L UGL PENSIONATI E LA POLITICA CREDITIZIA PER I PENSIONATI DELL INPDAP

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L UGL PENSIONATI E LA POLITICA CREDITIZIA PER I PENSIONATI DELL INPDAP"

Transcript

1 L UGL PENSIONATI E LA POLITICA CREDITIZIA PER I PENSIONATI DELL INPDAP L ho affrontato in CIV il problema dei servizi al pubblico dichiarando: Un altra questione che vorrei affrontare: a pagina 8, ma anche in altre pagine, così come nell istituto, in generale si parla di svolgere un servizio di informazione al pubblico. La mia non è una pignoleria di carattere semantico: ma noi non abbiamo il pubblico a cui rivolgerci, abbiamo i nostri azionisti, che sono coloro i quali hanno versato i contributi, ai quali noi dobbiamo la pensione. Non è pubblico, questo. I pensionati non sono il pubblico al quale dire: se non vi piace, andate da un altra parte. No, il pubblico non c è, qui ci sono coloro i quali hanno diritto a. Leggo anche ciò presuppone, da parte dei cittadini, un adeguata. Dei cittadini? Non dei cittadini, ma ciò presuppone, da parte dei nostri assistiti, ecc. ecc. Sono anche cittadini, logicamente, ma sono gli assistiti. Dobbiamo occuparci prima di tutto, e soltanto, direi, dei nostri pensionati, punto e basta. A parte i dipendenti, che è un altro discorso. L assistenza economica ai pensionati è stata oggetto di un altro mio intervento l : Qui parliamo di ottime iniziative da prendere nei confronti degli anziani e dei pensionati però, per esempio, non c è nulla che riguardi la concessione gratuita di protesi auricolari, occhiali, dentiere, tanto per fare un esempio.

2 Io metterei, come fatto prioritario, l assistenza agli anziani. Cose concrete, che riguardano concretamente i nostri assistiti, i quali hanno diritto di essere aiutati, non solo con la pensione. Il 15 giugno 2004 con la delibera 236, il CIV ha fatto il punto sulle politiche creditizie: POLITICHE CREDITIZIE E POLITICHE SOCIALI ATTIVITA CREDITIZIE In rapporto alle attività creditizie tradizionali, per le quali la legge finanziaria n. 662 del 1996 rafforzava l autonomia di gestione in seno all Inpdap, si dovrà perseguire con autorevolezza e determinazione amministrativa il ripristino della certezza della disponibilità dei fondi. Fino all avvento della cartolarizzazione dei crediti ed attraverso un virtuoso sistema rotativo di autoalimentazione del Fondo speciale per il credito, è stata garantita, negli anni, una equilibrata e soddisfacente gestione delle risorse in grado di soddisfare gran parte delle richieste di prestiti personali diretti e mutui ipotecari per l acquisto della prima abitazione. L attività tradizionale del Credito unificato è tuttora disciplinata dai Testi Unico nn. 180 del 1950 e 1032 del 1973 successivamente integrati dalla legge finanziaria n. 662 del 1996 che istituiva in seno all Inpdap la gestione autonoma del credito e dei servizi sociali nonché dal Decreto ministeriale n. 463 del 1998 che, in forza del principio di sussidiarietà, ha conferito all Istituto la facoltà di ricercare nuove e più avanzate forme di intervento creditizio e sociale a favore degli iscritti in attività di servizio, per quelli cessati dall attività e per i loro figli (art. 1 lettera f dello stesso D.M.). In virtù del principio di autonomia sancito dal nuovo regolamento governativo introdotto dal citato decreto n. 463 del 1998, anche per il credito diretto gli Organi di gestione dovevano ricercare ulteriori forme di intervento non solo per gli iscritti in attività ma anche per quelli cessati dal servizio. Sulla questione si possono individuare iniziative che riguardano, per lo più, alcuni provvedimenti già predeterminati e in corso di attuazione, tra i quali: l avviamento della rinegoziazione dei tassi di interesse relativi ai mutui edilizi concessi alle cooperative ed enti locali fino al 98; l approvazione del testo di Convenzione-quadro con l Istituto di credito Banca nuova relativamente alla concessione di mutui individuali ai soci delle cooperative al fine di consentire l eliminazione delle morosità ancora in atto (deliberazione commissariale n. 217 del

3 6 aprile 2004 di trasferimento del residuo debito dalle cooperative ai singoli soci accollanti). Sono intervenuto anche sul tema, affermando fra l altro: Ho evidenziato che, per l Istituto non esiste un utenza ma i pensionati, i quali hanno versato in anticipo la contribuzione necessaria per conseguire il diritto al trattamento di quiescenza e non debbono essere considerati degli utenti : sono i nostri azionisti, i destinatari dell attività dell INPDAP, Istituto creato per erogare loro le pensioni. Nei loro confronti l ente produce anche socialità. Ma non vi è traccia di tale principio, finchè permane il termine utente. Il 17 marzo 2005 sono intervenuto nella riunione del CIV per denunciare un episodio negativo che riguarda la politica creditizia dell INPDAP attuata in collaborazione con le banche: Questo è un problema che mi sta particolarmente a cuore; tempo fa lo avevo già sollevato e, siccome non mi piace parlare solo per sentito dire, ho voluto constatare di persona la situazione, chiedendo un piccolo prestito ad una banca convenzionata, da semplice pensionato 73nne. Il prestito mi è stato negato per l età avanzata. Mi hanno spiegato, infatti, che, se è vero che l accordo con la BNL prevede la possibilità di erogare il prestito a chi non ha superato i 75 anni, una circolare interna della banca vieta tale concessione per chi ha superato i 70 anni. Mi domando se tale comportamento delle Banche sia corretto e chiedo di prendere visione del testo della convenzione stipulata tra l Istituto e la Banca Nazionale del Lavoro, poiché non capisco con queste limitazioni - quali sono i pensionati che possono fruire di questo tipo di prestazione. Il 14 aprile 2005 sono intervenuto ancora una volta sulla politica creditizia: Avevo inoltre chiesto, nella precedente seduta, di avere una copia della convenzione stipulata con la banca. Vorrei ricordare ancora una volta che ho fatto un esperimento personale. Sono andato in una Banca Nazionale del Lavoro e, in quanto pensionati di 73 anni, ho chiesto un prestito. Dopo una serie di incontri il direttore della Banca mi ha riferito che, a seguito

4 della convenzione stipulata con l INPDAP, è stata diramata una circolare interna con il diniego di erogazione di prestiti agli altra settantenni. Nel chiedere, pertanto, di poter visionare una copia della suddetta convenzione, esprimo pieno apprezzamento per il lavoro svolto dalla Commissione Prestazioni ed invito il Presidente a considerare la relazione prodotta dalla stessa commissione parte integrante della delibera, in quanto chiarificatrice di alcuni punti. Al riguardo, suggerisco di modificare l ultimo capoverso della delibera, laddove cita di richiedere agli Organi suddetti di relazionare entro 30 giorni sulle iniziative allo studio adottate in merito alla istituzione di una specifica prestazione a favore dei pensionati iscritti, con a favore di quanti percepiscono una pensione INPDAP. Al termine della seduta, il CIV ha deliberato: di impegnare gli Organi di gestione affinché sia data applicazione agli indirizzi deliberati sulla materia, al fine di porre in essere i necessari ed improrogabili interventi risolutivi indispensabili per la loro concreta attuazione, con particolare riguardo ai seguenti punti: - ampliare le tipologie dei criteri di erogazione dei prestiti pluriennali diretti in relazione alle necessità degli iscritti e dei loro familiari; - provvedere alla semplificazione delle certificazioni richieste per la concessione delle prestazioni ed alla riduzione dei tempi di erogazione; - attivare una congrua riduzione dei tassi di interesse a favore dei richiedenti iscritti; di impegnare altresì gli Organi di gestione a relazionare sulla fattispecie al Consiglio di Indirizzo e Vigilanza, entro sessanta giorni, precisando in modo dettagliato le azioni adottate in merito o le eventuali cause che possano aver determinato il persistere della situazione attuale; di richiedere agli Organi suddetti di relazionare, entro trenta giorni, sulle iniziative, allo studio o adottate, in perito alla istituzione di una specifica prestazione a favore dei pensionati iscritti, come più volte richiesto dal Consiglio di Indirizzo e Vigilanza. Il 5 maggio 2005, il Presidente del CIV, Abbadessa, ha scritto al Ministero dell Economia e delle Finanze una lettera con la richiesta di parere circa l applicazione dell art. 1, comma 6, della legge 30 dicembre 2004, n. 311 in merito alla

5 concessione dei prestiti. Questo il testo: Il Consiglio di Indirizzo e Vigilanza ha approvato, con delibera n. 254 del 7 aprile 2005, il bilancio di previsione, 2005 deliberato dal Consiglio di Amministrazione il 21 dicembre 2004, raccomandando, in particolare, agli organi di gestione l adeguamento dello stesso alle norme previste dall articolo 1, commi 5 e 6, della legge 30 dicembre 2004, n Al riguardo, si comunica che il Consiglio di Amministrazione, nella seduta del 27 aprile 2005, con la delibera 145, ha dato luogo al suddetto adeguamento deliberando la prima variazione al bilancio di previsione Nell ambito di tale prima variazione al bilancio di previsione 2005, il Consiglio di amministrazione ha approvato un decremento del capitolo Concessione di prestiti, per la competenza e per la cassa, di euro rispetto alla previsione iniziale di euro In proposito, si fa presente che la concessione dei prestiti personali a favore degli iscritti è finanziata con il versamento da parte di questi ultimi di un contributo obbligatorio pari allo 0,35% della retribuzione percepita. Appare evidente che, nella specie, viene ad instaurarsi un vero e proprio rapporto previdenziale tra l Istituto e i propri iscritti, nell ambito del quale è configurabile l esistenza di un obbligo giuridico dell INPDAP ad erogare la prestazione. È pur vero che l ente dispone di un margine di discrezionalità nel definire l importo da stanziare in bilancio per tale specifica finalità, tuttavia una volta che questo potere sia stato esercitato e che si verifichino tutti i presupposti e i requisiti previsti dalla specifica normativa di settore, si può affermare che l iscritto vanti un vero e proprio diritto soggettivo ad ottenere la prestazione. Ora, da quanto sopra, sembra potersi evidenziare l applicabilità del disposto dell articolo 1, comma 6 della legge finanziaria 2005, alle concessioni di prestiti personali, che esclude, quindi, l applicabilità del comma 5 del medesimo articolo 1, alle spese per prestazioni sociali in denaro connesse a diritti soggettivi. In tal senso, si richiede di conoscere, con cortese urgenza, il parere di codesto Dicastero, atteso che il Consiglio di Indirizzo e Vigilanza deve approvare la prima variazione al bilancio preventivo 2005 dell Istituto entro il 27 giugno del corrente anno. Il 9 giugno 2005 sono tornato in CIV sul tema prestiti

6 Questo uno stralcio dell intervento: Come avvenuto in occasione della pubblicazione del volume L INPDAP e il Sociale del , curata dalla Commissione Prestazioni, Credito Attività sociali, ritengo opportuno che la Commissione presenti una nuova relazione sulla situazione attuale dell Istituto, in riferimento alle attività sociali, evidenziando i risultati ottenuti in merito alle proposte, ai propositi ed ai pronunciamenti di cui alla citata relazione del 2003, operando un distinguo tra i dipendenti dell Istituto ed i loro familiari da un lato e gli iscritti che percepiscono un trattamento di quiescenza INPDAP dall altro, in quanto reputo vi siano della disparità. Ne è un esempio, la mancata concessione ai pensionati di prestiti estinguibili per cessione di quota di pensione per un periodo superiore a dieci anni. L erogazione di tale prestazione è affidata a banche ed intermediari finanziari, come previsto dall art. 107 del D.L. 385/93. A sostegno delle mie osservazioni si esprime anche il D.L n. 35, convertito con modificazioni nella Legge n. 80 del , ignorata e non applicata dall Istituto, che prevede il ricorso dei pensionati alla cessione decennale del quinto della pensione, senza limiti di età, dietro la sottoscrizione di un assicurazione sulla vita. Sollecito, quindi, i colleghi Consiglieri ed il Direttore Generale a verificare l attualità delle mie asserzioni nonché a provvedere affinché gli interessati vengano messi correttamente a conoscenza della realtà legislativa. Peraltro, anche al Forum della P.A., tenutosi dal 9 al 13 maggio u.s., le informazioni fornite presso lo stand dell Istituto, in merito all erogazione di qualsiasi forma di prestito, escludevano dal beneficio i pensionati. Rivolgo, infine, al Presidente la richiesta di poter far parte della Commissione Prestazioni Credito Attività Sociali, in quanto reputo di poter fornire un utile contributo per preparazione ed esperienza maturate nelle materie di competenza della Commissione. Il 14 luglio 2005 pur assente per un ricovero in ospedale ho registrato con viva soddisfazione l approvazione della delibera n. 259 per l erogazione diretta di prestiti sociali ai pensionati già iscritti all INPDAP. Ho poi appreso con piacere che vi erano stati due interventi in CIV che mi riguardavano direttamente e che riporto: Presidente: Nel rivolgere gli auguri di pronta guarigione al consigliere

7 Mannucci, particolarmente sensibile a questo tema, invito il consigliere Bertozzi, Coordinatore della Commissione Prestazioni Credito Attività Sociali ed Entrate Contributive, a relazionarmi sull argomento. Bertozzi: Mi unisco agli auguri rivolti al consigliere Mannucci, certo di aver ottemperato alle sue pressanti richiesta riguardo la previsione di un prestito per i pensionati, da assimilare ad una prestazione sociale piuttosto che ad una forma di credito agevolato. La commissione propone, pertanto, di realizzare una forma di piccolo prestito di importo non superiore alle due annualità e restituibile in mesi, considerato il sostanziale abbassamento del potere d acquisto dei trattamenti di quiescenza nonché l innalzamento dell età media dei pensionati. Questo il testo del dispositivo finale approvato: VISTO che il processo di cartolarizzazione dei crediti, tutt ora in atto, non sembra avere apportato gli ulteriori auspicati benefici remunerativi tali da rafforzare lo sviluppo ed il finanziamento di una politica sociale innovativa in grado di rispondere adeguatamente alle necessità degli iscritti in tutto il territorio nazionale; PRESO ATTO del persistere del fenomeno di recessione, ancor più accentuato nell anno in corso, per cui l Istituto, nel rivedere le strategie di intervento, dovrà tenere conto della flessibilità e innovazione degli interventi e della massima tempestività nei tempi di erogazione del beneficio richiesto; CONSTATATO l estremo disagio della categoria dei pensionati iscritti, per i quali si dovrà, con urgente sollecitudine, procedere alla istituzione di un Prestito Sociale, commisurato al piccolo prestito, sia in termini di somme erogabili che di ammortamento, da erogare in tempi compatibili con le necessità degli iscritti richiedenti; RITENUTO che l onere di tale nuova prestazione, che si configurerebbe, pertanto, non come beneficio creditizio ma sociale, potrebbe essere interamente garantito dal valore del Premio di Garanzia Fondo Rischi, prevedendo in favore dell INPDAP un minimo riconoscimento per il costo dell operazione amministrativa; A MAGGIORANZA dei consiglieri presenti DELIBERA di impegnare gli Organi di Gestione affinché pongano in essere ogni utile iniziativa al fine di istituire la nuova prestazione del Prestito sociale in favore dei pensionati iscritti e delle loro famiglie, tenendo in considerazione gli elementi appresso evidenziati: adottare tempestivamente procedure amministrative per l erogazione

8 in forma diretta del nuovo beneficio sociale la cui concessione dovrà supporre la convergenza di due elementi essenziali e compatibili con la natura del prestito; adottare tempestivamente procedure amministrative per l erogazione in forma diretta del nuovo beneficio sociale la cui concessione dovrà supporre la convergenza di due elementi essenziali e compatibili con la natura del prestito: a) flessibilità nell accoglimento della richiesta, b) massima dinamicità nei tempi di erogazione; avviare iniziative di informazione capillare, anche con il coinvolgimento delle Sedi periferiche, degli Enti e dei Patronati, in grado di raggiungere tutti gli aventi diritto, in modo di costituire una alternativa per gli anziani in difficoltà a fronte del ricorso esclusivo del sistema bancario; provvedere, per la copertura di spesa della nuova prestazione, all adeguamento degli stanziamenti in bilancio, anche con l utilizzo di risorse eventualmente non impegnate per le attività creditizie. Nel corso del CIV del 26/01/2006 sono tornato sull argomento convenzioni con le banche : A proposito dell esclusione dei soggetti appaltatori che non rispettano i capitolati e gli impegni contrattuali, di cui parlava il consigliere Bertozzi, mi sembra interessante ricordare un esempio che ci riguarda. L anno scorso ho fatto un indagine presso istituti di credito convenzionati con l INPDAP e ho scoperto cha la Banca Nazionale del Lavoro, con una circolare interna, aveva dato disposizioni affinché non venissero erogati piccoli prestiti ai pensionati di età superiore ai 70 anni, in violazione della convenzione che fissava il limite a 75 anni. Ho chiesto in quella occasione che la convenzione venisse annullata, ma senza alcun risultato. Tale esperienza personale mi porta a dubitare sulla possibilità concreta che l Istituto possa dar corso allo strumento della risoluzione contrattuale. Ho notato che il richiamo approvato due giorni fa a pagina 12c del documento in questione, in cui si chiedeva di sospendere le convenzioni con le banche inadempienti per le concessioni di mutui, è stato cancellato. Vorrei anche suggerire di segnalare alle banche, cui estenderemo convenzioni, che l ISTAT ha recentemente modificato le cifre relative all aspettativa di vita, che passano da 65/75 anni per gli uomini ed a 79/85 anni per le donne. Il 23 marzo 2006 il CIV ha approvato l ordine del giorno n. 42 per l estensione delle prestazioni creditizie di cui all art 1, comma 347, della legge

9 266/05 in favore dei pensionati dell INPDAP e dei dipendenti pubblici iscritti ad altre gestioni pensionistiche. Questo il testo del dispositivo finale: IMPEGNA gli Organi di gestione a procedere prontamente alla definizione di un piano di fattibilità, coerente con le linee di indirizzo già emanate dal Consiglio di indirizzo e vigilanza, per l accesso alle prestazioni creditizie di cui all art. 1, comma 347 del 23/12/2005 erogate dall INPDAP in favore dei pensionati dell Istituto e dei lavoratori pubblici iscritti ad altre gestioni previdenziali, che individui, sulla base di quanto specificato in premessa, le tipologie e le modalità delle prestazioni erogabili. Ai fini di quanto sopra si dovrà fare riferimento ai seguenti criteri: prevedere livelli di contribuzione differenziata per i dipendenti in attività di servizio e per i pensionati, in considerazione della ridotta capacità di reddito di questi ultimi; operare la contribuzione a carico dei pensionati su base volontaria, prevedendo possibilità di una totale gratuità per l accesso alle prestazioni in favore dei percettori di pensioni minime. Nel corso della riunione sono tornato sull argomento prestazioni creditizie : Condivido le finalità dell Ordine del Giorno; tuttavia, a rischio di diventare noioso, mi devo ripetere. Credo che anche questa volta si confonda tra due concetti diversi: una cosa sono i prestiti, effettivamente legati alla detenzione di un fondo specifico; altra e diversa questione è la cessione del quinto che non è connessa ad una tale disponibilità e per la quale la legge pone come unico vincolo la restituzione decennale. Ritengo che occorra distinguere, a fini di chiarezza, le due diverse materie e presentare due separati ordine del giorno, limitandoci in questa sede a fare un discorso chiaro solo sui piccoli prestiti. Ho anche ribadito la necessità di escludere le banche inadempienti da ogni accordo, ma sembra che su questo punto ci siano poche speranze. Il 18 maggio 2006 è stato affrontato in CIV il tema delle politiche sociali in favore degli anziani. Questi alcuni miei interventi nel dibattito:

10 Nel complimentarmi con la Commissione Prestazioni Credito ed Attività Sociali per il lavoro svolto, ritengo tuttavia doveroso presentare, ancora una volta, la problematica delle protesi sanitarie (auricolari, odontoiatriche, etc.), segnalata ripetutamente dal sottoscritto. Ritengo possibile, infatti, che in caso di protesi sanitarie non corrisposte dal S.S.N., l Istituto possa intervenire anticipando la spesa per poi trattenerla dalla pensione dell interessato operando piccole rate. Si tratta di un discorso di sensibilità verso certe tematiche ed esigenze sociali, che investe anche le convenzioni stipulate con alcuni Istituti bancari per la concessione di prestiti ai pensionati fino al 75 anno di età. Colgo l occasione per citare ancora una volta la BNL che, attenendosi ad una circolare interna, non applica quanto convenuto con l INPDAP in merito alla concessione dei suddetti prestiti. Stante questo quadro generale, ribadisco la necessità di implementare un sostegno fattivo per dirimere tutte le problematiche che costituiscono un vero handicap per gli anziani, nel rispetto della mission sociale che caratterizza l Istituto. Ovviamente io mi riferisco a pensionati INPDAP. A garanzia di prestiti di questo tipo, vi sono forme di polizze assicurative. Chiarisco di non aver mai detto che il CIV si debba occupare di prestazioni sanitarie: ho solo voluto evidenziare che si deve trovare il modo di sostenere chi non può altrimenti acquistare le protesi non fornite dal SSN. Nello stesso tempo, affinché i finanziamenti non siano distolti dagli scopi assistenziali, l accertamento del bisogno potrebbe essere posto a carico delle ASL competenti: il nostro intervento, in tal modo, avrebbe carattere economico e non sanitario. Nel corso della riunione della Commissione Prestazioni e Credito del 26/05/2006, ho nuovamente proposto interventi creditizi a favore dei pensionati: Si passa a discutere dell ampliamento delle prestazioni sociali, con l intervento del Consigliere, dr. Corrado Mannucci, il quale, in considerazione della mancata erogazione di alcune prestazioni sanitarie da parte del Servizio Sanitario, presenta la proposta di farle rientrare, qualora fosse legittimamente ammissibile, nell ambito di una prestazione creditizia sociale, vista anche la difficoltà nell adottare il piccolo prestito sociale, che, malgrado la delibera di attuazione del C.d.A., non è ancora effettivo perché sprovvisto dell autorizzazione del Ministero. Il primo passo da effettuare per rispondere alla richiesta di

11 ampliamento delle prestazioni creditizie è da verificare, in merito alla delibera sul piccolo prestito sociale approntata dal CIV e successivamente approvata anche dal CdA, la data di invio della richiesta inviata al Ministero competente circa la liceità del provvedimento e, in caso di assenza di risposta, sollecitare lo stesso Dicastero, senza attendere lo scadere dei 60 gg. previsti per l esito positivo del quesito attraverso l istituto del silenzio-assenso. Preso atto che, la tipologia adottata dal C.d.A. non prevede le prestazioni in base alle quali concedere l prestito secondo la Commissione potrebbero rientrarvi anche quelle prestazioni sanitarie non erogate dal servizio sanitario. Ha poi rilevato che: occorre ampliare le motivazioni per le quali è possibile richiedere il prestito pluriennale, prevedendo proprio il tipo di prestazioni prima citate. Nel corso della riunione ho nuovamente sollecitato il problema delle convenzioni con gli Istituti bancari ed ho auspicato che le inadempienze da me denunciate vengano prontamente sanzionate. Il 5 luglio 2006 si è nuovamente riunita la commissione Prestazioni e Credito, che ha esaminato le problematiche del credito. È stato rilevato che, tenuto conto dell andamento della domanda negli anni precedenti, quest anno era stato previsto in bilancio un budget di circa 1,45 mld di euro, ipotesi formulata tenendo conto delle previsioni degli anni precedenti e della probabilità che a seguito del miglioramento delle condizioni di accesso si sarebbe verificato un incremento delle richieste di prestito rispetto agli anni precedenti, nei quali era stata impegnata una spesa intorno a 1,5 mld di euro. È stato anche rilevato che nell anno in corso sono state introdotte ulteriori prestazioni creditizie, quali il prestito quadriennale, che determinano un traslazione di domande, poiché, in considerazione della possibilità di accedere anche alla nuova prestazione senza alcuna motivazione, per l iscritto è preferibile rispetto al piccolo prestito annuale o biennale. Dai dati in possesso della direzione, è risultato che alla data del 21 giugno 2006 sono stati erogati quasi prestiti per un totale di

12 oltre 500 mln di euro, con un incremento delle prestazioni creditizie medie dovuto all introduzione del prestito quadriennale ma sostanzialmente in linea con il trend delle domande ricevute nel 2005, nel corso del quale sono stati erogati in tutto circa 115 mila prestiti per 1 mld e 90 mln di euro. Considerando che la richiesta di prestiti non avrebbe avuto un sostanziale aumento rispetto agli anni precedenti l Istituto ha deciso di impegnare fondi anche per soddisfare altre prestazioni, e, dunque, oltre a prevedere un budget di spesa per i mutui individuali di circa 400 mln di euro, sono stati assegnati ulteriori 250 mln di euro per finanziare la costruzione di alloggi da parte di cooperative di pubblici dipendenti, in quanto ormai da alcuni anni non erano più concessi mutui per la costruzione di case. Si è trattato del primo anno di introduzione di tale beneficio e sono pervenute numerose richieste in tal senso, anche se non tutte le cooperative appositamente costituite hanno avuto l assegnazione dei terreni edificabili, elemento indispensabile per poter accedere al finanziamento. In merito ai mutui individuali, la Commissione ha riscontrato che a fronte di 105 mln di euro stanziati ed erogati nel 2003 e 88 mln di euro nel 2004, nel 2005 si è saliti a 300 mln di euro; tenuto conto del notevole aumento delle domande soddisfatte nel 2005, sono stati previsti in bilancio per l anno in corso 400 mln di euro, con la possibilità di sommare a tale importo la somma stanziata per l erogazione di mutui alle cooperative, circa 250 mln di euro, che probabilmente a causa delle citate difficoltà, rimarrebbero inutilizzati, nella convinzione che la sommatoria dei due importi avrebbe consentito di soddisfare la domanda. Invece secondo quanto riferito dagli organi gestionali si è verificato un incremento esponenziale delle domande, peraltro non derivato dalle altre tipologie di nuova introduzione, quali ristrutturazioni, rinegoziazioni etc, ma rinveniente dalla domanda di acquisto della prima casa, ovvero circa l 86% delle domande di prestito e mutuo hanno ad oggetto l acquisto della casa. Da sottolineare che l iscritto può optare per un mutuo al tasso fisso del 3,20, e ciò comporterebbe, visto anche l aumento costante del tasso di interesse praticato dalla BCE, l intremento delle domande di mutuo, considerato anche che la scelta del mutuo a tasso variabile non è irrevocabile, ma viene concessa la possibilità all utente dopo i primi cinque anni di ammortamento, di scegliere se passare al tasso fisso o mantenere il variabile secondo l andamento del mercato, quindi sono entrambi appetibili sia sul piano della entità del tasso che sulla modalità

