delle operazioni di gestione e di a stati comparati, prospetti della

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "delle operazioni di gestione e di a stati comparati, prospetti della"

Transcript

1 Temi in preparazione alla maturità Ammortamento, contabilizzazione delle operazioni di gestione e di assestamento, bilancio sintetico a stati comparati, prospetti della Nota integrativa, calcolo delle imposte di Stefano RASCIONI ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Economia aziendale (Classe 5 a Istituti tecnici) La parte a trattazione obbligatoria del tema riguarda il concetto di ammortamento, le scritture contabili sui beni strumentali e il prestito obbligazionario e il bilancio con dati a scelta. I punti a scelta hanno come oggetto alcuni prospetti della Nota integrativa e il calcolo dell IRES. L ammortamento è un procedimento tecnico-contabile mediante il quale i costi pluriennali vengono ripartiti in più esercizi, in modo da distribuire il costo dei beni strumentali in tutti gli anni di vita utile dei beni stessi. Il candidato tratti gli aspetti civilistici, contabili e fiscali dell ammortamento, evidenziandone anche i riflessi sul reddito di esercizio. Successivamente consideri la seguente situazione aziendale. La Castel spa è un impresa industriale di grandi dimensioni quotata nei mercati di Borsa, che produce macchinari industriali di precisione, avvalendosi di immobilizzazioni materiali che rappresentano il 55% dei suoi impieghi. Durante l esercizio n1 avvia la produzione di un nuovo macchinario, cedendo beni strumentali obsoleti per euro (ammortizzati del 90%) e acquistando nuovi beni strumentali per euro, finanziando tale acquisto mediante l emissione di obbligazioni alla pari. Per effetto del lancio del nuovo macchinario, il ROE sale dal 4% al 5,50%, e il ROI cresce di due punti percentuali. Il maggior peso dell indebitamento si riflette sulla situazione finanziaria dell impresa, che tuttavia resta abbastanza equilibrata, con un leverage pari a 2,5, ma con qualche difficoltà nel far fronte ai pagamenti a breve termine, dovuta anche all aumentato volume delle rimanenze. Il candidato presenti: a. gli articoli in P.D. relativi alla cessione e all acquisto dei nuovi beni strumentali e all emissione del prestito obbligazionario, indicando anche la collocazione in bilancio dei conti utilizzati e la loro natura; b. le scritture di assestamento al 31/12/n1 relative alle precedenti operazioni, indicando anche la collocazione in bilancio dei conti utilizzati e la loro natura; c. il bilancio di esercizio sintetico a stati comparati della Castel spa, che riflette le operazioni sopra riportate. Successivamente il candidato svolga uno dei seguenti punti. 1. Compilare i prospetti della Nota integrativa al 31/12/n1 relativi al patrimonio netto, alle immobilizzazioni immateriali, alle immobilizzazioni materiali (Fabbricati, Impianti e macchinari, Attrezzature, Altri beni) e alle passività consolidate della Castel spa. 2. Calcolare l IRES a carico della società nell esercizio n1 considerando tre variazioni fiscali. Dati mancanti opportunamente scelti.

2 Ammortamento, contabilizzazione delle operazioni di gestione e di assestamento, bilancio sintetico a stati comparati, prospetti della Nota integrativa, calcolo delle imposte Ammortamento ATTIVITÀ DIDATTICHE 2 I beni strumentali sono quei beni che formano la struttura organizzativa e produttiva dell impresa e che vengono utilizzati per più anni, come i fabbricati, gli automezzi, gli impianti. Il costo sostenuto per l acquisizione di detti beni, quindi, per il principio contabile della competenza economica, non può essere assegnato per intero all esercizio in cui esso è sostenuto, ma deve essere ripartito per tutti gli anni in cui il bene è utilizzato. La determinazione degli anni per i quali un bene strumentale viene utilizzato deve essere fatta in via preventiva, nell esercizio in cui esso è disponibile per l impresa e pronto all uso, in base alla vita utile stimata, tenendo conto del periodo di tempo nel quale si reputa che possa partecipare proficuamente al ciclo produttivo, consentendo la fabbricazione di beni la cui vendita sia in grado di determinare ricavi che coprano i costi di produzione e permettano il conseguimento di utili. La vita utile stimata dipende, quindi, sia dalla senescenza, cioè dal deperimento fisico del bene dovuto all utilizzo, sia dall obsolescenza, cioè dal superamento tecnologico dovuto all introduzione di nuovi beni strumentali più funzionali e tecnicamente più evoluti. Possono influire sulla vita utile dei beni strumentali anche il mutamento delle dimensioni aziendali o i cambiamenti nelle mode e/o nei gusti dei consumatori, rendendoli inadeguati all attività produttiva. La vita utile di ogni bene strumentale deve essere valutata periodicamente, in modo da accertare che non si siano verificati mutamenti rispetto alla stima originaria. La vita utile stimata di un bene strumentale determina quindi il numero di anni in base al quale deve essere ripartito il suo costo, assegnandone una quota-parte a ogni esercizio di utilizzo. La ripartizione viene di solito effettuata per quote costanti, vale a dire suddividendo il costo storico (cioè il costo sostenuto al momento dell acquisto, aumentato degli oneri accessori), al netto dell eventuale valore di realizzo, per il numero di anni corrispondenti alla stimata vita utile del cespite patrimoniale. Il procedimento tecnico contabile tramite il quale si effettua detta ripartizione prende il nome di ammortamento. Il codice civile, all art. 2426, specifica che il costo delle immobilizzazioni deve essere sistematicamente ammortizzato in relazione alla residua possibilità di utilizzo del bene. Contabilmente, la parte del costo pluriennale assegnata a ogni periodo amministrativo deve essere registrata in Dare di uno specifico conto economico acceso ai costi di esercizio Ammortamento e in contropartita in Avere di un conto economico acceso a una rettifica indiretta dei costi pluriennali Fondo ammortamento. Il Fondo ammortamento aumenta anno dopo anno per il sommarsi delle quote di ammortamento annuali e la differenza con il costo storico costituisce il valore contabile del bene; alla fine del periodo di ammortamento il Fondo ammortamento eguaglia il costo storico del cespite patrimoniale. Esempio Il 10/01/n1 un impresa industriale acquista un impianto del costo di euro che prevede di utilizzare per 10 anni stimando, al termine del periodo di vita utile, di realizzare dalla sua vendita euro. Determiniamo la quota di ammortamento e, relativamente ai valori interessati dall esempio, compiliamo la Situazione economica e la Situazione patrimoniale al 31/12/n1 e al 31/12/n8. La vita utile stimata del bene strumentale è 10 anni, quindi la percentuale di ammortamento a quote costanti è 10%. L ammortamento va calcolato sul costo storico del bene al netto del presunto valore di realizzo. euro ( ) = euro valore da ammortizzare euro ( %) = euro quota di ammortamento costante

3 ATTIVITÀ DIDATTICHE 3 Svolgimento del tema di maturità Situazione economica dell esercizio n1 Costi Ammortamento impianti e macchinari Ricavi Situazione patrimoniale al 31/12/n1 Attività Passività e netto Impianti e macchinari Fondo ammortamento impianti e macchinari Al termine dell esercizio n8 la quota di ammortamento rimane costante a euro, mentre il fondo ammortamento somma 8 quote di ammortamento calcolate al 31/12 di ogni anno in sede di scritture di assestamento. La differenza tra costo storico e fondo ammortamento ( euro) costituisce il valore contabile del bene. Situazione economica dell esercizio n8 Costi Ammortamento impianti e macchinari Ricavi Situazione patrimoniale al 31/12/n8 Attività Passività e netto Impianti e macchinari Fondo ammortamento impianti e macchinari La quota di ammortamento è un costo che influisce direttamente sul reddito di esercizio. Un aumento della quota di ammortamento, a parità di altre condizioni, riduce il reddito di esercizio; una diminuzione, sempre a parità di altre condizioni, aumenta il reddito di esercizio. L art del c.c., quindi, stabilendo un ammortamento sistematico a quote costanti, vuole evitare che le quote di ammortamento siano variate da un esercizio all altro con la finalità di influire, a seconda della convenienza del momento, sul risultato economico di un esercizio. Mentre il codice civile impone un ammortamento ispirato al principio contabile della prudenza basato sulle residue possibilità di utilizzazione dei beni strumentali, lasciando quindi una certa elasticità all imprenditore nella determinazione della quota parte di costo da far gravare sul reddito di esercizio, il fisco si pone lo scopo di determinare un reddito da assoggettare a tassazione in maniera certa, documentata e univoca, indipendentemente dal settore in cui opera l impresa. Il TUIR, quindi, per i beni strumentali materiali, stabilisce che le quote di ammortamento sono deducibili, a partire dall esercizio di entrata in funzione del bene, se calcolate in misura non superiore a quella derivante dall applicazione di determinate percentuali stabilite in una tabella ministeriale. Dette percentuali sono calcolate per categorie di beni omogenei in base al normale consumo dei beni stessi; la prima quota di ammortamento viene calcolata applicando una percentuale ridotta della metà. Per i beni strumentali immateriali, invece, il TUIR stabilisce dei limiti massimi di deducibilità annui. L eventuale ammortamento civilistico effettuato in più rispetto all ammortamento fiscale massimo consentito, sia per i beni materiali, sia per i beni immateriali, costituisce un componente positivo di reddito fiscale. a. Articoli in P.D. La Castel spa, per finanziare l acquisto dei nuovi impianti, in data 1/02/n1 emette un prestito obbligazionario decennale del valore nominale di di euro, al tasso annuo 4,50%, godimento 1/02 e 1/08, rimborsabile a quote costanti a partire dall 1/02 dell esercizio successivo (n2). Il prestito, formato da obbligazioni del valore nominale di 100 euro ciascuna emesse alla pari, viene sottoscritto da un sindacato bancario che percepisce la commissione 0,50% sul valore nominale. Il versamento del prezzo di emissione avviene il 15/02. Il disaggio, dato che l emissione è alla pari, viene calcolato soltanto per la commissione bancaria.

4 ATTIVITÀ DIDATTICHE 4 Svolgimento del tema di maturità Per il periodo 1/02/n1-15/02/n1 vanno calcolati i dietimi, cioè gli interessi versati dai sottoscrittori, in quanto il pagamento del prezzo di emissione è avvenuto dopo l inizio della maturazione della prima cedola. Per effetto di questo conguaglio, all 1/10/n1 gli obbligazionisti riscuoteranno l intera cedola. La società non applica l imposta sostitutiva in quanto quotata in mercati regolamentati. euro ,25 14 = 5.220,99 euro dietimi / SINDACATO BANC. C/SOTTOSCR. sottoscritto prestito obbligazionario ,00 01/ PRESTITI OBBLIGAZIONARI emesse obbligazioni ,00 15/ BANCA X C/C versamento obbligazionisti ,99 15/ INTERESSI SU OBBLIGAZIONI dietimi per 14 giorni 5.220,99 15/ SINDACATO BANC. C/SOTTOSCR. riscossione sottoscrizione ,00 15/ DISAGGIO SU PRESTITI commissione sindacato bancario ,00 15/ BANCA X C/C addebito commissione ,00 L 1/04/n1 l impresa cede in permuta un impianto del costo storico di euro al prezzo di euro, ammortizzato, al momento della cessione, del 90%, acquistandone uno nuovo del costo di euro. 01/ FONDO AMM.TO IMP. E MACCH. g/c fondo ammortamento ,00 01/ IMPIANTI E MACCHINARI g/c fondo ammortamento ,00 01/ CREDITI COMMERCIALI DIVERSI fattura n. 28 su Italyplants spa ,00 01/ IMPIANTI E MACCHINARI fattura n. 28 su Italyplants spa ,00 01/ IVA NS/DEBITO IVA su fattura n. 28 Italyplants ,00 01/ IMPIANTI E MACCHINARI plusvalenza ,00 01/ PLUSVALENZE ORDINARIE plusvalenza ,00 01/ IMPIANTI E MACCHINARI fattura n. 14 da Italyplants spa ,00 01/ IVA NS/CREDITO IVA su fattura n. 14 Italyplants ,00 01/ DEBITI V/FORNITORI fattura n. 14 da Italyplants spa ,00 Per quanto riguarda la natura dei conti tipici utilizzati e la loro collocazione in bilancio, possiamo redigere il seguente prospetto:

5 ATTIVITÀ DIDATTICHE 5 Conto Natura Collocazione in bilancio Sindacato bancario c/sottoscrizione Conto finanziario acceso al credito verso il SP (Attivo) C II 5) crediti verso altri sindacato bancario Prestiti obbligazionari Conto finanziario acceso al debito verso gli SP (Passivo) D 1) obbligazioni obbligazionisti Banca X c/c Conto finanziario acceso a entrate o uscite del c/c bancario Non affluisce in bilancio in quanto il saldo viene girato a Banche c/c attivi o Banche c/c passivi Interessi su obbligazioni Conto economico acceso a un costo d esercizio CE C 17) interessi e altri oneri finanziari Disaggio su prestiti Conto economico acceso a un costo pluriennale SP (Attivo) D Ratei e risconti Fondo ammortamento impianti e macchinari Conto economico che rettifica un costo pluriennale Non appare in bilancio in quanto viene detratto dal costo storico dell immobilizzazione a cui si riferisce Impianti e macchinari Conto economico acceso a un costo pluriennale SP (Attivo) B II 2) impianti e macchinario Crediti commerciali diversi Conto finanziario acceso a un credito SP (Attivo) C II 1) crediti verso clienti IVA ns/debito Conto finanziario acceso al debito verso l Amministrazione finanziaria dello Stato Non affluisce in bilancio in quanto il saldo è girato al conto IVA c/liquidazione Plusvalenze ordinarie Conto economico acceso a un ricavo di esercizio CE A 5) altri ricavi e proventi Debiti v/fornitori Conto finanziario acceso al debito verso il fornitore SP (Passivo) D 7) debiti verso fornitori b. Scritture di assestamento Le scritture di assestamento al 31/12/n1 relative al prestito obbligazionario comprendono la rilevazione del rateo passivo e l ammortamento del disaggio di emissione. Il rateo è calcolato per il periodo 1/08-31/12, cioè per 152 giorni: euro , = ,87 euro rateo passivo Il disaggio su prestiti, in base ai principi contabili, deve essere ammortizzato in ogni esercizio di durata del prestito in proporzione agli interessi di competenza. Per semplicità, dato anche l importo non rilevante, possiamo tuttavia effettuare l ammortamento in base alla durata del prestito obbligazionario, assegnando una quota costante a ogni esercizio: euro (15.000/10) = euro quota annuale ammortamento disaggio 31/ INTERESSI SU OBBLIGAZIONI rateo 1/08-31/ ,87 31/ RATEI PASSIVI rateo 1/08-31/ ,87 31/ AMMORTAMENTO DISAGGIO quota di competenza esercizio 1.500,00 31/ DISAGGIO SU PRESTITI quota di competenza esercizio 1.500,00 Al 31/12/n1 viene anche rilevato, tra gli altri, l ammortamento del nuovo impianto acquistato l 1/04. Supponendo una percentuale di ammortamento del 12,50%, per 9 mesi (periodo dall 1/04/n1 al 31/12/n1), abbiamo: euro ,50 9 = euro quota ammortamento nuovo impianto

6 ATTIVITÀ DIDATTICHE 6 31/ AMMORT. IMP. E MACCHINARI quota ammortamento ,00 31/ FONDO AMM.TO IMP. E MACCH. quota ammortamento ,00 Per quanto riguarda la natura dei conti tipici utilizzati e la loro collocazione in bilancio, possiamo redigere il seguente prospetto: Conto Natura Collocazione in bilancio Ratei passivi Conto finanziario acceso a un debito SP (Passivo) E Ratei e risconti Ammortamento disaggio Conto economico acceso a un costo di esercizio CE C 17) interessi e altri oneri finanziari Ammortamento impianti e macchinari Conto economico acceso a un costo di esercizio CE B 10 b) ammortamento delle immobilizzazioni materiali c. Bilancio sintetico a stati comparati Per la redazione del bilancio sintetico al 31/12/n la traccia dice che la Castel spa è un impresa industriale di grandi dimensioni quotata nei mercati di Borsa, con immobilizzazioni materiali che rappresentano il 55% dei suoi impieghi e con un ROE del 4%. Inoltre, dato che per effetto dei nuovi investimenti attuati nell esercizio n1 il leverage sale a 2,5, possiamo ipotizzare che questo indice al termine dell esercizio n sia leggermente inferiore, per esempio 2,2. Inoltre ipotizziamo un ROI di 3 punti superiore al ROE, quindi 7%, e per il calcolo dei ricavi di vendita un ROS all 8,50%. Se stimiamo il totale degli impieghi pari a euro, avremo: euro ( %) = euro leverage = totale impieghi = 2,2 = capitale proprio x immobilizzazioni materiali = 2,2, da cui x = capitale proprio ROE = utile di esercizio = 0,04 = capitale proprio ROI = reddito operativo = 0,07 = totale impieghi x x = 0,04, da cui x = utile di esercizio = 0,07, da cui x = reddito operativo ROS = reddito operativo = 0,085 = ricavi di vendita x = 0,085, da cui x = ricavi di vendita

7 ATTIVITÀ DIDATTICHE 7 Stato patrimoniale sintetico al 31/12/n ATTIVO PASSIVO anno n anno n A) Crediti verso soci B) Immobilizzazioni Immateriali Materiali A) Patrimonio netto - Capitale sociale - Riserve - Utile d esercizio Totale patrimonio netto C) Attivo circolante Rimanenze Crediti Disponibilità liquide D) Ratei e risconti B) Fondi per rischi e oneri C) Trattamento di fine rapporto D) Debiti (di cui scadenti oltre l esercizio successivo) E) Ratei e risconti Totale attivo Totale passivo Per la compilazione del Conto economico sintetico dell esercizio n, oltre all inserimento dei dati calcolati in precedenza, ipotizziamo che le imposte, evitando lunghi calcoli, si possano ragionevolmente assumere con un valore prossimo e inferiore all utile di esercizio, il risultato della gestione straordinaria sia di importo irrilevante e il risultato della gestione finanziaria sia negativo. Ipotizziamo anche un incremento delle rimanenze di prodotti in lavorazione, semilavorati e prodotti finiti di euro e, in assenza di altri ricavi e proventi, otteniamo un valore della produzione di euro.

8 ATTIVITÀ DIDATTICHE 8 Conto economico sintetico esercizio n A) Valore della produzione Ricavi delle vendite e delle prestazioni Variazione delle rimanenze di semilavorati e prodotti Totale A) B) Costi della produzione Costi per materie prime Costi per servizi Costi per il personale Ammortamenti e svalutazioni Variazione delle rimanenze di materie prime e materie di consumo Accantonamenti per rischi e oneri Totale B) Differenza tra valore e costi della produzione (A B) C) Proventi e oneri finanziari Proventi Oneri Totale C) E) Proventi e oneri straordinari Proventi Oneri Totale E) Risultato prima delle imposte Imposte dell esercizio Utile dell esercizio anno n Nell esercizio n1, tenendo conto dei vincoli della traccia e di quanto svolto nei punti a. e b.: le immobilizzazioni materiali, nonostante la dismissione e l ammortamento, aumentano per effetto dell acquisto del nuovo impianto del costo storico di euro; il leverage peggiora a 2,5. Stimando che il totale degli impieghi aumenti per effetto dell avvio della nuova produzione, e ipotizzando il valore a euro, abbiamo: /x = 2,5, da cui x = eurocapitale proprio, che contabilizza complessivi accantonamenti a riserva per euro; i debiti a medio/lungo termine aumentano per effetto dell emissione del prestito obbligazionario, comprendendo ora la quota del prestito rimborsabile oltre l esercizio successivo, cioè euro; la voce Ratei e risconti attivi comprende il disaggio sul prestito obbligazionario, il cui importo è al netto della quota di ammortamento: euro ( ) = euro. La voce Ratei e risconti passivi comprende il solo rateo sul prestito obbligazionario; il ROE aumenta al 5,50%. Dato un capitale proprio di euro: x/ = 0,055, quindi x = euro utile di esercizio; il ROI aumenta di due punti, quindi è pari a 9%: x/ = 0,09, da cui x = euro reddito operativo; gli altri ricavi e proventi registrano la plusvalenza realizzata con la cessione del vecchio impianto per euro; la gestione finanziaria presenta un risultato negativo maggiore rispetto all esercizio precedente per effetto del maggiore indebitamento;

9 ATTIVITÀ DIDATTICHE 9 l indice di liquidità secondaria, pari al rapporto: Crediti + Liquidità/Debiti a breve, anche non tenendo conto della delibera di distribuzione degli utili, è inferiore a 1, denotando una certa tensione nei pagamenti a breve. Possiamo inoltre ipotizzare che: dato che l impresa ha più di 49 dipendenti, per i lavoratori che non hanno optato per il fondo pensione, il Trattamento di fine rapporto deve essere versato al Fondo INPS. Quindi il Trattamento di fine rapporto aumenta solamente per la rivalutazione dei Debiti per TFR preesistenti al netto della ritenuta fiscale 11%. Ipotizzando un coefficiente di rivalutazione del 2,5% e nessun pensionamento, abbiamo: euro ( ,5%) = euro rivalutazione TFR esistente euro ( %) = ,50 euro ritenuta fiscale su rivalutazione euro ( , ,50) = ,50 euro rivalutazione netta TFR; i debiti a breve termine aumentano per effetto dell incremento della produzione; anche i crediti aumentano, per effetto dell espansione dell attività produttiva; il ROS aumenta al 10% per effetto della migliorata efficienza produttiva connessa all acquisto del nuovo impianto tecnologicamente più avanzato. Quindi /x = 0,10, da cui x = euro ricavi di vendita, con un aumento notevole sull esercizio precedente per effetto del lancio del nuovo prodotto; i costi di produzione aumentano per effetto dell espansione dell attività produttiva, in particolare i costi per materie prime e i costi per servizi per effetto di una campagna pubblicitaria intrapresa per il lancio del nuovo prodotto; le rimanenze aumentano per effetto dell espansione dell attività produttiva, come da allegato prospetto della Nota integrativa: Variazioni intervenute nelle rimanenze Descrizione Valori al 31/12/n Aumenti Diminuzioni Valori al 31/12/n1 Materie prime Semilavorati Prodotti finiti Totali Dato che le rimanenze al 31/12/n costituiscono le esistenze iniziali dell esercizio n1, possiamo calcolare la variazione delle rimanenze da iscrivere in Conto economico: euro ( ) = euro variazione delle rimanenze di semilavorati e prodotti finiti euro ( ) = euro variazione delle rimanenze di materie prime la gestione straordinaria ha ancora un peso irrilevante nella determinazione del reddito di esercizio.

10 ATTIVITÀ DIDATTICHE 10 Stato patrimoniale sintetico al 31/12/n1 ATTIVO PASSIVO anno n1 anno n1 A) Crediti verso soci B) Immobilizzazioni Immateriali Materiali C) Attivo circolante Rimanenze Crediti Disponibilità liquide D) Ratei e risconti (di cui disaggio su prestiti ) A) Patrimonio netto - Capitale sociale - Riserve - Utile d esercizio Totale patrimonio netto B) Fondi per rischi e oneri C) Trattamento di fine rapporto D) Debiti (di cui scadenti oltre l esercizio successivo) E) Ratei e risconti Totale attivo Totale passivo

11 ATTIVITÀ DIDATTICHE 11 Conto economico sintetico esercizio n1 A) Valore della produzione Ricavi delle vendite e delle prestazioni Variazione delle rimanenze di semilavorati e prodotti finiti Altri ricavi e proventi Totale A) B) Costi della produzione Costi per materie prime Costi per servizi Costi per il personale Ammortamenti e svalutazioni Variazioni delle rimanenze di materie prime Accantonamenti per rischi e oneri Totale B) Differenza tra valore e costi della produzione (A B) C) Proventi e oneri finanziari Proventi Oneri Totale C) E) Proventi e oneri straordinari Proventi Oneri Totale E) Risultato prima delle imposte Imposte dell esercizio Utile dell esercizio anno n

12 ATTIVITÀ DIDATTICHE 12 Svolgimento del tema di maturità 1. Prospetti della nota integrativa Movimenti intervenuti nelle voci del patrimonio netto Descrizione Capitale sociale Riserva legale Riserva statutaria Riserva straordinaria Utile d esercizio Totali Importi al 31/12/n Destinazione utile esercizio n: a riserve dividendi Utile 31/12/n Importi al 31/12/n La riserva legale è pari alla percentuale di legge, il 5% dell utile di esercizio. Si ipotizza inoltre un capitale sociale formato da di azioni da 12 euro nominali e un dividendo di 0,41 euro per azione. La Castel spa, tenendo conto dell investimento nell acquisto del nuovo impianto, effettua un accantonamento a riserva straordinaria più elevato, pur mantenendo la distribuzione di dividendi, opportuna in quanto la società è quotata in mercati regolamentati. Movimenti intervenuti nelle immobilizzazioni immateriali Immobilizzazioni immateriali Costo originario Fondo ammortamento Valore di bilancio Costi di ricerca e sviluppo Valore al 31/12/n Ammortamento 20% su Valore al 31/12/n Brevetti Valore al 31/12/n Ammortamento 10% su Valore al 31/12/n

13 ATTIVITÀ DIDATTICHE 13 Movimenti intervenuti nelle immobilizzazioni materiali Immobilizzazioni materiali Costo originario Fondo ammortamento Valore di bilancio Fabbricati (industriali) Valore al 31/12/n (valore dell area ) Ammortamento 2% su Valore al 31/12/n Impianti e macchinari Valore al 31/12/n Alienazioni (inizio aprile) storno fondo ricavo realizzo plusvalenza Acquisti (inizio aprile) Ammortamento 12,50% 9/12 su Ammortamento 12,50% su Valore al 31/12/n Attrezzature industriali e commerciali Valore al 31/12/n Ammortamento 10% su Valore al 31/12/n Altri beni (automezzi) Valore al 31/12/n Ammortamento 15% su Valore al 31/12/n Nel Conto economico al 31/12/n1 gli ammortamenti corrispondono alla somma di tutti gli ammortamenti registrati in Nota Integrativa, a cui va aggiunta la svalutazione prudenziale dei crediti: euro ( ) = euro totale ammortamenti euro ( %) = euro svalutazione prudenziale dei crediti euro ( ) = euro importo voce Ammortamenti e svalutazioni

14 ATTIVITÀ DIDATTICHE 14 Movimenti intervenuti nelle passività consolidate Descrizione Importi al 31/12/n Aumenti Diminuzioni Importi al 31/12/n Debiti per TFR Debiti v/banche a medio termine Prestiti obbligazionari Nello Stato patrimoniale il totale delle passività consolidate corrisponde alla somma del Trattamento di fine rapporto e dei debiti scadenti oltre l esercizio successivo: euro ( ) = euro totale passività consolidate 2. IRES dell esercizio L IRES (Imposta sul reddito delle società) viene determinata applicando l aliquota 27,50% sul reddito imponibile delle persone giuridiche, calcolato apportando le rettifiche fiscali, in aumento e/o diminuzione, al reddito lordo d esercizio. Il TUIR, infatti, a differenza del codice civile che detta norme di valutazione ispirate al principio della prudenza, si pone l obiettivo di determinare un reddito da assoggettare a tassazione uniforme per le diverse imprese, certo e oggettivamente verificabile, ispirandosi ai seguenti principi: inerenza dei costi alla produzione del reddito, cioè un costo, per poter essere deducibile, deve essere strettamente legato allo svolgimento dell attività aziendale; competenza fiscale dei costi e ricavi rispetto all esercizio del quale si vogliono determinare le imposte; certezza dei costi, cioè un costo, per poter essere dedotto, deve essere documentato; iscrizione in bilancio dei costi che vengono portati in deduzione; imputabilità specifica, cioè un costo può essere dedotto se riferito a un attività di gestione da cui derivano ricavi e costi che formano il reddito d impresa. Nell esempio considerato, quindi, la base di partenza è il reddito lordo dell esercizio n1, cioè euro, al quale vengono apportate rettifiche fiscali inerenti: a. la svalutazione dei crediti; b. l ammortamento; c. le plusvalenze. a) Svalutazione dei crediti Secondo il TUIR, le svalutazioni dei crediti commerciali sono deducibili in ciascun esercizio nel limite massimo dello 0,50% del valore nominale dei crediti stessi. Se tuttavia in un esercizio l ammontare complessivo delle svalutazioni dedotte supera il 5% del valore dei crediti, l eccedenza concorre a formare il reddito fiscale dello stesso esercizio. I crediti iscritti in bilancio al 31/12/n1 ammontano a euro, di cui euro siano quelli di natura commerciale, per i quali il fisco ammette la deducibilità dello 0,50%. Abbiamo visto che l impresa ha calcolato una svalutazione civilistica, tenendo conto del presunto valore di realizzo dei crediti, del 5%. Il fondo rischi su crediti fiscale ammonti a euro. Quindi: euro ( %) = euro euro ( ,50%) = euro euro ( %) = euro euro ( ) = euro svalutazione crediti iscritta in bilancio svalutazione fiscalmente ammessa importo massimo del fondo rischi su crediti fiscale importo del fondo rischi su crediti fiscale

15 ATTIVITÀ DIDATTICHE 15 Svolgimento del tema di maturità Il fondo rischi su crediti fiscale, anche tenendo conto dell accantonamento dello 0,50%, è inferiore al limite massimo consentito. Quindi, il componente positivo di reddito fiscale viene calcolato solamente per le svalutazioni civilistiche eccedenti le massime svalutazioni fiscali consentite: euro ( ) = euro componente positivo di reddito fiscale riferito alla svalutazione crediti b) Ammortamento Il TUIR detta norme precise per ciascun cespite da ammortizzare, stabilendo periodi di ammortamento e coefficienti. In particolare, per quanto riguarda le immobilizzazioni immateriali presenti nello Stato patrimoniale della Castel spa: i costi di ricerca e sviluppo possono essere ammortizzati per quote costanti nell esercizio stesso e nei successivi, ma non oltre il quarto. In pratica, per essi il fisco stabilisce un periodo massimo di ammortamento di 5 anni (coefficiente 20%), coincidente con quanto stabilito dal codice civile per gli oneri pluriennali, che parimenti devono essere ammortizzati in un periodo non superiore a 5 anni. Quindi, come da Nota integrativa, dato che l ammortamento è stato effettuato al 20% e l ammortamento civile corrisponde all ammortamento fiscale, non viene rilevato alcun componente positivo o negativo; i brevetti sono fiscalmente deducibili in misura non superiore al 50% del costo storico. Il codice civile stabilisce che i brevetti siano ammortizzati in base alla loro durata economica. Nell esempio considerato, i brevetti vengono ammortizzati in un periodo di 10 anni, che rientra ampiamente nel periodo massimo consentito dal fisco. Quindi, anche per i brevetti, non viene rilevato alcun componente di reddito fiscale. Per quanto riguarda le immobilizzazioni materiali, come detto, le quote di ammortamento sono deducibili a partire dall esercizio di entrata in funzione del bene se sono calcolate in misura non superiore a quella derivante dall applicazione di appositi coefficienti, diversi da settore a settore, stabiliti in un apposita tabella approvata con decreto del Ministero dell Economia e delle Finanze. Nel primo esercizio di entrata in funzione del bene il coefficiente viene ridotto della metà. L ammortamento dei fabbricati va calcolato applicando il coefficiente di ammortamento al costo originario del cespite al netto del valore attribuito all area edificata. Per calcolare l ammortamento fiscale il valore attribuito a tale area non può essere inferiore al 20% del costo complessivo dello stesso fabbricato (30% se il fabbricato è industriale). Tenendo conto dei coefficienti civili esposti nella Nota integrativa e ipotizzando i coefficienti fiscali, possiamo costruire la seguente tabella: Bene strumentale Coeffic. di ammort. civile Coeffic. di ammort. fiscale Ammortamento civile Ammortamento fiscale Componente di reddito fiscale Fabbricati industriali ( 1 ) 2% 2% % = Impianti e macchinario 12,50% 12,50% ,50% = ,25% = Attrezzature 10% 10% % = Automezzi 15% 12,50% ,50% = Totale componenti positivi reddito fiscale ( 1 ) Il costo attribuito all area edificabile non può essere fiscalmente inferiore al 30% del costo complessivo del fabbricato. Quindi: euro ( %) = euro euro ( ) = euro valore fiscale ammortizzabile

16 ATTIVITÀ DIDATTICHE 16 c) Plusvalenze Secondo il TUIR le plusvalenze concorrono a formare il reddito fiscale interamente nell esercizio in cui sono state realizzate oppure, a scelta del contribuente, se i beni dai quali derivano sono stati posseduti per un periodo non inferiore a 3 anni, in quote costanti nello stesso esercizio e nei successivi, ma non oltre il quarto. Supponendo che la Castel spa decida di ripartire la plusvalenza in cinque esercizi, avremo: euro ( : 5) = euro quota annua di tassazione della plusvalenza Quindi, per il calcolo del reddito fiscale, il reddito di bilancio deve subire una variazione in diminuzione per l intero importo della plusvalenza ( euro) e una variazione in aumento per la quota fiscalmente di competenza (2.000 euro). d) Calcolo dell IRES Calcoliamo il reddito fiscale e su di esso applichiamo la percentuale 27,50%: euro ( ) = euro euro ( ,50%) = ,63 euro reddito fiscale IRES dovuta

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto Svolgimento della prova di verifica n. 17 Classe 4 a IGEA, Mercurio, Brocca, Programmatori, Liceo economico, IPSC Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione. Celestina Rovetto Obiettivi della

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Operazioni varie di gestione aziendale

Operazioni varie di gestione aziendale Operazioni varie di gestione aziendale di Teresa Tardia Esercitazione di economia aziendale per la classe terza ITC Nel mese di febbraio la ditta GiLuVi, azienda commerciale, ha compiuto le seguenti: 01-feb

Dettagli

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO Art 2484 Cause indipendenti dalla volontà dei soci Cause dipendenti dalla volontà dei soci Dichiarazione amministratori da eseguire senza indugio Delibera assembleare Iscrizione

Dettagli

Immobilizzazioni materiali

Immobilizzazioni materiali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Immobilizzazioni materiali Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio LE SCRITTURE DI RETTIFICA: Attraverso le scritture di rettifica si rinviano al futuro esercizio componenti positivi e negativi di reddito che si sono manifestati nell esercizio, e quindi sono stati in

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Reg. Imp. 12815 Rea 104630 COSEV SERVIZI S.P.A. Sede in VIA PETRARCA, 6-64015 NERETO (TE) Capitale sociale Euro 471.621,00 I.V. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Premessa Signori Soci/Azionisti,

Dettagli

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO 18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO L utilizzo durevole è il criterio per classificare le partecipazioni come immobilizzazioni finanziarie. Le tipologie

Dettagli

GESTIONE MANUTENZIONI SU BENI PROPRI (tipo conto=l)

GESTIONE MANUTENZIONI SU BENI PROPRI (tipo conto=l) GESTIONE MANUTENZIONI SU BENI PROPRI (tipo conto=l) Le spese di manutenzione possono essere di diverse tipologie: Spese aventi natura periodica e contrattuale: (pulizia, verniciatura..) che servono per

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE Documento

Dettagli

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC Le vendite e il loro regolamento Classe III ITC La vendita di merci La vendita di beni e servizi rappresenta un operazione di disinvestimento, per mezzo della quale l impresa recupera i mezzi finanziari

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

1 Introduzione. 2 Concetti e terminologia relativi all ammortamento. AMMORTAMENTO E IMPOSTE SUI REDDITI - generalità

1 Introduzione. 2 Concetti e terminologia relativi all ammortamento. AMMORTAMENTO E IMPOSTE SUI REDDITI - generalità AMMORTAMENTO E IMPOSTE SUI REDDITI - generalità 1 Introduzione La riscossione delle imposte è un attività che risale ai tempi antichi. Richiami al pagamento delle imposte si trovano anche nell Antico Testamento.

Dettagli

I componenti straordinari di reddito

I componenti straordinari di reddito I componenti straordinari di reito Possono essere così classificati: - PLUSVALENZE E MINUSVALENZE. Si originano nel caso di cessione di un cespite, se il valore contabile è diverso dal prezzo di vendita.

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone RISULTATO DELL ESERCIZIO ANTE IMPOSTE VARIAZIONI IN AUMENTO Negli esercizi dal 2005 al 2008 sono state realizzate plusvalenze o altri proventi rateizzati? = In base all'art. 86 del TUIR è ammessa la rateazione

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

FASI DI VITA DELL AZIENDA

FASI DI VITA DELL AZIENDA AZIENDA ORGANIZZAZIONE DI PERSONE E BENI CHE SVOLGE ATTIVITA ECONOMICA IN VISTA DEL SODDISFACIMENTO DEI BISOGNI UMANI. Dalla definizione si estraggono le 3 componenti principali dell azienda. Abbiamo ciò

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 dicembre 2007, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dal Senato e modificato dalla Camera

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO ATTIVO A) CREDITI VS STATO E ALTRI AA.PP. PARTECIPAZIONE FONDO DI DOTAZIONE B) IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 Costi di impianto ed ampliamento 2 Costi

Dettagli

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011 Ditta 005034 Data: 05/04/2013 Ora: 15.13 Pag.001 A.I.R. - ASSOCIAZIONE ITALIANA RETT - ONLUS VIALE BRACCI 1 53100 SIENA SI ESERCIZIO DAL 01/01/2012 AL 31/12/2012 BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA AI SENSI DELL'ART.2435

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed Appunti di Economia Capitolo 8 Analisi di bilancio Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed indipendenza

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Associazione dei contabilicontroller diplomati federali 6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35 L originale Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Piano dei conti svizzero

Dettagli

IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000. A cura del Gruppo di Studio di Diritto tributario istituito presso l Ordine di Padova

IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000. A cura del Gruppo di Studio di Diritto tributario istituito presso l Ordine di Padova IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000 ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE L'INSERTO 2 Analisi della rilevanza ai fini IRAP delle voci del Conto Economico A cura

Dettagli

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio INDICI DI BILANCIO 1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio Perché sia possibile un calcolo automatico degli indici di bilancio (ratios) è necessario che le informazioni siano memorizzate seguendo i

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

Il riparto dell utile nelle società per Azioni

Il riparto dell utile nelle società per Azioni Il riparto dell utile nelle società per Azioni Il riparto dell utile nelle spa è soggetto alle limitazioni imposte dal codice civile e dallo statuto. Solo dopo aver soddisfatto i predetti vincoli l utile

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE INTRODUZIONE Uno degli obiettivi che il nuovo consiglio federale si è posto all atto del proprio insediamento

Dettagli

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA MEP S.p.A. Sede in Milano (MI), Piazza del Liberty, n. 2 Capitale sociale Euro 10.372.791 interamente versato Codice Fiscale 13051480153 Iscritta al Registro dell Imprese di Milano al n. 1611128 BILANCIO

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Titoli di debito Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

LA CONTABILITÀ E IL BILANCIO

LA CONTABILITÀ E IL BILANCIO LA CONTABILITÀ E IL BILANCIO CHIAREZZA, VERITÀ, CORRETTEZZA, I CONTI D ORDINE, IL BUDGET D ESERCIZIO, IL CONTROLLO DI GESTIONE, LA RICERCA DEL DATO FALSO O INATTENDIBILE: IL FALSO IN BILANCIO Relatore:

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

AMIR S.P.A. 711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO DATI ANAGRAFICI

AMIR S.P.A. 711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO DATI ANAGRAFICI 711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO Data chiusura esercizio 31/12/2013 DATI ANAGRAFICI Indirizzo Sede legale: RIMINI RN VIA DARIO CAMPANA 63 Numero REA: RN - 259282 Forma giuridica: SOCIETA' PER AZIONI

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli