CAPITOLATO D ONERI: AREA RISORSE FINANZIARIE Servizio Economato e Liquidità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLATO D ONERI: AREA RISORSE FINANZIARIE Servizio Economato e Liquidità"

Transcript

1 AREA RISORSE FINANZIARIE Servizio Economato e Liquidità ALLEGATO A CAPITOLATO D ONERI: SERVIZIO DI TESORERIA PERIODO 1 GENNAIO 2010/ 31 DICEMBRE 2014 GARA PUBBLICA PROCEDURA APERTA CAPITOLATO D ONERI:...1 ART. 1 - OGGETTO DELL APPALTO...2 ART. 2 CONDIZIONI GENERALI DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO...2 ART. 3 LIMITI DEL CONTRATTO DI SPONSORIZZAZIONE...2 ART. 4 - REQUISITI D'AMMISSIONE ALLA GARA...3 ART.5 CONDIZIONI IN SEDE DI PRESENTAZIONE DELL OFFERTA...5 ART. 6 PROCEDURA DI GARA...7 ART. 7 CRITERI DI GARA...7 ART. 8 DISPOSIZIONI TRANSITORIE...18 ART. 9 - FORO COMPETENTE...18 ART SPESE DI STIPULAZIONE O REGISTRAZIONE...18 ART INSERZIONE AUTOMATICA DI CLAUSOLE...18 ALLEGATO 1- SCHEDA D OFFERTA... ERRORE. IL SEGNALIBRO NON È DEFINITO. ALLEGATO 1- DICHIARAZIONE... ERRORE. IL SEGNALIBRO NON È DEFINITO. ALLEGATO 2- ELEMENTI ESSENZIALI DEL CONTRATTO DI MUTUO...19 RIF: (ART. 7, COMMA 3, PUNTO A/4 CAPITOLATO SPECIALE DI GARA)...19 ALLEGATO 3: CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA ANNI: [RIF:ALLEGATO B, ALLA DELIBERAZIONE C.P. 18 NOVEMBRE 2008, N /2008]

2 ART. 1 - OGGETTO DELL APPALTO 1). La gara ha per oggetto l affidamento del servizio di tesoreria della Provincia di Torino. ART. 2 CONDIZIONI GENERALI DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO 1). Le condizioni generali di svolgimento del servizio di tesoreria sono riportate nello schema di convenzione approvato dal competente Consiglio provinciale nella seduta del 18 novembre 2008, quale allegato alla deliberazione n / ). Copia dello schema di convenzione viene allegato al presente capitolato (ALLEGATO 3). ART. 3 LIMITI DEL CONTRATTO DI SPONSORIZZAZIONE 1) Per quanto attiene il contratto di sponsorizzazione, con carico dei relativi oneri, si fa riferimento a quanto previsto dalla decisione del n. 6/2002 del Consiglio di Stato depositata in data 18 giugno In particolare il punto 6) della decisione evidenzia fra l altro come i punteggi attribuibili dovranno privilegiare, essenzialmente, gli aspetti relativi alla capacità tecnica, operativa e organizzativa del concorrente ed all'economia del servizio di tesoreria in sé considerato, mentre quelli delle sponsorizzazioni dovranno avere carattere residuale ed inseriti all interno di una forcella di valori. 2) Il contratto di sponsorizzazione sarà destinato alla comunicazione istituzionale della Provincia di Torino verso il cittadino, secondo i dettami della legge 7 giugno 2000 n. 150 Disciplina delle attività di informazione e di comunicazione delle pubbliche amministrazioni. 2

3 ART. 4 - REQUISITI D'AMMISSIONE ALLA GARA 1). Possono partecipare alla gara le imprese che esercitano l'attività Bancaria e l'esercizio del credito alle opere pubbliche ai sensi degli artt. 10 e 42 del D.Lgs. 1 settembre 1993 n 385, nonché le persone giuridiche che, in base alla legislazione di uno Stato membro dell'unione Europea sono autorizzate all'esercizio dell'attività Bancaria. Per le banche che hanno sede in uno Stato membro dell Unione Europea non aventi succursali nel territorio della Repubblica Italiana, l'autorizzazione all'attività Bancaria dovrà essere dimostrata con analoga dichiarazione in conformità alla legislazione dello Stato membro dell'unione Europea in cui hanno una stabile organizzazione. 2). Ai fini dell ammissione alla gara i concorrenti dovranno possedere i seguenti requisiti tecnici: a) Possesso al momento di presentazione dell offerta di almeno dieci sportelli bancari aperti, nel territorio della Provincia di Torino, abilitati all esecuzione di incassi e pagamenti di Tesoreria (pari a circa l 1% del totale degli sportelli bancari aperti nell ambito territoriale della Provincia stessa). b) Avere in corso od aver svolto negli ultimi 5 anni (riferimento anni: ) almeno un servizio di Tesoreria presso un ente territoriale con popolazione, al 31 dicembre 2008, pari o superiore ai 200 mila abitanti. (La cifra corrisponde all incirca al 9 % della popolazione residente in Provincia di Torino). 3). Ai fini dell ammissione alla gara i concorrenti dovranno esplicitamente dichiarare di: a) Obbligarsi ad installare la Tesoreria nei locali indicati dalla provincia (attualmente presso i locali di Via Bogino n. 12/B a Torino). b) Accettare tutte le condizioni previste dal seguente capitolato e quelle previste nella convenzione. In particolar modo sulle tempistiche massime dei pagamenti (art. 8, comma 15 della convenzione). 4). I concorrenti, sempre ai fini dell ammissione alla gara, dovranno produrre: a) Per i dettami di cui al commi 1. Una dichiarazione, a firma del legale rappresentante dell istituto, attestante di possedere l'autorizzazione all'attività Bancaria di cui all'art. 14 del D.Lgs. 385/93 (tale autorizzazione è dimostrata mediante dichiarazione, ai sensi del DPR 445/2000, del numero di iscrizione all'albo di cui all'art. 13 del D.Lgs. 385/93). 3

4 b) Per i dettami di cui al comma 2, lett. a). Una dichiarazione, a firma del legale rappresentante dell istituto, attestante il numero degli sportelli bancari aperti nel territorio provinciale. c) Per i dettami di cui al comma 2, lett. b). Una o più dichiarazioni, a firma del funzionario responsabile, dell ente locale territoriale attestante il favorevole svolgimento del servizio di tesoreria (ultimi 5 anni - popolazione almeno di 200 mila abitanti). d) Per i dettami di cui al comma 3. Una dichiarazione, a firma del legale rappresentante dell istituto, attestante il rispetto dei punti a) e b) previsti nel comma 3. 5). Per l appalto in oggetto non ci sono rischi da interferenze e pertanto non è stato disposto il D.U.V.R.I. e non sussistono oneri per la sicurezza. Il servizio e infatti di carattere intellettuale e viene svolto presso locali esterni alla provincia sotto il diretto controllo della Banca. 6). Gli istituti di credito partecipanti dovranno altresì possedere i requisiti di ordine generale previsti dal bando di gara. Viene altresì demandata al bando ogni altra prescrizione relativa all iter procedurale della gara. 4

5 ART. 5 CONDIZIONI IN SEDE DI DELL OFFERTA PRESENTAZIONE 1). L Appalto dovrà essere effettuato nel rispetto del presente Capitolato d oneri e della Convenzione. 2). Nel caso di avvalimento dei requisiti di un altro soggetto (art. 49, del Dlgs 12/4/2006 n. 163), limitatamente ai sottocriteri [B1); B2);] di cui all articolo 7, comma 2, il soggetto ausiliario deve possedere gli stessi requisiti di ammissione alla gara di cui al precedente articolo 4, comma 1. 3). La prestazione principale e' relativa al servizio di tesoreria, mentre le eventuali prestazioni secondarie sono relative al contratto di sponsorizzazione e all'erogazione dei mutui. Solo per le prestazioni secondarie è prevista la possibilità di subappaltare secondo le modalità di cui all'art. 118 del D.Lgs. 163/06 e s.m.i.". 4). La presentazione dell'offerta implica per l'offerente l'accettazione incondizionata di tutte le clausole e condizioni ivi previste. 5). L'offerta è vincolante per l'offerente fin dal momento della sua presentazione. Per la presentazione dell offerta si deve fa riferimento al modello di cui allegato 1 del presente capitolato. 5). L'offerta deve essere comprensiva di ogni onere relativo all'esecuzione del contratto e di ogni spesa. 6). Oltre a quanto indicato nell apposito bando di gara si precisa che: a) Il concorrente in sede di gara dovrà dichiarare di aver preso visione del capitolato e di conoscerne ed accettarne tutte le condizioni. b) Le offerte pervenute oltre il termine previsto per le presentazioni delle stesse, ancorché aggiuntive o sostitutive di altra offerta pervenuta nei termini, saranno considerate nulle. c) Le offerte incomplete, irregolari o condizionate saranno escluse dalla gara. d) Si procederà all aggiudicazione anche in presenza di una sola offerta valida, qualora questa sia ritenuta conveniente ed idonea in relazione all oggetto dell appalto (art. 81, comma 3, del Dlgs 163/2006). 5

6 e) E consentita l associazione temporanea di impresa di cui all art. 37 del Dlgs 163/2006. f) Ai sensi dell art. 37 del succitato Dlgs 163/2006 la prestazione è unica. 6

7 ART. 6 PROCEDURA DI GARA 1) La procedura di gara che si intende utilizzare per l aggiudicazione dell appalto, ai sensi dell art. 210 del Dlgs 18 giugno 2000, n. 267, è quella della procedura aperta di cui agli artt. 3, comma 37, e art. 55, comma 5, del Dlgs 12 aprile 2006 n ) Il criterio di aggiudicazione, tenuto conto che il servizio di tesoreria, ai sensi dell art. 2, comma 1, della convenzione, per la sua intrinseca peculiarità non presenta prezzi diretti di gestione, sarà quello dell offerta economicamente più vantaggiosa ai sensi dell art. 81, comma 1, del D.Lgs 163/ ) La valutazione della migliore offerta, si baserà sul più alto punteggio risultante dalla ponderazione imposta dai criteri di cui al successivo articolo 5, comma 2. 4) Ai sensi dell'art. 10 comma 5 del D.Lgs. 12 aprile 2006 n. 163, è individuato come responsabile di procedimento della gara il dirigente del Servizio Economato e Liquidità della Provincia di Torino. ART. 7 CRITERI DI GARA 1) I macrocriteri di valutazione dell offerta economicamente più vantaggiosa, ai sensi dell art. 83, del D.Lgs 163/2006, si dividono su tre grosse tipologie il cui punteggio totale corrisponde a 100: MACROCRITERI PUNTI A). ECONOMICI INERENTI IL SERVIZIO 60 B). DI CARATTERE GENERALE RELATIVI AGLI ISTITUTI BANCARI E TECNICI INERENTI IL SERVIZIO 20 C). ALTRI CRITERI 20 Totale 100 7

8 2). Per ogni macrocriterio vi è una articolazione in sottocriteri con relativo punteggio massimo: A) CRITERI ECONOMICI INERENTI IL SERVIZIO 60 A/1) TASSO ATTIVO BANCARIO 30 A/2) TASSO PASSIVO BANCARIO 9 A/3) POLIZZE FIDEJUSSORIE RILASCIATE SU RICHIESTA DELL ENTE 6 A/4) INDEBITAMENTO DI LUNGO PERIODO A FAVORE DELL ENTE 2 A/5) IMPORTI ADDEBITO COMPENSI A CARICO DEI BENEFICIARI 13 B) CRITERI DI CARATTERE GENERALE RELATIVI AGLI ISTITUTI BANCARI - ELEMENTI TECNICI INERENTI IL SERVIZIO 20 B/1) B/2) PRESENZA SUL TERRITORIO PROVINCIALE DI SPORTELLI ABILITATI ALL'ESECUZIONE DEGLI INCASSI E PAGAMENTI DI TESORERIA [in aggiunta ai 10 minimi per partecipare alla gara] NUMERO DI ENTI LOCALI TERRITORIALI CON I QUALI SI È IN CORSO O SI È SVOLTO IL SERVIZIO DI TESORERIA NEGLI ULTIMI 5 ANNI (riferimento: ) [in aggiunta al minimo richiesto di 1 servizio di tesoreria presso un ente con popolazione pari o superiore a 200 mila abitanti] C) ALTRI CRITERI 20 CORRESPONSIONE ALL'ENTE DI CONTRATTI DI C/1) SPONSORIZZAZIONE ANNUI 6 C/2) POSSESSO DEI REQUISITI DI RESPONSABILITA SOCIALE 2 C/3) TEMPI DI ACCREDITO AI BENEFICIARI 6 VALUTA RICONOSCIUTA AI BENEFICIARI DOPO I TEMPI DI C/4) ACCREDITO (C/3) 6 TOTALE PUNTEGGIO 100 8

9 3). Le modalità di calcolo di ogni singolo sottocriterio sono le seguenti: A) CRITERI ECONOMICI INERENTI IL SERVIZIO (punteggio max. 60) A/1) TASSO ATTIVO BANCARIO (punti max. 30) - Descrizione: tasso attivo applicato sulle giacenze di cassa della provincia e su eventuali depositi costituiti i presso il Tesoriere dalla provincia. Modalità di rilevazione: spread su Euribor. L Euribor è quello rilevato come media aritmetica dell'euribor a tre mesi, (act/360) riferito al mese precedente l'inizio di ciascun trimestre al quale va aggiunto/sottratto lo spread offerto in sede di gara; il risultato va arrotondato alla seconda cifra decimale [art. 14 convenzione]. Lo spread di offerta deve essere arrotondato alla seconda cifra decimale. - Modalità di calcolo dell offerta (concatenazione estremi): 0 PUNTI, se lo spread è minore o uguale a zero. per il più basso spread Offerta peggiore: offerto, > di zero Punteggio Minimo per il più alto spread Offerta migliore: offerto Punteggio Massimo Offerta/e punteggi intermedi Punteggio intermedio intermedia/e: proporzionali - 1 PUNTO 30 PUNTI vedi la formula di calcolo - Formula di calcolo ponderato per le offerte intermedie: [(off.. Intermedia - off. Peggiore) * (punt. Max. - punt. Min) = (off. Migliore - off. Peggiore)] + punt. Minimo A/2) TASSO PASSIVO BANCARIO (punti max. 9) - Descrizione: tasso passivo applicato alla provincia nel caso di utilizzo dell'anticipazione di Tesoreria. - Modalità di rilevazione: spread su Euribor. L Euribor è quello rilevato come media aritmetica dell'euribor a tre mesi, (act/360) riferito al mese precedente l'inizio di ciascun trimestre al quale va aggiunto/sottratto lo spread offerto in sede di gara; il risultato va arrotondato alla seconda cifra decimale [art. 14 convenzione]. Lo spread di offerta deve essere arrotondato alla seconda cifra decimale. 9

10 - Modalità di calcolo dell offerta (concatenazione estremi): Il caso di spread negativo sull euribor viene considerato come offerta anomala e quindi viene attribuito un punteggio pari a zero. Offerta peggiore: Offerta migliore: Offerta/e intermedia/e: per il più alto spread offerto - per il più basso spread offerto, compreso se uguale a zero. punteggi intermedi proporzionali - Punteggio Minimo Punteggio Massimo Punteggio intermedio 1 PUNTO 9 PUNTI vedi la formula di calcolo - Formula di calcolo ponderato per le offerte intermedie: [(off.. Intermedia - off. Peggiore) * (punt. Max. - punt. Min) = (off. Migliore - off. Peggiore)] + punt. Minimo POLIZZE FIDEJUSSORIE RILASCIATE SU RICHIESTA A/3) (punti max. 6) DELL ENTE - Descrizione: commissione richiesta nel caso in cui la provincia richieda polizze fidejussorie a sua garanzia. - Modalità di rilevazione: commissione applicata: Offerta in %.. fino a ,00 euro; Offerta fissa in oltre a 100 mila euro. = (valore assoluto della %) + (valore dell offerta fissa) - Modalità di calcolo dell offerta (concatenazione estremi): Offerta peggiore: Offerta migliore: Offerta/e intermedia/e: per il più alto valore risultante - per il più basso valore risultante - punteggi intermedi proporzionali - Punteggio Minimo Punteggio Massimo Punteggio intermedio 0 PUNTI 6 PUNTI vedi la formula di calcolo - Formula di calcolo ponderato per le offerte intermedie: [(off.. Intermedia - off. Peggiore) * (punt. Max. - punt. Min) = (off. Migliore - off. Peggiore)] + punt. Minimo 10

11 INDEBITAMENTO DI LUNGO PERIODO A FAVORE A/4) (punti max. 2) DELL ENTE - Descrizione: spread applicato sulla possibile richiesta da parte della provincia di contrazione di mutui alle seguenti condizioni: tasso variabile (euribor 6m); budget max. 10 milioni all'anno; durata ventennale; ulteriori dettagli sono riportati nell apposito allegato 1, al presente capitolato denominato elementi essenziali del contratto di mutuo. - Modalità di rilevazione: vedi allegato 1 al presente capitolato denominato elementi essenziali del contratto di mutuo. - Modalità di calcolo dell offerta (concatenazione estremi): Si precisa che lo spread offerto è vincolante per il primo biennio. Per gli ulteriori anni lo spread sarà oggetto di contrattazione, purchè risulti migliore dello spread della Cassa Depositi e Prestiti e di quello risultante dalla, vigente per quel periodo, consueta gara di servizi per contrazione mutui con Istituti Privati. Offerta peggiore: Offerta migliore: Offerta/e intermedia/e: per il più alto spread in aumento offerto, (limite max previsto dall attuale DM = + 40 bps) per il più basso spread offerto (anche se negativo). punteggi intermedi proporzionali - Punteggio Minimo Punteggio Massimo Punteggio intermedio 1 PUNTO 2 PUNTI vedi la formula di calcolo - Formula di calcolo ponderato per le offerte intermedie: [(off.. Intermedia - off. Peggiore) * (punt. Max. - punt. Min) = (off. Migliore - off. Peggiore)] + punt. Minimo IMPORTI ADDEBITO COMPENSI A CARICO DEI A/5) (punti max. 13) BENEFICIARI - Descrizione: commissione richiesta al beneficiario del pagamento di un debito della provincia. In tale contesto si richiamano in particolare i commi dal 18 al 24 dell art. 8 della convenzione. - Modalità di rilevazione: la commissione applicata viene rilevata in valori assoluti suddivisi nelle seguenti fasce: Da 0 euro a 500 euro: la commissione è pari a zero (art.5, comma 2, della convenzione) 11

12 Offerta 1 Importo Da 501 euro A euro: Commissione:.? Offerta 2 Importo Da euro A euro: Commissione:.? Offerta 3 Importo Da euro A euro: Commissione:.? Offerta 4 Importo Oltre euro Commissione:.? I singoli valori di offerta non possono comunque essere superiori a quelli riconosciuti gia' dalla banca sul proprio circuito ordinario. - Modalità di calcolo dell offerta (concatenazione estremi): Offerta peggiore: Offerta migliore: Offerta/e intermedia/e: maggior valore risultante dalla risultanza della metodologia di calcolo (**) - minor valore risultante dalla risultanza della metodologia di calcolo (**) - punteggi intermedi proporzionali - Punteggio Minimo Punteggio Massimo Punteggio intermedio 1 PUNTO 13 PUNTI vedi la formula di calcolo (**) metodologia calcolo = [5 x (offerta 1) + 3 x ( offerta 2) + 2 x (offerta 3) + 1 x (offerta 4)] - Formula di calcolo ponderato per le offerte intermedie: [(off.. Intermedia - off. Peggiore) * (punt. Max. - punt. Min) = (off. Migliore - off. Peggiore)] + punt. Minimo 12

13 B) CRITERI DI CARATTERE GENERALE RELATIVI AGLI ISTITUTI BANCARI - ELEMENTI TECNICI INERENTI IL SERVIZIO (punteggio max. 20) B/1) PRESENZA SUL TERRITORIO PROVINCIALE DI SPORTELLI ABILITATI ALL'ESECUZIONE DEGLI INCASSI E PAGAMENTI DI TESORERIA [in aggiunta ai 10 minimi per (punti max. 5) partecipare alla gara] - Descrizione: numero di sportelli aperti sul territorio provinciale su cui i creditori /debitori della provincia possono appoggiarsi per effettuare le loro movimentazioni. - Modalità di rilevazione: numero di sportelli. - Modalità di calcolo dell offerta (concatenazione estremi): 0 punti se in possesso di almeno 10 sportelli. per il possesso dei primi 10 sportelli nel territorio provinciale, in quanto criterio minimo di ammissione alla gara: 0 PUNTI Offerta peggiore: Offerta migliore: Offerta/e intermedia/e: per il più basso numero di sportelli aperti, > di 10 - per il più alto numero di sportelli aperti - punteggi intermedi proporzionali - Punteggio Minimo Punteggio Massimo Punteggio intermedio 1 PUNTO 5 PUNTI vedi la formula di calcolo - Formula di calcolo ponderato per le offerte intermedie: [(off.. Intermedia - off. Peggiore) * (punt. Max. - punt. Min) = (off. Migliore - off. Peggiore)] + punt. Minimo B/2) NUMERO DI ENTI LOCALI TERRITORIALI CON I QUALI SI È IN CORSO O SI È SVOLTO IL SERVIZIO DI TESORERIA NEGLI ULTIMI 5 ANNI (riferimento: ) [in aggiunta al (punti max. 15) minimo richiesto di 1 servizio di tesoreria presso un ente con popolazione pari o superiore a 200 mila abitanti]. - Descrizione: si vuole conoscere il numero di contratti di tesoreria gestiti con esito favorevole dalla banca con enti locali territoriali (Comuni Province Regioni). In particolar modo, per cercare di parametrate l analisi alle necessità della Provincia di Torino si è deciso di effettuare la selezione basandosi principalmente sulla valutazione per grossi enti territoriali. L analisi è 13

14 sulla base del numero di abitanti. La Provincia di Torino al 31 dicembre 2008 ha circa abitanti. - Periodo di riferimento: anni Modalità di rilevazione degli abitanti: presentazione, da parte della banca offerente, di una dichiarazione effettuata da parte di ogni ente gestito contenente: il numero di abitanti al 31 dicembre 2008, il periodo di inizio/fine del rapporto contrattuale, la dichiarazione di svolgimento del servizio reso, nel periodo interessato, con esito favorevole. - Modalità di calcolo dell offerta per ogni ente territoriale gestito: per il primo servizio prestato con popolazione >;= 200 mila abitanti, in quanto criterio minimo di ammissione alla gara: 0 PUNTI Popolazione da Popolazione fino a Per ogni ente Max. punti Fino a punto punto punto 5 Oltre punto 6 tot 15 14

15 C) ALTRI CRITERI (punteggio max. 20) CORRESPONSIONI ANNUE DI CONTRIBUTI E/O C/1) (punti max. 6) SPONSORIZZAZIONI ALL'ENTE - Descrizione: Il contratto di sponsorizzazione sarà destinato all attività comunicazione istituzionale della Provincia di Torino verso il cittadino. (rif. decisione n. 6/2002 del Consiglio di Stato depositata in data 18 giugno 2002). - Modalità di rilevazione: importo erogazione annua COMPLESSIVA; da erogarsi ogni anno in modo costante per la durata della convenzione stessa. - Modalità di calcolo dell offerta (concatenazione estremi): Offerta peggiore: Offerta migliore: Offerta/e intermedia/e: per il più basso importo annuo erogabile maggiore di zero per il più alto importo annuo erogabile - punteggi intermedi proporzionali - Punteggio Minimo Punteggio Massimo Punteggio intermedio 1 PUNTO 6 PUNTI vedi la formula di calcolo - Formula di calcolo ponderato per le offerte intermedie: [(off.. Intermedia - off. Peggiore) * (punt. Max. - punt. Min) = (off. Migliore - off. Peggiore)] + punt. Minimo C/2) POSSESSO DEI REQUISITI DI RESPONSABILITA SOCIALE (punti max. 2) - Descrizione: Oltre alla rendicontazione analitica annuale da presentarsi entro il primo bimestre di ogni anno successivo e per tutta la durata della convenzione sull attivazione di prodotti finanziari specifici o concessioni di prestiti a condizioni particolarmente agevolate alle categorie previste all art.5, comma 2, della convenzione (imprenditoria giovanile e femminile; piccole e medie imprese; soggetti no profit dei Paesi del terzo e quarto mondo; associazioni Onlus), si richiede ora, quale punteggio di gara, la verifica del possesso del sistema di codifica SA8000 in relazione alla certificazione del rispetto dei requisiti di responsabilità sociale o certificazioni oggettive similari (SA 8000 è uno standard internazionale che elenca i requisiti per un comportamento eticamente corretto delle imprese.tiene conto di temi fondamentali 15

16 come: il rispetto dei diritti umani; il rispetto dei diritti dei lavoratori; la tutela contro lo sfruttamento dei minori; le garanzie di sicurezza e salubrità sul posto di lavoro). - Modalità di rilevazione: dichiarazione di possesso della certificazione SA8000 o similari. - Modalità di calcolo dell offerta: mancanza del certificato SA8000: 0 PUNTI possesso del certificato SA8000: 2 PUNTI C/3) TEMPI DI ACCREDITO AI BENEFICIARI (punti max. 6) - Descrizione: Si richiede una miglioria, in termini di giorni bancari d accredito ai beneficiari, rispetto alle tempistiche massime previste dalla convenzione per la lavorazione dei mandati pervenuti al tesoriere. - Modalità di rilevazione: la convenzione(art. 8, comma 15) prevede esplicitamente le seguenti tempistiche massime per lavorare i mandati: SULLO STESSO GRUPPO BANCARIO SU ALTRE BANCHE + 2 giorni lavorativi bancari + 4 giorni lavorativi bancari - Modalità di calcolo dell offerta dei tempi d accredito: Le offerte verranno valutate secondo i seguenti criteri: Giorni lavorativi su stesso Gruppo Bancario (massimo + 2 giorni) + Giorni lavorativi su altre Banche (massimo + 4 giorni) = Totale Giorni Per giorni superiori a quelli previsti in convenzione(2 e 4 giorni) l offerta è nulla ed è causa di esclusione. Per giorni uguali a quelli previsti in convenzione (4+2 = 6) l offerta è a punteggio zero. - Criteri di calcolo: STESSO GRUPPO BANCARIO Giorni lavorativi.. (max.2) Giorni lavorativi.. (max.2) Giorni lavorativi.. (max.2) Giorni lavorativi.. (max.2) Giorni lavorativi.. (max.2) ALTRE BANCHE Totale giorni Punteggio Giorni lavorativi. (max. 4) Giorni lavorativi. (max. 4) Giorni lavorativi. (max. 4) Giorni lavorativi. (max. 4) Giorni lavorativi. (max. 4) = 6 0 PUNTI = 5 1 PUNTO = 4 3 PUNTI = 3 5 PUNTI <; =2 6 PUNTI 16

17 VALUTA RICONOSCIUTA AI BENEFICIARI DOPO I TEMPI C/4) (punti max. 6) DI ACCREDITO (C/3) - Descrizione: Valuta fissa riconosciuta al beneficiari dopo i tempi di accredito ( per i tempi di accredito massimi, vedi art. 8, comma 15 della convenzione). - Modalità di rilevazione: in giorni EFFETTIVI. (da calendario) - Modalità di calcolo dell offerta dei tempi d accredito: Le offerte verranno valutate secondo i seguenti criteri Giorni valuta su Stesso Gruppo Bancario + Giorni valuta su Altre Banche = Totale Giorni - Criteri di calcolo: STESSO GRUPPO BANCARIO ALTRE BANCHE Totale giorni PUNTEGGIO Giorni effettivi.. + Giorni effettivi. >;=7 0 PUNTI Giorni effettivi.. + Giorni effettivi. = 6 1 PUNTO Giorni effettivi.. + Giorni effettivi. = 5 3 PUNTI Giorni effettivi.. + Giorni effettivi. = 4 4 PUNTI Giorni effettivi.. + Giorni effettivi. = 3 5 PUNTI Giorni effettivi.. + Giorni effettivi. <; =2 6 PUNTI 4) La valutazione oggettiva delle offerte è demandata ad una apposita commissione, ai sensi dell art. 84, del D.Lgs 163/2006. L'offerta più vantaggiosa per l'amministrazione, verrà individuata in quella che avrà ottenuto il maggior punteggio complessivo, inteso quale sommatoria dei punteggi parziali attribuiti, secondo i parametri succitati. 5) Per ciò che concerne le esatte modalità di gara, oltre a quanto previsto nel prosieguo del presente capitolato, si fa espresso rinvio al bando. 17

18 ART. 8 DISPOSIZIONI TRANSITORIE 1) Ad avvenuta aggiudicazione definitiva dell'appalto, la Banca aggiudicataria dovrà essere disponibile ad iniziare il servizio di tesoreria anche in pendenza della formale stipulazione del contratto. ART. 9 - FORO COMPETENTE 1) Per qualunque controversia inerente e conseguente al presente atto, le parti dichiarano la competenza esclusiva del Foro di Torino. ART SPESE DI STIPULAZIONE O REGISTRAZIONE 1) Le spese di stipulazione e registrazione relative al contratto di servizio di cui al presente capitolato, nonché le spese di stipulazione e registrazione dei singoli contratti di mutuo (di cui all allegato 2 del presente capitolato) sono a carico della Banca aggiudicataria ad eccezione dei costi per rogito notarile. ART INSERZIONE AUTOMATICA DI CLAUSOLE 1) Le clausole del presente capitolato modificate da disposizioni di legge future sono variate con inserzione automatica delle clausole sostitutive, a norma dell'art del codice civile. Allegati al presente capitolato ALLEGATO 1 ALLEGATO 2 ALLEGATO 3 SCHEDA D OFFERTA - MODELLO DICHIARAZIONE; (Rif. art. 5, comma 3, punto A/4 capitolato speciale di gara) ELEMENTI ESSENZIALI DEL CONTRATTO DI MUTUO; CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA ANNI [Rif. allegato B, alla deliberazione C.P. 18 novembre 2008, n /2008] 18

19 ALLEGATO 2- ELEMENTI ESSENZIALI DEL CONTRATTO DI MUTUO Rif: (art. 7, comma 3, punto A/4 capitolato speciale di gara) Il ricorso all indebitamento avviene nel rispetto di quanto previsto agli artt. 203, 204 comma 1- quest ultimo come integrato dal comma 3 dell art. 35 della legge 724/1994- e 249 del D.Lgs. n. 267 del 18 agosto Il piano di intervento e le spese correlate alll investimento devono essere preventivamente approvate dalla Provincia di Torino secondo le norme vigenti. Il budget a disposizione della Provincia di Torino è di 10 milioni per ogni anno di durata della convenzione. Si precisa che lo spread offerto in sede di gara è vincolante per il primo biennio. Per gli ulteriori anni lo spread sarà oggetto di contrattazione, purchè risulti migliore dello spread della Cassa Depositi e Prestiti e di quello risultante dalla, vigente per quel periodo, consueta gara di servizi per contrazione mutui con Istituti Privati. Il mutuo dovrà avere le seguenti caratteristiche: Tasso variabile; Ammortamento a rate costanti (con quota capitale crescente); Durata ventennale; Scadenze semestrali fissate al 30 giugno ed al 31 dicembre di ogni anno; Decorrenza dell'ammortamento come previsto dall art. 204 del Dlgs 267/2000 a seconda della scelta dell Ente; Possibilità di effettuare, dietro semplice comunicazione scritta, devoluzioni, perizie di variante, riduzioni (sui mutui contratti ma non erogati si può chiedere la riduzione per economie realizzate con effetto dal 1 gennaio dell'anno successivo a quello in cui verrà concessa la riduzione stessa, con conseguente diminuzione della rata di ammortamento del mutuo) estinzione anticipata del mutuo, il tutto senza alcun onere a carico della Provincia. Elementi essenziali previsti: Il tasso di interesse applicabile alle operazioni di mutuo è il tasso di interesse variabile semestrale corrispondente al tasso di interesse nominale annuo (base giorni effettivi/360) - maggiorato quest'ultimo dallo spread offerto in sede di gara punti percentuali annui (p.p.a.) - determinato dall'euribor a 6 mesi, rilevato due giorni lavorativi antecedenti la data di decorrenza di ciascun periodo di interessi. Il tasso EURIBOR a 6 mesi è rilevabile alla pagina EURIBOR 01 del circuito Reuters e alla pagina 248 del circuito Telerate. 19

20 Gli interessi variabili, come sopra determinati, saranno versati semestralmente il 30 giugno ed il 31 dicembre di ogni anno, a partire dal, ai sensi dell art. 204 del D.Lgs n. 267/2000, dal 30 giugno del.. anno successivo a quello di stipula del contratto di mutuo. Il mutuo sarà ammortizzato in 20 anni - con decorrenza dal primo gennaio del anno successivo a quello di stipulazione del contratto di mutuo - mediante n 40 quote semestrali crescenti di capitale da corrispondersi entro il 30 giugno ed il 31 dicembre di ogni anno; tali quote saranno sviluppate al tasso sopra indicato rilevato due giorni lavorativi antecedenti la data di stipula. L'importo del mutuo sarà versato nel conto di tesoreria (sempre che siano pervenute: la delegazione di pagamento notificata al Tesoriere e munita della relata di notifica in originale; dichiarazione del responsabile del procedimento di spesa attestante che le deliberazioni sono esecutive a tutti gli effetti di legge) con valuta pari alla data di inizio dell'ammortamento del mutuo: il pagamento delle semestralità di ammortamento avverrà, ai sensi del citato art. 204 del Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267, a partire dal 1 gennaio del anno successivo a quello della stipulazione del contratto di mutuo. Sulle eventuali somministrazioni effettuate prima dell'inizio dell'ammortamento del mutuo saranno dovuti, dall'ente mutuatario alla Banca, gli interessi di preammortamento dalla data delle rispettive disposizioni di pagamento fino a quella del 31 dicembre dell anno precedente all inizio dell ammortamento. Detti interessi di preammortamento sono calcolati dalla data di valuta delle somministrazioni al 31 dicembre dell anno precedente all inizio dell ammortamento. Il pagamento delle somme dovute per il servizio del mutuo sarà garantito dall'ente mutuatario mediante singola delega al l'ente mutuatario assume verso la Banca mutuante i seguenti obblighi: - Di delegare al Tesoriere il pagamento alla Banca delle rate dei mutui, tanto in linea capitale quanto per interessi, con le modalità ed alle scadenze sopra meglio specificate; - Di notificare al medesimo Tesoriere le delegazioni stesse. In virtù di tale notifica il Tesoriere è tenuto a versare gli importi dovuti alle rispettive scadenze; - Di fare quanto opportuno per perfezionare e mantenere efficacia alle delegazioni; - Di iscrivere le rate del mutuo, per il periodo relativo all'ammortamento, nella parte passiva del bilancio Le spese contrattuali ed ogni altro onere saranno a carico dell'ente mutuatario. 20

Totale 100 CRITERI DI CARATTERE GENERALE RELATIVI AGLI ISTITUTI BANCARI - ELEMENTI TECNICI INERENTI IL SERVIZIO

Totale 100 CRITERI DI CARATTERE GENERALE RELATIVI AGLI ISTITUTI BANCARI - ELEMENTI TECNICI INERENTI IL SERVIZIO ALLEGATO 1) CRITERI DI GARA 1) I macrocriteri di valutazione dell offerta economicamente più vantaggiosa, ai sensi dell art. 83, del D.Lgs 163/2006, si dividono in tre grosse tipologie il cui punteggio

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI FINANZIAMENTO

CAPITOLATO SPECIALE DI FINANZIAMENTO VICE DIREZIONE GENERALE RISORSE FINANZIARIE Settore Finanza e Fiscale CAPITOLATO SPECIALE DI FINANZIAMENTO PROCEDURA NEGOZIATA PREVIA PUBBLICAZIONE DEL BANDO AI SENSI DELL ART. 56 DEL D.L.gs 163/2006 Banca

Dettagli

GARA DI SERVIZIO PER IL SUCCESSIVO COLLOCAMENTO "A FERMO" DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI per il 2009/ 2010 PROCEDURA APERTA.

GARA DI SERVIZIO PER IL SUCCESSIVO COLLOCAMENTO A FERMO DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI per il 2009/ 2010 PROCEDURA APERTA. AREA RISORSE FINANZIARIE Servizio Finanze, Tributi e Statistica www.provincia.torino.it ALLEGATO A CAPITOLATO D ONERI: GARA DI SERVIZIO PER IL SUCCESSIVO COLLOCAMENTO "A FERMO" DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI

Dettagli

SIA s.r.l. Servizi Intercomunali per l Ambiente

SIA s.r.l. Servizi Intercomunali per l Ambiente INDIVIDUAZIONE DI ISTITUTO DI CREDITO AI FINI DELL EROGAZIONE DI MUTUO A TASSO FISSO PER LA REALIZZAZIONE DEI LAVORI DI AMPLIAMENTO DELLA DISCARICA PER R.S.U. IN GROSSO LOCALITA VAUDA GRANDE Art. 1 Oggetto

Dettagli

ALLEGATO B) AREA RISORSE FINANZIARIE Servizio Finanze, Tributi e Statistica CAPITOLATO D ONERI

ALLEGATO B) AREA RISORSE FINANZIARIE Servizio Finanze, Tributi e Statistica CAPITOLATO D ONERI AREA RISORSE FINANZIARIE Servizio Finanze, Tributi e Statistica CAPITOLATO D ONERI PUBBLICO INCANTO PER LA GESTIONE UNITARIA, FRA PROVINCIA DI TORINO ED ALCUNI COMUNI ADERENTI, DELLA PROCEDURA DI GARA

Dettagli

CAPITOLATO PER PROVVISTA DI FONDI PER IL TRIENNIO 2006/2008 PER IL FINANZIAMENTO DI OPERE PUBBLICHE E SPESE DI INVESTIMENTO.

CAPITOLATO PER PROVVISTA DI FONDI PER IL TRIENNIO 2006/2008 PER IL FINANZIAMENTO DI OPERE PUBBLICHE E SPESE DI INVESTIMENTO. Provincia di Pistoia Ufficio del Ragioniere Capo Servizio Bilancio e Servizi Informatici Piazza San Leone 1, 51100 Pistoia tel. 0573/374227-0573/374249, fax 0573/374570 e mail v.evangelisti@provincia.pistoia.it

Dettagli

Art. 1 Oggetto e procedura dell appalto. Art. 2 Norma di salvaguardia. Art. 3 Normativa di riferimento. Art. 4 Vincolatività delle offerte

Art. 1 Oggetto e procedura dell appalto. Art. 2 Norma di salvaguardia. Art. 3 Normativa di riferimento. Art. 4 Vincolatività delle offerte Università per Stranieri di Siena CAPITOLATO D ONERI APPALTO PER LA CONTRAZIONE DI UN MUTUO IPOTECARIO TRENTENNALE A TASSO FISSO PER UN IMPORTO COMPRESO FRA UN MINIMO DI EURO 13.635.204,00 ED UN MASSIMO

Dettagli

COMUNE DI SANREMO DISCIPLINARE DI GARA PER LA CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL PERIODO 01.01.2016-31.12.

COMUNE DI SANREMO DISCIPLINARE DI GARA PER LA CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL PERIODO 01.01.2016-31.12. COMUNE DI SANREMO DISCIPLINARE DI GARA PER LA CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL PERIODO 01.01.2016-31.12.2020 (CINQUE ANNI) Art. 1 OGGETTO E VALORE DEL SERVIZIO Il Servizio di Tesoreria comprendente

Dettagli

COMUNE DI GENOVA DIREZIONE RAGIONERIA

COMUNE DI GENOVA DIREZIONE RAGIONERIA ALLEGATO A COMUNE DI GENOVA DIREZIONE RAGIONERIA CAPITOLATO SPECIALE PER IL SERVIZIO FINANZIARIO E BANCARIO PER L ACQUISIZIONE DEL FINANZIAMENTO DI UN IMPORTO MASSIMO DI EURO 36.628.000,00.=, SUDDIVISO

Dettagli

APERTA PER L INDIVIDUAZIONE DELLA BANCA AFFIDATARIA DEL SERVIZIO DI EROGAZIONE DI N. 2 MUTUI PASSIVI

APERTA PER L INDIVIDUAZIONE DELLA BANCA AFFIDATARIA DEL SERVIZIO DI EROGAZIONE DI N. 2 MUTUI PASSIVI CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO e schema di contratto PROCEDURA APERTA PER L INDIVIDUAZIONE DELLA BANCA AFFIDATARIA DEL SERVIZIO DI EROGAZIONE DI N. 2 MUTUI PASSIVI 1. Il Comune di Meana Sardo, tramite

Dettagli

GARA A PROCEDURA APERTA PER L ASSUNZIONE DI MUTUI A TASSO VARIABILE PER IL FINANZIAMENTO DEGLI INVESTIMENTI PROGRAMMATI DEL S.I.I.

GARA A PROCEDURA APERTA PER L ASSUNZIONE DI MUTUI A TASSO VARIABILE PER IL FINANZIAMENTO DEGLI INVESTIMENTI PROGRAMMATI DEL S.I.I. Comuni dell Acquedotto Langhe Sud Occidentali S.p.A. Sede: V.le Prof. Gabetti 23/b 12063 DOGLIANI (CN) Capitale Sociale Euro 3.159.565 i.v. Registro imprese di CUNEO C.F.-P.I. 00451940043 Tel. 0173/70343-721423

Dettagli

IL DIRIGENTE DEL SETTORE PROGETTAZIONE E DIREZIONE LAVORI RELATIVI ALLA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE

IL DIRIGENTE DEL SETTORE PROGETTAZIONE E DIREZIONE LAVORI RELATIVI ALLA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE PROVINCIA DI FOGGIA DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE PROGETTAZIONE E DIREZIONE LAVORI RELATIVI ALLA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE N 1998/24_/ Reg. Determ. Data 28.06.2007

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE OFFERTE. Criteri di valutazione dell'offerta tecnica n.

CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE OFFERTE. Criteri di valutazione dell'offerta tecnica n. Allegato "C" CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE OFFERTE La gara sarà aggiudicata secondo il criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa ai sensi dell'art. 83, del D.Lgs. 163/2006. I parametri di valutazione

Dettagli

COMUNE DI BAGNI DI LUCCA PROV. DI LUCCA

COMUNE DI BAGNI DI LUCCA PROV. DI LUCCA COMUNE DI BAGNI DI LUCCA PROV. DI LUCCA BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA AI SENSI DELL ART.55 c.1 DEL D.Lgs. N.163/2006 PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE PER IL PERIODO 01/01/2015-31/12/2019.

Dettagli

COMUNE DI PASIAN DI PRATO PROVINCIA DI UDINE

COMUNE DI PASIAN DI PRATO PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI PASIAN DI PRATO PROVINCIA DI UDINE internet: www.pasian.it GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA BANDO DI GARA Bando di gara per l appalto del servizio di Tesoreria 1. Ente appaltante: Comune di

Dettagli

INDIVIDUAZIONE DI ISTITUTO FINANZIARIO PER L EROGAZIONE DI MUTUO IPOTECARIO DI IMPORTO PARI AD EURO 600.000,00 CAPITOLATO SPECIALE D ONERI

INDIVIDUAZIONE DI ISTITUTO FINANZIARIO PER L EROGAZIONE DI MUTUO IPOTECARIO DI IMPORTO PARI AD EURO 600.000,00 CAPITOLATO SPECIALE D ONERI INDIVIDUAZIONE DI ISTITUTO FINANZIARIO PER L EROGAZIONE DI MUTUO IPOTECARIO DI IMPORTO PARI AD EURO 600.000,00 CAPITOLATO SPECIALE D ONERI ART. 1 Oggetto dell appalto è la somministrazione di servizio

Dettagli

Azienda U.L.S.S. n. 19

Azienda U.L.S.S. n. 19 Allegato B al Disciplinare AFFIDAMENTO DI UN SERVIZIO DI FINANZIAMENTO - CONTRATTO PER UN MUTUO DECENNALE - A TASSO VARIABILE CON OPZIONE DI CONVERSIONE A TASSO FISSO PER LA REALIZZAZIONE DEL PIANO TRIENNALE

Dettagli

UNE DELLA SPEZIA SERVIZI FINANZIARI

UNE DELLA SPEZIA SERVIZI FINANZIARI . UNE DELLA SPEZIA SERVIZI FINANZIARI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L INDIVIDUAZIONE DI UN ISTITUTO DI CREDITO AI FINI DELLA CONTRAZIONE DI UN MUTUO DELL IMPORTO MASSIMO DI EURO 3.550.000,00= PER IL

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA PER IL FINANZIAMENTO DI...IMPORTO... NELL AMBITO DELLA PROVVISTA DI FONDI PER IL FINANZIAMENTO PER IL

REPUBBLICA ITALIANA PER IL FINANZIAMENTO DI...IMPORTO... NELL AMBITO DELLA PROVVISTA DI FONDI PER IL FINANZIAMENTO PER IL REPUBBLICA ITALIANA CONTRATTO DI MUTUO (schema tipo) PER IL FINANZIAMENTO DI...IMPORTO... NELL AMBITO DELLA PROVVISTA DI FONDI PER IL FINANZIAMENTO PER IL TRIENNIO 2006/2008 DI OPERE PUBBLICHE E SPESE

Dettagli

Casi di inadempimento: 1) mancato pagamento e mancato rispetto degli impegni contrattuali. 2) insolvenza ed altre procedure concorsuali

Casi di inadempimento: 1) mancato pagamento e mancato rispetto degli impegni contrattuali. 2) insolvenza ed altre procedure concorsuali CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO DELLA GARA RELATIVA AL SERVIZIO DI FINANZIAMENTO DELLA SOCIETA ART. 1 OGGETTO DEL FINANZIAMENTO La procedura aperta ha per oggetto il finanziamento degli investimenti da effettuare

Dettagli

COMUNE GAGGIANO VIA ROMA, N.36 20083 GAGGIANO (MI)

COMUNE GAGGIANO VIA ROMA, N.36 20083 GAGGIANO (MI) Allegato 2) Marca da 16,00 OGGETTO: Istanza di partecipazione alla gara per l affidamento del servizio di tesoreria comunale per il periodo dal 01.06.2014 al 31.12.2018 e comunque dalla data di sottoscrizione

Dettagli

COMUNE di CASALEONE Provincia di Verona

COMUNE di CASALEONE Provincia di Verona COMUNE di CASALEONE Provincia di Verona CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE PERIODO 2016-2020 Articolo 1 - OGGETTO DEL SERVIZIO Il servizio di tesoreria

Dettagli

FINANZIARIO E BANCARIO PER L ACQUISIZIONE DI UN FINANZIAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DEL PIANO MEZZI AZIENDALE.

FINANZIARIO E BANCARIO PER L ACQUISIZIONE DI UN FINANZIAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DEL PIANO MEZZI AZIENDALE. Pag. 1 di 6 CAPITOLATO SPECIALE RELATIVO AL SERVIZIO FINANZIARIO E BANCARIO PER L ACQUISIZIONE DI UN FINANZIAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DEL PIANO 1 Pag. 2 di 6 INDICE ART. 1 OGGETTO DEL CONTRATTO --------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

C O M U N E D I C A S T I L E N T I

C O M U N E D I C A S T I L E N T I C O M U N E D I C A S T I L E N T I PROVINCIA DI TERAMO Piazza Umberto I n.16 Codice fisc. 81000270678 Tel 0861 / 999113 999312 P. Iva 00824050678 Fax 0861 / 999432 CAP 64035 protocollo@comunedicastilenti.gov.it

Dettagli

COMUNE DI GRUMO APPULA PROVINCIA DI BARI ------------- BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA TELEMATICO PER

COMUNE DI GRUMO APPULA PROVINCIA DI BARI ------------- BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA TELEMATICO PER COMUNE DI GRUMO APPULA PROVINCIA DI BARI ------------- BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA TELEMATICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIACOMUNALE QUINQUENNIO 2015/2020 CIG 608717715F CUP I99G13000850004

Dettagli

ALLEGATO 1. Erogazione. 1 gennaio del secondo, terzo, quarto, quinto o sesto anno successivo a quello di stipula del contratto

ALLEGATO 1. Erogazione. 1 gennaio del secondo, terzo, quarto, quinto o sesto anno successivo a quello di stipula del contratto P.G. 3046/2011 INDAGINE PER L INDIVIDUAZIONE DEGLI ISTITUTI DI CREDITO INTERESSATI A PARTECIPARE ALLA GARA DI AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ACCENSIONE INDEBITAMENTO PER L ESERCIZIO 2011 Il Comune di Mantova

Dettagli

REGIONE LIGURIA. Azienda Sanitaria Locale n. 5 Spezzino Sede: Via XXIV Maggio, 139 16124 La Spezia P.I./ C.F.00962520110 CAPITOLATO SPECIALE

REGIONE LIGURIA. Azienda Sanitaria Locale n. 5 Spezzino Sede: Via XXIV Maggio, 139 16124 La Spezia P.I./ C.F.00962520110 CAPITOLATO SPECIALE REGIONE LIGURIA Azienda Sanitaria Locale n. 5 Spezzino Sede: Via XXIV Maggio, 139 16124 La Spezia P.I./ C.F.00962520110 CAPITOLATO SPECIALE PROCEDURA APERTA PER LA CONTRAZIONE DI MUTUO DECENNALE 1 SOMMARIO

Dettagli

COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli

COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli BANDO DI GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE PER LA DURATA DI ANNI CINQUE. CIG 591541313C - CPV 66100000-4 CAT 6 CATEGORIA DI

Dettagli

COMUNE DI CALTABELLOTTA PROVINCIA DI AGRIGENTO

COMUNE DI CALTABELLOTTA PROVINCIA DI AGRIGENTO COMUNE DI CALTABELLOTTA PROVINCIA DI AGRIGENTO ***** BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PERIODO 01/01/2014 31/12/2018 In esecuzione alla delibera di Consiglio Comunale n.60 del 08/11/2013,

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI FINANZIARI RELATIVI ALLA CONCESSIONE DI UN MUTUO DI 6.480.000,00 PER IL FINANZIAMENTO DELL

CAPITOLATO DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI FINANZIARI RELATIVI ALLA CONCESSIONE DI UN MUTUO DI 6.480.000,00 PER IL FINANZIAMENTO DELL CAPITOLATO DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI FINANZIARI RELATIVI ALLA CONCESSIONE DI UN MUTUO DI 6.480.000,00 PER IL FINANZIAMENTO DELL ESECUZIONE DI OPERE ED IMPIANTI A VANTAGGIO DELLA GESTIONE

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA PER IL CONFERIMENTO IN GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA Ente appaltante: Comune di Donori, Piazza Italia n. 11, 09040 DONORI Responsabile

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA

CAPITOLATO SPECIALE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA CAPITOLATO SPECIALE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA ART. 1 Oggetto dell appalto Il servizio di tesoreria consiste nel complesso di operazioni legate alla gestione finanziaria dell ente locale

Dettagli

Art. 1 - Oggetto del contratto

Art. 1 - Oggetto del contratto CAPITOLATO TECNICO ECONOMICO PER LA CONTRAZIONE DI MUTUO DESTINATO AL FINANZIAMENTO DI SPESE DI INVESTIMENTO (D. LGS. 17/3/1995 N. 157, ART. 6, COMMA 1, LETT. A; ART. 23, COMMA 1, LETT. A; ALLEGATO 1,

Dettagli

COMUNE DI MONTANO ANTILIA PROVINCIA DI SALERNO Via Giovanni Bovio 17 C.A.P 84060 tel. 0974/951053 fax 0974/951458 C.F 84000670657 P.

COMUNE DI MONTANO ANTILIA PROVINCIA DI SALERNO Via Giovanni Bovio 17 C.A.P 84060 tel. 0974/951053 fax 0974/951458 C.F 84000670657 P. COMUNE DI MONTANO ANTILIA PROVINCIA DI SALERNO Via Giovanni Bovio 17 C.A.P 84060 tel. 0974/951053 fax 0974/951458 C.F 84000670657 P.IVA 00340670657 AREA FINANZIARIA BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO, MEDIANTE

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO DELLA GARA RELATIVA AL SERVIZIO DI FINANZIAMENTO DEL CONSORZIO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO DELLA GARA RELATIVA AL SERVIZIO DI FINANZIAMENTO DEL CONSORZIO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO DELLA GARA RELATIVA AL SERVIZIO DI FINANZIAMENTO DEL CONSORZIO ART. 1 OGGETTO DEL FINANZIAMENTO La procedura aperta ha per oggetto il finanziamento delle azioni che il Consorzio

Dettagli

ALL B. COMUNE DI GAETA Provincia di Latina AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE DISCIPLINARE DI GARA

ALL B. COMUNE DI GAETA Provincia di Latina AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE DISCIPLINARE DI GARA COMUNE DI GAETA Provincia di Latina ALL B AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE DISCIPLINARE DI GARA Art. 1 Oggetto e Caratteristiche generali del servizio Oggetto del presente

Dettagli

Comune di Loreggia (PD) Repubblica Italiana

Comune di Loreggia (PD) Repubblica Italiana Per imposta di bollo, registro ed ipotecarie regolato dal D.P.R. 29.9.1973 n. 601 Comune di Loreggia (PD) Repubblica Italiana Repertorio n. CONTRATTO DI MUTUO L anno duemiladieci il giorno.. del mese di

Dettagli

OFFERTA. OGGETTO: Offerta per l affidamento in concessione del servizio di tesoreria comunale per il periodo 01.01.2015 31.12.2019.

OFFERTA. OGGETTO: Offerta per l affidamento in concessione del servizio di tesoreria comunale per il periodo 01.01.2015 31.12.2019. (Allegato B al disciplinare di gara) Marca da bollo 16,00 (da inserire nella busta n. B offerta) Al Comune di LOREGGIA Via Roma, 6 35010 LOREGGIA (PD) OGGETTO: Offerta per l affidamento in concessione

Dettagli

Allegato A del Bando di gara COMUNE DI NOCETO

Allegato A del Bando di gara COMUNE DI NOCETO Allegato A del Bando di gara COMUNE DI NOCETO CRITERI GENERALI E PUNTEGGI DI AGGIUDICAZIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL PERIODO 1/1/2012-31/12/2016 CRITERI E SOTTOCRITERI 1. CAPILLARITA ED ESPERIENZA

Dettagli

COMUNE DI GENOVA DIREZIONE RAGIONERIA

COMUNE DI GENOVA DIREZIONE RAGIONERIA ALLEGATO B COMUNE DI GENOVA DIREZIONE RAGIONERIA DISCIPLINARE DI GARA A PROCEDURA APERTA PER L ACQUISIZIONE DEL FINANZIAMENTO PER UN IMPORTO DI MASSIMO EURO 36.628.000,00=, SUDDIVISO IN TRE DISTINTI LOTTI,

Dettagli

L ULSS N. 13 DI MIRANO

L ULSS N. 13 DI MIRANO PROCEDURA APERTA PER LA CONTRAZIONE DI UN MUTUO DECENNALE NON IPOTECARIO PER L ULSS N. 13 DI MIRANO CAPITOLATO SPECIALE (cod. doc. CS121104) SOMMARIO Art. 1 Oggetto e caratteristiche Art. 2 Erogazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO 10.04 Divisione Patrimonio e Contratti Servizio Appalti e Contratti CB/cz

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO 10.04 Divisione Patrimonio e Contratti Servizio Appalti e Contratti CB/cz UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO 10.04 Divisione Patrimonio e Contratti Servizio Appalti e Contratti CB/cz CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI MUTUO, A TASSO

Dettagli

Comune di San Giorgio delle Pertiche (Provincia di Padova)

Comune di San Giorgio delle Pertiche (Provincia di Padova) Comune di San Giorgio delle Pertiche (Provincia di Padova) AREA AFFARI GENERALI Ufficio Segreteria Via Canonica, 4 TEL. 049-9374720 Cod.fiscale 00682290283 FAX 049-9374712 Centralino 049-9374711 35010

Dettagli

(Trattamento tributario per imposta di bollo e registro in esenzione ai sensi dell'art. 15 e seguenti del D.P.R. 29 settembre 1973 n.

(Trattamento tributario per imposta di bollo e registro in esenzione ai sensi dell'art. 15 e seguenti del D.P.R. 29 settembre 1973 n. (Trattamento tributario per imposta di bollo e registro in esenzione ai sensi dell'art. 15 e seguenti del D.P.R. 29 settembre 1973 n. 601) CONTRATTO DI MUTUO REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemila.., oggi...

Dettagli

ALLEGATO A CAPITOLATO SPECIALE. Espletamento dei servizi finanziari relativi alla concessione di due mutui

ALLEGATO A CAPITOLATO SPECIALE. Espletamento dei servizi finanziari relativi alla concessione di due mutui CAPITOLATO SPECIALE Espletamento dei servizi finanziari relativi alla concessione di due mutui Art. 1 Oggetto Oggetto del presente capitolato è la regolamentazione delle condizioni per l espletamento di

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Articolo 1) - OGGETTO DEL CONTRATTO Costituisce oggetto del presente capitolato speciale d appalto pubblico mediante procedura aperta per l accensione di un finanziamento

Dettagli

Comune di Volongo Provincia di Cremona

Comune di Volongo Provincia di Cremona Allegato A Comune di Volongo Provincia di Cremona BANDO DI GARA A MEZZO DI ASTA PUBBLICA AFFIDAMENTO SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE PERIODO 01.01.2015 31.12.2019 COD. CIG : Z2B121254B SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE

Dettagli

SETTORE ECONOMICO E FINANZIARIO

SETTORE ECONOMICO E FINANZIARIO COMUNE DI ALATRI SETTORE ECONOMICO E FINANZIARIO Piazza Santa Maria Maggiore, 1 Tel. 07754481 Fax: 0775435108 - P.I. 00621710607 C.F. 80003090604 DISCIPLINARE DI GARA A MEZZO PROCEDURA APERTA SOPRA SOGLIA

Dettagli

Italia-Ferrara: Servizi assicurativi 2014/S 169-301012. Avviso di gara Settori speciali. Servizi

Italia-Ferrara: Servizi assicurativi 2014/S 169-301012. Avviso di gara Settori speciali. Servizi 1/7 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:301012-2014:text:it:html Italia-Ferrara: Servizi assicurativi 2014/S 169-301012 Avviso di gara Settori speciali Servizi Direttiva 2004/17/CE

Dettagli

CIRCOLARE N. 1275. Rientrano nell ambito delle categorie di enti indicate in oggetto:

CIRCOLARE N. 1275. Rientrano nell ambito delle categorie di enti indicate in oggetto: CIRCOLARE N. 1275 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP) da parte delle Agenzie Regionali per la Protezione Ambientale,

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. Considerato che è stato richiesto un mutuo per finanziare la differenza dei lavori suddetti nel seguente modo:

LA GIUNTA COMUNALE. Considerato che è stato richiesto un mutuo per finanziare la differenza dei lavori suddetti nel seguente modo: Oggetto: Assunzione mutuo con Cassa del Trentino S.p.A. di 181.777,00 per lavori di sostituzione di parte della condotta di collegamento tra il serbatoio Toller e il serbatoio Villannetta, di alcuni ramali

Dettagli

Provincia di Cagliari BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Provincia di Cagliari BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Piazza Matteotti 1, 09034 Villasor - Tel. 070.9648023 - Fax 070.9647331 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA Ente appaltante: Comune di Villasor

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE E PER LA GESTIONE DEI SERVIZI CONNESSI

DISCIPLINARE DI GARA PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE E PER LA GESTIONE DEI SERVIZI CONNESSI DISCIPLINARE DI GARA PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE E PER LA GESTIONE DEI SERVIZI CONNESSI 1. ENTE APPALTANTE: COMUNE DI CASTEL DI SANGRO (AQ) C.so Vittorio Emanuele, 10 tel.0864/82421

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE

CRITERI DI VALUTAZIONE ALLEGATO A/1 CRITERI DI VALUTAZIONE A. ELEMENTI DI VALUTAZIONE DELL ISTITUTO BANCARIO FINO A PUNTI 10 DI CUI: 1 Enti gestiti in ambito provinciale con contratto in essere fino a punti 3 2 Anni di esperienza

Dettagli

SERVIZIO FINANZIARIO BANDO DI GARA, MEDIANTE PROCEDURA APERTA, PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE

SERVIZIO FINANZIARIO BANDO DI GARA, MEDIANTE PROCEDURA APERTA, PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE C O M U N E D I D R A P I A (Provincia di Vibo Valentia) Corso Umberto, 89862 DRAPIA, tel. 096367094, fax 096367293, E-mail: ragioneria.drapia@asmepec.it Partita Iva e Codice Fiscale 00298600792 SERVIZIO

Dettagli

COMUNE DI CALVANICO CAPITOLATO SPECIALE

COMUNE DI CALVANICO CAPITOLATO SPECIALE COMUNE DI CALVANICO Procedura aperta, per l individuazione di un istituto mutuante con il quale stipulare un contratto di mutuo a tasso fisso finalizzato al finanziamento di debiti fuori bilancio, per

Dettagli

BANDO DI GARA SERVIZI FINANZIARI RELATIVI ALLA CONCESSIONE DI UN MUTUO A TASSO VARIABILE CIG: Z3E1A38D7E IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO FINANZIARIO

BANDO DI GARA SERVIZI FINANZIARI RELATIVI ALLA CONCESSIONE DI UN MUTUO A TASSO VARIABILE CIG: Z3E1A38D7E IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO FINANZIARIO BANDO DI GARA SERVIZI FINANZIARI RELATIVI ALLA CONCESSIONE DI UN MUTUO A TASSO VARIABILE CIG: Z3E1A38D7E IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO FINANZIARIO In esecuzione della determinazione n. 243 RG del 08.06.2016

Dettagli

COMUNE DI QUINTO VICENTINO

COMUNE DI QUINTO VICENTINO ALLEGATO 1) AL BANDO DI GARA DISCIPLINARE DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE DAL 01.01.2015 AL 31.12.2019 Art. 1 Modalità di presentazione delle offerte. I concorrenti dovranno

Dettagli

COMUNE DI ARCHI (Provincia di Chieti) Tel 0872-898112 Fax 0872-898688 Cod. Fisc.81002460699 Partita Iva 00293710695

COMUNE DI ARCHI (Provincia di Chieti) Tel 0872-898112 Fax 0872-898688 Cod. Fisc.81002460699 Partita Iva 00293710695 1 COMUNE DI ARCHI (Provincia di Chieti) Tel 0872-898112 Fax 0872-898688 Cod. Fisc.81002460699 Partita Iva 00293710695 BANDO DI GARA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE CIG: 57676585F2

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO DI MUTUO ******************************** REPUBBLICA ITALIANA

SCHEMA DI CONTRATTO DI MUTUO ******************************** REPUBBLICA ITALIANA SCHEMA DI CONTRATTO DI MUTUO Rep.N... ******************************** REPUBBLICA ITALIANA L anno, il giorno...del mese di... in... davanti a me Dr..., Notaio in..., iscritto presso il Collegio Notarile

Dettagli

INRCA ISTITUTO NAZIONALE DI RIPOSO E CURA PER ANZIANI V.E.II ANCONA CAPITOLATO SPECIALE

INRCA ISTITUTO NAZIONALE DI RIPOSO E CURA PER ANZIANI V.E.II ANCONA CAPITOLATO SPECIALE CAPITOLATO SPECIALE GARA A PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DI UN SERVIZIO FINANZIARIO RELATIVO ALLA CONTRAZIONE DI UN MUTUO DECENNALE DI 500.000,00 Procedura negoziata ai sensi dell art. 57, comma

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DI UN SERVIZIO FINANZIARIO RELATIVO ALLA CONTRAZIONE DI UN MUTUO DECENNALE DI 750.

CAPITOLATO SPECIALE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DI UN SERVIZIO FINANZIARIO RELATIVO ALLA CONTRAZIONE DI UN MUTUO DECENNALE DI 750. CAPITOLATO SPECIALE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DI UN SERVIZIO FINANZIARIO RELATIVO ALLA CONTRAZIONE DI UN MUTUO DECENNALE DI 750.000,00 Procedura aperta Criterio di aggiudicazione: prezzo

Dettagli

Azienda di Servizi alla Persona BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA CODICE CIG 3961318705

Azienda di Servizi alla Persona BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA CODICE CIG 3961318705 Azienda di Servizi alla Persona BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA CODICE CIG 396131870 1. AMMINISTRAZIONE APPALTANTE L Azienda Pubblica di Servizi alla Persona ASP CASA VALLONI,

Dettagli

CITTA DI BELGIOIOSO. (Provincia di Pavia)

CITTA DI BELGIOIOSO. (Provincia di Pavia) CITTA DI BELGIOIOSO (Provincia di Pavia) BANDO DI GARA con procedura aperta per l affidamento, in concessione dei servizi di tesoreria comunale per gli anni 2015-2017 1. STAZIONE APPALTANTE Comune di Belgioioso,

Dettagli

COMUNE DI GAETA. Provincia di Latina. III Dipartimento Finanze e Bilancio VERBALE N. 1 GARA

COMUNE DI GAETA. Provincia di Latina. III Dipartimento Finanze e Bilancio VERBALE N. 1 GARA COMUNE DI GAETA Provincia di Latina III Dipartimento Finanze e Bilancio VERBALE N. 1 GARA Oggetto: Affidamento in concessione del servizio di Tesoreria Comunale dal 01/01/201 al 31/12/2019. C.I.G. 929171AAF

Dettagli

Offerta di gara AL COMUNE DI PALESTRINA OGGETTO: OFFERTA DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE PERIODO 01.01.2011/31.12.

Offerta di gara AL COMUNE DI PALESTRINA OGGETTO: OFFERTA DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE PERIODO 01.01.2011/31.12. MODELLO 2 Offerta di gara MARCA DA BOLLO DA 14,62 AL COMUNE DI PALESTRINA Via del tempio n 1 00036 Palestrina (RM) OGGETTO: DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE PERIODO 01.01.2011/31.12.2015

Dettagli

Settore 2 Economico Finanziario BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA PER AFFIDAMENTO SERVIZIO DI TESORERIA DELL ENTE 2016/2020.

Settore 2 Economico Finanziario BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA PER AFFIDAMENTO SERVIZIO DI TESORERIA DELL ENTE 2016/2020. SCADENZA Il 28/ 12/ 2015 Ore 13. 00 COMUNE DI BUTI Settore 2 Economico Finanziario BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA PER AFFIDAMENTO SERVIZIO DI TESORERIA DELL ENTE 2016/2020. Si rende noto che questo Comune

Dettagli

PROVINCIA DI FIRENZE

PROVINCIA DI FIRENZE Repertorio n. Fasc. n. /2008 PROVINCIA DI FIRENZE Contratto di appalto per l esecuzione dei lavori di CIG: REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilatredici (2013) addí () del mese di, in Firenze, in una sala

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE CARATTERISTICHE DEI MUTUI A 15 ANNI E 20 ANNI

CAPITOLATO SPECIALE CARATTERISTICHE DEI MUTUI A 15 ANNI E 20 ANNI CAPITOLATO SPECIALE Servizio di erogazione alla Provincia di Genova di mutui o di sottoscrizione di prestiti obbligazionari in più emissioni parziali fino all importo complessivo di Euro 20.000.000,00

Dettagli

CITTA METROPOLITANA DI CATANIA

CITTA METROPOLITANA DI CATANIA CITTA METROPOLITANA DI CATANIA I DIPARTIMENTO AFFARI AMMINISTRATIVI E RISORSE FINANZIARIE 2 SERVIZIO BILANCIO E PARTECIPATE Allegato Prot. del 26/10/2015 Al fine di permettere agli istituti di credito

Dettagli

CONTRATTO DI MUTUO. il Comune/Provincia di

CONTRATTO DI MUTUO. il Comune/Provincia di CONTRATTO DI MUTUO Con il presente atto redatto in tre originali, tra l Istituto per il Credito Sportivo, Ente Pubblico Economico con sede legale in Roma Via G. Vico, n. 5, costituito con legge 24 dicembre

Dettagli

Comune di Cerro al Lambro

Comune di Cerro al Lambro Comune di Cerro al Lambro Provincia di Milano BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA PER LA CONCESSIONE AI SENSI DELL ARTICOLO 30 DEL D. LGS. 163/2006 DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL PERIODO 01/01/2016

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI NORD SALENTO (Campi Sal.na, Guagnano, Novoli, Squinzano, Surbo, Trepuzzi)

UNIONE DEI COMUNI NORD SALENTO (Campi Sal.na, Guagnano, Novoli, Squinzano, Surbo, Trepuzzi) UNIONE DEI COMUNI NORD SALENTO (Campi Sal.na, Guagnano, Novoli, Squinzano, Surbo, Trepuzzi) BANDO DI GARA PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA DELL UNIONE DAL 01 GENNAIO 2011 AL 31 DICEMBRE 2015 1)

Dettagli

C O M U N E D I S E R R A R I C C O 1 6 0 1 0 P r o v i n c i a d i G e n o v a

C O M U N E D I S E R R A R I C C O 1 6 0 1 0 P r o v i n c i a d i G e n o v a C O M U N E D I S E R R A R I C C O 1 6 0 1 0 P r o v i n c i a d i G e n o v a CODICE FISCALE/PARTITA IVA 00853850105 sito: www.comune.serraricco.ge.it tel.0107267331 fax.010752275 e-mail : personale@comune.serraricco.ge.it

Dettagli

STAZIONE UNICA APPALTANTE

STAZIONE UNICA APPALTANTE STAZIONE UNICA APPALTANTE UNIONE MONTANA COMUNI OLIMPICI VIA LATTEA Piazza Vittorio Amedeo n 1 C.A.P. 10054 Cesana Torinese Tel. 0122/89114 fax 0122897113 PROVINCIA DI TORINO e-mail: info@comune.cesana.to.it

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE. Espletamento dei servizi finanziari relativi alla concessione di mutui fino al 31/12/2011

CAPITOLATO SPECIALE. Espletamento dei servizi finanziari relativi alla concessione di mutui fino al 31/12/2011 Allegato A CAPITOLATO SPECIALE Espletamento dei servizi finanziari relativi alla concessione di mutui fino al 31/12/2011 Art. 1 - Oggetto Oggetto del presente capitolato è la regolamentazione delle condizioni

Dettagli

Comune di Serrenti Prov.del Medio Campidano BANDO E DISCIPLINARE DI GARA PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Comune di Serrenti Prov.del Medio Campidano BANDO E DISCIPLINARE DI GARA PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA ALLEGATO ALLA DETERMINAZIONE DEL SERVIZIO FINANZIARIO N. 501 DEL 10.06.2008 BANDO E DISCIPLINARE DI GARA PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA PERIODO: DALLA STIPULA DEL CONTRATTO PER UNA DURATA DI

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D ONERI PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA CIG 545383355D

CAPITOLATO SPECIALE D ONERI PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA CIG 545383355D SERVIZIO FINANZIARIO CAPITOLATO SPECIALE D ONERI PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA CIG 545383355D Il Responsabile del Servizio Finanziario indice una procedura aperta per l affidamento

Dettagli

A. ELEMENTI ECONOMICI INERENTI IL SERVIZIO Punteggio massimo attribuibile PUNTI 70 Condizioni di ammissione alla gara:

A. ELEMENTI ECONOMICI INERENTI IL SERVIZIO Punteggio massimo attribuibile PUNTI 70 Condizioni di ammissione alla gara: ALLEGATO B Al COMUNE DI COMABBIO Piazza G. Marconi n.1 21020 COMABBIO (VA) OGGETTO: Offerta per il servizio di Tesoreria Comunale periodo 01.01.2008 al 31.12.2012. Il sottoscritto..in qualità di rappresentante

Dettagli

PARAMETRI E MODALITA ATTRIBUZIONE PUNTEGGIO OFFERTA ECONOMICA PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA

PARAMETRI E MODALITA ATTRIBUZIONE PUNTEGGIO OFFERTA ECONOMICA PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA Allegato C al Disciplinare di Gara approvato con determinazione del Responsabile dei Servizi Finanziari n 184 del 19/11/2013 COMUNE DI SAN BENIGNO CANAVESE PROVINCIA DI TORINO Servizi Finanziario e Contabile

Dettagli

- capacità economica finanziaria e capacità tecnica secondo quanto previsto dal disciplinare

- capacità economica finanziaria e capacità tecnica secondo quanto previsto dal disciplinare 0BANDO DI GARA PUBBLICO INCANTO Per l affidamento del servizio di tesoreria comunale per anni quattro 1) Stazione appaltante: Comune di Messina Area Coordinamento Economico e Finanziaria Piazza Unione

Dettagli

Allegato 2 DISCIPLINARE DI GARA PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Allegato 2 DISCIPLINARE DI GARA PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA Allegato 2 DISCIPLINARE DI GARA PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA 1. ENTE APPALTANTE: COMUNE DI CARRARA (MS) Piazza 2 Giugno- tel.0585/6411 - telefax 0585641214 sito Internet www.comune.carrara.ms.it

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D ONERI

CAPITOLATO SPECIALE D ONERI INDIVIDUAZIONE DI ISTITUTO DI CREDITO PER LA CONTRAZIONE DI MUTUO CHIROGRAFARIO CON GARANZIA FIDEJUSSORIA DEL COMUNE DI SIRMIONE CAPITOLATO SPECIALE D ONERI Pagina 1 di 5 ART. 1 Oggetto dell appalto è

Dettagli

ARPAB AGENZIA PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DELLA BASILICATA - POTENZA OGGETTO: CONTRATTO DI MUTUO DI COMPLESSIVI

ARPAB AGENZIA PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DELLA BASILICATA - POTENZA OGGETTO: CONTRATTO DI MUTUO DI COMPLESSIVI ALLEGATO E 1 ARPAB AGENZIA PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DELLA BASILICATA - POTENZA OGGETTO: CONTRATTO DI MUTUO DI COMPLESSIVI 4.000.00,00 PER L ACQUISTO DI UN IMMOBILE DA DESTINARSI A SEDE DEL DIPARTIMENTO

Dettagli

COMUNE DI MONTIANO Provincia di Forlì-Cesena

COMUNE DI MONTIANO Provincia di Forlì-Cesena COMUNE DI MONTIANO Provincia di Forlì-Cesena COPIA SERVIZI RAGIONERIA DETERMINAZIONE N. 18 del 18/11/2010 OGGETTO : DETERMINAZIONE N. 11 DEL 11/10/2010 "AFFIDAMENTO DEL SERV. DI TESORERIA MEDIANTE PORCEDURA

Dettagli

BANDO DI GARA PER PUBBLICO INCANTO

BANDO DI GARA PER PUBBLICO INCANTO COMUNE DI LUSERNA SAN GIOVANNI Provincia di Torino BANDO DI GARA PER PUBBLICO INCANTO In esecuzione della D.C.C. n. 28 del 30/07/2015 e della determinazione n. 274 del 21/09/2015 si rende noto che il Comune

Dettagli

Cassa depositi e prestiti società per azioni CIRCOLARE N. 1271

Cassa depositi e prestiti società per azioni CIRCOLARE N. 1271 Roma, 30 novembre 2007 Cassa depositi e prestiti società per azioni CIRCOLARE N. 1271 Oggetto: Condizioni generali relative ai contratti di prestito ordinario di scopo senza preammortamento, ad erogazione

Dettagli

COMUNE DI BIELLA AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE BANDO DI GARA

COMUNE DI BIELLA AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE BANDO DI GARA COMUNE DI BIELLA AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE BANDO DI GARA I.1) Amministrazione Aggiudicatrice: Comune di Biella (C.F./P.I. 00221900020), via Battistero, n. 4 13900 Biella

Dettagli

4. Condizioni TASSO DI INTERESSE FISSO da applicare sulla concessione di mutui (D.M. 03/07/2009) PUNTI MAX 12

4. Condizioni TASSO DI INTERESSE FISSO da applicare sulla concessione di mutui (D.M. 03/07/2009) PUNTI MAX 12 MARCA DA BOLLO DA 14,62 ALLEGATO B ) Spett.le COMUNE DI LOREGGIA VIA ROMA, 6 35010 LOREGGIA (PD) OGGETTO: PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE PERIODO 01.01.2010-31.12.2014. Il sottoscritto

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE PERIODO 01/01/2012 31/12/2016 CIG N. 3644833357 DISCIPLINARE DI GARA

PROCEDURA APERTA PER SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE PERIODO 01/01/2012 31/12/2016 CIG N. 3644833357 DISCIPLINARE DI GARA COMUNE DI VIAREGGIO Provincia di Lucca Area Risorse Finanziarie Piazza Nieri e Paolini n. 1 Servizio Economato - tel. 0584/966839 - fax 0584/966364 C.F. 00274950468 internet: www.comune.viareggio.lu.it

Dettagli

CAPITOLATO D ONERI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA E CASSA DEL COMUNE DI BARLETTA PER IL PERIODO 1/1/2006 31/12/2010

CAPITOLATO D ONERI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA E CASSA DEL COMUNE DI BARLETTA PER IL PERIODO 1/1/2006 31/12/2010 ALLEGATO N.01 CAPITOLATO D ONERI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA E CASSA DEL COMUNE DI BARLETTA PER IL PERIODO 1/1/2006 31/12/2010 Licitazione privata per l affidamento del servizio di tesoreria

Dettagli

Foglio informativo n. 405/002. Finanziamenti. Mutui a Enti Locali.

Foglio informativo n. 405/002. Finanziamenti. Mutui a Enti Locali. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 405/002. Finanziamenti. Mutui a Enti Locali. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA E CASSA DELLA SOPRINTENDENZA SPECIALE PER I BENI ARCHEOLOGICI DI ROMA

BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA E CASSA DELLA SOPRINTENDENZA SPECIALE PER I BENI ARCHEOLOGICI DI ROMA MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA CULTURALI Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA E CASSA DELLA SOPRINTENDENZA

Dettagli

CIRCOLARE N. 1274. Rientrano nell ambito delle categorie di enti indicate in oggetto:

CIRCOLARE N. 1274. Rientrano nell ambito delle categorie di enti indicate in oggetto: CIRCOLARE N. 1274 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP) da parte delle Aziende Sanitarie Locali e Aziende Ospedaliere,

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 52 DEL 20 NOVEMBRE 2006

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 52 DEL 20 NOVEMBRE 2006 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 52 DEL 20 NOVEMBRE 2006 REGIONECAMPANIA - A.G.C. N. 14 - Trasporti e Viabilità - Is. C/3 Centro Direzionale - Napoli - Invito a partecipare ad una procedura

Dettagli

o... INTERBANCA S.p.A. FOGLIO INFORMATIVO AI SENSI DELLA NUOVA NORMATIVA IN MATERIA DI TRASPARENZA

o... INTERBANCA S.p.A. FOGLIO INFORMATIVO AI SENSI DELLA NUOVA NORMATIVA IN MATERIA DI TRASPARENZA o... INTERBANCA S.p.A. FOGLIO INFORMATIVO AI SENSI DELLA NUOVA NORMATIVA IN MATERIA DI TRASPARENZA (Delibera CICR 4.3.2003 e Istruzione di Vigilanza della Banca d'italia) FINANZIAMENTOORDINARIOA TASSO

Dettagli

Azienda pubblica di Servizi alla Persona A.S.P. DEL RUBICONE Sede legale ed amministrativa: Via Manzoni n.19-47030 SAN MAURO PASCOLI (FC)

Azienda pubblica di Servizi alla Persona A.S.P. DEL RUBICONE Sede legale ed amministrativa: Via Manzoni n.19-47030 SAN MAURO PASCOLI (FC) DISCIPLINARE DI GARA PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI TESORIERIA DELL A.S.P. "DEL RUBICONE" CIG.N.625037007F Il presente disciplinare di gara è relativo alla concessione ex art.30 D.Lgs.n.163/2006

Dettagli

COMUNE DI PEGLIO PROVINCIA DI PESARO E URBINO P/ZA O. Petrangolini N. 6 Tel. 0722 310100 Fax 0722 310100

COMUNE DI PEGLIO PROVINCIA DI PESARO E URBINO P/ZA O. Petrangolini N. 6 Tel. 0722 310100 Fax 0722 310100 COMUNE DI PEGLIO PROVINCIA DI PESARO E URBINO P/ZA O. Petrangolini N. 6 Tel. 0722 310100 Fax 0722 310100 CAPITOLATO TECNICO PER LA CONCESSIONE AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA DEL COMUNE DI PEGLIO

Dettagli

MINUTA DI CONTRATTO DI MUTUO REPUBBLICA ITALIANA ALLEGATO B

MINUTA DI CONTRATTO DI MUTUO REPUBBLICA ITALIANA ALLEGATO B CONTRATTO DI MUTUO OPERE PUBBLICHE ai sensi dell art. 42 del D.Lgs. 1/9/1993 n. 385 (T.U. Leggi in materia bancaria e creditizia) per 000.000,00 (durata ammortamento anni 00) MINUTA DI CONTRATTO DI MUTUO

Dettagli