13 di applicazione del tasso stesso. Risulta importante il fatto che alla data di giugno sono stati erogati più mutui rispetto all intero anno del 2005, circa mutui a fronte di del 2005 con assegnazione alle sedi di 800 mln di euro, budget comunque non sufficiente a soddisfare le domande sin qui pervenute, poiché mancano ancora 23 mln di euro. Su tale considerazione ho riferito di aver avuto notizia circa l esistenza di una circolare emanata dalla Direzione Credito, in base alla quale le sedi non devono accettare le domande per esaurimento dei fondi. Il rappresentante della Direzione generale (come risulta dal verbale della Commissione) mi ha subito precisato di non aver mai emanato un siffatta circolare, mentre la disposizione che è stata data alle Sedi Provinciali è quella di accettare con riserva, ovvero accettare la domanda in attesa dell assegnazione del budget, che, appena verrà assegnato, determinerà la cancellazione della riserva. Ha anche riferito che la Direzione ha preparato una lettera nella quale, oltre a ribadire la temporanea riserva in attesa di una integrazione del budget derivante da variazione di bilancio, si afferma la priorità per coloro che devono acquistare la prima casa, ponendo in attesa l iscritto che deve unicamente rinegoziare il mutuo; dunque, procedere per priorità; in merito alle possibili fonti di reddito alternative per soddisfare la domanda, ha precisato che, (dal momento che sono già pendenti alcune domande di cooperative edilizie alle quali non è stato ancora assegnato il terreno su cui edificare) si potrebbero stornare parte dei fondi in bilancio per tale prestazione per garantire i finanziamenti dei mutui individuali. Il dirigente ha anche fatto presente che bisogna considerare che l Istituto è ancora creditore nei confronti di cooperative finanziate dagli ex Istituti di previdenza di circa 200 mln di euro, che devono rientrare con gli ammortamenti; queste cooperative

14 erano finanziate con interessi molto elevati in rapporto all epoca, di seguito ridotti al 6% con l operazione di rinegoziazione. Un altra ipotesi, dunque, per i fondi necessari è, considerato che l Istituto aveva stipulato una convenzione con le banche per il passaggio del mutuo da cooperativo a individuale, ottenere la restituzione del capitale, è, ricordando che il tasso di interesse che riscuoteremmo è del 6% (e che il costo del denaro oggi è attestato al 3%), rimborsare lo spread tra il nostro tasso e quello praticato dall Istituto finanziario, con la possibilità di avere ancora disponibilità di introito sul tasso del 6%, che riconosciamo con l attualizzazione. Reinvestendo i fondi così ottenuti, tenuto conto che l Istituto riscuote il tasso del 3,20 con il fisso sul mutuo e lo 0,50 per spese di amministrazione e l ulteriore disponibilità sul tasso al 6%, l INPDAP potrebbe reintegrare quasi del tutto il tasso di interesse che devono corrispondere le citate cooperative con l ammortamento a scadenza naturale; tale operazione ci darebbe la possibilità di ulteriori 200 mln di euro. Dunque, riepilogando dal momento che la previsione di spesa per l anno in corso si attesterebbe intorno a 1,5 mln di euro, le proposte avanzate per colmare il divario di spesa e reperire i fondi, sono innanzitutto quella di stornare circa 350 mln di euro dal capitolo dei prestiti ai mutui individuali e 100 mln di euro dal budget previsto per le cooperative, oltre a recuperare circa 200 mln dal mutuo concesso alle cooperative ancora in fase di ammortamento. Al fine di reintegrare il budget di spesa servirebbero ancora 300 mln di euro, che si potrebbe ricavare o da un operazione di assestamento di bilancio, nel caso esistano risparmi di gestione, o da un anticipazione della Cassa Pensioni Sanitari. Nel recente passato si è già verificato che la Gestione Credito abbia avuto un anticipazione di

15 fondi dall C.P.S., restituiti con parte dei proventi della cartolarizzazione senza interessi in un unica soluzione, circa 1,5 mld di euro. Si potrebbe pensare, quindi, essendo tale cassa in attivo, ad un anticipazione onerosa dei 300 mln di euro, con un minimo tasso di interesse, da restituire a titolo oneroso ratealmente. È stata a questo punto avanzata dalla Commissione anche l ipotesi di rivolgersi al mercato privato per ottenere la restante somma, prelevando dal fondo rischi, che è attivo per circa 200 mln di euro, una quota che finanzi lo spread fra il tasso di interesse praticato dalle banche ed il nostro tasso, in modo da garantire che l iscritto che si rivolge alle banche abbia il medesimo trattamento di coloro che hanno contratto un mutuo direttamente con l Istituto. Il Dirigente generale ha però chiarito che la suddetta operazione è impraticabile poiché il fondo rischi è un fondo assicurativo, e l ipotesi che era stata formulata di emanare una delibera da inviare ai Ministeri vigilanti affinché autorizzassero il reinvestimento interno di una quota del fondo rischi, non è stata attuata poiché, essendoci in itinere la possibilità della iscrizione dei pensionati sui quali l incidenza del rischio sarebbe stata molto più alta, si è preferito esser prudenti per garantire una parziale copertura del rischio per i pensionati. Inoltre la possibilità di una erogazione dei fondi da parte delle banche con pagamento dell Istituto del differenziale del tasso di interesse, è oltremodo onerosa, considerato che con un anticipazione di 500 mln di euro, solamente il differenziale, chi oltretutto sarebbe una spesa è non un investimento, verrebbe a costare oltre 150 mln di euro per i primi cinque anni, arco temporale nel quale rientra l obbligo di garanzia per l Istituto. Infine in merito alla possibilità di reperire i fondi dall operazione di cartolarizzazione, ha chiarito che, considerato prioritariamente che l Istituto

16 ha ricevuto solo in parte i proventi cartolarizzati e inoltre una quota, pari a 1,5 mld di euro, è stata restituita dalla Ragioneria alla C.P.S. per un prestito ricevuto nel passato, a partire da gennaio 2004, dal momento che la gestione credito si finanziava con il contributo dello 0,35% e con la quota minima di rientro degli ammortamenti, si è cominciato a prelevare i fondi dalla Tesoreria, e analogamente nel 2005 e nell anno in corso, con una disponibilità residua alla fine del 2006 di circa 700 mln di euro; considerato che le uscite della gestione credito sono pari a 2,3 mld l anno e che i fondi citati non sono inclusi nel bilancio di previsione, occorrerebbe una variazione di bilancio che non risolverebbe il problema, che si ripresenterebbe, qualora si utilizzassero i residui fondi cartolarizzati, con forza nel corso del Da ultimo, in considerazione delle argomentazioni svolte, la Commissione ha deciso di preparare una delibera che dia indicazioni sulle possibili modalità per reperire i fondi necessari. Il 6 luglio 2006, il Presidente Staderini ha annunciato in CIV di aver sottoscritto un accordo migliorativo con alcune banche, per la concessione di prestiti anche ai pensionati INPDAP fino agli 80 anni di età, come avevo ripetutamente chiesto. L INPDAP ha quindi diffuso un comunicato sull argomento, precisando fra l altro: Come noto, l Inpdap ha stipulato una Convenzione con alcuni Istituto di credito/società per la concessione di prestiti personali ai pensionati, con rata trattenuta mensilmente dalla pensione, a condizioni economiche certe e vantaggiose. Nell ambito della Convenzione, l INPDAP ha ottenuto l applicazione di condizioni economiche ancora più favorevoli, come evidenziato nell esempio sotto riportato. L iniziativa è riservata a tutti i pensionati con un età massima di 80 anni alla scadenza del prestito ed è valida fino al 31 dicembre In quella occasione ho dato atto, in CIV al

17 Presidente di aver mantenuto l impegno preso: Prendo atto con piacere che il presidente Staderini ha mantenuto la promessa di elevare da 75 anni a 80 anni il limite di età per il completamento dell ammortamento per i prestiti concessi dagli istituti bancari. Chiedo, tuttavia, dei chiarimenti, non comprendendo il motivo per cui leggo sulla delibera dei CdA ancora l indicazione dei 73 anni. Ritengo opportuno che tale chiarimento venga inserito nel nuovo atto. Vorrei avere anche delle risposte chiarificatrici al riguardo, così come chiedo delucidazioni in merito alla cessione del quinto decennale per i pensionati e se l Istituto si sia attivato per conoscere gli eventuali sviluppi a seguito della delibera del Consiglio di Amministrazione n. 236 del Questo uno stralcio dell atto aggiuntivo alla convenzione firmata il fra l INPDAP e la Banca Nazionale del Lavoro e finalizzata alla concessione di mutui e prestiti personali ad iscritti, pensionati e dipendenti INPDAP. (omissis) VISTO - Il D.P.R. n. 80 del 5 gennaio La Circolare del Ministero del Tesoro n. 63 del 16/10/ Il D.P.R. n. 1032/73 - La legge n. 662 del 23 dicembre Il D.M. n. 463 del 28 luglio CONSIDERATO che l Istituto intende agevolare l accesso ai finanziamenti da parte dei pensionati, che non possono accedere ai prestiti INPDAP, ed offrire ulteriori opportunità e agevolazioni ai propri pensionati. VISTO INOLTRE CHE Gli Istituti di credito Banca Nuova e B.N.L. hanno presentato una interessante iniziativa che va incontro alle esigenze di questa particolare categoria al fine di consentire le migliori condizioni di mercato e la massima velocità nell erogazione del finanziamento. SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE ART. 1 ASSUNZIONE DELLE PREMESSE Le premesse sono parte integrante e sostanziale del presente atto. ART. 2

18 OGGETTO DELL ATTO AGGIUNTIVO Il presente atto aggiuntivo alla convenzione stipulata in data disciplina la concessione da parte degli Istituti di credito firmatari condizioni agevolate particolari in favore dei pensionati dell Inpdap e degli iscritti di seguito meglio specificati: 1. riduzione del tasso applicato sui prestiti dal 6.85% al 6.60% per i finanziamenti sino a 60 mesi. Dal 8,25% al 8,10% per i finanziamenti sino a 120 mesi. 2. innalzamento dell età massima a scadenza del finanziamento da 75 a 80 anni. L INPDAP predisporrà un messaggio di informazione agli utenti che verrà spedito con oneri assunti direttamente dalle due Banche convenzionate. Il volume di finanziamenti concessi monitorato da INPDAP mensilmente, dopo la divulgazione dell offerta, e, dopo l assorbimento dei costi sostenuti dalle due aziende, le stesse verseranno all Istituto uno spread dello 0.30% sull intero capitale erogato per scopi sociali/assistenziali in favore degli anziani. ART. 3 DESTINATARI Sono destinatari dei prestiti: - i pensionati INPDAP ai quali l Istituto eroga una prestazione pensionistica. - Possono. Altresì, accedere i dipendenti pubblici in servizio presso le amministrazioni presso le quali Banca Nuova e BNL risultato accreditati. I destinatari dovranno dimostrare la propria posizione esibendo la seguente documentazione: - Cedolino di pensione a qualunque titolo percepita dall INPDAP (diretta, indiretta, ai superstiti). - Documento inviato al domicilio del pensionato. - Per i lavoratori in attività di servizio il cedolino dello stipendio. ART. 4 ONERI FISCALI Questa convenzione viene redatta in quattro copie originali, di cui una per ciascuna parte contraente e la quarta per l Ufficio del Registro di Roma. L onere e le spese di registrazione in caso d uso, nonché quelle per eventuali bolli, sono a carico della Banca. La direzione Generale dell INPDAP ha comunicato in data 11 luglio 2006 (prot. 767) nuove disposizioni in materia di mutui ipotecari edilizi:

19 Si comunica che le domande di mutui ipotecari edilizi acquisite fino alla data odierna verranno evase nei limiti della disponibilità di bilancio e con priorità per quelli aventi ad oggetto acquisto prima casa. Si precisa, pertanto, che le domande pervenute e per le quali non sia stato definito il rogito aventi ad oggetto rinegoziazione di mutuo e/o ristrutturazione, devono provvisoriamente rimanere sospese fino al reperimento delle risorse finanziarie necessarie a soddisfare le domande comunque acquisite alla data odierna. Le domande, infine, che perverranno a partire dal 12/7 p.v. potranno essere istruite nell ambito delle risorse dell esercizio Il 27 luglio nel corso della riunione del CIV, anche le l argomento non era nell ordine del giorno, ho detto: Propongo alcune varie. La prima riguarda la circolare che l Istituto ha emanato in data 11 luglio, in cui si sancisce la sospensione nell erogazione dei mutui ipotecari a causa dell esaurimento dei fondi ad essi destinati. Vorrei conoscere quali sono le reali possibilità che ha l Istituto, apportando modifica al bilancio, di reperire tali fondi per far fronte alle necessità degli utenti che, contando sulla opportunità offerta loro dall INPDAP, si sono impegnati in acquisti altrimenti non possibili. Il 22 settembre 2006 si è nuovamente riunita la Commissione Prestazioni per esaminare la situazione dei mutui ipotecari. Ha preso atto che la carenza di risorse a disposizione (dovuta in parte all eccezionale numero di richieste pervenute) ha comportato, in un primo momento, l accoglimento con riserva e, successivamente la sospensione della prestazione. Nel mese di giugno la Direzione Centrale Credito ha inviato una circolare alle sedi con l indicazione di accettare con riserva le domande prodotte dal 08/06 al 11/07 (circa 8.000) riserva successivamente sciolta grazie ad una variazione di bilancio di 250 mln di euro. Successivamente una circolare del Direttore Generale ha disposto la sospensione della prestazione per mancanza di fondi con rigetto delle

20 domande prodotte a far data dal 12/07/2006; non tutte le Sedi Provinciali, però, hanno adempiuto alla suddetta circolare, nonostante la Direzione abbia dato disposizione in tal senso, e alcune di esse hanno continuato ad accogliere domande di mutuo edilizio ipotecario sino al 31/08. Da un calcolo effettuato dalla Consulenza Attuariale risulta che per soddisfare le richieste di mutuo inoltrate all Istituto fino al 31/08, occorrerebbe un integrazione di bilancio di circa Data l emergenza e la scarsità di risorse a disposizione, la direzione ritiene necessario,per ovviare al rischio che l Istituto possa ritrovarsi nelle medesime difficoltà nei prossimi anni, una modifica del regolamento di concessione dei mutui. Nel corso del CIV del 28 settembre 2006, si è parlato anche di politica creditizia. Questo il mio intervento: Vorrei un chiarimento: a pag. 2 della relazione, all ultimo punto si legge una riduzione del capitolo (concessione di crediti ex articolo 59 DPR 509/79), in considerazione di un numero di domande, presentate dai dipendenti INPDAP, inferiore al previsto ; chiedo se in tale discorso rientra anche la richiesta che avevamo fatto come CIV di una nota di variazione al bilancio per reintegrare il fondo per la concessione di mutui. Il Presidente Abbadessa ha chiarito che sono due cose diverse; l art. 59 del DPR 509/79 riguarda i prestiti ai dipendenti e che la variazione di bilancio è stata chiesta per l evasione dei mutui agli iscritti. Sono quindi tornato sull argomento mutui : Concordo con la delibera proposta dalla Commissione Prestazioni Credito, Attività sociali ed entrate Contributive di cui faccio parte. La sostanza del discorso che esprime è molto semplice: lo stanziamento per i mutui si è esaurito e quindi occorre provvedere al suo rifinanziamento con ogni mezzo possibile e lecito. Mi chiedo tuttavia che cosa avverrebbe se l istituto non fosse in grado di provvedere in tal senso. Propongo che

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI Marzo 2014 Con il presente riepilogo si forniscono indicazioni di dettaglio sulle prestazioni creditizie erogate

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno...... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare Ufficio ex Enam Area Piccolo Credito Lista: settore.. n.... Largo Josemaria Escriva

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE Giugno 2014 I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE a cura di G. Marcante Da 24 a 48 mesi di attesa! come è possibile? Premessa L art. 1, commi 484 e 485 della

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente E.P.A.P. Ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 Regolamento

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE AREA LAVORO E PREVIDENZA INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE (a cura di Ernesto Murolo) Indice QUANDO SI MANIFESTA UN INFORTUNIO SUL LAVORO...5 1. Se l infortunio ha prognosi fino a 3 giorni...5

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI : DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI INFORMAZIONE SULL INTERMEDIARIO INFORMAZIONI SUL FINANZIATORE ISTITUTO BANCARIO DEL

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il Credito ai consumatori in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il credito ai consumatori dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

inform@ata news n.02.15

inform@ata news n.02.15 Per contatti o segnalazioni: e-mail: r.fiore@flcgil.it siti internet: www.flc-cgiltorino.it www.flcgil.it inform@ata news n.02.15 la newsletter di informazione sulle problematiche del settore ATA della

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE

OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE Quest Associazione apprezza la decisione dell ISVAP di avviare la procedura per la revisione del regolamento n.5/2006, sull attività degli intermediari

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE = = = = = = REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Adottato con deliberazioni consiliari n. 56 dell 08.11.95 e n. 6 del 24.01.96 INDICE Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato con delibera n.

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera 10. di Mauro Soldera La Legge n. 92/2012 (Riforma Fornero) interviene in maniera significativa sulla disciplina dei licenziamenti individuali regolamentati dall art. 18 della Legge n. 300/1970 (Statuto

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli