ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ALBERICO GENTILI PALERMO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ALBERICO GENTILI PALERMO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA"

Transcript

1 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ALBERICO GENTILI PALERMO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 1

2 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Alberico Gentili VIA FRANCESCO LO IACONO N 1, PALERMO TEL. 091/ FAX 091/ Web: icsalbericogentilipalermo.it Anno Scolastico 2013/2014 Aggiornamento e integrazione del documento, progetto grafico a cura della Funzione strumentale Gestione del P.O.F. Prof.ssa Laura Ponte 2

3 INDICE Premessa Pag. 4 Informazioni generali 1. Informazioni utili Pag L Istituto ieri e oggi Pag Il territorio Pag La popolazione scolastica Pag Criteri generali per la formazione delle classi Pag Criteri per l assegnazione dei docenti alle classi, per la formulazione Pag. 15 dell orario delle lezioni e per la formazione della Commissione esami di idoneità Struttura organizzativo - gestionale 1. Risorse professionali Pag Risorse strutturali Pag Rapporti scuola, famiglia, territorio Pag 24 Progettazione educativa e didattica 1. Impostazione progettuale Pag Progettazione educativa d Istituto Pag Offerta formativa Pag Progettazione didattica Pag Curricolo disciplinare Pag Competenze e Obiettivi disciplinari Pag Formazione dei Docenti Pag Verifica degli apprendimenti e valutazione degli alunni Pag Verifica e valutazione del Piano dell Offerta Formativa Pag 58 3

4 PREMESSA Il Piano dell Offerta Formativa è il documento fondamentale costitutivo dell identità culturale e progettuale delle istituzioni scolastiche ed esplicita la progettazione curricolare, extracurricolare, educativa ed organizzativa che le singole scuole adottano nell ambito della loro autonomia (DPR 275/1999 Art.3-comma1). Proposto dalle varie componenti della scuola, il POF è elaborato dal punto di vista didattico-educativo dal Collegio dei Docenti ed è adottato dal Consiglio d Istituto. Dopo un attenta analisi delle condizioni di fattibilità (risorse professionali, strutturali e finanziarie), il Collegio dei Docenti si prefigge di presentare al territorio una proposta progettuale di qualità, caratterizzata da massima trasparenza (circolazione delle informazioni e condivisione delle scelte ai vari livelli). Attraverso il POF la nostra scuola assume impegni nei confronti dell utenza, nella consapevolezza che l efficacia dell azione educativa e didattica dipenda da un atteggiamento sinergico di: Dirigente Scolastico, D.S.G.A., Consiglio d Istituto, Collegio dei Docenti, Consigli di Classe e di Interclasse, Personale ATA, Genitori e Alunni. Il Presente Piano dell Offerta Formativa esplicita: Le informazioni generali sull Istituto Le azioni di continuità, orientamento e integrazione I valori ispiratori del progetto educativo e didattico e le relative attività svolte all interno dell Istituto Le finalità educative e gli obiettivi generali dell'azione didattica Patto di corresponsabilità educativa Scuola-Famiglia Risorse professionali e strutturali I criteri e le modalità di progettazione didattico-educativa I criteri e le modalità di programmazione didattico-disciplinare I criteri e le modalità di valutazione degli alunni I criteri di valutazione dell'esame conclusivo I criteri e le modalità di valutazione del POF I criteri di formazione delle classi Il Piano dell Offerta Formativa della scuola è corredato da: Regolamento d Istituto Piani di lavoro presentati dai titolari di Funzione Strumentale Progetti relativi alle attività trasversali connesse alle finalità educative Progetti relativi alle attività extracurriculari pomeridiane Piano per la Sicurezza 4

5 INFORMAZIONI GENERALI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ALBERICO GENTILI Plesso G. Pitrè - Scuola Primaria Sede Centrale - Scuola Secondaria I Bacino di Utenza 5

6 INFORMAZIONI UTILI Istituto Comprensivo Statale " A. Gentili via F.Lo Iacono, Pa Tel Fax Indirizzo Scuola Primaria: via D. Almeyda, Pa Tel. e fax: Scuola Secondaria: via F.Lo Iacono, Pa Tel Fax Indirizzo web icsalbericogentilipalermo.it Dirigente Scolastico Prof. Battaglia Domenico Orario di ricevimento dell Ufficio di Presidenza Lunedì e Venerdì: dalle ore 9.00 alle ore Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi Arceri Luigi Nicolò Orario di ricevimento della Segreteria Lunedì e Venerdì: dalle ore 8.30 alle ore (genitori-personale scolastico) Mercoledì: dalle ore alle ore Ritiro dei libretti delle giustificazioni Presso la Segreteria nell orario di apertura al pubblico Docenti Scuola Primaria: 23 Scuola Secondaria: 64 Assistenti amministrativi Segreteria (Alunni) 2 Assistenti amministrativi Segreteria (Personale) 3 Assistenti amministrativi Affari Generali 1 Collaboratori Scolastici 15 Scuola Primaria: 389 / 15 classi Numero allievi iscritti/classi 3 prime, 3 seconde, 3 terze, 3 quarte, 3 quinte Scuola Secondaria: 837 / 33 classi 11 prime, 11 seconde, 11 terze Scuola Secondaria:Corsi con II Lingua Comunitaria: Francese C - D - E - F - H - I - L Scuola Secondaria:Corsi con II Lingua Comunitaria: Spagnolo A - B - G - M Scuola Primaria: classi: 1 e - 2 e - 3 e - 4 e - 5 e Orario delle lezioni Lunedì-Mercoledì-Venerdì: ore Anno Scolastico 2013/2014 Martedì-Giovedì: ore Scuola Secondaria da Lunedì a Sabato : ore Scuola Primaria: Orario delle lezioni classi: 1 e - 2 e - 3 e - 4 e - 5 e Anno Scolastico 2014/2015 Lunedì-Mercoledì-Venerdì: ore Martedì-Giovedì: ore Scuola Secondaria da Lunedì a Venerdì : ore Inizio delle lezioni Lunedi Termine delle lezioni Martedi Inizio Esame di Stato conclusivo Lunedì del primo ciclo di istruzione 02/11/2013 Commemorazione dei defunti Periodi di sospensione delle attività didattiche Dal 22 Dicembre 2013 al 6 Gennaio 2014 Vacanze Natalizie Dal 17 Aprile al 22 Aprile 2014 Vacanze Pasquali 15 Maggio 2013 Festa dell Autonomia Siciliana 6

7 L ISTITUTO IERI ED OGGI L Istituto Comprensivo Statale Alberico Gentili, dall a.s per effetto di dimensionamento, è costituito da due sedi: la Scuola Primaria - Plesso Giuseppe Pitrè (ex Direzione Didattica M. Rapisardi ) e la ex Scuola Secondaria di primo grado Alberico Gentili. LA SCUOLA PRIMARIA, PLESSO GIUSEPPE PITRÈ La Scuola Primaria si trova in via Damiano Almeyda, n. 27. È stata costruita durante il fascismo come scuola rurale, in zona agricola, prospiciente alcune ville presenti nella zona. Nel medesimo periodo, nella zona, sono sorte le abitazioni dei contadini, con lo scopo di creare un borgo rurale (case, scuola,chiesa, ufficio postale). La struttura della scuola e delle abitazioni annesse è in stile liberty. L edificio è costituito da tre piani, un piano cantinato e uno seminterrato. Il piano cantinato è adibito ad aula multimediale; nel seminterrato sono ubicati un ambiente utilizzato per attività motorie ed un servizio igienico. Al piano terra si trovano quattro aule, una stanzetta che funge da aula insegnanti e un piccolo ambiente dove sono custoditi alcuni sussidi didattici. Al primo piano si trovano cinque aule di cui una con annesso un ripostiglio. Il secondo piano è dotato di sei aule. Al terzo piano, costituito da tre piccoli locali, si trova una biblioteca. Tutti i piani sono serviti da ascensore e sono dotati di servizi igienici anche per disabili. La struttura presenta un ingresso in via Damiano Almeyda ed uno sulla via Generale Di Maria. 7

8 LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ALBERICO GENTILI La Scuola Secondaria Alberico Gentili nasce dallo sdoppiamento dell'istituto Magistrale "Finocchiaro Aprile" a seguito della riforma Bottai con cui fu istituita la scuola media. A quel tempo (1941/ 42) occupava i locali di Villa Cusenza in Piazza Alberico Gentili da cui prese il nome. Intorno al 1956, col Preside Marino, la scuola si trasferì nella sede attuale. Lo stabile era stato costruito per ospitare una scuola elementare, mai sorta. Dopo il Preside Marino si sono avvicendati i Dirigenti Scolastici: proff. Puccio, Sposito, Buscemi, Cocorullo, Sassi, Battaglia. Recentemente la scuola è stata interamente ristrutturata. I lavori hanno avuto inizio nel mese di Giugno dell anno 2008 e sono stati completati nel corso dell anno scolastico 2010/2011. L edificio si sviluppa su tre livelli fuori terra (piano terra, piano primo e piano secondo) e un piano in parte seminterrato i cui ambienti si aprono su un passaggio posto ad un livello più basso di quello stradale. La scuola, dotata di un sistema di riscaldamento, è composta da 33 aule, un laboratorio multimediale, un laboratorio scientifico, un laboratorio linguistico, una sala conferenze, un aula da utilizzare per attività motorie, una biblioteca, un archivio, una sala per il Dirigente Scolastico, una saletta per il Direttore amministrativo, un vano per la segreteria amministrativa del personale e degli alunni, una saletta per i collaboratori del Dirigente, una sala per i docenti, due gruppi di servizi igienici per piano per gli alunni, due gruppi di servizi igienici per piano per il personale, un servizio per disabili per piano. Al piano seminterrato vi sono la sala conferenze, il laboratorio scientifico, l aula da utilizzare per attività motorie, due servizi e un locale cisterna. All esterno si trovano il locale caldaia e la riserva idrica antincendio. I diversi livelli sono serviti da due scale interne e da una esterna, d emergenza, alla quale si accede da porte tagliafuoco dotate di maniglie antipanico. L edificio è provvisto di ascensore. Lo stabile ha un area libera di pertinenza con due spazi destinati ad attività sportive. Al limite di quest area si trova l abitazione del custode. 8

9 IL TERRITORIO L Istituto è ubicato nel quartiere Libertà, caratterizzato da edilizia di tipo prevalentemente residenziale. Esso si trova in prossimità di considerevoli spazi verdi quali il giardino pubblico di Villa Trabia e la villa appartenente all Istituto CEI (ex Gonzaga). Il quartiere è ricco di esercizi commerciali, ma risulta carente di strutture sportive ed organizzative; i luoghi di aggregazione culturale sono costituiti esclusivamente dai centri parrocchiali. Il livello di redditività generale è medio-alto, con prevalenza di occupazione nel settore terziario. Nel quartiere insistono anche diversi servizi sanitari, uffici amministrativi comunali e regionali. 9

10 LA POPOLAZIONE SCOLASTICA La popolazione scolastica è costituita da alunni di età compresa tra i 5 e i 14 anni. Gli alunni che frequentano la Scuola Primaria provengono dalle Scuole per l Infanzia pubbliche e non presenti nel territorio. Gli alunni che frequentano la Scuola Secondaria di primo grado provengono dal Plesso Pitrè, dalle scuole Rapisardi, "Borsellino", "Tomaselli" e dalle scuole private ubicate nel quartiere. I bisogni formativi riguardano prevalentemente le aree dell informazione, della relazionalità, dell acquisizione dei valori della cittadinanza attiva, dell orientamento personale e scolastico. Negli ultimi anni si registra una ridotta ma crescente presenza di alunni stranieri. Sono presenti, altresì, alunni ospitati presso case-famiglia. Il livello socio-economico del contesto di provenienza è medio-alto. I genitori hanno domicilio o sede lavorativa nel quartiere; molti sono in possesso di diploma di istruzione superiore o di laurea, svolgono libere professioni o trovano impiego nel settore dei servizi. Sono interessati per i propri figli ad un percorso scolastico non limitato all obbligo scolastico e ritengono che la scuola possa offrire loro a tal fine una solida preparazione culturale. Gli alunni sono generalmente ben curati e ricevono dal proprio ambiente di vita buoni stimoli culturali e formativi. La frequenza è regolare e la quasi totalità degli allievi pratica attività extrascolastiche di tipo ludico e sportivo. L atteggiamento delle famiglie nei confronti della scuola è collaborativo. 10

11 POPOLAZIONE SCOLASTICA Numero totale alunni: 389 Maschi 173 Femmine 216 Totale alunni classi prime: 75 Maschi 37 Femmine 38 Totale alunni classi seconde: 78 SCUOLA PRIMARIA Maschi 24 Femmine 54 Totale alunni classi terze: 78 Maschi 36 Femmine 42 Totale alunni classi quarte: 78 Maschi 38 Femmine 40 Totale alunni classi quinte: 80 Maschi 38 Femmine 42 Totale alunni diversamente abili: 2 Maschi 1 Femmine 1 Totale alunni con esonero di religione: 5 Maschi 4 Femmine 1 Totale alunni stranieri: 18 Maschi 9 Femmine 9 Numero totale alunni: 837 Maschi 415 Femmine 422 Totale alunni classi prime: 250 SCUOLA SECONDARIA Maschi 123 Femmine 127 Totale alunni classi seconde: 296 Maschi 141 Femmine 155 Totale alunni classi terze: 291 Maschi 151 Femmine 140 Totale alunni diversamente abili: 2 Maschi 1 Femmine 1 Totale alunni con esonero religione: 22 Maschi 16 Femmine 6 Totale alunni stranieri: 37 Maschi 22 Femmine 15 11

12 Scuola Primaria CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI (da utilizzare SCUOLA per l'anno PRIMARIA scolastico 2014/15) Classi 2 e, 3 e 4 e, 5 e 1. Costituzione automatica per continuità delle classi 2, 3,4,5 (Il numero di 26 unità per classe non è derogabile rispetto a nuovi ingressi a scuola e/o passaggi interni di classe). Formazione e composizione delle Classi 1 e 1. La classe è composta da un numero di alunni e alunne il più possibile equivalente. 2. Gli alunni nati tra il 31 Dicembre ed il 30 Aprile che hanno la facoltà di iscriversi alle prime classi della Scuola Primaria verranno distribuiti il più possibile equamente 3. Gli alunni sono distribuiti secondo la capienza oggettiva delle aule, non oltre le 26 unità 4. Viene concordata con le famiglie la scelta della sezione per gli alunni disabili che hanno diritto ad esprimere l opzione per due compagni con reciproca chiamata 5. Sono mantenuti nel corso i fratelli degli alunni attualmente frequentanti su richiesta della famiglia 6. Il Dirigente Scolastico si riserva di assegnare la sezione richiesta ai figli di dipendenti della scuola. 7. Territorialità (nel caso di eccedenza delle domande) Residenza della famiglia nel bacino di utenza Alunni con fratelli frequentanti la scuola nell a.s. in corso Provenienza dalle scuole dell infanzia vicine alla scuola Domicilio della famiglia nel bacino di utenza Domicilio lavorativo (luogo di lavoro dei genitori nel bacino di utenza) Alunni con residenza o genitori che lavorano nelle zone limitrofe al perimetro del bacino di interesse con scelta di quelli più vicini al detto perimetro fino al completamento del numero dei posti disponibili 12

13 SCUOLA SECONDARIA Classi 2 e, 3 e Scuola Secondaria 1. Costituzione automatica per continuità delle seconde e terze classi ( Il limite di 25 unità per classe non è derogabile rispetto a nuovi ingressi a scuola e/o passaggi interni di classe). 2. Mantenimento dei ripetenti nelle sezioni di provenienza: il Dirigente scolastico potrà tenere conto della eventuale richiesta scritta di cambiamento di corso da parte dei genitori Formazione e composizione delle Classi Prime (da utilizzare per l' anno scolastico 2014/15) 1. Gli alunni sono distribuiti secondo la capienza oggettiva delle aule, non oltre le 25 unità 2. Viene concordata con le famiglie la scelta della sezione per gli alunni disabili che hanno diritto ad esprimere la opzione per due compagni con reciproca chiamata 3. Sono mantenuti nel corso i fratelli degli alunni attualmente frequentanti al fine di agevolare le famiglie nell acquisto dei libri 4. Il Dirigente Scolastico si riserva di assegnare la sezione richiesta ai figli di dipendenti della scuola 5. Viene data la possibilità di indicare una sezione alla quale essere assegnati; in caso di esubero di richieste per la sezione segnalata il genitore potrà, dopo la pubblicazione dell'elenco delle classi, con il relativo numero di richieste, scegliere un' altra sezione tra quelle non in esubero. Le richieste dovranno essere presentate entro 15 giorni dalla pubblicazione degli elenchi, saranno registrate in ordine di tempo e saranno soddisfatte fino alla capacità di accoglienza delle classi. Gli alunni delle classi risultanti ancora in esubero di richieste saranno sorteggiati, per la formazione della classe, fino al tetto massimo di 25 unità, i restanti saranno assegnati, sempre per sorteggio, ad un'altra classe possibilmente di pari seconda lingua comunitaria. 6. Viene data la possibilità, in alternativa alla scelta della sezione, di scegliere solo la seconda lingua e di mantenere piccoli gruppi di alunni (max 4-5), richiedentisi reciprocamente; ciascun gruppo sarà assegnato ad una classe per sorteggio compatibilmente con la capacità di accoglienza di ciascuna di esse. 7. Dopo il sorteggio viene data la possibilità di chiedere cambio di corso. Le singole richieste saranno registrate per ordine di tempo e soddisfatte se si verificheranno le condizioni prima dell inizio delle lezioni 8. Territorialità (nel caso di eccedenza delle domande) Residenza della famiglia nel bacino di utenza Alunni con fratelli frequentanti la scuola nell a.s. in corso Provenienza dalle scuole primarie vicine alla scuola Domicilio lavorativo (luogo di lavoro dei genitori nel bacino di utenza) Alunni con residenza o genitori che lavorano nelle zone limitrofe al perimetro del bacino di interesse con scelta di quelli più vicini al detto perimetro fino al completamento del numero dei posti disponibili. 13

14 BACINO D UTENZA Largo degli Abeti, Largo Parini, Passaggio dei Poeti, Via Agrigento, Via Angelini, Via Ariosto, Via Caltanissetta, Via Catania, Via Cesareo, Via Costantino Domenico, Via Damiani Almejda, Via Gen. Di Maria, Via Di Marzo, Via Garzilli, (da Via Messina a Piazza Mameli), Via La Farina, Via Leanti, Via Leopardi, Via Leto, Via Lo Iacono, Via Marchese Ugo, Via Marchesi, Via Marsala, Via Mattarella, Via Morello, Via Natoli Luigi, Via Nigra, Via Notarbartolo ( da Piazza Boiardo a Via Libertà ), Via Noto, Via Onufrio, Via Pascoli, Via Petrarca, Via Pipitone Federico, Via Pirandello, Via Prati, Via Principe di Villafranca ( da Via Messina a Via Nigra ), Via Randazzo Camillo, Via Rapisardi, Via Salinas, Via Sammartino (da Via Catania a Via Nigra), Via Santarosa, Via Sciuti (da Via Giusti a Via Notarbartolo), Via Siracusa, Via Spaccaforno, Via Tasso, Via Terrasanta, Via Trapani, Via Vann Antò, Via Villa Sperlinga, Via XX Settembre (da Via Messina a Piazza Mameli). 14

15 CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DEI DOCENTI ALLE CLASSI Assegnazione dei docenti alle classi privilegiando : - il criterio della continuità didattica, compatibilmente con alcuni aspetti organizzativi e tenendo conto di alcuni aspetti di contesto; - la valorizzazione di competenze ed esperienze professionali, e la distribuzione nelle diverse classi; Assegnazione ad altro/a posto/classe/corso/cattedra disponibile, su richiesta circostanziata dell interessato/a; In caso di concorrenza, l assegnazione sarà disposta sulla base della graduatoria d Istituto formulata ai fini della individuazione del soprannumero. CRITERI PER LA FORMULAZIONE DELL ORARIO DELLE LEZIONI Definizione dell'orario dei docenti con cattedre/posti orario-esterni; Distribuzione equilibrata delle discipline per ogni classe nella giornata e nell arco della settimana Distribuzione equilibrata del carico di lavoro del docente (massimo 4 ore di lezioni giornaliere per la Scuola Secondaria, 6 ore per la Scuola Primaria) Assegnazione di almeno due ore consecutive alle discipline con prove scritte (Scuola Secondaria). FORMAZIONE COMMISSIONE ESAME DI IDONEITÀ Gli esami di idoneità hanno luogo solo ed esclusivamente se nella scuola vi siano posti disponibili nelle relative classi richieste. 1. La Commissione degli esami di idoneità è composta: - da tre docenti titolari della classe di riferimento di cui uno specializzato o specialista di lingua Inglese 2. La Commissione, entro il mese di Marzo, dovrà: - esaminare i programmi presentati dagli alunni esterni - richiedere eventuale integrazione al programma presentato. 15

16 STRUTTURA ORGANIZZATIVO GESTIONALE 16

17 RISORSE PROFESSIONALI STAFF DI DIRIGENZA Dirigente Scolastico Prof. Battaglia Domenico di Collaboratori del Dirigente Scolastico Dirigenza Prof. Donatella Lombardo (Vicario) Prof.ssa Maria Teresa Ruffolo Responsabile di Plesso Ins. Corronca M. Cristina Vice responsabile di Plesso Ins. Mineo Santa Dirigente Scolastico Prof. Battaglia Domenico Consiglio di Istituto 8 Genitori Angelo Doriana Attinasi Giuseppe Anzalone Siragusa Maria Buttitta Marina Fici Matteo Paleologo Antonino Spano Gianluigi Zilocchi Lucia 8 Docenti Albanese Caterina Bellante Rosalia Brusca Calogera- Graci Maria Guagliardo Rosa Leonte Leila Mandalà Rosaria Ruffolo Maria Teresa 2 Personale Ata Fundarò Alessandra Rizzo Vincenza Il Consiglio d Istituto, presieduto da un genitore, delibera sulle diverse materie che riguardano l organizzazione e la programmazione dell attività della scuola: bilancio preventivo e conto consuntivo, adattamento calendario scolastico,ecc.. Dirigente Scolastico Prof. Battaglia Domenico Giunta Esecutiva D.S.G A. Arceri Luigi Nicolò 1 Docente Graci Maria 1 Personale ATA Rizzo Vincenza 2 Genitori Angelo Doriana Fici Matteo Eletta dal Consiglio d Istituto, presieduta dal D.S., predispone il bilancio preventivo e il conto consuntivo. Comitato per la valutazione del servizio dei Docenti Presidente Prof. Battaglia Domenico Membri effettivi Ins. Graci Maria - Prof.ssa Guagliardo Rosa - Ins. Leonte Leila - Prof.ssa Mandalà Rosaria Membri Supplenti Prof. Bosco Giuseppe - Prof.ssa Gentilini Franca Eletto dal Collegio dei Docenti, valuta il servizio prestato dai Docenti nell anno di formazione e quello di tutti i docenti che ne fanno richiesta. 17

18 Presidente Prof. Battaglia Domenico Scuola Primaria 23 Docenti 18 Docenti Posto Comune, 2 Docenti Sostegno, 2 docenti Religione, 1 Inglese Collegio dei Docenti Scuola Secondaria 64 Docenti 19 Lettere, 11 Scienze matematiche, 7 Lingua inglese, 3 Lingua francese, 2 Lingua spagnola, 4 Tecnologia, 5 Arte e Immagine, 4 Musica, 4 Scienze Motorie e sportive, 3 Religione, 2 Sostegno Aglialoro, Albanese, Atanasio, Avenia, Balsamo, Balsano, Battaglia, Bellante, Benigno, Bosco, Bruno, Brusca, Calcara, Calcaterra, Cammarata, Cannatella, Cannella, Cappello, Cascino, Cavarretta, Chiaramonte, Chiazza, Chirco, Cimò, Cinque, Corronca, Cutaia, Dera, D Anna G., D Anna I., Di Bella, Dimarco, Enea, Farruggia, Ferrara, Fonti, Fortuna, Gangarossa, Gentilini, Giammanco, Giammusso, Giamporcaro, Giudice, Graci, Grasso, Guagliardo, Ingrassia, La Grua, Leonetti, Leonte, Lo Bianco, Lombardo D., Lombardo I., Macaluso G., Macaluso O., Mancuso, Mandalà, Manfrè, Martinez, Messina, Millo, Mineo, Monteleone, Mosca, Murro, Orlando, Pace, Pensabene, Piazza A., Piazza C., Pirrone, Ponte, Purpura, Rizzo, Ruffolo, Ruggeri, Russo, Sacco, Saccomando, Saccone, Scaccia, Scicli, Spatafora, Tagliaferri, Tedone, Tornabene, Vasques Il Collegio è convocato secondo un calendario annuale e ogni qualvolta il Dirigente Scolastico ne ravvisa la necessità, oppure quando un terzo dei suoi componenti ne fa richiesta. Ha potere deliberante in materia di funzionamento didattico della scuola. In particolare, cura la programmazione dell azione educativa, provvede all adozione dei libri di testo, promuove l aggiornamento dei docenti e individua le funzioni strumentali al P.O.F. È articolato in Consigli di Classe, Consigli di Interclasse e Dipartimenti. 18

19 Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi Arceri Luigi Nicolò PERSONALE ATA Ufficio di segreteria amministrativa del personale scolastico Ufficio di segreteria per i rapporti con il pubblico e protocollo affari generali Collaboratori scolastici Sig.re Fundarò Alessandra - Rizzo Vincenza Sig.re Fundarò Alessandra -Fundarò Donata Maria - Gulotta Giuseppina - Sig.Piscitello Carmelo- Sig.re Placenti M. Santa Rizzo Vincenza Sig.ri: Campagna Michele - Conigliaro Maria - Daidone Carmela- Dentico Salvatrice - Fidenco Giuseppe - Francaviglia Salvatore - Guccione Giuseppina - La Rosa Francesca - Saccaro Girolamo - Stornello Luigi. Rappresentanza Sindacale Unitaria Prof.ssa Cannella Franca Ins. Corronca Maria Cristina Sig.ra Gulotta Giuseppina Responsabile dei Lavoratori per la Sicurezza Prof.ssa Cannella Franca ATTIVITÀ FUNZIONE STRUMENTALE Raccordo-Coordinamento Scuola Primaria Scuola Secondaria Coordinamento e Gestione delle nuove tecnologie Gestione del Piano dell Offerta Formativa Educazione alla Legalità e alla Solidarietà Educazione alla Salute e all Ambiente Gestione del Sito Web - Registri Elettronici Visite e Viaggi d istruzione Orientamento/Continuità Ins. Mineo Santa Prof.ssa Rosalia Bellante Prof.ssa Laura Ponte Prof.sse Balsano Valeria - Purpura Maria Prof.ssa Cannella Franca Prof.ssa Antonella Gangarossa Prof.ssa Mariella Giudice Prof.sse Dimarco Angelina - Piazza Adriana Ins. Piazza Caterina 19

20 PROGETTI CURRICULARI Progetto Password Progetto Lettura/Biblioteca La Scuola Adotta la Città Fondazione "Cesare Sassi" PROGETTI EXTRACURRICULARI La Scuola Adotta la Città Scuola-Informazione: Il Giornale d Istituto on line Didattica Orientativa Latino e Greco Italiano per Stranieri e non REFERENTI Prof. Cutaia Gerlando Prof.sse Gentilini Francesca - Cimò Mariella Ins. Leonte - Prof.ssa Tornabene Giovanna Prof.ssa Lombardo Ida INCARICATI Ins. Leonte Leila Prof.ssa Tornabene Giovanna Prof.sse Gentilini Francesca - Piazza Adriana Prof.sse Purpura Maria - Gangarossa Antonella- Mandalà Rosaria Docenti esterni (Liceo Garibaldi) Ins. Leonetti Giustina Sportello d Ascolto Corsi di Seconda Lingua Straniera Progetto Musica Prof.ssa Giammanco Francesca Proff. Macaluso G. - Cappello - Cutaia Prof.ssa Giammusso Laurita Maria INCARICHI Formulazione dell orario Organi Collegiali / Libri di Testo Responsabile del Servizio di Prevenzione e di Protezione INCARICATI Ins. Corronca - Prof.ssa Ruffolo Prof.ssa Tedone Lidia - Ins. Corronca M.Cristina Prof.ssa Tornabene Giovanna Addetti al Servizio di Prevenzione e Protezione Prof.sse Atanasio Anna - Cavarretta Francesca Ins. Corronca M.Cristina Il Piano per la sicurezza, dopo un attenta disamina delle condizioni strutturali dell edificio scolastico, descrive le opportune misure per la sicurezza quotidiana e le corrette procedure da seguire in caso di emergenza. 20

21 Dipartimenti Lettere Scienze matematiche Lingue straniere Tecnologia Arte e immagine Musica Scienze motorie e sportive Religione Scuola primaria Docenti del triennio (1 e - 2 e - 3 e ) Docenti del biennio (4 e - 5 e ) Docenti Coordinatori Laura Pirrone Ruggeri Marisa Bellante Rosalia Giudice Maria Rosa Rizzo Giuseppina Giammusso Laurita Maria Macaluso Osvaldo Giammanco Francesca Leonetti Giustina Mineo Santa 21

22 RISORSE STRUTTURALI Scuola Primaria Laboratorio di informatica Lavagne multimediali Fotocopiatrice, microfoni e amplificatore Televisori, lettori DVD Macchina fotografica Attrezzi per attività sportiva, spazio per l attività motoria Strumenti musicali Biblioteca Attrezzature per attività laboratoriali scientifiche Scuola Secondaria di Primo Grado Aula Multimediale La scuola fruisce di un aula multimediale completamente rinnovata che dispone di 16 postazioni per gli alunni, di una postazione per i Docenti e di uno scanner multifunzione. L attrezzatura è stata acquistata in attuazione dei Fondi Strutturali 2007/2013 Attività cofinanziate dal Fondo Sociale Europeo per lo Sviluppo Regionale nell ambito del Programma Operativo Nazionale Ambienti per l apprendimento, annualità 2009/2010. Nell aula vi sono un ulteriore postazione con stampante, una Lavagna Interattiva Multimediale fissa ed una trasportabile su rotelle. Nei PC sono stati installati tutti i programmi Office 2010 e le protezioni AVG free. I PC sono in rete per la stampante e per le cartelle che si vogliono condividere e per il software didattico NET SCHOOL. Nell aula è presente anche il LAPBUS del laboratorio mobile che custodisce 15 notebook per gli allievi e 1 per i docenti. Lavagne Interattive Multimediali Nelle sei classi che attuano la sperimentazione delle nuove tecnologie nella didattica, sono state istallate le LIM fornite dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca nell ambito del piano di diffusione delle Lavagne Interattive Multimediali (A.S. 2009/2010 A.S. 2010/2011). Tutte le LIM sono dotate di notebook. Altri portatili sono a disposizione dei docenti e in ogni piano è stata installata una postazione con PC e stampante per momenti di lavoro individuali, oltre a due videoproiettori che si possono usare nelle classi. 22

23 Laboratorio Linguistico Il nuovo Laboratorio linguistico dispone di 14 postazioni multimediali per alunni con cuffie e microfoni, 1 postazione per docenti e una LIM. Laboratorio Scientifico Il laboratorio è provvisto di attrezzature di base, attrezzature scientifiche, strumenti di misura e di osservazione, di una LIM, di software propedeutici all insegnamento delle Scienze. Le attrezzature sono state acquistate in attuazione dei Fondi Strutturali 2007/2013 Attività cofinanziate dal Fondo Sociale Europeo per lo Sviluppo Regionale nell ambito del Programma Operativo Nazionale Ambienti per l apprendimento, annualità 2011/2012. Sala Conferenze La sala è destinata, oltre che alle riunioni collegiali o alle conferenze, anche alla proiezione di film o presentazioni. E dotata di un videoregistratore collegato al televisore, di un videoriproduttore multimediale, un videoproiettore con telo e relativo notebook. Spazi destinati alle attività motorie. La scuola dispone di un campo per la pallacanestro e di un campo per la pallavolo negli spazi esterni e di un aula da utilizzare per le attività motorie. Per le attività in ambiente naturale, la scuola fa annualmente regolare richiesta di utilizzo degli spazi di Villa Trabia all Assessorato Comunale Ville e giardini. Biblioteca e Videoteca per alunni e per Docenti La Biblioteca è dotata di un consistente patrimonio di testi di diversa tipologia (narrativa per ragazzi e per adulti, enciclopedie, dizionari, opere di approfondimento relative a diversi ambiti disciplinari e culturali). La Videoteca è dotata di un consistente patrimonio (videocassette, Cd rom, DVD) di diversa tipologia (film, documentari relativi ai diversi ambiti disciplinari, documentazione delle attività della scuola). 23

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 3 SAN BERNARDINO BORGO TRENTO Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente Via G. Camozzini, 5 37126 Verona (VR) Tel.

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA

DOMANDA DI ISCRIZIONE A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO CRESPELLANO Via IV Novembre, 23 Valsamoggia (BO) 40056 Località - Crespellano Tel. 051/6722325 051/960592 Fax. 051/964154 - C.F. 91235100376 E-mail: boic862002@istruzione.it - iccrespellano@virgilio.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli

Progetto Formazione e informazione dei rappresentanti di classe

Progetto Formazione e informazione dei rappresentanti di classe Progetto Formazione e informazione dei rappresentanti di classe Guida pratica del rappresentante dei genitori a cura dell Associazione Per maggiori informazioni consultare il sito www.genitoriescuola.it

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Scheda di lettura del contratto annuale integrativo del 15 luglio 2010. Di cosa si tratta Si tratta della possibilità

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Distr. Sc. n 9 - Via V. Veneto 89822 SERRA SAN BRUNO (VV) FONDI STRUTTURALI 2007-2013 PEC: vvis003008@pec.istruzione.it PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE FONDO

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO ISTITUTO d ISTRUZIONE SUPERIORE GIOSUÈ CARDUCCI LICEO CLASSICO, SCIENTIFICO, SOCIO-PSICO-PEDAGOGICO V.le Trento e Trieste n 26-56048 - Volterra (PI) - tel. 0588 86055 - fax 0588 90203 ISTITUTO STATALE

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015 Istituto Comprensivo Statale Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazzale della Civiltà Tel. 0828/941197 fax. 0828/941197 84069 ROCCADASPIDE (Salerno) C.M. SAIC8AH00L Email-dirdirocca@tiscali.it

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14 STTUTO COMPRENSVO UGO FOSCOLO SCUOLA SECONDARA D 1 GRADO PANO ANNUALE DELLE ATTVTA' A.S. 2013/14 PROT. N. 5991 /A-19 Vescovato, 19/09/2013 Data Giorno Sedi scolastiche Classi Orario Durata ATTVTA' COLLEGO

Dettagli

CONVENZIONE. Tra. Istituto Comprensivo 22 Alberto Mario

CONVENZIONE. Tra. Istituto Comprensivo 22 Alberto Mario ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO Piazza Sant Eframo Vecchio, 130-80137 NAPOLITel. 0817519375FAX: 0817512716 C.M. NAIC8BT00NCodice fiscale 80022520631 e-mail: naic8bt00n@istruzione.it naic8bt00n@pec.istruzione.it

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Progetto Nazionale di Educazione al Patrimonio 2011-2012 Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Presentazione Sul presupposto che si conserva

Dettagli

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012.

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012. Circolare interna n. 25 Ai docenti Al DSGA Alla segreteria alunni Alla segreteria docenti E, p.c. ai collaboratori scolastici Ve Mestre, 15 settembre 2011 Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

Verbale del Consiglio di Istituto del 2 ottobre 2013

Verbale del Consiglio di Istituto del 2 ottobre 2013 Anno scolastico 2013-2014 Verbale n. 1 Verbale del Consiglio di Istituto del 2 ottobre 2013 Il 2 Ottobre 2013, alle ore 16.30, si riunisce il Consiglio di Istituto del Comprensivo 1 di Frosinone nell aula

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli