LA POLITICA FISCALE NEL MONDO REALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA POLITICA FISCALE NEL MONDO REALE"

Transcript

1 LA POLITICA FISCALE NEL MONDO REALE 0

2 COSA IMPAREREMO Cosa sono e come si misurano tutte le principali grandezze di finanza pubblica Il debito pubblico: panacea di tutti i mali, o esso stesso un male? Come si evolve il rapporto debito/pil di uno Stato.

3 COSA SAPPIAMO FINORA SULLA POLITICA FISCALE A pensarci bene, abbastanza poco. Sappiamo che la spesa pubblica per acquisto di beni e servizi (G) è una componente di domanda aggregata, ma che è solo una parte delle spese finali pubbliche. Il resto è rappresentato dai trasferimenti (Tr) vale a dire corresponsioni di denaro a famiglie e imprese a fronte di nessuna prestazione (pensioni, sussidi, contributi) e dalla spesa per interessi (ib) 2

4 LA SPESA PUBBLICA IN ITALIA (dati 20 settembre 2012) Nel 2012 si prevedono: SPESE FINALI: 805,711 miliardi di euro Di cui Spese per interessi: 86,119 miliardi di euro Trasferimenti: 313,10 miliardi di euro Spesa pubblica: 406,492 miliardi di euro 3

5 Sappiamo che la spesa pubblica è esogena, in quanto strumento di politica fiscale. Sappiamo che esiste il gettito fiscale (T), che abbiamo trattato sia come esogeno che nelle esercitazioni e al primo parziale come dipendente dal reddito (T = ty, dove t è l aliquota) Sappiamo che esistono i moltiplicatori di politica fiscale, sia su G che su T. 4

6 Ripasso sui moltiplicatori Lo spostamento della IS (e quindi della AD) in assoluto è uguale a: Y G Y T = = 1 1 PMC PMC 1 PMC Dove 0<PMC<1 è la propensione marginale al consumo. Si tratta di un canale di domanda di trasmissione della politica fiscale, basato su un semplice concetto: l aumento di reddito iniziale aumenta anche il consumo tramite aumento del reddito disponibile. 5

7 Tuttavia Abbiamo studiato diversi fattori che riducono notevolmente, in realtà, l entità dei moltiplicatori: 1) l interazione con i mercati monetari (pendenza della LM) 2) la struttura dell offerta (pendenza della AS) 3) la dimensione dinamica e le aspettative (vedi dopo) 4) gli effetti di offerta della politica fiscale Infatti, le stime empiriche sull entità dei moltiplicatori sono generalmente abbastanza basse, anche se il dibattito è in pieno svolgimento. 6

8 Cos altro sapevamo finora? La definizione-standard di disavanzo (=deficit) pubblico (D): D = G + ib + TR T La differenza tra le spese finali e le entrate finali del settore pubblico in un determinato arco temporale. Quindi è un flusso. 7

9 E cosa NON sappiamo ancora? Quello che vediamo questa settimana: 1) Le grandezze di finanza pubblica e come operano 2) Il debito pubblico: cos è, come si riduce. 3) Le regole di politica fiscale 8

10 1. LE GRANDEZZE DI FINANZA PUBBLICA A) IL DEFICIT/SURPLUS (indebitamento netto) B) IL FABBISOGNO C) IL DEFICIT/SURPLUS PRIMARIO D) IL DEFICIT CORRETTO PER IL CICLO E) IL DEBITO PUBBLICO 9

11 Prima però.. Approfondiamo la spesa per interessi (ib) Sono i soldi che lo Stato paga come remunerazione a chiunque gli abbia prestato i soldi (= abbia sottoscritto i titoli del debito pubblico). B = stock di debito pubblico i =..e adesso qual è?! Il tasso-mro? L Euribor? O quale di tutti quelli che abbiamo visto settimana scorsa?!?!?!? 10

12 Quel tasso di interesse (che d ora in poi chiamiamo i B ) è il tasso d interesse medio che si paga sullo stock di debito pubblico esistente. Esempio: Uno Stato ha 300 euro di debito pubblico, così suddivisi: 100 euro di titoli emessi ad un tasso del 3% 100 euro di titoli emessi ad un tasso del 5% 100 euro di titoli emessi ad un tasso del 4% 11

13 Quindi B = 300 E i B? E la media dei tassi pagati sui titoli che costituiscono il debito pubblico. In questo caso il conto è molto semplice. Il tasso medio è del 4%. Domandone: se la prossima asta dei titoli di Stato aggiudica un Btp di 100 euro al 12% (a causa del crescere dello spread), a quanto ammonta il costo medio del debito i B? 12

14 Quindi B = stock di debito pubblico esistente i B = costo medio del debito (frutto delle passate emissioni di titoli di Stato) E come si calcola?!?! 13

15 Dati 2011 Nota di aggiornamento DPEF 2012 i B B = 78,021 miliardi di euro B = 1894,630 miliardi di euro i B = (i B B) / B i B = 78,021 / 1894,630 i B = 4,11% Nel 2011, il tasso di interesse medio sul nostro debito pubblico era pari al 4,11%. 14

16 E da cosa dipende i B? a) dalla politica monetaria (vedi settimana scorsa: dalla misura in cui i movimenti di i MRO ) riescono a trasmettersi lungo tutta la curva dei rendimenti, e quindi anche sui tassi a cui vengono aggiudicati i titoli del debito pubblico. b) dai fattori di rischio (durata, credito, liquidità, cambio e inflazione) che aumentano il premio al rischio sulle emissioni di titoli del debito pubblico. 15

17 A) IL DEFICIT (= disavanzo) D = G + ib + TR T Questa grandezza, a rigore, viene chiamata indebitamento netto delle pubbliche amministrazioni. Se D <0, ovviamente, siamo in presenza di un avanzo (=surplus) di bilancio pubblico. 16

18 Il deficit pubblico in Italia nel 2011 (fonte: Aggiornamento DEF 2012, pag.10) ENTRATE (miliardi) USCITE (miliardi) Entrate tributarie 516,33 Spese correnti 367,50 Contributi sociali 216,340 Trasferimenti 305,12 Entrate in conto capitale 3,527 Interessi passivi 78,02 Investimenti 47,91 TOTALE ENTRATE 736,20 TOTALE USCITE 798,55 17

19 D = G + ib + TR T D= 798,55 736,20 D = 62,35 miliardi di euro Nel 2011, l indebitamento netto delle pubbliche amministrazioni è stato pari a 62,363 miliardi di euro. Il settore pubblico ha speso poco più 62 miliardi in più rispetto a quello che ha incassato. 18

20 In rapporto al PIL Le grandezze pubbliche vengono espresse in rapporto al Pil (= in rapporto al reddito di un Paese). Pil nominale 2011 = 1580,2 miliardi di euro Rapporto deficit / PIL = 62,363 / 1580,2 Rapporto deficit / PIL = 3,9% 19

21 Quando aumenta il deficit? a) quando aumenta la spesa pubblica ( G ) b) quando aumentano i trasferimenti (Tr) c) quando diminuisce il gettito fiscale (T) d) quando aumenta il costo medio del debito pubblico (i B ) Quando aumenta il rapporto deficit / PIL? Per tutte le ragioni precedenti, e in più: e) quando diminuisce il PIL (Y) 20

22 B) IL FABBISOGNO Il fabbisogno è la versione di cassa dell indebitamento netto. Che vuol dire di cassa.?! Il 30 dicembre 2012 firmo un assegno per 100 euro, che mi viene addebitato sul conto corrente il 5 gennaio Quella spesa è segnata nel bilancio di competenza 2012, ma in quello di cassa

23 La competenza misura il momento in cui sorge l obbligazione giuridica ad incassare o a spendere. La cassa misura il momento in cui i soldi materialmente entrano e escono. L indebitamento netto è una misura di competenza. Il fabbisogno è una misura di cassa. 22

24 C) IL DISAVANZO PRIMARIO D pr = G + Tr T E il deficit (indebitamento netto) senza considerare la spesa per interessi. Che senso ha un aggregato del genere? E il vero saldo di policy, nel senso che contiene esclusivamente variabili sotto il controllo diretto della politica fiscale. 23

25 B = è ereditato dal passato i B = in gran parte dipende anch esso dal passato (= come sono andate le precedenti aste de titoli di Stato), e in parte dipende dai fattori visti in precedenza (politica monetaria e fattori di rischio). Il disavanzo primario è quindi la vera variabile di politica fiscale (o meglio, il saldo tra le variabili di politica fiscale) Se D PR <0 parliamo di avanzo (=surplus) primario. 24

26 D) IL DEFICIT CORRETTO PER IL CICLO Impariamo il concetto di stabilizzatore automatico. Partiamo da un punto in cui Il deficit è pari a D Ora vediamo che succede se Y t suo livello di lungo periodo. Yt = Y varia attorno al Cioè vediamo che succede durante le fluttuazioni di breve periodo del ciclo economico. 25

27 Se Yt Ciclo economico positivo > Y Tr è più basso perché c è meno bisogno di sussidi di disoccupazione in quanto u<u N T (= ty) è più alto perché.y è più alto. Quindi. Il deficit è automaticamente più basso (in quanto una componente di spesa automaticamente diminuisce, e una di entrata automaticamente sale) D t < D 26

28 Se Yt Ciclo economico negativo < Y Tr è più alto perché c è più bisogno di sussidi di disoccupazione in quanto u>u N T (=ty) è più basso perché.y è più basso. Quindi Il deficit è automaticamente più alto (in quanto una componente di spesa automaticamente aumenta, e una di entrata automaticamente sale). Dt > D 27

29 Cioè fammi capire. Il ciclo economico ha conseguenze automatiche sul deficit pubblico? Esatto.. PIL Y t > Y Y t < Y DEFICIT D t < D D t > D Questo meccanismo si chiama stabilizzatore automatico 28

30 Il disavanzo corretto per il ciclo (D CC ) è il disavanzo ( = indebitamento netto) che si avrebbe se il Pil fosse uguale al suo livello potenziale, strutturale, di lungo periodo. Indica la posizione fiscale del governo, indipendentemente dagli effetti automatici del ciclo economico. E un indicatore che riconosce che quando il Pil è più debole di quanto potrebbe essere, il deficit è più alto (e quando è più forte, è più basso). Pertanto depura il calcolo da questi effetti e indica qual è l atteggiamento discrezionale del governo, al netto degli stabilizzatori automatici. 29

31 Come si calcola? Occorre fare due cose: a) individuare il livello del PIL di lungo periodo b) quantificare l entità degli stabilizzatori automatici (= di quanto si muove automaticamente il deficit quando il Pil sale/scende di un 1% sopra/sotto il potenziale) 30

32 a) sto benedetto PIL strutturale E tutto il corso che ci imbattiamo in questo benedetto Pil di lungo periodo.. Nella realtà, ci sono due modi per calcolarlo: a) una media statistica degli ultimi anni (filtro Hodrik- Prescott) b) un calcolo basato sulla quantità di fattori produttivi presenti nell economia ( Production function approach ) Negli ultimi anni si sta cominciando ad utilizzare il metodo b), sicuramente più coerente con la teoria economica. Ciònonostante, la misurazione puntuale del Pil di lungo periodo è una delle sfide più affascinanti della ricerca macroeconomica. 31

33 b) L elasticità agli scostamenti ciclici Convenzionalmente, si usa il valore 0.5. Se la crescita del PIL è superiore del 2% alla crescita potenziale, il deficit è inferiore del 1% al deficit corretto per il ciclo. Se la crescita del PIL è inferiore del 5% alla crescita potenziale, il deficit è superiore del 2,5% al deficit corretto per il ciclo. 32

34 Il deficit è al 5% del PIL. Esempio Ma la crescita del PIL è inferiore del 2% alla crescita strutturale. Quindi il deficit corretto per il ciclo è il 4%. Questo è l indicatore che individua in maniera più corretta l atteggiamento discrezionale del governo: significa infatti che il governo sta spendendo discrezionalmente il 4% del PIL; il rimanente 1% è frutto del fatto che siamo in presenza di un ciclo economico negativo, e non della volontà del governo di attuare una politica fiscale espansiva. 33

35 E) IL DEBITO PUBBLICO Tutti gli indicatori visti in precedenza sono flussi. Indicano quanto il governo spende (in relazione a quello che incassa) in un dato arco temporale. Quanto spende in generale (deficit o fabbisogno) Quando spende senza considerare il peso del passato (deficit primario) Quanto spende indipendentemente dalle fluttuazioni del ciclo economico (deficit corretto per il ciclo). 34

36 Il debito pubblico invece è un concetto di stock. E l accumularsi dei deficit passati. Infatti ogni volta che c è un deficit, il governo lo copre accendendo un prestito (sotto forma di mutui o titoli). Stock di debito delle pubbliche amministrazioni (B): l insieme delle passività finanziarie del settore pubblico (titoli di Stato a breve, medio e lungo termine, e prestiti di varia natura). 35

37 L equazione fondamentale L emissione di debito (ΔB) va a coprire il deficit (o meglio il fabbisogno). B = D t Cioè: B B = G + Tr T + i B B t t 1 t t t t t 1 36

38 Cioè, il debito pubblico nell anno t: = (1 + B ) + PR t t t 1 t B i B D Dipende da tre cose: a) il costo medio del debito (i B t ) b) lo stock ereditato del debito (B t-1 ) c) il deficit primario che il governo realizza (D PR t ) 37

39 Per ridurre il debito quindi, ci sono solo due strade: a) realizzare (sperare?) in un abbassamento del costo medio del debito b) realizzare avanzi primari (D <0) Il fattore a) non è una variabile sotto diretto controllo del governo. A proposito 38

40 Come avvengono le emissioni di debito pubblico? Tramite le aste del Ministero del Tesoro, che si svolgono normalmente ogni mese. E il cosiddetto mercato primario, cioè quello in cui gli investitori comprano i titoli direttamente dal Tesoro, in asta. Il Ministero verifica l emergere di un fabbisogno di cassa (che è poco distante dall indebitamento netto, che però è una misura di competenza), e per coprirlo emette un pari ammontare di titoli di Stato, verificando qual è il tasso di interesse che il mercato richiede per sottoscrivere quei titoli (e cioè prestare soldi allo Stato). 39

41 Come funzionano in concreto le aste? Ci sono due modalità: a) l asta competitiva (per i titoli a breve scadenza) b) l asta marginale (per i titoli a media-lunga scadenza) In a), ciascun aggiudicatario paga il prezzo dichiarato nella propria offerta. In b), tutte le offerte sono aggiudicate al prezzo marginale. 40

42 Come funzionano in concreto le aste? _stato/aste_titoli_stato.html File allegato in materiale didattico. Da studiare. 41

43 Per capire come va un asta, si guardano due indicatori: a) ovviamente il tasso di interesse al quale sono aggiudicati quei titoli b) il bid-to-cover ratio: il rapporto tra domanda di titoli di Stato e importo aggiudicato in asta. Un rapporto superiore ad uno significa che c era domanda in eccesso per quei titoli. E un indicatore che serve a capire quanta domanda potenziale c è; più è alto, minore è il rischio che la prossima volta l asta vada deserta. 42

44 Un esempio per afferrare il concetto Alessandro Del Piero si è trasferito in Australia con la famiglia, e ha deciso di regalarvi la sua casa a Torino, inclusi tutti gli oggetti ivi contenuti. Per sopravvivere, vi inventate un lavoro: ogni mese mettete all asta alcuni degli oggetti di Del Piero. Ogni 30 giorni quindi, quantificate di quanto denaro avete bisogno per arrivare a fine mese, e mettete all asta un certo numero di suoi beni. 43

45 Questo mese, contate di aver bisogno di 500 euro. Allora mettete all asta le tazzine da caffè usate da Del Piero per fare colazione. Alle 11 di domani mattina, aprite la procedura di partecipazione all asta via Internet: le offerte devono arrivare entro le 12. Alle 12, queste sono le offerte pervenute: 44

46 Marco Rossi è disposto a comprare una tazzina per 300 euro. Paolo Bianchi è disposto a comprare due tazzine a 100 euro ciascuna. Maria Verdi è disposta a comprare una tazzina a 80 euro. Voi avete bisogno di 500 euro. Quante tazzine aggiudicate, e a che prezzo? 45

47 La tazzina richiesta da Marco Rossi (introito: 300 euro) Le due tazzine richieste da Paolo Bianchi (introito: 200 euro) La richiesta di Maria Verdi rimane inevasa. Bid to cover ratio: 580/500 = 1,16 46

48 Come giudica il mercato l andamento dell asta? Innanzitutto, avete centrato l obiettivo: raccogliere 500 euro. Avete ottenuto un buon prezzo medio (tre tazzine, 500 euro di incasso complessivo: prezzo medio: 166,66). Il mercato non ha riscontrato un eccessivo interesse nella vostra asta, perché vi era una domanda superiore solo del 16% alla quantità messa in offerta. E un segnale forse preoccupante per la prossima asta. 47

49 Dalle tazzine di caffè ai titoli di Stato Esempio appena fatto quanto vi serve per arrivare a fine mese Tazzine di caffè Prezzo spuntato, che serve a reperire le risorse per arrivare a fine mese Realtà di politica fiscale Fabbisogno di cassa del settore pubblico Titoli del debito pubblico Tasso di interesse che colloca l ammontare di titoli che è necessario a coprire il fabbisogno 48

50 Quali sono i titoli del debito pubblico italiano? a) Buoni Ordinari del Tesoro (BOT). Titoli a breve scadenza (3 mesi, 6 mesi, 1 anno), senza cedole. Se il tasso di interesse è 5,26%, significa che si compra a 95 e si viene rimborsati 100. b) Certificati del Tesoro Zero Coupon (CTZ). Titoli a breve scadenza (2 anni), funzionano come i BOT. 49

51 c) Certificati di Credito del Tesoro (CCT) Titoli a lunga scadenza (7 anni), cedole semestrali (=ogni 6 mesi vengono corrisposti gli interessi). d) Buoni del Tesoro Pluriennali (BTP) Titoli a breve, media e lunga scadenza (3,5, 10 e 30 anni), cedole semestrali. 50

52 Composizione del debito pubblico italiano al 31/12/2010 TIPOLOGIA DI TITOLO BTP 65.04% BTP indicizzati all inflazione 6,78% CCT 8,79% BOT 9.62% CTZ 4.72% PESO SUL DEBITO COMPLESSIVO TOTALE 94.95% 51

53 Il rimanente 5% è composto da: a) titoli in valuta estera b) mutui e prestiti vari c) variazioni del conto di disponibilità del Ministero del Tesoro presso la Banca d Italia. 52

54 Il debito pubblico degli enti locali Il debito delle amministrazioni locali (Comuni, Province, Regioni è per la maggior parte costituito da mutui e prestiti. In misura meno prevalente, poi, esistono anche obbligazioni pubbliche. Per i Comuni, si tratta dei B.O.C (Buoni Ordinari Comunali). 53

55 Mercato primario Vs mercato secondario Il mercato primario è quello in cui il lato dell offerta è costituito dai governi che offrono in asta i titoli del debito pubblico, e il lato della domanda è costituito dagli istituiti di credito abilitati a partecipare alle aste del Tesoro (primary dealers) e ad altri investitori istituzionali. In altre parole, nel mercato primario a cui non tutti possono accedere si compra all emissione (chiamato anche collocamento ). Non tutti possono accedere.mica tanto! ll più recente titolo di Stato italiano (il Btp-Italia) può essere acquistato direttamente on-line dal semplice risparmiatore, senza commissioni. 54

56 Nel mercato secondario invece si scambiano i titoli di Stato precedentemente acquistati in emissione. Quindi Nel mercato primario vengono trattati gli strumenti finanziari di nuova emissione. Nel mercato secondario si trattano i titoli già emessi. Ovviamente, un titolo può avere un determinato prezzo all emissione (risultante dall incrocio tra domanda e offerta in asta), per poi averne un altro nel mercato secondario (risultante dall incrocio tra domanda e offerta degli operatori che agiscono sul mercato secondario). 55

57 IMPORTANTE: COS E LO SPREAD? Quello che normalmente viene chiamato spread è il differenziale di rendimento tra un titolo di Stato a 10 anni e un titolo di Stato di pari durata dell emittente più sicuro (risk-free) sul mercato secondario. In Europa l emittente più sicuro è considerata la Germania. Quindi lo spread italiano è il differenziale di rendimento sul mercato secondario tra i titoli di Stato italiani a 10 anni e i titoli di Stato tedeschi a dieci anni. 56

58 Domandone Lo spread così come l abbiamo definito impatta direttamente sul costo medio del debito i t B? No. Quello che impatta sul costo medio del debito è il costo all emissione (cioè quello che si verifica nelle aste del Tesoro). Cioè conta lo spread sul primario, non sul secondario. 57

59 Tuttavia Se lo spread è pari a 400 sul mercato secondario (= i titoli di Stato italiani, a causa del più elevato premio al rischio, rendono il 4% in più dei corrispondenti titoli tedeschi), a quanto vi aspettate che vengano emessi i titoli di Stato nella prossima asta? Se fossero emessi con uno spread di 399, a nessun investitore converrebbe acquistarli. Basterebbe, infatti, acquistarli sul mercato secondario anziché sul mercato primario. 58

60 Quindi, riassumendo (e con tutti gli accorgimenti del caso) Lo spread definito come differenziale sul mercato secondario di per sé non significa nulla, nell immediato, per i conti pubblici. Ma è un pericolosissimo termometro, perché segnala che i tassi di interesse alla prossima asta dei titoli di Stato, si impenneranno. E così facendo, aumenteranno il costo medio del debito. Che, come vedremo tra poco, è cruciale per valutare la sostenibilità del debito pubblico. 59

61 2. DEBITO: PANACEA DI TUTTI I MALI, O ESSO STESSO UN MALE? Considerate una riduzione fiscale che a parità di tutte le altre condizioni comporti un aumento del debito (tramite aumento di indebitamento netto/fabbisogno). Ci sono due approcci per esaminarne le conseguenze: 1. La visione tradizionale 2. La visione Ricardiana. 60

62 1. La visione tradizionale Breve periodo: Y, u Lungo periodo: Y e u tornano ai loro valori naturali Economia chiusa: r, I Economia aperta: ε, NX 61

63 2. La visione Ricardiana Originariamente avanzata dall economista inglese David Ricardo (1820), e riproposta nel 1974 dall economista americano Robert Barro Secondo la cosiddetta equivalenza ricardiana, un taglio delle tasse finanziato con emissione di debito pubblico non ha effetti (su consumo, risparmio nazionale, tasso di interesse reale, investimenti, esportazioni nette o Pil reale) neanche nel breve periodo. 62

64 La logica dell equivalenza ricardiana Gli agenti economici sanno che una diminuzione delle tasse oggi se finanziata con aumento di debito significa maggiori tasse domani: un aumento uguale in valore attuale alla diminuzione di tasse oggi. Quindi il taglio delle tasse oggi non aumenta il reddito permanente degli agenti economici, perchè sanno che il maggior reddito disponibile di oggi (=minori tasse) verrà compensato da un minor reddito disponibile domani (=maggiori tasse). 63

65 Quindi gli agenti economici non spendono l aumento del reddito disponibile..bensì Lo risparmiano. Come risultato, il risparmio privato sale esattamente dell ammontare di cui è diminuito il risparmio pubblico (come conseguenza dell aumento del deficit). Il risparmio nazionale rimane lo stesso, e quindi non c è effetto su nessuna variabili macroeconomica. 64

66 Problemi con l equivalenza ricardiana Miopia: Non tutti gli agenti economici sono così perfettamente razionali. Vincoli di indebitamento: Non tutti i consumatori possono ragionare sul loro reddito lungo tutto l arco della vita ( reddito permanente ), semplicemente perchè essendo impossibilitati a indebitarsi devono basarsi solo sul loro reddito corrente. Pertanto, se c è un beneficio sul loro reddito corrente (dovuto al taglio delle tasse), lo spendono. 65

67 Altruismo generazionale: Se gli agenti economici si aspettano che il peso di ripagare il debito attuale ricadrà sulle future generazioni, allora potrebbero essere indotti a non internalizzare l effetto, e voler scaricare su di esse il costo del maggior benessere oggi. Quindi spendono l aumento del reddito disponibile, senza curarsi di chi dovrà ripagarlo... 66

68 3. COME SI EVOLVE IL RAPPORTO DEBITO/PIL Ricordate l equazione che descrive l andamento del valore assoluto del debito pubblico: = (1 + B ) + PR t t t 1 t B i B D Abbiamo già accennato al fatto che per valutare correttamente il peso di un debito occorre rapportarlo al reddito di un individuo. 67

69 La famiglia Rossi e la famiglia Bianchi hanno entrambe euro di debito sulle spalle. A prima vista, sembrano ugualmente nei guai. La famiglia Rossi ha un reddito annuo netto di euro. La famiglia Bianchi ha un reddito annuo netto di euro. Direste ancora che entrambe le famiglie sono ugualmente nei guai? 68

70 La famiglia Rossi è indebitata per il 50% del suo reddito annuo, mentre la famiglia Bianchi solo per il 10%. Perché rapporto il debito al reddito? Così misuro il debito in rapporto alla capacità che la famiglia ha di ripagarlo. Qual è il reddito di un Paese? Il Prodotto Interno Lordo (Y). Ecco perché debito (e deficit) sono misurate in rapporto al Pil. 69

71 Siamo sicuri che sia la misura più corretta? Ci sono due problemi principali con l utilizzo dell indicatore debito / PIL: 1) Il PIL è davvero una misura corretta per indicare la capacità di ripagare il debito? 2) Il debito è uno stock, il PIL è un flusso. Non è più corretto rapportare lo stock ad un altro stock? 70

72 1) Capacità di ripagare debito L idea di utilizzare il PIL come indicatore della capacità di ripagare il debito (così come abbiamo usato il reddito di una famiglia) è basata sul fatto che il governo può mobilitare risorse non solo all interno della componente pubblica del reddito (come è ovvio) ma anche nelle componenti private, ad esempio aumentando la tassazione. 71

73 Qualora invece volessimo soffermarci soltanto sulla capacità fiscale attuale di un governo, dovremmo utilizzare un altro indicatore, ad esempio le entrate finali del settore pubblico (T). Il rapporto debito/entrate pubbliche comincia ad essere utilizzato. Essendoci tuttavia una forte correlazione (com è ovvio) tra PIL ed entrate pubbliche, questo cambia il livello dell indicatore, ma non cambia le classifiche internazionali. 72

74 2) Stock Vs flussi Un problema senza dubbio più rilevante è rappresentato dal fatto che: Il debito pubblico è uno stock. Il Pil (e anche le entrate!) è un flusso. E corretto mischiare stock e flusso? 73

75 Alcuni economisti propongono di riconciliare i due piani, utilizzando un indicatore che nelle aziende viene utilizzato per rappresentare la situazione patrimoniale delle imprese: debito / patrimonio Che sono entrambi due stock. In altre parole, un indicatore del genere misura il rapporto tra passività e attività. Ed è, in teoria, corretto dal punto di vista aziendale. 74

76 Tuttavia. Cosa dobbiamo esattamente considerare come patrimonio del settore pubblico? In teoria, le proprietà pubbliche. a) il patrimonio immobiliare b) il patrimonio mobiliare (partecipazioni in aziende pubbliche: Rai, Finmeccanica, Poste italiane, ecc). Ma nel punto a) mettiamo anche il Colosseo.?! 75

77 Logica vorrebbe, infatti, che il denominatore di quel rapporto indicasse le risorse effettivamente mobilizzabili per ridurre il debito. Un altro punto di vista per vedere lo stesso problema è contenuto nel dibattito debito lordo Vs debito netto (approfondimento nel riquadro a pag. 346 del cap.15) 76

78 Tutto ciò detto e premesso. Al giorno d oggi è ancora il rapporto debito/ PIL quello prevalentemente utilizzato. Quindi abbiamo un problema: dobbiamo arrivare da : = (1 + B ) + PR t t t 1 t B i B D.ad un espressione in B/Y. 77

79 Con pochi calcoli si arriva a: = (1 + B Y ) + PR t t t t t 1 t b i g π b d b t = rapporto debito/pil nell anno t i tb = costo medio del debito nell anno t g ty = crescita del PIL reale da t-1 a t π t = inflazione da t-1 a t b t-1 = rapporto debito/pil nell anno t-1 d PR t = deficit primario in rapporto al PIL 78

80 Il rapporto debito/pil dall anno t-1 a t aumenta se: a) il costo medio del debito è maggiore del tasso di crescita del PIL nominale (= crescita reale + inflazione) b) il governo realizza un deficit primario (cioè spende più di quello che incassa, al netto degli interessi). Combinazioni di a) e b) possono accelerare o compensare l aumento del debito/pil. 79

81 Il rapporto debito/pil dall anno t-1 a t diminuisce se: a) il costo medio del debito è minore del tasso di crescita del PIL nominale b) il governo realizza un avanzo primario. 80

82 Esempio Il rapporto debito/pil lo scorso anno era pari al 60%. Quest anno il costo medio del debito è il 4%, il tasso di crescita del Pil reale è l 1%, l inflazione è al 2%. Se il governo realizza un surplus primario dell 1%, a fine anno di quanto è cambiato il rapporto debito/pil? 81

83 b t-1 = 0.60 g ty = 0.01 π t =0.02 i tb =0.04 d t PR = = (1 + B Y ) + PR t t t t t 1 t b i g π b d b t = ( )* b t =0,596 Il rapporto debito/pil scende dal 60% al 59,6% 82

84 Ma se l avanzo primario è dell 1% del PIL (cioè se il governo, al netto degli interessi, incassa più di quello che spende) come mai il debito non scende dell 1%? Perché il primo addendo di quell equazione dà un contributo positivo alla crescita del debito: il differenziale tra costo medio e crescita nominale è infatti positivo. E questo si mangia un po dell effetto benefico dovuto al realizzarsi di un avanzo primario. 83

85 La variabile di politica fiscale In tutto questo quadro, l unico vero strumento di politica fiscale è il deficit/surplus primario: d t PR = G t +Tr t T t Queste variabili vengono decise dal governo tramite il bilancio dello Stato, che viene approvato ogni anno dal Parlamento entro il 31 dicembre (per l anno successivo). 84

86 E le altre variabili? Da cosa dipendono? π t = inflazione Nel lungo periodo, dall eccedenza della crescita dell offerta di moneta rispetto alla crescita del Pil reale. Nel breve periodo, da: a) shock di offerta b) aspettative di inflazione c) shock di offerta 85

87 i tb = costo medio del debito Dipende da: a) politica monetaria (decisioni su i MRO ) b) rendimenti dei titoli di Stato alle differenti scadenze (a loro volta influenzati dai 4 premi al rischio esaminati la settimana scorsa). 86

88 g ty = tasso di crescita del Pil reale Nel lungo periodo, dipende da: a) accumulazione di fattori produttivi (capitale e lavoro) b) produttività totale dei fattori Nel breve periodo, dipende da: le fluttuazioni del ciclo economico (le cui determinanti sono state studiate nella terza parte del corso). 87

89 b t-1 = rapporto debito/pil dell anno precedente Dipende da: a) le scelte fatte in passato. 88

90 Aspetta un attimo però Ma sei sicuro che la nostra variabile-strumento (il deficit/surplus primario). Non influenza in qualche modo le altre variabili che determinano l andamento del rapporto debito/pil? 89

91 IL CUORE DEL PROBLEMA. DI OGGI E DEI PROSSIMI ANNI. Le scelte di politica fiscale (che risultano nell andamento della variabile d t PR ) influiscono su: a) Il tasso di inflazione e tasso di crescita del Pil reale (= tasso di crescita del Pil nominale) b) Il costo medio del debito VEDIAMO (anzi, ricordiamo!) COME. 90

92 a) Effetti di d t PR su inflazione e Pil Le componenti del disavanzo primario hanno effetto (diretto o indiretto) sulla domanda aggregata. Che nel breve periodo influenza Pil e inflazione. Se aumenta d t PR aumentano g t Y e π t, e questo migliora del rapporto debito/pil 91

93 b) Effetti di d t PR sul costo medio del debito L aumento del disavanzo primario peggiora il rischio di credito, pertanto aumenta il premio al rischio e aumenta il tasso di interesse sui titoli di Stato, alle differenti scadenze. Le aste del Tesoro vanno peggio se il Paese continua a spendere più di quello che incassa. Se aumenta d t PR aumenta i tb, e questo peggiora il rapporto debito/pil 92

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo Politica fiscale Politica fiscale è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo polit fiscale 2 Saldo complessivo B s Entrate

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria.

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria. Politica monetaria Obiettivi principali della politica monetaria stabilità monetaria interna (controllo dell inflazione) stabilità monetaria esterna (stabilità del cambio e pareggio della BdP) ma può avere

Dettagli

Il Modello AS-AD. Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta

Il Modello AS-AD. Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta Il Modello AS-AD In questa lezione: Deriviamo la curva di offerta aggregata Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta Studiamo il meccanismo di aggiustamento verso l equilibrio

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo La bilancia dei pagamenti (BP) è il documento contabile che registra gli scambi commerciali

Dettagli

Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi.

Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi. Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi. DI Borsatti Federico matr.552665 Uliano Giuseppina A. matr. 025653 Il valore della credibilità della politica economica nell economia italiana

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

Scelta sotto incertezza

Scelta sotto incertezza Scelta sotto incertezza 1. Introduzione Nei capitoli 1 e 2 della microeconomia standard si studia la scelta dei consumatori e dei produttori, che hanno un informazione perfetta sulle circostanze che caratterizzano

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1 Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali Economia dei tributi_polin 1 Allocazione internazionale del capitale Si possono definire due principi di neutralità della tassazione del capitale

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

IL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA: POLITICHE FISCALI E SPESE PER LO SVILUPPO

IL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA: POLITICHE FISCALI E SPESE PER LO SVILUPPO STUDI E NOTE DI ECONOMIA 2 /98 IL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA: POLITICHE FISCALI E SPESE PER LO SVILUPPO CRISTINA BRANDIMARTE * - SOLANGE LEPROUX * - FRANCO SARTORI ** Introduzione Il Patto di stabilità

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Nota su Crescita e Convergenza

Nota su Crescita e Convergenza Nota su Crescita e Convergenza S. Modica 28 Ottobre 2007 Nella prima sezione si considerano crescita lineare ed esponenziale e le loro proprietà elementari. Nella seconda sezione si spiega la misura di

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS)

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Facoltà di Economia Sapienza Roma Introduciamo i prezzi Finora abbiamo ipotizzato che i prezzi fossero dati

Dettagli

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche BTP Italia: settimana emissione Dal 20 al 23 ottobre 2014 si tiene il collocamento del settimo BTP Italia, titolo di stato indicizzato all inflazione italiana (ex tabacco) e pensato prevalentemente per

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO TRA

CONVENZIONE QUADRO TRA PROVINCIA DI PESARO E URBINO CONVENZIONE QUADRO Espletamento dei servizi finanziari connessi all emissione di prestiti obbligazionari ed altri servizi finanziari accessori e servizio di advisory per la

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

FASI DI VITA DELL AZIENDA

FASI DI VITA DELL AZIENDA AZIENDA ORGANIZZAZIONE DI PERSONE E BENI CHE SVOLGE ATTIVITA ECONOMICA IN VISTA DEL SODDISFACIMENTO DEI BISOGNI UMANI. Dalla definizione si estraggono le 3 componenti principali dell azienda. Abbiamo ciò

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT FLAVIO ANGELINI. Definizioni In generale, un contratto a termine o forward permette una compravendita di una certa quantità di un bene differita a una data futura a un prezzo fissato

Dettagli

Unità 1. I Numeri Relativi

Unità 1. I Numeri Relativi Unità 1 I Numeri Relativi Allinizio della prima abbiamo introdotto i 0numeri 1 naturali: 2 3 4 5 6... E quattro operazioni basilari per operare con essi + : - : Ci siamo però accorti che la somma e la

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Albez edutainment production Il sistema informativo aziendale III classe ITC 1 Alla fine di questo modulo sarai in grado di: conoscere funzioni, obiettivi e struttura del sistema informativo aziendale;

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Il presidente della Bundesbank a La Stampa: nei trattati va previsto il crac di uno Stato TONIA MASTROBUONI INVIATA A FRANCOFORTE

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Analisi e proiezioni finanziarie per i singoli Comuni

Analisi e proiezioni finanziarie per i singoli Comuni ALLEGATO 5 Analisi e proiezioni finanziarie per i singoli Comuni Scenario di investimento minimo (progetti di prima priorità) Confronto tra la proiezione finanziaria dei singoli Comuni 2001-2009 e lo scenario

Dettagli

REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. COSÌ È NATO L EURO TEDESCO

REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. COSÌ È NATO L EURO TEDESCO 943 REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. R. Brunetta per Il Giornale 5 luglio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 2 Di imbrogli,

Dettagli

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman.

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman. La nuova PENSIONE MODULARE per gli Avvocati Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman Edizione 2012 1 LA NUOVA PENSIONE MODULARE PER

Dettagli

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE Sistema tributario Insieme di tributi intesi come prestazioni di denaro obbligatorie (art. 53 Costituzione) L obbligatorietà vs. la contribuzione volontaria dovrebbe

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Report Operativo Settimanale

Report Operativo Settimanale Report Operativo n 70 del 1 dicembre 2014 Una settimana decisamente tranquilla per l indice Ftse Mib che ha consolidato i valori attorno a quota 20000 punti. L inversione del trend negativo di medio periodo

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Analisi di Bilancio per indici

Analisi di Bilancio per indici Analisi di Bilancio per indici L analisi di bilancio è una attività complessa svolta con utilizzazione di tecniche prevalentemente quantitative di elaborazione dei dati, con cui si effettuano indagini

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

Politica economica e finanziaria applicata

Politica economica e finanziaria applicata Politica economica e finanziaria applicata Appunti delle lezioni A cura di Alessio Brunelli AFC 2011/12 1 Punto sulla situazione finanziaria corrente: home page di banca carige e in basso a sinistra c

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BORSA

INTRODUZIONE ALLA BORSA INTRODUZIONE ALLA BORSA Informazioni guida per gli insegnanti delle scuole superiori CHE COSA È LA BORSA? Una piazza, dove avviene la compravvendita di titoli. La determinazione delle quotazioni è di solito

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Il Project Financing. Introduzione

Il Project Financing. Introduzione Il Project Financing Introduzione Il Project Financing nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di iniziative economiche sulla base della

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

CAP.1: FINANZA AZIENDALE.

CAP.1: FINANZA AZIENDALE. FINANZA AZIENDALE CAP.1: FINANZA AZIENDALE. Studio dei principi di valutazione della convenienza economica delle decisioni (finanziarie) di investimento e di finanziamento delle imprese. Il mercato si

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

LETTERA DA WALL STREET. Di John Mauldin. Dio salvi il dollaro. Tutti i privilegi del biglietto verde

LETTERA DA WALL STREET. Di John Mauldin. Dio salvi il dollaro. Tutti i privilegi del biglietto verde LETTERA DA WALL STREET Di John Mauldin Dio salvi il dollaro Tutti i privilegi del biglietto verde Il termine privilegio esorbitante si riferisce al presunto vantaggio da parte degli Stati Uniti di avere

Dettagli