SCUOLA MARIA AUSILIATRICE PARITIRIA ROMA- Unità di Apprendimento n 2 Classe II B. SCUOLA MARIA AUSILIATRICE PARITIRIA Via Dalmazia Roma

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCUOLA MARIA AUSILIATRICE PARITIRIA ROMA- Unità di Apprendimento n 2 Classe II B. SCUOLA MARIA AUSILIATRICE PARITIRIA Via Dalmazia 12 00198 Roma"

Transcript

1 SCUOLA MARIA AUSILIATRICE PARITIRIA ROMA- Unità di Apprendimento n 2 Classe II B SCUOLA MARIA AUSILIATRICE PARITIRIA Via Dalmazia Roma Anno Scolastico Lingua Francese UNITA DI APPRENDIMENTO: LE MONDE ET NOUS Insegnante Giada Capalozza PRIMA FASE : LA MEDIAZIONE ISTITUZIONALE 1. Tipologia dell unita di apprendimento (UA) Unità formativa di contenuti che tiene conto della situazione degli studenti sia dal punto di vista psicologico che cognitivo, oltre che culturale. Dal punto di vista psicologico e tenendo anche presente le esigenze storico-culturali di ragazzi che vivono in una società multietnica, gli alunni sono fortemente motivati ad apprendere dei nuovi strumenti linguistici, comunicativi e culturali che possano consentire loro di instaurare nuovi rapporti di amicizia con dei coetanei di lingua francese. Inoltre tutto ciò che assimileranno gli studenti attraverso questa UA sarà anche utile durante un eventuale soggiorno in un paese francofono. Infine dal punto di vista cognitivo gli alunni hanno già raggiunto una preparazione linguistica adeguata per affrontare i nuovi contenuti. 2. Il problema affrontato dall unità di apprendimento Attraverso l unità di apprendimento Le monde et nous saranno affrontati temi di natura scientifica, intendendo per tali lo studio in lingua del corpo umano e delle malattie più comuni; dal punto di vista umano e comunicativo verranno offerti agli studenti gli strumenti e le strategie necessarie per poter instaurare un rapporto con un coetaneo di lingua francese ed essere in grado di parlare di sé. I seguenti temi saranno presentati privilegiando soprattutto una visione di natura antropologica, cioè evidenziando le differenze e le similitudini tra la cultura e i costumi dei due paesi. 3. Il riferimento alle disposizioni In applicazione dell articolo 8 del DPR n 275/1999, le Indicazioni Nazionali per i Piani di Studio Personalizzati per la Scuola Secondaria di I grado (30 luglio 2003) riportano gli obiettivi generali del processo formativo, nonché gli obiettivi specifici di apprendiemnto. Saranno quindi ora riportate 1

2 le parti relative agli obiettivi generali del processo formativo che rientrano in questa Unità di Apprendimento. Scuola che colloca nel mondo. La Scuola Secondaria di 1 grado aiuta lo studente ad acquisire una immagine sempre più chiara ed approfondita della realtà sociale [ ]. Le conoscenze e le abilità che lo studente è sollecitato a trasformare in competenze personali offrono, in questo quadro, un contributo di primaria importanza ai fini dell integrazione critica delle nuove generazioni nella società contemporanea. Scuola orientativa. La Scuola Secondaria di 1 grado mira all orientamento di ciascuno, favorisce all iniziativa del soggetto per il suo sviluppo fisico, psichico e intellettuale, lo mette nelle condizioni di definire e conquistare la propria identità di fronte agli altri e di rivendicare un proprio ruolo nella realtà sociale, culturale e professionale. Scuola della motivazione e del significato. [ ], la Scuola Secondaria di 1 grado è impegata a radicare conoscenze e abilità disciplinari e interdisciplinari sulle effettive capacità di ciascuno, utilizzando le modalità più motivanti di senso, perché egli possa esercitarle, sia individualmente, sia insieme agli altri, sia dinanzi agli altri. Motivazione e bisogno di significato sono del resto condizioni fondamentali di qualsiasi apprendimento. Senza queste due dimensioni risulta molto difficile coniugare lo sforzo richiesto da qualsiasi apprendiemnto, tanto più se lontano dagli interessi immediati dall allievo e di natura secondaria, con la perinenza e il grado di complessità delle conoscenze e abilità che si intendono insegnare. Le conoscenze, le abilità e soprattutto le competenze comunicative, che si intendeno sviluppare nello studente attraverso questa UA, rispondono perfettamente agli obiettivi generali di apprendiemnto riportati. Per quanto riguarda invece gli obiettivi specifici di apprendimento definiti per la seconda lingua comunitaria, per la classe II, quelli previsti in questa UA sono i seguenti : Principali tempi verbali: [ ], futuro (forme regolari); Pronomi Personali; Aspetti della cultura e della civiltà straniera impliciti nella lingua; Comprendere semplici e chiari messaggi orali riguardanti la vita quotidiana; Chiedere e parlare di abitudini, di condizioni di salute [ ]; Produrre testi scritti, utilizzando il lessico conosciuto; Confrontare modelli di civiltà e di cultura diversi. Questa unità di apprendimento si presenta suddivisa in due unità didattiche e quindi le tematiche affrontate saranno diverse : gli sport, i piaceri, la propria giornata, il corpo umano, le malattie, la telefonata. Ciò significa che gli obiettivi finali di questa unità di apprendimento saranno di offrire agli studenti tutti gli strumenti linguistici e culturali necessari per essere in grado di conversare con coetanei francofoni, sia nella lingua scritta che parlata, riguardo se stessi, la propria giornata i propri hobbies, il proprio stato di salute ed anche di saper utilizzare in maniera corretta il telefono in Francia e di affrontare una semplice conversazione telefonica. Riguardo alle modalità didattiche di attuazione di questa UA verranno realizzate lezioni frontali, lavori di gruppo, giochi di ruolo, ascolto di dialoghi reali, lettura di documenti autentici, scoperta e riflessione sulle strutture della lingua. L approccio didattico privilegiato sarà quello comunicativo che consente agli studenti di avere un ruolo attivo nel processo di apprendimento. Questo approccio permette di utilizzare la lingua in contesti reali di comunicazione e tutto ciò serve a motivare l allievo ad apprendere i nuovi contenuti. 4. Il target o i destinatari dell UA L unità è destinata agli allievi delle classe II B 2

