delle operazioni di gestione e di a stati comparati, prospetti della

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "delle operazioni di gestione e di a stati comparati, prospetti della"

Transcript

1 Temi in preparazione alla maturità Ammortamento, contabilizzazione delle operazioni di gestione e di assestamento, bilancio sintetico a stati comparati, prospetti della Nota integrativa, calcolo delle imposte di Stefano RASCIONI ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Economia aziendale (Classe 5 a Istituti tecnici) La parte a trattazione obbligatoria del tema riguarda il concetto di ammortamento, le scritture contabili sui beni strumentali e il prestito obbligazionario e il bilancio con dati a scelta. I punti a scelta hanno come oggetto alcuni prospetti della Nota integrativa e il calcolo dell IRES. L ammortamento è un procedimento tecnico-contabile mediante il quale i costi pluriennali vengono ripartiti in più esercizi, in modo da distribuire il costo dei beni strumentali in tutti gli anni di vita utile dei beni stessi. Il candidato tratti gli aspetti civilistici, contabili e fiscali dell ammortamento, evidenziandone anche i riflessi sul reddito di esercizio. Successivamente consideri la seguente situazione aziendale. La Castel spa è un impresa industriale di grandi dimensioni quotata nei mercati di Borsa, che produce macchinari industriali di precisione, avvalendosi di immobilizzazioni materiali che rappresentano il 55% dei suoi impieghi. Durante l esercizio n1 avvia la produzione di un nuovo macchinario, cedendo beni strumentali obsoleti per euro (ammortizzati del 90%) e acquistando nuovi beni strumentali per euro, finanziando tale acquisto mediante l emissione di obbligazioni alla pari. Per effetto del lancio del nuovo macchinario, il ROE sale dal 4% al 5,50%, e il ROI cresce di due punti percentuali. Il maggior peso dell indebitamento si riflette sulla situazione finanziaria dell impresa, che tuttavia resta abbastanza equilibrata, con un leverage pari a 2,5, ma con qualche difficoltà nel far fronte ai pagamenti a breve termine, dovuta anche all aumentato volume delle rimanenze. Il candidato presenti: a. gli articoli in P.D. relativi alla cessione e all acquisto dei nuovi beni strumentali e all emissione del prestito obbligazionario, indicando anche la collocazione in bilancio dei conti utilizzati e la loro natura; b. le scritture di assestamento al 31/12/n1 relative alle precedenti operazioni, indicando anche la collocazione in bilancio dei conti utilizzati e la loro natura; c. il bilancio di esercizio sintetico a stati comparati della Castel spa, che riflette le operazioni sopra riportate. Successivamente il candidato svolga uno dei seguenti punti. 1. Compilare i prospetti della Nota integrativa al 31/12/n1 relativi al patrimonio netto, alle immobilizzazioni immateriali, alle immobilizzazioni materiali (Fabbricati, Impianti e macchinari, Attrezzature, Altri beni) e alle passività consolidate della Castel spa. 2. Calcolare l IRES a carico della società nell esercizio n1 considerando tre variazioni fiscali. Dati mancanti opportunamente scelti.

2 Ammortamento, contabilizzazione delle operazioni di gestione e di assestamento, bilancio sintetico a stati comparati, prospetti della Nota integrativa, calcolo delle imposte Ammortamento ATTIVITÀ DIDATTICHE 2 I beni strumentali sono quei beni che formano la struttura organizzativa e produttiva dell impresa e che vengono utilizzati per più anni, come i fabbricati, gli automezzi, gli impianti. Il costo sostenuto per l acquisizione di detti beni, quindi, per il principio contabile della competenza economica, non può essere assegnato per intero all esercizio in cui esso è sostenuto, ma deve essere ripartito per tutti gli anni in cui il bene è utilizzato. La determinazione degli anni per i quali un bene strumentale viene utilizzato deve essere fatta in via preventiva, nell esercizio in cui esso è disponibile per l impresa e pronto all uso, in base alla vita utile stimata, tenendo conto del periodo di tempo nel quale si reputa che possa partecipare proficuamente al ciclo produttivo, consentendo la fabbricazione di beni la cui vendita sia in grado di determinare ricavi che coprano i costi di produzione e permettano il conseguimento di utili. La vita utile stimata dipende, quindi, sia dalla senescenza, cioè dal deperimento fisico del bene dovuto all utilizzo, sia dall obsolescenza, cioè dal superamento tecnologico dovuto all introduzione di nuovi beni strumentali più funzionali e tecnicamente più evoluti. Possono influire sulla vita utile dei beni strumentali anche il mutamento delle dimensioni aziendali o i cambiamenti nelle mode e/o nei gusti dei consumatori, rendendoli inadeguati all attività produttiva. La vita utile di ogni bene strumentale deve essere valutata periodicamente, in modo da accertare che non si siano verificati mutamenti rispetto alla stima originaria. La vita utile stimata di un bene strumentale determina quindi il numero di anni in base al quale deve essere ripartito il suo costo, assegnandone una quota-parte a ogni esercizio di utilizzo. La ripartizione viene di solito effettuata per quote costanti, vale a dire suddividendo il costo storico (cioè il costo sostenuto al momento dell acquisto, aumentato degli oneri accessori), al netto dell eventuale valore di realizzo, per il numero di anni corrispondenti alla stimata vita utile del cespite patrimoniale. Il procedimento tecnico contabile tramite il quale si effettua detta ripartizione prende il nome di ammortamento. Il codice civile, all art. 2426, specifica che il costo delle immobilizzazioni deve essere sistematicamente ammortizzato in relazione alla residua possibilità di utilizzo del bene. Contabilmente, la parte del costo pluriennale assegnata a ogni periodo amministrativo deve essere registrata in Dare di uno specifico conto economico acceso ai costi di esercizio Ammortamento e in contropartita in Avere di un conto economico acceso a una rettifica indiretta dei costi pluriennali Fondo ammortamento. Il Fondo ammortamento aumenta anno dopo anno per il sommarsi delle quote di ammortamento annuali e la differenza con il costo storico costituisce il valore contabile del bene; alla fine del periodo di ammortamento il Fondo ammortamento eguaglia il costo storico del cespite patrimoniale. Esempio Il 10/01/n1 un impresa industriale acquista un impianto del costo di euro che prevede di utilizzare per 10 anni stimando, al termine del periodo di vita utile, di realizzare dalla sua vendita euro. Determiniamo la quota di ammortamento e, relativamente ai valori interessati dall esempio, compiliamo la Situazione economica e la Situazione patrimoniale al 31/12/n1 e al 31/12/n8. La vita utile stimata del bene strumentale è 10 anni, quindi la percentuale di ammortamento a quote costanti è 10%. L ammortamento va calcolato sul costo storico del bene al netto del presunto valore di realizzo. euro ( ) = euro valore da ammortizzare euro ( %) = euro quota di ammortamento costante

3 ATTIVITÀ DIDATTICHE 3 Svolgimento del tema di maturità Situazione economica dell esercizio n1 Costi Ammortamento impianti e macchinari Ricavi Situazione patrimoniale al 31/12/n1 Attività Passività e netto Impianti e macchinari Fondo ammortamento impianti e macchinari Al termine dell esercizio n8 la quota di ammortamento rimane costante a euro, mentre il fondo ammortamento somma 8 quote di ammortamento calcolate al 31/12 di ogni anno in sede di scritture di assestamento. La differenza tra costo storico e fondo ammortamento ( euro) costituisce il valore contabile del bene. Situazione economica dell esercizio n8 Costi Ammortamento impianti e macchinari Ricavi Situazione patrimoniale al 31/12/n8 Attività Passività e netto Impianti e macchinari Fondo ammortamento impianti e macchinari La quota di ammortamento è un costo che influisce direttamente sul reddito di esercizio. Un aumento della quota di ammortamento, a parità di altre condizioni, riduce il reddito di esercizio; una diminuzione, sempre a parità di altre condizioni, aumenta il reddito di esercizio. L art del c.c., quindi, stabilendo un ammortamento sistematico a quote costanti, vuole evitare che le quote di ammortamento siano variate da un esercizio all altro con la finalità di influire, a seconda della convenienza del momento, sul risultato economico di un esercizio. Mentre il codice civile impone un ammortamento ispirato al principio contabile della prudenza basato sulle residue possibilità di utilizzazione dei beni strumentali, lasciando quindi una certa elasticità all imprenditore nella determinazione della quota parte di costo da far gravare sul reddito di esercizio, il fisco si pone lo scopo di determinare un reddito da assoggettare a tassazione in maniera certa, documentata e univoca, indipendentemente dal settore in cui opera l impresa. Il TUIR, quindi, per i beni strumentali materiali, stabilisce che le quote di ammortamento sono deducibili, a partire dall esercizio di entrata in funzione del bene, se calcolate in misura non superiore a quella derivante dall applicazione di determinate percentuali stabilite in una tabella ministeriale. Dette percentuali sono calcolate per categorie di beni omogenei in base al normale consumo dei beni stessi; la prima quota di ammortamento viene calcolata applicando una percentuale ridotta della metà. Per i beni strumentali immateriali, invece, il TUIR stabilisce dei limiti massimi di deducibilità annui. L eventuale ammortamento civilistico effettuato in più rispetto all ammortamento fiscale massimo consentito, sia per i beni materiali, sia per i beni immateriali, costituisce un componente positivo di reddito fiscale. a. Articoli in P.D. La Castel spa, per finanziare l acquisto dei nuovi impianti, in data 1/02/n1 emette un prestito obbligazionario decennale del valore nominale di di euro, al tasso annuo 4,50%, godimento 1/02 e 1/08, rimborsabile a quote costanti a partire dall 1/02 dell esercizio successivo (n2). Il prestito, formato da obbligazioni del valore nominale di 100 euro ciascuna emesse alla pari, viene sottoscritto da un sindacato bancario che percepisce la commissione 0,50% sul valore nominale. Il versamento del prezzo di emissione avviene il 15/02. Il disaggio, dato che l emissione è alla pari, viene calcolato soltanto per la commissione bancaria.

4 ATTIVITÀ DIDATTICHE 4 Svolgimento del tema di maturità Per il periodo 1/02/n1-15/02/n1 vanno calcolati i dietimi, cioè gli interessi versati dai sottoscrittori, in quanto il pagamento del prezzo di emissione è avvenuto dopo l inizio della maturazione della prima cedola. Per effetto di questo conguaglio, all 1/10/n1 gli obbligazionisti riscuoteranno l intera cedola. La società non applica l imposta sostitutiva in quanto quotata in mercati regolamentati. euro ,25 14 = 5.220,99 euro dietimi / SINDACATO BANC. C/SOTTOSCR. sottoscritto prestito obbligazionario ,00 01/ PRESTITI OBBLIGAZIONARI emesse obbligazioni ,00 15/ BANCA X C/C versamento obbligazionisti ,99 15/ INTERESSI SU OBBLIGAZIONI dietimi per 14 giorni 5.220,99 15/ SINDACATO BANC. C/SOTTOSCR. riscossione sottoscrizione ,00 15/ DISAGGIO SU PRESTITI commissione sindacato bancario ,00 15/ BANCA X C/C addebito commissione ,00 L 1/04/n1 l impresa cede in permuta un impianto del costo storico di euro al prezzo di euro, ammortizzato, al momento della cessione, del 90%, acquistandone uno nuovo del costo di euro. 01/ FONDO AMM.TO IMP. E MACCH. g/c fondo ammortamento ,00 01/ IMPIANTI E MACCHINARI g/c fondo ammortamento ,00 01/ CREDITI COMMERCIALI DIVERSI fattura n. 28 su Italyplants spa ,00 01/ IMPIANTI E MACCHINARI fattura n. 28 su Italyplants spa ,00 01/ IVA NS/DEBITO IVA su fattura n. 28 Italyplants ,00 01/ IMPIANTI E MACCHINARI plusvalenza ,00 01/ PLUSVALENZE ORDINARIE plusvalenza ,00 01/ IMPIANTI E MACCHINARI fattura n. 14 da Italyplants spa ,00 01/ IVA NS/CREDITO IVA su fattura n. 14 Italyplants ,00 01/ DEBITI V/FORNITORI fattura n. 14 da Italyplants spa ,00 Per quanto riguarda la natura dei conti tipici utilizzati e la loro collocazione in bilancio, possiamo redigere il seguente prospetto:

5 ATTIVITÀ DIDATTICHE 5 Conto Natura Collocazione in bilancio Sindacato bancario c/sottoscrizione Conto finanziario acceso al credito verso il SP (Attivo) C II 5) crediti verso altri sindacato bancario Prestiti obbligazionari Conto finanziario acceso al debito verso gli SP (Passivo) D 1) obbligazioni obbligazionisti Banca X c/c Conto finanziario acceso a entrate o uscite del c/c bancario Non affluisce in bilancio in quanto il saldo viene girato a Banche c/c attivi o Banche c/c passivi Interessi su obbligazioni Conto economico acceso a un costo d esercizio CE C 17) interessi e altri oneri finanziari Disaggio su prestiti Conto economico acceso a un costo pluriennale SP (Attivo) D Ratei e risconti Fondo ammortamento impianti e macchinari Conto economico che rettifica un costo pluriennale Non appare in bilancio in quanto viene detratto dal costo storico dell immobilizzazione a cui si riferisce Impianti e macchinari Conto economico acceso a un costo pluriennale SP (Attivo) B II 2) impianti e macchinario Crediti commerciali diversi Conto finanziario acceso a un credito SP (Attivo) C II 1) crediti verso clienti IVA ns/debito Conto finanziario acceso al debito verso l Amministrazione finanziaria dello Stato Non affluisce in bilancio in quanto il saldo è girato al conto IVA c/liquidazione Plusvalenze ordinarie Conto economico acceso a un ricavo di esercizio CE A 5) altri ricavi e proventi Debiti v/fornitori Conto finanziario acceso al debito verso il fornitore SP (Passivo) D 7) debiti verso fornitori b. Scritture di assestamento Le scritture di assestamento al 31/12/n1 relative al prestito obbligazionario comprendono la rilevazione del rateo passivo e l ammortamento del disaggio di emissione. Il rateo è calcolato per il periodo 1/08-31/12, cioè per 152 giorni: euro , = ,87 euro rateo passivo Il disaggio su prestiti, in base ai principi contabili, deve essere ammortizzato in ogni esercizio di durata del prestito in proporzione agli interessi di competenza. Per semplicità, dato anche l importo non rilevante, possiamo tuttavia effettuare l ammortamento in base alla durata del prestito obbligazionario, assegnando una quota costante a ogni esercizio: euro (15.000/10) = euro quota annuale ammortamento disaggio 31/ INTERESSI SU OBBLIGAZIONI rateo 1/08-31/ ,87 31/ RATEI PASSIVI rateo 1/08-31/ ,87 31/ AMMORTAMENTO DISAGGIO quota di competenza esercizio 1.500,00 31/ DISAGGIO SU PRESTITI quota di competenza esercizio 1.500,00 Al 31/12/n1 viene anche rilevato, tra gli altri, l ammortamento del nuovo impianto acquistato l 1/04. Supponendo una percentuale di ammortamento del 12,50%, per 9 mesi (periodo dall 1/04/n1 al 31/12/n1), abbiamo: euro ,50 9 = euro quota ammortamento nuovo impianto

6 ATTIVITÀ DIDATTICHE 6 31/ AMMORT. IMP. E MACCHINARI quota ammortamento ,00 31/ FONDO AMM.TO IMP. E MACCH. quota ammortamento ,00 Per quanto riguarda la natura dei conti tipici utilizzati e la loro collocazione in bilancio, possiamo redigere il seguente prospetto: Conto Natura Collocazione in bilancio Ratei passivi Conto finanziario acceso a un debito SP (Passivo) E Ratei e risconti Ammortamento disaggio Conto economico acceso a un costo di esercizio CE C 17) interessi e altri oneri finanziari Ammortamento impianti e macchinari Conto economico acceso a un costo di esercizio CE B 10 b) ammortamento delle immobilizzazioni materiali c. Bilancio sintetico a stati comparati Per la redazione del bilancio sintetico al 31/12/n la traccia dice che la Castel spa è un impresa industriale di grandi dimensioni quotata nei mercati di Borsa, con immobilizzazioni materiali che rappresentano il 55% dei suoi impieghi e con un ROE del 4%. Inoltre, dato che per effetto dei nuovi investimenti attuati nell esercizio n1 il leverage sale a 2,5, possiamo ipotizzare che questo indice al termine dell esercizio n sia leggermente inferiore, per esempio 2,2. Inoltre ipotizziamo un ROI di 3 punti superiore al ROE, quindi 7%, e per il calcolo dei ricavi di vendita un ROS all 8,50%. Se stimiamo il totale degli impieghi pari a euro, avremo: euro ( %) = euro leverage = totale impieghi = 2,2 = capitale proprio x immobilizzazioni materiali = 2,2, da cui x = capitale proprio ROE = utile di esercizio = 0,04 = capitale proprio ROI = reddito operativo = 0,07 = totale impieghi x x = 0,04, da cui x = utile di esercizio = 0,07, da cui x = reddito operativo ROS = reddito operativo = 0,085 = ricavi di vendita x = 0,085, da cui x = ricavi di vendita

7 ATTIVITÀ DIDATTICHE 7 Stato patrimoniale sintetico al 31/12/n ATTIVO PASSIVO anno n anno n A) Crediti verso soci B) Immobilizzazioni Immateriali Materiali A) Patrimonio netto - Capitale sociale - Riserve - Utile d esercizio Totale patrimonio netto C) Attivo circolante Rimanenze Crediti Disponibilità liquide D) Ratei e risconti B) Fondi per rischi e oneri C) Trattamento di fine rapporto D) Debiti (di cui scadenti oltre l esercizio successivo) E) Ratei e risconti Totale attivo Totale passivo Per la compilazione del Conto economico sintetico dell esercizio n, oltre all inserimento dei dati calcolati in precedenza, ipotizziamo che le imposte, evitando lunghi calcoli, si possano ragionevolmente assumere con un valore prossimo e inferiore all utile di esercizio, il risultato della gestione straordinaria sia di importo irrilevante e il risultato della gestione finanziaria sia negativo. Ipotizziamo anche un incremento delle rimanenze di prodotti in lavorazione, semilavorati e prodotti finiti di euro e, in assenza di altri ricavi e proventi, otteniamo un valore della produzione di euro.

8 ATTIVITÀ DIDATTICHE 8 Conto economico sintetico esercizio n A) Valore della produzione Ricavi delle vendite e delle prestazioni Variazione delle rimanenze di semilavorati e prodotti Totale A) B) Costi della produzione Costi per materie prime Costi per servizi Costi per il personale Ammortamenti e svalutazioni Variazione delle rimanenze di materie prime e materie di consumo Accantonamenti per rischi e oneri Totale B) Differenza tra valore e costi della produzione (A B) C) Proventi e oneri finanziari Proventi Oneri Totale C) E) Proventi e oneri straordinari Proventi Oneri Totale E) Risultato prima delle imposte Imposte dell esercizio Utile dell esercizio anno n Nell esercizio n1, tenendo conto dei vincoli della traccia e di quanto svolto nei punti a. e b.: le immobilizzazioni materiali, nonostante la dismissione e l ammortamento, aumentano per effetto dell acquisto del nuovo impianto del costo storico di euro; il leverage peggiora a 2,5. Stimando che il totale degli impieghi aumenti per effetto dell avvio della nuova produzione, e ipotizzando il valore a euro, abbiamo: /x = 2,5, da cui x = eurocapitale proprio, che contabilizza complessivi accantonamenti a riserva per euro; i debiti a medio/lungo termine aumentano per effetto dell emissione del prestito obbligazionario, comprendendo ora la quota del prestito rimborsabile oltre l esercizio successivo, cioè euro; la voce Ratei e risconti attivi comprende il disaggio sul prestito obbligazionario, il cui importo è al netto della quota di ammortamento: euro ( ) = euro. La voce Ratei e risconti passivi comprende il solo rateo sul prestito obbligazionario; il ROE aumenta al 5,50%. Dato un capitale proprio di euro: x/ = 0,055, quindi x = euro utile di esercizio; il ROI aumenta di due punti, quindi è pari a 9%: x/ = 0,09, da cui x = euro reddito operativo; gli altri ricavi e proventi registrano la plusvalenza realizzata con la cessione del vecchio impianto per euro; la gestione finanziaria presenta un risultato negativo maggiore rispetto all esercizio precedente per effetto del maggiore indebitamento;

9 ATTIVITÀ DIDATTICHE 9 l indice di liquidità secondaria, pari al rapporto: Crediti + Liquidità/Debiti a breve, anche non tenendo conto della delibera di distribuzione degli utili, è inferiore a 1, denotando una certa tensione nei pagamenti a breve. Possiamo inoltre ipotizzare che: dato che l impresa ha più di 49 dipendenti, per i lavoratori che non hanno optato per il fondo pensione, il Trattamento di fine rapporto deve essere versato al Fondo INPS. Quindi il Trattamento di fine rapporto aumenta solamente per la rivalutazione dei Debiti per TFR preesistenti al netto della ritenuta fiscale 11%. Ipotizzando un coefficiente di rivalutazione del 2,5% e nessun pensionamento, abbiamo: euro ( ,5%) = euro rivalutazione TFR esistente euro ( %) = ,50 euro ritenuta fiscale su rivalutazione euro ( , ,50) = ,50 euro rivalutazione netta TFR; i debiti a breve termine aumentano per effetto dell incremento della produzione; anche i crediti aumentano, per effetto dell espansione dell attività produttiva; il ROS aumenta al 10% per effetto della migliorata efficienza produttiva connessa all acquisto del nuovo impianto tecnologicamente più avanzato. Quindi /x = 0,10, da cui x = euro ricavi di vendita, con un aumento notevole sull esercizio precedente per effetto del lancio del nuovo prodotto; i costi di produzione aumentano per effetto dell espansione dell attività produttiva, in particolare i costi per materie prime e i costi per servizi per effetto di una campagna pubblicitaria intrapresa per il lancio del nuovo prodotto; le rimanenze aumentano per effetto dell espansione dell attività produttiva, come da allegato prospetto della Nota integrativa: Variazioni intervenute nelle rimanenze Descrizione Valori al 31/12/n Aumenti Diminuzioni Valori al 31/12/n1 Materie prime Semilavorati Prodotti finiti Totali Dato che le rimanenze al 31/12/n costituiscono le esistenze iniziali dell esercizio n1, possiamo calcolare la variazione delle rimanenze da iscrivere in Conto economico: euro ( ) = euro variazione delle rimanenze di semilavorati e prodotti finiti euro ( ) = euro variazione delle rimanenze di materie prime la gestione straordinaria ha ancora un peso irrilevante nella determinazione del reddito di esercizio.

10 ATTIVITÀ DIDATTICHE 10 Stato patrimoniale sintetico al 31/12/n1 ATTIVO PASSIVO anno n1 anno n1 A) Crediti verso soci B) Immobilizzazioni Immateriali Materiali C) Attivo circolante Rimanenze Crediti Disponibilità liquide D) Ratei e risconti (di cui disaggio su prestiti ) A) Patrimonio netto - Capitale sociale - Riserve - Utile d esercizio Totale patrimonio netto B) Fondi per rischi e oneri C) Trattamento di fine rapporto D) Debiti (di cui scadenti oltre l esercizio successivo) E) Ratei e risconti Totale attivo Totale passivo

11 ATTIVITÀ DIDATTICHE 11 Conto economico sintetico esercizio n1 A) Valore della produzione Ricavi delle vendite e delle prestazioni Variazione delle rimanenze di semilavorati e prodotti finiti Altri ricavi e proventi Totale A) B) Costi della produzione Costi per materie prime Costi per servizi Costi per il personale Ammortamenti e svalutazioni Variazioni delle rimanenze di materie prime Accantonamenti per rischi e oneri Totale B) Differenza tra valore e costi della produzione (A B) C) Proventi e oneri finanziari Proventi Oneri Totale C) E) Proventi e oneri straordinari Proventi Oneri Totale E) Risultato prima delle imposte Imposte dell esercizio Utile dell esercizio anno n

12 ATTIVITÀ DIDATTICHE 12 Svolgimento del tema di maturità 1. Prospetti della nota integrativa Movimenti intervenuti nelle voci del patrimonio netto Descrizione Capitale sociale Riserva legale Riserva statutaria Riserva straordinaria Utile d esercizio Totali Importi al 31/12/n Destinazione utile esercizio n: a riserve dividendi Utile 31/12/n Importi al 31/12/n La riserva legale è pari alla percentuale di legge, il 5% dell utile di esercizio. Si ipotizza inoltre un capitale sociale formato da di azioni da 12 euro nominali e un dividendo di 0,41 euro per azione. La Castel spa, tenendo conto dell investimento nell acquisto del nuovo impianto, effettua un accantonamento a riserva straordinaria più elevato, pur mantenendo la distribuzione di dividendi, opportuna in quanto la società è quotata in mercati regolamentati. Movimenti intervenuti nelle immobilizzazioni immateriali Immobilizzazioni immateriali Costo originario Fondo ammortamento Valore di bilancio Costi di ricerca e sviluppo Valore al 31/12/n Ammortamento 20% su Valore al 31/12/n Brevetti Valore al 31/12/n Ammortamento 10% su Valore al 31/12/n

13 ATTIVITÀ DIDATTICHE 13 Movimenti intervenuti nelle immobilizzazioni materiali Immobilizzazioni materiali Costo originario Fondo ammortamento Valore di bilancio Fabbricati (industriali) Valore al 31/12/n (valore dell area ) Ammortamento 2% su Valore al 31/12/n Impianti e macchinari Valore al 31/12/n Alienazioni (inizio aprile) storno fondo ricavo realizzo plusvalenza Acquisti (inizio aprile) Ammortamento 12,50% 9/12 su Ammortamento 12,50% su Valore al 31/12/n Attrezzature industriali e commerciali Valore al 31/12/n Ammortamento 10% su Valore al 31/12/n Altri beni (automezzi) Valore al 31/12/n Ammortamento 15% su Valore al 31/12/n Nel Conto economico al 31/12/n1 gli ammortamenti corrispondono alla somma di tutti gli ammortamenti registrati in Nota Integrativa, a cui va aggiunta la svalutazione prudenziale dei crediti: euro ( ) = euro totale ammortamenti euro ( %) = euro svalutazione prudenziale dei crediti euro ( ) = euro importo voce Ammortamenti e svalutazioni

14 ATTIVITÀ DIDATTICHE 14 Movimenti intervenuti nelle passività consolidate Descrizione Importi al 31/12/n Aumenti Diminuzioni Importi al 31/12/n Debiti per TFR Debiti v/banche a medio termine Prestiti obbligazionari Nello Stato patrimoniale il totale delle passività consolidate corrisponde alla somma del Trattamento di fine rapporto e dei debiti scadenti oltre l esercizio successivo: euro ( ) = euro totale passività consolidate 2. IRES dell esercizio L IRES (Imposta sul reddito delle società) viene determinata applicando l aliquota 27,50% sul reddito imponibile delle persone giuridiche, calcolato apportando le rettifiche fiscali, in aumento e/o diminuzione, al reddito lordo d esercizio. Il TUIR, infatti, a differenza del codice civile che detta norme di valutazione ispirate al principio della prudenza, si pone l obiettivo di determinare un reddito da assoggettare a tassazione uniforme per le diverse imprese, certo e oggettivamente verificabile, ispirandosi ai seguenti principi: inerenza dei costi alla produzione del reddito, cioè un costo, per poter essere deducibile, deve essere strettamente legato allo svolgimento dell attività aziendale; competenza fiscale dei costi e ricavi rispetto all esercizio del quale si vogliono determinare le imposte; certezza dei costi, cioè un costo, per poter essere dedotto, deve essere documentato; iscrizione in bilancio dei costi che vengono portati in deduzione; imputabilità specifica, cioè un costo può essere dedotto se riferito a un attività di gestione da cui derivano ricavi e costi che formano il reddito d impresa. Nell esempio considerato, quindi, la base di partenza è il reddito lordo dell esercizio n1, cioè euro, al quale vengono apportate rettifiche fiscali inerenti: a. la svalutazione dei crediti; b. l ammortamento; c. le plusvalenze. a) Svalutazione dei crediti Secondo il TUIR, le svalutazioni dei crediti commerciali sono deducibili in ciascun esercizio nel limite massimo dello 0,50% del valore nominale dei crediti stessi. Se tuttavia in un esercizio l ammontare complessivo delle svalutazioni dedotte supera il 5% del valore dei crediti, l eccedenza concorre a formare il reddito fiscale dello stesso esercizio. I crediti iscritti in bilancio al 31/12/n1 ammontano a euro, di cui euro siano quelli di natura commerciale, per i quali il fisco ammette la deducibilità dello 0,50%. Abbiamo visto che l impresa ha calcolato una svalutazione civilistica, tenendo conto del presunto valore di realizzo dei crediti, del 5%. Il fondo rischi su crediti fiscale ammonti a euro. Quindi: euro ( %) = euro euro ( ,50%) = euro euro ( %) = euro euro ( ) = euro svalutazione crediti iscritta in bilancio svalutazione fiscalmente ammessa importo massimo del fondo rischi su crediti fiscale importo del fondo rischi su crediti fiscale

15 ATTIVITÀ DIDATTICHE 15 Svolgimento del tema di maturità Il fondo rischi su crediti fiscale, anche tenendo conto dell accantonamento dello 0,50%, è inferiore al limite massimo consentito. Quindi, il componente positivo di reddito fiscale viene calcolato solamente per le svalutazioni civilistiche eccedenti le massime svalutazioni fiscali consentite: euro ( ) = euro componente positivo di reddito fiscale riferito alla svalutazione crediti b) Ammortamento Il TUIR detta norme precise per ciascun cespite da ammortizzare, stabilendo periodi di ammortamento e coefficienti. In particolare, per quanto riguarda le immobilizzazioni immateriali presenti nello Stato patrimoniale della Castel spa: i costi di ricerca e sviluppo possono essere ammortizzati per quote costanti nell esercizio stesso e nei successivi, ma non oltre il quarto. In pratica, per essi il fisco stabilisce un periodo massimo di ammortamento di 5 anni (coefficiente 20%), coincidente con quanto stabilito dal codice civile per gli oneri pluriennali, che parimenti devono essere ammortizzati in un periodo non superiore a 5 anni. Quindi, come da Nota integrativa, dato che l ammortamento è stato effettuato al 20% e l ammortamento civile corrisponde all ammortamento fiscale, non viene rilevato alcun componente positivo o negativo; i brevetti sono fiscalmente deducibili in misura non superiore al 50% del costo storico. Il codice civile stabilisce che i brevetti siano ammortizzati in base alla loro durata economica. Nell esempio considerato, i brevetti vengono ammortizzati in un periodo di 10 anni, che rientra ampiamente nel periodo massimo consentito dal fisco. Quindi, anche per i brevetti, non viene rilevato alcun componente di reddito fiscale. Per quanto riguarda le immobilizzazioni materiali, come detto, le quote di ammortamento sono deducibili a partire dall esercizio di entrata in funzione del bene se sono calcolate in misura non superiore a quella derivante dall applicazione di appositi coefficienti, diversi da settore a settore, stabiliti in un apposita tabella approvata con decreto del Ministero dell Economia e delle Finanze. Nel primo esercizio di entrata in funzione del bene il coefficiente viene ridotto della metà. L ammortamento dei fabbricati va calcolato applicando il coefficiente di ammortamento al costo originario del cespite al netto del valore attribuito all area edificata. Per calcolare l ammortamento fiscale il valore attribuito a tale area non può essere inferiore al 20% del costo complessivo dello stesso fabbricato (30% se il fabbricato è industriale). Tenendo conto dei coefficienti civili esposti nella Nota integrativa e ipotizzando i coefficienti fiscali, possiamo costruire la seguente tabella: Bene strumentale Coeffic. di ammort. civile Coeffic. di ammort. fiscale Ammortamento civile Ammortamento fiscale Componente di reddito fiscale Fabbricati industriali ( 1 ) 2% 2% % = Impianti e macchinario 12,50% 12,50% ,50% = ,25% = Attrezzature 10% 10% % = Automezzi 15% 12,50% ,50% = Totale componenti positivi reddito fiscale ( 1 ) Il costo attribuito all area edificabile non può essere fiscalmente inferiore al 30% del costo complessivo del fabbricato. Quindi: euro ( %) = euro euro ( ) = euro valore fiscale ammortizzabile

16 ATTIVITÀ DIDATTICHE 16 c) Plusvalenze Secondo il TUIR le plusvalenze concorrono a formare il reddito fiscale interamente nell esercizio in cui sono state realizzate oppure, a scelta del contribuente, se i beni dai quali derivano sono stati posseduti per un periodo non inferiore a 3 anni, in quote costanti nello stesso esercizio e nei successivi, ma non oltre il quarto. Supponendo che la Castel spa decida di ripartire la plusvalenza in cinque esercizi, avremo: euro ( : 5) = euro quota annua di tassazione della plusvalenza Quindi, per il calcolo del reddito fiscale, il reddito di bilancio deve subire una variazione in diminuzione per l intero importo della plusvalenza ( euro) e una variazione in aumento per la quota fiscalmente di competenza (2.000 euro). d) Calcolo dell IRES Calcoliamo il reddito fiscale e su di esso applichiamo la percentuale 27,50%: euro ( ) = euro euro ( ,50%) = ,63 euro reddito fiscale IRES dovuta

PATRIMONIALIZZAZIONE DEI COSTI, BILANCIO CON DATI A SCELTA, INDICI DI BILANCIO, PROSPETTI DELLA NOTA INTEGRATIVA, ANTICIPO SU FATTURE

PATRIMONIALIZZAZIONE DEI COSTI, BILANCIO CON DATI A SCELTA, INDICI DI BILANCIO, PROSPETTI DELLA NOTA INTEGRATIVA, ANTICIPO SU FATTURE Tema d esame PATRIMONIALIZZAZIONE DEI COSTI, BILANCIO CON DATI A SCELTA, INDICI DI BILANCIO, PROSPETTI DELLA NOTA INTEGRATIVA, ANTICIPO SU FATTURE di Stefano RASCIONI ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI

Dettagli

Svolgimento Tema di Economia d azienda

Svolgimento Tema di Economia d azienda Svolgimento a cura di Lucia Barale Pag. 1 a 10 Esame di Stato 2015 Indirizzi: Tecnico della Gestione Aziendale ad Indirizzo Linguistico Tecnico della Gestione Aziendale ad Indirizzo Informatico Svolgimento

Dettagli

www.net4students.org Pag. 1

www.net4students.org Pag. 1 TOMO 1-5. SOCIETÀ DI CAPITALI: FINANZIAMENTI A TITOLO DI CAPITALE DI DEBITO 5.2 confronto tra prestito obbligazionario e mutuo passivo Piano di ammortamento finanziario del prestito obbligazionario Anni

Dettagli

CORSO SPERIMENTALE - Progetto "BROCCA"

CORSO SPERIMENTALE - Progetto BROCCA ITC CORSO SPERIMENTALE - Progetto "BROCCA" Anno 24 Tema di: ECONOMIA AZIENDALE La contabilità generale si fonda sul quadro dei conti e sulle note illustrative che spiegano il loro funzionamento. Il candidato

Dettagli

SVOLGIMENTO TIPOLOGIA C

SVOLGIMENTO TIPOLOGIA C SVOLGIMENTO Una società per azioni che produce mobili in legno al termine dell esercizio n presenta una situazione di difficoltà: L esercizio si è chiuso con una perdita di 300.000 euro che ha portato

Dettagli

bilancio sintetico a stati comparati, Rendiconto finanziario, portafoglio sbf

bilancio sintetico a stati comparati, Rendiconto finanziario, portafoglio sbf Temi in preparazione alla maturità Analisi di bilancio, bilancio sintetico a stati comparati, Rendiconto finanziario, decisioni aziendali, portafoglio sbf di Rossana MANELLI ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIA:

Dettagli

ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING

ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING Temi in preparazione alla maturità ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Materie: Economia aziendale (Classe 5 a Istituto Tecnico e Istituto

Dettagli

Il bilancio d esercizio

Il bilancio d esercizio ESAME DI STATO 2005 - TEMA DI ECONOMIA AZIENDALE - INDIRIZZO IGEA di Monica Ceccherelli Il bilancio d esercizio Il bilancio d esercizio è il principale documento di sintesi redatto per dare informazioni

Dettagli

Esercitazione n. 24. Lidia Sorrentino

Esercitazione n. 24. Lidia Sorrentino Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 24 Analisi per flussi: il rendiconto finanziario Conoscenza: componenti di reddito monetari e componenti di reddito non monetari; flussi corrispondenti

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE SCRITTURE DI RETTIFICA E ASSESTAMENTO 1 LA COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO Dalla raccolta delle informazioni contabili alla loro sintesi L esercizio La competenza

Dettagli

Esame di Stato 2014 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale

Esame di Stato 2014 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale Esame di Stato 2014 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale Il tema assegnato per la seconda prova di Economia aziendale (nell'indirizzo Giuridico

Dettagli

Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale

Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale Il tema assegnato per la seconda prova di Economia aziendale nell'indirizzo I.G.E.A. è incentrato sulla differenza tra reddito

Dettagli

GESTIONE dei CESPITI- 20 Ottobre 2015 Docente: Dott.ssa SARA BONINSEGNA - Studio Boninsegna Commercialisti Associati GESTIONE DEI CESPITI

GESTIONE dei CESPITI- 20 Ottobre 2015 Docente: Dott.ssa SARA BONINSEGNA - Studio Boninsegna Commercialisti Associati GESTIONE DEI CESPITI GESTIONE dei CESPITI- 20 Ottobre 2015 Docente: Dott.ssa SARA BONINSEGNA - Studio Boninsegna Commercialisti Associati PROGRAMMA DEL CORSO CESPITI - TERZA PARTE Gestione dei cespiti Le immobilizzazioni materiali

Dettagli

Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento

Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento Tracce di temi 2010 Scuola Duemila 1 Traccia n. 5 Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento Walter Roverelli Sulla base del seguente bilancio di verifica al 31/12/n, redatto

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

RAGIONERIA GENERALE 10 CFU Simulazione

RAGIONERIA GENERALE 10 CFU Simulazione Prof. Stefano Coronella Cognome: Nome: Matricola: Aula: Documento identità (tipo e numero; basta anche il solo libretto universitario) Rilasciato da: Firma Rilasciato il: Segnare con una l unica risposta

Dettagli

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici Tracce di temi 2010 Scuola Duemila 1 Traccia n. 1 Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir tire e da indici Olivia Leone Il candidato illustri brevemente quali sono i principali vincoli da

Dettagli

Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo Igea

Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo Igea tema 14 Controllo di gestione; costi di produzione per commessa. Bilancio con dati a scelta, budget e Nota integrativa. Analisi di bilancio per indici. Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo

Dettagli

Parte Seconda Le prove precedentemente assegnate all esame di Stato

Parte Seconda Le prove precedentemente assegnate all esame di Stato Parte Seconda Le prove precedentemente assegnate all esame di Stato La traccia Il candidato illustri le differenze tra reddito d esercizio e flusso di risorse generato dalla gestione reddituale. Presenti,

Dettagli

Gli ammortamenti anticipati dei beni materiali

Gli ammortamenti anticipati dei beni materiali Gli ammortamenti anticipati dei beni materiali di Luciano Olivieri SOMMARIO Pag. riore alla metà dei coefficienti presi a base per il calcolo degli ammortamenti. 1. Premessa 2. La deducibilità degli ammortamenti

Dettagli

ESERCITAZIONE: CONTABILITA E BILANCIO

ESERCITAZIONE: CONTABILITA E BILANCIO ESERCITAZIONE: CONTABILITA E BILANCIO L Alba Spa è società svolgente attività industriale e al 31/12/n prima di procedere alle scritture di assestamento di bilancio presenta le seguenti situazioni contabili:

Dettagli

RAGIONERIA GENERALE 10 CFU Simulazione

RAGIONERIA GENERALE 10 CFU Simulazione Prof. Stefano Coronella Cognome: Nome: Matricola: Aula: Documento identità (tipo e numero; basta anche il solo libretto universitario) Rilasciato da: Firma Rilasciato il: Segnare con una X l unica risposta

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo

Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo Tracce di temi 2013 Scuola Duemila 1 Traccia n. 1 Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo Michele Devastato A fronte di una crisi che ha investito l intero settore, l impresa industriale

Dettagli

Analisi di bilancio per indici

Analisi di bilancio per indici Analisi di bilancio per indici Al 31/12/n la Carrubba spa, svolgente attività industriale, presenta la seguente situazione contabile finale: SITUAZIONE PATRIMONIALE Software 20.000,00 Fondo ammortamento

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale 2006

Commento al tema di Economia aziendale 2006 Commento al tema di Economia aziendale 2006 Il tema proposto per la prova di Economia aziendale negli Istituti Tecnici Commerciali è incentrato sulla gestione finanziaria dell impresa ed è articolato in

Dettagli

Beni strumentali: trattamento contabile nel bilancio e inserimento nella dichiarazione dei redditi

Beni strumentali: trattamento contabile nel bilancio e inserimento nella dichiarazione dei redditi Beni strumentali: trattamento contabile nel bilancio e inserimento nella dichiarazione dei redditi Esercitazione di economia aziendale per la classe quinta ITC All inizio dell esercizio n i beni strumentali

Dettagli

TEA68TFI. materiali didattici per la seconda prova scritta delle discipline economico-aziendali COMPETENZE

TEA68TFI. materiali didattici per la seconda prova scritta delle discipline economico-aziendali COMPETENZE TEA68TFI materiali didattici per la seconda prova scritta delle discipline economico-aziendali COMPETENZE Istituti Tecnici - Settore Economico Indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing TEMA DI ECONOMIA

Dettagli

Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico

Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico per la classe 4 a Istituti tecnici e Istituti professionali 01. Crediti verso soci per versamenti

Dettagli

I prestiti obbligazionari. 23 marzo 2011

I prestiti obbligazionari. 23 marzo 2011 I prestiti obbligazionari 23 marzo 2011 1 Il prestito obbligazionario definizione Mediante il prestito obbligazionario le società per azioni e in accomandita per azioni ottengono finanziamenti a medio

Dettagli

Biblioteca di Economia aziendale. per il secondo biennio e il quinto anno. Istituti tecnici del settore economico

Biblioteca di Economia aziendale. per il secondo biennio e il quinto anno. Istituti tecnici del settore economico Biblioteca di Economia aziendale PIANO DEI CONTI DI UN IMPRESA INDUSTRIALE IN FORMA DI SOCIETÀ PER AZIONI Documento Piano dei conti BILANCIO DI UN IMPRESA INDUSTRIALE IN FORMA DI SOCIETÀ PER AZIONI STATO

Dettagli

ESERCITAZIONE DI CONTABILITÀ GENERALE

ESERCITAZIONE DI CONTABILITÀ GENERALE ESERCITAZIONE DI CONTABILITÀ GENERALE RIPASSO GENERALE DELLE REGOLE DI PARTITA DOPPIA NON È MATERIALE DIDATTICO DA STUDIARE AI FINI DEL CORSO DI ECONOMIA DELLE OPERAZIONI STRAORDINARIE D'IMPRESA A.A. 2010/2011

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Sessione ordinaria 2012 Seconda prova scritta Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca M730 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: GIURIDICO ECONOMICO

Dettagli

PROVE SCRITTE ESAME DI STATO DOTTORE COMMERCIALISTA I SESSIONE 2009

PROVE SCRITTE ESAME DI STATO DOTTORE COMMERCIALISTA I SESSIONE 2009 PROVE SCRITTE ESAME DI STATO DOTTORE COMMERCIALISTA TRACCIA N. 1 I SESSIONE 2009 I P R O V A S C R I T T A Illustri il candidato la funzione di controllo contabile es art. 2409 ter, c.c., soffermandosi

Dettagli

AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI

AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI 1 L AMMORTAMENTO (NOZIONE GIURIDICA) il costo delle immobilizzazioni, materiali ed immateriali, la cui utilizzazione è limitata nel tempo

Dettagli

ESERCIZIO N.1. Sia dato il seguente Stato Patrimoniale della società Fraxa alla chiusura dell esercizio 2001

ESERCIZIO N.1. Sia dato il seguente Stato Patrimoniale della società Fraxa alla chiusura dell esercizio 2001 ESERCIZIO N.1 Sia dato il seguente Stato Patrimoniale della società Fraxa alla chiusura dell esercizio 2001 Stato Patrimoniale al 31.12.2001 B) IMMOBILIZZAZIONI A) PATRIMONIO NETTO I Immobilizzazioni immateriali

Dettagli

GEsTIonE DEllE risorse umane, bilancio D EsErCIzIo, reddito fiscale, scritture D AssEsTAmEnTo

GEsTIonE DEllE risorse umane, bilancio D EsErCIzIo, reddito fiscale, scritture D AssEsTAmEnTo Temi in preparazione alla maturità GEsTIonE DEllE risorse umane, bilancio D EsErCIzIo, reddito fiscale, scritture D AssEsTAmEnTo di riccardo VAnDA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 materia: EConomIA D AzIEnDA (Classe

Dettagli

Indirzzo: Giuridico Economico Aziendale Progetto IGEA

Indirzzo: Giuridico Economico Aziendale Progetto IGEA Indirzzo: Giuridico Economico Aziendale Progetto IGEA Anno 1999 Tema di Economia Aziendale Traccia La riduzione dei tassi di interesse e l avanzamento del processo di attuazione dell Unione Europea grazie

Dettagli

METELLIA SERVIZI SRL UNIPERSONALE. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2014. redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c.

METELLIA SERVIZI SRL UNIPERSONALE. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2014. redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c. Sede in CAVA DE' TIRRENI viale GUGLIELMO MARCONI, 52 Capitale Sociale versato e 100.000,00 C.C.I.A.A. SALERNO n. R.E.A317123 Partita IVA: 03734100658 Codice Fiscale: 03734100658 Nota Integrativa al bilancio

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale

Commento al tema di Economia aziendale Commento al tema di Economia aziendale Il tema di Economia aziendale proposto negli Istituti Tecnici è incentrato sulla crisi finanziaria ed è articolato in una parte obbligatoria e tre percorsi alternativi

Dettagli

Le operazioni caratteristiche delle società per azioni

Le operazioni caratteristiche delle società per azioni IISS BOSELLI ALBERTI PERTINI VARAZZE CLASSE 4^G VERIFICA DI ECONOMIA AZIENDALE Le operazioni caratteristiche delle società per azioni COSTITUZIONE, DESTINAZIONE DELL UTILE, COPERTURA DELLA PERDITA Anno

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Esame di Stato 2013 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale

Esame di Stato 2013 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale Esame di Stato 2013 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale Il tema assegnato per la seconda prova di Economia aziendale (nell'indirizzo Giuridico

Dettagli

OPERAZIONI DI INVESTIMENTO PLURIENNALE: Accadimenti e Alienazione

OPERAZIONI DI INVESTIMENTO PLURIENNALE: Accadimenti e Alienazione OPERAZIONI DI INVESTIMENTO PLURIENNALE: Accadimenti e Alienazione Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo Milano, febbraio 2013 Le operazioni di investimento pluriennale: gli accadimenti e l alienazione

Dettagli

Simulazione di seconda prova sulla base del tema di esame dell anno 1999

Simulazione di seconda prova sulla base del tema di esame dell anno 1999 Simulazione di seconda prova sulla base del tema di esame dell anno 1999 L impresa industriale Geltax S.p.A. con capitale sociale di euro 400.000 e un fatturato dell importo di euro 3.852.000 nell esercizio

Dettagli

A) VALORE DELLA PRODUZIONE

A) VALORE DELLA PRODUZIONE CONTO ECONOMICO A) VALORE DELLA PRODUZIONE: 1) Ricavi delle vendite e delle prestazioni merci conto vendite - resi su vendite - ribassi e abbuoni passivi 2) Variazioni delle rimanenze di prodotti in corso

Dettagli

ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: GIURIDICO ECONOMICO AZIENDALE

ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: GIURIDICO ECONOMICO AZIENDALE Sessione ordinaria 2006 Seconda prova scritta ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: GIURIDICO ECONOMICO AZIENDALE Tema di: ECONOMIA AZIENDALE La funzione finanza

Dettagli

Le operazioni di investimento pluriennale: il processo di ammortamento IMMOBILIZZAZIONI - MATERIALI - IMMATERIALI

Le operazioni di investimento pluriennale: il processo di ammortamento IMMOBILIZZAZIONI - MATERIALI - IMMATERIALI Le operazioni di investimento pluriennale: il processo di ammortamento ATTIVITÀ PASSIVITÀ IMMOBILIZZAZIONI - MATERIALI - IMMATERIALI valutazione F definizione del valore iniziale F determinazione della

Dettagli

CONTO SALDI DARE AVERE

CONTO SALDI DARE AVERE Simulazione n. 1 La situazione dei conti al 30/11/2014 della società Even Srl che svolge attività mercantile, presenta i seguenti saldi: CONTO SALDI DARE AVERE Attrezzature 200.000,00 Banca di Roma c/c

Dettagli

BREA ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE. Indirizzo: Economia aziendale Progetto Brocca Corso sperimentale

BREA ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE. Indirizzo: Economia aziendale Progetto Brocca Corso sperimentale BREA ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE Indirizzo: Economia aziendale Progetto Brocca Corso sperimentale Tema di: Economia aziendale L impresa Pomodori S.p.A. di Napoli, azienda leader del

Dettagli

Note didattiche I Prestiti Obbligazionari

Note didattiche I Prestiti Obbligazionari Note didattiche I Prestiti Obbligazionari 18 marzo 2008 1 Il prestito obbligazionario: definizione Mediante il prestito obbligazionario le società per azioni e in accomandita per azioni ottengono finanziamenti

Dettagli

Analisi per flussi. 1. Considerazioni generali

Analisi per flussi. 1. Considerazioni generali Capitolo 8 Analisi per flussi 1. Considerazioni generali Il rendiconto finanziario è un prospetto che raggruppa, in relazione a determinati scopi di formazione, le variazioni (flussi) intervenute nella

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL VIA PALLODOLA 23 19038 - SARZANA (SP) CODICE FISCALE 00148620115 CAPITALE SOCIALE EURO 844.650 BILANCIO DI ESERCIZIO CHIUSO AL 31.12.2013 Nota integrativa La presente

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 8 II) SCRITTURE DI GESTIONE G) Relative alle immobilizzazioni E sopravvenienze e insussistenze 20 novembre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale

Dettagli

Esame di Stato anno scolastico 2012/2013 Svolgimento Tema di Economia aziendale

Esame di Stato anno scolastico 2012/2013 Svolgimento Tema di Economia aziendale Esame di Stato anno scolastico 2012/2013 Svolgimento Tema di Economia aziendale La traccia assegnata come seconda prova di Economia aziendale (nell'indirizzo Giuridico Economico Aziendale) è incentrato

Dettagli

SOCIOSANITARIA SONNINESE S.R.L. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2009

SOCIOSANITARIA SONNINESE S.R.L. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2009 SOCIOSANITARIA SONNINESE S.R.L. Reg. Imp. 02329330597 Rea 162878 Sede in PIAZZA GARIBALDI SNC - 04010 SONNINO (LT) Capitale sociale Euro 10.000,00 i.v. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2009

Dettagli

Traccia n. 1. Prospetto dei conti al 31 dicembre. Eccedenze

Traccia n. 1. Prospetto dei conti al 31 dicembre. Eccedenze Traccia n. 1 1. Il Candidato compili la Situazione Contabile dell impresa «Omega SpA», tenendo conto che il prospetto contabile di seguito presentato è stato redatto dopo la prima e la seconda fase dell

Dettagli

Capitolo undicesimo I PRESTITI OBBLIGAZIONARI

Capitolo undicesimo I PRESTITI OBBLIGAZIONARI Capitolo undicesimo I PRESTITI OBBLIGAZIONARI 11.1. Il prestito obbligazionario: aspetti giuridici ed economicoaziendali Il prestito obbligazionario rappresenta una modalità di finanziamento a medio-lungo

Dettagli

Esame di Stato anno scolastico 2013/2014 Svolgimento Tema di Economia aziendale

Esame di Stato anno scolastico 2013/2014 Svolgimento Tema di Economia aziendale Esame di Stato anno scolastico 2013/2014 Svolgimento Tema di Economia aziendale La traccia assegnata come seconda prova di Economia aziendale nell'indirizzo Giuridico Economico Aziendale è focalizzata

Dettagli

Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1. Esercitazione n. 11. Lidia Sorrentino

Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1. Esercitazione n. 11. Lidia Sorrentino Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 11 Scritture di gestione; scritture di assestamento, epilogo, chiusura; Situazione contabile finale; bilancio d esercizio Conoscenza: natura

Dettagli

PIANO DEI CONTI DI UNA SOCIETÀ PER AZIONI (CON ATTIVITÀ INDUSTRIALE)

PIANO DEI CONTI DI UNA SOCIETÀ PER AZIONI (CON ATTIVITÀ INDUSTRIALE) PIANO DEI CONTI DI UNA SOCIETÀ PER AZIONI (CON ATTIVITÀ INDUSTRIALE) 00.00 CREDITI V/SOCI 00.01 Azionisti c/sottoscrizione 00.02 Azionisti c/versamenti richiamati 00.05 Azionisti c/reintegro 01.00 IMMOBILIZZAZIONI

Dettagli

Calcolo e commento dei principali indici di bilancio

Calcolo e commento dei principali indici di bilancio Esercitazioni svolte 2014 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 10 Calcolo e commento dei principali indici di bilancio Antonia Mente COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE Interpretare i sistemi aziendali nei loro

Dettagli

Quadro dei conti di un azienda industriale in forma di s.p.a. e raccordo conlevoci di Stato patrimoniale e Conto economico

Quadro dei conti di un azienda industriale in forma di s.p.a. e raccordo conlevoci di Stato patrimoniale e Conto economico Quadro dei conti di un azienda industriale in forma di s.p.a. e raccordo conlevoci di Stato patrimoniale e Conto economico Quadro dei conti Voci di: Stato patrimoniale (art. 2424 c.c.) Conto economico

Dettagli

SITUAZIONE ECONOMICA FINALE

SITUAZIONE ECONOMICA FINALE SITUAZIONE ECONOMICA FINALE materie prime c/acquisti 2.., prodotti c/vendite 2.5., costi di trasporto 5., lavori su ordinazione 3., fitti passivi 2., materie prime c/rimanenze finali 25., salari e stipendi

Dettagli

SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O

SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O Sede in SPEZZANO DELLA SILA Codice Fiscale 02328170788 - Numero Rea COSENZA 157898 P.I.: 02328170788 Capitale Sociale Euro 42.400 i.v. Forma giuridica: SOCIETA'

Dettagli

Riclassificazione del bilancio d esercizio

Riclassificazione del bilancio d esercizio Esercitazioni svolte 2014 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 9 Riclassificazione del bilancio d esercizio Marcella Givone COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE Individuare e accedere alla normativa pubblicistica,

Dettagli

SCHEMA DI SVOLGIMENTO. Revisione legale dei conti: soggetti obbligati e principi di revisone. La relazione di revisione.

SCHEMA DI SVOLGIMENTO. Revisione legale dei conti: soggetti obbligati e principi di revisone. La relazione di revisione. TEMA N. 3 L istituto della revisione legale dei conti (TRACCIA ASSEGNATA ALL UNIVERISTÀ DI VERONA - I SESSIONE 2010) SCHEMA DI SVOLGIMENTO Revisione legale dei conti: soggetti obbligati e principi di revisone.

Dettagli

La gestione dei beni strumentali

La gestione dei beni strumentali Albez edutainment production La gestione dei beni strumentali Classe IV ITC 1 In questo modulo: Le modalità di acquisizione dei beni strumentali; Beni strumentali e bilancio; Ammortamento dei beni strumentali

Dettagli

ACQUISTO ED UTILIZZO DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI

ACQUISTO ED UTILIZZO DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI ACQUISTO ED UTILIZZO DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Le IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI sono: FATTORI PRODUTTIVI AD UTILIZZO PLURIENNALE «STRUMENTI» DEL PROCESSO PRODUTTIVO Le immobilizzazioni incorporano

Dettagli

Tema n. 1 1 quesito: Prospetto 1

Tema n. 1 1 quesito: Prospetto 1 Tema n. 1 In data 31/12/02 si decide lo scorporo di un ramo d azienda dalla società Gamma S.p.A. - che ha i- niziato la propria attività in data 1/1/1995 - ed il suo successivo conferimento nella società

Dettagli

Società per azioni: concetti essenziali; riparto utili; aumento di capitale Esercitazione per la 4ª classe ITC e IPSC

Società per azioni: concetti essenziali; riparto utili; aumento di capitale Esercitazione per la 4ª classe ITC e IPSC Società per azioni: concetti essenziali; riparto utili; aumento di capitale Esercitazione per la 4ª classe ITC e IPSC Lidia Sorrentino OBIETTIVI Verificare la conoscenza delle principali problematiche

Dettagli

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE GARA NAZIONALE PROGETTO MERCURIO - ANNO 2013 - PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE La prova consiste nello svolgimento di due parti, la parte A e la parte B PARTE A - obbligatoria - ( punti 20 ) Operazioni relative

Dettagli

Calcolo del Reddito Imponibile di una Spa ai fini IRES e IRAP

Calcolo del Reddito Imponibile di una Spa ai fini IRES e IRAP Calcolo del Reddito Imponibile di una Spa ai In base alle risultanze del Conto Economico, e tenendo conto delle le informazioni che seguono, si determini: L imponibile IRES L IRES liquidata (l aliquota

Dettagli

Alla fine dell anno considerato, lo Stato patrimoniale della società risulta il seguente:

Alla fine dell anno considerato, lo Stato patrimoniale della società risulta il seguente: CASO AZIENDALE 1 Costituzione di una spa, apporto di un azienda funzionante, contabilizzazione dell avviamento secondo i principi contabili nazionali e internazionali (IAS 36) di Manuel SALVAGGIO MateriA:

Dettagli

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio Tassonomia XBRL Principi Contabili Italiani Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio VERSIONE OTTOBRE 2014 Tavolo di lavoro società non quotate XBRL Italia Versione: 20141024-1

Dettagli

ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA PRIMA SESSIONE 2005 UNIVERSITA di FERRARA

ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA PRIMA SESSIONE 2005 UNIVERSITA di FERRARA ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA PRIMA SESSIONE 2005 UNIVERSITA di FERRARA Svolgimento della prima prova scritta I temi scelti dalla Commissione

Dettagli

Esercitazioni di economia aziendale (II modulo)

Esercitazioni di economia aziendale (II modulo) Università degli Studi di Pavia Facoltà di Economia Anno Accademico 2012-2013 Esercitazioni di economia aziendale (II modulo) Dario Capittini Economia aziendale - Esercitazioni 1 Il processo di rilevazione

Dettagli

QUADRO DEI CONTI DI UN IMPRESA COMMERCIALE IN FORMA DI SNC

QUADRO DEI CONTI DI UN IMPRESA COMMERCIALE IN FORMA DI SNC QUADRO DEI CONTI DI UN IMPRESA COMMERCIALE IN FORMA DI SNC 00.00 CREDITI V/SOCI 00.01 Socio c/conferimenti 00.10 Socio c/reintegro 00.20 Socio c/prelevamenti 01.00 IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 01.01 Costi

Dettagli

CONSORZIO TURISTICO AREA PISANA società consortile a responsabilità limitata

CONSORZIO TURISTICO AREA PISANA società consortile a responsabilità limitata società consortile a responsabilità limitata Sede Via Pietrasantina c/o Bus Terminal - 56100 PISA (PI) Codice Fiscale, partita IVA e iscrizione Registro Imprese di Pisa n. 0170429 050 9 Repertorio Economico

Dettagli

GARA NAZIONALE SIA 2015 PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE

GARA NAZIONALE SIA 2015 PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE TECNICA E LICEALE Galileo Galilei GARA NAZIONALE SIA 2015 PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE Firenze, 7 maggio 2015 E consentito l uso: - del codice Civile - della calcolatrice

Dettagli

1/1/n+1 Procedere alla riapertura dei conti e allo storno delle rimanenze, dei ratei e deirisconti iniziali

1/1/n+1 Procedere alla riapertura dei conti e allo storno delle rimanenze, dei ratei e deirisconti iniziali ESERCIZIO n. 1 Assestamento, determinazione del reddito e scritture di riapertura Eccedenze Dare Eccedenze Avere Denaro in cassa 4.262,70 Patrimonio Netto 928.690,60 Interessi passivi v/forn. 10.105,20

Dettagli

OPERAZIONI DI INVESTIMENTO & AMMORTAMENTO

OPERAZIONI DI INVESTIMENTO & AMMORTAMENTO OPERAZIONI DI INVESTIMENTO & AMMORTAMENTO Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo Milano, 31 gennaio 2012 Le operazioni di investimento pluriennale: il processo di ammortamento ATTIVITÀ PASSIVITÀ IMMOBILIZZAZIONI

Dettagli

Elaborazione del bilancio d esercizio

Elaborazione del bilancio d esercizio Esercitazioni svolte 2014 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 7 Elaborazione del bilancio d esercizio Antonia Mente COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE Individuare e accedere alla normativa pubblicistica, civilistica

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA ESAMI DI STATO DOTTORI COMMERCIALISTI II SESSIONE 2014 TEMI D ESAME PRIMA PROVA SCRITTA (19/11/2014) TEMA N. 1 Una società di capitali, esercente attività di fonderia, risulta produttivamente articolata

Dettagli

Capitolo 11. Esercizi di contabilità e bilancio di Mario Calderini. Esercizio 1. Una Società, il 31-12-2000 presenta il seguente Stato Patrimoniale.

Capitolo 11. Esercizi di contabilità e bilancio di Mario Calderini. Esercizio 1. Una Società, il 31-12-2000 presenta il seguente Stato Patrimoniale. Capitolo 11 Esercizi di contabilità e bilancio di Mario Calderini Esercizio 1 Una Società, il 31-12-2 presenta il seguente Stato Patrimoniale. Terreni Immobilizzazioni tecniche Immobilizzazioni immateriali

Dettagli

3. CONTABILITA GENERALE

3. CONTABILITA GENERALE 3. CONTABILITA GENERALE II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 1 Scritture di gestione Si distinguono le seguenti rilevazioni contabili: A. scritture relative agli acquisti; B. regolamento

Dettagli

PARTITO DEMOCRATICO DELLA CAMPANIA. Codice fiscale 95098980634 VIA SANTA BRIGIDA, 51-80132 NAPOLI (NA)

PARTITO DEMOCRATICO DELLA CAMPANIA. Codice fiscale 95098980634 VIA SANTA BRIGIDA, 51-80132 NAPOLI (NA) PARTITO DEMOCRATICO DELLA CAMPANIA Codice fiscale 95098980634 VIA SANTA BRIGIDA, 51-80132 NAPOLI (NA) NOTA INTEGRATIVA AL RENDICONTO DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31.12.2013 Gli importi presenti sono espressi

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Sessione ordinaria 2013 Seconda prova scritta Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca M730 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: GIURIDICO ECONOMICO

Dettagli

Schema di stato patrimoniale. Analisi dei contenuti dello stato patrimoniale. Stato patrimoniale - ATTIVO. Stato patrimoniale - ATTIVO

Schema di stato patrimoniale. Analisi dei contenuti dello stato patrimoniale. Stato patrimoniale - ATTIVO. Stato patrimoniale - ATTIVO Analisi dei contenuti dello stato patrimoniale analisi bilancio 1 Schema di stato patrimoniale ATTIVO PASSIVO A) Crediti verso soci A) Patrimonio netto B) Immobilizzazioni B) Fondi per rischi e oneri C)

Dettagli

Imposte sul reddito d esercizio

Imposte sul reddito d esercizio Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 25 novembre 29 Reddito esercizio e reddito fiscale Determinazione del reddito fiscale (IRAP e IRES) Imposte sul reddito d

Dettagli

Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali

Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali Traccia di Economia aziendale di Emanuele Perucci Il candidato, dopo aver sinteticamente illustrato le varie forme di finanziamento

Dettagli

GARA NAZIONALE IGEA - ANNO 2013 -

GARA NAZIONALE IGEA - ANNO 2013 - GARA NAZIONALE IGEA - ANNO 2013 - PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE La prova consiste nello svolgimento di due parti, la parte A e la parte B PARTE A - obbligatoria - ( punti 40 ) Operazioni relative alla S.p.A.:

Dettagli

LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO

LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO Scopo contabilità determinare: Reddito di esercizio Patrimonio di funzionamento Passaggio da valori contabili a valori di bilancio Determinazione della corretta competenza

Dettagli

BENI STRUMENTALI GESTIONE DEL PERSONALE

BENI STRUMENTALI GESTIONE DEL PERSONALE BENI STRUMENTALI 1) In data 02/05/n l industriale Federico Pizzetto stipula un contratto di acquisto di un macchinario con la Vortici srl alle seguenti condizioni: costo complessivo 60.000 euro + iva ordinaria

Dettagli

ALFA SPA. Bilancio al 2014 Gli importi presenti sono espressi in Euro

ALFA SPA. Bilancio al 2014 Gli importi presenti sono espressi in Euro ALFA SPA Sede in Via Medicei 123 - MILANO (MI) 20100 Codice Fiscale 01234567890 - Rea CCIAA 211471 P.I.: 01234567890 Capitale Sociale Euro 101.400 i.v. Forma giuridica: Soc.a responsabilita' limitata A

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Sessione ordinaria 2014 Seconda prova scritta Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca M730 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: GIURIDICO ECONOMICO

Dettagli

Il metodo della partita doppia

Il metodo della partita doppia DISPENSA 4 Economia ed Organizzazione Aziendale Il metodo della partita doppia - Parte II - 1 La tecnica di redazione del bilancio Per la definizione delle varie voci di bilancio è necessario contabilizzare

Dettagli

1) L acquisizione dei beni strumentali

1) L acquisizione dei beni strumentali Parte Seconda: Processi e rilevazioni della gestione caratteristica 1) L acquisizione dei beni strumentali Classificazione. Le immobilizzazioni sono costituite da tutti gli elementi del patrimonio di funzionamento

Dettagli

ESERCIZI DI CONTABILITA PARTE 2

ESERCIZI DI CONTABILITA PARTE 2 ESERCIZI DI CONTABILITA PARTE 2 31/12 La società X fitta un capannone a 10000 annuali. La riscossione avviene il 20/5 di ogni anno, in maniera anticipata. Redigere le scritture. 31/12 La società X fitta

Dettagli

LUMI INDUSTRIES S.R.L.

LUMI INDUSTRIES S.R.L. LUMI INDUSTRIES S.R.L. Sede in RONCADE (TV) - VIA SILE 41 Codice Fiscale 04684500269 - Rea TV TV - 370113 P.I.: 04684500269 Capitale Sociale Euro 116 i.v. Forma giuridica: SRL Bilancio al 31-12-2014 Gli

Dettagli