PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA"

Transcript

1 ISTITUTO COMPRENSIVO S. FRUTTUOSO via Iseo, 18 Monza tel/fax tel PEC: Scuola secondaria di primo grado A. B. Sabin PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 2013/2014 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA fascicolo 4/5

2 INDICE Classi prime p. 3 Programmazione educativa e didattica del Consiglio di Classe p. 4 Programmazioni disciplinari p. 11 Classi seconde p. 30 Programmazione educativa e didattica del Consiglio di Classe p. 31 Programmazioni disciplinari p. 38 Classi terze p. 60 Programmazione educativa e didattica del Consiglio di Classe p. 61 Programmazioni disciplinari p. 68 Laboratori p. 88 2

3 CLASSI PRIME 3

4 PROGETTO EDUCATIVO E DIDATTICO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Situazione di partenza Area educativa In base alle prime osservazioni effettuate sono stati individuati gli obiettivi educativi che la classe dovrà consolidare/recuperare : Rispetto delle regole Rispetto di compagni e adulti; collaborazione Partecipazione Attenzione e impegno Autonomia e metodo di lavoro Assunzione di responsabilità personali e sociali Conoscenza di sé, delle proprie capacità ed attitudini Area cognitiva In base all analisi dei risultati ottenuti da prove oggettive e osservazioni, ciascun docente, nella propria disciplina, individua all interno della classe punti di forza e di debolezza, mettendo in atto esperienze le scelte didattiche più significative e le strategie idonee al fine di superare ogni ostacolo per l acquisizione delle conoscenze e delle abilità fondamentali, in coerenza con gli obiettivi specifici di apprendimento e con i traguardi per lo sviluppo delle competenze. Finalità educative (Le finalità educative e le finalità cognitive trasversali si riferiscono al quadro delle competenze - chiave per l apprendimento permanente definite dal Parlamento europeo e dal Consiglio dell Unione europea, Raccomandazione del 18 dicembre 2006) COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE Rispetto delle regole Rispetto dei compagni e degli adulti Collaborazione Partecipazione manifesta un comportamento corretto nei momenti di attività didattica e non rispetta l orario scolastico e le scadenze evita comportamenti che possano disturbare i compagni rispetta le opinioni altrui alza la mano per avere la parola e rispetta il proprio turno riconosce e accetta il ruolo degli adulti interagisce positivamente con l insegnante fornisce un apporto costruttivo alla classe prende parte alle discussioni facendo interventi e domande pertinenti IMPARARE A IMPARARE Attenzione Impegno Autonomia e metodo di lavoro mantiene la concentrazione per i tempi necessari nell ascolto di insegnanti e compagni porta il materiale occorrente esegue i compiti assegnati a casa e svolge con serietà le attività il lavoro in classe è in grado di organizzarsi rispettando tempi e consegne sa selezionare informazioni, organizzandole in modo efficace sa utilizzare strumenti e metodi per organizzare conoscenze e abilità 4

5 CONOSCENZA DI SÈ Assunzione di responsabilità personali Sviluppo della consapevolezza di sé e delle proprie capacità mantiene gli impegni assunti si assume la responsabilità delle proprie azioni e ne valuta le conseguenze acquisisce consapevolezza dei propri limiti e potenzialità, dei propri bisogni e interessi riconosce i propri errori e li corregge sviluppa le proprie attitudini sostiene le proprie idee motivandole sa riflettere e valorizzare le esperienze e le opportunità offerte dal contesto ORIGINALITÀ E SPIRITO DI INIZIATIVA Traduzione di idee in azione Sviluppo della creatività sa cogliere opportunità per sviluppare e realizzare idee e progetti sa esprimersi in modo attraverso i vari linguaggi sa trovare soluzioni sia da solo che in gruppo per affrontare e risolvere problemi e situazioni della vita quotidiana Finalità cognitive trasversali acquisire padronanza della lingua italiana esprimersi in modo elementare in inglese comunicare in modo essenziale in una seconda lingua comunitaria applicare conoscenze e metodologie in campo scientifico-tecnologico per rispondere ai bisogni avvertiti dagli esseri umani affrontare problemi e situazioni attraverso il pensiero razionale utilizzare le nuove tecnologie per reperire e scambiare informazioni orientarsi nello spazio e nel tempo interpretare fatti, fenomeni e produzioni artistiche impegnarsi nei campi espressivi, motori e artistici che gli sono congeniali esprimere in modo creativo idee, esperienze ed emozioni anche attraverso la musica e le arti visive Eventuali interventi di Sostegno Interventi attuati nella classe per favorire il Successo Formativo Laboratori pomeridiani (per gli alunni interessati) Laboratorio artistico Progetti educativi e didattici Accoglienza Obiettivi consentire agli alunni un inserimento sereno nella scuola secondaria di primo grado presentare la Scuola e le sue attività ai futuri iscritti Contenuti lavori interattivi finalizzati all'autopresentazione e socializzazione all'interno della classe, alla conoscenza della Scuola e della sua organizzazione lettura e commento della sintesi del Regolamento di Istituto eventuale partecipazione alla mattinata di Scuola aperta Discipline coinvolte: Consiglio di Classe 5

6 Continuità Obiettivi socializzare con alunni della scuola primaria Contenuti Corsa campestre Collaborazione allo svolgimento delle attività previste in occasione delle visite alla Scuola da parte degli alunni della Scuola Primaria Discipline coinvolte: Consiglio di Classe Educazione stradale Obiettivi educare alla comprensione che leggi, regolamenti e norme hanno lo scopo di favorire l assunzione di comportamenti responsabili e rispettosi di norme e leggi, nei confronti di se stessi e degli altri Contenuti segnaletica stradale e comportamento del pedone Discipline coinvolte: Tecnologia Educazione al benessere Educazione ambientale Obiettivi acquisire strumenti di conoscenza per comprendere le problematiche anmbientali promuovere atteggiamenti consapevoli a tutela dell ambiente conoscere le funzioni delle varie istituzioni che operano in difesa dell ambiente acquisire informazioni su mezzi e strumenti utilizzati per la salvaguardia dell ambiente Contenuti conoscenza di alcune forme di inquinamento (dell aria, dell acqua, del suolo) raccolta differenziata della carta in ogni aula riciclare con fantasia eventuale partecipazione al Progetto Il parco dietro casa Discipline coinvolte: C.d.C. Educazione alla salute Obiettivi prendere coscienza dei comportamenti atti a tutelare il benessere psicofisico individuale e collettivo Contenuti Igiene personale e dell ambiente; comportamenti responsabili Discipline coinvolte: C.d.C. Educazione all affettività Obiettivi migliorare la conoscenza tra ragazzi e ragazze favorire un buon clima all interno del gruppo-classe valorizzare le differenze individuali Contenuti attività mirate ad instaurare modalità relazionali positive tra coetanei Discipline coinvolte: C.d. C. Orientamento Obiettivi conoscenza di sé assunzione di scelte consapevoli formazione di un metodo di studio conoscenza dei propri interessi, attitudini, stili cognitivi conoscenza del sistema scolastico e del mondo del lavoro conoscenza dei diritti-doveri del cittadino 6

7 sviluppo del senso di responsabilità nei confronti di sè e degli altri Contenuti attività di accoglienza letture, discussioni, compilazione schede d'indagine indagine sul mondo contadino cineforum le attività programmate nell'ambito delle "Educazioni" Discipline coinvolte: C. di C. Attività fisico- sportive Obiettivi imparare a misurarsi con se stessi e con gli altri prendere coscienza delle proprie capacità in funzione di una futura scelta sportiva gestire in modo costruttivo il successo e l insuccesso riconoscere l esigenza delle regole e saperle rispettare favorire e diffondere l attività motoria perché diventi un abitudine di vita Contenuti gare e tornei di corsa campestre, nuoto, mini-volley, super-minivolley, volley, atletica leggera, pallacanestro attività presso la Scuola e altre strutture comunali Discipline coinvolte: Educazione fisica Attività artistiche Obiettivi strutturare un percorso di osservazione sviluppare capacità di lettura consapevole e critica acquisire una terminologia appropriata capacità di collegamento e di confronto rielaborazione personale di un particolare che più è piaciuto con tecnica libera Contenuti visita a delle cascine e luoghi storici del quartiere visita alla Chiesa del XVII Secolo nel quartiere visita a mostre tematiche. incontri d arte a scuola: con artisti, associazioni culturali, esperti di numismatica, visita a negozi e botteghe d arte presenti in Città uscita didattica e Visita Guidata al Museo del Duomo e ai principali monumenti della Città di Monza realizzazione a scuola di una FOTOTECA di immagini d arte divise per periodi storici con una esposizione permanente realizzata e utilizzata dagli alunni e aperta ai cittadini del quartiere esposizione e valorizzazione di elaborati e dei lavori prodotti dagli alunni Inoltre, per gli alunni interessati, in orario extrascolastico Laboratorio artistico Discipline coinvolte: Arte e immagine Attività musicali Obiettivi sviluppo di interessi e curiosità verso la musica in senso lato acquisizione di nuove conoscenze riflessione e analisi del contesto storico-sociale di alcune produzioni musicali, finalizzate alla comprensione del rapporto musica-cultura sviluppo di capacità critiche nei confronti dei messaggi sonori e del rispetto verso musiche lontane dai propri interessi immediati educazione del gusto estetico sviluppo della coscienza dell unitarietà del sapere conoscenza e uso delle principali funzioni di semplici software musicali 7

8 Contenuti Lezione-concerto: In festa! (strumenti e musiche nel Rinascimento) - Ensemble La Rossignol di Castelleone (CR) - 29 aprile 2014 Visita alla Strumentoteca di Birago di Lentate (percorso A) 1A e 1D 18 febbraio B e 1C 28 febbraio 2014 breve percorso di Informatica musicale in alcune classi, compatibilmente con la possibilità di utilizzare l aula di Informatica a classe intera Inoltre, per gli alunni interessati, in orario extrascolastico partecipazione a un balletto (8 novembre 2013) e a un concerto (20 gennaio 2014) presso il Teatro alla Scala di Milano organizzazione partecipazione ai concerti domenicali "La Scala in famiglia" eventuali altre iniziative di carattere musicale Discipline coinvolte: Musica Eventuali altri progetti Visite e viaggi di istruzione Metodo Il lavoro viene svolto utilizzando le seguenti modalità: lezioni frontali lezioni dialogate discussioni ricorso a situazioni e problemi tratti dalla realtà che circonda gli alunni metodo induttivo (l alunno scopre proprietà e relazioni attraverso l osservazione di fatti e situazioni reali) metodo deduttivo (l alunno trasferisce in contesti specifici procedimenti, regole, proprietà acquisiti) utilizzo di schemi e mappe concettuali indicazioni precise riguardo a ogni attività lettura del testo controllo sistematico del lavoro svolto correzione comune del lavoro esercizi specifici di recupero, consolidamento, approfondimento ricerca e individuazione del metodo di lavoro lavori di gruppo lezioni in laboratorio Mezzi e Strumenti Per lo svolgimento delle varie attività scolastiche vengono utilizzati: libri di testo audiovisivi computer libri, giornali e riviste sussidi vari (strumentazione di laboratorio, strumenti musicali, attrezzature sportive...) intervento di Enti ed operatori del territorio Verifiche L osservazione sistematica dei processi di apprendimento verrà effettuata giornalmente mediante l osservazione dei comportamenti verificabili e periodicamente mediante prove di verifica di vario tipo (esercitazioni scritte ed orali, test di abilità, attività pratiche, operative, motorie, grafiche). Le verifiche periodiche permetteranno di individuare le difficoltà incontrate dagli alunni, per poter predisporre interventi adeguati (chiarimenti, esercizi integrativi, cambiamento di percorsi ) e attivare processi di autocorrezione e autovalutazione. 8

9 Valutazione La valutazione ha per oggetto: il processo di apprendimento il rendimento scolastico complessivo il comportamento PROCESSO DI APPRENDIMENTO L acquisizione di conoscenze e abilità da parte degli alunni, in coerenza con gli obiettivi di apprendimento previsti dal POF, è sottoposta a verifiche nei diversi momenti del percorso scolastico, effettuate per mezzo di prove scritte e orali, test di abilità, attività operative, motorie, grafiche ecc. La valutazione delle prove è per l alunno un momento significativo per la percezione delle sue capacità e difficoltà, nonché stimolo al miglioramento, e per gli insegnanti occasione per predisporre eventuali interventi di recupero. La valutazione di tali prove si estrinseca nella formulazione di un giudizio espresso in decimi, sulla base di una scala numerica condivisa dai docenti e comunicata agli allievi e alle famiglie. Questa valutazione consente di misurare i risultati ottenuti da ogni alunno nel modo più oggettivo possibile, sia nei confronti del lavoro da svolgere che dei risultati ottenuti dall insieme degli alunni della classe. VALUTAZIONE DELLE PROVE NELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 4 o voto evidenzia molte lacune, più o meno gravi inferiore 5 evidenzia la presenza di lacune che possono essere facilmente recuperate 6 attesta un sufficiente livello di conoscenze e competenze 7 rispecchia un livello abbastanza completo di conoscenze, anche se poco approfondite rispecchia un buon livello di competenze disciplinari, capacità di organizzazione dei 8 9 e 10 contenuti, capacità di rielaborazione vengono assegnati in presenza di conoscenze e competenze complete e approfondite, di ottime capacità di rielaborazione, massima serietà; il 10, in particolare, rispecchia livelli di eccellenza Gli esiti delle prove vengono comunicati alle famiglie tramite il Diario e, se l insegnante lo ritiene opportuno, con l invio a casa delle verifiche, da restituire alla Scuola firmate da un genitore, per presa visione. Nel caso in cui le verifiche non vengano consegnate a casa, i genitori possono comunque visionarle in occasione dei colloqui coi docenti. Gli esiti delle prove scritte, orali e pratiche di tutte le attività vengono riportati sul registro personale dell insegnante. RENDIMENTO SCOLASTICO COMPLESSIVO L Istituto ha adottato il quadrimestre come periodo di riferimento per la valutazione periodica e finale del Consiglio di Classe, anch essa espressa in decimi. Ai fini della valutazione periodica e finale, che delinea il rendimento scolastico complessivo dell alunno, concorrono: i risultati delle prove in itinere la partecipazione alle attività scolastiche l impegno nel lavoro sia in classe che a casa l interesse per le attività proposte I docenti hanno convenuto di stabilire il 4 come voto minimo per gli alunni che non hanno raggiunto in alcun modo gli obiettivi prefissati. COMPORTAMENTO La valutazione del comportamento fa riferimento ai seguenti indicatori Rispetto delle persone e dell ambiente 9

10 Rispetto delle regole (atteggiamento durante le lezioni, ai cambi dell ora, intervallo, mensa e interscuola; puntualità nel rispettare orari e scadenze) e viene espressa dal Consiglio di Classe in sede di Scrutinio, attraverso un voto numerico accompagnato da una nota illustrativa sulla base di una scala valutativa condivisa dai docenti e comunicata agli allievi e alle famiglie: (*) nei casi in cui si voglia evidenziare la serietà e la responsabilità verso le persone, l ambiente e le regole rispetto delle persone e dell ambiente rispetto e consapevolezza delle regole rispetto delle persone e dell ambiente rispetto delle regole adeguato rispetto delle persone e dell ambiente rispetto delle regole abbastanza adeguato rispetto in genere delle persone e dell ambiente rispetto delle regole non sempre adeguato mancanza di rispetto delle persone e dell ambiente mancanza di rispetto delle regole presenza di almeno una grave sanzione disciplinare (*) il 5 comporta la non ammissione alla classe successiva Le valutazioni 5 e 6 vengono motivate per iscritto nel verbale del Consiglio di Classe, in sede di Scrutinio. VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI DVA Per la valutazione degli alunni con disabilità, si terrà conto delle attività svolte sulla base del Piano Educativo Individualizzato, con prove specifiche, finalizzate a evidenziare i progressi rispetto alle potenzialità e ai livelli di apprendimento iniziali. VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI DSA Per gli alunni in situazioni di difficoltà specifiche di apprendimento adeguatamente certificate, la valutazione e la verifica degli apprendimenti terranno conto delle loro specifiche situazioni soggettive; a tali fini, nello svolgimento dell attività didattica, saranno adottati gli strumenti metodologico - didattici compensativi e dispensativi ritenuti più idonei. 10

11 ITALIANO PIANI DI LAVORO DISCIPLINARI LETTERE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Ascoltare Identificare i vari tipi di testo e il loro scopo. Comprendere testi di uso quotidiano. Riorganizzare le informazioni raccolte. Parlare Organizzare oralmente la struttura informativa di una comunicazione orale. Usare il linguaggio con chiarezza, correttezza e proprietà lessicale. Utilizzare registri linguistici del parlato narrativo, descrittivo, dialogico, attenendosi al tema, alle modalità e ai tempi richiesti. Leggere Leggere silenziosamente utilizzando tecniche adeguate. Leggere ad alta voce in modo espressivo testi di diverso tipo. Comprendere e interpretare in forma guidata e/o autonoma testi di vario tipo, anche su supporto digitale. Imparare a memoria brani e testi poetici. Scrivere Produrre testi scritti di vario genere, a seconda degli scopi, dei destinatari e/o dei progetti tematici. Riorganizzare e riscrivere testi applicando le trasformazioni richieste. Scrivere in modo organico, pertinente e corretto. Scrivere testi corretti dal punto di vista ortografico, morfosintattico, lessicale. Riflettere sulla lingua Conoscere le parti del discorso. Conoscere e analizzare le funzioni logiche della frase semplice. Applicare modalità di coesione-coerenza. Usare in modo appropriato il lessico, anche attraverso la consultazione dei dizionari. Conoscere le principali tappe evolutive della lingua italiana. TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO L alunno: Comprende i messaggi orali Si esprime in modo chiaro e corretto per interagire in modo efficace nelle diverse situazioni comunicative Legge in modo scorrevole ed espressivo; comprende testi scritti di diverso genere Produce testi scritti organici, pertinenti e corretti, rispettando la tipologia richiesta Comprende ed utilizza correttamente il lessico, le regole e le strutture linguistiche CONTENUTI ANTOLOGIA Caratteristiche, contenuti e messaggi delle seguenti tipologie testuali: la favola, la fiaba, il racconto di avventura e di fantasy, gli affetti familiari, i rapporti con gli altri, obiettivo natura, la poesia,il teatro RIFLESSIONE SULLA LINGUA Fonologia, ortografia Morfologia: articolo, nome, pronome, verbo, avverbio, preposizione, congiunzione, interiezione 11

12 APPROFONDIMENTO MATERIE LETTERARIE (classi I A, I B, I D) Approfondimento delle materie letterarie attraverso la lettura e l analisi di testi letterari. Conoscenza di caratteristiche, contenuti e messaggi di brani tratti dall'antologia in uso e/o testi di narrativa. STORIA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Conoscere e collocare nel tempo e nello spazio le civiltà e gli avvenimenti presi in esame. Comprendere e utilizzare indicatori di tipo fisico, geografico, sociale, economico, tecnologico, culturale e religioso per la ricostruzione storica. Comprendere e utilizzare termini specifici del linguaggio disciplinare. Educazione alla cittadinanza. TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO L alunno: Conosce gli argomenti trattati e sa collocarli nello spazio e nel tempo Stabilisce relazioni Comprende e utilizza il linguaggio specifico Conosce nelle linee essenziali fondamenti e istituzioni della vita sociale, civile e politica Analizza gli aspetti costitutivi della vita sociale, civile e politica delle realtà studiate Conosce gli articoli fondamentali della Costituzione e l organizzazione della Repubblica italiana Conosce i principi fondamentali ispiratori degli organismi della cooperazione internazionale CONTENUTI Dal Medioevo all Umanesimo e Rinascimento GEOGRAFIA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Conoscere e/o localizzare gli aspetti fisici, antropici, economici, culturali delle realtà italiana ed europea. operare confronti fra realtà territoriali diverse. leggere, interpretare e/o riprodurre carte fisiche, politiche, topografiche, tematiche, grafici. ecc. comprendere e utilizzare termini specifici del linguaggio disciplinare. TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO L alunno: Conoscere, localizzare e confrontare aspetti fisici, antropici ed economici delle aree trattate Utilizzare strumenti vari (carte di vario tipo, dati statistici, grafici, stampa, televisione, audiovisivi, Internet) Comprendere e utilizzare il linguaggio specifico Riflettere sui possibili effetti degli interventi dell uomo sui sistemi territoriali CONTENUTI Orientarsi nello spazio e nel tempo; rappresentazione di un luogo, grafici e tabelle. Paesaggio, ambiente e territorio Europa e Italia a confronto: il profilo fisico, la popolazione, la dimensione economica e politica METODI lezioni frontali discussioni guidate lezioni dialogate lettura del testo 12

13 osservazione di immagini giochi didattici preparazione di schemi controllo sistematico del lavoro svolto lavoro collettivo, individuale e di gruppo ricerche di approfondimento esercizi specifici di recupero, consolidamento, approfondimento MEZZI E STRUMENTI libri di testo libri della biblioteca scolastica testi di vario genere giornali e riviste audiovisivi audiocassette computer carte geografiche e cartine storiche spettacoli teatrali e cinematografici visite guidate e viaggi d istruzione collaborazione con Enti ed Associazioni che operano sul territorio VERIFICHE Modalità: le verifiche avranno cadenza periodica e saranno predisposte in modo da accertare e valutare il possesso delle abilità richieste in relazione agli obiettivi programmati. Strumenti: interrogazioni e prove scritte di vario tipo (temi, riassunti, questionari, cronache, relazioni, esercizi vari ). VALUTAZIONE Modalità: le valutazioni terranno conto sia delle conoscenze acquisite sia del percorso di apprendimento di ogni alunno in base al livello di partenza. Giudizi: v. programmazione educativa e didattica di classe LINGUA INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Secondo le indicazioni ministeriali per il curricolo a livello disciplinare sono individuati i seguenti obiettivi: Comprensione orale Comprendere le indicazioni dell insegnante e dei compagni in classe Cogliere il punto principale in semplici messaggi e annunci relativi ad aree di interesse quotidiano Comprensione scritta Identificare informazioni specifiche in testi semi autentici/autentici di diversa natura inerenti alla scuola e al tempo libero Interazione orale Interagire in semplici scambi dialogici relativi alla vita quotidiana dando e chiedendo informazioni, usando un lessico adeguato e funzioni comunicative appropriate Produzione orale Descrivere o presentare persone, condizioni di vita o di studio, compiti quotidiani ; indicare cosa piace o non piace Produzione scritta Produrre risposte a semplici questionari inerenti ad ambiti familiari e formulare relative domande 13

14 Riflessione sulla lingua Conoscere ed usare, in forma guidata, le funzioni adeguate a semplici situazioni comunicative in dialoghi, brevi lettere o messaggi Conoscere ed usare, in forma guidata, semplici strutture grammaticali Conoscere ed usare il lessico Conoscenza della cultura e della civiltà Cogliere gli aspetti caratterizzanti la civiltà dei paesi di L2 attraverso semplici documenti di vario tipo e operare confronti con la propria TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA PRIMA CLASSE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO (I traguardi sono riconducibili al Livello A1 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue del Consiglio d Europa ) Comprendere ed usare espressioni di uso quotidiano e frasi basilari tese a soddisfare bisogni di tipo concreto. Saper presentare se stesso/a e gli altri ed essere in grado di fare domande e rispondere su particolari personali come dove abita, le persone che conosce e le cose che possiede. Interagire in modo semplice purché l altra persona parli lentamente ed in modo chiaro. CONTENUTI Funzioni linguistiche: Chiedere e dire il nome Chiedere lo spelling di nomi e parole Chiedere e dire l età Chiedere il prezzo Parlare dei colori Identificare gli oggetti di classe Dare istruzioni Parlare di animali Chiedere e dire l ora Chiedere e parlare di date Parlare dell orario scolastico Chiedere e parlare della provenienza e nazionalità Chiedere e rispondere a domande personali ( cognome, numero di telefono, indirizzo ) Presentare qualcuno ( nome, età e nazionalità ) Esprimere le opinioni su argomenti e personaggi Parlare di oggetti posseduti Parlare della propria famiglia Descrivere dove si abita Dare informazioni su dove si trovano gli oggetti Fare domande e descrivere la propria routine quotidiana Parlare del proprio programma preferito Parlare di ciò che piace e non piace Parlare degli sport che si praticano Parlare delle attività del tempo libero Fare semplici domande sulle abilità e rispondere Descrivere ciò che le persone stanno facendo Descrivere quello che si indossa Fare semplici acquisti indicando che cosa si desidera e informandosi sul prezzo Strutture grammaticali: Pronomi personali soggetto Present simple di be: forma affermativa, interrogativa, negativa e risposte brevi Aggettivi possessivi Articolo indeterminativo: a/an Articolo determinativo : the 14

15 Le parole interrogative Wh - Aggettivi e pronomi dimostrativi Verbo Have got: forme affermativa, negativa, interrogativa e risposte brevi Plurali regolari e alcuni plurali irregolari Il possessive case dei sostantivi Preposizioni di luogo Partitivi Some/ Any There is / There are: forme affermativa, negativa, interrogativa e risposte brevi Present simple: forme affermativa, negativa, interrogativa e risposte brevi Avverbi di frequenza Preposizioni di tempo How often e le espressioni di frequenza Pronomi personali complemento Verbo modale can (abilità): forma affermativa, interrogativa, negativa e risposte brevi Gli avverbi di modo well, very well, quite well, at all Imperativo Why..? Because Present Continuous : forma affermativa, interrogativa, negativa e risposte brevi How much? / How many? STRATEGIE Controllare in itinere l ascolto attivo e le successive fasi di lavoro Valorizzare i contributi personali Invitare ad assumersi le proprie responsabilità METODI L approccio sarà di tipo comunicativo e si svolgerà rispettando le seguenti fasi: presentazione del testo attraverso l uso dell audio CD e ripetizione dello stesso (operazioni da svolgersi preferibilmente nel laboratorio linguistico), accertamento della comprensione, esercizi di fissazione delle funzioni comunicative e delle strutture mediante scambi dialogici, riflessione sulla lingua, sistemazione delle strutture grammaticali, verifica delle acquisizioni ed eventuali esercizi di sostegno. Esercizi specifici di recupero, consolidamento, approfondimento. MEZZI E STRUMENTI Libri di testo Registratore Laboratorio linguistico: audiovisivi e audio CD Laboratorio di informatica : CD - ROM Documenti autentici (canzoni, cartelloni pubblicitari) Lettura collettiva ed individuale Drammatizzazione Roleplay Giochi Esercizi grammaticali Esercizi di espansione VERIFICHE Sistematica raccolta di elementi sulla partecipazione, impegno, sull acquisizione di abilità specifiche attraverso interventi dal posto e controllo dei compiti. Per la fase orale ci si servirà di: Esercizi del tipo vero-falso ed a scelta multipla Domande di comprensione Lettura Dialoghi guidati 15

16 Descrizioni di immagini Per la fase scritta ci si servirà di: Esercizi di correlazione Esercizi del tipo vero-falso ed a scelta multipla Domande di comprensione Esercizi grammaticali di completamento e di trasformazione Completamento di dialoghi Composizione di dialoghi guidati o su traccia data Descrizioni di immagini Le verifiche avranno cadenza periodica e saranno predisposte in modo da accertare e valutare il possesso delle abilità richieste in relazione agli obiettivi programmati. VALUTAZIONE Modalità: le valutazioni terranno conto sia delle conoscenze acquisite sia del percorso di apprendimento di ogni alunno in base al livello di partenza. Giudizi: v. programmazione educativa e didattica di classe SECONDA LINGUA COMUNITARIA: FRANCESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Ascolto (comprensione orale) Comprendere istruzioni, espressioni e frasi di uso quotidiano se pronunciate chiaramente e identificare il tema generale di brevi messaggi orali in cui si parla di argomenti conosciuti. Comprendere brevi testi multimediali identificandone parole chiave e il senso generale. Parlato (produzione e interazione orale) Descrivere persone, luoghi e oggetti familiari utilizzando parole e frasi già incontrate ascoltando o leggendo. Riferire semplici informazioni afferenti alla sfera personale, integrando il significato di ciò che si dice con mimica e gesti. Interagire in modo comprensibile con un compagno o un adulto con cui si ha familiarità, utilizzando espressioni e frasi adatte alla situazione. Lettura (comprensione scritta) Comprendere testi semplici di contenuto familiare e di tipo concreto e trovare informazioni specifiche in materiali di uso corrente. Scrittura (Produzione scritta) Scrivere testi brevi e semplici per raccontare le proprie esperienze, per fare gli auguri, per ringraziare o per invitare qualcuno, anche con errori formali che non compromettano però la comprensibilità del messaggio. Riflessione sulla lingua e sull apprendimento Osservare le parole nei contesti d uso e rilevare le eventuali variazioni di significato. Osservare la struttura delle frasi e mettere in relazione costrutti e intenzioni comunicative. Confrontare parole e strutture relative a codici verbali diversi. Riconoscere i propri errori e i propri modi di apprendere le lingue. TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO (I traguardi sono riconducibili al Livello A1 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue del Consiglio d Europa) L alunno comprende brevi messaggi orali e scritti relativi ad ambiti familiari. Comunica oralmente in attività che richiedono solo uno scambio di informazioni semplice e diretto su argomenti familiari e abituali. 16

17 Descrive oralmente e per iscritto, in modo semplice, aspetti del proprio vissuto e del proprio ambiente. Legge brevi e semplici testi con tecniche adeguate allo scopo. Chiede spiegazioni, svolge i compiti secondo le indicazioni date in lingua straniera dall insegnante. Stabilisce relazioni tra semplici elementi linguistico-comunicativi e culturali propri delle due lingue di studio. Confronta i risultati conseguiti in lingue diverse e le strategie utilizzate per imparare. CONTENUTI Strutture grammaticali: gli articoli determinativi e indeterminativi il plurale il femminile l uso di il y a ou / où oui / si la forma interrogativa la forma negativa la preposizione chez pourquoi / parce que gli articoli partitivi le preposizioni articolate i pronomi personali soggetto i verbi regolari del I gruppo (-er) i verbi ausiliari être e avoir i verbi irregolari faire, aller e venir Funzioni comunicative: salutare in modo formale e informale chiedere come va e rispondere presentarsi e presentare qualcuno chiedere il nome identificare qualcuno descrivere qualcuno chiedere e dire la propria nazionalità identificare qualcosa descrivere un oggetto (forma, dimensioni, colore) situare nello spazio invitare / accettare o rifiutare prendere contatto per telefono chiedere e dire la propria età offrire qualcosa / accettare o rifiutare informarsi sui gusti e le preferenze di qualcuno esprimere i propri gusti e le proprie preferenze chiedere e dire la provenienza e la direzione chiedere e dire la professione Lessico: il materiale scolastico l aula scolastica gli aggettivi per descrivere una persona gli aggettivi di nazionalità la città i colori la campagna le festività la casa 17

18 i numeri da 0 a 60 alimenti e bevande i passatempi gli strumenti musicali le professioni la famiglia Civiltà: testi vari e letture proposte dall insegnante METODI lezioni frontali lezioni dialogate lettura del testo metodo induttivo (l alunno scopre proprietà e relazioni attraverso l osservazione di fatti e situazioni reali) metodo deduttivo (l alunno trasferisce in contesti specifici procedimenti, regole, proprietà acquisiti) utilizzo di schemi e mappe concettuali indicazione precise riguardo ad ogni attività controllo sistematico del lavoro svolto correzione comune del lavoro esercizi specifici di recupero, consolidamento, approfondimento L approccio è di tipo comunicativo-funzionale. Le Unités sono introdotte da un esplicitazione e spiegazione degli obiettivi e dei contenuti che verranno via via affrontati. Si prosegue con l ascolto del dialogo, in un primo tempo a libro chiuso, con lo scopo di attivare negli alunni curiosità e desiderio di decifrare e comprendere ciò che ad un primo ascolto può risultare oscuro. Si procede in seguito con la lettura del dialogo, l esecuzione di esercizi di comprensione, di verifica delle strutture, la ripetizione corale, il ragionamento collettivo al fine di giungere al significato di parole ed espressioni sconosciute. Per la lingua orale gli alunni sono impegnati in brevi jeu de rôle (drammatizzazioni e simulazioni a coppie su traccia ) per verificare l utilizzo di funzioni e strutture grammaticali apprese. MEZZI E STRUMENTI Libri di testo Registratore Audiovisivi Computer LIM Laboratorio linguistico Libri, giornali, riviste Documenti autentici Lettura collettiva e individuale Drammatizzazione Giochi Esercizi grammaticali Esercizi di espansione VERIFICHE Prove in itinere strutturate in modo da verificare il raggiungimento degli obiettivi di apprendimento Prove finali strutturate in modo da verificare lo sviluppo delle competenze richieste VALUTAZIONE Modalità: le valutazioni terranno conto sia delle conoscenze e abilità acquisite sia del percorso 18

19 di apprendimento di ogni alunno in base al livello di partenza. Giudizi: v. programmazione educativa e didattica di classe. MATEMATICA E SCIENZE MATEMATICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO A) NUMERI - Eseguire addizioni, sottrazioni, moltiplicazioni, divisioni ordinamenti e confronti tra numeri naturali e decimali, quando possibile a mente oppure utilizzando gli usuali algoritmi scritti. - Utilizzare le proprietà delle operazioni per raggruppare e semplificare, anche mentalmente, le operazioni. - Rappresentare i numeri conosciuti sulla semiretta. - Dare stime approssimate per il risultato di una operazione e controllare la plausibilità di un calcolo. - Individuare multipli e divisori di un numero naturale e multipli e divisori comuni a più numeri - Comprendere il significato e l utilità del multiplo comune più piccolo e del divisore comune più grande, in matematica e in diverse situazioni concrete - Scomporre numeri naturali in fattori primi e conoscere l utilità di tale scomposizione per diversi fini - Usare le proprietà delle potenze anche per semplificare calcoli e notazioni. - Eseguire semplici espressioni di calcolo con i numeri conosciuti, essendo consapevoli del significato delle parentesi e delle convenzioni sulla precedenza delle operazioni. - Esprimere misure utilizzando anche le potenze del dieci e le cifre significative. - Comprendere il significato di frazione come operatore. B) SPAZIO E FIGURE - Riprodurre figure e disegni geometrici utilizzando in modo appropriato opportuni strumenti (riga, squadra, compasso e goniometro). - Conoscere definizioni e proprietà dei principali enti geometrici. - Risolvere problemi utilizzando le proprietà geometriche di segmenti e angoli. - Rappresentare punti segmenti e figure sul Piano Cartesiano. D) DATI E PREVISIONI - Rappresentare ed interpretare tabelle e grafici statistici. TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO L alunno: - si muove con sicurezza nel calcolo, ne padroneggia le diverse rappresentazioni e stima la grandezza di un numero e il risultato di operazioni; - riconosce e denomina le forme del piano e dello spazio, le loro rappresentazioni e ne coglie le relazioni tra gli elementi; - analizza ed interpreta rappresentazioni di dati per ricavarne informazioni - riconosce e risolve problemi in contesti diversi, valutando le informazioni e la loro coerenza - confronta procedimenti diversi e produce formalizzazioni che gli consentono di passare da un problema specifico ad una classe di problemi; - utilizza ed interpreta il linguaggio matematico e ne coglie il rapporto con il linguaggio naturale; - nelle situazioni d incertezza si orienta con valutazioni di probabilità 19

20 SCIENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Utilizzare concetti fisici fondamentali quali: pressione, volume, peso, massa, densità e peso specifico, temperatura e calore in varie situazioni di esperienze laboratori ali Riconoscere le somiglianze e le differenze nel funzionamento delle diverse specie di viventi Individuare la rete di relazioni tra gli esseri viventi e l ambiente TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO L alunno - esplora e sperimenta in laboratorio e all aperto lo svolgersi dei più comuni fenomeni; - sviluppa semplici schematizzazioni di fatti e fenomeni, ricorrendo a misure appropriate e a semplici formalizzazioni; - riconosce nel proprio organismo strutture e funzionamenti a livelli macroscopici e microscopici, è consapevole delle sue potenzialità e dei suoi limiti; - ha una visione della complessità del sistema dei viventi e della loro evoluzione nel tempo; - è consapevole del ruolo della comunità umana sulla terra, del carattere finito delle risorse e viene avviato ad adottare modi di vita ecologicamente responsabili; - collega lo sviluppo delle scienze allo sviluppo della storia dell uomo METODI ricorso a situazioni e problemi tratti dalla realtà che circonda gli alunni lezioni frontali lezioni dialogate lettura del testo metodo induttivo (l alunno scopre proprietà e relazioni attraverso l osservazione di fatti e situazioni reali) metodo deduttivo (l alunno trasferisce in contesti specifici procedimenti, regole, proprietà acquisiti) utilizzo di schemi e mappe concettuali controllo sistematico del lavoro svolto correzione comune del lavoro MEZZI E STRUMENTI Libri di testo Audiovisivi Computer Strumentazione di laboratorio VERIFICHE Prove d ingresso, per valutare conoscenze e abilità di base Prove in itinere strutturate in modo da verificare il raggiungimento degli obiettivi di apprendimento Prove finali strutturate in modo da verificare lo sviluppo delle competenze richieste VALUTAZIONE Modalità: le valutazioni terranno conto sia delle conoscenze e abilità acquisite sia del percorso di apprendimento di ogni alunno in base al livello di partenza. Giudizi: v. programmazione educativa e didattica di classe 20

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Traguardi e Obiettivi di Apprendimento della Scuola Secondaria di 1 grado

Traguardi e Obiettivi di Apprendimento della Scuola Secondaria di 1 grado ISTITUTO COMPRENSIVO di OPPEANO Via A. Moro, 12 tel. 045/7135458 telefax: 045/7135049 e-mail vric843009@istruzione.it - www.icoppeano.gov.it Nell ambito di una Visione Interdisciplinare, gli Insegnanti,

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Approfondimento N 2. Scuola primaria

Approfondimento N 2. Scuola primaria Approfondimento N 2 Scuola primaria, Nuclei tematici e Obiettivi di apprendimento al termine della classe quinta Italiano L'allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento Scuola primaria: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA - SITUAZIONE DI PAR ARTENZA TENZA: L analisi della situazione di partenza ha mirato a rilevare il possesso di prerequisiti considerati fondamentali per l individuazione

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE Istituto Comprensivo Ferentino 1 SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE ANNUALE anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE : il ruolo della Scuola dell Infanzia Nelle recenti Bozze delle Indicazioni Nazionali

Dettagli

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino raggruppa e ordina secondo criteri diversi, confronta

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

FINALITA FINALITA SPECIFICHE CHE COS E LA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA FINALITA SPECIFICHE CHE COS E LA SCUOLA DELL INFANZIA FINALITA Offrire un ambiente educativo e di apprendimento accogliente che riesca a favorire: 1. la crescita dell individuo come persona attraverso i valori culturali e spirituali, cristiani e non; 2. la

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Curricolo verticale di consapevolezza ed espressione culturale

Curricolo verticale di consapevolezza ed espressione culturale ISTITUTO COMPRENSIVO ARCOLA-AMEGLIA Curricolo verticale di consapevolezza ed espressione culturale DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: Storia, Geografia, Arte e immagine, Musica, Educazione fisica, Religione Anno

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme I pronomi soggetto e complemento Gli aggettivi e pronomi possessivi

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli