Moneta e credito: la generazione dei mezzi di pagamento nel sistema economico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Moneta e credito: la generazione dei mezzi di pagamento nel sistema economico"

Transcript

1 7 Moneta e credito: la generazione dei mezzi di pagamento nel sistema economico Nel capitolo precedente abbiamo individuato nella funzione di mezzo di pagamento generalmente accettato la caratteristica essenziale della moneta ed abbiamo esaminato le determinanti essenziali della domanda di moneta. Nel presente capitolo esamineremo il processo di creazione dei mezzi di pagamento all interno del sistema economico ad opera dell azione congiunta delle due più importanti istituzioni finanziarie che creano moneta: la Banca Centrale e le banche. L esame del processo di creazione di moneta ci consentirà non solo di esaminare le determinanti dell offerta di moneta, ma anche di comprendere in modo più profondo la natura stessa della moneta e di ciò che nel capitolo 4 abbiamo chiamato una economia monetaria. In un capitolo successivo esamineremo con maggior dettaglio la politica monetaria della Banca Centrale Europea. 1. La definizione degli aggregati monetari Una volta accertato che la funzione peculiare della moneta è quella di essere un mezzo di pagamento generalmente accettato, possiamo definire su questa base gli aggregati monetari. Faremo qui riferimento alla definizione degli aggregati monetari attualmente in uso nei paesi, fra i quali l Italia, che hanno aderito all Unione monetaria europea (tav. 1). Il modo più semplice di procedere è quello di definire un primo aggregato monetario (M1) che comprende i due strumenti immediatamente utilizzabili quali mezzi di pagamento di cui abbiamo già detto nel cap. 4: il circolante e i depositi a vista. La moneta nella sua definizione più ristretta (M1) gode della proprietà fondamentale di essere lo strumento finanziario con il più elevato grado di liquidità. La liquidità di una strumento finanziario, infatti, dipende dalla facilità con la quale esso può essere utilizzato come mezzo di pagamento al minor costo ed è evidente che nessun altro strumento finanziario possiede una liquidità superiore a quella della moneta nella sua definizione ristretta. Accanto a M1 135

2 vengono definiti altri due aggregati monetari: un aggregato monetario intermedio (M2) e un aggregato monetario esteso (M3). L aggregato M2 contiene oltre al circolante e ai depositi a vista, cioè oltre a M1, anche quegli strumenti finanziari che pur non potendo essere utilizzati immediatamente e senza costo come mezzi di pagamento, possono tuttavia essere trasformati in mezzi di pagamento con relativa facilità e costo contenuto. Si tratta dei depositi con scadenza fissa fino a 2 anni e dei depositi rimborsabili con preavviso fino a 3 mesi che possono essere trasformati in mezzi di pagamento al costo di una penalizzazione o di una commissione o con un certo preavviso. Infine, l aggregato monetario esteso (M3) si ottiene aggiungendo a M2 alcuni strumenti finanziari i quali per le loro caratteristiche di liquidità e di certezza di prezzo sono considerati stretti sostituti dei depositi. Tali strumenti finanziari sono rappresentati dalle quote dei fondi comuni monetari 1, dalle obbligazioni con scadenza inferiore a 2 anni e dalle operazioni pronti contro termine 2. M1 M2 M3 Circolante Circolante Circolante Depositi a vista Depositi a vista Depositi con durata prestabilita fino a 2 anni Depositi a vista Depositi con durata prestabilita fino a 2 anni Depositi rimborsabili con preavviso fino a 3 mesi Depositi rimborsabili con preavviso fino a 3 mesi Pronti contro termine Quote e partecipazioni in fondi comuni monetari Obbligazioni con scadenza fino a 2 anni Tav. 1 Definizione degli aggregati monetari nell area dell euro Possiamo ora quantificare gli aggregati monetari nell area dell euro. A questo scopo occorre tener presente che la quantità di moneta è uno stock e che, di 1 I fondi comuni monetari investono in strumenti finanziari a breve termine, solitamente con scadenza pari o inferiore a un anno, e a basso rischio. 2 I fondi comuni monetari investono in titoli di stato a basso rischio e a breve termine. Essi pertanto sono facilmente convertibili in moneta e per questo rientrano nella definizione estesa di moneta. 136

3 conseguenza, quando parliamo di quantità di moneta ci riferiamo alle consistenze di ciascuno degli aggregati monetari presenti nell economia a certa data. Ad esempio, a metà del 2012 lo stock di moneta nella sua definizione allargata (M3) risultava pari a 9.640,7 miliardi di euro. La fig. 1 illustra la composizione di M3. Come si vede, i depositi a vista rappresentano, da soli, il 42% dello stock di M3. Se ad essi aggiungiamo anche i depositi rimborsabili con preavviso (21%) e i depositi vincolati fino a 2 anni (20%), la quota dei depositi su M3 raggiunge l 83%, mentre il circolante rappresenta solo il 9% di M3. Fig. 1 Composizione dello stock di moneta nell area dell euro 2. Chi crea moneta: le istituzioni finanziarie monetarie Ci occuperemo ora di definire i soggetti economici capaci di creare moneta. Una volta definiti gli aggregati monetari, è facile rendersi conto che nella definizione più estesa (M3), la moneta viene creata da tutte le istituzioni finanziarie capaci di creare circolante, depositi e strumenti finanziari sostituti stretti dei depositi. Tali istituzioni sono definite Istituzioni finanziarie monetarie e 137

4 comprendono la Banca Centrale, gli Istituti di credito (o banche ordinarie) e altre istituzioni finanziare quali, essenzialmente, i fondi di investimento monetario. Ai nostri fini definiremo la moneta come somma di circolante e depositi, comprendendo fra questi ultimi sia i depositi a vista sia i depositi soggetti a restrizioni. Così definita, la moneta si identifica con l aggregato M2 e le istituzioni finanziarie che creano moneta, e a cui faremo riferimento, sono la Banca Centrale e le banche. Banca Centrale e banche costituiscono insieme il sistema bancario. Il primo passo per esaminare in che modo tali istituzioni creano moneta è quello di analizzarne brevemente le funzioni e descriverne il bilancio. 2.1 Funzioni e bilancio della Banca Centrale La Banca Centrale svolge le seguenti funzioni istituzionali di fondamentale importanza: (a) è l istituito di emissione: è l unico ente autorizzato a creare e immettere in circolazione moneta di corso legale (banconote e monete); (b) nei suoi rapporti con gli Istituti di credito la Banca Centrale svolge la funzione di prestatore di ultima istanza, è l istituzione cioè a cui le banche possono rivolgersi in ultima istanza per richiedere i prestiti necessari al finanziamento della propria attività sia nel brevissimo sia nel più lungo termine; (c) decide e attua la politica monetaria: esercita cioè il controllo della moneta e del credito attraverso i rapporti istituzionali che intrattiene con gli Istituti di credito, con le Amministrazioni pubbliche e con l estero; (d) è l istituto di vigilanza: è l organo preposto alla tutela del risparmio attraverso i controlli sia sulla stabilità degli intermediari finanziari facenti parte del sistema creditizio sia sul rispetto delle regole di funzionamento del mercato del credito e di comportamento degli operatori. Nel febbraio 1992 quindici paesi europei hanno sottoscritto il Trattato di Maastricht dando vita all Unione europea 3. Il trattato prevedeva l adozione di una moneta unica, l euro. Secondo le tappe previste dal Trattato, dal 1 gennaio 1999 l euro sarebbe divenuto unità di conto e dal 1 gennaio 2002 moneta unica di 3 L Unione europea è stata fondata nel 1952 da sei paesi: Belgio, Francia, Germania, Italia, Lussemburgoe e Paesi Bassi. Nei cinquanta anni successivi si aggiunsero: Austria, Danimarca, Finlandia, Gran Bretagna, Grecia, Irlanda, Portogallo, Spagna e Svezia. Il 1 maggio 2004 hanno aderito: Cipro, Estonia, Lettonia, Lituania, Malta, Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Slovenia e Ungheria. Il 1 gennaio 2007 hanno aderito Bulgaria e Romania e il 1 luglio 2013 la Croazia. Da questa data i paesi aderenti all Unione Europea sono

5 corso legale. Con l adozione della moneta unica, il Trattato prevedeva il passaggio delle decisioni di politica monetaria dalle singole Banche centrali dei paesi aderenti a una nuova istituzione sovranazionale, la Banca Centrale europea (Bce). In tutti i paesi, dunque, che, come l Italia, hanno aderito all Unione monetaria europea adottando l euro come moneta unica 4, la più importante funzione tipica di una Banca Centrale è stata sottratta alle decisioni autonome delle Banche Centrali nazionali. Oggi la Banca d Italia ha il compito di attuare la politica monetaria europea alla cui formulazione contribuisce attraverso la partecipazione del governatore al Comitato direttivo della Bce. Alla Banca d Italia restano anche affidate le altre due funzioni di istituto di vigilanza e di emissione in ottemperanza ai principi e alle regole fissati dall Eurosistema. Le decisioni di politica monetaria della Banca Centrale europea sono prese da un Comitato direttivo e attuate da una Comitato esecutivo di cui fanno parte il Presidente e il vicepresidente della Bce e quattro membri designati. Il Comitato direttivo, che ha il compito di decidere le linee guida della politica monetaria dell Unione europea, comprende il Comitato esecutivo e tutti i governatori delle Banche centrali nazionali dei paesi aderenti all Unione monetaria europea. Un terzo organo consultivo è il Consiglio generale che comprende il Presidente, il vicepresidente della Bce e tutti i governatori delle Banche centrali dei paesi aderenti all Unione europea, quindi anche quelli delle Banche centrali dei paesi che non hanno adottato l euro come moneta unica. Gli organi decisionali della Bce dirigono anche il Sistema europeo delle banche centrali (Sebc), composto dalla Banca Centrale europea e dalle Banche centrali dei paesi dell Unione europea. ATTIVITA' milioni di euro comp. % PASSIVITA' milioni di euro comp. % Attività sull'estero ,3 Circolante ,3 Prestiti agli istituti di credito ,8 Riserve bancarie ,5 Titoli ,7 Totale Fonte: Banca centrale europea, Bollettino mensile, ottobre 2013 Tab. 1 Bilancio consolidato semplificato dell'eurosistema Consistenze al 27 settembre 2013 L attività istituzionale della Banca Centrale dà luogo alle poste dell attivo e del passivo del suo bilancio. In una versione semplificata il bilancio consolidato dell insieme delle Banche centrali dei paesi aderenti all area dell euro, che prende il nome di Eurosistema, è presentato nella tab. 1. Tale bilancio è rappresentativo 4 I paesi attualmente aderenti all Unione monetaria europea sono 18: Austria, Belgio, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Portogallo, Spagna, Cipro, Malta, Slovenia, Slovacchia, Estonia e Lettonia (quest ultima dal 1 gennaio 2014). 139

6 dell istituzione che oggi decide e attua la politica monetaria nell Unione monetaria europea. Nei suoi rapporti con il settore estero, la Banca Centrale acquista o vende attività sull estero, cioè mezzi di pagamento internazionali universalmente accettati. I mezzi di pagamento internazionali detenuti dalla Banca Centrale rappresentano le Riserve ufficiali, costituite da oro e valute diverse dall euro come dollari, yen e sterline. Le Riserve ufficiali sono il risultato della differenza fra le attività in oro e valuta estera, che figurano nell attivo del bilancio, e le passività in valuta estera. L altra voce dell attivo è costituita dai prestiti che la Banca Centrale concede alle istituzioni creditizie, essenzialmente gli Istituti di credito, dell area dell euro. Tali prestiti vengono concessi con decisione discrezionale in virtù della funzione di prestatore di ultima istanza che la Banca Centrale svolge nei confronti degli istituti di credito. Un altra voce dell attivo del bilancio della Banca Centrale è rappresentata dai titoli (titoli di stato, obbligazioni e azioni) emessi da soggetti residenti nell area dell euro e detenuti dalla Banca Centrale Nel passivo del bilancio della Banca centrale troviamo due voci importanti. Il circolante, ovvero i biglietti e le monete emesse dalla Banca Centrale Europea e in mano al pubblico, e le passività verso le istituzioni creditizie. Nel caso della banca centrale europea, quest ultima voce è costituita essenzialmente dei depositi a vista che le banche detengono presso le Banche centrali dell Eurosistema. Tali depositi, che rappresentano le riserve bancarie e su cui torneremo fra un momento, possono essere immediatamente utilizzati dalle banche stesse. 2.2 Funzioni e bilancio delle banche La legge comunitaria definisce un istituto di credito come un ente la cui attività consiste nel ricevere dal pubblico depositi o altri fondi rimborsabili (inclusi i proventi della vendita di obbligazioni bancarie al pubblico) e nel concedere crediti per conto proprio. Questa definizione esprime la funzione principale che le banche svolgono nell economia, quella di raccolta di depositi a breve termine e di erogazioni di prestiti che i prenditori utilizzano nello svolgimento della propria attività economica. Accanto a questa funzione, le banche forniscono servizi connessi con la loro funzione di intermediazione nel sistema dei pagamenti e di gestione delle attività reali e finanziarie. Nel sistema dei pagamenti, esse trasferiscono moneta da un operatore ad un altro. Come gestori di attività reali e finanziarie, custodiscono e amministrano tali attività e negoziano (comprano e vendono sui mercati) titoli e valute per conto dei clienti. Infine essi svolgono altri servizi come quelli di esattoria e ricevitoria di enti pubblici. 140

7 L attività economica delle banche si riflette nelle voci di bilancio. Senza entrare nei dettagli, possiamo mettere in evidenza che l espletamento delle funzioni principali, quelle di raccolta e concessione di prestiti, dà luogo alle due voci, una del passivo e una dell attivo, di gran lunga più importanti. Non bisogna tuttavia trascurare il fatto che le banche agiscono nel sistema economico come imprese, con proprie strategie di espansione delle attività e delle passività e con propri obiettivi di redditività. Strategie e obiettivi che condizionano, nei differenti contesti istituzionali che si sono storicamente succeduti, le scelte delle banche sia nel campo dell espansione del credito in quanto soggetti, come vedremo, capaci di creare credito sia nelle scelte relative all acquisto e alla vendita di attività finanziarie e alla composizione del proprio portafoglio. ATTIVITA' milioni di euro comp. % PASSIVITA' milioni di euro comp. % Cassa e disponibilità liquide (1) ,8 Debiti verso le banche (4) ,3 Attività finanziarie (2) ,6 Debiti verso la clientela (5) ,5 Crediti verso la clientela (3) ,7 Titoli in circolazione (6) ,5 Totale Fonte: Banca d'italia, Relazione annuale 2012 (1) include anche i depositi presso le banche centrali (4) include tutti i debiti verso le banche (quali depositi, conti correnti, finanzialmenti) (2) include tutte le attività finanziarie detenute per cassa, per la negoziazione e per la vedita (5) include tutti i debiti verso la clientela (quali depositi, conti correnti, finanzialmenti) (3) include crediti verso la clientela quali mutui, operazioni di locazione finanziara, operazioni di factoring, titoli di debito (6) include tutti i titoli emessi (quali buoni fruttiferi, certificati di deposito, obbligazioni) Tab. 2 Bilancio dello stato patrimoniale dei gruppi bancari residenti in Italia dicembre 2012 La tab. 2 contiene, in forma semplificata, le principali voci del bilancio dello stato patrimoniale dei gruppi bancari residenti in Italia. Come si vede, nell attivo oltre il 60 per cento è costituito dai prestiti alla clientela e ben il 20 per cento da attività finanziarie detenute dalle banche. Le disponibilità liquide (comprese i depositi presso le Banche centrali dell eurosistema) rappresentano lo 0,8 per cento delle attività. Tra le passività, oltre il 40 per cento è costituito dai depositi della clientela e il 16,3 per cento da depositi di altre banche. I titoli emessi dalle banche rappresentano 20,5 per cento delle passività. Nel presente capitolo ci occuperemo unicamente nel processo di creazione della moneta e del credito all interno del sistema bancario che comprende la Banca Centrale e le banche. 141

8 3. I mezzi di pagamento in una economia monetaria Abbiamo visto come una economia monetaria sia caratterizzata dalla presenza di mezzi di pagamento generalmente accettati. La moneta è stata definita in base a questa sua funzione e abbiamo visto come essa venga domandata sia come mezzo di pagamento sia come forma nella quale detenere la ricchezza. Esamineremo ora in che modo la moneta viene crea e da chi. Questo esame ci consentirà di comprendere più a fondo la natura stessa della moneta e dell economia monetaria. È bene avvertire che, essendo interessati alla creazione e distruzione di moneta all interno del sistema economico, nel presente capitolo esamineremo la moneta dal punto di vista del flusso di nuova moneta creata o distrutta nel sistema economico. 3.1 Creazione e distruzione di mezzi di pagamento in una economia di puro credito con una sola banca In tutte le economie nelle quali l attività economica di produzione e distribuzione di beni e servizi dà luogo a estesi e complessi rapporti di debito e di credito, si rendono necessari, e sono storicamente sorti, strumenti capaci di finanziare la produzione e istituzioni capaci di fornire mezzi di pagamento generalmente accettati. Le banche sono l istituzione che, ancor prima che fosse creata la Banca Centrale, fornisce credito all economia: concedendo prestiti le banche generano mezzi di pagamento generalmente accettati, i depositi bancari. Esamineremo innanzitutto la creazione e la distruzione di mezzi di pagamento supponendo che nell economia l unico mezzo di pagamento generalmente accettato, cioè l unica forma di moneta, siano i depositi creati nel sistema bancario costituito da sole banche. Per questo motivo parliamo di una economia di puro credito. Per semplificare inizialmente l esposizione, supponiamo, inoltre, che in questa economia sia presente una sola banca i cui prestiti e depositi sono denominati in una unità di conto che per comodità chiamiamo euro. Si tratta naturalmente di un caso irrealistico che, tuttavia, nella sua semplicità consente di mettere in luce alcuni elementi essenziali del processo di creazione e distruzione di mezzi di pagamento in una economia monetaria. Consideriamo, ad esempio, il caso in cui in questa economia l impresa A acquisti beni necessari alla produzione dall impresa B per euro. In questo momento sorge un rapporto di debito dell impresa A nei confronti dell impresa B e con esso la necessità di disporre di un mezzo di pagamento, di disporre cioè di uno strumento che consenta all impresa A di trasferire all impresa B un potere di acquisto che quest ultima possa utilizzare per acquistare a sua volta beni e servizi di qualsiasi genere. Se l impresa A non dispone di mezzi di pagamento, come avviene quando la 142

9 produzione per la quale l impresa effettua gli acquisti di merci e servizi non è ancora stata realizzata, si rende necessario disporre di mezzi di finanziamento della produzione. L impresa potrebbe, ad esempio, indebitarsi sul mercato delle obbligazioni emettendo obbligazioni, oppure potrebbe finanziare la produzione sul mercato dei capitali vendendo azioni. In entrambi i casi, l impresa vendendo obbligazioni o azioni ottiene mezzi di pagamento. Una alternativa è quella di rivolgersi al sistema bancario per ottenere credito, nel nostro caso dall unica banca presente nell economia. Supponiamo che per finanziare la produzione l impresa A si rivolga alla banca per ottenere un prestito di euro. Nel momento in cui la banca riscontra che ci sono le condizioni per concedere il prestito, essa crea un deposito a favore dell impresa A. Tale deposito fino a che non viene utilizzato per acquistare merci dall impresa B è un deposito puramente fittizio che deriva dalla decisione della banca di concedere un prestito di euro all impresa A. Quando l impresa A utilizza il potere d acquisto derivante dalla concessione del prestito per acquistare merci dall impresa B, il deposito creato a fronte del prestito diviene un mezzo di pagamento e viene traferito a favore dell impresa B. Nel bilancio della banca avremo le seguenti registrazioni (tab. 3): nell attivo troviamo il prestito di euro concesso all impresa A e al passivo il deposito di euro dell impresa B. Tab. 3 Bilancio delle Banca Variazione delle attività Variazione delle passività Prestito all'impresa A: Deposito dell'impresa B: Come si vede, con la concessione del prestito la banca ha creato un mezzo di pagamento, il deposito da euro, che ha risolto il rapporto di debito e di credito tra l impresa A e l impresa B. I rapporti di debito e di credito all interno dell economia non sono stati, tuttavia, eliminati. Poiché per la banca il prestito rappresenta una attività e il deposito una passività, è evidente che dopo la concessione del prestito e l utilizzo del deposito, l impresa A è indebitata nei confronti della banca, la quale è creditrice nei confronti dell impresa A e debitrice di uguale importo nei confronti dell impresa B. Supponiamo ora che l impresa B utilizzi il suo deposito per acquistare a sua volta merci e servizi sul mercato per 500 euro dall impresa C e per 500 euro dall impresa A. Per effetto di queste transazioni, il deposito dell impresa B viene traferito per 500 a favore dell impresa C e per 500 a favore dell impresa A. Il bilancio della banca verrà così modificato come segue (tab. 4): 143

10 Tab. 4 Bilancio delle Banca Variazione delle attività Variazione delle passività Prestito all'impresa A: Deposito dell'impresa C: 500 Deposito dell'impresa A: 500 Come si vede, queste transazioni non modificano l ammontare dei mezzi di pagamento presenti nell economia ma solo la loro distribuzione. Né tali transazioni hanno modificato i rapporti aggregati di debito e credito. L impresa A è ancora debitrice per euro nei confronti della banca, la quale è debitrice per 500 nei confronti dell impresa C e per 500 nei confronti dell impresa A. I mezzi di pagamento presenti in questa economia e i rapporti aggregati di debito e di credito vengono modificati quando il prestito concesso dalla banca all impresa A venga, in tutto o in parte, restituito. Supponiamo, ad esempio, che l impresa A utilizzi il suo deposito per restituire parte del suo debito nei confronti della banca. In questo caso nell attivo della banca i prestiti si riducono a 500 mentre nel passivo i depositi si riducono di altrettanto (tab. 5): Bilancio delle Banca Variazione delle attività Variazione delle passività Prestito all'impresa A: 500 Deposito dell'impresa C: 500 Tab. 5 L esempio appena illustrato può essere facilmente riformulato per descrivere la generazione di mezzi di pagamento connessi al pagamento di salari ai lavoratori. Così come mezzi di pagamento verrebbero generati se la banca acquistasse attività reali, per esempio immobili, o attività finanziarie, per esempio obbligazioni, dai soggetti economici presenti nell economia pagandoli con la creazione di depositi. Supponiamo, ad esempio, che l impresa A, invece che rivolgersi alla banca per ottenere un prestito emetta una promessa di pagamento, cioè un titolo di credito come per esempio una cambiale, che sia accettata dall impresa B. Sappiamo che ciò non risolve il rapporto di debito e di credito tra le due imprese fino a che l impresa A non estingue il debito. D altra parte l impresa B non può usare il titolo di credito per acquistare a sua volta merci e servizi. L impresa B può però rivolgersi alla banca e vendere il titolo di credito a determinate condizioni in cambio di mezzi di pagamento un deposito immediatamente utilizzabile. In questo caso, con la creazione del deposito è avvenuta una operazione di triangolazione attraverso la quale la banca ha monetizzato il credito dell impresa B nei confronti dell impresa A, ha cioè trasformato una promessa di pagamento in un mezzo di pagamento generalmente accettato (un deposito). 144

11 Pur nella sua semplicità il caso di una economia chiusa con una sola banca consente di mettere a fuoco alcuni aspetti importanti del processo di generazione di mezzi di pagamento. In ogni momento, i mezzi di pagamenti creati sono pari alla differenza tra i depositi generati a fronte della concessione di nuovi prestiti da parte della banca e la distruzione di depositi conseguente alla restituzione di prestiti già concessi dalla banca. Un tale sistema di generazione di mezzi di pagamento si fonda in ultima analisi su due condizioni: (a) sulla fiducia che i depositi siano accettati come mezzo di pagamento definitivo, il cui utilizzo risolve i rapporti di debito e di credito; (b) sulla fiducia che la banca preservi integralmente nel tempo il valore nominale dei depositi. Se i depositi non fossero un mezzo di pagamento definitivo, chi vende merci in cambio di depositi otterrebbe non un mezzo di pagamento generalmente accettato ma una promessa di pagamento che potrebbe non essere onorata da parte della banca. In questo caso occorrerebbe una parte terza che garantisca che i depositi possano essere trasformati in un mezzo di pagamento definitivo. Un mezzo di pagamento definitivo deve necessariamente mantenere il suo valore nominale nel tempo. 3.2 Creazione e distruzione di mezzi di pagamento in un sistema economico chiuso con una sola banca e la presenza della Banca Centrale Nell economia descritta nel paragrafo precedente i mezzi di pagamento consistono solo di depositi, non esiste, per ipotesi, alcuna moneta di corso legale. Abbiamo visto come in una tale economia i mezzi di pagamento vengono generati ogni volta che se ne manifesti la necessità. L offerta di mezzi di pagamento si manifesta a fronte della domanda di mezzi di pagamento connessa alla creazione di potere d acquisto generato, ma non ancora realizzato, nell attività economica. In questo senso possiamo affermare che l offerta di mezzi di pagamento dipende dalla domanda di mezzi di pagamento. Nelle pagine seguenti vedremo in che senso, e entro quali limiti, ciò rimanga vero anche in sistemi monetari più complessi nei quali, come in quello attuale, convivono e interagiscono una Banca Centrale e un insieme di banche ordinarie. Esaminiamo dapprima il caso di una economia chiusa con una sola banca e la presenza di una Banca Centrale. In questa economia abbiamo ora due forme di moneta: i depositi creati dalla banca ordinaria e la moneta di corso legale creata dalla Banca Centrale. La differenza fondamentale rispetto al caso precedente è che ora i depositi sono convertibili in moneta della Banca Centrale, che assume il significato di mezzo di pagamento definitivo. In altri termini, in questa economia i depositi continuano a essere un mezzo di pagamento generalmente accettato, e continuano dunque a essere moneta a tutti gli effetti, ma esiste la possibilità che essi siano convertiti in moneta 145

12 della banca centrale. Questo sistema monetario si fonda non solo sulla fiducia che la banca preservi integralmente nel tempo il valore nominale dei depositi ma anche sulla garanzia che i depositi possano essere convertiti, su richiesta, in moneta della Banca Centrale. Si tratta di una possibilità che concorre a garantire la fiducia nel sistema monetario a prescindere dall effettivo ricorso alla conversione dei depositi in moneta della Banca Centrale. La moneta della banca centrale viene domandata dal pubblico sotto forma di circolante e dalle banche sotto forma di riserve che le banche detengono in parte presso le banche stesse (la cosiddetta cassa contante) e in parte presso la Banca Centrale in appositi conti a vista immediatamente utilizzabili. La moneta della Banca Centrale, o base monetaria, è dunque costituita di circolante e riserve bancarie. Come sappiamo sia il circolante sia le riserve rappresentano passività della Banca Centrale. La quantità di circolante detenuta dal pubblico dipende dalle abitudini di pagamento e in particolare dalla facilità e dal costo con cui è possibile utilizzare i depositi come forma di pagamento attraverso appositi strumenti come gli assegni, le carte di credito o il sistema pago bancomat. In ogni data situazione, possiamo considerare noto il rapporto tra circolante e depositi. Dato questo rapporto, la domanda di circolante aumenta in proporzione ai depositi. In un sistema con una sola banca, le ragioni per cui la banca desidera detenere moneta della Banca Centrale sotto forma di riserve bancarie sono essenzialmente due. La prima è che la banca deve essere in grado di soddisfare le richieste di circolante da parte del pubblico. L ammontare di moneta della Banca Centrale che la banca decide di detenere a tale scopo e che rappresenta le riserve precauzionali dipende dunque dalle stesse abitudini di pagamento e dalla conseguente preferenza del pubblico per il circolante rispetto ai depositi. Quanto più stabili sono tali preferenze tanto meno riserve occorre detenere per far fronte a richieste impreviste di circolante da parte del pubblico. La seconda ragione per cui la banca detiene riserve è che la Banca Centrale, nell espletare la sua funzione di controllo della moneta, impone un obbligo di riserva. Le riserve detenute presso la Banca Centrale per ottemperare all obbligo di riserva sono definite riserve obbligatorie. Il rapporto tra le riserve, precauzionali e obbligatorie, e i depositi è il rapporto minimo riserve-depositi. Prenderemo in considerazione ora due casi. Il primo in cui un aumento dei prestiti concessi dalla banca dà luogo alla creazione di depositi e di riserve bancarie. Il secondo in cui esamineremo i possibili effetti della creazione di base monetaria su iniziativa della Banca Centrale. In entrambi i casi, supporremo per semplicità che il pubblico non faccia uso di circolante e che il rapporto minimo riserve/depositi sia pari a 0,10. Supponiamo ad esempio che la banca conceda un prestito di euro all impresa A, la quale necessita di mezzi di pagamento per 146

13 il pagamento di salari e stipendi. Come sappiamo, ciò dà luogo a un aumento delle attività della banca alla voce prestiti e a un pari aumento delle passività rappresentate dei depositi delle famiglie che hanno fornito all impresa servizi del lavoro. A differenza del caso del paragrafo 3.1, ora la banca necessita di moneta della banca centrale allo scopo di costituite il livello minimo di riserve bancarie. Nel nostro esempio la banca necessita di 100 euro di moneta della Banca Centrale, di cui la banca non dispone, per costituire il livello minimo di riserva a fronte di un aumento dei depositi di euro. A tale scopo la banca ha due possibilità: chiedere un prestito alla Banca Centrale o cedere alla Banca Centrale proprie attività per un valore di 100 euro. Nel primo caso il bilancio della banca e il bilancio della Banca Centrale registrano le seguenti variazioni (tab. 6). Nel bilancio della banca le attività variano di per effetto del prestito concesso all impresa A e di 100 per effetto delle riserve costituite presso la Banca Centrale; le passività aumentano di per effetto dei depositi delle famiglie e per 100 a fronte del prestito che la banca ha ricevuto dalla Banca Centrale. Nel Bilancio della Banca Centrale le attività sono aumentate di 100 per effetto del prestito concesso alla banca e le passività sono aumentate di altrettanto per effetto dell aumento delle riserve che la banca detiene nel conto a vista a suo nome presso la Banca Centrale. Si noti che concedendo il prestito alla banca, la Banca Centrale ha creato base monetaria, ha cioè aumentato l offerta di riserve su richiesta della banca. Bilancio della Banca Bilancio delle Banca Centrale Variazione delle attività Variazione delle passività Variazione delle attività Variazione delle passività Prestito all'impresa A: Deposito delle famiglie: Prestito alla banca: 100 Riserve della banca: 100 Attività liquide (riserve) presso Passività verso la Banca la Banca Centrale: 100 Centrale: 100 Tab. 6 Consideriamo la seconda possibilità: la banca acquista moneta della Banca Centrale vendendo proprie attività per un valore di 100. Supponiamo, ad esempio, che la banca emetta propri titoli di credito per un valore di 100 che vende alla Banca Centrale in cambio in una disponibilità di riserve bancarie per un valore di 100. In questo caso, nel bilancio della Banca Centrale le attività aumenteranno di 100 a fronte dell acquisto di titoli dalla banca e le passività aumenteranno di altrettanto per effetto dell aumento delle riserve bancarie di 100 (tab. 7). Bilancio della Banca Bilancio delle Banca Centrale Variazione delle attività Variazione delle passività Variazione delle attività Variazione delle passività Prestito all'impresa A: Deposito delle famiglie: Acquisto di titoli di credito emessi Riserve della banca: 100 Attività liquide (riserve) presso Titoli di credito emessi dalla dalla banca: 100 la Banca Centrale: 100 banca e detenuti dalla Banca Centrale: 100 Tab

14 Nel bilancio della banca l aumento delle riserve presso la Banca Centrale fanno aumentare le attività di 100 mentre la vendita di titoli alla Banca Centrale fa aumentare di altrettanto le passività (tab. 7). Anche in questo caso, la Banca Centrale ha creato base monetaria acquistando una attività (i titoli emessi dalla banca) in cambio di una propria passività (la creazione di una disponibilità di riserve a favore della banca). In altri termini, possiamo concludere che, in generale, la Banca Centrale crea base monetaria ogni volta che essa acquista attività pagandole con proprie passività. Quest ultima considerazione conduce a chiederci quali sarebbero gli effetti sulla creazione di mezzi di pagamento qualora la Banca Centrale creasse base monetaria non su richiesta dalla banca come nei casi appena esaminati, ma di propria iniziativa. Supponiamo ad esempio che la Banca Centrale crei base monetaria attraverso un acquisto di titoli dal pubblico sul mercato dei titoli già esistenti. Questo mercato prende il nome di mercato secondario dei titoli, e gli acquisti (o le vendite) di titoli da parte della Banca Centrale sul mercato secondario prendono il nome di operazioni di mercato aperto. Consideriamo ad esempio il caso in cui la Banca Centrale acquisti titoli sul mercato aperto per euro pagandoli con l emissione di nuova moneta per un pari importo. Il pubblico (famiglie e imprese) è venuto in possesso di moneta della banca centrale che, nell ipotesi che il pubblico stesso non faccia uso di circolante, verrà interamente depositato presso la banca. I depositi presso la banca sono aumentati di euro per un motivo indipendente dalla creazione di mezzi di pagamento (depositi) da parte della banca. Quest ultima dispone ora di moneta della Banca Centrale che, da un punto di vista contabile, fa aumentare di altrettanto le riserve della banca. Per effetto di queste registrazioni nel bilancio della Banca Centrale le attività variano di per effetto dell acquisto di titoli e le passività aumentano di per effetto dell aumento delle riserve bancarie. Nel bilancio della banca, le passività aumentano di per effetto dell aumento dei depositi e le attività aumentano di per effetto dell aumento delle riserve (tab. 8). Bilancio della Banca Centrale Bilancio delle Banca Variazione delle attività Variazione delle passività Variazione delle attività Variazione delle passività Acquisto di titoli: Riserve della banca: Attività liquide (riserve) presso Depositi : la Banca Centrale: Tab. 8 Come si vede, il rapporto tra riserve e depositi risulta pari a 1 ed è dunque molto al di sopra del suo livello minimo (0,10). Il punto su cui dobbiamo ora concentrare l attenzione è che non vi è alcuna ragione per cui il rapporto riserve/depositi scenda automaticamente al suo livello minimo. Tutto dipende dalla domanda di prestiti nell economia e dalle decisioni della banca di 148

15 concederli. Se ad esempio la domanda di prestiti fosse tale che la banca concede prestiti per euro, i depositi aumenterebbero di (tab. 9). Bilancio della Banca Centrale Bilancio delle Banca Variazione delle attività Variazione delle passività Variazione delle attività Variazione delle passività Acquisto di titoli: Riserve della banca: Attività liquide (riserve) presso Depositi : la Banca Centrale: Prestiti: Tab. 9 La banca in questo caso non ha bisogno di procurarsi moneta della Banca Centrale per far fronte al livello minimo di riserve. Il risultato è che il rapporto tra riserve di cui la banca dispone e depositi passa da 1 a 0,20 (1.000 di riserve su di depositi). Con ragionamento analogo, se i prestiti concessi dalla banca salissero di euro, il rapporto effettivo riserve/depositi scenderebbe al suo livello minimo (1.000 di riserve su di depositi). Cosa accadrebbe se la banca concedesse prestiti per euro? In questo caso i depostiti della banca aumenterebbero di euro e il rapporto riserve/depositi scenderebbe a 0,09 (1.000 di riserve su di depositi), scenderebbe cioè al di sotto del minimo. In questo caso, come in quello che abbiamo esaminato precedentemente, la banca deve aumentare le proprie riserve a euro chiedendo un prestito alla Banca Centrale (o vendendo alla Banca Centrale proprie attività) per un valore di 100 euro. Le attività e le passività della Banca Centrale e della banca varierebbero come indicato nella tab. 10. Bilancio della Banca Centrale Bilancio delle Banca Variazione delle attività Variazione delle passività Variazione delle attività Variazione delle passività Acquisto di titoli: Riserve della banca: Attività liquide (riserve) presso Depositi : Prestiti alla banca: 100 la Banca Centrale: Passività verso la Banca Prestiti: Centrale: 100 Tab. 10 Solo se la Banca Centrale non concedesse prestiti alla banca e non accettasse di acquistare attività emesse dalla banca, quest ultima si vedrebbe costretta, se il coefficiente minimo riserve/depositi fosse considerato vincolante, a rinunciare all espansione dei prestiti al di sopra del tetto di euro in corrispondenza del quale, nel nostro esempio numerico, il rapporto riserve/depositi risulta pari al suo livello minimo. Come si vede, a meno che la Banca Centrale non persegua una esplicita politica di contenimento dell espansione del credito bancario, la presenza della moneta legale non modifica la conclusione generale secondo cui la domanda di prestiti determina l offerta di mezzi di pagamento sotto forma di depositi. 149

16 3.3 Creazione e distruzione di mezzi di pagamento nel caso generale Sulla scorta dei due paragrafi precedenti possiamo ora esaminare il caso generale di un sistema monetario in economia aperta nel quale le banche ordinarie e la Banca Centrale interagiscono. Il quadro che abbiamo delineato finora deve essere modificato in due aspetti rilevanti, ma come vedremo le conclusioni generali che abbiamo raggiunto rimangono sostanzialmente valide. Il primo aspetto che dobbiamo considerare è che in una economia aperta un sistema economico fa uso per i pagamenti internazionali di una moneta, la valuta estera, che esso non può creare. La Banca Centrale può acquistare (o vendere) valute estere creando (o distruggendo) base monetaria ma non può per definizione creare moneta estera. Il secondo aspetto di cui dobbiamo tener conto è che ora nel sistema bancario le banche sono in relazione reciproca. Ai nostri fini ciò ha due conseguenze importanti. La prima è che tutti i pagamenti effettuati utilizzando i depositi danno luogo ora a trasferimenti di depositi tra banche. Ne segue che i pagamenti effettuati attraverso trasferimenti di depositi possono dar luogo, per le singole banche, a sbilanciamenti tra i trasferimenti effettuati a favore dei propri clienti e i trasferimenti dei propri clienti a favore di clienti di altre banche. Per effetto di tali sbilanciamenti, ci saranno banche con un saldo positivo e banche con un saldo negativo tra accreditamenti e addebitamenti, con la conseguenza che queste ultime dovranno utilizzare moneta della banca centrale (cioè riserve) per sanare il proprio disavanzo. Nella compensazione fra banche, avremo perciò banche in avanzo, che accumulano riserve al di sopra del minimo, e banche in disavanzo, che possono trovarsi nella necessità di reperire riserve, cioè moneta della Banca Centrale. La seconda conseguenza dell interazione tra le banche in un sistema bancario articolato è che le singole banche che si trovino nella necessità di procurarsi moneta della Banca Centrale, ora possono rivolgersi, oltre che alla Banca Centrale, anche ad altre banche del sistema. Il mercato su cui le banche intrattengono rapporti di credito e di debito concedendo e ottenendo prestiti in moneta della Banca Centrale prende il nome di mercato monetario interbancario. Fatte queste precisazioni, nel sistema bancario nel suo complesso la creazione e la distruzione di mezzi di pagamento avviene secondo lo schema che possiamo desumere dall analisi della creazione e distruzione di mezzi di pagamento condotta nei paragrafi 3.1 e 3.2. Per il sistema bancario nel suo complesso, i prestiti concessi dalle banche generano depositi, che rappresentano i mezzi di pagamento creati dal sistema bancario. Poiché la restituzione dei prestiti implica una distruzione di depositi, la creazione netta di mezzi di pagamento è pari alla concessione di nuovi prestiti al netto dei prestiti rimborsati. Se guardiamo ai prestiti, come stiamo facendo, dal punto di vista del finanziamento di attività 150

17 che generano potere d acquisto, i mezzi di pagamento creati dal sistema bancario, cioè i depositi, vengono generati nel sistema bancario a fronte della domanda di strumenti di trasferimento del potere d acquisto generato a sua volta nell attività di produzione. Con l espansione dei depositi sorge una domanda di riserve (cioè di moneta della Banca Centrale) da parte delle banche che, come abbiamo già detto, necessitano di mantenere un certo ammontare minimo di riserve a fronte dell incremento dei depositi, sia come riserve precauzionali sia come riserve obbligatorie. La Banca Centrale può creare riserve su richiesta delle banche in uno dei modi di seguito illustrati con un esempio numerico (o da una loro combinazione). Supporremo che il sistema bancario conceda prestiti, al netto dei rimborsi, a famiglie, imprese e settore pubblico per un valore di 100 milioni di euro, e che i depositi nell intero sistema bancario aumentino di altrettanto. Se il rapporto minimo riserve/deposito fosse di 0,10, nel nostro esempio la domanda di riserve minime da parte delle banche sarebbe di 10 milioni di euro. La Banca Centrale concede prestiti alle banche. In questo caso, nel bilancio delle banche nel loro complesso (bilancio consolidato delle banche) le attività aumenterebbero di 10 alla voce attività liquide presso la Banca Centrale e le passività aumenterebbero di altrettanto. Nel bilancio della Banca Centrale le attività aumenterebbero di 10 alla voce prestiti alle banche e le passività aumenterebbero di altrettanto alla voce riserve bancarie detenute dalle banche nei depositi a vista presso la Banca Centrale (tab. 11). Bilancio del sistema bancario Bilancio delle Banca Centrale Variazione delle attività Variazione delle passività Variazione delle attività Variazione delle passività Prestiti al netto dei rimborsi 100 Depositi 100 Prestiti alle banche 10 Riserve bancarie 10 Attività liquide (riserve) presso Passività verso la Banca la Banca Centrale 10 Centrale 10 Tab. 11 La Banca Centrale acquista titoli di credito emessi dalle banche. Nel bilancio della Banca Centrale le attività aumentano alla voce acquisto di titoli emessi dalle banche e le passività aumentano di altrettanto alla voce riserve. Il bilancio consolidato delle banche si modificherebbe come nel caso precedente (tab. 12). Bilancio del sistema bancario Bilancio delle Banca Centrale Variazione delle attività Variazione delle passività Variazione delle attività Variazione delle passività Prestiti al netto dei rimborsi 100 Depositi 100 Acquisto di titoli emessi Riserve bancarie 10 Attività liquide (riserve) presso Passività verso la Banca dalle banche 10 la Banca Centrale: 10 Centrale 10 Tab. 12 La Banca Centrale effettua operazioni di risconto. Con questa modalità la Banca Centrale acquista dalle banche titoli di credito (come, tipicamente, cambiali) già 151

18 scontati dalle banche, pagandoli con moneta della Banca Centrale. Si tratta di titoli di credito che le banche hanno acquistato dal settore privato per una somma inferiore al valore nominale del titoli di credito stessi (è per questo che tale operazione si chiama di sconto). Acquistandoli dalle banche a un prezzo inferiore a quello già scontato dalle banche, la Banca Centrale li sconta nuovamente: li risconta appunto. Bilancio del sistema bancario Bilancio delle Banca Centrale Variazione delle attività Variazione delle passività Variazione delle attività Variazione delle passività Prestiti al netto dei rimborsi 100 Depositi 100 Operazioni di risconto 10 Riserve bancarie 10 Titoli di credito scontati -10 Attività liquide (riserve) presso la Banca Centrale 10 Tab. 13 In questo caso, le attività del sistema bancario diminuiscono di 10 per effetto della vendita alla Banca Centrale di titoli di credito ottenuti in sconto, mentre aumentano di pari importo alla voce riserve ottenute dalla Banca Centrale con l operazione di risconto (tab. 13). Nel bilancio della Banca Centrale le operazione di acquisto dei titoli in risconto fa aumentare le attività di 10 a fronte di un aumento di pari importo delle passività alla voce riserve (tab. 13). 3.4 Conclusioni: la natura dei mezzi di pagamento creati in una economia monetaria La discussione condotta finora conduce alla conclusione generale che l offerta di mezzi di pagamento sotto forma di depositi dipende dalla domanda di prestiti che il sistema bancario decide di soddisfare. Nell ottica nella quale stiamo esaminando la generazione dei mezzi di pagamento, la domanda di prestiti, e quindi di mezzi di pagamento, deriva essenzialmente dalle necessità di finanziare oggi una attività economica in vista di un reddito futuro. Quando le imprese acquistano merci (materie prime, semilavorati, mezzi di produzione) e servizi del lavoro di vario tipo da altre imprese e dalle famiglie, si genera nel sistema economico potere d acquisto. Chi vende merci e servizi acquisisce un potere di acquistare altre merci e servizi di qualsiasi genere. Contemporaneamente vengono a generarsi rapporti di credito e di debito. Chi acquista merci e servizi per realizzare una produzione che dovrà essere venduta, si indebita nei confronti dei soggetti economici che li vendono. Se la produzione e la vendita di merci e servizi fosse simultanea, il potere d acquisto sarebbe immediatamente realizzato e i rapporti di credito e di debito sarebbero immediatamente risolti. Se, come avviene, la produzione messa in cantiere oggi sarà realizzata e venduta in futuro, l attività produttiva richiede che i soggetti che acquistano merci e servizi per 152

19 produrre oggi e vendere domani, dispongano di strumenti di finanziamento concessi a fronte di promesse di restituzione in futuro. La stessa cosa possiamo dire nel caso in cui siano le famiglie a chiedere prestiti per effettuare acquisti a fronte di promesse di pagamento che si impegnano ad onorare con il loro reddito futuro. Questa dimensione temporale introduce un elemento di incertezza connaturato all attività produttiva: diviene semplicemente impossibile accertare in anticipo tutte le condizioni necessarie a stabilire se le promesse di pagamento generate nella produzione e distribuzione di merci e servizi potranno essere onorate. Abbiamo visto come, in tali condizioni, il sistema monetario formato dalle banche e dalla Banca Centrale trasformi in moneta promesse di pagamento generate dai rapporti di debito e di credito connessi all attività produttiva. La moneta trova così la sua ragion d essere nella necessità di trasferire integralmente nel tempo un potere d acquisto nominale generato nell attività economica in condizioni di incertezza. Se la domanda di prestiti oggi dipende, essenzialmente, dal livello dell attività economica che ci si attende in futuro, i prestiti effettivamente concessi dipendono da una sorta di negoziazione tra le banche e i soggetti economici che domandano prestiti (imprese ma anche famiglie). Infatti, è importante sottolineare che nel processo di creazione dei mezzi di pagamento la banca non svolge un ruolo passivo. Le banche operano come imprese che devono valutare rischi e rendimenti della propria attività. La concessione di prestiti è, dunque, subordinata a una valutazione della banca sulle condizioni di solvibilità dei richiedenti. La domanda di prestiti da parte di un soggetto economico, sia esso una impresa o una famiglia, giudicato non idoneo a ottenere il prestito non darebbe luogo ad alcuna creazione di mezzi di pagamento. Le condizioni a cui i prestiti vengono concessi, cioè i tassi di interesse praticati dalle banche, riflettono pertanto non solo i rischi dei debitori ma anche i rapporti di forza tra chi offre prestiti (le banche) e chi domanda prestiti (le imprese e le famiglie). La presenza della moneta di corso legale emessa dalla Banca Centrale non modifica tale conclusione nei limiti in cui la necessità di disporre di moneta della Banca Centrale da parte delle banche è assecondata dalla Banca Centrale stessa come avviene nei casi esaminati sopra. Tuttavia, l azione della Banca Centrale non è puramente passiva a fronte della domanda di riserve da parte delle banche, come d altra parte non lo è la condotta delle banche a fronte della domanda di prestiti. Bisogna considerare inoltre, come abbiamo visto nel paragrafo 3.2, che la Banca Centrale può di sua iniziativa creare base monetaria attraverso le operazioni di mercato aperto. Dobbiamo allora considerare più attentamente se la presenza e la condotta della Banca Centrale modifichi la conclusione generale secondo cui la quantità di moneta viene generata endogenamente al sistema 153

20 economico. All esame del ruolo della Banca Centrale nel processo di creazione di mezzi di pagamento è dedicato il paragrafo successivo. 4. La Banca Centrale, la base monetaria e l offerta di moneta Come sappiamo dal paragrafo 2, una delle funzioni più importanti della Banca Centrale è quella di essere l istituto di emissione della moneta di corso legale. Nel paragrafo precedente abbiamo definito la base monetaria come la somma di circolante e riserve bancarie e abbiamo visto come la Banca Centrale crei base monetaria quando concede prestiti alle banche o acquista titoli di credito da esse. Nel presente paragrafo esamineremo il processo di creazione (o distruzione) di base monetaria e i suoi effetti sulla creazione di depositi in termini più generali. I canali attraverso cui la Banca Centrale può creare (o distruggere) base monetaria sono tutti quelli attraverso cui essa acquista (o vende) attività creando (o distruggendo) proprie passività. Tali canali possono essere classificati come segue: (a) i canali attraverso cui la Banca Centrale crea (o distrugge) base monetaria su richiesta delle banche, e precisamente: 1. il finanziamento delle aziende di credito attraverso la concessione di prestiti alle banche 2. gli acquisti di attività emesse o detenute dalle banche 3. le operazioni di risconto (b) i canali attraverso cui la Banca Centrale crea (o distrugge) base monetaria su propria iniziativa attraverso: 1. le operazioni di mercato aperto 2. gli acquisti di titoli pubblici emessi dal settore pubblico a copertura del disavanzo (c) l acquisto (o la vendita) di attività sull estero attraverso cui la Banca Centrale interviene sui mercati dei cambi. Della creazione di base monetaria attraverso i rapporti con il sistema bancario, abbiamo già detto nel paragrafo 3.3. Quando crea (o distrugge) base monetaria (riserve) su iniziativa delle banche, la Banca Centrale non fa che adeguare l offerta di riserve alla domanda proveniente dalle banche. Esaminiamo * più da vicino questo tipo di interazione. Se indichiamo con rb il rapporto minimo riserve/depositi, possiamo facilmente stabilire una relazione lineare tra il D livello minimo di riserve domandato dalle banche ( RIS min ) e il livello dei depositi (DEP): 154

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 Il sistema monetario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 La moneta Il ruolo della moneta nell economia Effetti sulle variabili macroeconomiche

Dettagli

La moneta. La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa.

La moneta. La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa. La moneta La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa. ECONOMIA MONETARIA E FINANZIARIA La moneta e le istituzioni monetarie Le forme fisiche assunte dalla moneta sono diverse,

Dettagli

La Banca Centrale e la politica monetaria. Economia degli Intermediari Finanziari 6 maggio 2009 A.A. 2008-2009

La Banca Centrale e la politica monetaria. Economia degli Intermediari Finanziari 6 maggio 2009 A.A. 2008-2009 La Banca Centrale e la politica monetaria Economia degli Intermediari Finanziari 6 maggio 2009 A.A. 2008-2009 La politica monetaria (1) La politica monetaria, insieme alla politica dei redditi e di bilancio,

Dettagli

Banca e Finanza in Europa

Banca e Finanza in Europa Università degli Studi di Parma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 2. EUROPA: PROFILI ISTITUZIONALI Le tappe Le istituzioni La Banca centrale europea 2 2. Europa: profili istituzionali 3 2. Europa: profili

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie I mercati finanziari migliorano la negoziabilità dei titoli; gli intermediari emettono passività più liquide dei titoli con i quali concedono credito. Solo

Dettagli

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo Questo modulo si occupa dei problemi della moneta e dei prezzi nel lungo periodo. Prenderemo in esame gli aspetti istituzionali che regolano il controllo del

Dettagli

OFFERTA DI MONETA, POLITICA MONETARIA E LA BANCA CENTRALE

OFFERTA DI MONETA, POLITICA MONETARIA E LA BANCA CENTRALE OFFERTA DI MONETA, POLITICA MONETARIA E LA BANCA CENTRALE 1. Offerta di moneta L offerta di moneta di un economia è controllata dalla sua banca centrale. La banca centrale regola direttamente la quantità

Dettagli

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio La definizione di moneta: un breve riassunto L offerta di moneta La domanda individuale di moneta La domanda aggregata di moneta Il tasso di interesse d equilibrio:

Dettagli

OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA

OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA capitolo 12-1 OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA ECONOMIA MONETARIA CARATTERISTICA ESSENZIALE: SCAMBI ATTRAVERSO LA MONETA E NON ATTRAVERSO TUTTI GLI ALTRI BENI (BARATTO). LA MONETA, INIZIALMENTE

Dettagli

IL SISTEMA MONETARIO. Harcourt Brace & Company

IL SISTEMA MONETARIO. Harcourt Brace & Company IL SISTEMA MONETARIO Il significato della moneta La moneta è l insieme dei valori che vengono utilizzati regolarmente dagli individui di un economia per acquistare beni e servizi da altri individui. Tre

Dettagli

Il mercato della moneta

Il mercato della moneta Il mercato della moneta Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1 Funzioni della moneta Consideriamo i mercati della moneta e delle attività

Dettagli

INTRODUZIONE ALL ECONOMIA POLITICA (prof. C. Gnesutta) PARTE 5 La composizione degli stock finanziari: Capitolo 19: moneta e capitale.

INTRODUZIONE ALL ECONOMIA POLITICA (prof. C. Gnesutta) PARTE 5 La composizione degli stock finanziari: Capitolo 19: moneta e capitale. Capitolo 19:. Tra le funzione delle istituzioni finanziarie vi è anche quella di accrescere il grado di liquidità di attività altrimenti illiquide. Tale funzione è svolta efficacemente da quegli intermediari

Dettagli

Il sistema creditizio e le banche. Classe V A

Il sistema creditizio e le banche. Classe V A Il sistema creditizio e le banche Classe V A Il credito è il diritto del creditore, che ha effettuato una prestazione attuale, di ottenere una controprestazione futura. CREDITO INDIRETTO: Trasferimento

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al CONTO DI BASE GRATUITO PENSIONATI

FOGLIO INFORMATIVO relativo al CONTO DI BASE GRATUITO PENSIONATI FOGLIO INFORMATIVO relativo al CONTO DI BASE GRATUITO PENSIONATI INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA EMILVENETA S.P.A. Viale Reiter, 34 41121 - Modena Tel.: 059/235785 Fax: 059/4900498 [email: info@bancaemilveneta.it

Dettagli

Capitolo 13. Banca Centrale, moneta e credito

Capitolo 13. Banca Centrale, moneta e credito Capitolo 13 Banca Centrale, moneta e credito La moneta: cosa sappiamo già (cap. 5) La moneta è un bene comunemente accettato come mezzo di scambio e pagamento. Deve avere come caratteristiche: facile trasferibilità,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al CONTO DI BASE PENSIONATI

FOGLIO INFORMATIVO relativo al CONTO DI BASE PENSIONATI FOGLIO INFORMATIVO relativo al CONTO DI BASE PENSIONATI INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA EMILVENETA S.P.A. Viale Reiter, 34 41121 - Modena Tel.: 059/235785 Fax: 059/4900498 [email: info@bancaemilveneta.it

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE OICR INFORMAZIONI SULLA BANCA CHE COS E IL CONTO CORRENTE OICR

FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE OICR INFORMAZIONI SULLA BANCA CHE COS E IL CONTO CORRENTE OICR CONTO CORRENTE OICR FOGLIO INFORMATIVO INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA IFIGEST S.p.A. Piazza S. M. Soprarno 1, 50125 Firenze Tel.: 055 24631 Fax: 055 2463231 E mail: info@bancaifigest.it Sito internet:

Dettagli

Capitolo sesto LE OPERAZIONI IN CAMBI E IL COMMERCIO ESTERO

Capitolo sesto LE OPERAZIONI IN CAMBI E IL COMMERCIO ESTERO Capitolo sesto LE OPERAZIONI IN CAMBI E IL COMMERCIO ESTERO 7.1. I cambi esteri Lo sviluppo dell economia, la continua ricerca di nuovi mercati di sbocco, il miglioramento dei mezzi di comunicazione e

Dettagli

PROF. MATTIA LETTIERI

PROF. MATTIA LETTIERI L OFFERTA DI MONETA PROF. MATTIA LETTIERI Indice 1 LA BASE MONETARIA ----------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 LA RISERVA OBBLIGATORIA -------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli Lezione 13. Moneta e inflazione Leonardo Bargigli La Moneta La moneta è tutto ciò che viene accettato come mezzo di acquisto di beni e servizi. E il medium dello scambio che consente di superare il baratto

Dettagli

CAPITOLO 19 La domanda e l offerta di moneta

CAPITOLO 19 La domanda e l offerta di moneta CAPITOLO 19 La domanda e l offerta di moneta Domande di ripasso 1. In un sistema a riserva frazionaria il sistema bancario crea moneta perché in genere le banche detengono come riserva solo una parte dei

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al CONTO DI BASE

FOGLIO INFORMATIVO relativo al CONTO DI BASE FOGLIO INFORMATIVO relativo al CONTO DI BASE INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA EMILVENETA S.P.A. Viale Reiter, 34 41121 - Modena Tel.: 059/235785 Fax: 059/4900498 [email: info@bancaemilveneta.it / www.bancaemilveneta.it]

Dettagli

Lezione 6: La moneta e la scheda LM

Lezione 6: La moneta e la scheda LM Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 6: La moneta e la scheda LM Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Moneta DEFINIZIONE. In macroeconomia

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito Gli intermediari finanziari: banche Intermediazione finanziaria, tipologie di intermediari e imperfezioni di mercato (Fonte: Corigliano, 2004, Intermediazione

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

Istituto Statale Istruzione Secondaria Superiore Piedimonte Matese. Prof.ssa A. Malinconico 1

Istituto Statale Istruzione Secondaria Superiore Piedimonte Matese. Prof.ssa A. Malinconico 1 Istituto Statale Istruzione Secondaria Superiore Piedimonte Matese 1 Rendimento, tassi di interesse, commissioni Istituto Statale Istruzione Secondaria Superiore Piedimonte Matese 25 febbraio 2016 Prof.ssa

Dettagli

Capitolo 22. La moneta, i prezzi e la Banca Centrale Europea. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 22. La moneta, i prezzi e la Banca Centrale Europea. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 22 La moneta, i prezzi e la Banca Centrale Europea In questa lezione La moneta e le sue funzioni: come si misurano gli aggregati monetari banche commerciali e creazione di moneta Il ruolo della

Dettagli

Macro 3. Marco Grazzi Economia Politica 2010/11

Macro 3. Marco Grazzi Economia Politica 2010/11 Macro 3 La moneta e la politica monetaria Moneta Qualsiasi mezzo di pagamento generalmente accettato per lo scambio di beni e servizi e per l estinzione dei debiti Ciò che importa non è il materiale usato

Dettagli

AZIMUT SGR SpA PARTE I DEL PROSPETTO INFORMATIVO CARATTERISTICHE DEI FONDI E MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE

AZIMUT SGR SpA PARTE I DEL PROSPETTO INFORMATIVO CARATTERISTICHE DEI FONDI E MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE AZIMUT SGR SpA AZIMUT GARANZIA AZIMUT REDDITO EURO AZIMUT REDDITO USA AZIMUT TREND TASSI AZIMUT SOLIDITY AZIMUT SCUDO AZIMUT BILANCIATO AZIMUT STRATEGIC TREND AZIMUT TREND AMERICA AZIMUT TREND EUROPA AZIMUT

Dettagli

Capitolo IV. I mercati finanziari

Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 2 I MERCATI FINANZIARI OBIETTIVO: SPIEGARE COME SI DETERMINANO I TASSI DI INTERESSE E COME LA BANCA CENTRALE PUO INFLUENZARLI LA DOMANDA DI MONETA DETERMINAZIONE DEL TASSO

Dettagli

La politica monetaria in Europa

La politica monetaria in Europa La politica monetaria in Europa Aspetti istituzionali Sistema Europeo delle Banche Centrali (SEBC) è composto da: BCE + Banche Centrali Nazionali (BCN) dei paesi aderenti all'ue. Tuttavia, le BCN dei paesi

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo al

FOGLIO INFORMATIVO. relativo al FOGLIO INFORMATIVO relativo al CONTO DI BASE GRATUITO PER CONSUMATORI CON TRATTAMENTI PENSIONISTICI MENSILI FINO A 1.500,00 EURO CON BASSA OPERATIVITA' Decorrenza condizioni : 07/05/2014 INFORMAZIONI SULLA

Dettagli

BONIFICO E RID LASCIANO IL POSTO AI NUOVI STRUMENTI DI PAGAMENTO SEPA. Sai cosa cambia? Informati, ti riguarda! Bancaria Editrice 2013 - Bozza.

BONIFICO E RID LASCIANO IL POSTO AI NUOVI STRUMENTI DI PAGAMENTO SEPA. Sai cosa cambia? Informati, ti riguarda! Bancaria Editrice 2013 - Bozza. BONIFICO E RID LASCIANO IL POSTO AI NUOVI STRUMENTI DI PAGAMENTO SEPA Sai cosa cambia? Informati, ti riguarda! logo 2 QUALI PAESI FANNO PARTE DELLA SEPA 3 La SEPA include 33 Paesi: 17 Paesi della UE che

Dettagli

987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 2015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r.

987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 2015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r. 987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 2015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r.l SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 4 1. In base all Articolo 105.2 del

Dettagli

MECCANISMO EUROPEO DI STABILITÀ: CHI ERA COSTUI?

MECCANISMO EUROPEO DI STABILITÀ: CHI ERA COSTUI? 105 i dossier www.freefoundation.com MECCANISMO EUROPEO DI STABILITÀ: CHI ERA COSTUI? 12 luglio 2012 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Il Meccanismo Europeo di Stabilità Lo stato dell arte in Europa Lo

Dettagli

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Attività patrimoniali: stock di ricchezza 1. beni materiali e immateriali che partecipano ai processi produttivi, correnti e futuri, e che prospettano un flusso

Dettagli

SERVIZIO DI TRASFERIMENTO DEI SERVIZI DI PAGAMENTO CONNESSI AL RAPPORTO DI CONTO DI PAGAMENTO

SERVIZIO DI TRASFERIMENTO DEI SERVIZI DI PAGAMENTO CONNESSI AL RAPPORTO DI CONTO DI PAGAMENTO Aggiornato al 26 giugno 2015 Foglio Informativo Pag. 1 / 5 Servizi Divers SERVIZIO DI TRASFERIMENTO DEI SERVIZI DI PAGAMENTO CONNESSI AL RAPPORTO DI CONTO DI PAGAMENTO INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte

Dettagli

La stabilità dei prezzi: perché è importante per te. Opuscolo informativo per gli studenti

La stabilità dei prezzi: perché è importante per te. Opuscolo informativo per gli studenti La stabilità dei prezzi: perché è importante per te Opuscolo informativo per gli studenti Che cosa puoi comprare con una banconota da 10 euro? Due CD singoli o forse quattro numeri del tuo settimanale

Dettagli

Tariffe e condizioni di servizio di persone giuridiche, nel filiale "Italia"

Tariffe e condizioni di servizio di persone giuridiche, nel filiale Italia Tariffe e condizioni di servizio di persone giuridiche, nel filiale "Italia" Contenuto 1. Apertura e manutenzione del conto.... Controllo remoto del Conto...3 3. Transazioni di trasferimento...4 4. Modifica,

Dettagli

Indice. 1 Definizione di moneta ------------------------------------------------------------------------------------ 3

Indice. 1 Definizione di moneta ------------------------------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI ECONOMIA POLITICA LEZIONE VII IL SETTORE MONETARIO PROF. ALDO VASTOLA Indice 1 Definizione di moneta ------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

guida impresa_def.qxp 29-10-2007 17:46 Page 1 IBAN E BONIFICI SEPA: NOVITÀ PER LE IMPRESE

guida impresa_def.qxp 29-10-2007 17:46 Page 1 IBAN E BONIFICI SEPA: NOVITÀ PER LE IMPRESE guida impresa_def.qxp 29-10-2007 17:46 Page 1 IBAN E BONIFICI SEPA: NOVITÀ PER LE IMPRESE guida impresa_def.qxp 29-10-2007 17:46 Page 2 guida impresa_def.qxp 29-10-2007 17:46 Page 3 INDICE 1 Cos è la SEPA?

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo al CONTO DI BASE GRATUITO B.C.C. DI TERRA D OTRANTO

FOGLIO INFORMATIVO. relativo al CONTO DI BASE GRATUITO B.C.C. DI TERRA D OTRANTO Pensionati B FOGLIO INFORMATIVO relativo al CONTO DI BASE GRATUITO B.C.C. DI TERRA D OTRANTO INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Terra d Otranto Società Cooperativa. Sede Legale Via

Dettagli

Le famiglie e il risparmio gestito

Le famiglie e il risparmio gestito V 1 La ricchezza delle famiglie nei principali paesi avanzati Alla fine del 211 la ricchezza netta delle famiglie, ossia la somma delle attività reali e finanziarie al netto delle passività finanziarie,

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica BIVERBANCA

Dettagli

SISTEMA FONDI ZENIT MC

SISTEMA FONDI ZENIT MC GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO SISTEMA FONDI ZENIT MC ZENIT MC BREVE TERMINE ZENIT MC OBBLIGAZIONARIO ZENIT MC PIANETA ITALIA ZENIT MC MEGATREND ZENIT MC EVOLUZIONE ZENIT MC PARSEC

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

AUMENTO ALIQUOTA IVA DAL 1 OTTOBRE 2013

AUMENTO ALIQUOTA IVA DAL 1 OTTOBRE 2013 AUMENTO ALIQUOTA IVA DAL 1 OTTOBRE 2013 pagina 1 di 14 Aliquota IVA dal 21 al 22 % Aumento solo per aliquota ordinaria Decorrenza: martedì 1 ottobre 2013 Invariate aliquote ridotte (4 e 10%) e di compensazione

Dettagli

ENTRATA IN VIGORE PRINCIPALI SOGGETTI COINVOLTI. I principali soggetti coinvolti sono:

ENTRATA IN VIGORE PRINCIPALI SOGGETTI COINVOLTI. I principali soggetti coinvolti sono: DOCUMENTO INFORMATIVO SERVIZI PSD INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Aquara - società cooperativa Sede legale: 84020 Aquara (SA) - Via G. Garibaldi, 5 Tel.: 0828 962755 - Fax: 0828

Dettagli

Foglio Informativo dei servizi accessori al Conto Corrente

Foglio Informativo dei servizi accessori al Conto Corrente Foglio Informativo dei servizi accessori al Conto Corrente INFORMAZIONI SU CHEBANCA! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Viale Luigi Bodio 37, Palazzo

Dettagli

Le Operazioni di Impiego: I FINANZIAMENTI BANCARI A BREVE TERMINE. Università degli Studi di Teramo - Prof. Paolo Di Antonio

Le Operazioni di Impiego: I FINANZIAMENTI BANCARI A BREVE TERMINE. Università degli Studi di Teramo - Prof. Paolo Di Antonio Le Operazioni di Impiego: I FINANZIAMENTI BANCARI A BREVE TERMINE 1 Le Operazioni di Impiego: I Finanziamenti a Breve Termine Finanziamenti Bancari Finanziamenti a breve termine Finanziamenti a medio-

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

Tariffe e condizioni di servizio di persone fisiche, nel filiale "Italia"

Tariffe e condizioni di servizio di persone fisiche, nel filiale Italia Tariffe e condizioni di servizio di persone fisiche, nel filiale "Italia" Contenuto 1. Apertura e manutenzione del conto.... Controllo remoto del Conto...3 3. Transazioni di trasferimento...4 4. Modifica,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO N. 57/007 relativo al CONTO DI BASE PENSIONATI GRATUITO

FOGLIO INFORMATIVO N. 57/007 relativo al CONTO DI BASE PENSIONATI GRATUITO INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di BUCCINO Società Cooperativa fondata nel 1982 Sede legale in Buccino, Piazza Mercato Loc. Borgo, cap. 84021 Tel.: 0828-752200 Fax: 0828-952377 [e-mail

Dettagli

FONDAMENTI NELLA GESTIONE DELLA PROPRIETA INTELLETTUALE. Ing. Giancarlo Notaro POLITECNICO-CHILAB 12 febbraio 2013

FONDAMENTI NELLA GESTIONE DELLA PROPRIETA INTELLETTUALE. Ing. Giancarlo Notaro POLITECNICO-CHILAB 12 febbraio 2013 FONDAMENTI NELLA GESTIONE DELLA PROPRIETA INTELLETTUALE Ing. Giancarlo Notaro POLITECNICO-CHILAB 12 febbraio 2013 Gestione dei brevetti corretta ed efficiente I punti fondamentali da ricordare nella gestione

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

Foglio Informativo BONIFICI NAZIONALI E BONIFICI ESTERI

Foglio Informativo BONIFICI NAZIONALI E BONIFICI ESTERI Informazioni sulla banca Denominazione e forma giuridica: BANCA DEL SUD S.p.A. Sede legale e amministrativa: VIA CALABRITTO, 20-80121 NAPOLI Recapiti (telefono e fax): 0817976411, 0817976402 Sito internet:

Dettagli

L offerta di servizi: tradizionali, di risparmio gestito e per le imprese. Giuseppe Squeo

L offerta di servizi: tradizionali, di risparmio gestito e per le imprese. Giuseppe Squeo L offerta di servizi: tradizionali, di risparmio gestito e per le imprese. Giuseppe Squeo 1 L evoluzione dei servizi bancari in Italia Struttura conto economico nel periodo 1993-2001 (valori in percentuale

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea ORIENTAMENTI

Gazzetta ufficiale dell'unione europea ORIENTAMENTI 6.9.2014 L 267/9 ORIENTAMENTI INDIRIZZO DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 3 giugno 2014 che modifica l'indirizzo BCE/2013/23 sulle statistiche di finanza pubblica (BCE/2014/21) (2014/647/UE) IL COMATO ESECUTIVO

Dettagli

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi Nel 200 si prevede che la ricchezza finanziaria delle famiglie in Europa centro-orientale raggiungerà i 1 miliardi di euro, sostenuta da una forte crescita economica e da migliorate condizioni del mercato

Dettagli

ACCORDI INTERNAZIONALI

ACCORDI INTERNAZIONALI 22.7.2011 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 192/39 II (Atti non legislativi) ACCORDI INTERNAZIONALI DECISIONE DEL CONSIGLIO del 9 giugno 2011 relativa all approvazione, a nome dell Unione europea,

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA REGISTRAZIONE DI UN MARCHIO COMUNITARIO

ISTRUZIONI PER LA REGISTRAZIONE DI UN MARCHIO COMUNITARIO ISTRUZIONI PER LA REGISTRAZIONE DI UN MARCHIO COMUNITARIO Napoli, Corso Meridionale, 58 2 piano tel. 081-7607704 e-mail: ufficio.brevetti@na.camcom.it sito internet: www.na.camcom.it fax: 081-5547557 Il

Dettagli

Banca centrale europea. a cura di G.Garofalo

Banca centrale europea. a cura di G.Garofalo Banca centrale europea a cura di G.Garofalo Tanti acronimi, un unica Banca BCE [Francia, Spagna, Irlanda, Italia, Portogallo, Malta] ECB [Inghilterra, Danimarca, Olanda, Svezia, Slovenia, Slovacchia] EZB

Dettagli

Foglio informativo del Conto Deposito

Foglio informativo del Conto Deposito PDC cd ed. 03/2009 Foglio informativo del Conto Deposito Condizioni praticate al 13 marzo 2009 Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 170.000.000 i.v. Sede

Dettagli

6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO

6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO 92 6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO Nel corso degli anni Ottanta e Novanta si è registrata una crescita rilevante dei flussi internazionali di capitali, sia sotto forma di investimenti

Dettagli

COME ACCEDERE AI FINANZIAMENTI PUBBLICI

COME ACCEDERE AI FINANZIAMENTI PUBBLICI Progettare l Internazionalizzazione d impresa COME ACCEDERE AI FINANZIAMENTI PUBBLICI 20 21 ottobre 2009 Principali incentivi per l internazionalizzazione: PROGRAMMI DI PENETRAZIONE COMMERCIALE ALL'ESTERO

Dettagli

Luciano Camagni. Condirettore Generale Credito Valtellinese

Luciano Camagni. Condirettore Generale Credito Valtellinese Luciano Camagni Condirettore Generale Credito Valtellinese LA S PA S PA: area in cui i cittadini, le imprese e gli altri operatori economici sono in grado di eseguire e ricevere, indipendentemente dalla

Dettagli

Una simulazione degli effetti della riforma previdenziale C l o e D ll Aringa Presidente REF Ricerche www.refricerche.it

Una simulazione degli effetti della riforma previdenziale C l o e D ll Aringa Presidente REF Ricerche www.refricerche.it Una simulazione degli effetti della riforma previdenziale Presidente REF Ricerche www.refricerche.it Un analisi fondata su coorti e tempo Età nell anno t: Anno Nascita 2004 2011 2020 1950 54 61 70 1955

Dettagli

Il mercato della moneta

Il mercato della moneta Il mercato della moneta Dopo aver analizzato il mercato dei beni (i.e. i mercati reali) passiamo allo studio dei mercati finanziari. Ricordo che, proprio come nello studio del settore reale (IS), anche

Dettagli

29 Il Sistema Monetario

29 Il Sistema Monetario 29 Il Sistema Monetario LA MONETA Si definisce moneta l insieme dei valori utilizzati in un sistema economico dagli individui (famiglie, imprese) per acquistare beni e servizi. La moneta ha tre funzioni

Dettagli

Scudo fiscale-ter e controllate estere: aspetti critici della manovra e scenari ipotizzabili

Scudo fiscale-ter e controllate estere: aspetti critici della manovra e scenari ipotizzabili STUDIO LEGALE E TRIBUTARIO BISCOZZI NOBILI ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE Scudo fiscale-ter e controllate estere: aspetti critici della manovra e scenari ipotizzabili Dott. Francesco Nobili Milano, 16 ottobre

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Attività e passività finanziarie I prestiti bancari e altre operazioni di finanziamento I prestiti bancari - aspetti generali I prestiti bancari: sono eterogenei

Dettagli

Il concetto di rischio

Il concetto di rischio Il concetto di rischio Il rischio si presenta in forma simmetrica: vi è la possibilità di ottenere un risultato inferiore a quello più probabile ma anche di ottenere un risultato superiore. Si può guardare

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

La variante ufficiale del contratto è quella in romeno, la traduzione in italiano è stata realizzata solo per informativa. In caso di differenze,

La variante ufficiale del contratto è quella in romeno, la traduzione in italiano è stata realizzata solo per informativa. In caso di differenze, 1 La variante ufficiale del contratto è quella in romeno, la traduzione in italiano è stata realizzata solo per informativa. In caso di differenze, divergenze o conflitti tra le due varianti, prevale la

Dettagli

BONIFICO ESTERO INFORMAZIONI SULLA BANCA

BONIFICO ESTERO INFORMAZIONI SULLA BANCA Pag. 1 / 8 1.3.5 Prodotti della Banca Servizi Bonifici BONIFICO ESTERO INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Piazza Salimbeni 3-53100 - Siena Numero verde. 800.41.41.41 (e-mail

Dettagli

Sezione 8 - Il capitale, le riserve, il fondo per rischi bancari generali e le passività subordinate

Sezione 8 - Il capitale, le riserve, il fondo per rischi bancari generali e le passività subordinate Sezione 8 - Il capitale, le riserve, il fondo per rischi bancari generali e le passività subordinate Variazioni della voce 100 Fondo per rischi bancari generali Saldo al 1.1.2002... 516 Variazione dell

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

LA GESTIONE FINANZIARIA

LA GESTIONE FINANZIARIA LA GESTIONE FINANZIARIA I finanziamenti sono le fonti delle risorse necessarie all azienda per svolgere la sua attività. Con i finanziamenti le imprese possono procurarsi i fattori della produzione (terra,

Dettagli

LE BANCHE. Barbarossa Salvatore Marco Classe 5 ^ D MERCURIO ITE A. BASSI

LE BANCHE. Barbarossa Salvatore Marco Classe 5 ^ D MERCURIO ITE A. BASSI LE BANCHE Barbarossa Salvatore Marco Classe 5 ^ D MERCURIO ITE A. BASSI Cos è una banca? L'attività bancaria è definita come l'esercizio congiunto dell'attività di raccolta di risparmio tra il pubblico

Dettagli

APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAP. III LA MONETA

APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAP. III LA MONETA APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAP. III LA MONETA 1. Origini e funzioni della moneta Nei moderni sistemi economici la maggioranza dei beni viene prodotta

Dettagli

NEL MODELLO MICROECONOMICO

NEL MODELLO MICROECONOMICO NEL MODELLO MICROECONOMICO 1 solo periodo Output: flusso Input: flusso Decisioni dell impresa: raffrontare ricavi correnti con costi correnti Questo si adatta bene ad alcuni fattori (il LAVORO) Meno soddisfacente

Dettagli

Capitolo Quarto. Analisi di scenario

Capitolo Quarto. Analisi di scenario Capitolo Quarto Analisi di scenario 1. Distinzione tra politica economica e politica monetaria La politica economica studia l insieme degli interventi del soggetto pubblico sull economia, atti a modificare

Dettagli

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri 1 Risparmio e investimento Risparmio è l ammontare di reddito che non viene consumato. Si origina nelle famiglie

Dettagli

Economia Monetaria - Slide 6

Economia Monetaria - Slide 6 Economia Monetaria - Slide 6 Giorgio Calcagnini Università di Urbino Dip. Economia, Società, Politica giorgio.calcagnini@uniurb.it http://www.econ.uniurb.it/calcagnini/ http://www.econ.uniurb.it/calcagnini/economiamonetaria12.html

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Massafra Società Cooperativa Via Mazzini, 65 74016 Massafra (TA) Tel. 0998805055 Fax

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 2

Economia monetaria e creditizia. Slide 2 Economia monetaria e creditizia Slide 2 Le attività e i mercati finanziari Oltre alla moneta, un altra istituzione consente di ridurre i costi di transazione negli scambi: i mercati Si tratta dei contesti

Dettagli

libri di base Ombretta Valsecchi tecnica aziendale 2 MURSIA

libri di base Ombretta Valsecchi tecnica aziendale 2 MURSIA libri di base Ombretta Valsecchi tecnica aziendale 2 MURSIA indice modulo d la gestione dell azienda capitolo 1 la gestione aziendale...5 1.1 Le operazioni di gestione...7 1.2 Le operazioni di finanziamento...9

Dettagli

ALLEGATO IV MODELLO DI ACCORDO FINANZIARIO TRA ISTITUTO E PARTECIPANTE PER LA MOBILITÀ DEL PERSONALE DELLA SCUOLA ACCORDO N.

ALLEGATO IV MODELLO DI ACCORDO FINANZIARIO TRA ISTITUTO E PARTECIPANTE PER LA MOBILITÀ DEL PERSONALE DELLA SCUOLA ACCORDO N. ALLEGATO IV MODELLO DI ACCORDO FINANZIARIO TRA ISTITUTO E PARTECIPANTE PER LA MOBILITÀ DEL PERSONALE DELLA SCUOLA ACCORDO N. e: L Istituto (Denominazione istituto di appartenenza): Indirizzo completo:

Dettagli

INFORMAZIONI RELATIVE AL SERVIZIO DI TRASFERIMENTO DEI SERVIZI DI PAGAMENTO CONNESSI AL CONTO DI PAGAMENTO

INFORMAZIONI RELATIVE AL SERVIZIO DI TRASFERIMENTO DEI SERVIZI DI PAGAMENTO CONNESSI AL CONTO DI PAGAMENTO INFORMAZIONI RELATIVE AL SERVIZIO DI TRASFERIMENTO DEI SERVIZI DI PAGAMENTO CONNESSI AL CONTO DI PAGAMENTO Indice I INFORMAZIONI RELATIVE AL SERVIZIO DI TRASFERIMENTO DEI SERVIZI DI PAGAMENTO CONNESSI

Dettagli

La crisi del settore bancario in Europa

La crisi del settore bancario in Europa La crisi del settore bancario in Europa 26 ottobre 2011 Christine Lagarde, direttrice del Fondo Monetario Internazionale, già ad agosto aveva dichiarato che occorrevano circa 200 miliardi di Euro per ricapitalizzare

Dettagli

La politica monetaria I meccanismi di trasmissione. Giuseppe G. Santorsola 1

La politica monetaria I meccanismi di trasmissione. Giuseppe G. Santorsola 1 La politica monetaria I meccanismi di trasmissione Giuseppe G. Santorsola 1 L equilibrio nella politica economica Politica bilancio Tutte e tre le componenti sono importanti Politica economica Vanno dosate

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 19/ del 9// Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca. Italia:

Dettagli

Blanchard, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011 Capitolo IV. I mercati finanziari. Capitolo IV. I mercati finanziari

Blanchard, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011 Capitolo IV. I mercati finanziari. Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 1. La domanda di moneta La moneta può essere usata per transazioni, ma non paga interessi. In realtà ci sono due tipi di moneta: il circolante, la moneta metallica e cartacea,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO DEL CONTRATTO DI CARTA DI DEBITO INTERNAZIONALE CIRCUITO VISA

FOGLIO INFORMATIVO DEL CONTRATTO DI CARTA DI DEBITO INTERNAZIONALE CIRCUITO VISA FOGLIO INFORMATIVO DEL CONTRATTO DI CARTA DI DEBITO INTERNAZIONALE CIRCUITO VISA (ove non diversamente specificato gli importi si intendono espressi in euro) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Transilvania

Dettagli

BONIFICO SEPA CREDIT TRANSFER (SCT)

BONIFICO SEPA CREDIT TRANSFER (SCT) Aggiornato al 6 febbraio 2014 Foglio Informativo Pag. 1 / 5 BONIFICO SEPA CREDIT TRANSFER (SCT) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Piazza Salimbeni 3-53100 - Siena Numero verde.

Dettagli

I nuovi servizi di addebito diretto e bonifico

I nuovi servizi di addebito diretto e bonifico I nuovi servizi di addebito diretto e bonifico Come cambiano incassi e pagamenti con la SEPA LOGO BANCA 3 L'Area Unica dei Pagamenti in Euro La SEPA (Single Euro Payments Area) include 32 Paesi: 15 paesi

Dettagli