Progetto Una Scuola per Tutti, Tutti per la Scuola CTS Ferrara Dirigente: prof. M. Urbinati Responsabile: prof. A. Difonzo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto Una Scuola per Tutti, Tutti per la Scuola CTS Ferrara Dirigente: prof. M. Urbinati Responsabile: prof. A. Difonzo"

Transcript

1 Progetto Una Scuola per Tutti, Tutti per la Scuola CTS Ferrara Dirigente: prof. M. Urbinati Responsabile: prof. A. Difonzo Laboratori di riflessione/ricerca in Didattica della Matematica per alunni con DSA

2 Laboratorio Le equazioni per alunni con DSA SUGGERIMENTI PER L INTERVENTO DIDATTICO scuola secondaria primo e secondo grado Coordinatore di gruppo: prof.ssa Fornasiero Marianna IT V.Bachelet -Ferrara

3 Differenti tipologie di discalculia Discalculia per i fatti aritmetici Discalculia procedurale Problem Solving Dislessia per le cifre

4 Metodo didattico consigliato Basato su una comprensione ragionata -apprendimento mnemonico e meccanico di procedimenti aritmetici non aiuta -numeri e operazioni risultano più comprensibili quando se ne capisce meglio il senso -apprendimento concreto: utilizzo di disegni o semplici diagrammi/grafici come rappresentazioni schematiche, di strumenti cognitivi concreti -linguaggio trasparente: descrivere concetti e procedure in termini semplici, tradurre i simboli matematici in linguaggio semplice

5 Insegnamento strutturato -non precedere con troppa rapidità ed offrire la possibilità di fare molta pratica -insegnare le basi: impadronirsi di strategie per il calcolo a mente -programma didattico strutturato a lungo termine -porre molti quesiti durante l introduzione/spiegazione di argomenti nuovi: qual è l incognita del problema? Quale passaggio devo eseguire ora? Perchè? -privilegiare anche il lavoro con linguaggio simbolico e/o schemi (se l alunno non ha problemi visuospaziali o di disprassia)

6 Dedicare parte del tempo ai lavori di coppia e/o gruppo, secondo la logica del cooperative learning Somministrare verifiche sommative più brevi e più frequenti Introdurre molti esempi durante le spiegazioni e invitare gli alunni a produrne in modo autonomo Dedicare alcune ore agli approfondimenti (relazioni di gruppo/attività di laboratorio) stimolare capacità critica, di sintesi, curiosità matematica Accompagnare gli alunni nella risoluzione dei problemi più complessi (dimostrazioni guidate)

7 Diverse strategie didattiche per i diversi tipi di discalculia: Discalculia per i fatti aritmetici Suggerimenti didattici utilizzo della calcolatrice scientifica se necessario, tavola pitagorica, formulari, utilizzo di disegni e/o schemi/simboli, utilizzo colori nelle formule, mappe concettuali

8 Discalculia procedurale: Suggerimenti didattici utilizzo di schemi riassuntivi nelle parti teoriche, formulario (www.math.it/formulario/index.htm, diagrammi di flusso per schematizzazione di problemi algebrici (come per algoritmi), organigrammi in.ppt, Guida SPM test (Erickson): suddivisione del problema in comprensione, rappresentazione, categorizzazione, piano di soluzione, svolgimento, autovalutazione, Mate+, Vol. 2 A. Demattè, verifiche scritte con linguaggio semplificato software Aplusix (vedi guida), LIM o materiale video (vedi materiale didattico Zanichelli per LIM)

9 Dislessia per le cifre Suggerimenti didattici utilizzo dei colori per le diverse cifre, per gli esponenti, per numeratore/denominatore di frazioni, per le lettere nel calcolo letterale, per le quattro operazioni; calcolatrici parlanti Software Aplusix/Excel Utilizzo di linguaggio simbolico Utilizzo di schemi/mappe concettuali

10 Esempio di U.D. Equazioni di primo grado 1. Introduzione: concetti di identità e equazione significato di incognita giochetti sul valore da assegnare all incognita tempi: circa un ora 2. Primo principio di equivalenza, principio di cancellazione, principio del trasporto Secondo principio di equivalenza: esemplificazione tramite immagini (esempio della bilancia, utilizzo di colori/frecce, ) video-tutorial in aula video o visione materiale per LIM tempi: circa due o tre ore

11 Introduzione alla classe del software Aplusix (attività in Laboratorio di informatica) tempi: circa due ore Risoluzione guidata di semplici equazioni col software Aplusix (con utilizzo della figura tutor) tempi: circa due ore Risoluzione autonoma di semplici equazioni con Aplusix tempi: circa due ore 3. Equazioni determinate/indeterminate/impossibili trattazione in classe mediante esempi risoluzione guidata di semplici equazioni con Aplusix tempi: circa due ore 4. Creazione di mappe concettuali (attività in classe o in Laboratorio di informatica, con utilizzo di software opportuni)/ Schemi riassuntivi/esemplificativi sull argomento tempi: circa due ore

12 5. Risoluzione di equazioni di primo grado più complesse (con richiami ai prodotti notevoli, se trattati in precedenza ) Utilizzo del software Aplusix per risoluzione guidata o risoluzione con aiuto della figura tutor Utilizzo di colori nelle equazioni intere con denominatori numerici o nelle equazioni fratte Semplici tecniche risolutive per equazioni intere e fratte 6. Risoluzione autonoma di equazioni con Aplusix (attraverso l opzione aiuto se necessario) tempi: circa 8 ore Modalità di verifica: Somministrazione di un Test (verifica formativa) sulle equazioni con Aplusix, con autocorrezione Somministrazione di verifica sommativa finale o in classe o in laboratorio tempi: circa 2 ore

13 Introduzione: concetti di identità e equazione Esempi: dall identità all equazione: = x = x = = x = x = 3 + x + 2 = x = Concetto di incognita: x + 3 = 5? + =? = x = 2

14 2 x + 3 = =?? 2 x = 2 + =??? = x = 1 3 x + 1 = 7??? + =??? = x = 2

15 Esempi da: L intelligenza numerica, Lucangeli-Bertolli-Molin-Poli, ed. Erickson

16

17

18

19

20

21 Concetto di EQUAZIONI EQUIVALENTI Introduzione al concetto di equivalenza mediante uno o piu esempi significativi

22 Esempi: Principi di equivalenza Primo: 3x = 6 3x 6 +2 Principio di cancellazione +2-2 Bilancia è sempre in equilibrio 3x +2 = x 6 3x +2-2 =

23 Principio del trasporto 3x +2 = 6 Tolgo il pesetto 2 2 3x 6 3x +2-2 = 6-2 Bilancia è sempre in equilibrio 3x = 4 Quindi: 3x +2 = 6-2 Trasporto 2 3x 6-2

24 Principio di equivalenza Secondo: 3 x = 6 x x x x + x + x = 6 Ciascuno dei tre pesetti è 6:3=2 x = 6 : 3 = 2 Quindi: 3 x : 3 = 6 : 3 x 2

25 Generalizzando 3 x = 7 x x x 7 x + x + x = 7 Ciascuno dei tre pesetti è. x = 7 : 3 = 7 3 Ora : 3 =. 1 3 x 1/3 di 7= 7 1/3

26 Generalizzando 3 x = x = Ciascuno dei tre pesetti è x/2 x = 14 3 x 2/3 di 7= 7 2/3

27 Siti internet-video tutorial-software sulle equazioni Video tutorial del prof. Antonino Giardina video sui due principi di equivalenza Scopo: consolidare i concetti dopo la trattazione in classe schemi e riassunti Software free Vue o non free Supermappe o Cmap Scopo: sollecitare gli alunni a produrre schemi o mappe concettuali MathApp: Mathematics 4.0 (software free della Microsoft) Aplusix Programma free di Adriano Agostini Scopo: risoluzione guidata di esercizi

28 Equazioni determinate/indeterminate/impossibili: Lezione di tipo dialogico: Lavorare per esempi significativi: 1. Eq. determinata: 3 x= 5 Posso dividere entrambi i membri per 3, Perchè 3 è DIVERSO da ZERO. E se fosse ZERO? x = Eq. impossibile: 0 x = 5 Posso dividere entrambi i membri per ZERO? NO Cosa significa 0 x? significa 0 volte x (viceversa: x volte 0) cioè ZERO 0 = 5 Ma 0 non puo essere uguale a 5 impossibile

29 Eq. indeterminata: Cosa succede invece se anche il termine noto è zero? Esempio: 0 x = 0 0 = 0 Come prima: 0 volte x (viceversa: x volte 0) è ZERO Quindi? Cosa posso concludere? Questa identità è VERA? SI Domanda che nasce spontanea : ma dove è finita la x? Risposta: 0 volte x (viceversa: x volte 0) è ZERO PER QUALSIASI VALORE di x Infinite soluzioni Eq. indeterminata Esempi: 0 3 = 0 0 (-2) = 0 0 1_ = 0.. 4

30 Esempi da: L intelligenza numerica, Lucangeli-Bertolli-Molin-Poli, ed. Erickson Eq. Impossibili e indeterminate: partire da esempi pratici

31

32 Esempio di schema per le equazioni di primo grado Alunno: M.T.G. Classe 1^D IT V. Bachelet

33

34 Esempio di U.D. Equazioni di secondo grado 1. Forma normale di una equazione di secondo grado soluzioni o radici equazione completa ed incompleta: definizioni tempi: circa un ora 2. Risoluzione: discriminante e formula risolutiva utilizzo di colori/frecce video-tutorial in aula video o visione materiale per LIM tempi: circa due o tre ore

35 Introduzione alla classe del software Aplusix (attività in Laboratorio di informatica) tempi: circa due ore Risoluzione guidata di semplici equazioni col software Aplusix (con utilizzo della figura tutor) tempi: circa due ore Risoluzione autonoma di semplici equazioni con Aplusix tempi: circa due ore 3. Equazioni incomplete e metodi risolutivi trattazione in classe mediante esempi risoluzione guidata di semplici equazioni con Aplusix tempi: circa due ore 4. Creazione di mappe concettuali (attività in classe o in Laboratorio di informatica, con utilizzo di software opportuni)/ Schemi riassuntivi/esemplificativi sull argomento tempi: circa due ore

36 5. Risoluzione di equazioni di secondo grado più complesse (con richiami ai prodotti notevoli) Utilizzo del software Aplusix per risoluzione guidata o risoluzione con aiuto della figura tutor Utilizzo di colori nelle equazioni fratte Semplici tecniche risolutive per equazioni fratte 6. Risoluzione autonoma di equazioni con Aplusix (attraverso l opzione aiuto se necessario) tempi: circa 8 ore Modalità di verifica: Somministrazione di un Test (verifica formativa) sulle equazioni con Aplusix, con autocorrezione Somministrazione di verifica sommativa finale o in classe o in laboratorio tempi: circa 2 ore

37 I colori nelle equazioni piu complesse vedi sito di Rita Bartole. Colore differente per indicare l incognita (ad esempio sempre x in grassetto rosso ) Colore differente per indicare gli esponenti di eventuali potenze (es: verde) Colore differente per gli eventuali denominatori ( o evidenziati in giallo )

38 Esempio: Utilizzo dei colori per i tre coefficienti: +3x 2 + 2x 1 =0 Osservazione: mettere in evidenza fin da principio che tutti i termini nella FORMA NORMALE si trovano a primo membro, a differenza delle eq. di primo grado Risoluzione guidata con utilizzo di eventuale formulario: a=. b=. c=. Calcola Delta: = b b 4 a c. Applica formula risolutiva: x 1 =.. x 2 =..

39 Esempio: Eq di secondo grado: risoluzione guidata + uso colori 4 (x 2 1) = 2 (2x + 1) 3 (Proprietà distributiva) x 2. =. x + 3 x 2. x. = 0 a=. b=. c=. Calcola =. Applica formula risolutiva: x1= x2=. Schema con formule

40 Segno del delta: Illustrazione dei 3 casi tramite esempi Schema riassuntivo Alunno: M.T.G. Classe 2^D IT V. Bachelet CASO DELTA POSITIVO

41 CASO DELTA NULLO

42 CASO DELTA NEGATIVO

43 Calcolo per arrivare alla forma normale

44 Equazioni di secondo grado incomplete 1. Osservazione: a= 0 l equazione diventa di primo grado 2. Se b = 0 e/o c = 0 vedi esempi Non introdurre le terminologie spura/pura/monomia, ma solo COMPLETA/INCOMPLETA b = 0: 3x 2 1 = 0 a = c= se alunno DSA ha difficoltà procedurali risoluzione con utilizzo del Delta/Formula risolutiva Se alunno DSA ha solo discalculia per i fatti aritmetici e/o dislessia per le cifre più intuitivo il metodo senza utilizzo del Delta, illustrato tramite esempio (non nel caso generale,con a e c generici ) 3x 2 27 = 0 3x 2 = +27 x 2 = +9 x 1 = + 3 x 2 =

45 Analoga distinzione anche per gli altri due casi c = 0: 4x x = 0 Delta e formula risolutiva. Raccoglimento: = (4 + 3) = x 1 = 0 x (4 x + 3)=0 = 0 = 0 x 2 = --3/4 difficoltà dell alunno DSA a trovare la radice che annulla il secondo fattore richiamo alla bilancia dell eq di primo grado

46 Richiami ai PRODOTTI NOTEVOLI: formulario Discalculia Evolutiva Fornasiero Marianna

47 Formule risolutive di equazioni di secondo grado complete e non: Discalculia Evolutiva Fornasiero Marianna 47

48 Schemi riassuntivi della teoria Schema tratto da siti internet: DIFETTI: descrive le formule generali senza esempi utilizza la terminolgia inutile spuria/pura/monomia (alunno DSA non potrà mai ricordarla ): basta introdurre il concetto di EQ. COMPLETA/INCOMPLETA non utilizza i colori riporta anche la formula ridotta: crea piu confusione all alunno DSA Consigliato: schema/formulario prodotto dall alunno stesso, dopo spiegazione in classe e/o ricerca su internet ( vedi esempio alunno M.T.G.)

49 Differente approccio: per via grafica Eq. lineare Utilizzo della retta nel piano cartesiano: 3x + 4 5x = 6x +5 3 Portare tutto a primo membro e sommare termini simili: 8x +2 = 0 Considero la RETTA r: y = 8x +2 Utilizzo Geogebra per rappresentare la retta Calcolo con Geogebra l intersezione tra la retta r e l asse delle x P(1/4 ; 0) soluzione: x= 1/4 Eq. quadratica Utilizzo della parabola nel piano cartesiano: 3x x = 6x +5 Portare tutto a primo membro e sommare termini simili: 3x 2 +2x 1 = 0 Considero la PARABOLA P: y = 3x 2 +2x 1 Utilizzo Geogebra per rappresentare la parabola Calcolo con Geogebra l intersezione tra P e l asse delle x P 1 ( 1 ; 0) P 2 (1/3 ; 0) soluzioni: x 1 = 1 x 2 =1/3

50 Suggerimenti per il piano cartesiano Usare foglio a quadretti, possibilmente punti con valori di x e y compresi tra +/-10 y (-,+) (+,+) x (-,-) (+,-)

51 Parabola come luogo geometrico (con Cabrì - sito Math.it)

52 Esempio retta

53 Esempio parabola

54 Pro/Contro dei due approcci Approccio(tradizionale) per via algebrica Adatto ad alunni discalculici con difficoltà procedurali e nel problem solving Adatto ad alunni con difficoltà visuo-spaziali Più meccanico e poco intuitivo Approccio utilizzabile sia in classe sia in Laboratorio con utilizzo di opportuno software Approccio per via grafica Non adatto ad alunni con discalculia di tipo procedurale adatto più ad alunni dislessici Non adatto ad alunni con difficoltà visuo-spaziali Più intuitivo Utilizzabile da alunni con DSA solo in presenza di un software opportuno per il calcolo dei punti di intersezione

55 Ulteriore approccio Musica e Matematica Dal sito (appunti dalla conferenza Matematica e Musica, Bologna, , ENFAP-Emilia Romagna- Istruzione e Formazione Professionale) Analogie tra ritmo ed equazioni di primo grado: DOREMAT è una metodologia didattica che permette di insegnare la matematica attraverso la musica e di insegnare anche la musica (sempre più raramente presente nei curricula scolastici); è un nuovo approccio che, sfruttando le analogie che intercorrono tra la matematica e la musica, correla, in chiave musicale le competenze matematiche cosi come indicate nel quadro normativo nazionale in materia di istruzione e formazione nei diversi ordini e gradi.

56 Da Tesi di Laurea: Serena Vincenzi, La musica e altre passioni. Esperienze di metodologie didattiche nell'ambito dell'obbligo formativo

57 Per le espressioni con numeri razionali Domanda: nelle equazioni, come viene interpretata e gestita l incognita?...

58 Scomposizione di un trinomio di secondo grado Caso 0: scomporre +3x x 4 Risoluzione guidata: a=. b=. c=. Calcola Delta: = b b 4 a c =. Applica formula risolutiva: x 1 =.. x 2 =.. +3x x 4 = +3 (x x 1 ) (x x 2 ) Lezione dialogica: Domanda: cosa succede se x 1 = x 2? Esempio: scomporre +1x x +9..

59 Richiamo al prodotto notevole +1x x +9 = +1x x = (1 x + 3) 2 Caso < 0: scomporre +3 x x +4 Risoluzione guidata: a=. b=. c=. Calcola Delta: = b b 4 a c =. < 0 Lezione dialogica: Domanda: cosa succede se non esistono x 1 = x 2? Riesco a scomporre come prima?

60 Esempio di equazioni fratte: 4+2x + 2 4x x+4 4 = 8(3x2 +8) x x x x x 4-x = 8 (3x 2 + 8) x Scomporre x 2-16 = prodotto notevole (formulario): calcolare denominatore comune: 2. porre le C.E.:. 3. eliminare il denominatore: 4. Risolvere l equazione intera 5. dire se le soluzioni sono accettabili Discalculia Evolutiva Fornasiero Marianna 60

61 Mappe concettuali sulle equazioni Per alunni con DSA le mappe sulle equazioni dovrebbero presentare: 1.Colori per diversificare i contenuti 2.Esempi per ogni concetto, con eventuale risoluzione proposta 3.Grafica accettabile 4.Poco testo scritto all interno dei nodi 5.Eventuali riferimenti storici 6.Eventuali collegamenti tra risoluzioni per via algebrica e risoluzioni per via grafica vai al file «mappe su equazioni.docx»

62 Schede didattiche/mappe concettuali di matematica per la scuola media

63 Creazione di mappe concettuali sulla teoria: Utilizzo del software free Vue:

64 Equazioni di secondo grado organigramma con Power Point Equazioni di secondo grado definizione Risoluzione segno del Delta Scomposizione trinomio Problemi drisolubili con equazioni di secondo grado Caso Delta>0 Caso Delta=0 Caso Delta>0 Caso Delta=0 Caso Delta <0 Problemi di algebra CasoDelta<0 Problemi di geometria

65 Programma free di Adriano Agostini Risoluzione guidata di equazioni Esempio: +2(3x+2)+3(x-1)=+11x+7 +6x+4+3x-3=+11x+7 +6x+3x-11x= x=+6 +2x=-6 x=-6/+2 x=-3

66

67

68 Software Aplusix 3 Come installare Aplusix 3 Andare sul sito (versione in francese) cliccare su Telecharger (= download) digitare la lingua italiano chiedere la versione free di durata 10 giorni cliccare sul file.exe ed estrarne i contenuti

69 Sito internet 69

70 Specificità del Software Aplusix 3 nell apprendimento della matematica Software di supporto all apprendimento della matematica perché: Dà la possibilità agli alunni di auto correggere i propri errori, attraverso la segnalazione di errore (freccia di implicazione tra un passaggio e l altro rossa e barrata) Guida l alunno nella risoluzione di espressioni/equazioni o problemi attraverso i comandi «Suggerimento/Segnala il passaggio successivo» Aiuta l alunno nella risoluzione di espressioni/equazioni o problemi attraverso la figura di un Tutor virtuale, a disposizione per eventuali suggerimenti, la cui età si può selezionare in base agli argomenti di matematica da svolgere

71 Diversi utilizzi di Aplusix Il programma potrà essere scaricato ed usato per 10 giorni per: Proporre esercitazioni guidate al gruppo classe Lavorare in laboratorio sulle equazioni con risoluzione guidata e/o aiuto della figura tutor Proporre al gruppo classe una verifica strutturata, da eseguire a computer

72 Programma Mathematics 4 (Microsoft)

73 Bibliografia 1. La discalculia e altre difficoltà in matematica Dario Ianes, Daniela Lucangeli, Irene C. Mammarella 2. L'intelligenza numerica - volume 4 Daniela Lucangeli, Carla Bertolli, Adriana Molin, Silvana Poli 3. Test SPM (CD-ROM) Daniela Lucangeli, Patrizio Emanuele Tressoldi, Michela Cendron, Laura Bertolo, Francesca Potenza, Maria Rita Stocchi 4. Test AC-MT Test di valutazione delle abilità di calcolo e problem solving, Cesare Cornoldi, Chiara Cazzola 5. Didattica per la discalculia - Attività pratiche per gli alunni con DSA in matematica, Brian Butterworth, Dorian Yeo 6. Numeri e calcolo-lo sviluppo delle competenze aritmetiche e la discalculia evolutiva, Brian Butterworth 7. Collana STRUMENTI PER LA DIDATTICA DELLA MATEMATICA Diretta da Bruno D'Amore 8. Collana "Programmi di potenziamento della cognizione numerica e logico-scientifica" diretta da Daniela Lucangeli 9. Mate+ -Vol. 2, Adriano Demattè, Calcolare a mente 10. Esercizi secondo l'approccio analogico-intuitivo, Camillo Bortolato

74 Sitografia --> DSA sito A.I.D. sito Le Ali sezione Docet e scuola (in inglese)

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

B9. Equazioni di grado superiore al secondo

B9. Equazioni di grado superiore al secondo B9. Equazioni di grado superiore al secondo Le equazioni di terzo grado hanno una, due o tre soluzioni, risolvibili algebricamente con formule molto più complesse di quelle dell equazione di secondo grado.

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI Le disequazioni fratte Le disequazioni di secondo grado I sistemi di disequazioni Alessandro Bocconi Indice 1 Le disequazioni non lineari 2 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

Appunti sulle disequazioni

Appunti sulle disequazioni Premessa Istituto d Istruzione Superiore A. Tilgher Ercolano (Na) Appunti sulle disequazioni Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento, ma vuole fornire

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

I NUMERI DECIMALI. che cosa sono, come si rappresentano

I NUMERI DECIMALI. che cosa sono, come si rappresentano I NUMERI DECIMALI che cosa sono, come si rappresentano NUMERI NATURALI per contare bastano i numeri naturali N i numeri naturali cominciano con il numero uno e vanno avanti con la regola del +1 fino all

Dettagli

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni.

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni. MATEMATICA. Sistemi lineari in due equazioni due incognite. Date due equazioni lineari nelle due incognite x, y come ad esempio { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole Guida rapida Cos è GeoGebra? Un pacchetto completo di software di matematica dinamica Dedicato all apprendimento e all insegnamento a qualsiasi livello scolastico Riunisce geometria, algebra, tabelle,

Dettagli

Percorso formativo laboratoriale DIDATTICA DELLA MATEMATICA

Percorso formativo laboratoriale DIDATTICA DELLA MATEMATICA Percorso formativo laboratoriale DIDATTICA DELLA MATEMATICA Un approccio inclusivo per Disturbi Specifici e Difficoltà di Apprendimento Anna Maria Antonucci AIRIPA Puglia Lo sviluppo dell intelligenza

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

ESERCIZI SVOLTI Ricerca del dominio di funzioni razionali fratte e irrazionali. www.vincenzoscudero.it novembre 2009

ESERCIZI SVOLTI Ricerca del dominio di funzioni razionali fratte e irrazionali. www.vincenzoscudero.it novembre 2009 ESERCIZI SVOLTI Ricerca del dominio di funzioni razionali fratte e irrazionali v.scudero www.vincenzoscudero.it novembre 009 1 1 Funzioni algebriche fratte 1.1 Esercizio svolto y = x 1 x 11x + 10 (generalizzazione)

Dettagli

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale Radicali 1. Radice n-esima Terminologia Il simbolo è detto radicale. Il numero è detto radicando. Il numero è detto indice del radicale. Il numero è detto coefficiente del radicale. Definizione Sia un

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

La disponibilità di tecnologie informatiche per favorire l apprendimento scolastico

La disponibilità di tecnologie informatiche per favorire l apprendimento scolastico Quando è opportuno proporre agli alunni con DSA l uso di tecnologie compensative? Ricerche e proposte italiane Quando è opportuno proporre agli alunni con DSA l uso di tecnologie compensative? Flavio Fogarolo

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica. dal volume: "TIMSS 2007 Assessment Frameworks"

TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica. dal volume: TIMSS 2007 Assessment Frameworks Capitolo Uno TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica dal volume: "TIMSS 2007 Assessment Frameworks" a cura di Anna Maria Caputo, Cristiano Zicchi Copyright 2005 IEA International Association for

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL CAPITOLO SULLE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI IRRAZIONALI O COL VALORE ASSOLUTO

PRESENTAZIONE DEL CAPITOLO SULLE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI IRRAZIONALI O COL VALORE ASSOLUTO 9 PRESENTAZIONE DEL CAPITOLO SULLE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI IRRAZIONALI O COL VALORE ASSOLUTO Il capitolo che sta per iniziare presenta alcuni argomenti dall aspetto un po arido. Tuttavia, nelle facoltà

Dettagli

Raccolta di Esercizi di Matematica. Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem)

Raccolta di Esercizi di Matematica. Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem) Raccolta di Esercizi di Matematica Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem) Contenuti: 8-1. L ordine Algebrico delle Operazioni 8-2. Problemi sulle Percentuali 8-3. Le Forme Standard e Point-Slope

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FUNZIONI ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FUNZIONI ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FUNZIONI ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le funzioni nel discreto 3 1.1 Le funzioni nel discreto.................................. 3 1.1.1 La rappresentazione grafica............................

Dettagli

Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche. nei bambini in età prescolare

Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche. nei bambini in età prescolare Istituto di Riabilitazione ANGELO CUSTODE PARLARE E CONTARE ALLA SCUOLA DELL INFANZIA Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche nei bambini in età prescolare Dott.ssa Liana Belloni Dott.ssa Claudia

Dettagli

STUDIO DEL SEGNO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DEL SEGNO DI UNA FUNZIONE STUDIO DEL SEGNO DI UNA FUNZIONE Quando si studia una funzione! " #$%&' (funzione reale di variabile reale) è fondamentale conoscere il segno, in altre parole sapere per quali valori di &( #$%&'$è positiva,

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance Note e istruzioni per i test di ingresso ai Corsi di Studio del Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Matematiche e Statistiche (DEAMS) a.a. 2013/2014 Gli insegnamenti relativi ai Corsi di Laurea

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali 1 Numeri naturali La successione di tutti i numeri del tipo: 0,1, 2, 3, 4,..., n,... forma l'insieme dei numeri naturali, che si indica con il simbolo N. Tale insieme si può disporre in maniera ordinata

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Esercizi svolti sui numeri complessi

Esercizi svolti sui numeri complessi Francesco Daddi - ottobre 009 Esercizio 1 Risolvere l equazione z 1 + i = 1. Soluzione. Moltiplichiamo entrambi i membri per 1 + i in definitiva la soluzione è z 1 + i 1 + i = 1 1 + i z = 1 1 i. : z =

Dettagli

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado I quesiti sono distribuiti negli ambiti secondo la tabella seguente Ambito

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

SCOMPOSIZIONE IN FATTORI DI UN POLINOMIO

SCOMPOSIZIONE IN FATTORI DI UN POLINOMIO SCOMPOSIZIONE IN FATTORI DI UN POLINOMIO Così come avviene per i numeri ( 180 = 5 ), la scomposizione in fattori di un polinomio è la trasformazione di un polinomio in un prodotto di più polinomi irriducibili

Dettagli

Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello)

Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello) Ricerca n 3 Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello) Giovanna Erba Cinzia Galletti Un po di definizioni: Pensiero

Dettagli

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C. laformazione che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.M Premessa Di recente i disturbi specifici dell

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

SEGNO DELLA FUNZIONE. Anche in questo caso, per lo studio del segno della funzione, occorre risolvere la disequazione: y > 0 Ne segue:

SEGNO DELLA FUNZIONE. Anche in questo caso, per lo studio del segno della funzione, occorre risolvere la disequazione: y > 0 Ne segue: CAMPO DI ESISTENZA. Poiché la funzione data è una razionale fratta, essa risulta definita su tutto l asse reale tranne che nei punti in cui il denominatore della frazione si annulla, cioè: C.E. { R: 0}

Dettagli

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione?

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Scrive Thomas Eliot: Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Interrogativi integrati da: Dov è l informazione che abbiamo perso nei dati?

Dettagli

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE IMMATRICOLAZIONI AL PRIMO ANNO DEI CORSI DI LAUREA TRIENNA- LI IN INGEGNERIA DEL POLITECNICO DI BARI - A.A. 2015/2016 Sommario REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE...

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

DSA e EES ESIGENZE EDUCATIVE DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO SPECIALI

DSA e EES ESIGENZE EDUCATIVE DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO SPECIALI DSA e EES DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO ESIGENZE EDUCATIVE SPECIALI DISTURBI SPECIFICI dell APPRENDIMENTO Interessano alcune specifiche abilità dell apprendimento scolastico in un contesto di funzionamento

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it

186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it 186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it Premessa Durante una mia visita al Palazzo Ducale di Mantova, nell ammirare i tanti capolavori che custodisce,

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Equazione della Circonferenza - Grafico di una Circonferenza - Intersezione tra Circonferenza e Retta

Equazione della Circonferenza - Grafico di una Circonferenza - Intersezione tra Circonferenza e Retta Equazione della Circonferenza - Grafico di una Circonferenza - Intersezione tra Circonferenza e Retta Francesco Zumbo www.francescozumbo.it http://it.geocities.com/zumbof/ Questi appunti vogliono essere

Dettagli

Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1]

Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1] Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1] Esercizio 1. Determinare il dominio delle seguenti funzioni: 1. y = 16 x ;. y = e 1 x +4 + x + x + 1; 3. y = 10 x x 3 4x +3x; 4. y =

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Numeri reali. Funzioni e loro grafici

Numeri reali. Funzioni e loro grafici Argomento Numeri reali. Funzioni e loro grafici Parte B - Funzioni e loro grafici Funzioni reali di variabile reale Definizioni. Supponiamo che A sia un sottoinsieme di R e che esista una legge che ad

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

ESTRAZIONE DI RADICE

ESTRAZIONE DI RADICE ESTRAZIONE DI RADICE La radice è l operazione inversa dell elevamento a potenza. L esponente della potenza è l indice della radice che può essere: quadrata (); cubica (); quarta (4); ecc. La base della

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

Metodi risolutivi per le disequazioni algebriche

Metodi risolutivi per le disequazioni algebriche Metodi risolutivi per le disequazioni algebriche v.scudero Una disequazioni algebrica si presenta in una delle quattro forme seguenti: () P( () P( (3) P( () P( essendo P( un polinomio in. Noi studieremo

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli