Le dimensioni del gioco d azzardo legale e illegale L usura collegata

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le dimensioni del gioco d azzardo legale e illegale L usura collegata"

Transcript

1 Le dimensioni del gioco d azzardo legale e illegale L usura collegata Tavola Rotonda USURA - AZZARDO - ECONOMIA - PERSONA Lunedì 17 febbraio Camera di Commercio di Bari Presentazione della ricerca Maurizio Fiasco

2 Il panorama generale Come si presenta la condizione delle famiglie e delle imprese tradizionalmente esposte al rischio di usura Com è definito tale rischio: dalle istituzioni, dalla società, dall opinione pubblica Dallo sconvolgimento degli equilibri finanziari si generano spazi nuovi per l illegalità L usura agisce come una leva per la concentrazione / sottrazione di patrimoni Sia alle famiglie e sia alle imprese 2

3 L usura nella Grande depressione Una nuova rimozione collettiva? Lo sconvolgimento degli equilibri finanziari occasione per aggredire proprietà, asset, riserve e risorse all economia produttiva L usura agisce come una leva per sottrarre e concentrare La criminalità sfrutta la domanda di denaro sprigionata dalla crisi insinuandosi all interno di gravi anomalie nei rapporti creditizi e in quelli business to business Raccogliendo e organizzando l offerta capillare di prestiti a usura La distribuzione del gioco d azzardo nel territorio condiziona Le economie locali La condizione delle famiglie 3

4 L esposizione delle famiglie al sovraindebitamento e all usura La sofferenza delle famiglie per i debiti ha superato i limiti di un mero e ordinario problema di assistenza e cioè l ambito di semplici misure da predisporre per una parte, relativamente limitata, della popolazione, sia pur con provvidenze speciali come quelle previste nella legge 108 del La pena per difficoltà economiche è divenuta un fenomeno che coinvolge fasce crescenti della società italiana: famiglie povere, famiglie di lavoratori a reddito fisso, imprese famigliari, ceti intermedi (compresi alcuni delle professioni) e persino aziende personali di piccola e media grandezza. Si è in tal modo generato un collegamento tra la sofferenza intrafamigliare e le pesanti difficoltà che contrassegnano la struttura della nostra economia, con il corollario di impressionanti disfunzioni sociali e nella stessa organizzazione finanziaria e creditizia. Non è più giustificata l opinione che descrive l Italia come un paese dove mentre cresce il debito dello Stato e prosegue la crisi economica vi è, per contro, una maggioranza di famiglie che risparmiano e che dispongono di una base patrimoniale solida. In Europa, le famiglie italiane attualmente sono agli ultimi posti per capacità di accantonare porzioni di reddito corrente ai primi posti per disoccupazione-inoccupazione giovanile (NEET) ai primi posti per aumento delle insolvenze per le esecuzioni immobiliari sulle abitazioni private 4

5 Indebitamento delle famiglie secondo Banca d Italia Fonte: Banca d Italia L indebitamento e la vulnerabilità delle famiglie nelle Regioni italiane (giugno 2013) 5

6 Debito delle famiglie (dati trimestrali; in percentuale del reddito disponibile lordo) Fonte: Banca d Italia Bollettino economico n. 1 (gennaio ) 6

7 Occupazione (numeri indice; anno 2006=100) Europa Italia Fonte: elaborazioni su dati Istat, Rilevazione sulle forze di lavoro 7

8 Da dove e come il mercato nero del denaro? Perché l esposizione delle imprese all usura? 1 1. Diminuzione dei ricavi e dei margini di proporzioni e di durata per passivo pluriennale di gestione, mancato ammortamento di investimenti, lievitazione dei costi del credito di esercizio 2. Razionamento e definitiva esclusione dall accesso al credito erogato dalle istituzioni ufficiali, per una condotta «ordinaria» o per «contraccolpo» di inefficienze e patologie in banche e società finanziarie locali 3. Ripetuti insuccessi nel fronteggiare la crisi aziendale e gravi ritardi nelle decisioni di ristrutturare o interrompere l attività 4. Accumulazione di crediti in sofferenza e di irrecuperabili insolvenze da partner in affari, da clienti e da pubblica amministrazione 5. Fragilità strutturale dell impresa per grave sottopatrimonializzazione e per mancata separazione tra i beni personali familiari e quelli dell azienda 8

9 Da dove e come il mercato nero del denaro? Perché l esposizione all usura? 2 6. Presenza operativa in un mercato locale fortemente influenzato dalla criminalità comune (danneggia il patrimonio materiale dell impresa) organizzata (aggredisce direttamente l attività produttiva con estorsioni o intimidazioni) specializzata (incide con truffe e frodi aziendali) economica (manipola il mercato del credito e dei finanziamenti e condiziona la PA) 7. Attività inserita in segmenti di mercato dove ha incidenza la concorrenza sleale di operatori del sommerso e con margini operativi in nero. 9

10 Area del basso rischio. Confronto Meno di 20 italiani su 100 risiedono In province con minimo indebitamento patologico e rischio di usura delle imprese Tutte nei territori centro-settentrionali e settentrionali del Paese Comparsa del rischio di usura Anche in aree a forte valore aggiunto da economia reale Penalizzato il manifatturiero che produce per mercato interno Crisi dell impresa strutturata e specializzata. 10

11 Sofferenze bancarie valori in mln di euro Anno Variaz. % 2012/2009 TOTALE ,79 11

12 Sofferenze bancarie, numero di affidati Anni Anno Variaz. % TOTALE ,45 12

13 Vulnerabilità all usura nelle province (2012) Classifica complessiva Tonalità scure = posizione migliore I valori attribuiti alle province di recente istituzione sono stati riattribuiti a quelle di provenienza per esigenze di comparabilità tra tutte le fonti statistiche 13

14 Confronto Variazione classifica delle singole province 14

15 Le «venticinque» in alto e in basso nella graduatoria (ranking) Rank Prime 25 mill.mi Rank Ultime 25 mill.mi 1 Bolzano Avellino Sondrio Catanzaro Cuneo Bari Belluno Siracusa Trento Agrigento Parma Benevento Piacenza Campobasso Treviso Cosenza Asti Palermo Mantova Frosinone Lodi Foggia Ravenna Sassari Aosta Brindisi Cremona Latina Trieste Taranto Gorizia Crotone Verona Messina Vicenza Catania Rovigo Salerno Udine Vibo Valentia Biella Trapani Reggio Emilia Caltanissetta Siena Reggio Calabria Padova Caserta Pordenone Napoli

16 Indicatori Criminologici Prime 25 province in singole graduatorie Indicatori Finanziari Indicatori Sociali Indicatori Economici Province Rank Province Rank Province Rank Province Rank Belluno 1 Bolzano 1 Trieste 1 Bolzano 1 Asti 4 Sondrio 2 Bolzano 3 Cuneo 2 Biella 5 Mantova 3 Padova 8 Sondrio 3 Rovigo 6 Ravenna 4 Ravenna 9 Trento 4 Lodi 7 Trento 5 Reggio Emilia 10 Aosta 5 Cuneo 9 Cremona 6 Gorizia 11 Belluno 6 Aosta 10 Lodi 7 Parma 13 Piacenza 7 Treviso 11 Cuneo 9 Verona 14 Asti 8 Bolzano 12 Parma 10 Vicenza 15 Verona 9 Gorizia 14 Treviso 14 Piacenza 16 Parma 10 Parma 19 Reggio Emilia 15 Treviso 20 Udine 15 Pordenone 20 Piacenza 16 Pordenone 21 Ravenna 16 Trento 23 Siena 17 Siena 22 Vicenza 18 Mantova 25 Udine 18 Cuneo 27 Rovigo 19 Cremona 26 Trieste 19 Udine 28 Mantova 20 Sondrio 29 Verona 20 Biella 33 Reggio Emilia 22 Udine 33 Vicenza 22 Cremona 34 Cremona 24 Padova 34 Pordenone 26 Mantova 35 Lodi 25 Piacenza 35 Padova 27 Rovigo 36 Siena 28 Siena 37 Belluno 28 Trento 42 Treviso 30 Vicenza 38 Aosta 32 Asti 43 Trieste 32 Verona 43 Gorizia 38 Belluno 45 Padova 36 Reggio Emilia 48 Asti 43 Lodi 57 Gorizia 45 Ravenna 50 Rovigo 55 Sondrio 59 Biella 46 Trieste 79 Biella 59 Aosta 62 Pordenone 56 16

17 Ultime 25 province in singole graduatorie Indicatori Criminologici Indicatori Finanziari Indicatori Sociali Indicatori Economici Province Rank Province Rank Province Rank Province Rank Avellino 53 Catanzaro 66 Catanzaro 58 Campobasso 61 Benevento 66 Bari 67 Palermo 68 Agrigento 66 Sassari 67 Palermo 69 Campobasso 73 Benevento 67 Siracusa 68 Siracusa 74 Messina 74 Vibo Valentia 71 Latina 75 Brindisi 75 Cosenza 78 Foggia 74 Cosenza 77 Foggia 76 Siracusa 79 Crotone 81 Frosinone 81 Catania 77 Bari 80 Frosinone 82 Bari 82 Salerno 78 Catania 81 Brindisi 83 Taranto 83 Messina 79 Reggio Calabria 84 Salerno 86 Brindisi 84 Latina 82 Caltanissetta 85 Sassari 88 Agrigento 87 Sassari 85 Napoli 86 Catanzaro 89 Palermo 89 Avellino 86 Crotone 88 Caserta 90 Foggia 90 Frosinone 87 Avellino 89 Trapani 91 Crotone 91 Caltanissetta 88 Agrigento 90 Latina 92 Messina 93 Taranto 89 Taranto 91 Avellino 93 Catanzaro 94 Napoli 91 Frosinone 93 Bari 94 Campobasso 95 Campobasso 92 Foggia 94 Cosenza 95 Salerno 96 Vibo Valentia 93 Trapani 95 Catania 96 Trapani 97 Agrigento 94 Salerno 97 Taranto 97 Caserta 98 Cosenza 96 Vibo Valentia 98 Messina 98 Reggio Calabria 99 Trapani 99 Latina 99 Reggio Calabria 99 Catania 100 Crotone 100 Benevento 100 Siracusa 100 Caltanissetta 101 Caserta 101 Brindisi 101 Caltanissetta 101 Vibo Valentia 102 Benevento 102 Sassari 102 Palermo 102 Napoli 103 Reggio Calabria 103 Caserta 103 Napoli

18 Incidenza degli indicatori criminologici 18

19 Indicatori finanziari 19

20 Indicatori sociali - graduatoria 20

21 Indicatori economici Graduatoria 21

22 La condizione delle famiglie produttrici Squilibri nel valore medio del credito accordato nelle diverse Province Segmento sensibile delle famiglie produttrici Società semplici Dualismi territoriali molto netti Elaborazione su file di dati della Banca d Italia 22

23 Le prime 23

24 e le ultime, da 7 a 10 volte inferiore al dato migliore Vistosamente sotto il valore medio nazionale 24

25 Prestiti bancari alle imprese per classe dimensionale (dati mensili; variazioni percentuali sui 12 mesi) (1) Imprese non finanziarie. Dati corretti per l effetto contabile delle cartolarizzazioni. I prestiti includono i pronti contro termine e le sofferenze. I dati sono corretti per gli effetti di riclassificazioni. (2) Società in accomandita semplice e in nome collettivo, società semplici, società di fatto e imprese individuali con meno di 20 addetti. 25

26 Oltre quattro anni di silenzio istituzionale L ultima autorità che ha indicato l insorgenza dell usura: l allora Governatore Mario Draghi alla Commissione Antimafia (21 luglio 2009) Fra gli ostacoli che, in varie e vaste aree del Paese, frenano il tasso di crescita vi sono organizzazioni criminali aggressive, pervasive, opprimenti. Durante la crisi le imprese vedono inaridirsi i flussi di cassa e vedono cadere il valore di mercato del proprio patrimonio. Entrambi i fenomeni rendono le imprese più facilmente aggredibili da parte della criminalità organizzata. Anzitutto - ma non solo - attraverso l esercizio dell usura, nelle sue diverse configurazioni[1]. [1] XVI Legislatura, Commissione parlamentare d inchiesta sul fenomeno della mafia, Audizione del Governatore della Banca d'italia, Mario Draghi, 21a seduta: mercoledì 22 luglio

27 Esortazioni del Capo dello Stato il 2 giugno, il 30 ottobre e nel messaggio di fine anno 27

28 Tragedie dell isolamento degli imprenditori 28

29 Suicidi per motivi economici Una stima non ufficiale (*) Aree geografiche Anno Nord-Est Nord- Ovest Centro Sud Isole ITALIA Condizione dichiarata o presunta Anno Imprenditori Disoccupati Altri (per debiti) (*) Link Campus University, Roma - febbraio 29

30 L esortazione di Papa Francesco 30

31 Il gioco d azzardo Conseguenza sociali ed economiche Dimensioni dell illegalità

32 Il volume tra il 1994 e il 2013 Il consumo di gioco d azzardo passa da 7 miliardi di (prezzi attuali) a oltre 90 Assorbe oltre il 10 per cento della spesa complessiva delle famiglie per i beni primari e secondari della vita quotidiana Il dato non esaurisce il fenomeno dell impiego di reddito nell alea. Occorre sommarvi la parte non registrata : Una quota non risulta perché sono stati alterati i meccanismi del gioco autorizzato (disconnessione-manomissione delle slot machine e delle VLT, stampa e vendita di tagliandi contraffati delle lotterie istantanee ) Un altra parte riguarda l azzardo che si svolge in totale clandestinità 32

33 Quanto si gioca d azzardo in Italia? In termini di denaro In tempo dedicato dalle persone A. Quanto vale il denaro? Che significato ha oggi nel nostro Paese? Dove lo si destina? A cosa è finalizzato B. Quanto vale il tempo di vita? Che senso ha il tempo di vita? Come qualifica le relazioni con noi stessi e con il nostro «altro significativo» (famiglia, lavoro, vicinato, istituzioni) 33

34 Aggiornamento elaborato su dati AGIMEG 34

35 Dati di sintesi della spesa e della ripartizione Pay out - Entrate erariali, Margini per la "filiera" (concessionari-gestori) Anno Consumo Erario Filiera % Erario % Filiera Consumo p.c ,75 19,49 336, ,06 15,61 607, ,05 12,09 721, ,29 14,3 809, ,19 14,7 922, ,77 14, , ,81 12,9 1326, ,50 10,2 1475,00 Aggiornamento elaborato su dati AGIMEG 35

36 Consumo di gioco d azzardo in rapporto al PIL 36

37 Consumo di gioco d azzardo in rapporto al PIL 37

38 Quanto vale in tempo di vita «investito» in azzardo? Tipo di gioco NewSlot: 28 miliardi di ripetizioni di gioco Tempo globale impiegato dalla popolazione Ore Tempo di durata del singolo divertimento Durata media della singola operazione: 6 secondi VLT: 5 miliardi di ripetizioni di gioco Ore Durata media della singola operazione: 6 secondi Gratta e Vinci: 2 miliardi e 200 milioni ripetizioni di gioco Ore Durata media della singola operazione: 60 secondi Giochi on line: 15 miliardi ripetizioni di gioco Giochi tradizionali (lotto, scommesse, superenalotto) : 3 miliardi e 500 milioni ripetizioni di gioco Ore Ore Durata media della singola operazione: 40 secondi Durata media della singola operazione: 240 secondi Totale operazioni di gioco: 49 miliardi di operazioni di gioco Ore Giornate lavorative:

39 Il sommerso del gioco d azzardo L offerta capillare rende impossibile il sufficiente controllo delle illegalità (Relazione del luglio 2011 della Commissione Antimafia) Il business sul "ricavare poco dai molti, piuttosto che incassare molto dai pochi spostato l attenzione malavitosa dalle bische clandestine al controllo sul territorio delle attività formalmente legali Direttamente (accaparramento di concessioni) Indirettamente (imposizione della protezione estorsiva ai gestori, bilanciandola con la garanzia di non ricevere danni collaterali ) Si ripetono i casi di manipolazione delle procedure amministrative per il rilascio delle autorizzazioni Gestione di una rete di punti di contatto (per la raccolta delle scommesse, per le sale bingo, per i locali dedicati alle slot-machine) per compiere operazioni di riciclaggio di denaro: il contante, in grandi quantità, affluisce/defluisce per vie incontrollabili; Manomissione delle apparecchiature e per l'approvazione dei software degli strumenti informatici: per queste condotte occorrono sanzioni adeguate, e non semplici contravvenzioni Dalla sinergia legale-illegale deriva, infine, un prelievo illegale del reddito da parte della criminalità, che aggiunge un ulteriore fattore di svantaggio per l Italia 39

40 La criminalità e lo Stato e la cronaca 40

41 41

42 SINERGIA TRA LEGALE E ILLEGALE L USURA Ampliamento della platea dei giocatori 42 Utilità marginali per il settore illegale Aumento/diversificazione delle persone coinvolte Finanziamento usurario dei giocatori 42

43 43 SINERGIA TRA LEGALE E ILLEGALE - L USURA (2) L illegale alimenta il legale fornendo la motivazione per giustificare l introduzione di nuovi giochi Il legale alimenta l illegalel ampliando la popolazione che entra in contatto con l offerta criminale 43

44 L internità del gioco al tessuto sociale Impossibile un sufficiente controllo di legalità, di tipo amministrativo e di pubblica sicurezza E più profittevole ricavare poco dai molti, che molto dai pochi l attenzione malavitosa ai profitti si sposta dalle modalità elitarie (bische clandestine, allibramento ) alle attività formalmente legali. direttamente (accaparramento di licenze per slot machine e punti di scommesse, di corner per gioco on line nei locali) indirettamente (protezione estorsiva a migliaia di gestori) Manipolazione delle procedure amministrative per il rilascio delle autorizzazioni a soggetti contigui o associati alla criminalità 44

45 Somme giocate per singola slot machine Scostamenti dai valori registrati nella media nazionale 45

46 La stima del non registrato Al sud ci sono meno slot, ma il giocato medio per istallazione (che dovrebbe essere più elevato: il volume si distribuisce, difatti, in numeri più piccoli di apparecchi) è nettamente più basso. La propensione all'azzardo (calcolata in rapporto al reddito disponibile procapite) non è però molto distante da quella delle altre Regioni riguardo al complesso degli altri giochi di alea. Il vistoso scostamento si presta dunque a essere approfondito, anche per la sollecitazione che deriva dalle molte decine di casi di irregolarità emerse alle cronache nell'ultimo anno: quasi ogni giorno compaiono degli esempi di apparecchi manomessi, disconnessi e altrimenti alterati sia per iniziativa di gestori non inseriti in associazioni criminali e sia, più di frequente, dall'organizzazione criminale sul territorio. Dove gli apparecchi per abitante sono di meno, dovrebbe risultare un ricavato medio per slot maggiore, considerato la quota di reddito procapite che definisce la propensione al gioco. Se a meno slot corrisponde meno giocato - vistosamente meno - per apparecchio, vi è molto probabile una porzione di apparecchi in stato di disconnessione dal sistema che registra i movimenti. Il valore medio Italia è di 6,6 apparecchi per 1000 abitanti. Il valore massimo è di 13,9, quello minimo è di 3,3. 46

47 L usura è tornata a essere una sofferenza dimenticata perché vi è il diniego pressoché integrale della condizione di sovraindebitamento di famiglie e imprese perché vi è la rinuncia a un efficiente regolazione del comparto dei crediti e dei finanziamenti perché permane il doppio messaggio di un irrazionale ampliamento dell economia patologica del gioco d azzardo 47

48 Le frontiere della difesa dall usura Priorità ai comparti dell economia che crea valore e occupazione Orientamenti e discipline al mercato dei crediti e dei finanziamenti, pur dopo le completate privatizzazioni e concentrazioni delle ex banche d interesse pubblico Monitoraggio dell approfittamento affaristico e delinquenziale dello stato di crisi finanziaria delle imprese Prossimità delle istituzioni di sicurezza pubblica alle persone indotte a indebitarsi a usura nel tessuto delle città e dei centri agricoli Riconoscimento e vero sostegno alle Fondazioni e alle Associazioni antiusura selezionate e valutate quanto a reale capacità e efficienza di servizio. Abbandono di pseudo soluzioni simboliche Programmazione di un ritorno dal consumo industrializzato di massa del gioco d azzardo Incoraggiamento alla ricostruzione del Capitale Sociale Familiare Procedure di effettivo esdebitamento delle famiglie Provvedimenti urgenti per impedire la prosecuzione di procedure di indebitamento, formalmente lecito, ma patologico 48

49 Considerazioni conclusive Nel corso di venti anni la condizione delle famiglie con insostenibili debiti e bilanci gravemente deficitari si è evoluta fino a rappresentare con un impressionante volume di sofferenze umane una vera ipoteca per lo sviluppo sociale, per l economia nazionale e per i rapporti tra lo Stato e i cittadini. Per essere chiari: gli episodi di disperazione estrema che colpiscono operai e impiegati licenziati, commercianti e artigiani in fallimento, piccoli imprenditori con azienda in crisi e in debiti, non sono più casi isolati, ma l evidenza tragica di un vasto e complesso fenomeno nazionale. Che interpella le responsabilità di tutti: dei singoli, delle istituzioni legislative e governative, dei rappresentanti dell economia e della finanza. Finora solo la Chiesa Cattolica ha mostrato di intendere le profonde implicazioni di questa crisi, sollecitando le persone di buona volontà a rifiutare il pessimismo e a operare. L appello di Papa Francesco invita anche ad affrontare la psicologia della crisi e a sconfiggere quell ottusità cognitiva e volitiva che trova, per l appunto, nel pessimismo un alibi per non fare, per non decidere, per esonerarsi dall impegno e dalla responsabilità. La sofferenza delle famiglie per i debiti, in altri termini, ha superato i limiti di un mero e ordinario problema di assistenza e cioè l ambito di semplici misure da predisporre per un parte, relativamente limitata, della popolazione, sia pur con provvidenze speciali come quelle previste nella legge 108 del La pena per difficoltà economiche è divenuta un fenomeno che coinvolge fasce crescenti della società italiana: famiglie povere, famiglie di lavoratori a reddito fisso, imprese famigliari, ceti intermedi (compresi alcuni delle professioni) e persino aziende personali di piccola e media grandezza. Si è in tal modo generato un collegamento tra la sofferenza intrafamigliare e le pesanti difficoltà che contrassegnano la struttura della nostra economia, con il corollario di impressionanti disfunzioni nella organizzazione finanziaria e creditizia. 49

APPENDICE A. DATI CLIMATICI

APPENDICE A. DATI CLIMATICI APPENDICE A. DATI CLIMATICI A.1 Temperature esterne invernali di progetto UNI 5364 Torino -8 Reggio Emilia -5 Alessandria -8 Ancona -2 Asti -8 Ascoli Piceno -2 Cuneo -10 Macerata -2 Alta valle cuneese

Dettagli

c è un Italia che pedala. in 20 città performance di ciclabilità di livello europeo

c è un Italia che pedala. in 20 città performance di ciclabilità di livello europeo Roma, aprile 2015 c è un Italia che pedala. in 20 città performance di ciclabilità di livello europeo Bolzano, Pesaro, Ferrara e Treviso capitali della bici, almeno un quarto degli abitanti in bici tutti

Dettagli

OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO 18/01/2014 Rapporto morti bianche triennio 2011/12/13

OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO 18/01/2014 Rapporto morti bianche triennio 2011/12/13 OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO 18/01/2014 Rapporto morti bianche triennio 2011/12/13 ANALISI COMPARATIVA DATI 2011-2012-2013 ANALISI DATI AGGREGATI 2011-2012- 2013 ANDAMENTO INFORTUNI NEL QUADRIENNIO

Dettagli

GLI ALUNNI STRANIERI NEL SISTEMA SCOLASTICO ITALIANO A.S. 2013/2014. (Ottobre 2014)

GLI ALUNNI STRANIERI NEL SISTEMA SCOLASTICO ITALIANO A.S. 2013/2014. (Ottobre 2014) GLI ALUNNI STRANIERI NEL SISTEMA SCOLASTICO ITALIANO A.S. 2013/2014 (Ottobre 2014) I dati presenti in questa pubblicazione fanno riferimento agli studenti con cittadinanza non italiana dell anno scolastico

Dettagli

Regioni, province e grandi comuni

Regioni, province e grandi comuni SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 0 4 Settore Popolazione Tavole di mortalità della popolazione italiana Regioni, province e grandi comuni Anno 2000 Informazioni n. 28-2004

Dettagli

Rapporto statistico sulla falsificazione dell euro

Rapporto statistico sulla falsificazione dell euro Rapporto statistico sulla falsificazione dell euro 2013 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V, Ufficio VI (UCAMP) Ufficio Centrale

Dettagli

2. Le scuole con elevate percentuali di studenti stranieri

2. Le scuole con elevate percentuali di studenti stranieri 2. Le scuole con elevate percentuali di studenti stranieri 2.1 La concentrazione degli alunni con cittadinanza non italiana in specifiche scuole e nei differenti ordini e gradi scolastici Dall analisi

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

L ITALIA NELL ERA CREATIVA

L ITALIA NELL ERA CREATIVA CREATIVITYGROUPEUROPE presenta L ITALIA NELL ERA CREATIVA Irene Tinagli Richard Florida Luglio 00 Copyright 00 Creativity Group Europe L Italia nell Era Creativa fa parte del Progetto CITTÀ CREATIVE Promosso

Dettagli

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION The Italian Think Tank UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION Vision propone un nuovo modello di ranking multi-dimensionale che mette a confronto le università italiane sulla base di cinque parametri

Dettagli

> MANGIARE E BERE IN ITALIA

> MANGIARE E BERE IN ITALIA Percorso 3 > MANGIARE E BERE IN ITALIA Guarda questi piatti della cucina italiana. Secondo te, di quali parti d Italia sono tipici? Ogni regione d Italia ha i suoi piatti tipici. Spesso quando pensiamo

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo del Trasporto Ferroviario e dell Alta Velocità in Italia Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo della mobilità in treno: i grandi corridoi europei La rete TEN (Trans European Network) gioca un ruolo

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

I servizi per gli studenti: le opinioni dei laureati su università, città e diritto allo studio 1

I servizi per gli studenti: le opinioni dei laureati su università, città e diritto allo studio 1 I servizi per gli studenti: le opinioni dei laureati su università, città e diritto allo studio 1 di Andrea Cammelli, Serena Cesetti e Davide Cristofori 1. Aspetti introduttivi Dal 1998 AlmaLaurea, attraverso

Dettagli

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA DELF DALF Le certificazioni ufficii della lingua francese ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO www.testecertificazioni.it IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO

Dettagli

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Introduzione... 3 Università Politecnica delle Marche (Ancona)... 4 Università degli Studi di

Dettagli

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA Collegno, 17 novembre 2014 CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA PROPOSTA DI TRENO STORICO RIEVOCATIVO DA TORINO A UDINE progetto per la realizzazione di una tradotta militare rievocativa, da Torino a Udine

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

POP ECONOMY Ovvero da dove allegramente vien la crisi e dove va

POP ECONOMY Ovvero da dove allegramente vien la crisi e dove va POP ECONOMY Ovvero da dove allegramente vien la crisi e dove va di Alberto Pagliarino e Nadia Lambiase Una produzione di Pop Economy Da dove allegramente vien la crisi e dove va Produzione Banca Popolare

Dettagli

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Abruzzo Azienda per il diritto agli studi universitari (Adsu) Viale dell Unità d Italia, 32 66013 Chieti scalo Tel. +39

Dettagli

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO M Innovazione Conoscenza RETE REPOR RT ATTIVITA PATENT LIBRARY ITALIA 213 DIREZIONE GENERALE LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E I Sommario Introduzione... 3 I servizi erogati dalla Rete...

Dettagli

Foglio Informativo n AF01 aggiornamento n 023 data ultimo aggiornamento 12.03.2015

Foglio Informativo n AF01 aggiornamento n 023 data ultimo aggiornamento 12.03.2015 Foglio Informativo n AF01 aggiornamento n 023 data ultimo aggiornamento 12.03.2015 Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari ai sensi degli artt. 115 e segg. T.U.B. FOGLIO

Dettagli

Indice. Introduzione... 2. Definizioni... 3. Tecnologia degli Impianti fotovoltaici... 4. L irraggiamento solare in Italia nel 2012...

Indice. Introduzione... 2. Definizioni... 3. Tecnologia degli Impianti fotovoltaici... 4. L irraggiamento solare in Italia nel 2012... Indice Introduzione... 2 Definizioni... 3 Tecnologia degli Impianti fotovoltaici... 4 La fonte solare L irraggiamento solare in Italia nel 2012... 6 Mappa della radiazione solare nel 2011 e nel 2012...

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia

Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia Caratteristiche e cause del fenomeno e analisi delle politiche per contenerlo e ridurlo AGOSTO 2011 Not

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi:

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi: I costi della crisi In Italia, dall inizio della crisi: Licia Mattioli abbiamo perso 9 punti di PIL abbiamo perso il 25% della produzione industriale il reddito disponibile è calato dell 11% in termini

Dettagli

TEST INGEGNERIA 2014

TEST INGEGNERIA 2014 scienze www.cisiaonline.it TEST INGEGNERIA 2014 Ing. Giuseppe Forte Direttore Tecnico CISIA Roma, 1 ottobre 2014, Assemblea CopI DATI CISIA - MARZO, SETTEMBRE 2014 test erogati al 15 settmebre CARTACEI

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

L ITALIA DA BERE (E DA MANGIARE) FIPE RACCONTA I CONSUMI ALIMENTARI FUORI CASA DELLO STIVALE

L ITALIA DA BERE (E DA MANGIARE) FIPE RACCONTA I CONSUMI ALIMENTARI FUORI CASA DELLO STIVALE Approfondimenti Milano, 15 ottobre 2013 L ITALIA DA BERE (E DA MANGIARE) FIPE RACCONTA I CONSUMI ALIMENTARI FUORI CASA DELLO STIVALE Abstract della ricerca P.E. 24h/La Cas@fuoricasa a cura dell Ufficio

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Art. 2. Soggetti beneficiari e misura massima consentita delle agevolazioni

Art. 2. Soggetti beneficiari e misura massima consentita delle agevolazioni Decreto ministeriale 20 ottobre 1995, n. 527 - Regolamento recante le modalità e le procedure per la concessione ed erogazione delle agevolazioni in favore delle attività produttive nelle aree depresse

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali SESTA RELAZIONE AL PARLAMENTO SULLO STATO DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE 12 MARZO 1999, N. 68 NORME PER IL DIRITTO AL LAVORO DEI DISABILI ANNI 2010 2011 Presentazione

Dettagli

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Perugia, 17 febbraio 2013 Ai Soci CIPUR Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Cari colleghi, la progressiva implementazione

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SUBINGRESSO NELL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI VENDITA SU AREE PUBBLICHE SIA DI TIPO A (su posteggi dati in concessione per dieci anni) SIA DI TIPO B (su qualsiasi area purché

Dettagli

Al Responsabile del S.U.A.P.

Al Responsabile del S.U.A.P. Marca da bollo Da inviare al Comune competente mediante lettera A/R Al Responsabile del S.U.A.P. Comune di Penna Sant Andrea (TE) M0297/83-AB OGGETTO: Domanda di rilascio nuova autorizzazione di tipo A

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini:

Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini: Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini: Tabaccai Convenzionati con Banca ITB; Bennet S.p.A; Esselunga S.p.A; Carrefour; Conad Adriatico Soc. Coop; Tigros S.p.A;

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

dei cosiddetti ambienti dedicati

dei cosiddetti ambienti dedicati In risposta ad una richiesta di Sapar e con una propria circolare del 7 settembre l Amministrazione ha chiarito i vari dubbi interpretativi sugli ambienti dedicati introdotti dal Decreto del 22 gennaio

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI PIEMONTE - VALLE D'AOSTA LIGURIA UNIONE COMMERCIO E TURISMO PROVINCIA DI 1 PF1335_PR418_av214_1 SAVONA ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI DELLA 2 PF1085_PR313_av214_1 PROVINCIA DI ALESSANDRIA ASCOM-BRA ASSOCIAZIONE

Dettagli

DIREZIONE E COORDINAMENTO Simone Cola Paolo Pisciotta. DIREZIONE E COORDINAMENTO CRESME Lorenzo Bellicini e Antonio Mura

DIREZIONE E COORDINAMENTO Simone Cola Paolo Pisciotta. DIREZIONE E COORDINAMENTO CRESME Lorenzo Bellicini e Antonio Mura DIREZIONE E COORDINAMENTO Simone Cola Paolo Pisciotta DIREZIONE E COORDINAMENTO CRESME Lorenzo Bellicini e Antonio Mura GRUPPO DI LAVORO CRESME Lorenzo Bellicini Antonio Mura Antonello Mostacci Giuseppe

Dettagli

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007 A STATISTICA (A-K) a.a. 007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 007 STESS N.O. RD 00 GORU N.O. RD 006 ) La distribuzione del numero degli occupati (valori x 000) in una provincia

Dettagli

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita CAPITOLO 3 Lavoro e conciliazione dei tempi di vita L importanza di una buona occupazione Un attività adeguatamente remunerata, ragionevolmente sicura e corrispondente alle competenze acquisite nel percorso

Dettagli

La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia

La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia Območna zbornica za severno Primorsko E.I.N.E. La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia A CURA DI INFORMEST Indice 1 INTRODUZIONE... 3 2 - IL RUOLO DELLE FONTI RINNOVABILI: IL CONTESTO NAZIONALE

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo G ennaio 2015 L ACE L articolo 1 del decreto Salva Italia (D.L. n. 201 del 6 dicembre 2011, convertito con modificazioni nella L. n. 214 del 2011) ha

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Maggio 2013. A cura di

Maggio 2013. A cura di DOSSIER SUI COMUNI DELL EMILIA ROMAGNA COLPITI DAL SISMA Maggio 2013 A cura di INDICE Premessa: il quadro attuale ad un anno dal terremoto 3 1. I Comuni colpiti dal sisma: alcuni dati 5 2. Analisi comparata

Dettagli

Indice Indice... 1 Oggetto... 1 Referenti regionali del progetto... 1 Scopo... 2 Il progetto Rete CUP regionale... 2 Premessa... 2 La situazione regionale... 2 Azienda Ospedaliera di Cosenza... 2 ASP di

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

Elenco enti, istituti e aziende per il diritto allo studio universitario

Elenco enti, istituti e aziende per il diritto allo studio universitario Elenco enti, istituti e aziende per il diritto allo studio universitario Ancona Ente regionale per il diritto allo studio universitario (Ersu), Vicolo della Serpe 1, 60121 Ancona, tel. 071-227411 (centr.),

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza AN001 Centro di Ateneo di Documentazione - Polo Villarey - Facoltà

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI DIREZIONE GENERALE PER flash 29 L INCLUSIONE E LE POLITICHE SOCIALI PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI Roma, 1 settembre 2014 Il punto di partenza:

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

Roma, 4 novembre 2013. Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S.

Roma, 4 novembre 2013. Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S. Roma, 4 novembre 2013 Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S. Attori della governance del sistema ECM Commissione Nazionale per la Formazione Continua Supporto amministrativo regionale Osservatorio Consulta

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

Tasso di copertura della rilevazione. Numero di scuole che hanno risposto

Tasso di copertura della rilevazione. Numero di scuole che hanno risposto MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva de Biasio S. Croce 1299-30135 VENEZIA Ufficio IV - Ordinamenti scolastici -

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Prot. n. DGPM/VI/19.000/A/45-109.000/I/15 Roma, 5 marzo 2002 OGGETTO:Erogazione del trattamento privilegiato provvisorio nella misura

Dettagli

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Irepa Informa Anno 2 Numero 2 2 Trimestre Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Le dinamiche congiunturali del secondo trimestre Nel secondo trimestre, i principali indicatori congiunturali

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli