GLI OBIETTIVI GENERALI DEL PROCESSO FORMATIVO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GLI OBIETTIVI GENERALI DEL PROCESSO FORMATIVO"

Transcript

1 GLI OBIETTIVI GENERALI DEL PROCESSO FORMATIVO Scuola dell educazione integrale: considera il sapere e il fare come occasioni per sviluppare armoni-camente la personalità degli allievi in tutte le direzioni: etiche, religiose, sociali, intellettive, affettive, operative, creative, ecc. Scuola che colloca nel mondo: sviluppa l immagine più approfondita della realtà sociale, tecnologica, storica, economica, istituzionale, politica Scuola orientativa: dà spazio all iniziativa del soggetto per il suo sviluppo psichico, fisico, intellettuale studio delle discipline e delle attività inter e transdisciplinari. Scuola dell identità: accompagna il preadolescente nella sua maturazione globale fino alle soglie dell adolescenza. Scuola della motivazione e del significato: si impegna a radicare conoscenze e abilità disciplinari e interdisciplinari sulle effettive capacità di ciascuno, utilizzando le modalità più motivanti e ricche di senso. Scuola della prevenzione dei disagi e del recupero degli svantaggi: si impegna alla disponibilità, all ascolto e al dialogo, a esempi e stili di vita positivi, a testimonianza pubblica e privata di valori, condivisione empatica di esperienze, problemi, scelte, a rimuovere gli effetti negativi dei condizionamenti sociali. Scuola della relazione educativa: aver attenzione alla persona, va-lorizzare, rispettare gli stiliindividuali di apprendimento, incoraggiare, orientare, creare confidenza, correggere con autorevolezza, sostenere, condividere. Pagina 21

2 GLI OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Per le discipline, declinate nello specifico per le classi 1, 2 e 3 : - Religione cattolica; - Italiano; - Inglese; - Seconda lingua comunitaria (Francese o Spagnolo); - Storia; - Geografia; - Matematica; - Scienze; - Tecnologia e informatica; - Musica; - Arte e immagine; - Attività fisica e sportiva. Per l educazione alla convivenza civile: - educazione alla cittadinanza; - educazione stradale; - educazione ambientale; - educazione alla salute - educazione alimentare Pagina 22

3 - educazione all effettività. Gli obbiettivi specifici indicati per le discipline e per l educazione alla convivenza civile obbediscono al principio dell ologramma, cioè l uno rimanda sempre funzionalmente all altro e non sono mai rinchiusi su se stessi, bensì aperti ad un complesso, continuo e unitario reciproco rimando al tutto. Indicano i livelli essenziali di prestazione che la scuola secondaria di 1 grado è tenuta ad assicurare. OBIETTIVI FORMATIVI E PIANI PERSONALIZZATI DELLE ATTIVITA EDUCATIVE La scelta degli obiettivi formativi: può scaturire dall armonica combinazione di due percorsi: - partire dall esperienza degli allievi - ispirarsi direttamente al Profilo Sono: punti di partenza e di arrivo, condizione e risultato di ulteriori maturazioni Si riferiscono al principio dello ologramma. Formulazione: - non possono essere formulati in maniera atomizzata e previsti in corrispondenza di performance analitiche - vanno esperiti a partire da problemi o attività unitari e sintetici - non sono riducibili ad esercizi che pretendono di raggiungerli in maniera atomistica - non sono riducibili a prospettive disciplinari o di singole educazioni - richiedono la mobilitazione di sensibilità e prospettive pluri-inter e transdisciplinari - richiedono il continuo richiamo all integralità educativa - devono sempre essere dotati di senso e motivanti Unità di Apprendimento sono date dall insieme di: - uno o più obiettivi formativi - le attività - i metodi - le soluzioni organizzative le modalità di verifica Piano di Studio Personalizzato Pagina 23

4 - è dato dall insieme delle Unità di Apprendimento - resta a disposizione delle famiglie - serve per la compilazione del Portfolio - è un appuntamento cruciale perché, a scelta della famiglia e dei preadolescenti, con l assistenza del tutor, la scuola può dedicare una quota fino a 198 ore annuali, allo approfondimento parziale o totale di discipline o attività registrate e sancite sul Portfolio POF: dichiara l ispirazione culturale-pedagogica e l unità didattico-organizzativa dei Piani Personalizzati Struttura: IL PORTFOLIO DELLE COMPETENZE INDIVIDUALI - una sezione dedicata alla valutazione (art. 8 DPR 275/99) - una sezione dedicata all'orientamento - seleziona: - materiali prodotti dall'allievo - prove scolastiche signifi-cative osservazioni dei docenti e della famiglia - commenti su lavori personali ed elaborati significativi - indicazioni di sintesi Funzione: - si individueranno i criteri di scelta e di ordinamento dei materiali - rappresenta un'occasione per migliorare e comparare le pratiche d'insegnamento, per stimolare lo studente alla autovalutazione e alla conoscenza di sé in vita della costruzione di un personale progetto di vita, per corresponsabilizzare i genitori nei processi educativi Compilazione: - è compilato ed aggiornato dal docente coordinatore-tutor, in collaborazione con tutte le figure che si fanno carico dell'educazione e degli apprendimenti di ciascun allievo, a partire dai genitori degli stessi studenti, chiamati ad essere sempre più protagonisti consapevoli della propria crescita Continuità: - si innesta su quello della scuola primaria Pagina 24

5 - accompagna i fanciulli nel passaggio dalla scuola secondaria dii grado alle scuole successive - assume un valore aggiunto nell'ultimo anno quando i genitori, sentito il tutor, decidono a quale indirizzo formativo iscrivere il figlio - è un'occasione docu-mentaria perché il tutor rilegga la storia dello studente, dall'infanzia alla prea-dolescenza e perché, con il ragazzo e la sua famiglia, faccia un bilancio ragionato e condivise dei risultati ottenuti, nella prospettiva delle scelte future - consente di monitorare l'evoluzione del percorso scolastico degli alunni negli anni successivi per migliora il know how formativo I NUCLEI FOCALI DELLA RIFORMA RISULTANO ESSERE Piani di Studio Personalizzati Docente Tutor e riorganizzazione del gruppo docente: Classi 1 a e 2 a - docente coordinatore tutor. Portfolio e valutazione dell alunno Articolazione dell offerta didattica Pagina 25

6 DALLE CAPACITA' ALLE COMPETENZE Obiettivi specifici di apprendimento CAPACITA' CONOSCENZA (sapere) ABILITA' (saper e saper fare) COMPETENZE sono unitarie integrate si attivano in situazioni complesse sono dinamiche e potenzialmente trasversali Pagina 26

7 CAPACITA' CONOSCENZA COMPETENZE EDUCAZIONE ALLA CONVIVENZA DEMOCRATICA Pagina 27

8 DAGLI OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO AI PIANI DI STUDIO PERSONALIZZATI Profilo Educativo, Culturale e Professionale Obiettivi specifici di apprendimento Conoscenze e Abilità interconnesse Obiettivi Formativi PORTFOLIO delle Competenze Unità di apprendimento Piani di Studio Personalizzati Pagina 28

9 LE ATTIVITA' LE ATTIVITA' SVOLTE NEL GRUPPO CLASSE SVOLTE NEI LABORATORI DI CLASSE DI INTERCLASSE Gruppi di LIVELLO Gruppi di COMPITO Gruppi ELETTIVI Pagina 29

10 P E C U P (Profilo educativo, culturale e professionale) SAPERE, FARE PER ESSERE, UOMO E CITTADINO 1- COMPETENZE PERSONALI DELL ALUNNO IN USCITA (14anni) Esprimere un personale modo di essere e proporlo agli altri Interagire con l ambiente ed influenzarlo positivamente Risolvere i problemi Riflettere su se stesso e gestire il proprio processo di crescita Comprendere la complessità dei sistemi simbolici e culturali Maturare il senso del bello Conferire senso alla vita Simbolizzare, comunicare, pianificare, progettare, contestualizzare, maturare, interiozzare 2- COMPETENZE SPECIFICHE IDENTITA' a- Conoscenza di sè Affermarsi, interrogarsi, comprendere Ricercare, gestire, comunicare Affrontare, cercare soluzioni, risolvere Progettare, comprendere, testimoniare Decifrare, riconoscere, valutare b- Relazione con gli altri Interagire con coetanei ed adulti per: 1. dare e chiedere riconoscimento 2. scoprire le ragioni altrui 3. interrogarsi, comprendere e riflettere c- Orientamento Pensare al proprio futuro Elaborare, esprimere ed argomentare un proprio progetto di vita Collaborare con la e con la famiglia Riconoscere ed interagire con gli altri e con le organizzazioni sociali e territoriali Verificare l adeguatezza delle decisioni sul proprio futuro scolastico e professionale Pagina 30

11 STRUMENTI CULTURALI a - Aspetto motorio - Conoscere il proprio corpo - Conoscere,utilizzare, produrre, identificare e sviluppare b - Storico - geografico - Avere consapevolezza - Collocare e collocarsi - Orientarsi c - Linguistico - Esprimere, comunicare, leggere, comprendere, produrre d - Logico - matematico - Eseguire, calcolare, misurare, risolvere, padroneggiare, organizzare, rappresentare, adoperare, comprendere e ricercare e - Sociale - Leggere quotidiani - Ascoltare telegiornali - Compilare un bollettino postale - Leggere carte stradali, mappe delle città, orario ferroviario, bollette di servizi pubblici f - Scientifico - Conoscere l universo animale, la geografia fisica, il significato dei principali fenomeni - Avere coscienza dell immensità del cosmo g - Tecnologico - Riconoscere sistemi tecnici,individuare funzioni, descrivere caratteristiche, analizzare, rappresentare - Progettare processi e procedure - Mettere in relazione, riprodurre e riutilizzare Pagina 31

12 CONVIVENZA CIVILE Essere consapevole di essere titolare di diritti e di essere soggetto a doveri Affrontare i problemi a casa, a scuola e nella comunità sociale e civile Conoscere l organizzazione costituzionale ed amministrativa del nostro Paese Conoscere le regole e le ragioni di prevenzione del disagio Impegnarsi, tenere comportamenti responsabili Rispettare gli altri Conservare e migliorare l ambiente Adottare comportamenti adeguati alla propria e alla altrui sicurezza in condizioni di pericolo 3- COMPETENZE INTERMEDIE Competenze trasversali del processo formativo in uscita Riconoscere e gestire aspetti diversi dell esperienza motoria, emotiva, razionale Percepire la corporeità come valore, come modo di essere nel mondo e nella società Esplicitare il patrimonio di visioni, teorie, pratiche, valori della legalità Ordinare ed interpretare secondo categorie critiche, semantiche, sintattiche Collaborare, costruire una società migliore Avere consapevolezza del disagio, della diversità, dell emarginazione Maturare ed operare (autonomia di giudizio, impegno, generosità) Sperimentare, dialogare, partecipare Autoregolare gli apprendimenti, esercitare l autonomia, la responsabilità, la creatività. Pagina 32

13 SCHEDA MODELLO PER PROGETTARE UNA UNITA' DI APPRENDIMENTO Anno scolastico DATI IDENTIFICATIVI Scuola Destinatari Docenti coinvolti DECLINAZIONE ARTICOLAZIONE APPRENDIMENTO RIFERIMENTO AI DOCUMENTI PECUP APPRENDIMENTO UNITARIO DA PROMUOVERE DELL'APPRENDIMENTO UNITARIO IN OBIETTIVI FORMATIVI (con relativi standard) OSA (*) EDUCAZIONE Metodi ATTIVITA' E METODOLOGIA Tempi DOCUMENTAZIONE CONTROLLO DEGLI APPRENDIMENTI VERIFICA E VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE Portfolio Piani di Studio Personalizzati (*) descritti nelle schede di espansione disciplinare Pagina 33

14 LA SCUOLA MEDIA "G. ROSSETTI" NELLA RIFORMA La nuova secondaria di primo grado prevede altresì una diversa scansione delle annualità: infatti è suddivisa in un biennio e in una terza classe e nuovi curricula: 27 ore settimanali di curriculum nazionale e una quota di curricula facoltativi per un massimo di 6 ore settimanali. La scuola media "G: ROSSETTI" ha accolto l'impostazione oraria 27+6 settimanali offrendo alle famiglie e agli studenti una ampia possibilità di percorsi formativi opzionali scelti tra le attività laboratoriali nelle seguenti aree: AREA LETTERARIA laboratori di: scrittura e lettura creativa - dizione - recupero; laboratorio di latino AREA LINGUISTICA laboratorio di lingua inglese AREA STORICO-GEOGRAFICA studio del territorio - lettura di documenti storici - cartografia AREA TECNOLOGICA laboratorio di informatica - disegno tecnico - giardinaggio AREA MUSICALE laboratorio musicale e/o musica d'insieme AREA ARTISTICA laboratorio di ceramica - disegno AREA SPORTIVA Volley Corsa campestre Giochi studenteschi Tra le innovazioni della riforma va sottolineata l'introduzione dello studio della seconda lingua comunitaria a partire dalle classi prime; la scuola media "G. ROSSETTI" ha aperto un ventaglio di proposte: francese, spagnolo, tedesco. La risposta degli studenti si è catalizzata su francese e spagnolo. Pagina 34

15 VERIFICHE E VALUTAZIONE Le verifiche e la valutazione hanno il compito di accertare il grado di apprendimento dell'alunno e la validità del progetto didattico attivato; le verifiche permetteranno pertanto di individuare la situazione in cui si trova il processo formativo dell'alunno, consentendo di modificare gli obiettivi della programmazione e predisporre nuove strategie. TIPI DI VERIFICHE Ogni docente, in relazione al proprio progetto didattico e nel rispetto della normativa ministeriale, può utilizzare i seguenti tipi di verifica: interrogazione tradizionale; interrogazione "dal banco"; questionario; test; prova scritta; prova grafica; lavoro di gruppo. CRITERI DI VALUTAZIONE Criteri generali per la valutazione La valutazione degli alunni rivestirà un ruolo determinante nello sviluppo dell azione educativa della scuola in funzione della continua regolazione dei processi di insegnamentoapprendimento, in rapporto alle diversità individuali e alla promozione di tutte le opportunità educative. La rilevazione degli apprendimenti, cioè i giudizi analitici relativi a ciascuna disciplina, si baseranno su una serie di indicatori-criteri riportati sulla scheda a cui corrisponderà una sola qualifica che compendia l esito di tutte le voci e prevede 5 livelli (OTTIMO - DISTINTO - BUONO - SUFFICIENTE - NON SUFFICIENTE ), espressi con gli aggettivi adottati per gli esiti agli esami di terza media. Per accertare il possesso delle abilità, misurare il profitto e verificare il metodo di lavoro, l impegno, la partecipazione e il grado di socializzazione di ciascun alunno, durante il processo formativo, ci si servirà delle verifiche e delle osservazioni sistematiche, in quanto la valutazione necessita non solo di verifiche del profitto, ma anche di opportune annotazioni sulle condizioni e i modi di apprendimento e sulle manifestazioni comportamentali degli alunni. Nel giudizio globale emergerà un profilo dinamico conclusivo che evidenzierà: la continuità e l intensità dell impegno e della partecipazione alla vita scolastica; i progressi compiuti rispetto al livello di partenza; l acquisizione delle competenze e il livello di conoscenza degli obiettivi didattici dal punto di vista contenutistico. Pagina 35

16 Vengono qui di seguito riepilogati i criteri generali per la valutazione dell apprendimento degli alunni nelle varie discipline; essi saranno meglio specificati, a seconda delle diverse situazioni, nelle programmazioni annuali dei Consigli di Classe e nei piani di lavoro dei singoli docenti, nonché, per le peculiarità di ogni disciplina, nelle programmazioni concordate dai Gruppi Disciplinari: l esito di tutte le verifiche (scritte, pratiche e orali) viene sempre comunicato agli alunni e ai genitori per garantire la massima trasparenza della valutazione finale e rendere consapevole l alunno dell adeguatezza della propria prestazione rispetto ai livelli attesi; le rilevazioni sulla situazione scolastica degli allievi saranno trascritte durante i Consigli di Classe in apposite griglie che attesteranno per ciascun alunno: i risultati cognitivi, il metodo di studio e il comportamento sociale. Il coordinatore del consiglio curerà la raccolta e la conservazione dei dati e di tutte le informazioni utili per l elaborazione dei giudizi quadrimestrali e finali VALUTAZIONE OTTIMO DISTINTO INDICATORI l'alunno mostra spiccato interesse per le discipline e amore per lo studio, conosce molto bene i contenuti, che sa anche collegare e coordinare ha considerevoli capacità di sintesi, di analisi e di rielaborazione critica. l'alunno possiede ampie conoscenze dei contenuti, espone con sicurezza e disinvoltura, ha capacità di BUONO l alunno evidenzia un impegno costante e partecipa al dialogo educativo, possiede discreta conoscenza dei SUFFICIENTE l alunno mostra un sufficiente impegno e volontà, conosce i concetti e i contenuti essenziali, si esprime NON SUFFICIENTE l alunno si impegna molto poco nello studio e mostra disinteresse per tutto, presenta lacune (gravi/ gravissime) nelle conoscenze specifiche, manca di autonomia (o ha notevoli difficoltà) nell'utilizzo dei Pagina 36

17 GIUDIZIO GLOBALE PRIMO QUADRIMESTRE Ha mostrato un comportamento/ insofferenza (1 )... La partecipazione è stata (2)... e l'impegno (3)... Il metodo di studio è/ non è (4)... Rispetto al livello di partenza evidenzia [oppure: non si registrano progressi ] (5)..., pertanto, le abilità e le conoscenze risultano (6)... Può migliorare ed approfondire (7)... [oppure] Deve recuperare (7)... VOCI DI COMPLETAMENTO (1) responsabile e corretto; abbastanza/sostanzialmente corretto; alquanto/molto vivace; non sempre corretto; al rispetto delle regole. (2) attiva; costante; abbastanza costante; piuttosto superficiale; incostante e settoriale; scarsa. (3) costante/continuo; regolare/abbastanza regolare; discontinuo; vario a seconda degli interessi; limitato; molto limitato. (4) efficace ed autonomo; autonomo; in via di consolidamento; prevalentemente mnemonico; disordinato e dispersivo; ancora acquisito. (5) progressi costanti; progressi regolari; progressi; accettabili progressi; limitati/lievi/ modesti progressi. (6) sicure; consolidate; adeguate; essenziali; piuttosto incerte/frammentarie; non acquisite. (7) la disponibilità all'ascolto; una maggiore concentrazione; maggiore autocontrollo; la capacità di applicarsi in modo costante in classe e a casa; una maggiore autonomia; una migliore organizzazione del lavoro; una maggiore autostima; le conoscenze nell'area... GIUDIZIO GLOBALE SECONDO QUADRIMESTRE L'alunno nel 2 quadrimestre ha (1)... un/il comportamento (2)... partecipando in modo (3)... alle attività scolastiche. Si/Non si è impegnato con (4)... ed ha dimostrato di/non aver acquisito un metodo di studio (5)... Ha raggiunto una (6)... conoscenza dei contenuti in tutte/quasi tutte le discipline per cui gli obiettivi programmati sono/non sono stati (7)... VOCI DI COMPLETAMENTO (1) mantenuto; migliorato; peggiorato (2) responsabile; corretto; abbastanza/sostanzialmente corretto; socievole; riservato; vivace/esuberante; non sempre corretto; non del tutto responsabile. (3) attivo; costante; abbastanza costante; regolare; saltuario/incostante; solo se stimolato; passivo. (4) diligenza/consapevolezza; costanza; regolarità/una certa regolarità; discontinuità; superficialità. (5) valido; efficace; autonomo; proficuo; razionale; organizzato; sistematico; personale; sufficientemente valido. (6) approfondita; completa; adeguata; essenziale; limitata; generica; frammentaria; sommaria; lacunosa; inadeguata. (7) pienamente raggiunti; raggiunti; sostanzialmente raggiunti; raggiunti in alcune discipline. Pagina 37

18 PROFILO DEL CANDIDATO ALL' ESAME DI LICENZA L'alunno/a, durante il triennio/nel corso degli studi, ha seguito in modo (1)... le attività programmate, evidenziando un (2)... processo di apprendimento. Ha presentato un comportamento (3)... con i compagni e gli insegnanti, mostrando di aver conseguito un (4)... socializzazione. Nello studio ha manifestato impegno ed applicazione (5)... dando prova di aver acquisito un metodo di lavoro (6)... Ha inoltre maturato (7)... capacità di collegamento ed applicazione delle conoscenze apprese, rivelando inclinazione particolare per (8)... ( Consiglio orientativo ) Tenuto conto dell'evoluzione della sua personalità e del rendimento scolastico globale, il Consiglio di Classe ritiene che l'alunno/a possa affrontare con buone prospettive (9) VOCI DI COMPLETAMENTO (1) continuo; assiduo; diligente; abbastanza continuo; saltuario; incostante; superficiale (2) rapido; efficace; regolare; adeguato; normale; meccanico; lento; difficoltoso. (3) corretto; responsabile; socievole; riservato; controllato; vivace; esuberante; poco responsabile; poco rispettoso. (4) buon; discreto; positivo; modesto. (4) diligenti; costanti; regolari; efficaci; adeguati; consapevoli; discontinui; superficiali; modesti. (5) autonomo; profìcuo; razionale; valido; sistematico; personale; sufficientemente valido; positivo; accettabile; confuso; dispersivo; disordinato. (6) notevoli; soddisfacenti; apprezzabili; buone; adeguate; più che sufficienti; sufficienti; modeste; insufficienti. (7) le discipline linguistiche; l'area logico-matematica; le attività tecnico-pratiche; le attività espressive; l'attività sportiva. (9) un liceo...; un istituto tecnico; un istituto professionale; un corso di formazione professionale. Viene, comunque, deciso che le schede di valutazione sia periodali che finali siano restituite agli alunni e ai genitori dai docenti stessi (saranno definite le date degli incontri al momento opportuno) affinché siano lette e commentate in modo chiaro ed esaustivo anche per sottolineare quei risultati che consiglierebbero varie forme di recupero Pagina 38

19 MEZZI E STRUMENTI In relazione agli obiettivi ed ai contenuti saranno individuati mezzi e strumenti adeguati: a) testi scolastici e schede di ricerca guidata b) utilizzazione delle strutture pubbliche (biblioteche, monumenti, ecc.) ecc. c) visite e stabilimenti industriali, musei, redazioni di giornali, aziende agricole d) visite guidate e viaggi di istruzione in località utili per la preparazione culturale degli alunni e) utilizzazione degli audiovisivi e materiale multimediale f) utilizzazione della biblioteca della scuola g) territorio. utilizzazione delle strutture degli Enti Locali e Culturali che operano nel Ciascun docente potrà specificare nella propria programmazione i mezzi e gli strumenti ritenuti adatti allo svolgimento delle varie unità didattiche. RAPPORTO SCUOLA - FAMIGLIA Un proficuo rapporto collaborativo fra scuola e famiglia è auspicabile affinché la scuola possa svolgere al meglio la propria funzione educativa e formativa; pertanto essa promuove occasioni di dialogo irrinunciabili quali: ora settimanale di ricevimento; due udienze generali (dicembre e aprile) in orarlo pomeridiano; comunicazioni scritte e/o convocazioni in casi particolari. INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L inserimento degli alunni disabili in situazione di handicap,che rappresenta per tutte le scuole occasione di forte crescita culturale e civile, ottempera alle disposizioni della legge quadro 104/92 e segue le linee fondamentali dell intesa tra Scuola, ASL e Comune. Si effettuano pertanto ogni anno i necessari collegamenti tra i progetti educativi, riabilitativi e di socializzazione della scuola e degli enti pubblici.. Gli insegnanti di sostegno organizzano l attività educativa e didattica secondo il criterio della flessibilità, mirando alla continuità educativa tra i diversi ordini e gradi di scuola, prevedendo lo svolgimento anche di attività extrascolastiche e di iniziative di sperimentazione e predisponendo attività individualizzate. Gli interventi di tipo educativo, didattico e socio-sanitario coinvolgeranno: DOCENTI dei vari Consigli GENITORI degli alunni OPERATORI delle ASL PERSONALE ausiliario Pagina 39

20 CONTINUITÀ La continuità nasce dall esigenza primaria di garantire il diritto dell alunno ad un percorso formativo organico e completo, che mira a promuovere uno sviluppo articolato e multidimensionale del soggetto il quale, pur nei cambiamenti evolutivi e nelle diverse istituzioni scolastiche, costruisce così la sua particolare identità. (C.M. 339/ 1992). Seguendo le linee fondamentali della normativa citata, e delle successive disposizioni intervenute, la continuità col grado precedente dell istruzione obbligatoria contempla diverse iniziative quali: Coordinare i curricoli delle classi ponte Uniformare i rispettivi impianti metodologici e didattici e organizzare attività comuni Curare la coerenza degli stili educativi tra i due ordini di scuola Gestire unitariamente i casi di handicap Scambiare informazioni utili sugli alunni e sui percorsi didattici effettuati Pagina 40

21 ORIENTAMENTO L orientamento è costituente interno all educazione e pertanto elemento continuo, integrale, unitario ed armonico della personalità. di sviluppo Nello specifico, l'orientamento scolastico è il processo che ha come fine quello di facilitare in ciascuna persona una scelta di studio e di lavoro quanto più consapevole e autonoma possibile. Solo la connaturale funzione educativo/orientativa della scuola può contribuire a rendere fecondi e significativi i risultati di una serie di interventi di supporto, quali incontri sulle opportunità formative di lavoro, sul mercato occupazionale e della conoscenza di sé. Il Progetto orientamento coordinato dalla Funzione strumentale dell area 3, alla luce di quanto previsto dalla normativa, è articolato nel seguente modo: Attività di orientamento predisposte dai singoli Consigli di classe nel corso del triennio. Corso di orientamento per gli alunni delle terze classi. Al termine, sulla base dei dati raccolti dal coordinatore, verrà formulato il Consiglio orientativo. Diffusione di informazioni fornite dagli Istituti superiori. Incontri di genitori e alunni con i rappresentanti degli Istituti superiori del territorio.. Visite guidate ad alcuni istituti e partecipazione ad attività di Laboratorio predisposte dagli stessi. Pagina 41

22 CAP. 5 ARRICCHIMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA Nell ambito dell Autonomia, la nostra scuola propone iniziative che aumentano le possibilità degli alunni e delle loro famiglie di trovare risposte anche ad altre esigenze culturali. Vanno in questa direzione le numerose iniziative dei progetti che si inseriscono nel lavoro delle classi e mirano ad una armonica e completa formazione dei ragazzi a) ACCOGLIENZA Si prevedono attività particolari per i primi giorni di lezione destinate agli alunni delle classi prime: incontro scuola-famiglia (il primo giorno di scuola il Dirigente accoglie i genitori delle classi prime. Gli obiettivi dell incontro sono la presentazione e conoscenza reciproca, ma anche il coinvolgimento nel processo educativo che la scuola vuole avviare; conoscere l organizzazione funzionale e spaziale della scuola; conoscere docenti e compagni; compilazione scheda di presentazione, questionario sulle aspettative rispetto alla nuova scuola, questionario conoscitivo sulle abitudini e sul metodo di studio praticato alle elementari. b) SOSTEGNO, RECUPERO e POTENZIAMENTO Considerata la valenza educativa e formativa di tale ordine di scuola è necessario, ed è compito della istituzione scolastica, adottare opportune misure di prevenzione nonché di sostegno all apprendimento e di potenziamento..favorire il recupero e potenziare le eccellenze sono azioni che si possono fare insieme mediante: l articolazione modulare del tempo; l articolazione modulare dei gruppi. La flessibilità permette di costituire gruppi di alunni che, fermo restando la funzione insostituibile della classe come gruppo stabile di riferimento, consentono di dare risposte efficaci sia alle esigenze di recupero e allineamento degli allievi più deboli, sia alle attese di arricchimento culturale e di promozione delle eccellenze. In alcune fasi della didattica le classi possono quindi essere scomposte in gruppi che perseguano obiettivi momentaneamente diversi come il recupero e l approfondimento. L attività di recupero sarà svolta per classi parallele e per le seguenti materie: italiano; matematica e lingua straniera. Pagina 42

23 c) CORSO DI LATINO Il corso di latino nasce dalla necessità di fornire elementi basilari a quegli alunni delle classi terze, che proseguiranno gli studi nelle scuole superiori in cui è materia curricolare il latino. Tale attività sarà svolta attraverso corsi pomeridiani gratuiti tenuti solitamente nei mesi di aprile maggio; il corso prevede circa 20 ore extracurricolari. d) ATTIVITA SPORTIVA L importanza che l educazione motoria, fisica e sportiva ha assurto nella società moderna ha fatto sì che la Scuola pensasse ad organizzare in modo adeguato l attività sportiva. I ragazzi del nostro tempo sono abituati alla vita sedentaria, una scelta comportamentale che certo non giova alla loro salute ed incide negativamente ad una loro armoniosa crescita psico-somatica. Questo progetto favorisce, inoltre, la socializzazione ed è rivolto a tutti i discenti della scuola, senza discriminazione alcuna; esso vuole essere la prosecuzione delle esperienze realizzate negli anni scorsi con successo; l attività sportiva, con conseguente partecipazione ATLETICA Maschile e Femminile PALLAVOLO Maschile e Femminile CORSA CAMPESTRE Maschile e Femminile ai campionati studenteschi, prevede corsi di: e) SICUREZZA Nell ambito delle attività relative alla sicurezza è stata programmata un'opera di formazione per insegnanti e alunni al fine di affrontare adeguatamente situazioni di emergenza quali terremoti, incendi, ecc. Nel corso dell'anno scolastico è prevista la partecipazione degli alunni ad alcune prove-di evacuazione dell'edificio, con l'intervento dei Vigili del Fuoco, della Protezione Civile e della Croce Rossa. In ogni ambiente dell'istituto, inoltre, sono presenti piantine e indicatori delle vie d esodo in caso di emergenza; l'attenzione è rivolta alla sicurezza degli alunni anche nelle pertinenze dell'edificio. PROGETTI PER L AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA Pagina 43

24 Allegato n 3 ASSEGNAZIONE INCARICHI 1. Emanazione ordine d'evacuazione DIRIGENTE e COLLABORATORE VICARIO 2. Diffusione ordine d'evacuazione COLLABORATORI SCOLASTICI 3. Controllo operazioni d'evacuazione: - piano terra: Dirigenza, biblioteca, uffici e personale AIA GERBASI MARIA CRISTINA e PISCICELI LUIGIA -piano terra: palestra -piano terra: laboratori DI LELLO MARIA ELENA e DOCENTI IN SERVIZIO INSEGNANTI PRESENTI - primo piano corpo A: PERCORSO VERDE e sala insegnanti..... SCIGLI CONCETTA e CURTI LUCIA -primo piano corpo A: PERCORSO GIALLO... DI NARDO ANTONIO e RAGO NICOLA - primo piano corpo B: PERCORSO ROSSO..... SALZANO STEFANIA e DI DOMENICA CLOTILDE -secondo piano corpo A: PERCORSO BLU. MATTIA MARISA e GINOBLE ADA - secondo piano corpo A: PERCORSO BLU. sala computer. INSEGNANTE PRESENTE e D'ERCOLE EMILIA -secondo piano corpo A: PERCORSO GIALLO CANIGLIA GIUSTINO e NOSCICARMELA - secondo piano corpo B, aule speciali: PERCORSO ROSSO.... INSEGNANTI PRESENTI 4. Chiamate di soccorso... PELUZZO ROSA e NAGLIERI RITA 5. Interruzione erogazione: -gas centrale termica... DI FABIO ANTONIO e PISCICELLI LUIGIA -energia elettrica... BOCCHINO FRANCA e SALVATORE ANTONIO 6. Attivazione e controllo periodico degli estintori e/o degli idranti: - piano terra e seminterrato PISCICELLI LUIGIA e BOCCHINO FRANCA -primo piano e piano rialzato corpo A... -secondo piano e primo piano rialzato corpo A... -palestra DI FABIO ANTONIO e CURTI LUCIA D'ERCOLE EMILIA e NOSCICARMELA DI LELLO MARIA ELENA e PISCICELLI LUIGIA - piano terra corpo B : attivazione ( INSEGNANTI PRESENTI) controllo (DI DOMENICA CLOTILDE) -primo piano corpo B.... DI DOMENICA CLOTILDE - secondo piano corpo B attivazione (INSEGNANTI PRESENTI) controllo (DI FABIO ANTONIO) 7. Controllo praticabilità vie d'uscita DI FABIO ANTONIO e MALATACCA MADDALENA 8. - Apertura porte principali e cancelli sulla pubblica via ed eventuale interruzione del traffico....bocchino FRANCA e PISCICELLI LUIGIA -Apertura porta n 1 lato Sud -Apertura porta n 2 lato Sud... SALVATORE ANTONIO e GERBASI M. CRISTINA DI LELLO MARIA ELENA e INSEGNANTI PRESENTI Apertura porta n 3 lato Sud... DI DOMENICA CLOTILDE e INSEGNANTI PRESENTI -Apertura porta lato Ovest... DI DOMENICA CLOTILDE e INSEGNANTI PRESENTI -Apertura porta Est palestra... DI LELLO MARIA ELENA e INSEGNANTI PRESENTI - Capo area zona sicura A... DELLA ROCCA ALFONSO e CIONCI PANFILO - Capo area zona sicura B... DI LELLO GIULIO e SALZANO STEFANIA - Coordinatore zone sicure MÀLATACCA MADDALENA e DI LELLO GIULIO N. B. il primo nome è il titolare Pagina 44

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Progetto Formazione e informazione dei rappresentanti di classe

Progetto Formazione e informazione dei rappresentanti di classe Progetto Formazione e informazione dei rappresentanti di classe Guida pratica del rappresentante dei genitori a cura dell Associazione Per maggiori informazioni consultare il sito www.genitoriescuola.it

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Regolamento di disciplina alunne/i

Regolamento di disciplina alunne/i Regolamento di disciplina alunne/i Premessa: La scuola, quale luogo di crescita civile e culturale della persona, rappresenta, insieme alla famiglia, la risorsa più idonea ad arginare il rischio del dilagare

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

PARTE I - NORME GENERALI

PARTE I - NORME GENERALI Decreto Legislativo 16 aprile 1994, n. 297 - Testo Unico delle disposizioni legislative vigenti in materia di istruzione, relative alle scuole di ogni ordine e grado (s.o. G.U. n.115 del 19/5/1994) PARTE

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche 1)Pubblicata nel B.U. 7 novembre 1995, n. 51. Art. 1 (Ambito di applicazione) (1) Tutte le istituzioni scolastiche

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Domande & Risposte sulle entrate posticipate e le uscite anticipate e le giustificazioni

Domande & Risposte sulle entrate posticipate e le uscite anticipate e le giustificazioni LICEO GINNASIO STATALE G. d Annunzio Distretto Scolastico n 12 Via Venezia,41 65121 PESCARA - Codice Scuola PEPC010009 Fax : 085-298198 Tel. 085-4210351 - Segreteria C.F. 80005590684 E-MAIL : pepc010009@istruzione.it

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe.

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe. Che cos'è il Progetto SIRIO? Il PROGETTO SIRIO (IGEA) è un corso serale per il conseguimento del Diploma di Ragioniere che riteniamo di particolare interesse per quanti non abbiano conseguito un diploma

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c.

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c. ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE Regolamento Regolamento GLHI del gruppo di lavoro sull handicap Ai sensi dell art. 15 c. L 104/92 Approvato dal Consiglio di stituto in data 08/07/2013 1 Gruppo di Lavoro

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli