ISTITUTO COMPRENSIVO G. A. BOSSI di Busto Arsizio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO COMPRENSIVO G. A. BOSSI di Busto Arsizio"

Transcript

1 ISTITUTO COMPRENSIVO G. A. BOSSI di Busto Arsizio Anno Scolastico 2013/2014 (aggiornamento delibera collegio docenti 22 ottobre 2013) P.O.F. I.C. Bossi - 1 -

2 Composizione dell Istituto Analisi situazione socio economico culturale Finalità generali Documenti di programmazione: Educativa -Didattica Curricolo d istituto ( allegato1) Organigramma : risorse umane - sicurezza Analisi dei bisogni Modalità di risposta ai bisogni Attività curricolari Progetti in orario scolastico ed extrascolastico Laboratori opzionali - Attività integrative Aggiornamento dei docenti Formazione dei genitori Commissioni specifiche Alunni nuove cittadinanze (Patto accoglienza allegato 2) Utilizzo degli spazi Regolamenti (allegato 3) Docenti -Alunni Patto educativo- Statuto studenti studentesse Regolamento mensa Consiglio istituto Regolamento per coordinamento delle norme sulla valutazione degli alunni. P.O.F. I.C. Bossi - 2 -

3 L ISTITUTO COMPRENSIVO G.A. BOSSI L attuale Istituto è risultato dall unione avvenuta nell anno scolastico 2000/2001 delle seguenti scuole: Scuola Secondaria di primo grado G.A. Bossi Scuola Primaria E. De Amicis Scuola Primaria A. Manzoni Scuola Infanzia B. Garavaglia. La Sc. Secondaria di primo grado Bossi e la Sc. Primaria E. De. Amicis sono ubicate nello stesso edificio situato in via Dante, 5 di Busto Arsizio. La Sc.Primaria A. Manzoni si colloca nella zona centrale di Busto Arsizio in Piazza Manzoni, 9 nel quartiere S. Michele. La Sc. Infanzia Bianca Garavaglia si trova in via Miani 3 nel quartiere S. Giovanni. P.O.F. I.C. Bossi - 3 -

4 ANALISI SITUAZIONE SOCIO - ECONOMICO CULTURALE Nel territorio sono presenti associazioni e strutture di supporto educativo ( biblioteca comunale, cine teatro civico, gruppi sportivi e Scouts, oratori e centri di sostegno alle famiglie), che collaborano con le scuole per la realizzazione di progetti formativi. Ad essi si affiancano il Consultorio familiare e l Aias, per favorire l integrazione degli alunni, che si trovano in condizione di disagio sociale e psico/fisico. La presenza di insediamenti del settore industriale, commerciale e dei servizi incentiva il fenomeno immigratorio dai Paesi extra comunitari, rendendo necessaria l organizzazione di interventi socio educativi, finalizzati all integrazione degli stranieri nella realtà locale. La composizione socio economica dell utenza di questo Istituto è eterogenea: nelle classi infatti sono inseriti alunni che provengono da un contesto famigliare stimolante e altri appartenenti a famiglie che manifestano situazioni di disagio sociale. L utenza è inoltre costituita, da alcuni anni, anche da alunni che provengono da altri quartieri della città o dai Comuni limitrofi, circostanza che rende la popolazione scolastica soggetta a mutamenti nella composizione sociale, economica e culturale. P.O.F. I.C. Bossi - 4 -

5 FINALITÀ GENERALI Nel rispetto delle indicazioni relative al sondaggio effettuato tra i docenti, sull identità della scuola, l Istituto individua come qualificanti le seguenti finalità educative: autonomia di giudizio e capacità critica responsabilità ed impegno ad organizzarsi rispetto delle regole accettazione degli altri e disponibilità nei loro confronti sensibilizzazione alle problematiche del mondo attuale acquisizione di strumenti utili a sviluppare le attitudini personali in vista delle scelte future. Queste finalità verranno perseguite attraverso: la realizzazione di un clima sociale positivo sollecitando relazioni aperte, distese e costruttive; l organizzazione di forme di lavoro di gruppo e di aiuto reciproco, che favoriscono l iniziativa personale, il coinvolgimento intellettuale ed emotivo e la responsabilità dei singoli alunni; la prevenzione delle situazioni di disagio e insuccesso scolastico; la valorizzazione delle abilità di insegnanti, alunni, genitori; la condivisione dei diversi stili educativi delle varie scuole; la progettazione di iniziative di raccordo tra scuole ed enti presenti nel territorio; la promozione di iniziative volte a migliorare la partecipazione alla vita della scuola, intesa come centro di aggregazione socioculturale; l applicazione delle nuove tecnologie nella didattica. P.O.F. I.C. Bossi - 5 -

6 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA Allo scopo di garantire la formazione integrale della personalità degli alunni la programmazione educativa viene strutturata in base ai seguenti principi e scelte educative Progettazione dell attività didattica I documenti sono stati rivisti in sede di programmazione a settembre ed approvati dal Collegio dei Docenti. Vengono poi illustrati ai genitori nel corso della prima assemblea di classe all inizio dell anno scolastico. L organizzazione didattica sarà scandita in due quadrimestri. La chiusura del primo quadrimestre è stabilita per il 31 gennaio I documenti sopraindicati sono a disposizione dell utenza. Allegato 1 Curricolo d Istituto P.O.F. I.C. Bossi - 6 -

7 RISORSE UMANE DIRIGENTE SCOLASTICO Gaetano FERRI Funzioni strumentali Vicario Maria CAPALBO Collaboratore preside Valeria SECOL Collaboratori di plesso Maria CAPALBO (sc. E. De Amicis) Daniela GHIRINGHELLI (sc. A. Manzoni) Mariangela GASPARI (sc. B. Garavaglia) Area gestione e aggiornamento POF Giovanna TAGINI Area Orientamento Raccordo Maria Rosa D AGOSTINO Valentina PEGORARO Angelo BISIGNANO Antonella AQUILINA Area Rapporti con il territorio Mariangela GASPARI Area Intercultura Vera BELTEMPO Area Disagio scolastico Maddalena COLAMUSSI Area Informatica Mario GAGLIOTTI Milvia PARINI Sammy GALGANO Personale A.T.A. Direttore dei Servizi amministrativi e generali Anna Maria BRIGNOLI Didattica alunni Lucia CHIOLO Maria Rosaria GASPARRO Lorella MARIANI Gestione del personale docente e non docente Gestione finanziaria Patrimonio Anna Maria BRIGNOLI Maria Angela IANNIELLO Maria Rosa ZANFORLIN Affari generali Protocollo Contatto con il pubblico Lina BRAMBILLA Maria Rosa ZANFORLIN Maria Angela IANNIELLO Rosetta LO PRESTI Lorella MARIANI P.O.F. I.C. Bossi - 7 -

8 ORGANIGRAMMA SICUREZZA Dirigente Scolastico Gaetano FERRI Medico Competente Dott. Giovanni GORLETTA RSPP Dott. Marco PIATTI RLS Lucia CAPALBO ASPP Scuola Secondaria di Primo grado Ins. Luciano SPERONI ASPP Scuola Infanzia Bianca Garavaglia Ins. Mariangela GASPARI Responsabile Primo Soccorso Insegnanti: Vescio / Scotti Responsabile delle misure di prevenzione degli incendi Insegnanti: Intordonato /Spada/ Colamussi Lupi/Orsini / Bienati/ Salvatore/ Castiglioni Responsabile Primo Soccorso Ins. Mariangela GASPARI Responsabile delle misure di prevenzione degli incendi Ins. Mariangela GASPARI ASPP Scuola Primaria A. Manzoni Ins. Gaudenzia ROSSI Responsabile Primo Soccorso Insegnanti: Meneghesso /Donà Responsabile delle misure di prevenzione degli incendi Insegnanti: Rezzolla /Rossi Responsabile Primo Soccorso Scuola Primaria E. De Amicis Insegnanti: Comolli / Castronovo Ins. Luciano SPERONI Responsabile delle misure di prevenzione degli incendi Insegnanti: Comolli / Capalbo / Galgano P.O.F. I.C. Bossi - 8 -

9 ANALISI DEI BISOGNI Nel progettare e organizzare i percorsi educativi e didattici di quest anno scolastico si è tenuto conto, oltre che delle finalità già esposte, anche dei bisogni delle componenti della scuola: Alunni Docenti Famiglia Scuola Territorio emersi da una riflessione d Istituto. Successivamente, in base ai dati rilevati, si è articolata una proposta: che risponda alle richieste dell utenza; soddisfi i bisogni formativi ritenuti primari; valorizzi esperienze e competenze professionali presenti nelle singole scuole. P.O.F. I.C. Bossi - 9 -

10 Modalità di risposta ai bisogni I bisogni individuati trovano risposte : nelle attività curricolari, nell attuazione di progetti in orario scolastico ed extrascolastico, nei laboratori opzionali nell attività integrative, nell aggiornamento dei docenti, nella formazione dei docenti e dei genitori, nei lavori di commissioni specifiche. Nello specifico ci si attiverà : PER FAVORIRE L INTEGRAZIONE SCOLASTICA Ampliamento e consolidamento e/o recupero e potenziamento delle abilità attraverso l uso di strumenti e metodologie innovative e più funzionali all apprendimento nel rispetto delle differenti età evolutive. PER PROMUOVERE E MIGLIORARE LA MOTIVAZIONE DEGLI ALUNNI: Progetti, laboratori, attività curricolari ed extracurricolari che fanno riferimento alle seguenti aree: Area linguistica Area espressiva Area tecnologica scientifica Area socio affettiva. PER PROMUOVERE LA CONTINUITÀ TRA I VARI ORDINI DI SCUOLA: Vengono effettuate molte attività: - interne tra i vari settori dell Istituto comprensivo - esterne di collegamento con altre scuole del territorio. P.O.F. I.C. Bossi

11 Alfabetizzazione stranieri Collaborazione C.S.E. Filastrocche e poesie d autore in musica Francobollo H sì,h no(recupero) Mostra del libro Musica ragazzi! Pedibus Primo soccorso Orto a scuola Frutta nelle scuole MoviMente Accoglienza Psicomotricità Pappamondo Canto, suono, ballo e mi diverto La strada la conosco Dire, fare, teatrare Orto a scuola Accoglienza (Benvenuti amici!) Mostra del libro Judo-giocando L italiano per amico (Stranieri) Insieme per la scuola Francobollo Animazione musicale Frutta nelle scuole Orto a scuola Recupero Mostra del libro Laboratorio di storia del 900 Fine anno in musica e danza Orto a scuola Madrelingua inglese Alfabetizzazione stranieri Latino Recupero potenziamento francese Recupero Scuola e povertà Primo soccorso Educare alla legalità Gruppo sport P.O.F. I.C. Bossi

12 SINTESI PROGETTI ISTITUTO COMPRENSIVO A. G. BOSSI Anno scolastico P.O.F. I.C. Bossi

13 P.O.F. I.C. Bossi

14 P.O.F. I.C. Bossi

15 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO G. A. BOSSI Progetto Referente Finalità/obiettivi Destinatari Alfabetizzazione Vescio Caterina Alunni stranieri neo arrivati di prima stranieri Creare opportunità formative consone agli alunni alfabetizzazione Laboratorio di Rabolini Favorire una metodologia della ricerca sia per l approfondimento di conoscenza dei nodi Tutti gli alunni (con particolare storia Antonella strutturali del percorso storico sia per il miglioramento dell organizzazione logica attenzione agli alunni di terza Fine anno in musica e danza Aquilina Antonella Madrelingua inglese Recupero Candusso potenziamento Nicoletta francese Mostra del libro Rabolini / Vignati individuale Consolidare la tecnica strumentale e vocale; fare esperienza di musica d insieme per maturare atteggiamenti e consapevolezze di sé; favorire lo sviluppo della personalità utilizzando il movimento corporeo come mezzo espressivo e di comunicazione non verbale; incentivare la motivazione degli alunni all impegno sia scolastico che sportivo. Zannoni Angela Migliorare le competenze linguistiche; far sperimentare un incontro diretto con persone di tradizioni linguistiche diverse dalle loro. Acquisire le conoscenze minime ed essere in grado di cogliere il contenuto di testi semplici su argomenti noti per affrontare la verifica d esame. Promuovere un atteggiamento positivo nei confronti della lettura; favorire l avvicinamento affettivo ed emozionale dell alunno al libro; fornire le competenze per realizzare un rapporto attivo e costruttivo con il libro;educare all ascolto a ella comunicazione con gli altri, stimolare negli alunni l interesse a testi di tipo diverso e il piacere della lettura. Introdurre gli allievi alle prime e basilari conoscenze della lingua latina e all acquisizione di un metodo di studio per l approccio alla materia. Latino Castiglioni Elena Scuola e povertà Nicora Crescita in umanità che può portare beneficio a tutta la società, cominciare dal singolo e quindi alla scuola e alla famiglia. Primo soccorso Ticchiarelli Possedere le nozioni fondamentali di primo soccorso così da evitare rischi o Leonilde comportamenti dannosi per sé e per gli altri e diventare più consapevoli delle responsabilità che ogni persona ha nei confronti dello star bene collettivo. Orto a scuola Zanardi La proposta è finalizzata ad influire positivamente sulla qualità della vita dei soggetti dell educazione per promuovere benessere, cultura e socializzazione. Incontro con la Candusso Fornire una corretta informazione sui rischi e le opportunità offerte dalla rete. polizia postale Nicoletta Farmacisti nelle Ticchiarelli Attività di prevenzione alla luce dei dati allarmanti sulla tossicodipendenza a scuola forniti scuole Leonilde dall Osservatorio sulle Dipendenze dell ASL di Varese. Gruppo sport Speroni Luciano Si mira a realizzare un sano confronto attraverso semplici forme competitive fra alunni; a far intendere l agonismo come impegno a dare il meglio di se stessi oltre cha ad approfondire e a consolidare tecniche specifiche. media) Tutti gli alunni Terze Terze Tutti gli alunni Terze Terze primaria prime secondaria primo grado Terze Prime Terze Terze Tutti gli alunni P.O.F. I.C. Bossi

16 Attività di arricchimento e ampliamento Recupero e Potenziamento Integrazione stranieri C.S.E MOTIVAZIONE Accoglienza Orto a scuola Mostra del libro Festa della scuola INTEGRAZIONE SCOLASTICA Musica Laboratorio storia Latino Inglese Francese Francobollo Pedibus La strada la conosco Psicomotricità Sport Primo soccorso Ed. Legalità Frutta nelle scuole Pappamondo Chiocciolina CONTINUITÀ P.O.F. I.C. Bossi

17 Verifica e valutazione La valutazione degli alunni l autovalutazione La valutazione e l autovalutazione d Istituto assumono una preminente funzione formativa, di accompagnamento nel processo di apprendimento e di stimolo al miglioramento continuo. La valutazione degli alunni è di competenza dei docenti, avviene in relazione ai risultati formativi raggiunti dagli alunni. Allegato 4 Regolamento per coordinamento sulle norme della valutazione degli alunni Sono previsti inoltre momenti di verifica e valutazione dei processi e dei risultati prevalentemente per quegli interventi a carattere extracurricolare e che prevedono la partecipazione di risorse esterne. per docenti (in itinere e alla fine) attraverso: incontri collegiali; strumenti in uso per le modalità valutative riferite al proprio ambito disciplinare; per genitori attraverso:; questionari e/o momenti assembleari o (se è il caso) per indicazioni di tipo propositivo con sondaggi di vario tipo. Documentazione progetti Ogni progetto sarà documentato dai docenti interessati dettagliando obiettivi, metodi, contenuti, tempi, costi, sistemi di verifica e valutazione. I materiali che verranno realizzati nelle varie attività, saranno raccolti e fatti conoscere attraverso mostre, feste, giornalini e prodotti multimediali. Gli strumenti di valutazione dei progetti, la raccolta dei dati e la loro diffusione verranno curati dalla F.S. Tagini Giovanna. P.O.F. I.C. Bossi

18 Orario delle lezioni ORARIO SETTIMANALE DELLE LEZIONI Ore settimanali MATERIE D INSEGNAMENTO G. A. Bossi 1^ classe 2^classe 3^ classe Scuola secondaria primo grado I.R.C. 1 Italiano 5 Approfondimento italiano 1 Storia e Geografia 4 Lingua straniera INGLESE 3 Lingua straniera FRANCESE 2 Matematica e Scienze 6 Tecnologia 2 Arte e Immagine 2 Musica 2 Ed. Fisica 2 TOTALE 30 MATERIE D INSEGNAMENTO E. De Amicis e A. Manzoni Scuola primaria ORARIO SETTIMANALE DELLE LEZIONI prime TEMPO PIENO E. De Amicis seconde terze quarte quinte Ore settimanali TEMPO PROLUNGATO A. Manzoni prime seconde terze quarte quinte Laboratori I.R.C Italiano Lettura Matematica Logico matematico Scienze Storia Geografia Approfondimento Inglese Tecnologia Arte e immagine Musica Ed. Fisica TOTALE P.O.F. I.C. Bossi

19 EDUCAZIONE ALLA SALUTE Scuola secondaria di primo grado Questa attività permette di approfondire argomenti affrontati durante le ore curricolari di lezione, grazie all intervento di personale qualificato. Sono dunque previsti incontri con esperti esterni alla scuola sulle seguenti tematiche: igiene ambientale e personale; educazione alimentare; educazione all affettività e alla sessualità; prevenzione delle tossicodipendenze; prevenzione malattie infettive; Per le classi seconde e terze si tengono ogni anno lezioni di primo soccorso. Scuola infanzia e scuola primaria Le attività e gli argomenti sono parte integrante della programmazione curricolare delle varie discipline. EDUCAZIONE STRADALE Nelle scuole medie ed elementari durante le ore curricolari, oltre alle attività già attuate nell ambito delle discipline, sono previsti incontri col Comandante dei Vigili urbani ed uscite didattiche. Alla scuola d infanzia i bambini di 5 anni effettuano un percorso per la sensibilizzazione all educazione stradale durante alcuni incontri tenuti nel corso dell anno scolastico. ORIENTAMENTO Nel nostro progetto educativo è da intendersi come un processo continuo di formazione - informazione che interessa trasversalmente tutte le discipline assumendo aspetti diversi secondo l età dell alunno e mirando sempre ad un consolidamento della personalità, alla formazione culturale, allo sviluppo di autonomia decisionale. La nostra scuola aderisce alla rete cittadina che coordina le attività di orientamento fra i diversi ordini scolastici sul territorio di Busto Arsizio. Nel nostro Istituto l orientamento si articola, a livello di scuola media, in tre fasi con i seguenti criteri: Classi prime Promuovere la consapevolezza di sé attraverso il potenziamento delle capacità percettive Acquisire abilità sociali e relazionali Orientarsi nell ambiente fisico e relazionale dell istituzione Conoscere il territorio in relazione anche ai diversi settori produttivi Acquisire strumenti base per la lettura e la conoscenza dei vari aspetti della realtà ( elaborazione ed analisi di carte, tabelle, grafici, mappe concettuali./ avvio alla acquisizione di un metodo di studio) P.O.F. I.C. Bossi

20 Classi seconde Promuovere la conoscenza di sé anche in rapporto agli altri Saper interagire in un gruppo allargato, saper riflettere sull assunzione di ruoli e responsabilità Riflettere sulle proprie abilità e sulle difficoltà incontrate nei vari percorsi di studio e nelle attività; Conoscere le modificazioni che i processi lavorativi hanno avuto nel tempo Prendere coscienza dei propri interessi, delle proprie capacità, attitudini e motivazioni attraverso colloqui, discussioni e riflessioni, anche con l uso di questionari e test attitudinali Classi terze Conoscere i diversi percorsi scolastici dopo la terza media Conoscere le diverse istituzioni scolastiche del territorio Sviluppare negli alunni competenze decisionali attraverso incontri con insegnanti ed alunni delle scuole superiori Consolidare le competenze trasversali necessarie a favorire il successo formativo; Promuovere abilità e capacità funzionali al saper scegliere nelle situazioni quotidiane anche attraverso la partecipazione ad incontri/eventi di interesse formativo Motivare ulteriori apprendimenti. CINEFORUM, SPETTACOLI TEATRALI E MUSICALI L attenzione nei confronti dei vari linguaggi e delle diverse modalità di comunicazione favorisce sia l attività di cineforum, condotta in armonia con le scelte del Consiglio di Classe (Sc. Media)sia la visione di videocassette e la partecipazione a spettacoli teatrali in italiano e in lingua straniera e musicali e ai film proposti dal circuito comunale per tutte le classi dell Istituto. VISITE D ISTRUZIONE Vengono organizzate durante l anno scolastico con lo scopo di approfondire e verificare contenuti didattici sviluppati nell ambito delle attività curricolari. Per delibera del Collegio dei Docenti, ciascuna classe effettua almeno una visita d istruzione all anno, mentre le visite sul territorio possono essere programmate dai docenti ogni volta lo ritengano opportuno. GITA SCOLASTICA È un uscita della durata di un giorno (due per la terza media) e viene organizzata con finalità educative (socializzazione) e didattiche, in base: al programma svolto; alle esigenze degli alunni, con particolare attenzione ai portatori di handicap. SETTIMANA BIANCA Vede coinvolte le classi quarte e/o quinte della scuola primaria dell Istituto. Gli alunni, accompagnati dai loro docenti, partecipano alla settimana bianca organizzata dal comune presso la colonia Comerio di Aprica. P.O.F. I.C. Bossi

21 ATTIVITÀ SPORTIVE Oltre alle normali attività condotte durante le lezioni di Ed. Fisica, gli insegnanti di scuola secondaria di primo grado organizzano, nelle ore pomeridiane, un gruppo sportivo per la preparazione degli alunni ai Giochi Studenteschi. Ogni anno viene organizzata la giornata sportiva d istituto che coinvolge in due momenti diversi le classi dell istituto: o Seconda e terza media; o Quinte A. Manzoni, E. De Amicis e prima media. Gli alunni di tutte le classi della sc. E. De Amicis partecipano al corso di nuoto che si tiene durante le ore scolari del secondo quadrimestre. ATTIVITÀ DI INTEGRAZIONE SCUOLA-FAMIGLIA Il Comitato Genitori organizza attività ludico ricreative in collaborazione con i docenti in diversi momenti dell anno scolastico.(festa Carnevale, Festa Natale, Festa fine anno ) PER L AGGIORNAMENTO DEI DOCENTI: Corso di formazione o aggiornamento. Nello specifico : Curricolo ( aggiornamento in merito alle Nuove Indicazioni) BES Aggiornamento 626 Registro on-line P.O.F. I.C. Bossi

22 PER RISPONDERE ALLE DIVERSE ESIGENZE EDUCATIVE GRUPPO H D ISTITUTO COMMISSIONE BIBLIOTECA SPETTACOLI COMMISSIONE INFORMATICA COMMISSIONE SPORT GRUPPO LAVORO INCLUSIVITÀ COMMISSIONI COMMISSIONE studio Aggiornamento nuovi curricoli COMMISSIONE ORIENTAMENTO RACCORDO COMMISSIONE SICUREZZA COMMISSIONE GITE COMMISSIONE Formazione classi prime (scuola secondaria primo grado) Finalità e attività COMMISSIONE ORIENTAMENTO RACCORDO potenziare o creare collegamenti con scuole dello stesso ordine o di ordine diverso; seguire la realizzazione di percorsi formativi ormai consolidati che coinvolgono le sc. d Infanzia, le sc. Primarie e le sc. Secondarie di primo grado, valorizzando anche iniziative e attività già in atto; ( attività ponte, festa dell accoglienza, colloqui tra i docenti dei diversi ordini e con i genitori dei futuri iscritti, visita delle scuole, scuola aperta ) avviare un confronto sugli obiettivi educativi perseguiti nei vari ordini scolastici ogni anno le insegnanti di classe quinta e di classe quarta organizzano la festa dell accoglienza con momenti ludico didattici e una breve visita alla nuova scuola. ogni anno le insegnanti di classe quinta e di classe quarta organizzano la festa dell accoglienza con momenti ludico didattici e una breve visita alla nuova scuola. P.O.F. I.C. Bossi

23 COMMISSIONE BIBLIOTECA CINEFORUM SPETTACOLI TETRALI BIBLIOTECA suscitare negli alunni la motivazione alla lettura e il piacere di leggere in un ambiente che stimoli la creatività; sensibilizzare i ragazzi verso il libro inteso come oggetto culturale, strumento di gioco, di divertimento e di conoscenza. catalogazione libri di lettura donati alla scuola; organizzazione prestito bibliotecario CINEFORUM (scuola secondaria di primo grado) avvicinare i ragazzi alla conoscenza dei generi cinematografici (sono in dotazione numerosi film adatti ad un pubblico giovane); offrire l opportunità di assistere ad uno spettacolo teatrale (e musicale) accuratamente scelto tra le varie proposte delle compagnie più qualificate; supportare ed integrare l attività didattica, anche grazie alla disponibilità dell Istituto di un buon numero di videocassette che interessano le diverse aree tematiche e sono corredate da questionari di comprensione e di analisi del linguaggio filmico. Attività: analizzare e valutare il materiale audiovisivo in possesso dell Istituto da tenere o eliminare; valutare le proposte cinematografiche e selezionare quelle più valide da un punto di vista didattico da proporre ai colleghi; valutare le offerte di spettacoli teatrali e coinvolgere i docenti interessati, tenendo conto della sostenibilità economica e della validità culturale. COMMISSIONE INFORMATICA favorire la conoscenza e l utilizzo delle nuove tecnologie; mettere gli insegnanti in condizione di usufruirne; predisporre le apparecchiature per le attività didattiche; sviluppare i collegamenti con altre esperienze educative attraverso la rete Internet. stampa schede di valutazione (scuola secondaria primo grado) P.O.F. I.C. Bossi

24 COMMISSIONE SICUREZZA curare i piani di evacuazione delle varie scuole; predisporre piante aggiornate che forniscano le indicazioni opportune a tutti gli utenti (tali cartine dovranno essere affisse in ogni aula); segnalare i possibili rischi inoltrando le richieste all Autorità proprietaria degli edifici; mettere a punto strategie d intervento nelle classi per sensibilizzare alunni e docenti sull argomento; valutare le difficoltà incontrate durante le prove di evacuazione dei plessi (attuate ogni anno) per poter migliorare l intervento e superare le difficoltà incontrate. Come già previsto dalle precedenti normative, tutti i docenti dell Istituto hanno seguito la formazione individuale multimediale e vengono periodicamente coinvolti in riunioni plenarie per verificare le indicazioni generali relative alla Sicurezza dell edificio. Ogni edificio dell Istituto è stato dotato di segnaletica adeguata alle norme per le indicazioni delle vie d uscita e alle restrizioni di accesso ai vari ambienti. COMMISSIONE Formazione classi prime (scuola secondaria primo grado) recuperare informazioni sugli alunni; organizzare le classi in funzione dei dati raccolti e secondo i seguenti criteri deliberati dagli organi collegiali: a. ripartizione bilanciata e compensata delle fasce di livello b. conservazione del gruppo classe c. separazione degli alunni particolarmente vivaci d. distribuzione equilibrata dei maschi e delle femmine e. inserimento degli alunni portatori di handicap f. inserimento degli alunni ripetenti P.O.F. I.C. Bossi

25 COMMISSIONE SPORT Sc. primaria E. De Amicis valutare le diverse proposte sportive (judo, psicomotricità, nuoto, panathlon, karaté) presenti nel territorio organizzare le attività sportive scelte dal plesso; gestire ed organizzare gli orari delle attività stesse tenendo conto delle esigenze di ogni classe gestire i rapporti con le società e/o enti esterni; tenere i contati con eventuali esperti di disciplina. COMMISSIONE GITE Scuola secondaria primo grado G. A. redigere il piano delle visite di istruzione e delle uscite didattiche da sottoporre ai Consigli di Classe; predisporre il bando di gara per l appalto alle Agenzie; valutare le offerte ricevute; prenotare le visite ai musei e alle strutture, laddove possibile; gestire le sostituzioni degli accompagnatori; raccogliere dai Coordinatori di classe le quote e le autorizzazioni necessarie; versare le somme dovute all IC sul conto dedicato; valutare la qualità del servizio; tenere i contatti con le agenzie; recuperare quanto possibile dagli alunni con difficoltà economiche; assicurare la partecipazione ad eventuali portatori di handicap fisico. P.O.F. I.C. Bossi

26 COMMISSIONE H All interno dell Istituto, per garantire l integrazione scolastica intesa come sviluppo delle potenzialità della persona diversamente abile nell apprendimento, nella comunicazione nelle relazioni e nella socializzazione (Legge quadro n.104 del 92) sono presenti un gruppo H d Istituto e, per ogni plesso, una commissione H. Componenti gruppo H Dirigente scolastico Docenti di sostegno dell Istituto Rappresentanza dei docenti curricolari (scuola media G.A.Bossi) Rappresentanza docenti di modulo ( scuola primaria E. De Amicis, A.Manzoni ) Rappresentanza docenti di sezione ( scuola Infanzia B. Garavaglia ) Assistenti comunali Rappresentanza dei genitori Componenti commissione H Docenti di sostegno Docenti di modulo con alunni portatori di H Il gruppo H si occupa Della definizione dell orario per il sostegno Dei rapporti con: ASL-Enti Locali- famiglie Dell offerta di risorse adeguate all integrazione della persona nella scuola e nel sociale Della formulazione di piani educativi individualizzati calibrati sull individuo atti a favorire il processo formativo Dell orientamento e dell inserimento nella scuola di grado successivo. Finalità Attivare incontri preliminari con gli operatori scolastici per reperire informazioni sui soggetti in entrata Reperire ed esaminare la documentazione diagnostica e i materiali di programmazione educativo didattica per garantire una anamnesi corretta Valutare i bisogni del singolo individuo per garantire un ambiente idoneo all accoglienza e all integrazione Favorire incontri con le famiglie o gli enti affidatari Promuovere rapporti collaborativi con gli operatori degli enti locali Operare osservazioni sistematiche atte a garantire una conoscenza diretta dell individuo rispetto ai bisogni,alle potenzialità, alle difficoltà che dimostra di incontrare in settori di attività Partecipare all elaborazione, alla verifica e all aggiornamento del P.D.F e del P:E.I Promuovere attività integrative (laboratori, attività sportive.) atte a favorire la formazione della persona Predisporre attività di orientamento che consentano scelte adeguate per il futuro Facilitare la circolazione della documentazione nel passaggio da un grado di scuola all altro Diffondere informazioni relative alle risorse operanti sul territorio Mantenere contatti con i gruppi H di rete regionali per promuovere confronti costruttivi Acquisire materiale strutturato. P.O.F. I.C. Bossi

27 ALUNNI NUOVE CITTADINANZE Nel corso di questi anni il processo migratorio in atto ha trasformato l utenza scolastica che è andata via via configurandosi come entità multietnica, sollecitando, tra i docenti, riflessioni pedagogiche e didattiche concretizzate in specifiche azioni educative e progettuali volte all inserimento e all integrazione dei discenti nel tessuto scolastico e sociale. Il nostro Istituto, comprendente tre ordini di scuola,, per rispondere in modo sempre più efficace e significativo, oltre che continuativo alla situazione, ha messo in atto il meglio delle pratiche interculturali per approdare infine alla realizzazione di un progetto più completo che abbia tra le sue finalità anche quella dell INCLUSIONE. Affinché si valorizzi la diversità, portata da ognuno, attraverso il rispetto reciproco e un piano di intervento individualizzato che consenta di sentirsi inclusi nella scuola e di riflesso nella società. La scuola, in questo nuovo assetto sociale, assume un impronta interculturale fondata su finalità di: Reciproca conoscenza culturale. Sviluppo dell identità culturale di tutti gli alunni. Prevenzione dell eventuale disagio e della dispersione scolastica. Cooperazione con gli Enti preposti all istruzione, affrontando dialetticamente la complessità, agendo su più fronti: A livello territoriale dal 2002 tra cinque Istituti Comprensivi Cittadini, attraverso un protocollo d intesa di intenti formativi, educativi e finanziari, si è istituita la Rete Intercultura Agorà nell Arcobaleno che mira ad ottimizzare le risorse ministeriali e territoriali, progettando interventi educativi sistematici e continuativi, attraverso un confronto didattico propositivo. A livello di Collegio Docenti gli insegnanti organizzano progetti di alfabetizzazione linguistica o interculturali specifici per le singole esigenze. A livello d Istituto Comprensivo, attraverso fondi erogati per le arre a forte processo migratorio, proseguono alcune attività progettuali avviate negli anni precedenti. Attualmente nell Istituto sono presenti le figure in rete di insegnanti incaricate dal PAISS che svolgono attività di alfabetizzazione per alunni di recente immigrazione (Silvia De Bernardi e Giovanna Mazzotti) Per la sc. Secondaria di primo grado anche quest anno prosegue il progetto-pilota che prevede un Laboratorio Linguistico di prima alfabetizzazione per alunni neo arrivati che hanno bisogno di appropriarsi in breve tempo dello strumento linguistico. Il laboratorio ( che sarà gestito dalle insegnanti Silvia De Bernardi e Giovanna Mazzotti) accoglierà gli alunni delle scuole secondarie di 1 grado dei cinque Istituti Comprensivi Cittadini nella Rete Intercultura Agorà nell Arcobaleno come da calendario consegnato agli alunni interessati. Le scelte didattiche e organizzative con lo scopo di favorire la frequenza e l integrazione scolastica degli alunni stranieri, sono ispirate dalle seguenti Finalità Educative: creare un clima di accoglienza tale da ridurre al minimo, nell alunno non autoctono o neoautoctono, la percezione di sé come minoranza; facilitare l'apprendimento linguistico; attingere dal patrimonio letterario e artistico del paese o dell'area di riferimento, per valorizzare le radici culturali. Per organizzare al meglio l accoglienza e l inserimento sia degli alunni stranieri che si iscrivono all inizio dell anno scolastico, sia di quelli che arrivano nel corso dell anno, (come si evince nel nostro protocollo d accoglienza) si predispongono schede di accoglienza e test che permettano di valutare le capacità logiche e linguistiche ed il livello di conoscenza della lingua italiana. Le progettazioni specifiche attuative delle suddette finalità, verranno elaborate e aggiornate periodicamente dai docenti referenti e allegate al POF. P.O.F. I.C. Bossi

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

Rapporto di autovalutazione

Rapporto di autovalutazione Rapporto di autovalutazione Sommario 1. Codice meccanografico istituto principale...3 2. Griglie di autovalutazione...3 1.1 Esiti...3 1.2 Contesto e risorse...4 1.3 Processi...5 3. Individuazione obiettivi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c.

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c. ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE Regolamento Regolamento GLHI del gruppo di lavoro sull handicap Ai sensi dell art. 15 c. L 104/92 Approvato dal Consiglio di stituto in data 08/07/2013 1 Gruppo di Lavoro

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 3 SAN BERNARDINO BORGO TRENTO Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente Via G. Camozzini, 5 37126 Verona (VR) Tel.

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA RISULTANZE MONITORAGGIO GENITORI A.S. 2012-13

SCUOLA DELL INFANZIA RISULTANZE MONITORAGGIO GENITORI A.S. 2012-13 SCUOLA DELL INFANZIA RISULTANZE MONITORAGGIO GENITORI A.S. 2012-13 STRUTTURE PULIZIA AMBIENTI 12 10 8 6 4 2 servizio di pulizia efficiente 10 0,0 AMBIENTI ADEGUATI ALLA FUNZIONE 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1 AMBIENTI

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

1 O. NEURATH, Il viaggio

1 O. NEURATH, Il viaggio ...Siamo come dei marinai che debbono ricostruire la loro nave in mare aperto... Essi possono usare il legname della vecchia struttura per modificare lo scheletro e il fasciame dell'imbarcazione, ma non

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

1 Circolo Didattico di Abbiategrasso

1 Circolo Didattico di Abbiategrasso 1 Circolo Didattico di Abbiategrasso Anno Scolastico 2011/2012 1 Indice Mappa pag. 3 La struttura del Circolo pag. 4 Premessa pag. 5 Obiettivi formativi Scuola dell Infanzia pag. 7 Obiettivi Formativi

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE Anno scolastico 2012-2013 INSEGNANTI Clagluna Alessandra Corvitto Giovanna De Gaetanis Antonella Ficicchia Valeria Giuliani Cristina

Dettagli

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Tirocinio indiretto per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Studentesse/Studenti senza riduzione oraria: 75 ore indiretto, di queste 15 ore dedicate all inclusione Studentesse/Studenti

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave CARTA DEI SERVIZI Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave Provincia Reg. le di Catania 1 1. Premessa La presente Carta dei Servizi rappresenta

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIPARIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli