SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO"

Transcript

1 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 62

2 ITALIANO OBIETTIVI METACOGNITIVI (per l intero corso e per classe) Capacità Fine corso Esprimere la propria esperienza di sé e del mondo. Stabilire rapporti interpersonali e sociali. Accedere ai più diversi ambiti di conoscenza e di esperienze (estetiche, scientifiche, logiche, tecnologiche). Padroneggiare, attraverso la riflessione sul linguaggio, le modalità generali del pensiero, quali, ad esempio, l'articolazione logica, il senso dell'evoluzione nel tempo e della diversità nello spazio. Utilizzare nel modo più appropriato possibile la lingua italiana. Classe I Comprensione della lingua orale: saper ascoltare, concentrandosi, per tempi più lunghi; comprendere le informazioni specifiche di un testo espositivo; saper selezionare le parti significative del messaggio per prendere appunti. Comprensione della lingua scritta: favorire la lettura autonoma e prolungata per piacere personale e per informazione; saper individuare le diverse tipologie testuali; saper leggere con spirito critico, distinguendo i fatti dalle opinioni. Produzione della lingua orale: saper esprimere la propria opinione su temi personali e/o di interesse più generale; saper interagire nella conversazione rispettando tempi e modalità di intervento; saper fare collegamenti con conoscenze acquisite in altri ambiti disciplinari. Produzione della lingua scritta: saper produrre testi vari in base ai diversi scopi comunicativi; saper utilizzare strutture di servizio (appunti/schemi/scalette); saper rivedere il proprio scritto per completarlo, riorganizzarlo, correggerlo. Classe II Saper interpretare e rielaborare un messaggio ascoltato durante una comunicazione. Saper leggere in modo espressivo ed appropriato. Saper ricavare e raccogliere informazioni dai testi scritti, collegarli fra loro e trarne deduzioni. Saper dividere in sequenze un testo narrativo o argomentativo ed identificarne gli elementi chiave. Saper usare un linguaggio efficace con proprietà lessicali ed adeguato alle diverse situazioni comunicative. Riconoscere le principali strutture morfologiche. Saper analizzare le strutture logiche del discorso. Classe III Comprensione della lingua orale: saper ascoltare, concentrandosi, per tempi più lunghi; comprendere le informazioni specifiche di un testo espositivo; saper selezionare le parti significative del messaggio per prendere appunti. 63

3 Comprensione della lingua scritta: saper apprezzare la lettura autonoma e prolungata per piacere personale e per informazione; saper individuare le diverse tipologie testuali; saper leggere con spirito critico, distinguendo i fatti dalle opinioni. Produzione della lingua orale: saper esprimere la propria opinione su temi personali e/o di interesse generale; saper interagire nella conversazione rispettando tempi e modalità di intervento; saper fare collegamenti con conoscenze acquisite in altri ambiti disciplinari; saper organizzare il proprio pensiero; saper riferire il contenuto di un testo. Produzione della lingua scritta: saper produrre testi vari in base ai diversi scopi comunicativi, garantendo correttezza ortografica e grammaticale oltre alla coerenza testuale; saper dimostrare nei propri testi originalità e approfondimento dei contenuti; saper utilizzare strutture di servizio (appunti/schemi/scalette); saper rivedere il proprio scritto per completarlo, riorganizzarlo, correggerlo. Competenze Fine corso Saper organizzare le proprie conoscenze in modo da ricostruire la struttura di un contenuto, individuando informazioni specifiche. Saper organizzare il lavoro da svolgere. Saper mantenere l'attenzione e l'ascolto per un tempo utile all'apprendimento; Saper leggere in modo corretto e scorrevole. Essere in grado di comprendere e analizzare un testo, individuando al suo interno le parole chiave. Essere in grado di esprimersi attraverso un linguaggio corretto e articolato. Conoscere la struttura sintattica della frase. Classe I Saper lavorare in gruppo, confrontarsi, dialogare, chiedere e dare collaborazione, rispettare gli impegni presi. Saper instaurare rapporti personali fondati sul dialogo e sul rispetto della personalità altrui. Avere chiaro il valore della tolleranza e dell integrazione tra diversi. Classe II Piena attitudine a lavorare in gruppo, a confrontarsi, a dialogare, a chiedere e dare collaborazione, a rispettare gli impegni presi. Senso di responsabilità e di autodeterminazione. Abitudine ad agire secondo le regole fondamentali della convivenza democratica. Padronanza di sé per raggiungere, all occorrenza, un buon livello di attenzione e di concentrazione. Classe III Ascolto: saper ascoltare attivamente; saper prendere appunti; comprendere il contenuto globale di un testo; comprendere i contenuti specifici di un testo. Produzione della lingua orale: saper utilizzare registri linguistici differenti; essere in grado di elaborare strategie comunicative adeguate agli scopi; saper inserirsi in una conversazione; saper esporre con organicità e coerenza il proprio pensiero. Lettura: saper leggere con espressività; comprendere il significato globale e specifico di un testo; riconoscere differenti tipologie testuali; apprezzare il piacere della lettura. 64

