Alle Segreterie Regionali e Comprensoriali Spi Cgil. Ai Resp.li della Previdenza. Loro Sedi. Roma, 14 Giugno 07 Circ. n 59 /LC/mn.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Alle Segreterie Regionali e Comprensoriali Spi Cgil. Ai Resp.li della Previdenza. Loro Sedi. Roma, 14 Giugno 07 Circ. n 59 /LC/mn."

Transcript

1 SINDACATO PENSIONATI ITALIANI Alle Segreterie Regionali e Comprensoriali Spi Cgil Ai Resp.li della Previdenza Roma, 14 Giugno 07 Circ. n 59 /LC/mn Loro Sedi Allegato 1 Care compagne e cari compagni, nella riunione dei responsabili regionali e di area metropolitana della previdenza di mercoledì 13 c.m. sono stati approfonditi e definiti gli orientamenti sui seguenti temi: 1. La situazione relativa alla cessione del quinto da parte dell INPS e le nostre proposte. 2. L applicazione di una aliquota contributiva dello 0,15% ai pensionati INPDAP e la necessità di una immediata e puntuale informazione. 3. Le modifiche necessarie alla finanziaria 2007 su: casa di abitazione - soglia di esenzione del pagamento addizionale comunale IRPEF - assegno al nucleo familiare. Tali argomenti sono stati oggetto anche di r ecente di circolari del Dipartimento previdenza. Le schede allegate redatte in maniera sintetica e semplice vi possono essere utili ai fini di una corretta informazione ai pensionati. Cordiali saluti. Segretario Nazionale Spi Luciano Caon Sede Nazionale Affiliato FERPA Roma Via dei Frentani, 4/a Federazione Europea Tel. 06/ Fax 06/ Pensionati e Anziani C.F

2 SPI CGIL DIPARTIMENTO NAZIONALE PREVIDENZA Schede utili per la predisposizione di volantini e comunicati ai pensionati su alcuni temi di attualità sindacale I prestiti ai pensionati Il possesso della casa di abitazione e il calcolo delle detrazioni d imposta L esenzione dal pagamento dell addizionale comunale all Irpef L assegno al nucleo familiare 13 giugno 2007

3 Prestiti ai pensionati Scheda n. 1 L INPS E in atto una martellante campagna pubblicitaria per indurre i pensionati a chiedere prestiti concessi, si lascia intendere, a condizioni particolarmente favorevoli, poiché si tratta di prestazioni erogate da istituti finanziari a seguito di autorizzazione dell INPS. Sono molti i pensionati, probabilmente i più bisognosi, che hanno risposto a questa sollecitazione e ora rischiano di dover rimborsare quanto ottenuto con alti tassi di interesse, che in alcuni casi superano quelli di usura. L INPS, come l INPDAP, ha la responsabilità di aver avviato l istruttoria delle oltre centomila domande fin qui pervenute all ente prima ancora di definire i contenuti della convenzione da sottoporre agli istituti finanziari e, quindi, senza le garanzie che questa dovrà offrire. E evidente che ogni ulteriore ritardo sulla sottoscrizione della convenzione diventa intollerabile per noi e per i pensionati che intendono avvalersi di questa possibilità. Per questo, dopo un incontro con il Consiglio di indirizzo e vigilanza nel quale formulammo le nostre osservazioni e proposte, abbiamo scritto al Direttore Generale per ribadire la nostra preoccupazione per il ritardo accumulato dall ente. Le nostre proposte, in sintesi, riguardano: Individuazione della quota cedibile: oltre alle pensioni integrate al trattamento minimo, proponiamo di escludere anche le quote di pensione di natura assistenziale che possono variare, o addirittura venire meno, in funzione del reddito. Vi è il rischio, infatti, che la pensione possa scendere al di sotto del quinto ceduto. In questo caso l istituto finanziario che ha erogato il prestito può pignorare fino alla metà della pensione, senza alcuna garanzia del trattamento minimo. Convenzioni con banche e istituti finanziari: chi eroga il prestito non corre alcun rischio. Per questo le condizioni praticate ai pensionati devono essere più convenienti rispetto a quelle medie di mercato. Abbiamo proposto, come ha già detto il Garante per il mercato, di imporre a banche e istituiti finanziari l obbligo di formulare esclusivamente condizioni migliorative rispetto a quelle medie di mercato indicate nella convenzione. Trasparenza e onnicomprensività dei costi: i contratti di prestito offerti dagli istituti convenzionati non devono prevedere costi aggiuntivi a quelli definiti in convenzione né possono obbligare il

4 pensionato ad accettare servizi aggiuntivi quali l obbligo di accendere un conto corrente presso la banca erogatrice. Adottare soluzioni finalizzate a contenere il costo assicurativo del prestito, facendo solidarietà tra pensionati di diversa età. Rinviare l esame delle domande già presentate a dopo la stipula delle convenzioni oppure, se il prestito è già stato concesso, consentire la rinegoziazione alle nuove condizioni.

5 Prestiti ai pensionati Scheda n. 2 L INPDAP Con la pubblicazione dei decreti ministeriali 313/2006 e 45/2007, i pensionati che fruiscono di trattamento pensionistico a carico dell INPDAP possono accedere ai prestiti disciplinati dai due decreti citati, a condizioni e con modalità sostanzialmente diverse. Nel primo caso, D.M. 313/2005, si tratta di prestiti garantiti dalla cessione di una quota della pensione, non superiore ad un quinto, e da un assicurazione sulla vita. I prestiti sono erogati da banche o istituti finanziari alle condizioni di mercato, a meno che non aderiscano alla convenzione promossa dagli enti previdenziali per garantire ai pensionati condizioni più favorevoli rispetto a quelle di mercato. Nel secondo caso, D.M. 45/2007, i prestiti sono erogati direttamente dall INPDAP attraverso il Fondo Credito al quale, a decorrere dal 1 novembre 2007, tutti i pensionati pubblici saranno iscritti di diritto con l applicazione di un aliquota contributiva pari allo 0,15% dell importo lordo della pensione, a meno che, entro il 31 ottobre, non comunichino la loro volontà contraria. Nessun contributo è dovuto dai titolari di pensione fino a 600 euro, importo che sarà aggiornato nel tempo secondo le variazioni del trattamento minimo di pensione a carico del fondo lavoratori dipendenti. Il 6 giugno scorso i sindacati dei pensionati SPI-CGIL, FNP e UILP hanno incontrato il Direttore Generale dell INPDAP per un esame dei numerosi problemi che comporta l attuazione dei decreti. La prima questione affrontata è stata la corretta e puntuale informazione ai pensionati circa le finalità del nuovo contributo, le prestazioni fruibili, le modalità ed i tempi per un eventuale comunicazione negativa da parte di coloro che non intendono essere iscritti al Fondo Credito. Su questo punto l INPDAP ha assunto l impegno di comunicare a tutti i pensionati la novità introdotta dalla legge finanziaria del 2005, in tempo utile affinché possano evitare trattenute non volute. Per quanto riguarda la nuova regolamentazione del Fondo, c è l impegno del Direttore Generale a convocare i sindacati dei pensionati per l esame di una serie di questioni che dovranno essere comunque risolte, a partire dai titolari di pensione di importo non superiore a 600 euro che, pur non dovendo versare alcun contributo, possono comunque, a nostro avviso, accedere alle prestazioni creditizie del Fondo. Di rilievo la possibilità di estendere anche ai pensionati l accesso

6 ai mutui edilizi erogati direttamente dell Ente, oggi limitata ai soli dipendenti in servizio. Per quanto riguarda il D.M. 313 le questioni principali riguardano le garanzie che l INPDAP, mediante uno schema di convenzione da sottoporre agli istituti finanziari abilitati, dovrà assicurare ai pensionati in ordine a condizioni più favorevoli rispetto a quelle medie di mercato e la determinazione della quota di pensione cedibile. Lo schema di convenzione sarà definito entro la fine di giugno, per essere poi sottoposto agli istituti finanziari che potranno formulare condizioni migliorative rispetto a quelle massime individuate nello schema di convenzione. Una volta concordata la comunicazione da inviare ai pensionati, che in questo momento è assolutamente prioritaria, avvieremo con l Ente una serie di confronti sugli aspetti applicativi dei due decreti. Coloro che in ogni caso intendono manifestare sin d ora la loro contrarietà possono compilare il modulo predisposto e riprodotto di seguito e inviarlo, con raccomandata e ricevuta di ritorno, all INPDAP della propria città. FAC SIMILE PER LA COMUNICAZIONE DI NON ADESIONE AL FONDO CREDITO DELL INPDAP All INPDAP sede di Il sottoscritto nato a il C.F. residente a titolare della pensione n erogata dalla Sede Provinciale INPDAP di, dichiara, ai sensi e per gli effetti di quanto stabilito all art. 2, comma 1, del D.M. n.45 del 7/3/2007, pubblicato sulla G.U. n.83 del 10/4/2007, di non aderire alla Gestioni Autonomia delle Prestazioni Creditizie e Sociali dell INPDAP istituita dell art.1, comma 242 e segg. della L.662/96. In fede Data Firma leggibile

7 La legge finanziaria per il 2007 e i redditi da pensione Scheda n. 1 Possesso della casa di abitazione e misura delle detrazioni d imposta. Obbligo di presentare dichiarazione dei redditi nel La nuova disciplina delle detrazioni d imposta comporta una ricaduta di un certo rilievo sui redditi da pensione i cui titolari siano proprietari della casa di abitazione. Per determinare l importo delle detrazioni sia la detrazione per rediti da lavoro dipendente, da lavoro autonomo e da pensione sia le detrazioni per carico di famiglia dal 1 gennaio 2007 si adopera un procedimento di calcolo che permette di evitare il salto che si verificava, utilizzando le vecchie tabelle a scaglioni, quando il reddito superava sia pure di poco uno dei numerosi limiti di soglia. In questo procedimento di calcolo entra il reddito complessivo, mentre prima, per selezionare lo scaglione di appartenenza, si faceva riferimento al reddito da lavoro dipendente e assimilato. Il reddito complessivo comprende anche il reddito derivante dal possesso della casa di abitazione: la rendita catastale, o quota parte di essa, opportunamente rivalutata. L obbligo di presentare dichiarazione dei redditi Poiché dal 2001 la rendita dell unità immobiliare adibita ad abitazione principale e sue pertinenze è interamente deducibile dal reddito assoggettabile all Irpef, i pensionati che vivono in casa di proprietà e che non hanno altri redditi oltre la pensione, esaurivano i loro obblighi verso il fisco con le ritenute d acconto operate dagli Enti previdenziali sulla pensione. Dal 1 gennaio 2007 non è più così: gli Enti previdenziali calcolano l importo delle detrazioni fiscali basandosi sul reddito da loro conosciuto, cioè il reddito della pensione che erogano (o comunque dell insieme delle pensioni, con la mediazione del Casellario centrale pensionati), senza tener conto di altri redditi. Se, con il concorso del reddito della casa d abitazione, l importo effettivamente spettante della detrazione dovesse risultare minore di quello applicato dall Ente previdenziale, il pensionato è tenuto a presentare dichiarazione dei redditi e a versare, in quella sede, la differenza d imposta.

8 L aumento di imposta Con 500 euro di rendita, l aumento d imposta va dai 15 ai 35 euro a seconda dell importo di pensione, mentre va dai 30 ai 70 se il valore dell immobile o della quota è di euro. Per un maggior dettaglio delle differenze d imposta in diverse situazioni (con o senza coniuge a carico, su pensioni da 576 a euro mensili) le sedi SPI hanno a disposizione le tabelle inviate con circolare n. 41 del 10maggio u. s. L iniziativa per modificare la legge finanziaria Questo aggravio d imposta contribuisce ad annullare i benefici fiscali disposti per i redditi fino a euro annui dalla manovra finanziaria del Governo. Inoltre, appare nettamente in controtendenza rispetto alla tendenza, dimostrata dall attuale maggioranza di Governo, a ridurre il carico fiscale anche locale sulla prima casa. Per queste ragioni il Sindacato pensionati della CGIL ha chiesto l intervento della Confederazione per una modifica alla legge finanziaria tendente ad escludere almeno il reddito derivante dal possesso della casa di abitazione dal reddito utilizzabile per il calcolo della misura della detrazioni d imposta. Questa richiesta sarà portata anche al tavolo della trattativa sul recupero del potere d acquisto delle pensioni e dovrebbe essere discussa ed approvata entro la fine dell anno, in tempo per evitare la presentazione della dichiarazione dei redditi da parte di migliaia di pensionati che finora non avevano bisogno di farlo.

9 La legge finanziaria per il 2007 e i redditi da pensione Scheda n. 2 Applicazione automatica dell esenzione dal pagamento dell addizionale comunale all Irpef. Alla data del 30 aprile scorso, circa 400 Comuni italiani si sono avvalsi della facoltà di stabilire una soglia di esenzione dal pagamento dell addizionale comunale all Irpef, fissata con la legge finanziaria per il 2007, per i soggetti che si trovano indeterminate condizioni di reddito. Poiché, sempre da quest anno, è stato istituito il pagamento in acconto di una quota dell imposta addizionale comunale, a partire da marzo, i pensionati che si trovano nelle condizioni di essere esentati per l anno 2007 avrebbero dovuto essere risparmiati dalla trattenuta sulla rata di pensione di marzo e seguenti. Trattenute effettuate anche se c è il diritto all esenzione Tuttavia non è stato così. Infatti, in una prima fase, con la circolare n. 15 del , l Agenzia delle entrate aveva condizionato il diritto all esenzione a specifica richiesta. In mancanza di richieste, gli Enti previdenziali hanno disposto, e stanno effettuando, le trattenute di legge sulle pensioni, a partire dalla rata di marzo, anche per i pensionati che risiedono in Comuni che hanno stabilito soglie di esenzione e la cui pensione si trova sotto tale soglia. Questo comportamento paradossale degli Enti previdenziali dipende dall orientamento dell Agenzia delle entrate, in netto contrasto con il criterio che è stato seguito in altre occasioni analoghe e che prevede l applicazione automatica di detrazioni, deduzioni o altro genere di benefici fiscali. In questi casi, l intervento del contribuente era richiesto solo se non desiderava l applicazione del beneficio fiscale in questione, ad esempio perché, essendo titolare di altri redditi oltre la pensione, avrebbe dovuto comunque restituire (ed in unica soluzione) quanto indebitamente risparmiato in anticipo. L esenzione dal pagamento dell addizionale deve essere applicata automaticamente L operato dell Agenzia delle entrate è stato fortemente criticato, per questi motivi, dai CAF, da altre organizzazioni sindacali, associazioni e perfino da qualche amministrazione comunale. Di conseguenza, l Agenzia delle entrate, con la nuova circolare n. 23 del 20 aprile 2007, ha fatto marcia indietro, chiarendo che il sostituto d imposta, qualora il reddito da lui erogato nel periodo d imposta precedente sia inferiore alla

10 soglia deliberata dal comune, applica automaticamente l esenzione, anche in assenza di specifica richiesta da parte del percipiente. Le trattenute indebite verranno restituite solo in sede di conguaglio Questa decisione è giunta tardi: gli Enti previdenziali non sono in grado di disporre una ricognizione dei pensionati residenti nei comuni individuati (alcuni dei quali grandi capoluoghi di regione: l elenco è allegato alla circolare SPI n. 42 del 10 maggio 2007, insieme con i limiti di reddito stabiliti per avere diritto all esenzione) e di modificare, a volte di pochi centesimi, migliaia di pensioni in pagamento. E molto probabile che l applicazione delle esenzioni avverrà in occasione del rinnovo dei mandati di pagamento per il 2008, con contestuale restituzione degli importi indebitamente trattenuti. Nel frattempo, poiché si annunciano importanti modifiche nei criteri di afflusso agli Enti locali delle imposte di loro pertinenza, non è escluso che si ritorni alle precedenti modalità di pagamento dell imposta addizionale comunale soltanto a saldo. Parte di questo processo dovrà compiersi entro il 30 giugno, data di scadenza per l emanazione del decreto delegato dalla legge finanziaria per il 2007 in materia di ripartizione delle imposte locali, e parte con la prossima legge finanziaria.

11 La legge finanziaria per il 2007 e i redditi da pensione Scheda n. 3 Assegno al nucleo familiare. Per attuare gli impegni del DPEF a sostegno dei nuclei familiari con figli, la manovra messa in atto con la legge finanziaria per il 2007 agisce sul versante fiscale e su quello dei trattamenti di famiglia. Difatti, sono stati aumentati del 15% gli importi destinati ai nuclei con figli e sono state anche ristrutturate le prime due tabelle (11 e 12), applicabili ai nuclei con figli minorenni e senza soggetti inabili, in modo da rendere più graduale il decrescere dell importo spettante in funzione del reddito familiare. La combinazione di queste modifiche, però, oltre al previsto miglioramento, ha comportato anche qualche aspetto deteriore: tra questi, la disparità che si è creata nel trattamento derivante dall applicazione delle tabelle 11 e 12 e quello delle tabelle 14 e 15, e la mancata rivalutazione dei limiti di reddito il 1 luglio p. v. L incongruenza tra nuclei con o senza soggetti inabili La legge finanziaria per il 2007 ha sostituito le tabelle dei redditi e degli importi previsti per i nuclei familiari comprendenti figli minorenni e senza soggetti inabili (tabelle 11 e 12). Se prima tali tabelle erano costituite da una quindicina di scaglioni di reddito, ciascuno di ampiezza di circa euro, ora si tratta di centinaia di scaglioni di reddito annuo che vanno di cento euro in cento, e di conseguenza l importo mensile dell ANF decresce, in corrispondenza, con una progressione di pochi centesimi al mese. Invece, le tabelle 14 e 15 (stessa composizione familiare ma con presenza di inabile), pur conservando, il diritto ad un importo complessivamente maggiore di quelle senza inabile, hanno mantenuto lo scaglionamento previsto nella legge istitutiva del 1988, che produce variazioni di importo, tra uno scaglione e l altro, che arriva anche a 30 euro mensili. Così, ad esempio, un nucleo familiare con inabile, composto dai genitori e un figlio, che abbia un reddito annuo di euro, spetta un assegno mensile di 55,83 euro, contro i 44,17 che spettano ad un nucleo composto nell identica maniera e con lo stesso reddito ma senza inabile. Se però prendiamo altri due nuclei, uno con inabile e l altro senza, con reddito di euro (quindi maggiore di 100 euro annui rispetto a quello dei due primi nuclei), l importo spettante al nucleo con

12 inabile scende a 32,67 euro, mentre l altro perde solo 4 centesimi, attestandosi a 44,13. Il decreto ministeriale del 7 marzo Diverse associazioni di disabili e familiari hanno sollevato per prime la questione, segnalata anche dai patronati e dalle organizzazioni sindacali dei lavoratori e dei pensionati agli Enti previdenziali competenti e da questi al Governo. La risposta è giunta con il decreto ministeriale del 7 marzo u. s. che sancisce il principio secondo cui l assegno per il nucleo familiare per i nuclei che includono soggetti inabili non può essere inferiore, a parità di reddito e di composizione numerica, a quello corrisposto agli equivalenti nuclei che non includono soggetti inabili. Si tratta di una soluzione provvisoria, perché le tabelle dovranno essere tutte ristrutturate con gli stessi criteri seguiti per la 11 e la 12 ed allora verrà ristabilita la giusta differenza in più a favore dei nuclei con inabili, a parità di altre condizioni. Nel frattempo, gli Enti previdenziali sono tenuti ad applicare questa norma di salvaguardia, che almeno impedisce il verificarsi delle conseguenze più assurde. In seguito a tali disposizioni, l importo dell ANF in pagamento ai pensionati interessati verrà adeguato a partire dalla prima scadenza utile (essendo entrato in vigore il decreto soltanto a maggio, per l Inps si tratterà probabilmente della rata di agosto) con contestuale corresponsione degli arretrati da gennaio. Rivalutazione dei limiti di reddito influente sull importo dell ANF In conseguenza dei miglioramenti apportati con la legge finanziaria alla disciplina dell ANF, che hanno efficacia dal 1 gennaio 2007, la sessa legge stabilisce che la prossima rivalutazione degli scaglioni di reddito abbia luogo nell anno Questo significa che quest anno, la consueta rivalutazione dei livelli di reddito non avrà luogo mentre rimarrà operante il cambio di reddito di riferimento, dal 2005 al In altre parole, per stabilire il diritto e l importo dell ANF spettante in una determinata situazione familiare, dal 1 luglio 2007 si prenderà in considerazione il reddito complessivo conseguito dal nucleo nell anno 2006, anziché quello del 2005; ma, questa volta, tale reddito che si presume maggiore del precedente andrà raffrontato con limiti che non saranno stati corrispondentemente adeguati, rimanendo gli stessi in vigore fin dal 1 luglio Se lo svantaggio derivante da questa situazione non verrà avvertito nei nuclei con figli, grazie all aumento degli importi già operante dal 1

13 gennaio 2007, per i nuclei senza figli cui si applicano le tabelle 20 e 21, che sono in maggioranza nuclei familiari di pensionati, il rischio di diminuzione dell importo dell ANF in pagamento o addirittura di perdita del diritto a partire dal 1 luglio 2007 è un rischio reale. Anche per queste situazioni, che pure non hanno beneficiato di aumenti, la soluzione è rappresentata dalla ristrutturazione delle tabelle, del resto già prevista dalla legge, che neutralizza l effetto negativo dei salti di scaglione. Si tratta di intervenire per sollecitarne l attuazione.

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 All'interno: Importo pensioni base; Bonus di 154,94; Quattordicesima sulle pensioni basse; Integrazione al trattamento minimo e integrazione

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/204 redditi 203 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA (articolo 23 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e successive modifiche e integrazioni) In base all art. 7, D.L. n. 70/2011 non è più obbligatorio

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012 CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. LUGLIO 998, N. 3 RELATIVA ALL'ANNO 0 Pagina AL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D'IMPOSTA Codice fiscale Cognome

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman.

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman. La nuova PENSIONE MODULARE per gli Avvocati Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman Edizione 2012 1 LA NUOVA PENSIONE MODULARE PER

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Riscatto degli anni di laurea

Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea scuola Chi è giovane e fresco di laurea, di regola, non vede l ora di mettersi a lavorare e, certamente, per prima cosa non pensa alla pensione.

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

Certificazione dei redditi - 1/6

Certificazione dei redditi - 1/6 PR O TOC OL L O Mod. RED - COD. AP15 Certificazione dei redditi - 1/6 ALL UFFICIO INPS DI COGNOME NOME CODICE FISCALE NATO/A IL GG/MM/AAAA A PROV. STATO RESIDENTE IN PROV. STATO INDIRIZZO CAP TELEFONO

Dettagli

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti Premessa L IMU comporta un forte aumento del prelievo patrimoniale sugli immobili (pari al 233% dell ICI) gran parte del quale va a beneficio

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Negli ultimi mesi lo scenario europeo ha avuto un'evoluzione nuova e positiva. I margini di flessibilità del Fiscal Compact sono

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it COMUNE DI CELLE LIGURE PROVINCIA DI SAVONA VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it Ufficio Entrate Tributarie e Tariffarie A decorrere

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI Marzo 2014 Con il presente riepilogo si forniscono indicazioni di dettaglio sulle prestazioni creditizie erogate

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO

LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO COME COMPILARE IL MODELLO UNICO E PAGARE LE IMPOSTE INDICE 1. I NON RESIDENTI 2 Chi sono i non residenti 2 Il domicilio fiscale in Italia dei non residenti

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente E.P.A.P. Ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 Regolamento

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO A. LA NUOVA MODALITA 3 B. RILASCIO DELL ATTESTATO DI ESENZIONE 5 C. REQUISITI PER L ESENZIONE

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

Le detrazioni d imposta nella busta-paga del lavoratore dipendente

Le detrazioni d imposta nella busta-paga del lavoratore dipendente DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE CIVILE III REPARTO 7^ DIVISIONE Le detrazioni d imposta nella busta-paga del lavoratore dipendente Dispensa informativa destinata ai dipendenti civili dell Amministrazione

Dettagli

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Come noto, l'imu sostituisce, in caso di immobili non locati, l'irpef e relative addizionali riguardanti i redditi fondiari. Il Mod. 730/2013, è stato di conseguenza

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI Modello 730/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 INTRODUZIONE 1. Perché conviene il Modello 730 2 2. Modello 730 precompilato 2 3. Modello 730 ordinario (non precompilato) 4 4.

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

MODELLO 730/2015 redditi 2014 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale

MODELLO 730/2015 redditi 2014 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale Mod. N. MODELLO 0/0 redditi 0 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale genzia ntrate Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONTRIBUENTE Dichiarante

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps Numero 75 Gennaio 2014 Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps L'INPS ha pubblicato, con propria circolare n^7 del 17/01/2014, le tabelle per

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

Roma, 28 aprile 2015

Roma, 28 aprile 2015 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti RISOLUZIONE N. 42/E Roma, 28 aprile 2015 Oggetto: Estensione alla modalità di versamento F24 Enti pubblici dei codici tributo utilizzati con il modello F24 per

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

inform@ata news n.02.15

inform@ata news n.02.15 Per contatti o segnalazioni: e-mail: r.fiore@flcgil.it siti internet: www.flc-cgiltorino.it www.flcgil.it inform@ata news n.02.15 la newsletter di informazione sulle problematiche del settore ATA della

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 dicembre 2007, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dal Senato e modificato dalla Camera

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA Gli aggiornamenti più recenti agevolazioni prima casa e utilizzo del credito d imposta detrazione interessi passivi sui mutui per l acquisto dell abitazione principale acquisto di fabbricati ristrutturati

Dettagli

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE Giugno 2014 I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE a cura di G. Marcante Da 24 a 48 mesi di attesa! come è possibile? Premessa L art. 1, commi 484 e 485 della

Dettagli

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI 2003 AGENZIA DELLE ENTRATE INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI artt. 8, 9, 9-bis e 14 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, e successive modificazioni

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO

Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO - Aspetti civilistici dell istituto introdotto, per i dipendenti del comparto privato, nel 1982; - Le circostanze

Dettagli