LUOGO E DATA 24, 25 aprile 2013 Parlamento Europeo Rue Wiertz 60, 1000 Bruxelles

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LUOGO E DATA 24, 25 aprile 2013 Parlamento Europeo Rue Wiertz 60, 1000 Bruxelles"

Transcript

1 TITOLO Riunione della Commissione ECON LUOGO E DATA 24, 25 aprile 2013 Parlamento Europeo Rue Wiertz 60, 1000 Bruxelles ORGANIZZATORE Commissione ECON RELAZIONE Relazione annuale 2012 della Banca centrale europea ECON/7/12316 V. Constancio (vice presidente BCE) è intervenuto al Parlamento Europeo per presentare la relazione annuale della Banca Centrale Europea per il I temi fondamentali affrontati durante l incontro con la commissione ECON hanno riguardato gli sviluppi economici e monetari dell area Euro e i piani di riforme istituzionali necessari a stimolare la crescita in Europa. Il 2012 ha visto un inasprimento della crisi di fiducia dei mercati finanziari, che ha portato, a seguito a due anni di crescita contenuta, a una riduzione media del PIL dello 0,6%. Previsioni consensuali prevedono un ulteriore contrazione per il Le dinamiche dei prestiti e della concessione di credito appaiono sotto controllo anche se i flussi di credito all economia reale (imprese e famiglie) stentano a ripartire. L inflazione ha raggiunto nel 2012 un livello del 2,5 % superiore quindi agli obiettivi statutari della BCE, questo a causa degli effetti di shock dell offerta. L inflazione è poi tornata a livelli più contenuti attestandosi in questo momento attorno all 1,7%. Il consiglio direttivo della BCE resta fermo sul proprio mandato di stabilità dei prezzi e le aspettative sono stabili per il futuro. La fase di turbolenza del 2012 aveva creato timori sulla possibile reversibilità della moneta unica, per questo motivo sono stati elargiti prestiti sui mercati secondari e costituiti programmi appositi come gli OMT (Outright Monetary Transactions), per impedire che le forti tensioni sui mercati dei titoli di Stato portassero ad un pagamento di eccessivi premi per il rischio in diversi Paesi (soprattutto del Sud). Dal 2010 in poi in vari Stati membri sono state avviate intense politiche di consolidamento fiscale che hanno consentito l importante riduzione del rapporto deficit/pil. Questi sforzi stanno dando oggi i propri frutti. Ciononostante i costi impliciti delle politiche di risanamento si sono ripercossi sull occupazione che è crollata in vari Stati. Occorre quindi considerare attentamente tali costi e completare la fase di riforme strutturali che portino a maggiore concorrenza e occupazione, garantendo finalmente una crescita sostenibile. Alcuni Paesi sono riusciti ad agire incisivamente sul miglioramento della concorrenzialità (specialmente Irlanda, Spagna, Grecia e Portogallo) e questo, considerando il miglioramento relativo nei confronti dei maggiori partner commerciali non-euro, ha dato respiro all economia. Per il 2013 è previsto in tutti i Paesi un surplus di bilancio, tranne che per la Grecia che vedrà

2 comunque molto ridotto il proprio deficit. Le riforme promosse hanno quindi comportato progressi importati nella realizzazione di un unione monetaria stabile. Per quanto riguarda le riforme strutturali ancora da completare esse riguardano principalmente l Unione Bancaria e i Meccanismi di Supervisione Unica (SSM) e di Risoluzione. Per quanto riguarda l Unione Bancaria in sede di trilogo sono stati fatti passi importanti e bisogna ora stabilire alcune questioni relative alla vigilanza bancaria. Tali meccanismi serviranno a consolidare l Unione bancaria ma per far ciò occorrerà stabilire e garantire poteri e competenze fondamentali: la predisposizione di una serie di strumenti adeguati e legati ai poteri delle autorità di supervisione. Per poter risolvere e recuperare le banche servono infatti, oltre a poteri e competenze chiari, anche strumenti come il bail-in o l introduzione di vincoli di preferenza a tutela dei depositanti; una forte autorità indipendente necessaria per il funzionamento del SSM. A tale proposito Constancio ha affermato che non basterà coordinare le autorità nazionali, ma si dovrà creare una nuova autorità che sia efficace anche in caso di crisi transfrontaliera; la creazione di un fondo europeo in seno all autorità di risoluzione unica, finanziato privatamente dal settore bancario, che dovrebbe avviarsi in caso di emergenza se non bastasse la copertura di azionisti e creditori. Solo in casi eccezionali il fondo potrà ricevere contributi dal settore pubblico. Garantire una strategia di risoluzione unica consentirà maggiore stabilità finanziaria, rinnovata attenzione agli impatti sull economia reale e il rispetto del principio di minimo costo possibile per il contribuente. Gli obiettivi principali restano quindi la protezione dei contribuenti dall esposizione ai fallimenti bancari e il contributo alla credibilità e protezione dei servizi bancari principali. La futura entrata in vigore dell Unione bancaria potrebbe essere una soluzione per risolvere la pressione sul capitale del settore bancario. Altri punti su cui occorrerà lavorare ancora riguardano la riduzione della leva finanziaria degli istituti e il ritrovamento della fiducia che ancora non consente una diffusione adeguata del credito. I bilanci delle banche dovranno poi essere ristrutturati considerando pienamente le perdite potenziali, anche se questo rischia di ridurre ulteriormente le disponibilità di credito. L SSM tramite controlli preventivi sulle banche garantirà un clima di maggiore fiducia e la possibilità di ricapitalizzare a costi minori. Il meccanismo di risoluzione unica garantirà invece la separazione tra i rischi delle banche e i crediti sovrani, aiutando in questo modo a consolidare le prospettive di crescita dei Paesi e dell area Euro. Il dibattito è proseguito con gli interventi dei MEPs. Numerosi deputati hanno rimarcato che la BCE dovrebbe fare ancora di più per garantire i prestiti delle banche all'economia reale. I deputati di centro-sinistra e alcuni altri dei Paesi più colpiti dalla crisi hanno poi proposto un ripensamento delle politiche di austerità. Il responsabile della relazione 2012 per il Parlamento, che sarà presentato in commissione ECON nella seconda metà di giugno, G. Pittella (S&D) si è lamentato per il ritardo nel fornire la relazione al Parlamento che ha impedito di poter preparare il dibattito ed ha quindi criticato il profilo di trasparenza della BCE. È poi passato ad affrontare la crisi economica e

3 sociale citando il retromarcia di Barroso riguardo all efficacia delle politiche di austerity. Ha citato i problemi del rifinanziamento dei Paesi del sud e degli spread dei titoli di stato. A questi si aggiungono i problemi di condizionalità per l accesso alle OMT che rendono tali strumenti meno appetibili proprio per i Paesi che ne avrebbero maggiore bisogno. Riguardo al tema "meno austerità", Constancio si è detto in accordo a un rallentamento nell attuazione delle riforme strutturali, ma ha comunque insistito sulla necessità di continuare a lottare per raggiungere i livelli di debito sostenibili. S. Goulard (ALDE) ha affrontato il tema dei tassi d interesse, troppo difformi nella zona Euro. I Paesi dove le imprese avrebbero bisogno di maggiori risorse sono quelli che vedono invece i tassi d interesse più elevati. Constancio ha ribadito che la BCE non può costringere le banche a concedere prestiti ed ha riferito che se queste mostrano poco appetito a prestare all'economia reale nonostante le iniziative della BCE di fornire loro liquidità, ciò è anche dovuto ai diversi rendimenti dei titoli pubblici, che serve appunto valutare il rischio nei diversi Paesi e sul quale non si può agire senza riforme di carattere strutturale e nazionale. M. Matias (GUE) e S. Giegold (V-ALE) hanno posto il problema della redistribuzione degli utili della BCE e della trasparenza sulle linee di credito e sulle operazioni soggiacenti e collegate. Gli utili della Banca Centrale sono aumentati notevolmente nell anno passato grazie all acquisizione di titoli nazionali. Hanno entrambe rimarcato come sembri immorale in questo contesto di difficoltà economica la realizzazione di tali utili esorbitanti che andrebbero invece ridistribuiti e rispetto ai quali servirebbe maggiore trasparenza. Sulla trasparenza, Constancio ha risposto come la BCE abbia fornito tutte le informazioni relative ai programmi di liquidità di ultima istanza (ELA), mentre per quanto riguarda il trasferimento diretto delle risorse così generate, ciò è reso impossibile dai vincoli di mandato della BCE (per trattato la BCE non può distribuire direttamente tali utili ai Paesi in quanto ciò costituirebbe un finanziamento diretto). Anche D. Feio (PPE) ha ripreso il tema degli acquisti e rinegoziazioni dei debiti pubblici nazionali dei Paesi in fase di aggiustamento di bilancio, contrapponendolo alle operazioni di acquisto dei debiti sovrani eseguite dai Paesi europei in condizioni finanziarie migliori. Ha quindi chiesto se in un futuro prossimo i Paesi che abbiano rispettato gli obblighi e criteri imposti da Troika e BCE possano usufruire di un trattamento più morbido nel ripagare queste passività. G. Hokmark (PPE) si è concentrato sul problema dell accesso ai mercati finanziari per liberare le risorse necessarie agli investimenti. Ha chiesto dell evoluzione prevista dei tassi d interesse e delle conseguenti prospettive di accesso ai mercati, domandandosi se la BCE preveda la possibilità di aumentare la spesa pubblica per generare crescita. Constancio ha risposto che i Paesi potranno scegliere se andare o meno avanti nelle politiche di consolidamento, ma che sarà difficile prevedere le reazioni dei mercati. Gli spread si sono ridotti grazie agli interventi della BCE che tuttavia da soli non sarebbero bastati, senza le misure di aggiustamento strutturale portate avanti dagli Stati. Infine, prendendo in considerazione un possibile ed ulteriore taglio dei tassi, Constancio ha affermato che la BCE è pronta ad agire in qualsiasi modo disponibile, soprattutto se la situazione dovesse peggiorare. G. Mitchell (PPE) ha introdotto il tema degli Eurobond il cui inserimento sarebbe possibile se solo si superassero i vincoli politici che costituiscono oggi il limite principale all introduzione di tale strumento, ed ha quindi chiesto perché la BCE non spinga in tal

4 senso. Constancio ha risposto che la BCE non ha molta voce in capitolo non essendo un istituzione politica. Altro punto sollevato dal deputato popolare ha riguardato la possibilità di ritiro delle banconote da 500 euro, usate a suo dire quasi esclusivamente per attività di evasione ed elusione fiscale se non direttamente dal crimine organizzato. Ha rimarcato come simili politiche siano state seguite dai maggiori Paesi sviluppati ed ha fornito alcuni dati riguardanti l ammontare di ricchezza rappresentato dalle banconote di grosso taglio (oltre 284 miliardi di euro ossia il 32% del valore totale della moneta unica). Constancio ha sottolineato come già si fosse posto tale dubbio in passato, come governatore della Banca centrale del Portogallo, mentre la posizione della BCE sarà chiarita nel prossimo futuro e nelle aspettative questo sarà un tema caldo nella prossima relazione del Parlamento. Dialogo economico e scambio di opinioni sugli squilibri macroeconomici con Olli Rehn, vicepresidente della Commissione e commissario responsabile degli affari economici e monetari dell euro ECON/7/00023 Il Commissario per gli affari economici O. Rehn ha introdotto il dibattito discutendo degli squilibri macroeconomici dell Area Euro e riprendendo le conclusioni esaminate all interno delle revisioni approfondite svolte per 13 Stati membri che presentano attualmente elementi di rischio sistemico o macroeconomico. Rehn ha esordito dicendo che le riforme già intraprese cominciano a dare i propri frutti, rendendo possibile un rallentamento del consolidamento fiscale. Il tema della governance economica rafforzata richiede tuttavia un dibattito in seno al Parlamento sulle condizioni politiche e macroeconomiche necessarie al suo corretto funzionamento. Alcune questioni politiche hanno una valenza generale e si ritrovano trasversalmente nei diversi Paesi, tra queste: l adeguamento esterno della bilancia commerciale è stato avviato, ciononostante le passività finanziarie esterne ancora costituiscono un rischio serio nella maggior parte dei Paesi; la competitività strutturale e di costo continua ad essere una preoccupazione in varie economie UE; la riduzione dell esposizione del settore privato sta procedendo, ma ancora resta elevato l indebitamento del settore, il che riduce consumi e investimenti e quindi rallenta ed impedisce la ripartenza della crescita economica; nonostante il settore immobiliare si sta adeguando e correggendo restano elevati i rischi di stabilità. La Commissione sta sostenendo gli sforzi di riforma in tutti i Paesi, promuovendo il completamento delle riforme avviate e la maggiore inclusione di provvedimenti politici nei programmi di stabilità. Tuttavia squilibri macroeconomici di diversa entità restano in tutti gli stati sottoposti a revisione approfondita. Indebitamento aziendale, esposizione esterna, le capacità limitate di adeguamento dei mercati di capitale e lavoro, l elevata disoccupazione e le condizioni finanziarie generali sono tra i principali elementi di vulnerabilità. La velocità del consolidamento fiscale sta rallentando in UE, essendosi dimezzata rispetto all anno scorso. Hanno contribuito le azioni di stabilizzazione della BCE e la riforma della governance economica, che ha creato un quadro efficace per gli adeguamenti finanziari e strutturali. È ora possibile sviluppare una politica fiscale a medio termine anche grazie alla riduzione dei tassi pagati dai Paesi per rifinanziare i debiti. Ciononostante le condizioni finanziarie restrittive ancora bloccano la crescita nei Paesi del Sud, che si ritrovano in una situazione di trappola della liquidità dalla quale si sta cercando di uscire grazie al lavoro

5 congiunto delle istituzioni europee, cercando soprattutto di rilanciare le aziende esportatrici e di ricreare posti di lavoro. Il Parlamento si è diviso sul tema dell austerità e dell attenzione eccessiva della Commissione per tali politiche. Forti critiche sono emerse nei gruppi di centro-sinistra che hanno duramente criticato le politiche di rigore e ricordato che queste non godano più di alcun sostegno politico o sociale, come nel caso di E. Ferreira (S&D) che ha ricordato il fallimento delle politiche di austerità in Portogallo e la generale assenza di politiche di accompagnamento sociale che mitighino gli effetti di tali politiche sulle fasce più deboli. I Paesi UE hanno bisogno di nuovi stimoli, non di un semplice rallentamento del rigore, come è emerso dall intervento di W. Klinz (ALDE), che ha parlato della necessità di generare crescita, smantellando la burocrazia e completando il mercato unico dei servizi. Le politiche finora promosse dalla Commissione non hanno fatto che togliere autorità agli Stati membri che in molti casi sarebbero potuti intervenire in modo migliore della Commissione. Di opinione opposta i partiti di centro destra che hanno avanzato richieste di maggiore coraggio nel perseguire le politiche di rigore fino ad oggi proposte. Ad esempio G.P. Gauzes (PPE) ha sottolineato gli emergenti problemi finanziari della Francia, per risolvere i quali rinunciare al rigore potrebbe costituire un rischio eccessivo. Sarebbe opportuno utilizzare gli strumenti già introdotti (come 6pack e 2pack) senza timori, poiché sono stati lungamente discussi e vi sono state investite notevoli risorse. La critica che la Commissione stia deviando dalla giusta rotta, dando ai mercati un segnale di debolezza e mostrandosi pronta a piegarsi alle pressioni nazionali è stata mossa anche da S. Terho (EFD). Tornando al tema della disciplina fiscale, egli ha ricordato come patti comuni già esistessero prima della crisi (Patto di crescita e stabilità) e che il non rispetto degli stessi abbia contribuito a generare la sfiducia dei mercati. Critiche sono state anche rivolte all incapacità della Commissione di migliorare l'occupazione o di fare pressione sui Paesi maggiormente indebitati per tagliare le spese militari. Infine, N. Chountis (GUE) assieme a vari deputati di altri schieramenti, hanno lamentato come le modalità dei prestiti di salvataggio della Troika siano spesso oscure e inspiegabili, come nel caso della mancata fusione tra EUROBANK e la principale banca greca, dando adito al sentimento che alcuni asset dei Paesi in difficoltà siano in svendita a vantaggio delle istituzioni finanziarie dei Paesi più forti dell Area Euro. LINKS Ordine del giorno e documenti commissione ECON: htm Eseguito da: Riccardo Di Gennaro UNIONCAMERE DEL VENETO Delegazione di Bruxelles Av. de Tervueren 67 - B Bruxelles Tel Fax

LUOGO E DATA 18, 19 febbraio 2013 Parlamento Europeo Rue Wiertz 60, 1000 Bruxelles

LUOGO E DATA 18, 19 febbraio 2013 Parlamento Europeo Rue Wiertz 60, 1000 Bruxelles TITOLO Riunione della Commissione ECON LUOGO E DATA 18, 19 febbraio 2013 Parlamento Europeo Rue Wiertz 60, 1000 Bruxelles ORGANIZZATORE Commissione ECON RELAZIONE Dialogo monetario con Mario Draghi, presidente

Dettagli

L'EFFETTO DOMINO DELLA CRISI FINANZIARIA INTERNAZIONALE: DAGLI USA ALL'EUROPA, DALLE BANCHE AGLI STATI, DAL DEBITO ALL'EURO. DOVE SI FERMERA?

L'EFFETTO DOMINO DELLA CRISI FINANZIARIA INTERNAZIONALE: DAGLI USA ALL'EUROPA, DALLE BANCHE AGLI STATI, DAL DEBITO ALL'EURO. DOVE SI FERMERA? L'EFFETTO DOMINO DELLA CRISI FINANZIARIA INTERNAZIONALE: DAGLI USA ALL'EUROPA, DALLE BANCHE AGLI STATI, DAL DEBITO ALL'EURO. DOVE SI FERMERA? 13 Gennaio 2011 Spazio Civico Associazione Civica 19 Premessa:

Dettagli

Lo stato della finanza pubblica in Italia

Lo stato della finanza pubblica in Italia di Angelo Giubileo. Lo stato della finanza pubblica in Italia Crisi produttiva e aumento del debito pubblico In ambito europeo, la situazione di crisi internazionale ha avuto forti ripercussioni sul rapporto

Dettagli

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Gregorio De Felice Chief Economist Intesa Sanpaolo Roma, 24 febbraio 2014 Agenda 1 Le prospettive macro nel 2014-15 2 Credito ed economia reale nell area

Dettagli

Rassegna Stampa 21-23.07.2012

Rassegna Stampa 21-23.07.2012 Rassegna Stampa 21-23.07.2012 Rubrica Stefano Micossi Sommario Rassegna Stampa Pagina Testata Data Titolo Pag. 28 il Sole 24 Ore 21/07/2012 LEASING, IL CONTRATTO "LIBERO" COMPLICA LADEDUCIBILITA' 3 14

Dettagli

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia Camera dei deputati Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia Roma, 1 luglio 2015 www.mef.gov.it 1 Il

Dettagli

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014)

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014) RESeT INTERNAZIONALE Fondo Monetario Internazionale FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE ED. IT. DI ALDO CARBONE 19 Giugno 2014 Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell

Dettagli

A tre anni dalla crisi dell euro: un austerità fallimentare?

A tre anni dalla crisi dell euro: un austerità fallimentare? A tre anni dalla crisi dell euro: un austerità fallimentare? di Antonio Misiani Il 19 ottobre 2009 il primo ministro greco, George Papandreou, annunciò che i conti pubblici ellenici erano drammaticamente

Dettagli

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta 357 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Usa: il «sequestro» Cosa è successo negli

Dettagli

Strasburgo, 12 gennaio 2015. Sono grato per l occasione di partecipare nuovamente ai lavori di questa Commissione.

Strasburgo, 12 gennaio 2015. Sono grato per l occasione di partecipare nuovamente ai lavori di questa Commissione. Intervento del Ministro Padoan alla Commissione Affari Economici e Monetari (ECON) del Parlamento Europeo al termine del semestre di presidenza italiana della Ue Presidente, Onorevoli Membri, Strasburgo,

Dettagli

Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire

Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire di Olivier Blanchard 10 luglio 2015 Gli occhi del mondo sono tutti puntati sulla situazione economica della Grecia e le parti coinvolte continuano

Dettagli

Riunione della commissione ECON TITOLO. LUOGO E DATA 1 aprile 2014 Parlamento Europeo Rue Wiertz 60, 1040 Bruxelles ORGANIZZATORE.

Riunione della commissione ECON TITOLO. LUOGO E DATA 1 aprile 2014 Parlamento Europeo Rue Wiertz 60, 1040 Bruxelles ORGANIZZATORE. TITOLO Riunione della commissione ECON LUOGO E DATA 1 aprile 2014 Parlamento Europeo Rue Wiertz 60, 1040 Bruxelles ORGANIZZATORE Commissione ECON Relazione Audizione pubblica: Prospettive per la costituzione

Dettagli

Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE

Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE International Institute for Labour Studies Nella UE, mancano quasi 6 milioni di posti di lavoro per tornare alla situazione occupazionale pre-crisi

Dettagli

La trappola della stagnazione

La trappola della stagnazione Conversazione con Michael Spence e Kemal Dervis La trappola della stagnazione 52 Aspenia 66 2014 ASPENIA. La crisi finanziaria esplosa nel 2008, divenuta una crisi economica semiglobale, si è negli anni

Dettagli

Dalla crisi economica alla crisi sociale: cause e rimedi

Dalla crisi economica alla crisi sociale: cause e rimedi Dalla crisi economica alla crisi sociale: cause e rimedi I numeri della disoccupazione Cercano lavoro 3 milioni 12% Scoraggiati 3 milioni 12% TOTALE 6 MILIONI 24% DISOCCUPAZIONE GIOVANILE 40% (700mila)

Dettagli

FISCAL COMPACT: CHI ERA COSTUI?

FISCAL COMPACT: CHI ERA COSTUI? 104 i dossier www.freefoundation.com FISCAL COMPACT: CHI ERA COSTUI? 10 luglio 2012 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Il Fiscal Compact Lo stato dell arte in Europa Lo stato dell arte in Italia Le misure

Dettagli

La Cultura della Previdenza Riformare il Patto di stabilità per la crescita interna

La Cultura della Previdenza Riformare il Patto di stabilità per la crescita interna Università LUM Jean Monnet - Trani European Week 9-10-11 maggio 2013 Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza La Cultura della Previdenza Riformare il Patto di stabilità per la crescita interna Intervento

Dettagli

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI?

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? Il testo riprende Cozzi T. (2013), La crisi e i moltiplicatori fiscali, in Moneta e credito, n. 262, i dati sono invece aggiornati e resi disponibili

Dettagli

C. Affari Economici e Finanziari

C. Affari Economici e Finanziari C. Una Nuova Agenda di Politica Economica L attuale congiuntura richiede un profondo cambiamento nell agenda di politica economica dell UE, che vada nella direzione di una strategia politica più efficace

Dettagli

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento LE NUOVE MISURE FISCALI Taglio del cuneo fiscale, riduzione dell Irap e maggiore tassazione delle rendite finanziarie. Questi i tre maggiori interventi del nuovo premier, ma quale effettivo impatto avranno

Dettagli

La crisi del settore bancario in Europa

La crisi del settore bancario in Europa La crisi del settore bancario in Europa 26 ottobre 2011 Christine Lagarde, direttrice del Fondo Monetario Internazionale, già ad agosto aveva dichiarato che occorrevano circa 200 miliardi di Euro per ricapitalizzare

Dettagli

Commissione Problemi Economici e Monetari RELAZIONE. Dialogo monetario con Mario Draghi, Presidente della Banca centrale europea.

Commissione Problemi Economici e Monetari RELAZIONE. Dialogo monetario con Mario Draghi, Presidente della Banca centrale europea. TITOLO LUOGO E DATA ORGANIZZATORE Riunione Commissione ECON Lunedì 15 giugno 2015 Parlamento Europeo Rue Wiertz 60, 1040 Bruxelles Commissione Problemi Economici e Monetari RELAZIONE Dialogo monetario

Dettagli

MISURE DELL'UE PER IL SOSTEGNO FINANZIARIO ALLA GRECIA E LA STABILIZZAZIONE DELL AREA EURO

MISURE DELL'UE PER IL SOSTEGNO FINANZIARIO ALLA GRECIA E LA STABILIZZAZIONE DELL AREA EURO Camera dei deputati - XVI Legislatura - Dossier di documentazione (Versione per stampa) Autore: Titolo: Ufficio Rapporti con l'unione Europea Misure dell'ue per il sostegno finanziario alla Grecia e la

Dettagli

MoneyExpert.it Diario di Bordo 25 ottobre 2012

MoneyExpert.it Diario di Bordo 25 ottobre 2012 MoneyExpert.it Diario di Bordo 25 ottobre 2012 - Piigs sotto la lente: il Portogallo - Il dividendo dell euro - Sul ponte sventolo la Bandiera Bianca - Il salvataggio - La cura uccide il malato - Un esercito

Dettagli

Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia

Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia Euler Hermes Italia Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia Aggiornamento 3 Trimestre 2013 Il Report si basa sul monitoraggio giornaliero dei pagamenti

Dettagli

Focus On. Grexit? No grazie! Un esempio reale del dilemma del prigioniero. a cura dell Ufficio Analisi e Ricerche Economiche

Focus On. Grexit? No grazie! Un esempio reale del dilemma del prigioniero. a cura dell Ufficio Analisi e Ricerche Economiche Grexit? No grazie! Un esempio reale del dilemma del prigioniero La Grecia è a un punto di stallo. Le elezioni di inizio maggio si sono risolte in un nulla di fatto, non avendo portato alla definizione

Dettagli

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Facoltà di Scienze Politiche - Università di Bari Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Modulo 10 L Integrazione Monetaria: lo SME Lo SME Rapporto Werner (1970): successo del mercato

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

Analisi sulla crisi dei debiti sovrani dell Europa meridionale.

Analisi sulla crisi dei debiti sovrani dell Europa meridionale. Analisi sulla crisi dei debiti sovrani dell Europa meridionale. Dalle cause alle soluzioni: la proposta degli Eurobond Relatore: Prof. Michele Battisti Candidato: Leonardo De Vizio (Mat. 067362) Sin dall'inizio

Dettagli

LA POLITICA MONETARIA dell EUROSISTEMA parte 3. Mario Tirelli

LA POLITICA MONETARIA dell EUROSISTEMA parte 3. Mario Tirelli LA POLITICA MONETARIA dell EUROSISTEMA parte 3 Mario Tirelli Situazione congiunturale Le due fasi cicliche europee In Europa 2 fasi congiunturali: I) 2008 (IV trimestre) 2011 (III trimestre) II) 2011 (IV

Dettagli

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Dipartimento di Scienze Politiche - Università di Bari Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Modulo 13 Il Patto di Stabilità Per poter usare la moneta unica, occorreva la convergenza

Dettagli

La Tigre Celtica dagli artigli spuntati continua a ruggire

La Tigre Celtica dagli artigli spuntati continua a ruggire La Tigre Celtica dagli artigli spuntati continua a ruggire Lo strano caso della ripresa economica irlandese 27/04/2014 Centro di Sviluppo Politico e Sociale CSPS Relatore: Presidente del CSPS, Dott. Diego

Dettagli

Corso di Politiche Economiche Europee 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Politiche Economiche Europee 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti Dipartimento di Scienze Politiche - Università di Bari Corso di Politiche Economiche Europee 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti Modulo 15 La politica economica in Europa dopo il 2011 Le risposte alla crisi

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

Alessandro Scopelliti. alessandro.scopelliti@unirc.it

Alessandro Scopelliti. alessandro.scopelliti@unirc.it Alessandro Scopelliti alessandro.scopelliti@unirc.it La crisi del debito pubblico Il vincolo di bilancio del governo e il disavanzo pubblico L avanzo primario e la riduzione del debito pubblico Le determinanti

Dettagli

Analisi annuale indipendente della crescita 2013 ECLM-IMK-OFCE

Analisi annuale indipendente della crescita 2013 ECLM-IMK-OFCE Analisi annuale indipendente della crescita 2013 ECLM-IMK-OFCE Sintesi Quattro anni dopo l'inizio della grande recessione, l'area dell'euro resta in crisi. Il PIL e il PIL pro capite sono al di sotto dei

Dettagli

Investire nella crescita. Questa è oggi la priorità di chi governa l Europa, e di chi governa i singoli Stati europei.

Investire nella crescita. Questa è oggi la priorità di chi governa l Europa, e di chi governa i singoli Stati europei. Rome Investment Forum 2015: Financing Long-Term Europe Roma - Centro Congressi Palazzo Rospigliosi, Via XXIV Maggio 43 Antonio Tajani Primo Vicepresidente del Parlamento Europeo ***** (Saluti) Investire

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012 1. EVOLUZIONE DELLA CRISI ECONOMICA INTERNAZIONALE Nel secondo trimestre del 2012 le incertezze sull evoluzione della crisi greca e le difficoltà del

Dettagli

Crisi in Europa, peculiarità e scenari

Crisi in Europa, peculiarità e scenari Crisi in Europa, peculiarità e scenari Appunti della lezione tenuta presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia Economica Gorizia, aprile

Dettagli

di prossima pubblicazione:

di prossima pubblicazione: di prossima pubblicazione: 1 (la sintesi) Fare cessare l artificiale scarsità di moneta in Italia L economia italiana sta asfissiando a causa della scarsità di moneta. Gli altri problemi di sprechi e inefficienze

Dettagli

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43 RAPPORTO BANCHE SOMMARIO E CONCLUSIONI 3 LA CONGIUNTURA BANCARIA IN EUROPA 7 L attivo bancario 8 Gli impieghi 8 I crediti deteriorati 14 I titoli in portafoglio 17 Le azioni e partecipazioni 19 Le passività

Dettagli

BANCHE CENTRALI: LA RISPOSTA ALLA CRISI. BCE E FED A CONFRONTO

BANCHE CENTRALI: LA RISPOSTA ALLA CRISI. BCE E FED A CONFRONTO 866 BANCHE CENTRALI: LA RISPOSTA ALLA CRISI. BCE E FED A CONFRONTO a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente Forza Italia EXECUTIVE SUMMARY

Dettagli

L Europae la Crisidel DebitoPubblico Cosa funzionerà e cosa non funzionerà. Juergen von Hagen Festival dell Economia di Trento 3 giugno 2011

L Europae la Crisidel DebitoPubblico Cosa funzionerà e cosa non funzionerà. Juergen von Hagen Festival dell Economia di Trento 3 giugno 2011 L Europae la Crisidel DebitoPubblico Cosa funzionerà e cosa non funzionerà Juergen von Hagen Festival dell Economia di Trento 3 giugno 2011 QuadroGenerale: Le PoliticheFiscali nell Eurozona Principi di

Dettagli

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE 75 i dossier www.freefoundation.com COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE NEL RAPPORTO CONCLUSIVO DELLA MISSIONE IN ITALIA DEL 3-16 MAGGIO 17 maggio 2012 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE

Dettagli

ECONOMIC OUTLOOK 2013 OCSE: LA CRISI ITALIANA CONTINUA

ECONOMIC OUTLOOK 2013 OCSE: LA CRISI ITALIANA CONTINUA 423 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ECONOMIC OUTLOOK 2013 OCSE: LA CRISI ITALIANA CONTINUA 30 maggio 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Le previsioni sull economia Alcuni grafici

Dettagli

La politica monetaria, valutaria e la politica fiscale

La politica monetaria, valutaria e la politica fiscale La politica monetaria, valutaria e la politica fiscale Stefano Papa Università di Teramo spapa@unite.it Facoltà di Scienze della Comunicazione La politica Monetaria La politica monetaria europea è responsabilità

Dettagli

LA POLITICHE FISCALI IN UN UNIONE MONETARIA

LA POLITICHE FISCALI IN UN UNIONE MONETARIA LA POLITICHE FISCALI IN UN UNIONE MONETARIA In un unione monetaria la politica fiscale è il principale strumento a disposizione per affrontare shock asimmetrici ❶ con bilancio pubblico centralizzato: stabilizzatori

Dettagli

Breve approfondimento sulla situazione Greca

Breve approfondimento sulla situazione Greca Breve approfondimento sulla situazione Greca 15 Giugno 2015 2 Premessa Quattro mesi di colloqui tra la Grecia e i suoi creditori non sono bastati a raggiungere un accordo per sbloccare gli aiuti al governo

Dettagli

POLITICHE MONETARIE E GUERRA DELLE VALUTE Nel merito.it. di Andrea Fracasso

POLITICHE MONETARIE E GUERRA DELLE VALUTE Nel merito.it. di Andrea Fracasso POLITICHE MONETARIE E GUERRA DELLE VALUTE Nel merito.it di Andrea Fracasso All interno dell Unione Europea l attenzione degli operatori è stata in queste settimane principalmente concentrata sulla complessa

Dettagli

In memoria di Guido Martinotti II FORUM DELL AGENDA URBANA ITALIANA

In memoria di Guido Martinotti II FORUM DELL AGENDA URBANA ITALIANA Consiglio italiano per le Scienze Sociali Italiadecide Intergruppo parlamentare per l Agenda urbana presentano In memoria di Guido Martinotti II FORUM DELL AGENDA URBANA ITALIANA Seminario 23 gennaio 2013

Dettagli

La finanza internazionale e le banche

La finanza internazionale e le banche ACI - The Financial Market Association Assemblea Generale La finanza internazionale e le banche Intervento di Antonio Fazio Governatore della Banca d Italia Milano, 1º luglio 1999 Sono lieto di darvi il

Dettagli

Macroeconomia: scuole di pensiero

Macroeconomia: scuole di pensiero Macroeconomia: scuole di pensiero Le diverse scuole di pensiero possono essere raggruppate in due filoni principali: LIBERISTI (e monetaristi): sui mercati l aggiustamento all equilibrio è basato sulla

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

TRADUZIONE NON UFFICIALE ITALIA - ARTICOLO IV 2014 DICHIARAZIONE FINALE DELLA MISSIONE DEL FMI 1 SBLOCCARE IL POTENZIALE DI CRESCITA DELL ITALIA

TRADUZIONE NON UFFICIALE ITALIA - ARTICOLO IV 2014 DICHIARAZIONE FINALE DELLA MISSIONE DEL FMI 1 SBLOCCARE IL POTENZIALE DI CRESCITA DELL ITALIA TRADUZIONE NON UFFICIALE ITALIA - ARTICOLO IV 2014 DICHIARAZIONE FINALE DELLA MISSIONE DEL FMI 1 17 GIUGNO 2014 SBLOCCARE IL POTENZIALE DI CRESCITA DELL ITALIA Il nostro è un paese arrugginito, un paese

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 06 La crisi dello SME-Sistema Monetario Europeo (capitolo 2) La crisi messicana (capitolo 2) La crisi dello SME - 1 La caduta degli accordi di Bretton

Dettagli

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà.

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà. CONVEGNO IL FUTURO DEL LAVORO SI CHIAMA FORMAZIONE Roma, 19 aprile, Auditorium Parco della Musica RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA Sono diversi anni che la nostra economia attraversa

Dettagli

Crisi del debito e recessione: gli scenari per il sistema bancario italiano

Crisi del debito e recessione: gli scenari per il sistema bancario italiano Banking Summit 2012 Tra declino e rilancio: la sfida delle banche italiane Crisi del debito e recessione: gli scenari per il sistema bancario italiano Gregorio De Felice Servizio Studi e Ricerche Milano,

Dettagli

Giornata Mondiale del Risparmio del 2012

Giornata Mondiale del Risparmio del 2012 ACRI Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio Spa Giornata Mondiale del Risparmio del 2012 Intervento del Governatore della Banca d Italia Ignazio Visco Roma, 31 ottobre 2012 1. Il risparmio

Dettagli

Intervento del Governatore della Banca d Italia Ignazio Visco

Intervento del Governatore della Banca d Italia Ignazio Visco Intervento del Governatore della Banca d Italia Ignazio Visco in occasione della Giornata Mondiale del Risparmio 2012 organizzata da ACRI - Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio Roma, 31 ottobre

Dettagli

IV Forum Confcommercio sul Fisco

IV Forum Confcommercio sul Fisco IV Forum Confcommercio sul Fisco Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan al IV Forum Confcommercio sul Fisco Meno tasse, meno spesa Binomio per la ripresa Roma, 22

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2474 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI PREZIOSI, VILLECCO CALIPARI, ALBANELLA, ARLOTTI, BASSO, BRAGA, CAPOZZOLO, CARRESCIA, CASATI,

Dettagli

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 19/ del 9// Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca. Italia:

Dettagli

BEGHELLI ELISABETTA. CONSULENTE FINANZIARIO CERTIFICATO EUROPEAN FINANCIAL PLANNER AND ADVISER ALBO EFPA tm

BEGHELLI ELISABETTA. CONSULENTE FINANZIARIO CERTIFICATO EUROPEAN FINANCIAL PLANNER AND ADVISER ALBO EFPA tm BEGHELLI ELISABETTA CONSULENTE FINANZIARIO CERTIFICATO EUROPEAN FINANCIAL PLANNER AND ADVISER ALBO EFPA tm Analista di Bilancio Aiaf CTU Tribunale di Cuneo Albo PF iscrizione nr 13491 1 LO SCENARIO ECONOMICO

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 31/7/1 Pagina 1 Questa

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

Italia: Articolo IV 2012 dichiarazione finale della missione FMI

Italia: Articolo IV 2012 dichiarazione finale della missione FMI Italia: Articolo IV 2012 dichiarazione finale della missione FMI Una missione del FMI si è recata in Italia dal 3 al 16 maggio 2012 per la valutazione annuale dello stato dell economia come parte delle

Dettagli

Eurozona: la moneta unica uscirà rafforzata dalla crisi Grecia

Eurozona: la moneta unica uscirà rafforzata dalla crisi Grecia Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Nota Stampa Barbara Tagliaferri Irene Longhin Ester Gaiani Ufficio Stampa Deloitte Image Building Image Building Tel:

Dettagli

ERF. European Redemption Fund. 22 Nov 2014 London School of Economics Ing. Luca Boscolo noeuro.org

ERF. European Redemption Fund. 22 Nov 2014 London School of Economics Ing. Luca Boscolo noeuro.org ERF European Redemption Fund 22 Nov 2014 London School of Economics Ing. Luca Boscolo noeuro.org Page 2 of 15 Page 3 of 15 Introduzione Oggi vi presento un paper che ho appena finito di scrivere dal titolo

Dettagli

People First Affrontare insieme la dimensione umana della crisi

People First Affrontare insieme la dimensione umana della crisi G8 Social Summit People First Affrontare insieme la dimensione umana della crisi Conclusioni della Riunione del G8 sul Lavoro e l Occupazione 1. I Ministri del Lavoro e dell Occupazione dei paesi del G8

Dettagli

IL SETTORE DELL EDILIZIA

IL SETTORE DELL EDILIZIA BELGIO: IL SETTORE DELL EDILIZIA L ICE Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane, con la propria rete di Uffici nel mondo e con le attività di promozione e

Dettagli

ECOFIN 20-21 GIUGNO 2013: MISURE CONTRO LE CRISI BANCARIE?

ECOFIN 20-21 GIUGNO 2013: MISURE CONTRO LE CRISI BANCARIE? 476 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ECOFIN 20-21 GIUGNO 2013: MISURE CONTRO LE CRISI BANCARIE? 21 giugno 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 I temi in agenda La ricapitalizzazione

Dettagli

Documentazione I PIIGS Chi controlla Eurolandia? Strumenti e prospettive dopo il caso Grecia

Documentazione I PIIGS Chi controlla Eurolandia? Strumenti e prospettive dopo il caso Grecia Documentazione I PIIGS Chi controlla Eurolandia? Strumenti e prospettive dopo il caso Grecia SCENARI E POLITICHE DI STABILITÀ E CONVERGENZA La tabella 2.1 mostra come l anno da poco concluso sia stato

Dettagli

INTERVENTO DI GUY VERHOFSTADT, PRESIDENTE DEL GRUPPO ALDE AL PARLAMENTO EUROPEO

INTERVENTO DI GUY VERHOFSTADT, PRESIDENTE DEL GRUPPO ALDE AL PARLAMENTO EUROPEO 50 i dossier www.freefoundation.com INTERVENTO DI GUY VERHOFSTADT, PRESIDENTE DEL GRUPPO ALDE AL PARLAMENTO EUROPEO Radio Radicale, 23 settembre 2012 25 settembre 2012 a cura di Renato Brunetta 2 Domenica

Dettagli

Capitolo undici. Il sistema monetario internazionale. Introduzione

Capitolo undici. Il sistema monetario internazionale. Introduzione EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo undici Il sistema monetario internazionale Introduzione 11-3 Col termine sistema monetario internazionale ci si riferisce agli accordi istituzionali che governano

Dettagli

Il contesto attuale e le prospettive dei mercati

Il contesto attuale e le prospettive dei mercati Il contesto attuale e le prospettive dei mercati Petrolio, progressivo rialzo... Brent dal 2010 Fonte: Bloomberg 2 Tassi, in aumento l interbancario... Euribor 3 mesi e tasso Bce a confronto Fonte: Bloomberg

Dettagli

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard Cos è la moneta Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard VI DEVO Lo STATO crea per primo la Moneta dal nulla Tramite Banca Centrale Per acquisire Beni o Servizi La moneta sovrana appartiene

Dettagli

Il Rapporto sulla Stabilità Finanziaria. Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia. Università Bocconi, 18 Novembre 2014

Il Rapporto sulla Stabilità Finanziaria. Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia. Università Bocconi, 18 Novembre 2014 Il Rapporto sulla Stabilità Finanziaria Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia Università Bocconi, 18 Novembre 2014 Indice o La congiuntura o Il mercato immobiliare o I mercati finanziari

Dettagli

Proposta di DECISIONE DI ESECUZIONE DEL CONSIGLIO. sulla concessione di assistenza finanziaria dell Unione al Portogallo

Proposta di DECISIONE DI ESECUZIONE DEL CONSIGLIO. sulla concessione di assistenza finanziaria dell Unione al Portogallo COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 10.5.2011 COM(2011) 273 definitivo Proposta di DECISIONE DI ESECUZIONE DEL CONSIGLIO sulla concessione di assistenza finanziaria dell Unione al Portogallo RELAZIONE Di recente

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

Osservazioni del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy al Parlamento europeo

Osservazioni del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy al Parlamento europeo CONSIGLIO EUROPEO IL PRESIDENTE Strasburgo, 27 ottobre 2011 EUCO 117/11 PRESSE 401 PR PCE 82 Osservazioni del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy al Parlamento europeo Buongiorno, come ho

Dettagli

Verso una migliore governance economica nella zona euro: preparativi per le prossime fasi

Verso una migliore governance economica nella zona euro: preparativi per le prossime fasi Verso una migliore governance economica nella zona euro: preparativi per le prossime fasi Nota analitica Jean Claude Junker in stretta collaborazione con Donald Tusk, Jeroen Dijsselbloem e Mario Draghi

Dettagli

Gli spread rispetto alla Germania dei titoli di stato decennali alla chiusura dell 11 giugno 2012

Gli spread rispetto alla Germania dei titoli di stato decennali alla chiusura dell 11 giugno 2012 Gli spread rispetto alla Germania dei titoli di stato decennali alla chiusura dell 11 giugno 2012 Perché il debito sia sostenibile nel lungo periodo occorrerebbe un costo del finanziamento dell ordine

Dettagli

XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX

XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX Relazione introduttiva Gregorio De Felice, Presidente AIAF Napoli, 13 febbraio 2010 1 Signor Governatore, Autorità, Signori Delegati, sono ormai trascorsi quasi mille giorni

Dettagli

La crisi dei debiti sovrani e il processo di integrazione europea

La crisi dei debiti sovrani e il processo di integrazione europea Istituto di Studi Federalisti Altiero Spinelli Seminario: Il federalismo in Europa e nel mondo Trentaduesima edizione La crisi dei debiti sovrani e il processo di integrazione europea Intervento del Governatore

Dettagli

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sulla crisi economica e finanziaria in Grecia

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sulla crisi economica e finanziaria in Grecia Senato della Repubblica Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sulla crisi economica e finanziaria in Grecia Roma 9 luglio2015 www.mef.gov. Signor Presidente,

Dettagli

Che cosa cambia nella gestione delle crisi bancarie

Che cosa cambia nella gestione delle crisi bancarie Che cosa cambia nella gestione delle crisi bancarie Sommario Le nuove regole europee sulla gestione delle crisi (BRRD)... 1 Perché sono state introdotte le nuove regole europee?... 2 Che cos è la risoluzione

Dettagli

QUANTI CAPITALI DOVRÀ REPERIRE L EFSF?

QUANTI CAPITALI DOVRÀ REPERIRE L EFSF? 1 THE EUROPEAN FINANCIAL STABILITY FACILITY (EFSF) IL CASO DELL IRLANDA, DEL PORTOGALLO E DELLA SPAGNA CHE COS E IL EFSF? Lo European Financial Stability Facility è un fondo di diritto lussemburghese istituto

Dettagli

Roma, 31 ottobre 2014. Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan IL RISPARMIO NELL UNIONE BANCARIA EUROPEA

Roma, 31 ottobre 2014. Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan IL RISPARMIO NELL UNIONE BANCARIA EUROPEA 90 a Giornata Mondiale del Risparmio Roma, 31 ottobre 2014 Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan IL RISPARMIO NELL UNIONE BANCARIA EUROPEA Signor Governatore, Presidente

Dettagli

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 9 gennaio 2014 Il punteggio di ogni domanda è fissato in uno o due asterischi. Il punteggio intero viene dato solo Non consegnare se non sei convinto di aver realizzato almeno 7 punti. 1.

Dettagli

Crisi economica in Europa

Crisi economica in Europa Crisi economica in Europa Alla ricerca di un approccio sovranazionale Bologna, 30 novembre 2015 L Unione economica e monetaria: un disegno incompiuto Il ruolo (e i poteri) della Banca Centrale Europea

Dettagli

CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli

CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli Già si erano visti alcuni segnali preoccupanti prima di Pasqua, con la Borsa di Milano tornata

Dettagli

Le imprese in questo nuovo scenario.

Le imprese in questo nuovo scenario. Banche credito tassi - imprese: un nuovo scenario Le imprese in questo nuovo scenario. 1 Mercoledì 26 ottobre 2011, ore 16.00 Palazzo Bonin - Corso Palladio 13 Vicenza Aspetti fondamentali del nuovo scenario:

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 08 La crisi argentina (cap. 2) La crisi giapponese (cap. 2) La crisi argentina - 1 L Argentina negli ultimi decenni ha attraversato diversi periodi

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Sesto Forum Europeo sulla coesione

Sesto Forum Europeo sulla coesione Sesto Forum Europeo sulla coesione Bruxelles 8 settembre 2014 Intervento del Sottosegretario di Stato, On.Sandro Gozi, nella sessione di apertura Restoring growth and jobs: how can cohesion policy contribute

Dettagli

Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo

Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo 13 FORO DI DIALOGO ITALIA SPAGNA Contributo degli intermediari finanziari italiani, coordinato dal Prof. Rainer Masera, al

Dettagli

TUTTI CONTRO LA LEGGE DI STABILITÀ DI RENZI E PADOAN

TUTTI CONTRO LA LEGGE DI STABILITÀ DI RENZI E PADOAN 976 TUTTI CONTRO LA LEGGE DI STABILITÀ DI RENZI E PADOAN 4 novembre2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà EXECUTIVE SUMMARY

Dettagli

Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime

Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime Dr. Mario Mazzocchi m.mazzocchi@unibo.it Ricevimento: indicativamente venerdì 11-13, ma disponibile anche in altri giorni e orari (meglio confermare per posta

Dettagli