LA POLITICA FISCALE NEL MONDO REALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA POLITICA FISCALE NEL MONDO REALE"

Transcript

1 LA POLITICA FISCALE NEL MONDO REALE 0

2 COSA IMPAREREMO Cosa sono e come si misurano tutte le principali grandezze di finanza pubblica Il debito pubblico: panacea di tutti i mali, o esso stesso un male? Come si evolve il rapporto debito/pil di uno Stato.

3 COSA SAPPIAMO FINORA SULLA POLITICA FISCALE A pensarci bene, abbastanza poco. Sappiamo che la spesa pubblica per acquisto di beni e servizi (G) è una componente di domanda aggregata, ma che è solo una parte delle spese finali pubbliche. Il resto è rappresentato dai trasferimenti (Tr) vale a dire corresponsioni di denaro a famiglie e imprese a fronte di nessuna prestazione (pensioni, sussidi, contributi) e dalla spesa per interessi (ib) 2

4 LA SPESA PUBBLICA IN ITALIA (dati 20 settembre 2012) Nel 2012 si prevedono: SPESE FINALI: 805,711 miliardi di euro Di cui Spese per interessi: 86,119 miliardi di euro Trasferimenti: 313,10 miliardi di euro Spesa pubblica: 406,492 miliardi di euro 3

5 Sappiamo che la spesa pubblica è esogena, in quanto strumento di politica fiscale. Sappiamo che esiste il gettito fiscale (T), che abbiamo trattato sia come esogeno che nelle esercitazioni e al primo parziale come dipendente dal reddito (T = ty, dove t è l aliquota) Sappiamo che esistono i moltiplicatori di politica fiscale, sia su G che su T. 4

6 Ripasso sui moltiplicatori Lo spostamento della IS (e quindi della AD) in assoluto è uguale a: Y G Y T = = 1 1 PMC PMC 1 PMC Dove 0<PMC<1 è la propensione marginale al consumo. Si tratta di un canale di domanda di trasmissione della politica fiscale, basato su un semplice concetto: l aumento di reddito iniziale aumenta anche il consumo tramite aumento del reddito disponibile. 5

7 Tuttavia Abbiamo studiato diversi fattori che riducono notevolmente, in realtà, l entità dei moltiplicatori: 1) l interazione con i mercati monetari (pendenza della LM) 2) la struttura dell offerta (pendenza della AS) 3) la dimensione dinamica e le aspettative (vedi dopo) 4) gli effetti di offerta della politica fiscale Infatti, le stime empiriche sull entità dei moltiplicatori sono generalmente abbastanza basse, anche se il dibattito è in pieno svolgimento. 6

8 Cos altro sapevamo finora? La definizione-standard di disavanzo (=deficit) pubblico (D): D = G + ib + TR T La differenza tra le spese finali e le entrate finali del settore pubblico in un determinato arco temporale. Quindi è un flusso. 7

9 E cosa NON sappiamo ancora? Quello che vediamo questa settimana: 1) Le grandezze di finanza pubblica e come operano 2) Il debito pubblico: cos è, come si riduce. 3) Le regole di politica fiscale 8

10 1. LE GRANDEZZE DI FINANZA PUBBLICA A) IL DEFICIT/SURPLUS (indebitamento netto) B) IL FABBISOGNO C) IL DEFICIT/SURPLUS PRIMARIO D) IL DEFICIT CORRETTO PER IL CICLO E) IL DEBITO PUBBLICO 9

11 Prima però.. Approfondiamo la spesa per interessi (ib) Sono i soldi che lo Stato paga come remunerazione a chiunque gli abbia prestato i soldi (= abbia sottoscritto i titoli del debito pubblico). B = stock di debito pubblico i =..e adesso qual è?! Il tasso-mro? L Euribor? O quale di tutti quelli che abbiamo visto settimana scorsa?!?!?!? 10

12 Quel tasso di interesse (che d ora in poi chiamiamo i B ) è il tasso d interesse medio che si paga sullo stock di debito pubblico esistente. Esempio: Uno Stato ha 300 euro di debito pubblico, così suddivisi: 100 euro di titoli emessi ad un tasso del 3% 100 euro di titoli emessi ad un tasso del 5% 100 euro di titoli emessi ad un tasso del 4% 11

13 Quindi B = 300 E i B? E la media dei tassi pagati sui titoli che costituiscono il debito pubblico. In questo caso il conto è molto semplice. Il tasso medio è del 4%. Domandone: se la prossima asta dei titoli di Stato aggiudica un Btp di 100 euro al 12% (a causa del crescere dello spread), a quanto ammonta il costo medio del debito i B? 12

14 Quindi B = stock di debito pubblico esistente i B = costo medio del debito (frutto delle passate emissioni di titoli di Stato) E come si calcola?!?! 13

15 Dati 2011 Nota di aggiornamento DPEF 2012 i B B = 78,021 miliardi di euro B = 1894,630 miliardi di euro i B = (i B B) / B i B = 78,021 / 1894,630 i B = 4,11% Nel 2011, il tasso di interesse medio sul nostro debito pubblico era pari al 4,11%. 14

16 E da cosa dipende i B? a) dalla politica monetaria (vedi settimana scorsa: dalla misura in cui i movimenti di i MRO ) riescono a trasmettersi lungo tutta la curva dei rendimenti, e quindi anche sui tassi a cui vengono aggiudicati i titoli del debito pubblico. b) dai fattori di rischio (durata, credito, liquidità, cambio e inflazione) che aumentano il premio al rischio sulle emissioni di titoli del debito pubblico. 15

17 A) IL DEFICIT (= disavanzo) D = G + ib + TR T Questa grandezza, a rigore, viene chiamata indebitamento netto delle pubbliche amministrazioni. Se D <0, ovviamente, siamo in presenza di un avanzo (=surplus) di bilancio pubblico. 16

18 Il deficit pubblico in Italia nel 2011 (fonte: Aggiornamento DEF 2012, pag.10) ENTRATE (miliardi) USCITE (miliardi) Entrate tributarie 516,33 Spese correnti 367,50 Contributi sociali 216,340 Trasferimenti 305,12 Entrate in conto capitale 3,527 Interessi passivi 78,02 Investimenti 47,91 TOTALE ENTRATE 736,20 TOTALE USCITE 798,55 17

19 D = G + ib + TR T D= 798,55 736,20 D = 62,35 miliardi di euro Nel 2011, l indebitamento netto delle pubbliche amministrazioni è stato pari a 62,363 miliardi di euro. Il settore pubblico ha speso poco più 62 miliardi in più rispetto a quello che ha incassato. 18

20 In rapporto al PIL Le grandezze pubbliche vengono espresse in rapporto al Pil (= in rapporto al reddito di un Paese). Pil nominale 2011 = 1580,2 miliardi di euro Rapporto deficit / PIL = 62,363 / 1580,2 Rapporto deficit / PIL = 3,9% 19

21 Quando aumenta il deficit? a) quando aumenta la spesa pubblica ( G ) b) quando aumentano i trasferimenti (Tr) c) quando diminuisce il gettito fiscale (T) d) quando aumenta il costo medio del debito pubblico (i B ) Quando aumenta il rapporto deficit / PIL? Per tutte le ragioni precedenti, e in più: e) quando diminuisce il PIL (Y) 20

22 B) IL FABBISOGNO Il fabbisogno è la versione di cassa dell indebitamento netto. Che vuol dire di cassa.?! Il 30 dicembre 2012 firmo un assegno per 100 euro, che mi viene addebitato sul conto corrente il 5 gennaio Quella spesa è segnata nel bilancio di competenza 2012, ma in quello di cassa

23 La competenza misura il momento in cui sorge l obbligazione giuridica ad incassare o a spendere. La cassa misura il momento in cui i soldi materialmente entrano e escono. L indebitamento netto è una misura di competenza. Il fabbisogno è una misura di cassa. 22

24 C) IL DISAVANZO PRIMARIO D pr = G + Tr T E il deficit (indebitamento netto) senza considerare la spesa per interessi. Che senso ha un aggregato del genere? E il vero saldo di policy, nel senso che contiene esclusivamente variabili sotto il controllo diretto della politica fiscale. 23

25 B = è ereditato dal passato i B = in gran parte dipende anch esso dal passato (= come sono andate le precedenti aste de titoli di Stato), e in parte dipende dai fattori visti in precedenza (politica monetaria e fattori di rischio). Il disavanzo primario è quindi la vera variabile di politica fiscale (o meglio, il saldo tra le variabili di politica fiscale) Se D PR <0 parliamo di avanzo (=surplus) primario. 24

26 D) IL DEFICIT CORRETTO PER IL CICLO Impariamo il concetto di stabilizzatore automatico. Partiamo da un punto in cui Il deficit è pari a D Ora vediamo che succede se Y t suo livello di lungo periodo. Yt = Y varia attorno al Cioè vediamo che succede durante le fluttuazioni di breve periodo del ciclo economico. 25

27 Se Yt Ciclo economico positivo > Y Tr è più basso perché c è meno bisogno di sussidi di disoccupazione in quanto u<u N T (= ty) è più alto perché.y è più alto. Quindi. Il deficit è automaticamente più basso (in quanto una componente di spesa automaticamente diminuisce, e una di entrata automaticamente sale) D t < D 26

28 Se Yt Ciclo economico negativo < Y Tr è più alto perché c è più bisogno di sussidi di disoccupazione in quanto u>u N T (=ty) è più basso perché.y è più basso. Quindi Il deficit è automaticamente più alto (in quanto una componente di spesa automaticamente aumenta, e una di entrata automaticamente sale). Dt > D 27

29 Cioè fammi capire. Il ciclo economico ha conseguenze automatiche sul deficit pubblico? Esatto.. PIL Y t > Y Y t < Y DEFICIT D t < D D t > D Questo meccanismo si chiama stabilizzatore automatico 28

30 Il disavanzo corretto per il ciclo (D CC ) è il disavanzo ( = indebitamento netto) che si avrebbe se il Pil fosse uguale al suo livello potenziale, strutturale, di lungo periodo. Indica la posizione fiscale del governo, indipendentemente dagli effetti automatici del ciclo economico. E un indicatore che riconosce che quando il Pil è più debole di quanto potrebbe essere, il deficit è più alto (e quando è più forte, è più basso). Pertanto depura il calcolo da questi effetti e indica qual è l atteggiamento discrezionale del governo, al netto degli stabilizzatori automatici. 29

31 Come si calcola? Occorre fare due cose: a) individuare il livello del PIL di lungo periodo b) quantificare l entità degli stabilizzatori automatici (= di quanto si muove automaticamente il deficit quando il Pil sale/scende di un 1% sopra/sotto il potenziale) 30

32 a) sto benedetto PIL strutturale E tutto il corso che ci imbattiamo in questo benedetto Pil di lungo periodo.. Nella realtà, ci sono due modi per calcolarlo: a) una media statistica degli ultimi anni (filtro Hodrik- Prescott) b) un calcolo basato sulla quantità di fattori produttivi presenti nell economia ( Production function approach ) Negli ultimi anni si sta cominciando ad utilizzare il metodo b), sicuramente più coerente con la teoria economica. Ciònonostante, la misurazione puntuale del Pil di lungo periodo è una delle sfide più affascinanti della ricerca macroeconomica. 31

33 b) L elasticità agli scostamenti ciclici Convenzionalmente, si usa il valore 0.5. Se la crescita del PIL è superiore del 2% alla crescita potenziale, il deficit è inferiore del 1% al deficit corretto per il ciclo. Se la crescita del PIL è inferiore del 5% alla crescita potenziale, il deficit è superiore del 2,5% al deficit corretto per il ciclo. 32

34 Il deficit è al 5% del PIL. Esempio Ma la crescita del PIL è inferiore del 2% alla crescita strutturale. Quindi il deficit corretto per il ciclo è il 4%. Questo è l indicatore che individua in maniera più corretta l atteggiamento discrezionale del governo: significa infatti che il governo sta spendendo discrezionalmente il 4% del PIL; il rimanente 1% è frutto del fatto che siamo in presenza di un ciclo economico negativo, e non della volontà del governo di attuare una politica fiscale espansiva. 33

35 E) IL DEBITO PUBBLICO Tutti gli indicatori visti in precedenza sono flussi. Indicano quanto il governo spende (in relazione a quello che incassa) in un dato arco temporale. Quanto spende in generale (deficit o fabbisogno) Quando spende senza considerare il peso del passato (deficit primario) Quanto spende indipendentemente dalle fluttuazioni del ciclo economico (deficit corretto per il ciclo). 34

36 Il debito pubblico invece è un concetto di stock. E l accumularsi dei deficit passati. Infatti ogni volta che c è un deficit, il governo lo copre accendendo un prestito (sotto forma di mutui o titoli). Stock di debito delle pubbliche amministrazioni (B): l insieme delle passività finanziarie del settore pubblico (titoli di Stato a breve, medio e lungo termine, e prestiti di varia natura). 35

37 L equazione fondamentale L emissione di debito (ΔB) va a coprire il deficit (o meglio il fabbisogno). B = D t Cioè: B B = G + Tr T + i B B t t 1 t t t t t 1 36

38 Cioè, il debito pubblico nell anno t: = (1 + B ) + PR t t t 1 t B i B D Dipende da tre cose: a) il costo medio del debito (i B t ) b) lo stock ereditato del debito (B t-1 ) c) il deficit primario che il governo realizza (D PR t ) 37

39 Per ridurre il debito quindi, ci sono solo due strade: a) realizzare (sperare?) in un abbassamento del costo medio del debito b) realizzare avanzi primari (D <0) Il fattore a) non è una variabile sotto diretto controllo del governo. A proposito 38

40 Come avvengono le emissioni di debito pubblico? Tramite le aste del Ministero del Tesoro, che si svolgono normalmente ogni mese. E il cosiddetto mercato primario, cioè quello in cui gli investitori comprano i titoli direttamente dal Tesoro, in asta. Il Ministero verifica l emergere di un fabbisogno di cassa (che è poco distante dall indebitamento netto, che però è una misura di competenza), e per coprirlo emette un pari ammontare di titoli di Stato, verificando qual è il tasso di interesse che il mercato richiede per sottoscrivere quei titoli (e cioè prestare soldi allo Stato). 39

41 Come funzionano in concreto le aste? Ci sono due modalità: a) l asta competitiva (per i titoli a breve scadenza) b) l asta marginale (per i titoli a media-lunga scadenza) In a), ciascun aggiudicatario paga il prezzo dichiarato nella propria offerta. In b), tutte le offerte sono aggiudicate al prezzo marginale. 40

42 Come funzionano in concreto le aste? _stato/aste_titoli_stato.html File allegato in materiale didattico. Da studiare. 41

43 Per capire come va un asta, si guardano due indicatori: a) ovviamente il tasso di interesse al quale sono aggiudicati quei titoli b) il bid-to-cover ratio: il rapporto tra domanda di titoli di Stato e importo aggiudicato in asta. Un rapporto superiore ad uno significa che c era domanda in eccesso per quei titoli. E un indicatore che serve a capire quanta domanda potenziale c è; più è alto, minore è il rischio che la prossima volta l asta vada deserta. 42

44 Un esempio per afferrare il concetto Alessandro Del Piero si è trasferito in Australia con la famiglia, e ha deciso di regalarvi la sua casa a Torino, inclusi tutti gli oggetti ivi contenuti. Per sopravvivere, vi inventate un lavoro: ogni mese mettete all asta alcuni degli oggetti di Del Piero. Ogni 30 giorni quindi, quantificate di quanto denaro avete bisogno per arrivare a fine mese, e mettete all asta un certo numero di suoi beni. 43

45 Questo mese, contate di aver bisogno di 500 euro. Allora mettete all asta le tazzine da caffè usate da Del Piero per fare colazione. Alle 11 di domani mattina, aprite la procedura di partecipazione all asta via Internet: le offerte devono arrivare entro le 12. Alle 12, queste sono le offerte pervenute: 44

46 Marco Rossi è disposto a comprare una tazzina per 300 euro. Paolo Bianchi è disposto a comprare due tazzine a 100 euro ciascuna. Maria Verdi è disposta a comprare una tazzina a 80 euro. Voi avete bisogno di 500 euro. Quante tazzine aggiudicate, e a che prezzo? 45

47 La tazzina richiesta da Marco Rossi (introito: 300 euro) Le due tazzine richieste da Paolo Bianchi (introito: 200 euro) La richiesta di Maria Verdi rimane inevasa. Bid to cover ratio: 580/500 = 1,16 46

48 Come giudica il mercato l andamento dell asta? Innanzitutto, avete centrato l obiettivo: raccogliere 500 euro. Avete ottenuto un buon prezzo medio (tre tazzine, 500 euro di incasso complessivo: prezzo medio: 166,66). Il mercato non ha riscontrato un eccessivo interesse nella vostra asta, perché vi era una domanda superiore solo del 16% alla quantità messa in offerta. E un segnale forse preoccupante per la prossima asta. 47

49 Dalle tazzine di caffè ai titoli di Stato Esempio appena fatto quanto vi serve per arrivare a fine mese Tazzine di caffè Prezzo spuntato, che serve a reperire le risorse per arrivare a fine mese Realtà di politica fiscale Fabbisogno di cassa del settore pubblico Titoli del debito pubblico Tasso di interesse che colloca l ammontare di titoli che è necessario a coprire il fabbisogno 48

50 Quali sono i titoli del debito pubblico italiano? a) Buoni Ordinari del Tesoro (BOT). Titoli a breve scadenza (3 mesi, 6 mesi, 1 anno), senza cedole. Se il tasso di interesse è 5,26%, significa che si compra a 95 e si viene rimborsati 100. b) Certificati del Tesoro Zero Coupon (CTZ). Titoli a breve scadenza (2 anni), funzionano come i BOT. 49

51 c) Certificati di Credito del Tesoro (CCT) Titoli a lunga scadenza (7 anni), cedole semestrali (=ogni 6 mesi vengono corrisposti gli interessi). d) Buoni del Tesoro Pluriennali (BTP) Titoli a breve, media e lunga scadenza (3,5, 10 e 30 anni), cedole semestrali. 50

52 Composizione del debito pubblico italiano al 31/12/2010 TIPOLOGIA DI TITOLO BTP 65.04% BTP indicizzati all inflazione 6,78% CCT 8,79% BOT 9.62% CTZ 4.72% PESO SUL DEBITO COMPLESSIVO TOTALE 94.95% 51

53 Il rimanente 5% è composto da: a) titoli in valuta estera b) mutui e prestiti vari c) variazioni del conto di disponibilità del Ministero del Tesoro presso la Banca d Italia. 52

54 Il debito pubblico degli enti locali Il debito delle amministrazioni locali (Comuni, Province, Regioni è per la maggior parte costituito da mutui e prestiti. In misura meno prevalente, poi, esistono anche obbligazioni pubbliche. Per i Comuni, si tratta dei B.O.C (Buoni Ordinari Comunali). 53

55 Mercato primario Vs mercato secondario Il mercato primario è quello in cui il lato dell offerta è costituito dai governi che offrono in asta i titoli del debito pubblico, e il lato della domanda è costituito dagli istituiti di credito abilitati a partecipare alle aste del Tesoro (primary dealers) e ad altri investitori istituzionali. In altre parole, nel mercato primario a cui non tutti possono accedere si compra all emissione (chiamato anche collocamento ). Non tutti possono accedere.mica tanto! ll più recente titolo di Stato italiano (il Btp-Italia) può essere acquistato direttamente on-line dal semplice risparmiatore, senza commissioni. 54

56 Nel mercato secondario invece si scambiano i titoli di Stato precedentemente acquistati in emissione. Quindi Nel mercato primario vengono trattati gli strumenti finanziari di nuova emissione. Nel mercato secondario si trattano i titoli già emessi. Ovviamente, un titolo può avere un determinato prezzo all emissione (risultante dall incrocio tra domanda e offerta in asta), per poi averne un altro nel mercato secondario (risultante dall incrocio tra domanda e offerta degli operatori che agiscono sul mercato secondario). 55

57 IMPORTANTE: COS E LO SPREAD? Quello che normalmente viene chiamato spread è il differenziale di rendimento tra un titolo di Stato a 10 anni e un titolo di Stato di pari durata dell emittente più sicuro (risk-free) sul mercato secondario. In Europa l emittente più sicuro è considerata la Germania. Quindi lo spread italiano è il differenziale di rendimento sul mercato secondario tra i titoli di Stato italiani a 10 anni e i titoli di Stato tedeschi a dieci anni. 56

58 Domandone Lo spread così come l abbiamo definito impatta direttamente sul costo medio del debito i t B? No. Quello che impatta sul costo medio del debito è il costo all emissione (cioè quello che si verifica nelle aste del Tesoro). Cioè conta lo spread sul primario, non sul secondario. 57

59 Tuttavia Se lo spread è pari a 400 sul mercato secondario (= i titoli di Stato italiani, a causa del più elevato premio al rischio, rendono il 4% in più dei corrispondenti titoli tedeschi), a quanto vi aspettate che vengano emessi i titoli di Stato nella prossima asta? Se fossero emessi con uno spread di 399, a nessun investitore converrebbe acquistarli. Basterebbe, infatti, acquistarli sul mercato secondario anziché sul mercato primario. 58

60 Quindi, riassumendo (e con tutti gli accorgimenti del caso) Lo spread definito come differenziale sul mercato secondario di per sé non significa nulla, nell immediato, per i conti pubblici. Ma è un pericolosissimo termometro, perché segnala che i tassi di interesse alla prossima asta dei titoli di Stato, si impenneranno. E così facendo, aumenteranno il costo medio del debito. Che, come vedremo tra poco, è cruciale per valutare la sostenibilità del debito pubblico. 59

61 2. DEBITO: PANACEA DI TUTTI I MALI, O ESSO STESSO UN MALE? Considerate una riduzione fiscale che a parità di tutte le altre condizioni comporti un aumento del debito (tramite aumento di indebitamento netto/fabbisogno). Ci sono due approcci per esaminarne le conseguenze: 1. La visione tradizionale 2. La visione Ricardiana. 60

62 1. La visione tradizionale Breve periodo: Y, u Lungo periodo: Y e u tornano ai loro valori naturali Economia chiusa: r, I Economia aperta: ε, NX 61

63 2. La visione Ricardiana Originariamente avanzata dall economista inglese David Ricardo (1820), e riproposta nel 1974 dall economista americano Robert Barro Secondo la cosiddetta equivalenza ricardiana, un taglio delle tasse finanziato con emissione di debito pubblico non ha effetti (su consumo, risparmio nazionale, tasso di interesse reale, investimenti, esportazioni nette o Pil reale) neanche nel breve periodo. 62

64 La logica dell equivalenza ricardiana Gli agenti economici sanno che una diminuzione delle tasse oggi se finanziata con aumento di debito significa maggiori tasse domani: un aumento uguale in valore attuale alla diminuzione di tasse oggi. Quindi il taglio delle tasse oggi non aumenta il reddito permanente degli agenti economici, perchè sanno che il maggior reddito disponibile di oggi (=minori tasse) verrà compensato da un minor reddito disponibile domani (=maggiori tasse). 63

65 Quindi gli agenti economici non spendono l aumento del reddito disponibile..bensì Lo risparmiano. Come risultato, il risparmio privato sale esattamente dell ammontare di cui è diminuito il risparmio pubblico (come conseguenza dell aumento del deficit). Il risparmio nazionale rimane lo stesso, e quindi non c è effetto su nessuna variabili macroeconomica. 64

66 Problemi con l equivalenza ricardiana Miopia: Non tutti gli agenti economici sono così perfettamente razionali. Vincoli di indebitamento: Non tutti i consumatori possono ragionare sul loro reddito lungo tutto l arco della vita ( reddito permanente ), semplicemente perchè essendo impossibilitati a indebitarsi devono basarsi solo sul loro reddito corrente. Pertanto, se c è un beneficio sul loro reddito corrente (dovuto al taglio delle tasse), lo spendono. 65

67 Altruismo generazionale: Se gli agenti economici si aspettano che il peso di ripagare il debito attuale ricadrà sulle future generazioni, allora potrebbero essere indotti a non internalizzare l effetto, e voler scaricare su di esse il costo del maggior benessere oggi. Quindi spendono l aumento del reddito disponibile, senza curarsi di chi dovrà ripagarlo... 66

68 3. COME SI EVOLVE IL RAPPORTO DEBITO/PIL Ricordate l equazione che descrive l andamento del valore assoluto del debito pubblico: = (1 + B ) + PR t t t 1 t B i B D Abbiamo già accennato al fatto che per valutare correttamente il peso di un debito occorre rapportarlo al reddito di un individuo. 67

69 La famiglia Rossi e la famiglia Bianchi hanno entrambe euro di debito sulle spalle. A prima vista, sembrano ugualmente nei guai. La famiglia Rossi ha un reddito annuo netto di euro. La famiglia Bianchi ha un reddito annuo netto di euro. Direste ancora che entrambe le famiglie sono ugualmente nei guai? 68

70 La famiglia Rossi è indebitata per il 50% del suo reddito annuo, mentre la famiglia Bianchi solo per il 10%. Perché rapporto il debito al reddito? Così misuro il debito in rapporto alla capacità che la famiglia ha di ripagarlo. Qual è il reddito di un Paese? Il Prodotto Interno Lordo (Y). Ecco perché debito (e deficit) sono misurate in rapporto al Pil. 69

71 Siamo sicuri che sia la misura più corretta? Ci sono due problemi principali con l utilizzo dell indicatore debito / PIL: 1) Il PIL è davvero una misura corretta per indicare la capacità di ripagare il debito? 2) Il debito è uno stock, il PIL è un flusso. Non è più corretto rapportare lo stock ad un altro stock? 70

72 1) Capacità di ripagare debito L idea di utilizzare il PIL come indicatore della capacità di ripagare il debito (così come abbiamo usato il reddito di una famiglia) è basata sul fatto che il governo può mobilitare risorse non solo all interno della componente pubblica del reddito (come è ovvio) ma anche nelle componenti private, ad esempio aumentando la tassazione. 71

73 Qualora invece volessimo soffermarci soltanto sulla capacità fiscale attuale di un governo, dovremmo utilizzare un altro indicatore, ad esempio le entrate finali del settore pubblico (T). Il rapporto debito/entrate pubbliche comincia ad essere utilizzato. Essendoci tuttavia una forte correlazione (com è ovvio) tra PIL ed entrate pubbliche, questo cambia il livello dell indicatore, ma non cambia le classifiche internazionali. 72

74 2) Stock Vs flussi Un problema senza dubbio più rilevante è rappresentato dal fatto che: Il debito pubblico è uno stock. Il Pil (e anche le entrate!) è un flusso. E corretto mischiare stock e flusso? 73

75 Alcuni economisti propongono di riconciliare i due piani, utilizzando un indicatore che nelle aziende viene utilizzato per rappresentare la situazione patrimoniale delle imprese: debito / patrimonio Che sono entrambi due stock. In altre parole, un indicatore del genere misura il rapporto tra passività e attività. Ed è, in teoria, corretto dal punto di vista aziendale. 74

76 Tuttavia. Cosa dobbiamo esattamente considerare come patrimonio del settore pubblico? In teoria, le proprietà pubbliche. a) il patrimonio immobiliare b) il patrimonio mobiliare (partecipazioni in aziende pubbliche: Rai, Finmeccanica, Poste italiane, ecc). Ma nel punto a) mettiamo anche il Colosseo.?! 75

77 Logica vorrebbe, infatti, che il denominatore di quel rapporto indicasse le risorse effettivamente mobilizzabili per ridurre il debito. Un altro punto di vista per vedere lo stesso problema è contenuto nel dibattito debito lordo Vs debito netto (approfondimento nel riquadro a pag. 346 del cap.15) 76

78 Tutto ciò detto e premesso. Al giorno d oggi è ancora il rapporto debito/ PIL quello prevalentemente utilizzato. Quindi abbiamo un problema: dobbiamo arrivare da : = (1 + B ) + PR t t t 1 t B i B D.ad un espressione in B/Y. 77

79 Con pochi calcoli si arriva a: = (1 + B Y ) + PR t t t t t 1 t b i g π b d b t = rapporto debito/pil nell anno t i tb = costo medio del debito nell anno t g ty = crescita del PIL reale da t-1 a t π t = inflazione da t-1 a t b t-1 = rapporto debito/pil nell anno t-1 d PR t = deficit primario in rapporto al PIL 78

80 Il rapporto debito/pil dall anno t-1 a t aumenta se: a) il costo medio del debito è maggiore del tasso di crescita del PIL nominale (= crescita reale + inflazione) b) il governo realizza un deficit primario (cioè spende più di quello che incassa, al netto degli interessi). Combinazioni di a) e b) possono accelerare o compensare l aumento del debito/pil. 79

81 Il rapporto debito/pil dall anno t-1 a t diminuisce se: a) il costo medio del debito è minore del tasso di crescita del PIL nominale b) il governo realizza un avanzo primario. 80

82 Esempio Il rapporto debito/pil lo scorso anno era pari al 60%. Quest anno il costo medio del debito è il 4%, il tasso di crescita del Pil reale è l 1%, l inflazione è al 2%. Se il governo realizza un surplus primario dell 1%, a fine anno di quanto è cambiato il rapporto debito/pil? 81

83 b t-1 = 0.60 g ty = 0.01 π t =0.02 i tb =0.04 d t PR = = (1 + B Y ) + PR t t t t t 1 t b i g π b d b t = ( )* b t =0,596 Il rapporto debito/pil scende dal 60% al 59,6% 82

84 Ma se l avanzo primario è dell 1% del PIL (cioè se il governo, al netto degli interessi, incassa più di quello che spende) come mai il debito non scende dell 1%? Perché il primo addendo di quell equazione dà un contributo positivo alla crescita del debito: il differenziale tra costo medio e crescita nominale è infatti positivo. E questo si mangia un po dell effetto benefico dovuto al realizzarsi di un avanzo primario. 83

85 La variabile di politica fiscale In tutto questo quadro, l unico vero strumento di politica fiscale è il deficit/surplus primario: d t PR = G t +Tr t T t Queste variabili vengono decise dal governo tramite il bilancio dello Stato, che viene approvato ogni anno dal Parlamento entro il 31 dicembre (per l anno successivo). 84

86 E le altre variabili? Da cosa dipendono? π t = inflazione Nel lungo periodo, dall eccedenza della crescita dell offerta di moneta rispetto alla crescita del Pil reale. Nel breve periodo, da: a) shock di offerta b) aspettative di inflazione c) shock di offerta 85

87 i tb = costo medio del debito Dipende da: a) politica monetaria (decisioni su i MRO ) b) rendimenti dei titoli di Stato alle differenti scadenze (a loro volta influenzati dai 4 premi al rischio esaminati la settimana scorsa). 86

88 g ty = tasso di crescita del Pil reale Nel lungo periodo, dipende da: a) accumulazione di fattori produttivi (capitale e lavoro) b) produttività totale dei fattori Nel breve periodo, dipende da: le fluttuazioni del ciclo economico (le cui determinanti sono state studiate nella terza parte del corso). 87

89 b t-1 = rapporto debito/pil dell anno precedente Dipende da: a) le scelte fatte in passato. 88

90 Aspetta un attimo però Ma sei sicuro che la nostra variabile-strumento (il deficit/surplus primario). Non influenza in qualche modo le altre variabili che determinano l andamento del rapporto debito/pil? 89

91 IL CUORE DEL PROBLEMA. DI OGGI E DEI PROSSIMI ANNI. Le scelte di politica fiscale (che risultano nell andamento della variabile d t PR ) influiscono su: a) Il tasso di inflazione e tasso di crescita del Pil reale (= tasso di crescita del Pil nominale) b) Il costo medio del debito VEDIAMO (anzi, ricordiamo!) COME. 90

92 a) Effetti di d t PR su inflazione e Pil Le componenti del disavanzo primario hanno effetto (diretto o indiretto) sulla domanda aggregata. Che nel breve periodo influenza Pil e inflazione. Se aumenta d t PR aumentano g t Y e π t, e questo migliora del rapporto debito/pil 91

93 b) Effetti di d t PR sul costo medio del debito L aumento del disavanzo primario peggiora il rischio di credito, pertanto aumenta il premio al rischio e aumenta il tasso di interesse sui titoli di Stato, alle differenti scadenze. Le aste del Tesoro vanno peggio se il Paese continua a spendere più di quello che incassa. Se aumenta d t PR aumenta i tb, e questo peggiora il rapporto debito/pil 92

A cura di Gianluca Antonecchia (gianluca.antonecchia@studio.unibo.it)

A cura di Gianluca Antonecchia (gianluca.antonecchia@studio.unibo.it) Macroeconomia, Esercitazione 9 A cura di Gianluca Antonecchia (gianluca.antonecchia@studio.unibo.it) 1 Esercizi 1.1 ) Al primo gennaio 2070 l Italia ha un debito di 900 miliardi di euro in titoli pubblici

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 26 Il sistema finanziario Il sistema finanziario fa in modo che

Dettagli

Università di Siena Sede di Grosseto Secondo Semestre 2010-2011. Macroeconomia. Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 3 18 Aprile 2011

Università di Siena Sede di Grosseto Secondo Semestre 2010-2011. Macroeconomia. Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 3 18 Aprile 2011 Università di Siena Sede di Grosseto Secondo Semestre 2010-2011 Macroeconomia Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 3 18 Aprile 2011 Nuovo Orario Riassunto lezione precedente Definizione e misurazione: PIL

Dettagli

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 9 gennaio 2014 Il punteggio di ogni domanda è fissato in uno o due asterischi. Il punteggio intero viene dato solo Non consegnare se non sei convinto di aver realizzato almeno 7 punti. 1.

Dettagli

Capitolo 18. La politica fiscale

Capitolo 18. La politica fiscale Capitolo 18 La politica fiscale Definizioni istituzionali La politica fiscale è determinata dall insieme delle entrate e spese del settore pubblico. Occorre quindi definire il settore pubblico Amministrazioni

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze

Ministero dell Economia e delle Finanze Ministero dell Economia e delle Finanze Quale titolo di Stato per quale profilo di investitore? Forum della PA - 25 maggio 2007 Dott.ssa Maria Cannata Direttore Generale del Debito Pubblico -1- Introduzione

Dettagli

La politica fiscale e la sostenibilità del debito pubblico

La politica fiscale e la sostenibilità del debito pubblico La politica fiscale e la sostenibilità del debito pubblico Dibattito politica fiscale nel medio/lungo periodo Gli effetti di una politica fiscale espansiva con aumento della spesa pubblica dipendono da

Dettagli

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A B C D 2) A B C D 3) A B C D 4) A B C D 5) A B C D 6) A B C D 7) A B C D 8) A B C D 9) A B C D 10) A B C D 11) A B

Dettagli

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario Inquadramento generale In questa unità didattica analizzeremo come i risparmi delle famiglie affluiscono alle imprese per trasformarsi in investimenti.

Dettagli

LEZIONE 6. Il modello keynesiano

LEZIONE 6. Il modello keynesiano LEZIONE 6 IL MODELLO REDDITO SPESA Il modello keynesiano La GD segna l origine della teoria macroeconomica moderna Il modello classico e i relativi precetti di politica economica si dimostrano incapaci

Dettagli

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 34 Domanda Aggregata e politica economica Quando

Dettagli

ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2

ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2 ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2 CAPITOLO 10 Crescita: i fatti principali 1) Spiegate cosa si intende per convergenza nella teoria della crescita e mostrate il grafico con cui si rappresenta. 2) Spiegate

Dettagli

ISSIS DON MILANI LICEO ECONOMICO SOCIALE Corso di DIRITTO ed ECONOMIA POLITICA. Liceo Don Milani classe I ECONOMICO SOCIALE Romano di Lombardia 1

ISSIS DON MILANI LICEO ECONOMICO SOCIALE Corso di DIRITTO ed ECONOMIA POLITICA. Liceo Don Milani classe I ECONOMICO SOCIALE Romano di Lombardia 1 ISSIS DON MILANI LICEO Corso di DIRITTO ed ECONOMIA POLITICA 1 NEL MERCATO FINANZIARIO SI NEGOZIANO TITOLI CON SCADENZA SUPERIORE A 18 MESI AZIONI OBBLIGAZIONI TITOLI DI STATO 2 VALORE DEI TITOLI VALORE

Dettagli

IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ

IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ IV.1 SENSITIVITÀ ALLA CRESCITA ECONOMICA La sensitività della finanza pubblica italiana alla crescita economica è valutata simulando il comportamento dell indebitamento netto

Dettagli

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 A. Il modello macroeconomico in economia chiusa e senza settore pubblico. A.1. Un sistema economico

Dettagli

Domanda e offerta aggregata

Domanda e offerta aggregata Domanda e offerta aggregata Breve e lungo periodo L andamento del Pil nel lungo periodo dipende dai fattori che spiegano la crescita: la forza lavoro, la disponibilità di capitale fisico e umano, le risorse

Dettagli

I TITOLI DI STATO. Modalità di collocamento

I TITOLI DI STATO. Modalità di collocamento I TITOLI DI STATO I Titoli di Stato sono strumenti di debito utilizzati dallo Stato Italiano per finanziare le proprie esigenze finanziarie. Il Ministero dell Economia e delle Finanze ha previsto di effettuare

Dettagli

Macro 2. Marco Grazzi Economia Politica 2010/11

Macro 2. Marco Grazzi Economia Politica 2010/11 Macro 2 Il prodotto nazionale e la spesa aggregata Obbiettivo della macroeconomia Uno degli obbiettivi più importanti della macroeconomia è quello di spiegare come si determina il PIL e quali sono le cause

Dettagli

DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione di due; non sono previste penalizzazioni in caso di risposte non corrette)

DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione di due; non sono previste penalizzazioni in caso di risposte non corrette) In una ora rispondere alle dieci domande a risposta multipla e a una delle due domande a risposta aperta, e risolvere l esercizio. DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione

Dettagli

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI?

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? Il testo riprende Cozzi T. (2013), La crisi e i moltiplicatori fiscali, in Moneta e credito, n. 262, i dati sono invece aggiornati e resi disponibili

Dettagli

Esportazioni 110 Vendite a B 200. Vendite al pubblico 600. Calcolate il valore del PIL di questa economia usando le tre definizioni possibili.

Esportazioni 110 Vendite a B 200. Vendite al pubblico 600. Calcolate il valore del PIL di questa economia usando le tre definizioni possibili. Esercizi 2014-2015 IL BREVE PERIODO Esercizio 1 Si consideri il seguente sistema economico in cui operano solamente due (categorie di) imprese, e la cui attività può essere sintetizzata come segue: Impresa

Dettagli

L ECONOMIA APERTA CHAPTER 5. The Open Economy

L ECONOMIA APERTA CHAPTER 5. The Open Economy L ECONOMIA APERTA 0 COSA IMPAREREMO: La contabilità nazionale in economia aperta Il saldo commerciale e i flussi internazionali di capitale Il tasso di cambio nominale e reale. Importazioniedesportazioni

Dettagli

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale IL CAPITALE 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale CAPITALE FINANZIARIO E CAPITALE REALE Col termine capitale i si può riferire a due concetti differenti Il capitale finanziario è costituito dalla

Dettagli

i dossier TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SU SPREAD, ASTE, BTP E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com

i dossier TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SU SPREAD, ASTE, BTP E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com 41 i dossier www.freefoundation.com TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SU SPREAD, ASTE, BTP E NESSUNO VI HA MAI DETTO 27 febbraio 2012 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 A leggere i dati

Dettagli

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota Capitolo 11 Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici Francesco Prota Piano della lezione Lo stock di moneta e l equilibrio nel mercato monetario: la curva LM Il modello IS-LM

Dettagli

Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA

Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A Ω B Ω C Ω D Ω 2) A Ω B Ω C Ω D Ω 3) A Ω B Ω C Ω D Ω 4) A Ω B Ω C Ω

Dettagli

Macroeconomia. quindi: C

Macroeconomia. quindi: C Macroeconomia. Modello Keynesiano Politica economica è interna. Quindi le uniche componenti che ci interessano per la domanda aggregata sono il consumo, gli investimenti e la spesa pubblica. (.) D = C

Dettagli

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo Politica fiscale Politica fiscale è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo polit fiscale 2 Saldo complessivo B s Entrate

Dettagli

RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO

RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO Università degli studi di MACERATA Facoltà di SCIENZE POLITICHE ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2009/2010 RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@univpm.it

Dettagli

EDUCAZIONE FINANZIARIA NELLE SCUOLE SUPERIORI

EDUCAZIONE FINANZIARIA NELLE SCUOLE SUPERIORI EDUCAZIONE FINANZIARIA NELLE SCUOLE SUPERIORI IL COMPARTO OBBLIGAZIONARIO DEI MERCATI FINANZIARI ANGELO DRUSIANI 1 OTTOBRE 2015 - La crescita a debito dell economia mondiale - Aziende e famiglie finanziate

Dettagli

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 23 Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali In questa lezione Sistema finanziario e allocazione del risparmio a usi produttivi: sistema bancario obbligazioni e azioni Ruolo dei mercati

Dettagli

Le ipotesi del modello

Le ipotesi del modello Modello IS-LM Le ipotesi del modello I prezzi sono dati gli aggiustamenti passano attraverso variazioni delle quantità prodotte e del tasso di interesse L investimento non è più esogeno (come nel modello

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. PRODOTTI FINANZIARI A MEDIO-LUNGO TERMINE BTP: Buoni del Tesoro Poliennali

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. PRODOTTI FINANZIARI A MEDIO-LUNGO TERMINE BTP: Buoni del Tesoro Poliennali AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto PRODOTTI FINANZIARI A MEDIO-LUNGO TERMINE BTP: Buoni del Tesoro Poliennali ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE

Dettagli

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Dipartimento di Scienze Politiche - Università di Bari Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Modulo 13 Il Patto di Stabilità Per poter usare la moneta unica, occorreva la convergenza

Dettagli

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici Giorgio Ricchiuti Cosa abbiamo visto fin qui Abbiamo presentato e discusso alcuni concetti e fenomeni aggregati: 1) Il PIL, il risparmio e il debito pubblico.

Dettagli

L ECONOMIA APERTA CHAPTER 5. The Open Economy

L ECONOMIA APERTA CHAPTER 5. The Open Economy L ECONOMIA APERTA 0 COSA IMPAREREMO: La contabilità nazionale in economia aperta Il saldo commerciale e i flussi internazionali di capitale Il tasso di cambio nominale e reale. Importazioniedesportazioni

Dettagli

Capitolo Quarto. Analisi di scenario

Capitolo Quarto. Analisi di scenario Capitolo Quarto Analisi di scenario 1. Distinzione tra politica economica e politica monetaria La politica economica studia l insieme degli interventi del soggetto pubblico sull economia, atti a modificare

Dettagli

Capitolo 13. Banca Centrale, moneta e credito

Capitolo 13. Banca Centrale, moneta e credito Capitolo 13 Banca Centrale, moneta e credito La moneta: cosa sappiamo già (cap. 5) La moneta è un bene comunemente accettato come mezzo di scambio e pagamento. Deve avere come caratteristiche: facile trasferibilità,

Dettagli

La finanza pubblica ed il debito pubblico

La finanza pubblica ed il debito pubblico Corso di Economia finanziaria La finanza pubblica ed il debito pubblico Dott.ssa Arianna Moschetti A.A. 2012-13 Il bilancio dello Stato Il bilancio dello Stato può essere: di previsione o consuntivo; di

Dettagli

Strumenti finanziari e scelte di investimento. Roma, 8 maggio 2009

Strumenti finanziari e scelte di investimento. Roma, 8 maggio 2009 Strumenti finanziari e scelte di investimento Roma, 8 maggio 2009 IL MERCATO DEI CAPITALI Il MERCATO DEI CAPITALI è il luogo ideale dove si incontrano domanda e offerta di strumenti finanziari. Lo scopo

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Una relazione fondamentale per la crescita economica è quella tra risparmio e investimenti. In un economia di mercato occorre individuare meccanismi capaci

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it LA MACROECONOMIA Economia Urbana 2 L economia aperta Per economia aperta si intende l insieme

Dettagli

1 LA RAPPRESENTAZIONE DEGLI SCAMBI IN UN ECONOMIA DI BARATTO

1 LA RAPPRESENTAZIONE DEGLI SCAMBI IN UN ECONOMIA DI BARATTO Capitolo I 11 1 LA RAPPRESENTAZIONE DEGLI SCAMBI IN UN ECONOMIA DI BARATTO I fenomeni macroeconomici si manifestano attraverso grandezze monetarie, registrate in appositi schemi contabili il cui insieme

Dettagli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli Lezione 14. Risparmio e investimento Leonardo Bargigli Risparmio e investimento nella contabilità nazionale Ripartiamo dalla definizione di PIL in termini di spesa finale Y = C + I + G + NX Consideriamo

Dettagli

Macroeconomia II a parte

Macroeconomia II a parte Macroeconomia II a parte Prof. Ing.. Giovanni Perrone Production Engineering Research WorkGROUP Agenda Risparmio ed investimento; Propensione al consumo e al risparmio; Propensioni marginali; La determinazione

Dettagli

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale IL CAPITALE 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale CAPITALE FINANZIARIO E CAPITALE REALE Col termine capitale i si può riferire a due concetti differenti Il capitale finanziario è costituito dalla

Dettagli

Lezione 5 (BAG cap. 3) Il mercato dei beni. Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia

Lezione 5 (BAG cap. 3) Il mercato dei beni. Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Lezione 5 (BAG cap. 3) Il mercato dei beni Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia 1 Interazione tra produzione, reddito e domanda Variazione della domanda di beni Variazione della

Dettagli

Economia politica. Compendio di. www.moduli.maggioli.it. Microeconomia e Macroeconomia per esami e concorsi pubblici

Economia politica. Compendio di. www.moduli.maggioli.it. Microeconomia e Macroeconomia per esami e concorsi pubblici Vincenzo Di Vita Compendio di Economia politica Microeconomia e Macroeconomia per esami e concorsi pubblici Tutti gli argomenti oggetto delle prove d esame Copyright 2011 by Maggioli S.p.A. Maggioli Editore

Dettagli

di prossima pubblicazione:

di prossima pubblicazione: di prossima pubblicazione: 1 (la sintesi) Fare cessare l artificiale scarsità di moneta in Italia L economia italiana sta asfissiando a causa della scarsità di moneta. Gli altri problemi di sprechi e inefficienze

Dettagli

Macroeconomia: scuole di pensiero

Macroeconomia: scuole di pensiero Macroeconomia: scuole di pensiero Le diverse scuole di pensiero possono essere raggruppate in due filoni principali: LIBERISTI (e monetaristi): sui mercati l aggiustamento all equilibrio è basato sulla

Dettagli

Gli USA battono l Eurozona con politiche di bilancio pubblico più espansive

Gli USA battono l Eurozona con politiche di bilancio pubblico più espansive 17-04-2015 Numero 15-8 NOTA DAL CSC Gli USA battono l Eurozona con politiche di bilancio pubblico più espansive Il PIL USA nel 2014 ha superato del 10,1% il livello pre-crisi, quello dell Areaeuro è dello

Dettagli

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili 1 3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili Abbiamo fin qui analizzato in dettaglio in quale modo i tassi di interesse determinano il valore degli strumenti finanziari. Vista la forte incidenza che

Dettagli

La macroeconomia dei sistemi economici aperti

La macroeconomia dei sistemi economici aperti La macroeconomia dei sistemi economici aperti Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 31 Lo studio delle economie aperte Cosa si intende per economia

Dettagli

Tasso di cambio di equilibrio in un contesto intertemporale

Tasso di cambio di equilibrio in un contesto intertemporale Tasso di cambio di equilibrio in un contesto intertemporale Marianna Belloc 1 Approccio NATREX L approccio NATREX, dovuto a Stein (1990, 1999) e basato, come il precedente, su agenti intertemporalmente

Dettagli

I titoli obbligazionari

I titoli obbligazionari I titoli obbligazionari 1 Tipologie di titoli La relazione di equivalenza consente di attribuire un valore oggi ad importi monetari disponibili ad una data futura. In particolare permettono di determinare

Dettagli

LA POLITICA ECONOMICA. La teoria normativa

LA POLITICA ECONOMICA. La teoria normativa LA POLITICA ECONOMICA La teoria normativa 1 Questioni affrontate a) Le autorità di politica economica devono intervenire nell economia, oppure dovrebbero limitare al minimo i propri interventi e lasciare

Dettagli

LO SPREAD IN CALO NON GUARISCE

LO SPREAD IN CALO NON GUARISCE 43 ALLEGATO i dossier www.freefoundation.com LO SPREAD IN CALO NON GUARISCE TUTTI I MALI DEI TITOLI DI STATO Editoriale de Il Giornale, 5 marzo 2012 5 marzo 2012 a cura di Renato Brunetta 2 Passata o quasi

Dettagli

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento LE NUOVE MISURE FISCALI Taglio del cuneo fiscale, riduzione dell Irap e maggiore tassazione delle rendite finanziarie. Questi i tre maggiori interventi del nuovo premier, ma quale effettivo impatto avranno

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Attività e passività finanziarie Depositi e Titoli di Stato Le attività finanziarie Il primo degli elementi che compongono il sistema finanziario è rappresentato

Dettagli

I titoli obbligazionari. Giuseppe G. Santorsola EIF 1

I titoli obbligazionari. Giuseppe G. Santorsola EIF 1 I titoli obbligazionari Giuseppe G. Santorsola EIF 1 Titoli a reddito fisso Tutte le caratteristiche relative al profilo di rischio e rendimento (durata, diritto alla remunerazione e al rimborso del capitale)

Dettagli

La bilancia dei pagamenti e il debito estero

La bilancia dei pagamenti e il debito estero La bilancia dei pagamenti e il debito estero LA BILANCIA DEI PAGAMENTI La Bilancia dei Pagamenti è lo schema contabile che registra tutte le transazioni economiche effettuate dai residenti dell'economia

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 6

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 6 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 6 1. I mercati finanziari rappresentano un canale di trasferimento diretto di risorse finanziarie tra soggetti in surplus e soggetti in deficit, alternativo all insieme di trasferimenti

Dettagli

IL MERCATO OBBLIGAZIONARIO

IL MERCATO OBBLIGAZIONARIO IL MERCATO OBBLIGAZIONARIO LE FUNZIONI, GLI STRUMENTI, I PARTECIPANTI, I SISTEMI DI SCAMBIO Capitolo 12 SAPRESTE RISPONDERE A QUESTA DOMANDA? La vostra azienda ha bisogno di un nuovo impianto per rispondere

Dettagli

Dipartimento di Management. Anno accademico 2014/2015. Macroeconomia (9 CFU)

Dipartimento di Management. Anno accademico 2014/2015. Macroeconomia (9 CFU) Università degli Studi di Torino Dipartimento di Management Anno accademico 2014/2015 Macroeconomia (9 CFU) Notizie pratiche Orari: lunedì 14.00-17.00 (3-4 ore accademiche) venerdì 14.00-17.00 (3-4 ore

Dettagli

Principi di Economia - Macroeconomia Esercitazione 3 Risparmio, Spesa e Fluttuazioni di breve periodo Soluzioni

Principi di Economia - Macroeconomia Esercitazione 3 Risparmio, Spesa e Fluttuazioni di breve periodo Soluzioni Principi di Economia - Macroeconomia Esercitazione 3 Risparmio, Spesa e Fluttuazioni di breve periodo Soluzioni Daria Vigani Maggio 204. In ciascuna delle seguenti situazioni calcolate risparmio nazionale,

Dettagli

Economia Applicata all Ingegneria 1. Docente: Prof. Ing. Donato Morea. Lezione n. 13 del 22.11.2012. - Bilancio d impresa: terza parte. a.a.

Economia Applicata all Ingegneria 1. Docente: Prof. Ing. Donato Morea. Lezione n. 13 del 22.11.2012. - Bilancio d impresa: terza parte. a.a. Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria --------------------------------------------------------------------- --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Produzione e tasso di cambio nel breve periodo

Produzione e tasso di cambio nel breve periodo Produzione e tasso di cambio nel breve periodo Determinanti della domanda aggregata nel breve periodo Un modello di breve periodo dell equilibrio del mercato dei beni Un modello di breve periodo dell equilibrio

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA RELATIVA ALL EMISSIONE

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA RELATIVA ALL EMISSIONE CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA RELATIVA ALL EMISSIONE "BANCA CASSA DI RISPARMIO DI SAVIGLIANO S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO MISTO 2010/2015 129^ em." ISIN IT0004639529 NELL AMBITO DEL PROGRAMMA

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA relativa al programma di emissioni denominato BANCA DI CESENA OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE Banca di Cesena 15/01/2007 15/01/2010 TV EUR ISIN IT0004171218 Le

Dettagli

Il mercato della moneta

Il mercato della moneta Il mercato della moneta Dopo aver analizzato il mercato dei beni (i.e. i mercati reali) passiamo allo studio dei mercati finanziari. Ricordo che, proprio come nello studio del settore reale (IS), anche

Dettagli

Titoli indicizzati Definizioni Prezzo di un CCT. Titoli indicizzati. Flavio Angelini. Università di Perugia

Titoli indicizzati Definizioni Prezzo di un CCT. Titoli indicizzati. Flavio Angelini. Università di Perugia Titoli indicizzati Flavio Angelini Università di Perugia Titoli indicizzati Tra i principali titoli indicizzati del mercato monetario ci sono: Mutui a Tasso Variabile, Obbligazioni a Tasso Variabile, Forward

Dettagli

Slides per il corso di ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI

Slides per il corso di ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI Slides per il corso di ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI Nicola Meccheri (meccheri@ec.unipi.it) Facoltà di Economia Università di Pisa A.A. 2011/2012 ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI: ASPETTI INTRODUTTIVI

Dettagli

Lezione 8 (Capitolo 12 De Long)

Lezione 8 (Capitolo 12 De Long) Lezione 8 (Capitolo 12 De Long) Curva di Phillips e aspettative R. Capolupo- Macro 2 1 Legame tra modello a prezzi vischiosi e quello a prezzi flessibili Il passaggio dal modello a prezzi vischiosi al

Dettagli

Crescita della moneta e inflazione

Crescita della moneta e inflazione Crescita della moneta e inflazione Alcune osservazioni e definizioni L aumento del livello generale dei prezzi è detto inflazione. Ultimi 60 anni: variazione media del 5% annuale. Effetto: i prezzi sono

Dettagli

TASSI AI MINIMI STORICI: LUCI ED OMBRE SUL MERCATO

TASSI AI MINIMI STORICI: LUCI ED OMBRE SUL MERCATO Convegno AIAF, Roma 27 gennaio 2015 L'Italia fuori dalla crisi nel 2015? L'azione di governo, il contesto internazionale, la sfida delle imprese TASSI AI MINIMI STORICI: LUCI ED OMBRE SUL MERCATO Maria

Dettagli

Macroeconomia 12 gennaio 2015 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 12 gennaio 2015 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 12 gennaio 2015 1. (*) Spiega in che consiste la procedura di calcolo del deflatore implicito del PIL e se questo è più/meno attendibile di un qualunque deflatore a paniere fisso. 2. (*)

Dettagli

Prodotto interno lordo (PIL) Composizione dal punto di vista della spesa

Prodotto interno lordo (PIL) Composizione dal punto di vista della spesa Prodotto interno lordo (PIL) Composizione dal punto di vista della spesa Il PIL è la somma dei valori monetari del consumo (C), dell investimento lordo, della spesa pubblica per beni e servizi (G) e delle

Dettagli

POLITICA MONETARIA IN ECONOMIA APERTA

POLITICA MONETARIA IN ECONOMIA APERTA POLITICA MONETARIA IN ECONOMIA APERTA Matilde Vassalli e-mail vassalli@eco.unibs.it 1 OBIETTIVO E SCHEMA DELLA LEZIONE Comprendere il ruolo della moneta e della politica monetaria in una economia aperta.

Dettagli

Nel mondo ci sono molte classifiche che

Nel mondo ci sono molte classifiche che L opinione pubblica viene spesso bombardata da una grande quantità di statistiche sui sistemi Paese che dicono tutto e il contrario di tutto. Come orientarsi in questo mare magnum? E come si colloca il

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE INVESTIMENTI IN TITOLI 1 GLI INVESTIMENTI IN TITOLI OPERAZIONI DI INVESTIMENTO FINANZIARIO 1. Operazioni di prestito attivo 2. Investimenti in immobilizzazioni non caratteristiche

Dettagli

prof.ssa S.Spallini RAGIONERIA GENERALE Il mercato dei capitali

prof.ssa S.Spallini RAGIONERIA GENERALE Il mercato dei capitali 1 RAGIONERIA GENERALE Il mercato dei capitali Il mercato dei capitali 2 E costituito dalla incontro tra domanda e offerta di capitali, in esso ha luogo la fissazione del prezzo dei capitali rappresentato

Dettagli

OBBLIGAZIONI: AI CONFINI DELLA REALTÀ FINANZIARIA. Il 16% dei titoli di stato mondiali offre rendimenti negativi 46 BASICS

OBBLIGAZIONI: AI CONFINI DELLA REALTÀ FINANZIARIA. Il 16% dei titoli di stato mondiali offre rendimenti negativi 46 BASICS 46 BASICS INVESTORS supplemento Salone del Risparmio 2015 OBBLIGAZIONI: AI CONFINI DELLA REALTÀ FINANZIARIA Il 16% dei titoli di stato mondiali offre rendimenti negativi Il problema principale che abbiamo

Dettagli

CAPITOLO 18 L investimento

CAPITOLO 18 L investimento CAPITOLO 18 L investimento Domande di ripasso 1. Nel modello neoclassico dell investimento, le imprese traggono vantaggio dall aumentare la propria dotazione di capitale se la rendita reale del capitale

Dettagli

Tipo Scadenza Periodicità cedola Rimborso BOT (Buoni Ordinari del Tesoro)

Tipo Scadenza Periodicità cedola Rimborso BOT (Buoni Ordinari del Tesoro) TABELLA 10.1 Titoli di Stato: le caratteristiche principali Tipo Scadenza Periodicità cedola Rimborso BOT (Buoni Ordinari del Tesoro) CTZ (Certificati del Tesoro Zerocoupon) CCT (Certificati di Credito

Dettagli

Indice. 1 Definizione di moneta ------------------------------------------------------------------------------------ 3

Indice. 1 Definizione di moneta ------------------------------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI ECONOMIA POLITICA LEZIONE VII IL SETTORE MONETARIO PROF. ALDO VASTOLA Indice 1 Definizione di moneta ------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Macroeconomia, Esercitazione 2. 1 Esercizi. 1.1 Moneta/1. 1.2 Moneta/2. 1.3 Moneta/3. A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo.

Macroeconomia, Esercitazione 2. 1 Esercizi. 1.1 Moneta/1. 1.2 Moneta/2. 1.3 Moneta/3. A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo. acroeconomia, Esercitazione 2. A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo.it) 1 Esercizi. 1.1 oneta/1 Sapendo che il PIL reale nel 2008 è pari a 50.000 euro e nel 2009 a 60.000 euro, che dal 2008 al

Dettagli

La gestione e la ristrutturazione del debito. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano

La gestione e la ristrutturazione del debito. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano La gestione e la ristrutturazione del debito 1 Evoluzione nella gestione del debito: Dalla semplice amministrazione del rimborso del debito, stabilendo piano ammortamento, quote capitale, interessi passivi,

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA SEZIONE 4 Società per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA "BANCA CRV CASSA DI RISPARMIO DI VIGNOLA S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO BANCA CRV CASSA DI RISPARMIO DI VIGNOLA

Dettagli

CAPITOLO 13 L offerta aggregata e il trade-off di breve periodo tra inflazione e disoccupazione

CAPITOLO 13 L offerta aggregata e il trade-off di breve periodo tra inflazione e disoccupazione CAPITOLO 13 L offerta aggregata e il trade-off di breve periodo tra inflazione e disoccupazione Domande di ripasso 1. In questo capitolo abbiamo esaminato tre modelli della curva di offerta aggregata di

Dettagli

DOMANDE DI ESERCITAZIONE DI MACROECONOMIA. 2bis) Definire e confrontare i seguenti concetti: PIL, PIL pro-capite, PIL reale, PIL nominale.

DOMANDE DI ESERCITAZIONE DI MACROECONOMIA. 2bis) Definire e confrontare i seguenti concetti: PIL, PIL pro-capite, PIL reale, PIL nominale. DOMANDE DI ESERCITAZIONE DI MACROECONOMIA PARTE I: I FONDAMENTI DELLA MACRO 1) Dopo aver spiegato la distinzione tra micro e macro economia, lo studente definisca e spieghi il concetto di Prodotto Interno

Dettagli

Introduzione. La parte introduttiva affronta gli obiettivi della funzione finanza dal punto di vista teorico.

Introduzione. La parte introduttiva affronta gli obiettivi della funzione finanza dal punto di vista teorico. Introduzione L aspetto finanziario della gestione aziendale riveste un ruolo strategico nella conduzione della moderna impresa ed è argomento di rilevante interesse anche dal punto di vista scolastico.

Dettagli

Il mercato mobiliare

Il mercato mobiliare Il mercato mobiliare E il luogo nel quale trovano esecuzione tutte le operazioni aventi per oggetto valori mobiliari, ossia strumenti finanziari così denominati per la loro attitudine a circolare facilmente

Dettagli

b. Che cosa succede alla frazione di reddito nazionale che viene risparmiata?

b. Che cosa succede alla frazione di reddito nazionale che viene risparmiata? Esercitazione 7 Domande 1. L investimento programmato è pari a 100. Le famiglie decidono di risparmiare una frazione maggiore del proprio reddito e la funzione del consumo passa da C = 0,8Y a C = 0,5Y.

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

La politica monetaria, valutaria e la politica fiscale

La politica monetaria, valutaria e la politica fiscale La politica monetaria, valutaria e la politica fiscale Stefano Papa Università di Teramo spapa@unite.it Facoltà di Scienze della Comunicazione La politica Monetaria La politica monetaria europea è responsabilità

Dettagli

studieremo quali sono gli indicatori più importanti per determinare lo stato di salute di un economia

studieremo quali sono gli indicatori più importanti per determinare lo stato di salute di un economia La Produzione Aggregata: metodi di misurazione del livello di attività e della congiuntura In questa lezione: studieremo quali sono gli indicatori più importanti per determinare lo stato di salute di un

Dettagli

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria.

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria. Politica monetaria Obiettivi principali della politica monetaria stabilità monetaria interna (controllo dell inflazione) stabilità monetaria esterna (stabilità del cambio e pareggio della BdP) ma può avere

Dettagli