ISTITUTO COMPRENSIVO. di Santa Teresa di Riva

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO COMPRENSIVO. di Santa Teresa di Riva"

Transcript

1 ISTITUTO COMPRENSIVO di Santa Teresa di Riva Scuole dell'infanzia, Primaria e Secondaria di Primo Grado dei Comuni di Santa Teresa di Riva Antillo Savoca e Sant'Alessio Siculo (Messina ) ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGRAMMAZIONIRAMMAZIONI SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO Funzione Strumentale Area 1 Ins. Elisa TRIOLO Dirigente Scolastico Prof.ssa Enza INTERDONATO Sede Direzione e Uffici Amministrativi: Via delle Colline 15, Santa Teresa di Riva (ME) Tel Fax Presidenza

2 INDICE Programmazione didattica di Italiano Pag. 147 Programmazione didattica di Storia Pag. 162 Programmazione didattica di Cittadinanza e Costituzione Pag. 173 Programmazione didattica di Latino Pag. 176 Programmazione didattica di Geografia Pag. 178 Programmazione didattica di Lingua Inglese Pag. 186 Programmazione didattica di Lingua Francese Pag. 222 Programmazione didattica di Scienze Matematiche Pag. 235 Programmazione didattica di Scienze Pag. 242 Programmazione didattica di Tecnologia Pag. 247 Programmazione didattica di Educazione Musicale Pag. 256 Programmazione didattica di Strumento Pag. 261 Programmazione didattica di Arte e Immagine Pag. 266 Programmazione didattica di Educazione Fisica Pag. 271 Programmazione didattica di Religione Pag

3 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO - Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l interazione comunicativa verbale in vari contesti - Leggere, comprendere e interpretare testi scritti di vario tipo - Produrre testi di vario tipo in relazione ai differenti scopi comunicativi. Classe I Finalità educative Mettere l alunno in condizione di a. Comunicare ed esprimere l esperienza di sé e della realtà naturale e culturale attraverso la padronanza delle abilità linguistiche di base. b. Sviluppare le competenze linguistiche necessarie per accedere ai più diversi ambiti del sapere. c. Sviluppare la riflessione linguistica ai fini della promozione delle capacità critiche Obiettivi di apprendimento Ascoltare e parlare 1. Ascoltare testi prodotti o letti da altri. 2. Utilizzare durante l ascolto varie tecniche di comprensione e rielaborare le informazioni. 3. Riferire oralmente su argomenti di studio esponendo con ordine e coesione i contenuti Leggere 1. Leggere silenziosamente e ad alta voce testi di varia natura. 2. Ricavare informazioni da testi di varia tipologia. 3. Comprendere testi letterari di vario tipo e forma, racconti, novelle, romanzi, poesie. Scrivere 1. Scrivere testi corretti e coesi 2. Scrivere testi di diverso tipo e di forma diversa (lettere, biglietti, diari ecc.) 3. Saper sintetizzare testi letti e ascoltati Riflettere sulla lingua 1. Conoscere le parti variabili e invariabili del discorso e gli elementi principali della frase semplice. 2. Utilizzare strumenti di consultazione. 3. Applicare le conoscenze metalinguistiche per migliorare l uso orale e scritto della lingua. 148

4 COMPETENZE DESCRITTORI TIPOLOGIA DI VERIFICA COMPETENZE DI LETTURA (mod. Invalsi) Individuare informazioni Ricavare informazioni Ricostruire significati Interpretare e valutare Comprendere il lessico Cogliere relazioni di coesione e coerenza Compr.ne del testo narrativo, poetico, epico, letterario COMPETENZE DI SCRITTURA Produrre testi scritti, a seconda degli scopi e dei destinatari: espositivi, espressivi, regolativi, informativi, testi d uso Pianificare, revisionare, manipolare testi Riassunto, parafrasi, commento, relazioni di ricerca, lavori di gruppo Temi, produzione di testi COMPETENZE GRAMMATICALI Conoscere le categorie grammaticali e morfosintattiche Analizzare le funzioni logiche della frase Utilizzare tecniche di costruzione della frase, in base al profilo comunicativo Applicare modalità di coesione e coerenza Test, verifiche orali, riflessioni metalinguistiche COMPETENZE: ESPRIMERSI ORALMENTE Interagire in modo efficace in diverse situazioni comunicative, sostenendo le proprie idee Adeguare i registri linguistici (formale, informale) Utilizzare i linguaggi specifici Apprendere informazioni ed elabora opinioni nei vari ambiti culturali e sociali Esposizione orale, lavori di gruppo. COMPETENZE DI ASCOLTO Riconoscere lo scopo per cui ascolta e sa scegliere il testo adatto alle sue esigenze Ascoltare attivamente e criticamente 149

5 Prendere appunti mentre si ascolta Rielaborare le informazioni raccolte attraverso l ascolto Sa ascoltare e comprendere una lezione o un notiziario UNITA DI APPRENDIMENTO N 1 TITOLO: TIPOLOGIE TESTUALI PREREQUISITI: 1. Leggere in modo scorrevole 2. Comprendere in modo globale quanto letto 3. Usare i funzionali e la punteggiatura. OBIETTIVI SPECIFICI: CONOSCENZE: 1. Elementi caratterizzanti le varie tipologie testuali 2. Le funzioni linguistiche ABILITA : 1. Riconoscere le caratteristiche, la struttura e le proprietà dei testi esaminati 2. Scrivere, riscrivere e manipolare testi 3. Comprendere e interpretare i testi 4. Relazionare su un argomento di studio PERCORSO DI STUDIO: favole fiabe - racconti fantastici- testi letterari e non METODOLOGIA: 1 - Lezione frontale e interattiva 2 - Lettura silenziosa, lettura espressiva 3 - Analisi del testo 4 rielaborazione e produzione individuale e di gruppo 5 -Esercizi per il recupero, consolidamento e potenziamento VERIFICA E VALUTAZIONE 1. Interrogazioni, conversazioni e dibattiti 2. Prove strutturate, prove scritte 3. Esercitazioni individuali e collettive 4. Esercizi per il recupero, consolidamento e potenziamento La valutazione tenderà ad accertare il grado di raggiungimento delle competenze specifiche e terrà conto dei seguenti fattori: impegno, attenzione, interesse, partecipazione e metodo di studio, secondo quanto stabilito dal P.O.F. 150

6 UNITA DI APPRENDIMENTO N 2 TITOLO: IL TESTO POETICO- IL MITO: CLASSICO E MEDIEVALE PREREQUISITI: 1. Leggere in modo scorrevole 2. Comprendere globalmente gli elementi caratterizzanti il testo poetico ed epico OBIETTIVI SPECIFICI: CONOSCENZE: 1. Elementi caratterizzanti il testo poetico 2. Forme e strutture delle diverse tipologie di testo poetico ABILITA : 1. Leggere e comprendere un testo poetico 2. Analizzare la struttura e cogliere tema e messaggio 3. Parafrasare e creare testi poetici PERCORSO DI STUDIO: Brani e poesie relative all epica classica e medievale: Iliade, Odissea, Eneide, Poesie d autore ATTIVITA DIDATTICA: METODOLOGIA: 1. Lezione frontale e interattiva 2. Lavoro individuale, di gruppo e di ricerca 3. Lettura espressiva e Analisi del testo VERIFICA E VALUTAZIONE: 1. Interrogazioni, - Conversazioni e dibattiti 2. Prove strutturate, Prove scritte 3. Esercitazioni individuali e collettive 4. Esercizi per il recupero, consolidamento e potenziamento La valutazione tenderà ad accertare il grado di raggiungimento delle competenze specifiche e terrà conto dei seguenti fattori: impegno, attenzione, interesse, partecipazione e metodo di studio, secondo quanto stabilito dal P.O.F. 151

7 UNITA DI APPRENDIMENTO N 3 TITOLO: RIFLETTERE SULLLA LINGUA PREREQUISITI: Conoscere e applicare le regole ortografiche Riconoscere e analizzare le principali parti del discorso e usarle in modo corretto sul piano della comunicazione orale e scritta. OBIETTIVI SPECIFICI: CONOSCENZE: fonologia, morfologia, cenni della frase semplice ABILITA : saper riconoscere le diverse parti del discorso, variabili e invariabili e la loro funzione nella frase anche attraverso l uso del dizionario saper usare correttamente gli elementi costitutivi della frase PERCORSO DI STUDIO: L articolo, il Nome, l Aggettivo, il Pronome, il Verbo, l Avverbio, la Preposizione, la Congiunzione, l Interiezione ATTIVITA DIDATTICA: METODOLOGIA: - Lezione frontale e interattiva - Lavoro individuale, di gruppo - Riflessione sulla lingua attraverso l analisi del testo - lavoro sul lessico VERIFICA e VALUTAZIONE: 1. Interrogazioni 2. Prove strutturate, Prove scritte 3. Esercitazioni individuali e collettive 4. Esercizi per il recupero, consolidamento e potenziamento La valutazione tenderà ad accertare il grado di raggiungimento delle competenze specifiche e terrà conto dei seguenti fattori: impegno, attenzione, interesse, partecipazione e metodo di studio, secondo quanto stabilito dal P.O.F. 152

8 PROGETTAZIONE ANNUALE - CLASSE II ITALIANO Prerequisiti: 1. Saper leggere e decodificare un testo 2. Saper rielaborare secondo modalità e tempi stabiliti 3. Saper produrre un testo coerente e coeso 4. Conoscenza parti variabili e invariabili del discorso Finalità educative Mettere l alunno in condizione di a. Comunicare ed esprimere l esperienza di sé e della realtà naturale e culturale attraverso la padronanza delle abilità linguistiche di base. b. Sviluppare le competenze linguistiche necessarie per accedere ai più diversi ambiti del sapere. c. Sviluppare la riflessione linguistica ai fini della promozione delle capacità critiche Obiettivi di apprendimento Ascoltare e parlare 1. ascoltare testi prodotti e/o letti da altri o trasmessi dai media riconoscendone le caratteristiche 2. annotare le informazioni principali e rielaborarle 3. riferire in modo chiaro e coeso controllando i tempi e le modalità della discussione Leggere 1. leggere ad alta voce in modo espressivo 2. ricevere informazioni implicite ed esplicite dai testi 3. comprendere testi letterari di vario tipo e forma: racconto, novelle, romanzi e poesie Scrivere 1. conoscere ed applicare le procedure di ideazione, pianificazione, stesura e revisione del testo 2. scrivere testi corretti e coesi di varia tipologia 3. scrivere testi sapendo sintetizzare Riflettere sulla lingua 1. analizzare la frase composta 2. stabilire relazioni tra situazione di comunicazione, interlocutori e registri linguistici 3. utilizzare strumenti di consultazione 153

9 La valutazione tenderà ad accertare il grado di raggiungimento delle competenze specifiche e terrà conto dei seguenti fattori: impegno, attenzione, interesse, partecipazione e metodo di studio, secondo quanto stabilito dal P.O.F. UNITA DI APPRENDIMENTO N 1 - CLASSE II TITOLO: TIPOLOGIE TESTUALI OBIETTIVI SPECIFICI: CONOSCENZE: Il testo e le sue caratteristiche; le funzioni linguistiche; contenuti e forme. ABILITA : 1. Imparare a raccontare le proprie esperienze ed esprimere stati d animo e sentimenti 2. Comprendere struttura, scopi e funzioni dei testi esaminati 3. Produrre testi coerenti e coesi appartenenti a diverse tipologie testuali 4. Comprendere i contenuti del messaggio di un testo esaminato ATTIVITA DIDATTICA: PERCORSO DI STUDIO: 1. Lettere personali e lettere formali. 2. Pagine di diari e testi su esperienze personali 3. Articoli di giornali e riviste 4. Brani antologici su problematiche adolescenziali METODOLOGIA: 1 - Lezione frontale e interattiva 2 - Lettura ad alta voce e silenziosa 3 - Lavoro individuale, di gruppo e di ricerca 4 - Analisi del testo VERIFICA E VALUTAZIONE: 1 - Interrogazioni 2 - Conversazioni e dibattiti 3 - Prove strutturate 4 - Prove scritte 5 - Esercitazioni individuali e collettive 6 - Esercizi per il recupero, consolidamento e potenziamento 154

10 UNITA DI APPRENDIMENTO N 2 - CLASSE II TITOLO: LA LETTERATURA E I SUOI GENERI OBIETTIVI SPECIFICI: CONOSCENZE: Autori, contesti e generi letterari. ABILITA : 1. Leggere e analizzare un testo letterario nelle sue componenti formali, stilistiche, di contenuto e di messaggio e formulare un commento personale 2. Leggere in modo espressivo un testo poetico 2. Individuare e comprendere il contenuto e il messaggio di una poesia 3. Analizzare i caratteri generali dell espressione poetica 4. Parafrasare, commentare e creare una poesia PERCORSO DI STUDIO: 1. Gli autori e il loro contesto 2. I generi della letteratura (novelle, racconti, romanzi ) 3. Poesie e brani epici di autori vari ATTIVITA DIDATTICA: METODOLOGIA: 1 - Lezione frontale e interattiva 2 - Lettura ad alta voce ed espressiva 3 - Analisi del testo poetico 4 - Produzione individuale, ricerca individuale e di gruppo VERIFICA E VALUTAZIONE: 1 - Interrogazioni 2 - Conversazioni e dibattiti 3 - Prove strutturate 4 - Prove scritte 5 - Esercitazioni individuali e collettive 6 - Esercizi per il recupero, consolidamento e potenziamento 155

11 UNITA DI APPRENDIMENTO N 3 - CLASSE II TITOLO: LA SINTASSI DELLA FRASE SEMPLICE OBIETTIVI SPECIFICI: CONOSCENZE: Elementi e struttura della frase semplice ABILITA : 1 - Saper riconoscere, analizzare e usare le funzioni logiche della frase 2 - Saper utilizzare strumenti di consultazione 3 - Acquisire una competenza lessicale adeguata ai vari registri linguistici PERCORSO DI STUDIO: 1 Dalla frase semplice alla frase ampliata 2 Unità di base: Soggetto e Predicato 3 Espansioni ATTIVITA DIDATTICA: METODOLOGIA: 1 - Lezione frontale e interattiva 2 - Lavoro individuale e di gruppo 3 - Lavori di recupero, consolidamento e approfondimento VERIFICA E VALUTAZIONE: 1 - Interrogazioni 2 - Prove strutturate 3 - Esercitazioni individuali e collettive 4 - Esercizi per il recupero, consolidamento e potenziamento 156

12 PROGETTAZIONE ANNUALE - CLASSE III ITALIANO Prerequisiti: Saper leggere, decodificare e commentare un testo Saper rielaborare in modo personale i contenuti di un testo Saper produrre un testo organico e strutturato Conoscere le parti e le strutture funzionali della lingua Finalità educative Mettere l alunno in condizione di a. Comunicare ed esprimere l esperienza di sé e della realtà naturale e culturale attraverso la padronanza delle abilità linguistiche di base. b. Sviluppare le competenze linguistiche necessarie per accedere ai più diversi ambiti del sapere. c. Sviluppare la riflessione linguistica ai fini della promozione delle capacità critiche Obiettivi di apprendimento Ascoltare e parlare 1) Ascoltare testi prodotti e/o letti da altri riconoscendone la fonte e individuando: scopo, argomento, informazioni principali, punto di vista dell emittente. 2) Utilizzare tecniche di comprensione, durante l ascolto, e rielaborare le informazioni. 3) Riferire su un argomento di studio, selezionando le informazioni ed esplicitando lo scopo. Leggere 1) Leggere silenziosamente e ad alta voce utilizzando tecniche adeguate 2) Ricavare informazioni per documentarsi su un argomento specifico e/o per realizzare scopi pratici. 3) Comprendere testi letterari di vario tipo individuandone ambiente, personaggi, ruoli e relazioni. Scrivere 1) Scrivere testi servendosi di strumenti per la raccolta e l organizzazione delle idee e utilizzando criteri per la revisione del testo. 2) Produrre testi diversificati corretti e organizzati in modo coerente e coeso. 3) Scrivere sintesi di testi letti e ascoltati e saperle riutilizzare per i propri scopi. 157

13 Riflettere sulla lingua 1) Conoscere la costruzione della frase complessa ed analizzarla. 2) Stabilire relazioni tra situazioni di comunicazione, interlocutori e registri linguistici. 3) Utilizzare strumenti di consultazione migliorando l uso orale e scritto della lingua. Valutazione La valutazione tenderà ad accertare il grado di raggiungimento delle competenze specifiche e terrà conto dei seguenti fattori: impegno, attenzione, interesse, partecipazione e metodo di studio, secondo quanto stabilito dal P.O.F. UNITA DI APPRENDIMENTO N 1 - CLASSE III TITOLO: LA LETTERATURA E I SUOI GENERI OBIETTIVI SPECIFICI: CONOSCENZE: Autori, contesti e generi letterari. ABILITA 1. Leggere ad alta voce in modo espressivo. 2. Comprendere e analizzare individuando le informazioni e la struttura dei testi 3. Analizzare un testo letterario nelle sue componenti formali, stilistiche, di contenuto e di messaggio e formulare un commento critico e personale 4. Sintetizzare, manipolare, commentare in modo critico i testi letterari 5. Saper riferire notizie su autori e opere inquadrandole nell epoca storica e nel contesto socio-culturale ATTIVITA DIDATTICA: PERCORSO DI STUDIO: Brani, racconti e romanzi dei vari generi letterari. Gli autori e i loro contesti METODOLOGIA: 1 - Lezione frontale e interattiva 2 - Lettura silenziosa ed espressiva, drammatizzazione 3 - Lavoro sul lessico 4 - Analisi del testo 5- Lavoro individuale, di gruppo e di ricerca 158

14 VERIFICA E VALUTAZIONE: 1. Interrogazioni 2. Conversazioni e dibattiti 3. Prove strutturate e prove scritte 4. Esercitazioni individuali e collettive 5. Attività di recupero, consolidamento e potenziamento UNITA DI APPRENDIMENTO N 2 - CLASSE III TITOLO: IL TESTO POETICO OBIETTIVI SPECIFICI CONOSCENZE: Metrica, Stilistica e Retorica ABILITA 1 - Leggere in modo espressivo un testo poetico 2 - Comprendere e spiegare i significati simbolici e allegorici dei testi, cogliere il punto di vista dell autore 3 - Comprendere la relazione tra il testo e il contesto storico - culturale 4 - Parafrasare, commentare e creare una poesia ATTIVITA DIDATTICA: PERCORSO DI STUDIO: 1 Lettura, analisi e commento di poesie di autori italiani e stranieri classici e moderni METODOLOGIA: 1 - Lezione frontale e interattiva 2 - Lettura ad alta voce ed espressiva 3 - Analisi della struttura del testo poetico 4 - Produzione creativa, ricerca individuale e di gruppo VERIFICA E VALUTAZIONE: 1 - Interrogazioni 2 - Conversazioni e dibattiti 3 - Prove strutturate 4 - Prove scritte 5 - Creazioni libere e/o su tema 6- Attività per il recupero, consolidamento e potenziamento 159

15 UNITA DI APPRENDIMENTO N 3 TITOLO: RIFLETTERE SULLA LINGUA Prerequisiti: - Conoscere e applicare le regole ortografiche, grammaticali e sintattiche - Riconoscere le parti e le funzioni logiche del discorso - Analizzare i rapporti logici tra le parole di una frase e usarli correttamente Obiettivi specifici Conoscenze: - Struttura della frase composta e complessa - Proposizione principale e indipendenti - La coordinazione e la subordinazione - Discorso diretto e indiretto Abilità: - Saper riconoscere la struttura sintattica di un periodo. - Saper riconoscere il discorso diretto e indiretto e saperli usare correttamente. Attività didattica Percorso di studio: - La sintassi del periodo: Frase semplice, composta e complessa Rapporti tra le proposizioni Discorso diretto e indiretto; la proposizione interrogativa Metodologia: 1) Lezione frontale e interattiva 2) Riflessione sulla lingua attraverso l analisi di un testo. 3) Lavoro sul lessico. Verifiche e autovalutazione: - Prove strutturate, prove scritte e orali, soggettive e oggettive. - Esercitazioni individuali e collettive. - Esercizi per il recupero, consolidamento e potenziamento. 160

16 UNITA DI APPRENDIMENTO N 4 - CLASSE III TITOLO: TIPOLOGIE TESTUALI OBIETTIVI SPECIFICI CONOSCENZE Il testo e le sue tipologie. Funzioni linguistiche e contenutistiche. ABILITA 1. Saper individuare la struttura di un testo diverso per natura, scopo e funzione 2. Imparare a raccontare le proprie esperienze ed esprimere stati d animo e sentimenti 3. Comprendere gli scopi e le funzioni dei testi esaminati 4. Produrre diverse tipologie testuali 5. Comprendere il contenuto di un testo esaminato ATTIVITA DIDATTICA: PERCORSO DI STUDIO: 1. Lettere personali e lettere formali. 2. Pagine di diari e testi su esperienze personali 3. Articoli di giornali e riviste 4. Testi espositivi e argomentativi 5. Brani antologici su problematiche adolescenziali METODOLOGIA: 1 - Lezione frontale e interattiva 2 - Lettura ad alta voce e silenziosa 3 - Lavoro individuale, di gruppo e di ricerca 4 - Analisi del testo VERIFICA E VALUTAZIONE: 1 - Interrogazioni 2 - Conversazioni e dibattiti 3 - Prove strutturate 4 - Prove scritte 5 - Esercitazioni individuali e collettive 6 - Esercizi per il recupero, consolidamento e potenziamento 161

17 PROGETTAZIONE ANNUALE CLASSE I STORIA COMPETENZE DI STORIA - Conosce i momenti fondamentali della storia italiana dalle forme di insediamento e di poteri medievali alla formazione dello stato unitario, alla formazione della repubblica. - Conosce i processi fondamentali della storia europea medievale moderna e contemporanea. - Ha elaborato un personale metodo di studio, comprende testi storici, ricava informazioni storiche da fonti di vario genere e le sa organizzare in testi. - Sa esporre le conoscenze storiche acquisite operando collegamenti e sa argomentare le proprie riflessioni. - Usa le conoscenze e le abilità per orientarsi nella complessità del presente, comprendere opinioni e culture diverse, capire i problemi fondamentali del mondo contemporaneo. Finalità educative - Comprendere e spiegare il passato dell uomo partendo dallo studio delle testimonianze e dai resti che il passato ci ha lasciato. - Contribuire all educazione civica della nazione e favorire la formazione di un abito critico. Obiettivi di apprendimento: Uso delle fonti 1) saper utilizzare fonti di informazione di diverso tipo. 2) comprensione e uso del linguaggio specifico in forma semplice. Strumenti concettuali e conoscenze 1) Saper stabilire rapporti tra causa ed effetto. 2) Saper cogliere alcuni aspetti essenziali degli avvenimenti storici Produzione 1) Saper produrre semplici testi utilizzando conoscenze e fonti di diverso tipo 2) Saper esporre in forma orale il corso degli eventi principali STORIA - CLASSE I UNITA DI APPRENDIMENTO N. 1 TITOLO: IL MONDO ANTICO PREREQUISITI: Possedere i concetti di presente passato futuro. Conoscere la linea del tempo. OBIETTIVI SPECIFICI: CONOSCENZE: Dalla Preistoria alla Civiltà Romana. ABILITA : Riconoscere e riferire gli elementi essenziali delle varie civiltà. Utilizzare il linguaggio specifico. 162

18 ATTIVITA DIDATTICA PERCORSO DI STUDIO La preistoria La civiltà greca La civiltà romana. METODOLOGIA: Lezione frontale e interattiva Lavoro di ricerca individuale e di gruppo Apprendimenti sulle tematiche trattate Discussione e dibattito Didattica breve. VERIFICA E VALUTAZIONE Interrogazioni Questionari. Controllo sistematico del lavoro svolto Dibattiti. La valutazione tenderà ad accertare le abilità cognitive conseguite, le potenzialità stimolate e il grado di autonomia e capacità operativa raggiunto tenendo conto di alcuni fattori: impegno, attenzione, interesse, partecipazione e metodo di studio, secondo quanto stabilito dal P.O.F. UNITA DI APPRENDIMENTO N. 2 TITOLO: DALLA CRISI DELL IMPERO A CARLO MAGNO. PREREQUISITI Saper collocare nello spazio e nel tempo i fatti storici. OBIETTIVI SPECIFICI CONOSCENZE: La caduta dell impero romano d occidente. La civiltà islamica Carlo Magno. ABILITA Saper individuare ed esporre i fatti storici riferiti all epoca oggetto di studio. Saper stabilire i rapporti causa effetto tra gli eventi storici. Saper utilizzare il linguaggio specifico. ATTIVITA DIDATTICA PERCORSO DI STUDIO La caduta dell impero romano d occidente. Occidente e Oriente. Maometto e la civiltà islamica. Carlo Magno e il Sacro Romano Impero METODOLOGIA Lezione frontale ed interattiva Lavoro di ricerca individuale e di gruppo Approfondimenti sulle tematiche trattate. Discussione e dibattito Didattica breve. 163

19 VERIFICA E VALUTAZIONE Interrogazioni Questionari. Controllo sistematico del lavoro svolto Dibattiti. La valutazione tenderà ad accertare le abilità cognitive conseguite, le potenzialità stimolate e il grado di autonomia e capacità operativa raggiunto tenendo conto di alcuni fattori: impegno, attenzione, interesse, partecipazione e metodo di studio, secondo quanto stabilito dal P.O.F. UNITA DI APPRENDIMENTO N. 3 TITOLO: LA SOCIETÀ FEUDALE PREREQUISITI: Saper collegare nello spazio e nel tempo i fatti storici. OBIETTIVI SPECIFICI CONOSCENZE: IL FEUDALESIMO. ABILITA Saper individuare i fatti storici relativi all epoca feudale. Stabilire rapporti di causa effetto tra gli eventi storici. Saper utilizzare il linguaggio specifico. ATTIVITA DIDATTICA PERCORSO DI STUDIO: Il feudalesimo e il rinnovamento della Chiesa. METODOLOGIA: Lezione frontale ed interattiva Lavoro di ricerca individuale e di gruppo Approfondimenti nelle tematiche trattate. Discussione e dibattito Didattica breve. VERIFICA E VALUTAZIONE: Interrogazioni Questionari. Controllo sistematico del lavoro svolto Dibattiti. La valutazione tenderà ad accertare le abilità cognitive conseguite, le potenzialità stimolate e il grado di autonomia e capacità operativa raggiunto tenendo conto di alcuni fattori: impegno, attenzione, interesse, partecipazione e metodo di studio, secondo quanto stabilito dal P.O.F UNITA DI APPRENDIMENTO N 4 TITOLO: L ETA COMUNALE E ILTRAMONTO DEL MEDIOEVO PREREQUISITI: Saper collocare nello spazio e nel tempo i fatti storici OBIETTIVI SPECIFICI: CONOSCENZE: I Comuni Le crociate il tramonto del medioevo il Quattrocento ABILITA : 1. Saper individuare ed esporre i fatti storici relativi al periodo studiato 2. Stabilire rapporti di causa- effetto tra gli eventi storici 3. utilizzare il linguaggio specifico 164

20 ATTIVITA DIDATTICA: PERCORSO DI STUDIO: L Europa dopo il Mille e i Comuni italiani. Le Crociate; il tramonto del Medioevo; L Europa e l italia nel Quattrocento METODOLOGIA: 1 - Lezione frontale e interattiva 2 - Lavoro individuale, di gruppo e di ricerca 3 Approfondimento delle tematiche trattate 4 - Discussione e dibattito 5 Didattica breve VERIFICA E VALUTAZIONE: 1 Interrogazioni - Conversazioni e dibattiti 2 Controllo sistematico del lavoro svolto La valutazione tenderà ad accertare le abilità cognitive conseguite, le potenzialità stimolate, il grado di autonomia e capacità operativa raggiunto tenendo conto dei seguenti fattori: impegno, attenzione, interesse, partecipazione e metodo di studio, secondo quanto stabilito dal P.O.F. PROGETTAZIONE ANNUALE - CLASSE II STORIA Prerequisiti: Collocare gli eventi storici nello spazio e nel tempo Finalità educative - Comprendere e spiegare il passato dell uomo partendo dallo studio delle testimonianze e dai resti che il passato ci ha lasciato. - Contribuire alla formazione del cittadino e favorire lo sviluppo di un abito critico. Obiettivi di apprendimento 1. Uso e organizzazione del materiale documentario, informativo e del linguaggio specifico 2. Saper trarre e usare informazioni ricavate dal materiale documentario 3. Conoscere e usare il linguaggio specifico Strumenti concettuali e conoscenze 1. Stabilire rapporti tra causa ed effetto 2. Cogliere le caratteristiche significative di un epoca Produzione 1. Esposizione delle conoscenze ricavate da fonti di informazioni diverse Valutazione La valutazione tenderà ad accertare le abilità cognitive conseguite, le potenzialità stimolate ed il grado di autonomia e capacità operative, tenendo conto dei seguenti fattori: impegno, attenzione, interesse, partecipazione e metodo di studio secondo quanto stabilito dal P.O.F. 165

21 Obiettivi Specifici UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 CONOSCENZE: UMANESIMO E RINASCIMENTO Abilità: 1. Saper riferire i fatti storici collocandoli nello spazio nel tempo 2. Operare collegamenti mettendo a confronto eventi e personaggi 3. Riconoscere e adoperare il linguaggio specifico settoriale Attività Didattica Percorso di Studio: 1. L'Umanesimo: arte, letteratura, scienze e tecniche 2. Le scoperte geografiche: le teorie, le civiltà precolombiane 3. Riforma e Controriforma Metodologia: lezione frontale e interattiva lavoro di ricerca individuale e di gruppo approfondimenti sulle tematiche trattate mappe concettuali schede operative didattica breve Verifica e valutazione interrogazioni, questionari, dibattiti UNITÀ DI APPRENDIMENTO 2 CONOSCENZE: Riforma e Controriforma Obiettivi Specifici Abilità: 1. Saper riferire i fatti storici collocandoli nello spazio nel tempo 2. Operare collegamenti mettendo a confronto eventi e personaggi 3. Riconoscere e adoperare il linguaggio specifico settoriale Attività Didattica Percorso di Studio 1. La Riforma protestante 2. Controriforma 3. Guerre di Religione Metodologia lezione frontale e interattiva lavoro di ricerca individuale e di gruppo approfondimenti sulle tematiche trattate mappe concettuali schede operative didattica breve Verifica e Autovalutazione interrogazioni, questionari, dibattiti 166

22 UNITÀ DI APPRENDIMENTO 3 CONOSCENZE: IL SEICENTO (epoca di crisi e di grandi rivolgimenti) Obiettivi Specifici: Abilità: 1. Saper riferire i fatti storici collocandoli nello spazio e nel tempo 2. Operare collegamenti mettendo a confronto eventi e personaggi 3. Riconoscere da adoperare il linguaggio specifico settoriale Attività Didattica Percorso di Studio: 1. La guerra dei trent'anni 2. L assolutismo francese ed il costituzionalismo inglese 3. La scienza moderna e il metodo sperimentale 4. Il barocco letterario ed artistico Metodologia: lezione frontale e interattiva lavoro di ricerca individuale e di gruppo approfondimenti sulle tematiche trattate mappe concettuali schede operative didattica breve Verifica e valutazione interrogazioni, questionari, dibattiti UNITÀ DI APPRENDIMENTO 4 CONOSCENZE: IL SECOLO DEI LUMI. Obiettivi Specifici: Abilità: 1. Saper riferire i fatti storici collocandoli nello spazio e nel tempo 2. Operare collegamenti mettendo a confronto eventi e personaggi 3. Riconoscere da adoperare il linguaggio specifico settoriale Attività Didattica: Percorso di Studio: 1. L Illuminismo. Teorie e Teorici. Illuministi francesi ed italiani 2. La rivoluzione americana e la nascita U.S.A. 3. La rivoluzione industriale Metodologia: lezione frontale e interattiva lavoro di ricerca individuale e di gruppo approfondimenti sulle tematiche trattate mappe concettuali schede operative didattica breve Verifica e valutazione interrogazioni, questionari, dibattiti 167

23 UNITÀ DI APPRENDIMENTO 5 CONOSCENZE: DALLA RIVOLUZIONE FRANCESE ALLA RESTAURAZIONE. Obiettivi Specifici: Abilità: 1. Saper riferire i fatti storici collocandoli nello spazio e nel tempo 2. Operare collegamenti mettendo a confronto eventi e personaggi 3. Riconoscere da adoperare il linguaggio specifico settoriale Attività Didattica: Percorso di studio: 1. La Rivoluzione francese 2. L avventura di Napoleone 3. L età della Restaurazione Metodologia: lezione frontale e interattiva lavoro di ricerca individuale e di gruppo approfondimenti sulle tematiche trattate mappe concettuali schede operative didattica breve Verifica e Autovalutazione interrogazioni, questionari, dibattiti PROGETTAZIONE ANNUALE CLASSE III STORIA Finalità educative - Comprendere e spiegare il passato dell uomo partendo dallo studio delle testimonianze e dai resti che il passato ci ha lasciato. - Contribuire all educazione civica nelle nazioni e favorire la formazione di un abito critico. Prerequisiti: - Saper individuare le eredità politiche ed economiche del 700 e del Saper ricavare informazioni da strumenti di consultazione e da documenti - Saper utilizzare termini specifici del linguaggio disciplinare. Obiettivi di apprendimento: Uso delle fonti 1) Leggere e analizzare informazioni tratte da fonti di diverso tipo. 2) Organizzare le conoscenze anche con mappe e grafici. 3) Collocare la storia locale in relazione alla storia italiana, europea e mondiale. 4) Usare linguaggio specifico. 168

PROGETTAZIONE ANNUALE CLASSE III

PROGETTAZIONE ANNUALE CLASSE III PROGETTAZIONE ANNUALE CLASSE III STORIA Finalità educative: - Comprendere e spiegare il passato dell uomo partendo dallo studio delle testimonianze e dai resti che il passato ci ha lasciato. - Contribuire

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE LETTERE SULLA BASE DELLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICULO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

Dettagli

LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE

LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE LETTERE AL GINNASIO Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, oltre a raggiungere i risultati di apprendimento comuni, dovranno: aver raggiunto una conoscenza adeguata

Dettagli

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno scolastico 2011/12 Docente Di Bella Carmela Disciplina Italiano Classe I Sezione F n. alunni 25 SITUAZIONE DI PARTENZA Livello della classe (indicare con X a sinistra):

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO CLASSE PRIMA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO Ascolto e parlato Ascoltare testi prodotti da altri, anche trasmessi

Dettagli

Liceo Scientifico Statale Innocenzo XII ANZIO (Roma) Programmazione Generale Dipartimento di Lettere BIENNIO SCIENTIFICO

Liceo Scientifico Statale Innocenzo XII ANZIO (Roma) Programmazione Generale Dipartimento di Lettere BIENNIO SCIENTIFICO Liceo Scientifico Statale Innocenzo XII ANZIO (Roma) Programmazione Generale Dipartimento di Lettere BIENNIO SCIENTIFICO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PREMESSA Questa programmazione fornisce orientamenti generali

Dettagli

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO L alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse

Dettagli

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo)

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo) ISTITUTO COMPRENSIVO SALVADOR ALLENDE Paderno Dugnano Linee progettuali disciplinari CLASSI TERZE - a.s.2014-2015 AREA DISCIPLINARE : Linguistico-artistica-espressiva MATERIA: ITALIANO FINALITA DELLA DISCIPLINA

Dettagli

CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA

CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA UdA n.1 - LEGGERE, COMPRENDERE E INTERPRETARE TESTI 1. Comprendere e analizzare narrativi, descrittivi, espositivi e poetici 2. Riconoscere e classificare diversi tipi di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO. Classe 1 Anno scolastico 2008/09

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO. Classe 1 Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ambito disciplinare: ITALIANO Classe 1 Anno scolastico 2008/09 TRAGUARDI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della scuola secondaria di 1

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli ITALIANO BIENNIO Il Liceo Classico promuove lo sviluppo e l approfondimento delle quattro abilità di base (ascolto, lettura, rielaborazione

Dettagli

della scuola secondaria di primo grado Non ci sono venti favorevoli per chi non sa dove andare Seneca

della scuola secondaria di primo grado Non ci sono venti favorevoli per chi non sa dove andare Seneca Istituto Comprensivo di Mozzate Viale Libertà, 3 22076 Mozzate (CO) tel. 0331 831491- fax 0331 262484 codice meccanografico COIC83400P c.f. 80017540131 email: COIC83400P@istruzione.it - info@comprensivomozzate.it

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE DI ITALIANO ASCOLTO E PARLATO. Traguardi per lo sviluppo delle competenze. Obiettivi di apprendimento( conoscenze e

CURRICOLO DISCIPLINARE DI ITALIANO ASCOLTO E PARLATO. Traguardi per lo sviluppo delle competenze. Obiettivi di apprendimento( conoscenze e CURRICOLO DISCIPLINARE DI ITALIANO ASCOLTO E PARLATO Traguardi per lo sviluppo delle competenze 1.Partecipa a scambi comunicativi con compagni ed insegnanti, formulando messaggi chiari e pertinenti Obiettivi

Dettagli

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI di Castelfranco Emilia Mo Via Guglielmo Marconi, 1 Tel 059 926254 - fax 059 926148 email: MOIC825001@istruzione.it Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado Anno

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO CLASSE PRIMA

CURRICOLO DI ITALIANO CLASSE PRIMA CURRICOLO DI ITALIANO CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA NUCLEI FONDANTI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Sa usare la comunicazione orale e scritta per collaborare e interagire positivamente con gli altri

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio.

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio. ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio Obiettivi specifici ITALIANO Attività ASCOLTO - Applicare le strategie dell ascolto

Dettagli

LINGUA ITALIANA. Scuola dell Infanzia. Saper comunicare oralmente. Condividere esperienze personali, emozioni, pensieri e comportamenti vissuti.

LINGUA ITALIANA. Scuola dell Infanzia. Saper comunicare oralmente. Condividere esperienze personali, emozioni, pensieri e comportamenti vissuti. LINGUA ITALIANA Scuola dell Infanzia Campi di esperienza Traguardi per lo sviluppo della competenza Abilità Conoscenze Il sé e l altro Il bambino: Saper comunicare oralmente. Le attività di routine quotidiane.

Dettagli

ITALIANO RIFLESSIONE SULLA LINGUA

ITALIANO RIFLESSIONE SULLA LINGUA RIFLESSIONE SULLA LINGUA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado ü L alunno interagisce in modo efficace in diverse situazioni comunicative, sostiene

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE

PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE Istituto Comprensivo di Calderara di Reno Scuola Secondaria di Primo Grado Due Risorgimenti PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE CONTENUTI LETTURA Conoscere le strategie

Dettagli

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Ricavare da fonti di tipo diverso informazioni e conoscenze su aspetti del passato. CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Individuazione delle parole del tempo (prima, dopo, poi, infine, mentre ). Individuazione

Dettagli

4, 5 ANNO DELLA SCUOLA PRIMARIA

4, 5 ANNO DELLA SCUOLA PRIMARIA ASCOLTO E PARLATO Intervenire nel dialogo e nella conversazione in modo pertinente. Interagire nello scambio comunicativo formulando domande e risposte adeguate al contesto. Esprimere il proprio punto

Dettagli

Programmazione di italiano per competenze

Programmazione di italiano per competenze Programmazione di italiano per 0050_GU042400775T@0013_0018.indd 13 10/03/15 09.34 Primo anno Lingua Primo anno Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l interazione

Dettagli

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti.

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti. CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA EUROPEA DI LEGITTIMAZIONE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 L alunno: SVILUPPO DELLE ASCOLTO L alunno ascolta: il lessico di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO 1. PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 DISCIPLINA : LINGUA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ambito disciplinare ITALIANO Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 TRAGUARDI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della

Dettagli

Eventuale anticipo di elementi di analisi poetica o del testo teatrale. Lettura più ampia possibile dei Promessi sposi

Eventuale anticipo di elementi di analisi poetica o del testo teatrale. Lettura più ampia possibile dei Promessi sposi PROGRAMMAZIONE ELABORATA DAL DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO VIAN La programmazione di Dipartimento ha carattere indicativo dei contenuti ritenuti imprescindibili per ciascun anno, i quali potranno essere

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE di STORIA CLASSE PRIMA

CURRICOLO DISCIPLINARE di STORIA CLASSE PRIMA CURRICOLO DISCIPLINARE di STORIA CLASSE PRIMA AREA COMPETENZE DISCIPLINARI ABILITÀ CONOSCENZE 1 METODO L alunno: L alunno: Imparare ad imparare Progettare A. applicando le indicazioni, cerca informazioni

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO CLASSE TERZA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO Ascolto e parlato Ascoltare testi prodotti da altri, anche trasmessi dai media, riconoscendone la

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA Nucleo tematico Oralità Traguardi per lo sviluppo delle competenze -Partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti -Ascolta e comprende messaggi

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - VICENZA DIPARTIMENTO DI ITALIANO CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA SCUOLA SECONDARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE a.s.2012/2013 ITALIANO A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO Prof. David Baragiola 1 L AMBITO DISCIPLINARE DI ITALIANO STABILISCE

Dettagli

ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO. classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE

ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO. classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE Interagire e comunicare verbalmente in contesti di diversa natura Quando ascolta,

Dettagli

PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA

PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA PSI_ITALIANO QUARTO BIENNIO_CLASSE SECONDA COMPETENZA ABILITA CONOSCENZE Competenza

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE)

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Lo studente acquisisce competenze linguistico-comunicative corrispondenti

Dettagli

CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA

CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA COMPETENZE NUCLEO FONDANTE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Comunicare -Ascoltare con attenzione le collegamenti ASCOLTO E PARLATO comunicazioni degli adulti e e dei compagni

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO CARLO JUCCI

LICEO SCIENTIFICO CARLO JUCCI LICEO SCIENTIFICO CARLO JUCCI PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATERIE LETTERARIE BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA DA ACQUISIRE AL TERMINE DELL ISTRUZIONE OBBLIGATORIA Imparare

Dettagli

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 3^)

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 3^) Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO CLASSE PRIMA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO CLASSE PRIMA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO CLASSE PRIMA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PER LA CLASSE PRIMA E RELATIVI COMUNICAZIONE ORALE MANTENERE L ATTENZIONE SUL MESSAGGIO ORALE,

Dettagli

Curricolo verticale di ITALIANO

Curricolo verticale di ITALIANO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SIANO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Curricolo verticale di ITALIANO ITALIANO - CLASSI PRIME Leggere e comprendere -Ascolta le informazioni principali di discorsi affrontati

Dettagli

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G.VERONESE-G.MARCONI SEDE ASSOCIATA G.. MARCONII Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO Docentte:: Sandro Marchioro Classe 2 IFP I a..s:: 20015/ /2016 FINALITA

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale del Veneto

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale del Veneto Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale del Veneto Istituto Comprensivo di Bosco Chiesanuova Piazzetta Alpini 5 37021 Bosco Chiesanuova Tel 045 6780 521-

Dettagli

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO e curricolo di Istituto TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA. L alunno/a conosce elementi significativi del passato del suo ambiente

Dettagli

MATERIA ITALIANO PROGRAMMAZIONE INIZIALE

MATERIA ITALIANO PROGRAMMAZIONE INIZIALE MATERIA ITALIANO PROGRAMMAZIONE INIZIALE ANNO SCOLASTICO: 2014-2015 INSEGNANTE: Claudia Palone CLASSE: 1A SETTORE: socio-sanitario INDIRIZZO: odontotecnico FINALITA DELLA DISCIPLINA (finalità formative

Dettagli

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Via dei Carpani 19/B 31033 Castelfranco V. ( TV ) Pag. 1 di 10 Anno Scolastico 2015-2016 PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Disciplina ITALIANO Classe PRIMA DATI IN EVIDENZA IN PREMESSA (richiami al

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO

Dettagli

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Competenze chiave Comunicazione nella madre lingua competenza digitale imparare a imparare competenze

Dettagli

ITALIANO - CLASSE PRIMA

ITALIANO - CLASSE PRIMA ITALIANO - CLASSE PRIMA L alunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti (conversazione) attraverso messaggi semplici, chiari e pertinenti. Comprende semplici testi di intrattenimento e

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI Via delle Rose, 68 LUCCA - Tel. 0583/58211 Fax 0583/418619 E-mail: info@liceovallisneri.it Sito Internet: http://www.liceovallisneri.it A. S. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA

ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI AD ASCOLTO E PARLATO L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo)

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Anno Scolastico 2014-2015 Istituto PROFESSIONALE grafico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA PRIMO BIENNIO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITA' OBIETTIVI EDUCATIVI

Dettagli

Curricolo di LINGUA INGLESE

Curricolo di LINGUA INGLESE Curricolo di LINGUA INGLESE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 I traguardi sono riconducibili ai livelli A1 e A2 del Quadro Comune Europeo

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Prof.ssa Genoveffa Caliò Classe III B Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano Ascoltare in modo attivo e partecipe. L alunno comprende testi orali di

Dettagli

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L alunno partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti rispettando il turno e formulando messaggi chiari

Dettagli

B. Comprendere il tema e le informazioni essenziali di un esposizione; comprendere lo scopo e l argomento di messaggi ascoltati.

B. Comprendere il tema e le informazioni essenziali di un esposizione; comprendere lo scopo e l argomento di messaggi ascoltati. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CLUSONE A.S. 2014-2015 CURRICOLO DI ITALIANO Scuola Primaria Classe QUARTA _ QUARTO BIMESTRE_ COMPETENZE Indicazioni ABILITA CONOSCENZE AMBIENTE DI APPRENDIMENTO ASCOLTO E PARLATO

Dettagli

Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado

Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado LINEE GUIDA PER I TRAGUARDI E GLI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. Lo sviluppo di competenze linguistiche ampie e sicure è una condizione indispensabile per

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Curricolo di istituto a.s 2015/2016 Classe 2^ Scuola Secondaria 1 grado Competenze chiave europee COMPETENZA IN MADRELINGUA: comprensione e comunicazione. Padroneggiare i linguaggi indispensabili per gestire

Dettagli

Programmazione d'italiano per il biennio

Programmazione d'italiano per il biennio Programmazione d'italiano per il biennio Obiettivi disciplinari per il I anno Obiettivi generali: 1) acquisire l'abitudine alla lettura come mezzo originale per accedere alla cultura, per maturare le capacità

Dettagli

FORMATIVI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ITALIANO

FORMATIVI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ITALIANO TRAGUARDI FORMATIVI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ITALIANO - L alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse situazioni comunicative, sostenendo

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI"

LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI" Indirizzi: Scienze applicate- Scienze umane- Economico-sociale - Linguistico- Classico-Musicale Via Roma, 66-81059 VAIRANO PATENORA-SCALO (CE) Tel.-fax- 0823/988081

Dettagli

ITALIANO CLASSI PRIME- SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO CLASSI PRIME- SCUOLA PRIMARIA FINALITA Lo sviluppo di competenze linguistiche ampie e sicure è una condizione indispensabile per la crescita della persona e per l esercizio pieno della cittadinanza, per l accesso critico a tutti gli

Dettagli

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 1^) Unità di apprendimento n. 1

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 1^) Unità di apprendimento n. 1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

LINGUA ITALIANA. Il bambino sviluppa la padronanza d uso della lingua italiana e arricchisce e precisa il proprio lessico.

LINGUA ITALIANA. Il bambino sviluppa la padronanza d uso della lingua italiana e arricchisce e precisa il proprio lessico. LINGUA ITALIANA SCUOLA D INFANZIA TRAGUARDI DI SVILUPPO LIVELLI DI SVILUPPO COMPETENZE SPECIFICHE Il bambino sviluppa la padronanza d uso della lingua italiana e arricchisce e precisa il proprio lessico.

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO REPUBBLICA ITALIANA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI Via Giovanni XXIII, n. 64-38065 MORI Cod. Fisc. 94024510227 - Tel. 0464-918669 Fax 0464-911029 www.icmori.it e-mail: segr.ic.mori@scuole.provincia.tn.it

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

AREA DI APPRENDIMENTO: LINGUA ITALIANA

AREA DI APPRENDIMENTO: LINGUA ITALIANA AREA DI APPRENDIMENTO: LINGUA ITALIANA CLASSE 4^ a.s. 2012/2013 TRAGUARDI DI COMPETENZA ABILITÀ CONOSCENZE 1) PARTECIPARE A SCAMBI COMUNICATIVI DI VARIO GENERE CON Quando ascolta, l alunno è in grado di:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SANT AGOSTINO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI ITALIANO. Insegnante: Prof. Maria Santo

ISTITUTO COMPRENSIVO SANT AGOSTINO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI ITALIANO. Insegnante: Prof. Maria Santo ISTITUTO COMPRENSIVO SANT AGOSTINO Scuola Secondaria di I grado P.M. Ricci Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI ITALIANO Insegnante: Prof. Maria Santo CLASSE I Sez. B N. di allievi:

Dettagli

LINGUA ITALIANA CONOSCENZE

LINGUA ITALIANA CONOSCENZE Classe 1^ Scuola Secondaria di I Grado COMPETENZA DI OBIETTIVI DI RIFERIMENTO APPRENDIMENTO Ascoltare, comprendere e comunicare oralmente 1.1 Ascoltare per intervenire in modo pertinente nelle conversazioni.

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CLASSE I

SCUOLA PRIMARIA CLASSE I SCUOLA PRIMARIA CLASSE I ITALIANO INDICATORI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO STANDARD PER LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE Ascoltare e comprendere Leggere e comprendere Comunicare oralmente Mantenere l attenzione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C Insegnante : Piera Buono ITALIANO : obiettivi COMPRENSIONE DELLA LINGUA ORALE - prestare attenzione in situazione di ascolto - individuare gli elementi

Dettagli

! Approvato AD Data 01/06/2013

! Approvato AD Data 01/06/2013 1 Dipartimento di: Lettere Linguistico: latino 1. COMPETENZE DISCIPLINARI 2. ARTICOLAZIONE DELLE COMPETENZE DISCIPLINARI Anno scolastico: 2014-2015 X Primo biennio Secondo biennio Quinto anno Competenze

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di TREMESTIERI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di TREMESTIERI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di TREMESTIERI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 SCUOLA PRIMARIA Scuola primaria classe III Italiano Obiettivi di apprendimento Ascolto e parlato Contenuti Metodologia Verifica Traguardi

Dettagli

ASSI CULTURALI: (testo ministeriale): competenze specifiche di base

ASSI CULTURALI: (testo ministeriale): competenze specifiche di base 1.1. COMPETENZE GENERALI in ITALIANO ( BIENNIO) COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA (provenienti dalle indicazioni europee) COMPETENZE GENERALI APPLICATE ALLE CONOSCENZE DISCIPLINARI ASSI CULTURALI: (testo

Dettagli

Liceo Scientifico Statale Giuseppe Peano - Cuneo PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTALE MATERIE LETTERARIE E LATINO Biennio del Nuovo Ordinamento

Liceo Scientifico Statale Giuseppe Peano - Cuneo PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTALE MATERIE LETTERARIE E LATINO Biennio del Nuovo Ordinamento Liceo Scientifico Statale Giuseppe Peano - Cuneo PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTALE MATERIE LETTERARIE E LATINO Biennio del Nuovo Ordinamento Prerequisiti I prerequisiti indispensabili perché gli allievi possano

Dettagli

Piano di lavoro A.S. 2014-15. Docenti di lettere. Italiano Storia Geografia

Piano di lavoro A.S. 2014-15. Docenti di lettere. Italiano Storia Geografia ISTITUTO COMPRENSIVO VERONA N. 6 CHIEVO BASSONA BORGO NUOVO Via Puglie, 7/e 37139 Verona Tel.: 045.565602 Fax: 045.572033 e- mail: dirigente@ic6verona.it Piano di lavoro A.S. 2014-15 Docenti Discipline

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE. A. S. 200_/0_ Classe sez.

PROGETTAZIONE ANNUALE. A. S. 200_/0_ Classe sez. PROGETTAZIONE ANNUALE CORSO: A. S. 200_/0_ Classe sez. Disciplina: ANALISI DELLA CLASSE: Situazione di partenza Descrivere tipologia, (caratteristiche cognitive, comportamentali, atteggiamento verso la

Dettagli

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE MILANO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE STRUTTURA DELLA DISCIPLINA 2 Riflessione sulla lingua Dimensione comunicativa-funzionale Dimensione letteraria 3 Articolazione della disciplina

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

I DISCORSI E LE PAROLE

I DISCORSI E LE PAROLE SCUOLA DELL INFANZIA INDICATORI I DISCORSI E LE PAROLE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3 anni 4 anni 5 anni ASCOLTARE E Ascoltare brevi e semplici racconti. Capire il messaggio delle parole usate dall insegnante.

Dettagli

educazione agli usi creativi della lingua riflessione su di essa controllo progressivo dei linguaggi in ambito disciplinare

educazione agli usi creativi della lingua riflessione su di essa controllo progressivo dei linguaggi in ambito disciplinare INTRODUZIONE Lo sviluppo di competenze linguistiche ampie e sicure è condizione indispensabile per la crescita della persona e per l'esercizio pieno della cittadinanza, per l'accesso critico a tutti gli

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI FINALE LIGURE CURRICOLO VERTICALE LINGUA ITALIANA ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO COMPRENSIVO DI FINALE LIGURE CURRICOLO VERTICALE LINGUA ITALIANA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO DI FINALE LIGURE CURRICOLO VERTICALE LINGUA ITALIANA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 COMPETENZA al termine del primo ciclo di istruzione Dimostra una padronanza della lingua italiana tale

Dettagli

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: STORIA; classe 1^) Unità di Apprendimento n. 1

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: STORIA; classe 1^) Unità di Apprendimento n. 1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

DIPARTIMENTO DI MATERIA COMPETENZE/CONOSCENZE MINIME PER IL RECUPERO DELL INSUFFICIENZA E CRITERI DI VALUTAZIONE E CORREZIONE DELLE PROVE

DIPARTIMENTO DI MATERIA COMPETENZE/CONOSCENZE MINIME PER IL RECUPERO DELL INSUFFICIENZA E CRITERI DI VALUTAZIONE E CORREZIONE DELLE PROVE Pagina di 4 ANNO SCOLASTICO 0/03 DIPARTIMENTO DI: INDIRIZZO: Materie letterarie Liceo scientifico BIENNIO TRIENNIO RIUNIONE DEL 9 aprile 03 Orario di inizio 4,30 orario di conclusione 6,00 PRESENTI: ASSENTI:

Dettagli

Sacro Romano Impero ed Europa carolingia. USO DELLE FONTI Comprendere i termini più ricorrenti del linguaggio storico.

Sacro Romano Impero ed Europa carolingia. USO DELLE FONTI Comprendere i termini più ricorrenti del linguaggio storico. STORIA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CLASSE 1ª INDICATORI DISCIPLINARI TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI L'alunno comprende testi storici e li sa rielaborare.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE di ITALIANO ASCOLTARE

PROGRAMMAZIONE di ITALIANO ASCOLTARE CLASSE PRIMA Ascoltare in modo attivo e partecipe, comprendendo il contenuto PROGRAMMAZIONE di ITALIANO ASCOLTARE Attribuisce significato al Favole e fiabe tono di chi parla o legge Storie fantastiche

Dettagli

Progetto di formazione e ricerca SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. ITALIANO Competenze linguistico-comunicative. Competenze di cittadinanza

Progetto di formazione e ricerca SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. ITALIANO Competenze linguistico-comunicative. Competenze di cittadinanza Progetto di formazione e ricerca SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ITALIANO Competenze linguistico-comunicative Competenze di cittadinanza NUCLEI FONDANTI: ASCOLTARE PARLARE LEGGERE SCRIVERE RIFLETTERE

Dettagli

Istituto Comprensivo di Cologna Veneta Curricolo Scuola Primaria a.s. 2015/2016

Istituto Comprensivo di Cologna Veneta Curricolo Scuola Primaria a.s. 2015/2016 Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazioni, discussioni, di classe o di gruppi) con compagni e insegnanti rispettando

Dettagli

PROGRAMMAZIONE e VALUTAZIONE

PROGRAMMAZIONE e VALUTAZIONE Ministero della Pubblica Istruzione I.C. Ammirato-Falcone Scuola Secondaria di primo grado Via R. Sanzio, 51 - Lecce PROGRAMMAZIONE e VALUTAZIONE anno scolastico 2013/2014 a cura della F.S. area 1 Gestione

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

Scuola Secondaria di Primo Grado Disciplina: Italiano Classe: I Docente:

Scuola Secondaria di Primo Grado Disciplina: Italiano Classe: I Docente: Scuola Secondaria di Primo Grado Disciplina: Italiano Classe: I Docente: NUCLEI TEMATICI Ascolto e parlato Lettura Scrittura TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE L allievo ascolta e comprende testi di

Dettagli

Via Resistenza Partigiana, 165 - Modica (Rg) SCUOLA PRIMARIA A.S. 2014-15

Via Resistenza Partigiana, 165 - Modica (Rg) SCUOLA PRIMARIA A.S. 2014-15 Istituto Comprensivo Raffaele Poidomani Via Resistenza Partigiana, 165 - Modica (Rg) SCUOLA PRIMARIA A.S. 2014-15 ITALIANO Traguardi L alunno: 1) Partecipa agli scambi verbali, intervenendo in modo pertinente

Dettagli

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE. Annalisa Messore. Tavola di sintesi delle unità di apprendimento da svolgere nel corrente a.s.

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE. Annalisa Messore. Tavola di sintesi delle unità di apprendimento da svolgere nel corrente a.s. PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE Docente Plesso Classe III Disciplina/Macroarea/Campo d esperienza Annalisa Messore SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO CARLO DEL PRETE Sezione C ITALIANO Tavola di sintesi delle

Dettagli

Scuola dell'infanzia

Scuola dell'infanzia Scuola dell'infanzia I discorsi e le parole Ascoltare l insegnante e i compagni Comprendere consegne e semplici contenuti Verbalizzare semplici immagini Riferire un semplice evento Partecipare alle conversazioni

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pralboino Curricolo Verticale

Istituto Comprensivo di Pralboino Curricolo Verticale ASCOLTO E PARLATO L allievo interagisce in modo efficace in diverse situazioni comunicative, attraverso modalità dialogiche sempre rispettose delle idee degli altri. Usa la comunicazione orale per collaborare

Dettagli

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO (1) ITALIANO L allievo interagisce in modo efficace in diverse situazioni comunicative, attraverso modalità dialogiche sempre rispettose delle idee degli altri; con ciò

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon n. 4-35031 ABANO T. (PD) Tel. 049812424 - Fax 049810554 Distretto 45 - PD Ovest PDIS017007- Cod. fiscale 80016340285 sito web: http://www.lbalberti.it/

Dettagli

Cosa vuol dire scrittura creativa? È possibile un corso di scrittura creativa nelle Scuole secondarie di primo grado? Cosa vuol dire «saper scrivere»?

Cosa vuol dire scrittura creativa? È possibile un corso di scrittura creativa nelle Scuole secondarie di primo grado? Cosa vuol dire «saper scrivere»? Cosa vuol dire scrittura creativa? È possibile un corso di scrittura creativa nelle Scuole secondarie di primo grado? Cosa vuol dire «saper scrivere»? Probabilmente non avremo la possibilità di agire sulle

Dettagli

I T A L I A N O MATERIA OBIETTIVI INFANZIA

I T A L I A N O MATERIA OBIETTIVI INFANZIA MER BE SCRE E CMPREDERE FZ PRMR SECDR D GRD scolta e comprendere brevi messaggi e consegne. scolta e comprendere brevi racconti fiabe e favole lette dagli insegnanti. Mantiene l attenzione ponendosi in

Dettagli

Ascoltare e comunicare oralmente

Ascoltare e comunicare oralmente NUCLEI FONDANTI COMPETENZE CONTENUTI ABILITA' METODOLOGIA E STRUMENTI 1 Ascoltare e comunicare oralmente 1.1 Sapere ascoltare adulti e compagni 1.2 Sapere utilizzare il linguaggio verbale nelle relazioni

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA. Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione

SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA. Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione Descrittori Classe 1 Descrittori Classe 2 Descrittori Classe 3 Descrittori Classe 4 Descrittori Classe 5 1.1.1

Dettagli