SCUOLA PRIMARIA GUIDE DU PROFESSEUR

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCUOLA PRIMARIA GUIDE DU PROFESSEUR"

Transcript

1 S C U O L A P R I M A R I A Mireille Martin Antoine Picot GUIDE DU PROFESSEUR

2 Table des Matières Introduction page 3 Portfolio linguistico page 4 La classe de français page 5 Syllabus page 6 LEÇON 1 Vive la rentrée page 8 Fiche A page 11 Bilan page 12 LEÇON 2 Bonjour les enfants page 14 Fiche A page 17 Bilan page 18 Vive les fêtes La magie de Noël page 20 LEÇON 3 La petite maison page 21 Fiche A page 24 Fiche B page 25 Bilan page 26 LEÇON 4 Félix est un ami page 28 Fiche A page 32 Bilan page 33 Vive les fêtes Les vacances de Pâques page 35 LEÇON 5 Félix va à l école page 36 Fiche A page 40 Bilan page 41 LEÇON 6 Une promenade à la campagne page 43 Fiche A page 47 Bilan page 48 Cartes illustrées page 50 2

3 Introduction Salut Félix è un innovativo corso di francese, che propone un percorso graduale e strutturato, finalizzato all acquisizione delle quattro abilità fondamentali nell apprendimento della lingua. Il corso fornisce le attività di produzione orale e scritta, di ascolto e di lettura. Le unità sono così strutturate: Dialogues, dialoghi, che aprono ogni unità e presentano la lingua, fissano le strutture e danno la traccia per sviluppare esercizi grammaticali e di conversazione. I protagonisti dei dialoghi sono sempre il fantasmino Félix e i suoi amici Marie, Cécile, Henri e Daniel. Essi rendono le lezioni più vivaci e servono anche come base per le attività dei jeux de rôles. Français Facile, esercizi di ascolto e ripetizione di strutture e vocaboli, utili per favorirne il consolidamento. Vive les Fêtes, che presenta le due principali festività francesi attraverso disegni divertenti, fotografie e canzoncine. Le festività permettono all alunno di avvicinarsi alle tradizioni francesi. Les Mots Magiques, che riassume al termine di ogni unità le parole più significative appena apprese e la loro scrittura. Questa rubrica è direttamente mirata al consolidamento. Portfolio, rubrica che ricorre alla fine di ogni unità e che permette all alunno di monitorare con frequenza regolare, da solo o con l aiuto dell insegnante, i propri progressi. Glossaire, un glossario che riassume le parole principali del testo tradotte in italiano e serve come dizionario al quale l alunno può ricorrere in caso di difficoltà di comprensione. Contrôles, la rubrica che presenta prove di preparazione per le verifiche conclusive che si trovano nella Guide du Professeur. La Guide du Professeur La guida per l insegnante propone indicazioni di percorsi didattici, riporta le transcriptions di tutti gli esercizi di ascolto, registrati da speaker madrelingua, e segue fedelmente la struttura del libro studente, per permettere all insegnante di pianificare le lezioni nel migliore dei modi. All interno della Guide du Professeur sono inoltre presenti: cartes illustrées schede di approfondimento relative alle rubriche del libro dello studente una serie di bilans che permettono di verificare l acquisizione dei contenuti e delle funzioni presentate nel testo. La guida è accompagnata da un CD audio. Il Cahier d Activités Ogni testo è accompagnato da un cahier d activités, in vendita separatamente, che si propone come un valido ausilio per gli alunni. È un utile supporto didattico per le lezioni in classe ma è anche ideale per i compiti a casa. Le facili consegne in lingua italiana rendono più sicura e agevole la comprensione del lavoro da eseguire. 3

4 Portfolio linguistico Il Portfolio linguistico fornisce indicazioni sulle conoscenze acquisite nelle diverse lingue e sul tipo di percorso di apprendimento intrapreso. L utilità di questo strumento consiste nell essere stato ideato facendo riferimento a categorie e a parametri riconosciuti a livello internazionale, quali quelli proposti dal Programma Lingue Moderne del Consiglio d Europa. Riportiamo di seguito la descrizione del livello base, che è quello indicato per la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado: A1 Comprende e usa espressioni di uso quotidiano e frasi basilari indispensabili per soddisfare bisogni di tipo concreto. Sa presentare se stesso/a e gli altri; è in grado di fare domande e rispondere su particolari personali: dove abita, le persone che conosce, e gli oggetti che possiede. Interagisce in modo semplice purché l altra persona parli lentamente e chiaramente e sia disposta a collaborare. A2 Comprende frasi ed espressioni usate frequentemente relative ad ambiti di immediata rilevanza (es. informazioni personali e familiari di base, fare la spesa, la geografia locale, l occupazione). Comunica su attività semplici e di routine che richiedono un semplice scambio di informazioni su argomenti familiari e comuni. Sa descrivere con termini semplici aspetti del suo background, dell ambiente circostante e sa esprimere bisogni immediati. Il Portfolio permette di sapere: a quale livello si è in grado di comprendere una lingua a quale livello la si può utilizzare per iscritto o oralmente (sviluppando micro o macro funzioni coerenti con l atto comunicativo che si intende produrre) a quale grado corrispondono, sul piano Europeo, gli esami scolastici finali, i diplomi, i certificati conseguiti. Inoltre permette di conoscere la tipologia di apprendimento messa in atto durante il processo didattico. I parametri di riferimento descritti nel Portfolio offrono anche l opportunità di programmare in autonomia gli sviluppi successivi. 4