4 Produzione della lingua scritta: saper creare testi adeguati agli scopi comunicativi; saper aderire a un tema assegnato; saper utilizzare la lingua scritta per scopi creativi; avere proprietà formale e lessicale; garantire la correttezza grammaticale. Competenze metalinguistiche: conoscere le strutture grammaticali della lingua; possedere un lessico abbastanza ricco; conoscere le strutture logiche del linguaggio. OBIETTIVI COGNITIVI (per classe) Contenuti Classe I Lettura di brani di narrativa e di poesia: parafrasi, analisi, riflessioni, commenti; componimenti. Epica: antica, cavalleresca, rinascimentale; il mito. Parafrasi, analisi, riflessioni, commenti. Grammatica: analisi grammaticale. Classe II Lettura di brani di narrativa e di poesia: parafrasi, analisi, riflessioni, commenti; componimenti. Primo approccio allo studio della storia della letteratura: dalle origini della lingua italiana all Illuminismo. Grammatica: analisi logica. Classe III Antologia: testi narrativi di autori della letteratura italiana dell Ottocento e del Novecento; testi di attualità; testi informativi. Grammatica: ripasso della sintassi della frase semplice; la struttura del periodo; la visualizzazione delle strutture logiche della frase e del periodo; la coordinazione e la subordinazione. Lettura individuale di libri; l analisi di un testo narrativo: narratologia. Scrittura: laboratorio di scrittura creativa; potenziamento delle capacità di sintesi; la recensione; il testo argomentativo. METODOLOGIA (per corso) L alunno sarà guidato verso l acquisizione di un adeguato metodo di studio. La classe sarà chiamata a essere protagonista del suo stesso processo di apprendimento: con domande, esercitazioni e consegne di vario tipo sarà condotta a interagire frequentemente col testo per confrontare e integrare le nuove conoscenze con la realtà che già conosce. Lezioni frontali e dialogate saranno integrate da ricerche e lavori di gruppo. Mappe concettuali saranno organizzate anche a livello interdisciplinare. L attività curricolare sarà finalizzata anche al potenziamento e (nei limiti del possibile) recupero di capacità, competenze e conoscenze. 65

5 VERIFICHE E VALUTAZIONE (per corso) Le verifiche si susseguiranno regolarmente alla fine di ogni unità di apprendimento e potranno essere sia scritte che orali. Quelle scritte avranno la forma di temi, esercizi di comprensione del testo, riassunti, lettere, relazioni, questionari. Quelle orali consisteranno in interrogazioni, colloqui, discussioni individuali o di gruppo. STRUMENTI (per corso) Gli strumenti utilizzati saranno principalmente i libri di testo, uniti ad appunti di approfondimento. A integrazione e supporto si utilizzerà il materiale disponibile nella biblioteca della scuola, nell aula multimediale e nell aula computer. Qualora il tempo lo consenta, verranno visionati filmati inerenti alla programmazione didattica. Chemtou (ricostruzione storica) 66

6 STORIA OBIETTIVI METACOGNITIVI (per l intero corso e per classe) Capacità Fine corso Percepire la dimensione temporale del fenomeno storico. Considerare, con blando atteggiamento critico, le soluzioni che gli uomini e le società hanno dato nel tempo ai loro problemi. Cogliere l'evoluzione delle diverse forme di vita associata, con i loro risvolti politici ed economicoproduttivi, nonché quella delle istituzioni giuridico-amministrative e religiose. Conoscere il presente e la sua realtà attraverso il passato. Ricostruire i fatti storici propriamente detti e analizzare gli elementi incidenti su di essi. Classe I Conoscenza degli eventi storici: saper ricostruire fatti ed eventi in successione cronologica; saper individuare i periodi storici; capacità di stabilire relazione tra i fatti storici; saper mettere in relazione ambiente, risorse, caratteristiche delle civiltà; saper individuare analogie e differenze tra le civiltà. Comprensione dei fondamenti e delle istituzioni della vita sociale, civile e politica: saper individuare la struttura organizzativa di formazioni sociali, amministrative e politiche. Comprensione e uso dei linguaggi e degli strumenti specifici: saper riconoscere i diversi tipi di fonti storiche, nonché le metodologie e i risultati delle scienze di supporto alla storia. Classe II Saper collocare i fatti storici nel tempo e nello spazio, valutandoli. Saper analizzare criticamente cause e conseguenze di un fatto storico. Saper analizzare le problematiche della propria realtà. Saper utilizzare un documento storico. Saper utilizzare correttamente il linguaggio storico. Saper utilizzare strumenti specifici in maniera autonoma. Classe III Corretto uso del lessico specifico. Capacità di operare collegamenti e confronti. Capacità di analisi degli aspetti politici, sociali economici e culturali degli eventi storici. Saper prendere coscienza degli avvenimenti del passato per interpretare il presente e progettare il futuro. Saper consolidare la dimensione spazio-temporale del fenomeno storico. 67

7 Competenze Fine corso Saper distinguere fonti e documenti diretti e indiretti. Conoscere la successione temporale dei primi avvenimenti storici. Conoscere ed utilizzare un linguaggio specifico nell'esposizione di argomenti storici. Conoscere lo sviluppo e le differenze delle prime civiltà. Saper orientarsi nel territorio e nel tempo. Saper individuare le cause e le conseguenze di un fatto storico. Saper individuare il variare dei modi di vita, il succedersi delle lingue e delle correnti artisticoletterarie, il progresso tecnico e scientifico, in modo da "datare" concretamente i diversi momenti e le diverse età. Classe I Conoscere l esistenza dei vari sistemi di datazione. Comprendere e utilizzare il lessico specifico. Riconoscere l importanza e le regole nella vita comunitaria. Classe II Piena attitudine a lavorare in gruppo, a confrontarsi, a dialogare, a chiedere e dare collaborazione, a rispettare gli impegni presi. Senso di responsabilità e di autodeterminazione. Abitudine ad agire secondo le regole fondamentali della convivenza democratica. Padronanza di sé per raggiungere, all occorrenza, un buon livello di attenzione e di concentrazione. Consapevolezza di una propria dimensione storica. Conoscenza delle norme principali che regolano i rapporti internazionali. Conoscenza e distinzione dei principi della Costituzione. Classe III Esposizione in forma chiara e coerente di fatti e problemi relativi agli eventi storici studiati. Uso di termini ed espressioni proprie del linguaggio storiografico. Interpretazione e valutazione (in casi semplici) delle testimonianze utilizzate. Distinzione dei diversi aspetti di un evento storico complesso e individuazione delle relazioni che intercorrono fra loro. Comprensione delle peculiarità della conoscenza storica rispetto alle altre forme di rapporto con il passato (memoria, mito e leggenda). Ricostruzione delle connessioni sincroniche e degli sviluppi diacronici riferiti a un determinato problema storico studiato. Coscienza dei valori di culture diverse, come base per la tolleranza e la solidarietà. Atteggiamento civilmente e socialmente responsabile per prepararsi a divenire cittadini del mondo. 68

8 OBIETTIVI COGNITIVI (per classe) Contenuti Classe I I primi uomini: la preistoria. Le grandi civiltà antiche. Le civiltà dei fiumi. La civiltà greca. La civiltà romana. Maometto Carlo Magno. La rinascita dell Occidente. Classe II L Europa e l Italia nel 400. Umanesimo e Rinascimento. Congresso di Vienna. Restaurazione. Società segrete, moti carbonari. Guerre d indipendenza. Unificazione dell Italia. La destra e la sinistra storica. L Europa nella seconda metà dell Ottocento. Classe III L'unificazione italiana. La società industriale. Il mondo nell età dell imperialismo. L Italia nell età giolittiana. I guerra mondiale e Rivoluzione russa. Il totalitarismo e la II guerra mondiale. Il mondo al tempo della guerra fredda. L economia mondiale e il welfare state. La terza rivoluzione industriale. La globalizzazione. METODOLOGIA (per corso) (Vedi ITALIANO) 69

9 VERIFICHE E VALUTAZIONE (per corso) (Vedi ITALIANO) Le discussioni collettive, le libere espressioni, l osservazione dei comportamenti e i modi e i ritmi di assimilazione costituiranno, comunque, elementi ulteriori di verifica. STRUMENTI (per corso) (Vedi ITALIANO) Panorama dalla Tavola di Giugurta. 70

10 GEOGRAFIA OBIETTIVI METACOGNITIVI (per l intero corso e per classe) Capacità Fine corso Indagare fenomeni e sistemi antropofisici in una visione dinamica di tutti gli elementi variabili, naturali ed umani, che concorrono a configurare l'assetto del territorio. Interpretare il rapporto tra gli uomini e la natura, in modo da cogliere la molteplicità delle connessioni che modificano, anche nel tempo, le situazioni geografiche. Partecipare attivamente alla realtà culturale contemporanea, politica, sociale ed economica. Tradurre, nei limiti dell'utile e del possibile, gli elementi quantitativi in elementi qualitativi e viceversa, ai fini dell'educazione alla ricerca geografica. Memorizzazione e selezione informazioni. Descrivere la realtà fisica esterna al proprio corpo. Comprendere le relazioni fra i diversi aspetti della geografia. Utilizzare il lessico specifico. Classe I Memorizzazione e selezione informazioni. Descrivere la realtà fisica esterna al proprio corpo. Conoscere e usare il linguaggio specifico della disciplina. Scegliere, collegare e interpretare dati in modo critico. Classe II Collocare i fatti storici nel tempo e nello spazio, valutandoli. Possedere una corretta metodologia di osservazione diretta ed indiretta. Conoscere la realtà fisica ed antropica dello spazio geografico. Ampliare e consolidare la capacità di ricerca. Utilizzare informazioni grafiche desunte da varie fonti. Avere un atteggiamento di tolleranza nei confronti di realtà antropiche diverse. Saper acquisire termini specifici e un linguaggio appropriato per definire, descrivere e rappresentare il sistema territoriale. Classe III Riuscire a orientarsi nello spazio. Saper confrontare diversi ambienti rilevando somiglianze e differenze. Consultare e comprendere elementi cartografici. Utilizzare tavole, grafici, istogrammi, carte politiche. Elaborare concetti e formulare ipotesi secondo un metodo scientifico. Possedere un patrimonio culturale idoneo a promuovere lo spirito critico. 71

11 Competenze Fine corso Conoscere: i principali lineamenti fisici della terra; la distribuzione dei grandi ambienti naturali; le più gravi emergenze ambientali della terra; la distribuzione della popolazione mondiale e l'andamento demografico; l'attuale evoluzione delle attività economiche; il concetto di sviluppo continuo e i suoi risvolti politici e sociali. Classe I Conoscere l ambiente fisico e umano: saper orientarsi in un ambiente individuandone le caratteristiche; possedere una buona conoscenza degli aspetti naturali, economici e antropici. Usare gli strumenti propri della disciplina: saper leggere e interpretare materiale visivo (immagini, carte fisiche, politiche, tematiche, tabelle, grafici semplici). Comprendere le relazioni tra situazioni ambientali, culturali, socio-politiche ed economiche: comprendere le relazioni che intercorrono tra insediamento umano e ambiente naturale, tra le risorse naturali e la loro utilizzazione da parte dell uomo; riconoscere le caratteristiche dell insediamento rurale e urbano nell ambiente circostante. Classe II Padroneggiare il metodo di osservazione diretta e indiretta. Conoscere nelle linee generali la realtà fisica e antropica di uno spazio geografico. Saper orientarsi nello spazio reale e in quello rappresentativo. Saper leggere e usare il linguaggio simbolico. Comprendere realtà antropiche diverse. Saper cogliere le diversità di sviluppo economico. Classe III Conoscere le relazioni tra uomo e ambiente. Conoscere le principali forme di intervento dell uomo sull ambiente e i loro effetti. Conoscere l uso e la disponibilità delle risorse e comprendere le relazioni tra situazioni ambientali, culturali e socio-politiche, cioè il legame tra attività umane e territorio. OBIETTIVI COGNITIVI (per classe) Contenuti Classe I 72

12 Paesaggi e culture dell Europa. Gli ambienti europei. La popolazione europea. L Europa in trasformazione. Classe II L'Europa delle regioni. I Paesi europei. Classe III La Terra: le risorse e le attività umane. L'ecosistema e gli squilibri ambientali. L'Uomo e gli Ambienti. La geografia delle lingue, della religione, dell istruzione. Gli organismi internazionali. Il clima. Gli ambienti della Terra: Africa, Asia, America e Oceania. METODOLOGIA (per corso) (Vedi ITALIANO) VERIFICHE E VALUTAZIONE (per corso) (Vedi ITALIANO) Le discussioni collettive, le libere espressioni, l osservazione dei comportamenti e i modi e i ritmi di assimilazione costituiranno, comunque, elementi ulteriori di verifica. STRUMENTI (per corso) (Vedi ITALIANO) 73

13 INGLESE OBIETTIVI METACOGNITIVI (per l intero corso) Capacità Possedere un adeguato sviluppo cognitivo: organizzare le conoscenze in una lingua diversa da quella materna; evidenziare le regolarità della lingua inglese; analizzare in modo comparativo i sistemi linguistici dell'italiano e quelli delle altre lingue straniere studiate (l'inglese ma talvolta anche il francese e l'arabo); ipotizzare i contenuti di un testo sulla base dell osservazione del contesto e delle proprie conoscenze del mondo; possedere abilità complesse come il riassunto (che presuppone l individuazione dei punti nodali di un testo, la loro gerarchizzazione e selezione) o la progettazione di testi via via più complessi e legati alla propria esperienza personale. Comunicare in una lingua diversa dalla propria. Comprendere le altre culture e gli altri popoli riconoscendone diversità, differenze, ma anche individuando quelle matrici culturali e storiche comuni che, al di sotto della superficiale differenza tra lingue, fanno dei popoli europei un entità unitaria. Riflettere sulle strategie di apprendimento, in modo che l allievo impari ad imparare la lingua e le lingue con maggiore facilità. Competenze 1. Competenza funzionale, per una finalizzazione comunicativa che consenta all allievo di agire nella società e di soddisfare i propri bisogni attraverso lo strumento linguistico: funzione personale: essere in grado di presentarsi, esprimere i propri desideri e raccontare scene di vita quotidiana; funzione interpersonale: essere in grado di aprire e chiudere uno scambio orale (anche telefonico) e una lettera amichevole; funzione strumentale: essere in grado almeno di avanzare/comprendere richieste e di offrire/ricevere essenziali istruzioni operative relative alla vita quotidiana sua e della società italiana e straniera; funzione referenziale: essere in grado almeno di produrre/comprendere oralmente e per iscritto descrizioni del mondo naturale, della città (richieste di informazioni circa luoghi, ecc.), dell ambiente familiare, della scuola; funzione poetico-immaginativa: essere in grado di comprendere brevi testi narrativi; funzione metalinguistica: essere in grado almeno di chiedere in lingua straniera il significato di una parola. 2. Le abilità linguistiche più importanti, cioè quelle audio-orali: la comprensione, il dialogo, la produzione. 74

14 3. Competenza comunicativa e meta-comunicativa: conoscenza delle principale regole (fonologia, morfosintassi, lessico) desunte più dalla capacità di utilizzo, che dalla riflessione grammaticale. OBIETTIVI COGNITIVI (per classe) Contenuti Classe I Alfabeto e pronuncia. Lessico: chiedere e capire informazioni, presentazione, descrizione di oggetti, persone e animali, esprimere preferenze. Civiltà: l origine della lingua inglese, la storia della Gran Bretagna. Classe II Lessico: descrivere le proprie abitudini e gli eventi passati, descrivere viaggi e mestieri, rifiutare e accettare. Civiltà: geografia della Gran Bretagna e ricerche sulla cultura degli USA. Classe III Lessico: dare consigli, esprimere opinioni, accordo e disaccordo, descrivere eventi passati o futuri. Civiltà: confrontare realtà scocio-culturali diverse, parlare dell Australia e della Gran Bretagna. METODOLOGIA (per l intero corso) Lezione frontale. Lavoro di gruppo. Lavoro individuale. Ricerca. Lezione dialogata. Lavoro in coppie. Uso del manuale. Uso di materiale strutturato vario. Le abilità scritte matureranno prevalentemente su materiale acquisito nella dimensione orale. VERIFICHE E VALUTAZIONE (per l intero corso) 75

15 La valutazione sarà effettuata durante lo svolgimento delle unità didattiche, per accertare le abilità conseguite e la validità della metodologia adottata; si terrà comunque conto dei livelli di partenza degli allievi e dei progressi compiuti rispetto alle possibilità, all impegno e alla partecipazione di ognuno di essi. Le verifiche che saranno predisposte al termine di ogni proposta didattica o comunque alla conclusione di un percorso formativo-culturale saranno strettamente connesse con l attività svolta, in modo da costituire la naturale conclusione del lavoro. Saranno predisposte prove di diverso tipo: Prove scritte (dialoghi, lettere, comprensione di testi con questionario, riassunti ed esercizi strutturati sulla fonetica, prove morfosintattiche e lessicali studiate; quesiti aperti; vero/falso; completamento; abbinamento; scelta multipla). Prove orali. STRUMENTI (per l intero corso) Libri di testo. Testi di supporto. Fotocopie. Stampa specialistica. Schede predisposte. Computer. Audio/videoregistratore. Vladimiro Rossi e le lezioni sugli aquiloni 76

16 ARABO OBIETTIVI METACOGNITIVI (per l intero corso e per classe) Capacità Fine corso Ampliare il registro lessicale con nuovi vocaboli. Applicare le basi linguistiche e grammaticali. Mettere in pratica quello che si impara. Usare nella comunicazione quotidiana la materia linguistica acquisita. Comunicare e tradurre. Classe I Ampliare il registro lessicale con nuovi vocaboli. Acquisire una conoscenza minima delle basi grammaticali. Mettere in pratica quello che si impara. Classe II Rafforzare il registro lessicale e ampliare i campi lessicali con nuovi vocaboli. Ampliare la conoscenza delle basi linguistiche e grammaticali. Usare nella comunicazione quotidiana la materia linguistica acquisita. Classe III Rafforzare il registro lessicale e ampliare i campi lessicali con nuovi vocabolari. Potenziare le basi linguistiche e grammaticali. Elaborare la materia linguistica acquisita e usarla per comunicare o tradurre. Competenze Fine corso Scrivere e produrre brevi e semplici dialoghi. Leggere con espressività. Collegare più frasi in modo logico. Compilare moduli. Condurre un dialogo. Descrivere persone, oggetti, i propri sentimenti. 77

17 Contare, fare calcoli semplici e discutere i prezzi. Classe I Saper leggere, scrivere e produrre frasi semplici. Comprendere in un modo globale un testo o un dialogo. Capire le richieste e rispondere alle domande. Condurre un dialogo semplice. Esprimere semplici volontà e desideri (in senso positivo o negativo). Descrivere oggetti o persone. Conoscere i numeri e saper discutere i prezzi. Classe II Sapere scrivere brevi e semplici dialoghi. Saper leggere con espressività. Saper collegare frasi in un modo logico. Saper compilare moduli. Comprendere un testo o un dialogo. Capire le richieste e rispondere alle domande. Condurre un dialogo. Descrivere persone e oggetti. Saper contare, fare calcoli semplici, discutere i prezzi. Classe III Sapere scrivere brevi e semplici dialoghi. Saper leggere con espressività. Saper collegare frasi in un modo logico. Comprendere un testo o un dialogo. Capire le richieste e rispondere alle domande. Condurre un dialogo o raccontare eventi semplici. Descrivere persone, oggetti o i propri sentimenti. Conoscere la base del lessico; la radice. Saper cercare nel vocabolario arabo sulla base della radice. Saper dividere un testo secondo le sue unità significative. Saper tradurre brevi testi scritti o orali. OBIETTIVI COGNITIVI (per classe) Contenuti Classe I L alfabeto, la scrittura, la lettura. Acquisizione di nuovo lessico. 78

18 Memorizzazione di brevi dialoghi. Grammatica, morfologia: modi interrogativi, nomi, avverbi, verbi, la negazione, pronomi relativi e aggettivi possessivi (al singolare). Classe II Consolidare la conoscenza di: alfabeto, scrittura, lettura. Ulteriore acquisizione di nuovo lessico. Memorizzazione di altri brevi dialoghi. Grammatica, morfologia: modi interrogativi, nomi, preposizioni, avverbi, verbi, aggettivi, la negazione, pronomi personali e pronomi relativi, aggettivi possessivi (al duale e al plurale, oltre che al singolare), aggettivi qualificativi, il superlativo. Classe III Consolidare ulteriormente la conoscenza di: alfabeto, scrittura, lettura. Ulteriore acquisizione di nuovo lessico. Memorizzazione di altri brevi dialoghi e frasi. Traduzione di brevi testi di letteratura per bambini, per arricchire il lessico e approfondire la conoscenza della lingua nei suoi aspetti più semplici, per mezzo di frasi e brevi testi a struttura linguistica non complessa. Grammatica, morfologia: ripasso di: modi interrogativi, nomi, avverbi, verbi, aggettivi, negazione, pronomi personali e pronomi relativi, aggettivi possessivi (al singolare, al plurale e al duale), aggettivi qualificativi, il superlativo. METODOLOGIA (per l intero corso) 1. Uso di più strategie nell attività didattica. 2. Attività di recupero e potenziamento nel corso dell anno. 3. Lezioni dialogate, ricerca e lavoro di gruppo. VERIFICHE E VALUTAZIONE (per l intero corso) Le verifiche si susseguiranno regolarmente alla fine di ogni unità di apprendimento e potranno essere sia scritte che orali. STRUMENTI (per l intero corso) Gli strumenti utilizzati saranno principalmente i libri di testo consigliati, uniti ad appunti di approfondimento. 79

19 Il supporto educativo consiste in un libro di testo per ciascuna delle classi, e altri materiali didattici, forniti dall insegnante o della scuola (aula informatica). S.E. Pietro Benassi in classe, dicembre

20 FRANCESE OBIETTIVI METACOGNITIVI (per l intero corso) Capacità Capacità di ricezione, intesa come motivazione per apprendere. Capacità di una più ampia risposta a tutti gli stimoli. Capacità di organizzazione, intesa non solo sul piano pratico ma come momento di ripensamento e riutilizzo delle conoscenze. Capacità di partecipare e di collaborare. Capacità di proporre modelli e comportamenti,cioè di progettare e strutturare interventi nell ambito di attività di classe o di scuola. Capacità di osservare, conoscere, comprendere, memorizzare, analizzare, sintetizzare. Competenze Cogliere i dettagli e ricavare alcune informazioni da registrazioni in cui il lessico sia noto solo in parte. Cogliere il senso globale di un dialogo, racconto, canzone, ascoltati da un nastro registrato. Comprendere suggerimenti, prezzi, richieste, inviti, informazioni su orari, spettacoli, programmi radiofonici. Descrivere attività giornaliere, raccontare eventi passati, enunciare date, festività, oroscopi. Capire i valori socio-culturali e dei costumi delle altre comunità tramite la lingua. Comprendere l importanza della lingua straniera come strumento di comunicazione. OBIETTIVI COGNITIVI (per classe) Contenuti Classe I Alfabeto. 81

21 Grammatica di base e coniugazione. Lessico quotidiano. Conversazione sulle presentazioni, racconti quotidiani ed espressione di accordo o dissenso. Geografia e costumi della Francia. Attività per l Ampliamento dell Offerta Formativa Storia registrata su C.D. : «Le Match de Thomas» Scoperta di canzoni e poesie francesi Parole crociate, creazione di giocchi e di poesie Scoperta delle regioni francesi (attraverso videocassette) Ricette di cucina francese Diverse attività di ascolto Documenti di civiltà (francese) Nell ambito del progetto Conoscenza del Territorio : -Presentazione e descrizione di città e luoghi tunisini -Localizzazione dei siti più rilevanti -L artigianato tunisino (seguito da una visita al Centro di Artigianato di Denden) -Favole arabe (lettura) Classe II Grammatica, i tempi verbali del passato e del futuro, le proposizioni. Lessico per esprimere opinioni e domande. Personaggi importanti francesi e accenni alla letteratura e al teatro. Attività per l Ampliamento dell Offerta Formativa Storia registrata su C.D.: S.O.S. Urgences. Scoperta di canzoni, poesie, fumetti francesi Laboratorio di scrittura (storie, racconti, scrittura d invenzione, scrittura di favole, di fables ) Scoperta delle regioni francesi (videocassetta) Proiezione di film Creazioni di pubblicità I grandi problemi del pianeta Argomenti di attualità Partecipazione al progetto: Conoscenza del territorio con la scoperta di favole arabe, l ambiente e i parchi nazionali. Classe III Grammatica completa. Lessico dei sentimenti e della personalità. Brani sulla civiltà francese. Attività per l Ampliamento dell Offerta Formativa Ricerche sulla Francia (videocassette, studio di documenti) Creazioni di pubblicità Scoperta della cucina francese Preparazione del viaggio d istruzione 82

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica. dal volume: "TIMSS 2007 Assessment Frameworks"

TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica. dal volume: TIMSS 2007 Assessment Frameworks Capitolo Uno TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica dal volume: "TIMSS 2007 Assessment Frameworks" a cura di Anna Maria Caputo, Cristiano Zicchi Copyright 2005 IEA International Association for

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino raggruppa e ordina secondo criteri diversi, confronta

Dettagli

Approfondimento N 2. Scuola primaria

Approfondimento N 2. Scuola primaria Approfondimento N 2 Scuola primaria, Nuclei tematici e Obiettivi di apprendimento al termine della classe quinta Italiano L'allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe

Dettagli

10 passi verso i CPIA

10 passi verso i CPIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione generale per l istruzione e formazione tecnica superiore e per i rapporti con i sistemi formativi delle

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Traguardi e Obiettivi di Apprendimento della Scuola Secondaria di 1 grado

Traguardi e Obiettivi di Apprendimento della Scuola Secondaria di 1 grado ISTITUTO COMPRENSIVO di OPPEANO Via A. Moro, 12 tel. 045/7135458 telefax: 045/7135049 e-mail vric843009@istruzione.it - www.icoppeano.gov.it Nell ambito di una Visione Interdisciplinare, gli Insegnanti,

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado I quesiti sono distribuiti negli ambiti secondo la tabella seguente Ambito

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Curricolo verticale di consapevolezza ed espressione culturale

Curricolo verticale di consapevolezza ed espressione culturale ISTITUTO COMPRENSIVO ARCOLA-AMEGLIA Curricolo verticale di consapevolezza ed espressione culturale DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: Storia, Geografia, Arte e immagine, Musica, Educazione fisica, Religione Anno

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e PIANO DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE SULL INDAGINE OCSE-PISA E ALTRE RICERCHE NAZIONALI E INTERNAZIONALI Seminario provinciale rivolto ai docenti del Primo Ciclo La prova di matematica nelle indagini IEA

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo.

Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo. Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo. Tutti i bambini che ne fanno richiesta v engono ammessi al Coro,

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE Istituto Comprensivo Ferentino 1 SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE ANNUALE anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE : il ruolo della Scuola dell Infanzia Nelle recenti Bozze delle Indicazioni Nazionali

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

Piano annuale per la Classe 4^ A

Piano annuale per la Classe 4^ A Istituto Comprensivo N.2 - Arzachena Scuola Primaria di Abbiadori Piano annuale per la Classe 4^ A ANCORA IN VIAGGIO a.s. 204/2015 Insegnanti: Depperu Anna Maria, Melino Vittorina, Peddis Giuliana, Angius

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche. nei bambini in età prescolare

Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche. nei bambini in età prescolare Istituto di Riabilitazione ANGELO CUSTODE PARLARE E CONTARE ALLA SCUOLA DELL INFANZIA Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche nei bambini in età prescolare Dott.ssa Liana Belloni Dott.ssa Claudia

Dettagli

DSA e EES ESIGENZE EDUCATIVE DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO SPECIALI

DSA e EES ESIGENZE EDUCATIVE DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO SPECIALI DSA e EES DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO ESIGENZE EDUCATIVE SPECIALI DISTURBI SPECIFICI dell APPRENDIMENTO Interessano alcune specifiche abilità dell apprendimento scolastico in un contesto di funzionamento

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli