idi.com Decreto del fare, le novità Agricoltura, contributi Ismea con Unionfidi Confido Impresa per crescere Uno strumento in più per le imprese

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "idi.com Decreto del fare, le novità Agricoltura, contributi Ismea con Unionfidi Confido Impresa per crescere Uno strumento in più per le imprese"

Transcript

1 Decreto del fare, le novità Cosa occorre sapere Registrazione presso il Tribunale di Torino n 5992 del Poste Italiane s.p.a Sped. in Abbonam. Postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n 46) art. 1, comma 1, DCB TO 2/2013 ANNO VIII NUMERO 2 LUGLIO-AGOSTO 2013 Union Agricoltura, contributi Ismea con Unionfidi Ecco le possibilità per le aziende Confido Impresa per crescere Uno strumento in più per le imprese UNIONFIDI idi.com

2 Union idi.com Sommario ANNO VIII NUMERO 2 LUGLIO-AGOSTO 2013 Direttore responsabile Andrea Zaghi Redazione Laura Cassera Silvia Maria Ramasso Grafica e stampa AGIT Mariogros Industrie grafiche Beinasco (TO) Editore NEOS EDIZIONI Via Genova, 57, Rivoli (TO) Tel. e Fax Registrazione presso il Tribunale di Torino n 5992 del Poste Italiane s.p.a Sped. in Abbonam. Postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n 46) art. 1, comma 1, DCB TO 2/ Editoriale del Direttore 4 Tutte le novità del Decreto del fare C he cosa cambia per le imprese 6 Agricoltura, contributi più facili con Ismea e Unionfidi Ecco quanto è possibile ottenere 7 Confido Impresa per crescere Uno strumento in più per le aziende Il presente è un messaggio pubblicitario con finalità promozionali. Si invitano, pertanto, gli associati a fare riferimento ai fogli informativi contenenti le condizioni contrattuali, generali ed economiche, disponibili presso le nostre sedi e sul sito

3 Editoriale Anche questo primo semestre è stato improntato alle tematiche che ormai da,..troppi, anni caratterizzano la nostra, e non solo, economia. Crisi, disoccupazione, ritardati pagamenti, difficoltà di accesso al credito, nulla di nuovo quindi. Più volte autorevoli istituzioni, nazionali e non, hanno individuato la data, il periodo, della ripresa, per poi posporla, e precisare che in ogni caso sarebbe stata timida. Le imprese di piccole dimensioni, le così dette PMI, che poi sono i Soci dei Confidi e i naturali destinatari delle nostre garanzie, sono quelle che maggiormente patiscono questa situazione, che si riverbera direttamente sul nostro sistema. Sono infatti ormai da qualche anno in calo costante i volumi di garanzie rilasciate dai confidi, sia per il maggior rigore a monte del sistema bancario per la concessione del credito, sia per la necessaria selettività degli stessi Confidi in fase di istruttoria per il rilascio delle loro garanzie. Abbinato alla contrazione dei volumi garantiti abbiamo poi il progressivo rafforzamento, come peso specifico, delle operazioni a breve termine (mero circolante), e/o di rinegoziazione, a scapito di quelle a medio e lungo termine, usualmente abbinate a investimenti, rovesciando in tal modo il rapporto tra queste due tipologie che fino a quattro cinque anni fa vedeva propriamente pesare per circa il 70% il medio termine. Da un lato abbiamo quindi volumi calanti di nuove garanzie, e con un mix più povero e rischioso, mentre dall altro lato assistiamo alla crescita delle operazioni deteriorate in senso lato - ossia in sofferenza, per rate impagate, incagli, revoche della banca, situazioni di concordato e fallimento.. -,che impongono al confidi pesanti accantonamenti a presidio del rischio, oltre che sostanziosi pagamenti di escussioni alle Banche garantite. Un Confidi, e soprattutto se vigilato da Banca d Italia, come Unionfidi, si è venuto quindi a trovare in una situazione talvolta spiacevole, soprattutto con riferimento alla tradizione, nei confronti dei propri Soci, spesso non potendoli sostenere come avrebbe voluto, o dovendo declinare il rilascio della garanzia o, se rilasciata, applicando commissioni a volte ritenute elevate. In questa situazione difficile, un elemento che ha permesso, e sta permettendo al sistema della garanzia, ed anche del credito, di operare è il ricorso al Fondo Centrale di garanzia per le PMI che controgarantisce le nostre posizioni e consente inoltre di evitare pesanti accantonamenti, in virtù del così detto rischio sovrano che assiste tale controgaranzia. Ogni PMI, e questo deve essere noto ai titolari delle medesime, dispone presso il citato Fondo Centrale di un proprio plafond di garanzia pari a due milioni e mezzo di euro al quale può accedere, non direttamente, ma tramite il Confidi (o la Banca), qualora presenti i necessari requisiti previsti dal Fondo, in termini di scoring economico patrimoniali, o di altri indicatori. E quindi fondamentale, per l accesso al credito, che ogni PMI, e Socio di Unionfidi nello specifico, conosca quanto sopra e richieda la verifica del possesso dei predetti requisiti, che ora derivano dai bilanci 2012 di recente approvazione. Unionfidi, direttamente e tramite la controllata Finindustria, è a disposizione per effettuare tale valutazione per poi, se del caso, procedere al rilascio della garanzia. Solo operando in tal modo, ossia con la massima collaborazione e reciproca trasparenza, tra Socio e Confidi, è possibile a nostro avviso continuare a operare nel difficile contesto attuale, sperando in ogni caso che la tanto agognata ripresa, ancorché timida.., si intraveda all orizzonte. Giorgio Guarena Direttore Generale Unionfidi UNIONFIDI