5 La classe de français Asseyez-vous. Allez à vos places. Entrez. Sortez. Fermez la porte. Qui est absent aujourd hui? Qui n et pas là aujourd hui? Bien, commençons. Nous pouvons commencer. Prenez vos cahiers, vos crayons, du papier, vos ciseaux Ouvrez vos livres à la page Tournez la page Regardez l image à la page Lisez la page Relisez la page une / deux fois. Fermez vos livres / vos cahiers. Rangez vos livres, vos cahiers, votre matériel. Rangez vos affaires dans le cartable. Écoutez attentivement. Faites bien attention. Répétez après moi. Répétez encore. Silence. Ne faites pas du bruit. Pour la prochaine fois, faites l exercice / les exercises à la page C est à faire à la maison / chez vous. Écrivez correctement. Copiez l exercice qui est au tableau. Mettez la date en haut de la page. Viens au tableau. Prends la craie. Écris la phrase suivante. Fais-moi voir ton cahier. Corrige l exercice Lis à haute voix le texte à la page Essaie encore. Va à ta place. Tu peux aller à ta place. N oubliez pas de Il y a des problèmes? Vous avez des questions? Vous avez compris? C est compris? C est claire pour tout le monde? Levez le doigt si vous devez demander quelque chose. Faisons un jeu. À qui est le tour? C est à qui? Mettez-vous en cercle. Groupez-vous par quatre, par cinq Faites des groupes de quatre, de cinq Je voudrais deux, trois volontaires. Qui est volontaire? Qui est le vainqueur? Qui a gagné? Bien. Très bien. Excellent travail. C est une bonne idée. Certainement. Bien sur. La leçon est terminée. Nous finirons la prochaine fois. Excusez-moi. Je suis désolé(e). Merci. Merci beaucoup. De rien. Il n y a pas de quoi. Au revoir. À demain. Bon dimanche / week-end. 5

6 LEÇON Syllabus Lessico Strutture Funzioni Vive la rentrée Ç 1 saluti Je m appelle salutarsi / presentarsi parti della giornata Mon prénom / nom est salutarsi nei diversi momenti della giornata Quel est ton nom / prénom? chiedere a qualcuno nome e cognome Comment ça va? LEÇ ON Bonjour les enfants 2 numeri da 0 a 12 C est quel chiffre? contare da 0-12 mesi Tu as quel âge? chiedere e dire l età J ai ans. C est quand ton anniversaire? C est en chiedere e dire il mese del compleanno dire i nomi dei mesi LEÇ ON La petite maison 3 colori C est de quelle couleur? riconoscere e dire i nomi dei colori C est chiedere il colore di un oggetto Quelle est ta couleur chiedere e dire il nome del colore preferito préférée? 6

7 Syllabus Lessico Strutture Funzioni LEÇON Félix est un ami Ç 4 aggettivi qualificativi Je suis /Je ne suis pas descriversi Tu es /Tu n es pas descrivere altre persone Il/Elle est descrivere animali descrivere oggetti LEÇ ON Félix va à l école 5 oggetti scolastici C est un/une riconoscere e dire i nomi degli oggetti scolastici oggetti in aula Ce sont des chiedere e dire che cosa è Qu est-ce que c est? C est un/une? Ce sont des? Il y a dire ciò che c è LEÇ ON Une promenade à la campagne 6 animali della fattoria Où est/sont riconoscere e dire i nomi degli animali animali dello zoo Il/Elle est dans dire che cosa hanno gli altri animali domestici C est quel animal? localizzare oggetti e animali dans Il/Elle a riconoscere e usare la preposizione dans Ils/Elles sont 7

8 LEÇ O N 1 Vive la rentrée Lessico Strutture Funzioni saluti Je m appelle salutarsi / presentarsi parti della giornata Mon prénom / nom est salutarsi nei diversi momenti della giornata Quel est ton nom / chiedere a qualcuno nome prénom? e cognome Comment ça va? Prima di cominciare con lo svolgimento degli esercizi, fare ascoltare e cantare la canzoncina introduttiva. Transcription traces 2, 3 Je suis Félix. Je suis Félix. Allez les amis, v nez avec moi. Ici on parle, on parle tous français. Allez les amis, v nez avec moi. 1. Écoute le dialogue. Il ruolo del dialogo consiste nell introdurre il lessico e le nuove strutture. Il dialogo dovrà essere riascoltato più volte durante il percorso dell unità, soprattutto alla fine come consolidamento. Il primo ascolto serve come introduzione. Nelle fasi successive è consigliabile farlo riascoltare dopo la presentazione del lessico e delle strutture nella rubrica Français Facile. Prima dell ascolto fare osservare le pagine 4 e 5 e chiedere che cosa sta accadendo. Fare ascoltare il dialogo con l ausilio della registrazione e invitare gli alunni a spiegare che cosa hanno capito. Non soffermarsi troppo sulle parole nuove, che verranno approfondite nelle pagine seguenti. Transcription trace 4 Cécile: Salut! Je suis Cécile. Comment tu t appelles? Daniel: Cécile: Henri: Daniel: Cécile: Monsieur Pique: Salut! Je m appelle Daniel. Salut, Henri! Salut, Marie! Voici Daniel, notre nouvel copain! Salut, Daniel, ça va? Ça va, merci. Allez venez! Il est tard! Bonjour, Madame Dubois. Comment allez-vous? Madame Dubois: Ça va très bien merci, Monsieur Pique. 2. Lis et colorie V (vrai) ou F (faux). Compréhension Chiedere agli alunni di leggere le frasi e colorare V se sono vere e F se sono false. 1. V 2. F 3. V 4. F 5. F 3. Maintenant, joue le dialogue avec tes amis. Prima di invitare gli alunni a drammatizzare il dialogo, verificare la comprensione dei nuovi vocaboli. 4. Écoute et répète. Français Facile Introdurre le domande Quel est ton prénom?/quel est ton nom? e le risposte Mon prénom est /Mon nom est È importante che gli alunni si abituino a rispondere con frasi 8

9 complete. Fare ascoltare i dialoghi di pagina 6. Dividere gli alunni in coppie e far ripetere a tutti le battute. Transcription trace 5 fille: Quel est ton prénom? garçon: Mon prénom est Thomas. fille: Quel est ton nom? garçon: Mon nom est Leclerq. 5. Choisis les bonnes réponses. Chiedere agli alunni di scegliere le domande che corrispondono alle risposte dei due animaletti. Quel est ton nom? Quel est ton prénom? 6. Écoute et chante la chanson. Quando si ritiene che gli alunni abbiano imparato bene queste prime domande e risposte riguardanti i nomi propri, introdurre la domanda Comment tu t appelles? con l ausilio della canzoncina proposta. Transcription traces 6, 7 Comment tu t appelles? Je m appelle Suzanne. Comment ça va? Comment ça va? Ça va très bien. Comment tu t appelles? Je m appelle Thomas. Comment ça va? Comment ça va? Ça va très bien. Una volta che la classe avrà acquisito una buona padronanza della nuova struttura, invitare una coppia di bambini per volta alla lavagna e chiedere loro di fingere di incontrarsi per la prima volta. Fare riascoltare il dialogo iniziale di pagina 4 e 5 e chiedere agli alunni di alzare la mano quando sentono la domanda Comment tu t appelles? Infine, fare riascoltare la canzoncina e presentare la domanda Comment ça va? e la risposta Ça va très bien. 7. Lis et indique d une flèche. Insegnare le espressioni Asseyez-vous e Levez-vous e fare completare l esercizio, che consiste nel collegare le due frasi alle illustrazioni corrette. 8 Écoute et complète les phrases. Introdurre i saluti bonjour e au revoir, proponendoli entrando e uscendo dall aula. Porre molta attenzione nel sottolinearne il corretto uso spiegando che bonjour si usa soltanto quando si arriva e au revoir soltanto quando si va via. Introdurre anche salut, che si usa tra amici e con i membri della famiglia, sia quando si arriva sia quando si va via, e che corrisponde all italiano ciao. Insegnare anche i saluti bonsoir e bonne nuit. Utilizzare le cartes illustrées per consolidare i saluti relativi ai vari momenti della giornata. Mostrare una carte e invitare gli alunni a salutare in modo appropriato. Far osservare i fumetti e farli completare in modo adeguato. Transcription trace 8 Bonjour, Madame Villeret. Bonne nuit, maman et papa. Au revoir, Monsieur Caron. Salut, Pierre. Bonsoir, Mademoiselle Tourret. 9. Écoute et colorie en jaune la bonne réponse. Proporre questo esercizio, che consiste nell ascoltare e colorare in giallo le risposte corrette. 9

10 Transcription trace 9 1. Bonjour, Monsieur Pique. 2. Au revoir Jules. 3. Bonne nuit, Charlotte. 10. Écoute et chante la chanson. Prima di insegnare la canzoncina di pagina 9 introdurre i titoli Monsieur, Madame e Mademoiselle. Spiegare ai bambini che, in Francia, gli alunni si rivolgono all insegnante chiamandola Madame se è una donna o Monsieur se è un uomo. Svolgere esercitazioni orali con nomi di persone famose o di insegnanti. Fare ascoltare e ripetere la canzoncina in gruppi. Transcription traces 10, 11 Bonjour Madame! Bonjour Monsieur! Comment ça va aujourd hui? Salut maman, salut papa! Salut les amis. 11. Complète avec les prénoms de tes amis. PERSONNEL Invitare gli alunni a osservare le parole nei cartelli (un garçon, une fille) e a completare la tabella con i nomi di tre amici maschi e tre amiche femmine. Gli alunni troveranno la rubrica Personnel in ogni unità. Spiegare loro che la rubrica si chiama così perché prevede che i bambini parlino e scrivano a proposito di se stessi. Fiche A Leçon 1 (materiale fotocopiabile) Chiedere agli alunni di numerare le illustrazioni che servono per le esercitazioni orali. Dividere gli alunni in coppie e invitarli a esercitare la struttura proposta in fondo alla scheda. I bambini devono scegliere una delle identità illustrate e rispondere in prima persona. Contrôle Assegnare come ripasso il Contrôle di pagina 57 del libro studente per preparare i ragazzi alla verifica vera e propria. Bilan Prima di passare all unità successiva, fare svolgere il Bilan a pagina 12 della Guide du Professeur per verificare il livello di comprensione e valutare l andamento della classe. 10

11 1. Numera le illustrazioni. 1. Tarzan 2. Pinocchio 3. Pocahontas 4. Heidi 5. Dracula 6. Frankenstein 7. Zorro FICHE A Leçon 1 2. Esercitati con un compagno. Domanda Comment tu t appelles? Risposta Je m appelle Materiale Fotocopiabile LANG 11

12 nome data 1. Completa i saluti. BILAN Leçon 1 bo j u s a t a r v ir b n n t on s r 2. Leggi e completa il dialogo. A. Salut! Je Marie. B., Marie. A. est ton prénom? B. Mon prénom Jean. A. Quel est? B. Mon nom Renoir. 3. Ascolta e segna con una X la risposta esatta. 1. Très bien, merci! Louis Tourret. 2. Au revoir! Bonjour! 3. Bonne nuit! Bonsoir! moyen satisfaisant bien très bien excellent 12

13 Consegne e risposte per Contrôle Leçon 1 e Bilan Leçon 1 Contrôle (pagina 57 libro dello studente) 1. Lis et indique d une flèche. Chiedere agli alunni di collegare i saluti alle illustrazioni. 2. Complète le dialogue. Gli alunni devono completare il dialogo fra i due bambini. A. Je B. Salut A. Comment B. prénom A. est B. Mon 3. Écoute et choisis les bonnes réponses. Chiedere agli alunni di ascoltare la registrazione e segnare le risposte adatte. Transcription trace Salut, Henri! 2. Bonne nuit, maman! 3. Quel est ton nom? 1. Salut! 2. Bonne nuit! 3. Rossi. Bilan (pagina 12 guida dell insegnante) 1. Completa i saluti. bonjour salut au revoir bonne nuit bonsoir 2. Leggi e completa il dialogo. A. m appelle B. Salut A. Quel B. est A. ton nom B. est 3. Ascolta e segna con una X la risposta esatta. Transcription trace Comment ça va? 2. Bonjour les enfants. 3. Bonsoir Monsieur Leclerq. 1. Très bien, merci! 2. Bonjour! 3. Bonsoir! 13

14 LEÇ O N 2 Bonjour les enfants Lessico Strutture Funzioni numeri da 0 12 C est quel chiffre? contare da 0-12 mesi Tu as quel âge? chiedere e dire l età J ai ans. C est quand ton anniversaire? chiedere e dire il mese del compleanno C est en dire i nomi dei mesi 1. Écoute le dialogue. Prima di fare ascoltare il dialogo, fare osservare le pagine 10 e 11 e chiedere che cosa sta accadendo. Fare ascoltare il dialogo con l ausilio della registrazione. Invitare gli alunni a spiegare che cosa hanno capito. Non soffermarsi troppo sulle parole nuove, che verranno approfondite nelle pagine che seguono. Transcription trace 14 Madame Dubois: Bonjour, les enfants! Je suis Madame Dubois. Je suis la maîtresse. Enfants: Bonjour, madame! Madame Dubois: On va faire l appel! Marie. Marie: Présente. Madame Dubois: Henri. Henri: Présent. Madame Dubois: Laurent. Garçon: Absent. Madame Dubois: Qui est-ce? Henri: Lui, c est Daniel, un nouvel élève. Madame Dubois: Bonjour, Daniel. Daniel: Bonjour, madame! Madame Dubois: Tu as quel âge? Daniel: J ai huit ans, madame. Marie: Daniel: C est quand ton anniversaire? C est en octobre. 2. Coche les bonnes réponses. Compréhension Invitare gli alunni a segnare con una X le frasi che descrivono Daniel. Je m appelle Daniel. Mon anniversaire est en octobre. 3. Maintenant, joue le dialogue avec tes amis. Prima di invitare gli alunni a drammatizzare il dialogo, verificare la comprensione dei nuovi vocaboli. 4. Écoute et répète les chiffres. Introdurre i numeri da 0 a 12 posizionando dodici oggetti in vista sulla cattedra. Contarli un paio di volte, poi far ripetere i numeri agli alunni. Invitare un bambino per volta a contare gli oggetti sulla cattedra. Fare ascoltare e ripetere i numeri. Transcription trace 15 zéro, un, deux, trois, quatre, cinq, six, sept, huit, neuf, dix, onze, douze 14

15 Una volta acquisita una buona padronanza del nuovo lessico, chiedere ai bambini di contare da zero a dodici e poi da dodici a zero, prima con il libro aperto e in un secondo tempo con il libro chiuso. 5. Pose la question à un ami ou une amie. Scrivere alla lavagna un numero in cifra e rivolgere ai bambini la domanda C est quel chiffre? Non mostrare i numeri in successione in modo da verificare che gli alunni sappiano riconoscere i numeri e non soltanto ripeterli in sequenza. Disporre gli alunni in coppie e invitarli a rivolgersi la domanda l un l altro, indicando i numeri illustrati nel libro. 6. Compte et complète avec les chiffres. Far completare l esercizio che consiste nel contare le biglie e scrivere il numero giusto sotto ogni sacchetto. six quatre deux huit cinq dix 7. Écoute et complète avec les chiffres. Fare svolgere l esercizio, che consiste nell ascoltare e scrivere le sequenze di numeri. Transcription trace 16 A. cinq sept un dix B. neuf deux six onze C. douze trois quatre huit 8. Chante la chanson et complète. Prima di fare ascoltare la filastrocca proposta in questa pagina, introdurre il lessico necessario per la corretta comprensione. Spiegare agli alunni che mentre ascoltano devono completare gli spazi con i numeri mancanti. Fermare la registrazione in modo che tutti abbiano la possibilità di scrivere i numeri. Una volta completato il testo, fare ascoltare la registrazione e invitare i bambini a cantare. Transcription traces 17, 18 Un, deux, trois, allons dans les bois. Quatre, cinq, six, cueillir des cerises. Sept, huit, neuf, dans mon panier neuf. Dix, onze, douze, elles seront toutes rouges. 9. Joue! Preparare, oppure fare preparare agli alunni, dieci ciliegine di carta, colorate e ritagliate. Procurarsi un cestino o un sacchetto e metterci dentro alcune ciliegie, senza dire agli alunni quante sono. Invitare un alunno alla cattedra e rivolgergli la domanda Il y a combien de cerises? L alunno dovrà cercare di indovinare il numero esatto rispondendo Il y en a (numero). 10. Écoute et répète. Introdurre i nomi dei mesi utilizzando le cartes illustrées o altre illustrazioni. Evidenziare la pronuncia corretta, soprattutto dei mesi il cui nome è simile all italiano, che però si pronunciano diversamente. Far ripetere i mesi in successione, prima in coro e poi individualmente. In un secondo tempo, far ripetere i mesi in ordine sparso, mostrando una carte per volta. Far ripetere con la registrazione. Transcription trace 19 janvier, février, mars, avril, mai, juin, juillet, août, septembre, octobre, novembre, décembre 11. Complète. Chiedere agli alunni di copiare i nomi dei mesi nelle illustrazioni giuste. 15

16 12. Écoute et répète. Français Facile Introdurre le domande Tu as quel âge? e C est quand ton anniversaire? e fornire le risposte. Rivolgere le domande ad alcuni alunni e invitarli a dire la propria età e il mese del loro compleanno. Fare ascoltare i brevi dialoghi per consolidare le nuove strutture. Dividere gli alunni in coppie e far ripetere le battute a tutti. Una volta acquisita una buona padronanza di entrambe le formule, invitare gli alunni a modificare le risposte facendo riferimento a se stessi. Transcription trace 20 fille: Tu as quel âge? garçon: J ai neuf ans. garçon: C est quand ton anniversaire? fille: C est en mai. Fare riascoltare il dialogo iniziale delle pagine 10 e 11 e chiedere agli alunni di sottolineare le domande Tu as quel âge? e C est quand ton anniversaire? 13. Exerce-toi: interroge six copains ou copines. Per consolidare le nuove strutture, invitare gli alunni a rivolgere le due domande a sei compagni e a completare la tabella con i dati ricavati. 14. Complète. Les Mots Magiques Chiedere agli alunni di completare questo esercizio, che riassume il lessico fondamentale dell unità. I bambini dovranno scrivere in parola i numeri da 1 a 12, i pari a destra e i dispari a sinistra. Portfolio Prima di fare annotare le competenze acquisite, si consiglia di fare riascoltare il dialogo iniziale. Una volta che gli alunni hanno familiarizzato con il dialogo, assegnare loro le parti da leggere. Dare a tutti la possibilità di leggere qualche battuta e segnalare gli eventuali errori di pronuncia. Chiedere agli alunni di imparare a memoria una parte che potranno recitare all inizio della lezione successiva. Fiche A Leçon 2 (materiale fotocopiabile) Spiegare agli alunni che devono riordinare le lettere nelle torte e scrivere i nomi dei mesi dei compleanni, poi dovranno colorare le illustrazioni. In un secondo tempo disporre gli alunni in coppie e invitarli a utilizzare la struttura proposta in fondo alla scheda per esercitarsi oralmente. Contrôle Assegnare come ripasso il Contrôle di pagina 58 del libro studente per preparare i ragazzi alla verifica vera e propria. Bilan Prima di passare all unità successiva, fare svolgere il Bilan a pagina 18 della Guide du Professeur per verificare il livello di comprensione e valutare l andamento della classe. 16

17 FICHE A Leçon 2 1. Riordina le lettere per comporre i nomi dei mesi. Colora. Antoine Marie Céline Thomas Paul Anne Cristelle Jean 2. Esercitati con un compagno. Domanda C est quand ton anniversaire, Thomas? Tu as quel âge, Thomas? Risposta C est en J ai ans. Materiale Fotocopiabile LANG 17

18 nome data BILAN Leçon 2 1. Scrivi i numeri in parola Riordina le lettere e scrivi i nomi dei mesi. V A E J N I R ÉR E V F I R R A M S I R A V L A I M U I J N I U L J L T E ÛA O T B E E P S T M R E E B O C O T R R B O N V E M E E B D C E É M R 3. Ascolta e collega i bambini alle loro età. 1. Thomas 9 2. Robert Linda 4. Suzanne 7 moyen satisfaisant bien très bien excellent 18

19 Consegne e risposte per Contrôle Leçon 2 e Bilan Leçon 2 Contrôle (pagina 58 libro dello studente) 1. Complète. Chiedere agli alunni di scrivere i numeri in parola. un deux trois quatre cinq six sept huit neuf dix onze douze 2. Lis et complète. Gli alunni devono completare i nomi dei mesi. JANVIER, FÉVRIER, MARS, AVRIL, MAI, JUIN, JUILLET, AOÛT, SEPTEMBRE, OCTOBRE, NOVEMBRE, DÉCEMBRE 3. Écoute et écris l âge. Chiedere agli alunni di ascoltare e scrivere nei palloncini l età dei quattro bambini. Transcription trace Tu as quel âge, Marie? J ai dix ans. 2. Tu as quel âge, Sophie? J ai huit ans. 3. Tu as quel âge, Victor? J ai neuf ans. 4. Tu as quel âge, Paul? J ai dix ans. Bilan (pagina 18 guida dell insegnante) 1. Scrivi i numeri in parola. Un deux trois quatre cinq six sept huit neuf dix onze douze 2. Riordina le lettere e scrivi i nomi dei mesi. JANVIER, FÉVRIER, MARS, AVRIL, MAI, JUIN, JUILLET, AOÛT, SEPTEMBRE, OCTOBRE, NOVEMBRE, DÉCEMBRE 3. Ascolta e collega i bambini alle loro età. Transcription trace Tu as quel âge, Thomas? J ai huit ans. 2. Tu as quel âge, Robert? J ai sept ans. 3. Tu as quel âge, Linda? J ai neuf ans. 4. Tu as quel âge, Suzanne? J ai dix ans. 19

20 V II V E LE F Ê T E S LA MAGII E DE NO ËL 1. Chante la chanson. Far ascoltare la canzoncina di Natale, che i bambini probabilmente già conoscono in italiano. Transcription traces 23, 24 Mon beau sapin, roi des forêts, Que j aime ta verdure! Quand par l hiver, bois et guérets sont dépouillés de leurs attraits, mon beau sapin, roi des forêts, tu gardes ta parure. 2. Apprends la formule de voeux. Colorie le sapin. Fare notare che Babbo Natale (Père Noël) ha un biglietto con gli auguri di Natale in francese. Fare leggere gli auguri e incoraggiare gli alunni a usare l espressione appresa quando si salutano l ultimo giorno prima delle vacanze natalizie. Invitare gli alunni a colorare l albero di Natale. Spiegare che in alcuni paesi, come la Germania, il Belgio, i Paesi Bassi, ma anche il nord-est della Francia, non è Babbo Natale che porta i doni, ma Saint Nicolas (6 dicembre). I bambini che sono stati monelli, anziché ricevere giocattoli, gustano la frusta di Père Fouettard (frusta = fouet). Père Fouettard è una sorta di equivalente della Befana, anche se non appare nello stesso periodo. 3. Écoute et répète. Introdurre il lessico associato a questa festività. Far ripetere insieme alla registrazione. Transcription trace 25 l étoile, le sapin, la bougie, le bonbon, la guirlande, la boule, le cadeau, le renne, le traîneau, le Père Noël, la neige, les lumières 4. Retrouve dans la grille les noms des objets dessinés. Invitare gli alunni a cercare nel puzzle le parole illustrate. Tradizioni gastronomiche A Natale, i bambini delle scuole materne ed elementari francesi ricevono un arancia, un pacchetto di caramelle e un dolce, la brioche, anche chiamata coquille, che ha più o meno la forma della colomba pasquale. Il giorno dell Epifania (Épiphanie), si mangia la galette des Rois, una torta di pasta sfoglia ripiena di mousse di mele o di crema alle mandorle che nasconde una fava. Chi trova la fava nella sua fetta di torta diventa re o regina e porta per tutta la giornata una corona d oro fatta di carta. La Bûche de Noël è uno squisito dolce che ha la forma di un tronco. Da alcuni anni va molto di moda la Bûche de Noël glacée, cioè con il tronco fatto di gelato. 20

21 LEÇ O N 3 La petite maison Lessico Strutture Funzioni colori C est de quelle couleur? riconoscere e dire i nomi dei colori C est chiedere il colore di un oggetto Quelle est ta couleur chiedere e dire il nome del colore préférée? preferito 1. Écoute le dialogue. Fare osservare le pagine 20 e 21 e chiedere che cosa sta accadendo. Fare ascoltare il dialogo con l ausilio della registrazione. Non soffermarsi troppo sulle parole nuove, che verranno approfondite nelle pagine seguenti. Transcription trace 26 Cécile: Allez, viens, Daniel! Daniel: Où? Marie: Dans notre petite maison! Daniel: C est de quelle couleur? Cécile: Devine! Daniel: C est rouge? Henri: Non! Henri: Regarde! C est marron! Daniel: Ouah! C est magnifique! Ohhh! C est un fantôme! Marie: Salut, Félix! Félix: Salut, les amis! 2. Coche les bonnes réponses. Compréhension Invitare gli alunni a osservare i disegni e a segnare con una X le risposte giuste. marron rouge 3. Maintenant, joue le dialogue avec tes amis. Prima di invitare gli alunni a drammatizzare il dialogo, verificare la comprensione dei nuovi vocaboli. 4. Écoute et répète les couleurs. Introdurre i nomi dei colori in francese. Fare ascoltare e ripetere i nuovi vocaboli coralmente. Transcription trace 27 rouge jaune rose marron orange bleu vert gris noir blanc violet Mostrare qualche oggetto e incoraggiare gli alunni a dirne il colore. Invitare undici alunni alla cattedra. Assegnare a ogni bambino uno dei colori e invitare gli alunni a tenere in mano una matita colorata del colore che gli è stato assegnato. Un bambino per volta, dal proprio banco, deve suggerire il nome di un colore. Il bambino alla lavagna che tiene in mano quel colore deve mostrare la matita e ripetere il nome del colore. 5. Colorie les images. Invitare gli alunni a colorare le illustrazioni seguendo le indicazioni fornite dai numeri. Introdurre le parole illustrate: le crayon, le poisson, le lapin, le train, le parapluie, le corbeau, le soleil, le chapeau, le chien, le ballon, la table e incoraggiare gli alunni a ripeterle. 21

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a.

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a. SIS Piemonte Parlare del futuro, fare delle previsioni Specializzata: Paola Barale Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi a.a. 2003-2004 1 1. Contesto Liceo linguistico, secondo anno 2. Livello A2

Dettagli

ANNEE SCOLAIRE 2013-2014 ACADEMIE D AIX-MARSEILLE. Evaluations en fin de classe de troisième lv2 ITALIEN DOCUMENT PROFESSEUR

ANNEE SCOLAIRE 2013-2014 ACADEMIE D AIX-MARSEILLE. Evaluations en fin de classe de troisième lv2 ITALIEN DOCUMENT PROFESSEUR ANNEE SCOLAIRE 2013-2014 ACADEMIE D AIX-MARSEILLE Evaluations en fin de classe de troisième lv2 ITALIEN DOCUMENT PROFESSEUR Compréhension de l oral CONSIGNES Début de l épreuve : Appuyez sur la touche

Dettagli

1. E indispensabile da sapere! Les must 1. Sì, è piacevole cominciare con la parola di assenso: sì Oui 2. A volte però non c è scelta, e siamo

1. E indispensabile da sapere! Les must 1. Sì, è piacevole cominciare con la parola di assenso: sì Oui 2. A volte però non c è scelta, e siamo 1. E indispensabile da sapere! Les must 1. Sì, è piacevole cominciare con la parola di assenso: sì Oui 2. A volte però non c è scelta, e siamo costretti a dire no... chi vi sente capisce subito che per

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

2011 Alma Edizioni. Materiale fotocopiabile

2011 Alma Edizioni. Materiale fotocopiabile Proponiamo alcune possibili attività didattiche da fare in classe con i calendari di Domani, in cui sono riportati gli eventi significativi della cultura e della Storia d Italia. 2011 Alma Edizioni Materiale

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Unità uno. barche e vento. I colori. Le parti del corpo. I numeri. da 11 a 20 La casa Chi è? La casa (2) Gli animali.

Unità uno. barche e vento. I colori. Le parti del corpo. I numeri. da 11 a 20 La casa Chi è? La casa (2) Gli animali. Unità uno I numeri da 0 a 10 Che tempo fa? 1 I colori Le parti del corpo I numeri da 11 a 20 La casa Chi è? La casa (2) Gli animali Gli animali (2) I giorni, i mesi, le stagioni barche e vento Da dove

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING. per bambini di 4-6 anni. di CRISTINA RUINI

AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING. per bambini di 4-6 anni. di CRISTINA RUINI AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING per bambini di 4-6 anni di CRISTINA RUINI Esperienze di gioco-orienteering svolte nell anno scolastico 2009-2010 alla scuola d infanzia di Longera (Trieste) Questa è una raccolta

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Viva le vacanze! Leitfaden

Viva le vacanze! Leitfaden Viva le vacanze! Viva le vacanze! è un corso ideato per un pubblico adulto, senza preconoscenze della lingua italiana ed interessato ad acquisire una competenza linguistica e culturale di base, soprattutto

Dettagli

Attività con la fune

Attività con la fune lo sport a scuola Attività con la fune percorso n. 1 Attrezzatura: - uno spazio adatto (palestra, cortile) - una fune Scansione delle attività: 1. Fase motoria 2. Fase espressivo-analogica 3. Fase ludica

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse)

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) I PRONOMI PERSONALI PRONOMI PERSONALI SOGGETTO Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) Ella, esso, essa sono forme antiquate. Esso,

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali Guida alle attività è un attività da usare con studenti dagli 11 ai 14 anni o con più di 16 anni. Consiste in un set di carte riguardanti le conoscenze basilari sulle cellule staminali e sulle loro applicazioni

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

La Matematica con il Contafacile Impariamo giocando

La Matematica con il Contafacile Impariamo giocando La Matematica con il Contafacile Impariamo giocando SCUOLA.. A cura dell insegnante Liliana Del Papa e della prof.ssa Maria Pia Saitta classe 1 ª Care colleghe, questo quaderno nasce dal desiderio di condividere

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica A ARITMETICA I numeri naturali e le quattro operazioni Esercizi supplementari di verifica Esercizio Rappresenta sulla retta orientata i seguenti numeri naturali. ; ; ; 0;. 0 Esercizio Metti una crocetta

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

TESTI CANZONI / SONGS TEXTS www.andreacapezzuoliecompagnia.it

TESTI CANZONI / SONGS TEXTS www.andreacapezzuoliecompagnia.it TESTI CANZONI / SONGS TEXTS www.andreacapezzuoliecompagnia.it SUONATO COI PIEDI (Folkclub Ethnosuoni 2007) L horloge Nous étions trois capitaines, tous les trois frères jumeaux Nous entrâmes dans une auberge

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

www.bolzano-bozen.it 5

www.bolzano-bozen.it 5 Pacchetti vacanzadesidera venire a Bolzano, ma non ha ancora fissato una data? Cerca una vacanza all insegna della cultura? O preferisce fare gite alla scoperta delle bellezze naturalistiche dell Alto

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

Scuola primaria classe quinta Scuola secondaria primo grado classe prima Accoglienza 2014-15

Scuola primaria classe quinta Scuola secondaria primo grado classe prima Accoglienza 2014-15 Scuola primaria classe quinta Scuola secondaria primo grado classe prima Accoglienza 2014-15 Usate un solo foglio risposta per ogni esercizio; per ognuno deve essere riportata una sola soluzione, pena

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

COMUNE DI CAMPIONE D ITALIA

COMUNE DI CAMPIONE D ITALIA COMUNE DI CAMPIONE D ITALIA REGOLAMENTO DI GIOCO DELLA ROULETTE (al Casino Municipale di Campione d Italia) adottato con delib. C.C. n. 83 del 2.12.1993 approvata dal CRC con atto n. 13 in data 4.1.1994

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO DI ALFABETIZZAZIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI STRANIERI. Scuola dell infanzia

PROGETTO EDUCATIVO DI ALFABETIZZAZIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI STRANIERI. Scuola dell infanzia ISTITUTO COMPRENSIVO BARBERINO DI MUGELLO MATERIALE PER L INSEGNANTE PROGETTO EDUCATIVO DI ALFABETIZZAZIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI STRANIERI Scuola dell infanzia DOCENTE REFERENTE: ANNA MARIA BRUNETTO

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano?

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? 1. Sofia ha appena ricevuto un e-mail con questo titolo: Se mi dai una mano, arrivo! Secondo te, di che cosa parla il messaggio? Discutine con un compagno.

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA DELF DALF Le certificazioni ufficii della lingua francese ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO www.testecertificazioni.it IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO

Dettagli

Facoltà di Scienze della Formazione Cdl Scienze della Formazione Primaria Indirizzo Scuola Primaria

Facoltà di Scienze della Formazione Cdl Scienze della Formazione Primaria Indirizzo Scuola Primaria Facoltà di Scienze della Formazione Cdl Scienze della Formazione Primaria Indirizzo Scuola Primaria Laurent Lafforgue: il calcolo mentale e quello in colonna devono essere introdotti molto presto su numeri

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini.

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini. A) Le feste italiane Naturalmente la più grande festa per i bambini e gli italiani è Natale. In Italia non mancano mai l albero di Natale, il presepio e molti regalini: la sera della Vigilia, il ventiquattro

Dettagli

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE.

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE. Dipartimento di studi umanistici Corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria Modulo di Elementi di Psicometria applicata alla didattica IV infanzia A.A. 2013/2014 LA COMUNICAZIONE NON VERBALE

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

CANTIAMO INSIEME «SE SEI FELICE TU LO SAI...»

CANTIAMO INSIEME «SE SEI FELICE TU LO SAI...» CANTIAMO INSIEME «TU LO SAI...» BY IDEE AIMILINE Una canzoncina accompagnata dai movimenti del corpo: impariamo :: aimchild la coordinazione :: aimschool divertendoci! :: aimteacher DESTINATARI Questa

Dettagli

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle.

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle. Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su Nello sperduto villaggio di Tabula, alcuni abitanti sono affetti da licantropia. Ogni notte diventano lupi mannari e, per placare i loro istinti,

Dettagli

Scuola dell Infanzia H. C. Andersen Anno Scolastico 2012-2013 Sezione 2 mista Insegnanti: Martinelli, Tenace

Scuola dell Infanzia H. C. Andersen Anno Scolastico 2012-2013 Sezione 2 mista Insegnanti: Martinelli, Tenace Scuola dell Infanzia H. C. Andersen Anno Scolastico 2012-2013 Sezione 2 mista Insegnanti: Martinelli, Tenace Ogni giorno abbiamo modo di osservare come i bambini possiedono intuizioni geometriche, logiche

Dettagli

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP).

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP). In questa lezione abbiamo ricevuto Gabriella Stellutti che ci ha parlato delle difficoltà di uno studente brasiliano che studia l italiano in Brasile. Vi consiglio di seguire l intervista senza le didascalie

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16 ALLA SCUOLA MATERNA Marzia: Buongiorno, sono venuta per iscrivere il mio bambino. Maestra: Buongiorno, signora. Io sono la maestra. Come si chiama il bambino. Marzia: Si chiama Renatino Ribeiro. Siamo

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo.

Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo. Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo. Tutti i bambini che ne fanno richiesta v engono ammessi al Coro,

Dettagli