Moneta e credito: la generazione dei mezzi di pagamento nel sistema economico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Moneta e credito: la generazione dei mezzi di pagamento nel sistema economico"

Transcript

1 7 Moneta e credito: la generazione dei mezzi di pagamento nel sistema economico Nel capitolo precedente abbiamo individuato nella funzione di mezzo di pagamento generalmente accettato la caratteristica essenziale della moneta ed abbiamo esaminato le determinanti essenziali della domanda di moneta. Nel presente capitolo esamineremo il processo di creazione dei mezzi di pagamento all interno del sistema economico ad opera dell azione congiunta delle due più importanti istituzioni finanziarie che creano moneta: la Banca Centrale e le banche. L esame del processo di creazione di moneta ci consentirà non solo di esaminare le determinanti dell offerta di moneta, ma anche di comprendere in modo più profondo la natura stessa della moneta e di ciò che nel capitolo 4 abbiamo chiamato una economia monetaria. In un capitolo successivo esamineremo con maggior dettaglio la politica monetaria della Banca Centrale Europea. 1. La definizione degli aggregati monetari Una volta accertato che la funzione peculiare della moneta è quella di essere un mezzo di pagamento generalmente accettato, possiamo definire su questa base gli aggregati monetari. Faremo qui riferimento alla definizione degli aggregati monetari attualmente in uso nei paesi, fra i quali l Italia, che hanno aderito all Unione monetaria europea (tav. 1). Il modo più semplice di procedere è quello di definire un primo aggregato monetario (M1) che comprende i due strumenti immediatamente utilizzabili quali mezzi di pagamento di cui abbiamo già detto nel cap. 4: il circolante e i depositi a vista. La moneta nella sua definizione più ristretta (M1) gode della proprietà fondamentale di essere lo strumento finanziario con il più elevato grado di liquidità. La liquidità di una strumento finanziario, infatti, dipende dalla facilità con la quale esso può essere utilizzato come mezzo di pagamento al minor costo ed è evidente che nessun altro strumento finanziario possiede una liquidità superiore a quella della moneta nella sua definizione ristretta. Accanto a M1 135

2 vengono definiti altri due aggregati monetari: un aggregato monetario intermedio (M2) e un aggregato monetario esteso (M3). L aggregato M2 contiene oltre al circolante e ai depositi a vista, cioè oltre a M1, anche quegli strumenti finanziari che pur non potendo essere utilizzati immediatamente e senza costo come mezzi di pagamento, possono tuttavia essere trasformati in mezzi di pagamento con relativa facilità e costo contenuto. Si tratta dei depositi con scadenza fissa fino a 2 anni e dei depositi rimborsabili con preavviso fino a 3 mesi che possono essere trasformati in mezzi di pagamento al costo di una penalizzazione o di una commissione o con un certo preavviso. Infine, l aggregato monetario esteso (M3) si ottiene aggiungendo a M2 alcuni strumenti finanziari i quali per le loro caratteristiche di liquidità e di certezza di prezzo sono considerati stretti sostituti dei depositi. Tali strumenti finanziari sono rappresentati dalle quote dei fondi comuni monetari 1, dalle obbligazioni con scadenza inferiore a 2 anni e dalle operazioni pronti contro termine 2. M1 M2 M3 Circolante Circolante Circolante Depositi a vista Depositi a vista Depositi con durata prestabilita fino a 2 anni Depositi a vista Depositi con durata prestabilita fino a 2 anni Depositi rimborsabili con preavviso fino a 3 mesi Depositi rimborsabili con preavviso fino a 3 mesi Pronti contro termine Quote e partecipazioni in fondi comuni monetari Obbligazioni con scadenza fino a 2 anni Tav. 1 Definizione degli aggregati monetari nell area dell euro Possiamo ora quantificare gli aggregati monetari nell area dell euro. A questo scopo occorre tener presente che la quantità di moneta è uno stock e che, di 1 I fondi comuni monetari investono in strumenti finanziari a breve termine, solitamente con scadenza pari o inferiore a un anno, e a basso rischio. 2 I fondi comuni monetari investono in titoli di stato a basso rischio e a breve termine. Essi pertanto sono facilmente convertibili in moneta e per questo rientrano nella definizione estesa di moneta. 136

3 conseguenza, quando parliamo di quantità di moneta ci riferiamo alle consistenze di ciascuno degli aggregati monetari presenti nell economia a certa data. Ad esempio, a metà del 2012 lo stock di moneta nella sua definizione allargata (M3) risultava pari a 9.640,7 miliardi di euro. La fig. 1 illustra la composizione di M3. Come si vede, i depositi a vista rappresentano, da soli, il 42% dello stock di M3. Se ad essi aggiungiamo anche i depositi rimborsabili con preavviso (21%) e i depositi vincolati fino a 2 anni (20%), la quota dei depositi su M3 raggiunge l 83%, mentre il circolante rappresenta solo il 9% di M3. Fig. 1 Composizione dello stock di moneta nell area dell euro 2. Chi crea moneta: le istituzioni finanziarie monetarie Ci occuperemo ora di definire i soggetti economici capaci di creare moneta. Una volta definiti gli aggregati monetari, è facile rendersi conto che nella definizione più estesa (M3), la moneta viene creata da tutte le istituzioni finanziarie capaci di creare circolante, depositi e strumenti finanziari sostituti stretti dei depositi. Tali istituzioni sono definite Istituzioni finanziarie monetarie e 137

4 comprendono la Banca Centrale, gli Istituti di credito (o banche ordinarie) e altre istituzioni finanziare quali, essenzialmente, i fondi di investimento monetario. Ai nostri fini definiremo la moneta come somma di circolante e depositi, comprendendo fra questi ultimi sia i depositi a vista sia i depositi soggetti a restrizioni. Così definita, la moneta si identifica con l aggregato M2 e le istituzioni finanziarie che creano moneta, e a cui faremo riferimento, sono la Banca Centrale e le banche. Banca Centrale e banche costituiscono insieme il sistema bancario. Il primo passo per esaminare in che modo tali istituzioni creano moneta è quello di analizzarne brevemente le funzioni e descriverne il bilancio. 2.1 Funzioni e bilancio della Banca Centrale La Banca Centrale svolge le seguenti funzioni istituzionali di fondamentale importanza: (a) è l istituito di emissione: è l unico ente autorizzato a creare e immettere in circolazione moneta di corso legale (banconote e monete); (b) nei suoi rapporti con gli Istituti di credito la Banca Centrale svolge la funzione di prestatore di ultima istanza, è l istituzione cioè a cui le banche possono rivolgersi in ultima istanza per richiedere i prestiti necessari al finanziamento della propria attività sia nel brevissimo sia nel più lungo termine; (c) decide e attua la politica monetaria: esercita cioè il controllo della moneta e del credito attraverso i rapporti istituzionali che intrattiene con gli Istituti di credito, con le Amministrazioni pubbliche e con l estero; (d) è l istituto di vigilanza: è l organo preposto alla tutela del risparmio attraverso i controlli sia sulla stabilità degli intermediari finanziari facenti parte del sistema creditizio sia sul rispetto delle regole di funzionamento del mercato del credito e di comportamento degli operatori. Nel febbraio 1992 quindici paesi europei hanno sottoscritto il Trattato di Maastricht dando vita all Unione europea 3. Il trattato prevedeva l adozione di una moneta unica, l euro. Secondo le tappe previste dal Trattato, dal 1 gennaio 1999 l euro sarebbe divenuto unità di conto e dal 1 gennaio 2002 moneta unica di 3 L Unione europea è stata fondata nel 1952 da sei paesi: Belgio, Francia, Germania, Italia, Lussemburgoe e Paesi Bassi. Nei cinquanta anni successivi si aggiunsero: Austria, Danimarca, Finlandia, Gran Bretagna, Grecia, Irlanda, Portogallo, Spagna e Svezia. Il 1 maggio 2004 hanno aderito: Cipro, Estonia, Lettonia, Lituania, Malta, Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Slovenia e Ungheria. Il 1 gennaio 2007 hanno aderito Bulgaria e Romania e il 1 luglio 2013 la Croazia. Da questa data i paesi aderenti all Unione Europea sono

5 corso legale. Con l adozione della moneta unica, il Trattato prevedeva il passaggio delle decisioni di politica monetaria dalle singole Banche centrali dei paesi aderenti a una nuova istituzione sovranazionale, la Banca Centrale europea (Bce). In tutti i paesi, dunque, che, come l Italia, hanno aderito all Unione monetaria europea adottando l euro come moneta unica 4, la più importante funzione tipica di una Banca Centrale è stata sottratta alle decisioni autonome delle Banche Centrali nazionali. Oggi la Banca d Italia ha il compito di attuare la politica monetaria europea alla cui formulazione contribuisce attraverso la partecipazione del governatore al Comitato direttivo della Bce. Alla Banca d Italia restano anche affidate le altre due funzioni di istituto di vigilanza e di emissione in ottemperanza ai principi e alle regole fissati dall Eurosistema. Le decisioni di politica monetaria della Banca Centrale europea sono prese da un Comitato direttivo e attuate da una Comitato esecutivo di cui fanno parte il Presidente e il vicepresidente della Bce e quattro membri designati. Il Comitato direttivo, che ha il compito di decidere le linee guida della politica monetaria dell Unione europea, comprende il Comitato esecutivo e tutti i governatori delle Banche centrali nazionali dei paesi aderenti all Unione monetaria europea. Un terzo organo consultivo è il Consiglio generale che comprende il Presidente, il vicepresidente della Bce e tutti i governatori delle Banche centrali dei paesi aderenti all Unione europea, quindi anche quelli delle Banche centrali dei paesi che non hanno adottato l euro come moneta unica. Gli organi decisionali della Bce dirigono anche il Sistema europeo delle banche centrali (Sebc), composto dalla Banca Centrale europea e dalle Banche centrali dei paesi dell Unione europea. ATTIVITA' milioni di euro comp. % PASSIVITA' milioni di euro comp. % Attività sull'estero ,3 Circolante ,3 Prestiti agli istituti di credito ,8 Riserve bancarie ,5 Titoli ,7 Totale Fonte: Banca centrale europea, Bollettino mensile, ottobre 2013 Tab. 1 Bilancio consolidato semplificato dell'eurosistema Consistenze al 27 settembre 2013 L attività istituzionale della Banca Centrale dà luogo alle poste dell attivo e del passivo del suo bilancio. In una versione semplificata il bilancio consolidato dell insieme delle Banche centrali dei paesi aderenti all area dell euro, che prende il nome di Eurosistema, è presentato nella tab. 1. Tale bilancio è rappresentativo 4 I paesi attualmente aderenti all Unione monetaria europea sono 18: Austria, Belgio, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Portogallo, Spagna, Cipro, Malta, Slovenia, Slovacchia, Estonia e Lettonia (quest ultima dal 1 gennaio 2014). 139

6 dell istituzione che oggi decide e attua la politica monetaria nell Unione monetaria europea. Nei suoi rapporti con il settore estero, la Banca Centrale acquista o vende attività sull estero, cioè mezzi di pagamento internazionali universalmente accettati. I mezzi di pagamento internazionali detenuti dalla Banca Centrale rappresentano le Riserve ufficiali, costituite da oro e valute diverse dall euro come dollari, yen e sterline. Le Riserve ufficiali sono il risultato della differenza fra le attività in oro e valuta estera, che figurano nell attivo del bilancio, e le passività in valuta estera. L altra voce dell attivo è costituita dai prestiti che la Banca Centrale concede alle istituzioni creditizie, essenzialmente gli Istituti di credito, dell area dell euro. Tali prestiti vengono concessi con decisione discrezionale in virtù della funzione di prestatore di ultima istanza che la Banca Centrale svolge nei confronti degli istituti di credito. Un altra voce dell attivo del bilancio della Banca Centrale è rappresentata dai titoli (titoli di stato, obbligazioni e azioni) emessi da soggetti residenti nell area dell euro e detenuti dalla Banca Centrale Nel passivo del bilancio della Banca centrale troviamo due voci importanti. Il circolante, ovvero i biglietti e le monete emesse dalla Banca Centrale Europea e in mano al pubblico, e le passività verso le istituzioni creditizie. Nel caso della banca centrale europea, quest ultima voce è costituita essenzialmente dei depositi a vista che le banche detengono presso le Banche centrali dell Eurosistema. Tali depositi, che rappresentano le riserve bancarie e su cui torneremo fra un momento, possono essere immediatamente utilizzati dalle banche stesse. 2.2 Funzioni e bilancio delle banche La legge comunitaria definisce un istituto di credito come un ente la cui attività consiste nel ricevere dal pubblico depositi o altri fondi rimborsabili (inclusi i proventi della vendita di obbligazioni bancarie al pubblico) e nel concedere crediti per conto proprio. Questa definizione esprime la funzione principale che le banche svolgono nell economia, quella di raccolta di depositi a breve termine e di erogazioni di prestiti che i prenditori utilizzano nello svolgimento della propria attività economica. Accanto a questa funzione, le banche forniscono servizi connessi con la loro funzione di intermediazione nel sistema dei pagamenti e di gestione delle attività reali e finanziarie. Nel sistema dei pagamenti, esse trasferiscono moneta da un operatore ad un altro. Come gestori di attività reali e finanziarie, custodiscono e amministrano tali attività e negoziano (comprano e vendono sui mercati) titoli e valute per conto dei clienti. Infine essi svolgono altri servizi come quelli di esattoria e ricevitoria di enti pubblici. 140

7 L attività economica delle banche si riflette nelle voci di bilancio. Senza entrare nei dettagli, possiamo mettere in evidenza che l espletamento delle funzioni principali, quelle di raccolta e concessione di prestiti, dà luogo alle due voci, una del passivo e una dell attivo, di gran lunga più importanti. Non bisogna tuttavia trascurare il fatto che le banche agiscono nel sistema economico come imprese, con proprie strategie di espansione delle attività e delle passività e con propri obiettivi di redditività. Strategie e obiettivi che condizionano, nei differenti contesti istituzionali che si sono storicamente succeduti, le scelte delle banche sia nel campo dell espansione del credito in quanto soggetti, come vedremo, capaci di creare credito sia nelle scelte relative all acquisto e alla vendita di attività finanziarie e alla composizione del proprio portafoglio. ATTIVITA' milioni di euro comp. % PASSIVITA' milioni di euro comp. % Cassa e disponibilità liquide (1) ,8 Debiti verso le banche (4) ,3 Attività finanziarie (2) ,6 Debiti verso la clientela (5) ,5 Crediti verso la clientela (3) ,7 Titoli in circolazione (6) ,5 Totale Fonte: Banca d'italia, Relazione annuale 2012 (1) include anche i depositi presso le banche centrali (4) include tutti i debiti verso le banche (quali depositi, conti correnti, finanzialmenti) (2) include tutte le attività finanziarie detenute per cassa, per la negoziazione e per la vedita (5) include tutti i debiti verso la clientela (quali depositi, conti correnti, finanzialmenti) (3) include crediti verso la clientela quali mutui, operazioni di locazione finanziara, operazioni di factoring, titoli di debito (6) include tutti i titoli emessi (quali buoni fruttiferi, certificati di deposito, obbligazioni) Tab. 2 Bilancio dello stato patrimoniale dei gruppi bancari residenti in Italia dicembre 2012 La tab. 2 contiene, in forma semplificata, le principali voci del bilancio dello stato patrimoniale dei gruppi bancari residenti in Italia. Come si vede, nell attivo oltre il 60 per cento è costituito dai prestiti alla clientela e ben il 20 per cento da attività finanziarie detenute dalle banche. Le disponibilità liquide (comprese i depositi presso le Banche centrali dell eurosistema) rappresentano lo 0,8 per cento delle attività. Tra le passività, oltre il 40 per cento è costituito dai depositi della clientela e il 16,3 per cento da depositi di altre banche. I titoli emessi dalle banche rappresentano 20,5 per cento delle passività. Nel presente capitolo ci occuperemo unicamente nel processo di creazione della moneta e del credito all interno del sistema bancario che comprende la Banca Centrale e le banche. 141

8 3. I mezzi di pagamento in una economia monetaria Abbiamo visto come una economia monetaria sia caratterizzata dalla presenza di mezzi di pagamento generalmente accettati. La moneta è stata definita in base a questa sua funzione e abbiamo visto come essa venga domandata sia come mezzo di pagamento sia come forma nella quale detenere la ricchezza. Esamineremo ora in che modo la moneta viene crea e da chi. Questo esame ci consentirà di comprendere più a fondo la natura stessa della moneta e dell economia monetaria. È bene avvertire che, essendo interessati alla creazione e distruzione di moneta all interno del sistema economico, nel presente capitolo esamineremo la moneta dal punto di vista del flusso di nuova moneta creata o distrutta nel sistema economico. 3.1 Creazione e distruzione di mezzi di pagamento in una economia di puro credito con una sola banca In tutte le economie nelle quali l attività economica di produzione e distribuzione di beni e servizi dà luogo a estesi e complessi rapporti di debito e di credito, si rendono necessari, e sono storicamente sorti, strumenti capaci di finanziare la produzione e istituzioni capaci di fornire mezzi di pagamento generalmente accettati. Le banche sono l istituzione che, ancor prima che fosse creata la Banca Centrale, fornisce credito all economia: concedendo prestiti le banche generano mezzi di pagamento generalmente accettati, i depositi bancari. Esamineremo innanzitutto la creazione e la distruzione di mezzi di pagamento supponendo che nell economia l unico mezzo di pagamento generalmente accettato, cioè l unica forma di moneta, siano i depositi creati nel sistema bancario costituito da sole banche. Per questo motivo parliamo di una economia di puro credito. Per semplificare inizialmente l esposizione, supponiamo, inoltre, che in questa economia sia presente una sola banca i cui prestiti e depositi sono denominati in una unità di conto che per comodità chiamiamo euro. Si tratta naturalmente di un caso irrealistico che, tuttavia, nella sua semplicità consente di mettere in luce alcuni elementi essenziali del processo di creazione e distruzione di mezzi di pagamento in una economia monetaria. Consideriamo, ad esempio, il caso in cui in questa economia l impresa A acquisti beni necessari alla produzione dall impresa B per euro. In questo momento sorge un rapporto di debito dell impresa A nei confronti dell impresa B e con esso la necessità di disporre di un mezzo di pagamento, di disporre cioè di uno strumento che consenta all impresa A di trasferire all impresa B un potere di acquisto che quest ultima possa utilizzare per acquistare a sua volta beni e servizi di qualsiasi genere. Se l impresa A non dispone di mezzi di pagamento, come avviene quando la 142

9 produzione per la quale l impresa effettua gli acquisti di merci e servizi non è ancora stata realizzata, si rende necessario disporre di mezzi di finanziamento della produzione. L impresa potrebbe, ad esempio, indebitarsi sul mercato delle obbligazioni emettendo obbligazioni, oppure potrebbe finanziare la produzione sul mercato dei capitali vendendo azioni. In entrambi i casi, l impresa vendendo obbligazioni o azioni ottiene mezzi di pagamento. Una alternativa è quella di rivolgersi al sistema bancario per ottenere credito, nel nostro caso dall unica banca presente nell economia. Supponiamo che per finanziare la produzione l impresa A si rivolga alla banca per ottenere un prestito di euro. Nel momento in cui la banca riscontra che ci sono le condizioni per concedere il prestito, essa crea un deposito a favore dell impresa A. Tale deposito fino a che non viene utilizzato per acquistare merci dall impresa B è un deposito puramente fittizio che deriva dalla decisione della banca di concedere un prestito di euro all impresa A. Quando l impresa A utilizza il potere d acquisto derivante dalla concessione del prestito per acquistare merci dall impresa B, il deposito creato a fronte del prestito diviene un mezzo di pagamento e viene traferito a favore dell impresa B. Nel bilancio della banca avremo le seguenti registrazioni (tab. 3): nell attivo troviamo il prestito di euro concesso all impresa A e al passivo il deposito di euro dell impresa B. Tab. 3 Bilancio delle Banca Variazione delle attività Variazione delle passività Prestito all'impresa A: Deposito dell'impresa B: Come si vede, con la concessione del prestito la banca ha creato un mezzo di pagamento, il deposito da euro, che ha risolto il rapporto di debito e di credito tra l impresa A e l impresa B. I rapporti di debito e di credito all interno dell economia non sono stati, tuttavia, eliminati. Poiché per la banca il prestito rappresenta una attività e il deposito una passività, è evidente che dopo la concessione del prestito e l utilizzo del deposito, l impresa A è indebitata nei confronti della banca, la quale è creditrice nei confronti dell impresa A e debitrice di uguale importo nei confronti dell impresa B. Supponiamo ora che l impresa B utilizzi il suo deposito per acquistare a sua volta merci e servizi sul mercato per 500 euro dall impresa C e per 500 euro dall impresa A. Per effetto di queste transazioni, il deposito dell impresa B viene traferito per 500 a favore dell impresa C e per 500 a favore dell impresa A. Il bilancio della banca verrà così modificato come segue (tab. 4): 143

10 Tab. 4 Bilancio delle Banca Variazione delle attività Variazione delle passività Prestito all'impresa A: Deposito dell'impresa C: 500 Deposito dell'impresa A: 500 Come si vede, queste transazioni non modificano l ammontare dei mezzi di pagamento presenti nell economia ma solo la loro distribuzione. Né tali transazioni hanno modificato i rapporti aggregati di debito e credito. L impresa A è ancora debitrice per euro nei confronti della banca, la quale è debitrice per 500 nei confronti dell impresa C e per 500 nei confronti dell impresa A. I mezzi di pagamento presenti in questa economia e i rapporti aggregati di debito e di credito vengono modificati quando il prestito concesso dalla banca all impresa A venga, in tutto o in parte, restituito. Supponiamo, ad esempio, che l impresa A utilizzi il suo deposito per restituire parte del suo debito nei confronti della banca. In questo caso nell attivo della banca i prestiti si riducono a 500 mentre nel passivo i depositi si riducono di altrettanto (tab. 5): Bilancio delle Banca Variazione delle attività Variazione delle passività Prestito all'impresa A: 500 Deposito dell'impresa C: 500 Tab. 5 L esempio appena illustrato può essere facilmente riformulato per descrivere la generazione di mezzi di pagamento connessi al pagamento di salari ai lavoratori. Così come mezzi di pagamento verrebbero generati se la banca acquistasse attività reali, per esempio immobili, o attività finanziarie, per esempio obbligazioni, dai soggetti economici presenti nell economia pagandoli con la creazione di depositi. Supponiamo, ad esempio, che l impresa A, invece che rivolgersi alla banca per ottenere un prestito emetta una promessa di pagamento, cioè un titolo di credito come per esempio una cambiale, che sia accettata dall impresa B. Sappiamo che ciò non risolve il rapporto di debito e di credito tra le due imprese fino a che l impresa A non estingue il debito. D altra parte l impresa B non può usare il titolo di credito per acquistare a sua volta merci e servizi. L impresa B può però rivolgersi alla banca e vendere il titolo di credito a determinate condizioni in cambio di mezzi di pagamento un deposito immediatamente utilizzabile. In questo caso, con la creazione del deposito è avvenuta una operazione di triangolazione attraverso la quale la banca ha monetizzato il credito dell impresa B nei confronti dell impresa A, ha cioè trasformato una promessa di pagamento in un mezzo di pagamento generalmente accettato (un deposito). 144

11 Pur nella sua semplicità il caso di una economia chiusa con una sola banca consente di mettere a fuoco alcuni aspetti importanti del processo di generazione di mezzi di pagamento. In ogni momento, i mezzi di pagamenti creati sono pari alla differenza tra i depositi generati a fronte della concessione di nuovi prestiti da parte della banca e la distruzione di depositi conseguente alla restituzione di prestiti già concessi dalla banca. Un tale sistema di generazione di mezzi di pagamento si fonda in ultima analisi su due condizioni: (a) sulla fiducia che i depositi siano accettati come mezzo di pagamento definitivo, il cui utilizzo risolve i rapporti di debito e di credito; (b) sulla fiducia che la banca preservi integralmente nel tempo il valore nominale dei depositi. Se i depositi non fossero un mezzo di pagamento definitivo, chi vende merci in cambio di depositi otterrebbe non un mezzo di pagamento generalmente accettato ma una promessa di pagamento che potrebbe non essere onorata da parte della banca. In questo caso occorrerebbe una parte terza che garantisca che i depositi possano essere trasformati in un mezzo di pagamento definitivo. Un mezzo di pagamento definitivo deve necessariamente mantenere il suo valore nominale nel tempo. 3.2 Creazione e distruzione di mezzi di pagamento in un sistema economico chiuso con una sola banca e la presenza della Banca Centrale Nell economia descritta nel paragrafo precedente i mezzi di pagamento consistono solo di depositi, non esiste, per ipotesi, alcuna moneta di corso legale. Abbiamo visto come in una tale economia i mezzi di pagamento vengono generati ogni volta che se ne manifesti la necessità. L offerta di mezzi di pagamento si manifesta a fronte della domanda di mezzi di pagamento connessa alla creazione di potere d acquisto generato, ma non ancora realizzato, nell attività economica. In questo senso possiamo affermare che l offerta di mezzi di pagamento dipende dalla domanda di mezzi di pagamento. Nelle pagine seguenti vedremo in che senso, e entro quali limiti, ciò rimanga vero anche in sistemi monetari più complessi nei quali, come in quello attuale, convivono e interagiscono una Banca Centrale e un insieme di banche ordinarie. Esaminiamo dapprima il caso di una economia chiusa con una sola banca e la presenza di una Banca Centrale. In questa economia abbiamo ora due forme di moneta: i depositi creati dalla banca ordinaria e la moneta di corso legale creata dalla Banca Centrale. La differenza fondamentale rispetto al caso precedente è che ora i depositi sono convertibili in moneta della Banca Centrale, che assume il significato di mezzo di pagamento definitivo. In altri termini, in questa economia i depositi continuano a essere un mezzo di pagamento generalmente accettato, e continuano dunque a essere moneta a tutti gli effetti, ma esiste la possibilità che essi siano convertiti in moneta 145

12 della banca centrale. Questo sistema monetario si fonda non solo sulla fiducia che la banca preservi integralmente nel tempo il valore nominale dei depositi ma anche sulla garanzia che i depositi possano essere convertiti, su richiesta, in moneta della Banca Centrale. Si tratta di una possibilità che concorre a garantire la fiducia nel sistema monetario a prescindere dall effettivo ricorso alla conversione dei depositi in moneta della Banca Centrale. La moneta della banca centrale viene domandata dal pubblico sotto forma di circolante e dalle banche sotto forma di riserve che le banche detengono in parte presso le banche stesse (la cosiddetta cassa contante) e in parte presso la Banca Centrale in appositi conti a vista immediatamente utilizzabili. La moneta della Banca Centrale, o base monetaria, è dunque costituita di circolante e riserve bancarie. Come sappiamo sia il circolante sia le riserve rappresentano passività della Banca Centrale. La quantità di circolante detenuta dal pubblico dipende dalle abitudini di pagamento e in particolare dalla facilità e dal costo con cui è possibile utilizzare i depositi come forma di pagamento attraverso appositi strumenti come gli assegni, le carte di credito o il sistema pago bancomat. In ogni data situazione, possiamo considerare noto il rapporto tra circolante e depositi. Dato questo rapporto, la domanda di circolante aumenta in proporzione ai depositi. In un sistema con una sola banca, le ragioni per cui la banca desidera detenere moneta della Banca Centrale sotto forma di riserve bancarie sono essenzialmente due. La prima è che la banca deve essere in grado di soddisfare le richieste di circolante da parte del pubblico. L ammontare di moneta della Banca Centrale che la banca decide di detenere a tale scopo e che rappresenta le riserve precauzionali dipende dunque dalle stesse abitudini di pagamento e dalla conseguente preferenza del pubblico per il circolante rispetto ai depositi. Quanto più stabili sono tali preferenze tanto meno riserve occorre detenere per far fronte a richieste impreviste di circolante da parte del pubblico. La seconda ragione per cui la banca detiene riserve è che la Banca Centrale, nell espletare la sua funzione di controllo della moneta, impone un obbligo di riserva. Le riserve detenute presso la Banca Centrale per ottemperare all obbligo di riserva sono definite riserve obbligatorie. Il rapporto tra le riserve, precauzionali e obbligatorie, e i depositi è il rapporto minimo riserve-depositi. Prenderemo in considerazione ora due casi. Il primo in cui un aumento dei prestiti concessi dalla banca dà luogo alla creazione di depositi e di riserve bancarie. Il secondo in cui esamineremo i possibili effetti della creazione di base monetaria su iniziativa della Banca Centrale. In entrambi i casi, supporremo per semplicità che il pubblico non faccia uso di circolante e che il rapporto minimo riserve/depositi sia pari a 0,10. Supponiamo ad esempio che la banca conceda un prestito di euro all impresa A, la quale necessita di mezzi di pagamento per 146

13 il pagamento di salari e stipendi. Come sappiamo, ciò dà luogo a un aumento delle attività della banca alla voce prestiti e a un pari aumento delle passività rappresentate dei depositi delle famiglie che hanno fornito all impresa servizi del lavoro. A differenza del caso del paragrafo 3.1, ora la banca necessita di moneta della banca centrale allo scopo di costituite il livello minimo di riserve bancarie. Nel nostro esempio la banca necessita di 100 euro di moneta della Banca Centrale, di cui la banca non dispone, per costituire il livello minimo di riserva a fronte di un aumento dei depositi di euro. A tale scopo la banca ha due possibilità: chiedere un prestito alla Banca Centrale o cedere alla Banca Centrale proprie attività per un valore di 100 euro. Nel primo caso il bilancio della banca e il bilancio della Banca Centrale registrano le seguenti variazioni (tab. 6). Nel bilancio della banca le attività variano di per effetto del prestito concesso all impresa A e di 100 per effetto delle riserve costituite presso la Banca Centrale; le passività aumentano di per effetto dei depositi delle famiglie e per 100 a fronte del prestito che la banca ha ricevuto dalla Banca Centrale. Nel Bilancio della Banca Centrale le attività sono aumentate di 100 per effetto del prestito concesso alla banca e le passività sono aumentate di altrettanto per effetto dell aumento delle riserve che la banca detiene nel conto a vista a suo nome presso la Banca Centrale. Si noti che concedendo il prestito alla banca, la Banca Centrale ha creato base monetaria, ha cioè aumentato l offerta di riserve su richiesta della banca. Bilancio della Banca Bilancio delle Banca Centrale Variazione delle attività Variazione delle passività Variazione delle attività Variazione delle passività Prestito all'impresa A: Deposito delle famiglie: Prestito alla banca: 100 Riserve della banca: 100 Attività liquide (riserve) presso Passività verso la Banca la Banca Centrale: 100 Centrale: 100 Tab. 6 Consideriamo la seconda possibilità: la banca acquista moneta della Banca Centrale vendendo proprie attività per un valore di 100. Supponiamo, ad esempio, che la banca emetta propri titoli di credito per un valore di 100 che vende alla Banca Centrale in cambio in una disponibilità di riserve bancarie per un valore di 100. In questo caso, nel bilancio della Banca Centrale le attività aumenteranno di 100 a fronte dell acquisto di titoli dalla banca e le passività aumenteranno di altrettanto per effetto dell aumento delle riserve bancarie di 100 (tab. 7). Bilancio della Banca Bilancio delle Banca Centrale Variazione delle attività Variazione delle passività Variazione delle attività Variazione delle passività Prestito all'impresa A: Deposito delle famiglie: Acquisto di titoli di credito emessi Riserve della banca: 100 Attività liquide (riserve) presso Titoli di credito emessi dalla dalla banca: 100 la Banca Centrale: 100 banca e detenuti dalla Banca Centrale: 100 Tab

14 Nel bilancio della banca l aumento delle riserve presso la Banca Centrale fanno aumentare le attività di 100 mentre la vendita di titoli alla Banca Centrale fa aumentare di altrettanto le passività (tab. 7). Anche in questo caso, la Banca Centrale ha creato base monetaria acquistando una attività (i titoli emessi dalla banca) in cambio di una propria passività (la creazione di una disponibilità di riserve a favore della banca). In altri termini, possiamo concludere che, in generale, la Banca Centrale crea base monetaria ogni volta che essa acquista attività pagandole con proprie passività. Quest ultima considerazione conduce a chiederci quali sarebbero gli effetti sulla creazione di mezzi di pagamento qualora la Banca Centrale creasse base monetaria non su richiesta dalla banca come nei casi appena esaminati, ma di propria iniziativa. Supponiamo ad esempio che la Banca Centrale crei base monetaria attraverso un acquisto di titoli dal pubblico sul mercato dei titoli già esistenti. Questo mercato prende il nome di mercato secondario dei titoli, e gli acquisti (o le vendite) di titoli da parte della Banca Centrale sul mercato secondario prendono il nome di operazioni di mercato aperto. Consideriamo ad esempio il caso in cui la Banca Centrale acquisti titoli sul mercato aperto per euro pagandoli con l emissione di nuova moneta per un pari importo. Il pubblico (famiglie e imprese) è venuto in possesso di moneta della banca centrale che, nell ipotesi che il pubblico stesso non faccia uso di circolante, verrà interamente depositato presso la banca. I depositi presso la banca sono aumentati di euro per un motivo indipendente dalla creazione di mezzi di pagamento (depositi) da parte della banca. Quest ultima dispone ora di moneta della Banca Centrale che, da un punto di vista contabile, fa aumentare di altrettanto le riserve della banca. Per effetto di queste registrazioni nel bilancio della Banca Centrale le attività variano di per effetto dell acquisto di titoli e le passività aumentano di per effetto dell aumento delle riserve bancarie. Nel bilancio della banca, le passività aumentano di per effetto dell aumento dei depositi e le attività aumentano di per effetto dell aumento delle riserve (tab. 8). Bilancio della Banca Centrale Bilancio delle Banca Variazione delle attività Variazione delle passività Variazione delle attività Variazione delle passività Acquisto di titoli: Riserve della banca: Attività liquide (riserve) presso Depositi : la Banca Centrale: Tab. 8 Come si vede, il rapporto tra riserve e depositi risulta pari a 1 ed è dunque molto al di sopra del suo livello minimo (0,10). Il punto su cui dobbiamo ora concentrare l attenzione è che non vi è alcuna ragione per cui il rapporto riserve/depositi scenda automaticamente al suo livello minimo. Tutto dipende dalla domanda di prestiti nell economia e dalle decisioni della banca di 148

15 concederli. Se ad esempio la domanda di prestiti fosse tale che la banca concede prestiti per euro, i depositi aumenterebbero di (tab. 9). Bilancio della Banca Centrale Bilancio delle Banca Variazione delle attività Variazione delle passività Variazione delle attività Variazione delle passività Acquisto di titoli: Riserve della banca: Attività liquide (riserve) presso Depositi : la Banca Centrale: Prestiti: Tab. 9 La banca in questo caso non ha bisogno di procurarsi moneta della Banca Centrale per far fronte al livello minimo di riserve. Il risultato è che il rapporto tra riserve di cui la banca dispone e depositi passa da 1 a 0,20 (1.000 di riserve su di depositi). Con ragionamento analogo, se i prestiti concessi dalla banca salissero di euro, il rapporto effettivo riserve/depositi scenderebbe al suo livello minimo (1.000 di riserve su di depositi). Cosa accadrebbe se la banca concedesse prestiti per euro? In questo caso i depostiti della banca aumenterebbero di euro e il rapporto riserve/depositi scenderebbe a 0,09 (1.000 di riserve su di depositi), scenderebbe cioè al di sotto del minimo. In questo caso, come in quello che abbiamo esaminato precedentemente, la banca deve aumentare le proprie riserve a euro chiedendo un prestito alla Banca Centrale (o vendendo alla Banca Centrale proprie attività) per un valore di 100 euro. Le attività e le passività della Banca Centrale e della banca varierebbero come indicato nella tab. 10. Bilancio della Banca Centrale Bilancio delle Banca Variazione delle attività Variazione delle passività Variazione delle attività Variazione delle passività Acquisto di titoli: Riserve della banca: Attività liquide (riserve) presso Depositi : Prestiti alla banca: 100 la Banca Centrale: Passività verso la Banca Prestiti: Centrale: 100 Tab. 10 Solo se la Banca Centrale non concedesse prestiti alla banca e non accettasse di acquistare attività emesse dalla banca, quest ultima si vedrebbe costretta, se il coefficiente minimo riserve/depositi fosse considerato vincolante, a rinunciare all espansione dei prestiti al di sopra del tetto di euro in corrispondenza del quale, nel nostro esempio numerico, il rapporto riserve/depositi risulta pari al suo livello minimo. Come si vede, a meno che la Banca Centrale non persegua una esplicita politica di contenimento dell espansione del credito bancario, la presenza della moneta legale non modifica la conclusione generale secondo cui la domanda di prestiti determina l offerta di mezzi di pagamento sotto forma di depositi. 149

16 3.3 Creazione e distruzione di mezzi di pagamento nel caso generale Sulla scorta dei due paragrafi precedenti possiamo ora esaminare il caso generale di un sistema monetario in economia aperta nel quale le banche ordinarie e la Banca Centrale interagiscono. Il quadro che abbiamo delineato finora deve essere modificato in due aspetti rilevanti, ma come vedremo le conclusioni generali che abbiamo raggiunto rimangono sostanzialmente valide. Il primo aspetto che dobbiamo considerare è che in una economia aperta un sistema economico fa uso per i pagamenti internazionali di una moneta, la valuta estera, che esso non può creare. La Banca Centrale può acquistare (o vendere) valute estere creando (o distruggendo) base monetaria ma non può per definizione creare moneta estera. Il secondo aspetto di cui dobbiamo tener conto è che ora nel sistema bancario le banche sono in relazione reciproca. Ai nostri fini ciò ha due conseguenze importanti. La prima è che tutti i pagamenti effettuati utilizzando i depositi danno luogo ora a trasferimenti di depositi tra banche. Ne segue che i pagamenti effettuati attraverso trasferimenti di depositi possono dar luogo, per le singole banche, a sbilanciamenti tra i trasferimenti effettuati a favore dei propri clienti e i trasferimenti dei propri clienti a favore di clienti di altre banche. Per effetto di tali sbilanciamenti, ci saranno banche con un saldo positivo e banche con un saldo negativo tra accreditamenti e addebitamenti, con la conseguenza che queste ultime dovranno utilizzare moneta della banca centrale (cioè riserve) per sanare il proprio disavanzo. Nella compensazione fra banche, avremo perciò banche in avanzo, che accumulano riserve al di sopra del minimo, e banche in disavanzo, che possono trovarsi nella necessità di reperire riserve, cioè moneta della Banca Centrale. La seconda conseguenza dell interazione tra le banche in un sistema bancario articolato è che le singole banche che si trovino nella necessità di procurarsi moneta della Banca Centrale, ora possono rivolgersi, oltre che alla Banca Centrale, anche ad altre banche del sistema. Il mercato su cui le banche intrattengono rapporti di credito e di debito concedendo e ottenendo prestiti in moneta della Banca Centrale prende il nome di mercato monetario interbancario. Fatte queste precisazioni, nel sistema bancario nel suo complesso la creazione e la distruzione di mezzi di pagamento avviene secondo lo schema che possiamo desumere dall analisi della creazione e distruzione di mezzi di pagamento condotta nei paragrafi 3.1 e 3.2. Per il sistema bancario nel suo complesso, i prestiti concessi dalle banche generano depositi, che rappresentano i mezzi di pagamento creati dal sistema bancario. Poiché la restituzione dei prestiti implica una distruzione di depositi, la creazione netta di mezzi di pagamento è pari alla concessione di nuovi prestiti al netto dei prestiti rimborsati. Se guardiamo ai prestiti, come stiamo facendo, dal punto di vista del finanziamento di attività 150

17 che generano potere d acquisto, i mezzi di pagamento creati dal sistema bancario, cioè i depositi, vengono generati nel sistema bancario a fronte della domanda di strumenti di trasferimento del potere d acquisto generato a sua volta nell attività di produzione. Con l espansione dei depositi sorge una domanda di riserve (cioè di moneta della Banca Centrale) da parte delle banche che, come abbiamo già detto, necessitano di mantenere un certo ammontare minimo di riserve a fronte dell incremento dei depositi, sia come riserve precauzionali sia come riserve obbligatorie. La Banca Centrale può creare riserve su richiesta delle banche in uno dei modi di seguito illustrati con un esempio numerico (o da una loro combinazione). Supporremo che il sistema bancario conceda prestiti, al netto dei rimborsi, a famiglie, imprese e settore pubblico per un valore di 100 milioni di euro, e che i depositi nell intero sistema bancario aumentino di altrettanto. Se il rapporto minimo riserve/deposito fosse di 0,10, nel nostro esempio la domanda di riserve minime da parte delle banche sarebbe di 10 milioni di euro. La Banca Centrale concede prestiti alle banche. In questo caso, nel bilancio delle banche nel loro complesso (bilancio consolidato delle banche) le attività aumenterebbero di 10 alla voce attività liquide presso la Banca Centrale e le passività aumenterebbero di altrettanto. Nel bilancio della Banca Centrale le attività aumenterebbero di 10 alla voce prestiti alle banche e le passività aumenterebbero di altrettanto alla voce riserve bancarie detenute dalle banche nei depositi a vista presso la Banca Centrale (tab. 11). Bilancio del sistema bancario Bilancio delle Banca Centrale Variazione delle attività Variazione delle passività Variazione delle attività Variazione delle passività Prestiti al netto dei rimborsi 100 Depositi 100 Prestiti alle banche 10 Riserve bancarie 10 Attività liquide (riserve) presso Passività verso la Banca la Banca Centrale 10 Centrale 10 Tab. 11 La Banca Centrale acquista titoli di credito emessi dalle banche. Nel bilancio della Banca Centrale le attività aumentano alla voce acquisto di titoli emessi dalle banche e le passività aumentano di altrettanto alla voce riserve. Il bilancio consolidato delle banche si modificherebbe come nel caso precedente (tab. 12). Bilancio del sistema bancario Bilancio delle Banca Centrale Variazione delle attività Variazione delle passività Variazione delle attività Variazione delle passività Prestiti al netto dei rimborsi 100 Depositi 100 Acquisto di titoli emessi Riserve bancarie 10 Attività liquide (riserve) presso Passività verso la Banca dalle banche 10 la Banca Centrale: 10 Centrale 10 Tab. 12 La Banca Centrale effettua operazioni di risconto. Con questa modalità la Banca Centrale acquista dalle banche titoli di credito (come, tipicamente, cambiali) già 151

18 scontati dalle banche, pagandoli con moneta della Banca Centrale. Si tratta di titoli di credito che le banche hanno acquistato dal settore privato per una somma inferiore al valore nominale del titoli di credito stessi (è per questo che tale operazione si chiama di sconto). Acquistandoli dalle banche a un prezzo inferiore a quello già scontato dalle banche, la Banca Centrale li sconta nuovamente: li risconta appunto. Bilancio del sistema bancario Bilancio delle Banca Centrale Variazione delle attività Variazione delle passività Variazione delle attività Variazione delle passività Prestiti al netto dei rimborsi 100 Depositi 100 Operazioni di risconto 10 Riserve bancarie 10 Titoli di credito scontati -10 Attività liquide (riserve) presso la Banca Centrale 10 Tab. 13 In questo caso, le attività del sistema bancario diminuiscono di 10 per effetto della vendita alla Banca Centrale di titoli di credito ottenuti in sconto, mentre aumentano di pari importo alla voce riserve ottenute dalla Banca Centrale con l operazione di risconto (tab. 13). Nel bilancio della Banca Centrale le operazione di acquisto dei titoli in risconto fa aumentare le attività di 10 a fronte di un aumento di pari importo delle passività alla voce riserve (tab. 13). 3.4 Conclusioni: la natura dei mezzi di pagamento creati in una economia monetaria La discussione condotta finora conduce alla conclusione generale che l offerta di mezzi di pagamento sotto forma di depositi dipende dalla domanda di prestiti che il sistema bancario decide di soddisfare. Nell ottica nella quale stiamo esaminando la generazione dei mezzi di pagamento, la domanda di prestiti, e quindi di mezzi di pagamento, deriva essenzialmente dalle necessità di finanziare oggi una attività economica in vista di un reddito futuro. Quando le imprese acquistano merci (materie prime, semilavorati, mezzi di produzione) e servizi del lavoro di vario tipo da altre imprese e dalle famiglie, si genera nel sistema economico potere d acquisto. Chi vende merci e servizi acquisisce un potere di acquistare altre merci e servizi di qualsiasi genere. Contemporaneamente vengono a generarsi rapporti di credito e di debito. Chi acquista merci e servizi per realizzare una produzione che dovrà essere venduta, si indebita nei confronti dei soggetti economici che li vendono. Se la produzione e la vendita di merci e servizi fosse simultanea, il potere d acquisto sarebbe immediatamente realizzato e i rapporti di credito e di debito sarebbero immediatamente risolti. Se, come avviene, la produzione messa in cantiere oggi sarà realizzata e venduta in futuro, l attività produttiva richiede che i soggetti che acquistano merci e servizi per 152

19 produrre oggi e vendere domani, dispongano di strumenti di finanziamento concessi a fronte di promesse di restituzione in futuro. La stessa cosa possiamo dire nel caso in cui siano le famiglie a chiedere prestiti per effettuare acquisti a fronte di promesse di pagamento che si impegnano ad onorare con il loro reddito futuro. Questa dimensione temporale introduce un elemento di incertezza connaturato all attività produttiva: diviene semplicemente impossibile accertare in anticipo tutte le condizioni necessarie a stabilire se le promesse di pagamento generate nella produzione e distribuzione di merci e servizi potranno essere onorate. Abbiamo visto come, in tali condizioni, il sistema monetario formato dalle banche e dalla Banca Centrale trasformi in moneta promesse di pagamento generate dai rapporti di debito e di credito connessi all attività produttiva. La moneta trova così la sua ragion d essere nella necessità di trasferire integralmente nel tempo un potere d acquisto nominale generato nell attività economica in condizioni di incertezza. Se la domanda di prestiti oggi dipende, essenzialmente, dal livello dell attività economica che ci si attende in futuro, i prestiti effettivamente concessi dipendono da una sorta di negoziazione tra le banche e i soggetti economici che domandano prestiti (imprese ma anche famiglie). Infatti, è importante sottolineare che nel processo di creazione dei mezzi di pagamento la banca non svolge un ruolo passivo. Le banche operano come imprese che devono valutare rischi e rendimenti della propria attività. La concessione di prestiti è, dunque, subordinata a una valutazione della banca sulle condizioni di solvibilità dei richiedenti. La domanda di prestiti da parte di un soggetto economico, sia esso una impresa o una famiglia, giudicato non idoneo a ottenere il prestito non darebbe luogo ad alcuna creazione di mezzi di pagamento. Le condizioni a cui i prestiti vengono concessi, cioè i tassi di interesse praticati dalle banche, riflettono pertanto non solo i rischi dei debitori ma anche i rapporti di forza tra chi offre prestiti (le banche) e chi domanda prestiti (le imprese e le famiglie). La presenza della moneta di corso legale emessa dalla Banca Centrale non modifica tale conclusione nei limiti in cui la necessità di disporre di moneta della Banca Centrale da parte delle banche è assecondata dalla Banca Centrale stessa come avviene nei casi esaminati sopra. Tuttavia, l azione della Banca Centrale non è puramente passiva a fronte della domanda di riserve da parte delle banche, come d altra parte non lo è la condotta delle banche a fronte della domanda di prestiti. Bisogna considerare inoltre, come abbiamo visto nel paragrafo 3.2, che la Banca Centrale può di sua iniziativa creare base monetaria attraverso le operazioni di mercato aperto. Dobbiamo allora considerare più attentamente se la presenza e la condotta della Banca Centrale modifichi la conclusione generale secondo cui la quantità di moneta viene generata endogenamente al sistema 153

20 economico. All esame del ruolo della Banca Centrale nel processo di creazione di mezzi di pagamento è dedicato il paragrafo successivo. 4. La Banca Centrale, la base monetaria e l offerta di moneta Come sappiamo dal paragrafo 2, una delle funzioni più importanti della Banca Centrale è quella di essere l istituto di emissione della moneta di corso legale. Nel paragrafo precedente abbiamo definito la base monetaria come la somma di circolante e riserve bancarie e abbiamo visto come la Banca Centrale crei base monetaria quando concede prestiti alle banche o acquista titoli di credito da esse. Nel presente paragrafo esamineremo il processo di creazione (o distruzione) di base monetaria e i suoi effetti sulla creazione di depositi in termini più generali. I canali attraverso cui la Banca Centrale può creare (o distruggere) base monetaria sono tutti quelli attraverso cui essa acquista (o vende) attività creando (o distruggendo) proprie passività. Tali canali possono essere classificati come segue: (a) i canali attraverso cui la Banca Centrale crea (o distrugge) base monetaria su richiesta delle banche, e precisamente: 1. il finanziamento delle aziende di credito attraverso la concessione di prestiti alle banche 2. gli acquisti di attività emesse o detenute dalle banche 3. le operazioni di risconto (b) i canali attraverso cui la Banca Centrale crea (o distrugge) base monetaria su propria iniziativa attraverso: 1. le operazioni di mercato aperto 2. gli acquisti di titoli pubblici emessi dal settore pubblico a copertura del disavanzo (c) l acquisto (o la vendita) di attività sull estero attraverso cui la Banca Centrale interviene sui mercati dei cambi. Della creazione di base monetaria attraverso i rapporti con il sistema bancario, abbiamo già detto nel paragrafo 3.3. Quando crea (o distrugge) base monetaria (riserve) su iniziativa delle banche, la Banca Centrale non fa che adeguare l offerta di riserve alla domanda proveniente dalle banche. Esaminiamo * più da vicino questo tipo di interazione. Se indichiamo con rb il rapporto minimo riserve/depositi, possiamo facilmente stabilire una relazione lineare tra il D livello minimo di riserve domandato dalle banche ( RIS min ) e il livello dei depositi (DEP): 154

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria.

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria. Politica monetaria Obiettivi principali della politica monetaria stabilità monetaria interna (controllo dell inflazione) stabilità monetaria esterna (stabilità del cambio e pareggio della BdP) ma può avere

Dettagli

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI.

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. BancoPosta www.bancoposta.it numero gratuito: 800 00 33 22 COME CAMBIANO INCASSI E PAGAMENTI CON LA SEPA PER I TITOLARI DI CONTI CORRENTI BANCOPOSTA DEDICATI

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Testo del Trattato MES (Meccanismo Europeo di Stabilità)

Testo del Trattato MES (Meccanismo Europeo di Stabilità) Testo del Trattato MES (Meccanismo Europeo di Stabilità) Il nuovo fondo salva stati Testo TRATTATO CHE ISTITUISCE IL MECCANISMO EUROPEO DI STABILITÀ TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA FEDERALE DI GERMANIA

Dettagli

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda!

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda! Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA Informati, ti riguarda! 3 La SEPA (Single Euro Payments Area, l Area unica dei pagamenti in euro) include 33 Paesi: 18 Paesi della

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014 INFORMAZIONI SU CREDIVENETO Denominazione e forma giuridica CREDITO COOPERATIVO INTERPROVINCIALE VENETO Società Cooperativa Società Cooperativa per Azioni a Resp. Limitata Sede Legale e amministrativa:

Dettagli

Bonifici provenienti dall estero. Il servizio consente di incassare i propri crediti attraverso bonifici provenienti da banca estere.

Bonifici provenienti dall estero. Il servizio consente di incassare i propri crediti attraverso bonifici provenienti da banca estere. 18/05/2009 FOGLIO INFORMATIVO ai sensi della delibera CICR 4.3.2003 e istruzioni di vigilanza di Banca d Italia in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari Bonifici provenienti dall

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO N. 38/006 Relativo a: Operazioni di pagamento non rientranti in un contratto quadro ai sensi del D.LGS. N.

FOGLIO INFORMATIVO N. 38/006 Relativo a: Operazioni di pagamento non rientranti in un contratto quadro ai sensi del D.LGS. N. INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di BUCCINO Società Cooperativa fondata nel 1982 Sede legale in Buccino, Piazza Mercato Loc. Borgo, cap. 84021 Tel.: 0828-752200 Fax: 0828-952377 [e-mail

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

ECC-Net: Travel App2.0

ECC-Net: Travel App2.0 ECC-Net: Travel App2.0 In occasione del 10 anniversario dell ECC- Net, la rete dei centri europei per i consumatori lancia la nuova versione dell ECC- Net Travel App. Quando utilizzare questa applicazione?

Dettagli

FISCALI. con il cd. decreto «salva Italia» (D.L. 6

FISCALI. con il cd. decreto «salva Italia» (D.L. 6 Guida ai NOVITÀ CIRCOLAZIONE del CONTANTE: LIMITAZIONI NAZIONALI e COMUNITARIE Analisi della circolazione del contante alla luce degli interventi chiarificatori offerti dal Mef, dall Agenzia delle Entrate,

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA Perché la Banca d Italia detiene le riserve ufficiali del Paese? La proprietà delle riserve ufficiali è assegnata per legge alla Banca d Italia. La Banca d Italia

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Aggiornato al 19/12/2014 1

Aggiornato al 19/12/2014 1 SERVIZI Estero Foglio Informativo n. 041108 Finanziamenti Import TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Garibaldi 29 26013 Crema (CR) Tel.: 0373/8771 Fax: 0373/259562

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Package di Conto Corrente Conto Genius First Non Residenti

Package di Conto Corrente Conto Genius First Non Residenti LG00000NEW.bmp Foglio Informativo n. CC90 Aggiornamento n. 035 Data ultimo aggiornamento 01.10.2014 Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari ai sensi degli artt. 115

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

LA BANC A CENTRALE EUROPEA L EUROSISTEMA DI BANCHE CENTRALI

LA BANC A CENTRALE EUROPEA L EUROSISTEMA DI BANCHE CENTRALI LA BANC A CENTRALE EUROPEA L EUROSISTEMA IL SISTEMA EUROPEO DI BANCHE CENTRALI INDICE Prefazione del Presidente della Banca centrale europea 3 1 Il cammino verso l Unione economica e monetaria 1.1 L integrazione

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893)

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) N. 26 - Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) 1. IL NUMERO DEI PARLAMENTARI NELLE DIVERSE COSTITUZIONI La scelta del numero dei parlamentari è un

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA,

TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA, TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA, IL REGNO DI DANIMARCA, LA REPUBBLICA FEDERALE DI GERMANIA,

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA procede alla raccolta di domande al fine di effettuare selezioni per eventuali assunzioni con contratto subordinato, a tempo determinato, relativamente al Festival Areniano

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche

Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche Se la Banca non ci fosse... Come accade per tutte quelle aziende che servono in ogni momento

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI)

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) 4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Tutte le persone che abitano o esercitano un attività lucrativa in Svizzera sono per principio

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Il presente modulo, sottoscritto e corredato della documentazione necessaria, può essere: consegnato in un qualunque Ufficio Postale

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Scelta sotto incertezza

Scelta sotto incertezza Scelta sotto incertezza 1. Introduzione Nei capitoli 1 e 2 della microeconomia standard si studia la scelta dei consumatori e dei produttori, che hanno un informazione perfetta sulle circostanze che caratterizzano

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo Agrobresciano Soc. Coop. Piazza Roma, 17-25016 - GHEDI (BS) Tel. : 03090441 - Fax: 0309058501 Email:

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO

8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO N. XVIII LEGGE DI CONFERMA DEL DECRETO N. XI DEL PRESIDENTE DEL GOVERNATORATO, RECANTE NORME IN MATERIA DI TRASPARENZA, VIGILANZA ED INFORMAZIONE FINANZIARIA, DELL 8 AGOSTO 2013 8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI PESCIA-CREDITO COOPERATIVO SOC.COOP. Via Alberghi n. 26-51012 - PESCIA (PT) Tel. : 0572-45941 - Fax: 0572-451621 Email:

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA Periodico quindicinale FE n. 02 7 marzo 2012 COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA ABSTRACT Il crescente utilizzo del web ha contribuito alla diffusione dell e-commerce quale mezzo alternativo

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

scolastici europei dellõ istruzione in Europa2012 Sistemi scolastici europei 2012 Sistemi di valutazione ALCUNI PAESI A CONFRONTO

scolastici europei dellõ istruzione in Europa2012 Sistemi scolastici europei 2012 Sistemi di valutazione ALCUNI PAESI A CONFRONTO n n u u m e r r o m o n o g r a nf i u c m o e r o m Sistemi scolastici europei Sistemi 2012 Sistemi di valutazione scolastici europei Sistemi sc dellõ istruzione in Europa2012 ALCUNI PAESI A CONFRONTO

Dettagli