4 L analisi 4 Tutte le novità del Decreto del fare Dalla reintroduzione della Sabatini all ampliamento delle maglie del Fondo di garanzia, fino alle misure per l edilizia: che cosa cambia per le imprese Il Decreto del fare, il piano per l occupazione, la semplificazione. Nel vortice di inizio legislatura sono molte le novità in arrivo per le imprese, novità spesso annunciate, poi rimesse in discussione nell articolata dialettica di Governo. Dei tanti pacchetti di provvedimenti è senz altro il Decreto del fare quello che offre gli spunti di maggior interesse per le imprese, tra gli sconti sulle bollette per gli utenti privati e il maggior credito per le Pmi, la riedizione della legge Sabatini per l acquisto di macchinari e il rafforzamento del fondo di garanzia, nonché misura determinante per l edilizia, uno dei comparti più in sofferenza lo sblocco di alcuni processi di autorizzazione per le infrastrutture. Ecco una panoramica delle principali novità particolarmente rilevanti per le imprese. La nuova legge Sabatini Se è vero che particolarmente attesa era la revisione dei poteri di Equitalia in particolare il debito iscritto a ruolo in caso di difficoltà del contribuente potrà essere rateizzato fino a 10 anni (le rate passano da 72 a 120), e soprattutto dal 30 settembre scomparirà l aggio (che oggi può arrivare fino all 8% della cartella), e saranno dovuti soltanto i costi fissi con i relativi interessi -, una delle sorprese più gradite per gli imprenditori è stata la reintroduzione di una nuova legge Sabatini, rinforzata dalla presenza della Cassa depositi e prestiti; nel dettaglio, il testo approvato dal Consiglio dei ministri a metà giugno prevede che le Pmi possano accedere a finanziamenti e contributi a tasso agevolato - e inoltre impiegare anche il leasing finanziario. I finanziamenti verranno concessi dalle banche entro il 2016, ma per garantirne il flusso è stato predisposto un plafond di 5 miliardi di anticipi della Cdp; le linee su cui potrà essere attivata la copertura del Fondo di garanzia avranno durata massima di 5 anni e un valore massimo di 2 milioni, anche suddiviso. 2 milioni Il tetto massimo dei finanziamenti, concessi dalle banche grazie a un plafond predisposto dalla Cassa depositi e prestiti Il Fondo di garanzia Un altro intervento riguarda il Fondo di garanzia, di cui il Governo punta ad ampliare le maglie. Nel dettaglio, il Decreto del fare prevede la revisione dei criteri di valutazione delle imprese ai fini dell accesso alla garanzia del Fondo, e in particolare l innalzamento del tetto massimo di copertura del Fondo fino all 80% dell importo dell operazione finanziaria, la semplificazione in via telematica delle procedure di presentazione delle richieste. In ogni caso la garanzia del Fondo sarà limitata alle nuove erogazioni e non ai finanziamenti già in essere. 80% Il tetto massimo di copertura delle garanzie predisposte dal Fondo L energia Inizialmente si puntava a un maxi-raffreddamento delle bollette per 550 milioni, con benefici sia per le famiglie che per le imprese. Alla fine, nel testo definitivo, si è tornati a una soluzione intermedia già ipotizzata: uno sgravio fiscale per tutti

5 5 L analisi tagliando la componente A2 delle bollette e compensando il mancato introito per lo Stato, valutato in 135 milioni di euro l anno con un inasprimento della Robin Tax attraverso la sua estensione alle imprese energetiche di minori dimensioni. Inasprimento che però dovrà servire anche a fronteggiare altre necessità di copertura, ad esempio il rifinanziamento degli incentivi industriali che fanno riferimento alla legge Sabatini. 135 milioni Lo sconto sulle bollette energetiche. Inizialmente si puntava oltre il mezzo miliardo Le costruzioni Sono due le misure adottate per ridare slancio alle costruzioni, settore particolarmente in sofferenza. La strada prescelta è quella delle grandi opere, considerati i benefici su tutto l indotto: da un lato, il Governo punta su quelle già cantierate che hanno esaurito le risorse disponibili e su quelle cantierabili dal punto di vista progettuale e autorizzativo, e per metterle in moto si preleveranno le risorse necessarie da grandi opere ancora in attesa di autorizzazioni (come ad esempio la Tav, i cui cantieri non dovrebbero partire prima del 2015). L altra misura riguarda direttamente i privati. È stata ridotta, infatti, da 500 a 200 milioni la soglia per l accesso al credito di imposta riservato alle infrastrutture finanziate da privati che non raggiungono l equilibrio del piano economico-finanziario, una misura con cui si punta a favorire l ingresso dei capitali privati nelle infrastrutture (anche se la soglia, a detta degli operatori di settore, risulta ancora molto elevata). 200 milioni La soglia minima per l accesso al credito d imposta riservato alle infrastrutture finanziate da privati che non raggiungono l equilibrio del piano economicofinanziario La giustizia Se è vero che i tempi della giustizia italiana, soprattutto nelle cause civili, rappresentano tuttora uno degli ostacoli più difficili da superare per chi fa impresa, si è stabilito che le Corti d appello, dove attualmente giace un carico di arretrati che sfiora le 500mila pratiche, verranno potenziate con 400 giudici ausiliari, selezionati tra magistrati e avvocati dello Stato in pensione, professori e ricercatori universitari, avvocati e notai. I 400 saranno impiegati per cinque anni, e contemporaneamente saranno affiancati da stagisti; nel dettaglio, il Decreto prevede che i migliori laureati in giurisprudenza possano completare la formazione presso gli uffici giudiziari. 400 I giudici ausiliari che verranno inseriti nei Tribunali per smaltire il carico di arretrati, che si aggira intorno alle 500mila cause civili

6 Prodotti 6 Settore agricolo: finanziamenti agevolati, contributi e garanzie Ismea più facili grazie a Unionfidi A disposizione delle imprese fondi per contributi primo insediamento subentro capitale di rischio Il settore agricolo ha vissuto nel 2012 un ennesima riduzione, per 300 milioni di euro, delle erogazioni bancarie di medio lungo termine registrando nel contempo una marcata crescita del costo degli impieghi. Questa stretta creditizia e la congiuntura economica negativa hanno determinato un indebolimento della struttura finanziaria e produttiva del comparto agricolo e agroalimentare. L attuale situazione, unita ai timori di una Politica Agricola più austera, obbliga di fatto le imprese del comparto ad adottare modelli manageriali e di innovazione che necessitano di investimenti con il conseguente ricorso al credito bancario. Da tali premesse nasce l iniziativa di Unionfidi volta a offrire nuove opportunità finanziarie ai propri soci del comparto. Unionfidi si porrà infatti come interlocutore e facilitatore tra le imprese e ISMEA, raccogliendo le esigenze e trasformandole in credito e contributi. In particolare, renderà fruibile sul territorio l intera gamma di garanzie e agevolazioni nazionali ISMEA-SGFA, raccogliendo e valutando le richieste al fine di individuare le misure e soluzioni più idonee all investimento proposto. ISMEA è un ente pubblico economico nato dall accorpamento dell Istituto per Studi, Ricerche e Informazioni sul Mercato Agricolo e della Cassa per la Formazione della Proprietà Contadina, con lo scopo di gestire ed erogare fondi pubblici mirati a investimenti produttivi del settore agricolo. ISMEA controlla SGFA, che fornisce garanzie alle banche, particolarmente apprezzate in quanto a loro volta garantite dallo Stato, e quindi con la migliore ponderazione per le banche garantite. La co garanzia Unionfidi-SGFA La garanzia di SGFA, affiancata a quella di Unionfidi, opera con la doppia finalità di ridurre il rischio in capo alla banca e di alleggerire l assorbimento di patrimonio grazie alla garanzia di ultima istanza dello Stato, come sopra detto. Il risultato è di facilitare l accesso al credito e ottenere la riduzione dei tassi applicati dalla banca, fornendo inoltre credito addizionale rispetto alla somma che ciascun imprenditore potrebbe negoziare singolarmente. Unionfidi oltre a fornire la propria copertura di rischio, opererà anche per conto di SGFA raccogliendo le domande e predisponendo le pratiche parallelamente alla propria, riducendo sensibilmente i tempi di concessione di tali garanzie, e quindi del credito. Contributi per primo insediamento L intervento è volto a favorire il ricambio generazionale attraverso l acquisto di efficienti strutture fondiarie. Beneficiari della misura sono i giovani agricoltori, anche organizzati in forma societaria, che intendono insediarsi per la prima volta in qualità di capo azienda. L agevolazione consiste in un premio di primo insediamento (max euro) concesso nel quadro di un operazione di leasing immobiliare finalizzato all acquisizione dell azienda agricola. Il tasso d interesse appli-

7 7 Prodotti cato è pari al tasso di riferimento e attualizzazione dell Unione Europea + 2,20%. Contributo per subentro La misura è finalizzata al ricambio generazionale e alla nuova imprenditoria giovanile in ambito agricolo. I beneficiari sono gli imprenditori agricoli, o sotto forma di ditta individuale o in forma societaria (anche cooperativa a scopo consortile) che intendono sviluppare o integrare un nuovo progetto imprenditoriale. I settori ammessi sono: la produzione agricola primaria, la trasformazione di prodotti in agricoltura e la commercializzazione di prodotti sempre in ambito agricolo. Le agevolazioni consistono in contributi a fondo perduto (massimo euro) combinati con un mutuo fino a 15 anni. Il tasso d interesse applicato è pari al 36% del tasso di riferimento Unione Europea + 1%. Il fondo di investimento nel capitale di rischio Il Fondo è finalizzato a supportare i programmi di investimento delle imprese operanti nei settori agricolo, agroalimentare, della pesca e dell acquacoltura. L intervento si materializza nell assunzione di partecipazioni di minoranza del capitale aziendale o prestiti partecipativi fino a 1,5 milioni di euro a fronte di un progetto di start-up o sviluppo quinquennale. In tale ambito Finindustria, società di servizi di Unionfidi partecipata da Unionfidi, Unione Industriale di Torino e API Torino, è in grado di offrire servizi qualificati di assistenza e consulenza in materia di credito e finanza a tutte le imprese interessate ed è strutturata per valutare al meglio ogni progetto di investimento in agricoltura, accompagnando l imprenditore agricolo dall idea di investimento alla sua realizzazione attraverso l ottenimento del finanziamento necessario e la concessione delle agevolazioni sopra descritte. Confido Impresa per crescere Finanziamenti a breve e a medio termine per favorire tutte le necessità finanziarie di natura commerciale, per investimenti materiali e immateriali ed altre esigenze finanziarie. È l obiettivo di Confido Impresa, lo strumento messo a disposizione da Intesa Sanpaolo ai soci di Unionfidi appartenenti ai settori industria, commercio, agro-industria, turistico-alberghiero, artigianato e servizi in genere. In particolare, Confido Impresa sostiene le spese per investimenti fissi e immateriali, ma anche quelli per l innovazione, la sicurezza sul gli ambienti di lavoro, l internazionalizzazione. Previsti anche interventi per le acquisizioni di rami aziendali e le partecipazioni in altre società, la formazione, il rafforzamento patrimoniale e il miglioramento dell equilibrio finanziario. Lo stesso strumento può essere utilizzato per le imprese con linee di credito a breve termine per cassa, smobilizzo crediti, import ed export. Gli importi vanno da 50mila a 1 milione di euro, la durata prevista va da 18 a 84 mesi. Dalla collaborazione con Intesa Sanpaolo uno strumento flessibile per le aziende

8 UNIONFIDI Alessandria Via Lombroso 6 Tel Fax Brescia Piazzale Garibaldi 5 Tel Fax Ivrea Corso Nigra 2 Tel Fax Verbania Via Sironi 5 Tel Fax Asti Piazza Medici 4 Tel Fax Biella Via Bertodano 11 Tel Fax Casale M.to Via G. Mameli 10 Tel Fax Cuneo Via Bersezio 4 Tel Fax Novara Via Solferino 2/c Tel Fax Rho Via San Martino 3 Tel Fax UNIONFIDI S.C. Sede Centrale: Via Nizza 262/ Torino Tel Fax

Oltre i nove mila. Il Plafond BNL

Oltre i nove mila. Il Plafond BNL Oltre i nove mila Continuano a crescere i soci Unionfidi Registrazione presso il Tribunale di Torino n 5992 del 20.09.06 - Poste Italiane s.p.a Sped. in Abbonam. Postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004

Dettagli

Tre strumenti per le imprese agricole

Tre strumenti per le imprese agricole Per le PMI 50 milioni Dall accordo con Banca Nazionale del Lavoro Registrazione presso il Tribunale di Torino n 5992 del 20.09.06 - Poste Italiane s.p.a Sped. in Abbonam. Postale - D.L. 353/2003 (conv.

Dettagli

idi.com Continua la corsa delle materie prime Uno strumento in più per chi vuole crescere Come orientare la ricerca in azienda

idi.com Continua la corsa delle materie prime Uno strumento in più per chi vuole crescere Come orientare la ricerca in azienda Registrazione presso il Tribunale di Torino n 5992 del 20.09.06 - Poste Italiane s.p.a Sped. in Abbonam. Postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n 46) art. 1, comma 1, DCB TO 2/2008 ANNO III NUMERO

Dettagli

Le opportunità di Industria 2015

Le opportunità di Industria 2015 Registrazione presso il Tribunale di Torino n 5992 del 20.09.06 - Poste Italiane s.p.a Sped. in Abbonam. Postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n 46) art. 1, comma 1, DCB TO 3/2008 ANNO III NUMERO

Dettagli

PIANO NUOVI INVESTIMENTI FILIERA AGROALIMENTARE 2015-2017

PIANO NUOVI INVESTIMENTI FILIERA AGROALIMENTARE 2015-2017 PIANO NUOVI INVESTIMENTI FILIERA AGROALIMENTARE 2015-2017 2 MILIARDI PER IL RILANCIO 2 miliardi di euro di investimenti per le imprese agroalimentari italiane. Queste le risorse del Piano 2015-2017 messo

Dettagli

Aggiornato alla legge di conversione n. 98/2013

Aggiornato alla legge di conversione n. 98/2013 Le Guide professionalità quotidiana DECRETO DEL FARE Aggiornato alla legge di conversione n. 98/2013 Tavole sinottiche Finanziamenti agevolati Responsabilità solidale negli appalti Assistenza fiscale Riscossione

Dettagli

L ISMEA I servizi Ismea Il subentro in agricoltura Agevolazioni per l insediamento dei giovani in agricoltura Il fondo di garanzia Informazioni e

L ISMEA I servizi Ismea Il subentro in agricoltura Agevolazioni per l insediamento dei giovani in agricoltura Il fondo di garanzia Informazioni e I Servizi ISMEA per i giovani imprenditori agricoli AGENDA L ISMEA I servizi Ismea Il subentro in agricoltura Agevolazioni per l insediamento dei giovani in agricoltura Il fondo di garanzia Informazioni

Dettagli

MISURE ECONOMICO FINANZIARIE

MISURE ECONOMICO FINANZIARIE Valentina Piuma mercoledì, 18 settembre 2013 G i o r n a ta d e l D e c r e to del fare MISURE ECONOMICO FINANZIARIE Art. 1 Rafforzamento del Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese La norma è

Dettagli

DARE VALORE ALLE IMPRESE

DARE VALORE ALLE IMPRESE DARE VALORE ALLE IMPRESE Estero, crescita, nuova imprenditoria Accordo Intesa Sanpaolo - Confindustria Piccola Industria indice 2 UN IMPEGNO COMUNE PER LA CRESCITA 3 I PUNTI CHIAVE DEL NUOVO ACCORDO 4

Dettagli

AUDIZIONE INFORMALE SU ARTT. 7 E 13 (COMPETITIVITÀ SETTORE AGRICOLO) DEL DDL N. 1328

AUDIZIONE INFORMALE SU ARTT. 7 E 13 (COMPETITIVITÀ SETTORE AGRICOLO) DEL DDL N. 1328 AUDIZIONE INFORMALE SU ARTT. 7 E 13 DEL DDL N. 1328 (COMPETITIVITÀ SETTORE AGRICOLO) Senato della Repubblica Commissione 9a - Agricoltura e produzione agroalimentare www.ismea.it www.ismeaservizi.it L

Dettagli

Documento e Proposte

Documento e Proposte Documento e Proposte www.confidicampani.it Pag. 1 di 8 I Confidi I Confidi grazie alla loro figura di collegamento tra il mondo imprenditoriale e quello bancario, operano fruttuosamente a favore delle

Dettagli

GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI

GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI Il Fondo di garanzia per le PMI, gestito dal Medio Credito Centrale-Unicredit e istituito con la L. 662/96 ha conosciuto

Dettagli

Gli strumenti agevolativi e finanziari dell Ismea

Gli strumenti agevolativi e finanziari dell Ismea Gli strumenti agevolativi e finanziari dell Ismea Dott. Arturo Semerari Presidente Ismea Bisceglie, 23 novembre 2012 ISMEA ISMEA, Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare accompagna gli imprenditori

Dettagli

SOLUZIONI FINANZIARIE SERVIZI E STRUMENTI FINANZIARI PER I TUOI CLIENTI

SOLUZIONI FINANZIARIE SERVIZI E STRUMENTI FINANZIARI PER I TUOI CLIENTI SOLUZIONI FINANZIARIE PER L IMPRESA SERVIZI E STRUMENTI FINANZIARI PER I TUOI CLIENTI Chi siamo CREAFIN è una Società di Consulenza per la Finanza d Impresa e servizi di Mediazione Creditizia. Nasce dall

Dettagli

Le opportunità per favorire l accesso al credito. Cagliari 15 marzo 2011

Le opportunità per favorire l accesso al credito. Cagliari 15 marzo 2011 Le opportunità per favorire l accesso al credito Cagliari 15 marzo 2011 La crisi globale 2008 una delle più gravi crisi economiche globali dell ultimo secolo con gravissimi effetti sia sul mercato finanziario

Dettagli

PROGETTI PER L IMPRENDITORIALITA SELEZIONE DEI BENEFICIARI

PROGETTI PER L IMPRENDITORIALITA SELEZIONE DEI BENEFICIARI PROGETTI PER L IMPRENDITORIALITA SELEZIONE DEI BENEFICIARI POIC (FASE II) Progetti Operativi per l Imprenditorialità Comunale a) Aiuti rimborsabili per l insediamento delle imprese, lo sviluppo occupazionale,

Dettagli

DI INFORMATIVO GARANZIA PER LE PMI. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. Ministero dello Sviluppo Economico

DI INFORMATIVO GARANZIA PER LE PMI. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. Ministero dello Sviluppo Economico FONDO LIBRETTO DI INFORMATIVO GARANZIA PER SUL FONDO LE PICCOLE E DI MEDIE GARANZIA IMPRESE PER LE PMI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dello Sviluppo Economico IL FONDO

Dettagli

AVVISO COMUNE. Tutto quello che è utile sapere

AVVISO COMUNE. Tutto quello che è utile sapere AVVISO COMUNE Tutto quello che è utile sapere Per aiutare le piccole e medie imprese del paese a contrastare le difficoltà finanziarie collegate alla crisi, arrivando al momento della ripresa nelle migliori

Dettagli

Reagire alla crisi: Credito e Liquidità per Imprese e Famiglie 1 2 3 4 5 7 8 9 LE TUE DOMANDE, LE NOSTRE RISPOSTE

Reagire alla crisi: Credito e Liquidità per Imprese e Famiglie 1 2 3 4 5 7 8 9 LE TUE DOMANDE, LE NOSTRE RISPOSTE Reagire alla crisi: 610 Credito e Liquidità per Imprese e Famiglie 1 2 3 4 5 7 8 9 LE TUE DOMANDE, LE NOSTRE RISPOSTE 10 Reagire alla crisi Se sei un imprenditore e hai bisogno di nuovi finanziamenti o

Dettagli

CONTRATTI DI SVILUPPO 2015/2016

CONTRATTI DI SVILUPPO 2015/2016 CONTRATTI DI SVILUPPO 2015/2016 Capitali per lo sviluppo industriale, commerciale e turistico in Italia Finanziamento agevolato e contributo a fondo perduto per grandi progetti di investimento Il Contratto

Dettagli

Il sostegno di CDP: sviluppi

Il sostegno di CDP: sviluppi Il sostegno di CDP: sviluppi Roma, 28 novembre 2013 Il Contesto Nel biennio 2011 12, CDP ha mobilitato circa il 90% delle risorse previste dal Piano Industriale 2011 13,raggiungendo,difatto,gliobiettiviconunanno

Dettagli

Finanziamenti per l agroindustria. Strumenti a supporto dell imprenditoria agricola

Finanziamenti per l agroindustria. Strumenti a supporto dell imprenditoria agricola Edizione 2015 Sommario Gli interventi degli enti ISA ed ISMEA pag. 3 ISA Operazioni di Finanza Agevolata pag. 4 ISA Operazioni a condizioni di Mercato pag. 7 ISMEA Fondo di Capitale di rischio pag. 9 ISMEA

Dettagli

Imprese, lavoro, banche

Imprese, lavoro, banche Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Imprese, lavoro, banche 2 incontro Materiali per la discussione Roma, 25 marzo 2009 SINTESI Il 5 marzo 2009 si è tenuto il primo incontro

Dettagli

CREDITO AL CREDITO 2015 Fare squadra per la ripresa ACCESSO E SOSTENIBILITÀ DEL CREDITO: STRUMENTI PER IL CONSUMO E L INVESTIMENTO.

CREDITO AL CREDITO 2015 Fare squadra per la ripresa ACCESSO E SOSTENIBILITÀ DEL CREDITO: STRUMENTI PER IL CONSUMO E L INVESTIMENTO. CREDITO AL CREDITO 2015 Fare squadra per la ripresa ACCESSO E SOSTENIBILITÀ DEL CREDITO: STRUMENTI PER IL CONSUMO E L INVESTIMENTO Silvio D Amico Roma, 25 novembre 2015 Interventi legislativi e iniziative

Dettagli

Circolare Legge di Stabilità 2014 - Principali misure in materia di credito e finanza

Circolare Legge di Stabilità 2014 - Principali misure in materia di credito e finanza Circolare Legge di Stabilità 2014 - Principali misure in materia di credito e finanza INDICE 1. Premessa 2. Garanzie pubbliche per l accesso al credito 3. Patrimonializzazione dei confidi 4. Operatività

Dettagli

INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it

INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it La legge che agevola l Autoimpiego (D.L. n. 185/2000 - Titolo II) costituisce il principale strumento di sostegno alla realizzazione e all avvio di piccole

Dettagli

Caro Lettore, Buona lettura!

Caro Lettore, Buona lettura! GUIDA PRATICA Caro Lettore, Semplificare e agevolare l accesso al credito. In questo momento di difficile congiuntura economica, sono queste le parole d ordine che hanno portato governo, banche e imprese

Dettagli

Sportello Informativo e di Consulenza IMPRESA E LAVORO

Sportello Informativo e di Consulenza IMPRESA E LAVORO Sportello Informativo e di Consulenza IMPRESA E LAVORO Accesso al credito, opportunità di finanziamento e inserimento lavorativo Lo sportello informativo e di consulenza Impresa e Lavoro offre un sostegno

Dettagli

DIREZIONE CORPORATE CATALOGO PRODOTTI E SERVIZI

DIREZIONE CORPORATE CATALOGO PRODOTTI E SERVIZI DIREZIONE CORPORATE CATALOGO PRODOTTI E SERVIZI 1 CREDITAGRI ITALIA AGENDA Presentazione di CreditAgri Italia scpa I Settori d Intervento La carta dei servizi dedicati La carta dei prodotti Gli interventi

Dettagli

Per favorire l insediamento dei giovani in agricoltura ISMEA ha messo a punto una serie di strumenti finanziari finalizzati:

Per favorire l insediamento dei giovani in agricoltura ISMEA ha messo a punto una serie di strumenti finanziari finalizzati: Audizione Senato della Repubblica Commissione Agricoltura e Produzione Agroalimentare Testo Unificato per i disegni di legge nn. 2674, 2710, 2919 e 3043 «imprenditoria giovanile in agricoltura» Roma, 26

Dettagli

Le misure contenute nel

Le misure contenute nel 16_21:Programma_Amva.qxd 04/07/2012 12.45 Pagina 16 16 AGEVOLAZIONI NAZIONALI INVESTIMENTI PRODUTTIVI Per il Fondo di garanzia in arrivo le nuove percentuali di copertura Ammesse anche le anticipazioni

Dettagli

Agevolazioni finanziarie per le imprese del settore Autotrasporto merci per conto terzi

Agevolazioni finanziarie per le imprese del settore Autotrasporto merci per conto terzi 1 Agevolazioni finanziarie per le imprese del settore Autotrasporto merci per conto terzi Relatore: Cristiano Vincenzi (cristiano.vincenzi@bancopopolare.it) Responsabile Funzione Finanziamenti Agevolati

Dettagli

Come funziona il Fondo di garanzia?

Come funziona il Fondo di garanzia? Con il Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese, l Unione europea e lo Stato Italiano affiancano le imprese che hanno difficoltà ad accedere al credito bancario perché non dispongono di sufficienti

Dettagli

Circolare fiscale n. 9 del 7 Maggio 2014 2014

Circolare fiscale n. 9 del 7 Maggio 2014 2014 Strumenti per il rilancio dell impresa Ditte individuali I progetti di investimento non devono superare 25.823. La o il titolare della ditta individuale deve aver compiuto 18 anni e deve essere inoccupato.

Dettagli

SEZIONE I - INFORMAZIONI SU UNIONFIDI

SEZIONE I - INFORMAZIONI SU UNIONFIDI SEZIONE I - INFORMAZIONI SU UNIONFIDI Unionfidi Piemonte Società Cooperativa di garanzie collettiva fidi è un confidi intermediario finanziario vigilato iscritto, con provvedimento della Banca d Italia

Dettagli

Contributi, interventi, fondi e strumenti

Contributi, interventi, fondi e strumenti Contributi, interventi, fondi e strumenti Suggerimenti per ottenere agevolazioni per le Aziende dell Abruzzo, Sicilia Dopo un attenta ricerca, abbiamo individuato per le imprese la possibilità di accesso

Dettagli

Nuova Sabatini, Fondo Centrale di Garanzia per le PMI e CoopUp

Nuova Sabatini, Fondo Centrale di Garanzia per le PMI e CoopUp DIPARTIMENTO POLITICHE PER LO SVILUPPO Nuova Sabatini, Fondo Centrale di Garanzia per le PMI e CoopUp La normativa nazionale di supporto agli investimenti delle imprese cooperative ed altre opportunità

Dettagli

NEWSLETTER FINANZIAMENTI - DICEMBRE 2013 - Piemonte

NEWSLETTER FINANZIAMENTI - DICEMBRE 2013 - Piemonte NEWSLETTER FINANZIAMENTI - DICEMBRE 2013 - Piemonte CONTRIBUTI E FINANZIAMENTI REGIONALI INCENTIVI PER I PROGRAMMI INNOVATIVI FONDO DI REINDUSTRIALIZZAZIONE CCIA CUNEO CONTRIBUTO CERTIFICAZIONE SOA CONTRIBUTI

Dettagli

In corso di pubblicazione le procedure per accedere agli interventi del Fondo di Garanzia in favore del microcredito

In corso di pubblicazione le procedure per accedere agli interventi del Fondo di Garanzia in favore del microcredito Fabio Mora Dottore Commercialista Revisore Contabile partita iva 01520610443 Cod. Fisc. MROFBA66B10G920A A mezzo fax / e.mail Circolare n. 6/2015 A tutti i signori clienti loro sedi Porto San Giorgio,

Dettagli

FONDO MICROCREDITO FSE

FONDO MICROCREDITO FSE FONDO MICROCREDITO FSE DIRETTIVE DI ATTUAZIONE Art. 1- OGGETTO E RIFERIMENTI NORMATIVI Il presente documento costituisce il riferimento e la base per l attuazione del Fondo Microcredito FSE, che ha l obiettivo

Dettagli

Agenda. Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria. Consulenza globale. Ambiti d intervento. Conferma e arricchimento soluzioni

Agenda. Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria. Consulenza globale. Ambiti d intervento. Conferma e arricchimento soluzioni Agenda Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria Consulenza globale Ambiti d intervento Conferma e arricchimento soluzioni 1 Intesa Sanpaolo - Confindustria Piccola Industria Un impegno

Dettagli

Progetto Operativo per l Imprenditorialità Comunale FASE II

Progetto Operativo per l Imprenditorialità Comunale FASE II SEMINARIO INFORMATIVO POIC Progetto Operativo per l Imprenditorialità Comunale FASE II 1 Fase II: selezione, sulla base di appositi dispositivi attuativi e dei progetti comunali approvati nella Fase I,

Dettagli

Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Dopo un 2013 difficile chiuso con una forte perdita che aveva significativamente inciso la solidità patrimoniale della Banca, pur in un contesto

Dettagli

Agli Associati Direzione Generale Funzione Crediti Funzione Legale Funzione Compliance Funzione Organizzazione

Agli Associati Direzione Generale Funzione Crediti Funzione Legale Funzione Compliance Funzione Organizzazione Roma 1 giugno 2012 Prot. UCR/ULG/001256 Agli Associati Direzione Generale Funzione Crediti Funzione Legale Funzione Compliance Funzione Organizzazione Loro Sedi Nuove misure per il Credito alle PMI del

Dettagli

Agevolazioni. Informativa agevolazioni del 25 gennaio 2013 BANDI NAZIONALI E REGIONALI NAZIONALI ABRUZZO

Agevolazioni. Informativa agevolazioni del 25 gennaio 2013 BANDI NAZIONALI E REGIONALI NAZIONALI ABRUZZO Informativa agevolazioni del 25 gennaio 2013 Agevolazioni NAZIONALI ABRUZZO BANDI NAZIONALI E REGIONALI Bando per l internazionalizzazione, dal 25 ottobre 2012 è diventato operativo il Fondo Startup, nuovo

Dettagli

Introduzione pag. 4. Autoimpiego pag. 6. Autoimprenditorialità pag. 13. Lavoro autonomo pag. 7. Microimpresa pag. 9. Imprese in franchising pag.

Introduzione pag. 4. Autoimpiego pag. 6. Autoimprenditorialità pag. 13. Lavoro autonomo pag. 7. Microimpresa pag. 9. Imprese in franchising pag. STRUMENTI PER LA CREAZIONE D IMPRESA Introduzione pag. 4 Autoimpiego pag. 6 Lavoro autonomo pag. 7 Microimpresa pag. 9 Imprese in franchising pag. 11 Autoimprenditorialità pag. 13 Nuova imprenditorialità

Dettagli

Regioni e sistema creditizio. Roma, 2 dicembre 2014

Regioni e sistema creditizio. Roma, 2 dicembre 2014 Regioni e sistema creditizio Roma, 2 dicembre 2014 LE ESPERIENZE REGIONALI Puglia Sviluppo S.p.A. Chi siamo È una società per azioni soggetta all attività di direzione e controllo dell unico socio Regione

Dettagli

Plafond BENI STRUMENTALI (c.d. Nuova Sabatini )

Plafond BENI STRUMENTALI (c.d. Nuova Sabatini ) Plafond BENI STRUMENTALI (c.d. Nuova Sabatini ) CONFIDUSTRIA VICENZA Le agevolazioni della nuova Sabatini Incontro informativo Intervento di A. Balboni Resp. Direzione Corporate di Banca Popolare di Vicenza

Dettagli

INCENTIVI ALLE IMPRESE:

INCENTIVI ALLE IMPRESE: INCENTIVI ALLE IMPRESE: QUANDO COME E QUANTO Roma, 15-16 Febbraio 2014 Cari amici, questo opuscolo nasce con l auspicio di essere un valido punto di partenza per esplorare le possibilità messe in campo

Dettagli

Tabella di sintesi. Incentivo In vigore dal Attuazione

Tabella di sintesi. Incentivo In vigore dal Attuazione SCHEDE SINTETICHE Tabella di sintesi Incentivo In vigore dal Attuazione Digitalizzazione R&S Voucher IT (Information Technology) 24 dicembre 2013 Credito d imposta 24 dicembre 2013 Artigianato digitale

Dettagli

Firma del protocollo di intesa per il miglioramento della comunicazione banca-impresa in provincia di Torino

Firma del protocollo di intesa per il miglioramento della comunicazione banca-impresa in provincia di Torino Firma del protocollo di intesa per il miglioramento della comunicazione banca-impresa in provincia di Torino Torino Palazzo Cisterna 05 luglio 2011 PROTOCOLLO D INTESA PER IL MIGLIORAMENTO DELLA COMUNICAZIONE

Dettagli

PSR 2007/2013 PUGLIA MISURA 112 INSEDIAMENTO DI GIOVANI AGRICOLTORI

PSR 2007/2013 PUGLIA MISURA 112 INSEDIAMENTO DI GIOVANI AGRICOLTORI 10239 ALLEGATO A PSR 2007/2013 PUGLIA MISURA 112 INSEDIAMENTO DI GIOVANI AGRICOLTORI LINEE GUIDA PER L EROGAZIONE DEL PREMIO DI PRIMO INSEDIAMENTO NELLA FORMA COMBINATA (PREMIO UNICO + ABBUONO DI INTERESSI).

Dettagli

Programma degli interventi

Programma degli interventi Allegato 1 alla Delib.G.R. n. 46/8 del 22.9.2015 Programmazione Unitaria 2014-2020. Strategia "Creare opportunità di lavoro favorendo la competitività delle imprese". Programma di intervento 3: Competitività

Dettagli

Reti d impresa La nuova dimensione delle Imprese che vogliono crescere. Il supporto del Gruppo Intesa Sanpaolo

Reti d impresa La nuova dimensione delle Imprese che vogliono crescere. Il supporto del Gruppo Intesa Sanpaolo Reti d impresa La nuova dimensione delle Imprese che vogliono crescere. Il supporto del Gruppo Intesa Sanpaolo Guidizzolo, 25 novembre Contratto di Rete Descrizione Caratteristiche Obiettivi strategici

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA COMUNICATO STAMPA Siglato il quinto accordo tra il Gruppo bancario e Piccola Industria Confindustria DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE

Dettagli

LA STRATEGIA DELLA BCE PER AUMENTARE IL CREDITO

LA STRATEGIA DELLA BCE PER AUMENTARE IL CREDITO Direzione Affari Economici e Centro Studi LA STRATEGIA DELLA BCE PER AUMENTARE IL CREDITO ALLE IMPRESE E ALLE FAMIGLIE Lo scorso 5 giugno il Consiglio direttivo della BCE ha varato il programma Targeted

Dettagli

CATALOGO PRODOTTI E SERVIZI SEGMENTO SMALL

CATALOGO PRODOTTI E SERVIZI SEGMENTO SMALL CATALOGO PRODOTTI E SERVIZI SEGMENTO SMALL 1 CREDITAGRI ITALIA AGENDA Presentazione di CreditAgri Italia scpa La carta dei servizi dedicati I progetti speciali La carta dei prodotti Gli interventi di garanzia

Dettagli

Accordo per l anticipazione, la cessione pro-soluto e pro-solvendo dei crediti verso Enti Pubblici

Accordo per l anticipazione, la cessione pro-soluto e pro-solvendo dei crediti verso Enti Pubblici PROTOCOLLO D INTESA PER ASSICURARE LA LIQUIDITÀ ALLE IMPRESE CREDITRICI DEGLI ENTI LOCALI ATTRAVERSO L ANTICIPAZIONE DEI CREDITI PRESSO BANCHE OD INTERMEDIARI FINANZIARI O LA CESSIONE PRO-SOLUTO O PRO-SOLVENDO

Dettagli

Circolare n 10. Oggetto. Quartu S.E., 03 ottobre 2011

Circolare n 10. Oggetto. Quartu S.E., 03 ottobre 2011 Quartu S.E., 03 ottobre 2011 Circolare n 10 Oggetto Legge di Finanziamento: Comunitaria Nazionale Regionale Comunale Settore: Artigianato, Commercio, Servizi, Industria ed Agricoltura La circolare fornisce

Dettagli

DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI (Provvedimento di Banca d Italia 29 luglio 2009)

DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI (Provvedimento di Banca d Italia 29 luglio 2009) SEZIONE I - INFORMAZIONI SU UNIONFIDI Unionfidi Piemonte Società Cooperativa di garanzie collettiva fidi è un confidi intermediario finanziario vigilato iscritto, con provvedimento della Banca d Italia

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N.81 del 29 Giugno 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Operativo l accesso al fondo di garanzia sui finanziamenti per il microcredito Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

ALBERTI - UBINI - CASTAGNETTI Dottori Commercialisti Associati

ALBERTI - UBINI - CASTAGNETTI Dottori Commercialisti Associati Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale in quiescenza CLAUDIO UBINI ALBERTO CASTAGNETTI ELISABETTA UBINI PIAZZA CITTADELLA 6 37122 VERONA

Dettagli

Foglio Informativo FINANZIAMENTO

Foglio Informativo FINANZIAMENTO Foglio Informativo n. 5900/04 Data ultimo aggiornamento: 01 Ottobre 2012 Dati e qualifica del soggetto incaricato dell offerta incaricato dell offerta Foglio Informativo FINANZIAMENTO alle AZIENDE Timbro

Dettagli

Accesso al credito? Con CNA la soluzione

Accesso al credito? Con CNA la soluzione Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa CNA Roma Notizie n.1 del 5 Gennaio 2010 Anno 7 Mensile Poste Italiane Spa - Sped. in abb. postale D.L. 353 (convertito in Legge

Dettagli

Schema di decreto legislativo recante:

Schema di decreto legislativo recante: Schema di decreto legislativo recante: Incentivi all autoimprenditorialità e all autoimpiego, in attuazione della delega conferita dall articolo 45, comma 1, della legge 17 maggio 1999, n. 144. Visti gli

Dettagli

DIRETTIVE DI ATTUAZIONE - FASE I PRESENTAZIONE DEI PROGETTI INTEGRATI DEI PICCOLI COMUNI (PICO) fonte: http://burc.regione.campania.

DIRETTIVE DI ATTUAZIONE - FASE I PRESENTAZIONE DEI PROGETTI INTEGRATI DEI PICCOLI COMUNI (PICO) fonte: http://burc.regione.campania. Fondo MICROCREDITO PICCOLI COMUNI CAMPANI-FSE P.O. Campania FSE 2007-2013 Asse I Adattabilità Obiettivo specifico c) Obiettivo Operativo c.2 Asse II Occupabilità Obiettivo specifico e) Obiettivo Operativo

Dettagli

LA NUOVA LEGGE SABATINI

LA NUOVA LEGGE SABATINI LA NUOVA LEGGE SABATINI (DECRETO FARE Decreto Legge 69/2013 convertito con modificazioni dalla legge 98/2013) I DESTINATARI La Nuova Legge Sabatini, prevista dal Decreto del Fare, si rivolge alle micro,

Dettagli

Opportunità Agevolate per le imprese. Simona Bianchini Resp.Marketing Operativo

Opportunità Agevolate per le imprese. Simona Bianchini Resp.Marketing Operativo Opportunità Agevolate per le imprese Simona Bianchini Resp.Marketing Operativo 2 Indice Situazione attuale Strumenti agevolativi Strumenti condivisione del rischio Offerta di Iccrea BancaImpresa Situazione

Dettagli

a cura del Rag. Daniele LAURENTI, commercialista e revisore contabile

a cura del Rag. Daniele LAURENTI, commercialista e revisore contabile Carlin Laurenti & associati STUDIO COMMERCIALISTI e REVISORI 45014 PORTO VIRO (RO) Via Mantovana n. 86 tel 0426.321062 fax 0426.323497 per informazioni su questa circolare: evacarlin@studiocla.it Circolare

Dettagli

La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia. 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni

La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia. 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni Data ultimo aggiornamento: 11 ottobre 2010 Progetto di filiera e realtà coinvolte 2 Sommario

Dettagli

AGEVOLAZIONI PER IL SUBENTRO IN AGRICOLTURA DECRETO LEGISLATIVO N. 185/2000 TITOLI I CAPO III REGOLAMENTO ATTUATIVO

AGEVOLAZIONI PER IL SUBENTRO IN AGRICOLTURA DECRETO LEGISLATIVO N. 185/2000 TITOLI I CAPO III REGOLAMENTO ATTUATIVO AGEVOLAZIONI PER IL SUBENTRO IN AGRICOLTURA DECRETO LEGISLATIVO N. 185/2000 TITOLI I CAPO III REGOLAMENTO ATTUATIVO 1. OBIETTIVO DELLA MISURA Favorire la nuova imprenditorialità ed il ricambio generazionale

Dettagli

CATALOGO PRODOTTI E SERVIZI SEGMENTO SMALL

CATALOGO PRODOTTI E SERVIZI SEGMENTO SMALL CATALOGO PRODOTTI E SERVIZI SEGMENTO SMALL 1 CREDITAGRI ITALIA AGENDA Presentazione di CreditAgri Italia scpa La carta dei servizi dedicati; I progetti speciali; La carta dei prodotti; Gli interventi di

Dettagli

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 Approvazione delle modalità di attuazione degli Interventi di garanzia per gli investimenti POR CreO

Dettagli

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA. Lavoro autonomo. Soli, ma ben accompagnati

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA. Lavoro autonomo. Soli, ma ben accompagnati Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Soli, ma ben accompagnati Invitalia, l Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa, agisce

Dettagli

INTERVENTI E INIZIATIVE DELLA CAMERA DI COMMERCIO

INTERVENTI E INIZIATIVE DELLA CAMERA DI COMMERCIO Finanza agevolata, bandi, credito d'imposta INTERVENTI E INIZIATIVE DELLA CAMERA DI COMMERCIO Castellanza, LIUC - Università Cattaneo 2 ottobre 2014 INTERVENTI E INIZIATIVE DELLA CAMERA DI COMMERCIO PRINCIPI:

Dettagli

Silvio D Amico. CREDITO AL CREDITO 2014 Credito alle Famiglie

Silvio D Amico. CREDITO AL CREDITO 2014 Credito alle Famiglie Credito alle Famiglie Il Fondo di garanzia per l acquisto della prima casa art. 1, comma 48, lett. c) legge 27.12.2013 n. 147 Silvio D Amico Roma, 26 novembre 2014 Recenti interventi legislativi e iniziative

Dettagli

Allegato A al D.D.G. n 4186 /2014

Allegato A al D.D.G. n 4186 /2014 Allegato A al D.D.G. n 4186 /2014 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO REGIONALE DELL'AGRICOLTURA, DELLO SVILUPPO RURALE E DELLA PESCA MEDITERRANEA - DIPARTIMENTO REGIONALE DELL'AGRICOLTURA

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

FONDO PROVINCIALE DI GARANZIA PER I PRIVATI E LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE. Disposizioni operative

FONDO PROVINCIALE DI GARANZIA PER I PRIVATI E LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE. Disposizioni operative FONDO PROVINCIALE DI GARANZIA PER I PRIVATI E LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Disposizioni operative PARTE I DEFINIZIONI Nelle presenti disposizioni l espressione: Fondo, indica il Fondo di garanzia a favore

Dettagli

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi:

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi: I costi della crisi In Italia, dall inizio della crisi: Licia Mattioli abbiamo perso 9 punti di PIL abbiamo perso il 25% della produzione industriale il reddito disponibile è calato dell 11% in termini

Dettagli

La lente sul fisco. Le novità della Legge di Stabilità 2012 e del Decreto Salva Italia. Guida Operativa. L Aggiornamento Professionale on-line

La lente sul fisco. Le novità della Legge di Stabilità 2012 e del Decreto Salva Italia. Guida Operativa. L Aggiornamento Professionale on-line La lente sul fisco L Aggiornamento Professionale on-line Guida Operativa Le novità della Legge di Stabilità 2012 e del Decreto Salva Italia A cura della Redazione La Lente sul Fisco Coordinamento scientifico

Dettagli

Crisi finanziaria e accesso al credito

Crisi finanziaria e accesso al credito Crisi finanziaria e accesso al credito 13 novembre 2008 Elio Schettino Direttore Area Fiscalità, Finanza e Diritto d Impresa Confindustria Banca d Italia d Indagine congiunturale sulle imprese industriali

Dettagli

Circolare N. 59 del 17 Aprile 2015

Circolare N. 59 del 17 Aprile 2015 Circolare N. 59 del 17 Aprile 2015 Tutto pronto per accedere alla garanzia del microcredito Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che il Ministero dello Sviluppo Economico ha recentemente

Dettagli

BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE IN FAVORE DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI PISA,

BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE IN FAVORE DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI PISA, BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE IN FAVORE DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI PISA, Accordo Programma MISE- Unioncamere 2012 Budget : 40.000,00 1. Premessa

Dettagli

CONVENZIONE TRA CAMERA DI COMMERCIO DI VIBO VALENTIA E CONFIDI. Con il presente atto a valere a tutti gli effetti di legge tra:

CONVENZIONE TRA CAMERA DI COMMERCIO DI VIBO VALENTIA E CONFIDI. Con il presente atto a valere a tutti gli effetti di legge tra: CONVENZIONE TRA CAMERA DI COMMERCIO DI VIBO VALENTIA E CONFIDI Con il presente atto a valere a tutti gli effetti di legge tra: la Camera di Commercio Industria Artigianato ed Agricoltura, in appresso denominata

Dettagli

D I S C I P L I N A R E

D I S C I P L I N A R E D I S C I P L I N A R E per la concessione di contributi in abbattimento del tasso di interesse, a fondo perduto e in abbattimento dei costi di commissione alle piccole/medie imprese, operanti in provincia

Dettagli

Novità in materia di riscossione dei tributi iscritti a ruolo

Novità in materia di riscossione dei tributi iscritti a ruolo Studio Commerciale e Tributario TOMASSETTI & PARTNERS Informativa fiscale Ai gentili clienti Loro sedi Novità in materia di riscossione dei tributi iscritti a ruolo Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

Le Operazioni di Impiego: ISTRUTTORIA DI FIDO E VALUTAZIONE DELLE GARANZIE. Università degli Studi di Teramo - Prof.

Le Operazioni di Impiego: ISTRUTTORIA DI FIDO E VALUTAZIONE DELLE GARANZIE. Università degli Studi di Teramo - Prof. ISTRUTTORIA DI FIDO E VALUTAZIONE DELLE GARANZIE 1 Ogni operazione di prestito concessa dalle banche a favore del soggetto che ne ha fatto richiesta prevede due FASI PRELIMINARI alla stipula del contratto

Dettagli

Camera di commercio di Cuneo: servizi e opportunita di accesso al credito. Alba, 22 novembre 2013 - Luisa Silvestro Camera di commercio di Cuneo

Camera di commercio di Cuneo: servizi e opportunita di accesso al credito. Alba, 22 novembre 2013 - Luisa Silvestro Camera di commercio di Cuneo Camera di commercio di Cuneo: servizi e opportunita di accesso al credito La riforma delle Camere di commercio Il D. Lgs. 23/2010 modifica la L. 580/1993 L art. 2 della nuova legge 580/1993 riconosce nuove

Dettagli

COMUNE DI SANTA FIORA Provincia di Grosseto

COMUNE DI SANTA FIORA Provincia di Grosseto COMUNE DI SANTA FIORA Provincia di Grosseto REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI DESTINATI ALLE NUOVE INIZIATIVE IMPRENDITORIALI E ALLE IMPRESE APPROVATO con deliberazione del C.C. n 69 del 30.11.2011

Dettagli

Di seguito riportiamo le pec di ogni ente.

Di seguito riportiamo le pec di ogni ente. FONDO DI ROTAZIONE E operativo il nuovo fondo di rotazione istituito con Delibera della Giunta Provinciale n. 2168 del 11/10/20013 (ex art. 34 ter 1 della Legge Provinciale 13 dicembre 1999, n. 6). Il

Dettagli

Circolare Informativa n 45/2012. Microcredito Regione Campania

Circolare Informativa n 45/2012. Microcredito Regione Campania Circolare Informativa n 45/2012 Microcredito Regione Campania e-mail: info@cafassoefigli.it - www.cafassoefigli.it Pagina 1 di 7 INDICE Premessa pag.3 1) Soggetti beneficiari pag. 3 2) Linee di intervento

Dettagli

Piano straordinario per l'occupazione.

Piano straordinario per l'occupazione. Piano straordinario per l'occupazione. Sintesi I PILASTRI Più occupazione. Più competitività. Più credito. Meno burocrazia. Sono questi i quattro pilastri sui quali si regge il piano straordinario della

Dettagli

MARKETING INFORMATION

MARKETING INFORMATION Gentile Concessionario, Come sicuramente avrete visto negli ultimi giorni, con una circolare il Ministero dello Sviluppo Economico ha dato il via alle agevolazioni della NUOVA LEGGE SABATINI per lo sviluppo

Dettagli

Progetto cofinanziato dall Unione Europea REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA UNIONE EUROPEA SFIRS. 03 Febbraio 2014

Progetto cofinanziato dall Unione Europea REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA UNIONE EUROPEA SFIRS. 03 Febbraio 2014 Progetto cofinanziato dall Unione Europea REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA UNIONE EUROPEA SFIRS 03 Febbraio 2014 1 Fondo Microcredito FSE Fondo Microcredito FSE Obiettivo L integrazione sociale nel mercato

Dettagli

L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa

L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa La situazione dell accesso al credito per le piccole e medie imprese che costituiscono

Dettagli

FINANZIAMENTO FINALIZZATO ALL ACQUISTO DI BENI E SERVIZI DESTINATI ALL ATTIVITA PROFESSIONALE O IMPRENDITORIALE

FINANZIAMENTO FINALIZZATO ALL ACQUISTO DI BENI E SERVIZI DESTINATI ALL ATTIVITA PROFESSIONALE O IMPRENDITORIALE Foglio Informativo n. 5700/02 Data ultimo aggiornamento: 1 Aprile 2010 DATI E QUALIFICA DEL SOGGETTO CHE ENTRA IN RAPPORTO CON IL CLIENTE (in caso di offerta fuori sede) Filiale/Agenzia/Dealer (Timbro

Dettagli

Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Circolare 8 del 3 marzo 2015 Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari del credito d imposta... 2 3 Ambito oggettivo di applicazione...

Dettagli