L UGL PENSIONATI E LA POLITICA CREDITIZIA PER I PENSIONATI DELL INPDAP

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L UGL PENSIONATI E LA POLITICA CREDITIZIA PER I PENSIONATI DELL INPDAP"

Transcript

1 L UGL PENSIONATI E LA POLITICA CREDITIZIA PER I PENSIONATI DELL INPDAP L ho affrontato in CIV il problema dei servizi al pubblico dichiarando: Un altra questione che vorrei affrontare: a pagina 8, ma anche in altre pagine, così come nell istituto, in generale si parla di svolgere un servizio di informazione al pubblico. La mia non è una pignoleria di carattere semantico: ma noi non abbiamo il pubblico a cui rivolgerci, abbiamo i nostri azionisti, che sono coloro i quali hanno versato i contributi, ai quali noi dobbiamo la pensione. Non è pubblico, questo. I pensionati non sono il pubblico al quale dire: se non vi piace, andate da un altra parte. No, il pubblico non c è, qui ci sono coloro i quali hanno diritto a. Leggo anche ciò presuppone, da parte dei cittadini, un adeguata. Dei cittadini? Non dei cittadini, ma ciò presuppone, da parte dei nostri assistiti, ecc. ecc. Sono anche cittadini, logicamente, ma sono gli assistiti. Dobbiamo occuparci prima di tutto, e soltanto, direi, dei nostri pensionati, punto e basta. A parte i dipendenti, che è un altro discorso. L assistenza economica ai pensionati è stata oggetto di un altro mio intervento l : Qui parliamo di ottime iniziative da prendere nei confronti degli anziani e dei pensionati però, per esempio, non c è nulla che riguardi la concessione gratuita di protesi auricolari, occhiali, dentiere, tanto per fare un esempio.

2 Io metterei, come fatto prioritario, l assistenza agli anziani. Cose concrete, che riguardano concretamente i nostri assistiti, i quali hanno diritto di essere aiutati, non solo con la pensione. Il 15 giugno 2004 con la delibera 236, il CIV ha fatto il punto sulle politiche creditizie: POLITICHE CREDITIZIE E POLITICHE SOCIALI ATTIVITA CREDITIZIE In rapporto alle attività creditizie tradizionali, per le quali la legge finanziaria n. 662 del 1996 rafforzava l autonomia di gestione in seno all Inpdap, si dovrà perseguire con autorevolezza e determinazione amministrativa il ripristino della certezza della disponibilità dei fondi. Fino all avvento della cartolarizzazione dei crediti ed attraverso un virtuoso sistema rotativo di autoalimentazione del Fondo speciale per il credito, è stata garantita, negli anni, una equilibrata e soddisfacente gestione delle risorse in grado di soddisfare gran parte delle richieste di prestiti personali diretti e mutui ipotecari per l acquisto della prima abitazione. L attività tradizionale del Credito unificato è tuttora disciplinata dai Testi Unico nn. 180 del 1950 e 1032 del 1973 successivamente integrati dalla legge finanziaria n. 662 del 1996 che istituiva in seno all Inpdap la gestione autonoma del credito e dei servizi sociali nonché dal Decreto ministeriale n. 463 del 1998 che, in forza del principio di sussidiarietà, ha conferito all Istituto la facoltà di ricercare nuove e più avanzate forme di intervento creditizio e sociale a favore degli iscritti in attività di servizio, per quelli cessati dall attività e per i loro figli (art. 1 lettera f dello stesso D.M.). In virtù del principio di autonomia sancito dal nuovo regolamento governativo introdotto dal citato decreto n. 463 del 1998, anche per il credito diretto gli Organi di gestione dovevano ricercare ulteriori forme di intervento non solo per gli iscritti in attività ma anche per quelli cessati dal servizio. Sulla questione si possono individuare iniziative che riguardano, per lo più, alcuni provvedimenti già predeterminati e in corso di attuazione, tra i quali: l avviamento della rinegoziazione dei tassi di interesse relativi ai mutui edilizi concessi alle cooperative ed enti locali fino al 98; l approvazione del testo di Convenzione-quadro con l Istituto di credito Banca nuova relativamente alla concessione di mutui individuali ai soci delle cooperative al fine di consentire l eliminazione delle morosità ancora in atto (deliberazione commissariale n. 217 del

3 6 aprile 2004 di trasferimento del residuo debito dalle cooperative ai singoli soci accollanti). Sono intervenuto anche sul tema, affermando fra l altro: Ho evidenziato che, per l Istituto non esiste un utenza ma i pensionati, i quali hanno versato in anticipo la contribuzione necessaria per conseguire il diritto al trattamento di quiescenza e non debbono essere considerati degli utenti : sono i nostri azionisti, i destinatari dell attività dell INPDAP, Istituto creato per erogare loro le pensioni. Nei loro confronti l ente produce anche socialità. Ma non vi è traccia di tale principio, finchè permane il termine utente. Il 17 marzo 2005 sono intervenuto nella riunione del CIV per denunciare un episodio negativo che riguarda la politica creditizia dell INPDAP attuata in collaborazione con le banche: Questo è un problema che mi sta particolarmente a cuore; tempo fa lo avevo già sollevato e, siccome non mi piace parlare solo per sentito dire, ho voluto constatare di persona la situazione, chiedendo un piccolo prestito ad una banca convenzionata, da semplice pensionato 73nne. Il prestito mi è stato negato per l età avanzata. Mi hanno spiegato, infatti, che, se è vero che l accordo con la BNL prevede la possibilità di erogare il prestito a chi non ha superato i 75 anni, una circolare interna della banca vieta tale concessione per chi ha superato i 70 anni. Mi domando se tale comportamento delle Banche sia corretto e chiedo di prendere visione del testo della convenzione stipulata tra l Istituto e la Banca Nazionale del Lavoro, poiché non capisco con queste limitazioni - quali sono i pensionati che possono fruire di questo tipo di prestazione. Il 14 aprile 2005 sono intervenuto ancora una volta sulla politica creditizia: Avevo inoltre chiesto, nella precedente seduta, di avere una copia della convenzione stipulata con la banca. Vorrei ricordare ancora una volta che ho fatto un esperimento personale. Sono andato in una Banca Nazionale del Lavoro e, in quanto pensionati di 73 anni, ho chiesto un prestito. Dopo una serie di incontri il direttore della Banca mi ha riferito che, a seguito

4 della convenzione stipulata con l INPDAP, è stata diramata una circolare interna con il diniego di erogazione di prestiti agli altra settantenni. Nel chiedere, pertanto, di poter visionare una copia della suddetta convenzione, esprimo pieno apprezzamento per il lavoro svolto dalla Commissione Prestazioni ed invito il Presidente a considerare la relazione prodotta dalla stessa commissione parte integrante della delibera, in quanto chiarificatrice di alcuni punti. Al riguardo, suggerisco di modificare l ultimo capoverso della delibera, laddove cita di richiedere agli Organi suddetti di relazionare entro 30 giorni sulle iniziative allo studio adottate in merito alla istituzione di una specifica prestazione a favore dei pensionati iscritti, con a favore di quanti percepiscono una pensione INPDAP. Al termine della seduta, il CIV ha deliberato: di impegnare gli Organi di gestione affinché sia data applicazione agli indirizzi deliberati sulla materia, al fine di porre in essere i necessari ed improrogabili interventi risolutivi indispensabili per la loro concreta attuazione, con particolare riguardo ai seguenti punti: - ampliare le tipologie dei criteri di erogazione dei prestiti pluriennali diretti in relazione alle necessità degli iscritti e dei loro familiari; - provvedere alla semplificazione delle certificazioni richieste per la concessione delle prestazioni ed alla riduzione dei tempi di erogazione; - attivare una congrua riduzione dei tassi di interesse a favore dei richiedenti iscritti; di impegnare altresì gli Organi di gestione a relazionare sulla fattispecie al Consiglio di Indirizzo e Vigilanza, entro sessanta giorni, precisando in modo dettagliato le azioni adottate in merito o le eventuali cause che possano aver determinato il persistere della situazione attuale; di richiedere agli Organi suddetti di relazionare, entro trenta giorni, sulle iniziative, allo studio o adottate, in perito alla istituzione di una specifica prestazione a favore dei pensionati iscritti, come più volte richiesto dal Consiglio di Indirizzo e Vigilanza. Il 5 maggio 2005, il Presidente del CIV, Abbadessa, ha scritto al Ministero dell Economia e delle Finanze una lettera con la richiesta di parere circa l applicazione dell art. 1, comma 6, della legge 30 dicembre 2004, n. 311 in merito alla

5 concessione dei prestiti. Questo il testo: Il Consiglio di Indirizzo e Vigilanza ha approvato, con delibera n. 254 del 7 aprile 2005, il bilancio di previsione, 2005 deliberato dal Consiglio di Amministrazione il 21 dicembre 2004, raccomandando, in particolare, agli organi di gestione l adeguamento dello stesso alle norme previste dall articolo 1, commi 5 e 6, della legge 30 dicembre 2004, n Al riguardo, si comunica che il Consiglio di Amministrazione, nella seduta del 27 aprile 2005, con la delibera 145, ha dato luogo al suddetto adeguamento deliberando la prima variazione al bilancio di previsione Nell ambito di tale prima variazione al bilancio di previsione 2005, il Consiglio di amministrazione ha approvato un decremento del capitolo Concessione di prestiti, per la competenza e per la cassa, di euro rispetto alla previsione iniziale di euro In proposito, si fa presente che la concessione dei prestiti personali a favore degli iscritti è finanziata con il versamento da parte di questi ultimi di un contributo obbligatorio pari allo 0,35% della retribuzione percepita. Appare evidente che, nella specie, viene ad instaurarsi un vero e proprio rapporto previdenziale tra l Istituto e i propri iscritti, nell ambito del quale è configurabile l esistenza di un obbligo giuridico dell INPDAP ad erogare la prestazione. È pur vero che l ente dispone di un margine di discrezionalità nel definire l importo da stanziare in bilancio per tale specifica finalità, tuttavia una volta che questo potere sia stato esercitato e che si verifichino tutti i presupposti e i requisiti previsti dalla specifica normativa di settore, si può affermare che l iscritto vanti un vero e proprio diritto soggettivo ad ottenere la prestazione. Ora, da quanto sopra, sembra potersi evidenziare l applicabilità del disposto dell articolo 1, comma 6 della legge finanziaria 2005, alle concessioni di prestiti personali, che esclude, quindi, l applicabilità del comma 5 del medesimo articolo 1, alle spese per prestazioni sociali in denaro connesse a diritti soggettivi. In tal senso, si richiede di conoscere, con cortese urgenza, il parere di codesto Dicastero, atteso che il Consiglio di Indirizzo e Vigilanza deve approvare la prima variazione al bilancio preventivo 2005 dell Istituto entro il 27 giugno del corrente anno. Il 9 giugno 2005 sono tornato in CIV sul tema prestiti

6 Questo uno stralcio dell intervento: Come avvenuto in occasione della pubblicazione del volume L INPDAP e il Sociale del , curata dalla Commissione Prestazioni, Credito Attività sociali, ritengo opportuno che la Commissione presenti una nuova relazione sulla situazione attuale dell Istituto, in riferimento alle attività sociali, evidenziando i risultati ottenuti in merito alle proposte, ai propositi ed ai pronunciamenti di cui alla citata relazione del 2003, operando un distinguo tra i dipendenti dell Istituto ed i loro familiari da un lato e gli iscritti che percepiscono un trattamento di quiescenza INPDAP dall altro, in quanto reputo vi siano della disparità. Ne è un esempio, la mancata concessione ai pensionati di prestiti estinguibili per cessione di quota di pensione per un periodo superiore a dieci anni. L erogazione di tale prestazione è affidata a banche ed intermediari finanziari, come previsto dall art. 107 del D.L. 385/93. A sostegno delle mie osservazioni si esprime anche il D.L n. 35, convertito con modificazioni nella Legge n. 80 del , ignorata e non applicata dall Istituto, che prevede il ricorso dei pensionati alla cessione decennale del quinto della pensione, senza limiti di età, dietro la sottoscrizione di un assicurazione sulla vita. Sollecito, quindi, i colleghi Consiglieri ed il Direttore Generale a verificare l attualità delle mie asserzioni nonché a provvedere affinché gli interessati vengano messi correttamente a conoscenza della realtà legislativa. Peraltro, anche al Forum della P.A., tenutosi dal 9 al 13 maggio u.s., le informazioni fornite presso lo stand dell Istituto, in merito all erogazione di qualsiasi forma di prestito, escludevano dal beneficio i pensionati. Rivolgo, infine, al Presidente la richiesta di poter far parte della Commissione Prestazioni Credito Attività Sociali, in quanto reputo di poter fornire un utile contributo per preparazione ed esperienza maturate nelle materie di competenza della Commissione. Il 14 luglio 2005 pur assente per un ricovero in ospedale ho registrato con viva soddisfazione l approvazione della delibera n. 259 per l erogazione diretta di prestiti sociali ai pensionati già iscritti all INPDAP. Ho poi appreso con piacere che vi erano stati due interventi in CIV che mi riguardavano direttamente e che riporto: Presidente: Nel rivolgere gli auguri di pronta guarigione al consigliere

7 Mannucci, particolarmente sensibile a questo tema, invito il consigliere Bertozzi, Coordinatore della Commissione Prestazioni Credito Attività Sociali ed Entrate Contributive, a relazionarmi sull argomento. Bertozzi: Mi unisco agli auguri rivolti al consigliere Mannucci, certo di aver ottemperato alle sue pressanti richiesta riguardo la previsione di un prestito per i pensionati, da assimilare ad una prestazione sociale piuttosto che ad una forma di credito agevolato. La commissione propone, pertanto, di realizzare una forma di piccolo prestito di importo non superiore alle due annualità e restituibile in mesi, considerato il sostanziale abbassamento del potere d acquisto dei trattamenti di quiescenza nonché l innalzamento dell età media dei pensionati. Questo il testo del dispositivo finale approvato: VISTO che il processo di cartolarizzazione dei crediti, tutt ora in atto, non sembra avere apportato gli ulteriori auspicati benefici remunerativi tali da rafforzare lo sviluppo ed il finanziamento di una politica sociale innovativa in grado di rispondere adeguatamente alle necessità degli iscritti in tutto il territorio nazionale; PRESO ATTO del persistere del fenomeno di recessione, ancor più accentuato nell anno in corso, per cui l Istituto, nel rivedere le strategie di intervento, dovrà tenere conto della flessibilità e innovazione degli interventi e della massima tempestività nei tempi di erogazione del beneficio richiesto; CONSTATATO l estremo disagio della categoria dei pensionati iscritti, per i quali si dovrà, con urgente sollecitudine, procedere alla istituzione di un Prestito Sociale, commisurato al piccolo prestito, sia in termini di somme erogabili che di ammortamento, da erogare in tempi compatibili con le necessità degli iscritti richiedenti; RITENUTO che l onere di tale nuova prestazione, che si configurerebbe, pertanto, non come beneficio creditizio ma sociale, potrebbe essere interamente garantito dal valore del Premio di Garanzia Fondo Rischi, prevedendo in favore dell INPDAP un minimo riconoscimento per il costo dell operazione amministrativa; A MAGGIORANZA dei consiglieri presenti DELIBERA di impegnare gli Organi di Gestione affinché pongano in essere ogni utile iniziativa al fine di istituire la nuova prestazione del Prestito sociale in favore dei pensionati iscritti e delle loro famiglie, tenendo in considerazione gli elementi appresso evidenziati: adottare tempestivamente procedure amministrative per l erogazione

8 in forma diretta del nuovo beneficio sociale la cui concessione dovrà supporre la convergenza di due elementi essenziali e compatibili con la natura del prestito; adottare tempestivamente procedure amministrative per l erogazione in forma diretta del nuovo beneficio sociale la cui concessione dovrà supporre la convergenza di due elementi essenziali e compatibili con la natura del prestito: a) flessibilità nell accoglimento della richiesta, b) massima dinamicità nei tempi di erogazione; avviare iniziative di informazione capillare, anche con il coinvolgimento delle Sedi periferiche, degli Enti e dei Patronati, in grado di raggiungere tutti gli aventi diritto, in modo di costituire una alternativa per gli anziani in difficoltà a fronte del ricorso esclusivo del sistema bancario; provvedere, per la copertura di spesa della nuova prestazione, all adeguamento degli stanziamenti in bilancio, anche con l utilizzo di risorse eventualmente non impegnate per le attività creditizie. Nel corso del CIV del 26/01/2006 sono tornato sull argomento convenzioni con le banche : A proposito dell esclusione dei soggetti appaltatori che non rispettano i capitolati e gli impegni contrattuali, di cui parlava il consigliere Bertozzi, mi sembra interessante ricordare un esempio che ci riguarda. L anno scorso ho fatto un indagine presso istituti di credito convenzionati con l INPDAP e ho scoperto cha la Banca Nazionale del Lavoro, con una circolare interna, aveva dato disposizioni affinché non venissero erogati piccoli prestiti ai pensionati di età superiore ai 70 anni, in violazione della convenzione che fissava il limite a 75 anni. Ho chiesto in quella occasione che la convenzione venisse annullata, ma senza alcun risultato. Tale esperienza personale mi porta a dubitare sulla possibilità concreta che l Istituto possa dar corso allo strumento della risoluzione contrattuale. Ho notato che il richiamo approvato due giorni fa a pagina 12c del documento in questione, in cui si chiedeva di sospendere le convenzioni con le banche inadempienti per le concessioni di mutui, è stato cancellato. Vorrei anche suggerire di segnalare alle banche, cui estenderemo convenzioni, che l ISTAT ha recentemente modificato le cifre relative all aspettativa di vita, che passano da 65/75 anni per gli uomini ed a 79/85 anni per le donne. Il 23 marzo 2006 il CIV ha approvato l ordine del giorno n. 42 per l estensione delle prestazioni creditizie di cui all art 1, comma 347, della legge

9 266/05 in favore dei pensionati dell INPDAP e dei dipendenti pubblici iscritti ad altre gestioni pensionistiche. Questo il testo del dispositivo finale: IMPEGNA gli Organi di gestione a procedere prontamente alla definizione di un piano di fattibilità, coerente con le linee di indirizzo già emanate dal Consiglio di indirizzo e vigilanza, per l accesso alle prestazioni creditizie di cui all art. 1, comma 347 del 23/12/2005 erogate dall INPDAP in favore dei pensionati dell Istituto e dei lavoratori pubblici iscritti ad altre gestioni previdenziali, che individui, sulla base di quanto specificato in premessa, le tipologie e le modalità delle prestazioni erogabili. Ai fini di quanto sopra si dovrà fare riferimento ai seguenti criteri: prevedere livelli di contribuzione differenziata per i dipendenti in attività di servizio e per i pensionati, in considerazione della ridotta capacità di reddito di questi ultimi; operare la contribuzione a carico dei pensionati su base volontaria, prevedendo possibilità di una totale gratuità per l accesso alle prestazioni in favore dei percettori di pensioni minime. Nel corso della riunione sono tornato sull argomento prestazioni creditizie : Condivido le finalità dell Ordine del Giorno; tuttavia, a rischio di diventare noioso, mi devo ripetere. Credo che anche questa volta si confonda tra due concetti diversi: una cosa sono i prestiti, effettivamente legati alla detenzione di un fondo specifico; altra e diversa questione è la cessione del quinto che non è connessa ad una tale disponibilità e per la quale la legge pone come unico vincolo la restituzione decennale. Ritengo che occorra distinguere, a fini di chiarezza, le due diverse materie e presentare due separati ordine del giorno, limitandoci in questa sede a fare un discorso chiaro solo sui piccoli prestiti. Ho anche ribadito la necessità di escludere le banche inadempienti da ogni accordo, ma sembra che su questo punto ci siano poche speranze. Il 18 maggio 2006 è stato affrontato in CIV il tema delle politiche sociali in favore degli anziani. Questi alcuni miei interventi nel dibattito:

10 Nel complimentarmi con la Commissione Prestazioni Credito ed Attività Sociali per il lavoro svolto, ritengo tuttavia doveroso presentare, ancora una volta, la problematica delle protesi sanitarie (auricolari, odontoiatriche, etc.), segnalata ripetutamente dal sottoscritto. Ritengo possibile, infatti, che in caso di protesi sanitarie non corrisposte dal S.S.N., l Istituto possa intervenire anticipando la spesa per poi trattenerla dalla pensione dell interessato operando piccole rate. Si tratta di un discorso di sensibilità verso certe tematiche ed esigenze sociali, che investe anche le convenzioni stipulate con alcuni Istituti bancari per la concessione di prestiti ai pensionati fino al 75 anno di età. Colgo l occasione per citare ancora una volta la BNL che, attenendosi ad una circolare interna, non applica quanto convenuto con l INPDAP in merito alla concessione dei suddetti prestiti. Stante questo quadro generale, ribadisco la necessità di implementare un sostegno fattivo per dirimere tutte le problematiche che costituiscono un vero handicap per gli anziani, nel rispetto della mission sociale che caratterizza l Istituto. Ovviamente io mi riferisco a pensionati INPDAP. A garanzia di prestiti di questo tipo, vi sono forme di polizze assicurative. Chiarisco di non aver mai detto che il CIV si debba occupare di prestazioni sanitarie: ho solo voluto evidenziare che si deve trovare il modo di sostenere chi non può altrimenti acquistare le protesi non fornite dal SSN. Nello stesso tempo, affinché i finanziamenti non siano distolti dagli scopi assistenziali, l accertamento del bisogno potrebbe essere posto a carico delle ASL competenti: il nostro intervento, in tal modo, avrebbe carattere economico e non sanitario. Nel corso della riunione della Commissione Prestazioni e Credito del 26/05/2006, ho nuovamente proposto interventi creditizi a favore dei pensionati: Si passa a discutere dell ampliamento delle prestazioni sociali, con l intervento del Consigliere, dr. Corrado Mannucci, il quale, in considerazione della mancata erogazione di alcune prestazioni sanitarie da parte del Servizio Sanitario, presenta la proposta di farle rientrare, qualora fosse legittimamente ammissibile, nell ambito di una prestazione creditizia sociale, vista anche la difficoltà nell adottare il piccolo prestito sociale, che, malgrado la delibera di attuazione del C.d.A., non è ancora effettivo perché sprovvisto dell autorizzazione del Ministero. Il primo passo da effettuare per rispondere alla richiesta di

11 ampliamento delle prestazioni creditizie è da verificare, in merito alla delibera sul piccolo prestito sociale approntata dal CIV e successivamente approvata anche dal CdA, la data di invio della richiesta inviata al Ministero competente circa la liceità del provvedimento e, in caso di assenza di risposta, sollecitare lo stesso Dicastero, senza attendere lo scadere dei 60 gg. previsti per l esito positivo del quesito attraverso l istituto del silenzio-assenso. Preso atto che, la tipologia adottata dal C.d.A. non prevede le prestazioni in base alle quali concedere l prestito secondo la Commissione potrebbero rientrarvi anche quelle prestazioni sanitarie non erogate dal servizio sanitario. Ha poi rilevato che: occorre ampliare le motivazioni per le quali è possibile richiedere il prestito pluriennale, prevedendo proprio il tipo di prestazioni prima citate. Nel corso della riunione ho nuovamente sollecitato il problema delle convenzioni con gli Istituti bancari ed ho auspicato che le inadempienze da me denunciate vengano prontamente sanzionate. Il 5 luglio 2006 si è nuovamente riunita la commissione Prestazioni e Credito, che ha esaminato le problematiche del credito. È stato rilevato che, tenuto conto dell andamento della domanda negli anni precedenti, quest anno era stato previsto in bilancio un budget di circa 1,45 mld di euro, ipotesi formulata tenendo conto delle previsioni degli anni precedenti e della probabilità che a seguito del miglioramento delle condizioni di accesso si sarebbe verificato un incremento delle richieste di prestito rispetto agli anni precedenti, nei quali era stata impegnata una spesa intorno a 1,5 mld di euro. È stato anche rilevato che nell anno in corso sono state introdotte ulteriori prestazioni creditizie, quali il prestito quadriennale, che determinano un traslazione di domande, poiché, in considerazione della possibilità di accedere anche alla nuova prestazione senza alcuna motivazione, per l iscritto è preferibile rispetto al piccolo prestito annuale o biennale. Dai dati in possesso della direzione, è risultato che alla data del 21 giugno 2006 sono stati erogati quasi prestiti per un totale di

12 oltre 500 mln di euro, con un incremento delle prestazioni creditizie medie dovuto all introduzione del prestito quadriennale ma sostanzialmente in linea con il trend delle domande ricevute nel 2005, nel corso del quale sono stati erogati in tutto circa 115 mila prestiti per 1 mld e 90 mln di euro. Considerando che la richiesta di prestiti non avrebbe avuto un sostanziale aumento rispetto agli anni precedenti l Istituto ha deciso di impegnare fondi anche per soddisfare altre prestazioni, e, dunque, oltre a prevedere un budget di spesa per i mutui individuali di circa 400 mln di euro, sono stati assegnati ulteriori 250 mln di euro per finanziare la costruzione di alloggi da parte di cooperative di pubblici dipendenti, in quanto ormai da alcuni anni non erano più concessi mutui per la costruzione di case. Si è trattato del primo anno di introduzione di tale beneficio e sono pervenute numerose richieste in tal senso, anche se non tutte le cooperative appositamente costituite hanno avuto l assegnazione dei terreni edificabili, elemento indispensabile per poter accedere al finanziamento. In merito ai mutui individuali, la Commissione ha riscontrato che a fronte di 105 mln di euro stanziati ed erogati nel 2003 e 88 mln di euro nel 2004, nel 2005 si è saliti a 300 mln di euro; tenuto conto del notevole aumento delle domande soddisfatte nel 2005, sono stati previsti in bilancio per l anno in corso 400 mln di euro, con la possibilità di sommare a tale importo la somma stanziata per l erogazione di mutui alle cooperative, circa 250 mln di euro, che probabilmente a causa delle citate difficoltà, rimarrebbero inutilizzati, nella convinzione che la sommatoria dei due importi avrebbe consentito di soddisfare la domanda. Invece secondo quanto riferito dagli organi gestionali si è verificato un incremento esponenziale delle domande, peraltro non derivato dalle altre tipologie di nuova introduzione, quali ristrutturazioni, rinegoziazioni etc, ma rinveniente dalla domanda di acquisto della prima casa, ovvero circa l 86% delle domande di prestito e mutuo hanno ad oggetto l acquisto della casa. Da sottolineare che l iscritto può optare per un mutuo al tasso fisso del 3,20, e ciò comporterebbe, visto anche l aumento costante del tasso di interesse praticato dalla BCE, l intremento delle domande di mutuo, considerato anche che la scelta del mutuo a tasso variabile non è irrevocabile, ma viene concessa la possibilità all utente dopo i primi cinque anni di ammortamento, di scegliere se passare al tasso fisso o mantenere il variabile secondo l andamento del mercato, quindi sono entrambi appetibili sia sul piano della entità del tasso che sulla modalità

13 di applicazione del tasso stesso. Risulta importante il fatto che alla data di giugno sono stati erogati più mutui rispetto all intero anno del 2005, circa mutui a fronte di del 2005 con assegnazione alle sedi di 800 mln di euro, budget comunque non sufficiente a soddisfare le domande sin qui pervenute, poiché mancano ancora 23 mln di euro. Su tale considerazione ho riferito di aver avuto notizia circa l esistenza di una circolare emanata dalla Direzione Credito, in base alla quale le sedi non devono accettare le domande per esaurimento dei fondi. Il rappresentante della Direzione generale (come risulta dal verbale della Commissione) mi ha subito precisato di non aver mai emanato un siffatta circolare, mentre la disposizione che è stata data alle Sedi Provinciali è quella di accettare con riserva, ovvero accettare la domanda in attesa dell assegnazione del budget, che, appena verrà assegnato, determinerà la cancellazione della riserva. Ha anche riferito che la Direzione ha preparato una lettera nella quale, oltre a ribadire la temporanea riserva in attesa di una integrazione del budget derivante da variazione di bilancio, si afferma la priorità per coloro che devono acquistare la prima casa, ponendo in attesa l iscritto che deve unicamente rinegoziare il mutuo; dunque, procedere per priorità; in merito alle possibili fonti di reddito alternative per soddisfare la domanda, ha precisato che, (dal momento che sono già pendenti alcune domande di cooperative edilizie alle quali non è stato ancora assegnato il terreno su cui edificare) si potrebbero stornare parte dei fondi in bilancio per tale prestazione per garantire i finanziamenti dei mutui individuali. Il dirigente ha anche fatto presente che bisogna considerare che l Istituto è ancora creditore nei confronti di cooperative finanziate dagli ex Istituti di previdenza di circa 200 mln di euro, che devono rientrare con gli ammortamenti; queste cooperative

14 erano finanziate con interessi molto elevati in rapporto all epoca, di seguito ridotti al 6% con l operazione di rinegoziazione. Un altra ipotesi, dunque, per i fondi necessari è, considerato che l Istituto aveva stipulato una convenzione con le banche per il passaggio del mutuo da cooperativo a individuale, ottenere la restituzione del capitale, è, ricordando che il tasso di interesse che riscuoteremmo è del 6% (e che il costo del denaro oggi è attestato al 3%), rimborsare lo spread tra il nostro tasso e quello praticato dall Istituto finanziario, con la possibilità di avere ancora disponibilità di introito sul tasso del 6%, che riconosciamo con l attualizzazione. Reinvestendo i fondi così ottenuti, tenuto conto che l Istituto riscuote il tasso del 3,20 con il fisso sul mutuo e lo 0,50 per spese di amministrazione e l ulteriore disponibilità sul tasso al 6%, l INPDAP potrebbe reintegrare quasi del tutto il tasso di interesse che devono corrispondere le citate cooperative con l ammortamento a scadenza naturale; tale operazione ci darebbe la possibilità di ulteriori 200 mln di euro. Dunque, riepilogando dal momento che la previsione di spesa per l anno in corso si attesterebbe intorno a 1,5 mln di euro, le proposte avanzate per colmare il divario di spesa e reperire i fondi, sono innanzitutto quella di stornare circa 350 mln di euro dal capitolo dei prestiti ai mutui individuali e 100 mln di euro dal budget previsto per le cooperative, oltre a recuperare circa 200 mln dal mutuo concesso alle cooperative ancora in fase di ammortamento. Al fine di reintegrare il budget di spesa servirebbero ancora 300 mln di euro, che si potrebbe ricavare o da un operazione di assestamento di bilancio, nel caso esistano risparmi di gestione, o da un anticipazione della Cassa Pensioni Sanitari. Nel recente passato si è già verificato che la Gestione Credito abbia avuto un anticipazione di

15 fondi dall C.P.S., restituiti con parte dei proventi della cartolarizzazione senza interessi in un unica soluzione, circa 1,5 mld di euro. Si potrebbe pensare, quindi, essendo tale cassa in attivo, ad un anticipazione onerosa dei 300 mln di euro, con un minimo tasso di interesse, da restituire a titolo oneroso ratealmente. È stata a questo punto avanzata dalla Commissione anche l ipotesi di rivolgersi al mercato privato per ottenere la restante somma, prelevando dal fondo rischi, che è attivo per circa 200 mln di euro, una quota che finanzi lo spread fra il tasso di interesse praticato dalle banche ed il nostro tasso, in modo da garantire che l iscritto che si rivolge alle banche abbia il medesimo trattamento di coloro che hanno contratto un mutuo direttamente con l Istituto. Il Dirigente generale ha però chiarito che la suddetta operazione è impraticabile poiché il fondo rischi è un fondo assicurativo, e l ipotesi che era stata formulata di emanare una delibera da inviare ai Ministeri vigilanti affinché autorizzassero il reinvestimento interno di una quota del fondo rischi, non è stata attuata poiché, essendoci in itinere la possibilità della iscrizione dei pensionati sui quali l incidenza del rischio sarebbe stata molto più alta, si è preferito esser prudenti per garantire una parziale copertura del rischio per i pensionati. Inoltre la possibilità di una erogazione dei fondi da parte delle banche con pagamento dell Istituto del differenziale del tasso di interesse, è oltremodo onerosa, considerato che con un anticipazione di 500 mln di euro, solamente il differenziale, chi oltretutto sarebbe una spesa è non un investimento, verrebbe a costare oltre 150 mln di euro per i primi cinque anni, arco temporale nel quale rientra l obbligo di garanzia per l Istituto. Infine in merito alla possibilità di reperire i fondi dall operazione di cartolarizzazione, ha chiarito che, considerato prioritariamente che l Istituto

16 ha ricevuto solo in parte i proventi cartolarizzati e inoltre una quota, pari a 1,5 mld di euro, è stata restituita dalla Ragioneria alla C.P.S. per un prestito ricevuto nel passato, a partire da gennaio 2004, dal momento che la gestione credito si finanziava con il contributo dello 0,35% e con la quota minima di rientro degli ammortamenti, si è cominciato a prelevare i fondi dalla Tesoreria, e analogamente nel 2005 e nell anno in corso, con una disponibilità residua alla fine del 2006 di circa 700 mln di euro; considerato che le uscite della gestione credito sono pari a 2,3 mld l anno e che i fondi citati non sono inclusi nel bilancio di previsione, occorrerebbe una variazione di bilancio che non risolverebbe il problema, che si ripresenterebbe, qualora si utilizzassero i residui fondi cartolarizzati, con forza nel corso del Da ultimo, in considerazione delle argomentazioni svolte, la Commissione ha deciso di preparare una delibera che dia indicazioni sulle possibili modalità per reperire i fondi necessari. Il 6 luglio 2006, il Presidente Staderini ha annunciato in CIV di aver sottoscritto un accordo migliorativo con alcune banche, per la concessione di prestiti anche ai pensionati INPDAP fino agli 80 anni di età, come avevo ripetutamente chiesto. L INPDAP ha quindi diffuso un comunicato sull argomento, precisando fra l altro: Come noto, l Inpdap ha stipulato una Convenzione con alcuni Istituto di credito/società per la concessione di prestiti personali ai pensionati, con rata trattenuta mensilmente dalla pensione, a condizioni economiche certe e vantaggiose. Nell ambito della Convenzione, l INPDAP ha ottenuto l applicazione di condizioni economiche ancora più favorevoli, come evidenziato nell esempio sotto riportato. L iniziativa è riservata a tutti i pensionati con un età massima di 80 anni alla scadenza del prestito ed è valida fino al 31 dicembre In quella occasione ho dato atto, in CIV al

17 Presidente di aver mantenuto l impegno preso: Prendo atto con piacere che il presidente Staderini ha mantenuto la promessa di elevare da 75 anni a 80 anni il limite di età per il completamento dell ammortamento per i prestiti concessi dagli istituti bancari. Chiedo, tuttavia, dei chiarimenti, non comprendendo il motivo per cui leggo sulla delibera dei CdA ancora l indicazione dei 73 anni. Ritengo opportuno che tale chiarimento venga inserito nel nuovo atto. Vorrei avere anche delle risposte chiarificatrici al riguardo, così come chiedo delucidazioni in merito alla cessione del quinto decennale per i pensionati e se l Istituto si sia attivato per conoscere gli eventuali sviluppi a seguito della delibera del Consiglio di Amministrazione n. 236 del Questo uno stralcio dell atto aggiuntivo alla convenzione firmata il fra l INPDAP e la Banca Nazionale del Lavoro e finalizzata alla concessione di mutui e prestiti personali ad iscritti, pensionati e dipendenti INPDAP. (omissis) VISTO - Il D.P.R. n. 80 del 5 gennaio La Circolare del Ministero del Tesoro n. 63 del 16/10/ Il D.P.R. n. 1032/73 - La legge n. 662 del 23 dicembre Il D.M. n. 463 del 28 luglio CONSIDERATO che l Istituto intende agevolare l accesso ai finanziamenti da parte dei pensionati, che non possono accedere ai prestiti INPDAP, ed offrire ulteriori opportunità e agevolazioni ai propri pensionati. VISTO INOLTRE CHE Gli Istituti di credito Banca Nuova e B.N.L. hanno presentato una interessante iniziativa che va incontro alle esigenze di questa particolare categoria al fine di consentire le migliori condizioni di mercato e la massima velocità nell erogazione del finanziamento. SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE ART. 1 ASSUNZIONE DELLE PREMESSE Le premesse sono parte integrante e sostanziale del presente atto. ART. 2

18 OGGETTO DELL ATTO AGGIUNTIVO Il presente atto aggiuntivo alla convenzione stipulata in data disciplina la concessione da parte degli Istituti di credito firmatari condizioni agevolate particolari in favore dei pensionati dell Inpdap e degli iscritti di seguito meglio specificati: 1. riduzione del tasso applicato sui prestiti dal 6.85% al 6.60% per i finanziamenti sino a 60 mesi. Dal 8,25% al 8,10% per i finanziamenti sino a 120 mesi. 2. innalzamento dell età massima a scadenza del finanziamento da 75 a 80 anni. L INPDAP predisporrà un messaggio di informazione agli utenti che verrà spedito con oneri assunti direttamente dalle due Banche convenzionate. Il volume di finanziamenti concessi monitorato da INPDAP mensilmente, dopo la divulgazione dell offerta, e, dopo l assorbimento dei costi sostenuti dalle due aziende, le stesse verseranno all Istituto uno spread dello 0.30% sull intero capitale erogato per scopi sociali/assistenziali in favore degli anziani. ART. 3 DESTINATARI Sono destinatari dei prestiti: - i pensionati INPDAP ai quali l Istituto eroga una prestazione pensionistica. - Possono. Altresì, accedere i dipendenti pubblici in servizio presso le amministrazioni presso le quali Banca Nuova e BNL risultato accreditati. I destinatari dovranno dimostrare la propria posizione esibendo la seguente documentazione: - Cedolino di pensione a qualunque titolo percepita dall INPDAP (diretta, indiretta, ai superstiti). - Documento inviato al domicilio del pensionato. - Per i lavoratori in attività di servizio il cedolino dello stipendio. ART. 4 ONERI FISCALI Questa convenzione viene redatta in quattro copie originali, di cui una per ciascuna parte contraente e la quarta per l Ufficio del Registro di Roma. L onere e le spese di registrazione in caso d uso, nonché quelle per eventuali bolli, sono a carico della Banca. La direzione Generale dell INPDAP ha comunicato in data 11 luglio 2006 (prot. 767) nuove disposizioni in materia di mutui ipotecari edilizi:

19 Si comunica che le domande di mutui ipotecari edilizi acquisite fino alla data odierna verranno evase nei limiti della disponibilità di bilancio e con priorità per quelli aventi ad oggetto acquisto prima casa. Si precisa, pertanto, che le domande pervenute e per le quali non sia stato definito il rogito aventi ad oggetto rinegoziazione di mutuo e/o ristrutturazione, devono provvisoriamente rimanere sospese fino al reperimento delle risorse finanziarie necessarie a soddisfare le domande comunque acquisite alla data odierna. Le domande, infine, che perverranno a partire dal 12/7 p.v. potranno essere istruite nell ambito delle risorse dell esercizio Il 27 luglio nel corso della riunione del CIV, anche le l argomento non era nell ordine del giorno, ho detto: Propongo alcune varie. La prima riguarda la circolare che l Istituto ha emanato in data 11 luglio, in cui si sancisce la sospensione nell erogazione dei mutui ipotecari a causa dell esaurimento dei fondi ad essi destinati. Vorrei conoscere quali sono le reali possibilità che ha l Istituto, apportando modifica al bilancio, di reperire tali fondi per far fronte alle necessità degli utenti che, contando sulla opportunità offerta loro dall INPDAP, si sono impegnati in acquisti altrimenti non possibili. Il 22 settembre 2006 si è nuovamente riunita la Commissione Prestazioni per esaminare la situazione dei mutui ipotecari. Ha preso atto che la carenza di risorse a disposizione (dovuta in parte all eccezionale numero di richieste pervenute) ha comportato, in un primo momento, l accoglimento con riserva e, successivamente la sospensione della prestazione. Nel mese di giugno la Direzione Centrale Credito ha inviato una circolare alle sedi con l indicazione di accettare con riserva le domande prodotte dal 08/06 al 11/07 (circa 8.000) riserva successivamente sciolta grazie ad una variazione di bilancio di 250 mln di euro. Successivamente una circolare del Direttore Generale ha disposto la sospensione della prestazione per mancanza di fondi con rigetto delle

20 domande prodotte a far data dal 12/07/2006; non tutte le Sedi Provinciali, però, hanno adempiuto alla suddetta circolare, nonostante la Direzione abbia dato disposizione in tal senso, e alcune di esse hanno continuato ad accogliere domande di mutuo edilizio ipotecario sino al 31/08. Da un calcolo effettuato dalla Consulenza Attuariale risulta che per soddisfare le richieste di mutuo inoltrate all Istituto fino al 31/08, occorrerebbe un integrazione di bilancio di circa Data l emergenza e la scarsità di risorse a disposizione, la direzione ritiene necessario,per ovviare al rischio che l Istituto possa ritrovarsi nelle medesime difficoltà nei prossimi anni, una modifica del regolamento di concessione dei mutui. Nel corso del CIV del 28 settembre 2006, si è parlato anche di politica creditizia. Questo il mio intervento: Vorrei un chiarimento: a pag. 2 della relazione, all ultimo punto si legge una riduzione del capitolo (concessione di crediti ex articolo 59 DPR 509/79), in considerazione di un numero di domande, presentate dai dipendenti INPDAP, inferiore al previsto ; chiedo se in tale discorso rientra anche la richiesta che avevamo fatto come CIV di una nota di variazione al bilancio per reintegrare il fondo per la concessione di mutui. Il Presidente Abbadessa ha chiarito che sono due cose diverse; l art. 59 del DPR 509/79 riguarda i prestiti ai dipendenti e che la variazione di bilancio è stata chiesta per l evasione dei mutui agli iscritti. Sono quindi tornato sull argomento mutui : Concordo con la delibera proposta dalla Commissione Prestazioni Credito, Attività sociali ed entrate Contributive di cui faccio parte. La sostanza del discorso che esprime è molto semplice: lo stanziamento per i mutui si è esaurito e quindi occorre provvedere al suo rifinanziamento con ogni mezzo possibile e lecito. Mi chiedo tuttavia che cosa avverrebbe se l istituto non fosse in grado di provvedere in tal senso. Propongo che

AVVERTENZA I dati relativi alle prestazioni sono soggetti ad aggiornamenti periodici

AVVERTENZA I dati relativi alle prestazioni sono soggetti ad aggiornamenti periodici Edizione 2012 AVVERTENZA I dati relativi alle prestazioni sono soggetti ad aggiornamenti periodici Prima di presentare domanda verificare le condizioni vigenti su www.inpdap.gov.it o presso gli Urp di

Dettagli

Contributo di Altroconsumo

Contributo di Altroconsumo Contributo di Altroconsumo Disegno di Legge 3221 di conversione del decreto-legge integrativo dei decreti liberalizzazioni e consolidamento conti pubblici X Commissione Senato Industria Commercio e turismo

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO FINALIZZATA ALLA CONCESSIONE DI PRODOTTI DI FINANZIAMENTO A PENSIONATI INPS. L anno duemilasette, il giorno del mese di in Roma Via

CONVENZIONE QUADRO FINALIZZATA ALLA CONCESSIONE DI PRODOTTI DI FINANZIAMENTO A PENSIONATI INPS. L anno duemilasette, il giorno del mese di in Roma Via CONVENZIONE QUADRO FINALIZZATA ALLA CONCESSIONE DI PRODOTTI DI FINANZIAMENTO A PENSIONATI INPS L anno duemilasette, il giorno del mese di in Roma Via TRA L Istituto Nazionale della Previdenza Sociale,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica

COMUNICATO STAMPA. Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica COMUNICATO STAMPA Nel 2006: 2,9 miliardi di euro in prestazioni creditizie a tassi tra il 3,2 e il 4% oltre a 1,2 miliardi di euro attraverso istituto convenzionati Anche i pensionati pubblici potranno

Dettagli

MUTUI : PROMESSA MANTENUTA!

MUTUI : PROMESSA MANTENUTA! MUTUI : PROMESSA MANTENUTA! Nel sottolineare l importanza dell impegno svolto dalle commissioni tecniche costituite dalle Organizzazioni Sindacali, che, in seguito al lavoro svolto ha permesso di individuare

Dettagli

Istituto Nazionale della Previdenza Sociale. Circolare numero 123 del 18-10-2012. e, per conoscenza,

Istituto Nazionale della Previdenza Sociale. Circolare numero 123 del 18-10-2012. e, per conoscenza, Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Circolare numero 123 del 18-10-2012 Direzione Generale Roma, 18/10/2012 Circolare n. 123 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE DELLE PRESTAZIONI DIREZIONE CENTRALE DELLE ENTRATE CONTRIBUTIVE. Roma, 4 novembre 1999 Circolare n. 194

DIREZIONE CENTRALE DELLE PRESTAZIONI DIREZIONE CENTRALE DELLE ENTRATE CONTRIBUTIVE. Roma, 4 novembre 1999 Circolare n. 194 DIREZIONE CENTRALE DELLE PRESTAZIONI DIREZIONE CENTRALE DELLE ENTRATE CONTRIBUTIVE Roma, 4 novembre 1999 Circolare n. 194 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Coordinatori generali, centrali e periferici

Dettagli

CONVENZIONE TIPO FINALIZZATA ALLA CONCESSIONE DI PRODOTTI DI FINANZIAMENTO A PENSIONATI ENASARCO

CONVENZIONE TIPO FINALIZZATA ALLA CONCESSIONE DI PRODOTTI DI FINANZIAMENTO A PENSIONATI ENASARCO CONVENZIONE TIPO FINALIZZATA ALLA CONCESSIONE DI PRODOTTI DI FINANZIAMENTO A PENSIONATI ENASARCO L anno, il giorno del mese di in Roma Via TRA La FONDAZIONE ENASARCO, con sede in Roma, Via Antoniotto Usodimare

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE PER LE RISORSE UMANE

DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE PER LE RISORSE UMANE DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE PER LE RISORSE UMANE ALLEGATO A Art. 1 I competenti Uffici periferici del Dipartimento della Pubblica Sicurezza operano le ritenute sulle competenze

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XVIII n. 57 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore FERRARA) approvata nella seduta del 20 ottobre 2010 SULLA PROPOSTA DI

Dettagli

Spett.le ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e Interesse Collettivo 00184 ROMA regolamentopolizzemutui@isvap.

Spett.le ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e Interesse Collettivo 00184 ROMA regolamentopolizzemutui@isvap. Spett.le ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e Interesse Collettivo 00184 ROMA regolamentopolizzemutui@isvap.it Milano, 16 aprile 2012 OGGETTO: Osservazioni Altroconsumo su: Documento

Dettagli

Normativa condizioni finanziarie (accordo 30 novembre 2007)

Normativa condizioni finanziarie (accordo 30 novembre 2007) CONTO CORRENTE PERSONALE BANCA Normativa condizioni finanziarie (accordo 30 novembre 2007) Tasso creditore BCE 0,50 Norme generali: - è intestato al dipendente o al pensionato; - può essere cointestato

Dettagli

CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO

CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO Art. 1 PREMESSE L Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza per i Biologi, in ottemperanza alle finalità di cui all art. 3,

Dettagli

IL MUTUO. Che cos è. Come funziona

IL MUTUO. Che cos è. Come funziona IL MUTUO Che cos è Il mutuo è un finanziamento a medio-lungo termine, erogato da una banca o da altro intermediario finanziario autorizzato, rimborsabile attraverso pagamenti rateali secondo il piano di

Dettagli

L anno nel mese di il giorno.in Milano Via Vivaio, 1 TRA

L anno nel mese di il giorno.in Milano Via Vivaio, 1 TRA SCHEMA DI CONVENZIONE TIPO PER LA CONCESSIONE DI PRESTITI AI DIPENDENTI DELLA CITTA' METROPOLITANA DI MILANO CON ESTINZIONE MEDIANTE L ISTITUTO DELLA DELEGAZIONE DI PAGAMENTO L anno nel mese di il giorno.in

Dettagli

I.N.P.D.A.P. ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DELIBERA DEL CONSIGLIO DI INDIRIZZO E VIGILANZA

I.N.P.D.A.P. ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DELIBERA DEL CONSIGLIO DI INDIRIZZO E VIGILANZA I.N.P.D.A.P. ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DELIBERA DEL CONSIGLIO DI INDIRIZZO E VIGILANZA N. 246 dell 11 Novembre 2004 OGGETTO: Erogazione diretta dei

Dettagli

CONDIZIONI CONTRATTUALI ED ECONOMICHE DEL PERSONALE Finanziamenti Società interessate: Ambito: Tutti

CONDIZIONI CONTRATTUALI ED ECONOMICHE DEL PERSONALE Finanziamenti Società interessate: Ambito: Tutti Circolare n. 36 del 29 maggio 2012 Oggetto: Finanziamenti ai Dipendenti Serie: PERSONALE Argomento: CONDIZIONI CONTRATTUALI ED ECONOMICHE DEL PERSONALE Finanziamenti Società interessate: Ambito: Tutti

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Allegato 1 LETTERA CIRCOLARE Roma, 1 dicembre 2004 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali DIREZIONE GENERALE PER L'ATTIVITA ISPETTIVA Ai Direttori delle Direzioni Regionali del Lavoro LORO SEDI

Dettagli

DELEGAZIONE DI PAGAMENTO

DELEGAZIONE DI PAGAMENTO Copia originale per UNICREDIT INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI DELEGAZIONE DI PAGAMENTO 1. identità e contatti del finanziatore/intermediario DEL CREDITO Finanziatore UniCredit S.p.A.

Dettagli

ALIFOND FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DELL INDUSTRIA ALIMENTARE E DEI SETTORI AFFINI

ALIFOND FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DELL INDUSTRIA ALIMENTARE E DEI SETTORI AFFINI Allegato alla Nota Informativa ALIFOND FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DELL INDUSTRIA ALIMENTARE E DEI SETTORI AFFINI DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI SEZIONE I:

Dettagli

BILANCIO ANNUALE DI PREVISIONE ESERCIZIO 2016

BILANCIO ANNUALE DI PREVISIONE ESERCIZIO 2016 ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI B A R I BILANCIO ANNUALE DI PREVISIONE ESERCIZIO 2016 RELAZIONE DEL PRESIDENTE Assemblea degli Iscritti Bari, 27 novembre 2015 Gentili colleghe

Dettagli

Legge Regionale 30 dicembre 2010 n.34

Legge Regionale 30 dicembre 2010 n.34 CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA Legge Regionale 30 dicembre 2010 n.34 Bilancio di Previsione per l Esercizio Finanziario 2011 e Bilancio Pluriennale per il Triennio 2011 2013. * * * * * * * * * *

Dettagli

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI Requisiti generali 1. L anticipazione della posizione individuale maturata che l aderente può conseguire da parte del Fondo per specifiche causali é disciplinata dall art.

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Bilanci e servizi fiscali

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Bilanci e servizi fiscali Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Bilanci e servizi fiscali Roma, 05/03/2010 Circolare n. 33 Allegati n.2 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori

Dettagli

Art. 82 L.R. 8/02 FONDO DI ROTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DI PROGRAMMI PLURIENNALI DI EDILIZIA RESIDENZIALE AGEVOLATA

Art. 82 L.R. 8/02 FONDO DI ROTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DI PROGRAMMI PLURIENNALI DI EDILIZIA RESIDENZIALE AGEVOLATA Art. 82 L.R. 8/02 FONDO DI ROTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DI PROGRAMMI PLURIENNALI DI EDILIZIA RESIDENZIALE AGEVOLATA CONVENZIONE CON ISTITUTI DI CREDITO Tra: Sviluppo Lazio S.p.A. (di seguito Sviluppo

Dettagli

COMUNE DI PANTELLERIA Provincia di Trapani

COMUNE DI PANTELLERIA Provincia di Trapani COMUNE DI PANTELLERIA Provincia di Trapani Oggetto: convenzione disciplinante modalità per la concessione di finanziamenti ai dipendenti da parte di banche ed intermediari finanziari con delegazione convenzionale.

Dettagli

Comunicazione di debito e provvedimento di recupero di somme erogate indebitamente.

Comunicazione di debito e provvedimento di recupero di somme erogate indebitamente. Inpdap: la procedura per il recupero degli indebiti (Inpdap, Nota Operativa 20.6.2006 n. 39) Sono in arrivo le comunicazioni Inpdap relative alle somme indebitamente percepite dai pensionati. L istituto

Dettagli

Il giorno 8 luglio 2011, in Brescia Tra Il Banco di Brescia SPA

Il giorno 8 luglio 2011, in Brescia Tra Il Banco di Brescia SPA Il giorno 8 luglio 2011, in Brescia Tra Il Banco di Brescia SPA La Delegazione Sindacale Aziendale composta da: DIRCREDITO/FD FABI FIBA/CISL FISAC/CGIL SINFUB UILCA e Premesso che: con lettera del 16 marzo

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE Prodotto offerto da Banca Nazionale del Lavoro tramite Agenzia Finanziatore Indirizzo Telefono Sito web BANCA

Dettagli

NURSIND SEGRETERIA NAZIONALE. Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014.

NURSIND SEGRETERIA NAZIONALE. Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014. Prot. SN-06 del 04/02/2014 Alla Cortese attenzione del Segretari provinciali Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014. La riforma Fornero (legge n. 204 del 22.12.2011)

Dettagli

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE INDICE INTRODUZIONE IL TFR LA PREVVIDENZA COMPLEMENTARE IL FINANZIAMENTO DELLE FORME PENSIONISTICHE FORME DI ADESIONE AGEVOLAZIONI FISCALI TASSAZIONE DELLE PRESTAZIONI TRASFERIMENTO

Dettagli

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. DURC telematico e semplificato: le modifiche del DL 34/2014 di prossima attuazione

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. DURC telematico e semplificato: le modifiche del DL 34/2014 di prossima attuazione News per i Clienti dello studio del 6 Giugno 2014 Ai gentili clienti Loro sedi DURC telematico e semplificato: le modifiche del DL 34/2014 di prossima attuazione Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 12-08-2015. Messaggio n. 5301

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 12-08-2015. Messaggio n. 5301 Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 12-08-2015 Messaggio n. 5301 Allegati n.2 OGGETTO: Finanziamenti estinguibili dietro cessione del quinto della pensione

Dettagli

Le scritture contabili per la rilevazione del TFR al 31 dicembre 2007

Le scritture contabili per la rilevazione del TFR al 31 dicembre 2007 ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 12 17 MARZO 2008 Le scritture contabili per la rilevazione del TFR al 31 dicembre 2007 Copyright

Dettagli

CREDITO ALLE INDUSTRIE

CREDITO ALLE INDUSTRIE CREDITO ALLE INDUSTRIE COFIRE: CONSORZIO FIDI DELL INDUSTRIA DI REGGIO EMILIA ASSEMBLEA DI BILANCIO 2015. OLTRE 36 MILIONI DI EURO EROGATI NELL ESERCIZIO NETTA CRESCITA SU ANNO PASSATO. RIPRESI GLI INVESTIMENTI

Dettagli

COMUNE DI. VELLEZZO BELLINI (Provincia di Pavia) REGOLAMENTO PER IL PRESTITO SULL ONORE

COMUNE DI. VELLEZZO BELLINI (Provincia di Pavia) REGOLAMENTO PER IL PRESTITO SULL ONORE COMUNE DI VELLEZZO BELLINI (Provincia di Pavia) REGOLAMENTO PER IL PRESTITO SULL ONORE Approvato con Deliberazione del C.C. n. 25 del 12.06.2008 ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il servizio verte su un prestito

Dettagli

CircolariABI 27.2. 2001 1. serie Legale n. 12. BILANCI BANCARI (pos. 1205)

CircolariABI 27.2. 2001 1. serie Legale n. 12. BILANCI BANCARI (pos. 1205) BILANCI BANCARI (pos. 1205) Bilanci delle banche con strumenti finanziari quotati sui mercati regolamentati Richiesta di informazioni ai sensi dell art. 114 del d.lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 Premessa La

Dettagli

E.N.P.A.F. ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E DI ASSISTENZA FARMACISTI Roma, 6 dicembre 2012

E.N.P.A.F. ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E DI ASSISTENZA FARMACISTI Roma, 6 dicembre 2012 E.N.P.A.F. ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E DI ASSISTENZA FARMACISTI Roma, 6 dicembre 2012 FONDAZIONE DI DIRITTO PRIVATO Viale Pasteur, 49-00144 ROMA Tel. 06 54711 - Fax 06 5917732 Cod. Fisc. 80039550589

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE *

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * Chi è interessato dalla Riforma Sono interessati alla riforma della previdenza complementare attuata con il decreto legislativo n. 252/2005

Dettagli

Osservazioni dell Associazione Bancaria Italiana sullo schema di regolamento ISVAP concernente la definizione dei contenuti minimi del contratto di

Osservazioni dell Associazione Bancaria Italiana sullo schema di regolamento ISVAP concernente la definizione dei contenuti minimi del contratto di Osservazioni dell Associazione Bancaria Italiana sullo schema di regolamento ISVAP concernente la definizione dei contenuti minimi del contratto di assicurazione sulla vita di cui all art. 28, comma 1,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 46/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - ART. 51, comma 4, lett. b), Tuir - Prestiti concessi al personale dipendente

RISOLUZIONE N. 46/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - ART. 51, comma 4, lett. b), Tuir - Prestiti concessi al personale dipendente RISOLUZIONE N. 46/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 maggio 2010 Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica - ART. 51, comma 4, lett. b), Tuir - Prestiti concessi al personale dipendente Con

Dettagli

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI 1. ANTICIPAZIONI 1.1. Come stabilito dal Dlgs 252/2005, l associato può conseguire un anticipazione sulla sua posizione: I. in qualsiasi momento, per un importo non superiore

Dettagli

Importo della rata mensile per un capitale di: 30.000,00

Importo della rata mensile per un capitale di: 30.000,00 IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE ANNUNCIO PUBBLICITARIO Banca di Credito Cooperativo di San Marzano di San Giuseppe Taranto - Società Cooperativa Via Vittorio Emanuele s.n. 74020 San Marzano di San

Dettagli

REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI Parte V

REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI Parte V REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI Parte V Erogazione di sussidi a fondo perduto per disagio economico a seguito di malattia, infortunio o decesso. Testo finale approvato C.I.G. Delibera n.56 del 16/12/2011

Dettagli

Direzione Centrale delle Prestazioni. Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito. Direzione Centrale delle Entrate Contributive

Direzione Centrale delle Prestazioni. Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito. Direzione Centrale delle Entrate Contributive Direzione Centrale delle Prestazioni Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale delle Entrate Contributive Roma, 15 Gennaio 2007 Circolare n. 14 Allegati 2 Ai Dirigenti centrali

Dettagli

ISTITUTIVO DEI PRESTITI D ONORE

ISTITUTIVO DEI PRESTITI D ONORE REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEI PRESTITI D ONORE Approvato con D.C.C. n. 169 del 09.11.1995 e D.C.C. n. 6 del 13.02.1996 esecutive FINALITÀ Art. 1 1. La legge 142/90 e lo Statuto Comunale pongono a carico delle

Dettagli

Legge regionale 24 dicembre 2008, n. 32

Legge regionale 24 dicembre 2008, n. 32 Legge regionale 24 dicembre 2008, n. 32 Bilancio di Previsione 2009 e Pluriennale Triennio 2009 2011 (B. U. Regione Basilicata N. 60 del 29 dicembre 2008) Articolo 1 Stato di Previsione dell Entrata 1.

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 59-2006/I Acquisto di quote o azioni proprie da parte di un confidi operante in forma di società cooperativa Approvato dal Gruppo di Studio Consorzi Fidi il

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE Prodotto offerto da Banca Nazionale del Lavoro tramite Agenzia Finanziatore Indirizzo Telefono Numero verde

Dettagli

PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ACQUISTO, COSTRUZIONE, RISTRUTTURAZIONE E RECUPERO PRIMA CASA.

PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ACQUISTO, COSTRUZIONE, RISTRUTTURAZIONE E RECUPERO PRIMA CASA. COMUNE DI SANT URBANO PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ACQUISTO, COSTRUZIONE, RISTRUTTURAZIONE E RECUPERO PRIMA CASA. Allegato alla Delibera di Consiglio

Dettagli

QUANTO PUÒ COSTARE IL CREDITO

QUANTO PUÒ COSTARE IL CREDITO IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE ANNUNCIO PUBBLICITARIO MUTUO CHIROGRAFARIO OFFERTO AI CONSUMATORI TASSO INDICIZZATO ALL' EURIBOR 3M/360 260-261 Banca di Credito Cooperativo di San Marzano di San Giuseppe

Dettagli

Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007.

Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007. ALLEGATO 1 Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007. L anno il giorno del mese di in Roma, con la presente

Dettagli

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto;

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto; VISTO il decreto-legge 12 settembre 2013, n. 104, convertito, con modificazioni, dalla legge 8 novembre 2013, n. 128, recante misure urgenti in materia di istruzione, università e ricerca (di seguito,

Dettagli

REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA DIREZIONE CENTRALE ATTIVITA PRODUTTIVE, COMMERCIO, COOPERAZIONE, RISORSE AGRICOLE E FORESTALI.

REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA DIREZIONE CENTRALE ATTIVITA PRODUTTIVE, COMMERCIO, COOPERAZIONE, RISORSE AGRICOLE E FORESTALI. REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA DIREZIONE CENTRALE ATTIVITA PRODUTTIVE, COMMERCIO, COOPERAZIONE, RISORSE AGRICOLE E FORESTALI. CONVENZIONE per la disciplina e l attuazione delle operazioni previste

Dettagli

PRESTITO D ONORE. Cassa Rurale di Trento - Banca di Credito Cooperativo - Società cooperativa

PRESTITO D ONORE. Cassa Rurale di Trento - Banca di Credito Cooperativo - Società cooperativa Il presente foglio informativo non costituisce offerta al pubblico ai sensi dell art. 1336 Cod.Civ. PRESTITO D ONORE FONDO PER LA VALORIZZAZIONE E LA PROFESSIONALIZZAZIONE DEI GIOVANI (Apertura di credito

Dettagli

COMUNE DI BORGARELLO

COMUNE DI BORGARELLO COMUNE DI BORGARELLO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI PRESTITI SULL ONORE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI PRESTITI SULL ONORE Art. 1 Oggetto In ossequio a quanto previsto dall art.12

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE Prodotto offerto da Banca Nazionale del Lavoro tramite Agenzia Finanziatore Indirizzo Telefono Numero verde

Dettagli

Analizziamo quali possibilità di scelta, in concreto, hanno ciascuna delle citate tipologie di medici dipendenti.

Analizziamo quali possibilità di scelta, in concreto, hanno ciascuna delle citate tipologie di medici dipendenti. Fondo Pensione CAIMOP Via C.Pavese 360 00144 Roma Tel.065022185 Fax 065022190 www.caimop.it A seguito dell entrata in vigore del Dlgs. 5 dicembre 2005 n.252, dal 1 gennaio 2007 ciascun lavoratore dipendente

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014. PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014. PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014 PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA La possibilità per la Pubblica Amministrazione di avvalersi di forme di lavoro a distanza è

Dettagli

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA La cultura non è tanto un emergenza dimenticata, quanto una scelta di fondo trascurata per lunghissimo tempo Negli ultimi anni in tutta

Dettagli

1) T. U. sulla maternità e paternità: permessi ex lege 104/92 e congedo straordinario per figli handicappati.

1) T. U. sulla maternità e paternità: permessi ex lege 104/92 e congedo straordinario per figli handicappati. DIREZIONE CENTRALE DELLE PRESTAZIONI A SOSTEGNO DEL REDDITO Roma, 10 luglio 2001 Circolare n. 138 Allegati 2 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali

Dettagli

Oggetto: Fondo pensione Espero : le novità introdotte nello Statuto e dalla legge 244/2007 (finanziaria per il 2008); riflessi operativi.

Oggetto: Fondo pensione Espero : le novità introdotte nello Statuto e dalla legge 244/2007 (finanziaria per il 2008); riflessi operativi. Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica D.C. TFS/TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE Ufficio I Tfs, Tfr e assicurazione sociale vita Ufficio II Previdenza complementare

Dettagli

Quanto costa il mio fondo pensione?

Quanto costa il mio fondo pensione? Quanto costa il mio fondo pensione? Le differenze con il mercato e i nostri punti di forza Uno dei temi principali su cui il mercato della previdenza complementare si confronta è quello relativo ai costi

Dettagli

RISOLUZIONE N. 186/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 25 luglio 2007

RISOLUZIONE N. 186/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 25 luglio 2007 RISOLUZIONE N. 186/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 25 luglio 2007 OGGETTO: Trattamento fiscale applicabile alle prestazioni erogate dal fondo integrativo dell ENEL ai propri dipendenti

Dettagli

U.I.C.I. DELEGAZIONE DI SAN MARCO ARGENTANO

U.I.C.I. DELEGAZIONE DI SAN MARCO ARGENTANO News del : 04/05/2015 U.I.C.I. DELEGAZIONE DI SAN MARCO ARGENTANO OGGETTO: Pensionistica trattamento anticipato di anzianita sospensione delle penalizzazioni fino al 2017 Si fa seguito ai comunicati UICI

Dettagli

Fondo Pensione Nazionale di Previdenza Complementare per i Lavoratori della Logistica SEZIONE I: NORME GENERALI

Fondo Pensione Nazionale di Previdenza Complementare per i Lavoratori della Logistica SEZIONE I: NORME GENERALI Allegato alla Nota Informativa SEZIONE I: NORME GENERALI Articolo 1. Oggetto 1.1 Il presente documento disciplina le modalità di liquidazione anticipata dell ammontare della posizione pensionistica individuale

Dettagli

CONVENZIONE. Visti. Premesso

CONVENZIONE. Visti. Premesso CONVENZIONE L anno il giorno del mese di, in Palermo, nella sede di Via ; tra RAP spa Risorse Ambiente Palermo- (cod. fiscale 06232420825), di seguito Azienda, con sede in Piazzetta Cairoli Palermo, rappresentata

Dettagli

MODULO RICHIESTA ANTICIPAZIONE

MODULO RICHIESTA ANTICIPAZIONE MODULO RICHIESTA ANTICIPAZIONE INVIARE A:Piazza Cola Di Rienzo 80A 00192Roma 1. DATI DELL ADERENTE Comune di nascita: Prov: ( ) Tel.: Indirizzo di residenza: CAP: e-mail: 2. RICHIESTA ANTICIPAZIONE Il

Dettagli

COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro

COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro Regolamento per l istituzione e la tenuta dell Albo Comunale delle Associazioni e del Volontariato approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 30

Dettagli

Decisione N. 567 del 30 gennaio 2014

Decisione N. 567 del 30 gennaio 2014 COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) GRECO Membro designato

Dettagli

n. 10 del 14 marzo 2005 Sommario

n. 10 del 14 marzo 2005 Sommario Notiziario settimanale della Segreteria Nazionale del Sindacato Italiano Unitario Lavoratori Polizia Sede legale e redazione: via Vicenza 26, 00185 Roma - tel. 06/4455213 r.a. - telefax 06/4469841 Direttore

Dettagli

FONDO PER LA PREVENZIONE DEL FENOMENO DELL USURA (art. 15 - Legge 108/96) CRITERI E PROCEDURE LINEE GUIDA

FONDO PER LA PREVENZIONE DEL FENOMENO DELL USURA (art. 15 - Legge 108/96) CRITERI E PROCEDURE LINEE GUIDA FONDO PER LA PREVENZIONE DEL FENOMENO DELL USURA (art. 15 - Legge 108/96) CRITERI E PROCEDURE LINEE GUIDA OTTOBRE 1998 CRITERI E PROCEDURE 1. PREMESSA 2. CARATTERISTICHE DELLA CONVENZIONE ANTIUSURA 3.

Dettagli

Regolamento di disciplina delle anticipazioni

Regolamento di disciplina delle anticipazioni PreviGen - Cassa di previdenza per i Dipendenti delle aziende convenzionate - Fondo Pensione Regolamento di disciplina delle anticipazioni Ai sensi dell Art. 11 comma 7 del D. Lgs. 252, 5 dicembre 2005

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE PER LE RISORSE UMANE

DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE PER LE RISORSE UMANE DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE PER LE RISORSE UMANE ALLEGATO A Art. 1 I competenti Uffici periferici del Dipartimento della Pubblica Sicurezza operano le ritenute sulle competenze

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE 1 C O M U N E D I S C I A R A P R O V I N C I A D I P A L E R M O REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE IV SETTORE : CORPO POLIZIA MUNICIPALE ED ATTIVITÀ

Dettagli

1. Identità e contatti del finanziatore. 2. Caratteristiche principali del prodotto di credito

1. Identità e contatti del finanziatore. 2. Caratteristiche principali del prodotto di credito 1. Identità e contatti del finanziatore Finanziatore Igea Banca S.p.A.. Indirizzo Sede legale: Via Paisiello, 38 00198 Roma (CT) Telefono 095 7724145 Email segreteria@igeabanca.it Fax 095 7724145 Sito

Dettagli

FONDO PENSIONE PER IL PERSONALE DELLA BANCA POPOLARE DI ANCONA E DELLE SOCIETA CONTROLLATE DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDO PENSIONE

FONDO PENSIONE PER IL PERSONALE DELLA BANCA POPOLARE DI ANCONA E DELLE SOCIETA CONTROLLATE DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDO PENSIONE Allegato alla Nota Informativa FONDO PENSIONE PER IL PERSONALE DELLA BANCA POPOLARE DI ANCONA E DELLE SOCIETA CONTROLLATE DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDO PENSIONE SEZIONE I: NORME GENERALI Articolo

Dettagli

ART. 1 ART. 2. Le operazioni di finanziamento verranno perfezionate alle seguenti condizioni:

ART. 1 ART. 2. Le operazioni di finanziamento verranno perfezionate alle seguenti condizioni: CONVENZIONE TRA L AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI PONZANO VENETO E GLI ISTITUTI DI CREDITO RIGUARDANTE LE MODALITA RELATIVE ALLA CONCESSIONE ED EROGAZIONE DI CONTRIBUTI SU MUTUI PER L ACQUISTO, LA COSTRUZIONE

Dettagli

* * * * * * * * * * * *

* * * * * * * * * * * * CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA Legge Regionale: Bilancio di Previsione per l Esercizio Finanziario 2009 e Bilancio Pluriennale per il Triennio 2009 2011. * * * * * * * * * * * * Articolo 1 Stato

Dettagli

Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE

Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE Parte I N. 14 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 30-4-2014 2399 Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE Legge Regionale 30 aprile 2014, n. 9 BILANCIO DI PREVISIONE PER L ESERCIZIO

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE TRA ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE. - ENPAPI (di seguito anche Ente) E......

SCHEMA DI CONVENZIONE TRA ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE. - ENPAPI (di seguito anche Ente) E...... SCHEMA DI CONVENZIONE TRA ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA - ENPAPI (di seguito anche Ente) E...... (di seguito Istituto bancario) PER IL FINANZIAMENTO DELL AVVIO

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DELLA PUGLIA 1 LEGGE REGIONALE. Disciplina in materia di apprendistato professionalizzante

CONSIGLIO REGIONALE DELLA PUGLIA 1 LEGGE REGIONALE. Disciplina in materia di apprendistato professionalizzante DELLA PUGLIA 1 LEGGE REGIONALE Disciplina in materia di apprendistato professionalizzante DELLA PUGLIA 2 LEGGE REGIONALE Disciplina in materia di apprendistato professionalizzante Il Consiglio regionale

Dettagli

QUANTO PUÒ COSTARE IL CREDITO

QUANTO PUÒ COSTARE IL CREDITO IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE ANNUNCIO PUBBLICITARIO PRESTITO RISOLVO TUTTO Banca di Credito Cooperativo di San Marzano di San Giuseppe Taranto - Società Cooperativa Via Vittorio Emanuele s.n. 74020

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Num. rep. A0301B/43/2015 Data: 21 aprile 2015 Direzione: A0301B

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Num. rep. A0301B/43/2015 Data: 21 aprile 2015 Direzione: A0301B REGIONE PIEMONTE BU20 21/05/2015 Consiglio Regionale DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Num. rep. A0301B/43/2015 Data: 21 aprile 2015 Direzione: A0301B Approvazione dei modelli della disciplina e della convezione

Dettagli

Prot. n. 004/01/E.20/E.20.1

Prot. n. 004/01/E.20/E.20.1 Roma, 16 gennaio 2001 Alle Aziende Associate Prot. n. 004/01/E.20/E.20.1 Circolare n. 16465 L o r o S e d i OGGETTO: Ccnl 23 maggio 2000 per i dirigenti di aziende industriali. Art. 12. Facciamo seguito

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE Prodotto offerto da Banca Nazionale del Lavoro Spa, tramite Agenzia Finanziatore Indirizzo Telefono Sito web

Dettagli

MODALITÁ OPERATIVE IN MATERIA DI ANTICIPAZIONI

MODALITÁ OPERATIVE IN MATERIA DI ANTICIPAZIONI Alico Italia S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale Viale Castro Pretorio, 124 00185 Roma Tel.: +39 06 492161 Fax: +39 06 49216300 Unionfondo Fondo Pensione Aperto Iscritto all Albo dei Fondi Pensione

Dettagli

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE E il momento di scegliere A cura della Struttura di Comparto Scuola non statale DESTINARE IL TFR COS E IL TFR? Il trattamento di fine rapporto (anche conosciuto come liquidazione

Dettagli

MODULO RICHIESTA ANTICIPAZIONE PER ACQUISTO PRIMA CASA DI ABITAZIONE PER L ISCRITTO O PER I FIGLI

MODULO RICHIESTA ANTICIPAZIONE PER ACQUISTO PRIMA CASA DI ABITAZIONE PER L ISCRITTO O PER I FIGLI Iscritto all Albo dei Fondi Pensione con il numero d ordine 1294 Via Sammontana, 39 50056 Montelupo F.no FI- - Codice fiscale: 94017550487 Tel. 0571-5327215/8 - Fax 0571-5327265 e-mail fondopensione.dirigenti@ancc.coop.it

Dettagli

P R O V I N C I A D I C A G L I A R I

P R O V I N C I A D I C A G L I A R I Allegato alla deliberazione del C.P. n del P R O V I N C I A D I C A G L I A R I PROVINCIA DE CASTEDDU PROPOSTA DI DELIBERAZIONE (N.0091110130047) IL CONSIGLIO PROVINCIALE Proponente: ASSESSORATO FINANZE

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI DAGLI ISCRITTI ALL ALBO DEI CONSULENTI DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI DAGLI ISCRITTI ALL ALBO DEI CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI DAGLI ISCRITTI ALL ALBO DEI CONSULENTI DEL LAVORO Approvato con delibera n. 314 del 25 settembre 2014 Indice

Dettagli

ALCUNE RIFLESSIONI SULLA CIRCOLARE N. 51/E DEL 28 NOVEMBRE 2011 DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

ALCUNE RIFLESSIONI SULLA CIRCOLARE N. 51/E DEL 28 NOVEMBRE 2011 DELL AGENZIA DELLE ENTRATE ALCUNE RIFLESSIONI SULLA CIRCOLARE N. 51/E DEL 28 NOVEMBRE 2011 DELL AGENZIA DELLE ENTRATE E di pochi giorni fa la circolare n. 51/E emessa dall Agenzia delle Entrate, con la quale si chiariscono i requisiti

Dettagli

bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale

bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale programmati e realizzati con logiche di rete e di collaborazione tra più realtà per fronteggiare situazioni di disagio o esclusione sociale

Dettagli

Sì, i familiari superstiti sono equiparati in tutto e per tutto agli iscritti.

Sì, i familiari superstiti sono equiparati in tutto e per tutto agli iscritti. I MUTUI ENPAM DOMANDE E RISPOSTE 1. A chi può essere concesso il mutuo? A tutti gli iscritti che hanno almeno 3 anni consecutivi di anzianità d iscrizione e di contribuzione effettiva e sono in regola

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) RONDINONE Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) RONDINONE Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) RONDINONE Membro designato

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO. tra. premesso che

VERBALE DI ACCORDO. tra. premesso che VERBALE DI ACCORDO Il giorno 22 aprile 2010, in Siena tra Banca CR Firenze S.p.A. (di seguito CRF) Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. (di seguito BMPS) e le sottoscritte Organizzazioni Sindacali premesso

Dettagli

ADESIONE AL FOPEN DEI FAMILIARI FISCALMENTE A CARICO DEI SOCI

ADESIONE AL FOPEN DEI FAMILIARI FISCALMENTE A CARICO DEI SOCI Fondo Pensione Dipendenti del Gruppo Enel COMUNICATO AGLI ISCRITTI N. 6-2011 ADESIONE AL FOPEN DEI FAMILIARI FISCALMENTE A CARICO DEI SOCI Si informano gli associati che, a partire dal 1 ottobre 2011,

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE DI MUTUI AGEVOLATI FINALIZZATI ALL ACQUISIZIONE DELLA PRIMA CASA A FUSIGNANO

DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE DI MUTUI AGEVOLATI FINALIZZATI ALL ACQUISIZIONE DELLA PRIMA CASA A FUSIGNANO DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE DI MUTUI AGEVOLATI FINALIZZATI ALL ACQUISIZIONE DELLA PRIMA CASA A FUSIGNANO Art. 1 - Premessa Il Comune di Fusignano, pone in essere azioni finalizzate a favorire l incremento

Dettagli

dell abitazione principale e sia a tasso variabile, a rata variabile per tutta

dell abitazione principale e sia a tasso variabile, a rata variabile per tutta INFORMATIVA SULLA RINEGOZIAZIONE DEI MUTUI A TASSO VARIABILE SECONDO QUANTO PREVISTO DALLA CONVENZIONE ABI MEF IN ATTUAZIONE DELL ART. 3 DEL DL 93/2008 (CONVERTITO IN LEGGE 126/2008) DOMANDE E RISPOSTE

Dettagli