GLI OBIETTIVI GENERALI DEL PROCESSO FORMATIVO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GLI OBIETTIVI GENERALI DEL PROCESSO FORMATIVO"

Transcript

1 GLI OBIETTIVI GENERALI DEL PROCESSO FORMATIVO Scuola dell educazione integrale: considera il sapere e il fare come occasioni per sviluppare armoni-camente la personalità degli allievi in tutte le direzioni: etiche, religiose, sociali, intellettive, affettive, operative, creative, ecc. Scuola che colloca nel mondo: sviluppa l immagine più approfondita della realtà sociale, tecnologica, storica, economica, istituzionale, politica Scuola orientativa: dà spazio all iniziativa del soggetto per il suo sviluppo psichico, fisico, intellettuale studio delle discipline e delle attività inter e transdisciplinari. Scuola dell identità: accompagna il preadolescente nella sua maturazione globale fino alle soglie dell adolescenza. Scuola della motivazione e del significato: si impegna a radicare conoscenze e abilità disciplinari e interdisciplinari sulle effettive capacità di ciascuno, utilizzando le modalità più motivanti e ricche di senso. Scuola della prevenzione dei disagi e del recupero degli svantaggi: si impegna alla disponibilità, all ascolto e al dialogo, a esempi e stili di vita positivi, a testimonianza pubblica e privata di valori, condivisione empatica di esperienze, problemi, scelte, a rimuovere gli effetti negativi dei condizionamenti sociali. Scuola della relazione educativa: aver attenzione alla persona, va-lorizzare, rispettare gli stiliindividuali di apprendimento, incoraggiare, orientare, creare confidenza, correggere con autorevolezza, sostenere, condividere. Pagina 21

2 GLI OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Per le discipline, declinate nello specifico per le classi 1, 2 e 3 : - Religione cattolica; - Italiano; - Inglese; - Seconda lingua comunitaria (Francese o Spagnolo); - Storia; - Geografia; - Matematica; - Scienze; - Tecnologia e informatica; - Musica; - Arte e immagine; - Attività fisica e sportiva. Per l educazione alla convivenza civile: - educazione alla cittadinanza; - educazione stradale; - educazione ambientale; - educazione alla salute - educazione alimentare Pagina 22

3 - educazione all effettività. Gli obbiettivi specifici indicati per le discipline e per l educazione alla convivenza civile obbediscono al principio dell ologramma, cioè l uno rimanda sempre funzionalmente all altro e non sono mai rinchiusi su se stessi, bensì aperti ad un complesso, continuo e unitario reciproco rimando al tutto. Indicano i livelli essenziali di prestazione che la scuola secondaria di 1 grado è tenuta ad assicurare. OBIETTIVI FORMATIVI E PIANI PERSONALIZZATI DELLE ATTIVITA EDUCATIVE La scelta degli obiettivi formativi: può scaturire dall armonica combinazione di due percorsi: - partire dall esperienza degli allievi - ispirarsi direttamente al Profilo Sono: punti di partenza e di arrivo, condizione e risultato di ulteriori maturazioni Si riferiscono al principio dello ologramma. Formulazione: - non possono essere formulati in maniera atomizzata e previsti in corrispondenza di performance analitiche - vanno esperiti a partire da problemi o attività unitari e sintetici - non sono riducibili ad esercizi che pretendono di raggiungerli in maniera atomistica - non sono riducibili a prospettive disciplinari o di singole educazioni - richiedono la mobilitazione di sensibilità e prospettive pluri-inter e transdisciplinari - richiedono il continuo richiamo all integralità educativa - devono sempre essere dotati di senso e motivanti Unità di Apprendimento sono date dall insieme di: - uno o più obiettivi formativi - le attività - i metodi - le soluzioni organizzative le modalità di verifica Piano di Studio Personalizzato Pagina 23

4 - è dato dall insieme delle Unità di Apprendimento - resta a disposizione delle famiglie - serve per la compilazione del Portfolio - è un appuntamento cruciale perché, a scelta della famiglia e dei preadolescenti, con l assistenza del tutor, la scuola può dedicare una quota fino a 198 ore annuali, allo approfondimento parziale o totale di discipline o attività registrate e sancite sul Portfolio POF: dichiara l ispirazione culturale-pedagogica e l unità didattico-organizzativa dei Piani Personalizzati Struttura: IL PORTFOLIO DELLE COMPETENZE INDIVIDUALI - una sezione dedicata alla valutazione (art. 8 DPR 275/99) - una sezione dedicata all'orientamento - seleziona: - materiali prodotti dall'allievo - prove scolastiche signifi-cative osservazioni dei docenti e della famiglia - commenti su lavori personali ed elaborati significativi - indicazioni di sintesi Funzione: - si individueranno i criteri di scelta e di ordinamento dei materiali - rappresenta un'occasione per migliorare e comparare le pratiche d'insegnamento, per stimolare lo studente alla autovalutazione e alla conoscenza di sé in vita della costruzione di un personale progetto di vita, per corresponsabilizzare i genitori nei processi educativi Compilazione: - è compilato ed aggiornato dal docente coordinatore-tutor, in collaborazione con tutte le figure che si fanno carico dell'educazione e degli apprendimenti di ciascun allievo, a partire dai genitori degli stessi studenti, chiamati ad essere sempre più protagonisti consapevoli della propria crescita Continuità: - si innesta su quello della scuola primaria Pagina 24

5 - accompagna i fanciulli nel passaggio dalla scuola secondaria dii grado alle scuole successive - assume un valore aggiunto nell'ultimo anno quando i genitori, sentito il tutor, decidono a quale indirizzo formativo iscrivere il figlio - è un'occasione docu-mentaria perché il tutor rilegga la storia dello studente, dall'infanzia alla prea-dolescenza e perché, con il ragazzo e la sua famiglia, faccia un bilancio ragionato e condivise dei risultati ottenuti, nella prospettiva delle scelte future - consente di monitorare l'evoluzione del percorso scolastico degli alunni negli anni successivi per migliora il know how formativo I NUCLEI FOCALI DELLA RIFORMA RISULTANO ESSERE Piani di Studio Personalizzati Docente Tutor e riorganizzazione del gruppo docente: Classi 1 a e 2 a - docente coordinatore tutor. Portfolio e valutazione dell alunno Articolazione dell offerta didattica Pagina 25

6 DALLE CAPACITA' ALLE COMPETENZE Obiettivi specifici di apprendimento CAPACITA' CONOSCENZA (sapere) ABILITA' (saper e saper fare) COMPETENZE sono unitarie integrate si attivano in situazioni complesse sono dinamiche e potenzialmente trasversali Pagina 26

7 CAPACITA' CONOSCENZA COMPETENZE EDUCAZIONE ALLA CONVIVENZA DEMOCRATICA Pagina 27

8 DAGLI OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO AI PIANI DI STUDIO PERSONALIZZATI Profilo Educativo, Culturale e Professionale Obiettivi specifici di apprendimento Conoscenze e Abilità interconnesse Obiettivi Formativi PORTFOLIO delle Competenze Unità di apprendimento Piani di Studio Personalizzati Pagina 28

9 LE ATTIVITA' LE ATTIVITA' SVOLTE NEL GRUPPO CLASSE SVOLTE NEI LABORATORI DI CLASSE DI INTERCLASSE Gruppi di LIVELLO Gruppi di COMPITO Gruppi ELETTIVI Pagina 29

10 P E C U P (Profilo educativo, culturale e professionale) SAPERE, FARE PER ESSERE, UOMO E CITTADINO 1- COMPETENZE PERSONALI DELL ALUNNO IN USCITA (14anni) Esprimere un personale modo di essere e proporlo agli altri Interagire con l ambiente ed influenzarlo positivamente Risolvere i problemi Riflettere su se stesso e gestire il proprio processo di crescita Comprendere la complessità dei sistemi simbolici e culturali Maturare il senso del bello Conferire senso alla vita Simbolizzare, comunicare, pianificare, progettare, contestualizzare, maturare, interiozzare 2- COMPETENZE SPECIFICHE IDENTITA' a- Conoscenza di sè Affermarsi, interrogarsi, comprendere Ricercare, gestire, comunicare Affrontare, cercare soluzioni, risolvere Progettare, comprendere, testimoniare Decifrare, riconoscere, valutare b- Relazione con gli altri Interagire con coetanei ed adulti per: 1. dare e chiedere riconoscimento 2. scoprire le ragioni altrui 3. interrogarsi, comprendere e riflettere c- Orientamento Pensare al proprio futuro Elaborare, esprimere ed argomentare un proprio progetto di vita Collaborare con la e con la famiglia Riconoscere ed interagire con gli altri e con le organizzazioni sociali e territoriali Verificare l adeguatezza delle decisioni sul proprio futuro scolastico e professionale Pagina 30

11 STRUMENTI CULTURALI a - Aspetto motorio - Conoscere il proprio corpo - Conoscere,utilizzare, produrre, identificare e sviluppare b - Storico - geografico - Avere consapevolezza - Collocare e collocarsi - Orientarsi c - Linguistico - Esprimere, comunicare, leggere, comprendere, produrre d - Logico - matematico - Eseguire, calcolare, misurare, risolvere, padroneggiare, organizzare, rappresentare, adoperare, comprendere e ricercare e - Sociale - Leggere quotidiani - Ascoltare telegiornali - Compilare un bollettino postale - Leggere carte stradali, mappe delle città, orario ferroviario, bollette di servizi pubblici f - Scientifico - Conoscere l universo animale, la geografia fisica, il significato dei principali fenomeni - Avere coscienza dell immensità del cosmo g - Tecnologico - Riconoscere sistemi tecnici,individuare funzioni, descrivere caratteristiche, analizzare, rappresentare - Progettare processi e procedure - Mettere in relazione, riprodurre e riutilizzare Pagina 31

12 CONVIVENZA CIVILE Essere consapevole di essere titolare di diritti e di essere soggetto a doveri Affrontare i problemi a casa, a scuola e nella comunità sociale e civile Conoscere l organizzazione costituzionale ed amministrativa del nostro Paese Conoscere le regole e le ragioni di prevenzione del disagio Impegnarsi, tenere comportamenti responsabili Rispettare gli altri Conservare e migliorare l ambiente Adottare comportamenti adeguati alla propria e alla altrui sicurezza in condizioni di pericolo 3- COMPETENZE INTERMEDIE Competenze trasversali del processo formativo in uscita Riconoscere e gestire aspetti diversi dell esperienza motoria, emotiva, razionale Percepire la corporeità come valore, come modo di essere nel mondo e nella società Esplicitare il patrimonio di visioni, teorie, pratiche, valori della legalità Ordinare ed interpretare secondo categorie critiche, semantiche, sintattiche Collaborare, costruire una società migliore Avere consapevolezza del disagio, della diversità, dell emarginazione Maturare ed operare (autonomia di giudizio, impegno, generosità) Sperimentare, dialogare, partecipare Autoregolare gli apprendimenti, esercitare l autonomia, la responsabilità, la creatività. Pagina 32

13 SCHEDA MODELLO PER PROGETTARE UNA UNITA' DI APPRENDIMENTO Anno scolastico DATI IDENTIFICATIVI Scuola Destinatari Docenti coinvolti DECLINAZIONE ARTICOLAZIONE APPRENDIMENTO RIFERIMENTO AI DOCUMENTI PECUP APPRENDIMENTO UNITARIO DA PROMUOVERE DELL'APPRENDIMENTO UNITARIO IN OBIETTIVI FORMATIVI (con relativi standard) OSA (*) EDUCAZIONE Metodi ATTIVITA' E METODOLOGIA Tempi DOCUMENTAZIONE CONTROLLO DEGLI APPRENDIMENTI VERIFICA E VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE Portfolio Piani di Studio Personalizzati (*) descritti nelle schede di espansione disciplinare Pagina 33

14 LA SCUOLA MEDIA "G. ROSSETTI" NELLA RIFORMA La nuova secondaria di primo grado prevede altresì una diversa scansione delle annualità: infatti è suddivisa in un biennio e in una terza classe e nuovi curricula: 27 ore settimanali di curriculum nazionale e una quota di curricula facoltativi per un massimo di 6 ore settimanali. La scuola media "G: ROSSETTI" ha accolto l'impostazione oraria 27+6 settimanali offrendo alle famiglie e agli studenti una ampia possibilità di percorsi formativi opzionali scelti tra le attività laboratoriali nelle seguenti aree: AREA LETTERARIA laboratori di: scrittura e lettura creativa - dizione - recupero; laboratorio di latino AREA LINGUISTICA laboratorio di lingua inglese AREA STORICO-GEOGRAFICA studio del territorio - lettura di documenti storici - cartografia AREA TECNOLOGICA laboratorio di informatica - disegno tecnico - giardinaggio AREA MUSICALE laboratorio musicale e/o musica d'insieme AREA ARTISTICA laboratorio di ceramica - disegno AREA SPORTIVA Volley Corsa campestre Giochi studenteschi Tra le innovazioni della riforma va sottolineata l'introduzione dello studio della seconda lingua comunitaria a partire dalle classi prime; la scuola media "G. ROSSETTI" ha aperto un ventaglio di proposte: francese, spagnolo, tedesco. La risposta degli studenti si è catalizzata su francese e spagnolo. Pagina 34

15 VERIFICHE E VALUTAZIONE Le verifiche e la valutazione hanno il compito di accertare il grado di apprendimento dell'alunno e la validità del progetto didattico attivato; le verifiche permetteranno pertanto di individuare la situazione in cui si trova il processo formativo dell'alunno, consentendo di modificare gli obiettivi della programmazione e predisporre nuove strategie. TIPI DI VERIFICHE Ogni docente, in relazione al proprio progetto didattico e nel rispetto della normativa ministeriale, può utilizzare i seguenti tipi di verifica: interrogazione tradizionale; interrogazione "dal banco"; questionario; test; prova scritta; prova grafica; lavoro di gruppo. CRITERI DI VALUTAZIONE Criteri generali per la valutazione La valutazione degli alunni rivestirà un ruolo determinante nello sviluppo dell azione educativa della scuola in funzione della continua regolazione dei processi di insegnamentoapprendimento, in rapporto alle diversità individuali e alla promozione di tutte le opportunità educative. La rilevazione degli apprendimenti, cioè i giudizi analitici relativi a ciascuna disciplina, si baseranno su una serie di indicatori-criteri riportati sulla scheda a cui corrisponderà una sola qualifica che compendia l esito di tutte le voci e prevede 5 livelli (OTTIMO - DISTINTO - BUONO - SUFFICIENTE - NON SUFFICIENTE ), espressi con gli aggettivi adottati per gli esiti agli esami di terza media. Per accertare il possesso delle abilità, misurare il profitto e verificare il metodo di lavoro, l impegno, la partecipazione e il grado di socializzazione di ciascun alunno, durante il processo formativo, ci si servirà delle verifiche e delle osservazioni sistematiche, in quanto la valutazione necessita non solo di verifiche del profitto, ma anche di opportune annotazioni sulle condizioni e i modi di apprendimento e sulle manifestazioni comportamentali degli alunni. Nel giudizio globale emergerà un profilo dinamico conclusivo che evidenzierà: la continuità e l intensità dell impegno e della partecipazione alla vita scolastica; i progressi compiuti rispetto al livello di partenza; l acquisizione delle competenze e il livello di conoscenza degli obiettivi didattici dal punto di vista contenutistico. Pagina 35

16 Vengono qui di seguito riepilogati i criteri generali per la valutazione dell apprendimento degli alunni nelle varie discipline; essi saranno meglio specificati, a seconda delle diverse situazioni, nelle programmazioni annuali dei Consigli di Classe e nei piani di lavoro dei singoli docenti, nonché, per le peculiarità di ogni disciplina, nelle programmazioni concordate dai Gruppi Disciplinari: l esito di tutte le verifiche (scritte, pratiche e orali) viene sempre comunicato agli alunni e ai genitori per garantire la massima trasparenza della valutazione finale e rendere consapevole l alunno dell adeguatezza della propria prestazione rispetto ai livelli attesi; le rilevazioni sulla situazione scolastica degli allievi saranno trascritte durante i Consigli di Classe in apposite griglie che attesteranno per ciascun alunno: i risultati cognitivi, il metodo di studio e il comportamento sociale. Il coordinatore del consiglio curerà la raccolta e la conservazione dei dati e di tutte le informazioni utili per l elaborazione dei giudizi quadrimestrali e finali VALUTAZIONE OTTIMO DISTINTO INDICATORI l'alunno mostra spiccato interesse per le discipline e amore per lo studio, conosce molto bene i contenuti, che sa anche collegare e coordinare ha considerevoli capacità di sintesi, di analisi e di rielaborazione critica. l'alunno possiede ampie conoscenze dei contenuti, espone con sicurezza e disinvoltura, ha capacità di BUONO l alunno evidenzia un impegno costante e partecipa al dialogo educativo, possiede discreta conoscenza dei SUFFICIENTE l alunno mostra un sufficiente impegno e volontà, conosce i concetti e i contenuti essenziali, si esprime NON SUFFICIENTE l alunno si impegna molto poco nello studio e mostra disinteresse per tutto, presenta lacune (gravi/ gravissime) nelle conoscenze specifiche, manca di autonomia (o ha notevoli difficoltà) nell'utilizzo dei Pagina 36

17 GIUDIZIO GLOBALE PRIMO QUADRIMESTRE Ha mostrato un comportamento/ insofferenza (1 )... La partecipazione è stata (2)... e l'impegno (3)... Il metodo di studio è/ non è (4)... Rispetto al livello di partenza evidenzia [oppure: non si registrano progressi ] (5)..., pertanto, le abilità e le conoscenze risultano (6)... Può migliorare ed approfondire (7)... [oppure] Deve recuperare (7)... VOCI DI COMPLETAMENTO (1) responsabile e corretto; abbastanza/sostanzialmente corretto; alquanto/molto vivace; non sempre corretto; al rispetto delle regole. (2) attiva; costante; abbastanza costante; piuttosto superficiale; incostante e settoriale; scarsa. (3) costante/continuo; regolare/abbastanza regolare; discontinuo; vario a seconda degli interessi; limitato; molto limitato. (4) efficace ed autonomo; autonomo; in via di consolidamento; prevalentemente mnemonico; disordinato e dispersivo; ancora acquisito. (5) progressi costanti; progressi regolari; progressi; accettabili progressi; limitati/lievi/ modesti progressi. (6) sicure; consolidate; adeguate; essenziali; piuttosto incerte/frammentarie; non acquisite. (7) la disponibilità all'ascolto; una maggiore concentrazione; maggiore autocontrollo; la capacità di applicarsi in modo costante in classe e a casa; una maggiore autonomia; una migliore organizzazione del lavoro; una maggiore autostima; le conoscenze nell'area... GIUDIZIO GLOBALE SECONDO QUADRIMESTRE L'alunno nel 2 quadrimestre ha (1)... un/il comportamento (2)... partecipando in modo (3)... alle attività scolastiche. Si/Non si è impegnato con (4)... ed ha dimostrato di/non aver acquisito un metodo di studio (5)... Ha raggiunto una (6)... conoscenza dei contenuti in tutte/quasi tutte le discipline per cui gli obiettivi programmati sono/non sono stati (7)... VOCI DI COMPLETAMENTO (1) mantenuto; migliorato; peggiorato (2) responsabile; corretto; abbastanza/sostanzialmente corretto; socievole; riservato; vivace/esuberante; non sempre corretto; non del tutto responsabile. (3) attivo; costante; abbastanza costante; regolare; saltuario/incostante; solo se stimolato; passivo. (4) diligenza/consapevolezza; costanza; regolarità/una certa regolarità; discontinuità; superficialità. (5) valido; efficace; autonomo; proficuo; razionale; organizzato; sistematico; personale; sufficientemente valido. (6) approfondita; completa; adeguata; essenziale; limitata; generica; frammentaria; sommaria; lacunosa; inadeguata. (7) pienamente raggiunti; raggiunti; sostanzialmente raggiunti; raggiunti in alcune discipline. Pagina 37

18 PROFILO DEL CANDIDATO ALL' ESAME DI LICENZA L'alunno/a, durante il triennio/nel corso degli studi, ha seguito in modo (1)... le attività programmate, evidenziando un (2)... processo di apprendimento. Ha presentato un comportamento (3)... con i compagni e gli insegnanti, mostrando di aver conseguito un (4)... socializzazione. Nello studio ha manifestato impegno ed applicazione (5)... dando prova di aver acquisito un metodo di lavoro (6)... Ha inoltre maturato (7)... capacità di collegamento ed applicazione delle conoscenze apprese, rivelando inclinazione particolare per (8)... ( Consiglio orientativo ) Tenuto conto dell'evoluzione della sua personalità e del rendimento scolastico globale, il Consiglio di Classe ritiene che l'alunno/a possa affrontare con buone prospettive (9) VOCI DI COMPLETAMENTO (1) continuo; assiduo; diligente; abbastanza continuo; saltuario; incostante; superficiale (2) rapido; efficace; regolare; adeguato; normale; meccanico; lento; difficoltoso. (3) corretto; responsabile; socievole; riservato; controllato; vivace; esuberante; poco responsabile; poco rispettoso. (4) buon; discreto; positivo; modesto. (4) diligenti; costanti; regolari; efficaci; adeguati; consapevoli; discontinui; superficiali; modesti. (5) autonomo; profìcuo; razionale; valido; sistematico; personale; sufficientemente valido; positivo; accettabile; confuso; dispersivo; disordinato. (6) notevoli; soddisfacenti; apprezzabili; buone; adeguate; più che sufficienti; sufficienti; modeste; insufficienti. (7) le discipline linguistiche; l'area logico-matematica; le attività tecnico-pratiche; le attività espressive; l'attività sportiva. (9) un liceo...; un istituto tecnico; un istituto professionale; un corso di formazione professionale. Viene, comunque, deciso che le schede di valutazione sia periodali che finali siano restituite agli alunni e ai genitori dai docenti stessi (saranno definite le date degli incontri al momento opportuno) affinché siano lette e commentate in modo chiaro ed esaustivo anche per sottolineare quei risultati che consiglierebbero varie forme di recupero Pagina 38

19 MEZZI E STRUMENTI In relazione agli obiettivi ed ai contenuti saranno individuati mezzi e strumenti adeguati: a) testi scolastici e schede di ricerca guidata b) utilizzazione delle strutture pubbliche (biblioteche, monumenti, ecc.) ecc. c) visite e stabilimenti industriali, musei, redazioni di giornali, aziende agricole d) visite guidate e viaggi di istruzione in località utili per la preparazione culturale degli alunni e) utilizzazione degli audiovisivi e materiale multimediale f) utilizzazione della biblioteca della scuola g) territorio. utilizzazione delle strutture degli Enti Locali e Culturali che operano nel Ciascun docente potrà specificare nella propria programmazione i mezzi e gli strumenti ritenuti adatti allo svolgimento delle varie unità didattiche. RAPPORTO SCUOLA - FAMIGLIA Un proficuo rapporto collaborativo fra scuola e famiglia è auspicabile affinché la scuola possa svolgere al meglio la propria funzione educativa e formativa; pertanto essa promuove occasioni di dialogo irrinunciabili quali: ora settimanale di ricevimento; due udienze generali (dicembre e aprile) in orarlo pomeridiano; comunicazioni scritte e/o convocazioni in casi particolari. INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L inserimento degli alunni disabili in situazione di handicap,che rappresenta per tutte le scuole occasione di forte crescita culturale e civile, ottempera alle disposizioni della legge quadro 104/92 e segue le linee fondamentali dell intesa tra Scuola, ASL e Comune. Si effettuano pertanto ogni anno i necessari collegamenti tra i progetti educativi, riabilitativi e di socializzazione della scuola e degli enti pubblici.. Gli insegnanti di sostegno organizzano l attività educativa e didattica secondo il criterio della flessibilità, mirando alla continuità educativa tra i diversi ordini e gradi di scuola, prevedendo lo svolgimento anche di attività extrascolastiche e di iniziative di sperimentazione e predisponendo attività individualizzate. Gli interventi di tipo educativo, didattico e socio-sanitario coinvolgeranno: DOCENTI dei vari Consigli GENITORI degli alunni OPERATORI delle ASL PERSONALE ausiliario Pagina 39

20 CONTINUITÀ La continuità nasce dall esigenza primaria di garantire il diritto dell alunno ad un percorso formativo organico e completo, che mira a promuovere uno sviluppo articolato e multidimensionale del soggetto il quale, pur nei cambiamenti evolutivi e nelle diverse istituzioni scolastiche, costruisce così la sua particolare identità. (C.M. 339/ 1992). Seguendo le linee fondamentali della normativa citata, e delle successive disposizioni intervenute, la continuità col grado precedente dell istruzione obbligatoria contempla diverse iniziative quali: Coordinare i curricoli delle classi ponte Uniformare i rispettivi impianti metodologici e didattici e organizzare attività comuni Curare la coerenza degli stili educativi tra i due ordini di scuola Gestire unitariamente i casi di handicap Scambiare informazioni utili sugli alunni e sui percorsi didattici effettuati Pagina 40

21 ORIENTAMENTO L orientamento è costituente interno all educazione e pertanto elemento continuo, integrale, unitario ed armonico della personalità. di sviluppo Nello specifico, l'orientamento scolastico è il processo che ha come fine quello di facilitare in ciascuna persona una scelta di studio e di lavoro quanto più consapevole e autonoma possibile. Solo la connaturale funzione educativo/orientativa della scuola può contribuire a rendere fecondi e significativi i risultati di una serie di interventi di supporto, quali incontri sulle opportunità formative di lavoro, sul mercato occupazionale e della conoscenza di sé. Il Progetto orientamento coordinato dalla Funzione strumentale dell area 3, alla luce di quanto previsto dalla normativa, è articolato nel seguente modo: Attività di orientamento predisposte dai singoli Consigli di classe nel corso del triennio. Corso di orientamento per gli alunni delle terze classi. Al termine, sulla base dei dati raccolti dal coordinatore, verrà formulato il Consiglio orientativo. Diffusione di informazioni fornite dagli Istituti superiori. Incontri di genitori e alunni con i rappresentanti degli Istituti superiori del territorio.. Visite guidate ad alcuni istituti e partecipazione ad attività di Laboratorio predisposte dagli stessi. Pagina 41

22 CAP. 5 ARRICCHIMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA Nell ambito dell Autonomia, la nostra scuola propone iniziative che aumentano le possibilità degli alunni e delle loro famiglie di trovare risposte anche ad altre esigenze culturali. Vanno in questa direzione le numerose iniziative dei progetti che si inseriscono nel lavoro delle classi e mirano ad una armonica e completa formazione dei ragazzi a) ACCOGLIENZA Si prevedono attività particolari per i primi giorni di lezione destinate agli alunni delle classi prime: incontro scuola-famiglia (il primo giorno di scuola il Dirigente accoglie i genitori delle classi prime. Gli obiettivi dell incontro sono la presentazione e conoscenza reciproca, ma anche il coinvolgimento nel processo educativo che la scuola vuole avviare; conoscere l organizzazione funzionale e spaziale della scuola; conoscere docenti e compagni; compilazione scheda di presentazione, questionario sulle aspettative rispetto alla nuova scuola, questionario conoscitivo sulle abitudini e sul metodo di studio praticato alle elementari. b) SOSTEGNO, RECUPERO e POTENZIAMENTO Considerata la valenza educativa e formativa di tale ordine di scuola è necessario, ed è compito della istituzione scolastica, adottare opportune misure di prevenzione nonché di sostegno all apprendimento e di potenziamento..favorire il recupero e potenziare le eccellenze sono azioni che si possono fare insieme mediante: l articolazione modulare del tempo; l articolazione modulare dei gruppi. La flessibilità permette di costituire gruppi di alunni che, fermo restando la funzione insostituibile della classe come gruppo stabile di riferimento, consentono di dare risposte efficaci sia alle esigenze di recupero e allineamento degli allievi più deboli, sia alle attese di arricchimento culturale e di promozione delle eccellenze. In alcune fasi della didattica le classi possono quindi essere scomposte in gruppi che perseguano obiettivi momentaneamente diversi come il recupero e l approfondimento. L attività di recupero sarà svolta per classi parallele e per le seguenti materie: italiano; matematica e lingua straniera. Pagina 42

23 c) CORSO DI LATINO Il corso di latino nasce dalla necessità di fornire elementi basilari a quegli alunni delle classi terze, che proseguiranno gli studi nelle scuole superiori in cui è materia curricolare il latino. Tale attività sarà svolta attraverso corsi pomeridiani gratuiti tenuti solitamente nei mesi di aprile maggio; il corso prevede circa 20 ore extracurricolari. d) ATTIVITA SPORTIVA L importanza che l educazione motoria, fisica e sportiva ha assurto nella società moderna ha fatto sì che la Scuola pensasse ad organizzare in modo adeguato l attività sportiva. I ragazzi del nostro tempo sono abituati alla vita sedentaria, una scelta comportamentale che certo non giova alla loro salute ed incide negativamente ad una loro armoniosa crescita psico-somatica. Questo progetto favorisce, inoltre, la socializzazione ed è rivolto a tutti i discenti della scuola, senza discriminazione alcuna; esso vuole essere la prosecuzione delle esperienze realizzate negli anni scorsi con successo; l attività sportiva, con conseguente partecipazione ATLETICA Maschile e Femminile PALLAVOLO Maschile e Femminile CORSA CAMPESTRE Maschile e Femminile ai campionati studenteschi, prevede corsi di: e) SICUREZZA Nell ambito delle attività relative alla sicurezza è stata programmata un'opera di formazione per insegnanti e alunni al fine di affrontare adeguatamente situazioni di emergenza quali terremoti, incendi, ecc. Nel corso dell'anno scolastico è prevista la partecipazione degli alunni ad alcune prove-di evacuazione dell'edificio, con l'intervento dei Vigili del Fuoco, della Protezione Civile e della Croce Rossa. In ogni ambiente dell'istituto, inoltre, sono presenti piantine e indicatori delle vie d esodo in caso di emergenza; l'attenzione è rivolta alla sicurezza degli alunni anche nelle pertinenze dell'edificio. PROGETTI PER L AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA Pagina 43

24 Allegato n 3 ASSEGNAZIONE INCARICHI 1. Emanazione ordine d'evacuazione DIRIGENTE e COLLABORATORE VICARIO 2. Diffusione ordine d'evacuazione COLLABORATORI SCOLASTICI 3. Controllo operazioni d'evacuazione: - piano terra: Dirigenza, biblioteca, uffici e personale AIA GERBASI MARIA CRISTINA e PISCICELI LUIGIA -piano terra: palestra -piano terra: laboratori DI LELLO MARIA ELENA e DOCENTI IN SERVIZIO INSEGNANTI PRESENTI - primo piano corpo A: PERCORSO VERDE e sala insegnanti..... SCIGLI CONCETTA e CURTI LUCIA -primo piano corpo A: PERCORSO GIALLO... DI NARDO ANTONIO e RAGO NICOLA - primo piano corpo B: PERCORSO ROSSO..... SALZANO STEFANIA e DI DOMENICA CLOTILDE -secondo piano corpo A: PERCORSO BLU. MATTIA MARISA e GINOBLE ADA - secondo piano corpo A: PERCORSO BLU. sala computer. INSEGNANTE PRESENTE e D'ERCOLE EMILIA -secondo piano corpo A: PERCORSO GIALLO CANIGLIA GIUSTINO e NOSCICARMELA - secondo piano corpo B, aule speciali: PERCORSO ROSSO.... INSEGNANTI PRESENTI 4. Chiamate di soccorso... PELUZZO ROSA e NAGLIERI RITA 5. Interruzione erogazione: -gas centrale termica... DI FABIO ANTONIO e PISCICELLI LUIGIA -energia elettrica... BOCCHINO FRANCA e SALVATORE ANTONIO 6. Attivazione e controllo periodico degli estintori e/o degli idranti: - piano terra e seminterrato PISCICELLI LUIGIA e BOCCHINO FRANCA -primo piano e piano rialzato corpo A... -secondo piano e primo piano rialzato corpo A... -palestra DI FABIO ANTONIO e CURTI LUCIA D'ERCOLE EMILIA e NOSCICARMELA DI LELLO MARIA ELENA e PISCICELLI LUIGIA - piano terra corpo B : attivazione ( INSEGNANTI PRESENTI) controllo (DI DOMENICA CLOTILDE) -primo piano corpo B.... DI DOMENICA CLOTILDE - secondo piano corpo B attivazione (INSEGNANTI PRESENTI) controllo (DI FABIO ANTONIO) 7. Controllo praticabilità vie d'uscita DI FABIO ANTONIO e MALATACCA MADDALENA 8. - Apertura porte principali e cancelli sulla pubblica via ed eventuale interruzione del traffico....bocchino FRANCA e PISCICELLI LUIGIA -Apertura porta n 1 lato Sud -Apertura porta n 2 lato Sud... SALVATORE ANTONIO e GERBASI M. CRISTINA DI LELLO MARIA ELENA e INSEGNANTI PRESENTI Apertura porta n 3 lato Sud... DI DOMENICA CLOTILDE e INSEGNANTI PRESENTI -Apertura porta lato Ovest... DI DOMENICA CLOTILDE e INSEGNANTI PRESENTI -Apertura porta Est palestra... DI LELLO MARIA ELENA e INSEGNANTI PRESENTI - Capo area zona sicura A... DELLA ROCCA ALFONSO e CIONCI PANFILO - Capo area zona sicura B... DI LELLO GIULIO e SALZANO STEFANIA - Coordinatore zone sicure MÀLATACCA MADDALENA e DI LELLO GIULIO N. B. il primo nome è il titolare Pagina 44

VALUTAZIONE scuola primaria valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni

VALUTAZIONE scuola primaria valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni VALUTAZIONE In base all art. 3 del decreto legge del 30 ottobre 2008, n.169, dall'anno scolastico 2008/09, nella scuola primaria la valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni è espressa

Dettagli

Criteri di valutazione degli alunni

Criteri di valutazione degli alunni Funzioni della valutazione Criteri di valutazione degli alunni La valutazione degli alunni risponde alle seguenti funzioni fondamentali: verificare l acquisizione degli apprendimenti programmati; adeguare

Dettagli

Il Collegio dei Docenti delibera

Il Collegio dei Docenti delibera Il Collegio dei Docenti delibera MODALITÀ E CRITERI DI VALUTAZIONE ai sensi dell art. 1, comma 5, del DPR 122 /2009: Il collegio dei docenti definisce modalità e criteri per assicurare omogeneità, equità

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini

Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE 1. Situazione iniziale Anno Scolastico

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 9 BOLOGNA LINEE GUIDA AI CRITERI DI VERIFICA E VALUTAZIONE A.S. 2014-2015

ISTITUTO COMPRENSIVO 9 BOLOGNA LINEE GUIDA AI CRITERI DI VERIFICA E VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 LINEE GUIDA AI CRITERI DI VERIFICA E VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 1 Premessa Nel rispetto della normativa vigente sulla valutazione vengono preparati, secondo criteri il più possibile oggettivi, test di

Dettagli

La Camera dei Deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA promulga. la seguente legge: Art.

La Camera dei Deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA promulga. la seguente legge: Art. La Camera dei Deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA promulga la seguente legge: Art. 1 Comma 1. Per affermare il ruolo centrale della scuola nella società

Dettagli

VALUTAZIONE FORMATIVA

VALUTAZIONE FORMATIVA VALUTAZIONE FORMATIVA SETTEMBRE PROVE DI INGRESSO Le prove d ingresso, mirate e funzionali, saranno comuni a tutte le classi prime della scuola secondaria di primo grado dell Istituto Comprensivo e correlate

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO COORDINATO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

Rapporto con persone e con l istituzione scolastica, rispetto del Regolamento d Istituto

Rapporto con persone e con l istituzione scolastica, rispetto del Regolamento d Istituto Indicatori e descrittori per l attribuzione del voto relativo al comportamento di ciascuno studente VOTO 10 9 8 7 6 5 Rapporto con persone e con l istituzione scolastica, rispetto del Regolamento d Istituto

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI SCUOLA MEDIA ARMANDO DIAZ OLBIA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI PREMESSA Da alcuni anni la nostra scuola è frequentata da alunni stranieri provenienti da paesi europei ed extraeuropei, da

Dettagli

VALUTAZIONE 3.7.1 CRITERI GENERALI PER LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI 3.7.2 CRITERI GENERALI PER L ATTIVITÀ DI RECUPERO DOPO GLI SCRUTINI

VALUTAZIONE 3.7.1 CRITERI GENERALI PER LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI 3.7.2 CRITERI GENERALI PER L ATTIVITÀ DI RECUPERO DOPO GLI SCRUTINI VALUTAZIONE 3.7.1 CRITERI GENERALI PER LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI SCUOLA INFANZIA Viene proposta una griglia della situazione iniziale (fine Ottobre) e una relazione dettagliata dopo il consiglio di intersezione.

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

Criteri ed indicazioni per la valutazione degli alunni

Criteri ed indicazioni per la valutazione degli alunni Criteri ed indicazioni per la valutazione degli alunni La verifica degli apprendimenti, momento importante del processo formativo, servirà ai docenti per modificare o integrare gli obiettivi, i metodi

Dettagli

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana. Collegio dei docenti. Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana. Collegio dei docenti. Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana Collegio dei docenti Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria Approvato nella seduta del Collegio del 17 gennaio 2013 Prima

Dettagli

DOCUMENTO DI LINEE D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO A.S.

DOCUMENTO DI LINEE D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO A.S. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I.C. NUOVO PONTE DI NONA - VIA GASTINELLI N. 58-00132 ROMA TEL. 06/22180417- fax: 06/22188121 C.M.RMIC8CR006

Dettagli

Via Sismondi, 17 - tel. 0572 476298 51017 Pescia (PT)

Via Sismondi, 17 - tel. 0572 476298 51017 Pescia (PT) Via Sismondi, 17 - tel. 0572 476298 51017 Pescia (PT) La Scuola Primaria di Valchiusa è situata in una zona verdeggiante meglio conosciuta come Valchiusa e occupa parte della sede centrale dell Istituto

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA Statuto degli Studenti e delle Studentesse

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA Statuto degli Studenti e delle Studentesse ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA I GRADO Centro Territoriale Permanente per l Educazione e la Formazione in età adulta Via San Giovanni Bosco, 5-23014 DELEBIO (SO) tel.

Dettagli

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento L'a.s. 2013/14 oltre alla realizzazione della fase di, è stato dedicato all'avvio e al proseguimento di azioni di Miglioramento

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

Prot.n. 30 Milano, 7 gennaio 2014 Circ.n. 162/Doc Ai Coordinatori di classe Ai Docenti

Prot.n. 30 Milano, 7 gennaio 2014 Circ.n. 162/Doc Ai Coordinatori di classe Ai Docenti Prot.n. 30 Milano, 7 gennaio 2014 Circ.n. 162/Doc Ai Coordinatori di classe Ai Docenti OGGETTO: Scrutini: indicazioni per le attività di recupero e per la valutazione del comportamento degli alunni Attività

Dettagli

Anno Scolastico 2015-2016

Anno Scolastico 2015-2016 Scuola Secondaria di Primo Grado Giovanni Pascoli Via Tagliamonte, 21 80058 Torre Annunziata (Na) POF Anno Scolastico 2015-2016 PREMESSA L istituzione scolastica effettua la programmazione triennale dell

Dettagli

Istituto Comprensivo Aldo Moro Saronno OPEN DAY 2011

Istituto Comprensivo Aldo Moro Saronno OPEN DAY 2011 Istituto Comprensivo Aldo Moro Saronno OPEN DAY 2011 L alunno al centro RISPETTO DELLE INDIVIDUALITA ATTENZIONE ALLE SPECIFICITA PERSONALI ATTENZIONE AI DIVERSI STILI DI APPRENDIMENTO CURA DELLE RELAZIONI

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro Napoli

Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro Napoli Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro Napoli Criteri di valutazione degli studenti per tutte le classi I singoli docenti attraverso i propri piani di lavoro, i consigli di classe e la programmazione di

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Verifica dei risultati e valutazione dei processi cognitivi.

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Verifica dei risultati e valutazione dei processi cognitivi. ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "MARCO POLO - VIANI" LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Verifica dei risultati e valutazione dei processi cognitivi. LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI La valutazione è un elemento pedagogico

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA U FFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA L'inserimento delle/degli studenti diversamente abili nelle classi è finalizzato alla piena integrazione di

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE PER IL SETTORE ECONOMICO Raffaele Piria

ISTITUTO TECNICO STATALE PER IL SETTORE ECONOMICO Raffaele Piria via Piria n 2, 89127 REGGIO CALABRIA - 0965 28547 0965 313252 Anno Scolastico 2011/2012 Premesso che Ai Genitori Agli Alunni Ai Docenti Al Personale ATA La scuola non è soltanto ambiente di apprendimento

Dettagli

Istituto Tecnico Statale. L. Einaudi Correggio LINEE GUIDA PER LA MOBILITA STUDENTESCA

Istituto Tecnico Statale. L. Einaudi Correggio LINEE GUIDA PER LA MOBILITA STUDENTESCA Istituto Tecnico Statale L. Einaudi Correggio LINEE GUIDA PER LA MOBILITA STUDENTESCA LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ STUDENTESCA Linee guida per l implementazione delle seguenti forme di mobilità studentesca

Dettagli

A tutti i genitori degli alunni e delle alunne delle classi quinte della Scuola primaria

A tutti i genitori degli alunni e delle alunne delle classi quinte della Scuola primaria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOTTICINO Via Udine, 6 25080 Botticino Mattina - CF 80064290176 - Tel. 030 2693113 Fax: 030 2191205 email: ddbottic@provincia.brescia.it

Dettagli

OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA EX ART.1, COMMA 14, LEGGE N.

OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA EX ART.1, COMMA 14, LEGGE N. Prot. n. 3258/A04a Verona, 12 ottobre 2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E P.C. AL CONSIGLIO D ISTITUTO AI GENITORI AL PERSONALE ATA ATTI ALBO OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015 DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI Composizione I Dipartimenti sono composti dai docenti, raggruppati per aree disciplinari e/o per

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale D. Alighieri Scuola dell'infanzia/primaria/secondaria di primo grado Via per Duno, 10-21030 CUVEGLIO (VA) tel. 0332.650200/650152

Dettagli

6. LA VALUTAZIONE. Liceo Classico Dante Alighieri Latina P.O.F. Pagina 26

6. LA VALUTAZIONE. Liceo Classico Dante Alighieri Latina P.O.F. Pagina 26 6. LA VALUTAZIONE La valutazione è momento centrale nella pratica educativa e nel processo di apprendimento degli studenti, e riguarda molti aspetti della vita scolastica. Il Collegio dei Docenti indica

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe II sezione B Data di approvazione 24 ottobre -

Dettagli

VALUTAZIONE DELL ALUNNO

VALUTAZIONE DELL ALUNNO LA VALUTAZIONE VALUTAZIONE DELL ALUNNO In seguito all introduzione del voto decimale nella scuola, ripristinato dal tanto discusso e contestato decreto Gelmini, si è sviluppato, nelle scuole, un ampio

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINARE DELL I.T.I. M. BUONARROTI DI TRENTO. (secondo quanto previsto dal D.P.R. 249 del 24 giugno 1998) PREMESSA

REGOLAMENTO DISCIPLINARE DELL I.T.I. M. BUONARROTI DI TRENTO. (secondo quanto previsto dal D.P.R. 249 del 24 giugno 1998) PREMESSA Allegato D delibera n. 5/2006 REGOLAMENTO DISCIPLINARE DELL I.T.I. M. BUONARROTI (secondo quanto previsto dal D.P.R. 249 del 24 giugno 1998) PREMESSA Il presente Regolamento si articola secondo la struttura

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE GUIDO CAVALCANTI SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI Via G. Guerrazzi 178, 50019 Sesto Fiorentino (FI) Tel 055/4210541/2 FAX 055/4200419 E-mail: fimm495000x@istruzione.it Sito Web: www.scuolacavalcanti.gov.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI VERBICARO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO. Via Molinelli VERBICARO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA COORDINATA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI VERBICARO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO. Via Molinelli VERBICARO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA COORDINATA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI VERBICARO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Via Molinelli VERBICARO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA COORDINATA CLASSE II A ANNO SCOLASTICO 2013/2014 La programmazione del

Dettagli

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado Classe: Sezione: Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado PROGETTAZIONE CURRICOLARE Approvazione del Consiglio di Classe in data: Coordinatore:Prof.

Dettagli

5 IL SISTEMA INTERNO DI VALUTAZIONE 5.1 RAPPORTI SCUOLA FAMIGLIA

5 IL SISTEMA INTERNO DI VALUTAZIONE 5.1 RAPPORTI SCUOLA FAMIGLIA 5 IL SISTEMA INTERNO DI VALUTAZIONE L autovalutazione delle attività progettuali previste nel POF viene attuata tramite la somministrazione di questionari rivolti agli alunni, ai genitori e agli insegnanti

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA BAROLO

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA BAROLO CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA BAROLO L ISTITUZIONE SCOLASTICA E IL NUOVO SISTEMA DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE L Istituzione Scolastica ha proceduto alla definizione del proprio Curricolo operando l essenzializzazione

Dettagli

CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA

CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA ISTITUTO COMPRENSIVO E. FERMI DI CARVICO SCUOLA SECONDARIA di CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA Estratto Piano dell Offerta Formativa Anno Scolastico 2015-2016 L OFFERTA FORMATIVA comune a tutti

Dettagli

(Collegio Docenti del / /2012)

(Collegio Docenti del / /2012) Codice Fiscale: 80014050357 CM: CMRETD02000L Vìa Prati, 2 42015 Correggio (RE) Tel. 0522 693271 Fax 0522 632119 Sito Web: www.einaudicorreggio.gov.it e mail: info@einaudicorreggio.gov.it e mail certificata:

Dettagli

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia (Approvato dal Consiglio d Istituto nella seduta del 18 dicembre 2008) ---------------- L Istituto Comprensivo VIA CASAL BIANCO è una scuola che svolge

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE P. HENSEMBERGER. Oggetto : Informazioni e disposizioni sulla vita della scuola.

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE P. HENSEMBERGER. Oggetto : Informazioni e disposizioni sulla vita della scuola. ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE P. HENSEMBERGER ISTITUTO TECNICO : Elettrotecnica, Informatica, Meccanica e Meccatronica LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE Via Berchet 2-20900 Monza 039324607 - Fax 039322122

Dettagli

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE CURRICOLO Il Curricolo è il complesso organizzato delle esperienze di apprendimento che una scuola intenzionalmente progetta e realizza per gli alunni al fine di conseguire le mete formative desiderate.

Dettagli

VERBALE n. SCRUTINIO FINALE

VERBALE n. SCRUTINIO FINALE VERBALE n. SCRUTINIO FINALE (CLASSI PRIME E SECONDE del triennio ) Il giorno del mese di dell anno alle ore, nei locali del, si riunisce il Consiglio della Classe, con la sola presenza dei docenti, per

Dettagli

IL CONSIGLIO DI CLASSE

IL CONSIGLIO DI CLASSE Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO COMPRENSIVO XXV APRILE Via Gramsci, 2-4 6 01033 CIVITA CASTELLANA (VT) Tel. 0761513060 Fax. 0761513362

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI OSIO SOTTO (BG) SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO OFFERTA FORMATIVA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI OSIO SOTTO (BG) SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO DI OSIO SOTTO (BG) SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO OFFERTA FORMATIVA 2015/2016 1 PREMESSA Come specificato nelle Nuove Indicazioni, la scuola primaria, insieme alla scuola secondaria

Dettagli

LA SCUOLA MEDIA DI PAINA

LA SCUOLA MEDIA DI PAINA 1 Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto comprensivo don Rinaldo Beretta" Scuola secondaria di primo grado Salvo D Acquisto 20030 PAINA DI GIUSSANO - VIA A. MANZONI, 50 TEL.

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI E TURISTICI "L. EINAUDI"

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI E TURISTICI L. EINAUDI PROPOSTA ATTIVITA A.S. 2008-09 M1/PA08 CURRICOLARE EXTRACURRICOLARE ALTRO Titolo del Progetto Accoglienza- Alfabetizzazione,- Educazione interculturale Responsabile del Progetto Prof. ssa Colombo Lidia

Dettagli

COSA OFFRE IL PASCAL?

COSA OFFRE IL PASCAL? I. INDICE RAGIONATO COS E IL PASCAL? UN ISTITUTO ORGANIZZATO IN: 4 indirizzi sperimentali: - Informatico (Indirizzo Tecnico) - Linguistico (Indirizzo Tecnico) - Grafico-Beni Culturali (Liceo artistico)

Dettagli

LICEO CLASSICO STATALE Liceo delle Scienze Umane - Liceo Economico Sociale Vittorio Emanuele II - JESI -

LICEO CLASSICO STATALE Liceo delle Scienze Umane - Liceo Economico Sociale Vittorio Emanuele II - JESI - Prot. n. 5866/C16a Jesi, 13/10/2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E P.C. AL CONSIGLIO D ISTITUTO AI GENITORI AGLI ALUNNI AL PERSONALE ATA ATTI ALBO OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale di Sovizzo

Istituto Comprensivo Statale di Sovizzo Prot. n. 2994/D6 Sovizzo, 20 novembre 2015 Al Collegio docenti Al Consiglio di Istituto AI Genitori Al Personale ATA dell IC Sovizzo LORO SEDI OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO (per i docenti dei tre ordini di scuola)

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO (per i docenti dei tre ordini di scuola) QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO (per i docenti dei tre ordini di scuola) Docente di: scuola infanzia scuola primaria scuola secondaria I Professionalità dei docenti Programmazione e valutazione

Dettagli

Scuola Secondaria di primo grado "Dante Arfelli" Via Sozzi 6-47042 Cesenatico (FC)

Scuola Secondaria di primo grado Dante Arfelli Via Sozzi 6-47042 Cesenatico (FC) Scuola Secondaria di primo grado "Dante Arfelli" Via Sozzi 6-47042 Cesenatico (FC) Tel. 0547 80309 Fax 0547 672888 e-mail: fomm08900a@istruzione.it www.smcesenatico.net PIANO dell'offerta FORMATIVA S I

Dettagli

1. LINEE D INDIRIZZO

1. LINEE D INDIRIZZO Liceo Scientifico Statale Giovanni Marinelli Viale Leonardo da Vinci, 4-33100 UDINE tel. 0432/46938 - fax 0432/471803 - C.F. 80006880308 anno scolastico 2015/16 1. LINEE D INDIRIZZO 1.1 Indirizzi generali

Dettagli

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano 1. PROFILO DELLA CLASSE La classe, formata quest anno da 25 alunni, comprende 20 alunne e 1 alunno

Dettagli

LICEO CLASSICO LORENZO COSTA

LICEO CLASSICO LORENZO COSTA LICEO CLASSICO LORENZO COSTA La Spezia Piazza G. Verdi, 15 Tel 0187 734520 Il passato ti appartiene......costruisci il tuo futuro! IL NOSTRO LICEO da più di cento anni una presenza significativa nella

Dettagli

Circolare n. 56 Perugia, 29 settembre 2015. Ai docenti. Sede

Circolare n. 56 Perugia, 29 settembre 2015. Ai docenti. Sede Chimica, Materiali e Biotecnologie Grafica e Comunicazione Trasporti e Logistica Istituto Tecnico Tecnologico Statale Alessandro Volta Scuol@2.0 Via Assisana, 40/E - loc. Piscille - 06135 Perugia Centralino

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÀ FRA SCUOLA E FAMIGLIA

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÀ FRA SCUOLA E FAMIGLIA Ministero dell Istruzione, dell'università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Landriano Via B. Brecht, 1 27015 Landriano (PV) Tel. 038264103 Fax 038264143 - sito web: www.iclandriano.gov.it

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELL ISTITUTO COMPRENSIVO CENTALLO - VILLAFALLETTO

CARTA DEI SERVIZI DELL ISTITUTO COMPRENSIVO CENTALLO - VILLAFALLETTO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CENTALLO VILLAFALLETTO Scuola dell infanzia Scuola primaria - Scuola secondaria di primo grado Via delle Scuole 8-12044 Centallo (CN) Tel. 0171214049 fax 0171214049 email cnic84300r@istruzione.it

Dettagli

Scuo1a Media Statale G. Leopardi - Mira (Venezia)

Scuo1a Media Statale G. Leopardi - Mira (Venezia) Scuo1a Media Statale G. Leopardi - Mira (Venezia) Anno scolastico 2010-2011 CLASSE III SEZ. RELAZIONE FINALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE E CRITERI DEL COLLOQUIO D'ESAME Il Consiglio di Classe della 3 sez.,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLONGO SCUOLA PRIMARIA. Estratto del POF

ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLONGO SCUOLA PRIMARIA. Estratto del POF ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLONGO SCUOLA PRIMARIA Estratto del POF La scuola, come ambiente educativo di apprendimento, luogo di convivenza democratica, deve offrire un clima sociale positivo ed essere

Dettagli

All'albo della scuola e sul sito web

All'albo della scuola e sul sito web Prot. n. 4684 Roma, 28 settembre 2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E p.c. Al Consiglio d istituto Alle famiglie Agli alunni Al personale ATA All'albo della scuola e sul sito web OGGETTO: ATTO DI INDIRIZZO DEL

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO Tel. 031. 607321 - E-mail: sms.inverigo@tiscali.it - Sito: www.icsinverigo.gov.it Direzione e Segreteria dell Istituto Comprensivo: Via

Dettagli

PROTOCOLLO VALUTAZIONE DEL PROCESSO FORMATIVO

PROTOCOLLO VALUTAZIONE DEL PROCESSO FORMATIVO PROTOCOLLO VALUTAZIONE DEL PROCESSO FORMATIVO MODALITA E CRITERI PER ASSICURARE OMOGENEITA, EQUITA E TRASPARENZA DELLA VALUTAZIONE Riferimenti normativi: DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 22 giugno

Dettagli

LA VALUTAZIONE. Valutazione degli apprendimenti

LA VALUTAZIONE. Valutazione degli apprendimenti LA VALUTAZIONE Valutazione degli apprendimenti Le verifiche hanno da sempre la duplice funzione di controllare il grado di apprendimento degli allievi e la validità dell azione educativa e didattica. Infatti,mentre

Dettagli

PERCORSI FORMATIVI TEMPO NORMALE corsi A-B-C( Villa S. Giuseppe) corsi E--G SEDE CENTRALE

PERCORSI FORMATIVI TEMPO NORMALE corsi A-B-C( Villa S. Giuseppe) corsi E--G SEDE CENTRALE PERCORSI FORMATIVI TEMPO NORMALE corsi A-B-C( Villa S. Giuseppe) corsi E--G SEDE CENTRALE Discipline o gruppi di discipline I classe II classe III classe Italiano 5 5 5 Storia + laboratorio di Cittadinanza

Dettagli

EMANA IL SEGUENTE ATTO DI INDIRIZZO

EMANA IL SEGUENTE ATTO DI INDIRIZZO Castiglione delle Stiviere, 05/10/2015 Prot. n. 9298/C6 Al Collegio dei Docenti Alla DSGA All albo E p.c. al Consiglio di Istituto Oggetto: ATTO DI INDIRIZZO RIGUARDANTE LA DEFINIZIONE E LA PREDISPOSIZIONE

Dettagli

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività)

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) I dati si riferiscono all anno scolastico 2013/2014 Approvato nel Collegio dei Docenti del 13 giugno 2014 1 Gli alunni certificati in base alla Legge 104/1992 Tabella

Dettagli

SECONDARIA "L. VERGA"

SECONDARIA L. VERGA SECONDARIA "L. VERGA" SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO LUIGI VERGA Via Trino 32, Tel. 0161-215814, E-mail vergadocenti@tiscali.it CLASSI ALUNNI INSEGNANTI 16 334 38 10 DI SOSTEGNO 1 DI RELIGIONE COLLABORATRICI

Dettagli

Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015

Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015 Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015 a cura del nucleo di autovalutazione guidato dalla FS prof. Busatto Il percorso di formazione In vista della compilazione del RAV (Rapporto

Dettagli

Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22. Al Collegio dei Docenti. E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA

Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22. Al Collegio dei Docenti. E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22 Al Collegio dei Docenti E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA Oggetto : Pubblicazione Atto di Indirizzo del Dirigente Scolastico per la predisposizione

Dettagli

CI SONO SCELTE CHE FANNO LA DIFFERENZA

CI SONO SCELTE CHE FANNO LA DIFFERENZA CI SONO SCELTE CHE FANNO LA DIFFERENZA ISTITUTO PARITARIO D.M. 15.02.2014 Liceo Internazionale Quadriennale IL NUOVO MODO DI FARE SCUOLA. WWW.LICEOINTERNAZIONALE.ORG Liceo Internazionale Quadriennale In

Dettagli

ALLEGATO D: UNITA DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

ALLEGATO D: UNITA DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ALLEGATO D: SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CLASSE PRIMA Classe prima ACQUISIRE O MIGLIORARE IL SENSO DI RESPONSABILITA 1. Periodo nel corso dell intero anno, ma soprattutto durante il primo quadrimestre

Dettagli

alunni stranieri speciali sostegni servizi al suo interno laboratori didattici Situazione della scuola 3 Finalità del progetto 4.

alunni stranieri speciali sostegni servizi al suo interno laboratori didattici Situazione della scuola 3 Finalità del progetto 4. Istituto Omnicomprensivo Statale Beato Simone Fidati Scuola d Infanzia, Primaria, Secondaria primo grado e Secondaria Superiore (IPSIA) Località La Stella - 06043 Cascia (PG) 074376203 0743751017 074376180

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Liceo Scientifico Linguistico Statale Paolo Giovio - Como

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Liceo Scientifico Linguistico Statale Paolo Giovio - Como Prot. n. 5343/C51 - Anno scolastico 2015-2016 Como, lì 18.09.2015 Comunicazione n. 29 Ai docenti Agli alunni Ai genitori e coloro che esercitano la responsabilità genitoriale Ai docenti collaboratori del

Dettagli

Istituto Scolastico Comprensivo Statale "R. Fucini"

Istituto Scolastico Comprensivo Statale R. Fucini Istituto Scolastico Comprensivo Statale "R. Fucini" Scuola Infanzia Primaria e Secondaria di I di Monteroni d Arbia e Murlo Viale Rimembranze,127 Tel 0577375118 53014 - MONTERONI D'ARBIA (SI) e. mail siic80800q@istruzione.it

Dettagli

PROGETTI della SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO

PROGETTI della SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO PROGETTI della SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO PROGETTO EDUCAZIONE ALLA SOCIOAFFETTIVITA Il progetto sperimenta la tecnica del Circle Time, rispondendo al bisogno dei discenti di esplorarsi attraverso attività

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE opzione economico sociale CORSO SERALE

LICEO DELLE SCIENZE UMANE opzione economico sociale CORSO SERALE Liceo Antonio Rosmini - Trento LICEO DELLE SCIENZE UMANE opzione economico sociale CORSO SERALE ISCRIZIONE Il Liceo delle Scienze umane opz. economico sociale corso serale è rivolto a studenti che abbiano

Dettagli

Programmazione educativo-didattica del C.d.C.

Programmazione educativo-didattica del C.d.C. I.I.S. Federico II di Svevia Liceo Scientifico Opzione Scienze Applicate - - Melfi - Programmazione educativo-didattica del C.d.C. Classe V sez. AA a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA STESURA DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PER IL TRIENNIO 2016-19 PREMESSA

LINEE DI INDIRIZZO PER LA STESURA DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PER IL TRIENNIO 2016-19 PREMESSA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazza Volta 4/a 22077 OLGIATE COMASCO (CO) tel. 031-944033 / 947207 cod.min. COIC80700A - cod.fisc. 80013700135 e.mail

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE MODELLO DI MATRICE ADOTTATA PER LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Periodo di riferimento Traguardi

Dettagli

Eventuali uscite anticipate dal semiconvitto devono essere richieste da un genitore su apposito libretto ed autorizzate dal personale educativo.

Eventuali uscite anticipate dal semiconvitto devono essere richieste da un genitore su apposito libretto ed autorizzate dal personale educativo. Educandato Statale SS. Annunziata Firenze Liceo Classico Europeo - Liceo Scientifico Brocca - Liceo Linguistico Brocca 1. Vita della comunità scolastica Regolamento di Istituto La scuola è luogo di formazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA allegato al Regolamento d'istituto approvato dal Consiglio d'istituto con delibera n.10/6.11.2014

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA allegato al Regolamento d'istituto approvato dal Consiglio d'istituto con delibera n.10/6.11.2014 ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO A. DE CAROLIS ACQUAVIVA PICENA e MONSAMPOLO DEL TRONTO TEL 0735/764431 FAX 0735/769252 www.iscdecarolis.gov.it e-mail: apic80800a@istruzione.it posta certificata: apic80800a@pec.istruzione.it

Dettagli

Orientamento come progetto di istituto

Orientamento come progetto di istituto L OFFERTA FORMATIVA PER IL SUCCESSO FORMATIVO DI TUTTI GLI STUDENTI Orientamento come progetto di istituto L orientamento assume un posto di assoluto rilievo nella progettazione educativa dell istituto.

Dettagli

Scuola Primaria Trento TROVA

Scuola Primaria Trento TROVA Scuola Primaria Trento TROVA Carissimi genitori e bambini, sono lieto di farvi giungere il mio più cordiale saluto e, al tempo stesso, presentarvi il Collegio Arcivescovile. È una scuola di lunga tradizione

Dettagli

Liceo Scientifico Statale Giovanni Marinelli Viale Leonardo da Vinci, 4-33100 UDINE tel. 0432/46938 - fax 0432/471803 - C.F.

Liceo Scientifico Statale Giovanni Marinelli Viale Leonardo da Vinci, 4-33100 UDINE tel. 0432/46938 - fax 0432/471803 - C.F. Liceo Scientifico Statale Giovanni Marinelli Viale Leonardo da Vinci, 4-33100 UDINE tel. 0432/46938 - fax 0432/471803 - C.F. 80006880308 anno scolastico 2014/15 3. PIANI DI STUDIO 3.1 Finalità e obiettivi

Dettagli

Progetto di Valutazione Dell Istituto

Progetto di Valutazione Dell Istituto Progetto di Valutazione Dell Istituto ANNO SCOLASTICO 2013/14 SCUOLA INFANZIA PRIMARIA FINALITA Il presente progetto di valutazione, da attuarsi nell anno scolastico 2013/2014, è volto al potenziamento

Dettagli

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA mediante momenti di raccordo pedagogico, curriculare e organizzativo fra i tre ordini di scuola, promuove la continuità del processo educativo, condizione essenziale per

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO Prot. n. 4726/A19 Calolziocorte, 30/09/2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E P.C. AL CONSIGLIO D ISTITUTO AI GENITORI AGLI ALUNNI AL PERSONALE ATA ATTI ALBO OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

Dettagli

5.6 La valutazione nella Scuola dell'infanzia

5.6 La valutazione nella Scuola dell'infanzia .6 La valutazione nella Scuola dell'infanzia Nella Scuola dell'infanzia non si parla propriamente di valutazione se non in termine di sviluppo di competenze riferito ai Campi di Esperienza delle Nuove

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso FINALITA Il presente documento contiene criteri, principi e indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche per un ottimale inserimento

Dettagli

MANUALE GESTIONE QUALITA

MANUALE GESTIONE QUALITA MODALITÀ DI RECUPERO Pag. 1 di 8 Modalità di recupero Copia N. controllata non controllata Questo Documento è emesso con distribuzione riservata e non può essere riprodotto senza il benestare scritto del

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI POGGIO RUSCO MN. Scuola dell infanzia, Scuola primaria, Scuola secondaria di primo grado

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI POGGIO RUSCO MN. Scuola dell infanzia, Scuola primaria, Scuola secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI POGGIO RUSCO MN Scuola dell infanzia, Scuola primaria, Scuola secondaria di primo grado PREMESSA La scuola oggi deve affrontare il tema delle relazioni, dell incontro con

Dettagli

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596 Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596 Piano Annuale per l Inclusione 2015/16 1. FINALITA GENERALE E NORMATIVA DI RIFERIMENTO Legge 104/92 Legge

Dettagli

Prot. n. 6408/C23 Viareggio 13 novembre 2015

Prot. n. 6408/C23 Viareggio 13 novembre 2015 Prot. n. 6408/C23 Viareggio 13 novembre 2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E P.C. AL CONSIGLIO D ISTITUTO AI GENITORI AGLI ALUNNI AL PERSONALE ATA ATTI ALBO OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

Dettagli

5.2. DESCRIZIONE DEGLI ORGANISMI COLLEGIALI

5.2. DESCRIZIONE DEGLI ORGANISMI COLLEGIALI 5.2. DESCRIZIONE DEGLI ORGANISMI COLLEGIALI Famiglia e scuola devono collaborare per favorire insieme il processo di educazione dei ragazzi, nel reciproco rispetto di ruoli e compiti. La scuola non può

Dettagli