REGOLAMENTO DEL SERVIZIO MENSA E DEI BUONI PASTO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO DEL SERVIZIO MENSA E DEI BUONI PASTO"

Transcript

1 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO MENSA E DEI BUONI PASTO ART. 1 - PRINCIPI GENERALI La normativa contrattuale vigente in materia del servizio mensa e dei buoni pasto per i dipendenti è contenuta negli art. 45 e 46 del CCNL del 14 settembre 2000 del Comparto Regioni e Autonomie locali. La scelta di istituire all interno di un amministrazione locale il servizio mensa o di concedere buoni pasto sostitutivi è effettuata da ciascun ente in relazione al proprio assetto organizzativo compatibilmente con le risorse disponibili e con modalità d attuazione rimesse alle scelte discrezionali dell Ente. Il Comune di Ponderano, in relazione al proprio assetto organizzativo ed in ottemperanza alle disposizioni contrattuali, assicura al proprio personale in servizio a tempo indeterminato e determinato sia a tempo pieno che a tempo parziale, compreso Dirigenti, Direttore Generale e Segretario Generale, avente diritto in base a quanto indicato nel presente disciplinare, il servizio sostitutivo di mensa aziendale erogato sotto forma di ticket restaurant (buono pasto) del valore nominale di 5,29 alle condizioni indicate dai successivi articoli. Il Comune di Ponderano assicura, inoltre, al personale educativo e ausiliario in servizio presso l asilo nido, il servizio di mensa, erogato presso la struttura di appartenenza tramite gestione diretta o gestione esterna affidata a ditta specializzata, con consumazione del pasto in sede al fine di assicurare, in tal modo, continuità didattica, vigilanza ed assistenza ai minori. Salvo casi particolari specificati nei successivi articoli, l erogazione giornaliera del buono pasto in sostituzione del servizio di mensa è regolata dalle seguenti condizioni: a) il lavoratore deve essere in servizio e deve effettuare le regolari timbrature della giornata;

2 b) deve prestare attività lavorativa al mattino, effettuare la pausa pranzo non inferiore a trenta minuti e non superiore a due ore nell ambito della fascia pausa pranzo e proseguire l attività lavorativa al pomeriggio per almeno altre due ore; c) deve prestare attività lavorativa nella giornata per oltre sei ore complessive, escluso il tempo della pausa pranzo; d) la consumazione del pasto deve avvenire al di fuori dell orario di lavoro, entro la fascia pausa pranzo stabilita tra le ore 12:00 e le ore 14:30; al di fuori di tale fascia oraria, pur nel rispetto tempo minimo/massimo della pausa pranzo, il buono pasto non potrà essere assegnato. E esclusa la possibilità di attribuzione di più di un buono pasto al giorno anche nel caso in cui l attività lavorativa si protragga in ore serali e notturne. Il diritto al servizio sostitutivo di mensa è connesso alla prestazione del servizio, certificata dai sistemi di rilevazione. Il diritto al buono pasto non decade in caso di fruizione dei sottoindicati permessi ad ore in quanto tali periodi sono considerati ore lavorative agli effetti della durata del lavoro: - riposi giornalieri (ex allattamento); - assemblea sindacale; - permessi sindacali (art. 11 CCNQ 98); - permessi RSU. Non si ha diritto al buono pasto nei giorni di assenza dal servizio per l intera giornata, comunque essa sia giustificata e nei giorni in cui non si effettua il rientro pomeridiano. ART. 2 - TIPOLOGIE BUONI PASTO Convenzionalmente i buoni pasto sono suddivisi in due tipologie: - buono pasto ordinario, attribuibile nelle giornate di lavoro ordinario articolato su mattino e pomeriggio; - buono pasto straordinario, attribuibile nelle giornate di lavoro ordinario antimeridiano con lavoro straordinario pomeridiano purchè debitamente autorizzato. ART. 3 - ASSEGNAZIONE DEL BUONO PASTO ORDINARIO

3 Il personale soggetto ad articolazione dell orario di lavoro su cinque/sei giorni settimanali con sabati alternati e con due rientri pomeridiani, può usufruire di un buono pasto per ogni giornata con rientro pomeridiano ordinario, nel rispetto di quanto indicato nelle lettere a), b), c) e d) del precedente art. 1. Per questa tipologia, la disponibilità per ciascun dipendente è stabilita nel numero massimo di 100 buoni pasto annui. Il personale soggetto ad articolazione dell orario di lavoro su sei giorni settimanali con cinque rientri pomeridiani, può usufruire di un buono pasto per ogni giornata con rientro pomeridiano ordinario, nel rispetto di quanto indicato nelle lettere a), b), c) e d) del precedente art. 1. Per questa tipologia, la disponibilità per ciascun dipendente è stabilita nel numero massimo di 250 buoni pasto annui. ART. 4 - ASSEGNAZIONE DEL BUONO PASTO STRAORDINARIO Il personale che per motivate esigenze di servizio è autorizzato ad effettuare lavoro straordinario di due o più ore in un giorno non previsto per il rientro pomeridiano, può usufruire di un buono pasto nel rispetto di quanto indicato nelle lettere a), b), c) e d) del precedente art. 1. In assenza della determina di autorizzazione a compiere lavoro straordinario comprensiva di copertura finanziaria per i costi da essa derivati e in presenza di casi di recupero debiti orari, il buono pasto non può essere attribuito. Per questa tipologia, la disponibilità per ciascun dipendente è stabilita nel numero massimo di 30 buoni pasto annui. ART ASSEGNAZIONE DEL BUONO PASTO STRAORDINARIO AL PERSONALE TITOLARE DI POSIZIONE ORGANIZZATIVA E AL SEGRETARIO COMUNALE Il personale titolare di posizione organizzativa e il Segretario Comunale che per motivate esigenze di servizio effettua lavoro straordinario di due o più ore in un giorno non previsto per il rientro pomeridiano, può usufruire di un buono pasto nel rispetto di quanto indicato nelle lettere a), b), c) e d) del precedente art. 1. In presenza di casi di recupero debiti orari il buono pasto non può essere attribuito.

4 Per questa tipologia, la disponibilità per ciascun dipendente è stabilita nel numero massimo di 30 buoni pasto annui. ART. 5 MENSA AL PERSONALE EDUCATIVO E AUSILIARE DELL ASILO NIDO Il personale in servizio presso l asilo nido può usufruire della mensa fornita dall ente con consumazione del pasto in sede per la necessaria continuità didattica, vigilanza e assistenza ai minori. L intervallo relativo alla fruizione della mensa fornita dall ente con consumazione del pasto in sede è computato a tutti gli effetti come completamento dell orario di servizio; di conseguenza non è necessario registrare la pausa. Al suddetto personale, essendo vigente il servizio di mensa fornito dall ente, non è erogabile né il buono pasto ordinario né il buono pasto straordinario. ART. 6 - ATTRIBUZIONE DEL BUONO PASTO AL PERSONALE DI VIGILANZA DELLA POLIZIA MUNICIPALE Al fine di garantire il regolare svolgimento delle particolari attività di vigilanza e la conseguente continuità dell erogazione dei servizi, il personale appartenente al corpo di Polizia Municipale con articolazione dell orario in turni, in deroga a quanto stabilito all art. 1, lettere b) c) e d), potrà fruire della pausa pranzo collocata anche all inizio o alla fine di ciascun turno di lavoro. L attribuzione dei buoni pasto al personale della Polizia Municipale turnista avviene nei seguenti casi, specificando che nel caso in cui sia assente uno dei due operatori, non potendosi garantire la continuità del servizio (almeno 10 ore con alternanza antimeridianapomeridiana), il buono pasto non potrà essere erogato: 1) il personale turnista soggetto ad articolazione di lavoro su cinque/sei giorni settimanali con sabati alternati e con cinque turni antimeridiani-pomeridiani può usufruire di un buono pasto per ogni giornata di turno della durata minima superiore alle 6:00 ore. Per questa tipologia, la disponibilità per ciascun dipendente è stabilita nel numero massimo di 250 buoni pasto annui;

5 2) il personale turnista soggetto ad articolazione di lavoro su cinque giorni settimanali con cinque turni antimeridiani-pomeridiani può usufruire di un buono pasto per ogni giornata di turno della durata minima superiore alle 6:00 ore. Per questa tipologia, la disponibilità per ciascun dipendente è stabilita nel numero massimo di 250 buoni pasto annui; 3) il personale turnista soggetto ad articolazione di lavoro su sei giorni settimanali con sei turni antimeridiani-pomeridiani può usufruire di un buono pasto per ogni giornata di turno della durata minima di 5:50 ore. Per questa tipologia, la disponibilità per ciascun dipendente è stabilita nel numero massimo di 300 buoni pasto annui. Al personale appartenente al corpo di Polizia Municipale con articolazione oraria che non preveda turni si applicano le disposizioni di cui all art. 3 e all art. 4 del presente regolamento. Al personale della Polizia Municipale in servizio nei giorni festivi non si applica il limite di 30 buoni pasto straordinari previsti all articolo 4 e viene erogato un buono pasto per ogni giornata in deroga a quanto stabilito alle lettere b) e d) dell art. 1, purchè la durata del servizio sia superiore alle sei ore continuative. Per assicurare la continuità della vigilanza, l intervallo relativo alla consumazione del pasto è computato a tutti gli effetti come completamento dell orario di servizio; di conseguenza non è necessario registrare la pausa. E esclusa la possibilità di attribuzione di più di un buono pasto al giorno anche nel caso in cui l incarico si protragga in ore serali e notturne. ART. 7 - ATTRIBUZIONE DEL BUONO PASTO AL PERSONALE IN CASO DI CONSULTAZIONI ELETTORALI Al personale impegnato nelle attività di consultazioni elettorali svolto in regime di lavoro straordinario elettorale, soltanto per il periodo autorizzato, non si applica il limite di 30 buoni pasto previsti all articolo 4, fermo restando il rispetto di quanto indicato nelle lettere a), b), c) e d) dell art. 1 del presente disciplinare. E esclusa la possibilità di attribuzione di più di un buono pasto al giorno anche in caso che l attività di straordinario elettorale si protragga in ore serali e notturne. Per questa tipologia, la disponibilità per ciascun dipendente è stabilita nel numero massimo di 15 buoni pasto per ogni consultazione elettorale.

6 ART. 8 - ATTRIBUZIONE DEL BUONO PASTO AL PERSONALE IN CASO MISSIONI o CORSI DI FORMAZIONE FUORI SEDE DI DURATA INFERIORE AD OTTO ORE I dipendenti in missione o che partecipino a corsi di formazione fuori sede della durata inferiore alle 8:00 ore, possono usufruire di un buono pasto, in base alle seguenti condizioni: - Missione/corso di formazione effettuati nei giorni non previsti per il rientro pomeridiano. Spetta il buono pasto straordinario, fermo restando il quantitativo massimo annuo previsto all art. 4 ed in deroga a quanto previsto alle lettere b) e d) dell art. 1, purchè la durata della missione/corso di formazione siano superiore a 6:00 ore continuative, comprensive dell intervallo relativo alla pausa pranzo di almeno 30 minuti, attestata da timbrature o da apposita dichiarazione del dipendente vistata dal dirigente del settore di appartenenza. - Missione/corso di formazione effettuati nei giorni con il rientro pomeridiano. Spetta il buono pasto ordinario e si segue la procedura ordinaria prevista all art. 3 con pausa pranzo di almeno 30 minuti. Se la missione è effettuata con rientro in sede oltre le 14:30, può essere attribuito il buono pasto ordinario purchè l attività lavorativa complessivamente prestata risulti superiore a 6:00 ore comprensive dell intervallo pausa pranzo. L orario del servizio deve essere attestato attraverso le regolari timbrature oppure mediante dichiarazione del dipendente vistata dal dirigente del settore di appartenenza. ART. 9 - MODALITÀ DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO La quantificazione dei buoni pasto spettanti ai dipendenti è effettuata in base al sistema di rilevazione delle presenze. I buoni pasto vengono distribuiti mensilmente ai dipendenti entro il giorno 15 del mese successivo alla maturazione del diritto alla loro ricezione. Il dipendente che entro tale data non abbia ricevuto i buoni pasto di competenza può recarsi direttamente all ufficio preposto per il loro ritiro. Con la consegna e la firma per ricevuta del dipendente, i buoni pasto entrano nella sua piena disponibilità e qualsiasi evento che non ne consenta l utilizzo, compreso il furto o lo smarrimento, non danno diritto ad altra erogazione.

7 In caso di deterioramento dei buoni pasto, l ufficio preposto può procedere alla relativa sostituzione soltanto nel caso in cui il dipendente consegni i buoni deteriorati, ma in ogni caso interi, con la possibilità di leggere il codice a barre, il relativo numero di serie progressivo e comunque non scaduti. I buoni sono spendibili fino alla data di scadenza prevista su ciascun buono. I dipendenti hanno tempo fino al trentesimo giorno successivo alla scadenza dei buoni per sostituirli con altri validi, restituendo all ufficio preposto i buoni scaduti. Dopo tale termine i buoni non possono essere sostituiti con altri validi. ART DISPOSIZIONI FINALI buoni pasto. Il presente disciplinare sostituisce le disposizioni adottate sino ad oggi in materia di

COMUNE DI CASTIGLION FIBOCCHI Provincia di Arezzo. Regolamento per la disciplina dei buoni pasto sostitutivi del servizio mensa

COMUNE DI CASTIGLION FIBOCCHI Provincia di Arezzo. Regolamento per la disciplina dei buoni pasto sostitutivi del servizio mensa COMUNE DI CASTIGLION FIBOCCHI Provincia di Arezzo Regolamento per la disciplina dei buoni pasto sostitutivi del servizio mensa approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 43 del 08/10/2014 modificato

Dettagli

COMUNE DI MOLOCHIO PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA

COMUNE DI MOLOCHIO PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA COMUNE DI MOLOCHIO PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL BUONO PASTO SOSTITUTIVO DEL SERVIZIO MENSA Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 85 del 20/12/2016 Indice:

Dettagli

COMUNE DI NIBIONNO (Provincia di Lecco) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO SOSTITUTIVO DI MENSA IN FAVORE DEL PERSONALE DIPENDENTE

COMUNE DI NIBIONNO (Provincia di Lecco) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO SOSTITUTIVO DI MENSA IN FAVORE DEL PERSONALE DIPENDENTE COMUNE DI NIBIONNO (Provincia di Lecco) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO SOSTITUTIVO DI MENSA IN FAVORE DEL PERSONALE DIPENDENTE Art. 1 Principi generali 1) Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

Comune di Civitella del Tronto. Regolamento per la disciplina del servizio di mensa a favore del personale comunale.

Comune di Civitella del Tronto. Regolamento per la disciplina del servizio di mensa a favore del personale comunale. Comune di Civitella del Tronto Regolamento per la disciplina del servizio di mensa a favore del personale comunale. Deliberazione di G.C. n 22 del 20/03/2012 Art. 1 Principi generali 1. Il presente Regolamento

Dettagli

Città di Avezzano. Regolamento per la disciplina del servizio di mensa a favore del personale comunale. Deliberazione di G.C. n 33 del

Città di Avezzano. Regolamento per la disciplina del servizio di mensa a favore del personale comunale. Deliberazione di G.C. n 33 del Regolamento per la disciplina del servizio di mensa a favore del personale comunale. Deliberazione di G.C. n 33 del 07.02.2006 MENSA AI DIPENDENTI.doc 1 SOMMARIO Art. 1 Principi generali Art. 2 Definizione

Dettagli

Regolamento per la disciplina del servizio mensa a favore del personale comunale

Regolamento per la disciplina del servizio mensa a favore del personale comunale Regolamento per la disciplina del servizio mensa a favore del personale comunale Approvato con delibera di Giunta Municipale n 331 del 16/12/2011 Art. 1 Principi generali 1) Il Presente regolamento disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO SOSTITUTIVO DI MENSA IN FAVORE DEL PERSONALE DIPENDENTE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO SOSTITUTIVO DI MENSA IN FAVORE DEL PERSONALE DIPENDENTE COMUNE DI COLORNO Prroviinciia dii Parrma REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO SOSTITUTIVO DI MENSA IN FAVORE DEL PERSONALE DIPENDENTE S:\1 Settore\SEGRETERIA\REGOLAMENTI\regolamenti albo\2012\regolamento

Dettagli

COMUNE DI VEDELAGO Provincia di Treviso

COMUNE DI VEDELAGO Provincia di Treviso COMUNE DI VEDELAGO Provincia di Treviso Settore Economico Finanziario Servizio Personale DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO (Determinazione R.G. n. 379 in data 8 novembre 2013) INDICE Art. 1 Definizioni

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese REGOLAMENTO PER L ATTRIBUZIONE E L UTILIZZO DEI BUONI PASTO A CONSUNTIVO AL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Emanato con D.R. n. 1454/2013 del 04/12/2013 Entrato

Dettagli

ALLEGATO 1 DURATA E ARTICOLAZIONE DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA A TEMPO PARZIALE

ALLEGATO 1 DURATA E ARTICOLAZIONE DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA A TEMPO PARZIALE DISCIPLINARE DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE PER IL PERSONALE REGIONALE DELLE CATEGORIE PROFESSIONALI ALLEGATO 1 DURATA E ARTICOLAZIONE DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA A TEMPO PARZIALE DISPOSIZIONI

Dettagli

COMUNE DI GALLIO Provincia di Vicenza

COMUNE DI GALLIO Provincia di Vicenza COMUNE DI GALLIO Provincia di Vicenza REGOLAMENTO ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI ACCESSO DEL PUBBLICO approvato con deliberazione di Giunta comunale n. 39 dell 8 aprile 2015 Allegato sub A alla deliberazione

Dettagli

Regolamento comunale per la disciplina dell orario di servizio e di lavoro

Regolamento comunale per la disciplina dell orario di servizio e di lavoro Regolamento comunale per la disciplina dell orario di servizio e di lavoro INDICE Art. 1 Definizioni Art. 2 L orario di servizio Art. 3 L orario di apertura al pubblico Art. 4 - L'orario di lavoro ordinario

Dettagli

Regolamento in materia di orario di servizio e di lavoro

Regolamento in materia di orario di servizio e di lavoro Regolamento in materia di orario di servizio e di lavoro Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 32 del 13.12.2010 Regolamento in materia di orario di servizio e di lavoro Indice

Dettagli

La Delegazione di parte pubblica è presieduta da. VISTO l art. 19 del CCNL Comparto Ministeri, per il quadriennio ;

La Delegazione di parte pubblica è presieduta da. VISTO l art. 19 del CCNL Comparto Ministeri, per il quadriennio ; BOZZA ACCORDO DECENTRATO SULLE MODALITA DI ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE DELL AMMINISTRAZIONE CIVILE DELL INTERNO E DEL CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO IN SERVIZIO PRESSO IL DIPARTIMENTO

Dettagli

Bozza di Accordo Decentrato su orario di lavoro

Bozza di Accordo Decentrato su orario di lavoro Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Regionale Lombardia Bozza di Accordo Decentrato su orario di lavoro Sottoscritto il a Milano In data.. le delegazioni sottoscrivono il seguente accordo decentrato

Dettagli

Settore 1 Amministrazione Generale - Organizzazione e Metodo Servizio personale REGOLAMENTO SUI TICKET MENSA

Settore 1 Amministrazione Generale - Organizzazione e Metodo Servizio personale REGOLAMENTO SUI TICKET MENSA Settore 1 Amministrazione Generale - Organizzazione e Metodo Servizio personale REGOLAMENTO SUI TICKET MENSA Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 53 in data 17.03.2010 I N D I C E Articolo

Dettagli

C O M U N E DI IGLESIAS

C O M U N E DI IGLESIAS C O M U N E DI IGLESIAS (PROVINCIA DI CARBONIA - IGLESIAS) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO SOSTITUTIVO MENSA IN FAVORE DEL PERSONALE DELL'ENTE. Approvato con deliberazione della Giunta comunale

Dettagli

* * * * * REGOLAMENTO COMUNALE PER L'EROGAZIONE DEI BUONI PASTO AL PERSONALE DIPENDENTE. CITTÀ DI AVIGLIANO (Provincia di Potenza)

* * * * * REGOLAMENTO COMUNALE PER L'EROGAZIONE DEI BUONI PASTO AL PERSONALE DIPENDENTE. CITTÀ DI AVIGLIANO (Provincia di Potenza) ALLEGATO" A" DELIBERA G.c. N. 44 DEL 10/04/2008 CITTÀ DI AVIGLIANO (Provincia di Potenza) * * * * * REGOLAMENTO COMUNALE PER L'EROGAZIONE DEI BUONI PASTO AL PERSONALE DIPENDENTE * * * * * Articolo 1 (Condizioni

Dettagli

Comune di San Giorgio di Pesaro REGOLAMENTO IN MATERIA DI POLITICHE DELL ORARIO DI LAVORO

Comune di San Giorgio di Pesaro REGOLAMENTO IN MATERIA DI POLITICHE DELL ORARIO DI LAVORO Comune di San Giorgio di Pesaro REGOLAMENTO IN MATERIA DI POLITICHE DELL ORARIO DI LAVORO Articolo 1 OGGETTO 1. Il presente Regolamento, adottato con le capacità e i poteri del privato datore di lavoro

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO (delibera della G.C. n. 16 del )

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO (delibera della G.C. n. 16 del ) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO (delibera della G.C. n. 16 del 09.03.2016) INDICE Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO pag. 3 Art. 2 L ORARIO DI SERVIZIO pag. 3 Art.

Dettagli

COMUNE DI CAROVILLI. ( Provincia di ISERNIA ) via Costa Ospedale n 1 cap. 86083 C.F. e P.I. 00070170949

COMUNE DI CAROVILLI. ( Provincia di ISERNIA ) via Costa Ospedale n 1 cap. 86083 C.F. e P.I. 00070170949 COMUNE DI CAROVILLI ( Provincia di ISERNIA ) via Costa Ospedale n 1 cap. 86083 C.F. e P.I. 00070170949 via Costa Ospedale n 1 - Tel. 0865-838400 - Fax 0865-838405 - e-mail: comune@carovilli.info ORARIO

Dettagli

COMUNE DI MONTECRESTESE

COMUNE DI MONTECRESTESE COMUNE DI MONTECRESTESE Provincia del Verbano Cusio Ossola DELIBERAZIONE N. 14 DEL 02.02.2016 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: ISTITUZIONE BUONO PASTO SOSTITUTIVO DEL SERVIZIO MENSA

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE E L UTILIZZO-FRUIZIONE DEI BUONI PASTO (SERVIZIO SOSTITUTIVO DI MENSA AZIENDALE)

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE E L UTILIZZO-FRUIZIONE DEI BUONI PASTO (SERVIZIO SOSTITUTIVO DI MENSA AZIENDALE) Comune di San Martino buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE E L UTILIZZO-FRUIZIONE DEI BUONI PASTO (SERVIZIO SOSTITUTIVO DI MENSA AZIENDALE) Art. 1 Principi generali 1.

Dettagli

COMUNE DI PALAZZO ADRIANO Provincia di Palermo

COMUNE DI PALAZZO ADRIANO Provincia di Palermo COMUNE DI PALAZZO ADRIANO Provincia di Palermo REGOLAMENTO PER L ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO APPROVATO CON DELIBERA DI G.C. N. 146 DEL 26.11.2013 REGOLAMENTO AFFISSO ALL ALBO PRETORIO DAL 28.11.2013

Dettagli

C O M U N E DI IGLESIAS

C O M U N E DI IGLESIAS C O M U N E DI IGLESIAS (PROVINCIA DI CARBONIA - IGLESIAS) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO SOSTITUTIVO MENSA IN FAVORE DEL PERSONALE DELL'ENTE. Approvato con deliberazione della Giunta comunale

Dettagli

COMUNE DI SIURGUS DONIGALA Provincia di Cagliari

COMUNE DI SIURGUS DONIGALA Provincia di Cagliari COMUNE DI SIURGUS DONIGALA Provincia di Cagliari REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE ART. 1 NORME DI PRINCIPIO

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI APERTURA AL PUBBLICO DEL COMUNE DI CAPRANICA PRENESTINA

REGOLAMENTO DELL ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI APERTURA AL PUBBLICO DEL COMUNE DI CAPRANICA PRENESTINA REGOLAMENTO DELL ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI APERTURA AL PUBBLICO DEL COMUNE DI CAPRANICA PRENESTINA Approvato con deliberazione G.M. n. 79 del 27.10.2010 Articolo 1: Orario di servizio. L orario

Dettagli

COMUNE DI MONTE SAN SAVINO (Provincia di Arezzo)

COMUNE DI MONTE SAN SAVINO (Provincia di Arezzo) COMUNE DI MONTE SAN SAVINO (Provincia di Arezzo) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO DEI DIPENDENTI DEL COMUNE DI MONTE SAN SAVINO Articolo 1 Definizioni 1. Per Orario

Dettagli

RACCOLTA PARERI CONTRARI ART 24 (ARAN E FUNZIONE PUBBLICA)

RACCOLTA PARERI CONTRARI ART 24 (ARAN E FUNZIONE PUBBLICA) RACCOLTA PARERI CONTRARI ART 24 (ARAN E FUNZIONE PUBBLICA) Parere UPPA n. 4/08 Oggetto: lavoratori turnisti quesito in merito alle festività lavorate. Al Comune di Campagnola Emilia Piazza Roma, 2 42012

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico ACCORDO QUADRO SULL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO La DELEGAZIONE DI PARTE PUBBLICA e le ORGANIZZAZIONI SINDACALI, considerata la necessità di adottare una disciplina

Dettagli

intero) lavorativi, come mese intero)

intero) lavorativi, come mese intero) FERIE QUANTI GIORNI DI FERIE ALL ANNO per le Aree professionali Numero giorni di ferie annui 20 giorni lavorativi durante l anno in cui è avvenuta l assunzione (da proporzionare in relazione ai mesi di

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO. Provincia di Perugia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO DEI PERMESSI E DELLE FERIE DEL PERSONALE COMUNALE

COMUNE DI CORCIANO. Provincia di Perugia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO DEI PERMESSI E DELLE FERIE DEL PERSONALE COMUNALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO DEI PERMESSI E DELLE FERIE DEL PERSONALE COMUNALE Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 46 del 31/3/2016 Modificato con delibera di Giunta Comunale

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI LUCANIA (Prov. di Potenza)

COMUNE DI GENZANO DI LUCANIA (Prov. di Potenza) COMUNE DI GENZANO DI LUCANIA (Prov. di Potenza) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO (approvato con deliberazione della G.C. n.33 del 29 maggio 2014) (modificato deliberazione della

Dettagli

COMUNE DI SANTA MARINA

COMUNE DI SANTA MARINA COMUNE DI SANTA MARINA Provincia di Salerno REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI APERTURA AL PUBBLICO DEGLI UFFICI COMUNALI Approvato con Deliberazione della Giunta

Dettagli

DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO, DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO

DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO, DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO DISCIPLINA DELL E DI SERVIZIO, DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO Delibera della Giunta municipale n. 113 del 09/06/2011 Indice Art.1 l orario di lavoro Art.2 Orario di servizio Art.3 Orario

Dettagli

COMUNE DI MAZARA DEL VALLO

COMUNE DI MAZARA DEL VALLO Repubblica Italiana COMUNE DI MAZARA DEL VALLO NUOVO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DELLA BANCA ORE. Approvato con deliberazione di G.M. n.7 del 14.01.2012.

Dettagli

Regolamento aziendale dell orario di lavoro Per il personale del comparto SSN

Regolamento aziendale dell orario di lavoro Per il personale del comparto SSN Regolamento aziendale dell orario di lavoro Per il personale del comparto SSN Art. 1 Fonti e campo di applicazione Il presente regolamento disciplina l orario di lavoro del personale del comparto del SSN

Dettagli

REGOLAMENTO ORARIO DI SERVIZIO E DI ACCESSO DEL PUBBLICO

REGOLAMENTO ORARIO DI SERVIZIO E DI ACCESSO DEL PUBBLICO .. COMUNE DI MONTALBANO JONICO PROVINCIA DI MATERA REGOLAMENTO ORARIO DI SERVIZIO E DI ACCESSO DEL PUBBLICO Approvato con Delibera di G.C. n. 69 del 31.03.2009 Indice: ART. 1: Orario di servizio. 3 Titolo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE ALLEGATO A ALLA DELIBERA DI G.C. N.34 DEL 28 MARZO 2014 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE ART. 1 NORME DI

Dettagli

CITTÀ DI FIUMICINO (Provincia di Roma) REGOLAMENTO PER LA REPERIBILITÀ DEL PERSONALE DIPENDENTE

CITTÀ DI FIUMICINO (Provincia di Roma) REGOLAMENTO PER LA REPERIBILITÀ DEL PERSONALE DIPENDENTE CITTÀ DI FIUMICINO (Provincia di Roma) REGOLAMENTO PER LA REPERIBILITÀ DEL PERSONALE DIPENDENTE Approvato con deliberazione di Giunta comunale n. 56 del 22 febbraio 2002. Integrato con deliberazioni di

Dettagli

COMUNE DI CASORIA (Provincia di Napoli)

COMUNE DI CASORIA (Provincia di Napoli) COMUNE DI CASORIA (Provincia di Napoli) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO, DELL ORARIO DI LAVORO, DEL LAVORO STRAORDINARIO, DEI PERMESSI, DEI RITARDI E DELLE ASSENZE DEI DIPENDENTI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO DEI DIPENDENTI DEL COMUNE DI RAPOLANO TERME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO DEI DIPENDENTI DEL COMUNE DI RAPOLANO TERME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO DEI DIPENDENTI DEL COMUNE DI RAPOLANO TERME Articolo 1 - Definizioni 1. Per Orario di servizio si intende il periodo di tempo

Dettagli

Il nostro VADEMECUM. Breve guida al rapporto di lavoro per i dipendenti del. Dipartimento Risorse Umane. Dipartimento Risorse Umane

Il nostro VADEMECUM. Breve guida al rapporto di lavoro per i dipendenti del. Dipartimento Risorse Umane. Dipartimento Risorse Umane Dipartimento Risorse Umane Unità di Direzione Coordinamento servizi di autofunzionamento e d supporto, DPS Monitoraggio processi di dematerializzazione e pubblicazione sul sito istituzionale Ufficio del

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO Articolo 1 - Principi generali L'orario di servizio del personale dipendente del Comune di Filetto è fissato in trentasei ore

Dettagli

Articolo 1 FLESSIBILITA

Articolo 1 FLESSIBILITA Articolo 1 FLESSIBILITA 1. Il personale a tempo parziale a far data dell entrata in vigore della presente circolare può usufruire della stessa flessibilità del personale a tempo pieno, rispetto all orario

Dettagli

COMUNE DI SAN GENESIO ED UNITI

COMUNE DI SAN GENESIO ED UNITI COMUNE DI SAN GENESIO ED UNITI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE NUM. 14 DEL 06-02-2014 COPIA CONFORME ALL'ORIGINALE PER USO AMMINISTRATIVO E D'UFFICIO 06-02-2014 CODICE ENTE 11272 Oggetto: BUONI PASTI

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL COMUNE DI GIULIANOVA

REGOLAMENTO SULLA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL COMUNE DI GIULIANOVA REGOLAMENTO SULLA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL COMUNE DI GIULIANOVA Articolo 1- (definizioni) 1. l orario di lavoro è il periodo di tempo giornaliero durante il quale, in conformità

Dettagli

ORARIO DI LAVORO SETTIMANALE E GIORNALIERO

ORARIO DI LAVORO SETTIMANALE E GIORNALIERO Orario ORARIO DI LAVORO SETTIMANALE E GIORNALIERO L orario di lavoro settimanale è di 37 ore e 30 minuti, di norma distribuito dal lunedì al venerdì, al quale si deve applicare una riduzione di 30 minuti

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO E GIORNI DI FERIE SPETTANTI QUESITO (posto in data 7 febbraio 2012) Sono un dirigente medico dipendente del SSN dal 31 dicembre 2008. Fino al 31 agosto 2009 ho lavorato

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO COMUNE DI PIETRAPAOLA (Provincia di Cosenza) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO Approvato con delibera della Giunta Comunale n. 42 del 29/08/2016 Pubblicato all

Dettagli

ISTITUZIONE DEL SERVIZIO DI PRONTA REPERIBILITA

ISTITUZIONE DEL SERVIZIO DI PRONTA REPERIBILITA Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provincia de Aristanis Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n 273 del 30.12.2010 Pubblicato dal 24.01.2011 al 08.02.2011 ISTITUZIONE DEL

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Pagina 1 di 14 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Contingenti Art. 3 Ambito soggettivo di applicazione Art. 4 Ambito oggettivo di applicazione Art. 5 Tipologie

Dettagli

COMUNE DI SAN GREGORIO MAGNO (PROVINCIA DI SALERNO)

COMUNE DI SAN GREGORIO MAGNO (PROVINCIA DI SALERNO) COMUNE DI SAN GREGORIO MAGNO (PROVINCIA DI SALERNO) DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.108 DEL 24/06/2014 OGGETTO:Regolamento Sui Ticket mensa - Provvedimenti L anno duemilaquattordici il giorno

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO

DISCIPLINA IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO DISCIPLINA IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO ART. 01 ORARIO DI LAVORO 1. Per orario di lavoro si intende il periodo di tempo durante il quale, nel rispetto dell obbligazione contrattuale delle 36 ore settimanali

Dettagli

COMUNE di TORTORETO Provincia di Teramo

COMUNE di TORTORETO Provincia di Teramo COMUNE di TORTORETO Provincia di Teramo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 212 del 29/07/2010. Modificato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO PAGAMENTO ORE STRAORDINARIE ANNO 2008

REGOLAMENTO PAGAMENTO ORE STRAORDINARIE ANNO 2008 REGOLAMENTO PAGAMENTO ORE STRAORDINARIE ANNO 2008 Premessa: Nel contratto della Sanita pubblica lo straordinario è regolamentato dagli art. 34 CCNL 7 aprile 1999 e 39 del CCNL 20 settembre 2001. Nell art.

Dettagli

COMUNE DI CASTELLINA IN CHIANTI PROVINCIA DI SIENA DISCIPLINA ORARIO DI LAVORO PERSONALE DIPENDENTE NORME GENERALI

COMUNE DI CASTELLINA IN CHIANTI PROVINCIA DI SIENA DISCIPLINA ORARIO DI LAVORO PERSONALE DIPENDENTE NORME GENERALI ,. COMUNE DI CASTELLINA IN CHIANTI PROVINCIA DI SIENA DISCIPLINA ORARIO DI LAVORO PERSONALE DIPENDENTE NORME GENERALI L'orario di lavoro, fermo restando l'obbligo dell'effettuazione delle 36 ore settimanali,

Dettagli

COMUNE DI CONSELICE (PROVINCIA DI RAVENNA) REGOLE APPLICATIVE DEL REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO

COMUNE DI CONSELICE (PROVINCIA DI RAVENNA) REGOLE APPLICATIVE DEL REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO COMUNE DI CONSELICE (PROVINCIA DI RAVENNA) REGOLE APPLICATIVE DEL REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO Ingressi anticipati Non vengono conteggiati al fine del dovuto giornaliero le presenze anticipate rispetto

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE SULL ORARIO DI LAVORO DELLA DIRIGENZA MEDICA, SANITARIA, PROFESSIONALE, TECNICA E AMMINISTRATIVA

REGOLAMENTO AZIENDALE SULL ORARIO DI LAVORO DELLA DIRIGENZA MEDICA, SANITARIA, PROFESSIONALE, TECNICA E AMMINISTRATIVA REGOLAMENTO AZIENDALE SULL ORARIO DI LAVORO DELLA DIRIGENZA MEDICA, SANITARIA, PROFESSIONALE, TECNICA E AMMINISTRATIVA Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina l orario di lavoro del personale

Dettagli

REGOLE IN MATERIA DI PRESTAZIONE DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Febbraio 2009

REGOLE IN MATERIA DI PRESTAZIONE DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Febbraio 2009 REGOLE IN MATERIA DI PRESTAZIONE DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Febbraio 2009 1. Richieste di trasformazione del rapporto di lavoro Tutto il personale appartenente alle Aree Professionali e ai Quadri Direttivi

Dettagli

AREA DIRIGENZA MEDICA E SANITARIA Criteri generali per l organizzazione dell orario di lavoro, l impegno di servizio e la fruizione delle ferie

AREA DIRIGENZA MEDICA E SANITARIA Criteri generali per l organizzazione dell orario di lavoro, l impegno di servizio e la fruizione delle ferie AREA DIRIGENZA MEDICA E SANITARIA Criteri generali per l organizzazione dell orario di lavoro, l impegno di servizio e la fruizione delle ferie - Impegno di servizio I dirigenti assicurano la propria presenza

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE REGOLAMENTO COMUNALE DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE ART. 1 RILEVAZIONE DELLE PRESENZE Ai sensi della vigente disciplina contrattuale, l orario di lavoro dei dipendenti è accertato mediante controlli

Dettagli

Città di Lecce SETTORE EDUCAZIONE FORMAZIONE LAVORO REGOLAMENTO COMUNALE DI ORGANIZZAZIONE E DI ACCESSO AL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

Città di Lecce SETTORE EDUCAZIONE FORMAZIONE LAVORO REGOLAMENTO COMUNALE DI ORGANIZZAZIONE E DI ACCESSO AL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Città di Lecce SETTORE EDUCAZIONE FORMAZIONE LAVORO REGOLAMENTO COMUNALE DI ORGANIZZAZIONE E DI ACCESSO AL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA 1 INDICE Art. 1 Oggetto e finalità pag. 3 Art. 2 Destinatari 3 Art.

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE UMBRIA - Serie Generale - N. 31

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE UMBRIA - Serie Generale - N. 31 25-6-2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE UMBRIA - Serie Generale - N. 31 89 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 26 maggio 2014, n. 598. Art. 17 regolamento regionale n. 6/2010 - Adozione del discipiinare

Dettagli

SERVIZIO FINANZIARIO

SERVIZIO FINANZIARIO SERVIZIO FINANZIARIO Determinazione n. 78 del 15.04.2016 OGGETTO: Liquidazione fatture fornitura buoni pasto. Premesso che: - ai sensi degli artt. 45 e 46 del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro del

Dettagli

Corso Vittorio Emanuele II, CREMONA c.f

Corso Vittorio Emanuele II, CREMONA c.f Corso Vittorio Emanuele II, 17 26100 CREMONA c.f. 80002130195 DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO, DI SERVIZIO E DI APERTURA AL PUBBLICO (NORME ORGANIZZATIVE DI CARATTERE GENERALE) in vigore dal 1 ottobre

Dettagli

LAVORO STRAORDINARIO, NOTTURNO E FESTIVO

LAVORO STRAORDINARIO, NOTTURNO E FESTIVO Federazione Impiegati Operai Metallurgici Via Messenape, 13/B 70123 Bari tel. 080 5621052-53-57 fax 080 5621049 e-mail: fiombari@katamail.com LAVORO STRAORDINARIO, NOTTURNO E FESTIVO E' considerato lavoro

Dettagli

Regolamento per la Disciplina dell Orario di Lavoro e di Servizio del Personale del Comune di Pretoro

Regolamento per la Disciplina dell Orario di Lavoro e di Servizio del Personale del Comune di Pretoro COMUNE DI PRETORO (Provincia di Chieti) 66010 PRETORO (CH), Via dei Mulini n. 3/A Tel e fax 0871/898001 Mail: info@comune.pretoro.ch.it PEC: comunepretoro@pec.it Regolamento per la Disciplina dell Orario

Dettagli

CITTA DI MIGGIANO Provincia di LECCE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO

CITTA DI MIGGIANO Provincia di LECCE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO CITTA DI MIGGIANO Provincia di LECCE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO INDICE: Art.1 Definizioni Art.2 L orario di servizio Art.3 L orario di apertura al pubblico

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MACERATA

REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MACERATA REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MACERATA (emanato con D.R. n. 840 del 6 luglio 2009, modificato con D.R. n. 240 del 23

Dettagli

Regolamento per la disciplina della trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale

Regolamento per la disciplina della trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale Regolamento per la disciplina della trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale Approvato con delibera di G. C. n. 665 del 4.11.2010, modificato con delibera di G. C. n.72 del

Dettagli

ORARIO DI LAVORO ED ASSENZE DAL SERVIZIO

ORARIO DI LAVORO ED ASSENZE DAL SERVIZIO ORARIO DI LAVORO ED ASSENZE DAL SERVIZIO 1) ORARIO DI LAVORO L orario di lavoro settimanale, articolato su 5 o 6 giorni lavorativi, è pari a 36 ore. Per il personale in servizio presso gli uffici centrali

Dettagli

CITTÀ DI ALESSANDRIA

CITTÀ DI ALESSANDRIA CITTÀ DI ALESSANDRIA Approvato con deliberazione G.C. n. 295 del 04.11.2015. - Disciplina per l erogazione dei buoni pasto in vigore dal 09 novembre 2015-1 Art. 1 - PRINCIPI GENERALI 1. La presente Disciplina

Dettagli

Il Municipio di Massagno, richiamati gli artt. 192 LOC, 44 RALOC e art. 139 Regolamento comunale di Massagno, emette la seguente ordinanza.

Il Municipio di Massagno, richiamati gli artt. 192 LOC, 44 RALOC e art. 139 Regolamento comunale di Massagno, emette la seguente ordinanza. COMUNE DI MASSAGNO O R D I N A N Z A M U N I C I P A L E S U L L O R A R I O F L E S S I B I L E Il Municipio di Massagno, richiamati gli artt. 9 LOC, RALOC e art. 9 Regolamento comunale di Massagno, emette

Dettagli

rispetto delle ineludibili esigenze di contenimento dei costi e secondo le indicazioni contenute nei successivi punti 13 e 15.

rispetto delle ineludibili esigenze di contenimento dei costi e secondo le indicazioni contenute nei successivi punti 13 e 15. ORARIO DI LAVORO 1. Le seguenti disposizioni sono fondate sui principi fissati dalla contrattazione nazionale di comparto e dalla legislazione vigente al fine di pervenire ad un sistema di regole tendenzialmente

Dettagli

Università degli Studi di Messina

Università degli Studi di Messina Università degli Studi di Messina REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO (Emanato con D.R. n. 2143 del 14 Ottobre 2016) Art. 1 Fonti e campo di applicazione 1. Il presente Regolamento è adottato in

Dettagli

Comune di Subiaco REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO

Comune di Subiaco REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO Comune di Subiaco REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO Approvato con Deliberazione di GIUNTA COMUNALE n. 74 del 24.05.2012 INDICE CAPO I DISCIPLINA DELL ORARIO DI

Dettagli

Direzione Provinciale di Udine ACCORDO SULL ORARIO DI LAVORO PER LA DIREZIONE PROVINCIALE DI UDINE

Direzione Provinciale di Udine ACCORDO SULL ORARIO DI LAVORO PER LA DIREZIONE PROVINCIALE DI UDINE Direzione Provinciale di Udine ACCORDO SULL ORARIO DI LAVORO PER LA DIREZIONE PROVINCIALE DI UDINE Premessa La Direzione Centrale dell Agenzia delle Entrate ha inviato alle OO.SS. un informativa datata

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n del 26 settembre 2016

ALLEGATOA alla Dgr n del 26 settembre 2016 REGIONE DEL VENETO DISCIPLINA DEL DISTACCO ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------ INDICE Titolo I Parte Generale Art. 1

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEI LAVORATORI DIPENDENTI. (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n.

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEI LAVORATORI DIPENDENTI. (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEI LAVORATORI DIPENDENTI (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n.179 del 6/12/2016) 1 Art. 1 - Premessa Il presente regolamento contiene le norme che disciplinano

Dettagli

Ordinanza municipale sull orario di lavoro

Ordinanza municipale sull orario di lavoro Ordinanza municipale sull orario di lavoro Il Municipio di Bioggio in applicazione dell art. 20 del Regolamento organico dei dipendenti del Comune di Bioggio (ROD) decreta: Art. 1 Assoggettamento 1. Alla

Dettagli

COMUNE DI MULAZZANO Provincia di Lodi

COMUNE DI MULAZZANO Provincia di Lodi COMUNE DI MULAZZANO Provincia di Lodi Regolamento per la gestione dell orario di lavoro e di servizio, del lavoro straordinario, delle ferie, dei permessi, dei ritardi e delle assenze dei dipendenti. Adottato

Dettagli

COMUNE DI POSTIGLIONE. (Provincia di Salerno) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE

COMUNE DI POSTIGLIONE. (Provincia di Salerno) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE COMUNE DI POSTIGLIONE (Provincia di Salerno) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE Approvato con delibera di Giunta Comunale n 128 del 04.11.2015 INDICE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO C O M U N E D I C O R I A N O P R O V I N C I A D I R I M I N I REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO (STRALCIO REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI) (Approvato

Dettagli

LEGGE REGIONALE 28 MARZO 1989,N. 24: Disciplina dell'orario, dei turni e delle ferie delle farmacie della Regione Abruzzo.

LEGGE REGIONALE 28 MARZO 1989,N. 24: Disciplina dell'orario, dei turni e delle ferie delle farmacie della Regione Abruzzo. LEGGE REGIONALE 28 MARZO 1989,N. 24: Disciplina dell'orario, dei turni e delle ferie delle farmacie della Regione Abruzzo. Art. 1 L'esercizio delle farmacie aperte al pubblico nel territorio della Regione

Dettagli

COMUNE DI ALESSANDRIA RILEVAZIONE AUTOMATIZZATA DELLE PRESENZE: DISCIPLINA ORGANIZZATIVA

COMUNE DI ALESSANDRIA RILEVAZIONE AUTOMATIZZATA DELLE PRESENZE: DISCIPLINA ORGANIZZATIVA COMUNE DI ALESSANDRIA RILEVAZIONE AUTOMATIZZATA DELLE PRESENZE: DISCIPLINA ORGANIZZATIVA (Sottoscritta dalla Delegazione di Parte Pubblica e dalla Delegazione di Parte Sindacale in data 23/04/2002) SERVIZIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA TRASFORMAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DA TEMPO PIENO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA TRASFORMAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DA TEMPO PIENO A TEMPO PARZIALE Allegato 2 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA TRASFORMAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DA TEMPO PIENO A TEMPO PARZIALE Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 13 del 21/1/2015. 1 Art.1 Ambito di

Dettagli

COMUNE DI MONTEPULCIANO

COMUNE DI MONTEPULCIANO 1) COMUNE DI MONTEPULCIANO (Provincia di Siena) UFFICIO PERSONALE DISCIPLINARE CONCERNENTE L'ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE DIPENDENTE TITOLO I MODULI ORARI: CARATTERISTICHE ESSENZIALI L'orario di lavoro,

Dettagli

VERBALE D INCONTRO. e le OO.SS. nazionali FP CGIL, FIT CISL, UILTRASPORTI, FIADEL CISAL

VERBALE D INCONTRO. e le OO.SS. nazionali FP CGIL, FIT CISL, UILTRASPORTI, FIADEL CISAL VERBALE D INCONTRO Addi, 15 luglio 2003 tra FISE Federazione Imprese di Servizi e le OO.SS. nazionali FP CGIL, FIT CISL, UILTRASPORTI, FIADEL CISAL è stato sottoscritto il presente Verbale col quale le

Dettagli

Convenzione ex art 14 del C.C.N.L. del comparto Regioni- autonomie. locali in data Personale utilizzato a tempo parziale

Convenzione ex art 14 del C.C.N.L. del comparto Regioni- autonomie. locali in data Personale utilizzato a tempo parziale COMUNE DI ILBONO... UNIONE COMUNI D OGLIASTRA Convenzione ex art 14 del C.C.N.L. del comparto Regioni- autonomie locali in data 22.01.2004 Personale utilizzato a tempo parziale L anno addì del mese in

Dettagli

COMUNE DI MONTALCINO (Provincia di Siena)

COMUNE DI MONTALCINO (Provincia di Siena) COMUNE DI MONTALCINO (Provincia di Siena) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE DIPENDENTE Il presente regolamento costituisce atto organizzativo a valenza generale in conformità

Dettagli

Prot. N 4121/A26 Pontedera, 8 settembre 2014 INFORMATIVA AL PERSONALE ATA SU:

Prot. N 4121/A26 Pontedera, 8 settembre 2014 INFORMATIVA AL PERSONALE ATA SU: ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CURTATONE E MONTANARA P.zza Garibaldi, 11 Tel. 0587/52060 Fax 0587/56127 56025 PONTEDERA (PI) E-Mail: piic838002@istruzione.it Sito web: www.scuolacurtatone.it Prot. N 4121/A26

Dettagli

Tavolo produttività Incontro Coordinamento Nazionale RSU TIM

Tavolo produttività Incontro Coordinamento Nazionale RSU TIM Tavolo produttività Incontro Coordinamento Nazionale RSU TIM HRO.IR Roma, 6 Ottobre 2016 ORARIO DI LAVORO Introduzione del concetto di prestazione lavorativa effettiva Flessibilità in ingresso del personale

Dettagli

Regolamento per l erogazione dei buoni pasto COMUNE DI NARNI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEI BUONI PASTO IN FAVORE DEL PERSONALE DIPENDENTE

Regolamento per l erogazione dei buoni pasto COMUNE DI NARNI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEI BUONI PASTO IN FAVORE DEL PERSONALE DIPENDENTE COMUNE DI NARNI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEI BUONI PASTO IN FAVORE DEL PERSONALE DIPENDENTE 1 Art.1 PRINCIPI GENERALI... Art.2 VALORE DEL BUONO PASTO E TRATTAMENTO FISCALE. Art.3 DIRITTO AL BUONO PASTO..

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO MENSA AZIENDALE

REGOLAMENTO SERVIZIO MENSA AZIENDALE REGOLAMENTO SERVIZIO MENSA AZIENDALE Redazione: Verifica: Approvazione: dott.ssa Agnese Mizza sig.a Giulia Gambazza Dott.ssa Maria Sandra Telesca Direttore SOC Gestione Risorse Umane Dott. Paolo Biancoli

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE Allegato A) alla deliberazione di Giunta n. 20 del 29/03/2012 Il segretario Dott. Angelo Rossi REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE

Dettagli

Art.1 Rilevazione presenze

Art.1 Rilevazione presenze REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE DIPENDENTE NON DIRIGENTE COMPARTO SANITA A TEMPO PIENO O PARZIALE, IN SERVIZIO PRESSO LE STRUTTURE AZIENDALI Il presente regolamento disciplina

Dettagli

Modificato con deliberazione del GC n. 66 del 03/04/2008.

Modificato con deliberazione del GC n. 66 del 03/04/2008. COMUNE DI VILLANOVA MONDOVI Provincia di Cuneo Approvato con deliberazione del GC n. 4 del 12/01/2000. Modificato con deliberazione del GC n. 39 del 21/02/2001. Modificato con deliberazione del GC n. 1

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PRESENZE DEL PERSONALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PRESENZE DEL PERSONALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PRESENZE DEL PERSONALE Approvato con delibera C.C.N.29 del 30 giugno 2016 Articolo 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Regolamento presenze assenze pag. 1/12 Il presente Regolamento

Dettagli

COMUNE DI ITTIRI PROVINCIA DI SASSARI

COMUNE DI ITTIRI PROVINCIA DI SASSARI COMUNE DI ITTIRI PROVINCIA DI SASSARI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI PERMESSI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO (Allegato alla deliberazione G.C. n del ) INDICE Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art.

Dettagli