ISTITUTO COMPRENSIVO LARGO ORIANI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO COMPRENSIVO LARGO ORIANI"

Transcript

1 ISTITUTO COMPRENSIVO LARGO ORIANI

2 Sommario Premessa... 5 Contesto Culturale Economico e Sociale... 6 Contatti... 7 Istituto Comprensivo Largo Oriani... 7 Orari Segreteria... 7 Struttura Organizzativa... 8 Figure Strumentali... 9 Organi Collegiali Che cosa sono Rappresentanza Composizione Consiglio di intersezione Consiglio di interclasse Consiglio di classe Consiglio d'istituto Principali compiti e funzioni Componenti del Consiglio di Istituto Scuola Secondaria Moduli Orari Prospetto Orario Settimanale delle Discipline Sezione Musicale Coordinatori Scuola Secondaria di Primo Grado... Errore. Il segnalibro non è definito. Scuola Primaria Orari Primaria Presidenti di interclasse Scuola dell Infanzia... Errore. Il segnalibro non è definito. Osservatorio naturalistico Spazi Progetto Interculturale: La mia città il mio quartiere Rapporti con il territorio Organizzazione Orario Iscrizioni Interazione Scuola-Territorio Collegamenti con Istituzioni, Famiglie e Territorio Scelte Metodologiche Gruppi di apprendimento Tecnologie nell istruzione Diversificazione dell offerta La Valutazione Valutazione Scuola Primaria Valutazione Scuola Secondaria Descrittori Voti di Condotta Descrittori livelli competenze acquisite dall alunno dopo il triennio della Scuola Secondaria di I Grado Livello Competenze Certificazione delle Competenze La Continuità Scuola dell infanzia/scuola primaria Attività previste Scuola primaria/scuola secondaria di primo grado Attività previste... 28

3 Attività alternativa alla Religione Cattolica Scuola Primaria Scuola Secondaria di I Grado Ampliamento dell Offerta Formativa Prospetto analitico delle attività integrative alla didattica Attività integrative trasversali Scuola Primaria Scuola Secondaria Formazione e Aggiornamento Docenti Aggiornamento Visite e Viaggi d istruzione Criteri formazione classi Protocollo di Accoglienza alunni diversamente abili Persone di Riferimento per l Inclusione Ruoli e Compiti Documentazione La Valutazione Alunni Disabili (Legge 104/92) Protocollo di Accoglienza alunni DSA Premessa Persone di Riferimento per l Inclusione Ruoli e Compiti Valutazione - Esami di Stato Lingue Straniere Diagramma Schematico dei passi previsti dalla Legge 170/2010 per la gestione dei DSA... 42

4 CHE COS È IL POF? Il Piano dell Offerta Formativa (P.O.F) è il documento con cui ogni scuola comunica ai genitori e al territorio, la progettazione educativa e didattica e le ragioni pedagogiche che la sostengono. Il Piano è discusso e approvato dal Collegio e dal Consiglio di Istituto, fatto salvo il rispetto delle competenze reciproche. Il P.O.F. è uno strumento comunicativo in continua trasformazione ed è costituito da tre parti: a) la prima parte analizza il contesto socioculturale in cui la scuola opera; b) la seconda parte espone le caratteristiche principali dell Istituto dal punto di vista culturale, educativo e pedagogico; c) la terza parte presenta i progetti che ogni anno vengono attivati, a partire dalle risorse e dalle necessità degli utenti. Il P.O.F è dunque un documento dinamico: la sua funzione è quella di registrare la vitalità della scuola.

5 PREMESSA L Istituto Comprensivo Largo Oriani di Roma promuove la formazione e l educazione dell allievo della scuola dell infanzia, primaria e secondaria di 1 grado in continuità con l opera educativa della famiglia e attraverso un rapporto di collaborazione e di intesa, con la finalità di formare l uomo libero del domani che, in modo responsabile, critico e attivo, sia partecipe della comunità locale, nazionale e internazionale. L Istituto Comprensivo Largo Oriani per l attuazione del suo compito istituzionale si ispira ai seguenti valori: Accoglienza Solidarietà Integrazione Uguaglianza delle opportunità educative Imparzialità Libertà d insegnamento Promozione umana, sociale e civile degli alunni. Tra le priorità educative e didattiche l Istituto individua il riconoscimento dell appartenenza al proprio territorio, come momento fondante della costruzione del sé e quindi si pone gli obiettivi di: favorire il senso di appartenenza degli alunni alla comunità cittadina. preparare futuri cittadini a capire l importanza dei beni artistici e ambientali nell ottica di una migliore fruizione, conservazione e tutela del patrimonio nazionale. L Istituto Comprensivo Largo Oriani è composto da una scuola dell infanzia, una scuola primaria e una scuola secondaria di 1 grado: Scuola dell Infanzia F. Crispi con 5 sezioni in Via Barrili, 13 Scuola primaria F. Crispi con 29 classi in Via Barrili, 13 Scuola secondaria di primo grado con 20 classi in Largo Oriani, 1 e 18 classi in Viale di Villa Pamphili, 7 per un totale di 1623 alunni Denominazione Scuola Alunni Infanzia F. Crispi Alunni Primaria F. Crispi Alunni Secondaria LARGO ORIANI VIALE di VILLA PAMPHILI ISTITUTO COMPRENSIVO LARGO ORIANI

6 CONTESTO CULTURALE ECONOMICO E SOCIALE L Istituto Comprensivo Largo Oriani è situato nel quartiere di Monteverde Vecchio. L istituto è frequentato per la maggior parte da alunni appartenenti al bacino di utenza della scuola, mentre i residenti in zone limitrofe sono in numero inferiore. Il contesto familiare degli alunni presenta queste caratteristiche: prevalenza di nuclei familiari composti da 4 persone la maggior parte delle famiglie degli alunni è costituita dai genitori e da 2 figli. entrambi i genitori, in maggioranza, esercitano una professione solo una piccola parte delle mamme degli alunni iscritti sono casalinghe genitori, per una buona percentuale, sono laureati o diplomati si distribuiscono nelle varie categorie lavorative

7 CONTATTI ISTITUTO COMPRENSIVO LARGO ORIANI LARGO ORIANI, ROMA(RM) Tel. : Fax: E mail certificata: Internet: ORARI SEGRETERIA Il Dirigente Scolastico riceve il Mercoledì previo appuntamento in segreteria dalle 9:30 alle 12:00 Per le urgenze, in qualsiasi momento. La Segreteria riceve: Lunedì - ore 15:00 17:00 Mercoledì - ore 15:00 17:00 Giovedì - ore 8:15 9:15 ore 10:15 11:30

8 STRUTTURA ORGANIZZATIVA ORGANIGRAMMA DIRIGENTE SCOLASTICO Prof.ssa CARMELINA IMPERA DSGA Dott.ssa PATRIZIA FUCILE ROSSANA DEL GROSSO Collaboratore DS ANGELA CORDOVA Collaboratore DS MARCO KRANNER Responsabile plesso ex Manzoni MARZIA BACCI Responsabile Scuola dell Infanzia LOREDANA BERNACCHIA Responsabile scuola primaria Direttore S.G.A. 1 Assistenti Amministrativi 8 Collaboratori scolastici 18 L orario di servizio del personale A.T.A è organizzato in maniera flessibile secondo la struttura oraria delle attività didattiche curriculari, extracurriculari e scolastiche, previste dal POF.

9 FIGURE STRUMENTALI Scuola dell Infanzia e Primaria Area P.O.F. Disabilità -BES Sostegno ai docenti Informatica Viaggi Scuola Secondaria Area P.O.F. Disabilità -BES Sostegno ai docenti Informatica Viaggi Docente Maria Teresa Medaglia Teresa Mazzei Maria Damiana Nitti Micol Andreozzi Angela Cinquegrana Docente Marinella Giuliani Alessandra Pompei Daniela Lippera Giuseppe Battaglini Alba Michelotti Stefania Pastorboni

10 ORGANI COLLEGIALI CHE COSA SONO Gli organi collegiali sono organismi di governo e di gestione delle attività scolastiche a livello territoriale e di singolo istituto. RAPPRESENTANZA Il processo educativo nella scuola si costruisce in primo luogo nella comunicazione tra docente e studente e si arricchisce in virtù dello scambio con l'intera comunità che attorno alla scuola vive e lavora. In questo senso la partecipazione al progetto scolastico da parte dei genitori è un contributo fondamentale. Gli Organi collegiali della scuola, che - se si esclude il Collegio dei Docenti - prevedono sempre la rappresentanza dei genitori, sono tra gli strumenti che possono garantire sia il libero confronto fra tutte le componenti scolastiche sia il raccordo tra scuola e territorio, in un contatto significativo con le dinamiche sociali. Tutti gli Organi collegiali della scuola si riuniscono in orari non coincidenti con quello delle lezioni. COMPOSIZIONE Consiglio di intersezione Scuola materna: tutti i docenti e un rappresentante dei genitori per ciascuna delle sezioni interessate; presiede il dirigente scolastico o un docente, facente parte del consiglio, da lui delegato. Consiglio di interclasse Scuola elementare: tutti i docenti e un rappresentante dei genitori per ciascuna delle classi interessate; presiede il dirigente scolastico o un docente, facente parte del consiglio, da lui delegato. Consiglio di classe Scuola secondaria: tutti i docenti della classe e quattro rappresentanti dei genitori; presiede il dirigente scolastico o un docente, facente parte del consiglio, da lui delegato. Consiglio d'istituto Nelle scuole con popolazione scolastica superiore a 500 alunni è costituito da 19 componenti, di cui 8 rappresentanti del personale docente, 2 rappresentanti del personale amministrativo, tecnico e ausiliario,8 rappresentanti dei genitori degli alunni, il dirigente scolastico; il consiglio d'istituto è presieduto da uno dei membri, eletto tra i rappresentanti dei genitori degli alunni. La Giunta esecutiva è composta da un docente, un impiegato amministrativo o tecnico o ausiliario, da 2 genitori. Di diritto ne fanno parte il dirigente scolastico, che la presiede, e il direttore dei servizi generali e amministrativi che ha anche funzioni di segretario della giunta stessa.

11 PRINCIPALI COMPITI E FUNZIONI Il Consiglio di Intersezione, quello di Interclasse e di Classe, hanno il compito di formulare al collegio dei docenti proposte in ordine all'azione educativa e didattica e a iniziative di sperimentazione nonché quello di agevolare ed estendere i rapporti reciproci tra docenti, genitori ed alunni. Fra le mansioni del consiglio di classe rientra anche quello relativo ai provvedimenti disciplinari a carico degli studenti. Il Consiglio di Istituto elabora e adotta gli indirizzi generali e determina le forme di autofinanziamento della scuola; delibera il bilancio preventivo e il conto consuntivo e stabilisce come impiegare i mezzi finanziari per il funzionamento amministrativo e didattico. Spetta al consiglio l'adozione del regolamento interno del circolo o dell'istituto, l'acquisto, il rinnovo e la conservazione di tutti i beni necessari alla vita della scuola, la decisione in merito alla partecipazione del circolo o dell'istituto ad attività culturali, sportive e ricreative, nonché allo svolgimento di iniziative assistenziali. Fatte salve le competenze del collegio dei docenti e dei consigli di intersezione, di interclasse, e di classe, ha potere deliberante sull'organizzazione e la programmazione della vita e dell'attività della scuola, nei limiti delle disponibilità di bilancio, per quanto riguarda i compiti e le funzioni che l'autonomia scolastica attribuisce alle singole scuole. In particolare adotta il Piano dell offerta formativa elaborato dal collegio dei docenti. Inoltre il consiglio di circolo o di istituto indica i criteri generali relativi alla formazione delle classi, all'assegnazione dei singoli docenti, e al coordinamento organizzativo dei consigli di intersezione, di interclasse o di classe; esprime parere sull'andamento generale, didattico ed amministrativo, del circolo o dell'istituto, stabilisce i criteri per l'espletamento dei servizi amministrativi ed esercita le competenze in materia di uso delle attrezzature e degli edifici scolastici. La Giunta Esecutiva prepara i lavori del consiglio di circolo o di istituto, fermo restando il diritto di iniziativa del consiglio stesso, e cura l'esecuzione delle relative delibere. Come previsto dal Decreto Interministeriale n. 44 dell'1 febbraio 2001, art.2, comma 3, entro il 31 ottobre ha il compito di proporre al Consiglio di circolo/istituto il programma delle attività finanziarie della istituzione scolastica, accompagnato da un'apposita relazione e dal parere di regolarità contabile del Collegio dei revisori. Nella relazione, su cui il consiglio dovrà deliberare entro il 15 dicembre dell'anno precedente quello di riferimento, sono illustrati gli obiettivi da realizzare e l'utilizzo delle risorse in coerenza con le indicazioni e le previsioni del Piano dell'offerta formativa, nonché i risultati della gestione in corso e quelli del precedente esercizio finanziario.

12 COMPONENTI DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO PRESIDENTE DIRIGENTE Sig.ra Zerbino M. Cristina Prof.ssa IMPERA Carmelina GENITORI Sig.ra ZERBINO M. Cristina Sig.ra CIAPRINI Francesca Sig.ra BATTIATO Lorenza Sig.ra SQUILLACE M. Stella Sig.ra LUCCERINI Federica Sig. COLAFRANCESCHI Simone Sig. PANICO Salvatore Sig. LEUZZI Luca DOCENTI Prof. TORRE Nicola Prof.ssa CERESCIOLI Luciana Ins. BARBERINI Melissa Ins. RADICE Tania Ins. MEDAGLIA M. Teresa Prof.ssa POMPEI Alessandra Ins. SMOLJKO Monica Ins. BACCI Marzia A.T.A. TADDEI Eutizio DE ROCCO Paola

13 SCUOLA SECONDARIA La Scuola, nell anno scolastico 2014/2015, si configura interamente a settimana corta. Tutte le classi attuano il modulo orario di 30 ore conforme all ultima riforma scolastica nel rispetto delle scelte effettuate dai genitori al momento della iscrizione, come da modello allegato. MODULI ORARI La prima lingua comunitaria (Inglese) prevede 3 h di insegnamento mentre la seconda lingua comunitaria (Francese o Spagnolo) ne prevede 2 h di insegnamento. Modulo 30 h (29 h + 1 h approfondimento di materie letterarie) MODULO BASE 1ª Lingua comunitaria Inglese 2ª lingua comunitaria Spagnolo o Francese 1 Dalle ore 8:00 alle ore 14:00 Attualmente nella sede centrale sono attivati due corsi con seconda lingua comunitaria Francese e uno nella sede di Viale di Villa Pamphili (musicale). Gli altri corsi adottano lo Spagnolo. Modulo 30 h + 2 h strumento MUSICALE nella sede di Viale di Villa Pamphili 7 2 Dalle ore 8:00 alle ore 14:00 con rientro pomeridiano 1 o 2 volte a settimana per lo strumento e lettura della musica. 1 a Lingua comunitaria Inglese 2 a lingua comunitaria Francese e Spagnolo

14 Materie PROSPETTO ORARIO SETTIMANALE DELLE DISCIPLINE Ore settimanali Modulo base Ore settimanali Musicale Lettere 9 9 Approfondimento materie letterarie 1 1 Matematica e Scienze 6 6 Inglese 3 3 Francese/Spagnolo 2 2 Tecnologia 2 2 Arte e Immagine 2 2 Musica 2 2 Educazione motoria 2 2 Religione 1 1 Strumento musicale - 2 Totale La 30 a ora, approfondimento letterario, è destinata al Latino o Cittadinanza e Costituzione, e la valutazione della stessa confluisce in quella delle materie letterarie. Il coordinatore, nel primo Consiglio di Classe condividerà la scelta effettuata con i genitori.

15 SEZIONE MUSICALE L indirizzo musicale, attivo presso la Scuola Secondaria di Primo Grado all interno dell I.C., è una realtà consolidata fin dagli anni 70 sotto forma di Sperimentazione Musicale e diventando ordinamentale nel Le lezioni si svolgono presso la sede di Viale di Villa Pamphili 7, la ex Scuola Media Manzoni. L attività consente agli allievi uno studio consapevole e approfondito dello strumento fornendo un'istruzione propedeutica per il proseguimento degli studi musicali. La scelta dello strumento da studiare è espressa al momento dell iscrizione alla prima classe. Tale scelta varrà per tutti e tre gli anni della scuola secondaria; il triennio non si può interrompere salvo che per gravi e comprovati motivi che impediscano la prosecuzione del corso musicale. Lo strumento musicale, materia curricolare, ha un suo voto nella scheda di valutazione che vale nella media finale per il passaggio da un anno scolastico all altro e nell ammissione all esame del terzo anno. In sede di esame di licenza è prevista la prova pratica di esecuzione. La frequenza è obbligatoria ed eventuali assenze dalle lezioni di strumento vanno giustificate con il normale libretto delle giustificazioni. I ragazzi, dopo aver superato un test attitudinale, che consiste in una prova scritta ed una orale, studiano per tre anni uno dei seguenti strumenti: Pianoforte, Chitarra Classica, Flauto Traverso, Violino e Percussioni. Durante il test i ragazzi possono esprimere una loro preferenza sugli strumenti, ma in base ai risultati della prova orientativa e della disponibilità nelle classi, verranno distribuiti sui diversi insegnamenti. Il corso si articola in due lezioni settimanali pomeridiane, una collettiva ed una individuale o per piccolo gruppo.

16 Coordinatori Scuola Secondaria di primo grado Sede centrale di Largo A. Oriani 1 Classe 1 a A Prof.ssa MILANESE Classe 2 a A Prof.ssa PASTORBONI Classe 3 a A Prof.ssa LUCCHESE Classe 1 a B Prof. HENKE Classe 2ª B Prof.ssa TINTI Classe 3 a B Prof.ssa BERNARDINI Classe 1 a C Prof.ssa GIULIANI Classe 2 a C Prof.ssa VILARDO Classe 3 a C Prof.ssa BRANDI Classe 1 a D Prof.ssa TACCHINI Classe 2 a D Prof.ssa CERESCIOLI Classe 3 a D Prof.ssa LIBRIZZI Classe 1 a F Prof.ssa MASTROVALERIO Classe 2 a F Prof.ssa LIPPERA Classe 3 a F Prof.ssa PENNACCHIO Classe 1 a H Prof.ssa DI NEPI Classe 2 a H Prof.ssa MORRA Classe 3 a H Prof.ssa BALDI Classe 1 a Q Prof.ssa IOSUE Classe 2 a Q Prof.ssa DE LUCA Sede di Viale di Villa Pamphili 7 Classe 1 a I Prof.ssa MORILLE Classe 2 a I Prof.ssa TANZI Classe 3 a I Prof.ssa LOGUERCIO

17 Classe 1 a L Prof.ssa CAIOLA Classe 2 a L Prof. VADALA Classe 3 a L Prof.ssa PIGNATARO Classe 1 a M Prof.ssa DE LUCA Classe 2 a M Prof.ssa BONACQUISTI Classe 3 a M Prof.ssa MARSELLA Classe 1 a N Prof.ssa PONGETTI Classe 2 a N Prof.ssa PETRACCA Classe 3 a N Prof.ssa LODOLI Classe 1 a O Prof.ssa VIOLA Classe 2 a O Prof.ssa NOTARANGELO Classe 3 a O Prof.ssa MONACHELLO Classe 1 a P Prof.ssa PECA Classe 2 a P Prof.ssa LAZZARI Classe 3 a P Prof. MERCADANTE La scuola garantisce: 1. La presenza, in orari stabiliti e affissi all albo dal D.S. di tutti gli operatori scolastici. 2. Assegnazione di unità di personale A.T.A. e Collaboratori Scolastici nei limiti dell organico assegnato dal Ministero proporzionato al numero di alunni frequentanti ed alle attività svolte in ciascuna sede, e disponibili a servizi extra richiesti dall utenza (interscuola etc.) 3. La presenza di personale di segreteria anche in orario pomeridiano U.R.P. (Ufficio Relazioni Pubbliche).

18 SCUOLA PRIMARIA La scuola primaria, F. Crispi sita in via A.G. Barrili n. 13, nell anno scolastico 2014/2015, è composta da 29 classi, per un totale di 643 alunni. ORARIO Tempo Pieno: 40 ore settimanali Tempo Corto:27-30 ore settimanali Orario Entrata Uscita T.C. classi 1 a - 2 a ore 8:10-13:00 ore 8:10-15:55 (due giorni) classi 3 a e 4 a ore 8:10-13:40 ore 8:10-16:10 (un giorno) classe 5 a ore 8:10-13:30 ore 8:10-16:10 (due giorni) T.P. ore 8:10-16:10 (classi 1 a, 2 a, 3 a, 4 a, 5 a ) CLASSI 1 Ins.te Ventura CLASSI 2 Ins.te Radice CLASSI 3 Ins.te Nitti CLASSI 4 Ins.te Smoljko CLASSI 5 Ins.te Marzullo PRESIDENTI INTERCLASSE

19 SCUOLA DELL INFANZIA La scuola dell infanzia, F. Crispi sita in via A.G. Barrili n. 13, nell anno scolastico 2014/2015, è composta da 5 sezioni, per un totale di 125 alunni. ORARIO L orario è strutturato su cinque giorni settimanali Tempo Normale: 25 ore settimanali Tempo Pieno: 40 ore settimanali Orario Entrata - Uscita Sezioni A, E: ore 8:00 13:00 Sezioni B, C, D: ore 8:00 16:00 PRESIDENTE INTERSEZIONE Ins.te Menegatti.

20 SCUOLA DELL INFANZIA La scuola dell infanzia dell Istituto Comprensivo Oriani è ad Indirizzo didattico differenziato Montessori: - segue le linee degli orientamenti indicati nel Piano Nazionale; - considera l educazione nel rispetto dell individualità dei bambini e delle bambine; - predispone un ambiente adatto a favorire l autonomia e l integrazione dei bambini diversamente abili; - predilige l apprendimento attraverso l esperienza e la sperimentazione con l ambiente naturale; - garantisce una crescita affettiva serena, attraverso un dialogo costante con i genitori. Osservatorio naturalistico Nell osservatorio naturalistico i bambini potranno durante l anno fare attività di giardinaggio, coltivare l orto e fare esperienze dirette sui cambiamenti stagionali. Spazi - Giardino in comune con la scuola Primaria; - osservatorio naturalistico; - aule; - aula laboratorio nell androne usata il lunedì ed il venerdì per attività con bambini che non si avvalgono dell insegnamento della religione cattolica. Inoltre viene utilizzata per la pesca di Natale ed il pre/post scuola. Progetto Interculturale: La mia città il mio quartiere - Progetto educativo interculturale finalizzato all educazione ambientale. - Modalità progettuale avviata con l obiettivo di rendere i bambini consapevoli dell importanza dell ambiente e delle risorse. - Per garantire un rapporto positivo di comunicazione tra bambino/a e natura. - Per far maturare un comportamento attivo di protezione e cura dell ambiente Rapporti con il territorio La scuola si apre al territorio con la consueta Pesca di Natale. Bambini, insegnanti, genitori, nonni, contribuiscono alla realizzazione di prodotti artigianali. L obiettivo comune è contribuire insieme alla solidarietà rivolgendosi ad associazioni umanitarie ed ambientaliste. - Feste e manifestazioni - Teatro a scuola - Nido di zona (piccoli e grandi)

21 ORGANIZZAZIONE ORARIO Sezioni a TEMPO PIENO B, C, D - 8:00/16:00 TEMPO PIENO 8:00-11:00 1 insegnante Entrata 8:00-8:30 11:00-13:00 2 insegnanti in compresenza pranzo, uscite e attività didattica condivisa Pranzo 11:45 13:00-16:00 1 insegnante Uscita 15:45-16:00 Sezioni a TEMPO RIDOTTO A, E TEMPO RIDOTTO 8:00-13:00 1 insegnante Entrata 8:00-8:30 Uscita 12:45-13:00 Il lunedì e venerdì è previsto l insegnamento della religione cattolica. I bambini che non se ne avvalgono faranno attività con l insegnante di sezione. Nelle sezioni dove è inserito un bambino diversamente abile è presente l insegnante di sostegno che affianca l insegnante di sezione, con attività specifiche per garantire l integrazione. Inoltre contribuisce all inserimento dei bambini nei gruppi di lavoro. Collaborano nella sezione gli educatori AEC i quali partecipano al progetto educativo dei bambini diversamente abili. ISCRIZIONI Si effettuano secondo il calendario ministeriale. Nel periodo delle iscrizioni la scuola si apre all utenza per informazioni. Le graduatorie seguono i criteri stabiliti dagli Organi Collegiali.

22 INTERAZIONE SCUOLA-TERRITORIO COLLEGAMENTI CON ISTITUZIONI, FAMIGLIE E TERRITORIO La Scuola ha realizzato, proficuamente, e continua a realizzare intese e collaborazioni con Famiglie, Enti Locali, Provincia, Regione, Associazioni, Cooperative, Servizio materno infantile dell Azienda ASL RM D e altre Istituzioni Scolastiche. Aderisce e/o propone, pertanto, progetti di arricchimento e ampliamento curriculare ed extracurriculare, anche in presenza di personale esperto, per ampliare il percorso formativo. Facilita la comunicazione tra i diversi soggetti istituzionali, responsabili di azione formativa nel territorio, per promuovere la formazione integrale della personalità degli allievi.

23 SCELTE METODOLOGICHE GRUPPI DI APPRENDIMENTO Gli alunni possono svolgere attività per classi parallele, organizzando gruppi di lavoro con alunni di altre classi, sulla base di attività programmate TECNOLOGIE NELL ISTRUZIONE Rispettando le progettazioni didattiche e i criteri di turnazione delle classi, saranno utilizzati: il laboratorio d informatica, il laboratorio multimediale, il laboratorio musicale. DIVERSIFICAZIONE DELL OFFERTA Agli alunni saranno rivolte attività laboratoriali, antimeridiane, pomeridiane, curriculari, extracurriculari e aggiuntive, per favorire ed ampliare la loro formazione culturale e personale, per garantire diversificate occasioni di apprendimento in cui recuperare, consolidare e/o potenziare conoscenze, abilità e competenze e sperimentare attitudini ed interessi personali. Conoscenze PROPOSTE DIDATTICHE Abilità ALLIEVO Per crescere come persona Competenze Saper essere Sapere Saper fare

24 LA VALUTAZIONE La valutazione è un processo in continua evoluzione che accompagna tutto il percorso dell alunno. Concorre all individuazione delle sua potenzialità e delle sue carenze, alla sua crescita e al suo successo formativo. Si articola in diversi momenti; le verifiche sono periodiche e determinano i risultati intermedi e finali indicati nel documento di valutazione ed espressi in decimi, secondo la recente normativa. La loro periodicità fornisce all insegnante un feedback che gli consente di adattare i propri standard di insegnamento. La valutazione rappresenta un confronto continuo e collegiale del percorso educativo (tra i docenti, tra gli alunni e tra alunni e docenti). VALUTARE GLI ALUNNI PERCHÉ COSA COME QUANDO Capacità di autovalutazione Conoscenza Competenze Disciplinari/Trasversali Iniziale (test d ingresso) Formazione della persona Socialità Osservazione del lavoro Intermedia (scr. 1 quadrimestre) Abilità Autonomia individuale INVALSI di gruppo Finale (scr. 2 quadrimestre) Percorso di crescita personale

25 I nuovi criteri di valutazione in decimi: VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA Da 6/10 nelle classi prime; Da 5/10 nelle classi seconde, terze, quarte e quinte VALUTAZIONE SCUOLA SECONDARIA Criteri di Valutazione Premesso che l anno scolastico è valido se le assenze non superano ¼ del monte ore annuo previsto dal curricolo, i criteri di valutazione tengono conto: 1. raggiungimento obiettivi minimi 2. progressi rispetto ai livelli di partenza 3. condotta Descrittori Voti Quadrimestrali/Finali 4 Non ha raggiunto in modo grave gli obiettivi minimi nelle discipline o gruppi di discipline 5 Non ha raggiunto gli obiettivi minimi nelle discipline o gruppi di discipline 6 Ha raggiunto gli obiettivi minimi 7-8 Ha raggiunto gli obiettivi in modo soddisfacente 9-10 Ha raggiunto gli obiettivi in modo completo Nel voto della singola disciplina sono valutate - competenze - impegno - partecipazione - metodo di lavoro.

26 DESCRITTORI VOTI DI CONDOTTA 5 Trasgredisce, con gravi interventi sanzionatori, le regole d Istituto Ha uno scarso rispetto delle regole d Istituto ed una non adeguata convivenza con coetanei e adulti segnalati da riscontri oggettivi. Mantiene un saltuario rispetto delle regole d Istituto nei confronti dell ambiente, dei coetanei e degli adulti. Generalmente rispettoso delle regole d Istituto e dell ambiente nei confronti dei coetanei e degli adulti. È rispettoso delle regole d Istituto e dell ambiente nei confronti dei coetanei e degli adulti, con i quali l allievo ha anche un ruolo di mediazione Dinamica. È rispettoso delle regole d Istituto e dell ambiente nei confronti dei coetanei e degli adulti, con i quali l allievo ha anche un ruolo trainante/positivo/propositivo. Il voto di condotta è deliberato dal Consiglio di Classe Il voto di condotta oltre che in decimi sarà riportato anche in lettere in pagella. DESCRITTORI LIVELLI COMPETENZE ACQUISITE DALL ALUNNO DOPO IL TRIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Nell anno scolastico 2006/2007 la C.M. n 28 del 15 marzo 2007 ha introdotto nella scuola il documento attestante le competenze acquisite dall alunno alla fine dei tre anni di scuola media. Si riporta di seguito la descrizione delle parole usate e condivise dal Collegio Docenti. Conoscenze Abilità Competenze il sapere (insieme di informazioni nozioni regole - contenuti). il saper fare (produrre qualcosa o risolvere i problemi sapendone il perché). è l agire personale di ciascuno in un determinato contesto per rispondere ad un bisogno, basato sulle conoscenze e le abilità acquisite. Coinvolgono tutta la persona anche nei comportamenti relazionali e atteggiamenti.

27 LIVELLO COMPETENZE Fino a 5 competenza fragile e ancora da formare 6 competenza sufficientemente strutturata 7 8 competenza ben strutturata e corrispondente alle situazioni ed alle esigenze da fronteggiare 9-10 competenze sviluppate in modo ampio e completo CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE La scuola certifica ciò che l alunno sa e sa fare in relazione ad un quadro nazionale condiviso (che però non esiste ancora). È la somma qualitativa e quantitativa delle rilevazioni e degli accertamenti individuali e collegiali effettuati nel percorso scolastico.

28 LA CONTINUITÀ Nel nostro Istituto, il principio della continuità educativa, affermata nelle indicazioni per la Scuola dell infanzia, per la Scuola primaria e per la Scuola secondaria di primo grado, investe l'intero sistema formativo di base e sottolinea il diritto di ogni bambino e di ogni ragazzo ad un percorso scolastico unitario, organico e completo che valorizzi le competenze già acquisite. Suo obiettivo primario è prevenire le difficoltà che possono presentarsi nel passaggio tra i diversi ordini di scuola, favorire una graduale conoscenza del nuovo. La continuità vera è intesa come momento di reale e proficua collaborazione tra gli insegnanti dei tre ordini di scuola che intendono dare importanza alla centralità dell alunno nel processo di insegnamento apprendimento pertanto sono previsti incontri tra i docenti delle classi ponte, sia tra scuola dell infanzia e scuola primaria, sia tra scuola primaria e scuola secondaria. Crediamo sia importante migliorare sempre di più la qualità degli scambi tra i diversi segmenti scolastici per attuare pienamente la continuità didattica. Si elabora un Curricolo verticale per gli anni ponte (ultimo anno Scuola dell Infanzia, prima e quinta classe scuola primaria, prima classe scuola secondaria inferiore), per delineare un processo unitario, graduale e coerente, continuo e progressivo, delle tappe e delle scansioni d apprendimento dell allievo, in riferimento alle competenze da acquisire ed ai traguardi in termini di risultati attesi. Scuola dell infanzia/scuola primaria La maggior parte degli alunni iscritti alla classe I della scuola primaria proviene dalla scuola dell infanzia. L'esperienza ha dimostrato l'utilità di conoscere le programmazioni reciproche al fine di individuare le e- ventuali situazioni problematiche Attività previste analizzare le competenze ed abilità previste in uscita dalla scuola dell'infanzia; programmare e organizzare le attività dell'accoglienza delle future classi prime della scuola primaria; raccogliere le schede informative compilate dalle insegnanti della scuola infanzia, per la formazione delle classi prime della scuola primaria; formazione delle future classi prime; curare la trasmissione delle eventuali schede informative compilate dalle insegnanti della scuola primaria; Scuola primaria/scuola secondaria di primo grado Per assicurare agli alunni un positivo conseguimento delle finalità dell'istruzione obbligatoria, la scuola primaria e la scuola secondaria, pur conservando le proprie specificità educative, elaborano un progetto che le colleghi in un processo culturale educativo unitario nel quale i vari interventi sono considerati nella loro reciproca interazione. Attività previste Organizzare le visite delle classi quinte alle scuole medie; organizzare attività didattiche-educative tra alunni della classe quinta della scuola primaria e alunni della prima classe della scuola secondaria;

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE FINALITA Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è un documento che nasce da una più dettagliata esigenza d informazione relativamente all

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso FINALITA Il presente documento contiene criteri, principi e indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche per un ottimale inserimento

Dettagli

Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA

Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA L'adozione di un Protocollo di Accoglienza consente di attuare in modo operativo

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PREMESSA L Istituto opera con particolare attenzione per l integrazione degli alunni disabili, favorendo la socializzazione, l acquisizione di autonomia

Dettagli

I.C. Paolo Stefanelli. Protocollo di Accoglienza per alunni che presentano. Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) anno scolastico 2014/15

I.C. Paolo Stefanelli. Protocollo di Accoglienza per alunni che presentano. Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) anno scolastico 2014/15 I.C. Paolo Stefanelli Protocollo di Accoglienza per alunni che presentano Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) anno scolastico 2014/15 La personalizzazione dell apprendimento è l uso di strategie

Dettagli

PIANO ANNUALE DELL INCLUSIONE

PIANO ANNUALE DELL INCLUSIONE Gallarate (VA) - Via Bonomi, 4 Tel. 0331.795141 - Fax 0331.784134 sacrocuoregallarate@fastwebnet.it www.sacrocuoregallarate.it Scuola Secondaria di I grado PIANO ANNUALE DELL INCLUSIONE DEGLI ALUNNI CON

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI DISABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI DISABILI All.9 POF 2015-2016 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI DISABILI Il Protocollo di Accoglienza è il documento che predispone e organizza le modalità che l Istituto intende seguire relativamente all

Dettagli

PROTOCOLLO D'ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO

PROTOCOLLO D'ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO ITIS "LEONARDO DA VINCI" PISA a.s. 2012-2013 PROTOCOLLO D'ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO Sezioni del documento Finalità Piano Didattico Personalizzato Indicazioni per

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA Scuola Primaria Anno scolastico 2013/2014 Il Collegio dei Docenti della Scuola Primaria dell Istituto Comprensivo di Balangero condivide

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI FINALITÀ Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è una guida dettagliata d informazione riguardante l integrazione degli alunni

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Decreto N. 5669 IL MINISTRO VISTO VISTA VISTO VISTA VISTA l articolo 34 della Costituzione; la Legge 8 ottobre 2010, n. 170, recante Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito

Dettagli

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana. Collegio dei docenti. Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana. Collegio dei docenti. Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana Collegio dei docenti Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria Approvato nella seduta del Collegio del 17 gennaio 2013 Prima

Dettagli

Istituto Comprensivo Pio Fedi. Grotte S. Stefano-Viterbo PROTOCOLLO D ISTITUTO

Istituto Comprensivo Pio Fedi. Grotte S. Stefano-Viterbo PROTOCOLLO D ISTITUTO Istituto Comprensivo Pio Fedi Grotte S. Stefano-Viterbo PROTOCOLLO D ISTITUTO INTEGRAZIONE-INCLUSIONE ALUNNI DIVERSAMENTI ABILI Premessa Questo documento denominato PROTOCOLLO D'ISTITUTO: integrazioneinclusione

Dettagli

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA mediante momenti di raccordo pedagogico, curriculare e organizzativo fra i tre ordini di scuola, promuove la continuità del processo educativo, condizione essenziale per

Dettagli

Il consiglio di circolo o di istituto elabora e adotta gli indirizzi generali e determina le

Il consiglio di circolo o di istituto elabora e adotta gli indirizzi generali e determina le ATTO DI INDIRIZZO PREMESSA Il processo educativo nella scuola si costruisce in primo luogo nella comunicazione tra docente e studente e si arricchisce in virtù dello scambio con l'intera comunità che attorno

Dettagli

PROTOCOLLO PER L INCLUSIONE

PROTOCOLLO PER L INCLUSIONE DIREZIONE DIDATTICA PAOLO VETRI - RAGUSA PROTOCOLLO PER L INCLUSIONE degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Commissione Inclusione Alunni BES Gruppo di Lavoro per l Inclusione (GLI) Anno scolastico

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA. Progetto integrazione diversamente abili

ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA. Progetto integrazione diversamente abili ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA Progetto integrazione diversamente abili Anno scolastico 2010/2011 Istituto Cesare Arici - Via Trieste, 17-25121 - Brescia tel. 030.42432 fax 030.2400638

Dettagli

Protocollo HC. Protocollo Handicap. IO-06 Rev. 0 Pag. 1 di 4. Tipo documento: Istruzione Operativa Area Qualità. Copia controllata n.

Protocollo HC. Protocollo Handicap. IO-06 Rev. 0 Pag. 1 di 4. Tipo documento: Istruzione Operativa Area Qualità. Copia controllata n. Pag. 1 di 4 Protocollo HC Copia controllata n. 4 3 2 1 Rev. 0 DS/DIR RQA DS/DIR Funzione Redazione Verifica Approvazione 25/05/09 Pag. 2 di 4 Il protocollo rivolto agli alunni diversamente abili consente

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ALUNNI DSA

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ALUNNI DSA MOD. A04 Allegato n. 4 al P.O.F. PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ALUNNI DSA Punti del documento: - Dichiarazione d intenti - Premessa - Obiettivi - Procedure e Strategie - Soggetti coinvolti - Prassi condivise.

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE GUIDO CAVALCANTI SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI Via G. Guerrazzi 178, 50019 Sesto Fiorentino (FI) Tel 055/4210541/2 FAX 055/4200419 E-mail: fimm495000x@istruzione.it Sito Web: www.scuolacavalcanti.gov.it

Dettagli

A cura degli insegnanti di sostegno Dell Istituto Comprensivo L. Belludi di Piazzola sul Brenta

A cura degli insegnanti di sostegno Dell Istituto Comprensivo L. Belludi di Piazzola sul Brenta A cura degli insegnanti di sostegno Dell Istituto Comprensivo L. Belludi di Piazzola sul Brenta Accoglienza come riconoscimento delle diverse abilità Accogliere è riconoscere le persone nella loro completezza,

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA Allegato 4 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA IL protocollo d accoglienza è un documento deliberato dal Collegio Docenti che contiene principi, indicazioni riguardanti l iscrizione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L importanza di un protocollo di accoglienza L adozione di un Protocollo di Accoglienza consente di attuare in modo operativo le indicazioni stabilite

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO II ISTITUTO COMPRENSIVO

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO II ISTITUTO COMPRENSIVO MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO II ISTITUTO COMPRENSIVO (Scuola Infanzia - Primaria- Secondaria 1 Grado) Via A. BARTOLI, 53-03013 FERENTINO

Dettagli

Breve excursus sulle leggi relative all integrazione scolastica degli alunni disabili

Breve excursus sulle leggi relative all integrazione scolastica degli alunni disabili INCLUSIVITÀ a Integrazione del disagio Breve excursus sulle leggi relative all integrazione scolastica degli alunni disabili Il POF d istituto riconosce pienamente il modello d istruzione italiano in termini

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA U FFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA L'inserimento delle/degli studenti diversamente abili nelle classi è finalizzato alla piena integrazione di

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione

Piano Annuale per l Inclusione Scuola _I.C. NOLE CAN.SE (TO) a.s._2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge 104/92

Dettagli

Prot. n. 3389/B4 Cattolica Eraclea, lì 21/09/2015

Prot. n. 3389/B4 Cattolica Eraclea, lì 21/09/2015 Istituto Comprensivo di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado EZIO CONTINO Largo Pertini -92011 Cattolica Eraclea (AG) Tel.0922 849242 fax 0922 840344 E-mail agic80700p@istruzione.it

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA Alunni disabili

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA Alunni disabili PROTOCOLLO ACCOGLIENZA Alunni disabili Finalità Questo documento contiene informazioni, principi, criteri ed indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche per l inclusione degli alunni disabili, definisce

Dettagli

PROGETTO "Diversità e inclusione"

PROGETTO Diversità e inclusione MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO CERVARO Corso della Repubblica, 23 (Fr) Tel. 0776/367013 - Fax 0776366759 - e-mail:fric843003@istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI di Castelfranco Emilia - Mo Via Guglielmo Marconi, 1 Tel 059 926254 - fax 059 926148 email: MOIC825001@istruzione.it Prot. n. NOTE ORGANIZZATIVE PER UNA CORRETTA GESTIONE

Dettagli

Protocollo accoglienza alunni BES-DSA

Protocollo accoglienza alunni BES-DSA Protocollo accoglienza alunni BES-DSA Accogliere gli alunni con BES o DSA significa fare in modo che essi siano parte integrante del contesto scolastico assieme agli altri alunni; significa assicurare

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA. PER ALUNNI DISABILI e REGOLAMENTO GLH. dell'i.c.di Belgioioso

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA. PER ALUNNI DISABILI e REGOLAMENTO GLH. dell'i.c.di Belgioioso 11/11/12 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILI e REGOLAMENTO GLH dell'i.c.di Belgioioso 1 FINALITA Il presente documento contiene criteri, principi e indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche

Dettagli

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado Classe: Sezione: Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado PROGETTAZIONE CURRICOLARE Approvazione del Consiglio di Classe in data: Coordinatore:Prof.

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PIAZZA S. COLOMBANO, 5 29022 BOBBIO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI Anche un lungo cammino comincia con un piccolo

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

Il Collegio dei Docenti delibera

Il Collegio dei Docenti delibera Il Collegio dei Docenti delibera MODALITÀ E CRITERI DI VALUTAZIONE ai sensi dell art. 1, comma 5, del DPR 122 /2009: Il collegio dei docenti definisce modalità e criteri per assicurare omogeneità, equità

Dettagli

PIANO DI LAVORO della FUNZIONE STRUMENTALE AREA 6: INCLUSIONE, INTEGRAZIONE, DISAGIO GIOVANILE. Prof. Federico VILARDO

PIANO DI LAVORO della FUNZIONE STRUMENTALE AREA 6: INCLUSIONE, INTEGRAZIONE, DISAGIO GIOVANILE. Prof. Federico VILARDO PIANO DI LAVORO della FUNZIONE STRUMENTALE AREA 6: INCLUSIONE, INTEGRAZIONE, DISAGIO GIOVANILE Prof. Federico VILARDO La Funzione Strumentale Area 6 si pone come OBIETTIVO GENERALE quello di migliorare

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO N. 1 DI BOLOGNA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO N. 1 DI BOLOGNA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO N. 1 DI BOLOGNA Anno scolastico 2014-2015 LE NOSTRE SCUOLE scuola dell infanzia FUTURA scuola primaria GIOVANNI XXIII scuola secondaria 1^ grado GIUSEPPE

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ED INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ED INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ED INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Finalità Questo documento contiene informazioni, principi, criteri ed indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche per l inclusione

Dettagli

5.3. INCARICHI E COMMISSIONI SCOLASTICHE INCARICHI

5.3. INCARICHI E COMMISSIONI SCOLASTICHE INCARICHI 5.3. INCARICHI E COMMISSIONI SCOLASTICHE INCARICHI FUNZIONI STRUMENTALI: Sono funzioni strategiche nell organizzazione della scuola autonoma, che vengono assunte da docenti incaricati i quali, oltre alla

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione

Ministero della Pubblica Istruzione ALLEGATO 3 SCHEDA DI AUTOANALISI: SIAMO UNA SCUOLA INCLUSIVA? Contesto: CLASSE Azioni : DIDATTICA Esperienze/oggetti : STRATEGIE INTEGRANTI E RELAZIONI D AIUTO Quali attività/esperienze servono a favorire

Dettagli

PIANO PROGRAMMATICO per l anno scolastico 2015/2016. Bisogni. Curare la qualità dell ambiente di apprendimento favorendo l inclusione

PIANO PROGRAMMATICO per l anno scolastico 2015/2016. Bisogni. Curare la qualità dell ambiente di apprendimento favorendo l inclusione PIANO PROGRAMMATICO per l anno scolastico 2015/2016 Bisogni 1 Curare la qualità dell ambiente di apprendimento favorendo l inclusione 4 Riflettere sugli esiti degli apprendimenti, sulla valutazione e certificazione

Dettagli

DOCUMENTO DI LINEE D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO A.S.

DOCUMENTO DI LINEE D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO A.S. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I.C. NUOVO PONTE DI NONA - VIA GASTINELLI N. 58-00132 ROMA TEL. 06/22180417- fax: 06/22188121 C.M.RMIC8CR006

Dettagli

alunni stranieri speciali sostegni servizi al suo interno laboratori didattici Situazione della scuola 3 Finalità del progetto 4.

alunni stranieri speciali sostegni servizi al suo interno laboratori didattici Situazione della scuola 3 Finalità del progetto 4. Istituto Omnicomprensivo Statale Beato Simone Fidati Scuola d Infanzia, Primaria, Secondaria primo grado e Secondaria Superiore (IPSIA) Località La Stella - 06043 Cascia (PG) 074376203 0743751017 074376180

Dettagli

VADEMECUM PER ESAMI DI STATO ALUNNI DSA

VADEMECUM PER ESAMI DI STATO ALUNNI DSA I.I.S.S. Maxwell - Settembrini Milano VADEMECUM PER ESAMI DI STATO ALUNNI DSA Sommario 1. Indicazioni generali per Coordinatori di classe e Docenti 2. Normativa esami di Stato alunni DSA D.P.R. 22 giugno

Dettagli

I BISOGNI DEL BAMBINO CON DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO.

I BISOGNI DEL BAMBINO CON DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO. I BISOGNI DEL BAMBINO CON DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO. Dott.ssa Cinzia De Cicco, Pedagogista Clinico Esperta in Disturbi dell Apprendimento Presidente Provinciale Associazione Italiana Dislessia

Dettagli

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 1 via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA CHE COS E IL

Dettagli

A livello generale, in base alla Normativa di riferimento, la valutazione degli alunni BES deve:

A livello generale, in base alla Normativa di riferimento, la valutazione degli alunni BES deve: ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI QUINTO DI TREVISO SCUOLA PRIMARIA e SECONDARIA di I GRADO Via Donatori del Sangue, 1-31055 Quinto di Treviso - Tel. 0422/379357 - Fax 0422/479476 e-mail: segreteria@icquintotv.gov.

Dettagli

Atto di indirizzo Docenti di sostegno 5 Circolo Didattico E. De Amicis, Livorno

Atto di indirizzo Docenti di sostegno 5 Circolo Didattico E. De Amicis, Livorno ACCOGLIENZA DELL INSEGNANTE DI SOSTEGNO TITOLARITA ASSEGNAZIONE all alunno e alla classe ORARIO SERVIZIO L insegnante di sostegno sarà accolto dal Dirigente Scolastico e dalla Funzione Strumentale per

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale ADELAIDE RISTORI Via L. D Alagno, 16-80138 Napoli

Istituto Comprensivo Statale ADELAIDE RISTORI Via L. D Alagno, 16-80138 Napoli Prot.2429/O Napoli 28.09.2015 Al Collegio Docenti Alla DSGA All Albo AL SITO WEB IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTI il D.P.R. n.297/94 ; il D.P.R. n. 275/99; il D.P.R. 20 MARZO 2009, N.89, recante Revisione

Dettagli

Scuola I.C. UBALDO FERRARI CASTELVERDE a. s. 2014-2015. Piano Annuale per l Inclusione

Scuola I.C. UBALDO FERRARI CASTELVERDE a. s. 2014-2015. Piano Annuale per l Inclusione Scuola I.C. UBALDO FERRARI CASTELVERDE a. s. 2014-2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado

ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado Piano Annuale per l Inclusività A.S. 2013/14 L I.C. Tivoli 2 A.Baccelli pone particolare attenzione

Dettagli

Questo documento è uno strumento a disposizione degli insegnanti di sostegno e dei docenti curricolari.

Questo documento è uno strumento a disposizione degli insegnanti di sostegno e dei docenti curricolari. H A N D I C A P E S C U O L A Questo documento è uno strumento a disposizione degli insegnanti di sostegno e dei docenti curricolari. L INTEGRAZIONE DELLE PERSONE IN SITUAZIONE DI HANDICAP L art. 3 della

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI

ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI Anche un lungo cammino comincia con un piccolo passo PREMESSA Questo documento denominato

Dettagli

INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) PRESSO L ISTITUTO

INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) PRESSO L ISTITUTO Referente alla Disabilità Prof. ssa Nardiello Paola Referente BES (bisogni educativi speciali) Prof. ssa Cappello Monica Anna INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) PRESSO

Dettagli

SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO

SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO MINISTERO ISTRUZIONE UNIVERSITÀ RICERCA DIREZIONE REGIONALE TOSCANA UFFICIO TERRITORIALE DI AREZZO ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MATERNA ELEMENTARE MEDIA DI CIVITELLA IN VAL DI CHIANA INFORMAZIONI ESSENZIALI

Dettagli

I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca

I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca ANALISI ESPERIENZE PREGRESSE (da compilare on line entro il 30 marzo 2008) I CARE Imparare Comunicare Agire

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

Istituto Comprensivo Via F. BORROMEO VIA F. BORROMEO, 53/57-00168 ROMA TEL./FAX 066281239-066145764. E-Mail: dd25aprile.137circol@libero.

Istituto Comprensivo Via F. BORROMEO VIA F. BORROMEO, 53/57-00168 ROMA TEL./FAX 066281239-066145764. E-Mail: dd25aprile.137circol@libero. Istituto Comprensivo Via F. BORROMEO VIA F. BORROMEO, 53/57-00168 ROMA TEL./FAX 066281239-066145764 E-Mail: dd25aprile.137circol@libero.it Progetto a.s.2013/2014 Funzioni Strumentali Area 3 CONTINUITA

Dettagli

PROGETTAZIONE INCLUSIVA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROGETTAZIONE INCLUSIVA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PROGETTAZIONE INCLUSIVA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI 1 FINALITA Questo documento denominato PROGETTAZIONE INCLUSIVA è una guida d informazione riguardante l accoglienza, l integrazione e l inclusione

Dettagli

5.2. DESCRIZIONE DEGLI ORGANISMI COLLEGIALI

5.2. DESCRIZIONE DEGLI ORGANISMI COLLEGIALI 5.2. DESCRIZIONE DEGLI ORGANISMI COLLEGIALI Famiglia e scuola devono collaborare per favorire insieme il processo di educazione dei ragazzi, nel reciproco rispetto di ruoli e compiti. La scuola non può

Dettagli

Piano Offerta Formativa

Piano Offerta Formativa Piano Offerta Formativa ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via Venezia,15 San Giovanni Teatino Chieti I plessi Scuola dell'infanzia Dragonara Scuola

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR)

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR) Prot. n. 4723/A01 Cassino 19 settembre2015 Ai docenti dell istituto comprensivo Loro sedi Atti Oggetto: indicazioni e chiarimenti in merito al POF 2015/16 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Vista la L. n.107/2015

Dettagli

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità Istituto Comprensivo Statale Lorenzo Bartolini di Vaiano Piano dell Offerta Formativa Scheda di progetto Progetto 5 Formazione, discipline e continuità I momenti dedicati all aggiornamento e all autoaggiornamento

Dettagli

PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA ED INCLUSIONE DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA ED INCLUSIONE DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA ED INCLUSIONE DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Fondamenti legislativi L art. 3 della legge quadro (L. 104/92) stabilisce che disabile è: "colui che presenta una minorazione

Dettagli

VALUTAZIONE scuola primaria valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni

VALUTAZIONE scuola primaria valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni VALUTAZIONE In base all art. 3 del decreto legge del 30 ottobre 2008, n.169, dall'anno scolastico 2008/09, nella scuola primaria la valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni è espressa

Dettagli

Via Sismondi, 17 - tel. 0572 476298 51017 Pescia (PT)

Via Sismondi, 17 - tel. 0572 476298 51017 Pescia (PT) Via Sismondi, 17 - tel. 0572 476298 51017 Pescia (PT) La Scuola Primaria di Valchiusa è situata in una zona verdeggiante meglio conosciuta come Valchiusa e occupa parte della sede centrale dell Istituto

Dettagli

A. MORO CERRO AL LAMBRO

A. MORO CERRO AL LAMBRO ISTITUTO COMPRENSIVO P. FRISI MELEGNANO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO A. MORO CERRO AL LAMBRO Iscrizioni a.s. 2015/2016 1 La proposta didattica e formativa della Scuola Secondaria di Primo Grado per le

Dettagli

(Collegio Docenti del / /2012)

(Collegio Docenti del / /2012) Codice Fiscale: 80014050357 CM: CMRETD02000L Vìa Prati, 2 42015 Correggio (RE) Tel. 0522 693271 Fax 0522 632119 Sito Web: www.einaudicorreggio.gov.it e mail: info@einaudicorreggio.gov.it e mail certificata:

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA

LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA L ISCRIZIONE Le iscrizioni dei minori stranieri, indipendentemente dalla regolarità

Dettagli

a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga,

a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga, PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga, fertile in avventure e in esperienze.... Sempre devi avere in mente Itaca raggiungerla

Dettagli

Prot.n.2638 Palau 7 Ottobre 2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E P.C. AL CONSIGLIO D ISTITUTO AI GENITORI AL PERSONALE ATA ATTI ALBO

Prot.n.2638 Palau 7 Ottobre 2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E P.C. AL CONSIGLIO D ISTITUTO AI GENITORI AL PERSONALE ATA ATTI ALBO M.I.U.R. UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA ISTITUTO COMPRENSIVO Anna Compagnone SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA 1 GRADO Via del Faro N 1 0 7 0 2 0 P A L A U Tel. 0789-70 95 40 fax

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI BELGIOIOSO PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI CON DSA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI BELGIOIOSO PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI CON DSA ISTITUTO COMPRENSIVO DI BELGIOIOSO PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI CON DSA Raramente il destino degli individui è determinato da ciò che essi NON sono in grado di fare. E molto più probabile che

Dettagli

1. LINEE D INDIRIZZO

1. LINEE D INDIRIZZO Liceo Scientifico Statale Giovanni Marinelli Viale Leonardo da Vinci, 4-33100 UDINE tel. 0432/46938 - fax 0432/471803 - C.F. 80006880308 anno scolastico 2015/16 1. LINEE D INDIRIZZO 1.1 Indirizzi generali

Dettagli

Protocollo per l accoglienza alle scuole dell infanzia dell I.C. di Bariano ( Criteri e punteggi per la compilazione delle liste d attesa )

Protocollo per l accoglienza alle scuole dell infanzia dell I.C. di Bariano ( Criteri e punteggi per la compilazione delle liste d attesa ) APPENDICE E Protocollo per l accoglienza alle scuole dell infanzia dell I.C. di Bariano ( Criteri e punteggi per la compilazione delle liste d attesa ) NORME GENERALI Le iscrizioni alle scuole dell infanzia

Dettagli

All'albo della scuola e sul sito web

All'albo della scuola e sul sito web Prot. n. 4684 Roma, 28 settembre 2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E p.c. Al Consiglio d istituto Alle famiglie Agli alunni Al personale ATA All'albo della scuola e sul sito web OGGETTO: ATTO DI INDIRIZZO DEL

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA STESURA DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PER IL TRIENNIO 2016/2019

LINEE DI INDIRIZZO PER LA STESURA DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PER IL TRIENNIO 2016/2019 I.C. 6 QUASIMODO DICEARCHIA 80078 POZZUOLI (NA)-Via Caio Vestorio,3 Tel e Fax 081/8042620 Cod. Fisc. 96029330634 Cod.Mecc. NAIC8DY002 http://www.ic6quasimododicearchia.gov.it e-mail: NAIC8DY002@istruzione.it

Dettagli

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596 Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596 Piano Annuale per l Inclusione 2015/16 1. FINALITA GENERALE E NORMATIVA DI RIFERIMENTO Legge 104/92 Legge

Dettagli

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE CURRICOLO Il Curricolo è il complesso organizzato delle esperienze di apprendimento che una scuola intenzionalmente progetta e realizza per gli alunni al fine di conseguire le mete formative desiderate.

Dettagli

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe:

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe: Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016 Consiglio della Classe Sez. Indirizzo Scenografia Coordinatore: Data di approvazione: Docenti: Disciplina:

Dettagli

PRINCIPI GENERALI PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PRINCIPI GENERALI PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ALL ISC 05 Ed 1 -Rev 1 del 08/2011 SISTEMA DI GESTIONE QUALITÀ CERTIFICATO N 5705/0 SECONDO LA NORMA ISO 9001:2008 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA- INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI E SEDI ASSOCIATE Il

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Ponte (Bn) Scuola dell Infanzia Primaria Secondaria primo grado con sezioni associate Comuni di Paupisi e Torrecuso

Istituto Comprensivo Statale Ponte (Bn) Scuola dell Infanzia Primaria Secondaria primo grado con sezioni associate Comuni di Paupisi e Torrecuso Prot.n. 2099/B24 Ponte, 30/05/2016 A tutti i docenti dell I.C. Ponte Al D.S.G.A. e al personale A.T.A. Atti Albo plessi Sito web Oggetto: Adempimenti di fine anno scolastico 2015/16 Con la presente, si

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E ACCOMPAGNAMENTO PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E ACCOMPAGNAMENTO PER ALUNNI STRANIERI ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G. L. LAGRANGE Sezioni associate ITI G.L. LAGRANGE - IPSAR G. BRERA Via A. Litta Modignani, 65-20161 MILANO Tel. 02 66222804/54 Fax 02 66222266 PROTOCOLLO DI

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO COORDINATO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

Scuola I. I. S P. Artusi FORLIMPOPOLI a.s. 2014/2015. Piano Annuale per l Inclusione

Scuola I. I. S P. Artusi FORLIMPOPOLI a.s. 2014/2015. Piano Annuale per l Inclusione Scuola I. I. S P. Artusi FORLIMPOPOLI a.s. 2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge

Dettagli

www.iscrizioni.istruzione.it

www.iscrizioni.istruzione.it ISTITUTO COMPRENSIVO VITTORIO VENETO I DA PONTE SCUOLA DELL INFANZIA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO Via Stadio, 5 31029 Vittorio Veneto (TV) Segreteria: tel. 0438/57587 fax 0438/53278 E-mail: TVIC859007@istruzione.it

Dettagli

Partecipare all organizzazione di convegni ed eventi

Partecipare all organizzazione di convegni ed eventi Area di Riferimento 1 Gestione POF Riscrittura del POF alla luce delle innovazioni normative e dei bisogni formativi attuali, sia interni che del territorio Monitoraggio in itinere dell attuazione del

Dettagli

HANDICAP E INTEGRAZIONE

HANDICAP E INTEGRAZIONE HANDICAP E INTEGRAZIONE Inserimento ed Integrazione degli alunni diversamente abili L integrazione degli alunni diversamente abili costituisce, per la nostra scuola, un impegno fondamentale che si ispira

Dettagli

VALUTAZIONE FORMATIVA

VALUTAZIONE FORMATIVA VALUTAZIONE FORMATIVA SETTEMBRE PROVE DI INGRESSO Le prove d ingresso, mirate e funzionali, saranno comuni a tutte le classi prime della scuola secondaria di primo grado dell Istituto Comprensivo e correlate

Dettagli

Oggetto: Iscrizioni anno scolastico 2015/2016.

Oggetto: Iscrizioni anno scolastico 2015/2016. Prot. n. 7/A02a Reggio Calabria,02/01/2015 p.c. Ai Sigg. Genitori Alle Studentesse e agli Studenti Ai Sigg. Docenti All Albo Circolare n.154 Oggetto: Iscrizioni anno scolastico 2015/2016. Si comunica che,

Dettagli

SCHEDA DI PROGETTO. INCLUSIONE : Per tutti e per ciascuno

SCHEDA DI PROGETTO. INCLUSIONE : Per tutti e per ciascuno SCHEDA DI PROGETTO INCLUSIONE : Per tutti e per ciascuno Denominazione progetto Priorità cui si riferisce Per tutti e per ciascuno La difficoltà dichiarata anche nel RAV - che la scuola vive nel realizzare

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO

ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO Ogni docente è libero di attuare le pratiche educative che ritiene più efficaci. Le lezioni si svolgono alternando metodologie didattiche tradizionali come lezione frontale, a

Dettagli

Legge n. 170 del 08-10-2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (GU n.

Legge n. 170 del 08-10-2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (GU n. Legge n. 170 del 08-10-2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (GU n. 244 del 18-10- 2010 ). La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

I.C. Paolo Stefanelli

I.C. Paolo Stefanelli I.C. Paolo Stefanelli VADEMECUM DSA ( in ottemperanza delle leggi e direttive vigenti) ( referente DSA Pompei Claudia) a.s.2014/15 1) La diagnosi dei DSA... e' comunicata dalla famiglia alla scuola ( L

Dettagli

INDICAZIONI PER IL CONSIGLIO DI CLASSE E L'INSEGNANTE DI SOSTEGNO

INDICAZIONI PER IL CONSIGLIO DI CLASSE E L'INSEGNANTE DI SOSTEGNO INDICAZIONI PER IL CONSIGLIO DI CLASSE E L'INSEGNANTE DI SOSTEGNO SCOPO Definire le attività, le responsabilità, le modalità, i tempi, la documentazione alla quale i docenti di sostegno devono attenersi.

Dettagli

Prot.n. 30 Milano, 7 gennaio 2014 Circ.n. 162/Doc Ai Coordinatori di classe Ai Docenti

Prot.n. 30 Milano, 7 gennaio 2014 Circ.n. 162/Doc Ai Coordinatori di classe Ai Docenti Prot.n. 30 Milano, 7 gennaio 2014 Circ.n. 162/Doc Ai Coordinatori di classe Ai Docenti OGGETTO: Scrutini: indicazioni per le attività di recupero e per la valutazione del comportamento degli alunni Attività

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale G.Rodari Via Aquileia, 1 20021 Baranzate (MI) Tel/fax 02-3561839 Cod. Fiscale 80126410150 Cod. meccanografico MIIC8A900C

Dettagli