3 5. Durata Delle 33 ore di Francese previste per il Primo Trimestre, distribuite in tre ore settimanali per ogni sezione, questa unità utilizzerà complessivamente 23 ore ossia quasi otto settimane, comprendendo anche il test d ingresso e la verifica finale. Queste ore corrispondono a circa il 23 % dell attuale monte ore (99 ore annue), ma secondo la riforma della scuola che entrerà in vigore, almeno per le prime classi, dal prossimo anno scolastico, questa percentuale in base al nuovo monte ore previsto per la seconda lingua comunitaria potrebbe variare. SECONDA FASE : IL RILEVAMENTO DELLA SITUAZIONE IN INGRESSO DELLO STUDENTE 6. Profilo in entrata Vi è un triplice riferimento da compiere : al profilo di ingresso, accolto nel POF, cioè al profilo in uscita dell anno precedente (vedi pag ) al profilo di ingresso, come rilevato all inizio dell anno scolastico nella programmazione dell attività didattica che suppone che lo studente abbia frequentato regolarmente e positivamente l unità di apprendimento precedente al profilo di ingresso, come rilevato prima dell attivazione dell unità di apprendimento tramite il test d ingresso, indispensabile per rilevare che lo studente possieda i requisiti necessari per affrontare la nuova unità di apprendimento 7. Tempo di inserimento nel Piano di Studi Personalizzato L unità viene svolta durante il primo trimestre (novembre-dicembre) subito dopo aver controllato il possesso dei requisiti necessari per poterla sviluppare, dal momento che molte strutture linguistiche e culturali contenute in questa unità saranno necessarie per la trattazione delle unità formative seguenti. 8. Requisiti d ingresso Cognitivi Il livello delle conoscenze è proporzionato al libro di testo: Planète Ados Edition Modulaire - vol.1 B. Durbano, M. Vico Edizioni Lang Per affrontare questa unità con profitto, occorre che l alunno possieda, sia nella lingua scritta che parlata i seguenti elementi cognitivi: Strutture Linguistiche : I Partitivi, I Comparativi, L uso del gallicismo Il Futuro Prossimo, Particolarità Ortografiche dei verbi in er, I Verbi Boire e Dire (almeno il presente indicativo) Funzioni Linguistiche : Saper acquistare qualcosa in un negozio Funzioni Comunicative : Per affrontare con successo questa unità di apprendimento lo studente dovrebbe aver raggiunto i seguenti obiettivi : 3

4 Ascolto : lo studente è in grado di comprendere in maniera soddisfacente un messaggio o un mini dialogo riguardante gli aqcuisti Leggere : lo studente è in grado di leggere un semplice testo in maniera scorrevole e di comprenderne il contenuto, almeno nei suoi elementi essenziali Parlare: lo studente è in grado di comunicare semplici messaggi in maniera scorrevole e corretta Interagire: lo studente è in grado di interagire in maniera corretta ed appropriata all interlocutore e al contesto in una semplice converasione all interno di un qualsiasi negozio Scrivere : lo studente è in grado di comporre messaggi chiari e complessivamente corretti e di redigere una semplice lista della spesa Metacognitivi Metalogici : lo studente deve essere in grado di riconoscere e comprendere alcuni comportamenti tipici di adolescenti francesi, confrontandoli con quelli che egli mette in atto Metalinguistici : lo studente conosce il significato del lessico specifico che utilizza Metateorici : lo studente è in grado di pensare ed argomentare nella propria esposizione quanto trattato in classe in maniera lineare Metagenetici : lo studente sa in quale modo ha assimilato le varie conoscenze e contenuti linguistici Comportamento L alunno sa: - rispettare i tempi di consegna degli elaborati o di eventuali prove - rispettare i compagni e gli insegnanti Comunicazione L alunno deve : - sapersi esprimere in modo corretto e comprensibile, verbalmente - sapersi relazionare in maniera collaborativa con compagni ed insegnanti 9. Prove in ingresso Assegnazione di un test d ingresso avente per oggetto i prerequisiti sopracitati. (Allegato1). 10. Certificazione di ingresso Gli studenti che hanno superato il test d ingresso, possiedono i requisiti necessari per prendere parte all UA. Nel caso si evidenzino carenze di uno o più requisiti iniziali in gran parte della classe, si provvederà a chiarire tali concetti prima di affrontare la UA. Nel caso in cui soltanto pochi studenti riscontrassero gravi difficoltà, saranno attivate forme di ripasso in gruppo o singolarmente. TERZA FASE : LA MEDIAZIONE DIDATTICA 11. Attività 4

5 Le attività previste sono: 1. un test d ingresso (allegato 1) 2. lezioni di spiegazione, che coinvolgono gli allievi con domande ed esempi 3. compiti da svolgere a casa, utili per l assimilazione delle nuove strutture e funzioni linguistiche 4. giochi di ruolo da svolgere in classe, per utilizzare in contesti di comunicazione reali i contenuti appresi 5. prove scritte ed orali in itinere da svolgere in classe, all interno di ciascuna attività didattica 6. verifica in uscita (allegato2) 12. ATTORI La docente di francese e gli alunni della classe II B 13. ARTICOLAZIONE I contenuti della UA saranno presentati in sequenza lineare e l approccio didattico privilegiato, come già esplicitato nel punto 3 (Riferimento alle disposizioni) sarà quello comunicativo. 1. Ascolto del dialogo Vélo, Rando, Photos che presenta i nuovi contenuti 2. Esercizi di comprensione globale e discussione del testo ascoltato 3. Presentazione del lessico riguardante gli sport, gli hobbies e la propria giornata 4. Presentazione delle nuove funzioni linguistiche : per invitare, accettare o rifiutare un invito, descrivere la propria giornata 5. Giochi di ruolo, scritti ed orali, a coppie di studenti 6. Presentazione nuove strutture linguistiche : pronomi personali complemento d oggetto diretto, pronomi interrogativi, la costruzione del futuro dei verbi, l uso di il faut 7. Enfatizzazione dei nuovi elementi culturali presenti in questa unità didattica : conoscenza espressioni di liguaggio familiare 8. Ascolto del dialogo Allô Maman bobo che presenta nuovi contenuti 9. Esercizi di comprensione globale e discussione del testo ascoltato 10. Presentazione del nuovo lessico riguardante il corpo umano e le malattie 11. Presentazione delle nuove funzioni linguistiche : telefonare 12. Giochi di ruolo, scritti ed orali, a coppie di studenti 13. Presentazione nuove strutture linguistiche: pronomi personali complemento d oggetto indiretto, l uso dei gallicismi il passato recente e la forma progressiva 14. Enfatizzazione dei nuovi elementi culturali presenti in questa unità didattica : conoscenza del sistema telefonico francese 14. LE MODALITA OPERATIVE COSA FA IL DOCENTE COSA FANNO GLI ALLIEVI Eseguono il test test d ingresso consegna la fotocopia e concede 45 minuti per la compilazione del test. Ritira gli elaborati. 1.ORA Prendono visione degli errori, chiedono 5

6 consegna i test corretti, commentando gli errori più comuni o più gravi presenta lo schema generale dell UA sottopone la classe all ascolto del dialogo Vélo, rando, photos, almeno tre volte, con un compito diverso ad ogni ascolto (esercizi pag. 197). Al termine di ogni ascolto dà la parola agli studenti per verificare la comprensione del testo ascoltato e scrive alla lavagna ciò che essi dicono. Al termine dell ora rimette per l ultima volta la registrazione del dialogo, che infine leggerà ad alta voce. Interroga alcuni studenti sulla lettura del dialogo e corregge eventuali esercizi assegnati. Presenta il nuovo lessico, gli sports e gli hobbies, con il supporto del testo, scheda di pag. 198 e 199 Corregge gli esercizi riguardanti il lessico assegnati per casa. Presenta le nuove funzioni linguistiche attraverso l ascolto di mini-dialoghi presenti nel testo in uso. Pone domande alla classe per verificare la comprensione dei testi ascoltati, che successivamente farà leggere. Assegna per casa la lettura dei mini-dialoghi e delle schede che presentano le nuove funzioni linguistiche pour inviter - pour accepter et refuser pag. 203 Invita qualcuno a leggere i mini-dialoghi. Riprende le schede assegnate per casa, portando ulteriori esempi. Il resto dell ora chiede alla classe di lavorare per coppie al gioco di ruolo di pag. 203., e per casa chiede loro di riportarlo sul quaderno e di studiarlo Chiama alcune coppie di studenti per la correzione del gioco di ruolo eseguito durante la lezione precedente Spiega con il supporto delle schede presenti nel testo i pronomi complemento di oggetto diretto, pag. 204, e i pronomi interrogativi di pag Per verificare subito la comprensione della classe chiede di svolgere gli esercizi n 19, pag. 204 e n 23 pag Assegna per casa lo studio delle strutture presentate e alcuni esercizi presi dal cahier des exercices. spiegazioni, ripassano i punti più importanti. Prendono appunti sul quaderno di Francese A libro chiuso ascoltano il dialogo, rispettando le differenti consegne assegnate e prendendo appunti sul loro quaderno. Al termine di ogni ascolto alzando la mano ognuno comunica ciò che ha compreso. Infine seguono a libro aperto l ascolto del dialogo, prima dalla cassetta registrata e poi dalla viva voce dell insegnante. Gli allievi interpellati leggono il dialogo e correggono gli esercizi svolti a casa. Il resto della classe ascolta e se necessario pone domande. Ascoltano e seguono sul testo la spiegazione dell insegnante, esponendo eventuali dubbi. Gli allievi interpellati correggono gli esercixzi assegnati, mentre gli altri ascoltano e segnalano eventuali dubbi o errori commessi. La classe ascolta i mini-dialoghi, prima a libro chiuso, poi aperto e spontaneamente interviene per riportare quanto compreso. Gli allievi chiamati leggono i mini-dialoghi e gli altri ascoltano. Seguono la spiegazione dell insegnante, pongono ulteriori domande, riportano tutto sul loro quaderno. Gli allievi, suddivisi per coppie, eseguono oralmente il gioco di ruolo di pag. 203 Gli studenti chiamati drammatizzano, davanti ai loro compagni, il dialogo imparato a casa Gli studenti seguono dal loro testo la spiegazione, pongono domande, eseguono gli esercizi richiesti, li correggono e riportano tutto sul loro quaderno. Gli studenti chiamati correggono gli esercizi 6

7 Chiama alcuni studenti per la correzione degli esercizi assegnati. Spiega la costruzione del futuro, riportando lo schema e alcuni esempi alla lavagna. Assegna per casa lo studio del futuro pag. 208 e almeno due esercizi presi dal cahier des exercices Interroga alcuni studenti sul futuro, chiedendo anche la correzione degli esercizi assegnati. Chiede alla classe di fare individualmente sul loro quaderno l esercizio n 31 di pag. 209 e successivamente chiama qualcuno per la correzione. Spiega, con il supporto del testo e altri esempi riportati alla lavagna, l uso della forma il faut e l indicativo presente dei verbi in oir. Assegna per casa lo studio delle strutture presentate, dei verbi irregolari voir e croire a pag. 211, con esercizi presi dal cahier des exercices Chiama qualcuno per la correzione degli esercizi assegnati e verifica la corretta assimilazione dei nuovi verbi. Riepiloga, chiedendo anche l intervento della classe, tutti i contenuti presentati nella ultime nove lezioni, sottolineando la presenza di espressioni di linguaggio familiare incontrate. Infine chiede ad ognuno di compilare la sceda di autovalutazione presente nel loro testo a pag ORA sottopone la classe all ascolto del dialogo Allô, Maman Bobo, almeno tre volte, con un compito diverso ad ogni ascolto (esercizi pag. 217). Al termine di ogni ascolto dà la parola agli studenti per verificare la comprensione del testo ascoltato e scrive alla lavagna ciò che essi dicono. Al termine dell ora rimette per l ultima volta la registrazione del dialogo, che infine leggerà ad alta voce. Interroga alcuni studenti sulla lettura del dialogo e corregge eventuali esercizi assegnati. Presenta il nuovo lessico, il corpo umano e le malattie, con il supporto del testo, scheda di pag. 218 e 219 Corregge gli esercizi riguardanti il lessico assegnati per casa. Presenta le nuove funzioni linguistiche attraverso l ascolto dei mini-dialoghi presenti nel testo. Assegna per casa la lettura dei svolti a casa, gli altri ascoltano e se necessario intervengono. Ascoltano la spiegazione dell insegnante, riportano sul loro quaderno lo schema e gli esempi fatti alla lavagna, pongono eventuali domande. Gli studenti chiamati riferiscono il futuro di alcuni verbi, corregono gli esercizi assegnati. Poi eseguono il compito richiesto e quando interpellati lo leggono al resto della classe. Gli altri ascoltano e se necessario intervengono. Seguono dal loro testo la spiegazione dell insegnante e riportano quanto scritto alla lavagna. Se necessario pongono domande. Gli allievi chiamati ripetono i verbi studiati, correggono gli esercizi svolti, gli altri seguono e pongono eventuali domande. Seguono e partecipano attivamente nel riepilogo finale. Compilano individualmente e poi commentano la scheda di autovalutazione. A libro chiuso ascoltano il dialogo, rispettando le differenti consegne assegnate e prendendo appunti sul loro quaderno. Al termine di ogni ascolto alzando la mano ognuno comunica ciò che ha compreso. Infine seguono a libro aperto l ascolto del dialogo, prima dalla cassetta registrata e poi dalla viva voce dell insegnante Gli allievi interpellati leggono il dialogo e correggono gli esercizi svolti a casa. Il resto della classe ascolta e se necessario pone domande. Ascoltano e seguono sul testo la spiegazione dell insegnante, esponendo eventuali dubbi. Gli allievi interpellati correggono gli esercixzi assegnati, mentre gli altri ascoltano e segnalano eventuali dubbi o errori commessi. Ascoltano i mini-dialoghi e poi riferiscono quanto compreso. 7

8 mini-dialoghi e della scheda che presenta la nuova funzione linguistica pour téléphoner pag. 221 Invita qualcuno a leggere i mini-dialoghi. Riprende le schede assegnate per casa, portando ulteriori esempi. Il resto dell ora chiede alla classe di lavorare per coppie al gioco di ruolo di pag. 223., e per casa chiede loro di riportarlo sul quaderno e di studiarlo 1.ORA Chiama una o più coppie di studenti per la correzione del gioco di ruolo eseguito durante la lezione precedente Presenta alla classe con il supporto delle schede presenti nel testo, pag , l uso dei pronomi complemento indiretto, riportando alla lavagna ulteriori esempi. Per verificare subito la comprensione della nuova struttura chiede alla classe di eseguire uno o due esercizi presenti nel loro testo, che correggerà immediatamente. Assegna per casa lo studio di quanto appena presentato con altri esercizi presi dal cahier des exercices Presenta alla classe con il supporto delle schede presenti nel testo, pag , l uso dei pronomi complemento indiretto, riportando alla lavagna ulteriori esempi. Per verificare subito la comprensione della nuova struttura chiede alla classe di eseguire uno o due esercizi presenti nel loro testo, che correggerà immediatamente. Assegna per casa lo studio di quanto appena presentato con altri esercizi presi dal cahier des exercices Chiama uno o più studenti per la correzione degli esercizi assegnati per casa. Presenta l uso del passato recente e della forma progressiva, con il supporto delle schede presenti nel testo pag. 227,228 e apporta ulteriori esempi. Assegna per casa lo studio delle strutture appena presentate con alcuni esercizi di applicazione. Chiede a uno o più studenti la correzione degli esercizi assegnati per casa. Sottopone la classe all ascolto di reali telefonate in lingua. Successivamente, con il supporto della schede presente nel testo a pag. 231, spiega come utilizzare correttamente il telefono in Francia o in un paese francofono e pone l accento sulle Gli allievi chiamati leggono i mini-dialoghi e gli altri ascoltano. Seguono la spiegazione dell insegnante, pongono ulteriori domande, riportano tutto sul loro quaderno. Gli allievi, suddivisi per coppie, eseguono oralmente il gioco di ruolo di pag. 223 Gli studenti chiamati drammatizzano, davanti ai loro compagni, il dialogo imparato a casa Seguono la spiegazione, seguendo dal loro testo e riportando sul quaderno quanto scritto alla lavagna. Pongono eventuali domande. Eseguono e poi correggono gli esercizi richiesti Gli alunni interpellati corregono gli esercizi svolti. Gli altri seguono e pongono eventuali domande. Seguono la spiegazione dell insegnante, riportando sul quaderno quanto scritto alla lavagna. Pongono eventuali domande. Gli studenti interpellati correggono gli esercizi svolti. Gli altri seguono e pongono eventuali domande. Seguono dal testo la spiegazione dell insegnante e chi ha già avuto occasione, durante un eventuale soggiorno in Francia, di utilizzare il telefono riporta alla classe la sua esperienza. 8

9 differenza con il sistema telefonico italiano. Chiede se c è qualcuno che ha già avuto occasione, durante un eventuale soggiorno in Francia, di utilizzare il telefono. Riepiloga quanto studiato nelle ultime lezioni e risponde ad evntuali domande. Chiede alla classe di compilare e di commentare la scheda di autovalutazione di pag ORE Consegna alla classe le fotocopie della verifica in uscita, dando indicazioni sulle differenti prove. Ritira gli elaborati. Gli studenti seguono e partecipano attivamente al ripasso. Compilano e poi commentano la scheda di autovalutazione Eseguono la verifica finale. QUARTA FASE : IL RILEVAMENTO DELLA SITUAZIONE IN USCITA DELLO STUDENTE 15. REQUISITI IN USCITA COGNITIVI I requisiti cognitivi che lo studente dovrà possedere, sia nella lingua scritta che parlata, al termine della UA sono i seguenti : Strutture Linguistiche : Lo studente deve riconoscere e saper usare correttamente i pronomi personali complemento d oggetto diretto e quelli d oggetto indiretto, i pronomi interrogativi, il futuro dei verbi, l espressione il faut, i gallicismi il passato recente e la forma progressiva Funzioni Linguistiche : Lo studente deve essere in grado di utilizzare la lingua per invitare qualcuno, accettare o rifiutare un invito, descrivere la propria giornata, parlare del proprio corpo e delle malattie o malesseri più comuni, effettuare e rispondere correttamente ad una telefonata Funzioni Comunicative : Lo studente deve aver reggiunto i seguenti obiettivi di comunicazione Ascolto : deve saper comprendere una conversazione in lingua riguardante gli sport, gli hobbies, la propria giornata, il corpo umano, le malattie e deve saper comprendere una semplice conversazione telefonica Leggere : deve saper leggere in maniera corretta e scorrevole un testo, o un dialogo riguardante gli argomento sopracitati, riuscendone a comprendere almeno gli elemnti essenziali Parlare : deve saper parlare in maniera semplice, ma corretta, della propria giornata, degli sport che pratica, dei propri hobbies, del proprio corpo, delle proprie malattie Interagire : deve saper affrontare in maniera corretta ed appropriata al contesto e all interlocutore una conversazione riguardante gli argomenti sopracitati Scrivere : deve saper redigere in maniera corretta una lettera per descrivere la propria giornata, gli sport pariticati, gli hobbies, e per parlare del proprio corpo Multimediale: deve saper inviare o rispondere ad un messaggio in lingua (riguardante i temi trattati) via 9

10 METACOGNITIVI Metalogici : l alunno sa individuare il legame logico tra due affermazioni che ha fatto (orali o scritte) Metalinguistici : l alunno sa perché utilizza il lessico specifico appreso Metateorici: si rende conto di come, nella sua esposizione, dimostra un assunto Metagentici: l alunno sa in quale modo ha assimilato le nuove conoscenze COMPORTAMENTO L alunno deve: - saper ascoltare con attenzione gli interventi dei propri compagni di classe - saper rispettare le opinioni altrui, anche se non conformi alle sue COMUNICAZIONE L alunno sa: - esprimersi in lingua in maniera corretta e comprensibile, utilizzando il lessico specifico appreso - sa leggere un testo in lingua, di difficoltà proporzionata, e commentarlo anche in maniera semplice, purchè pertinente - sa comunicare in maniera corretta e comprensibile anche via 16. MODALITÀ DI VERIFICA IN USCITA La Verifica in uscita è composta da 4 esercizi di comprensione orale, 2 di comprensione scritta e 5 esercizi di produzione scritta e conoscenza delle strutture linguistiche. (Allegato 2) I Criteri di Valutazione per la prova scritta sono riportati nella griglia di valutazione (Allegato 3) 17. CERTIFICAZIONE PROFESSIONALE La frequentazione di questa U.A., di complessive 23 ore, ha permesso all allievo di conseguire un Credito Formativo così articolato : Conoscenze: Conosce il significato specifico di alcuni termini che appartengono a diversi campi semantici quali gli sport, gli hobbies, il corpo umano, le malattie. (per esempio le volley, la natation, le parapente, le patinage, la randonnée, lire des B.D., aller en boîte, la grippe, un rhume ecc.) Conosce delle nuove strutture linguistiche (i pronomi personali complemento d oggetto diretto e quelli d oggetto indiretto, i pronomi interrogativi, il futuro dei verbi, l espressione il faut, i gallicismi il passato recente e la forma progressiva ) Sa riconoscere alcuni termini appartenenti al linguaggio familiare quali per esempio cassecroûte, rando, bobo, bébé ecc. Prestazioni: 10

11 Utilizza le conoscenze apprese anche in conversazioni in lingua, scritte ed orali, al di fuori del contesto scolastico Mette in relazione gli atteggiamenti degli adolescenti francesi e di quelli italiani Comportamenti: Nel gruppo classe sa ascoltare, rispettare gli altri, intervenire in maniera pertinente, aprirsi al confronto Sa rispettare i tempi assegnati Sa seguire la lezione con continuità per almeno 30 minuti senza distrarsi 18. SPENDIBILITÀ DELL UA - con eventuali amici di lingua francofona può instaurare un primo approccio, presentandosi, chiedendo e dando all altro informazioni su di sé e le proprie abitudini quotidiane - può cavarsela (nell usare correttamente il telefono) durante un eventuale soggiorno in Francia o in un paese francofono 19. IMPLEMENTAZIONE L allievo che abbia manifestato un buon interesse per i contenuti di questa UA e che abbia ottenuto buoni risultati nella verifica in uscita potrà, su suggerimento dell insegnante, consultare e leggere articoli, di riviste francesi per adolescenti presenti nella biblioteca della scuola, che trattino i temi affrontati. 20. INTEGRAZIONE Per gli allievi che hanno manifestato difficoltà o che comunque non hanno raggiunto pienamente gli obiettivi fissati si opterà per un dialogo con l insegnante per decidere insieme le modalità di recupero, che potrebbero essere, per esempio, sia conversazioni in lingua che letture specifiche guidate. 21. APPORTO AL PIANO DI STUDI PERSONALIZZATO La scuola non ha ancora elaborato i Piani di Studio Personalizzati 22. APPORTO AL PROFILO DELLA STUDENTE In sospeso in attesa di specificazioni circa il P.S.P. 23. ORGANIZZAZIONE DELL AMBIENTE DI APPRENDIMENTO In classe con l insegnante e all occorrenza con il supporto del registratore Essendo l UA un unità formativa di contenuti sarà necessario il consueto materiale scolastico: libri di testo, lavagna, registratore e cassette allegate al testo. 11

12 24. PROGETTAZIONE ECONOMICA DELLE RISORSE 23 ore di docenza e il tempo necessario per la correzione del test d ingresso, della verifica in uscita e della preparazione delle prove e delle lezioni Si valuta il costo per il cocente di circa 13,54 euro/h 25. VERIFICA DI FATTIBILITÀ Prima di iniziare la UA bisogna verificare che quanto indicato nelle voci precedenti sia effettivamente presente e che le risorse economiche, oltre la strumentazione siano disponibili nei tempi e secondo le modalità previste. 26. RIPROGETTAZIONE A conclusione della UA il docente verifica i risultati e valuta il successo della UA, basandosi su : 1. modalità di verifica dei pre-requisiti e controllo che il recupero abbia dato esito soddisfacente 2. sufficienza del tempo di svolgimento della Unità 3. coerenza e completezza delle verifica in uscita 12

13 ALLEGATO N. 1 Test d ingresso 13

14 ALLEGATO n. 2 Test in ingresso 14

15 ALLEGATO n. 3 Test in ingresso 4) Faites des phrases en utilisant les comparatifs de quantité, de qualité et d action selon le cas - Mme Duval gagne 1068 euros pas mois son mari gagne 1450 euros - - Je travaille 8 heures par jour mon frère travaille 9 heures pas jour - - Paul est sympa - Georges n est pas sympa - 5) Complétez librement avec le futur proche à partir des énoncés suivants - Dimanche prochain Ce soir Pour ton anniversaire ALLEGATO 4. 4 VERIFICA IN USCITA UA LE MONDE ET NOUS Nom: Prénom: Classe: Date: ASCOLTARE 1) Ecoutez la K7 et répondez aux questions suivantes - A quelle heure se lève Fréderic? - Est-ce qu il a cours de maths à 10 heures? - Où est-ce que il déjeune? - A quelle heure il rentre à la maison? - Qu est ce qu il fait après le dîner? 2) Quels sont les sports que pratiquent ces jeunes? Devinez d apres la K7 15

16 - Mathieu - Céline - Claire - Thomas 3) Ecoutez les mini-dialogues et complétez la grille N. Qui est malade? Qu est-ce qu il a? ) Voici des messages sur le répondeur de la famille Augier. Ecoutez-les te complétez la grille. N. Qui téléphone? A qui? Pourquoi? LEGGERE 1) Lisez le texte et puis barrez les affirmations qui ne correspondent pas au texte ci-dessus. Ce guide est une invitation à la découverte des canyons. Mais attention : le canyoning est un sport d aventures qui présente des risques. Cette activité demande une grange habilité et prudence. Pour être tranquille il est conseillé de faire des excurasions accompagné de guides experts. Le guide invite le lecteur à pratiquer tous les sports Le canyoning est un sport difficile Ce sport ne présente pas de risques Il faut partir seul pour être tranquille Il faut être prudent 2) Remettez dans le bon ordre Attendez un istant, je vous le passe 16

17 Quand est-ce que je peux le joindre? Je regrette, Madame, le Principal est parti Collège Kléber, la mère d un élève de cinquième C est de la part de qui? Je vous en prie Bonjour Madame, je voudrais parler au Principal S.V.P. Allô! Allô! Allô! Je vous remercie Après 4 heures, il sera certainement de retour à cette heure-là SCRIVERE 1) Décrivez en quelques lignes votre journée Le matin je me lève... 2) Jérémie laisse un petit billet à sa maman pour demander pardon de ses mavaises notes. Complétez-le en utilisant les indications suivantes au futur. (rester à la maison étudier tiut l après midi téléphoner moins à mes amis ranger ma chambre aider ma petite soeur à faire ses devoirs) Maman, je te promets qu à partir de demain... 3) Traduisez les répliques suivantes A) - Sono Marc Duval, c è Jean? - - Risponde la Famiglia Dubon! - - Oh, scusatemi ho sabagliato! 17

18 - B) Pronto Eric? - - No, sono suo fratello - - Puoi passarmi Eric, per favore? - - Mi dispiace, non è qui! 4) Remplacez les mots soulignés par les pronoms personnels complément appropriés - Je prends cette carte postale J aime bien mon petit cousin Ils achètent ces journaux Tu écris à Paul Le proviseur envoie une lettre aux parents Il achète une glace à l enfant ) Ecrives des phrases en utilisant les éléments entre parenthèses et l expression «Il Faut» - Le frigo est vide, (faire/courses) - La maison est en désordre, (faire/ménage) - Le Prof. Parle, (faire/attention) ALLEGATO n. 5 N. CRITERI LIVELLI DI VALUTAZIONE 1 O : Il contenuto è stato compreso nella sua interezza D : Il contenuto è stato compreso in modo soddisfacente Ascoltare B: Il contenuto è stato compreso nella maggior parte S: Il contenuto è stato compreso nelle sue linee essenziali NS : Il contenuto è stato compreso solo in parte o non è stato compreso 18

19 2 O : Il contenuto è stato compreso nella 3 Leggere Parlare sua interezza e la lettura è scorrevole e corretta foneticamente D: Il contenuto è stato compreso nella quasi totalità e la lettura è quasi sempre scorrevole e corretta foneticamente B : Il contenuto è stato compreso nella maggior parte e la lettura è abbastanza scorrevole e corretta foneticamente S : Il contenuto è stato compreso nelle sue linee essenziali e lettura è incerta e non sempre corretta foneticamente NS : Il contenuto è stato compreso solo in parte o non è stato compreso e la lettura è molto difficoltosa e scorretta foneticamente O : Comunica ed esprime i contenuti in maniera scorrevole, con correttezza grammaticale e fonetica 4 D : Comunica in maniera comprensibile con pochi errori grammaticali e fonetici B : Comunica in modo corretto S: Comunica in modo sostanzialmente corretto da un punto di vista grammaticale, pur mostrando incertezze lessicali e fonetiche NS: Comunica con incertezza commettendo errori grammaticali, lessicali e di pronuncia che rendono il contenuto esposto poco chiaro O : Interagisce con disinvoltura e Interagire o partecipare ad una conversazione pertinenza rispetto comunicativa prevista alla situazione D : Interagisce in modo sostanzialmente corretto ed appropriato B : Interagisce in modo sintetico anche se con qualche imprecisione a livello grammaticale S : Interagisce in forma elementare e sintetica NS : Interagisce in modo frammentario, non pertinente alla situazione comunicativa prevista e con errori di vario genere 19

20 5 O : Compone messaggi corretti dal punto di vista grammaticale e Scrivere appropriati alla funzione comunicativa prevista D: Compone messaggi chiari, complessivamente corretti dal punto di vista grammaticale e appropriati alla situazione comunicativa prevista B : Compone messaggi abbastanza chiari e corretti dal punto di vista grammaticale, anche se non sempre appropriati alla situazione comunicativa prevista S : Compone messaggi non sempre chiari, con alcuni errori grammaticali e non sempre appropriati alla situazione comunicativa prevista NS : Compone messaggi poco chiari, scorretti dal punto di vista grammaticale e non appropriati alla situazione comunicativa prevista 20

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a.

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a. SIS Piemonte Parlare del futuro, fare delle previsioni Specializzata: Paola Barale Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi a.a. 2003-2004 1 1. Contesto Liceo linguistico, secondo anno 2. Livello A2

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

1. E indispensabile da sapere! Les must 1. Sì, è piacevole cominciare con la parola di assenso: sì Oui 2. A volte però non c è scelta, e siamo

1. E indispensabile da sapere! Les must 1. Sì, è piacevole cominciare con la parola di assenso: sì Oui 2. A volte però non c è scelta, e siamo 1. E indispensabile da sapere! Les must 1. Sì, è piacevole cominciare con la parola di assenso: sì Oui 2. A volte però non c è scelta, e siamo costretti a dire no... chi vi sente capisce subito che per

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

ANNEE SCOLAIRE 2013-2014 ACADEMIE D AIX-MARSEILLE. Evaluations en fin de classe de troisième lv2 ITALIEN DOCUMENT PROFESSEUR

ANNEE SCOLAIRE 2013-2014 ACADEMIE D AIX-MARSEILLE. Evaluations en fin de classe de troisième lv2 ITALIEN DOCUMENT PROFESSEUR ANNEE SCOLAIRE 2013-2014 ACADEMIE D AIX-MARSEILLE Evaluations en fin de classe de troisième lv2 ITALIEN DOCUMENT PROFESSEUR Compréhension de l oral CONSIGNES Début de l épreuve : Appuyez sur la touche

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA DELF DALF Le certificazioni ufficii della lingua francese ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO www.testecertificazioni.it IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

DSA e EES ESIGENZE EDUCATIVE DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO SPECIALI

DSA e EES ESIGENZE EDUCATIVE DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO SPECIALI DSA e EES DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO ESIGENZE EDUCATIVE SPECIALI DISTURBI SPECIFICI dell APPRENDIMENTO Interessano alcune specifiche abilità dell apprendimento scolastico in un contesto di funzionamento

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

PAI Piano Annuale per l Inclusione

PAI Piano Annuale per l Inclusione ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione

Dettagli

Anno di corso: 2004/2005. Istruzioni. Istruzioni per lo svolgimento dei progetti didattici. versione 1.1

Anno di corso: 2004/2005. Istruzioni. Istruzioni per lo svolgimento dei progetti didattici. versione 1.1 versione 1.1 per lo svolgimento dei progetti didattici Corso di Laboratorio di Programmazione II Prof. Luca Forlizzi Anno Accademico 2004-2005 GENERALITÀ...3 Scopo del documento...3 Struttura del documento...3

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO Al Dirigente del Dipartimento Istruzione

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti Rapporto dal Questionari Studenti SCUOLA xxxxxxxxx Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il questionario studenti ha lo scopo di indagare alcuni aspetti considerati rilevanti per assicurare il benessere

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Obiettivi formativi e competenze di Ermanno Puricelli

Obiettivi formativi e competenze di Ermanno Puricelli Obiettivi formativi e competenze di Ermanno Puricelli Questo articolo è apparso sul n.11 della rivista SCUOLA E DIDATTICA del 15 febbraio 2003; viene riprodotto sul nostro sito per gentile concessione

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Uno per tutti, tutti per uno.

Uno per tutti, tutti per uno. Uno per tutti, tutti per uno. Bologna, 09/02/2015 Dainese Roberto Educare attraverso il Cooperative Learning: stile attributivo e competenze metacognitive Chiara Trubini Marina Pinelli Psicologia - Università

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

PROGRAMMA MODULO B Didattica delle discipline CLASSI A245 A246 AREA COMUNE Data lezione Docente Numero

PROGRAMMA MODULO B Didattica delle discipline CLASSI A245 A246 AREA COMUNE Data lezione Docente Numero PROGRAMMA MODULO B Didattica delle discipline CLASSI A245 A246 AREA COMUNE Data lezione Docente Numero modulo Titolo Venerdì 14/11 Martinelli 1 Le quattro abilità linguistiche di base. I livelli di competenza

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli