Le dimensioni del gioco d azzardo legale e illegale L usura collegata

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le dimensioni del gioco d azzardo legale e illegale L usura collegata"

Transcript

1 Le dimensioni del gioco d azzardo legale e illegale L usura collegata Tavola Rotonda USURA - AZZARDO - ECONOMIA - PERSONA Lunedì 17 febbraio Camera di Commercio di Bari Presentazione della ricerca Maurizio Fiasco

2 Il panorama generale Come si presenta la condizione delle famiglie e delle imprese tradizionalmente esposte al rischio di usura Com è definito tale rischio: dalle istituzioni, dalla società, dall opinione pubblica Dallo sconvolgimento degli equilibri finanziari si generano spazi nuovi per l illegalità L usura agisce come una leva per la concentrazione / sottrazione di patrimoni Sia alle famiglie e sia alle imprese 2

3 L usura nella Grande depressione Una nuova rimozione collettiva? Lo sconvolgimento degli equilibri finanziari occasione per aggredire proprietà, asset, riserve e risorse all economia produttiva L usura agisce come una leva per sottrarre e concentrare La criminalità sfrutta la domanda di denaro sprigionata dalla crisi insinuandosi all interno di gravi anomalie nei rapporti creditizi e in quelli business to business Raccogliendo e organizzando l offerta capillare di prestiti a usura La distribuzione del gioco d azzardo nel territorio condiziona Le economie locali La condizione delle famiglie 3

4 L esposizione delle famiglie al sovraindebitamento e all usura La sofferenza delle famiglie per i debiti ha superato i limiti di un mero e ordinario problema di assistenza e cioè l ambito di semplici misure da predisporre per una parte, relativamente limitata, della popolazione, sia pur con provvidenze speciali come quelle previste nella legge 108 del La pena per difficoltà economiche è divenuta un fenomeno che coinvolge fasce crescenti della società italiana: famiglie povere, famiglie di lavoratori a reddito fisso, imprese famigliari, ceti intermedi (compresi alcuni delle professioni) e persino aziende personali di piccola e media grandezza. Si è in tal modo generato un collegamento tra la sofferenza intrafamigliare e le pesanti difficoltà che contrassegnano la struttura della nostra economia, con il corollario di impressionanti disfunzioni sociali e nella stessa organizzazione finanziaria e creditizia. Non è più giustificata l opinione che descrive l Italia come un paese dove mentre cresce il debito dello Stato e prosegue la crisi economica vi è, per contro, una maggioranza di famiglie che risparmiano e che dispongono di una base patrimoniale solida. In Europa, le famiglie italiane attualmente sono agli ultimi posti per capacità di accantonare porzioni di reddito corrente ai primi posti per disoccupazione-inoccupazione giovanile (NEET) ai primi posti per aumento delle insolvenze per le esecuzioni immobiliari sulle abitazioni private 4

5 Indebitamento delle famiglie secondo Banca d Italia Fonte: Banca d Italia L indebitamento e la vulnerabilità delle famiglie nelle Regioni italiane (giugno 2013) 5

6 Debito delle famiglie (dati trimestrali; in percentuale del reddito disponibile lordo) Fonte: Banca d Italia Bollettino economico n. 1 (gennaio ) 6

7 Occupazione (numeri indice; anno 2006=100) Europa Italia Fonte: elaborazioni su dati Istat, Rilevazione sulle forze di lavoro 7

8 Da dove e come il mercato nero del denaro? Perché l esposizione delle imprese all usura? 1 1. Diminuzione dei ricavi e dei margini di proporzioni e di durata per passivo pluriennale di gestione, mancato ammortamento di investimenti, lievitazione dei costi del credito di esercizio 2. Razionamento e definitiva esclusione dall accesso al credito erogato dalle istituzioni ufficiali, per una condotta «ordinaria» o per «contraccolpo» di inefficienze e patologie in banche e società finanziarie locali 3. Ripetuti insuccessi nel fronteggiare la crisi aziendale e gravi ritardi nelle decisioni di ristrutturare o interrompere l attività 4. Accumulazione di crediti in sofferenza e di irrecuperabili insolvenze da partner in affari, da clienti e da pubblica amministrazione 5. Fragilità strutturale dell impresa per grave sottopatrimonializzazione e per mancata separazione tra i beni personali familiari e quelli dell azienda 8

9 Da dove e come il mercato nero del denaro? Perché l esposizione all usura? 2 6. Presenza operativa in un mercato locale fortemente influenzato dalla criminalità comune (danneggia il patrimonio materiale dell impresa) organizzata (aggredisce direttamente l attività produttiva con estorsioni o intimidazioni) specializzata (incide con truffe e frodi aziendali) economica (manipola il mercato del credito e dei finanziamenti e condiziona la PA) 7. Attività inserita in segmenti di mercato dove ha incidenza la concorrenza sleale di operatori del sommerso e con margini operativi in nero. 9

10 Area del basso rischio. Confronto Meno di 20 italiani su 100 risiedono In province con minimo indebitamento patologico e rischio di usura delle imprese Tutte nei territori centro-settentrionali e settentrionali del Paese Comparsa del rischio di usura Anche in aree a forte valore aggiunto da economia reale Penalizzato il manifatturiero che produce per mercato interno Crisi dell impresa strutturata e specializzata. 10

11 Sofferenze bancarie valori in mln di euro Anno Variaz. % 2012/2009 TOTALE ,79 11

12 Sofferenze bancarie, numero di affidati Anni Anno Variaz. % TOTALE ,45 12

13 Vulnerabilità all usura nelle province (2012) Classifica complessiva Tonalità scure = posizione migliore I valori attribuiti alle province di recente istituzione sono stati riattribuiti a quelle di provenienza per esigenze di comparabilità tra tutte le fonti statistiche 13

14 Confronto Variazione classifica delle singole province 14

15 Le «venticinque» in alto e in basso nella graduatoria (ranking) Rank Prime 25 mill.mi Rank Ultime 25 mill.mi 1 Bolzano Avellino Sondrio Catanzaro Cuneo Bari Belluno Siracusa Trento Agrigento Parma Benevento Piacenza Campobasso Treviso Cosenza Asti Palermo Mantova Frosinone Lodi Foggia Ravenna Sassari Aosta Brindisi Cremona Latina Trieste Taranto Gorizia Crotone Verona Messina Vicenza Catania Rovigo Salerno Udine Vibo Valentia Biella Trapani Reggio Emilia Caltanissetta Siena Reggio Calabria Padova Caserta Pordenone Napoli

16 Indicatori Criminologici Prime 25 province in singole graduatorie Indicatori Finanziari Indicatori Sociali Indicatori Economici Province Rank Province Rank Province Rank Province Rank Belluno 1 Bolzano 1 Trieste 1 Bolzano 1 Asti 4 Sondrio 2 Bolzano 3 Cuneo 2 Biella 5 Mantova 3 Padova 8 Sondrio 3 Rovigo 6 Ravenna 4 Ravenna 9 Trento 4 Lodi 7 Trento 5 Reggio Emilia 10 Aosta 5 Cuneo 9 Cremona 6 Gorizia 11 Belluno 6 Aosta 10 Lodi 7 Parma 13 Piacenza 7 Treviso 11 Cuneo 9 Verona 14 Asti 8 Bolzano 12 Parma 10 Vicenza 15 Verona 9 Gorizia 14 Treviso 14 Piacenza 16 Parma 10 Parma 19 Reggio Emilia 15 Treviso 20 Udine 15 Pordenone 20 Piacenza 16 Pordenone 21 Ravenna 16 Trento 23 Siena 17 Siena 22 Vicenza 18 Mantova 25 Udine 18 Cuneo 27 Rovigo 19 Cremona 26 Trieste 19 Udine 28 Mantova 20 Sondrio 29 Verona 20 Biella 33 Reggio Emilia 22 Udine 33 Vicenza 22 Cremona 34 Cremona 24 Padova 34 Pordenone 26 Mantova 35 Lodi 25 Piacenza 35 Padova 27 Rovigo 36 Siena 28 Siena 37 Belluno 28 Trento 42 Treviso 30 Vicenza 38 Aosta 32 Asti 43 Trieste 32 Verona 43 Gorizia 38 Belluno 45 Padova 36 Reggio Emilia 48 Asti 43 Lodi 57 Gorizia 45 Ravenna 50 Rovigo 55 Sondrio 59 Biella 46 Trieste 79 Biella 59 Aosta 62 Pordenone 56 16

17 Ultime 25 province in singole graduatorie Indicatori Criminologici Indicatori Finanziari Indicatori Sociali Indicatori Economici Province Rank Province Rank Province Rank Province Rank Avellino 53 Catanzaro 66 Catanzaro 58 Campobasso 61 Benevento 66 Bari 67 Palermo 68 Agrigento 66 Sassari 67 Palermo 69 Campobasso 73 Benevento 67 Siracusa 68 Siracusa 74 Messina 74 Vibo Valentia 71 Latina 75 Brindisi 75 Cosenza 78 Foggia 74 Cosenza 77 Foggia 76 Siracusa 79 Crotone 81 Frosinone 81 Catania 77 Bari 80 Frosinone 82 Bari 82 Salerno 78 Catania 81 Brindisi 83 Taranto 83 Messina 79 Reggio Calabria 84 Salerno 86 Brindisi 84 Latina 82 Caltanissetta 85 Sassari 88 Agrigento 87 Sassari 85 Napoli 86 Catanzaro 89 Palermo 89 Avellino 86 Crotone 88 Caserta 90 Foggia 90 Frosinone 87 Avellino 89 Trapani 91 Crotone 91 Caltanissetta 88 Agrigento 90 Latina 92 Messina 93 Taranto 89 Taranto 91 Avellino 93 Catanzaro 94 Napoli 91 Frosinone 93 Bari 94 Campobasso 95 Campobasso 92 Foggia 94 Cosenza 95 Salerno 96 Vibo Valentia 93 Trapani 95 Catania 96 Trapani 97 Agrigento 94 Salerno 97 Taranto 97 Caserta 98 Cosenza 96 Vibo Valentia 98 Messina 98 Reggio Calabria 99 Trapani 99 Latina 99 Reggio Calabria 99 Catania 100 Crotone 100 Benevento 100 Siracusa 100 Caltanissetta 101 Caserta 101 Brindisi 101 Caltanissetta 101 Vibo Valentia 102 Benevento 102 Sassari 102 Palermo 102 Napoli 103 Reggio Calabria 103 Caserta 103 Napoli

18 Incidenza degli indicatori criminologici 18

19 Indicatori finanziari 19

20 Indicatori sociali - graduatoria 20

21 Indicatori economici Graduatoria 21

22 La condizione delle famiglie produttrici Squilibri nel valore medio del credito accordato nelle diverse Province Segmento sensibile delle famiglie produttrici Società semplici Dualismi territoriali molto netti Elaborazione su file di dati della Banca d Italia 22

23 Le prime 23

24 e le ultime, da 7 a 10 volte inferiore al dato migliore Vistosamente sotto il valore medio nazionale 24

25 Prestiti bancari alle imprese per classe dimensionale (dati mensili; variazioni percentuali sui 12 mesi) (1) Imprese non finanziarie. Dati corretti per l effetto contabile delle cartolarizzazioni. I prestiti includono i pronti contro termine e le sofferenze. I dati sono corretti per gli effetti di riclassificazioni. (2) Società in accomandita semplice e in nome collettivo, società semplici, società di fatto e imprese individuali con meno di 20 addetti. 25

26 Oltre quattro anni di silenzio istituzionale L ultima autorità che ha indicato l insorgenza dell usura: l allora Governatore Mario Draghi alla Commissione Antimafia (21 luglio 2009) Fra gli ostacoli che, in varie e vaste aree del Paese, frenano il tasso di crescita vi sono organizzazioni criminali aggressive, pervasive, opprimenti. Durante la crisi le imprese vedono inaridirsi i flussi di cassa e vedono cadere il valore di mercato del proprio patrimonio. Entrambi i fenomeni rendono le imprese più facilmente aggredibili da parte della criminalità organizzata. Anzitutto - ma non solo - attraverso l esercizio dell usura, nelle sue diverse configurazioni[1]. [1] XVI Legislatura, Commissione parlamentare d inchiesta sul fenomeno della mafia, Audizione del Governatore della Banca d'italia, Mario Draghi, 21a seduta: mercoledì 22 luglio

27 Esortazioni del Capo dello Stato il 2 giugno, il 30 ottobre e nel messaggio di fine anno 27

28 Tragedie dell isolamento degli imprenditori 28

29 Suicidi per motivi economici Una stima non ufficiale (*) Aree geografiche Anno Nord-Est Nord- Ovest Centro Sud Isole ITALIA Condizione dichiarata o presunta Anno Imprenditori Disoccupati Altri (per debiti) (*) Link Campus University, Roma - febbraio 29

30 L esortazione di Papa Francesco 30

31 Il gioco d azzardo Conseguenza sociali ed economiche Dimensioni dell illegalità

32 Il volume tra il 1994 e il 2013 Il consumo di gioco d azzardo passa da 7 miliardi di (prezzi attuali) a oltre 90 Assorbe oltre il 10 per cento della spesa complessiva delle famiglie per i beni primari e secondari della vita quotidiana Il dato non esaurisce il fenomeno dell impiego di reddito nell alea. Occorre sommarvi la parte non registrata : Una quota non risulta perché sono stati alterati i meccanismi del gioco autorizzato (disconnessione-manomissione delle slot machine e delle VLT, stampa e vendita di tagliandi contraffati delle lotterie istantanee ) Un altra parte riguarda l azzardo che si svolge in totale clandestinità 32

33 Quanto si gioca d azzardo in Italia? In termini di denaro In tempo dedicato dalle persone A. Quanto vale il denaro? Che significato ha oggi nel nostro Paese? Dove lo si destina? A cosa è finalizzato B. Quanto vale il tempo di vita? Che senso ha il tempo di vita? Come qualifica le relazioni con noi stessi e con il nostro «altro significativo» (famiglia, lavoro, vicinato, istituzioni) 33

34 Aggiornamento elaborato su dati AGIMEG 34

35 Dati di sintesi della spesa e della ripartizione Pay out - Entrate erariali, Margini per la "filiera" (concessionari-gestori) Anno Consumo Erario Filiera % Erario % Filiera Consumo p.c ,75 19,49 336, ,06 15,61 607, ,05 12,09 721, ,29 14,3 809, ,19 14,7 922, ,77 14, , ,81 12,9 1326, ,50 10,2 1475,00 Aggiornamento elaborato su dati AGIMEG 35

36 Consumo di gioco d azzardo in rapporto al PIL 36

37 Consumo di gioco d azzardo in rapporto al PIL 37

38 Quanto vale in tempo di vita «investito» in azzardo? Tipo di gioco NewSlot: 28 miliardi di ripetizioni di gioco Tempo globale impiegato dalla popolazione Ore Tempo di durata del singolo divertimento Durata media della singola operazione: 6 secondi VLT: 5 miliardi di ripetizioni di gioco Ore Durata media della singola operazione: 6 secondi Gratta e Vinci: 2 miliardi e 200 milioni ripetizioni di gioco Ore Durata media della singola operazione: 60 secondi Giochi on line: 15 miliardi ripetizioni di gioco Giochi tradizionali (lotto, scommesse, superenalotto) : 3 miliardi e 500 milioni ripetizioni di gioco Ore Ore Durata media della singola operazione: 40 secondi Durata media della singola operazione: 240 secondi Totale operazioni di gioco: 49 miliardi di operazioni di gioco Ore Giornate lavorative:

39 Il sommerso del gioco d azzardo L offerta capillare rende impossibile il sufficiente controllo delle illegalità (Relazione del luglio 2011 della Commissione Antimafia) Il business sul "ricavare poco dai molti, piuttosto che incassare molto dai pochi spostato l attenzione malavitosa dalle bische clandestine al controllo sul territorio delle attività formalmente legali Direttamente (accaparramento di concessioni) Indirettamente (imposizione della protezione estorsiva ai gestori, bilanciandola con la garanzia di non ricevere danni collaterali ) Si ripetono i casi di manipolazione delle procedure amministrative per il rilascio delle autorizzazioni Gestione di una rete di punti di contatto (per la raccolta delle scommesse, per le sale bingo, per i locali dedicati alle slot-machine) per compiere operazioni di riciclaggio di denaro: il contante, in grandi quantità, affluisce/defluisce per vie incontrollabili; Manomissione delle apparecchiature e per l'approvazione dei software degli strumenti informatici: per queste condotte occorrono sanzioni adeguate, e non semplici contravvenzioni Dalla sinergia legale-illegale deriva, infine, un prelievo illegale del reddito da parte della criminalità, che aggiunge un ulteriore fattore di svantaggio per l Italia 39

40 La criminalità e lo Stato e la cronaca 40

41 41

42 SINERGIA TRA LEGALE E ILLEGALE L USURA Ampliamento della platea dei giocatori 42 Utilità marginali per il settore illegale Aumento/diversificazione delle persone coinvolte Finanziamento usurario dei giocatori 42

43 43 SINERGIA TRA LEGALE E ILLEGALE - L USURA (2) L illegale alimenta il legale fornendo la motivazione per giustificare l introduzione di nuovi giochi Il legale alimenta l illegalel ampliando la popolazione che entra in contatto con l offerta criminale 43

44 L internità del gioco al tessuto sociale Impossibile un sufficiente controllo di legalità, di tipo amministrativo e di pubblica sicurezza E più profittevole ricavare poco dai molti, che molto dai pochi l attenzione malavitosa ai profitti si sposta dalle modalità elitarie (bische clandestine, allibramento ) alle attività formalmente legali. direttamente (accaparramento di licenze per slot machine e punti di scommesse, di corner per gioco on line nei locali) indirettamente (protezione estorsiva a migliaia di gestori) Manipolazione delle procedure amministrative per il rilascio delle autorizzazioni a soggetti contigui o associati alla criminalità 44

45 Somme giocate per singola slot machine Scostamenti dai valori registrati nella media nazionale 45

46 La stima del non registrato Al sud ci sono meno slot, ma il giocato medio per istallazione (che dovrebbe essere più elevato: il volume si distribuisce, difatti, in numeri più piccoli di apparecchi) è nettamente più basso. La propensione all'azzardo (calcolata in rapporto al reddito disponibile procapite) non è però molto distante da quella delle altre Regioni riguardo al complesso degli altri giochi di alea. Il vistoso scostamento si presta dunque a essere approfondito, anche per la sollecitazione che deriva dalle molte decine di casi di irregolarità emerse alle cronache nell'ultimo anno: quasi ogni giorno compaiono degli esempi di apparecchi manomessi, disconnessi e altrimenti alterati sia per iniziativa di gestori non inseriti in associazioni criminali e sia, più di frequente, dall'organizzazione criminale sul territorio. Dove gli apparecchi per abitante sono di meno, dovrebbe risultare un ricavato medio per slot maggiore, considerato la quota di reddito procapite che definisce la propensione al gioco. Se a meno slot corrisponde meno giocato - vistosamente meno - per apparecchio, vi è molto probabile una porzione di apparecchi in stato di disconnessione dal sistema che registra i movimenti. Il valore medio Italia è di 6,6 apparecchi per 1000 abitanti. Il valore massimo è di 13,9, quello minimo è di 3,3. 46

47 L usura è tornata a essere una sofferenza dimenticata perché vi è il diniego pressoché integrale della condizione di sovraindebitamento di famiglie e imprese perché vi è la rinuncia a un efficiente regolazione del comparto dei crediti e dei finanziamenti perché permane il doppio messaggio di un irrazionale ampliamento dell economia patologica del gioco d azzardo 47

48 Le frontiere della difesa dall usura Priorità ai comparti dell economia che crea valore e occupazione Orientamenti e discipline al mercato dei crediti e dei finanziamenti, pur dopo le completate privatizzazioni e concentrazioni delle ex banche d interesse pubblico Monitoraggio dell approfittamento affaristico e delinquenziale dello stato di crisi finanziaria delle imprese Prossimità delle istituzioni di sicurezza pubblica alle persone indotte a indebitarsi a usura nel tessuto delle città e dei centri agricoli Riconoscimento e vero sostegno alle Fondazioni e alle Associazioni antiusura selezionate e valutate quanto a reale capacità e efficienza di servizio. Abbandono di pseudo soluzioni simboliche Programmazione di un ritorno dal consumo industrializzato di massa del gioco d azzardo Incoraggiamento alla ricostruzione del Capitale Sociale Familiare Procedure di effettivo esdebitamento delle famiglie Provvedimenti urgenti per impedire la prosecuzione di procedure di indebitamento, formalmente lecito, ma patologico 48

49 Considerazioni conclusive Nel corso di venti anni la condizione delle famiglie con insostenibili debiti e bilanci gravemente deficitari si è evoluta fino a rappresentare con un impressionante volume di sofferenze umane una vera ipoteca per lo sviluppo sociale, per l economia nazionale e per i rapporti tra lo Stato e i cittadini. Per essere chiari: gli episodi di disperazione estrema che colpiscono operai e impiegati licenziati, commercianti e artigiani in fallimento, piccoli imprenditori con azienda in crisi e in debiti, non sono più casi isolati, ma l evidenza tragica di un vasto e complesso fenomeno nazionale. Che interpella le responsabilità di tutti: dei singoli, delle istituzioni legislative e governative, dei rappresentanti dell economia e della finanza. Finora solo la Chiesa Cattolica ha mostrato di intendere le profonde implicazioni di questa crisi, sollecitando le persone di buona volontà a rifiutare il pessimismo e a operare. L appello di Papa Francesco invita anche ad affrontare la psicologia della crisi e a sconfiggere quell ottusità cognitiva e volitiva che trova, per l appunto, nel pessimismo un alibi per non fare, per non decidere, per esonerarsi dall impegno e dalla responsabilità. La sofferenza delle famiglie per i debiti, in altri termini, ha superato i limiti di un mero e ordinario problema di assistenza e cioè l ambito di semplici misure da predisporre per un parte, relativamente limitata, della popolazione, sia pur con provvidenze speciali come quelle previste nella legge 108 del La pena per difficoltà economiche è divenuta un fenomeno che coinvolge fasce crescenti della società italiana: famiglie povere, famiglie di lavoratori a reddito fisso, imprese famigliari, ceti intermedi (compresi alcuni delle professioni) e persino aziende personali di piccola e media grandezza. Si è in tal modo generato un collegamento tra la sofferenza intrafamigliare e le pesanti difficoltà che contrassegnano la struttura della nostra economia, con il corollario di impressionanti disfunzioni nella organizzazione finanziaria e creditizia. 49

AGIMEG Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco

AGIMEG Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco http://www.agimeg.it/?p=2768 AGIMEG Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco Giochi 2012, Milano la provincia dove si è giocato di più. In sole 4 province finisce il 25% delle giocate Sul podio anche

Dettagli

Grafico 1: Distribuzione % premi del lavoro diretto italiano 2011

Grafico 1: Distribuzione % premi del lavoro diretto italiano 2011 GRAFICI STATISTICI Grafico 1: Distribuzione % premi del lavoro diretto italiano 211 RAMI VITA - Premi lordi contabilizzati per ramo di attività e per tipologia di premio: 73.869 milioni di euro Malattia,

Dettagli

Foglio1. Totale Alberghiere 384570 Agrigento

Foglio1. Totale Alberghiere 384570 Agrigento Totale Alberghiere 384570 Agrigento Totale Complementari 51828 Agrigento/Caltanissetta Totale Alberghiere 286547 Agrigento/Caltanissetta/Enna Totale Complementari 13157 Totale Alberghiere 339585 Alessandria

Dettagli

Indagine dell Osservatorio periodico sulla fiscalità locale IMU: IL 17 SETTEMBRE LA 2 RATA DELLA PRIMA CASA

Indagine dell Osservatorio periodico sulla fiscalità locale IMU: IL 17 SETTEMBRE LA 2 RATA DELLA PRIMA CASA Indaginedell Osservatorioperiodicosullafiscalitàlocale dellauilserviziopoliticheterritoriali IMU:IL17SETTEMBRELA2 RATADELLAPRIMACASA STANGATINAAUTUNNALEDA44EUROMEDICONPUNTEDI154EURO ADOGGI34CITTA CAPOLUOGOHANNOAUMENTATOL

Dettagli

COMPARTO AZIENDE MONOPOLI DI STATO RILEVAZIONE DELEGHE 31 DICEMBRE 2002

COMPARTO AZIENDE MONOPOLI DI STATO RILEVAZIONE DELEGHE 31 DICEMBRE 2002 COMPARTO AZIENDE MONOPOLI DI STATO RILEVAZIONE DELEGHE 31 DICEMBRE 2002 SCHEDA N. 1 - MONOPOLI DI STATO Amministrazione Comune Provincia n. dipendenti al 31.12.2002 n. deleghe al 31.12.2002 schede da compilare

Dettagli

Persone alloggiate presso strutture ricettive di tipo alberghiero ed extra-alberghiero

Persone alloggiate presso strutture ricettive di tipo alberghiero ed extra-alberghiero Cod. ISTAT INT 00066 Settore di interesse: Industria, costruzioni e servizi: statistiche settoriali Persone alloggiate presso strutture ricettive di tipo alberghiero ed extra-alberghiero Titolare: Dipartimento

Dettagli

AGRIGENTO Ass. Amministrativo 584 561 23 2 ALESSANDRIA Ass. Amministrativo 332 307 25 2 ANCONA Ass. Amministrativo 451 380 71 5 AREZZO Ass. Amministrativo 337 270 67 5 ASCOLI PICENO Ass. Amministrativo

Dettagli

La classifica finale. classifica finale ecosistema Urbano XXi edizione

La classifica finale. classifica finale ecosistema Urbano XXi edizione La classifica finale classifica finale ecosistema Urbano XXi edizione 1 Verbania 85,61% 36 Aosta 54,42% 71 Grosseto 45,88% 2 Belluno 74,49% 37 Bergamo 54,07% 72 Prato 45,51% 3 Bolzano 70,65% 38 Modena

Dettagli

Numero eventi di malattia per classe di durata dell'evento in giorni e settore - Anni 2012 e 2013

Numero eventi di malattia per classe di durata dell'evento in giorni e settore - Anni 2012 e 2013 Numero certificati di malattia per settore - Anni 2012 e 2013 2012 2013 Var. % 2012/2013 Settore privato 11.738.081 11.869.521 +1,1 Settore pubblico 5.476.865 5.983.404 +9,2 Totale 17.214.946 17.807.925

Dettagli

Il credit crunch nell economia italiana e per le piccole imprese

Il credit crunch nell economia italiana e per le piccole imprese 17 giugno 2013 Il credit crunch nell economia italiana e per le piccole imprese I dati desk sul credito alle imprese Dall avvento della crisi (dal 2008 in poi) l andamento dei prestiti alle imprese italiane

Dettagli

CASE DI LUSSO AL TOP A FIRENZE E GENOVA

CASE DI LUSSO AL TOP A FIRENZE E GENOVA CASE DI LUSSO AL TOP A FIRENZE E GENOVA Degli oltre 74.400 immobili di lusso presenti in Italia che garantiscono alle casse dei Comuni poco più di 91 milioni di euro all anno di Imu, Firenze e Genova sono

Dettagli

ALLEGATO 1 Ripartizione delle sale «Bingo» per provincia

ALLEGATO 1 Ripartizione delle sale «Bingo» per provincia Decreto Direttoriale 16 novembre 2000 Approvazione del piano di distribuzione territoriale delle sale destinate al gioco del Bingo. (G.U. 29 novembre 2000, n. 279, S.O.) Art. 1-1. È approvato l'allegato

Dettagli

1,5% Infrastrutture di base Indice di infrastrutture economiche

1,5% Infrastrutture di base Indice di infrastrutture economiche PRATO Valori medi 21-25 della media 1999-23 e 2-24. (Italia = 1) Umano e le politiche per migliorare il (Siemens-Ambrosetti, 23) Lucca, Siena, PratoArezzo, Livorno Massa Carrara, Pistoia Pisa Grosseto

Dettagli

3) Contributi integrativi volontari di cui all art.4 del D.P.R. N.1432/1971. a) Operai agricoli a tempo determinato;

3) Contributi integrativi volontari di cui all art.4 del D.P.R. N.1432/1971. a) Operai agricoli a tempo determinato; Versamenti volontari del settore agricolo - Anno 2005 (Inps, Circolare 29 luglio 2005 n. 98) Si illustrano di seguito le modalità di calcolo, per l anno in corso, dei contributi volontari relative alle

Dettagli

Quasi 55 miliardi sono però tornati nelle tasche degli italiani sotto forma di vincite. Nelle casse dell'erario oltre 9 miliardi

Quasi 55 miliardi sono però tornati nelle tasche degli italiani sotto forma di vincite. Nelle casse dell'erario oltre 9 miliardi Fonte 15-12-2011 ore 12:31 - sb GIOCHI: 2011 RECORD, RACCOLTA A 76 MLD Quasi 55 miliardi sono però tornati nelle tasche degli italiani sotto forma di vincite. Nelle casse dell'erario oltre 9 miliardi Ancora

Dettagli

+5,7% l aumento degli imprenditori stranieri nell ultimo anno I numeri dell imprenditoria straniera.

+5,7% l aumento degli imprenditori stranieri nell ultimo anno I numeri dell imprenditoria straniera. +5,7% l aumento degli imprenditori stranieri nell ultimo anno La sempre maggiore presenza di imprese gestite da stranieri rappresenta un ostacolo per gli imprenditori italiani, ma il vero problema rimane

Dettagli

Elenco distretti relativi all'anagrafe delle scuole 2009-2010

Elenco distretti relativi all'anagrafe delle scuole 2009-2010 Abruzzo Chieti DISTRETTO 009 Abruzzo Chieti DISTRETTO 010 Abruzzo Chieti DISTRETTO 011 Abruzzo Chieti DISTRETTO 015 Chieti Conteggio 4 Abruzzo L'Aquila DISTRETTO 001 Abruzzo L'Aquila DISTRETTO 002 Abruzzo

Dettagli

UFFICI DIREZIONE GENERALE

UFFICI DIREZIONE GENERALE OPERAZIONE TRASPARENZA (LEGGE 18 GIUGNO 2009, N. 69) DATI RELATIVI AI TASSI DI ASSENZA E PRESENZA DEL PERSONALE Maggio 2011 Assenze (Ore) 37.475,60 Area Assenze (Ore) ABRUZZO CASA SOGGIORNO PESCARA 252,10

Dettagli

Mailing List FEDERAZIONE NAZIONALE DEI MAESTRI DEL LAVORO D ITALIA. MAILING LIST (Agenda Indirizzi di Posta Elettronica aggiornata al 1 giugno 2013)

Mailing List FEDERAZIONE NAZIONALE DEI MAESTRI DEL LAVORO D ITALIA. MAILING LIST (Agenda Indirizzi di Posta Elettronica aggiornata al 1 giugno 2013) Mailing List FEDERAZIONE NAZIONALE DEI MAESTRI DEL LAVORO D ITALIA MAILING LIST (Agenda Indirizzi di Posta Elettronica aggiornata al 1 giugno 2013) Consolati Regionali Consolati Provinciali Indirizzo Posta

Dettagli

-5,2% di lavoratori domestici stranieri dal 2010 al 2011. L 80% dei lavoratori in questo settore rimane comunque non italiano.

-5,2% di lavoratori domestici stranieri dal 2010 al 2011. L 80% dei lavoratori in questo settore rimane comunque non italiano. -5,2% di lavoratori domestici stranieri dal 2010 al 2011. L 80% dei lavoratori in questo settore rimane comunque non italiano., 43 anni, 27 ore di lavoro a settimana per un totale di 35 dichiarate con

Dettagli

Numero di Banche in Italia

Numero di Banche in Italia TIDONA COMUNICAZIONE Analisi statistica Anni di riferimento: 2000-2012 Tidona Comunicazione Srl - Via Cesare Battisti, 1-20122 Milano Tel.: 02.7628.0502 - Fax: 02.700.525.125 - Tidonacomunicazione.com

Dettagli

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2011

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2011 ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2011 A CURA DELL AREA PROFESSIONALE STATISTICA FEBBRAIO 2012 A.G. ANDAMENTO MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA

Dettagli

IN ARRIVO LO SPAURACCHIO TASI: CON LA PRIMA RATA DI GIUGNO I COMUNI INCASSERANNO 2,3 MILIARDI DI EURO

IN ARRIVO LO SPAURACCHIO TASI: CON LA PRIMA RATA DI GIUGNO I COMUNI INCASSERANNO 2,3 MILIARDI DI EURO IN ARRIVO LO SPAURACCHIO TASI: CON LA PRIMA RATA DI GIUGNO I COMUNI INCASSERANNO 2,3 MILIARDI DI EURO Con la scadenza della prima rata della Tasi prevista per il prossimo 16 giugno, i Comuni incasseranno

Dettagli

IMU: PENALIZZATI I PENSIONATI E I LAVORATORI DIPENDENTI E PENSIONATI, SALVAGUARDATI I SOLITI IGNOTI

IMU: PENALIZZATI I PENSIONATI E I LAVORATORI DIPENDENTI E PENSIONATI, SALVAGUARDATI I SOLITI IGNOTI : PENALIZZATI I PENSIONATI E I LAVORATORI DIPENDENTI E PENSIONATI, SALVAGUARDATI I SOLITI IGNOTI. ABITAZIONE PRINCIPALE DA 33 A 133 MEDI EURO L ANNO. SECONDE CASE SCONTI IN 59 CITTA PER I REDDITI MEDIO

Dettagli

Confartigianato lancia l allarme sommerso: in Italia 640.000 abusivi

Confartigianato lancia l allarme sommerso: in Italia 640.000 abusivi Confartigianato lancia l allarme sommerso: in Italia 640.000 abusivi Calabria e Crotone maglia nera per il lavoro irregolare Primato positivo per Emilia Romagna e Bolzano L economia sommersa arruola un

Dettagli

OGGETTO: Domanda di ammissione al piano straordinario di assunzioni a tempo. Il/la sottoscritto/a. nato/a a, Prov, il / /, residente in, C.F.

OGGETTO: Domanda di ammissione al piano straordinario di assunzioni a tempo. Il/la sottoscritto/a. nato/a a, Prov, il / /, residente in, C.F. RACCOMANDATA A/R Spett. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA in persona del ministro pro tempore Viale Trastevere 76/A 00153 - ROMA Ufficio Scolastico Regionale di OGGETTO: Domanda

Dettagli

A cura del Servizio politiche Territoriali della UIL TARIFFA RIFIUTI (TARI): IN 4 ANNI AUMENTI MEDI DEL 32,4% (3,3% TRA IL 2014 E 2015)

A cura del Servizio politiche Territoriali della UIL TARIFFA RIFIUTI (TARI): IN 4 ANNI AUMENTI MEDI DEL 32,4% (3,3% TRA IL 2014 E 2015) A cura del Servizio politiche Territoriali della UIL TARIFFA RIFIUTI (TARI): IN 4 ANNI AUMENTI MEDI DEL 32,4% (3,3% TRA IL 2014 E ) NEL IL COSTO MEDIO DELLA TARI E DI 296 EURO, CON UN AUMENTO DI 10 EURO

Dettagli

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Cod. ISTAT INT 00012 AREA: Ambiente e Territorio Settore di interesse: Ambiente Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Titolare: Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso

Dettagli

Personale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Personale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Cod. ISTAT INT 00024 AREA: Mercato del lavoro Settore di interesse: Mercato del lavoro Personale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Titolare: Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico

Dettagli

INPS - Circolare 22 novembre 2007, n. 128

INPS - Circolare 22 novembre 2007, n. 128 INPS - Circolare 22 novembre 2007, n. 128 Oggetto: Versamenti volontari del settore agricolo - anno 2007. Sommario: 1) Lavoratori agricoli dipendenti 2) Coltivatori diretti, mezzadri e coloni e imprenditori

Dettagli

Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute

Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute ABRUZZO Case di cura / Ospedali / Day-Surgery CHIETI e provincia L'AQUILA e provincia PESCARA e provincia Centri diagnostici /Poliambulatori/Studi

Dettagli

SINTESI DELLO STUDIO

SINTESI DELLO STUDIO SINTESI DELLO STUDIO CARO AFFITTI E COSTO PER LA CASA: DIFFICOLTA DA RISOLVERE Maggio 2009 Nel II semestre 2008 le famiglie italiane per pagare l affitto della casa in cui vivono hanno impiegato il 26,4%

Dettagli

Fermo Potenza Firenze Prato Fonte: UIL Servizio Politiche Territoriali

Fermo Potenza Firenze Prato Fonte: UIL Servizio Politiche Territoriali LA MAPPA DELLE CITTA DOVE IL 16 OTTOBRE SI PAGHERA L ACCONTO TASI CITTA CITTA CITTA Agrigento Foggia Ragusa Alessandria Gorizia Ravenna Ascoli Piceno Grosseto Reggio Calabria Asti Imperia Rieti Avellino

Dettagli

Abruzzo Basilicata Calabria. Reggio Calabria. Vibo Valentia. Grado di istruzione / Classe di concorso

Abruzzo Basilicata Calabria. Reggio Calabria. Vibo Valentia. Grado di istruzione / Classe di concorso Chieti L'Aquila Pescara Teramo Matera Potenza Catanzaro Cosenza Crotone 3 7 3 5 6 4 5 7 6 A03 CHIMICA E TECNOLOGIE CHIMICHE A06 COSTRUZIONI E TECNICO A07 DISCIPLINE ECONOMICO-AZIENDALI 3 A09 DISCIPLINE

Dettagli

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013)

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013) I Contratti di Rete Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013) I contratti di rete Il monitoraggio sui Contratti di rete di Unioncamere, su dati Infocamere, mette in

Dettagli

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento al 31 dicembre 2014)

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento al 31 dicembre 2014) I Contratti di Rete Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento al 31 dicembre 2014) Il monitoraggio di Unioncamere sui Contratti di rete, su dati Infocamere, mette in luce che al 31 dicembre

Dettagli

SPECIALE "UN ANNO DI GIOCHI IN ITALIA": VOLANO POKER ONLINE E BINGO, MA SONO LE NEWSLOT A FARE IL MERCATO (2)

SPECIALE UN ANNO DI GIOCHI IN ITALIA: VOLANO POKER ONLINE E BINGO, MA SONO LE NEWSLOT A FARE IL MERCATO (2) SPECIALE "UN ANNO DI GIOCHI IN ITALIA": A FINE ANNO GLI ITALIANI AVRANNO SPESO OLTRE 60,8 MILIARDI PER DARE LA CACCIA ALLA FORTUNA. ALL'ERARIO QUASI 9 MILIARDI DI EURO (1) Un altro anno record per il mercato

Dettagli

Abruzzo Chieti 2 Abruzzo L' Aquila 2 Abruzzo Pescara 0 Abruzzo Teramo Totale Abruzzo. 12 Basilicata Matera 0 Basilicata Potenza Totale Basilicata

Abruzzo Chieti 2 Abruzzo L' Aquila 2 Abruzzo Pescara 0 Abruzzo Teramo Totale Abruzzo. 12 Basilicata Matera 0 Basilicata Potenza Totale Basilicata Mobilità professionale personale ATA profilo professionale DSGA Destinatari dei corsi di di cui all'art. 7 CCNI 3.12.29 - art. 1, comma 2, sequenza contrattuale 25.7.28 - (ex art. 48 CCNL/27) DSGA Personale

Dettagli

Le comunità straniere residenti in Italia 2002-2008

Le comunità straniere residenti in Italia 2002-2008 Università degli Studi G. d Annunzio Facoltà di Lingue e Letterature Straniere - Laboratorio di Geografia Gerardo Massimi Le comunità straniere residenti in Italia 2002-2008 Elaborazioni su dati di fonte

Dettagli

DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI ED IL TRASPORTO INTERMODALE

DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI ED IL TRASPORTO INTERMODALE Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI ED IL TRASPORTO INTERMODALE Direzione Generale per la Motorizzazione Centro Elaborazione Dati Ufficio Statistiche ESITI

Dettagli

FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI

FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI ABRUZZO - MOLISE UFFICIO ISPETTIVO DI PESCARA Pescara, Chieti, L'Aquila, Teramo, Campobasso, Isernia Via Latina n.7 -. 65121 Pescara Telefono 06 5793.3110

Dettagli

- DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO -

- DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO - - DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO - DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO Previnet è in grado di mettere a disposizione dei propri clienti un network

Dettagli

I primi effetti delle misure sul credito: dopo TLTRO e QE una prima inversione di tendenza

I primi effetti delle misure sul credito: dopo TLTRO e QE una prima inversione di tendenza 8 giugno 2015 I primi effetti delle misure sul credito: dopo TLTRO e QE una prima inversione di tendenza Premessa: quadro dei dati desk e andamento del credit crunch Dall avvento della crisi economica

Dettagli

PRESENZE/ASSENZE DEL PERSONALE NEL MESE DI SETTEMBRE 2013

PRESENZE/ASSENZE DEL PERSONALE NEL MESE DI SETTEMBRE 2013 D.C. OSSERVATORIO MERCATO IMMOBILIARE E SERVIZI ESTIMATIVI AREA OSSERVATORIO MERCATO IMMOBILIARE UFFICIO GESTIONE BANCA DATI QUOTAZIONI OMI 80,00% 20,00% D.C. OSSERVATORIO MERCATO IMMOBILIARE E SERVIZI

Dettagli

idealista, crescono i rendimenti nel settore immobiliare

idealista, crescono i rendimenti nel settore immobiliare idealista, crescono i rendimenti nel settore immobiliare Nello scenario peggiore tutti i prodotti immobiliari fruttano il doppio dei Btp a 10 anni (2%) In Italia l investimento in immobili è sempre più

Dettagli

OGGETTO: Verbale di Accordo del 16 luglio 2009 - inserimenti sportelleria.

OGGETTO: Verbale di Accordo del 16 luglio 2009 - inserimenti sportelleria. Risorse Umane ed Organizzazione Relazioni Industriali Alle Segreterie Nazionali delle OO.SS. SLC-CGIL SLP-CISL UIL-POST FAILP-CISAL CONFSAL. COM.NI UGL-COM.NI Roma, 2 dicembre 2009 OGGETTO: Verbale di

Dettagli

c o m u n i c a t o s t a m p a

c o m u n i c a t o s t a m p a .0 c o m u n i c a t o s t a m p a Unioncamere, occupazione: nel 2009 più opportunità per laureati e diplomati Laureati in Economia e ragionieri, pur calando di numero, mantengono la prima posizione nella

Dettagli

REGIONE UFFICIO INCARICO LIVELLO

REGIONE UFFICIO INCARICO LIVELLO ABRUZZO DR ABRUZZO AREA DI STAFF AL DIRETTORE REGIONALE ABRUZZO DR ABRUZZO CENTRO DI ASSISTENZA MULTICANALE DI PESCARA ABRUZZO DR ABRUZZO DIRETTORE REGIONALE AGGIUNTO 1 ABRUZZO DR ABRUZZO UFFICIO ACCERTAMENTO

Dettagli

Il fabbisogno abitativo Rinnovata emergenza

Il fabbisogno abitativo Rinnovata emergenza Il fabbisogno abitativo Rinnovata emergenza 2 Rapporto Famiglia-reddito-casa A cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Novembre 2008 1 INDICE Nota introduttiva pag. 3 Dati demografici pag. 4 Tabella

Dettagli

DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DICEMBRE 2010

DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DICEMBRE 2010 La produzione di rifiuti urbani in Italia DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DICEMBRE 2010 L Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva, ha svolto per la quarta annualità un indagine

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI SEDI ELETTORALI RSU DELL AUTOMOBILE CLUB d ITALIA

PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI SEDI ELETTORALI RSU DELL AUTOMOBILE CLUB d ITALIA PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI SEDI ELETTORALI RSU DELL AUTOMOBILE CLUB d ITALIA Le Delegazioni dell Amministrazione e delle sottoscritte Organizzazioni Sindacali, riunitesi il giorno 19 settembre 2007

Dettagli

cmg FIRE ATTITUDE ABRUZZO BASILICATA ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo

cmg FIRE ATTITUDE ABRUZZO BASILICATA ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo ABRUZZO ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo Tel.: 338 7339896 mail: fabrizio.andriano@gmail.com BASILICATA DANIELE RAFFAELE & FIGLI sas Provincia: Potenza Tel.: 335 6226928 mail:

Dettagli

L INDICE DEL RISCHIO DI POVERTA LOCALE. Rapporto concluso sulla base delle informazioni statistiche disponibili al 29-05-2009

L INDICE DEL RISCHIO DI POVERTA LOCALE. Rapporto concluso sulla base delle informazioni statistiche disponibili al 29-05-2009 L INDICE DEL RISCHIO DI POVERTA LOCALE Luglio 2009 Una analisi per i comuni capoluogo di provincia PUBBLICAZIONI Monografia A cura di Rapporto concluso sulla base delle informazioni statistiche disponibili

Dettagli

Rapporto UIL su IMU e TASI 2016 a cura del Servizio Politiche Territoriali della UIL

Rapporto UIL su IMU e TASI 2016 a cura del Servizio Politiche Territoriali della UIL Rapporto UIL su IMU e TASI 2016 a cura del Servizio Politiche Territoriali della UIL IL 16 GIUGNO SI VERSA L ACCONTO DELL IMU E DELLA TASI PER GLI IMMOBILI DIVERSI DALL ABITAZIONE PRINCIPALE: QUASI 25

Dettagli

Po Città. Fonte: Legambiente, Ecosistema Urbano (Comuni, dati 2013) Elaborazione: Ambiente Italia

Po Città. Fonte: Legambiente, Ecosistema Urbano (Comuni, dati 2013) Elaborazione: Ambiente Italia CLASSIFICA CAPOLUOGHI ECOSISTEMA URBANO XXI edizione Dei 26 parametri Ecosistema da quest anno ne prende in considerazione 18. Il set di indicatori è composto ora da tre indici sulla qualità dell aria

Dettagli

107/2015 e al D.D.G. 767/2015 Diffida ad adempiere.

107/2015 e al D.D.G. 767/2015 Diffida ad adempiere. RACCOMANDATA A/R Spett. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA in persona del ministro pro tempore Viale Trastevere 76/A 00153 - ROMA OGGETTO: Domanda di ammissione alle Fasi del piano

Dettagli

Competenza territoriale per le province di Ancona, Ascoli Piceno, Pesaro e Urbino, Macerata,

Competenza territoriale per le province di Ancona, Ascoli Piceno, Pesaro e Urbino, Macerata, ALESSANDRIA Competenza territoriale per le province di Alessandria, Asti Via A. Gramsci, 2 15121 Alessandria Tel. 0131/316265 e-mail: alessandria.r.dipartimento@inail.it-posta certificata: alessandriaricerca@postacert.inail.it

Dettagli

OSSERVATORIO SULLA QUALITÀ DELLA VITA DELLE IMPRESE

OSSERVATORIO SULLA QUALITÀ DELLA VITA DELLE IMPRESE OSSERVATORIO SULLA QUALITÀ DELLA VITA DELLE IMPRESE La struttura imprenditoriale Report 2 / 2012 1862-2012 150 anni per lo sviluppo Camera di Commercio Forlì-Cesena UFFICIO STATISTICA E STUDI OSSERVATORIO

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 11

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 11 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ITALIA POPOLAZIONE Cose da sapere VOLUME 1 CAPITOLO 11 A. Le idee importanti l L Italia è uno Stato con 20 regioni e 103 province l In Italia ci sono molte città. Le

Dettagli

SCHEDA DI ADESIONE AL PROGETTO LINGUE 2000 ANNO SCOLASTICO 2000/2001 (da inviare al Provveditorato entro il 30/09/2000)

SCHEDA DI ADESIONE AL PROGETTO LINGUE 2000 ANNO SCOLASTICO 2000/2001 (da inviare al Provveditorato entro il 30/09/2000) Lettera circolare n 195/2000 Allegato 1/1 SCHEDA DI ADESIONE AL PROGETTO LINGUE 2000 ANNO SCOLASTICO 2000/2001 (da inviare al Provveditorato entro il 30/09/2000) 1. DATI GENERALI DELLA SCUOLA DATI ANAGRAFICI

Dettagli

RISTORANTI ETNICI. Quanti sono e dove sono?

RISTORANTI ETNICI. Quanti sono e dove sono? L INFLUSSO DELLA CUCINA ETNICA SULLE ABITUDINI ALIMENTARI DEGLI ITALIANI L integrazione alimentare coinvolge di più i giovani e i residenti al Nord e al Centro A Milano, Prato e Trieste la maggiore presenza

Dettagli

Consumo carburanti (litri procapite) % autovetture cilindrata > 2.000 cc 20.511,2 2.725 1.134 519,1 7,33 61,71 5,89 0,41 0,44

Consumo carburanti (litri procapite) % autovetture cilindrata > 2.000 cc 20.511,2 2.725 1.134 519,1 7,33 61,71 5,89 0,41 0,44 LA CLASSIFICA REGIONALE Il confronto tra reddito disponibile e i sette indicatori di consumo nel 2008 Posizione REGIONI Reddito disponibile (euro procapite) Consumi alimentari (euro) Consumo energia elettrica

Dettagli

Elettori e sezioni elettorali

Elettori e sezioni elettorali Cod. ISTAT INT 00003 AREA: Popolazione e società Settore di interesse: Struttura e dinamica della popolazione Elettori e sezioni elettorali Titolare: Dipartimento per gli Affari Interni e territoriali

Dettagli

Elenco dei numeri dei conti correnti "Poste italiane Proventi di Filiale..." da utilizzare per l'acquisto di Stampati con recapito a domicilio

Elenco dei numeri dei conti correnti Poste italiane Proventi di Filiale... da utilizzare per l'acquisto di Stampati con recapito a domicilio AGRIGENTO 306928 POSTE ITALIANE SPA FILIALE AGRIGENTO - PROVENTI DI FILIALE IT75P0760116600000000306928 ALBA 15674286 POSTE ITALIANE SPA FILIALE ALBA PROVENTI FILIALE IT89P0760110200000015674286 ALESSANDRIA

Dettagli

ADDIZIONALI COMUNALI: POSSIBILI AUMENTI DI 52 EURO ANNUI PRO CAPITE.

ADDIZIONALI COMUNALI: POSSIBILI AUMENTI DI 52 EURO ANNUI PRO CAPITE. ADDIZIONALI COMUNALI: POSSIBILI AUMENTI DI 52 EURO ANNUI PRO CAPITE. TAGLIANDO DEL 30% I COSTI DELLA POLITICA DEI COMUNI SI TROVEREBBERO RISORSE PER 900 MILIONI PER ATTENUARE IL CARICO FISCALE PER LAVORATORI

Dettagli

Cooperative: 70mila quelle attive, quasi la metà al Sud A guidarle 360mila amministratori: il 20% sono donne

Cooperative: 70mila quelle attive, quasi la metà al Sud A guidarle 360mila amministratori: il 20% sono donne Unione Italiana delle Camere di Commercio Industria, Artigianato e Agricoltura c o m u n i c a t o s t a m p a Cooperative: 70mila quelle, quasi la metà al Sud A guidarle 360mila amministratori: il 20%

Dettagli

6 mesi dall'entrata in vigore del presente regolamento

6 mesi dall'entrata in vigore del presente regolamento Allegato 1 Data limite entro cui la Provincia, in assenza del Comune capoluogo di provincia, convoca i Comuni dell ambito per la scelta della stazione appaltante e da cui decorre il tempo per un eventuale

Dettagli

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Cod. ISTAT INT 00012 AREA: Ambiente e Territorio Settore di interesse: Ambiente Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Titolare: Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso

Dettagli

Roma 14 maggio 2004. Il Dirigente UGenerale. Agli Uffici Provinciali Loro Sedi. Ai Dirigenti degli Uffici Centrali e Provinciali Loro Sedi

Roma 14 maggio 2004. Il Dirigente UGenerale. Agli Uffici Provinciali Loro Sedi. Ai Dirigenti degli Uffici Centrali e Provinciali Loro Sedi Roma 14 maggio 2004 DIREZIONE GENERALE VIA A. BALLARIN 42 00142 ROMA Il Dirigente UGenerale II Agli Uffici Provinciali Ai Dirigenti degli Uffici Centrali e Provinciali Agli Enti iscritti all INPDAP (tramite

Dettagli

CRISI Confartigianato: La crisi del credito costa alle imprese 13,8 miliardi l anno

CRISI Confartigianato: La crisi del credito costa alle imprese 13,8 miliardi l anno NOTA PER LA STAMPA Roma, 17 aprile 2009 CRISI Confartigianato: La crisi del credito costa alle imprese 13,8 miliardi l anno Le imprese italiane pagano un prezzo sempre più alto per la crisi del credito:

Dettagli

affittare casa è sempre più conveniente, prezzi giù -4,7% nel 2014

affittare casa è sempre più conveniente, prezzi giù -4,7% nel 2014 affittare casa è sempre più conveniente, prezzi giù -4,7% nel 2014 il prezzo medio ora è di 8,4 euro al metro quadro cali generalizzati nei principali centri: bene padova (1,6), tengono meglio roma (0,1%)

Dettagli

Giacomo Sacco CARICHI E SOVRACCARICHI

Giacomo Sacco CARICHI E SOVRACCARICHI Giacomo Sacco CARICHI E SOVRACCARICHI 1 Se g 1 è il peso proprio (carico permanente strutturale) e g 2 il carico permanente non strutturale e q il carico variabile, il carico sulla struttura si calcola:

Dettagli

I PARCHI D ITALIA REGIONE PER REGIONE

I PARCHI D ITALIA REGIONE PER REGIONE I PARCHI D ITALIA REGIONE PER REGIONE Piemonte Parchi in totale 87 Provincia di Torino 30 Provincia di Alessandria 5 Provincia di Asti 6 Provincia di Biella 6 Provincia di Cuneo Provincia di Novara Provincia

Dettagli

Codice Iban Descrizione Conto Sede o Ufficio di Riferimento

Codice Iban Descrizione Conto Sede o Ufficio di Riferimento 000013255112 IT-48-J-07601-10400-000013255112 INPDAP CONTRIBUTI VARI ALESSANDRIA 000012080636 IT-47-Q-07601-02600-000012080636 INPDAP CONTRIBUTI VARI ANCONA 000011499654 IT-90-Y-07601-03600-000011499654

Dettagli

L USURA: QUANDO IL CREDITO È NERO EURISPES: L IRU (INDICE DI RISCHIO USURA) TRACCIA

L USURA: QUANDO IL CREDITO È NERO EURISPES: L IRU (INDICE DI RISCHIO USURA) TRACCIA COMUNICATO STAMPA L USURA: QUANDO IL CREDITO È NERO EURISPES: L IRU (INDICE DI RISCHIO USURA) TRACCIA UNA MAPPA DELL ITALIA In un contesto socio-economico di difficoltà, come è quello attuale, i fenomeni

Dettagli

La produzione di rifiuti urbani in Italia

La produzione di rifiuti urbani in Italia La produzione di rifiuti urbani in Italia DOSSIER 1 RIFIUTI OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE APRILE 2010 L Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva, ha svolto per la terza annualità un indagine

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO DELIVERY POINTS STRADE NOVEMBRE, 2011

SCHEDA PRODOTTO DELIVERY POINTS STRADE NOVEMBRE, 2011 SCHEDA PRODOTTO DELIVERY POINTS STRADE NOVEMBRE, 2011 INDICE INDICE... 2 1 LA BANCA DATI CAP DELIVERY POINTS STRADE... 3 1.1 SCHEMA DEI DATI... 4 1.2 DESCRIZIONE DELLE TABELLE... 5 Strade... 5 Versione...

Dettagli

Distribuzione per provincia, regione e ordine scuola del contingente di 35.000 nomine per l'a.s. 2005/06. Personale docente ed educativo

Distribuzione per provincia, regione e ordine scuola del contingente di 35.000 nomine per l'a.s. 2005/06. Personale docente ed educativo Distribuzione per provincia, regione e ordine scuola del di 35.000 nomine per l'a.s. 2005/06. Personale doce ed educativo Provincia Scuola infanzia Scuola primaria Scuola secondari a di I grado Scuola

Dettagli

SMART CITY INDEX. La misurazione del livello di «smartness» Marco Mena

SMART CITY INDEX. La misurazione del livello di «smartness» Marco Mena SMART CITY INDEX La misurazione del livello di «smartness» Marco Mena Lo Smart City Index Al fine di misurare il livello di smartness di una città, Between ha creato lo Smart City Index, un ranking delle

Dettagli

PAGINE GIALLE. Roma, marzo 2006

PAGINE GIALLE. Roma, marzo 2006 PAGINE GIALLE Roma, marzo 2006 0 Per il 2006 è in corso il rinnovo dell accordo con SEAT. A tal riguardo Poste Italiane provvederà ad assicurare l intera distribuzione e raccolta dei set. Tale processo

Dettagli

Per i residenti di Torino: Potete portare l'oggetto Toshiba da riparare presso il nostro laborat orio, enza l'appuntamento nei orari di apertura.

Per i residenti di Torino: Potete portare l'oggetto Toshiba da riparare presso il nostro laborat orio, enza l'appuntamento nei orari di apertura. Riparazioni in garanzia: Per poter usufruire dell'assistenza tecnica in garanzia, il cliente deve contattare la sede Toshiba Italy Srl tramite il numero a pagamento messo a disposizione. 199... Gestione

Dettagli

PREVENZIONE E SOCCORSO

PREVENZIONE E SOCCORSO ANNUARIO DELLE STATISTICHE UFFICIALI DEL MINISTERO DELL INTERNO - ed. 215 a cura dell Ufficio Centrale di Statistica Cod. ISTAT INT 12 Settore di interesse: AMBIENTE E TERRITORIO Titolare ATTIVITÀ DI SOCCORSO

Dettagli

Condizioni tecniche ed economiche relative alla sperimentazione Postatarget Creative Sperimentale

Condizioni tecniche ed economiche relative alla sperimentazione Postatarget Creative Sperimentale Condizioni tecniche ed economiche relative alla sperimentazione Postatarget Creative Sperimentale EDIZIONE SETTEMBRE 2010 INDICE 1 CARATTERISTICHE DELLA SPERIMENTAZIONE... 3 2 CONDIZIONI DI ACCESSO ALLA

Dettagli

UNIVERSITÀ G. d ANNUNZIO FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Dipartimento di Studi Filosofici, Storici e Sociali - Laboratorio di Geografia

UNIVERSITÀ G. d ANNUNZIO FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Dipartimento di Studi Filosofici, Storici e Sociali - Laboratorio di Geografia 1 UNIVERSITÀ G. d ANNUNZIO FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Dipartimento di Studi Filosofici, Storici e Sociali - Laboratorio di Geografia Gerardo Massimi Le attività d interesse per il turismo

Dettagli

SUD, SVIMEZ: QUALITA PA MASSIMA IN TOSCANA, MINIMA IN CALABRIA

SUD, SVIMEZ: QUALITA PA MASSIMA IN TOSCANA, MINIMA IN CALABRIA Roma, 13 gennaio 2016 SUD, SVIMEZ: QUALITA PA MASSIMA IN TOSCANA, MINIMA IN CALABRIA Dal 2004 al 2012 Toscana e provincia di Firenze al top in Italia per qualità delle istituzioni La SVIMEZ: riforma PA

Dettagli

Ai Signori Presidenti Collegi dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati LORO SEDI

Ai Signori Presidenti Collegi dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati LORO SEDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Roma, 28 febbraio 2014 prot. n. 1479 Ai Signori Presidenti Collegi dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati

Dettagli

DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE FEBBRAIO 2012

DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE FEBBRAIO 2012 La produzione di rifiuti urbani in Italia DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE FEBBRAIO 2012 L Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva, ha svolto per la quinta annualità un indagine

Dettagli

IL DIRETTORE. VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle dogane;

IL DIRETTORE. VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle dogane; Prot. n. 29228 IL DIRETTORE VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165; VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle

Dettagli

CARICHI NEVE E VENTO

CARICHI NEVE E VENTO Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zanghì CARICHI NEVE E VENTO AGGIORNAMENTO 25/10/2011 CARICO NEVE (NTC2008-3.4) Il carico neve si considera agente in direzione verticale

Dettagli

Case, prezzi degli affitti in aumento nel secondo trimestre 2015

Case, prezzi degli affitti in aumento nel secondo trimestre 2015 Case, prezzi degli affitti in aumento nel secondo trimestre 2015 Dopo un ulteriore incremento dell 1% il prezzo medio in Italia si attesta a 8,5 euro al mese Forti oscillazioni nei centri minori, pressoché

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali Direzione Generale per gli Studi, la Statistica

Dettagli

PROGETTO A CURA DELLA FIGC - SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO. 2013 Tutti i diritti riservati.

PROGETTO A CURA DELLA FIGC - SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO. 2013 Tutti i diritti riservati. PROGETTO A CURA DELLA FIGC - SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO 2013 Tutti i diritti riservati. i valori scendono in campo È un percorso formativo che unisce e valorizza tante e differenziate attività. Un

Dettagli

Studi e ricerche sull economia dell immigrazione. Ingresso degli stranieri in Italia Anno 2010. Estratto dal

Studi e ricerche sull economia dell immigrazione. Ingresso degli stranieri in Italia Anno 2010. Estratto dal Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Ingresso degli stranieri in Italia Anno 2010 Estratto dal Rapporto annuale sull economia dell immigrazione, edizione 2011 edito da Il Mulino Introduzione

Dettagli

c o m u n i c a t o s t a m p a

c o m u n i c a t o s t a m p a c o m u n i c a t o s t a m p a MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LE CAMERE DI COMMERCIO ANNO Imprese, nel la torna ai livelli del 2007 (+0,75%) 45mila le imprese

Dettagli

Asili nido comunali Dossier a cura dell Osservatorio prezzi & tariffe di Cittadinanzattiva. Roma, Giugno 2014

Asili nido comunali Dossier a cura dell Osservatorio prezzi & tariffe di Cittadinanzattiva. Roma, Giugno 2014 Asili nido comunali Dossier a cura dell Osservatorio prezzi & tariffe di Cittadinanzattiva Premessa Roma, Giugno 2014 Gli asili nido comunali rappresentano un servizio rivolto alla prima infanzia (0-3

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. Prospetto Informativo on line

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. Prospetto Informativo on line MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Prospetto Informativo on line Ricevuta del prospetto Soggetto che effettua la comunicazione 011 - Consorzi e Gruppi di imprese (art. 31, d.lgs. 276/2003)

Dettagli

La Presidente della FNCO Miriam Guana

La Presidente della FNCO Miriam Guana FEDERAZIONE NAZIONALE DEI COLLEGI DELLE OSTETRICHE P.za Tarquinia, 5/D - 00183 Roma tel. 067000943 fax 067008053 e-mail: presidenza@pec.fnco.it - web: www.fnco.it Orario apertura linea telefonica: dal

Dettagli

Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano

Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano A cura dell Area Professionale Statistica L Automobile Club d Italia produce ormai da molti anni la pubblicazione Localizzazione degli Incidenti

Dettagli

AMBITI del 1 RAGGRUPPAMENTO dell'all. 1 DM 226/2011

AMBITI del 1 RAGGRUPPAMENTO dell'all. 1 DM 226/2011 Tabella riportante per ciascun ambito le date aggiornate per l intervento sostitutivo della Regione di cui all'articolo 3 del, in caso di mancato avvio della gara da parte dei Comuni, in seguito a DL n.69/2013

Dettagli