA FISCALITÀ DEGLI IMMOBILI Gli immobili del lavoratore autonomo a cura di Roberto Protani GLI IMMOBILI STRUMENTALI Dal 1 gennaio 2007 sono applicabili le nuove norme sugli immobili degli artisti e professionisti

Dettagli

Circolare fiscale e contabile n 3 del 16 Gennaio 2008

Circolare fiscale e contabile n 3 del 16 Gennaio 2008 Circolare fiscale e contabile n 3 del 16 Gennaio 2008 AUTO AZIENDALI: ANCORA NOVITÀ NEL TRATTAMENTO FISCALE Gli ultimi mesi sono stati caratterizzati da importanti e numerose novità fiscali riferite ai

Dettagli

Professionisti Decorrenza delle plusvalenze

Professionisti Decorrenza delle plusvalenze Professionisti Decorrenza delle plusvalenze - a cura dello studio Tributario Gigliotti & Associati - L articolo 54 del Tuir che disciplina il reddito di lavoro autonomo, è stato modificato da recenti interventi

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 55 25.02.2016 Super ammortamento auto: le regole Legge di Stabilità 2016 Categoria: Finanziaria Sottocategoria: 2016 A cura di Gioacchino De Pasquale

Dettagli

Cessione auto per i minimi

Cessione auto per i minimi Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 358 04.12.2014 Cessione auto per i minimi Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dal momento dell'uscita del contribuente

Dettagli

AUTO AZIENDALI DEDUCIBILITÁ RIDOTTA DAL Dott. Paolo Zanatta 1

AUTO AZIENDALI DEDUCIBILITÁ RIDOTTA DAL Dott. Paolo Zanatta 1 AUTO AZIENDALI DEDUCIBILITÁ RIDOTTA DAL 2013 pzanatta@uive.it Dott. Paolo Zanatta 1 Oggetto Si farà di seguito riferimento esclusivamente alle autovetture aziendali, escludendo la disciplina di motoveicoli

Dettagli

LA NOVITA APPORTATA DAL DL 16/2012 1

LA NOVITA APPORTATA DAL DL 16/2012 1 Prot. n. F89/RNS Bologna, 07 giugno 2012 Oggetto: DEDUCIBILITA DEI CANONI DI LEASING ELIMINAZIONE DEL VINCOLO DELLA DURATA MINIMA DEL CONTRATTO NUOVE REGOLE DI DEDUCIBILITA Modifica apportata, al comma

Dettagli

VEICOLI A DEDUCIBILITÀ TOTALE

VEICOLI A DEDUCIBILITÀ TOTALE AUTOVEICOLI Le modifiche alle norme sulla deducibilità dei costi relativi agli automezzi innescate dalla condanna UE. sulla detraibilità IVA hanno in poco tempo subito continue variazioni creando una situazione

Dettagli

LA MANOVRA PRODI DL 223/2006 CONVERTITO NELLA L. 248/2006

LA MANOVRA PRODI DL 223/2006 CONVERTITO NELLA L. 248/2006 Eutekne Tutti i diritti riservati LA MANOVRA PRODI DL 223/2006 CONVERTITO NELLA L. 248/2006 Novità in materia di reddito di impresa Profili introduttivi NOVITÀ INTRODOTTE DAL DL 223/2006 UTILI PROVENIENTI

Dettagli

Risoluzione del 30/11/2010 n Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Normativa

Risoluzione del 30/11/2010 n Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Normativa Risoluzione del 30/11/2010 n. 123 - Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Normativa Interpello ai sensi dellarticolo 11 della legge n. 212 del 2000 Riportabilità delle perdite dei contribuenti minimi

Dettagli

CIRCOLARE N. 16/Consulenza aziendale OGGETTO: COMUNICAZIONE BENI AI SOCI E FINANZIAMENTI RICEVUTI

CIRCOLARE N. 16/Consulenza aziendale OGGETTO: COMUNICAZIONE BENI AI SOCI E FINANZIAMENTI RICEVUTI Bergamo, ottobre 2016 CIRCOLARE N. 16/Consulenza aziendale OGGETTO: COMUNICAZIONE BENI AI SOCI E FINANZIAMENTI RICEVUTI L Agenzia delle Entrate ha ridefinito le modalità ed i termini della comunicazione

Dettagli

BENI AI SOCI. Dott. Francesco Barone

BENI AI SOCI. Dott. Francesco Barone Dott. Francesco Barone BENI IN GODIMENTO Si annovera tra i redditi diversi La differenza tra il valore di mercato e il corrispettivo per la concessione di beni dell impresa a soci o familiari dell imprenditore

Dettagli

Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione dei parametri

Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione dei parametri AGENZIA DELLE ENTRATE 2002 Predisposto in due versioni: LIRE COLORE VERDE COLORE AZZURRO PERIODO D IMPOSTA 2001 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione dei parametri Esercenti

Dettagli

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista DISCIPLINA FISCALE DEGLI AUTOVEICOLI AI FINI DELLE IMPOSTE DIRETTE E DELLE IMPOSTE INDIRETTE

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista DISCIPLINA FISCALE DEGLI AUTOVEICOLI AI FINI DELLE IMPOSTE DIRETTE E DELLE IMPOSTE INDIRETTE 1/5 OGGETTO DISCIPLINA FISCALE DEGLI AUTOVEICOLI AI FINI DELLE IMPOSTE DIRETTE E DELLE IMPOSTE INDIRETTE CLASSIFICAZIONE DT ART. 164 TUIR RIFERIMENTI NORMATIVI ART. 19 BIS1, COMMA 1, D.P.R. 26 OTTOBRE

Dettagli

OGGETTO: I SUPER AMMORTAMENTI PER IMPRESE E PROFESSIONISTI

OGGETTO: I SUPER AMMORTAMENTI PER IMPRESE E PROFESSIONISTI OGGETTO: I SUPER AMMORTAMENTI PER IMPRESE E PROFESSIONISTI Gentile Cliente, con la presente circolare le forniamo un approfondimento sull agevolazione, introdotta con la legge di Stabilità per il 2016,

Dettagli

Agosto 2009. Confronto tra Noleggio a Lungo Termine, Proprietà e Leasing ALD Automotive

Agosto 2009. Confronto tra Noleggio a Lungo Termine, Proprietà e Leasing ALD Automotive Agosto 2009 Confronto tra Noleggio a Lungo Termine, Proprietà e Leasing ALD Automotive Imprese: Uso strumentale all'attività d Impresa o adibito ad uso pubblico Proprietà e Leasing Finanziario Noleggio

Dettagli

DR. ROBERTO DALLA VALLE COMMERCIALISTA E REVISORE CONTABILE

DR. ROBERTO DALLA VALLE COMMERCIALISTA E REVISORE CONTABILE A TUTTI I SIGNORI CLIENTI LORO SEDI - Oggetto: Comunicazioni dei beni ai soci/familiari, dei finanziamenti e delle capitalizzazioni 2015 -. Nel mese di ottobre sono in scadenza 2 adempimenti riguardanti

Dettagli

RIDETERMINAZIONE VALORE DI ACQUISTO DEI TERRENI E DELLE PARTECIPAZIONI E RIVALUTAZIONE DEI BENI D IMPRESA

RIDETERMINAZIONE VALORE DI ACQUISTO DEI TERRENI E DELLE PARTECIPAZIONI E RIVALUTAZIONE DEI BENI D IMPRESA Napoli, 18 Gennaio 2017 A TUTTI GLI SPETTABILI CLIENTI LORO SEDI CIRCOLARE N. 1/2017 RIDETERMINAZIONE VALORE DI ACQUISTO DEI TERRENI E DELLE PARTECIPAZIONI E RIVALUTAZIONE DEI BENI D IMPRESA La Legge di

Dettagli

Componenti positivi e negativi del reddito fiscale dei professionisti e artisti

Componenti positivi e negativi del reddito fiscale dei professionisti e artisti PREMESSA Il reddito degli artisti e professionisti viene determinato secondo il criterio generale di cassa, nel senso che i componenti positivi e negativi di reddito hanno rilevanza nel periodo d imposta

Dettagli

Roma, 09 novembre 2006

Roma, 09 novembre 2006 RISOLUZIONE N. 128/E Roma, 09 novembre 2006 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza d interpello. Deducibilità minusvalenze realizzate in presenza di precedenti svalutazioni riprese

Dettagli

#$%& '%()%#$%%) Prof. Gianfranco FERRANTI Capo dipartimento Scienze Tributarie Scuola Superiore Economia e Finanze

#$%& '%()%#$%%) Prof. Gianfranco FERRANTI Capo dipartimento Scienze Tributarie Scuola Superiore Economia e Finanze !" #$%& '%()%#$%%) Prof. Gianfranco FERRANTI Capo dipartimento Scienze Tributarie Scuola Superiore Economia e Finanze *#+ %#()%%$ AMBITO DELLE NOVITÀ AMMORTAMENTO ANTICIPATO REDDITO DI IMPRESA DURATA CONTRATTI

Dettagli

INDEDUCIBILITA AMMORTAMENTO DEI TERRENI

INDEDUCIBILITA AMMORTAMENTO DEI TERRENI INDEDUCIBILITA AMMORTAMENTO DEI TERRENI Il DL 223/2006 ha introdotto il principio secondo il quale non è deducibile dal reddito d impresa il costo dell immobile per la parte relativa al terreno sul quale

Dettagli

Iva detraibile per spese vitto e alloggio

Iva detraibile per spese vitto e alloggio Roma, 8 settembre 2008 Iva detraibile per spese vitto e alloggio L'Iva sulle spese sostenute per alberghi e ristoranti si può detrarre totalmente. La circolare dell'agenzia delle Entrate del 5 settembre

Dettagli

REGIME DEI MINIMI: VIETATO IL PRESTITO DI PERSONALE Risoluzione n. 275/E del 3 luglio 2008

REGIME DEI MINIMI: VIETATO IL PRESTITO DI PERSONALE Risoluzione n. 275/E del 3 luglio 2008 REGIME DEI MINIMI: VIETATO IL PRESTITO DI PERSONALE Risoluzione n. 275/E del 3 luglio 2008 a cura Dott. Antonio Gigliotti Secondo quanto precisato dall Agenzia delle Entrate con la Risoluzione n. 275/E

Dettagli

Professionista che cessa l attivita

Professionista che cessa l attivita Professionista che cessa l attivita Circ. 11/07 > deve cessare la partita IVA Soluzione non condivisibile, ma le alternative non sono chiare: Quadro RL ma problema IRAP Quadro RE anche in assenza di partita

Dettagli

9.2 Adempimenti per l accesso al nuovo regime forfetario

9.2 Adempimenti per l accesso al nuovo regime forfetario 33 9 NUOVO REGIME FORFETARIO DEI CONTRIBUENTI PERSONE FISICHE ESERCENTI ATTIVITA D IMPRESA, ARTI O PROFESSIONI 9.1 Accesso da parte dei contribuenti minimi Un contribuente che esercita l attività di imbianchino

Dettagli

Silvano Nieri Commercialista, Ragioniere, Revisore Contabile, Curatore Fallimentare

Silvano Nieri Commercialista, Ragioniere, Revisore Contabile, Curatore Fallimentare Circolare n 7 2014 Poggio a Caiano, marzo 2014 A tutti i Clienti Loro Sedi DETRAIBILITA e DEDUCIBILITA AUTOVEICOLI Sono stati emanati numerosi provvedimenti normativi che hanno interessato le auto aziendali

Dettagli

Studio Tributario - Commerciale Fabrizio Masciotti

Studio Tributario - Commerciale Fabrizio Masciotti Roma, 28/02/2016 Spett.le Cliente Studio Tributario - Commerciale Fabrizio Masciotti Dottore Commercialista e Revisore Contabile Piazza Gaspare Ambrosini 25, Cap 00156 Roma Tel 06/41614250 fax 06/41614219

Dettagli

RISOLUZIONE N. 117/E

RISOLUZIONE N. 117/E RISOLUZIONE N. 117/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 aprile 2002 Oggetto: Interpello 2002 Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Quesito Con istanza del 18 dicembre 2001, il sig.

Dettagli

Fiscal News N. 347 Regime del margine per il leasing delle auto Categoria: Sottocategoria:

Fiscal News N. 347 Regime del margine per il leasing delle auto Categoria: Sottocategoria: Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 347 26.11.2014 Regime del margine per il leasing delle auto Categoria: Auto Sottocategoria: Iva L art. 2, comma 6-bis, D.L. n. 16/2012, c.d. Decreto

Dettagli

Regime analitico Dott. ssa ROBERTA BRAGA

Regime analitico Dott. ssa ROBERTA BRAGA REDDITO DI LAVORO AUTONOMO PROFESSIONALE Regime analitico Dott. ssa ROBERTA BRAGA Costi deduicibili dal reddito professionale (art. 54, co. 1, del T.U.I.R.) - Le spese sostenute nel periodo di imposta

Dettagli

STUDIO SOCIETARIO E TRIBUTARIO

STUDIO SOCIETARIO E TRIBUTARIO Circolare n. 2 del 09 aprile 2008 Disciplina fiscale delle auto aziendali. INDICE 1 Disciplina iva. Premessa. 2 2 L autorizzazione comunitaria. 2 2.1 Termine di validità dell autorizzazione 2 2.2 Automezzi

Dettagli

Circolare n. 3 del 13 marzo Irap/Costi-Autovetture/Agricoltura

Circolare n. 3 del 13 marzo Irap/Costi-Autovetture/Agricoltura Circolare n. 3 del 13 marzo 2013 Irap/Costi-Autovetture/Agricoltura Premessa Con la presente Circolare, intendiamo fornire una prima informazione sulle novità di maggior interesse e, soprattutto, più urgenti

Dettagli

Le novità del modello Unico ENC

Le novità del modello Unico ENC Variazioni in aumento L articolo 3, comma 16-quater del D.L. 16/2012, ha modificato l articolo 102, comma 6, del TUIR eliminando la disposizione in base alla quale per i beni ceduti, nonché per quelli

Dettagli

ESEMPI DI COMPILAZIONE QUADRO RF UNICO E CALCOLO IMPOSTE. dott. Carlo Cappelluti

ESEMPI DI COMPILAZIONE QUADRO RF UNICO E CALCOLO IMPOSTE. dott. Carlo Cappelluti ESEMPI DI COMPILAZIONE QUADRO RF UNICO E CALCOLO IMPOSTE dott. Carlo Cappelluti LA SOCIETA ALFA SRL RILEVA, AL 31 DICEMBRE 2014, UN RISULTATO PRE-IMPOSTE PARI AD EURO 52.400 SI PROVVEDA ALLA COMPILAZIONE

Dettagli

SOMMARIO. imposte e tasse IMPOSTE INDIRETTE

SOMMARIO. imposte e tasse IMPOSTE INDIRETTE SOMMARIO ESEMPI SCHEMA DI SINTESI APPROFONDIMENTI INDIVIDUAZIONE DEI VEICOLI TRATTAMENTO AI FINI IVA VEICOLI DATI IN USO A DIPENDEN- TI E AMMINISTRATORI FISCALITÀ IVA VEICOLI AGENTI E RAPPRESENTANTI Artt.

Dettagli

Super ammortamento per beni strumentali nuovi acquisiti tramite leasing

Super ammortamento per beni strumentali nuovi acquisiti tramite leasing 31 GE AI 2017 Egr C ie ti r sedi Super ammortamento per beni strumentali nuovi acquisiti tramite leasing Come individuare l incremento del costo di acquisizione per determinare l aumento del canone annuo

Dettagli

Ex minimi e studi di settore

Ex minimi e studi di settore Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 175 18.06.2015 Ex minimi e studi di settore Categoria: Studi di settore Sottocategoria: Modelli I soggetti che dal 2014 sono fuoriusciti del regime

Dettagli

SMAU. N.I. 31/07 Legge Finanziaria Milano, 11 aprile Associazione Nazionale. Agli Associati Comufficio Loro Sedi

SMAU. N.I. 31/07 Legge Finanziaria Milano, 11 aprile Associazione Nazionale. Agli Associati Comufficio Loro Sedi N.I. 31/07 Legge Finanziaria 2007 Milano, 11 aprile 2007 Associazione Nazionale Aziende distributrici Prodotti e servizi per l ufficio, l informatica e la telematica Agli Associati Comufficio Loro Sedi

Dettagli

I fondi non istituzionali e la tassazione per trasparenza

I fondi non istituzionali e la tassazione per trasparenza I fondi non istituzionali e la Direttore Settore Fiscale 1 Sommario Il regime di tassazione dei fondi non istituzionali Il regime di tassazione per «trasparenza» degli investitori non istituzionali residenti

Dettagli

Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO. Esercitazione n.7

Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO. Esercitazione n.7 Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO Esercitazione n.7 La Belvedere S.p.A. alla fine dell esercizio 2014 presenta il seguente conto economico: Conti Saldo dare ( ) Saldo avere

Dettagli

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista DISCIPLINA DEGLI OMAGGI NEL REDDITO DI LAVORO AUTONOMO

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista DISCIPLINA DEGLI OMAGGI NEL REDDITO DI LAVORO AUTONOMO 1/5 OGGETTO DISCIPLINA DEGLI OMAGGI NEL REDDITO DI LAVORO AUTONOMO CLASSIFICAZIONE DT LAVORO AUTONOMO OMAGGI RIFERIMENTI NORMATIVI ARTT.54 e 95 TUIR DM 19.11.2008 L. 24.12.2007 n. 244 (Finanziaria 2008

Dettagli

PER I CONTRIBUENTI MINIMI NON VALGONO LE NOVITÀ SULLE SPESE ALBERGHIERE E DI RISTORAZIONE

PER I CONTRIBUENTI MINIMI NON VALGONO LE NOVITÀ SULLE SPESE ALBERGHIERE E DI RISTORAZIONE PER I CONTRIBUENTI MINIMI NON VALGONO LE NOVITÀ SULLE SPESE ALBERGHIERE E DI RISTORAZIONE a cura Antonio Gigliotti La manovra estiva (D. L. n. 112/2008, conv. con modiff. L. 133/2008) ha sancito, a partire

Dettagli

COPIA TRATTA DA GURITEL GAZZETTA UFFICIALE ON-LINE

COPIA TRATTA DA GURITEL GAZZETTA UFFICIALE ON-LINE genzia ntrate PERIODO D IMPOSTA 2004 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione dei parametri Esercenti arti e professioni 2005 ö 294 ö MODELLO DEI DATI RILEVANTI AI FINI

Dettagli

AUTO: NOVITA APPLICABILI DAL 2013 IN MATERIA DI DEDUZIONE COSTI E DETRAZIONE IVA

AUTO: NOVITA APPLICABILI DAL 2013 IN MATERIA DI DEDUZIONE COSTI E DETRAZIONE IVA AUTO: NOVITA APPLICABILI DAL 2013 IN MATERIA DI DEDUZIONE COSTI E DETRAZIONE IVA a cura del Dott. Vito e in Bitonto (BA) 1. Premessa Nel corso del 2012, il Legislatore è intervenuto sulla deducibilità

Dettagli

RISOLUZIONE N. 168/E

RISOLUZIONE N. 168/E RISOLUZIONE N. 168/E Roma, 25 novembre 2005 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Istanza di interpello Artt. 106 e 109 del Testo unico delle imposte sui redditi Deduzione extracontabile

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 319 05.11.2014 Stabilità 2015: le novità in materia di Irap La nuova deduzione Irap dal 2015 e la conferma delle vecchie aliquote per il 2014.

Dettagli

730, Unico 2015 e Studi di settore

730, Unico 2015 e Studi di settore 730, Unico 2015 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 58 10.06.2015 Deducibilità dell Irap riferita al costo del lavoro Ex art. 2, D.L. N. 201/2011 Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Unico

Dettagli

RISOLUZIONE N.143/E. Roma, 21 giugno 2007

RISOLUZIONE N.143/E. Roma, 21 giugno 2007 RISOLUZIONE N.143/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 21 giugno 2007 OGGETTO: Istanza di Interpello Plusvalenza da cessione di immobile sito all'estero; opzione per l'applicazione dell'imposta

Dettagli

Per inquadrare il trattamento fiscale degli omaggi natalizi è necessario distinguere tra le seguenti variabili:

Per inquadrare il trattamento fiscale degli omaggi natalizi è necessario distinguere tra le seguenti variabili: Omaggi natalizi 2009-12-11 17:42:31 Per inquadrare il trattamento fiscale degli omaggi natalizi è necessario distinguere tra le seguenti variabili: - I beni-omaggio sono o meno oggetto dell attività esercitata

Dettagli

Quadro RE: i componenti rilevanti nella determinazione del reddito di lavoro autonomo

Quadro RE: i componenti rilevanti nella determinazione del reddito di lavoro autonomo Focus di pratica professionale di Luca Caramaschi Quadro RE: i componenti rilevanti nella determinazione del reddito di lavoro autonomo Il quadro RE del modello Unico è rivolto alle persone fisiche titolari

Dettagli

Circolare N. 179 del 23 Dicembre 2016

Circolare N. 179 del 23 Dicembre 2016 Circolare N. 179 del 23 Dicembre 2016 Assegnazione, cessione dei beni di impresa ed estromissione dell imprenditore individuale: è proroga Gentile cliente, la informiamo che con la legge di Bilancio 2017

Dettagli

Acquisto beni e servizi professionisti: tutte le spese deducibili Irpef

Acquisto beni e servizi professionisti: tutte le spese deducibili Irpef Acquisto beni e servizi professionisti: tutte le spese deducibili Irpef L'acquisto di beni strumentali è deducibile ai fini Irpef? E le spese di viaggio? E come ci si comporta con le spese di rappresentanza?

Dettagli

Omaggi natalizi delle imprese: regime fiscale

Omaggi natalizi delle imprese: regime fiscale del 18 Dicembre 2015 Omaggi natalizi delle imprese: regime fiscale In occasione dell approssimarsi delle festività natalizie, riteniamo utile ricordare che il trattamento fiscale degli omaggi, che le imprese

Dettagli

CIRCOLARE N. 43/E OGGETTO

CIRCOLARE N. 43/E OGGETTO CIRCOLARE N. 43/E Circolare n.43/e Direzione Centrale Normativa Roma, 18/11/2016 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 Agevolazione del 36% - Acquisto di box auto pertinenziale

Dettagli

di Massimo Gabelli, Roberta De Pirro

di Massimo Gabelli, Roberta De Pirro 1 Aprile 2009, ore 08:05 Deduzione IRAP Assonime conferma il criterio di cassa La deduzione dell IRAP dalla base imponibile IRES e IRPEF va effettuata secondo il criterio di cassa e comunque nel limite

Dettagli