REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DEI TRASPORTI FUNEBRI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DEI TRASPORTI FUNEBRI"

Transcript

1 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DEI TRASPORTI FUNEBRI APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE 11 NOVEMBRE 1967, N 133 ABROGATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N.31 DEL ESECUTIVA N.B. CON LA DELIBERA DI C.C.N. 31 DEL E STATO APPROVATO UNO SCHEMA OPERATIVO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTI FUNEBRI E RELATIVI COSTI.

2 ALLEGATO A ARTICOLO 1 Il servizio dei trasporti funebri nel territorio comunale viene eseguito direttamente dal Comune, con diritto di privativa, ai sensi del T.U. approvato con D.L. 15 ottobre 1925 n Tale servizio sarà conferito per appalto a norma di legge, alle condizioni previste nel Capitolato Speciale per l Appalto del Servizio Trasporti Funebri. ARTICOLO 2 Il servizio delle pompe funebri sarà di classe unica, sia per gli adulti che per i bambini, ed il pagamento del servizio sarà eseguito presso il Tesoriere Comunale in base alle tariffe vigenti. Sono considerati bambini i minori di dieci anni. ARTICOLO 3 Ai meno abbienti, su richiesta, saranno forniti funerali gratuiti. Essi comprendono il trasporto funebre ed il cofano, e saranno quelli della classe unica. Lo stato di meno abbienti sarà accertato dalla GIUNTA COMUNALE, salvo rivalsa della spesa in caso di non riconosciuto indigenza. ARTICOLO 4 Spetta esclusivamente all Ufficio Comunale di stabilire, previ accordi con la Parrocchia, il giorno e l ora del funerale, tenuto conto possibilmente dei desideri espressi dai familiari del defunto, sempre però in rapporto alle esigenze del servizio. ARTICOLO 5 I funerali devono, per norma, seguire la via più breve. In casi eccezionali, l Autorità Comunale potrà autorizzare un diverso percorso, e l appaltatore dovrà sottostarvi senza diritto ad alcun speciale compenso o indennità. ARTICOLO 6 Qualora l estinto trovasi in località inaccessibile al carro, questo dovrà fermarsi il luogo più vicino possibile onde accogliere il feretro che verrà portato dalla casa dell estinto a cura dei necrofori. ARTICOLO 7 Sul feretro e sul carro potranno essere collocati fiori e drappi, in modo tale da non rendere disagevole il carico e lo scarico del feretro. 2

3 ARTICOLO 8 Il corteo funebre ha luogo normalmente dalla casa dell estinto alla Chiesa. Il personale di servizio addetto ai trasporti funebri non potrà lasciare il posto senza ordine, nè prestarsi ad operazioni non attinenti al loro incarico. I familiari del defunto e le persone che desiderassero accompagnare la salma dalla Chiesa al Cimitero potranno usufruire per il ritorno fino a casa del defunto di apposito autopullmann che sarà messo a disposizione dall impresa appaltatrice del servizio. L autopullmann è facoltativo per la frazione di Vergano e San Marco. ARTICOLO 9 Il servizio mortuario in generale ed il trasporto delle salme fuori Comune e di quelle provenienti da altri comuni, sono regolati dal T.U delle leggi sanitarie di cui al D.L n 1265 e successive modificazioni, nonché delle norme di cui all R.D , n 1880, salvo sempre il pagamento dei diritti Comunali previsti dalle tariffe vigenti. ARTICOLO 10 Per servizi speciali da effettuarsi extra orari normali (8-12 e orario normale) a richiesta, dovrà essere corrisposto un supplemento nella misura del 50% della tariffa base. ARTICOLO 11 Il trasporto dei deceduti per malattie infettive e diffusive, è assoggettato alle speciali disposizioni di legge. Dovrà comunque avvenire direttamente dal luogo del decesso al Cimitero col carro appositamente allestito, osservate le disposizioni che potranno essere impartite dall Ufficiale Sanitario. ARTICOLO 12 Di ciascun servizio da effettuarsi sarà dato avviso su apposito modulo scritto, alla Ditta appaltatrice almeno tre ore prima dell ora fissata. ARTICOLO 13 L impresa appaltatrice del servizio trasporti funebri dovrà prestarsi, se richiesta, e con rimborso delle spese a carico dei richiedenti, a svolgere le pratiche necessarie per ottenere l autorizzazione al trasporto fuori Comune delle salme o dei resti mortali. ARTICOLO 14 La percentuale da corrispondere alla Ditta appaltatrice del servizio sarà stabilita dal Capitolato d Appalto. ARTICOLO 15 3

4 Nessuno potrà attivare nel Comune il servizio pubblico per trasporti funebri, senza avere ottenuto il permesso da parte della Autorità Comunale. ARTICOLO 16 Trasporto salme fuori dal Comune. Se il trasporto viene effettuato dopo le esequie nel Comune con carri della Ditta appaltatrice del Servizio, la salma può essere consegnata per il trasporto a destinazione ad latra impresa all uopo incaricata presso la Chiesa o la stazione ferroviaria, previa ricevuta da rilasciare all Ufficio competente. Il trasporto fuori Comune può, comunque, essere effettuato direttamente dal domicilio dell estinto o dall ospedale, per via ordinaria, con carro di altra Impresa all uopo incaricata. ARTICOLO 17 Trasporto salme provenienti da altro Comune. Le salme provenienti da altri Comuni o dall Estero per ferrovia, sono ricevute dall incaricato Municipale alla stazione Ferroviaria e da esso scortate al Cimitero. Se provengono dalla strade ordinarie sono ricevute direttamente dal Custode del Cimitero. Per trasporti delle salme provenienti per ferrovia è sempre dovuta la tassa relativa al carro per il trasporto dalla stazione al Cimitero. I trasporti provenienti per le vie ordinarie devono eseguirsi per la via secondaria più breve che porta al Cimitero con possibilità di rito funebre nella Chiesa parrocchiale. ARTICOLO 18 Il trasporto delle salme in arrivo per ferrovia alla locale stazione ferroviaria e destinate ad altro Comune, da proseguire poi per le vie ordinarie, vengono effettuati esclusivamente dall impresa appaltatrice dal servizio pompe funebri, previo il pagamento delle tariffe vigenti. La medesima tariffa sarà applicata nel caso di richiesta di trasporto fuori Comune di salme di persone decedute nel Comune, se effettuate dall impresa appaltatrice. ARTICOLO 19 Per quanto non è indicato nel presente Regolamento si fa richiamo alle leggi ai Regolamenti vigenti. Le infrazioni alle disposizioni del presente Regolamento sono possibili delle penalità previste dalle leggi generali e speciali che vi hanno riferimento. ARTICOLO 20 Il presente Regolamento entrerà in vigore dopo l avvenuta approvazione da parte delle Autorità Competenti. TARIFFE 4

5 A - TRASPORTI FUNEBRI 1 - Adulti classe unica (ventiduemila) per la frazione di Vergano e S.Marco senza autopullmann Bambini classe unica (dodicimila) per la frazione di Vergano e S.Marco senza autopullmann B - TRASPORTO SALME a) per percorsi fra andata e ritorno fino a 50 Km al Km; b) 100 Km. 90 al Km; c) 200 Km. 80 al Km; d) 300 Km. 70 al Km; e) oltre 300 Km. 60 al Km. C - TRASPORTO SALME NEL COMUNE N.B. ALLEGATO B CAPITOLATO SPECIALE PER L APPALTO DEL SERVIZIO TRASPORTI FUNEBRI VEDERE SUPPORTO CARTACEO 5

6 6

REGOLAMENTO DEL CIMITERO

REGOLAMENTO DEL CIMITERO REGOLAMENTO DEL CIMITERO I. SORVEGLIANZA Art. 1 Il cimitero è posto sotto la sorveglianza del Municipio. II. ORARI Art. 2 Il cimitero rimane aperto al pubblico ininterrottamente, eventuali limitazioni

Dettagli

COMUNE DI MONTECAROTTO Provincia di Ancona

COMUNE DI MONTECAROTTO Provincia di Ancona COMUNE DI MONTECAROTTO Provincia di Ancona --------------------------------------------------------------------------------------------- REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CAMERA MORTUARIA DELLA RESIDENZA

Dettagli

L'UFFICIO SERVIZI CIMITERIALI Si trova al primo piano del Palazzo Municipale ed osserva i seguenti orari di apertura al pubblico:

L'UFFICIO SERVIZI CIMITERIALI Si trova al primo piano del Palazzo Municipale ed osserva i seguenti orari di apertura al pubblico: Responsabile: Marialuisa Negri Recapiti Telefonici: Tel. 0371/69079 email: area-finanziaria@comunecornegliano.it CIMITERO/ORARI DI APERTURA Il cimitero civico, si trova in località Cornegliano e osserva

Dettagli

COMUNE DI MATERA CITTA' DEI SASSI Segreteria Generale TABELLA DELLE TARIFFE PER I TRASPORTI FUNEBRI

COMUNE DI MATERA CITTA' DEI SASSI Segreteria Generale TABELLA DELLE TARIFFE PER I TRASPORTI FUNEBRI COMUNE DI MATERA CITTA' DEI SASSI Segreteria Generale TABELLA DELLE TARIFFE PER I TRASPORTI FUNEBRI Approvata con atto di G.C. n. 679 del 25.07.1996 1 A) TRASPORTO FUNEBRE DI ADULTI CON FUNERALE NEL TERRITORIO

Dettagli

COMUNE DI BERTINORO PROVINCIA DI FORLI - CESENA. Piazza Libertà, BERTINORO (FO)

COMUNE DI BERTINORO PROVINCIA DI FORLI - CESENA. Piazza Libertà, BERTINORO (FO) COMUNE DI BERTINORO PROVINCIA DI FORLI - CESENA Piazza Libertà, 1-47032 BERTINORO (FO) -------------------------------------------------------- Regolamento per le missioni degli amministratori comunali

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DELLA CAMERA MORTUARIA UBICATA PRESSO LA RESIDENZA PROTETTA RAMELLA

REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DELLA CAMERA MORTUARIA UBICATA PRESSO LA RESIDENZA PROTETTA RAMELLA REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DELLA CAMERA MORTUARIA UBICATA PRESSO LA RESIDENZA PROTETTA RAMELLA Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 12 del 05.05.2017 IN VIGORE DAL 29.05.2017 INDICE Art.

Dettagli

Area 1 Affari generali, Personale e Organizzazione Servizi Demografici

Area 1 Affari generali, Personale e Organizzazione Servizi Demografici Area 1 Affari generali, Personale e Organizzazione Servizi Demografici CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI RHO E LE IMPRESE FUNEBRI PER L ESECUZIONE DEI SERVIZI ISTITUZIONALI DI CUI ALL ART. 34 DEL REGOLAMENTO

Dettagli

TARIFFE PER LA CREMAZIONE

TARIFFE PER LA CREMAZIONE TARIFFE PER LA CREMAZIONE Riferimenti normativi Delibera di Giunta Comunale n. 121 del 11/6/2015 avente ad oggetto DETERMINAZIONE TARIFFE DEI SERVIZI COMUNALI E DEI SERVIZI A DOMANDA INDIVIDUALE PER L

Dettagli

via Iasolino n.1 80077 Ischia (NA) - telefono 0813333111 telefax 0813333201 sito web :www.comuneishia.it

via Iasolino n.1 80077 Ischia (NA) - telefono 0813333111 telefax 0813333201 sito web :www.comuneishia.it via Iasolino n.1 80077 Ischia (NA) - telefono 0813333111 telefax 0813333201 sito web :www.comuneishia.it REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Indice generale Art. 1 Oggetto e finalità del

Dettagli

DI ESSERE A CONOSCENZA DELLA VOLONTÀ DI ESSERE CREMATO ESPRESSA IN VITA

DI ESSERE A CONOSCENZA DELLA VOLONTÀ DI ESSERE CREMATO ESPRESSA IN VITA Imposta di bollo AL COMUNE DI MIRANDOLA UFFICIO DI POLIZIA MORTUARIA DICHIARAZIONE DI CONOSCENZA DELLA VOLONTA DEL CONGIUNTO DEFUNTO DI ESSERE CREMATO E PER L EVENTUALE AFFIDO/DISPERSIONE DELLE CENERI

Dettagli

Comune di Abbadia San Salvatore Provincia di Siena

Comune di Abbadia San Salvatore Provincia di Siena Comune di Abbadia San Salvatore Provincia di Siena REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CON RITO CIVILE Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. del Art. 1 OGGETTO Il presente regolamento

Dettagli

Comune di Sirolo R E G O L A M E N T O

Comune di Sirolo R E G O L A M E N T O R E G O L A M E N T O CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CON RITO CIVILE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 22 del 29.04.2010 Il presente regolamento è composto da n. 12 articoli. REGOLAMENTO CELEBRAZIONE

Dettagli

TARIFFA DEI SERVIZI E DELLE CONCESSIONI CIMITERIALI ANNO 2016

TARIFFA DEI SERVIZI E DELLE CONCESSIONI CIMITERIALI ANNO 2016 COMUNE DI CAMPOLONGO MAGGIORE TARIFFA DEI SERVIZI E DELLE CONCESSIONI CIMITERIALI ANNO 2016 Tariffa servizio illuminazione votiva Tipologia Tariffa 2016 Tariffa annuale corrispettivo servizio 11,10 13,40

Dettagli

REGOLAMENTO MISSIONI AMMINISTRATORI COMUNALI REGOLAMENTO PER LE MISSIONI DEGLI AMMINISTRATORI

REGOLAMENTO MISSIONI AMMINISTRATORI COMUNALI REGOLAMENTO PER LE MISSIONI DEGLI AMMINISTRATORI REGOLAMENTO PER LE MISSIONI DEGLI AMMINISTRATORI 1 - I N D I C E - Art. 1 - Contenuto del Regolamento; Art. 2 - Missioni di durata inferiore a 48 ore; Art. 3 - Missioni di durata superiore a 48 ore; Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ILLUMINAZIONE VOTIVA NEL CIMITERO COMUNALE Approvato con delibera 8/2010

REGOLAMENTO PER L ILLUMINAZIONE VOTIVA NEL CIMITERO COMUNALE Approvato con delibera 8/2010 COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Provincia di Padova REGOLAMENTO PER L ILLUMINAZIONE VOTIVA NEL CIMITERO COMUNALE Approvato con delibera 8/2010 ART. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina

Dettagli

COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI

COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Approvato con delibera di Consiglio comunale n. 13 del 31-03-2015 1 Indice generale Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

DISCIPLINA ORGANIZZATIVA PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI

DISCIPLINA ORGANIZZATIVA PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Comune di Fontevivo SETTORE: SERVIZI GENERALI E ALLA PERSONA DISCIPLINA ORGANIZZATIVA PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI La presente disciplina: - È stata approvata con deliberazione della Giunta

Dettagli

Comune di Moncucco Torinese Provincia di Asti

Comune di Moncucco Torinese Provincia di Asti Comune di Moncucco Torinese Provincia di Asti 1 Regolamento comunale per la celebrazione dei matrimoni civili e delle unioni civili Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 9 del 03/04/2017

Dettagli

RICHIESTA DI CONCESSIONE CIMITERIALE

RICHIESTA DI CONCESSIONE CIMITERIALE Imposta di bollo Imposta esente per il n.1 AL COMUNE DI MIRANDOLA UFFICIO CONTRATTI e per conoscenza UFFICIO CIMITERIALE RICHIESTA DI CONCESSIONE CIMITERIALE 1. - CONCESSIONI PLURIME - PRESCRIZIONI IN

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Settore Affari Demografici e Politiche Sociali REGOLAMENTO COMUNALE PER L ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI (Approvato con deliberazione consiliare n 65 del 29/10/2008)

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO COMUNE DI STAITI Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO INDICE CAPITOLO I - SERVIZIO DI ECONOMATO ART. 1 Normativa pag. 4 ART. 2 Affidamento del servizio pag. 4 ART. 3 Spese di

Dettagli

COMUNE DI LANCIANO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI E COSTITUZIONE UNIONI CIVILI

COMUNE DI LANCIANO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI E COSTITUZIONE UNIONI CIVILI COMUNE DI LANCIANO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI E COSTITUZIONE UNIONI CIVILI 1 INDICE Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art. 8 Art. 9 Art. 10 Art.

Dettagli

Art. 1 - Oggetto del Regolamento Art. 2 - Prestazioni escluse Articolo 3 - Fornitura di beni e servizi a rimborso Articolo 4 - Convenzioni.

Art. 1 - Oggetto del Regolamento Art. 2 - Prestazioni escluse Articolo 3 - Fornitura di beni e servizi a rimborso Articolo 4 - Convenzioni. REGOLAMENTO SUI SERVIZI NON ESSENZIALI CON RIMBORSO DA PARTE DELL UTENZA E SERVIZI A PAGAMENTO PER CONTO TERZI Approvato con Delibera di Consiglio N. 11 del 12.02.2009 INDICE Articolo 1 - Oggetto del Regolamento

Dettagli

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI CARONNO PERTUSELLA E LE IMPRESE FUNEBRI PER L ASSUNZIONE DEI SERVIZI FUNERARI ISTITUZIONALI.

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI CARONNO PERTUSELLA E LE IMPRESE FUNEBRI PER L ASSUNZIONE DEI SERVIZI FUNERARI ISTITUZIONALI. COMUNE DI CARONNO PERTUSELLA Provincia di Varese CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI CARONNO PERTUSELLA E LE IMPRESE FUNEBRI PER L ASSUNZIONE DEI SERVIZI FUNERARI ISTITUZIONALI. Addì.. del mese. dell anno 2016,

Dettagli

Pianificazione Cimiteriale: fra nuove regole e antichi doveri

Pianificazione Cimiteriale: fra nuove regole e antichi doveri Pianificazione Cimiteriale: fra nuove regole e antichi doveri Lo stato dell arte in Regione Toscana Quali ambiti prevede la normativa? Trasporto di salme e cadaveri Cremazione Certificazione di morte Loculi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI E DELLE UNIONI CIVILI

REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI E DELLE UNIONI CIVILI REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI E DELLE UNIONI CIVILI Approvato con delibera di C.C. n. 27 del 31.07.2013 e modificato con delibera di C.C. n. 67 del 28.11.2016 Sommario SOMMARIO...2

Dettagli

COMUNE DI CATANZARO Provincia di Catanzaro

COMUNE DI CATANZARO Provincia di Catanzaro COMUNE DI CATANZARO Provincia di Catanzaro SERVIZI CIMITERIALI PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CIMITERIALI DEI QUATTRO CIMITERI COMUNALI ALL. A - ELENCO PREZZI CIG : 7090330569 GARA N. :

Dettagli

COMUNE DI VARESE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI SERVIZI FUNEBRI CAPO 1 OGGETTO CAPO 3 RICHIESTA ED ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI TRASPORTO

COMUNE DI VARESE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI SERVIZI FUNEBRI CAPO 1 OGGETTO CAPO 3 RICHIESTA ED ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI TRASPORTO COMUNE DI VARESE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI SERVIZI FUNEBRI intrauterina e che all Ufficiale dello stato civile non siano stati dichiarati come nati morti, i parenti o chi per essi sono tenuti a

Dettagli

CITTÀ DI ALBA PROVINCIA DI CUNEO. UFFICIO DELLO STATO CIVILE tel fax stato

CITTÀ DI ALBA PROVINCIA DI CUNEO. UFFICIO DELLO STATO CIVILE tel fax stato CITTÀ DI ALBA PROVINCIA DI CUNEO UFFICIO DELLO STATO CIVILE tel. 0173 29 22 15 fax 0173 29 23 03 e-mail stato civile@comune.alba.cn.it REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DEI TRASPORTI FUNEBRI CAPO I

Dettagli

COPIA CONFORME ALL'ORIGINALE

COPIA CONFORME ALL'ORIGINALE COMUNE DI PIACENZA Allegato A) CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI PIACENZA E LE IMPRESE ESERCENTI L ATTIVITA FUNEBRE PER L ESECUZIONE DI SERVIZI FUNEBRI A PREZZI CONVENZIONATI DI CUI ALL ART. 5, COMMA 4 DELLA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFISSIONE DEGLI ANNUNCI FUNEBRI SUGLI SPAZI COMUNALI

REGOLAMENTO PER L AFFISSIONE DEGLI ANNUNCI FUNEBRI SUGLI SPAZI COMUNALI UNIONE DEI COMUNI DI AIRASCA-BURIASCO-SCALENGHE UFFICIO UNICO TRIBUTI REGOLAMENTO PER L AFFISSIONE DEGLI ANNUNCI FUNEBRI SUGLI SPAZI COMUNALI Approvato con deliberazione del Consiglio dell Unione n. 13

Dettagli

COMUNE DI CADENAZZO. Regolamento dei cimiteri comunali di Cadenazzo

COMUNE DI CADENAZZO. Regolamento dei cimiteri comunali di Cadenazzo COMUNE DI CADENAZZO Regolamento dei cimiteri comunali di Cadenazzo Capitolo 1 - ORGANIZZAZIONE DEI CIMITERI Art. 1 Amministrazione e sorveglianza 1. L amministrazione dei cimiteri è di competenza del Municipio.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Il presente regolamento è stato: - approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 80 del 05.11.2008, - pubblicato all Albo Pretorio Comunale

Dettagli

COMUNE DI PIOMBINO PROVINCIA DI LIVORNO

COMUNE DI PIOMBINO PROVINCIA DI LIVORNO COMUNE DI PIOMBINO PROVINCIA DI LIVORNO Medaglia d Oro al Valore Militare VERBALE DI DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE N: 78 Oggetto: Aggiornamento ISTAT delle Tariffe cimiteriali (concessioni loculi e operazioni

Dettagli

C O MUNE DI PANTELLERIA Provincia di Trapani

C O MUNE DI PANTELLERIA Provincia di Trapani C O MUNE DI PANTELLERIA Provincia di Trapani COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N. 165 / del Reg. DATA 02.12.2015 OGGETTO: Adeguamento tariffe loculi ed ossari cimiteriali e fissazione tariffe

Dettagli

COMUNE DI COCCONATO PROV. DI ASTI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI E DELLE UNIONI CIVILI

COMUNE DI COCCONATO PROV. DI ASTI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI E DELLE UNIONI CIVILI COMUNE DI COCCONATO PROV. DI ASTI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI E DELLE UNIONI CIVILI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 33 del 15/11/2016 INDICE Art.

Dettagli

COMUNE DI CAROVIGNO Provincia di Brindisi REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI DEGLI AMMINISTRATORI E DEL PERSONALE DIPENDENTE

COMUNE DI CAROVIGNO Provincia di Brindisi REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI DEGLI AMMINISTRATORI E DEL PERSONALE DIPENDENTE COMUNE DI CAROVIGNO Provincia di Brindisi REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI DEGLI AMMINISTRATORI E DEL PERSONALE DIPENDENTE Approvato con delibera G.C. n. 49 del 28/02/2014 INDICE Capo I - DISPOSIZIONI

Dettagli

C i t t à d i M a r i g l i a n o (Provincia di Napoli)

C i t t à d i M a r i g l i a n o (Provincia di Napoli) C i t t à d i M a r i g l i a n o (Provincia di Napoli) Regolamento per concessioni di lotti residui di terreno per la realizzazione di Cappelle Gentilizie e/o Edicole nel cimitero vecchio. (approvato

Dettagli

CITTA DI GIULIANOVA PROVINCIA DI TERAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI

CITTA DI GIULIANOVA PROVINCIA DI TERAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI CITTA DI GIULIANOVA PROVINCIA DI TERAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Approvato con delibera del Commissario Straordinario n. 131/C del 30.09.2008 Art. 1 - Oggetto e finalità

Dettagli

Regolamento del Cimitero e Funerali del Comune di Cugnasco

Regolamento del Cimitero e Funerali del Comune di Cugnasco Regolamento del Cimitero e Funerali del Comune di Cugnasco Capitolo I Amministrazione e sorveglianza Art. 1 Art. 2 Autorità competente Il Cimitero di Cugnasco è amministrato dal Municipio. Amministrazione

Dettagli

C O M U N E D I C A P O L O N A (Provincia di Arezzo)

C O M U N E D I C A P O L O N A (Provincia di Arezzo) C O M U N E D I C A P O L O N A (Provincia di Arezzo) ------------- REGOLAMENTO RELATIVO ALLA CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. (Approvato con

Dettagli

Regolamento per l utilizzo delle sale per la celebra- zione del matrimonio con rito civile

Regolamento per l utilizzo delle sale per la celebra- zione del matrimonio con rito civile COMUNE DI SAN FERDINANDO DI PUGLIA PROVINCIA DI BARLETTA ANDRIA TRANI Regolamento per l utilizzo delle sale per la celebra- zione del matrimonio con rito civile (Approvato con Delibera di C.C. n. 16 del

Dettagli

Legge n. 130 del 30 Marzo "Disposizioni in materia di cremazione e dispersione delle ceneri"

Legge n. 130 del 30 Marzo Disposizioni in materia di cremazione e dispersione delle ceneri Legge n. 130 del 30 Marzo 2001 "Disposizioni in materia di cremazione e dispersione delle ceneri" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 91 del 19 aprile 2001 Art. 1. (Oggetto) 1. La presente legge disciplina

Dettagli

COMUNE DI IONADI (Provincia di Vibo Valentia)

COMUNE DI IONADI (Provincia di Vibo Valentia) COMUNE DI IONADI (Provincia di Vibo Valentia) Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 25 del 24.05.2011 REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI

Dettagli

COMUNE DI ARZIGNANO Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CON RITO CIVILE

COMUNE DI ARZIGNANO Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CON RITO CIVILE COMUNE DI ARZIGNANO Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CON RITO CIVILE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 29.11.2013 INDICE Art. 1 OGGETTO Art.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE Comune di SAN PRISCO Provincia di Caserta REGOLAMENTO COMUNALE PER L'EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE DELLE LAMPADE VOTIVE NEL CIMITERO COMUNALE Regolamento approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

Regolamento per la disciplina delle missioni e delle spese di viaggio e soggiorno degli Amministratori del Comune di Venezia

Regolamento per la disciplina delle missioni e delle spese di viaggio e soggiorno degli Amministratori del Comune di Venezia Regolamento per la disciplina delle missioni e delle spese di viaggio e soggiorno degli Amministratori del Comune di Venezia (Allegato alla Deliberazione del Commissario straordinario con i poteri del

Dettagli

REGOLAMENTO per l EROGAZIONE del SERVIZIO di ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE nei CIMITERI COMUNALI

REGOLAMENTO per l EROGAZIONE del SERVIZIO di ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE nei CIMITERI COMUNALI COMUNE DI SAN PIETRO IN CARIANO Provincia di Verona REGOLAMENTO per l EROGAZIONE del SERVIZIO di ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE nei CIMITERI COMUNALI Approvato con Deliberazione Consiliare n. 20 del 19/04/2013-1

Dettagli

COMUNE DI VALLEFOGLIA Provincia di Pesaro e Urbino

COMUNE DI VALLEFOGLIA Provincia di Pesaro e Urbino COMUNE DI VALLEFOGLIA Provincia di Pesaro e Urbino REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA Approvato con deliberazione del Commissario Prefettizio assunta con i poteri del Consiglio Comunale n.

Dettagli

Comune di Stradella Provincia di Pavia. Regolamento comunale per la celebrazione dei matrimoni civili

Comune di Stradella Provincia di Pavia. Regolamento comunale per la celebrazione dei matrimoni civili Comune di Stradella Provincia di Pavia Regolamento comunale per la celebrazione dei matrimoni civili APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE N. 59 DEL 25/07/2013 1 Indice generale Art. 1 - Oggetto e finalità

Dettagli

Comune di Chiauci (Provincia di Isernia) Regolamento per la concessione dei loculi e degli ossari cimiteriali

Comune di Chiauci (Provincia di Isernia) Regolamento per la concessione dei loculi e degli ossari cimiteriali Comune di Chiauci (Provincia di Isernia) Regolamento per la concessione dei loculi e degli ossari cimiteriali Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 05 del 21/03/2013 Art. 1 - Oggetto del

Dettagli

Art. 1 Oggetto e finalità. Art. 2 Funzioni. Art. 3 Luoghi della celebrazione. Art. 4 Orari di celebrazione. Art. 5 Tariffe

Art. 1 Oggetto e finalità. Art. 2 Funzioni. Art. 3 Luoghi della celebrazione. Art. 4 Orari di celebrazione. Art. 5 Tariffe Provincia di Prato REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 27 marzo 2010 I NDICE GENERALE Art. 1 Oggetto e finalità Art.

Dettagli

Città di Montalto Uffugo (Provincia di Cosenza)

Città di Montalto Uffugo (Provincia di Cosenza) Città di Montalto Uffugo (Provincia di Cosenza) REGOLAMENTO COMUNALE PER L ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO PER LA CELEBRAZIONE DELLE PUBBLICAZIONI DI MATRIMONIO, DEI MATRIMONI E DELLE UNIONI CIVILI Approvato

Dettagli

DISCIPLINARE TRASFERTE FICK

DISCIPLINARE TRASFERTE FICK DISCIPLINARE TRASFERTE FICK NORME GENERALI PER TUTTI I SOGGETTI Tutte le trasferte, di qualsiasi natura, devono essere autorizzate. E sottinteso che le convocazioni ufficiali per Consiglio Federale, Consulta,

Dettagli

COMUNE BELLINZAGO NOVARESE. (Provincia di Novara)

COMUNE BELLINZAGO NOVARESE. (Provincia di Novara) COMUNE di BELLINZAGO NOVARESE (Provincia di Novara) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI AREE PER L INSTALLAZIONE DEI CIRCHI E DELLE ATTIVITA DELLO SPETTACOLO VIAGGIANTE Art. 1 Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

Tariffario per i servizi e concessioni cimiteriali 2014

Tariffario per i servizi e concessioni cimiteriali 2014 (In vigore dal 1/3/201_ - delibera di Giunta Comunale n. del ) Parte prima - Servizi Cimiteriali Concessione o rinnovo della concessione del diritto d uso di aree per la Imponibile2014 IVA costruzione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DI MATRIMONIO CIVILE

REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DI MATRIMONIO CIVILE REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DI MATRIMONIO CIVILE (Adottato con delibera di C.C. n. 84 del 13.09.2007) (Integrato con atto di G.M. n. 217 del 02.11.2007 Tariffe) (Modificato con atto di C.C. n. 103

Dettagli

Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia Art. 1 (Oggetto e finalità)

Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia Art. 1 (Oggetto e finalità) - 1 - Art. 1 (Oggetto e finalità) 1. La presente legge disciplina l affidamento e la dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti, nel rispetto dei principi sanciti dalla normativa vigente.

Dettagli

COMUNE DI VILLAGRANDE STRISAILI Provincia Ogliastra REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI VILLAGRANDE STRISAILI Provincia Ogliastra REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNE DI VILLAGRANDE STRISAILI Provincia Ogliastra REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA /7 CAPO I - NORME GENERALI Articolo Oggetto del regolamento. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

Azienda Pubblica di Servizi alla Persona S. Spirito - Fondazione Montel

Azienda Pubblica di Servizi alla Persona S. Spirito - Fondazione Montel Azienda Pubblica di Servizi alla Persona S. Spirito - Fondazione Montel Pergine Valsugana - Provincia Autonoma di Trento - Regolamento del servizio RSA Posti letto non convenzionati con l APSS Approvato

Dettagli

COMUNE DI SAN COSTANZO

COMUNE DI SAN COSTANZO COMUNE DI SAN COSTANZO (Provincia di Pesaro e Urbino) 61039 Piazza Perticari, 20 Tel. 0721 951211 fax 0721-950056/951232 Partita IVA 00129020418 e mail: comune@comune.san-costanzo.pu.it http://www.comune.san-costanzo.pu.it

Dettagli

COMUNE DI CENESELLI Provincia di Rovigo

COMUNE DI CENESELLI Provincia di Rovigo COMUNE DI CENESELLI Provincia di Rovigo REGOLAMENTO E TARIFFA PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI DI PESO PUBBLICO Approvato con deliberazione di C.C. n. I Pubblicazione all Albo Pretorio dal al II Pubblicazione

Dettagli

COMUNE DI RIESE PIO X

COMUNE DI RIESE PIO X COMUNE DI RIESE PIO X (PROVINCIA DI TREVISO) Via G. Sarto 31 31039 Riese Pio X (TV) P.I.00840050264 C.F.81002490266 TEL.0423/483842 FAX.0423/454303 REGOLAMENTO PER LE MISSIONI DEGLI AMMINISTRATORI COMUNALI

Dettagli

TARIFFA N. 39/21/VENETO

TARIFFA N. 39/21/VENETO TARIFFA N. 39/21/VENETO La presente tariffa è valida per la determinazione dei prezzi di trasporto per viaggi di corsa semplice e/o di andata/ritorno nell area regionale del Veneto TARIFFA N. 39/21/1 -

Dettagli

Regolamento del servizio di illuminazione votiva dei cimiteri comunali

Regolamento del servizio di illuminazione votiva dei cimiteri comunali Regolamento del servizio di illuminazione votiva dei cimiteri comunali Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 60 del 20.11.2009 INDICE Art. 1 - Oggetto del regolamento. Art. 2 - Gestione del servizio.

Dettagli

SI STIPULA E SI CONVIENE QUANTO SEGUE

SI STIPULA E SI CONVIENE QUANTO SEGUE CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI ALSENO E LE IMPRESE ESERCENTI L ATTIVITA FUNEBRE PER L ESECUZIONE DI SERVIZI FUNEBRI A PREZZI CONVENZIONATI DI CUI ALL ART. 5, COMMA 4 DELLA L.R. 29 LUGLIO 2004 N 19 Oggi presso

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CIMITERO

REGOLAMENTO DEL CIMITERO REGOLAMENTO DEL CIMITERO INDICE Capo I Suddivisione e utilizzazione dell area del cimitero Art. 1. Suddivisione Pag. 5 Art. 2. Campi per sepolture comuni e a tempo determinato 5 Art. 3. Occupazione dei

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI NOTIFICAZIONE DEGLI ATTI

REGOLAMENTO DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI NOTIFICAZIONE DEGLI ATTI COMUNE DI CLES (Provincia di Trento) ******** REGOLAMENTO DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI NOTIFICAZIONE DEGLI ATTI Approvato con delibera del Consiglio comunale n. 39 dd. 28.07.2015 INDICE Art. 1 - Oggetto

Dettagli

DISCIPLINARE RELATIVO ALLE PROCEDURE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Delibera di Giunta Comunale n. 118 del

DISCIPLINARE RELATIVO ALLE PROCEDURE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Delibera di Giunta Comunale n. 118 del DISCIPLINARE RELATIVO ALLE PROCEDURE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Delibera di Giunta Comunale n. 118 del 31.05.2011 Art. 1 Oggetto e finalità 1. Il presente regolamento disciplina le modalità

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI

DISCIPLINARE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI COMUNE DI RECOARO TERME Provincia di Vicenza UFFICIO DELLO STATO CIVILE Via Roma n. 10 36076 Recoaro Terme (VI) c.f. 00192560241 tel. 0445/793352 fax 0445/793359 e-mail: servcitt@comune.recoaroterme. vi.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE DI MISSIONE DEGLI AMMINISTRATORI COMUNALI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE DI MISSIONE DEGLI AMMINISTRATORI COMUNALI COMUNE DI LIONI (PROVINCIA DI AVELLINO) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE DI MISSIONE DEGLI AMMINISTRATORI COMUNALI Approvato con Delibera Consiliare n.19 del 11 aprile 2013 1 ART.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CON RITO CIVILE

REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CON RITO CIVILE REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CON RITO CIVILE Art. 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento disciplina le modalità di celebrazione dei matrimoni civili come regolati dalle disposizioni di cui

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEI CIMITERI DEL COMUNE DI MONTERIGGIONI Approvato con del. C.C. n.

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEI CIMITERI DEL COMUNE DI MONTERIGGIONI Approvato con del. C.C. n. REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEI CIMITERI DEL COMUNE DI MONTERIGGIONI Approvato con del. C.C. n. 3 del 27/03/2013 Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2

Dettagli

Comune di Sissa Trecasali Provincia di Parma

Comune di Sissa Trecasali Provincia di Parma APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 90 DEL 22.07.2014 Comune di Sissa Trecasali Provincia di Parma REGOLAMENTO DELLE MISSIONI E DEI RIMBORSI SPESE INDICE Art. 1 Oggetto, ambito di applicazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO FUNEBRE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO FUNEBRE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO FUNEBRE Art. 1 Esercizio del servizio di trasporto funebre Il Comune di Mesagne ha rinunciato al diritto di privativa con atto di Consiglio Comunale n. 35 del 01.10.2001,

Dettagli

COMUNE DI UMBERTIDE (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI

COMUNE DI UMBERTIDE (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI COMUNE DI UMBERTIDE (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Approvato con Delibera di C.C. n. 8 del 17 aprile 2016 1 Indice Art. 1 : Oggetto e finalità del

Dettagli

COMUNE DI RIMINI UNITA PROGETTI SPECIALI Determinazione Dirigenziale n. 524 del 17 Marzo Centro di Responsabilità 01 Centro di Costo 0166

COMUNE DI RIMINI UNITA PROGETTI SPECIALI Determinazione Dirigenziale n. 524 del 17 Marzo Centro di Responsabilità 01 Centro di Costo 0166 Centro di Responsabilità 01 Centro di Costo 0166 OGGETTO: Aggiornamento determina dirigenziale n. 680 del 5.4.2016 relativa alla nomina del Dott. Baldino Gaddi quale componente di parte per l Amministrazione

Dettagli

TARIFFA N. 39/17/TOSCANA

TARIFFA N. 39/17/TOSCANA TARIFFA N. 39/17/TOSCANA La presente tariffa è valida per la determinazione dei prezzi di trasporto per viaggi di corsa semplice e/o di andata/ritorno nell area regionale della Toscana TARIFFA N. 39/17/1

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI COMUNE DI PONTE SAN NICOLÒ Provincia di Padova REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI approvato con atto di C.C. n. 19 del 28.04.2010 in vigore dal 28 aprile 2010 COMUNE DI PONTE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E DEL RIMBORSO SPESE VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI COMUNALI E AMMINISTRATORI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E DEL RIMBORSO SPESE VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI COMUNALI E AMMINISTRATORI COMUNE DI SAN VITO CHIETINO (Provincia di Chieti) Largo Altobelli, 1 66038 San Vito Chietino CH Tel. 0872 61911 Fax 0872 619150 (C.F. 00094240694) www.comune.sanvitochietino.ch.it E - mail: info@comune.sanvitochietino.ch.it

Dettagli

REGOLAMENTO in materia di ATTRIBUZIONE di EMOLUMENTI, COMPENSI E RIMBORSI ai COMPONENTI degli ORGANI CAMERALI

REGOLAMENTO in materia di ATTRIBUZIONE di EMOLUMENTI, COMPENSI E RIMBORSI ai COMPONENTI degli ORGANI CAMERALI Approvato con deliberazione del Consiglio n. 4 del 28 aprile 2016 REGOLAMENTO in materia di ATTRIBUZIONE di EMOLUMENTI, COMPENSI E RIMBORSI ai COMPONENTI degli ORGANI CAMERALI Art. 1 Oggetto del regolamento

Dettagli

Comune di Sirolo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI LOCULI CIMITERIALI

Comune di Sirolo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI LOCULI CIMITERIALI Comune di Sirolo Provincia di Ancona REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI LOCULI CIMITERIALI (Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 61 del 05.12.1995) (Modificato con Deliberazione

Dettagli

COMUNE DI BRUZZANO ZEFFIRIO (Provincia di Reggio Calabria)

COMUNE DI BRUZZANO ZEFFIRIO (Provincia di Reggio Calabria) COMUNE DI BRUZZANO ZEFFIRIO (Provincia di Reggio Calabria) REGOLAMENTO PER L AUTENTICAZIONE DELLE SOTTOSCRIZIONI PRESSO IL DOMICILIO DELLE PERSONE INFERME. Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

COMUNE DI CREMA - AREA AFFARI GENERALI -

COMUNE DI CREMA - AREA AFFARI GENERALI - COMUNE DI CREMA - AREA AFFARI GENERALI - REGOLAMENTO COMUNALE PER L ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO NOTIFICHE Pagina 0 di 5 INDICE ART. 1 OGGETTO ED AMBITO DI APPLICAZIONE ART. 2 DEFINIZIONE DI NOTIFICAZIONE

Dettagli

COMUNE di NUMANA Provincia di Ancona

COMUNE di NUMANA Provincia di Ancona REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Art. 1 Oggetto e finalità del regolamento 1. Il presente regolamento disciplina le modalità di celebrazione del matrimonio civile, di cui alle prescrizioni

Dettagli

REGOLAMENTO Per la raccolta dei rifiuti

REGOLAMENTO Per la raccolta dei rifiuti REGOLAMENTO Per la raccolta dei rifiuti INDICE Art. 1 Competenze... 3 Art. 2 Modalità e luoghi di raccolta... 3 Art. 3 Giorni di raccolta... 3 Art. 4 Divieti... 3 Art. 5 Rifiuti ingombranti... 3 Art. 6

Dettagli

Attività Produttive. Altre attività Attività funebre. Descrizione

Attività Produttive. Altre attività Attività funebre. Descrizione Attività Produttive Altre attività Attività funebre Descrizione Per attività funebre si intende il servizio che comprende ed assicura in forma congiunta le seguenti prestazioni: 1. disbrigo delle pratiche

Dettagli

SOMMARIO. Art. 1 Oggetto del Regolamento. Art. 2 Autorizzazione alla trasferta. Art. 3 Uso del mezzo di trasporto

SOMMARIO. Art. 1 Oggetto del Regolamento. Art. 2 Autorizzazione alla trasferta. Art. 3 Uso del mezzo di trasporto REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAI DIPENDENTI E DAI COMPONENTI DEL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI, DELLA COMMISSIONE DISTRETTUALE DI DISCIPLINA, DELLE COMMISSIONI

Dettagli

DISCIPLINA DELLE MISSIONI E TRASFERTE ISTITUZIONALI E DEI RIMBORSI SPESE DEL DIRIGENTE DIRETTORE - SEGRETARIO E DEI DIPENDENTI DELL ENTE

DISCIPLINA DELLE MISSIONI E TRASFERTE ISTITUZIONALI E DEI RIMBORSI SPESE DEL DIRIGENTE DIRETTORE - SEGRETARIO E DEI DIPENDENTI DELL ENTE SERVIZIO RISORSE UMANE UNIFICATO DISCIPLINA DELLE MISSIONI E TRASFERTE ISTITUZIONALI E DEI RIMBORSI SPESE DEL DIRIGENTE DIRETTORE - SEGRETARIO E DEI DIPENDENTI DELL ENTE Articolo 1 Oggetto e definizioni

Dettagli

COMUNE DI ZERBOLO Provincia di Pavia

COMUNE DI ZERBOLO Provincia di Pavia ALLEGATO A ALLA DELIBERA G.C. N. 99 DEL 09/11/2006 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Indice generale Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento Art. 2 Funzioni Art. 3 Luoghi

Dettagli

COMUNE DI MUGGIO Provincia di Milano

COMUNE DI MUGGIO Provincia di Milano Copia per la consultazione COMUNE DI MUGGIO Provincia di Milano REGOLAMENTO COMUNALE PER L ACCESSO AL SERVIZIO TRASPORTO DI CITTADINI DISABILI O IN SITUAZIONE DI PARTICOLARE DISAGIO E NECESSITA. Approvato

Dettagli

COMUNE DI ROANA. Provincia di Vicenza * * * REGOLAMENTO DELLE SANZIONI PER VIOLAZIONE DELLE DISPOSIZIONI DEI REGOLAMENTI E ORDINANZE COMUNALI

COMUNE DI ROANA. Provincia di Vicenza * * * REGOLAMENTO DELLE SANZIONI PER VIOLAZIONE DELLE DISPOSIZIONI DEI REGOLAMENTI E ORDINANZE COMUNALI COMUNE DI ROANA Provincia di Vicenza * * * REGOLAMENTO DELLE SANZIONI PER VIOLAZIONE DELLE DISPOSIZIONI DEI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 12 del 21/03/2003 INDICE SOMMARIO Art. 1 - Oggetto

Dettagli

CITTA di VENTIMIGLIA (IM) SETTORE SERVIZI DEMOGRAFICI UFFICIO POLIZIA MORTUARIA

CITTA di VENTIMIGLIA (IM) SETTORE SERVIZI DEMOGRAFICI UFFICIO POLIZIA MORTUARIA CITTA di VENTIMIGLIA (IM) SETTORE SERVIZI DEMOGRAFICI UFFICIO POLIZIA MORTUARIA Regolamento relativo alla dispersione ed alla conservazione personale derivanti dalla cremazione dei defunti. delle ceneri

Dettagli

Comune di Imola. Provincia di Bologna Via Mazzini n Imola Tel Fax

Comune di Imola. Provincia di Bologna Via Mazzini n Imola Tel Fax Comune di Imola Provincia di Bologna Via Mazzini n. 4 40026 Imola Tel. 0542-602111-Fax 602289. REGOLAMENTO PER LA RIPRODUZIONE DI BENI CULTURALI PRESSO LE BIBLIOTECHE, GLI ARCHIVI E I MUSEI DI PROPRIETÀ

Dettagli

CONSORZIO DI BONIFICA DI II GRADO LESSINIO EUGANEO BERICO Cologna Veneta (VR) REGOLAMENTO CONCERNENTE IL SERVIZIO DI ECONOMATO

CONSORZIO DI BONIFICA DI II GRADO LESSINIO EUGANEO BERICO Cologna Veneta (VR) REGOLAMENTO CONCERNENTE IL SERVIZIO DI ECONOMATO CONSORZIO DI BONIFICA DI II GRADO LESSINIO EUGANEO BERICO Cologna Veneta (VR) REGOLAMENTO CONCERNENTE IL SERVIZIO DI ECONOMATO Adottato con Delibera dell Assemblea consortile n. 23 in data 18 dicembre

Dettagli

COMUNE di SAN GIOVANNI IN PERSICETO

COMUNE di SAN GIOVANNI IN PERSICETO ALLEGATO A COMUNE di SAN GIOVANNI IN PERSICETO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 88 del 15/12/2015 1 Indice generale Art.

Dettagli

CIVICO OBITORIO DI TORINO

CIVICO OBITORIO DI TORINO Struttura Complessa Medicina Legale Civico Obitorio Via Bertani 112/A 10137 Torino T 011.4099.664 F 011.4099.619 e-mail: civico.obitorio@aslto1.it SEDE LEGALE: Via San Secondo, 29-10128 TORINO C.F. - P.I.

Dettagli

Corso di Formazione Imprese Funebri

Corso di Formazione Imprese Funebri PERCORSI FORMATIVI Regolamento Regione Puglia 8/2015 Corso di Formazione Imprese Funebri R.R. della Puglia 11.03.2015, n. 8 (art. 17) (Direttore tecnico / Operatore Necroforo) Dr. Mario Esposito Tecnico

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RIMBORSO DELLE SPESE DEI CONSIGLIERI DI AMMINISTRAZIONE DI ACQUEDOTTO PUGLIESE S.P.A.

REGOLAMENTO PER IL RIMBORSO DELLE SPESE DEI CONSIGLIERI DI AMMINISTRAZIONE DI ACQUEDOTTO PUGLIESE S.P.A. REGOLAMENTO PER IL RIMBORSO DELLE SPESE DEI CONSIGLIERI DI AMMINISTRAZIONE DI ACQUEDOTTO PUGLIESE S.P.A. 1 Art. 1 - Oggetto del regolamento 1.1 Il presente Regolamento, in adempimento della Delibera dell

Dettagli

COMUNE DI VENDONE Provincia di Savona

COMUNE DI VENDONE Provincia di Savona COMUNE DI VENDONE Provincia di Savona REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI NOTIFICAZIONE ATTI (approvato con deliberazione C.C. n. 21 del 01/03/2006) Indice Articolo 1 Oggetto Articolo 2 Definizione

Dettagli