Vademecum. Piccola carrellata dei principali strumenti finanziari di uso quotidiano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Vademecum. Piccola carrellata dei principali strumenti finanziari di uso quotidiano"

Transcript

1 Piccola carrellata dei principali strumenti finanziari di uso quotidiano

2 IL PROGETTO MEDIARE.COM a presente pubblicazione è stata curata da MagVenezia all interno del progetto Mediare.com sostenuto attraverso il fondo europeo Lper l integrazione dei cittadini dei Paesi terzi e il Ministero dell I nterno. I l progetto si sviluppa nei territori comunali di Venezia e Padova e affronta il tem a dell abitare e della convivenza negli spazi urbani a forte concentrazione di persone imm igrate. Lo scopo è sostenere questi contesti territoriali attraverso lo sviluppo di risorse e competenze per la gestione e la risoluzione delle situazioni di conflitto. Tali situazioni di conflitto sono accentuate spesso dalle posizioni debitorie, com e le morosità d affitto, delle spese condominiali e delle utenze, che condizionano una pacifica convivenza tra i diversi abitanti delle zone in cui si sviluppa il progetto. La corretta pianificazione finanziaria diventa, così, mezzo fondam entale per facilitare la convivenza tra persone con abitudini e strum enti culturali differenti. L integrazione delle persone immigrate passa anche attraverso una corretta gestione del denaro, cercando di com m isurare le proprie spese alle proprie entrate. Tale capacità di pianificare il proprio bilancio fam iliare è fondamentale per evitare le situazioni di eccessivo indebitam ento. Gli im m igrati facilm ente contraggono troppi debiti rispetto al proprio reddito per soddisfare bisogni che spesso sono indotti, e quindi necessitano di consulenze specifiche per poter uscire da posizioni debitorie che rischiano di portarli al collasso. L obiettivo è quello di trasferire loro strumenti di pianificazione del proprio bilancio fam iliare al fine di ridurre l accesso sm isurato al credito, cercando non solo di risolvere situazioni di sovraindebitamento, m a, soprattutto, di prevenire queste situazioni, fornendo un alfabetizzazione finanziaria che permetta di valutare le caratteristiche dei finanziamenti da richiedere e se tali finanziamenti sono sostenibili in base al reddito familiare che percepiscono.

3 IL VADEMECUM I l presente opuscolo (stam pato in diverse lingue) nasce dal progetto di favorire l alfabetizzazione finanziaria e dare indicazioni sulle proposte di credito, soprattutto alla popolazione sprovvista di tali conoscenze per fattori culturali e/ o linguistici. I l Vadem ecum si propone, inoltre, di fornire elementi di orientamento sulle varie proposte di credito aum entando nel lettore la capacità di valutazione non solo degli strumenti finanziari ma anche della loro possibile sostenibilità. La non coscienza della propria situazione finanziaria può portare a sottoscrivere finanziam enti per sostenere stili di vita non commisurati al proprio reddito, con il rischio di rivolgersi a canali del credito non sem pre legali o che non sempre rispettano i param etri di trasparenza a fronte di oneri molti elevati. L integrazione passa anche per l acquisizione di concetti legati all alfabetizzazione finanziaria e alla gestione del denaro, m a sinora questi aspetti non sono stati affrontati da nessuna agenzia educativa del territorio, nonostante le loro ricadute siano estrem am ente concrete nella vita di ogni persona, in particolare modo degli im m igrati.

4 I L CONTO CORRENTE I l conto corrente è un contratto tra un cliente e la banca grazie al quale il cliente che possiede il conto può usare il suo denaro attraverso i servizi messi a disposizione dalla banca previsti dal contratto: depositare lo stipendio, fare pagam enti, pagare le bollette. Prima di aprire un conto corrente si devono conoscere le condizioni contrattuali, cioè quelle che saranno le spese che la banca richiede per la gestione del conto. Ogni conto corrente ha un codice di 27 num eri che lo identifica e che si chiam a I BAN e viene dato per ricevere o spedire denaro attraverso i bonifici. I l BONI FI CO è un servizio che perm ette di trasferire una som m a di denaro, senza uno spostamento m ateriale, da un conto corrente ad un altro, anche di banche diverse. Per poter fare un bonifico è necessario conoscere l I BAN del conto corrente. L ASSEGNO BANCARI O: con l assegno bancario il cliente dà ordine alla banca di pagare una som m a di denaro, a terzi o a se stesso. Deve contenere sem pre la dicitura Non Trasferibile. I l BANCOMAT è una carta di debito che permette all intestatario del conto corrente di prelevare contante dagli sportelli automatici e di pagare le spesse effettuate negli esercizi com m erciali del circuito POS. I l prelievo di contante è gratuito se effettuato in uno sportello della propria banca, può prevedere il pagam ento di una com m issione se si utilizzano sportelli di altre banche. E LA CARTA DI CREDI TO? La CARTA DI CREDI TO consente di acquistare beni e servizi in I talia e all estero presso gli esercenti convenzionati con la banca o la società che ha em esso la carta senza pagare contestualm ente il relativo prezzo in contanti. La carta può essere usata indipendentem ente dalla disponibilità di fondi nel conto corrente nel m om ento in cui la spesa viene effettuata; i fondi necessari per la copertura delle spese effettuate devono essere presenti nel m om ento in cui avviene l addebito delle somme dovute. Per effettuare operazioni di acquisto, il titolare in genere appone la propria firma sullo scontrino di pagamento; tale firma deve essere conform e a quella che ha apposto sul retro della carta nel m om ento in cui l ha ricevuta.

5 La copertura delle spese può avvenire anche tramite il pagam ento di una rata m ensile entro un lim ite di spesa concordato con la banca, in questo caso sull im porto vengono conteggiati degli interessi, generalm ente particolarm ente gravosi Le operazioni sul conto corrente possono essere di prelievo cioè quando prendo il denaro oppure di versam ento cioè quando m etto il denaro. I n tutti e due i casi, quando si fanno le operazioni sul conto corrente si deve controllare la DATA della VALUTA, che è la data a partire dalla quale si contano gli interessi sul denaro versato oppure sul denaro prelevato. I PRELI EVI possono avvenire in contanti cioè rivolgendosi agli sportelli della propria banca per prendere il proprio denaro, con bancomat, con bonifico, con assegno. I VERSAMENTI possono avvenire sem pre in contanti, cioè recandosi presso la propria banca per depositare i propri soldi, oppure con bonifico da parte di altre persone com e per esem pio nel caso dello stipendio, oppure versando un assegno ricevuto da altri. Attraverso il conto corrente possono essere effettuati PAGAMENTI attraverso il RI D (Rapporti I nterbancari Diretti) che permettono gli addebiti perm anenti periodici tipo bollette, il proprietario del conto autorizza il prelievo diretto sul suo conto. Le condizioni contrattuali devono indicare: il canone periodico (cioè la spesa) che specifica a quali operazioni si ha diritto e in quale quantità la spesa per ogni singola operazione, se questa non è com presa nel canone Tra le spese ci possono essere le spese per la registrazione sul conto di ogni operazione, le commissioni per i bonifici, l invio delle comunicazioni periodiche, gli interessi e gli oneri in caso di utilizzo dello scoperto di conto corrente. Ogni m ese o ogni 3 m esi o annualm ente viene inviato alla persona titolare del conto corrente l ESTRATTO CONTO che raccoglie tutte le operazioni effettuate nel corso del periodo, se sono segnate operazioni non corrette la persona ha tem po 60 giorni per reclam are presso la propria banca. Per l invio dell estrat to conto la banca può richiedere delle spese. ANDARE I N ROSSO Quando si preleva dal proprio conto più denaro di quello che è presente, si dice che il conto va in rosso, quindi bisognerà pagare alla banca un interesse per il denaro utilizzato e delle commissioni che di solito sono m olto alte.

6

7 I L FI NANZI AMENTO I l finanziam ento consiste nel prestito di una som m a di denaro, da parte di una banca o di un istituto specializzato, ad un tasso d'interesse, che il debitore deve restituire secondo un piano rateale o piano di am m ortam ento. A differenza dei m utui, quindi, i prestiti non dispongono della garanzia di un bene im m obile acquistato da parte del debitore che possa coprire un'eventuale insolvenza, spesso vengono chieste delle garanzie personali attraverso la fideiussione. I l PIANO di AMMORTAMENTO o PI ANO RATEALE è una tabella che riporta tutte le rate da pagare con le date in cui devono essere effettivamente pagate ed indicano la quota di capitale e quota di interessi, con indicazione del debito che rimane dopo ogni pagam ento. La FI DEI USSI ONE rappresenta una garanzia data da un soggetto terzo, per il rim borso del finanziam ento. I n caso di m ancata restituzione del finanziam ento da parte del debitore principale sarà il garante a rimborsare il finanziam ento rim anente. COSA SAPERE PRI MA DI SOTTOSCRI VERE UN FI NANZI AMENTO I l rim borso di un finanziam ento è un im pegno econom ico da sostenere nel tempo e al momento della richiesta è importante valutare se le proprie entrate sono sufficienti per pagare le rate. Bisogna valutare attentam ente le proposte di finanziam ento che possono provenire da diversi istituti di credito confrontando le seguenti voci: Spese di istruttoria: sono a carico di chi richiede il finanziam ento e di solito vengono richieste in un'unica soluzione quando viene erogato il prestito Spese di assicurazione: la banca si tutela dal rischio di insolvenza o cause diverse quali m orte, invalidità permanente o tem poranea, perdita del posto di lavoro Spese di incasso rate sono a carico del richiedente: in caso di bollettini corrisponde al costo del bollettino stesso o in caso di trasferim ento fondi vi verranno addebitate sul vostro conto corrente(rid) I l TAEG che rappresenta il costo totale del finanziam ento su base annua ed è espresso in percentuale sull am m ontare del finanziam ento concesso. I L PI ANO DI RI ENTRO I noltre, è im portante analizzare e conoscere il piano di rientro del finanziam ento richiesto.

8 Quando viene richiesto il finanziam ento la banca avvia l istruttoria che è il percorso attraverso cui si verificano il reddito, il patrimonio e le garanzie offerte per verificare la sua capacità di rim borso. I docum enti da presentare sono quelli attinenti: alle informazioni anagrafiche, com e età, residenza, stato civile. alla certificazione della capacità di reddito IMPORTANTE: le rate devono essere pagate con puntualità, altrim enti maturano gli interessi dimora, si diventa cattivi pagatori e quindi non si può più avere accesso ad altri finanziam enti oltre che dover restituire l intero im porto residuo im m ediatam ente. Di seguito si allega un esem pio di Piano di Am m ortam ento per un finanziam ento di Euro al tasso nom inale fisso del 7% per la durata di 20 mesi. Nel piano sono indicate le rate, con le relative date di pagamento, la quota di interessi di ciascuna rata e la quota di capitale di com petenza e il valore com plessivo di ogni rata, che è sem pre costante. Capitale 4.000,00 Tasso annuo 7,0% Rate per anno 12 Data pagam ento Rata Quota I nteressi Piano am m ortam ento Quota Capitale Debito residuo Am m ontare rata da pagare 29/ 02/ ,33 189, ,86 212,48 31/ 03/ ,23 190, ,61 212,48 30/ 04/ ,12 191, ,26 212,48 31/ 05/ ,00 192, ,79 212,48 30/ 06/ ,88 193, ,19 212,48 31/ 07/ ,75 194, ,47 212,48 31/ 08/ ,62 195, ,61 212,48 30/ 09/ ,47 197, ,61 212,48 31/ 10/ ,32 198, ,45 212, / 09/ ,23 211,24 0,00 212,48

9 I L MUTUO I l m utuo è un finanziam ento a medio lungo term ine, con durata dai 5 ai 30 anni e rappresenta un im pegno finanziario notevole, da valutare con grande attenzione. Di solito lo si rimborsa a rate con cadenza m ensile o sem estrale. Serve per acquistare, costruire o ristrutturare un im m obile, in particolare la casa di abitazione. Si chiam a m utuo ipotecario perché il pagam ento delle rate è garantito da un ipoteca su un immobile. L ipoteca è la garanzia data sul m utuo, e significa che in caso di m ancato pagam ento delle rate si potrà giungere alla vendita da parte della banca della casa. Prima di firm are il contratto di m utuo di fronte al notaio, bisogna conoscere le condizioni del mutuo stesso. COSA SAPERE PRI MA DI SOTTOSCRI VERE I L MUTUO: I l Tasso di interesse del finanziamento per il mutuo può essere fisso o variabile. Il Tasso fisso non varia nel tempo e la rata mensile è sempre uguale per tutta la durata Il Tasso variabile cambia con il cambiare del tasso base di riferimento che normalmente è il tasso Euribor che rappresenta il tasso di interesse al quale le banche si scambiano il denaro. Lo Spread è la percentuale di aumento che viene fissata da ciascuna banca sul tasso di interesse di riferimento. I l TAN (tasso annuo nom inale) indica il tasso di interesse espresso PRATI CHE N ECESSARI E ALL EROGAZI ON E DEL MUTUO La perizia e l istruttoria La Banca prima di concedere il m utuo, per avviare la pratica e per fare la perizia chiede che siano pagate delle spese, che a volte sono quantificate in quota percentuale del valore del m utuo erogato (ad esem pio lo 0.5% del valore del m utuo, fissando quello che è il valore m assimo). La perizia viene fatta da un tecnico della banca e serve per stabilire il valore dell im mobile sul quale calcolare il valore m assim o del finanziam ento da erogare e ha un costo che viene fissato dalla banca stessa. L istruttoria è il percorso che fa la banca per verificare che la persona che chiede il finanziamento sia in grado di restituire il prestito, e si fa analizzando il reddito e le uscite della persona.

10 L assicurazione Per la concessione di un mutuo, è obbligatorio sottoscrivere un assicurazione scoppio e incendio per assicurare la casa in caso di danni, spesso viene richiesto un assicurazione per m orte di chi sottoscrive il m utuo. Prima di firm are questa polizza, si devono verificare le condizioni esatte in m odo da non avere sorprese una volta che si dovessero utilizzare. I l piano di am m ortam ento Il piano di ammortamento è la tabella che riporta tutte le rate da pagare con le date in cui devono essere fatte, che indicano la quota di capitale e quota di interessi, con indicazione del debito che rim ane dopo ogni pagam ento ( vedi tabella sopra). QUANDO UN FI NANZI AMENTO E SOSTENI BI LE? Prima di chiedere un finanziam ento, si deve avere chiara quella che è la motivazione per cui viene chiesto. E SCONSI GLI ATO chiedere un finanziam ento perché non si riescono a pagare le spese quotidiane o perché non si riesce ad arrivare a fine m ese. Prima di chiedere un finanziam ento bisogna capire quale rata sia possibile sostenere nel corso del m ese considerando le entrate e le uscite del nucleo fam iliare in com plessivo.

11 ENTRATE E USCI TE Sono entrate tutte quelle somm e che si ricevono per stipendi, assegni di m antenim ento, contributi di vario genere, quote d affitto, stipendi provenienti da piccole entrate o qualsiasi altra entrata che va ad aum entare le disponibilità econom iche della persona ENTRATE STI PENDI O NETTO DA BUSTA PAGA CAPOFAMI GLI A STI PENDI O NETTO CONIUGE STI PENDI O NETTO FI GLI E CONVI VENTI ALTRE ENTRATE MESE TOTALE ENTRATE Sono uscite tutte quelle spese che si effettuano com e m utuo, affitto, spese di condominio, bollette per luce, acqua, gas, telefono, tasse sui rifiuti, eventuale tassa di proprietà degli im m obili, le spese per gli alim enti, gli abbonam enti per trasporti, spese per l autom obile come assicurazione, bollo, costo carburante, spese per visite m ediche continue o per m edicine, spese scolastiche com e buoni pasto o rette scolastiche m ensili, am m ontare rate dei finanziam enti in corso com e rate per prestiti da rim borsare ad am ici o parenti, rate di finanziam enti verso banche o finanziarie, denaro inviato nel paese di origine. USCI TE Mese... ABI TAZI ONE MUTUO MENSI LE... AFFI TTO MENSI LE... CONDOMI NI ALI MENSI LI... CONDOMI NI ALI STRAORDINARI... BOLLETTE Totale bolletta I ncidenza m ese LUCE... ACQUA... GAS/ RI SCALDAMENTO... TELEFONO... ALI MENTI Mese...

12 SPESA PER ACQUISTI ALI MENTARI SPESE SCOLASTI CHE Mese... RETTE MENSI LI... BUONI PASTO SPESE MEDI CHE Mese... VI SI TE MEDI CHE... MEDI CI NE TRASPORTI Mese... SPESE ASSI CURAZI ONE AUTO... SPESE BOLLO AUTO... CONSUMO CARBURANTE... ABBONAMENTI TRASPORTI PUBBLICI ALTRE RATE Mese... RATE DI RPESTI TI... RATE DI FI NANZI AMENTI... ALTRO Mese... DENARO I NVI ATO NEL PAESE DI ORI GI NE... ALTRO.... TOTALE USCI TE... Prim a di chiedere un finanziam ento bisogna capire quale sia la rata che si può pagare in un m ese, senza che questa ulteriore uscita porti con sé delle difficoltà. Per capirlo si deve: sapere quali sono in un m ese le entrate com e fam iglia togliere da queste tutte le spese La rata sostenibile sarebbe consigliato fosse il 30% di quello che rim ane da questa differenza. Tutte le entrate Tutte le uscite = Reddito disponibile RATA SOSTENI BI LE DEL FI NANZI AMENTO = 3 0 % del Reddito disponibile Esem pio: il Marito guadagna Euro e la Moglie guadagna 800 Euro, m entre tutte le spese (affitto, bollette, auto ) sono pari a Euro, la rata sostenibile nel mese è la seguente:

13 Tutte le entrate sono = Euro Tutte le uscite (compresa la rata del mutuo di 500 Euro) sono Euro Tutte le entrate pari a Euro Tutte le uscite pari a Euro = Reddito disponibile pari a 400 Euro RATA SOSTENI BILE DEL FI NANZI AMENTO = 30% di 400 Euro (Reddito disponibile) cioè 120 Euro. La rata sostenibile permette a chi si trova a fare un finanziam ento, di avere com unque a disposizione una parte di reddito che possa essere usato in caso di eventuali difficoltà. Se il 30% del reddito disponibile non perm ette di far fronte al pagamento della rata del finanziam ento, allora sarà opportuno rim andare il finanziam ento per m ettere da parte una som m a di denaro così da chiedere poi un finanziam ento più basso, che avrà quindi una rata più bassa e perciò sostenibile. MEMO MUTUO Anche prim a di sottoscrivere un m utuo è consigliato stimare il reddito disponibile, al netto delle spese fisse e calcolare la rata m ensile che ci si può permettere di pagare stim ando il reddito disponibile, calcolato come sopra. I n questo caso le uscite sono: le bollette di gas, luce, acqua, le spese del condom inio, le spese scolastiche (libri, buoni m ensa, quaderni ), i trasporti (abbonamenti del bus, il carburante dell auto, il bollo, l assicurazione ), eventuali altri finanziam enti, gli alim entari, il telefono/ internet e il cellulare, eventuali spese m ediche, i soldi che sono spediti al proprio paese d origine. Esem pio: il Marito guadagna Euro e la Moglie guadagna 800 Euro, m entre tutte le spese (bollette, auto ) sono pari a Euro, la rata sostenibile del mutuo nel mese è la seguente: Tutte le entrate sono = Euro Tutte le uscite (ovviamente senza mutuo) sono Euro Tutte le entrate pari a Euro Tutte le uscite pari a Euro = Reddito disponibile pari a 900 Euro La rata del m utuo dovrà essere calcolata sul reddito disponibile di 900 Euro e dovrà essere inferiore a questa cifra, per poter permettere alla fam iglia di affrontare eventuali altre spese o difficoltà. Una volta stabilita la rata, le altre cose da farsi sono: I nform arsi sul tipo di tasso e sulla durata del m utuo, considerando la situazione econom ica attuale e quella prevista in futuro Confrontare le diverse offerte, soprattutto considerando il TAEG Esam inare le proposte tenendo conto del tasso e di tutti i costi Capire i tem pi di concessione del m utuo, se com patibili con l acquisto della casa Controllare il piano di rientro e controllare il tasso di interesse applicato Chiedere copia del contratto da firmare prima di recarsi dal notaio Cosa si può fare dopo l ottenimento del m utuo?

14 Se nel corso del rim borso delle rate del m utuo, la rata da pagare è troppo alta: si può richiedere allo stesso intermediario la disponibilità a rinegoziare le condizioni del m utuo stesso, in questo caso non è necessario l intervento del notaio perché l ipoteca originaria rim ane valida. Si può chiedere la sospensione tem poranea dei pagamenti, per superare il m om ento di difficoltà. I n qualunque m om ento è possibile trasferire il finanziam ento presso un altra banca, senza alcuna spesa o penalità. Questa si definisce portabilità e mantiene l ipoteca originaria. La somma verrà rimborsata alle condizioni concordate con la nuova banca. I n qualunque momento è possibile trasferire il finanziam ento presso un altro intermediario, senza alcuna spesa o penalità.. I l cliente non deve sostenere neppure indirettam ente alcun costo, né per l estinzione del m utuo, né per la concessione del nuovo finanziam ento. Magvenezia è una cooperativa che da 20 anni si occupa di Finanza Etica nel territorio del veneziano e prom uove la cultura di un economia che abbia al centro l uom o e l am biente e si basa sulla consapevolezza di dove e com e vanno impiegate le risorse finanziarie di cui ciascuno dispone. MagVenezia, insieme alla propria finanziaria Consorzio Finanza Solidale, sostiene dal 1992 che la finanza e la cultura finanziaria costituiscono uno dei pilastri sui quali si basa lo sviluppo della società e alla quale è legato il livello di benessere dei cittadini. I finanziam enti sono rivolti a realtà econom iche che operano nei settori dell assistenza alla persona, di tutela ambientale, del risparm io energetico, della cultura e che in genere svolgono attività di sostegno e di prom ozione di un econom ia sostenibile. Accanto a questa tipologia di finanziam enti rivolti a persone giuridiche, troviam o quelli indirizzati a privati cittadini e che si identificano come microcrediti. Le attività finanziarie realizzate in questi anni a supporto dello sviluppo locale sono: il m icrocredito sociale l accom pagnam ento e la consulenza per i cittadini con difficoltà finanziarie ed eccessivam ente indebitati ( Sport ello SEI ) l alfabetizzazione finanziaria w w w.m agvenezia.it

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il Credito ai consumatori in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il credito ai consumatori dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche

Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche Se la Banca non ci fosse... Come accade per tutte quelle aziende che servono in ogni momento

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

Il conto corrente in parole semplici

Il conto corrente in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il conto corrente in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il conto corrente dalla A alla Z conto corrente Il conto corrente bancario

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDITO TREVIGIANO Banca di Credito Cooperativo

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

GUIDA ALL ESTRATTO DI CONTO CORRENTE

GUIDA ALL ESTRATTO DI CONTO CORRENTE GUIDA ALL ESTRATTO DI CONTO CORRENTE Tutto quello che c è da sapere per comprendere meglio l estratto di conto corrente. In collaborazione con la Banca MPS e le Associazioni dei Consumatori: Acu Adiconsum

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

Foglio informativo MUTUO MEDIOLANUM FREEDOM Sez. I - INFORMAZIONI SULLA BANCA

Foglio informativo MUTUO MEDIOLANUM FREEDOM Sez. I - INFORMAZIONI SULLA BANCA Mod. B-109/MUTUO MEDIOLANUM FREEDOM aggiornamento n. 29 del 01/01/2014 Foglio informativo MUTUO MEDIOLANUM FREEDOM Sez. I - INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA MEDIOLANUM S.p.A. Sede legale e Direzione Generale:

Dettagli

E ALTRI FINANZIAMENTI

E ALTRI FINANZIAMENTI Normativa sulla Trasparenza Bancaria (T. U. Leggi Bancarie D. Lvo 385/93 e norme di attuazione) E ALTRI FINANZIAMENTI FOGLIO INFORMATIVO SULLE OPERAZIONI E SERVIZI OFFERTI ALLA CLIENTELA Foglio Informativo

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI : DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI INFORMAZIONE SULL INTERMEDIARIO INFORMAZIONI SUL FINANZIATORE ISTITUTO BANCARIO DEL

Dettagli

0,00 EUR Canone mensile. 0,00 EUR Canone/forfait/spese trimestrali. 0,00 EUR Spese annue per conteggio interessi e competenze (*)

0,00 EUR Canone mensile. 0,00 EUR Canone/forfait/spese trimestrali. 0,00 EUR Spese annue per conteggio interessi e competenze (*) CONTO CORRENTE WEBANK L offerta commerciale della Banca contempla prodotti, servizi e attività differenti che si contraddistinguono per specifiche caratteristiche (es. i prodotti contraddistinti dal marchio

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

Di seguito due profili carta realizzabili combinando le diverse modalità di addebito, esemplificativi della versatilità che caratterizza YouCard.

Di seguito due profili carta realizzabili combinando le diverse modalità di addebito, esemplificativi della versatilità che caratterizza YouCard. YouCard, la prima carta in Italia che consente di personalizzare il codice PIN, è anche l unica carta al mondo che unisce la sicurezza delle carte prepagate, la semplicità delle carte di debito e la flessibilità

Dettagli

Mutui Altre Esigenze a Tasso Fisso o Variabile

Mutui Altre Esigenze a Tasso Fisso o Variabile Pag. 1/13 INFORMAZIONI SULLA BANCA Mutui Altre Esigenze a Tasso Fisso o Variabile Banca di Credito Popolare Società Cooperativa per Azioni Gruppo Bancario Banca di Credito Popolare Corso Vittorio Emanuele

Dettagli

3- Dove e come posso richiederla ed attivarla?

3- Dove e come posso richiederla ed attivarla? FAQ ITALO PIU 1- Cos è la Carta Italo Più? 2- Cosa puoi fare con Italo Più? 3- Dove e come posso acquistarla? 4- Quanto costa? 5- Come posso ricaricare la carta? 6- Dove posso controllare il saldo ed i

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

CREDITO AI CONSUMATORI

CREDITO AI CONSUMATORI CREDITO AI CONSUMATORI DOMANDE E RISPOSTE con la collaborazione scientifica di 1 L utente di queste FAQ è inteso essere il consumatore medio, con una competenza finanziaria ridotta (molto spesso aggravata

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria)

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Alto Adige Società cooperativa per azioni Via

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. Identità e contatti del finanziatore/ intermediario del credito Finanziatore Indirizzo Telefono Email Fax Sito web Creditis Servizi Finanziari

Dettagli

Deutsche Bank Easy. db contocarta. Guida all uso.

Deutsche Bank Easy. db contocarta. Guida all uso. Deutsche Bank Easy. Guida all uso. . Le caratteristiche. è il prodotto di Deutsche Bank che si adatta al tuo stile di vita: ti permette di accedere con facilità all operatività tipica di un conto, con

Dettagli

CambioConto COME CAMBIARE CONTO CORRENTE

CambioConto COME CAMBIARE CONTO CORRENTE CambioConto COME CAMBIARE CONTO CORRENTE Caro lettore, le banche che aderiscono a PattiChiari, al fine di agevolare la mobilità della clientela, oltre ad aver aderito assieme a tutte le banche italiane

Dettagli

INDICE. 1. Cos è la carta prepagata Pag. 3. 2. Sito carteprepagate.cc Pag. 10. 3. Come acquistare on line Pag. 14

INDICE. 1. Cos è la carta prepagata Pag. 3. 2. Sito carteprepagate.cc Pag. 10. 3. Come acquistare on line Pag. 14 INDICE Carte Prepagate istruzioni per l uso 1. Cos è la carta prepagata Pag. 3 2. Sito carteprepagate.cc Pag. 10 3. Come acquistare on line Pag. 14 4. Come creare il 3D security Pag. 16 5. Collegamento

Dettagli

ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo. Sede legale e amministrativa Via Lucrezia Romana, 41/47 00178 Roma

ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo. Sede legale e amministrativa Via Lucrezia Romana, 41/47 00178 Roma PRODOTTO BASE UTENTE INFORMAZIONI SULL EMITTENTE ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo Sede legale e amministrativa Numero telefonico: 800.991.341 Numero fax: 06.87.41.74.25 E-mail

Dettagli

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO Data release 01/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

QUANTO PUÒ COSTARE IL FIDO. Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente, si rinvia al foglio informativo del relativo contratto

QUANTO PUÒ COSTARE IL FIDO. Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente, si rinvia al foglio informativo del relativo contratto INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Barlassina Società Cooperativa Via C. Colombo, 1/3 20825 BARLASSINA (MB) Tel.: 036257711 - Fax: 0362564276 Email: info@bccbarlassina.it - Sito internet:

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

293,10 Non previsto. Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente, si rinvia al foglio informativo del relativo contratto

293,10 Non previsto. Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente, si rinvia al foglio informativo del relativo contratto Questo conto è particolarmente adatto per chi al momento dell apertura del conto pensa di svolgere un numero bassissimo di operazioni o non può stabilire, nemmeno orientativamente, il tipo o il numero

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT

MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI SPESE FISSE SPESE VARIABILI INTERESSI SOMME DEPOSITATE FIDI E SCONFINAMENTI CAPITALIZZAZIONE DISPONIBILITA'SOMME VERSATE (*)

DOCUMENTO DI SINTESI SPESE FISSE SPESE VARIABILI INTERESSI SOMME DEPOSITATE FIDI E SCONFINAMENTI CAPITALIZZAZIONE DISPONIBILITA'SOMME VERSATE (*) CONDIZIONI ECONOMICHE CONTO WEBANK BUSINESS Le condizioni presenti in questo documento sono quelle standard del conto. Ogni eventuale deroga migliorativa è indicata nella documentazione contrattuale da

Dettagli

Stim.mi Sigg.ri ARCHITETTI ORDINE PROFESSIONALE DELLA PROVINCIA DI MILANO

Stim.mi Sigg.ri ARCHITETTI ORDINE PROFESSIONALE DELLA PROVINCIA DI MILANO 02138 Area Milano Stim.mi Sigg.ri ARCHITETTI ORDINE PROFESSIONALE DELLA PROVINCIA DI MILANO Convenzione iscritti all ordine degli ARCHITETTI Milano, 25 ottobre 2005 Abbiamo il piacere di comunicarvi che

Dettagli

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI.

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. BancoPosta www.bancoposta.it numero gratuito: 800 00 33 22 COME CAMBIANO INCASSI E PAGAMENTI CON LA SEPA PER I TITOLARI DI CONTI CORRENTI BANCOPOSTA DEDICATI

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

Nome e cognome/ragione sociale Sede (indirizzo) Telefono e e-mail

Nome e cognome/ragione sociale Sede (indirizzo) Telefono e e-mail INFORMAZIONI SULLA BANCA Cassa di Risparmio di Cento S.p.A. Sede Legale e Direzione generale: Via Matteotti 8/B - 44042 CENTO (FE) Tel. 051 6833111 - Fax 051 6833237 CODICE FISCALE, PARTITA IVA e Numero

Dettagli

Pochi e semplici consigli per essere e sentirsi più sicuri

Pochi e semplici consigli per essere e sentirsi più sicuri Pochi e semplici consigli per essere e sentirsi più sicuri In caso di rapina in un pubblico esercizio Mantieni la massima calma ed esegui prontamente ciò che viene chiesto dai rapinatori. Non prendere

Dettagli

SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA

SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA LE CONDIZIONI DI SEGUITO PUBBLICIZZATE NON COSTITUISCONO OFFERTA AL PUBBLICO SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione: Iccrea BancaImpresa S.p.A. Sede Legale: Via Lucrezia Romana nn. 41/47-00178

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

COSA SAPERE PRIMA DI CHIEDERE UN MUTUO

COSA SAPERE PRIMA DI CHIEDERE UN MUTUO Luca Parisotto COSA SAPERE PRIMA DI CHIEDERE UN MUTUO POCHE PAGINE E MOLTI SEGRETI PER PRESENTARSI PREPARATI ALL APPUNTAMENTO CON IL MUTUO. 1 INDICE PERCHÉ LEGGERE QUESTO MANUALE 3 LA SCELTA DEL MUTUO

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Il presente modulo, sottoscritto e corredato della documentazione necessaria, può essere: consegnato in un qualunque Ufficio Postale

Dettagli

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI Marzo 2014 Con il presente riepilogo si forniscono indicazioni di dettaglio sulle prestazioni creditizie erogate

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Garibaldi 29 26013 Crema (CR) Tel.: 0373/8771 Fax: 0373/259562

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LOCOROTONDO Cassa Rurale ed Artigiana - Società Cooperativa Piazza Marconi, 28-70010 Locorotondo (BA) Tel.: 0804351311 - Fax:

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia Normativa sulla Trasparenza Bancaria Foglio informativo sulle operazioni e servizi offerti alla clientela 5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Valconca

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

2 Che cos'é un mutuo?

2 Che cos'é un mutuo? 2. Che cos'é un mutuo? Il mutuo è un finanziamento concesso abitualmente per acquistare un'unità abitativa o per acquisti immobiliari in genere. I finanziamenti sono praticati dalle Banche, Istituti di

Dettagli

Privacy in Condominio

Privacy in Condominio 1^ edizione! 1 Privacy in Condominio COSA SI PUO FARE E COSA NO Guida aggiornata al nuovo Vademecum del Palazzo emanato dall Autorità Garante per la tutela dei dati personali a seguito dell entrata in

Dettagli

Aggiornato al 19/12/2014 1

Aggiornato al 19/12/2014 1 SERVIZI Estero Foglio Informativo n. 041108 Finanziamenti Import TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA

Dettagli

FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI Art. 1. Norme generali 1.1 Come stabilito dal D.Lgs 252/2005, l Associato può richiedere un anticipazione sulla posizione individuale maturata: a)

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO A IMPRESE CON FONDI C.D.P. FIN. SABATINI INFORMAZIONI SULLA BANCA

MUTUO CHIROGRAFARIO A IMPRESE CON FONDI C.D.P. FIN. SABATINI INFORMAZIONI SULLA BANCA MUTUO CHIROGRAFARIO A IMPRESE CON FONDI C.D.P. FIN. SABATINI INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI SASSARI S.p.A. (codice ABI 5676.2) Società per azioni con sede legale ed amministrativa in viale Mancini,

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

Regolamento Generale Carte di Credito ad Opzione Carta Platinum Credit, Carta Gold Credit, Carta Explora e Blu American Express.

Regolamento Generale Carte di Credito ad Opzione Carta Platinum Credit, Carta Gold Credit, Carta Explora e Blu American Express. Regolamento Generale Carte di Credito ad Opzione Carta Platinum Credit, Carta Gold Credit, Carta Explora e Blu American Express. Regolamento Generale delle Carte di Credito ad Opzione Carta Platinum Credit,

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

P.O.S. (POINT OF SALE)

P.O.S. (POINT OF SALE) P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena Telefono 059/2021111 (centralino)

Dettagli

La Guida di. La banca multicanale. In collaborazione con: ADICONSUM

La Guida di. La banca multicanale. In collaborazione con: ADICONSUM La Guida di & La banca multicanale ADICONSUM In collaborazione con: 33% Diffusione internet 84% Paesi Bassi Grecia Italia 38% Spagna Svezia Francia 80% Germania Gran Bretagna 52% 72% 72% 63% 77% Diffusione

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

GUIDA FISCALE PER GLI STRANIERI 2009

GUIDA FISCALE PER GLI STRANIERI 2009 GUIDA FISCALE PER GLI STRANIERI 2009 CODICE FISCALE/TESSERA SANITARIA/PARTITA IVA CONTRATTI DI LOCAZIONE ACQUISTO PRIMA CASA SUCCESSIONI RIMBORSI COMUNICAZIONI DI IRREGOLARITÀ E CARTELLE DI PAGAMENTO GUIDA

Dettagli

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04.

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04. P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCO DI SARDEGNA S.p.A. Società per Azioni con sede legale in Cagliari, viale Bonaria, 33 Sede Amministrativa, Domicilio Fiscale e Direzione Generale in

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

www.integration.zh.ch

www.integration.zh.ch Cantone di Zurigo Dipartimento della giustizia e degli interni Ufficio cantonale per l integrazione Informazioni per i nuovi arrivati dall estero www.integration.zh.ch Indice 03 Immigrazione e diritto

Dettagli

NOTA BENE. Ad esempio, con riferimento al modello Unico Persone Fisiche 2010 per la dichiarazione dei redditi del 2009:

NOTA BENE. Ad esempio, con riferimento al modello Unico Persone Fisiche 2010 per la dichiarazione dei redditi del 2009: NOTA BENE L articolo 34 della legge 183/10 ha introdotto nuove componenti del reddito da dichiarare, oltre quelle previste dall art. 3, comma 1, delle norme integrate dai D.P.C.M. n. 221/99 e n. 242/01.

Dettagli

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5 CONTRATTO QUADRO PER LO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI DI PAGAMENTO A VALERE SUL CONTO CORRENTE (Contratto per persone fisiche che agiscono per scopi estranei all attività imprenditoriale o professionale) Mod.

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda!

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda! Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA Informati, ti riguarda! 3 La SEPA (Single Euro Payments Area, l Area unica dei pagamenti in euro) include 33 Paesi: 18 Paesi della

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) QUADRI (NA) CARRIERO (NA) MAIMERI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) PICARDI Membro designato da Associazione

Dettagli

Erogazione di altri benefici

Erogazione di altri benefici N. Operazione Esecutore Note/moduli/ attrezzature connessi alla borsa di studio borsa servizi 1 Mobilità Internazionale: Il bando di concorso per la borsa di studio prevede che l Azienda conceda integrazioni

Dettagli

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI INFO BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI Le informazioni contenute in questo documento non vanno in alcun modo a sostituire i contenuti dei bandi e

Dettagli

Dicembre 2010. Conto 3. Guida pratica alla Fattura.

Dicembre 2010. Conto 3. Guida pratica alla Fattura. Dicembre 200 Conto 3. Guida pratica alla Fattura. La guida pratica alla lettura della fattura contiene informazioni utili sulle principali voci presenti sul conto telefonico. Gentile Cliente, nel ringraziarla

Dettagli

CONTO CORRENTE ORDINARIO - NON CONSUMATORE

CONTO CORRENTE ORDINARIO - NON CONSUMATORE INFORMAZIONI SULLA BANCA: CONTO CORRENTE ORDINARIO - NON CONSUMATORE DENOMINAZIONE e FORMA GIURIDICA Banca delle Marche S.p.A., in Amministrazione Straordinaria SEDE LEGALE SEDE AMMINISTRATIVA Via Menicucci,

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno...... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare Ufficio ex Enam Area Piccolo Credito Lista: settore.. n.... Largo Josemaria Escriva

Dettagli

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca è una novità di quest anno. Osserviamola più da vicino e scopriamo in cosa consiste. Partiamo dal principio Le regole generali E per

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import)

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) Pagina 1/7 FOGLIO INFORMATIVO 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048

Dettagli

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE Sistema tributario Insieme di tributi intesi come prestazioni di denaro obbligatorie (art. 53 Costituzione) L obbligatorietà vs. la contribuzione volontaria dovrebbe

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI Disposizioni generali in materia di espropriazione immobiliare Modalità di presentazione delle offerte e di svolgimento delle procedure di VENDITA

Dettagli