NUMERO SPECIALE. Marzo - Aprile 2009

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NUMERO SPECIALE. Marzo - Aprile 2009"

Transcript

1 NUMERO SPECIALE Marzo - Aprile 2009 Redazione Fisco Leggi Finanza e tutto quanto ci può interessare Fonti bibliografiche: Agenzia delle Entrate Gazzetta Ufficiale Bollettino Banca d Italia Pubblicazioni ISTAT Consob Ministero Economia e Finanza Riviste specializzate Quotidiani economici Edizione marzo aprile 2009 Stampato in proprio

2 I N D I C E 1.NOTIZIE DALLA REDAZIONE PREMESSA I BUONI RISULTATI DEL DATORE DI LAVORO DI MOLTI DI NOI FISCO ALCUNE RISOLUZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE PROBLEMATICHE FISCALI Mod 730/2009 (con particolare riferimento alle problematiche dei MdL) PF unico-mini UNICO 2009 PF Alcune pillole interpretative LE LEGGI EUROPEE, LA RIFORMA ELETTORALE È LEGGE CONVERTITO IN LEGGE IL DECRETO MILLEPROROGHE IL COSIDDETTO DISEGNO DI LEGGE (D.D.L.) ANTI-FANNULLONI DEL MINISTRO BRUNETTA È STATO APPROVATO DAL PARLAMENTO I DECRETI LEGGE (CON RISERVA DI UN ESAME DEFINITIVO DOPO LA CONVERSIONE IN LEGGE) Misure urgenti a sostegno dei settori industriali in crisi Il decreto contro gli stupri e per le ronde FINANZA CONSOLIAMOCI IL DOVERE DI UN INTERMEDIARIO NELLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI FINANZIARI I TREMONTI BOND LE PIÙ RECENTI VICENDE SUI TASSI DI INTERESSE ALCUNE GRANDEZZE ECONOMICO-FINANZIARIE IL TEMA DI NEWS PRESTITO VITALIZIO CON IPOTECA SULLA CASA, LA CESSIONE DELLA NUDA PROPRIETÀ E LA CESSIONE DEL QUINTO Il riverse mortgage Nuda proprietà Cessione del quinto ALCUNI APPROFONDIMENTI SU TEMI TRATTATI NOVITÀ SULLA SOCIAL CARD ARRIVANO I RIMBORSI SUI MUTUI PRIMA CASA MINI RIVOLUZIONE PER L ICI PER CHI GUIDA CURIOSITÀ SEMPLICI CONSIGLI PER APRIRE UN EDICOLA (RIF. D.LGS. 170/2001) Come iniziare l attività Requisiti della domanda Cosa fare quando si è ottenuto il via libera Quando non è necessaria l autorizzazione...25

3 1.1. Premessa 1. NOTIZIE DALLA REDAZIONE Care Maestre, Cari maestri, eccoci con lo speciale Marzo/Aprile 2009, sollecitatoci da molti di Voi (e non solo). Al fine di perseguire un contenimento dei costi legati al numero di pagine di News, è nostra intenzione trasmigrare, in parte, la rubrica alcune notizie utili dallo stesso News agli speciali. In questo modo sul nostro giornale trimestrale avremo più spazio per la vita associativa, per gli interventi dei Maestri, per i nostri lettori, per alcune nuove rubriche. Nel contempo tutte le notizie di carattere fiscale, le nuove disposizioni legislative, le novità di carattere finanziario e dei mercati ed ogni altro evento, accadimento, fatto che può interessarci troveranno trattazione nei vari speciali. Ci piace sottolineare che il nostro lavoro, accolto con simpatia da molti di Voi, viene fatto con diligenza, passione, entusiasmo. Siamo perfettamente consapevoli di non scoprire l acqua calda, ma la raccolta di notizie da fonti ufficiali (Agenzia delle Entrate, Gazzetta Ufficiale, Bollettino B.I., Annuario Istat ecc.), da riviste specializzate e da quotidiani economici, da internet, i relativi esami e verifiche, il commento, e tante altre attività ci permettono di arrivare ad un prodotto finito, siamo certi, di utilità per molti di Noi: ovviamente rinviamo agli addetti ai lavori ad approfondimenti più specifici. I nostri commenti sono, il più possibile, il linea con il nostro dettato Statutario che all art. 2 recita La Federazione assume l impegno di prodigarsi al di sopra di ogni indirizzo ideologico, politico e sindacale omissis e quindi lontani da qualsiasi interesse di bottega. L obiettivo è di pubblicare notizie, commenti, interpretazioni veritieri e, nel dubbio, preferiamo usare il condizionale. Ribadiamo di essere a Vostra disposizione per approfondimenti, osservazioni, critiche che Vi sollecitiamo anche perché vorremmo svolgere il nostro lavoro, con il Vostro aiuto, nel modo migliore; il nostro indirizzo di posta elettronica è: Ricordiamo che, escluso questo primo periodo durante il quale verrà messo a disposizione un numero limitato di copie cartacee, gli speciali di News possono essere ricevuti via mail ovvero possono esser scaricati dal nostro sito A tal fine Vi preghiamo di fornirci l indirizzo di posta elettronica Vostro, di Vostri familiari, amici dove inviarvi lo speciale e la corrispondenza del nostro Consolato. A fine febbraio, già circa il 15% dei nostri associati aveva provveduto alla comunicazione. Vi ringraziamo per l attenzione. La Redazione di News 1.2. I buoni risultati del datore di lavoro di molti di noi Il bilancio 2008 dell INPS chiude con un saldo attivo di oltre 11 miliardi di euro. La spesa per le pensioni risulta pari a 166,8 miliardi, con un incremento del 2,8% rispetto al L incidenza della spesa previdenziale sul PIL è del 9,7%. I dati sono contenuti nella prima Relazione annuale INPS, che è stata presentata il 18 marzo u.s. alla Camera dei Deputati in occasione dei 110 anni di vita dell Istituto, alla presenza del Presidente della Camera on. Fini e di altre autorità. A generare il forte saldo attivo (+ 21,5% rispetto al 2007) sono stati, secondo una dichiarazione ufficiale, gli aumenti contributivi ed i nuovi requisiti introdotti nel 2007, ma anche maggiori entrate prodotte dalla lotta all evasione ed elusione. Inoltre hanno contribuito le dinamiche del mercato del lavoro che aveva fatto registrare, prima che iniziasse la fase recessiva, un aumento del numero degli iscritti alle diverse gestioni dell 1,2% (a fine anno erano circa 19 milioni, con un incremento di 230 mila nei dodici mesi), mentre si è consolidato l andamento dei contributi versati dai quasi 2 milioni di lavoratori stranieri. Le pensioni vigenti al 31 dicembre 2008 è di oltre 16 milioni. Secondo il Presidente dell Istituto di previdenza, Antonio Mastrapasqua il sistema è in equilibrio ed alla domanda se serva un altra riforma ha replicato la risposta spetta al Parlamento, al governo alle parti sociali. Io mi permetto solo di rammentare che un troppo frequente intervento su questa materia rischia di incrinare il necessario rapporto di fiducia tra generazioni. Il sistema delle pensioni ha bisogno di tempi certi, fare riforme ogni due anni rischia di compromettere la capacità di guardare al futuro con la necessaria fiducia e certezza. 3 La Redazione di News augura a tutti i Maestri del Lavoro del Consolato Provinciale di Roma, alle loro famiglie e a tutti i lettori i più affettuosi auguri di Buona Pasqua.

4 2. FISCO 2.1. Alcune risoluzioni dell Agenzia delle Entrate Redditi fondiari/donazione/usufrutto (risoluzione n. 381/E-2008) L Agenzia delle Entrate, in riscontro ad un interpello in merito ai temi a margine, ha emesso, con la citata risoluzione, un parere nel quale vengono confermati i seguenti aspetti: a) con riferimento al contratto di donazione avente ad oggetto un immobile si fa presente che, fiscalmente, obbligato a dichiarare il reddito è il donatario/usufruttuario in applicazione dell art 26 del TUIR I redditi fondiari concorrono, indipendentemente dalla percezione, a formare il reddito complessivo dei soggetti che possiedono gli immobili a titolo di proprietà, enfiteusi, usufrutto o altro diritto reale, salvo quanto stabilito dall art. 33 (redditi agricoli), per il periodo di imposta in cui si è verificato il possesso ; b) occorre ricordare che il nostro ordinamento (art. 796 c.c.) consente che è permesso al donante di riservare l usufrutto dei beni donati a proprio vantaggio omissis.. ; c) da un punto di vista fiscale, quindi, la donazione con costituzione del diritto di usufrutto comporta lo spostamento della soggettività passiva d imposta dal nudo proprietario all usufruttuario, per cui, nel caso di un contratto di donazione con riserva di usufrutto obbligato a dichiarare il reddito del fabbricato è il donante/usufruttuario (nelle istruzioni per la compilazione del mod. 730 si conferma che è tenuto a compilare il quadro B, in quanto titolare del relativo reddito fondiario (chi è titolare dell usufrutto o altro diritto reale su fabbricati). In caso di usufrutto o di altro diritto reale il titolare della sola nuda proprietà non deve dichiarare il fabbricato. Qualora l usufruttuario stipuli, per il medesimo bene oggetto di usufrutto, un contratto di comodato si osserva che, sotto il profilo fiscale, tale contratto di comodato non trasferisce la titolarità del reddito fondiario tra comodante e comodatario; ne consegue che, anche nel caso in cui il comodatario stipuli, quale locatore, un contratto di locazione, dal punto di vista fiscale il reddito effettivo del fabbricato deve essere imputato all usufruttuario (risoluzione presso la Segreteria del Consolato). Immobile allo stato rustico: vendita/plusvalenze (risoluzione n. 23/E-2009) L Agenzia stabilisce che, qualora risulti che oggetto della compravendita sia un fabbricato, ancorché allo stato rustico, ovvero non ultimato ma esistente ai sensi dell art bis del c.c. (deve quindi esistere almeno un rustico comprensivo delle mura perimetrali delle singole unità e deve essere completata la copertura),la plusvalenza derivante dalla cessione è inquadrabile nella previsione normativa di cui all art. 67 del Tuir, relativa agli immobili ceduti entro cinque anni dall acquisto o dalla costruzione. In tale ipotesi è necessario individuare il momento in cui inizia a decorrere il computo del quinquennio: in relazione a tale aspetto, considerato che l immobile è venduto allo stato rustico, viene ritenuto che occorre riferirsi al momento in cui il manufatto è stato realizzato e cioè al momento in cui è venuto ad esistenza secondo il criterio civilistico (art bis c.c.). In conclusione l Agenzia ritiene che qualora la vendita del fabbricato allo stato rustico avvenga entro il quinquennio dalla sua realizzazione essa genererà plusvalenza imponibile in quanto il fabbricato essendo esistente ai fini civilistici è riconducibile nella nozione di immobile costruito. L identificazione di fabbricato allo stato rustico, con i requisiti di cui al 2645-bis, deve essere ovviamente comprovata, ad esempio, con la denuncia al catasto urbano nella categoria provvisoria relativa agli immobili in costruzione, poiché, in caso contrario, l immobile risulterebbe ancora come terreno edificabile la cui cessione genera sempre plusvalenza (risoluzione a disposizione). Spese per intermediazione immobiliare relativa all abitazione principale (risoluzione n. 26/E-2009) L art. 15 del TUIR dispone che è possibile detrarre dall imposta lorda il 19% degli oneri sostenuti per i compensi corrisposti ai soggetti di intermediazione immobiliare per l acquisto dell unità immobiliare da adibire ad abitazione principale, per un importo, comunque non superiore a mille euro. Tale importo costituisce il limite massimo cui commisurare la detrazione (e quindi per 190 euro) e che la possibilità di portare in detrazione questo onere si esaurisce in un unico anno d imposta. In caso di più proprietari la detrazione, nel limite complessivo di euro, dovrà essere ripartita tra i comproprietari in ragione della percentuale di proprietà. Qualora sia stato stipulato un compromesso di vendita e, contestualmente, il promissorio acquirente abbia pagato il compenso all agenzia immobiliare, secondo l Agenzia delle Entrate la detrazione d imposta compete a condizione che il compromesso di vendita sia stato regolarmente registrato: ciò in 4

5 quanto, la registrazione del preliminare formalizza l impegno alla stipula del contratto definitivo di acquisto. Inoltre si evidenzia che l agevolazione è subordinata alla condizione che l immobile sia adibito ad abitazione principale; il beneficio viene meno nel caso in cui l acquisto dell immobile non sia stato concluso. Poiché il preliminare di vendita non produce effetti reali, in quanto il promissorio acquirente diventa proprietario dell immobile solo all atto di stipula del contratto definitivo, nell ipotesi in cui le parti non giungano alla stipula del contratto definitivo la detrazione relativo al compenso di intermediazione, operata in sede di dichiarazione dei redditi dal promissorio acquirente, dovrà essere restituita. Plusvalenza per vendita di terreno agricolo acquistato con patto di riservato dominio (risol. n. 28/E-2009) L art. 67 del TUIR qualifica come redditi diversi le plusvalenze che derivano, tra l altro, dalla cessione a titolo oneroso di beni immobili acquistati o costruiti da non più di 5 anni. Sono da ricomprendersi nella nozione di immobili unicamente le cessioni: a) dei fabbricati, a prescindere dalla destinazione loro attribuita; b) dei terreni a destinazione agricola. Nella vendita con riserva di proprietà l art del c.c. stabilisce che nella vendita a rate con riserva di proprietà, il compratore acquista la proprietà della cosa con il pagamento dell ultima rata di prezzo, ma assume i rischi dal momento della consegna : con tale contratto, il compratore può godere del bene oggetto della vendita senza l esborso totale del prezzo ed il venditore è garantito dalla possibilità di recuperare il bene qualora il prezzo non dovesse essere integralmente pagato. È escluso quindi il c.d. effetto traslativo prima del pagamento dell ultima rata ancorché il compratore acquisti il godimento del bene assumendosi i rischi relativi. Da un punto di vista fiscale, quindi, l Agenzia ritiene di individuare il momento di decorrenza dei cinque anni richiesti dall art. 67, per la tassazione o meno della plusvalenza realizzata, all atto del verificarsi dell effetto traslativo, non avendo rilevanza alcuna, a tal fine, il momento di stipula dell atto di compravendita: pertanto qualora si verificasse l ipotesi di cessione del terreno agricolo, ai fini dell assoggettamento a tassazione della plusvalenza come reddito diverso, la decorrenza dei cinque anni dovrà essere calcolata dal momento del riscatto del terreno agricolo Problematiche fiscali Mod 730/2009 (con particolare riferimento alle problematiche dei MdL) Dopo aver riportato la bozza sul proprio sito già nel mese di novembre 2008 (vedere News 1/2009), l Agenzia delle Entrate con proprio comunicato del 16 gennaio informa circa la pubblicazione del 730/2009 (redditi 2008). Viene confermato lo scadenziere fiscale già anticipato e che di seguito riportiamo: Il Calendario per il modello 730 per il 2009 Presentazione 730 al sostituto d imposta Presentazione 730 al Caf e agli altri professionisti abilitati Il contribuente riceve dal sostituto d imposta la copia del 730 elaborata Il contribuente riceve dal Caf e dagli altri professionisti copia elaborata del 730 Il sostituto effettua le operazioni di conguaglio ed esegue le trattenute d acconto: per i lavoratori dipendenti per i pensionati Termini 30 aprile 1 giugno 1 giugno 15 giugno luglio agosto settembre Queste, secondo l Agenzia, le principali novità: la possibilità per i nuclei familiari a basso reddito di chiedere il bonus straordinario o bonus di famiglia; l aumento del limite di detraibilità per interessi passivi sui mutui; la detrazione d imposta del 19% per le spese di acquisto degli abbonamenti ai servizi di trasporto pubblico; l inclusione del comune di residenza tra i possibili beneficiari del 5 per mille dell Irpef; la possibilità di optare per una differente modalità di tassazione dei compensi percepiti per il lavoro straordinario; la detrazione riconosciuta agli studenti universitari fuori sede anche nel caso in cui le spese sono sostenute per canoni relativi a contratti di ospitalità; possibilità dei docenti di usufruire della detrazione del 19% per le spese di formazione ed autoaggiornamento; la detrazione del 19% sui contributi versati per il riscatto del corso di laurea dei familiari fiscalmente a carico. 5

6 Inoltre anche per il 730/2009 sono state prorogate: le detrazioni per le spese di riqualificazione energetica e di ristrutturazione edilizia pari al 55 e 36 per cento; le detrazioni del 20% per la sostituzione di frigoriferi e congelatori; la detrazione del 19% per le spese sostenute dai genitori per la frequenza di asili nido. Il modello 730 può essere utilizzato per dichiarare i seguenti tipi di reddito posseduti nel 2008: a) di lavoro dipendente e assimilati; b) dei terreni e dei fabbricati; c) di capitale; d) di lavoro autonomo per i quali non è richiesta la partita Iva; e) alcuni dei redditi diversi; f) alcuni dei redditi assoggettabili a tassazione separata PF unico-mini Il 2 febbraio u.s. è stato pubblicato dall Agenzia delle Entrate Unico PF mini ( unico dei piccoli ) con 4 pagine di modello e 24 di istruzioni: pensato soprattutto per dipendenti e pensionati che, pur potendo usare il 730, preferiscono per vari motivi liquidare in proprio le imposte. L Agenzia delle entrate stima che i possibili utenti del modello siano 4 milioni di contribuenti, tra i quali circa 1 milioni di titolari di altri redditi (per esempio di terreni e fabbricati). Tra le caratteristiche di Mini Unico: a) la liquidazione ed il versamento delle imposte sono a carico del contribuente; b) ai rimborsi provvederà l amministrazione finanziaria; c) la compilazione è più agevole dell ordinario; d) non contiene tutti i redditi e tutte le spese che danno diritto a detrazioni/deduzioni. Tra gli utilizzatori indicati dal comunicato delle Entrate sono i contribuenti residenti in Italia e che hanno percepito uno o più tipi di reddito tra: redditi di terreni e di fabbricati, di lavoro dipendente o assimilati, di pensione, derivanti da attività commerciali e di lavoro autonomo non esercitate abitualmente. Mini Unico non può essere utilizzato da chi: a) ha variato il domicilio fiscale dal 1 novembre 2007; b) è titolare di partita Iva; c) non risiede in Italia nel 2008 e/o nel 2009; d) deve presentare la dichiarazione per conto di altri; e) deve presentare una dichiarazione correttiva ed integrativa; f) ha redditi diversi da quelli previsti nel modello ed intende fruire di deduzioni o detrazioni non comprese nel modello (per esempio la previdenza complementare ovvero le spese sanitarie per patologie esenti sostenute per familiari non a carico ed ancora gli sconti per canoni di locazione); g) tra i redditi sono comprese alcune tipologie di canoni di locazioni. I potenziali utilizzatori del Mini Unico sono quindi anche coloro che non hanno sostituto d imposta come per esempio i titolari di soli redditi di terreni e di fabbricati e chi ha ricevuto assegni periodici dall ex coniuge. Inoltre possono avvalersene i lavoratori dipendenti a tempo determinato ed i lavoratori autonomi occasionali. Il Mini unico potrebbe essere conveniente per quei lavoratori dipendenti o pensionati a basso reddito ma con cospicui altri redditi (per esempio fabbricati): in questi casi, qualora si presentasse il 730, il sostituto potrebbe non riuscire a prelevare dalla busta paga o dalla pensione l intera imposta dovuta ed il contribuente dovrebbe quindi versare autonomamente la differenza, maggiorata degli interessi, attraverso il modello F24. Il Mini Unico si può presentare ad un ufficio postale in forma cartacea entro il 30 giugno solo se il contribuente (pur possedendo redditi idonei per presentare il 730) è privo di datore di lavoro o non è titolare di pensione: in tutti gli altri casi, il modello deve essere trasmesso telematicamente entro il 30 settembre UNICO 2009 PF Il modello è stato pubblicato sul sito internet (www. agenziaentrate.gov.it) dell Agenzia nel febbraio u.s. Per quanto concerne questo modello sono anche intervenute le modifiche apportate dal Milleproroghe. Pertanto: entro il 16 giugno 2009 dovrà essere effettuato il versamento a saldo 2008 e prima rata di acconto per il E possibile prorogare al 16 luglio con l aumento dello 0,40% Entro il 30 giugno dovrà essere presentato il modello in forma cartacea in posta, dai contribuenti autorizzati Entro 30 settembre: presentazione in via telematica del modello Alcune pillole interpretative (da Agenzia Entrate/stampa specializzata) Detrazione delle spese di iscrizione a strutture sportive (Risoluzione Agenzia Entrate n.50/e del 2009) Come noto, l art. 15 del TUIR prevede la detrazione del 19% delle spese, per importo non superiore a 210 euro, sostenute per l iscrizione annuale e l abbonamento, per i ragazzi di età compresa tra i 5 ed i 18 anni, ad associazioni sportive, palestre, piscine ed altre strutture ed impianti sportivi destinati alla pratica sportiva dilettantistica (che il decreto interministeriale del 28 marzo 2007, emanato dal ministro delle Politiche Giovanili, di concerto con il MEF, ha individuato nelle associazioni sportive, società e le associazioni sportive dilettantistiche di cui alla 6

7 legge 289/2002 ). L importo massimo di 210 euro è riferito ad ogni singolo ragazzo: i genitori che partecipano entrambi alla spesa dovranno ripartire tra di loro l onere sostenuto, secondo quanto risulta dal documento rilasciato dalla struttura sportiva. Tale documento può essere rappresentato da bollettino bancario o postale, ovvero da fattura, ricevuta o quietanza di pagamento recante l indicazione: a) della ditta, denominazione o ragione sociale, ovvero se persona fisica, del nome e cognome, residenza nonché codice fiscale; b) della causale di pagamento; c) dell attività sportiva esercitata; d) dell importo corrisposto; e) dei dati anagrafici del praticante, l attività sportiva e del codice del soggetto che effettua il pagamento. Siringhe e garze sono attrezzature sanitarie Essendo qualificate come attrezzature sanitarie le spese sostenute per siringhe e garze possono beneficiare della detrazione del 19% (circolare 95/E del 12 maggio 2000). È necessario che lo scontrino evidenzi i dati del contribuente (codice fiscale) e la natura della spesa, quantità e prezzo. Imposta di registro sulle locazioni Per i contratti di locazione di immobili urbani di durata pluriennale l imposta per la registrazione (2% del corrispettivo) può essere assolta per l intera durata o annualmente. In caso di risoluzione anticipata il contribuente che ha corrisposto l imposta sul corrispettivo per l intera durata ha diritto al rimborso del tributo relativo alle annualità successive a quella in corso. Riscatto laurea La facoltà di riscatto del periodo di studi universitari è ammessa anche per i soggetti non iscritti in alcuna forma obbligatoria di previdenza che non abbiano iniziato l attività lavorativa (decreto legislativo 184/1997 con modifiche introdotte dalla legge 247 del 2007). Il contributo è fiscalmente deducibile dall interessato, ma è detraibile dall imposta dovuta dai soggetti dai quali l interessato risulti fiscalmente a carico, nella misura del 19%. Per la parte previdenziale si rinvia ad una specifica trattazione nel prossimo speciale. Abitazione principale Il concetto di abitazione principale, utile ai fini dell Irpef e delle relative detrazioni, in ambito tributario non coincide con la figura di prima casa, utilizzata per ottenere le agevolazioni ai fini delle imposte indirette (Registro Iva). Pertanto un acquirente di una unità abitativa, già proprietario di un altra unità acquistata con il beneficio prima casa, può detrarre gli interessi passivi derivanti dal mutuo per l acquisto dell immobile da adibire ad abitazione principale. 7 paradisi fiscali

8 3. LE LEGGI In questa sezione del nostro Speciale vengono riportate e commentate le leggi approvate di recente dal Parlamento, di interesse diretto e/o indiretto dei MdL. Anche le leggi di conversione dei Decreti Legge trovano spazio in questa sezione, soprattutto per quanto attiene le modifiche, le integrazioni e le disposizioni aggiunte. Si fa anche riferimento ai D.L., in quanto portatori di effetti immediati nonché ai decreti legislativi, ministeriali ed attuativi in quanto anch essi emanano normative definitive. Come di consueto l analisi riguarda le materie di nostro interesse diretto e/o indiretto, immediato e mediato Europee, la riforma elettorale è legge La riforma del sistema elettorale per le europee è legge (legge 20 febbraio 2009, n. 10, pubblicata sulla G.U. n. 44 del 23 febbraio 2009: modifiche alla legge 24 gennaio 1979, n. 18, concernente l elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti all Italia). La legge, che consta di un solo articolo e che è stata approvata definitivamente al Senato con un dibattito molto veloce, prevede l introduzione di una soglia di sbarramento al 4% (soglia prevista anche nei sistemi elettorali di molti altri Stati membri dell Ue: in Germania, Francia e Polonia la misura è fissata, per esempio, al 5% mentre per Svezia e l Austria è al 4%). Riportiamo di seguito le principali caratteristiche del sistema elettorale con il quale si voterà il 6-7 giugno 1 e che servirà ad eleggere il gruppo dei 72 europarlamentari della delegazione italiana a Strasburgo. 1 In data 18/03 il Senato (in seconda lettura), dopo la Camera dei Deputati, ha approvato definitivamente il decreto sull Election day, che prevede l accorpamento delle elezioni europee con le elezioni amministrative (provinciali e comunali) da tenersi sabato 6 giugno dalle 15 alle 22 e domenica 7 giugno dalle 7 alle 22. Nell election day non è stato accorpato il referendum, che quindi si dovrà tenere in un giorno diverso (dovrebbe essere fissato in una domenica fra il 15 aprile e 15 giugno), anche se è stato ipotizzata la data del 21 giugno (giorno di ballottaggio per le amministrative). Il mancato accoglimento dell accorpamento è stato giudicato negativamente dai promotori del Referendum i quali hanno accusato il Governo di una spesa ulteriore fino a 400/460 milioni di euro, qualora il referendum fosse tenuto in un giorno diverso dal 7 giugno. Per il Ministro Maroni la spesa sarebbe più bassa. Proporzionale puro: il riparto dei seggi avviene con il metodo proporzionale in base alla cifra elettorale nazionale di ciascuna lista, su un collegio unico nazionale e con il principio dei quozienti interi e dei resti più elevati. Sbarramento: hanno diritto ad accedere alla ripartizione dei seggi solo le liste che abbiano conseguito sul piano nazionale almeno il 4% dei voti validi espressi. Circoscrizioni: l Italia è suddivisa nelle tradizionali 5 circoscrizioni (Nord-ovest; Nord-est; Italia Centrale; Italia Meridionale; Italia Insulare). In merito la legge è stata vivacemente criticata dai senatori sardi, sia di maggioranza che di opposizione, perché non è stato accolto l emendamento finalizzato a scindere, nella quinta circoscrizione, la Sardegna dalla Sicilia: la sproporzione nel numero degli elettori tra le due regioni fa sì, infatti, che da 15 anni la Sardegna non abbia un suo rappresentante a Strasburgo. Preferenze: restano le preferenze (anche se c era stata una prima ipotesi governativa di liste bloccate). L elettore può esprimere non più di tre preferenze nel Nord-ovest, non più di due nel Nord-est, Italia Centrale, Italia Meridionale, non più di una nell Italia Insulare Convertito in legge il decreto milleproroghe Con il 13 voto di fiducia la Camera ha approvato in via definitiva il Decreto Legge Milleproroghe il 24/02/09, smentendo le nostre previsioni (v. Speciale di febbraio) circa una reiterazione del decreto. Non ci siamo, invece, sbagliati circa l ampliamento della sua portata che ne ha snaturato i contenuti diventando un contenitore di norme diverse con nuovi articoli e nuovi commi: la conversione in legge, con modificazioni, del D.L. 30/12/08 n. 207 è stata pubblicata sulla G.U. del 28 febbraio 2009 n.49, sul supplemento ordinario 28/L. La legge di conversione, legge 27 febbraio 2009, in termini di stesura, risulta essere oltre il doppio del D.L.: accanto ai rinvii (dei quali ce ne siamo occupati nello Speciale di febbraio ed al quale Vi rimandiamo), con particolare riferimento alla Class Action ed alle norme sulla Sicurezza sul Lavoro, hanno trovato posto una serie di disposizioni che impattano su diversi settori. Riportiamo di seguito, privilegiando innanzi tutto le nuove disposizioni di nostro interesse, le novità più significative. ICI (art. 23, comma 1 bis): il riconoscimento della ruralità dei fabbricati ai fini ICI (che comporta l esclusione dall imposta) deve essere intesa nel senso che non si considerano fabbricati le unità immobiliari, anche iscritte o iscrivibili nel catasto fabbricati, per le quali ricorrono i requisiti di ruralità di cui alla legge 133/1994 (legge di conversione del D.L. 557/1993). 8

9 La misura è stata salutata con grande soddisfazione da Confagricoltura. Multe nel codice della nautica da diporto (art. 24 comma 1bis): estese le multe (fino a 8.263) per chi conduce barche in stato di ubriachezza o sotto effetto di altre sostanze inebrianti o stupefacenti, salvo l applicazione della sanzione della sospensione della patente nautica. Previdenza (art. 35, commi 8-13): la misura relativa al settore pensionistico prevede che per la liquidazione delle prestazioni previdenziali ed assistenziali collegate al reddito, il reddito di riferimento diventa quello conseguito il 1 luglio di ciascun anno dal beneficiario e dal coniuge nell anno solare precedente. Il riferimento ha valore per la corresponsione del trattamento fino al 30 giugno dell anno successivo. Chi percepisce prestazioni collegate al reddito deve comunicare i dati reddituali agli Enti Previdenziali entro il 30 giugno di ciascun anno; altrimenti rischiano la sospensione dell erogazione del trattamento. Secondo il Presidente dell INPS Antonio Mastrapasqua, la normativa interessa circa 300 mila cittadini ed eviterà il pagamento di pensioni più ricche del dovuto. Dichiarazioni Tributarie (art. 42 commi 7 ter - 7 sexies) : rivisti i termini di scadenza per la trasmissione telematica all Agenzia dell Entrate. Le dichiarazione dei redditi, Irap ed Iva vanno spedite entro il 30 settembre. Si sposta al 30 giugno il termine per trasmettere i modelli 730 da parte di Caf, professionisti, e sostituti d imposta. Solo per quest anno la scadenza slitta al 15 luglio. Per i conguagli fiscali si fa riferimento alla retribuzione di competenza del mese di luglio. Inoltre Noleggio con conducente-ncc (art. 29, comma 1 quarter): trattasi di una stretta sul servizio di NCC; le nuove disposizioni prevedono: a) il servizio si rivolge all utenza specifica che presso la rimessa avanzano apposita richiesta per determinata prestazione a tempo e/o a viaggio; b) lo stazionamento dei mezzi deve avvenire all interno delle rimesse; c) la sede del vettore e la rimessa devono essere situate, esclusivamente, nel territorio del Comune che ha rilasciato l autorizzazione (per il rispetto dei tre punti è prevista una specifica procedura). In sostanza la prenotazione, l inizio ed il termine del servizio possono avvenire solo presso la rimessa anche se il prelevamento e l arrivo a destinazione del cliente possono avvenire anche in altri Comuni. Questi ultimi, per il servizio di NCC, possono prevedere la regolamentazione dell accesso nel loro territorio o, specificatamente, all interno delle aree a traffico limitato dello stesso da parte dei titolari di autorizzazioni rilasciate da altri Comuni. Editoria (art. 41 bis): i contributi per i quotidiani o i periodici, organi di partito o movimenti politici, sono concessi anche alle testate, anche se non hanno più rappresentanti in Parlamento, se avevano maturato il diritto al 31 dicembre I giornalisti di periodici possono optare per il pensionamento anticipato. Stanziati altri 10 milioni (oltre ai 10 milioni della manovra anticrisi ) per i prepensionamenti dei giornalisti. Manifesti politici (art. 42 bis): è prevista una sanatoria per le affissioni abusive di manifesti politici effettuate dal 2005 ad oggi; per sanare la violazione basta pagare mille euro per anno e per provincia. Il termine per il versamento è il 31/03/09. Cartolarizzazioni (art. 43 bis): viene messo in liquidazione il patrimonio relativo alla prima ed alla seconda cartolarizzazione effettuate dalla Scip srl. Gli immobili non venduti tornano agli Enti Previdenziali, proprietari originari. Si chiude quindi in modo definitivo la più grande cartolarizzazione di tutti i tempi, voluta dal Ministro Tremonti, mai realizzata in Europa. Gli Enti Previdenziali pagheranno 1,7 miliardi (bond da rimborsare). Tale rimborso viene effettuato appena in tempo, prima del declassamento dell operazione di cartolarizzazione da parte delle Agenzie di rating. Carceri (art. 44 bis): sono attribuiti fino al 31/12/2010 poteri speciali al Capo Dipartimento per l Attività Penitenziaria (DAP) per la realizzazione di nuove carceri e per aumentare la capienza di quelle esistenti. È prevista la predisposizione di un piano operativo entro 60 giorni, da parte del Capo dipartimento Franco Ionta. Gli interventi saranno poi regolati da Dpcm ed inseriti nel programma delle infrastrutture strategiche e, se di importo superiore ai 100 mila euro, nel programma triennale dei lavori pubblici. Per la realizzazione si applicano le procedure più snelle indicate nel Codice Appalti Il cosiddetto disegno di legge (d.d.l.) Anti-fannulloni del Ministro Brunetta è stato approvato dal Parlamento Breve accenno all attività parlamentare È legge il d.d.l. Brunetta. Il Senato ha dato il via libera nella seduta del 25 febbraio 2009 e la relativa legge, L. n. 15 del 04/03/09 è stata pubblicata sulla G.U. del 05/03/09 n

10 Questa volta siamo di fronte ad un d.d.l. e non ad un D.L., ma nella sostanza, in questa prima parte della XVI legislatura, prevalgono le iniziative governative rispetto a quelle parlamentari: la Camera dei Deputati (ma la stessa cosa vale anche per il Senato, essendo il nostro sistema legislativo a bicameralismo perfetto ) ha evidenziato in un comunicato del 2 marzo u.s. che al 27 febbraio 09 da inizio legislatura sono stati deliberati dall Assemblea 64 progetti di legge, di cui 30 d.d.l. di conversione di decreti legge ed altri 33 d.d.l. di iniziativa governativa: l Assemblea, invece, ha deliberato una sola volta su una proposta di iniziativa parlamentare. In sintesi su 64 leggi approvate da inizio legislatura, 63 sono state proposte dal Governo (e questa, purtroppo, continua ad essere la via seguita): tali numeri hanno una valenza politica, mentre si rincorrono gli appelli a non spodestare il Parlamento. Tornando alla legge Delega al Governo finalizzata all ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico ed alla efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni nonché disposizioni integrative delle funzioni attribuite al Consiglio nazionale dell economia e del lavoro ed alla Corte dei conti, ci limiteremo ad una sintesi delle caratteristiche significative di nostro interesse mediato ed indiretto, anche perché trattandosi di una Delega al Governo (l organo esecutivo avrà nove mesi per emanare uno o più decreti legislativi in materia del lavoro alle dipendenze delle pubbliche amministrazioni) si dovrà attendere del tempo per il completamento dell iter legislativo. Nelle dichiarazioni ufficiali se il Ministro Brunetta, da una parte sottolinea che con questa legge i dipendenti pubblici saranno chiamati a far bene il loro lavoro; quelli bravi non avranno nessun problema, i fannulloni invece dovranno fare qualche riflessione; i bravi che sono la maggioranza, avranno finalmente una Pubblica Amministrazione apprezzata dai cittadini italiani, omissis e per i bravi ci saranno benefici, onori e salari più alti. La CGIL, dall altra, contesta fortemente la legge che rappresenta la fine della contrattazione nel settore pubblico, il ritorno alla legge ed il dominio della politica che rappresentano i caratteri salienti del provvedimento che nel passaggio parlamentare, il Governo è riuscito a peggiorare omissis si è voluto chiudere la stagione della contrattualizzazione del lavoro pubblico e dell unità del mondo del lavoro per rendere più deboli i lavoratori pubblici e privati, attraverso il ritorno al primato della legge. Il beneficio che i cittadini utenti dei servizi pubblici e del sistema delle imprese dovrebbero trarre dalla nuova legge è tutto da scoprire. Le opposizioni parlamentari non hanno partecipato al voto finale al Senato. Nei decreti legislativi verrà legiferato su Contrazione e riforma dell ARAN: verranno precisati gli ambiti della disciplina del rapporto di lavoro pubblico riservati alla contrattazione collettivia e quelli riservati alla legge; Cartellino di riconoscimento obbligatorio: scatta l obbligo, per i dipendenti pubblici, di indossare un cartellino identificativo ovvero di esporre sulla scrivania una targa con il proprio nome; Mobilità incentivata tra amministrazioni: nel caso in cui si verifichino carenze di organico; i vincitori delle procedure di progressioni verticali dovranno permanere per almeno un quinquennio nella sede di prima destinazione; Valutazione del Personale, incentivi, sanzioni: saranno realizzati progetti sperimentali ed innovativi volti a diffondere e raccordare le metodologie di valutazione: l amministrazione predisporrà gli obiettivi per ciascun anno e sarà rilevata, in via consuntiva, quanta parte degli obiettivi è stata effettivamente conseguita. Saranno introdotti strumenti di valorizzazione del merito e metodi di incentivazione della produttività. Prevista la definizione delle infrazioni più gravi che comportano il licenziamento. Saranno introdotti meccanismi sui controlli medici per le assenze per malattia. I clienti dei servizi pubblici e la class action: è prevista un azione collettiva (anche se blanda) nei confronti della P.A..Si tratta di uno strumento volto a ripristinare nei confronti degli utenti il servizio ed i relativi standard, ma gli interventi delle Autorità di settore avranno la precedenza su eventuali azioni collettive: è escluso il risarcimento del danno, per il quale resta ferma la disciplina vigente. Coinvolgimento degli utenti: consumatori ed utenti, organizzazioni sindacali, studiosi ed organi di informazione, imprese (stakeholder) saranno coinvolti in confronti pubblici annuali sul funzionamento e sugli obiettivi di miglioramento oltre che, in questa prima fase, per la predisposizione dei decreti delegati. 10

11 3.4. I decreti legge (con riserva di un esame definitivo dopo la conversione in legge) Misure urgenti a sostegno dei settori industriali in crisi È stato pubblicato sulla G.U. n. 34 del 11/02/ 09 il D.L n. 5 del 10 febbraio, approvato dal Consiglio dei Ministri nella riunione del 6 febbraio con i bonus sulla rottamazione di auto, elettrodomestici ed immobili (oltre ad altre misure relative alle imprese). La misura, tanto attesa dalle case automobilistiche, arriva, forse, in ritardo sia in termini assoluti che in termini relativi. Il mercato mondiale dell auto è in una situazione di grave crisi; molti Paesi si sono mossi con largo anticipo: in Francia gli aiuti di Stato vengono concessi a condizione che non ci siano delocalizzazioni degli investimenti, anzi alcuni incentivi sono legati al rientro in patria di produzione di autovetture; licenziato il capo della Peugeot Christian Streiff, come pure negli USA, dove il Presidente Obama, dovendo aiutare nuovamente il settore, ha chiesto ed ottenuto le dimissioni del capo della G.M., il potente Rick Wagoner (che va a casa con un bonus di solo 20 milioni di dollari); la Chrysler dovrà presentare un piano di merger (fusione) con Fiat entro 30 giorni: oggi, 30 marzo, Obama comunicherà il piano di aiuti al settore e le condizioni. Le Società di rating abbassano il grade (la valutazione del credito) di Fiat e Peugeot da tripla B- a BB+ e di Renault (da tripla B a BB): di fatto i debiti delle tre Case sono equiparati a Junk (immondizia, cioè ad alto rischio). Il Governo tedesco va verso la proroga degli incentivi. Sono state ulteriormente ridotte le aliquote per la rivalutazione agevolata degli immobili, previsto nel primo decreto anti-crisi (D.L. 185/ 08 convertito nella L. 2/2009). Il decreto si compone di nove articoli, di cui riepilogheremo i principali provvedimenti. Bonus rottamazione (art. 1 comma 1-10): La sostituzione e l acquisto di motoveicoli fino a 400 cc, autoveicoli e veicoli commerciali beneficiano di un incentivo variabile da euro 500 a 6.500, in base alla tipologia del veicolo e dell alimentazione. L immatricolazione deve avvenire entro il 31 marzo 2010 per i contratti stipulati dal 7 febbraio 2009 al 31/12/2009. Il beneficio è fruibile anche in caso di acquisto in locazione finanziaria (leasing). In particolare è concesso un contributo fino a euro a chi rottama un auto o un furgone Euro 0,1,2 immatricolati fino al 31/12/99 ed acquista un auto nuova Euro 4 o 5 con particolari emissioni di CO2. Il contributo sale a se si rottama un vecchio autocarro di massa massima fino a Kg e se ne acquista uno nuovo. L acquisto di vetture verdi consente ulteriori contributi: altri euro a chi acquista un auto nuova a metano, elettrica o ad idrogeno sempre con emissioni limitate. L importo del contributo arriva ai euro per l acquisto di un autocarro Euro 4 o 5 a metano: questi due incintivi sono cumulabili. A chi rottama un motociclo o un ciclomotore Euro 0 o 1 e ne acquista uno nuovo Euro 3 fino a 400cc di cilindrata potrà usufruire di in contributo di 500 euro. Inoltre: concessi contributi per istallare impianti Gpl e a metano (rispettivamente 500 e 650 euro); nessun contributo per l auto comprata a gennaio; la macchina del familiare si rottama solo se si è conviventi; solo l erede può rottamare la vettura del parente defunto; il bonus si applica solo al nuovo di fabbrica, l incentivo all acquisto non esenta dal bollo. Trasporto pubblico (art. 1 commi 11-17): al fine di diminuire le emissioni di particolato (polveri sottoli, pulviscolo atmosferico, cioè l insieme di sostanze sospese: fibre, particelle carboniose, metalli, silice ecc.) nel settore del trasporto pubblico, è stabilito, nel limite della spesa per l anno 2009 di 11 milioni di, un finanziamento straordinario per l istallazione di dispositivi (filtri) per l abbattimento delle emissioni di particolato dei gas di scarico. I contributi sono concessi in misura pari al 25% delle spese sostenute per l acquisto e l installazione del dispositivo e comunque in misura non superiore a per ogni dispositivo. Detrazioni Irpef fino a euro per chi arreda l abitazione (art. 2): detrazioni del 20% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici ad alta efficienza energetica, apparecchi TV e computer. La detrazione spetta se i beni pagati dal 7 febbraio al 31/12/2009 servono per arredare un immobile ristrutturato dal 1 luglio 2008 in poi ed agevolabile con la detrazione del 36% di cui alla legge 449/97 (interventi di recupero del patrimonio edilizio effettuati su singole unità immobiliari residenziali). La spesa massima agevolabile è di e la detrazione (fino a 2.000) si spalma in 5 anni. Si evidenzia: la detrazione del 36% - e quindi la possibilità di usufruire delle nuove agevolazioni - si ottiene anche per piccoli lavori di manutenzione, come la sostituzione di un tubo di gas 11

12 per ragioni di sicurezza o l istallazione di un antifurto; per quanto riguarda i frigoriferi la detrazione non è cumulabile con quella introdotta dalla finanziaria 2007; i pagamenti per gli acquisti devono essere fatti con bonifico bancario o postale (dal bonifico devono risultare:il riferimento normativo, il codice fiscale del beneficiario della detrazione, il numero della partita Iva o il codice fiscale dell impresa beneficiaria del bonifico. Distretti produttivi e reti di imprese (art. 3). Le imprese appartenenti a distretti possono congiuntamente esercitare l opzione per la tassazione di distretto ai fini dell applicazione IRES; il reddito imponibile comprende quello delle imprese che vi appartengono, che hanno contestualmente optato per la tassazione unitaria. La determinazione del reddito unitario imponibile, nonché dei tributi, contributi ed altre somme dovute agli enti locali, viene operata su base concordata per almeno un triennio. Si rinvia gli interessati ad approfondimenti specifici. Aggregazioni tra imprese (art. 4): l obiettivo è quello di stimolare le imprese ad aumentare le loro dimensioni, così da affrontare il periodo di crisi; l agevolazione consiste nella possibilità di dedurre gli ammortamenti sui maggiori valori iscritti a bilancio per effetto di una operazione straordinaria (fusione, scissione, conferimento) effettuata nel Le aggregazioni aziendali devono riguardare esclusivamente società di capitali (SpA, Accomandita per Azioni, Srl) operative da almeno due anni e non devono far parte dello stesso gruppo societario. Sono in ogni caso esclusi i soggetti legati da un rapporto di partecipazione superiore al 20% ovvero controllati anche indirettamente dallo stesso soggetto. Si rinvia gli interessati ad approfondimenti specifici. Imposta sostitutiva rivalutazione immobili (art. 5): viene ridotta dal 7% al 3% (per gli immobili strumentali) e dal 4% all 1,50% per gli immobili non ammortizzabili. Sostegno al finanziamento per l acquisto di veicoli (art. 6): Con decreto del MEF verranno stabilite le modalità per favorire l intervento SACE nella prestazione di garanzie volte ad agevolare la concessione di finanziamenti per l acquisto di nuovi autoveicoli, motoveicoli e veicoli commerciali a fronte di rottamazioni di veicoli. Il D.L., dopo essere stato esaminato dalle commissioni della Camera dei Deputati, passa oggi in aula. Numerosi gli emendamenti approvati in commissione, sede referente, che, insieme all intero Decreto, dovranno passare l esame della Camera e, quindi, del Senato. Considerati i tempi a disposizione (il D.L. scade il 12 aprile p.v.) si ritiene che il Governo faccia ancora una volta (14ma) ricorso al voto di fiducia. Di seguito si riportano alcuni degli emendamenti più significativi con riserva di approfondimento dopo la conversione in legge del decreto: Minifondo da 150 milioni per i comuni, per gli interventi relativi alla sicurezza pubblica; verranno riconosciuti bonus ad anziani e soggetti a basso reddito per l acquisto di decoder per il digitale terrestre; rifinanziamento del Fondo di garanzia per le imprese; misure relative alla governance delle società ed al diritto societario (possibilità per la Consob di riduzione della soglia oltre la quale scatta l obbligo di comunicazione al mercato; sale dal 10 al 20% il limite del buy back, acquisto azioni proprie; possibilità di aumentare fino al 5%, invece del 3%, gli acquisti di azioni se si arriva oltre il 30%: se si supera il 5% scatta l obbligo di OPA totalitaria); dote di 300 milioni per il credito all export; sostegno ai distretti industriali del settore tessile e calzaturiero; estesi gli incentivi per gli impianti a metano e per le moto fino a 60 Kw; aiuti ai precari, con un accelerazione della Cig ed il raddoppio della indennità di disoccupazione per i co.co.pro Il decreto contro gli stupri e per le ronde Sulla G.U. n. 45 del 24 febbraio 2009 è stato pubblicato il D.L. n. 11 del 23 febbraio approvato dal Consiglio dei Ministri del 20 febbraio. Trattasi di un ennesimo decreto sicurezza Misure urgenti di sicurezza pubblica e di contrasto alla violenza sessuale, nonché in tema di atti persecutori, emanato sulla emotività di recenti fatti di violenza sessuale, anche se i dati ufficiali sembrano dare una visione meno preoccupante. Alcuni articoli del D.L. sono stati stralciati dal d.d.l. quadro, ancora all esame del Parlamento. Il decreto si concentra su due obiettivi: il primo, emanare una serie di misure per contrastare i reati di violenza sessuale; il secondo, puntare a rendere più efficaci le procedure di espulsione. Inoltre si vuole presidiare più attentamente il territorio con il contrastato provvedimento di affiancare alle forze dell ordine associazioni di cittadini. Debutta nel decreto il reato di Stalking : si vuole porre un freno all impunità a chi usa minacce e molestie insistenti, che spesso sfociano nella violenza. Ergastolo per i reati a matrice sessuale (art. 1): la norma rende applicabile la pena dell ergastolo per i reati di violenza sessuale, atti sessuali con minori, violenza sessuale di gruppo quando la vittima è deceduta. No alle scarcerazioni facili, presunzione di pericolosità sociale, restrizioni ai benefici carcerari (art. 2-3): si vuole rimediare all allarme sociale provocato dalle scarcerazioni facili estendendo la 12

13 obbligatorietà della custodia cautelare in carcere in caso di gravi indizi di colpevolezza per i delitti di induzione alla prostituzione minorile, di iniziative turistiche volte allo sfruttamento della prostituzione minorile, violenza sessuale (esclusi i casi di minore gravità), violenza sessuale con minorenne, violenza sessuale di gruppo, omicidio. Per lo stesso motivo è limitata l applicazione dei benefici carcerari (l assegnazione al lavoro all esterno, i permessi premio e le misure alternative alla detenzione). Patrocinio gratuito (art. 4): è concessa l assistenza legale gratuita (a spese dello Stato), alle vittime, indipendentemente dal reddito posseduto, dei reati di violenza sessuale, di atti sessuali con minorenni e di violenza sessuale di gruppo. Esecuzione dell espulsione (art. 5): con proroghe successive chieste dal questore e concesse dal Giudice di pace, quando ne ricorrano i presupposti, i clandestini possono essere trattenuti fino a 180 gg. nei centri di identificazione e di espulsione. Controllo del territorio (art. 6): sarà rafforzato attraverso nuove assunzioni di personale nelle Forze di Polizia e dei Vigili del Fuoco e destinando 100 milioni da utilizzare per ragioni di sicurezza. Inoltre è prevista la regolamentazione delle ronde o meglio di associazioni di cittadini non armati di cui potranno avvalersi i Sindaci per il controllo del territorio ed alle quali è affidato il compito di segnalare alle forze dell ordine eventi che possono arrecare danno alla sicurezza urbana ovvero situazioni di disagio sociale. Le associazioni dovranno essere iscritte ad un elenco tenuto dal Prefetto (con i requisiti operativi che saranno definiti con un decreto del Min. dell Interno, entro due mesi dalla conversione del decreto legge) ed i Sindaci dovranno utilizzare in via prioritaria le associazioni costituite dal personale militare o di polizia in congedo. Molte le prese di posizione circa il decreto che vede alcune feroci posizioni contrarie, soprattutto tra le forze dell ordine ed alcune forze politiche, a favore molti sindaci del Nord ed altre forze politiche. Disposizioni in materia di atti persecutori; debutta lo stalking (art. 7-8): è inserito tra i delitti contro la libertà morale il reato di atti persecutori con l obiettivo di punire episodi di minacce o molestie ripetute prima che degenerino in casi di violenza sessuale o omicidio. Salvo aggravanti, il nuovo articolo 612 bis del codice penale, punisce con la reclusione da sei mesi a 4 anni chiunque con condotte reiterate, minaccia o molesta taluno in modo da cagionare un perdurante stato di ansia o di paura ovvero ingenerare un fondato timore per l incolumità propria o di un prossimo congiunto o di persona legata omissis ovvero da costringere lo stesso ad alterare le proprie abitudini di vita. La procedibilità è a querela ma se il reato è commesso nei confronti di soggetti deboli (minori o disabili) il Pm può agire d ufficio. Le pene sono aumentate se il fatto è commesso dal coniuge legalmente separato o divorziato o se è commesso a danno di un minore, di una donna in stato di gravidanza o di una persona con disabilità. Introdotti strumenti cautelari per interrompere le condotte di molestia persecutoria anche prima del procedimento penale. Il ddl quadro in discussione in Parlamento, ormai da quasi un anno, (ne abbiamo parlato anche nei diversi speciali relativi all immigrazione), è ormai diventato un serbatoio dal quale stralciare degli articoli che vengono inseriti in D.L. o in ddl con corsia preferenziale per l approvazione. Ad oggi il ddl quadro sulla sicurezza, già approvato dal Senato, è all esame della Camera. Ce ne occuperemo quando sarà legge dello Stato, ma in questa sede vogliamo richiamare l attenzione su alcuni temi critici e contrastati (ma per fortuna non ancora definitivi) quali l obbligo dei medici di denunciare i clandestini, il divieto di registrare i figli dei clandestini ed il costo dei permessi di soggiorno. Nel prossimo speciale tratteremo, sempre che nel frattempo siano state approvate definitivamente, le leggi relative al Federalismo Fiscale, al cosiddetto Piano Casa ed il nuovo decreto legislativo che modifica le norme del Testo Unico sulla Sicurezza sul Lavoro. 13

14 4.1. Consoliamoci 4. FINANZA Per tutti coloro che avessero subito perdite (speriamo di poco valore) a seguito di investimenti finanziari, le disavventure della BCE ci autorizzano a dire che sono in buona compagnia. In data 27 febbraio u.s., la versione tedesca del Financial Times (F.T. Deutschland ) aveva anticipato delle perdite consistenti (oltre 10 miliardi di euro) da parte della Banca Centrale Europea per prestiti a banche, garantiti da titoli tossici. La BCE aveva smentito la notizia. Successivamente, in data 5 marzo, alla presentazione dei dati della Banca Centrale c è stata la conferma (vedere il Sole 24 ore del 6 marzo) che anche la BCE era stata vittima del fallimento della Lehman: c è una esposizione nei confronti di 5 banche fallite lo scorso anno per circa 10,3 miliardi; oltre a Lehman, tre banche islandesi ed una olandese. La BCE ha accantonato 5,7 miliardi, ma nonostante l accantonamento ha avuto un risultato positivo Il dovere di un intermediario nella distribuzione di prodotti finanziari La Consob in data 2 marzo 2009 ha diffuso una comunicazione (n ) con la quale sollecita gli intermediari ad un comportamento di correttezza e trasparenza in sede di distribuzione alla clientela al dettaglio di prodotti finanziari illiquidi (obbligazioni bancarie, prodotti assicurativi-finanziari, derivati) che costituiscono parte significativa del portafoglio delle famiglie italiane. Trattasi cioè di prodotti finanziari che determinano per l investitore ostacoli o limitazioni allo smobilizzo entro un lasso di tempo ragionevole, a condizioni di prezzo significative, ossia tali da riflettere, direttamente o indirettamente, una pluralità di interessi in acquisto e vendita. La Consob raccomanda agli intermediari di fornire al cliente informazioni sul valore corretto e sui costi del prodotto illiquido distribuito, nonché di presentare confronti con prodotti semplici e noti che agevolino scelte consapevoli. Il documento definisce, inoltre, in dettaglio misure di correttezza in relazione alla determinazione del prezzo dei prodotti illiquidi; sottolinea inoltre la necessità, da parte dell intermediario, di una conoscenza approfondita delle preferenze della clientela, con particolare riguardo all orizzonte di investimento, da valutarsi autonomamente, in maniera da garantire i più adeguati consigli. La comunicazione Consob è intervenuta dopo oltre nove mesi di pubblica consultazione e si tratta di un provvedimento di notevole rilevanza destinato ad incidere profondamente sull operatività degli intermediari attivi nella distribuzione di obbligazioni bancarie, prodotti finanziari - assicurativi, quali le unit e le index linked, derivati OTC (cioè trattati over the counter, vale a dire mercati non regolamentati). La necessità di uno specifico intervento nasce dal contesto di asimmetrie informative tra intermediario e cliente che si amplificano in relazioni a tali prodotti, dalla tendenza dei clienti a sottovalutare i rischi, dalla possibilità che i canali distributivi (cioè chi colloca, vende il prodotto) siano indotti a preferire prodotti che assicurano immediati introiti sotto forma di upfront (commissioni iniziali legate alla vendita del prodotto), nonché alla situazione di criticità di funzionamento del mercato interbancario che sollecita le banche ad offrire proprie emissioni. Secondo la stampa specializzata alcuni intermediari (Fineco, Banca Fideuram) già da alcuni mesi avevano adeguato i prospetti. Le principali novità introdotte in tema di distribuzione di prodotti finanziari illiquidi: Trasparenza (evidenziazione dei costi,confronti e simulazioni, rendicontazione), Formazione del prezzo (fair value, letteralmente giusto prezzo in assenza di mercati di scambio o di scambi limitati), Consulenza (valutazione dell adeguatezza del prodotto illiquido, prodotti simili, orizzonte temporale). Le tutele per i clienti vanno da una maggiore conoscenza dei costi, ad una comparazione con un prodotto semplice e noto, sino a ricomprendere una valutazione della compatibilità temporale dell investimento per il cliente. Nostra amara considerazione: tra i titoli illiquidi rientrano certamente anche i prodotti Lehman, distribuiti peraltro da molti importanti canali (Ras, Mediolanum, Fonsai, Unipol, Banche etc) e che, a quanto ci consta, hanno causato perdite anche a diversi nostri conoscenti (MdL e non). Sarebbe stato forse il caso che il presente provvedimento fosse stato adottato almeno 1 anno fa: si chiude la stalla quando i buoi sono già usciti ovvero meglio tardi che mai? A Voi la risposta. Per una analisi più approfondita è disponibile la documentazione Consob e della stampa specializzata I Tremonti Bond Tanto tuonò che piovve! E speriamo che sia pioggia benaugurante. Finalmente, dopo oltre cinque mesi circa di gestazione e dopo che in tutto il mondo occidentale i vari Governi erano intervenuti in aiuto dei vari sistemi bancari nazionali (valgano per tutti gli esempi di Citibank 14

15 e Royal Bank of Scotland, dove, rispettivamente, i Governi USA ed inglese giocano oggi un ruolo di primissimo piano), sulla G.U. n. 55 del 7 marzo è stato pubblicato il decreto 25/02/ 09 del Min. Economia e Finanza che fissa I criteri, modalità e condizioni della sottoscrizione degli strumenti finanziari di cui allo stesso articolo (sottintendendo il riferimento all art. 12 della legge 02/09 riguardante Finanziamento dell economia attraverso la sottoscrizione pubblica di obbligazioni bancarie speciali e relativi controlli parlamentari e territoriali. Vero è che, ad oggi, il nostro sistema bancario, esclusa forse qualche rarissima eccezione, è sostanzialmente in buona salute, almeno rispetto agli altri sistemi bancari, ma è altresì vero che le nostre principali banche soffrono di patrimonializzazione (core tier1 e tier1, vedere News 4/2008 e 1/2009) relativamente bassa, rispetto agli impieghi ponderati con il proprio coefficiente di rischio, risultando così spiazzate rispetto ai competitors europei ed internazionali, anche se la salute di una banca, ferma restando l importanza del patrimonio, dipende essenzialmente dalla capacità di produrre reddito e dalla bontà dei propri crediti. La gestazione aveva avuto inizio ad ottobre con due D.L. (vedere News 4/2008) passando poi per un terzo D.L. (il cosiddetto decreto anti-crisi, emanato a fine novembre 2008, convertito con legge 02/09) per arrivare al 7 marzo quando, come si diceva, è stato emanato il decreto del MEF (peraltro, per strada, si erano perse sostanzialmente alcune misure iniziali, quali, ad esempio, il rilascio della garanzia di Stato a fronte di obbligazioni emesse dalle banche italiane poi recuperate). A fronte del via libera alla sottoscrizione, da parte del Tesoro, di obbligazioni emesse dalle banche italiane e con l obiettivo di accrescere le opportunità di finanziamento all economia, grazie alla maggiore patrimonializzazione delle banche, come contropartita, le stesse banche: A) pagheranno una cedola annuale compresa tra il 7,5 e 8,5% per i primi anni, per poi crescere gradualmente, con variazione crescente anche nella percentuale dei capitali da rimborsare; B) si impegneranno a favorire il credito alle imprese, soprattutto piccole e medie, ed alle famiglie. Più specificatamente il Tesoro richiede: a) rafforzare la dotazione del fondo di garanzia per le PMI; b) l aumento delle risorse da mettere a disposizione per il credito alle piccole e medie imprese; c) la sospensione dei pagamenti della rata di mutuo per almeno 12 mesi per i lavoratori in cassa integrazione o percettori di sussidio di disoccupazione; d) accordi per anticipare le risorse necessarie alle imprese per il pagamento della cassa integrazione; e) l adozione di un codice etico. Secondo il MEF (come evidenziato nel decreto) ed il Min. dell Interno un ruolo importante circa il controllo ed il monitoraggio era stato affidato ai Prefetti, che avrebbero dovuto inoltrare i risultati all Osservatorio Centrale. Banca d Italia (B.I.), di contro, ha riaffermato che non possono esserci interferenze da parte dell autorità governative territoriali (prefetti) nei confronti delle banche, ma sarà la Banca d Italia a fornire i dati trimestralmente ai Prefetti. Il non facile rapporto tra il Ministro Tremonti ed il Governatore della Banca d Italia si deteriora ulteriormente. È prevista una procedura con la quale le banche debbono, con preavviso di un mese, inoltrare richiesta al MEF ed a B.I. (la quale deve svolgere una istruttoria tecnica); c è la sottoscrizione tra la Banca ed il MEF di una apposita convenzione (preceduta da un protocollo quadro tra l ABI e lo stesso MEF, già sottoscritto). Spetta comunque al MEF la scelta finale sulla sottoscrizione dell ammontare da sottoscrivere, tenuto anche conto delle richieste pervenute. Ad oggi 30 marzo non ci sono in circolazione Tremonti bond a fronte della disponibilità dichiarata dal MEF di mettere a disposizione del sistema bancario italiano tra i 10 e i 12 miliardi di euro, che dovrebbero rappresentare un volano per nuovi finanziamenti al sistema economico per circa 150/170 miliardi. Tutte le grandi banche hanno dichiarato interesse per questi strumenti, alcune di esse hanno presentato richiesta, altre hanno in corso la presentazione. Ad oggi, secondo dati ufficiali e rumour, la richiesta si aggira intorno ai miliardi. Altre caratteristiche tecniche: i Tremonti bond sono obbligazioni bancarie speciali emesse dalle banche quotate che siano in sane condizioni finanziarie. Sono sottoscritte dal MEF ed hanno l obiettivo di rafforzare il capitale di vigilanza (Core tier1, tier 1) e,quindi, di favorire il credito alle famiglie ed alle imprese (in particolare PMI). Sono obbligazioni subordinate (in caso di insolvenza vengono rimborsate solo dopo gli altri debiti), ibride (in quanto sono una via di mezzo tra obbligazioni ed azioni ; sono convertibili in azioni ordinarie della banca solo su richiesta della stessa), perpetue (perché nominalmente non hanno scadenza, ma possono essere rimborsate dalla banca in qualsiasi momento). Ci sono due tipologie di obbligazioni, legate alle diverse misure iniziali del tasso di interesse (tra il 7,50 e 8,50%), alla relativa durata delle cedole (crescenti in funzione della misura iniziale e del tempo), al prezzo del rimborso (dal 105 fino al 160%). Comunque il prestito subordinato non può rendere più del 15%. Gli interessi sono corrisposti dalla banca solo in presenza di utili distribuiti (la remunerazione oltre alle misure sopra riportate può anche essere rapportata ai dividendi della banca ed al tasso di interesse agganciato ai rendimenti dei Btp a 30 anni con una mag- 15

16 giorazione, in funzione della durata). E possibile l intervento dei privati, se acquistano almeno una quota del 30% dell ammontare complessivo, di cui almeno il 20% da soggetti diversi dagli azionisti che, al momento dell emissione, detengono più del 2% del capitale della banca emittente. In quest ultimo caso, che è l opzione meno cara ed alla quale sarebbe dichiaratamente interessato l Unicredito, il rendimento deve essere superiore alla media dei rendimenti rilevati alla emissione dei Btp a 30 anni, maggiorato di almeno 200 punti base, cioè 2 punti percentuali (essendo prodotti particolarmente rischiosi anche se abbastanza remunerativi, potrebbero essere riservati solo agli investitori istituzionali in quanto le cedole verrebbero pagate solo in presenza di utile della banca, senza la cumulabilità delle stesse cedole). Per ciascuna banca l importo è contenuto nel minimo necessario rispetto agli obiettivi da conseguire e non può essere di regola superiore al 2% del valore dell insieme dell attività del Gruppo Bancario di appartenenza della banca, ponderate per il rischio. Infine la banca emittente potrà a) trasformare queste obbligazioni in azioni (a partire dal terzo anno successivo); b) rimborsarle in tutto o in parte; c) continuarle a tenere in vita. Si diceva che le grandi banche italiane ad oggi non hanno emessa alcuna obbligazione, anche se ormai hanno presentato le richieste. Noi eravamo del parere che esse non potevano non fare ricorso a tale strumento anche perché il core tier 1 delle principali banche europee (attraverso soprattutto l aiuto degli stati, anche come azionisti ordinari o privilegiati) viaggia verso il 10% mentre il primo obiettivo di quelle italiane è di raggiungere la misura del 7%. Come già evidenziato, a fronte delle citate sottoscrizioni c è un impegno delle banche di mantenere per almeno un triennio un importo di risorse non in decremento rispetto al (ovviamente secondo le banche la quantità di credito è funzione della domanda.) Le più recenti vicende sui tassi di interesse Tassi ufficiali: giovedì 5 marzo, il Consiglio Direttivo della BCE ha ridotto di 0,50 punti il tasso di rifinanziamento portandolo al minimo storico dell 1,50%: il Presidente Jean Claude Trichet ha lasciato intendere che, qualora necessario, potrebbero esserci ulteriori riduzioni già nella seduta di giovedì prossimo. In poco meno di 6 mesi, la Banca Centrale Europea, per combattere il grave rallentamento dell attività economica (per il 2009, nell eurozona, è prevista una recessione del PIL tra il 3,2 ed il 2,2%), ha diminuito il tasso di rifinanziamento di 2,75 punti percentuali, portandolo dal 4,25% all 1,50%. Lo stesso giorno, anche the Bank of England ha tagliato il costo del denaro (tasso di intervento) di un ulteriore mezzo punto portando i tassi allo 0,50%. La Banca Centrale Svizzera il 12 marzo ha abbassato di 0,25 punti percentuali il costo del denaro portando allo 0,25% l obiettivo dei tassi ufficiali, in una fascia compresa tra lo 0 e lo 0,75%. Restano invariati, invece, anche perché difficilmente comprimibili, il tasso sui Fed Funds USA (tra lo 0 e lo 0,25%, dal 16 dicembre u.s.) ed il tasso di riferimento (Giappone), fissato allo 0,10% dal 19/12/08. I BOT: all asta di metà marzo, dove sono stati assegnati titoli per 12 miliardi, il rendimento lordo dei BOT a 3 mesi è sceso all 1,08% (-0,127% dall asta precedente); gli annuali hanno pagato l 1,315% lordo (-0,059%). Al netto delle imposte e delle commissioni (massime) il rendimento netto composto (minimo) è stato dello 0,56% (per i tre mesi) e dello 0,85%, per l annuale. All asta di fine mese, che ha interessato prevalentemente gli investitori istituzionali, il BOT semestrale ha segnato un nuovo minimo storico con rendimento lordo semplice dell 1,168% (in calo dello 0,068), che per un nettista (il privato) avrebbe reso un rendimento minimo (in funzione delle commissioni applicate) dello 0,63%. Il tasso a breve pagato dal debito pubblico italiano resta superiore a quello analogo pagato da altri importanti Paesi europei (Germania, Francia, Spagna). I BTP: sempre a metà marzo per le scadenze 2013/2016/2034/2039 sono stati assegnati complessivamente BTP per circa 7,5 miliardi: i rendimenti lordi sono risultati in linea con le quotazioni di mercato (3,51% per scadenza 2013; 3,81% per scadenza 2016; 5,52% per scadenza 2034; 5,60% per scadenza 2039): gli spread dei BTP rispetto ai Bund a metà marzo erano di 112 bps (1,12 punti percentuali) per i titoli a cinque anni; 145 bps per i 10 anni; 170 bps per i 30 anni, in altre parole i titoli italiani pagano di più rispetto agli analoghi tedeschi per le misure sopra riportate. All asta di fine marzo i BTP trimestrali, cedola 3%, hanno registrato un prezzo di aggiudicazione di 101,33 e quindi con un rendimento annuo lordo del 2,54% (meno 0,40 centesimi rispetto all asta precedente). I decennali, cedola 4,50%, hanno segnato un prezzo di aggiudicazione di 101,28, con un rendimento lordo del 4,38% (meno 0,20 centesimi). Gli spread rispetto ai Bund (anche se in leggero aumento) si mantengono migliori rispetto al passato. I CTZ (i cosiddetti bottoni): gli zero coupon (cioè che non pagano cedola) pagano un rendimento lordo del 2,083% a due anni. 16

17 I CCT: i CCT dicembre 2014 emessi per un miliardo rendono il 2,02% lordo; i CCT settembre 2015 rendono il 2,10% da 2,38%, il minimo da aprile Sia per le aste dei BOT che per quelle dei BTP, CCT e CTZ, i quantitativi richiesti sono stati superiori rispetto a quelli assegnati. EURIBOR (è il parametro prevalentemente utilizzato per i mutui a tasso variabile): alla data del 30 marzo oscilla mediamente tra l 1,13% (1 mese) e l 1,52% (tre mesi); il 6 mesi quota l 1,68% (per tutti divisore 360), misure eccezionalmente basse Alcune grandezze economicofinanziarie Molti nostri lettori (MdL e non, anche perché i nostri report finanziari sono stati pubblicati oltre che dal Magistero anche da alcuni giornali locali) ci hanno chiesto di rendere stabile, soprattutto in questo periodo, questa sezione di News. Nel presente speciale, per motivi di tempo e di spazio, faremo solo un overview generale, con l impegno di ritornare nel prossimo numero (verosimilmente a metà giugno) in modo significativo sullo stato dell arte ed anche con un commento semplice sui dati pubblicati nella relazione di B.I. di fine maggio. A) alcuni dati italiani: dai dati ufficiali è risultato che nel 2008 il PIL si è ridotto dell 1%, il rapporto Deficit/PIL (anche per effetto del buon andamento nel primo semestre dell anno) si è assestato al 2,7%. Il rapporto Debito/ PIL, sempre relativo allo scorso anno, è stato del 105,8% (un valore leggermente inferiore all atteso 106%, grazie alle recenti revisioni contabile dell ISTAT, ma sempre in aumento rispetto al 2007). Nel 2008 il debito pubblico è salito a 1.663,6 miliardi, circa 65 miliardi in più rispetto al Per quanto concerne l anno in corso, molto dipenderà anche dalla misura definitiva della recessione del PIL quantificata dal governo intorno al 2%. Si ritiene, sulla base di recenti stime, che tale misura potrebbe aumentare fino al 3% ed in tal caso il rapporto Debito/PIL si fisserebbe tra il 110,5 ed il 112%. A fine gennaio 2009, il debito delle Amministrazioni ha superato la cifra di miliardi (+ 36 miliardi circa, rispetto al dato di fine 2008): tale aumento normalmente è fisiologico nella prima parte dell anno anche se B.I. ha segnalato per gennaio un calo del 5% del gettito fiscale: dovuto, in tempi di recessione, ovviamente sia alle imposte dirette (IRPEF ed IRES per effetto della caduta dei redditi) che alle indirette (IVA, Registro, legate al volume degli affari); nel nostro caso potremmo anche essere in presenza di una maggiore evasione fiscale. B) L eurozona, ed i Paesi dell est: le riunioni dell eurozona, del G7, G8, G20, (ne è previsto uno molto contestato i prossimi 1 e 2 aprile a Londra) ecc., sia a livello di Ministri finanziari sia a livello dei Capi di Stato o di Governo, sono ormai molto ricorrenti e si susseguono a ritmi, quasi, settimanali. Tutti i Paesi europei sono impegnati nell adottare misure di sostegno ai consumi (soprattutto nel settore auto, particolarmente colpito dalla fase recessiva) ed agli investimenti (soprattutto infrastrutture); manca, secondo noi, una politica comune, unica (come abbiamo altre volte evidenziato,non c è uno Stato europeo bensì una Europa di Stati, e questa differenziazione si accentua in casi di congiunture negative, anche se, nelle dichiarazioni ufficiali, le politiche adottate diventano coordinate ) e sono troppo deboli le politiche fiscali (di riduzioni delle aliquote e di politica redistributiva) in favore dei più poveri. Da parte nostra preferiamo aspettare dati ufficiali e non dare retta, invece, alle varie dichiarazioni di bottega di politici, pseudoeconomisti schierati, industriali interessati che, a seconda dei ruoli, lasciano intravedere un marcato ottimismo oppure una situazione più critica. Di certo la fase recessiva, ormai, più o meno accentuata ha colpito ormai tutta l Europa con il calo generalizzato della produzione industriale, della occupazione, dei consumi e con la crescita del debito pubblico, e con il peggioramento dei relativi ratio (rapporti), previsti dai parametri di Maastricht, a seguito delle misure adottate per far fronte alla situazione. Il vertice dei 27 tenutosi a Bruxelles nel week-end di fine febbraio-inizio marzo non ha prodotto alcuna misura concreta in favore degli ex Paesi dell est europeo, oggi nell eurozona che stanno vivendo una fase di grave crisi congiunturale, dopo una crescita significativa (principalmente in ordine decrescente Lettonia, Romania, Bulgaria, Ungheria, Polonia, Lituania, Estonia, Repubblica Ceca). C è stata una dichiarazione ufficiale circa l esigenza di una concreta solidarietà all interno della UE ed una disponibilità ad aiuti da esaminare caso per caso: alcuni primi esempi di aiuto si sono avuti nei confronti dell Ungheria, Lettonia, Romania. Accanto a questi Paesi, oggi nell eurozona, ce ne sono altri al di fuori che soffrono terribilmente, quali l Ucraina, Serbia Bielorussia. Caso a se stante è la Russia, la quale nonostante la ricchezza di materie prime energetiche (oil, gas, carbone, legnami) continua a vivere, per una serie di motivazioni, una fase involutiva con gravi ripercussioni sul rublo, sul rating, sulla congiuntura economica generale del Paese. Solo Slovenia e Slovacchia (la piccola tigre dell est Europa ), entrambe accreditate addirittura di 17

18 un rating S&P di tripla A hanno meno problemi. Meno pessimistica la situazione di Polonia, Repubblica Ceca, Ungheria. Tutti questi Paesi, dopo una fase di crescita, con ritmi di sviluppo elevati, con produzione industriale favorita dai bassi salari e quindi meta di delocalizzazione industriale da parte degli ex Stati occidentali, con buoni flussi di export soffrono oggi una fase recessiva,con grossi fabbisogni finanziari ed un ritorno al passato circa i livelli occupazionali, oltre cha ad un deprezzamento delle loro monete. Diverse Banche occidentali (ed anche l economia di Paesi della stessa area) hanno avuto e stanno avendo ripercussioni nei loro bilanci e nelle loro quotazioni borsistiche. La stessa BERS, Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo, creata nel 1991 per accompagnare la stabilizzazione delle economie dell Est, ha accusato una perdita nel bilancio 2008 per effetto della crisi delle realtà che finanzia: Stati (gli investimenti in Russia sono circa un terzo del totale), Banche (per quelle dell Europa centrorientale la Bers sta studiando un piano di ricapitalizzazione che favorisca l erogazione di finanziamenti alle imprese; per tre banche regionali russe, una georgiana, una ucraina la Bers sta intervenendo d intesa con altre istituzioni internazionali). C) Il resto del mondo: per la prima volta, dalla fine della seconda guerra mondiale, nel 2009 potrebbe non esserci crescita a livello mondiale ma un calo del PIL globale. Il mondo, ha detto Strauss- Kahn, direttore generale del FMI, è in grande recessione: la crescita mondiale quest anno rallenterà sotto lo zero, la peggiore prestazione per molti di noi. Il continuo peggioramento della situazione finanziaria globale, combinato con il calo dei consumi e della fiducia delle imprese stanno deprimendo la domanda mondiale. Accanto all Europa, l Africa è in recessione. Nel 2009 il PIL è atteso in calo del 3%, anche se la previsione appare ottimistica. In mancanza di azioni mirate e di aiuti, il continente nero potrebbe subire il disfacimento del successo sociale ed economico dell ultimo decennio, con milioni di persone che ricadranno nella povertà. Negli USA la fase recessiva dovrebbe svilupparsi per tutto il La legge di bilancio presentata per il 2010 dal Presidente Obama si basa su assunzioni economiche che prevedono per il 2009 uno scenario di recessione con il PIL a 1,2% e la disoccupazione all 8,1%. Per il 2010 si prefigura un robusto rimbalzo del PIL ed una discesa del tasso di disoccupazione. Negli States, nonostante i migliaia di mldi di dollari che i diversi piani di aiuto hanno messo a disposizione (per ultimo quello dell attuale Presidente Obama), la situazione rimane allarmante: molte banche (Citibank, per esempio, è ormai sotto il controllo di fatto,e non solo, dello Stato) ed imprese di assicurazioni (AIG) hanno continuato ad evidenziare perdite, la G.M è sull orlo del collasso e, senza ulteriori aiuti, potrebbe fallire. In tutti gli States, ormai, solo 5/6 grandi gruppi, tra i quali Exxon Mobil e Microsoft, continuano a mantenere la tripla A: è recente la perdita della tripla A da parte della mitica General Electric e della Berkshire Hathaway di Warren Buffet, che sono state degradate a doppia A, anche se nel caso Berkshire solo da Fitch. Gli USA continuano ad essere fortemente indebitati. Il debito estero è elevato richiamando l attenzione del premier cinese Wen Jiabao che ha dichiarato, in un primo momento, di essere preoccupato per la sicurezza degli investimenti cinesi negli States. Al premier cinese risponde il Segretario di Stato Usa Hillary Clinton nella richiesta di aiuto di continuare a comprare i nostri buoni (?) del Tesoro. Federico Rampini editorialista di Repubblica ed esperto di cose cinesi (ha inventato peraltro il termine Chinamerica, China+America) ricorda che il mondo, secondo la Banca Mondiale, deve ripartire da i due grandi. Vittorio Zucconi, invece, si chiede, richiamando De Gaulle, perché mai gli stessi che hanno creato il problema saprebbero risolverlo. Nel Far East, Cindia (China+India) dà un contributo importante a contenere la recessione mondiale, anche se le rispettive economie rallentano e crescono con tassi di crescita più bassi. In Cina circa 20 milioni di persone, nelle aree urbane, hanno perso il lavoro: l ingente piano di sviluppo attivato dovrebbe concretizzare i propri effetti intorno a giugno/luglio In India il PIL del 4 trimestre 08 avanza solo del 5,3%, il minimo da sei anni: il mercato si aspetta una riduzione dei tassi. Di contro in Giappone, da sempre più vicino alle economie occidentali, il PIL crolla (- 12,7%) nel IV trimestre del 2008 e la produzione industriale si riduce fortemente. Problemi anche per le ex tigri asiatiche oggi di carta. L America Latina si sente minacciata dalla recessione della economia mondiale; segnali negativi nella gran parte della regione, ad eccezione del Brasile. Anche per il Cile si intravedono opportunità. Noi siamo del parere che l eccessivo ed incontrollato sviluppo di una parte dell economia basata sui prodotti finanziari deve fare molti passi indietro e tornare all economia reale. La finanza, e noi ne eravamo già convinti durante la nostra vita lavorativa, deve essere, soprattutto nei Gruppi manifatturieri, al servizio dell industria e non centro di profitto:l utile si fa con l attività industriale. 18

19 5. IL TEMA DI NEWS 5.1. Prestito vitalizio con ipoteca sulla casa, la cessione della nuda proprietà e la cessione del quinto In tempi di crisi economica può succedere, con l augurio che non debba riguardar alcun MdL, di aver bisogno di cassa (a volte, purtroppo, per motivi di salute). Ovviamente esistono diverse possibilità per affrontare questo problema: dall aiuto dei familiari a prestiti bancari/società finanziarie (anche se con l avanzare dell età quest ultima strada diventa meno praticabile, salvo che non si forniscono garanzie reali e/o personali). Quello che sconsigliamo vivamente è il ricorso a particolari finanziamenti, che spesso moltiplicano in progressione il capitale da restituire. Come ulteriore possibilità, da ben valutare con familiari e/o esperti fidati, si può fare ricorso a: 1) prestito vitalizio con ipoteca sulla casa ; 2) cessione della nuda proprietà; 3) la cessione del quinto Il riverse mortgage In Italia prestito vitalizio ipotecario è un prodotto abbastanza diffuso nei Paesi anglosassoni (Usa, Gran Bretagna, in primis, poi Australia, Nuova Zelanda, Canadà ) e del Nord Europa ed è stato introdotto nel nostro Paese con la Legge 248/2005 (di recente, è stata introdotta anche in Francia). È un finanziamento a medio-lungo termine, assistito da garanzia ipotecaria su un immobile residenziale (dove risiede il mutuatario), concesso da banche o intermediari finanziari (iscritti nell elenco di cui all articolo 106 del TUB- Testo Unico Bancario) a persone fisiche con età superiore ai 65 anni. Finché in vita, il mutuatario non deve effettuare alcun pagamento e quindi non ci sono rate da pagare: gli interessi e le spese si capitalizzano (cioè si sommano) annualmente e verranno pagate, insieme all importo prestato, in un unica scadenza finale, dopo la morte del mutuatario,entro 12 mesi successivi (ovvero, nel caso di mutui cointestati a coppie di anziani, alla morte del coniuge più longevo). Per quanto attiene la tipologia degli immo- per la trattazione di questo punto ci siamo anche avvalsi di un articolo pubblicato su il Sole 24 orel esperto risponde del 29/12/08 bili sono ammessi tutti gli immobili con le seguenti eccezioni: a) immobili con valore inferiore a euro, rustici ed immobili non residenziali; b) immobili in zone ad elevato rischio sismico, a meno di idonea copertura assicurativa; c) immobili gravati da vincoli paesaggistici, idrogeologici, o senza concessione edilizia. I reverse mortgage, a cui si fa riferimento, possono avere tre diverse forme tecniche, con possibilità di combinazione delle stesse in un unico prodotto: a) vitalizio, il debitore riceve dalla banca finanziatrice pagamenti periodici (di solito mensili, ma possono essere anche trimestrali, annuali); b) prestito in un unica soluzione, il debitore riceve il capitale tutto insieme, normalmente all inizio del rapporto; c) apertura di credito, il beneficiario ha a disposizione una linea di credito da utilizzare secondo una tempistica e per importi a suo piacere. L ammontare del prestito, inizialmente concesso, dipende da tre fattori: a) il valore dell immobile, tanto più elevato è il valore dell immobile tanto maggiore è l entità del prestito; b) l età del proprietario, tanto più anziano è il debitore, tanto maggiore è il prestito concesso,perché si presume che il prestito duri di meno (in caso che la proprietà sia cointestata, viene presa in considerazione l età del soggetto più giovane); c) il livello dei tassi, tanto più alti sono i tassi tanto è minore l importo del prestito. Il prestito vitalizio può essere sia a tasso fisso sia tasso variabile (in questo ultimo caso è possibile che venga richiesta un assicurazione, per far fronte alla variabilità). Secondo la prassi in essere da parte di alcuni intermediari creditizi italiani, l importo del finanziamento va mediamente dal 17 al 50%; l importo minimo deve essere almeno pari a 20 mila euro, l importo massimo 350 mila (trattasi ovviamente di condizioni che possono variare). Abbiano visto che fino a quando il debitore è in vita non è tenuto ad alcun tipo di rimborso: il prestito dovrà essere rimborsato in un unica soluzione dagli e- redi del mutuatario entro i dodici mesi successivi alla sua scomparsa, eventualmente anche utilizzando i proventi derivanti della vendita dell immobile. Qualora il debitore non avesse eredi, o questi non procedessero al rimborso, il debito verrebbe estinto con la vendita dell immobile. In alcuni casi l importo a carico degli eredi è limitato al ricavato della vendita dell abitazione. Il prestito va rimborsato anche se l immobile cessa di essere l abitazione principale del debitore ovvero l immobile sia venduto a terzi. Il rischio per il finanziatore è in relazione a: 1) longevità del mutuatario, che può essere superiore alla media; 2) la variazione dei tassi di interesse; 3) la variazione dei prezzi del mercato immobiliare. Il prestito vitalizio con ipoteca ha costi una tantum (perizia, legali, istruttoria ecc.) e costi ricorrenti (assicurazione, interessi, ecc.), in tutto o in parte finanzia- 19

20 ti. Comportano, normalmente, che l operazione, a parità di condizione, abbia un costo effettivo globale più elevato rispetto alle normali operazione di mutuo dalle quali si differenzia. Nella operazione la proprietà dell immobile resta in capo al debitore, che è pertanto responsabile della cura dell immobile affinché non perda valore: il mancato rispetto di questi obblighi può essere causa di recesso del creditore Nuda proprietà Possiamo intendere un caso di proprietà privata alla quale non si accompagna un diritto reale di godimento del bene cui è relativa. Tipicamente si riferisce a beni immobili ed altrettanto tipicamente è la condizione della proprietà menomata dalla vigenza di un diritto di usufrutto sul bene. Sebbene il caso più noto si riferisca ad immobili adibiti ad uso di abitazione, può aversi nuda proprietà in tutti i tipi di beni sui quali siano possibili accensioni di gravame d uso. Al cessare del gravame che menoma la piena proprietà, ad esempio all estinzione dell usufrutto, la nuda proprietà si riunisce ipso facto ai diritti complementari, ricostituendo la pienezza potestativa. Da un punto di vista di disciplina giuridica della nuda proprietà, essa si ricava dalla disciplina della proprietà, per differenza da quella emanata per l usufrutto. Il venditore della nuda proprietà potrebbe essere individuato in una coppia di persone anziane,senza eredi, che stiano attraversando una condizione economica non soddisfacente. Riservandosi l usufrutto sull immobile (e quindi il godimento del bene), potrebbero procedere alla vendita della nuda proprietà ricavandone mezzi finanziari per affrontare meglio gli anni fino a quando sono in vita. Alla loro morte, il neo-titolare (acquirente) della nuda proprietà diventa anche titolare del diritto di usufrutto, e quindi proprietario dell immobile. Di contro l acquirente potrebbe essere un padre che acquista la nuda proprietà di un immobile in modo da destinarlo in futuro, cioè alla morte del venditore, ad abitazione del figlio. L acquirente potrebbe anche essere un investitore che, non comprando la proprietà, non vuole aumentare i propri redditi ovvero non vuole gestire un contratto di locazione. Riportiamo di seguito alcune attenzioni da seguire nella compravendita della nuda proprietà. a) rivolgersi ad un agente immobiliare e quindi ad un notaio, esperto di conoscenze fiscali, perché il contratto comporta tutta una serie di implicazioni giuridiche, fiscali e di prezzo; b) nel prezzo di compravendita della nuda proprietà influiscono diversi fattori, quali il valore pieno (usufrutto e nuda proprietà) dell immobile che dipende dalla grandezza, ubicazione, stato di conservazione dell immobile, dall età del venditore/i, al numero dei venditori che si riservano l usufrutto: ovviamente meno sono gli anni in cui, si presume, durerà l usufrutto tanto maggiore è il valore della nuda proprietà; c) più elevata è l età del venditore (ovvero meno buone sono le sue condizioni di salute) tanto più avrà valore la nuda proprietà; d) venduta la nuda proprietà, l ex-proprietario conserva l usufrutto, che dà il diritto di disporre del bene finché è in vita, potendolo, normalmente, anche affittare ma senza mutarne le condizioni d uso. Sono a suo carico, di solito, le spese di manutenzione ordinaria, mentre sono a carico del nudo proprietario le spese straordinarie. L usufruttuario dovrebbe pagare l Irpef e l ICI (ma trattandosi normalmente di abitazione principale queste imposte oggi non sono dovute). Il nudo proprietario, si ritiene, è tenuto a pagare l imposta sull atto di compravendita sul valore imponibile, determinato dal valore della proprietà piena meno il valore dell usufrutto; quindi l imposta di Registro (le aliquote sono le stesse a quella della vendita dell intera proprietà) si paga al momento della separazione tra nuda proprietà ed usufrutto e non al momento del ricongiungimento; e) il valore dell usufrutto (da detrarre al valore pieno, per determinare il valore della nuda proprietà) varia, come si è visto, in funzione dell età dei beneficiari (normalmente, nel nostro caso, chi vende la nuda proprietà): si moltiplica il valore dell intera proprietà per il tasso (di solito è il tasso legale per le questioni giuridico-fiscali, il tasso di mercato per la determinazione del prezzo) e si ottiene la rendita annua. Questa viene moltiplicata per un coefficiente, corrispondente all età anagrafica, e si determina il valore dell usufrutto Cessione del quinto. L articolo 13 bis della legge n. 80/2005 e la circolare INPS n. 91/2007 disciplinano la concessione della trattenuta del quinto della pensione per l estinzione dei prestiti contratti dai pensionati. In sintesi: sono autorizzati alla concessione dei prestiti con cessione del quinto le Banche e gli Intermediari finanziari iscritti nell elenco generale che, prima della concessione del prestito, devono richiedere un accreditamento presso l INPS, firmando anche una apposita convenzione; il pensionato, prima della stipula del contratto di cessione, deve richiedere alla Sede dell INPS, che ha in carica la sua pensione, il rilascio della comunicazione di cedibilità; 20

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Informativa ONB Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari... 2 3 Ambito oggettivo

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO

LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO COME COMPILARE IL MODELLO UNICO E PAGARE LE IMPOSTE INDICE 1. I NON RESIDENTI 2 Chi sono i non residenti 2 Il domicilio fiscale in Italia dei non residenti

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI Modello 730/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 INTRODUZIONE 1. Perché conviene il Modello 730 2 2. Modello 730 precompilato 2 3. Modello 730 ordinario (non precompilato) 4 4.

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/204 redditi 203 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it COMUNE DI CELLE LIGURE PROVINCIA DI SAVONA VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it Ufficio Entrate Tributarie e Tariffarie A decorrere

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Come noto, l'imu sostituisce, in caso di immobili non locati, l'irpef e relative addizionali riguardanti i redditi fondiari. Il Mod. 730/2013, è stato di conseguenza

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

Roma, 21 maggio 2014. Alle Direzioni regionali e provinciali

Roma, 21 maggio 2014. Alle Direzioni regionali e provinciali CIRCOLARE N. 11/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 maggio 2014 Alle Direzioni regionali e provinciali Agli Uffici dell Agenzia delle entrate OGGETTO: Questioni interpretative in materia di IRPEF prospettate

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA Gli aggiornamenti più recenti agevolazioni prima casa e utilizzo del credito d imposta detrazione interessi passivi sui mutui per l acquisto dell abitazione principale acquisto di fabbricati ristrutturati

Dettagli

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef Direzione Generale per il terzo settore e le formazioni sociali Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef PREMESSA Fonti normative dell

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti Premessa L IMU comporta un forte aumento del prelievo patrimoniale sugli immobili (pari al 233% dell ICI) gran parte del quale va a beneficio

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Negli ultimi mesi lo scenario europeo ha avuto un'evoluzione nuova e positiva. I margini di flessibilità del Fiscal Compact sono

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 dicembre 2007, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dal Senato e modificato dalla Camera

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli