PREMESSA IL NOSTRO ISTITUTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PREMESSA IL NOSTRO ISTITUTO"

Transcript

1 1

2 PREMESSA Il piano dell offerta formativa dell I.C. Statale Dante Alighieri: nasce dall esigenza di ricercare intendimenti comuni in merito a finalità educative, metodologie, strumenti, criteri di valutazione presuppone l impegno degli operatori ad adeguare il proprio lavoro alle scelte concordate tiene conto delle diversità presenti nella Scuola si ispira alle leggi 517/77, 59/97, 53/03 e seguente d.lgs. 59/2004 e si allinea alle Indicazioni per il curriculo pubblicate nel settembre 2007 si realizza attraverso un lavoro di ricerca e di approfondimento, di confronto di esperienze diverse, sempre nel rispetto delle scelte collegiali degli Organi competenti si modifica attraverso verifiche periodiche. IL NOSTRO ISTITUTO L Istituto Comprensivo Statale Dante Alighieri è situato in due edifici: in Via Cassiodoro, 2A hanno sede: la Scuola Primaria, ex Umberto I (tel fax ), la Scuola Secondaria di I grado, Dante Alighieri ( tel fax ); in Via Camozzi, 6-8 ha sede: la Scuola Secondaria di I grado, Dante Alighieri (tel fax ) La Scuola dispone dei seguenti locali: Sede di Via Cassiodoro : Scuola Primaria e Scuola Secondaria Piano Terra: a) Aule utilizzate dalla Scuola dell'infanzia b) Spazi condivisi con la Scuola dell'infanzia Aula di Euritmica Biblioteca Teatro Mensa Palestra coperta N 2 Cortili Servizi igienici Ascensore Primo piano : Scuola Primaria a) N 15 aule per le normali attività didattiche, adeguatamente attrezzate per lo svolgimento delle lezioni b) Aula d Inglese c) Laboratorio di informatica d) Locale di Servizio e) Locale per il Personale ATA f) Laboratorio di Scienze g) Aula pre-post scuola con balcone h) Aula di accoglienza i) Servizi igienici Secondo piano : Scuola Secondaria a) Sala professori b) N 13 Aule per le normali attività didattiche, adeguatamente attrezzate per lo svolgimento delle lezioni c) Aula Magna d) Laboratorio d Informatica e) Presidenza f) n. 3 locali di Segreteria 2

3 g) Biblioteca h) Servizi igienici i) Lavagne elettroniche multimediali (LIM) in dotazione in alcune aule Terzo piano : Scuola Primaria e Scuola Secondaria a) N 4 aule per le normali attività didattiche, adeguatamente attrezzate per lo svolgimento delle lezioni b) Aula sussidi e materiale vario c) Auletta con PC e laboratorio d) Archivio e) Servizi igienici Sede di Via Camozzi Piano Interrato a) Teatro b) Aula con maxischermo c) Archivio d) Locale chiuso, aperto solo all esterno dell edificio scolastico occupato dall ACEA e) Servizi igienici f) Scala di accesso g) Laboratorio di ceramica con forno professionale ed attrezzature inerenti h) Aula di Educazione Artistica, con diversi sussidi didattici per lo sviluppo della creatività e della manualità i) Laboratorio di psicomotricità, spazio educativo contenente sussidi didattici, per facilitare lo sviluppo delle capacità logiche di coordinamento l) Biblioteca: è in atto una riorganizzazione della biblioteca in quanto luogo privilegiato della ricerca capace di sollecitare gli scolari alla lettura e all approfondimento di argomenti pluridisciplinari m) Locali per lo svolgimento della mensa Piano Terra a) Serie di spogliatoi b) Palestra c) Vicepresidenza d) Aula dei professori e) Locali servizi f) Segreteria g) Locale per i collaboratori scolastici h) N 5 aule che si affacciano sul cortile interno i) Servizi igienici l) Laboratorio di Musica m) Locale polivalente usato da piccoli gruppi di alunni n) Aula in corso di ristrutturazione o) Aula di Sostegno Primo piano a) N 4 aule b) Servizi igienici c) Laboratorio di Scienze d) Aula per le compresenze ed il Sostegno e) Laboratorio di Informatica f) Lavagne elettroniche multimediali (LIM) in dotazione in alcune aule 3

4 IL TERRITORIO L Istituto Comprensivo Dante Alighieri, comprendente la Scuola Primaria ex Umberto I e la Scuola Secondaria di Primo Grado, si trova nel quartiere Prati, in un territorio pianeggiante sulla riva destra del fiume Tevere; confina con il quartiere delle Vittorie, in cui è situata la sede di Via Camozzi, con il rione Borgo e la Città del Vaticano. Fa parte del I Municipio. La toponomastica del quartiere si ispira prevalentemente agli Eroi del Risorgimento, ai grandi condottieri dell antica storia romana e ai letterati dell età classica. Nel Medioevo la zona fu chiamata Prata San Petri oppure Prati di Castello per la presenza di Castel Sant Angelo. Nell Ottocento i Prati di Castello si presentavano come una grande distesa, divisa in vigneti e orti, con qualche casolare qua e là trasformato in osteria. Era il luogo delle gite domenicali e delle passeggiate in campagna dei romani di allora. Tra la fine dell Ottocento e l inizio del Novecento furono edificati i primi palazzi, furono costruite le caserme tra Viale Delle Milizie e Viale Giulio Cesare, arrivarono i primi tram e nel 1921 il quartiere fu ufficialmente costituito come l ultimo dei Rioni storici di Roma, il XXII, adottando come stemma il Mausoleo di Adriano. Le prime abitazioni divennero residenza delle famiglie dei funzionari del giovane stato italiano. Oggi gli abitanti del quartiere appartengono alla fascia medio-alta, impegnata soprattutto nel settore terziario (attività commerciali - libera professione). Il bacino di utenza scolastica si è ampliato con l espansione urbanistica verso Monte Mario e la presenza, nel quartiere, di servizi importanti come la RAI, i Tribunali, la Corte dei Conti. Gli studenti, data la presenza di numerosi uffici, provengono anche da altre zone della città, determinando il fenomeno del pendolarismo. Sono in progressivo aumento gli alunni stranieri, figli di immigrati spesso occupati presso famiglie residenti. Nel territorio sono presenti associazioni socio-culturali, sportive, ricreative e tutti i servizi offerti dal I Municipio. Nel quartiere, a ridosso del centro storico della città, sono presenti monumenti importanti come Castel Sant Angelo, il Palazzo di Giustizia, la Chiesa Valdese. I giardini della Mole Adriana, durante l anno, sono luogo di manifestazioni sportive e culturali per adulti, ragazzi e bambini. Per questi ultimi rappresentano l unico spazio verde del territorio che offre possibilità di movimento e svago. L utenza scolastica del nostro Istituto presenta per la maggior parte un buon background culturale, già maturato nel contesto extrascolastico. Sede di Via Camozzi Scuola Secondaria di I grado La scuola occupa parte di un grande e complesso edificio scolastico che comprende anche l Istituto Vaccari, la Scuola dell infanzia C. Colombo e il Liceo Scientifico Talete, l appartamento della portiera ed una sede dell A.I.D.O.. Tale edificio è stato costruito tra il 1930 e il 1931 su progetto dell ing. R. Marino per ospitare la scuola elementare C. Colombo. Si può osservare il gusto dell epoca nella facciata, nei portali e nei decori: alcuni testi d arte ricordano l opera dell artista Duilio Cambellotti nella decorazione di un salone interno. Divenne scuola media A. Pacinotti intorno agli anni Sessanta; in seguito, accorpandosi con l altra sede, assunse il nome di Dante Alighieri e nel 2001 diviene sede succursale dell I.C.S. Via Cassiodoro.A partire da ottobre 2010 riprende ufficialmente il nome di Dante Alighieri. La sede è situata in Via Camozzi 6-8, angolo Viale Angelico, a poca distanza dalla fermata della metropolitana A di Via Ottaviano ed è ben collegata alla città da numerose linee di autobus che transitano nelle vie limitrofe. La sede centrale è raggiungibile a piedi in circa quindici minuti. Appartiene al I Municipio e il suo bacino d utenza può essere indicativamente compreso tra i quartieri Trionfale, Prati e Delle Vittorie, tutte zone che si sono sviluppate urbanisticamente tra la fine dell Ottocento e la prima metà del Novecento. 4

5 ORGANIGRAMMA I.C. DANTE ALIGHIERI anno scol. 2013/14 DIRIGENTE SCOLASTICO Resp. Sicurezza Prevenzione e Protezione Arch. Cristina Maiolati Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi Sig.ra Maria Gallo Prof.ssa Giovanna D Arco D Arco 1 Collaboratore Vicario Prof.ssa Giuliana Sanguigni Responsabili del plesso di via Camozzi Prof.ssa Pesce Prof. Trapuzzano Personale ATA Personale Docente FS 1 Monitoraggio Progetti POF Prof. Carucci Navid FS 2 Servizio ai docenti Prof.ssa Moschella Chiara Prof.ssa Frisone Nunzia FS 3 Continuità e Orientamento Alunni Prof.ssa Basilicata Maddalena (sc.primaria) Prof.ssa Pietraroia Laura M.(sc.second) FS 4 Progetti territoriali ed educazioni FS 5 FUNZIONI STRUMENTALI AL POF Prof.ssa Rozza Laura Maria NuoveTecnologie Prof.ssa Piscitelli Letizia FS 6 Disabilità Prof.ssa Rossi (sc. prim.) Prof.ssa Albanese (sc. second.) Responsabili dei Laboratori Lab. Informatica. Prof.ssa Lucente T. Prof. Iscaro M. Prof. Meloselli F. Lab. Scientifico Prof.ssa Fazzini P. Commissione POF Prof.ssa Moschella C. Prof.ssa Tavernise V. Lab. Artistico Prof.sse Meloselli F. Prof.ssa Di Bucchianico Lab. Musicale Prof.ssa Coluccelli C. Prof.ssa Romanò P. COMMISSIONI Commissione Elettorale Prof.ssa Massa R. Prof. Trapuzzano M. Commissione Formazione Classi Prof.ssa Berchicci R. Prof.ssa Emili S. Prof.ssa Cardarelli E. Comitato Valutazione Prof.ssa Piscitelli L. Prof.ssa Pietraroia L. Com. Attività Artistiche Prof.ssa Romanò P. Prof.ssa Coluccelli C. Prof.ssa Di Bucchianico D Prof. Meloselli F. Com. Autovalutazione d Istituto Prof.ssa Prof.ssa Garagnani E. Garagnani Prof.ssa Scarcella E. M.A. Prof.ssa Scarcella M.A. R.S.U Sig.ra Di Rocco P. Prof.ssa Giurgola L.. Prof.ssa jelitro C. R. 5 L. S. Sig.ra Di Rocco P.

6 ORARIO AULA EURITMICA anno scolastico : :30 MATERNA I A 10: :30 12:30 II A II D IV A 13: :30 15:30 I B II B V A II C I C I D II D 16:30 6

7 ORARIO PALESTRA anno scolastico ore lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì 08:00 08:30 M E D I A 09:00 09:30 M E D I A III B 10:00 10:30 11:00 M E D I A M E D I A M E D I A 11:30 M E D I A 12:00 III C 12:30 13:00 V B 13:30 M E D I A 14:00 14:30 15:00 IV B 15:30 III A 16:00 IV C V D 16:30 7

8 TEATRO anno scolastico ore LUNEDI' MARTEDI' MERCOLEDI' GIOVEDI' VENERDI' 08:30 09:00 09:30 III B I B II B 10:00 10:30 11:00 11:30 II C V A III A 12:00 12:30 MATERNA II A 13:00 MEDIA V B V C 13:30 MEDIA 14:00 IV A 14:30 15:00 15:30 ASSOCIAZIONE IV B III C TEATRALE V D 16:00 16:30 8

9 BIBLIOTECA Sia nella Scuola Primaria che nelle due sedi della Secondaria di primo grado sono attivate tre Biblioteche aperte per il prestito agli alunni. Il patrimonio librario dell Istituto, già cospicuo, viene costantemente arricchito e rinnovato, tramite l acquisto di nuovi volumi ed una accurata selezione della dotazione esistente. La consultazione ed il prestito sono regolati con modalità differenti, per ordine di scuola. Nella Scuola Primaria è stato predisposto un Piano orario, mentre nella Scuola Secondaria, ciascun insegnante di Italiano cura la consultazione e il prestito, relativamente alle proprie classi, in orari non prestabiliti. Ogni alunno riceve una scheda di lettura da compilare per ogni libro letto. Sulla base del numero di libri letti, sarà stilata una graduatoria che consentirà l assegnazione del PREMIO LETTURA nel corso della manifestazione di fine anno. ORARIO BIBLIOTECA SCUOLA PRIMARIA 08: V B II B II A III A V A IV A II C :30 IV C III C V C 9

10 10

11 ORGANIZZAZIONE CLASSI A.S. 2013/2014 Alla luce della nuova normativa (Circolare ) la nostra Scuola Primaria adotta i modelli orario a 27, 30 e 40 ore nelle classi prime a seguito delle specifiche richieste delle famiglie, mentre nelle classi successive continua il modello orario a 30 e 40 ore. In tutte le classi sono scomparse le compresenze e di conseguenza le ore eccedenti l attività frontale risultano utilizzate nel seguente modo: un terzo a copertura dei colleghi assenti, due terzi per progetti elaborati a livello di interclasse (uscite didattiche, potenziamento delle eccellenze, recupero didattico, disabilità. SCUOLA PRIMARIA Sezione Classe Tempo Scuola Totale Alunni Alunni HC Turni Mensa A Prima Ore rientri (martedì giovedì) Seconda Ore / 2 rientri (martedì-giovedì) Terza Ore rientri (martedì-giovedì) Quarta Ore rientri (lunedì- mercoledì) Quinta Ore rientro (martedì) B Prima Ore / 2 rientri (lun-merc) Seconda Ore / 2 rientri (lun-merc) Terza Ore 30\ / 30 ore: rientri (lunedì- mercoledì) 40 ore: 5 rientri (tutti i giorni) Quarta Ore rientri ( tutti i giorni) Quinta Ore rientri (lunedì- mercoledì) C Prima Ore / 5 rientri ( tutti i giorni) Seconda Ore / 2 rientri (lunedì- mercoledì) Terza Ore rientri ( tutti i giorni) Quarta Ore / 5 rientri ( tutti i giorni) Quinta Ore rientri ( tutti i giorni) D Prima Ore / 5 rientri ( tutti i giorni) 11

12 Seconda Ore / 5 rientri ( tutti i giorni) Quinta Ore / 5 rientri ( tutti i giorni) SCUOLA SECONDARIA -SEDE CASSIODORO Sezione Classe Tempo scuola Seconda lingua Totale alunni Alunni HC A Prima 30 ore Francese 29 1 Seconda 30 ore Francese 26 1 Terza 30 ore Francese 22 / B Prima 30 ore Spagnolo 20 / Seconda 30 ore Spagnolo 21 1 Terza 30 ore Spagnolo 28 / C Prima 30 ore Francese 27 / Seconda 30 ore Francese 22 1 Terza 30 ore Francese 23 1 D Prima 30 ore Spagnolo 18 1 Seconda 30 ore Spagnolo 22 / Terza 30 ore Spagnolo 28 2 I Prima 30 ore Spagnolo 19 / Seconda 30 ore Spagnolo/Fr ancese 20 1 M Seconda 30 ore Spagnolo/Fr ancese

13 SEDE di VIA CAMOZZI Scuola Secondaria di Primo Grado Sezione Classe Tempo scuola Seconda lingua Totale alunni Alunni HC Turni mensa E Prima Ore 36 Spagnolo rientri (Lu Ma Gio) Seconda Ore 36 Spagnolo 23 / 3 rientri (Lu Ma Gio) Terza Ore 36 Spagnolo 21 / 3 rientri (Lu Ma Gio) F Prima Ore 30 Spagnolo 26 1 Seconda Ore 30 Spagnolo 26 1 Terza Ore 30 Spagnolo 26 1 G Prima Ore 30 Spagnolo 25 2 Seconda Ore 30 Spagnolo 26 1 Terza Ore 30 Spagnolo 25 1 H Prima Ore 30 Spagnolo 22 1 Terza Ore 30 Spagnolo 23 1 L Terza Ore 30 Spagnolo

14 ORGANIZZAZIONE CONSIGLI DI CLASSE E DI INTERCLASSE Scuola Primaria Dante Alighieri Classi Sezioni Presidente Segretario Rappresentanti Genitori Prime A,B,C,D Emili Bellofiore Maggiani Ilaria (A) Pellacchia Cinzia ( B ) Luciani Annamaria ( C ) Cordiano Paola ( D) Seconde A,B,C Pettrone Casarelli Muliere Simona ( A ) Bonafede Francesca ( B ) Commare Antonietta Giorgia ( C ) Petruzzellis Vania (D) Terze A,B,C Veneziano Scarcella Lo Giudice Paola ( A ) Pellecchia Cinzia (B) Accorso Caroli Simone ( C ) Quarte A,B,C Gualtieri Tagliaferri Tirelli Patrizia ( A ) Russo Monica (B) Fancello Rita ( C ) Quinte A,B,C,D Sanguigni Casali Geremia Roberta ( A ) Biagioli Daniele( B ) Tomai Alessandra ( C ) Radogna Emma (D) 14

15 Scuola Secondaria di Primo Grado Dante Alighieri Sezione Classe Coordinatore Segretario Rappresentanti Genitori A I Pietraroia Massa Gatta Lucia- Guacci Maria Pia- Guastella Gea_Tesauro Marina. II Garagnani Iscaro Rivellese Anna- Rau Emilia. III Pelagallo Marotta Spila Silvia- Dragone Federica- Pontecorvo Roberta. B I Brambilla D Alonzo Geminiani Silvia Anna Luisa-Mancinelli Laura- Rotolo Stefania II Berchicci Maltez Borreca Anna Maria- Scapicchio Claudia III Moschella Dati Bollecchino Carla- Sacco Flavia C I Cogerino Carpino Baldassare Simona Renata-Lussu Luciana Jane- Micciché Andrea- Varoli Piazza Antonella. II Armata Barletta Savarese Caterina- Ulivieri Laila- Durdevic Milena-Frunzio Marina. III Carucci Segatori Ruggieri Patrizia- Toninelli Lorenza-Varoli Piazza Antonella- Giorgi Costa Marzia D I Merola Giovagnoli Modica Patrizia- Piccioli Federica. II Melfi Jelitro Brambilla Gianfranco- Castaldo Francesca- Chindamo Costanza- Manganaro Paola. III Merola Coluccelli Bartoli Carlo- Colasurdo Gennarina- Biscossi Monica- Dos Santos Ana Rosa. I I De Felice Cilia Santella Sonia- Zezza Flaminia. I II Saccà Meloselli Rossetti Susanna- Cesta Maria Antonietta. M II Trulli Tancredi Andriyashkina Olga- Meschini Giulia-Piano Laura- Pepe Tiziana. 15

16 Scuola Secondaria di Primo Grado Via Camozzi Sezione Classe Coordinatore Segretario Rappresentanti Genitori E I Rozza Frisone Fiorito Grazia, Manham Maria Cristina, Matta Manuela, Pasqualitti Andrea. II Annecchino Schirinzi Del Brocco Barbara, Minicucci Serenella, Mazzetti Roberta. III Ferreri Longo Laganà Cinzia, Ammazzini Loredana, Gasparetti Alessandra, Pierdomenico Vittoria. F I Giurgola Di Bucchianico Caronti Silvia, Cerini Federico, Danza Debora, Pantazidis Silvia Marina. II Fazzini Motta Pieri Simonetta, Selvanetti Corrado, Magazzù Marianna, Vittoria Francesca. III Pesce Sellitti Gropallo Bruti Liberati M. Vittoria, Ambrogetti Marta. G I De Palo Romanò Del Bene Cristiana, Gaudiomonte Lina Antonella, Tognozzi Fabio, Torcellini Luisa. II Monti Tassi Ubertini Simonetta, Pietrosanti Luigi, Gerco Elena, Vittoria Francesca. III Trapuzzano De Palo Archiletti Antonella, Pareo Rosaria, Aureli Laura, Notaro Anna. H I Piciocchi Apostoli Fenzioli Cristina, Filauro Patrizia. H III Cardarelli Saccà Franceschelli Lucia, Ricci Simonetta, Zaccarini Bonelli Caterina. L III Messina Trotta Merolla Laura. 16

17 RISORSE RISORSE STRUTTURALI Per gli ambienti della scuola si rinvia alle pagine 2 e 3 del POF. RISORSE PROFESSIONALI La concreta realizzazione del Piano dell Offerta Formativa richiede l intervento di risorse professionali interne ed esterne alla scuola. Nell Istituto opera un corpo docente stabile che assicura la continuità, oltre alla formazione educativa e disciplinare specifica. Tra i docenti, quelli con particolari competenze nelle aree linguistica, informatica, artistica, musicale e motoria, mettono a disposizione la loro professionalità per l attuazione di specifici progetti didattici. Per attuare pienamente le finalità adottate, la scuola, a volte, può avvalersi anche del contributo di esperti esterni. Nelle attività pomeridiane è previsto l intervento di insegnanti curricolari che effettuano ore di insegnamento opzionali aggiuntive. Per attuare l autonomia scolastica e rendere operativo il P.O.F. sono di fondamentale importanza le FUNZIONI STRUMENTALI, di supporto a tutta l organizzazione dell Istituto, e le FUNZIONI AGGIUNTIVE svolte dal personale A.T.A. per fornire un supporto agli alunni diversamente abili, al funzionamento della segreteria e alla manutenzione scolastica ordinaria. RISORSE FINANZIARIE Per realizzare le finalità del Piano, per garantire il diritto allo sviluppo della scuola, ossia il pieno conseguimento degli obiettivi di efficienza ed efficacia dell azione formativa, l Istituto disporrà, oltre che del Fondo dell Istituzione scolastica, di Finanziamenti erogati per progetti speciali e per progetti educativi specifici e di Fondi provenienti dal Comune di Roma, dalla Regione e dalla Provincia. Verranno annoverati, tra le risorse finanziarie, anche i contributi volontari offerti dai Genitori, gli autofinanziamenti realizzati attraverso mostre mercato, giornalino, vendita di oggetti realizzati dagli alunni e le donazioni di Enti e privati. 17

18 DIPARTIMENTI DISCIPLINARI I Dipartimenti sono articolazioni disciplinari del Collegio dei Docenti e hanno funzione di definire: gli obiettivi generali delle singole discipline gli standard minimi in termini di contenuti e competenze, comuni a tutte le classi parallele criteri uniformi di valutazione prove d ingresso per la valutazione della situazione iniziale degli allievi raccordo con le altre discipline metodologie di insegnamento proposte di acquisti di sussidi didattici proposte di attività di aggiornamento proposte di attività didattiche non curriculari attinenti l area disciplinare propria o proposte per le adozioni dei libri di testo Il Referente ha il compito di raccogliere le varie proposte provenienti dai Docenti di Dipartimento ed inoltrarle agli Organi competenti per le eventuali delibere. TIPOLOGIA SCUOLA DIPARTIMENTO REFERENTE SCUOLA PRIMARIA Linguistico: L1 L2 Veneziano Aurola Matematico-Scientifico Antropologico Casarelli Cavallo SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Lettere Cardarelli Lingue Straniere Scienze Matematiche Pesce Fazzini Educazione Artistica Tecnologia Educazione Musicale Di Bucchianico Motta Massa Romanò Coluccelli 18

19 FINALITÀ FINALITA ANALISI DEI BISOGNI FORMATIVI L osservazione sistematica degli alunni, i rapporti scuola famiglia, le risposte alle indagini statistiche proposte a studenti e genitori, i risultati delle prove strutturate per la verifica delle competenze linguistiche e logicomatematiche in ingresso hanno evidenziato come bisogni fondamentali: l identità, l autonomia, la comunicazione Sono, infatti, emerse le seguenti necessità: essere ascoltati e condividere le problematiche dell infanzia e dell età evolutiva; confrontarsi per scoprire limiti e possibilità; gestire le proprie potenzialità per l avvio all autonomia dei singoli soggetti; saper affrontare qualsiasi tipo di situazione affettiva, relazionale e operativa; comunicare attraverso forme e modalità corrette, nel rispetto della diversità; acquisire i saperi fondamentali e la capacità di servirsi di strumenti operativi di base e di strutture a disposizione; riferirsi a modelli e regolamenti che prevengano fenomeni di bullismo. FINALITA FORMATIVE L I. C. S. Dante Alighieri si propone come: Scuola orientativa poiché aiuta l alunno a costruire la propria identità culturale, affettivo - relazionale e sociale per effettuare le proprie scelte in modo corretto e consapevole. Scuola per la formazione della persona e del cittadino che opera per il massimo sviluppo della personalità, nell ambito di corrette e costruttive relazioni con gli altri con l ambiente nel rispetto consapevole di norme e regolamenti. Scuola della solidarietà che finalizza le proprie attività extracurriculari all attivazione di adozioni a distanza per educare gli alunni al sostegno sociale dei meno agiati. Pertanto le FINALITA FORMATIVE perseguite dall I. C. Dante Alighieri possono così riassumersi: 1) Valorizzare l identità di ciascuno 2) Educare ai valori individuali e sociali 3) Educare alla responsabilità 4) Educare al rispetto 5) Garantire a tutti uguali opportunità di apprendimento 6) Motivare ad apprendere 7) Sviluppare un atteggiamento critico di fronte alla realtà 8) Sviluppare l autonomia individuale come capacità di sapersi orientare e di saper scegliere nelle difficoltà e nell incertezza 9) Sviluppare la capacità di apportare contributi significativi nel gruppo nel rispetto di tutti 10) Creare le condizioni per poter sperimentare forme di vita democratica 19

20 OBIETTIVI GENERALI Il rapporto Delors sottolinea come lo sviluppo dell individuo, che inizia alla nascita e continua per tutta la vita, è un processo dialettico, che comincia con il conoscere se stessi e si apre poi ai rapporti con gli altri. L educazione, quindi, è soprattutto un viaggio interiore. Ne scaturisce l esigenza di una progettazione formativa capace di assumersi il complesso obiettivo dello sviluppo della persona nella sua interezza. Contenuti irrinunciabili devono essere: lo sviluppo delle potenzialità e delle capacità di orientarsi nel mondo in cui si vive al fine di raggiungere un equilibrio attivo e dinamico con esso; la consapevolezza di essere parte integrante di una società di cui condividere le trasformazioni con l obiettivo di realizzare un futuro più sostenibile; l assimilazione e lo sviluppo della capacità di comprendere, costruire, analizzare con senso critico argomentazioni e discorsi. Porsi questi obiettivi significa impegnarsi per attuare un percorso formativo che riconosca il valore della tradizione storica e lo metta in relazione con la contemporaneità e con il contesto culturale e sociale di riferimento. COMPETENZE FINALI L elevamento dell obbligo di istruzione a dieci anni intende favorire il pieno sviluppo della persona. Per raggiungere questo obiettivo, i discenti dovranno acquisire le seguenti competenze chiave di cittadinanza: imparare ad imparare: organizzare il proprio apprendimento utilizzando varie fonti e varie modalità d informazione progettare: elaborare e realizzare progetti riguardanti lo sviluppo delle proprie attività di studio e di lavoro utilizzando le conoscenze apprese comunicare: a) comprendere messaggi di genere diverso e di diversa complessità, trasmessi utilizzando vari linguaggi e mediante diversi supporti; b) rappresentare eventi, principi, norme, procedure, stati d animo, utilizzando linguaggi diversi e diverse conoscenze disciplinari su supporti cartacei, informatici e multimediali. collaborare e partecipare: interagire in gruppo rispettando i vari punti di vista, valorizzando le proprie e le altrui capacità, promuovendo l apprendimento comune, gestendo la conflittualità nel rispetto dei diritti di tutti. agire in modo autonomo e responsabile: agire attivamente e consapevolmente nella vita del gruppo, riconoscendo diritti, bisogni, limiti, regole, responsabilità. risolvere problemi: porsi di fronte a situazioni problematiche individuando fonti e risorse, raccogliendo dati e proponendo soluzioni individuare collegamenti e relazioni: dimostrare rapporti tra fenomeni, eventi e concetti, anche appartenenti a diversi ambiti disciplinari, mediante argomentazioni coerenti che tengano conto di analogie e differenze, o cause ed effetti. acquisire ed interpretare l informazione: acquisire e selezionare informazioni, ricavate da vari strumenti comunicativi e saperle rielaborare anche in chiave critica e personale. 20

21 IL CURRICOLO VERTICALE Il nostro istituto comprensivo adotta da quest'anno il curricolo verticale in ottemperanza alle nuove Indicazioni Nazionali, il percorso formativo che accompagna l'alunno negli otto anni del primo ciclo di istruzione. Com'è noto, il curricolo scolastico è il documento con cui ciascun istituto fissa le linee programmatiche della propria azione educativa e formativa, tramite la quale gli insegnanti guidano l'alunno al raggiungimento dei cosiddetti Traguardi per lo sviluppo delle competenze, ovvero, quell' insieme di saperi e abilità che, unitamente al vivere civile, attestano l'avvenuta formazione di un individuo capace di affrontare saperi diversificati e più complessi, effettuare scelte consapevoli, leggere ed interpretare in senso critico la realtà che lo circonda e, infine, confrontarsi in modo positivo con gli altri, costruendo relazioni proficue e durature. A guidare gli insegnanti nella definizione di queste linee operative didattico-educative, vi sono le Indicazioni Nazionali per il curricolo del 2012 che, dopo aver enunciato le direttive generali ed i fondamenti culturali cui la scuola italiana tutta deve attenersi, lasciano poi a ciascun istituto la libertà di adeguare tali criteri alla propria realtà scolastica, fatta di bisogni particolari e sempre differenti. Le Indicazioni ci ricordano che sono davvero tante le sfide che la scuola italiana è chiamata ad affrontare, nella società sempre più complessa del terzo millennio: aiutare l'alunno ad orientarsi in un mondo pieno di sollecitazioni di diversa origine e natura; abituarlo a convivere con la multiculturalità, vissuta come risorsa ed occasione di confronto; educarlo alla fruizione consapevole e critica di messaggi multimediali; infine, "formare saldamente ogni persona sul piano cognitivo e culturale, affinché possa affrontare positivamente l'incertezza e la mutevolezza degli scenari sociali e professionali, presenti e futuri.". Al contempo, sempre le Indicazioni Nazionali ci dicono che la strada maestra culturale da seguire per formare l'adulto di domani, è porre al centro dell'intervento educativo e formativo la persona, ovvero l'individuo considerato nella sua unicità ed originalità, trasmettendogli non più, o non soltanto, un sapere nozionistico e parcellizzato, ma soprattutto un metodo di studio e di lavoro che gli consenta di attingere alle proprie risorse e trasformarle in successi personali; sempre per citare il testo, "La scuola deve fornire le chiavi per apprendere ad apprendere". Il richiamo alla centralità della persona, insieme a quello non meno importante del recupero di un nuovo Umanesimo, inteso come insieme di valori culturali alti, capaci di dare senso e organicità al sapere scolastico, sottolineano la necessità, da parte delle scuole, di organizzare gli apprendimenti in modo unitario, incentivando sia l'approccio interdisciplinare, sia il dialogo continuo tra le tre tipologie di scuola che insieme formano la scuola del primo ciclo. In questo senso, l'istituto comprensivo rappresenta una grande opportunità ed una fondamentale risorsa, perché consente di adottare il curricolo verticale che, a partire dalla prima classe della scuola primaria, guida l'alunno all'acquisizione delle competenze fondamentali che si realizza al termine del primo ciclo di istruzione. Il curricolo verticale del nostro istituto è in tal senso la sintesi di tradizione e innovazione: possiede una struttura tradizionale, poiché si organizza intorno ad aree disciplinari e, per ognuna di esse, definisce gli obiettivi di apprendimento (campi del sapere, conoscenze e abilità) che, a loro volta, sono organizzati in nuclei tematici e definiti in relazione a periodi didattici lunghi (l'intero quinquennio della scuola primaria e l'intero triennio della scuola secondaria di primo grado). Al contempo, il nostro curricolo verticale presenta un concezione d'insieme innovativa, in quanto, fissando dei traguardi comuni tra i due ordini di scuola, impegna ciascun docente a realizzare in collaborazione con gli altri una programmazione didattica funzionale al raggiungimento di quei traguardi, sempre nel rispetto della libertà d'insegnamento di ciascuno. Il Curricolo dell Istituto Dante Alighieri è inserito nella sezione Allegati del presente documento. 21

22 QUADRO GENERALE DEI PROGETTI PROPOSTI NEL POF A.S. 2013/2014 PROGETTO DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA 1) ANDARE PER FIABE 5 SANGUIGNI, ROSSI Scuola Primaria 2) NATALE E UN SOGNO DI PACE SANGUIGNI,ROSSI Scuola Primaria 3) AFFABULATORI PIETRAROIA,DE FELICE,COGERINO,MEROLA,BASIRICO SANGUIGNI, CASALI, ROSSI TAVERNISE Scuola Primaria e Secondaria 4) GIANNI SCHICCHI ovvero IL FALSATORE DI PERSONE PIETRAROIA, COLUCCELLI, DATI, ROMANO, PETTRONE, COGONI(esp. Esterno) Scuola Secondaria 5) IL GIOCO DEL VIAGGIATORE TAVERNISE, MEROLLA Scuola Primaria 6) PLASMO LA CRETA DI BUCCHIANICO, AIMO (esp.est) Scuola Secondaria 22

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Rapporto di autovalutazione

Rapporto di autovalutazione Rapporto di autovalutazione Sommario 1. Codice meccanografico istituto principale...3 2. Griglie di autovalutazione...3 1.1 Esiti...3 1.2 Contesto e risorse...4 1.3 Processi...5 3. Individuazione obiettivi

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime -

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Progetto Continuità" Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria 2010-11 11 Anno Scolastico 2010 Funzioni Strumentali A. Rubino Scuola Infanzia P. Stramonio Scuola

Dettagli

FUNZIONE STRUMENTALE AREA 3

FUNZIONE STRUMENTALE AREA 3 PIANO DI LAVORO FUNZIONE STRUMENTALE AREA 3 Sostegno agli alunni, accoglienza, obbligo scolastico e obbligo formativo Proff. Francesco Paolo Calvaruso e Rosmery Inzerra A.S. 2013/14 Premessa generale Alle

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012.

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012. Circolare interna n. 25 Ai docenti Al DSGA Alla segreteria alunni Alla segreteria docenti E, p.c. ai collaboratori scolastici Ve Mestre, 15 settembre 2011 Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

ELENCO COMUNICAZIONI A.S. 2013/14

ELENCO COMUNICAZIONI A.S. 2013/14 ELENCO COMUNICAZIONI A.S. 2013/14 Comun.n. O g g e t t o 1. Convenzione per l'acquisto abbonamento annuale ATAF con sconto 2. Desiderata a.s. 2013/14 3. Orario funzionamento classi dal 11.09.13 al 14.09.13

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 3 SAN BERNARDINO BORGO TRENTO Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente Via G. Camozzini, 5 37126 Verona (VR) Tel.

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini

Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini Carta dei servizi Servizio Attività del Tempo Libero 1 REALIZZATA A CURA DI: Servizio Attività del Tempo Libero Comune di Bolzano Michela Voltani Elena Bettini Anita Migl COORDINAMENTO PROGETTO Cristina

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE Anno scolastico 2012-2013 INSEGNANTI Clagluna Alessandra Corvitto Giovanna De Gaetanis Antonella Ficicchia Valeria Giuliani Cristina

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015 Istituto Comprensivo Statale Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazzale della Civiltà Tel. 0828/941197 fax. 0828/941197 84069 ROCCADASPIDE (Salerno) C.M. SAIC8AH00L Email-dirdirocca@tiscali.it

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli