Capitolo 15 Concorrenza e tutela del consumatore di servizi finanziari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolo 15 Concorrenza e tutela del consumatore di servizi finanziari"

Transcript

1 Capitolo 15 Concorrenza e tutela del consumatore di servizi finanziari Esercizi di riepilogo 1) Volendo rappresentare il settore dei servizi finanziari fate riferimento: a) ai tre tipi di intermediazione (creditizia, mobiliare, assicurativa) b) ai segmenti di domanda c) ai prodotti e servizi d) ai segmenti di domanda ed ai servizi Il settore dei servizi finanziari è concettualmente rappresentabile dall insieme delle combinazioni servizi-segmenti di clientela, dove i servizi sono riconducibili ai fabbisogni tipicamente soddisfatti dall intermediazione finanziaria (pagamento, investimento, finanziamento, copertura dai rischi finanziari e puri) 2) A quali legami della concorrenza nel settore dei servizi finanziari sono interessati i governi e le autorità? a) ai legami con la stabilità del sistema finanziario b) ai legami con lo sviluppo e la stabilità del settore, con l accesso ai servizi finanziari c) ai legami con il profitto delle grandi banche d) ai legami con l equità sociale La concorrenza è vista come uno strumento che deve consentire lo sviluppo del settore, attraverso il raggiungimento di adeguati livelli di efficienza, deve garantire comunque la stabilità del sistema finanziario complessivo, e deve favorire l acceso ai servizi finanziari al numero più ampio possibile di persone e imprese 3) Nel settore dei servizi finanziari al dettaglio la condotta concorrenziale è soprattutto: a) centrata sul prezzo b) basata sulla prossimità al cliente c) sulla capacità di superare le asimmetrie informative d) fondata su politiche di differenziazione La risposta è esatta in quanto la condotta concorrenziale si basa su diverse componenti diverse dal prezzo. Infatti, la differenziazione è basata su elementi intangibili (la reputazione, l immagine dell intermediario o di suoi esponenti) o su elementi tangibili relativi al processo di vendita ed erogazione (la localizzazione degli sportelli; la facile utilizzabilità di altri canali a distanza il telefono cellulare, il personal computer connesso a Internet, ecc.; la disponibilità di promotori finanziari fuori dagli orari di apertura degli sportelli). 4) Tra i destinatari della disciplina di trasparenza contenuta nel titolo VI del Testo Unico Bancario (TUB) troviamo: a) intermediari finanziari iscritti nell elenco previsto dall art. 102 del TUB; b) Società di Gestione del Risparmio (SGR); c) Poste Italiane S.p.A.; d) Comitato Interministeriale per il Credito ed il Risparmio (CICR). La disciplina speciale in tema di trasparenza dei rapporti negoziali è oggi in buona parte contenuta nel titolo VI del TUB. I destinatari delle disposizioni del titolo VI sono banche, intermediari finanziari iscritti nell elenco previsto dall art. 106 del TUB (non 102) e Poste Italiane S.p.A., per la sola attività di bancoposta. Il CICR è beneficiario di alcune deleghe regolamentari previste dal titolo VI, non è invece destinatario della disciplina. 5) Non sono servizi soggetti a obblighi informativi ex titolo VI del TUB: a) custodia e amministrazione di strumenti finanziari; b) acquisto e vendita di valuta estera; c) locazione di cassette di sicurezza; d) esecuzione di ordini per conto dei clienti. 1

2 In caso di prestazione di servizi di investimento, tra cui è compresa l esecuzione di ordini per conto dei clienti, gli intermediari sono tenuti a rispettare la disciplina dei contratti e le regole di comportamento dettate dal Testo Unico della Finanza (TUF) e dei suoi Regolamenti attuativi. Non sono, quindi, vincolanti le norme del titolo VI del TUB. 6) Non sono tra gli strumenti di comunicazione previsti da CICR e Banca d Italia: a) prospetti informativi; b) avvisi; c) fogli informativi; d) documenti di sintesi. Risposta esatta a) Conformemente alla delega prevista dal titolo VI del TUB, CICR e Banca d Italia hanno individuato alcuni strumenti di comunicazione di cui gli intermediari si devono avvalere nell adempimento degli obblighi di trasparenza. Tra questi troviamo gli avvisi, i fogli informativi, i documenti di sintesi. L obbligo di diffusione del prospetto informativo riguarda, invece, le forme di pubblicità anticipata previste dal TUF. 7) Il Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) è: a) il valore medio del tasso effettivamente applicato dal sistema bancario e finanziario a categorie omogenee di operazioni creditizie, nel secondo trimestre precedente; b) il valore medio del tasso effettivamente applicato dal sistema bancario e finanziario, aumentato della metà; c) quel tasso che rende uguale, su base annua, la somma del valore attuale di tutti gli importi che compongono il finanziamento erogato alla somma del valore attuale di tutte le rate di rimborso; d) l Indicatore Sintetico di Costo che si riferisce a operazioni di conto corrente. Il Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) è quel tasso che rende uguale, su base annua, la somma del valore attuale di tutti gli importi che compongono il finanziamento erogato alla somma del valore attuale di tutte le rate di rimborso. È obbligatorio il calcolo del TAEG in caso di mutui, anticipazioni bancarie (escluse quelle in conto corrente), prestiti personali e finalizzati. 8) La forma scritta per la stipula di un contratto di prestazione di servizi di incasso e pagamento: a) non è mai obbligatoria; b) non è obbligatoria per le operazioni prestate in via occasionale, purché il valore complessivo della transazione non ecceda i 500 euro; c) non è obbligatoria per le operazioni prestate in via occasionale, purché il valore complessivo della transazione non ecceda i euro; d) è sempre obbligatoria. Il TUB pretende la forma scritta per la stipula del contratto. Il legislatore ha comunque attribuito alla Banca d Italia la facoltà di prevedere contratti che possano essere stipulati in altra forma. Sulla base di tale delega è stato rimosso il requisito della forma scritta per le operazioni prestate in via occasionale, purché il valore complessivo della transazione non ecceda i euro. Le prestazione di servizi di incasso e pagamento rientrano nell ambito di intervento della deroga, insieme ai servizi di intermediazione creditizia e di intermediazione in cambi. 9) Il titolo VI del TUB prevede che: a) il CICR possa acquisire informazioni, atti e documenti ed eseguire ispezioni al solo fine di accertare il rispetto del principio di diligenza nella prestazione dei servizi di incasso e pagamento; 2

3 b) il CICR possa acquisire informazioni, atti e documenti ed eseguire ispezioni al solo fine di accertare il rispetto del principio di correttezza nella prestazione dei servizi di intermediazione creditizia; c) la Banca d Italia possa acquisire informazioni, atti e documenti ed eseguire ispezioni presso gli intermediari soggetti a obblighi informativi al solo fine di accertare il rispetto della disciplina speciale in tema di trasparenza; d) la CONSOB possa acquisire informazioni, atti e documenti ed eseguire ispezioni presso gli intermediari soggetti a obblighi informativi al solo fine di accertare il rispetto della disciplina speciale in tema di trasparenza. Il titolo VI prevede che la Banca d Italia possa acquisire informazioni, atti e documenti ed eseguire ispezioni presso gli intermediari soggetti a obblighi informativi. Per esplicita previsione, tali poteri possono essere esercitati al solo fine di accertare il rispetto della disciplina speciale in tema di trasparenza. 10) In caso di inosservanza degli obblighi di pubblicità previsti dal TUF è applicabile: a) ai soli amministratori, una sanzione pecuniaria fino a euro; b) ad amministratori e dirigenti, una sanzione pecuniaria fino a euro; c) ad amministratori, dirigenti e dipendenti, una sanzione pecuniaria fino a euro; d) il TUF non contempla controlli e sanzioni amministrative speciali per assicurare il rispetto delle norme di trasparenza. A differenza di quanto previsto dal Testo Unico Bancario, il TUF non contempla controlli e sanzioni amministrative speciali per assicurare il rispetto delle norme di trasparenza. I controlli e le sanzioni che si applicano sono gli stessi previsti per il più generale esercizio delle funzioni di vigilanza sulla prestazione dei servizi di investimento. 11) La direttiva della Commissione europea 2006/73/CE, del 10 Agosto 2006, all art. 21 stabilisce che in presenza di un conflitto d interessi si deve: a) informare in ogni caso chiaramente il cliente della natura e delle fonti di tale conflitto; b) informare chiaramente il cliente della natura e delle fonti di tale conflitto nell eventualità in cui non si possa assicurare con ragionevole certezza l impossibilità di incorrere nel rischio di nuocere agli interessi dei clienti; c) informare in ogni caso chiaramente il cliente della natura e delle fonti di tale conflitto solo se si opera nei confronti di clientela al dettaglio; d) informare in ogni caso chiaramente il cliente della natura e delle fonti di tale conflitto solo se si opera nei confronti di clientela professionale; La direttiva della Commissione europea 2006/73/CE, del 10 Agosto 2006, all art. 21 stabilisce che in presenza di un conflitto d interessi si deve informare chiaramente il cliente della natura e delle fonti di tale conflitto nell eventualità in cui non si possa assicurare con ragionevole certezza l impossibilità di incorrere nel rischio di nuocere agli interessi dei clienti. 12) Il Regolamento congiunto Banca d Italia/ Consob, del , all art. 24 stabilisce che, ai fini dell identificazione dei conflitti di che possono danneggiare il cliente, gli intermediari considerano, nell ambito della definizione del criterio minimo, se, a seguito della prestazione di servizi, essi, un soggetto rilevante o un soggetto avente con essi un legame di controllo diretto o indiretto: a) ricevano o possano ricevere dal cliente, in relazione con il servizio a questi prestato, un incentivo, sotto forma di denaro, beni o servizi, diverso dalle commissioni o dalle competenze normalmente percepite per tale servizio; b) ricevano o possano ricevere dal cliente, in relazione con il servizio a questi prestato, un incentivo, sotto forma beni o servizi, diverso dalle commissioni o dalle competenze normalmente percepite per tale servizio. 3

4 c) ricevano o possano ricevere da una persona diversa dal cliente, in relazione con il servizio a questi prestato, un incentivo, sotto forma di denaro, beni o servizi, diverso dalle commissioni o dalle competenze normalmente percepite per tale servizio. d) possano realizzare un guadagno finanziario o evitare una perdita finanziaria. Il Regolamento congiunto Banca d Italia/ Consob, del , all art. 24 stabilisce che, ai fini dell identificazione dei conflitti di interesse che possono insorgere nella prestazione dei servizi e che possono danneggiare gli interessi di un cliente, gli intermediari considerano, quale criterio minimo, se a seguito della prestazione di servizi, essi, un soggetto rilevante o un soggetto avente con essi un legame di controllo, diretto o indiretto: a) possano realizzare un guadagno finanziario o evitare una perdita finanziaria, a danno del cliente; b) siano portatori di un interesse nel risultato del servizio prestato al cliente, distinto da quello del cliente medesimo; c) abbiano un incentivo a privilegiare gli interessi di clienti diversi da quello a cui il servizio è prestato; d) svolgano la medesima attività del cliente; e) ricevano o possano ricevere da una persona diversa dal cliente, in relazione con il servizio a questi prestato, un incentivo, sotto forma di denaro, beni o servizi, diverso dalle commissioni o dalle competenze normalmente percepite per tale servizio. 13) Il Regolamento congiunto Banca d Italia/Consob, del , all art. 25 stabilisce che gli intermediari mettano in atto una politica di gestione dei conflitti d interesse. Quale delle seguenti affermazioni non è esatta:: a) tale politica può essere formulata per iscritto, b) tale politica deve essere in linea con il principio di proporzionalità c) tale politica deve tenere conto delle circostanze, di cui gli intermediari sono o dovrebbero essere a conoscenza, connesse con la struttura e le attività dei soggetti appartenenti al proprio gruppo d) tale politica deve definire le procedure da seguire e le misure da adottare per gestire tali conflitti Risposta esatta a) Il Regolamento congiunto Banca d Italia/Consob, del , all art. 25 comma 1 stabilisce che gli intermediari formulino per iscritto, applichino e mantengano un efficace politica di gestione dei conflitti di interesse in linea con il principio di proporzionalità. Tale politica tiene altresì conto delle circostanze, di cui gli intermediari sono o dovrebbero essere a conoscenza, connesse con la struttura e le attività dei soggetti appartenenti al proprio gruppo. Il secondo comma dell articolo in questione alla lettera d) riporta, inoltre, che essa definisce le procedure da seguire e le misure da adottare per gestire tali conflitti. 14) La direttiva 2006/73/ce della commissione europea del 10 agosto 2006 stabilisce all art. 22 comma 4 che gli Stati membri assicurano che le informazioni da comunicare ai clienti in merito alla natura e alle fonti dell eventuale conflitto d interesse siano fornite: a) su un supporto durevole con un grado di dettaglio indipendente dalla natura del cliente b) su un supporto durevole e siano sufficientemente dettagliate, solo nel caso di clientela retail c) su un supporto cartaceo e siano sufficientemente dettagliate, solo nel caso di clientela retail d) su un supporto durevole e siano sufficientemente dettagliate, considerata la natura del cliente La direttiva 2006/73/ce della commissione europea del 10 agosto 2006 stabilisce all art. 22 comma 4 che gli Stati membri assicurano che le informazioni da comunicare ai clienti, in applicazione dell articolo 18, paragrafo 2, della direttiva 2004/39/CE, siano fornite su un supporto durevole e siano sufficientemente dettagliate, considerata la natura del cliente, da 4

5 consentire a tale cliente di prendere una decisione informata sul servizio di investimento o accessorio, tenuto conto del contesto in cui sorge il conflitto di interesse. 15) Il Regolamento congiunto Banca d Italia/Consob, del , all art. 26 stabilisce che: a) è fatto obbligo solo alle banche di istituire e aggiornare in modo regolare un registro nel quale si riportino le situazioni nelle quali sia sorto o possa sorgere un conflitto di interesse che rischia di ledere gravemente gli interessi di uno o più clienti; b) è fatto obbligo agli intermediari di istituire e aggiornare in modo regolare un registro nel quale si riportino le situazioni nelle quali sia sorto o possa sorgere un conflitto di interesse che rischia di ledere gravemente gli interessi di uno o più clienti; c) è fatto obbligo agli intermediari di istituire e aggiornare in modo regolare un registro nel quale si riportino esclusivamente le situazioni nelle quali sia sorto un conflitto di interesse a danno di uno o più clienti; d) è fatto obbligo solo alle banche di istituire e aggiornare in modo regolare un registro nel quale si riportino si riportino esclusivamente le situazioni nelle quali sia sorto un conflitto di interesse a danno di uno o più clienti. Il Regolamento congiunto Banca d Italia/Consob, del , all art. 26 stabilisce che istituiscono e aggiornano in modo regolare un registro nel quale riportano, annotando i tipi di servizi di investimento o accessori o di attività di investimento interessati, le situazioni nelle quali sia sorto, o, nel caso di un servizio o di un attività in corso, possa sorgere un conflitto di interesse che rischia di ledere gravemente gli interessi di uno o più clienti. 5

Economia degli intermediari finanziari 2/ed Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1

Economia degli intermediari finanziari 2/ed Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1 Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1 Volendo rappresentare il settore dei servizi finanziari fate riferimento: a. ai tre tipi di intermediazione

Dettagli

POLICY CONFLITTI D INTERESSE

POLICY CONFLITTI D INTERESSE POLICY CONFLITTI D INTERESSE Documento per la clientela 13/01/2014 INDICE 1. PREMESSA 3 1.1 Definizioni 4 2. OBIETTIVI 5 3. ANALISI E VALUTAZIONI: IDENTIFICAZIONE DELLE SITUAZIONI DI POTENZIALE CONFLITTO

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO SULLE POLITICHE ADOTTATE DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE

DOCUMENTO INFORMATIVO SULLE POLITICHE ADOTTATE DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE DOCUMENTO INFORMATIVO SULLE POLITICHE ADOTTATE DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE In conformità alle disposizioni di cui all art. 25 del Regolamento congiunto Banca d Italia e Consob del

Dettagli

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A. PER L INDIVIDUAZIONE E LA GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE NELLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITA DI INVESTIMENTO E DEI SERVIZI ACCESSORI 1.

Dettagli

REGOLE DI INSEDIAMENTO E DI ATTIVITÀ DELLE BANCHE

REGOLE DI INSEDIAMENTO E DI ATTIVITÀ DELLE BANCHE IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO PROF. MARIA ROSARIA NADDEO Indice 1 REGOLE DI INSEDIAMENTO E DI ATTIVITÀ DELLE BANCHE ---------------------------------------------- 3 2 L INGRESSO IN ITALIA DI BANCHE COMUNITARIE

Dettagli

Documento sulla politica di gestione dei conflitti di interesse e informativa ai clienti sui conflitti di interesse non eliminabili

Documento sulla politica di gestione dei conflitti di interesse e informativa ai clienti sui conflitti di interesse non eliminabili BANCA POPOLARE DEL LAZIO Soc. Coop. per azioni Sede sociale e Direzione Generale Via Martiri delle Fosse Ardeatine, 9 00049 VELLETRI (Roma) Iscr. Registro Imprese di Roma al n. 04781291002 Iscritta al

Dettagli

ESTRATTO DELLA POLITICA PER LA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI CONFLITTO DI INTERESSE GENERALI Investments Europe S.p.A. SGR

ESTRATTO DELLA POLITICA PER LA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI CONFLITTO DI INTERESSE GENERALI Investments Europe S.p.A. SGR ESTRATTO DELLA POLITICA PER LA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI CONFLITTO DI INTERESSE GENERALI Investments Europe S.p.A. SGR Politica per la gestione dei conflitti d interesse di GENERALI INVESTMENTS EUROPE

Dettagli

Strategia di identificazione e gestione dei conflitti di interesse

Strategia di identificazione e gestione dei conflitti di interesse Strategia di identificazione e gestione dei conflitti di interesse CASSA RURALE DI TRENTO 2014 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI... 4 3. RIFERIMENTI NORMATIVI... 5 4. RICHIAMO

Dettagli

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE DESTINATA ALLA CLIENTELA

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE DESTINATA ALLA CLIENTELA DESCRIZIONE SINTETICA DELLA POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE DESTINATA ALLA CLIENTELA Come ogni grande istituzione finanziaria, BNP Paribas Investment Partners SGR (di seguito anche la SGR

Dettagli

Policy sintetica di Banca delle Marche S.p.A. per la gestione dei conflitti d interesse

Policy sintetica di Banca delle Marche S.p.A. per la gestione dei conflitti d interesse Policy sintetica di Banca delle Marche S.p.A. per la gestione dei conflitti d interesse 1. Introduzione Banca Marche nel normale esercizio della propria attività e nell erogazione dei propri molteplici

Dettagli

INFORMATIVA SINTETICA SULLA POLITICA SEGUITA DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE

INFORMATIVA SINTETICA SULLA POLITICA SEGUITA DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE INFORMATIVA SINTETICA SULLA POLITICA SEGUITA DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE 1. PREMESSA Il presente documento ha lo scopo di descrivere sinteticamente la politica che il Gruppo bancario

Dettagli

POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE o CONFLICT POLICY

POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE o CONFLICT POLICY POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE o CONFLICT POLICY Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del12/05/2008 modificata con delibera del 30/10/2008 ai sensi dell art.

Dettagli

REGISTRO DELLE FATTISPECIE DI CONFLITTO DI INTERESSE

REGISTRO DELLE FATTISPECIE DI CONFLITTO DI INTERESSE REGISTRO DELLE FATTISPECIE DI CONFLITTO DI INTERESSE E ISTITUZIONE DELL ARCHIVIO STORICO O REGISTRO ELETTRONICO DELLE OPERAZIONI EFFETTUATE IN CONFLITTO DI INTERESSE Versione 1 1.1 Delibera delibera del

Dettagli

REGISTRO DELLE FATTISPECIE DI CONFLITTO DI INTERESSE

REGISTRO DELLE FATTISPECIE DI CONFLITTO DI INTERESSE REGISTRO DELLE FATTISPECIE DI CONFLITTO DI INTERESSE PROCESSO FINANZA BANCA DELL ALTA MURGIA CREDITO COOPERATIVO REGISTRO DELLE FATTISPECIE DI CONFLITTI DI INTERESSE L art. 26 del Regolamento congiunto

Dettagli

DELIBERAZIONE 4 MARZO 2003 Disciplina della trasparenza delle condizioni contrattuali delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari

DELIBERAZIONE 4 MARZO 2003 Disciplina della trasparenza delle condizioni contrattuali delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari DELIBERAZIONE 4 MARZO 2003 Disciplina della trasparenza delle condizioni contrattuali delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari Pagina 1 di 30 IL COMITATO INTERMINISTERIALE PER IL CREDITO E IL

Dettagli

SINTESI DELLA POLITICA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE. Iccrea Banca S.p.A. E DOCUMENTO INFORMATIVO SUGLI INCENTIVI

SINTESI DELLA POLITICA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE. Iccrea Banca S.p.A. E DOCUMENTO INFORMATIVO SUGLI INCENTIVI SINTESI DELLA POLITICA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE E DOCUMENTO INFORMATIVO SUGLI INCENTIVI Iccrea Banca S.p.A. SINTESI DELLA POLITICA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE 1 PREMESSA Iccrea Banca

Dettagli

2. I CONTRATTI E LA NUOVA TRASPARENZA PER BANCHE E INTERMEDIARI FINANZIARI

2. I CONTRATTI E LA NUOVA TRASPARENZA PER BANCHE E INTERMEDIARI FINANZIARI 2. I CONTRATTI E LA NUOVA TRASPARENZA PER BANCHE E INTERMEDIARI FINANZIARI 2.2. Brevi cenni sulla nuova trasparenza per banche e 1 intermediari finanziari GLOSSARIO 7 APPROFONDIMENTI 9 NORMATIVA 10 2.2

Dettagli

Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Documento sintetico relativo alla SGR e ai servizi dalla stessa prestati

Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Documento sintetico relativo alla SGR e ai servizi dalla stessa prestati Documento sintetico relativo alla SGR e ai servizi dalla stessa prestati Premessa La Direttiva dell'unione Europea MiFID (2004/39/CE), acronimo di Markets in Financial Instruments Directive, ha modificato,

Dettagli

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29 00.romaneNadotti:Layout 1 25-09-2009 15:15 Pagina vi Gli Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore In questo volume... Il sito xiii xiv xvi xvii xxiii PARTE I Concetti fondamentali Capitolo 1 Il sistema

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

1. LA TRASPARENZA E GLI STRUMENTI DI PUBBLICITÀ

1. LA TRASPARENZA E GLI STRUMENTI DI PUBBLICITÀ 1. LA TRASPARENZA E GLI STRUMENTI DI PUBBLICITÀ 1.1. Premessa 1 GLOSSARIO 6 NORMATIVA 8 1.1 PREMESSA Al termine di questo capitolo sarai in grado di conoscere gli obiettivi perseguiti dalle disposizioni

Dettagli

1. LA TRASPARENZA E GLI STRUMENTI DI PUBBLICITÀ

1. LA TRASPARENZA E GLI STRUMENTI DI PUBBLICITÀ 1. LA TRASPARENZA E GLI STRUMENTI DI PUBBLICITÀ 1.5. Obblighi e adempimenti 1 GLOSSARIO 4 NORMATIVA 6 1.5 OBBLIGHI E ADEMPIMENTI Al termine di questo capitolo sarai in grado di conoscere la differenza

Dettagli

IL TAEG E IL TEG: ANALOGIE E DIFFERENZE.

IL TAEG E IL TEG: ANALOGIE E DIFFERENZE. IL TAEG E IL TEG: ANALOGIE E DIFFERENZE. Il TAEG (Tasso Annuo Effettivo Globale) viene impiegato come tasso di riferimento per le operazioni di credito al consumo, mentre il TEG (Tasso Effettivo Globale)

Dettagli

2. IL PROCESSO DI AFFIDAMENTO: LE FASI PRECONTRATTUALI 2.3. L analisi dell offerta GLOSSARIO APPROFONDIMENTI 10 NORMATIVA 11

2. IL PROCESSO DI AFFIDAMENTO: LE FASI PRECONTRATTUALI 2.3. L analisi dell offerta GLOSSARIO APPROFONDIMENTI 10 NORMATIVA 11 2. IL PROCESSO DI AFFIDAMENTO: LE FASI PRECONTRATTUALI 2.3. L analisi dell offerta 1 GLOSSARIO 6 APPROFONDIMENTI 10 NORMATIVA 11 2.3. L ANALISI DELL OFFERTA Al termine del capitolo sarai in grado di descrivere

Dettagli

POLICY DI GESTIONE DEI

POLICY DI GESTIONE DEI Cassa di Risparmio di San Miniato S.p.A. POLICY DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE SUI SERVIZI D INVESTIMENTO GRUPPO CARISMI - approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 10/02/2015 1 INDICE

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO IN MATERIA DI INCENTIVI E RECLAMI

DOCUMENTO INFORMATIVO IN MATERIA DI INCENTIVI E RECLAMI Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta Liquidità Euro, BancoPosta Obbligazionario Dicembre 2017, BancoPosta Obbligazionario Italia Dicembre 2018, BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO INFORMAZIONI SUL MEDIATORE CREDITIZIO CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DELLA MEDIAZIONE CREDITIZIA

FOGLIO INFORMATIVO INFORMAZIONI SUL MEDIATORE CREDITIZIO CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DELLA MEDIAZIONE CREDITIZIA FOGLIO INFORMATIVO Redatto secondo le indicazioni contenute nel Provvedimento del 29 Aprile 2005 dell'uic, nella Deliberazione del CICR del 4 marzo 2003, del Provvedimento della Banca d Italia del 25 luglio

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 13 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Sintesi della Politica in materia di conflitti di interesse e Documento informativo sugli incentivi

Sintesi della Politica in materia di conflitti di interesse e Documento informativo sugli incentivi Sintesi della olitica in materia di conflitti di interesse e Documento informativo sugli incentivi SINTESI DELLA OLITICA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE 1 remessa Iccrea Banca S.p.A. (la Banca ),

Dettagli

Modifiche alla disciplina del Credito al Consumo

Modifiche alla disciplina del Credito al Consumo Modifiche alla disciplina del Credito al Consumo 1 Premessa Le modifiche in materia di Credito al Consumo sono volte: ad ampliare l ambito di applicazione della disciplina contenuta nel Testo Unico Bancario

Dettagli

* * * La SGR partecipa ai processi di formazione e informazione della rete di vendita di Poste Italiane.

* * * La SGR partecipa ai processi di formazione e informazione della rete di vendita di Poste Italiane. Informativa ai partecipanti dei fondi comun di investimento BancoPosta Liquidità Euro, BancoPosta Obbligazionario Dicembre 2017, BancoPosta Replay 12 mesi e BancoPosta Obbligazionario Italia Dicembre 2018

Dettagli

NUOVA DISCIPLINA DEL CREDITO AL CONSUMO

NUOVA DISCIPLINA DEL CREDITO AL CONSUMO NUOVA DISCIPLINA DEL CREDITO AL CONSUMO INFORMAZIONI GENERALI La direttiva comunitaria 2008/48/CE ha inteso armonizzare il quadro normativo, regolamentare ed amministrativo degli Stati membri in tema di

Dettagli

Mediolanum Vita S.p.A. Estratto della POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE

Mediolanum Vita S.p.A. Estratto della POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE Mediolanum Vita S.p.A. Estratto della POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE Consiglio di Amministrazione del 18 marzo 2013 PREMESSA Mediolanum Vita S.p.A. (di seguito anche "l impresa o la compagnia

Dettagli

1. LA NORMATIVA SULLA TRASPARENZA DELLA BANCA D ITALIA

1. LA NORMATIVA SULLA TRASPARENZA DELLA BANCA D ITALIA 1. LA NORMATIVA SULLA TRASPARENZA DELLA BANCA D ITALIA 1.1. La riforma della trasparenza bancaria 1 GLOSSARIO 9 APPROFONDIMENTI 15 NORMATIVA 18 1.1. LA RIFORMA DELLA TRASPARENZA BANCARIA Al termine del

Dettagli

PUBBLICITÀ E INFORMAZIONE PRECONTRATTUALE

PUBBLICITÀ E INFORMAZIONE PRECONTRATTUALE SEZIONE II PUBBLICITÀ E INFORMAZIONE PRECONTRATTUALE 1. Premessa Gli strumenti di pubblicità delle operazioni e dei servizi offerti e delle relative condizioni contrattuali sono: i documenti contenenti

Dettagli

ASSOCIAZIONE GIAN FRANCO CAMPOBASSO per lo studio del Diritto Commerciale e Bancario. www.associazionegfcampobasso.it

ASSOCIAZIONE GIAN FRANCO CAMPOBASSO per lo studio del Diritto Commerciale e Bancario. www.associazionegfcampobasso.it Disposizioni in materia di intermediari finanziari di cui agli articoli 106, 107, 113 e 155, comma 4 e 5, del decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 (Testo unico bancario) TITOLO I DEFINIZIONI Articolo

Dettagli

Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni

Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni POLICY DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE NELLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITÀ DI INVESTIMENTO Approvata dal CdA nella seduta

Dettagli

TRASPARENZA BANCARIA E FINANZIARIA

TRASPARENZA BANCARIA E FINANZIARIA CIRCOLARE n. 4/2003 RISERVATA AGLI OPERATORI BANCARI E FINANZIARI CLIENTI O CORRISPONDENTI DELLO STUDIO GHIDINI, GIRINO & ASSOCIATI www.ghidini-associati.it (N.B. La presente circolare è meramente informativa

Dettagli

Trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari

Trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari Trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari - Circolare Banca di Italia del 10 febbraio 2011 - Esegesi Sommario INFORMAZIONI GENERALI 3 T.A.E.G. 4 MODULISTICA PRECONTRATTUALE 5 ANNUNCI

Dettagli

IL MINISTRO DEL TESORO

IL MINISTRO DEL TESORO Decreto del Ministro del tesoro 8 luglio 1992 (1). Disciplina e criteri di definizione del tasso annuo effettivo globale per la concessione di credito al consumo. IL MINISTRO DEL TESORO VISTO il regio

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA

REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA LA BANCA D ITALIA E LA CONSOB VISTO il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n.

Dettagli

Sintesi della POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE

Sintesi della POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE Sintesi della POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE Edizione giugno 2015 PREMESSA Mediolanum Gestione Fondi (di seguito anche MGF o la Società ), appartenente al Gruppo Bancario Mediolanum 1

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO SEZIONE I INFORMAZIONI SUL MEDIATORE CREDITIZIO. Iscritta al Registro delle Imprese C.C.I.A.A. di Milano, R.E.A. n.

FOGLIO INFORMATIVO SEZIONE I INFORMAZIONI SUL MEDIATORE CREDITIZIO. Iscritta al Registro delle Imprese C.C.I.A.A. di Milano, R.E.A. n. FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi del titolo VI e VI bis del T.U.B., della delibera CICR del 4 marzo 2003, del Provvedimento di attuazione della Banca d Italia del 25 luglio 2003 e del provvedimento

Dettagli

AVVISO ALLA CLIENTELA

AVVISO ALLA CLIENTELA AVVISO ALLA CLIENTELA IMMUTUO S.r.l.. La invita a leggere con attenzione il presente avviso che ha l obiettivo di far conoscere alla propria Clientela i suoi diritti e gli strumenti di tutela a sua disposizione,

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI N B.4 Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 10/12/2015 Data di efficacia: 14/12/2015 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 BEST EXECUTION...

Dettagli

ASSOSIM * * * A. Sezione I (Disposizioni di carattere generale) Paragrafo 3. (Definizioni)

ASSOSIM * * * A. Sezione I (Disposizioni di carattere generale) Paragrafo 3. (Definizioni) VIA ALBERTO DA GIUSSANO, 8 20145 MILANO TEL. 02/86454996 R.A. FAX 02/867898 e.mail assosim@assosim.it WWW.ASSOSIM.IT ASSOSIM ASSOCIAZIONE ITALIANA INTERMEDIARI MOBILIARI Inviato via email all indirizzo

Dettagli

2. L INFORMATIVA PRECONTRATTUALE GLOSSARIO 8 APPROFONDIMENTI 14 NORMATIVA 16. 2.3. L informativa su operazioni e servizi

2. L INFORMATIVA PRECONTRATTUALE GLOSSARIO 8 APPROFONDIMENTI 14 NORMATIVA 16. 2.3. L informativa su operazioni e servizi 2. L INFORMATIVA PRECONTRATTUALE 2.3. L informativa su operazioni e servizi 1 GLOSSARIO 8 APPROFONDIMENTI 14 NORMATIVA 16 2.3. L INFORMATIVA SU OPERAZIONI E SERVIZI Al termine del capitolo sarai in grado

Dettagli

TITOLO I DEFINIZIONI Articolo 1 (Definizioni)

TITOLO I DEFINIZIONI Articolo 1 (Definizioni) D.M. - -2007, n. Disposizioni in materia di intermediari finanziari di cui agli articoli 106, 107, 113 e 155, comma 4 e 5, del decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 (Testo unico bancario) TITOLO

Dettagli

LINK SOLUZIONI S.R.L. FASCICOLO INFORMATIVO

LINK SOLUZIONI S.R.L. FASCICOLO INFORMATIVO LINK SOLUZIONI S.R.L. FASCICOLO INFORMATIVO Premessa invita a leggere con attenzione il presente avviso che ha l obbiettivo di far conoscere alla Clientela i diritti ad essa spettanti e gli strumenti di

Dettagli

AVVISO ALLA CLIENTELA PRINCIPALI NORME DI TRASPARENZA RELATIVE ALLA MEDIAZIONE CREDITIZIA ATTIVITÀ ED OBBLIGHI DEL MEDIATORE CREDITIZIO

AVVISO ALLA CLIENTELA PRINCIPALI NORME DI TRASPARENZA RELATIVE ALLA MEDIAZIONE CREDITIZIA ATTIVITÀ ED OBBLIGHI DEL MEDIATORE CREDITIZIO Soluzioni Innovative S.r.l. Via Antonio Stoppani, 10/C - 24121 Bergamo Iscritta all Elenco dei Mediatori Creditizi presso OAM n. M25, in data 22/01/2013 Numero R.E.A.: BG 393625 Numero di iscrizione nel

Dettagli

PROTOCOLLO DI AUTONOMIA PER LA GESTIONE DEI CONFLITTI D INTERESSI

PROTOCOLLO DI AUTONOMIA PER LA GESTIONE DEI CONFLITTI D INTERESSI PROTOCOLLO DI AUTONOMIA PER LA GESTIONE DEI CONFLITTI D INTERESSI CAPO I - DEFINIZIONI Art. 1 - Definizioni 1. Ai fini del presente Protocollo si intende per: a) TUF : il decreto legislativo 24 febbraio

Dettagli

Profili della disciplina sulle banche. Lezione 1 1

Profili della disciplina sulle banche. Lezione 1 1 Profili della disciplina sulle banche Lezione 1 1 Testo Unico Bancario (D. lgs. n. 385 del 1993). Testo Unico Finanziario (D. lgs. n. 58 del 1998) La disciplina bancaria il Testo Unico Bancario: (art.

Dettagli

Legge 17 febbraio 1992, n. 154 - Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari

Legge 17 febbraio 1992, n. 154 - Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari Legge 17 febbraio 1992, n. 154 - Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari Articolo 1. Ambito soggettivo d'applicazione. 1. Le norme della presente legge trovano applicazione

Dettagli

Informativa ai partecipanti del fondo comune di investimento BancoPosta Evoluzione 3D

Informativa ai partecipanti del fondo comune di investimento BancoPosta Evoluzione 3D Informativa ai partecipanti del fondo comune di investimento BancoPosta Evoluzione 3D Preliminarmente, si precisa che il modello organizzativo prescelto da BancoPosta Fondi S.p.A. SGR (BPF) prevede che,

Dettagli

Capitolo Quinto La disciplina sulla trasparenza nei contratti bancari, nel credito ai consumatori e nell attività di mediazione creditizia

Capitolo Quinto La disciplina sulla trasparenza nei contratti bancari, nel credito ai consumatori e nell attività di mediazione creditizia Capitolo Quinto La disciplina sulla trasparenza nei contratti bancari, nel credito ai consumatori e nell attività di mediazione creditizia Sezione Prima La disciplina in materia di trasparenza bancaria

Dettagli

Studio Battista - sb Investments & Trusts Consultancy. DESCRIZIONE DEI SERVIZI - Organizzazione del capitale individuale

Studio Battista - sb Investments & Trusts Consultancy. DESCRIZIONE DEI SERVIZI - Organizzazione del capitale individuale Studio Battista - sb Investments & Trusts Consultancy DESCRIZIONE DEI SERVIZI - Organizzazione del capitale individuale DESCRIZIONE Ad sb Investments, il cliente può ricevere consulenza in materia di investimenti

Dettagli

Giuseppe Piano Mortari ASSOFIN. L offerta di carte di credito nel nuovo quadro normativo tra criticità interpretative e rischi di over regulation

Giuseppe Piano Mortari ASSOFIN. L offerta di carte di credito nel nuovo quadro normativo tra criticità interpretative e rischi di over regulation Giuseppe Piano Mortari ASSOFIN L offerta di carte di credito nel nuovo quadro normativo tra criticità interpretative e rischi di over regulation Convegno ABI Carte 2011 Roma, 3/4 novembre 2011 IL FRAMEWORK

Dettagli

POLICY DI GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI Gruppo Banca Agricola Popolare di Ragusa

POLICY DI GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI Gruppo Banca Agricola Popolare di Ragusa Gruppo Banca Agricola Popolare di Ragusa INDICE PREMESSA... 3 1. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI... 4 2. CONTESTO NORMATIVO... 5 2.1 DEFINIZIONE DI OPERAZIONE PERSONALE... 5 2.2 DEFINIZIONE DI SOGGETTO

Dettagli

La Trasparenza bancaria. Corso formazione per iscrizione Elenchi OAM

La Trasparenza bancaria. Corso formazione per iscrizione Elenchi OAM La Trasparenza bancaria Corso formazione per iscrizione Elenchi OAM Normativa di riferimento TUB - D.Lgs. 1 settembre 1993, n. 385 - Titolo VI, come modificato dal D.Lgs. 141/2010 e succ. mod. Codice del

Dettagli

BANCA POPOLARE DELLE PROVINCE CALABRE SOCIETÀ COOPERATIVA PER AZIONI

BANCA POPOLARE DELLE PROVINCE CALABRE SOCIETÀ COOPERATIVA PER AZIONI PRINCIPALI DIRITTI DEL CLIENTE OFFERTA PRESSO LO SPORTELLO Relativa a conto corrente, depositi, finanziamenti,credito al consumo (fino a Euro 30.987,42) e altri servizi regolati dalle disposizioni della

Dettagli

7. La vigilanza sull esercizio dei servizi di investimento

7. La vigilanza sull esercizio dei servizi di investimento 7. La vigilanza sull esercizio dei servizi di investimento 163 3) se non siano vincolati a proporre esclusivamente i contratti di una o più imprese di assicurazione e non forniscano consulenze fondate

Dettagli

CODICE INTERNO DI COMPORTAMENTO. Promosso da AIFI ed adottato da SICI SGR S.p.A. (Consiglio di Amministrazione del 20 dicembre 2010)

CODICE INTERNO DI COMPORTAMENTO. Promosso da AIFI ed adottato da SICI SGR S.p.A. (Consiglio di Amministrazione del 20 dicembre 2010) CODICE INTERNO DI COMPORTAMENTO Promosso da AIFI ed adottato da SICI SGR S.p.A. (Consiglio di Amministrazione del 20 dicembre 2010) 1 Indice Sezione I PREMESSA 3 Sezione II - PRINCIPI GENERALI E DEFINIZIONI

Dettagli

I contratti di finanziamento

I contratti di finanziamento I contratti di finanziamento La Correttezza delle relazioni tra intermediari e clienti pagina 1 Nozione di Trasparenza bancaria Quando si parla di "trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e

Dettagli

Avvertenza: il presente Regolamento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Avvertenza: il presente Regolamento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Avvertenza: il presente Regolamento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Regolamento recante la disciplina dell adozione degli atti di natura normativa o di

Dettagli

PARTE SECONDA SEZIONE I MODIFICHE AL REGOLAMENTO CONGIUNTO BANCA D ITALIA-CONSOB

PARTE SECONDA SEZIONE I MODIFICHE AL REGOLAMENTO CONGIUNTO BANCA D ITALIA-CONSOB PARTE SECONDA SEZIONE I MODIFICHE AL REGOLAMENTO CONGIUNTO BANCA D ITALIA-CONSOB PARTE 1 FONTI NORMATIVE, DEFINIZIONI E PRINCIPI GENERALI Articolo 1 (Fonti normative) 1. Il presente Regolamento è adottato

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Deposito Titoli a custodia e amministrazione

FOGLIO INFORMATIVO. Deposito Titoli a custodia e amministrazione FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi della Delibera CICR del 4 marzo 2003 e delle Disposizioni della Banca d'italia sulla Trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari e correttezza delle

Dettagli

La trasparenza secondo noi

La trasparenza secondo noi La trasparenza secondo noi Guida alla normativa sul credito ai consumatori INDICE IL TAEG... SECCI... LA COMPILAZIONE DEL CONTRATTO... Il SECCI... Il modulo di richiesta... Informativa Privacy e Codice

Dettagli

2. Contenuto della delibera CICR del 4 marzo 2003

2. Contenuto della delibera CICR del 4 marzo 2003 COMMISSIONE STUDI CIVILISTICI Studio n. 4703 LE ISTRUZIONI DI VIGILANZA DELLA BANCA D ITALIA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI (Comunicazione dell'ufficio Studi del Consiglio

Dettagli

Banca d Italia e CONSOB

Banca d Italia e CONSOB Banca d Italia e CONSOB Regolamento in materia di organizzazione e procedure degli intermediari che prestano servizi di investimento o di gestione collettiva del risparmio (Adottato dalla Banca d'italia

Dettagli

LA STRATEGIA PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI LINEE GUIDA

LA STRATEGIA PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI LINEE GUIDA LA STRATEGIA PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI LINEE GUIDA AVVERTENZE Le presenti Linee Guida rappresentano uno strumento di ausilio e supporto per l adempimento

Dettagli

Tipologia di conflitto di interesse

Tipologia di conflitto di interesse 1 Ricezione e trasmissione di ordini di La prestazione del servizio di ricezione e trasmissione di ordini espone la Banca a situazioni di di ogni qualvolta: -lo strumento o oggetto del servizio risulti

Dettagli

Disciplina della trasparenza delle condizioni contrattuali delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari.

Disciplina della trasparenza delle condizioni contrattuali delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari. 286 DELIBERAZIONE 4 MARZO 23 Disciplina della trasparenza delle condizioni contrattuali delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari. IL COMITATO INTERMINISTERIALE PER IL CREDIT ED IL RISPARMIO

Dettagli

POLITICA PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI

POLITICA PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI CORTINA D AMPEZZO E DELLE DOLOMITI CREDITO COOPERATIVO POLITICA PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Certificati di deposito Dedicati Tasso Fisso

Certificati di deposito Dedicati Tasso Fisso INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Politica di gestione dei conflitti d interessi

Politica di gestione dei conflitti d interessi Politica di gestione dei conflitti d interessi 2 di 17 Indice Premessa... 4 CAPO I DEFINIZIONI... 4 art. 1 - definizioni... 4 CAPO II AMBITO DI APPLICAZIONE E PRINCIPI GENERALI... 6 Art. 2 Ambito di applicazione...

Dettagli

INFORMAZIONI DA RENDERE AL CONTRAENTE PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE DELLA PROPOSTA O, QUALORA NON PREVISTA, DEL CONTRATTO N. 7A

INFORMAZIONI DA RENDERE AL CONTRAENTE PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE DELLA PROPOSTA O, QUALORA NON PREVISTA, DEL CONTRATTO N. 7A ALLEGATO N. 7A e 7B del Regolamento ISVAP n. 5/2006 INFORMAZIONI DA RENDERE AL CONTRAENTE PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE DELLA PROPOSTA O, QUALORA NON PREVISTA, DEL CONTRATTO N. 7A Comunicazione informativa

Dettagli

1. Informazioni sulla Società di Gestione del Risparmio (SGR) e relativi servizi

1. Informazioni sulla Società di Gestione del Risparmio (SGR) e relativi servizi AI SENSI DEL REGOLAMENTO CONSOB N. 16190 DEL 02/11/2007 Società di gestione del risparmio Soggetta all attività di direzione e coordinamento del socio unico Anima Holding S.p.A. Corso Garibaldi, 99-20121

Dettagli

POLICY PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI

POLICY PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI POLICY PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 26 dicembre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 26 aprile 2012 v.0.4 INDICE I. PREMESSA...

Dettagli

POLITICA PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI

POLITICA PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI POLITICA PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 01/08/2008 ai sensi dell art. 18 del Regolamento Congiunto Banca d Italia Consob

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

INFORMAZIONI DA RENDERE AL CONTRAENTE PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE DELLA PROPOSTA O, QUALORA NON PREVISTA, DEL CONTRATTO SI DICHIARA QUANTO SEGUE

INFORMAZIONI DA RENDERE AL CONTRAENTE PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE DELLA PROPOSTA O, QUALORA NON PREVISTA, DEL CONTRATTO SI DICHIARA QUANTO SEGUE ALLEGATO 7B INFORMAZIONI DA RENDERE AL CONTRAENTE PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE DELLA PROPOSTA O, QUALORA NON PREVISTA, DEL CONTRATTO PREMESSO che ai sensi della vigente normativa, l intermediario assicurativo

Dettagli

BancAssurance Popolari S.p.A.

BancAssurance Popolari S.p.A. BancAssurance Popolari S.p.A. Sede Legale: Via Calamandrei, 255-52100 AREZZO Sede Amministrativa: Via F. De Sanctis, 11 00195 ROMA Impresa autorizzata all esercizio delle assicurazioni con provvedimento

Dettagli

Federazione Italiana delle Banche di Credito Cooperativo Casse Rurali ed Artigiane

Federazione Italiana delle Banche di Credito Cooperativo Casse Rurali ed Artigiane Contatti: Avv. Pierfilippo Verzaro, Servizio Affari Legali e tributari FEDERCASSE email: pverzaro@federcasse.bcc.it, tel. +39.06.7207.2620 Avv. Francesco Arcanà, Servizio Affari Legali e tributari FEDERCASSE

Dettagli

Foglio informativo APERTURA DI CREDITO IPOTECARIA 1 giugno 2011

Foglio informativo APERTURA DI CREDITO IPOTECARIA 1 giugno 2011 Foglio informativo APERTURA DI CREDITO IPOTECARIA 1 giugno 2011 (D.Lgs. 385/1993 e successive modifiche Deliberazione CICR del 04.03.03) INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA

Dettagli

MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART.49 REGOLAMENTO ISVAP 5/2006

MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART.49 REGOLAMENTO ISVAP 5/2006 MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART.49 REGOLAMENTO ISVAP 5/2006 SEZIONE A (ex modello 7A) COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI

Dettagli

POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE

POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE DELLA BANCA POPOLARE ETICA gennaio 2014 www.bancaetica.it INDICE PREMESSA... pag. 4 1. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI... pag. 6 2. RIFERIMENTI NORMATIVI...

Dettagli

I SERVIZI ON LINE L HOME BANKING

I SERVIZI ON LINE L HOME BANKING I SERVIZI ON LINE L HOME BANKING Antenati dell Home Banking sono il Remote Banking ed il Phone Banking. Il primo nasce negli anni 80 e realizza un interscambio informativo collegando, mediante linea telefonica

Dettagli

LA TRASPARENZA FA BENE A TUTTI

LA TRASPARENZA FA BENE A TUTTI LA TRASPARENZA FA BENE A TUTTI Come cambiano le norme e quali sono gli impatti sull operatività legata al rapporto con il cliente BROCHURE INFORMATIVA PER GLI ESERCIZI COMMERCIALI CONVENZIONATI, AGENTI

Dettagli

Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE)

Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE) Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE) Aspetti essenziali La MiFID è una direttiva di armonizzazione massima che disciplina gli intermediari e i mercati finanziari Intermediari Si introduce un nuovo

Dettagli

Roma, 24 ottobre 2011

Roma, 24 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 46/E Direzione Centrale Normativa Settore Imposte Indirette Ufficio Registro e altri tributi indiretti Direzione Centrale Normativa Roma, 24 ottobre 2011 OGGETTO:Imposta di bollo sulle comunicazioni

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Deposito Titoli a custodia e amministrazione

FOGLIO INFORMATIVO. Deposito Titoli a custodia e amministrazione FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi della Delibera CICR del 4 marzo 2003 e delle Disposizioni della Banca d'italia sulla Trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari e correttezza delle

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO N. 57/006. relativo al CONTO DI BASE PENSIONATI GRATUITO INFORMAZIONI SULLA BANCA

FOGLIO INFORMATIVO N. 57/006. relativo al CONTO DI BASE PENSIONATI GRATUITO INFORMAZIONI SULLA BANCA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di BUCCINO Società Cooperativa fondata nel 1982 Sede legale in Buccino, Piazza Mercato Loc. Borgo, cap. 84021 Tel.: 0828-752200 Fax: 0828-952377 [e-mail

Dettagli

INFORMAZIONI DA RENDERE AL CONTRAENTE PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE DELLA PROPOSTA O, QUALORA NON PREVISTA, DEL CONTRATTO N. 7A

INFORMAZIONI DA RENDERE AL CONTRAENTE PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE DELLA PROPOSTA O, QUALORA NON PREVISTA, DEL CONTRATTO N. 7A ALLEGATO N. 7A e 7B del Regolamento ISVAP n. 5/2006 INFORMAZIONI DA RENDERE AL CONTRAENTE PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE DELLA PROPOSTA O, QUALORA NON PREVISTA, DEL CONTRATTO N. 7A Comunicazione informativa

Dettagli

Apertura di Credito in Conto Corrente

Apertura di Credito in Conto Corrente INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO Apertura di Credito in Conto Corrente BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Società per Azioni Sede Legale e Amministrativa: Via Vittorio Veneto, 119 00187 Roma Telefono

Dettagli

PRINCIPALI DIRITTI DEL CLIENTE

PRINCIPALI DIRITTI DEL CLIENTE Versione n 7 del 21/09/2013 PRINCIPALI DIRITTI DEL CLIENTE per conto corrente depositi finanziamenti leasing altri servizi regolati dalle disposizioni della Banca d Italia, esclusi i servizi di pagamento

Dettagli

ASSOSIM * * * * * * 1. Ambito di applicazione delle disposizioni contenute all articolo 117-bis TUB

ASSOSIM * * * * * * 1. Ambito di applicazione delle disposizioni contenute all articolo 117-bis TUB PIAZZA BORROMEO 1-20123 MILANO TEL. 02/86454996 R.A. TELEFAX 02/867898 e.mail assosim@assosim.it WWW.ASSOSIM.IT ASSOSIM ASSOCIAZIONE ITALIANA INTERMEDIARI MOBILIARI Inviata a mezzo email npv.normativa_primaria@bancaditalia.it

Dettagli

LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA. VISTO il decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 ( TUF );

LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA. VISTO il decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 ( TUF ); Delibera n. 19283 Applicazione di sanzioni amministrative pecuniarie nei confronti di esponenti aziendali di Poste Italiane s.p.a. e, a titolo di responsabile in solido, della medesima società per violazioni

Dettagli

TACCUINO INFORMATIVO AI SENSI DELLA NORMATIVA SULLA TRASPARENZA ED OBBLIGHI DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE AVVISO ALLA CLIENTELA

TACCUINO INFORMATIVO AI SENSI DELLA NORMATIVA SULLA TRASPARENZA ED OBBLIGHI DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE AVVISO ALLA CLIENTELA TACCUINO INFORMATIVO AI SENSI DELLA NORMATIVA SULLA TRASPARENZA ED OBBLIGHI DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE AVVISO ALLA CLIENTELA Premessa MCS S.p.A. invita a leggere con attenzione il presente avviso che

Dettagli

D.M. 166/2014 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE. Visto il decreto 10 maggio 2007 n. 62, adottato dal Ministero dell economia e delle finanze

D.M. 166/2014 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE. Visto il decreto 10 maggio 2007 n. 62, adottato dal Ministero dell economia e delle finanze MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 2 settembre 2014, n. 166 (G.U. 13 novembre 2014, n.264) Regolamento di attuazione dell articolo 6, comma 5-bis del decreto legislativo 5 dicembre 2005, n.

Dettagli