ISTITUTO COMPRENSIVO. di Santa Teresa di Riva

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO COMPRENSIVO. di Santa Teresa di Riva"

Transcript

1 ISTITUTO COMPRENSIVO di Santa Teresa di Riva Scuole dell'infanzia, Primaria e Secondaria di Primo Grado dei Comuni di Santa Teresa di Riva Antillo Savoca e Sant'Alessio Siculo (Messina ) ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGRAMMAZIONIRAMMAZIONI SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO Funzione Strumentale Area 1 Ins. Elisa TRIOLO Dirigente Scolastico Prof.ssa Enza INTERDONATO Sede Direzione e Uffici Amministrativi: Via delle Colline 15, Santa Teresa di Riva (ME) Tel Fax Presidenza

2 INDICE Programmazione didattica di Italiano Pag. 147 Programmazione didattica di Storia Pag. 162 Programmazione didattica di Cittadinanza e Costituzione Pag. 173 Programmazione didattica di Latino Pag. 176 Programmazione didattica di Geografia Pag. 178 Programmazione didattica di Lingua Inglese Pag. 186 Programmazione didattica di Lingua Francese Pag. 222 Programmazione didattica di Scienze Matematiche Pag. 235 Programmazione didattica di Scienze Pag. 242 Programmazione didattica di Tecnologia Pag. 247 Programmazione didattica di Educazione Musicale Pag. 256 Programmazione didattica di Strumento Pag. 261 Programmazione didattica di Arte e Immagine Pag. 266 Programmazione didattica di Educazione Fisica Pag. 271 Programmazione didattica di Religione Pag

3 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO - Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l interazione comunicativa verbale in vari contesti - Leggere, comprendere e interpretare testi scritti di vario tipo - Produrre testi di vario tipo in relazione ai differenti scopi comunicativi. Classe I Finalità educative Mettere l alunno in condizione di a. Comunicare ed esprimere l esperienza di sé e della realtà naturale e culturale attraverso la padronanza delle abilità linguistiche di base. b. Sviluppare le competenze linguistiche necessarie per accedere ai più diversi ambiti del sapere. c. Sviluppare la riflessione linguistica ai fini della promozione delle capacità critiche Obiettivi di apprendimento Ascoltare e parlare 1. Ascoltare testi prodotti o letti da altri. 2. Utilizzare durante l ascolto varie tecniche di comprensione e rielaborare le informazioni. 3. Riferire oralmente su argomenti di studio esponendo con ordine e coesione i contenuti Leggere 1. Leggere silenziosamente e ad alta voce testi di varia natura. 2. Ricavare informazioni da testi di varia tipologia. 3. Comprendere testi letterari di vario tipo e forma, racconti, novelle, romanzi, poesie. Scrivere 1. Scrivere testi corretti e coesi 2. Scrivere testi di diverso tipo e di forma diversa (lettere, biglietti, diari ecc.) 3. Saper sintetizzare testi letti e ascoltati Riflettere sulla lingua 1. Conoscere le parti variabili e invariabili del discorso e gli elementi principali della frase semplice. 2. Utilizzare strumenti di consultazione. 3. Applicare le conoscenze metalinguistiche per migliorare l uso orale e scritto della lingua. 148

4 COMPETENZE DESCRITTORI TIPOLOGIA DI VERIFICA COMPETENZE DI LETTURA (mod. Invalsi) Individuare informazioni Ricavare informazioni Ricostruire significati Interpretare e valutare Comprendere il lessico Cogliere relazioni di coesione e coerenza Compr.ne del testo narrativo, poetico, epico, letterario COMPETENZE DI SCRITTURA Produrre testi scritti, a seconda degli scopi e dei destinatari: espositivi, espressivi, regolativi, informativi, testi d uso Pianificare, revisionare, manipolare testi Riassunto, parafrasi, commento, relazioni di ricerca, lavori di gruppo Temi, produzione di testi COMPETENZE GRAMMATICALI Conoscere le categorie grammaticali e morfosintattiche Analizzare le funzioni logiche della frase Utilizzare tecniche di costruzione della frase, in base al profilo comunicativo Applicare modalità di coesione e coerenza Test, verifiche orali, riflessioni metalinguistiche COMPETENZE: ESPRIMERSI ORALMENTE Interagire in modo efficace in diverse situazioni comunicative, sostenendo le proprie idee Adeguare i registri linguistici (formale, informale) Utilizzare i linguaggi specifici Apprendere informazioni ed elabora opinioni nei vari ambiti culturali e sociali Esposizione orale, lavori di gruppo. COMPETENZE DI ASCOLTO Riconoscere lo scopo per cui ascolta e sa scegliere il testo adatto alle sue esigenze Ascoltare attivamente e criticamente 149

5 Prendere appunti mentre si ascolta Rielaborare le informazioni raccolte attraverso l ascolto Sa ascoltare e comprendere una lezione o un notiziario UNITA DI APPRENDIMENTO N 1 TITOLO: TIPOLOGIE TESTUALI PREREQUISITI: 1. Leggere in modo scorrevole 2. Comprendere in modo globale quanto letto 3. Usare i funzionali e la punteggiatura. OBIETTIVI SPECIFICI: CONOSCENZE: 1. Elementi caratterizzanti le varie tipologie testuali 2. Le funzioni linguistiche ABILITA : 1. Riconoscere le caratteristiche, la struttura e le proprietà dei testi esaminati 2. Scrivere, riscrivere e manipolare testi 3. Comprendere e interpretare i testi 4. Relazionare su un argomento di studio PERCORSO DI STUDIO: favole fiabe - racconti fantastici- testi letterari e non METODOLOGIA: 1 - Lezione frontale e interattiva 2 - Lettura silenziosa, lettura espressiva 3 - Analisi del testo 4 rielaborazione e produzione individuale e di gruppo 5 -Esercizi per il recupero, consolidamento e potenziamento VERIFICA E VALUTAZIONE 1. Interrogazioni, conversazioni e dibattiti 2. Prove strutturate, prove scritte 3. Esercitazioni individuali e collettive 4. Esercizi per il recupero, consolidamento e potenziamento La valutazione tenderà ad accertare il grado di raggiungimento delle competenze specifiche e terrà conto dei seguenti fattori: impegno, attenzione, interesse, partecipazione e metodo di studio, secondo quanto stabilito dal P.O.F. 150

6 UNITA DI APPRENDIMENTO N 2 TITOLO: IL TESTO POETICO- IL MITO: CLASSICO E MEDIEVALE PREREQUISITI: 1. Leggere in modo scorrevole 2. Comprendere globalmente gli elementi caratterizzanti il testo poetico ed epico OBIETTIVI SPECIFICI: CONOSCENZE: 1. Elementi caratterizzanti il testo poetico 2. Forme e strutture delle diverse tipologie di testo poetico ABILITA : 1. Leggere e comprendere un testo poetico 2. Analizzare la struttura e cogliere tema e messaggio 3. Parafrasare e creare testi poetici PERCORSO DI STUDIO: Brani e poesie relative all epica classica e medievale: Iliade, Odissea, Eneide, Poesie d autore ATTIVITA DIDATTICA: METODOLOGIA: 1. Lezione frontale e interattiva 2. Lavoro individuale, di gruppo e di ricerca 3. Lettura espressiva e Analisi del testo VERIFICA E VALUTAZIONE: 1. Interrogazioni, - Conversazioni e dibattiti 2. Prove strutturate, Prove scritte 3. Esercitazioni individuali e collettive 4. Esercizi per il recupero, consolidamento e potenziamento La valutazione tenderà ad accertare il grado di raggiungimento delle competenze specifiche e terrà conto dei seguenti fattori: impegno, attenzione, interesse, partecipazione e metodo di studio, secondo quanto stabilito dal P.O.F. 151

7 UNITA DI APPRENDIMENTO N 3 TITOLO: RIFLETTERE SULLLA LINGUA PREREQUISITI: Conoscere e applicare le regole ortografiche Riconoscere e analizzare le principali parti del discorso e usarle in modo corretto sul piano della comunicazione orale e scritta. OBIETTIVI SPECIFICI: CONOSCENZE: fonologia, morfologia, cenni della frase semplice ABILITA : saper riconoscere le diverse parti del discorso, variabili e invariabili e la loro funzione nella frase anche attraverso l uso del dizionario saper usare correttamente gli elementi costitutivi della frase PERCORSO DI STUDIO: L articolo, il Nome, l Aggettivo, il Pronome, il Verbo, l Avverbio, la Preposizione, la Congiunzione, l Interiezione ATTIVITA DIDATTICA: METODOLOGIA: - Lezione frontale e interattiva - Lavoro individuale, di gruppo - Riflessione sulla lingua attraverso l analisi del testo - lavoro sul lessico VERIFICA e VALUTAZIONE: 1. Interrogazioni 2. Prove strutturate, Prove scritte 3. Esercitazioni individuali e collettive 4. Esercizi per il recupero, consolidamento e potenziamento La valutazione tenderà ad accertare il grado di raggiungimento delle competenze specifiche e terrà conto dei seguenti fattori: impegno, attenzione, interesse, partecipazione e metodo di studio, secondo quanto stabilito dal P.O.F. 152

8 PROGETTAZIONE ANNUALE - CLASSE II ITALIANO Prerequisiti: 1. Saper leggere e decodificare un testo 2. Saper rielaborare secondo modalità e tempi stabiliti 3. Saper produrre un testo coerente e coeso 4. Conoscenza parti variabili e invariabili del discorso Finalità educative Mettere l alunno in condizione di a. Comunicare ed esprimere l esperienza di sé e della realtà naturale e culturale attraverso la padronanza delle abilità linguistiche di base. b. Sviluppare le competenze linguistiche necessarie per accedere ai più diversi ambiti del sapere. c. Sviluppare la riflessione linguistica ai fini della promozione delle capacità critiche Obiettivi di apprendimento Ascoltare e parlare 1. ascoltare testi prodotti e/o letti da altri o trasmessi dai media riconoscendone le caratteristiche 2. annotare le informazioni principali e rielaborarle 3. riferire in modo chiaro e coeso controllando i tempi e le modalità della discussione Leggere 1. leggere ad alta voce in modo espressivo 2. ricevere informazioni implicite ed esplicite dai testi 3. comprendere testi letterari di vario tipo e forma: racconto, novelle, romanzi e poesie Scrivere 1. conoscere ed applicare le procedure di ideazione, pianificazione, stesura e revisione del testo 2. scrivere testi corretti e coesi di varia tipologia 3. scrivere testi sapendo sintetizzare Riflettere sulla lingua 1. analizzare la frase composta 2. stabilire relazioni tra situazione di comunicazione, interlocutori e registri linguistici 3. utilizzare strumenti di consultazione 153

9 La valutazione tenderà ad accertare il grado di raggiungimento delle competenze specifiche e terrà conto dei seguenti fattori: impegno, attenzione, interesse, partecipazione e metodo di studio, secondo quanto stabilito dal P.O.F. UNITA DI APPRENDIMENTO N 1 - CLASSE II TITOLO: TIPOLOGIE TESTUALI OBIETTIVI SPECIFICI: CONOSCENZE: Il testo e le sue caratteristiche; le funzioni linguistiche; contenuti e forme. ABILITA : 1. Imparare a raccontare le proprie esperienze ed esprimere stati d animo e sentimenti 2. Comprendere struttura, scopi e funzioni dei testi esaminati 3. Produrre testi coerenti e coesi appartenenti a diverse tipologie testuali 4. Comprendere i contenuti del messaggio di un testo esaminato ATTIVITA DIDATTICA: PERCORSO DI STUDIO: 1. Lettere personali e lettere formali. 2. Pagine di diari e testi su esperienze personali 3. Articoli di giornali e riviste 4. Brani antologici su problematiche adolescenziali METODOLOGIA: 1 - Lezione frontale e interattiva 2 - Lettura ad alta voce e silenziosa 3 - Lavoro individuale, di gruppo e di ricerca 4 - Analisi del testo VERIFICA E VALUTAZIONE: 1 - Interrogazioni 2 - Conversazioni e dibattiti 3 - Prove strutturate 4 - Prove scritte 5 - Esercitazioni individuali e collettive 6 - Esercizi per il recupero, consolidamento e potenziamento 154

10 UNITA DI APPRENDIMENTO N 2 - CLASSE II TITOLO: LA LETTERATURA E I SUOI GENERI OBIETTIVI SPECIFICI: CONOSCENZE: Autori, contesti e generi letterari. ABILITA : 1. Leggere e analizzare un testo letterario nelle sue componenti formali, stilistiche, di contenuto e di messaggio e formulare un commento personale 2. Leggere in modo espressivo un testo poetico 2. Individuare e comprendere il contenuto e il messaggio di una poesia 3. Analizzare i caratteri generali dell espressione poetica 4. Parafrasare, commentare e creare una poesia PERCORSO DI STUDIO: 1. Gli autori e il loro contesto 2. I generi della letteratura (novelle, racconti, romanzi ) 3. Poesie e brani epici di autori vari ATTIVITA DIDATTICA: METODOLOGIA: 1 - Lezione frontale e interattiva 2 - Lettura ad alta voce ed espressiva 3 - Analisi del testo poetico 4 - Produzione individuale, ricerca individuale e di gruppo VERIFICA E VALUTAZIONE: 1 - Interrogazioni 2 - Conversazioni e dibattiti 3 - Prove strutturate 4 - Prove scritte 5 - Esercitazioni individuali e collettive 6 - Esercizi per il recupero, consolidamento e potenziamento 155

11 UNITA DI APPRENDIMENTO N 3 - CLASSE II TITOLO: LA SINTASSI DELLA FRASE SEMPLICE OBIETTIVI SPECIFICI: CONOSCENZE: Elementi e struttura della frase semplice ABILITA : 1 - Saper riconoscere, analizzare e usare le funzioni logiche della frase 2 - Saper utilizzare strumenti di consultazione 3 - Acquisire una competenza lessicale adeguata ai vari registri linguistici PERCORSO DI STUDIO: 1 Dalla frase semplice alla frase ampliata 2 Unità di base: Soggetto e Predicato 3 Espansioni ATTIVITA DIDATTICA: METODOLOGIA: 1 - Lezione frontale e interattiva 2 - Lavoro individuale e di gruppo 3 - Lavori di recupero, consolidamento e approfondimento VERIFICA E VALUTAZIONE: 1 - Interrogazioni 2 - Prove strutturate 3 - Esercitazioni individuali e collettive 4 - Esercizi per il recupero, consolidamento e potenziamento 156

12 PROGETTAZIONE ANNUALE - CLASSE III ITALIANO Prerequisiti: Saper leggere, decodificare e commentare un testo Saper rielaborare in modo personale i contenuti di un testo Saper produrre un testo organico e strutturato Conoscere le parti e le strutture funzionali della lingua Finalità educative Mettere l alunno in condizione di a. Comunicare ed esprimere l esperienza di sé e della realtà naturale e culturale attraverso la padronanza delle abilità linguistiche di base. b. Sviluppare le competenze linguistiche necessarie per accedere ai più diversi ambiti del sapere. c. Sviluppare la riflessione linguistica ai fini della promozione delle capacità critiche Obiettivi di apprendimento Ascoltare e parlare 1) Ascoltare testi prodotti e/o letti da altri riconoscendone la fonte e individuando: scopo, argomento, informazioni principali, punto di vista dell emittente. 2) Utilizzare tecniche di comprensione, durante l ascolto, e rielaborare le informazioni. 3) Riferire su un argomento di studio, selezionando le informazioni ed esplicitando lo scopo. Leggere 1) Leggere silenziosamente e ad alta voce utilizzando tecniche adeguate 2) Ricavare informazioni per documentarsi su un argomento specifico e/o per realizzare scopi pratici. 3) Comprendere testi letterari di vario tipo individuandone ambiente, personaggi, ruoli e relazioni. Scrivere 1) Scrivere testi servendosi di strumenti per la raccolta e l organizzazione delle idee e utilizzando criteri per la revisione del testo. 2) Produrre testi diversificati corretti e organizzati in modo coerente e coeso. 3) Scrivere sintesi di testi letti e ascoltati e saperle riutilizzare per i propri scopi. 157

13 Riflettere sulla lingua 1) Conoscere la costruzione della frase complessa ed analizzarla. 2) Stabilire relazioni tra situazioni di comunicazione, interlocutori e registri linguistici. 3) Utilizzare strumenti di consultazione migliorando l uso orale e scritto della lingua. Valutazione La valutazione tenderà ad accertare il grado di raggiungimento delle competenze specifiche e terrà conto dei seguenti fattori: impegno, attenzione, interesse, partecipazione e metodo di studio, secondo quanto stabilito dal P.O.F. UNITA DI APPRENDIMENTO N 1 - CLASSE III TITOLO: LA LETTERATURA E I SUOI GENERI OBIETTIVI SPECIFICI: CONOSCENZE: Autori, contesti e generi letterari. ABILITA 1. Leggere ad alta voce in modo espressivo. 2. Comprendere e analizzare individuando le informazioni e la struttura dei testi 3. Analizzare un testo letterario nelle sue componenti formali, stilistiche, di contenuto e di messaggio e formulare un commento critico e personale 4. Sintetizzare, manipolare, commentare in modo critico i testi letterari 5. Saper riferire notizie su autori e opere inquadrandole nell epoca storica e nel contesto socio-culturale ATTIVITA DIDATTICA: PERCORSO DI STUDIO: Brani, racconti e romanzi dei vari generi letterari. Gli autori e i loro contesti METODOLOGIA: 1 - Lezione frontale e interattiva 2 - Lettura silenziosa ed espressiva, drammatizzazione 3 - Lavoro sul lessico 4 - Analisi del testo 5- Lavoro individuale, di gruppo e di ricerca 158

14 VERIFICA E VALUTAZIONE: 1. Interrogazioni 2. Conversazioni e dibattiti 3. Prove strutturate e prove scritte 4. Esercitazioni individuali e collettive 5. Attività di recupero, consolidamento e potenziamento UNITA DI APPRENDIMENTO N 2 - CLASSE III TITOLO: IL TESTO POETICO OBIETTIVI SPECIFICI CONOSCENZE: Metrica, Stilistica e Retorica ABILITA 1 - Leggere in modo espressivo un testo poetico 2 - Comprendere e spiegare i significati simbolici e allegorici dei testi, cogliere il punto di vista dell autore 3 - Comprendere la relazione tra il testo e il contesto storico - culturale 4 - Parafrasare, commentare e creare una poesia ATTIVITA DIDATTICA: PERCORSO DI STUDIO: 1 Lettura, analisi e commento di poesie di autori italiani e stranieri classici e moderni METODOLOGIA: 1 - Lezione frontale e interattiva 2 - Lettura ad alta voce ed espressiva 3 - Analisi della struttura del testo poetico 4 - Produzione creativa, ricerca individuale e di gruppo VERIFICA E VALUTAZIONE: 1 - Interrogazioni 2 - Conversazioni e dibattiti 3 - Prove strutturate 4 - Prove scritte 5 - Creazioni libere e/o su tema 6- Attività per il recupero, consolidamento e potenziamento 159

15 UNITA DI APPRENDIMENTO N 3 TITOLO: RIFLETTERE SULLA LINGUA Prerequisiti: - Conoscere e applicare le regole ortografiche, grammaticali e sintattiche - Riconoscere le parti e le funzioni logiche del discorso - Analizzare i rapporti logici tra le parole di una frase e usarli correttamente Obiettivi specifici Conoscenze: - Struttura della frase composta e complessa - Proposizione principale e indipendenti - La coordinazione e la subordinazione - Discorso diretto e indiretto Abilità: - Saper riconoscere la struttura sintattica di un periodo. - Saper riconoscere il discorso diretto e indiretto e saperli usare correttamente. Attività didattica Percorso di studio: - La sintassi del periodo: Frase semplice, composta e complessa Rapporti tra le proposizioni Discorso diretto e indiretto; la proposizione interrogativa Metodologia: 1) Lezione frontale e interattiva 2) Riflessione sulla lingua attraverso l analisi di un testo. 3) Lavoro sul lessico. Verifiche e autovalutazione: - Prove strutturate, prove scritte e orali, soggettive e oggettive. - Esercitazioni individuali e collettive. - Esercizi per il recupero, consolidamento e potenziamento. 160

16 UNITA DI APPRENDIMENTO N 4 - CLASSE III TITOLO: TIPOLOGIE TESTUALI OBIETTIVI SPECIFICI CONOSCENZE Il testo e le sue tipologie. Funzioni linguistiche e contenutistiche. ABILITA 1. Saper individuare la struttura di un testo diverso per natura, scopo e funzione 2. Imparare a raccontare le proprie esperienze ed esprimere stati d animo e sentimenti 3. Comprendere gli scopi e le funzioni dei testi esaminati 4. Produrre diverse tipologie testuali 5. Comprendere il contenuto di un testo esaminato ATTIVITA DIDATTICA: PERCORSO DI STUDIO: 1. Lettere personali e lettere formali. 2. Pagine di diari e testi su esperienze personali 3. Articoli di giornali e riviste 4. Testi espositivi e argomentativi 5. Brani antologici su problematiche adolescenziali METODOLOGIA: 1 - Lezione frontale e interattiva 2 - Lettura ad alta voce e silenziosa 3 - Lavoro individuale, di gruppo e di ricerca 4 - Analisi del testo VERIFICA E VALUTAZIONE: 1 - Interrogazioni 2 - Conversazioni e dibattiti 3 - Prove strutturate 4 - Prove scritte 5 - Esercitazioni individuali e collettive 6 - Esercizi per il recupero, consolidamento e potenziamento 161

17 PROGETTAZIONE ANNUALE CLASSE I STORIA COMPETENZE DI STORIA - Conosce i momenti fondamentali della storia italiana dalle forme di insediamento e di poteri medievali alla formazione dello stato unitario, alla formazione della repubblica. - Conosce i processi fondamentali della storia europea medievale moderna e contemporanea. - Ha elaborato un personale metodo di studio, comprende testi storici, ricava informazioni storiche da fonti di vario genere e le sa organizzare in testi. - Sa esporre le conoscenze storiche acquisite operando collegamenti e sa argomentare le proprie riflessioni. - Usa le conoscenze e le abilità per orientarsi nella complessità del presente, comprendere opinioni e culture diverse, capire i problemi fondamentali del mondo contemporaneo. Finalità educative - Comprendere e spiegare il passato dell uomo partendo dallo studio delle testimonianze e dai resti che il passato ci ha lasciato. - Contribuire all educazione civica della nazione e favorire la formazione di un abito critico. Obiettivi di apprendimento: Uso delle fonti 1) saper utilizzare fonti di informazione di diverso tipo. 2) comprensione e uso del linguaggio specifico in forma semplice. Strumenti concettuali e conoscenze 1) Saper stabilire rapporti tra causa ed effetto. 2) Saper cogliere alcuni aspetti essenziali degli avvenimenti storici Produzione 1) Saper produrre semplici testi utilizzando conoscenze e fonti di diverso tipo 2) Saper esporre in forma orale il corso degli eventi principali STORIA - CLASSE I UNITA DI APPRENDIMENTO N. 1 TITOLO: IL MONDO ANTICO PREREQUISITI: Possedere i concetti di presente passato futuro. Conoscere la linea del tempo. OBIETTIVI SPECIFICI: CONOSCENZE: Dalla Preistoria alla Civiltà Romana. ABILITA : Riconoscere e riferire gli elementi essenziali delle varie civiltà. Utilizzare il linguaggio specifico. 162

18 ATTIVITA DIDATTICA PERCORSO DI STUDIO La preistoria La civiltà greca La civiltà romana. METODOLOGIA: Lezione frontale e interattiva Lavoro di ricerca individuale e di gruppo Apprendimenti sulle tematiche trattate Discussione e dibattito Didattica breve. VERIFICA E VALUTAZIONE Interrogazioni Questionari. Controllo sistematico del lavoro svolto Dibattiti. La valutazione tenderà ad accertare le abilità cognitive conseguite, le potenzialità stimolate e il grado di autonomia e capacità operativa raggiunto tenendo conto di alcuni fattori: impegno, attenzione, interesse, partecipazione e metodo di studio, secondo quanto stabilito dal P.O.F. UNITA DI APPRENDIMENTO N. 2 TITOLO: DALLA CRISI DELL IMPERO A CARLO MAGNO. PREREQUISITI Saper collocare nello spazio e nel tempo i fatti storici. OBIETTIVI SPECIFICI CONOSCENZE: La caduta dell impero romano d occidente. La civiltà islamica Carlo Magno. ABILITA Saper individuare ed esporre i fatti storici riferiti all epoca oggetto di studio. Saper stabilire i rapporti causa effetto tra gli eventi storici. Saper utilizzare il linguaggio specifico. ATTIVITA DIDATTICA PERCORSO DI STUDIO La caduta dell impero romano d occidente. Occidente e Oriente. Maometto e la civiltà islamica. Carlo Magno e il Sacro Romano Impero METODOLOGIA Lezione frontale ed interattiva Lavoro di ricerca individuale e di gruppo Approfondimenti sulle tematiche trattate. Discussione e dibattito Didattica breve. 163

19 VERIFICA E VALUTAZIONE Interrogazioni Questionari. Controllo sistematico del lavoro svolto Dibattiti. La valutazione tenderà ad accertare le abilità cognitive conseguite, le potenzialità stimolate e il grado di autonomia e capacità operativa raggiunto tenendo conto di alcuni fattori: impegno, attenzione, interesse, partecipazione e metodo di studio, secondo quanto stabilito dal P.O.F. UNITA DI APPRENDIMENTO N. 3 TITOLO: LA SOCIETÀ FEUDALE PREREQUISITI: Saper collegare nello spazio e nel tempo i fatti storici. OBIETTIVI SPECIFICI CONOSCENZE: IL FEUDALESIMO. ABILITA Saper individuare i fatti storici relativi all epoca feudale. Stabilire rapporti di causa effetto tra gli eventi storici. Saper utilizzare il linguaggio specifico. ATTIVITA DIDATTICA PERCORSO DI STUDIO: Il feudalesimo e il rinnovamento della Chiesa. METODOLOGIA: Lezione frontale ed interattiva Lavoro di ricerca individuale e di gruppo Approfondimenti nelle tematiche trattate. Discussione e dibattito Didattica breve. VERIFICA E VALUTAZIONE: Interrogazioni Questionari. Controllo sistematico del lavoro svolto Dibattiti. La valutazione tenderà ad accertare le abilità cognitive conseguite, le potenzialità stimolate e il grado di autonomia e capacità operativa raggiunto tenendo conto di alcuni fattori: impegno, attenzione, interesse, partecipazione e metodo di studio, secondo quanto stabilito dal P.O.F UNITA DI APPRENDIMENTO N 4 TITOLO: L ETA COMUNALE E ILTRAMONTO DEL MEDIOEVO PREREQUISITI: Saper collocare nello spazio e nel tempo i fatti storici OBIETTIVI SPECIFICI: CONOSCENZE: I Comuni Le crociate il tramonto del medioevo il Quattrocento ABILITA : 1. Saper individuare ed esporre i fatti storici relativi al periodo studiato 2. Stabilire rapporti di causa- effetto tra gli eventi storici 3. utilizzare il linguaggio specifico 164

20 ATTIVITA DIDATTICA: PERCORSO DI STUDIO: L Europa dopo il Mille e i Comuni italiani. Le Crociate; il tramonto del Medioevo; L Europa e l italia nel Quattrocento METODOLOGIA: 1 - Lezione frontale e interattiva 2 - Lavoro individuale, di gruppo e di ricerca 3 Approfondimento delle tematiche trattate 4 - Discussione e dibattito 5 Didattica breve VERIFICA E VALUTAZIONE: 1 Interrogazioni - Conversazioni e dibattiti 2 Controllo sistematico del lavoro svolto La valutazione tenderà ad accertare le abilità cognitive conseguite, le potenzialità stimolate, il grado di autonomia e capacità operativa raggiunto tenendo conto dei seguenti fattori: impegno, attenzione, interesse, partecipazione e metodo di studio, secondo quanto stabilito dal P.O.F. PROGETTAZIONE ANNUALE - CLASSE II STORIA Prerequisiti: Collocare gli eventi storici nello spazio e nel tempo Finalità educative - Comprendere e spiegare il passato dell uomo partendo dallo studio delle testimonianze e dai resti che il passato ci ha lasciato. - Contribuire alla formazione del cittadino e favorire lo sviluppo di un abito critico. Obiettivi di apprendimento 1. Uso e organizzazione del materiale documentario, informativo e del linguaggio specifico 2. Saper trarre e usare informazioni ricavate dal materiale documentario 3. Conoscere e usare il linguaggio specifico Strumenti concettuali e conoscenze 1. Stabilire rapporti tra causa ed effetto 2. Cogliere le caratteristiche significative di un epoca Produzione 1. Esposizione delle conoscenze ricavate da fonti di informazioni diverse Valutazione La valutazione tenderà ad accertare le abilità cognitive conseguite, le potenzialità stimolate ed il grado di autonomia e capacità operative, tenendo conto dei seguenti fattori: impegno, attenzione, interesse, partecipazione e metodo di studio secondo quanto stabilito dal P.O.F. 165

21 Obiettivi Specifici UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 CONOSCENZE: UMANESIMO E RINASCIMENTO Abilità: 1. Saper riferire i fatti storici collocandoli nello spazio nel tempo 2. Operare collegamenti mettendo a confronto eventi e personaggi 3. Riconoscere e adoperare il linguaggio specifico settoriale Attività Didattica Percorso di Studio: 1. L'Umanesimo: arte, letteratura, scienze e tecniche 2. Le scoperte geografiche: le teorie, le civiltà precolombiane 3. Riforma e Controriforma Metodologia: lezione frontale e interattiva lavoro di ricerca individuale e di gruppo approfondimenti sulle tematiche trattate mappe concettuali schede operative didattica breve Verifica e valutazione interrogazioni, questionari, dibattiti UNITÀ DI APPRENDIMENTO 2 CONOSCENZE: Riforma e Controriforma Obiettivi Specifici Abilità: 1. Saper riferire i fatti storici collocandoli nello spazio nel tempo 2. Operare collegamenti mettendo a confronto eventi e personaggi 3. Riconoscere e adoperare il linguaggio specifico settoriale Attività Didattica Percorso di Studio 1. La Riforma protestante 2. Controriforma 3. Guerre di Religione Metodologia lezione frontale e interattiva lavoro di ricerca individuale e di gruppo approfondimenti sulle tematiche trattate mappe concettuali schede operative didattica breve Verifica e Autovalutazione interrogazioni, questionari, dibattiti 166

22 UNITÀ DI APPRENDIMENTO 3 CONOSCENZE: IL SEICENTO (epoca di crisi e di grandi rivolgimenti) Obiettivi Specifici: Abilità: 1. Saper riferire i fatti storici collocandoli nello spazio e nel tempo 2. Operare collegamenti mettendo a confronto eventi e personaggi 3. Riconoscere da adoperare il linguaggio specifico settoriale Attività Didattica Percorso di Studio: 1. La guerra dei trent'anni 2. L assolutismo francese ed il costituzionalismo inglese 3. La scienza moderna e il metodo sperimentale 4. Il barocco letterario ed artistico Metodologia: lezione frontale e interattiva lavoro di ricerca individuale e di gruppo approfondimenti sulle tematiche trattate mappe concettuali schede operative didattica breve Verifica e valutazione interrogazioni, questionari, dibattiti UNITÀ DI APPRENDIMENTO 4 CONOSCENZE: IL SECOLO DEI LUMI. Obiettivi Specifici: Abilità: 1. Saper riferire i fatti storici collocandoli nello spazio e nel tempo 2. Operare collegamenti mettendo a confronto eventi e personaggi 3. Riconoscere da adoperare il linguaggio specifico settoriale Attività Didattica: Percorso di Studio: 1. L Illuminismo. Teorie e Teorici. Illuministi francesi ed italiani 2. La rivoluzione americana e la nascita U.S.A. 3. La rivoluzione industriale Metodologia: lezione frontale e interattiva lavoro di ricerca individuale e di gruppo approfondimenti sulle tematiche trattate mappe concettuali schede operative didattica breve Verifica e valutazione interrogazioni, questionari, dibattiti 167

23 UNITÀ DI APPRENDIMENTO 5 CONOSCENZE: DALLA RIVOLUZIONE FRANCESE ALLA RESTAURAZIONE. Obiettivi Specifici: Abilità: 1. Saper riferire i fatti storici collocandoli nello spazio e nel tempo 2. Operare collegamenti mettendo a confronto eventi e personaggi 3. Riconoscere da adoperare il linguaggio specifico settoriale Attività Didattica: Percorso di studio: 1. La Rivoluzione francese 2. L avventura di Napoleone 3. L età della Restaurazione Metodologia: lezione frontale e interattiva lavoro di ricerca individuale e di gruppo approfondimenti sulle tematiche trattate mappe concettuali schede operative didattica breve Verifica e Autovalutazione interrogazioni, questionari, dibattiti PROGETTAZIONE ANNUALE CLASSE III STORIA Finalità educative - Comprendere e spiegare il passato dell uomo partendo dallo studio delle testimonianze e dai resti che il passato ci ha lasciato. - Contribuire all educazione civica nelle nazioni e favorire la formazione di un abito critico. Prerequisiti: - Saper individuare le eredità politiche ed economiche del 700 e del Saper ricavare informazioni da strumenti di consultazione e da documenti - Saper utilizzare termini specifici del linguaggio disciplinare. Obiettivi di apprendimento: Uso delle fonti 1) Leggere e analizzare informazioni tratte da fonti di diverso tipo. 2) Organizzare le conoscenze anche con mappe e grafici. 3) Collocare la storia locale in relazione alla storia italiana, europea e mondiale. 4) Usare linguaggio specifico. 168

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Traguardi e Obiettivi di Apprendimento della Scuola Secondaria di 1 grado

Traguardi e Obiettivi di Apprendimento della Scuola Secondaria di 1 grado ISTITUTO COMPRENSIVO di OPPEANO Via A. Moro, 12 tel. 045/7135458 telefax: 045/7135049 e-mail vric843009@istruzione.it - www.icoppeano.gov.it Nell ambito di una Visione Interdisciplinare, gli Insegnanti,

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

Curricolo verticale di consapevolezza ed espressione culturale

Curricolo verticale di consapevolezza ed espressione culturale ISTITUTO COMPRENSIVO ARCOLA-AMEGLIA Curricolo verticale di consapevolezza ed espressione culturale DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: Storia, Geografia, Arte e immagine, Musica, Educazione fisica, Religione Anno

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Approfondimento N 2. Scuola primaria

Approfondimento N 2. Scuola primaria Approfondimento N 2 Scuola primaria, Nuclei tematici e Obiettivi di apprendimento al termine della classe quinta Italiano L'allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI Profili d uscita, obiettivi specifici di apprendimento e quadri orari dei nuovi licei, con le indicazioni dei cambiamenti rispetto al vecchio ordinamento Il futuro è la nostra

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

10 passi verso i CPIA

10 passi verso i CPIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione generale per l istruzione e formazione tecnica superiore e per i rapporti con i sistemi formativi delle

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino raggruppa e ordina secondo criteri diversi, confronta

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Sezione I: presupposti teorici della certificazione CILS

Sezione I: presupposti teorici della certificazione CILS testo:layout 1 12-10-2009 10:31 Pagina 9 Sezione I: presupposti teorici della certificazione CILS 1.1 La CILS - Certificazione di italiano come lingua straniera La CILS, Certificazione di Italiano come

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

STORIA CLASSI I E II

STORIA CLASSI I E II STORIA CLASSI I E II INDICATORE N 1 Descrittori di /livelli di comportamento Organizzazione delle informazioni. Riordinare graficamente e/o verbalmente i fatti vissuti e narrati, riconoscendo relazioni

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA DELF DALF Le certificazioni ufficii della lingua francese ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO www.testecertificazioni.it IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO

Dettagli

"IMPARIAMO A RICICLARE"

IMPARIAMO A RICICLARE COLLEGIO ARCIVESCOVILE Castelli PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE "IMPARIAMO A RICICLARE" (progetto di durata annuale) Anno scolastico 2008/2009 Classi terze e quarte - Scuola primaria FINALITA' Il Progetto

Dettagli

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p.

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. LICEO SCIENTIFICO Indice Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2 Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. 10 Piano degli studi p. 14 Indicazioni nazionali riguardanti

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a.

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a. SIS Piemonte Parlare del futuro, fare delle previsioni Specializzata: Paola Barale Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi a.a. 2003-2004 1 1. Contesto Liceo linguistico, secondo anno 2. Livello A2

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI DI ITALIANO - BIENNIO DI TUTTI GLI INDIRIZZI Conoscenze a) Conoscenza completa e ragionata della grammatica e dell

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli