ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE Via Acquasantianni s.n TRIVENTO (CB)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE Via Acquasantianni s.n. 86029 TRIVENTO (CB)"

Transcript

1 ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE Via Acquasantianni s.n TRIVENTO (CB) Programmazione del Consiglio di Classe di III A della Scuola Secondaria di I grado anno scolastico 2008 / 2009 Analisi della situazione di partenza La classe III A è formata da 22 alunni, 7 femmine e 15 maschi, un gruppo di 7 alunni studia il francese come seconda lingua straniera, mentre gli altri lo spagnolo. Un alunno respinto nella classe terza C dell anno scorso, si è aggiunto alla classe, perché studia spagnolo, mentre nell attuale terza C tutti studiano il francese. Alcuni alunni provengono da Trivento centro, altri da borgate, frazioni e paesi limitrofi. L ambiente socio-culturale di una buona parte di loro è modesto e poco stimolante culturalmente, non offre occasioni per un ulteriore crescita culturale, quindi l unico punto di riferimento è la scuola, solo alcuni hanno la possibilità di essere seguiti dai genitori. Gli alunni sono ben socializzati, ma tra di loro si distinguono elementi vivaci che a volte rendono problematico il regolare svolgimento delle attività didattiche, questi saranno richiamati all ordine altrimenti la loro partecipazione e attenzione risulteranno carenti. Alcuni alunni hanno difficoltà nell organizzazione quotidiana del materiale didattico, questi saranno aiutati affinché il loro metodo di studio risulterà accettabile. Sul piano cognitivo, dalle verifiche iniziali si può affermare che la classe presenta tre gruppi: ad un primo gruppo appartengono alunni che riescono a seguire regolarmente e in modo autonomo le attività didattiche, sono motivati e pronti ad affrontare gli argomenti proposti e sono in grado di utilizzare materiale e strumenti didattici, esprimono con ordine logico fatti e situazioni, e si mostrano pronti ad intervenire proficuamente nel dialogo educativo facendo interventi pertinenti. Per costoro si avvieranno attività di potenziamento al fine di consolidare le varie capacità e competenze relative alle diverse discipline; Ad un secondo gruppo appartengono alunni che dimostrano interesse e buona volontà, hanno una preparazione quasi sufficiente, poiché presentano ancora una certa insicurezza sia nella rielaborazione scritta che orale specie nell area linguistica e logico-matematica; ad un terzo gruppo appartengono alunni che presentano carenze accentuate e gravi nella preparazione di base, quindi necessitano d interventi di recupero, essi hanno bisogno di aiuto nelle fasi operative, dimostrano incertezza nell affrontare le attività didattiche, hanno problemi di organizzazione dei contenuti ed espongono con difficoltà. In questi alunni, però, vi è presente un apprezzabile disponibilità a superare le difficoltà, ciò consentirà loro di colmare nel corso dell anno scolastico una parte delle lacune di partenza. Per costoro sarà attivato nel corso dell anno un lavoro finalizzato al recupero ed al consolidamento delle abilità e delle conoscenze, saranno stimolati costantemente affinché possano acquisire gli elementi basilari delle discipline oggetto di studio ed essere pronti ad affrontare le prove di esame finale di licenza media. Le uscite didattiche, i viaggi d istruzione e i progetti ai quali parteciperà la classe, sono ancora da definire. Nella classe si svolgeranno le seguenti attività laboratoriali: - Laboratorio tecnologico; - Laboratorio di informatica; - Laboratorio teatrale; - Laboratorio di latino.

2 Il Consiglio di Classe, sulla base di quanto detto per favorire, a conclusione dei tre anni di scuola media, il massimo sviluppo di ciascun alunno, nel rispetto delle indicazioni ministeriali miranti alla formazione dell uomo e del cittadino e al consolidamento delle capacità d orientamento ed autorientamento, mirerà con un azione unitaria a migliorare e potenziare in tutti il possesso delle abilità, eliminando il più possibile il divario esistente tra ragazzi di livello differente e pervenire così al raggiungimento dei seguenti obiettivi educativi e didattici: Finalità educative comuni Scolarizzazione degli alunni che mostrano di non essere abituati al rispetto di norme ed ordini ricevuti. Favorire rapporti di fiducia e di collaborazione tra i discenti mediante il graduale superamento dell egocentrismo, l acquisizione di un atteggiamento leale e disponibile verso i compagni, il rispetto del lavoro e delle idee altrui. Educazione all ordine e alla pulizia, all uso corretto dei quaderni, dei libri, del diario e di qualsiasi altro materiale scolastico e/o della scuola. Sollecitazione della presa di coscienza e della interiorizzazione di fondamentali valori (solidarietà, onestà, sincerità e responsabilità). Educazione all ostacolo e alla graduale capacità di concentrazione. Acquisizione di un metodo di lavoro sia pure elementare, che consisterà nel saper rispettare l orario e nello svolgimento regolare e corretto dei compiti assegnati. Graduale superamento dell apprendimento meccanico ed avvio ad un certo esercizio della memoria. Sviluppo dello spirito di osservazione attraverso la descrizione degli ambienti e delle attività familiari al ragazzo. Stimolare gli alunni ed esprimere, attraverso codici diversi, il proprio vissuto e ciò che gli appartiene, in maniera chiara, corretta ed adeguata alla situazione. Arricchimento del lessico e delle forme espressive attraverso lettura meno meccanica (uso quotidiano del vocabolario e rubrica personale). Area cognitiva a) Ascoltare con attenzione, saper interpretare il messaggio ed intervenire in modo costruttivo; b) Perfezionare la tecnica di lettura; c) Migliorare la capacità di comunicazione mediante il recupero e il potenziamento delle abilità linguistiche di base con l ausilio di linguaggi non verbali (grafici, musicali, gestuali, visivi). d) Sviluppare e consolidare le capacità di analisi, confronto, collegamento, sintesi e organizzazione delle conoscenze apprese, anche in vista del colloquio d esame; e) Far acquisire e potenziare il metodo di lavoro; f) Sollecitare la creatività e il senso critico affinchè la produzione orale, scritta, manuale, grafica, pittorica esprima la personalità in qualsiasi campo si manifesti. Per gli obiettivi specifici disciplinari si fa riferimento alle programmazioni e alle unità di apprendimento delle singole discipline come pure per i contenuti.

3 Obiettivi Trasversali : Area dei comportamenti a) Attenzione Partecipazione Motivazione ; b) Autostima Valorizzazione di sé ; c) Convivenza Socializzazione; d) Autonomia decisionale. Obiettivi formativi : a) Socializzazione - collaborare con i compagni ; - accettare gli altri anche nella loro diversità ( provenienza, razza, cultura, svantaggi ); - lavorare in gruppo rispettando le idee degli altri riuscendo a valorizzare le potenzialità di ognuno. b) Partecipazione - prestare attenzione durante la lezioni e intervenire in modo pertinente e corretto; - dare il proprio contributo all interno della classe; - avviare la conoscenza delle proprie capacità, dei propri interessi e dei propri limiti. c) Comportamento - rispettare le regole della convivenza sociale; - organizzare il proprio tempo e il proprio lavoro; - controllare il linguaggio e la gestualità; - curare la propria persona. d) Impegno - eseguire regolarmente il lavoro a casa e scuola; - portare a termine gli incarichi ricevuti; - rispettare le regole stabilite dal gruppo e dal regolamento d istituto. e) Metodologia di lavoro - sviluppare le capacità logiche e critiche ai fini del raggiungimento dell autonomia nello studio e nell organizzazione del lavoro. Obiettivi Cognitivi generali : a) Saper conoscere: - riconoscere e ricordare un contenuto così come è stato presentato; - conoscere e ricordare fatti, fenomeni, singole informazioni; - conoscere e ricordare un gruppo di informazioni concatenate rispetto al tempo e allo spazio; - conoscere e ricordare metodi, tecniche e procedimenti. b) Saper comprendere: - saper cogliere il significato di qualsiasi messaggio verbale e non; - saper trarre conclusioni sulla base di ciò che si conosce; - saper trasportare i contenuti in altri contesti ;

4 c) Saper analizzare: - scomporre un contenuto nelle sue parti costituite ; - saper distinguere l essenziale e il marginale di un contenuto ( un testo, un progetto, un brano musicale); - cogliere analogie e differenze; - individuare le relazioni intercorrenti tra le diverse parti. d) Saper sintetizzare: - saper organizzare le proprie conoscenze in modo da saper ricostruire la struttura essenziale di un contenuto; - formulare un giudizio autonomo e personale, elaborare progetti di soluzioni di qualsiasi problema. e) Saper utilizzare i linguaggi specifici verbali e non. AREA LINGUISTICA - saper scrivere; - saper strutturare in una frase un informazione di senso compiuto in modo grammaticalmente corretto; - saper sviluppare un tema proposto; - saper rintracciare e utilizzare nella realtà circostante le informazioni studiate. AREA LOGICO MATEMATICA: - conoscere i concetti e le regole matematiche; - saper applicare i procedimenti di calcolo; - problematizzare fatti e fenomeni. AREA ESPRESSIVA: - saper osservare e descrivere la realtà; - saper esprimere i diversi stati d animo e situazioni fantastiche. AREA MOTORIO MANUALE: - sapersi muovere in modo coordinato nello spazio a disposizione; - saper utilizzare gli strumenti delle varie discipline.

5 OBIETTIVI SPECIFICI D APPRENDIMENTO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO (CLASSE III) ITALIANO ascoltare 1. Comprendere il significato globale di testi complessi appartenenti alle varie tipologie esaminate; 2. Adottare opportune strategie d attenzione e comprensione. parlare 3. Intervenire in modo pertinente e produttivo nelle situazioni comunicative; 4. Riferire in ordine logico il contenuto di un testo complesso letto e/o ascoltato. Leggere 5. Applicare diverse strategie di lettura secondo i vari tipi di testo; 6. Riconoscere l organizzazione del periodo; 7. Riconoscere le caratteristiche delle varie tipologie testuali. Scrivere 8. Riconoscere e riprodurre le caratteristiche testuali delle più consuete tipologie di comunicazione scritta; 9. Produrre testi, ben strutturati e corretti morfo-sintatticamente, secondo modelli dati. STORIA 1. Riconoscere fatti, fenomeni e processi storici collocandoli nel tempo e nello spazio; 2. Costruire quadri di civiltà in base ad indicatori di tipo fisico-geografico, sociale, economico, tecnologico, culturale e religioso; 3. Comprendere i fondamenti e le istituzioni della vita sociale, civile e politica; 4. Usare il passato per rendere meglio comprensibile il presente; 5. Comprendere aspetti essenziali della metodologia della ricerca e dell interpretazione storica; 6. Utilizzare termini specifici del linguaggio disciplinare;. Cittadinanza e Costituzione 1. Conoscenze fondamentali delle istituzioni politiche; 2. Riflettere sui diritti e doveri dei cittadini; 3. Assumere la consapevolezza dell importanza di un sistema di norme codificate ; GEOGRAFIA 1. Analizzare mediante l osservazione diretta/indiretta un territorio per conoscere e comprendere la sua organizzazione ; 2. Riconoscere le trasformazioni apportate dall uomo sul territorio utilizzando carte e immagini; 3. Orientarsi con l uso di vari strumenti e rappresentare fenomeni con metodi cartografici; 4. Utilizzare informazioni quantitative relative a fatti e fenomeni geografici e ricavarne valutazioni di ordine qualitativo; 5. Individuare connessioni fra l ambiente e situazioni storiche, economiche e politiche; 6. Utilizzare correttamente la terminologia specifica della disciplina. INGLESE e Seconda LINGUA COMUNITARIA 1. Comprendere le informazioni di messaggi orali/scritti su argomenti noti di vita quotidiana e su tematiche di interesse personale; 2. Produrre brevi testi orali di tipologia varia, su argomenti noti e attinenti la sfera personale; 3. Produrre espressioni e frasi scritte collegate da semplici connettivi; 4. Conoscere la cultura e la civiltà della lingua anglosassone e confrontarle con la propria. MATEMATICA 1. Conoscere con sicurezza il calcolo algebrico e le proprietà delle figure solide; 2. Applicare correttamente le regole del calcolo algebrico e utilizzare gli strumenti di base della geometria per costruire figure; 3. Riconoscere situazioni problematiche, schematizzandole in modi diversi, ed esporre chiaramente un procedimento risolutivo, 4. Passare dal linguaggio comune al linguaggio specifico, comprendendo ed usando un lessico applicato al contesto.

6 SCIENZE 1. Conoscere fenomeni, dati, fatti, leggi, strutture, funzioni e classificazioni; 2. Eseguire correttamente procedure per osservare, registrare e misurare; 3. Produrre congetture e saper verificare l esattezza delle ipotesi attraverso esperimenti; 4. Passare dal linguaggio comune al linguaggio specifico, comprendendo ed usando un lessico applicato al contesto; TECNOLOGIA 1. Riconoscere, analizzare e descrivere la realtà tecnologica nella relazione uomo-ambiente, riflettendo, in particolare sul risparmio energetico ; 2. Rappresentare in modelli semplificati le principali tipologie di generatori di energia; 3. Riconoscere ed analizzare il settore produttivo di provenienza di oggetti presi in esame; 4. Utilizzare il disegno tecnico per la progettazione e la realizzazione di modelli di oggetti in generale; 5. Comprendere ed utilizzare il linguaggio specifico. MUSICA 1. Comprendere ed utilizzare i linguaggi sonori; 2. Sapersi esprimere vocalmente e utilizzare mezzi strumentali; 3. Saper ascoltare e analizzare caratteristiche e forme di opere musicali di vario genere, stile e tradizione; 4. Riconoscere ed analizzare le fondamentali strutture del linguaggio musicale e la loro valenza espressiva, anche in relazione con altri tipi di linguaggio del nostro tempo. ARTE E IMMAGINE 1. Leggere ed interpretare i contenuti dei messaggi visivi rapportandoli ai contesti in cui sono stati prodotti; 2. Analizzare le caratteristiche delle opere d arte dei vari periodi storici; 3. Inventare e produrre messaggi visivi con l uso di tecniche e materiali diversi; 4. Riconoscere e leggere le tipologie principali dei beni artistico-culturali anche in relazione al proprio territorio. SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE 1. Coordinare gli schemi motori di base (abilità motorie, motricità espressiva); 2. Potenziare la fisiologia della mobilità articolare della forza, nella velocità e nella resistenza; 3. Conoscere gli obiettivi e le caratteristiche delle attività motorie; 4. Ampliare l applicazione dei principi metodologici dell allenamento per mantenere un buono stato di salute. RELIGIONE 1. Conoscere i contenuti essenziali della religione; 2. Riconoscere e apprezzare i valori religiosi; 3. Saper effettuare riferimenti alle fonti bibliche e ai documenti; 4. Individuare nelle testimonianze di vita evangelica scelte di libertà per un proprio progetto di vita; 5. Cogliere nei documenti della Chiesa le indicazioni che favoriscono l incontro, il confronto e la convivenza tra persone di diversa cultura e religione; 6. Individuare nelle testimonianze di vita evangelica, anche attuali, scelte di libertà per un proprio progetto di vita; 7. Comprendere il linguaggio specifico.

7 ATTIVITA OPZIONALI Laboratorio di INFORMATICA: 1. Utilizzare il computer e gestire i file in ambiente Windows; 2. Conoscere ed utilizzare gli applicativi di base per l acquisizione della patente europea (ECDL). Laboratorio di LINGUA LATINA : 1. Comprendere le strutture morfosintattiche e lessicali della lingua latina; 2. Saper tradurre semplici testi dal latino all italiano e dall italiano al latino; 3. Integrare le conoscenze della lingua con quelle di elementi di civiltà e di cultura romana; 4. Individuare le relazioni etimologiche tra la lingua latina, quella italiana e i vari dialetti. Laboratorio TECNOLOGICO: 1. Conoscere le proprietà dei materiali e le tecniche di produzione; 2. Utilizzare i materiali studiati per la realizzazione manuale di idee e progetti. Laboratorio Teatrale: 1. Partecipare all attività di drammatizzazione sapendo gestire la parte assegnata; 2..Esprimere la propria creatività con linguaggi figurativi e mimico gestuali.

8 COMPETENZE COMUNICATIVE GENERALI Il raggiungimento dei suddetti obiettivi comporta l acquisizione delle seguenti competenze: a) Saper ascoltare (ascolto come comprensione) - ascoltare il messaggio in modo attivo; - individuare le notizie che il messaggio trasmette; - riconoscere il significato essenziale del messaggio; - riconoscere le finalità dominanti del messaggio; - saper condividere o completare il messaggio altrui sia nelle informazioni che nelle opinioni. b) Saper leggere (leggere un testo e individuare il messaggio); - leggere correttamente un testo; - saper riconoscere il significato essenziale del messaggio ; - saper riconoscere la finalità comunicativa dominante ; - saper individuare gli aspetti principali di una comunicazione da quelli secondari; - saper riconoscere lo sviluppo logico e cronologico di un testo; - saper riconoscere le notizie contenute nel testo distinguendole dalle opinioni dell autore. c) Saper parlare: (come verifica dell apprendere e come capacità di confrontarsi) - saper esporre in modo semplice e chiaro il contenuto di un testo, un idea, un esperienza personale; - essere in grado di formulare domande e rispondere a domande; - essere in grado di inserirsi nel discorso di classe con compagni e insegnanti; - essere consapevoli del livello del proprio vocabolario di base e l eventualità di integrarlo; d) Saper scrivere : (scrivere rispettando l argomento, la situazione, il destinatario) - sapere che cosa si vuole scrivere; - uniformare il proprio testo alle richieste; - usare il lessico appropriato all argomento; - saper preparare una scaletta sull argomento da svolgere; - sviluppare il test, saperlo rivedere e modificare; - sapere che lo scritto è un modo per consentire agli altri di leggere il nostro pensiero.

9 METODI E MEZZI Per conseguire gli obiettivi prefissati, il C. di C. adotterà una metodologia tesa a stimolare la partecipazione consapevole degli alunni ai processi di apprendimento e terrà in considerazione le differenti situazioni di partenza. L impostazione metodologica si articolerà attraverso lezioni frontali, conversazione, dialogo, discussione, analisi di testi su argomenti che consentono al ragazzo la comprensione di problemi personali, ambientali sociali e lo sviluppo di capacità critiche e logiche; uso delle relazioni orali e scritte per abituarli all autoverifica, all esposizione corretta e alla logica sistemazione delle conoscenze; metodologia della ricerca intesa come progressiva acquisizione e interiorizzazione di un appropriato metodo di studio che porta all individuazione del problema e del campo d indagine per giungere all esame dei dati raccolti; alla formulazione d ipotesi, alla classificazione, al confronto alla sistemazione dei dati; lavori di gruppo per favorire i rapporti di collaborazione e permettere a tutti gli alunni di dare il proprio contributo; lavoro individualizzato, necessario in alcuni casi, per recuperare e consolidare determinate abilità strumentali; partecipare a spettacoli teatrali in regione e fuori regione, visite guidate e viaggi d istruzione. Oltre ai libri di testo per conseguire gli obiettivi e sviluppare le tematiche si utilizzeranno audiovisivi, computer, internet, film, enciclopedie, libri facoltativi, giornali, riviste, cartelloni, questionari, schede, ecc. VERIFICHE E VALUTAZIONE Le verifiche seguiranno il cammino percorso dagli alunni e tenderanno a misurare i cambiamenti intervenuti e le eventuali difficoltà riscontrate in itinere, per adeguare l azione didattica di ciascun alunno, saranno effettuate durante e a conclusione d ogni unità didattica. Esse saranno finalizzate ad accertare, soprattutto l incidenza che le varie attività hanno nel processo di crescita dei ragazzi; saranno sistematiche e sommative e consisteranno in colloqui, interrogazioni, esercitazioni scritte e relazioni, questionari, test oggettivi e soggettivi, lavoro di gruppo o individuali, elaborati periodici (prove strutturate e semistrutturate). La valutazione non avrà per oggetto solo il rendimento dell alunno in ciascuna disciplina, ma il suo incremento globale rispetto alle possibilità iniziali, in ordine al processo di formazione sia a quello di apprendimento. Nel valutare i processi di ciascun alunno si terrà conto non solo degli esiti delle verifiche, ma anche della maturazione personale e del comportamento, sempre tenendo presente il livello di partenza, degli interventi individualizzati attuati e degli obiettivi educativi stabiliti. Secondo le nuove normative, i voti sulle prove scritte e orali, compreso il voto di esame nelle varie discipline saranno espressi in decimali. RAPPORTI SCUOLA FAMIGLIA L importanza di una stretta collaborazione tra scuola e famiglia ha come fine il rafforzamento dell attività educativa, la partecipazione delle famiglie sarà sollecitata da incontri settimanali e quadrimestrali con i docenti delle varie discipline. I genitori saranno invitati a collaborare in maniera propositiva ed efficace con la scuola, per la piena realizzazione del Piano dell Offerta Formativa. Questo rapporto favorirà la conoscenza degli alunni ed il superamento di eventuali difficoltà che si dovessero presentare durante l anno.

10 COLLOQUIO D ESAME Al fine di porre l alunno nella condizione comunicativa più favorevole, il colloquio potrà iniziare da qualsiasi argomento a scelta del candidato, studiato nel corso del triennio; successivamente toccherà ambiti disciplinari diversi attraverso opportuni collegamenti stabiliti in maniera autonoma o guidata. Per le discipline basate sui linguaggi non verbali, i candidati potranno presentare lavori eseguiti nel corso dell anno, raccolti in singole cartelline personali, per la valutazione delle loro capacità creativo operative e della maturità globale raggiunta. Il colloquio degli alunni che presentano ancora lacune nella preparazione e hanno difficoltà nell esposizione, verterà su esperienze dirette, sulle attività integrative e pluridisciplinari, in tal modo si favorirà l orientamento e l estrinsecazione delle loro capacità. Tutti gli alunni, quindi, daranno alla commissione d esame la possibilità di verificare il raggiungimento degli obiettivi prefissati nel corso del triennio, l acquisizione di capacità logiche e di abilità nel saper operare delle scelte per il proprio futuro. La valutazione del colloquio Sulla base di quanto previsto dal POF dell Istituto, si ribadisce l opportunità di articolare il colloquio d esame in modo pluridisciplinare, per la valutazione si terrà conto dei seguenti criteri: 1. modalità di approccio al colloquio; 2. conoscenza dei temi trattati; 3. abilità nel fare collegamenti e comparazioni tra gli argomenti oggetto del colloquio; 4. capacità di rielaborare i contenuti; 5. capacità di esprimere valutazioni personali; 6. capacità di esprimersi con proprietà di linguaggio. La prova scritta di carattere nazionale La prova scritta di carattere nazionale prevista dalla L. 176/2007 è volta a verificare i livelli generali e specifici di apprendimento conseguiti dagli alunni. I test della prova sono scelti dal ministero tra quelli definiti dall INVALSI. La prova si terrà nel mese di giugno 2009 e riguarderà l italiano e la matematica e sarà divisa in due sezioni: la prima, che riguarda l italiano, sarà divisa in due parti la parte A di comprensione della lettura la parte B sarà attinente alla riflessione sulla lingua. La seconda prova riguarderà la matematica (numeri, geometria, relazioni, funzioni, misure, dati, previsioni. I quesiti saranno a scelta multipla e a risposta aperta e gli alunni avranno due ore di tempo per svolgere la prova. Sulle modalità di svolgimento delle prove, sia gli alunni che le famiglie sono state opportunamente informati. In classe sono state svolte simulazioni sulla base degli schemi e degli esempi forniti dall INVALSI per facilitare in sede d esame la comprensione della natura e dell impostazione della prova. Per quanto riguarda l esecuzione della prova a carattere nazionale, è previsto l ausilio degli strumenti compensativi usati durante l anno ed un tempo aggiuntivo stabilito dalla commissione, così come indicato dalla normativa.

11 Il Consiglio di Classe di III A Materie i docenti Firme Italiano Storia geografia Educazione alla Convivenza Civile Prof. Tullio Farina. Matematica e Scienze Lingue inglese e spagnolo Informatica Arte e Immagine Tecnologia Musica Scienze Motorie e Sportive Religione Cattolica Laboratorio Tecnologico Laboratorio di latino Laboratorio Teatrale Prof.ssa Sabelli Adelina Prof. Antonio Antonucci. Prof.ssa Torrisi Giovanni... Prof.ssa Lolli Cristina. Prof.ssa Porfirio Amalia.. Prof. Berta Antonio.. Prof. Tufilli Gennaro Prof. Guglielmi Don Antonio Prof. Porfirio Amalia Prof. Savino Maria Concetta. Prof. Marco Rosina Trivento, 21 / 11 / 2008 Il Coordinatore Prof. Antonio Antonucci

12

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Approfondimento N 2. Scuola primaria

Approfondimento N 2. Scuola primaria Approfondimento N 2 Scuola primaria, Nuclei tematici e Obiettivi di apprendimento al termine della classe quinta Italiano L'allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

Traguardi e Obiettivi di Apprendimento della Scuola Secondaria di 1 grado

Traguardi e Obiettivi di Apprendimento della Scuola Secondaria di 1 grado ISTITUTO COMPRENSIVO di OPPEANO Via A. Moro, 12 tel. 045/7135458 telefax: 045/7135049 e-mail vric843009@istruzione.it - www.icoppeano.gov.it Nell ambito di una Visione Interdisciplinare, gli Insegnanti,

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e PIANO DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE SULL INDAGINE OCSE-PISA E ALTRE RICERCHE NAZIONALI E INTERNAZIONALI Seminario provinciale rivolto ai docenti del Primo Ciclo La prova di matematica nelle indagini IEA

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE Anno scolastico 2012-2013 INSEGNANTI Clagluna Alessandra Corvitto Giovanna De Gaetanis Antonella Ficicchia Valeria Giuliani Cristina

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo.

Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo. Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo. Tutti i bambini che ne fanno richiesta v engono ammessi al Coro,

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento Scuola primaria: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA

Dettagli

OLTRE IL CURRICOLO.. I NOSTRI PROGETTI

OLTRE IL CURRICOLO.. I NOSTRI PROGETTI OLTRE IL CURRICOLO.. I NOSTRI PROGETTI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 . DISTRETTO SCOLASTICO N 22 ISTITUTO COMPRENSIVO MONTALTO UFFUGO SCALO OLTRE IL CURRICOLO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 ISTITUTO COMPRENSIVO

Dettagli