Istituto Comprensivo di Quinto di Treviso. Piano dell offerta formativa A.S

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Istituto Comprensivo di Quinto di Treviso. Piano dell offerta formativa A.S. 2013-2014"

Transcript

1 Istituto Comprensivo di Quinto di Treviso Via Donatori di Sangue, Quinto di Treviso (TV) Tel Fax Sito internet: Piano dell offerta formativa A.S Il Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) ha lo scopo di delineare in modo esplicito e trasparente la programmazione educativa, didattica ed organizzativa che l Istituto Comprensivo di Quinto di Treviso adotta nell ambito dell autonomia. INDICE 1

2 - Analisi del contesto - Principi fondamentali - Finalità educative e didattiche - Il clima di classe - Programmazione - Il progetto educativo-formativo - Il curricolo scolastico - Il curricolo dell Istituto comprensivo di Quinto (Scuola Primaria e Scuola Secondaria) - Valutazione degli apprendimenti - Valutazione del comportamento - Certificazione delle competenze - I rapporti scuola-famiglia - Il patto di corresponsabilità - Organizzazione dell impegno didattico (Scuola Primaria e Scuola Secondaria) - L organizzazione oraria delle attività didattiche - Iniziative per promuovere l accoglienza - La continuità - Le funzioni strumentali: Gestione e revisione del P.O.F. e dei progetti d Istituto Orientamento scolastico Attività per prevenire e superare lo svantaggio Integrazione degli alunni con disabilità (legge 104) Diritto allo studio per alunni con DSA (legge 170) Alunni con bisogni educativi speciali (B.E.S.) Integrazione alunni con cittadinanza non italiana Il sito web Attività teatrale Attività didattico-scientifica - Selezione e valutazione dei progetti - Iscrizioni - Indirizzo musicale (Scuola Secondaria Ciardi ) - Criteri per l utilizzo delle risorse finanziarie assegnate all Istituto dallo Stato e per il reperimento di ulteriori risorse - Organizzazione dell Istituto Comprensivo di Quinto di Treviso Le relazioni ed i progetti con il territorio - Progetto Pedibus - Attività extracurricolari e collaborazione con le Reti - Valutazione ed autovalutazione d Istituto - Aggiornamento e formazione 2

3 Analisi di contesto Ambiente L istituto Comprensivo di Quinto di Treviso, in provincia di Treviso, compone plessi scolastici distribuiti in due realtà comunali viciniori, Quinto di Treviso, con la frazione di S. Cristina, dove sono ubicati 4 plessi (3 di scuola primaria e uno di scuola secondaria di primo grado sede centrale) e Morgano, dove sono ubicati due plessi di scuola primaria e una di scuola secondaria di primo grado, per un totale di 7 plessi (5 scuole primarie, due secondarie di primo grado). QUINTO Superficie 19,04 km² Densità 509,23 ab./km La popolazione di quinto raggiunge nel abitanti con un tred di crescita con un tasso di natalità pressoché costante attorno al 9,2%. L aumento della popolazione è dovuto in modo particolare all aumento delle famiglie straniere residenti. La fascia più consistente della popolazione (67,4%) è rappresentata dalla fascia di età dai 15 ai 65 anni. Gli stranieri residenti a Quinto di Treviso al 1 gennaio 2011 sono e rappresentano l'11,7% della popolazione residente, la percentuale di stranieri nella popolazione scolastica è del 17%. Nella popolazione il 54% è di origine europea, il 27% africana, il 15,8% asiatica, il 2,8% delle americhe. La comunità straniera più numerosa è quella proveniente dall'albania con il 12,6% di tutti gli stranieri presenti sul territorio, seguita dalla Repubblica di Serbia (12,0%) e dalla Romania (9,0%). Nella distribuzione della popolazione straniera per fasce di età si osserva che i bambine fra 0 e 4 anni rappresentano l 11,1 % della popolazione in aumento rispetto agli alunni tra i 5 e 14 anni. Ciò a significare un progressivo aumento degli alunni stranieri in ingresso alla scuola primaria nei prossimi anni. Il reddito medio della popolazione è euro (dati tratti da Comuni Italiani.it) Considerando la popolazione suddivisa per età scolastica si osserva come pur oscillando la popolazione fra un minimo di 89 e un massimo di 109 unità per l anno scolastico vi sarà un incremento del nunero di alunni che entreranno in classe prima (101) rispetto al prossimo anno scolastico Età Maschi Femmine Totale

4 MORGANO Superficie 11,76 km² Densità 372,07 ab./km² La popolazione di Morgano raggiunge nel abitanti con un tred di crescita con un tasso di natalità pressoché costante attorno al 16.6%. L aumento della popolazione è dovuto in modo particolare all aumento delle famiglie straniere residenti e alle scelte urbanistiche effettuate. La fascia più consistente della popolazione (68,7%) è rappresentata dalla fascia di età dai 15 ai 65 anni. Gli stranieri residenti a Morgano al 1 gennaio 2011 sono 241 e rappresentano il 5,5% della popolazione residente, inferiore a quella del comune di Quinto di Treviso. Nella popolazione il 61.8% è di origine europea, il 21,6% africana, il 26,1% asiatica, il 4,6% delle americhe. La comunità straniera più numerosa è quella proveniente dall'albania con il 25,3% di tutti gli stranieri presenti sul territorio, seguita dalla Romania (16,6%) e dal Marocco (14,9%). Nella distribuzione della popolazione straniera per fasce di età si osserva che i bambine fra 0 e 4 anni rappresentano il 7,9% della popolazione in aumento rispetto agli alunni tra i 5 e 14 anni. Ciò a significare un progressivo aumento degli alunni stranieri in ingresso alla scuola primaria nei prossimi anni. Nell ultimo triennio (fascicolo scuola in chiaro) contrariamente a quanto previsto gli iscritti in classe prima primaria sono diminuiti da 159 a 137. Il reddito medio della popolazione è euro, analogo a quello del comune di Quinto. (dati tratti da Comuni Italiani.it) Da quanto esposto si comprende come l Istituto Comprensivo serva un bacino di utenza che si estende per oltre 30 km². Questa ampia distribuzione geografica dei vari plessi incide nell organizzazione dei servizi e dell offerta formativa. Per quanto riguarda i servizi è necessario infatti prevedere un sistema efficiente di trasporto scolastico integrato fra i due comuni. E di difficile realizzazione, per la dispersione territoriale,un sistemi di accompagnamento come il pedibus che funziona molto bene nei centri urbani. Questa caratteristica territoriale ha delle conseguenze anche relative all offerta formativa perché risulta difficile organizzare attività extracurricolari se non sono coperte da trasporto scolastico. In modo particolare è difficile organizzare corsi di recupero, di prima alfabetizzazione, o di italiano lingua due in orario pomeridiano perché gli alunni non posso disporre di trasporto per ritornare a casa. La vocazione territoriale è prevalentemente agricola e il livello socio economico e culturale medio-basso. (dati invalsi). Indicatori disponibili: - Superficie - Densità abitativa - Popolazione - Tasso natività - % stranieri - % di distribuzione stranieri per aree di provenienza - Reddito medio - Numero di alunni suddivisi per età anagrafica Dati disponibili: dati ISTAT presentati N.B. (dati scuola in chiaro) vi è una distribuzione non omogenea degli alunni stranieri fra i plessi. Tale differenza per il comune di Morgano si spiega con la minor % di stranieri presenti nel territorio; per la zona di quinto la frazione di S. Cristina presenta una minor presenza di stranieri che si concentrano nei due plessi, Marconi e PioX con una percentuale più alta di alunni stranieri in quest ultimo plesso. La percentuale di alunni stranieri nel plesso Pio X in classe in classe terza rappresenta il 46,7 %. 4

5 In questo contesto la scuola, nel rispetto e nella distinzione dei ruoli, è chiamata per il suo compito formativo a collaborare e ad interagire con le famiglie nella loro azione educativa, garantendo nello stesso tempo l acquisizione di conoscenze, di abilità e di competenze capaci di permettere un progressivo miglioramento individuale, necessario per orientare scelte responsabili. La rapidità e la complessità dei cambiamenti sociali, economici ed organizzativi che caratterizzano anche il nostro territorio definiscono nuovi bisogni ed aspettative molto differenziati. Per questo, alla scuola dell autonomia, vengono attribuiti un significato ed un ruolo particolarmente impegnativi. I principi fondamentali Uguaglianza Imparzialità Integrazione Accoglienza Formazione integrale della persona Valorizzazione delle diversità Trasparenza e partecipazione Efficacia ed efficienza Diritto di scelta Libertà d insegnamento e di formazione del personale Finalità educative e didattiche L Istituto Comprensivo di Quinto di Treviso ha individuato le seguenti finalità educative e didattiche: favorire la conoscenza di sé educare alla convivenza nel rispetto delle regole favorire un clima di classe positivo e la comunicazione tra studenti e docenti promuovere l integrazione tra tutti gli alunni educare alla collaborazione insegnare le abilità di base motivare allo studio favorire l acquisizione di strategie di studio favorire l apprendimento dei contenuti favorire la creatività favorire la capacità di riflessione, di analisi e di confronto favorire la conoscenza della propria e delle altrui culture educare all autovalutazione. 5

6 Il clima di Classe e d Istituto Il valore fondamentale che caratterizza e connota il Progetto Educativo è l attenzione costante alla qualità delle relazioni interpersonali. L ascolto, il dialogo, il rispetto e la valorizzazione di ognuno sono presupposti indispensabili per il riconoscimento dell identità personale, utili a promuovere motivazione e a realizzare comportamenti socialmente corretti improntati alla collaborazione e alla responsabilità. Il quotidiano rapporto con gli alunni impegna ogni insegnante a dare forma, significato ed intelligenza all agire rispettando le scelte condivise, ma adeguando il proprio intervento alla classe ed all allievo, alla sua individualità ed alle sue specificità, per un progresso continuo (significatività dei saperi, modelli di lezione, modelli e tempi di apprendimento). Programmazione Le esigenze formative fanno riferimento alla necessità di: integrare il curricolo tradizionale con attività anche a carattere opzionale che promuovano la pratica di linguaggi diversificati; disporre di momenti adeguati e di spazi idonei (dove possibile) da dedicare all attività fisica, motoria e sportiva; disporre di momenti specifici per l attività individualizzata e di recupero (compatibilmente con le risorse); disporre di momenti per un primo approccio alle tecnologie informatiche; sviluppare rapporti e relazioni interpersonali adeguate. Per attuare quanto sopra descritto gli insegnanti della Scuola Primaria programmano con cadenza di norma settimanale. La programmazione coinvolge le équipe dei docenti a diversi livelli (classe, classi parallele, raggruppamenti per disciplina, ecc.) per uniformare modalità e strumenti della programmazione/valutazione. Nella Scuola Secondaria di Primo Grado la programmazione viene concordata dai docenti nei consigli di classe di ottobre. Nel corso dell anno sono previsti momenti di confronto e verifica collegiali. 6

7 Il progetto educativo-formativo Al fine di perseguire il successo formativo in modo organico e coerente, tutti gli insegnanti dell Istituto hanno approvato un documento comune in cui sono formalizzate le linee d indirizzo di riferimento. Le finalità di tale progetto riguardano la sfera personale, etico-sociale e culturale degli studenti; pertanto, sono state fissate competenze educative e cognitive di tipo trasversale, raggiungibili mediante il concorso di tutte le discipline. Per promuovere lo sviluppo di un identità personale consapevole ed autonoma sono stati individuati e resi espliciti gli elementi fondamentali per un indirizzo comune. Le premesse pedagogico-didattiche che il nostro Istituto pone alla base del Progetto di lavoro comune sono: opportunità, per ognuno, di un progresso personale in relazione alle capacità, alla motivazione ed all impegno e garanzia, per tutti, di un sufficiente livello di cultura generale; attenzione al processo di apprendimento, nonché alla scelta delle modalità di lezione e dei contenuti, in funzione delle competenze e delle abilità da raggiungere; stimolo continuo all autovalutazione dello studente, per creare progettualità e consapevolezza del processo di lavoro e senso di responsabilità personale; educazione alla comprensione dei problemi personali, di quelli locali e generali rivolta a costruire una nuova cultura della cittadinanza responsabile; attenzione al rapporto tra scuola e territorio, perché tale sensibilità entri quale valore significativo nella vita quotidiana della famiglia e nella cultura locale, attraverso tutte le occasioni che possono concorrere all educazione del singolo e della collettività; stabilire a scuola ed in classe un clima sereno e rispettoso, collaborativo ed utile alla crescita personale e culturale dello studente. 7

8 Il progetto educativo-formativo Promozione dello sviluppo di un identità personale consapevole ed autonoma ALLEGATO N. 1 Programmazione educativa 8

9 Il Curricolo Scolastico Il curricolo scolastico si sviluppa nei curricolo verticale elaborato dal Collegio dei Docenti tenendo conto delle Indicazioni Nazionali e delle particolari esigenze delle classi di raccordo. Esso si esprime attraverso le attività didattiche e progetti specifici. Il curricolo d Istituto rappresenta il punto di riferimento della programmazione di ogni docente, nel rispetto della libertà di scelta metodologica sancita dalla Costituzione. Ogni docente ha perciò la facoltà di raggiungere i traguardi e gli obiettivi definiti dal curricolo verticale scegliendo gli strumenti metodologici e didattici più adatti alle varie situazioni, specificando e motivando le scelte operate. Il curricolo viene elaborato dal Collegio Docenti articolato in dipartimenti sulla base delle indicazioni provenienti dalla tradizione pluriennale della Scuola primaria e di quella Secondaria di I^ Grado, per le quali il punto di riferimento fondamentale è costituito dalle Indicazioni Nazionali per la Scuola dell Infanzia e del I^ ciclo e dal Regolamento del 16 novembre Il Collegio dei Docenti ha provveduto ad evidenziare e a potenziare gli elementi di connessione tra le classi di raccordo (ultimo anno della Scuola Primaria primo anno della Scuola Secondaria) e a meglio articolare in senso verticale l evoluzione di strumenti, concetti e contenuti, la cui acquisizione è in ogni caso prescritta, a livelli diversi di approfondimento. Il lavoro di sviluppo verticale del curricolo prevede in particolare una migliore progressione dei contenuti e punta sull acquisizione di competenze più approfondite da parte degli studenti. Il curricolo è composto anche da un complesso di attività didattiche progettate per favorire una migliore realizzazione del curricolo nazionale, anche attraverso l utilizzazione di risorse fornite dal territorio. Le attività del curricolo si realizzano mediante progetti, costituiti da percorsi programmati dai docenti, che prevedono l uso di laboratori o, comunque, l utilizzazione di forme di didattica avanzata e/o il ricorso ad esperti anche esterni alla Scuola. Competenze chiave e competenze specifiche Le competenze specifiche che fanno capo alle discipline sono state incardinate nella competenze chiave europea di riferimento. Si è scelto di articolare il curricolo a partire dalle otto competenze chiave europee perché queste rappresentano, come del resto precisa la premessa delle Indicazioni 2012, la finalità generale dell istruzione e dell educazione e spiegano le motivazioni dell apprendimento stesso, attribuendogli senso e significato. Esse sono delle metacompetenze, poichè come dice il Parlamento Europeo, le competenze chiave sono quelle di cui tutti hanno bisogno per la realizzazione e lo sviluppo personali, la cittadinanza attiva, l inclusione sociale e l occupazione. Le competenze chiave sono quelle esplicitate nella Raccomandazione del Parlamento Europeo del 18 dicembre 2006 e riportate nelle Indicazioni Comunicazione nella madrelingua a cui fanno capo le competenze specifiche della lingua italiana i cui indicatori sono ispirati al DM 139/ Comunicazione nelle lingue straniere a cui fanno capo le competenze specifiche della lingua straniera, i cui indicatori sono riformulati a partire da quelli della lingua italiana. 3. Competenze di base in matematica, scienze e tecnologia. Nel documento, si è preferito disaggregare per praticità didattica e di valutazione, la competenza matematica dalla competenza specifica di scienze e tecnologia. Per la formulazione degli indicatori di matematica si è fatto riferimento ai vecchi indicatori della scheda di valutazione del 1993 e al DM 139/07. Per la formulazione delle competenze in tecnologia, si è tratta ispirazione dalle Linee Guida per i Piani di studio provinciali della provincia di Trento; nella competenza chiave scienze e tecnologia, abbiamo riferito anche la disciplina 9

10 Geografia, per la comunanza che essa ha con le scienze per gli ambiti di indagine e per la misurazione (entrambe le discipline utilizzano la matematica come linguaggio) e con la tecnologia per gli strumenti utilizzati. Per gli indicatori relativi all ambito geografico si è fatto riferimento al documento del Competenza digitale: a cui fanno capo le competenze tecnologiche di utilizzo delle tecnologie della comunicazione e dell informazione; per la formulazione si è tratta ispirazione dalle Linee Guida per i piani di studio provinciali della Provincia di Trento. 5. Imparare ad imparare: è una competenza fondamentale a cui non corrispondono nelle indicazioni traguardi specifici; sono state utilizzate competenze in parte reperite dal DM 139/07 e in parte ricostruite dalla compilatrice del curricolo, dott.ssa Franca Da Re, così come le relative abilità e conoscenze. 6. Competenze sociali e civiche: si sono raggruppate qui le competenze facenti parte dell ambito Cittadinanza e Costituzione e competenze relative al Collaborare e partecipare e Agire in modo autonomo e responsabile. Anche in questo caso, in particolare per l ambito Cittadinanza e Costituzione, si è tratta ispirazione dalla formulazione delle Linee Guida della provincia di Trento. 7. Spirito di iniziativa e intraprendenza: a questa competenza chiave fanno capo competenze metodologiche come la presa di decisioni, il problem solving, le competenze progettuali; indicatori di competenza e loro articolazione in abilità e conoscenze sono opera della dott.ssa Da Re. 8. Consapevolezza ed espressione culturale: a questa competenza fanno capo le competenze specifiche relative all identità storica; al patrimonio artistico e letterario; all espressione corporea. Per praticità didattica e di valutazione, la competenza chiave è stata disaggregata nelle componenti: - competenze relative all identità storica (indicatori mutati dalla scheda del 1993) - competenze relative all espressione musicale ed artistica (indicatori mutati dal DM 139/07) - competenze relative all espressione corporea (indicatori mutati dalla scheda del 1993; integrata con elementi presenti nei Traguardi delle Indicazioni). 10

11 CURRICOLO VERTICALE Nel corso degli anni l Istituto Comprensivo di Quinto si è dotato di un curricolo verticale dalla prima classe della Scuola primaria alla terza classe della Scuola Secondaria che dovrà tener conto delle Indicazioni Comunicazio ne nella madre lingua Comunicazio ne nelle lingue straniere Matematica Scienze Tecnologia digitale Competenze Primaria 1. Utilizzare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire la comunicazione verbale in vari contesti. 2. Leggere, comprendere ed interpretare testi scritti di diverso tipo. 3. Produrre testi di vario tipo in relazione ai differenti scopi comunicativi. 4. Riflettere sulla lingua e sulle sue regole di funzionamento 1. Comprendere istruzioni e frasi di uso quotidiano 2. Leggere e comprendere semplici e brevi testi 3. Comunicare e scrivere messaggi su argomenti noti 1. Utilizzare le tecniche di calcolo 2. Rappresentare, confrontare ed individuare varianti, invarianti in figure geometriche. 3. Riconoscere e risolvere problemi di vario genere 4. Utilizzare il sistema Internazionale di misura 1. Osservare, analizzare e descrivere fenomeni naturali e relativi alla vita quotidiana. 2. Formulare ipotesi e verificarle utilizzando semplici schematizzazioni e modellizzazioni. 3. Progettare e realizzare semplici manufatti e strumenti spiegando le fasi del processo 4. Utilizzare le conoscenze per comprendere le problematiche scientifiche e per assumere comportamenti responsabili 1. Utilizzare i programmi digitali di uso corrente. Competenze Secondaria 1. Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire la comunicazione verbale in vari contesti. 2. Leggere, comprendere ed interpretare testi scritti di diverso tipo. 3. Produrre testi di vario tipo in relazione ai differenti scopi comunicativi. 4. Riflettere sulla lingua e sulle sue regole di funzionamento 1. Comprendere e interagire in situazioni note. 2. Esporre argomenti personali 3. Leggere e comprendere testi 4. Elaborare testi coerenti 1. Utilizzare con sicurezza le tecniche di calcolo 2. Rappresentare, confrontare ed individuare varianti, invarianti in figure geometriche. 3. Rilevare, analizzare ed interpretare dati, sviluppare ragionamenti utilizzando rappresentazioni grafiche. 4. Riconoscere e risolvere problemi di vario genere. 1. Osservare, analizzare e descrivere fenomeni naturali e relativi alla vita quotidiana. 2. Formulare ipotesi e verificarle utilizzando semplici schematizzazioni e modellizzazioni. 3. Riconoscere le principali interazioni tra mondo naturale e comunità umana. 4. Progettare e realizzare semplici manufatti e strumenti spiegando le fasi del processo 5. Utilizzare le conoscenze per comprendere le problematiche scientifiche e per assumere comportamenti responsabili 1. Utilizzare le più comuni tecnologie, in particolare quelle della comunicazione e dell informazione 2. Individuare le potenzialità, i limiti e i rischi nell uso delle tecnologie riferite al contesto produttivo, energetico, ambientale di applicazione 3. Utilizzare i programmi digitali di uso corrente e gli strumenti che la rete offre per la comunicazione interpersonale, in maniera protetta. 4. Saper navigare in Internet per reperire, confrontare e valutare le informazioni presenti in rete 11

12 Storia e cittadinanza Competenze Primaria 1. Conoscere e collocare nello spazio e nel tempo fatti ed eventi della storia della propria comunità, del Paese, delle civiltà. 2. Individuare trasformazioni intervenute nelle strutture delle civiltà nella storia e nel paesaggio, nelle società. 3. Utilizzare conoscenze e abilità per orientarsi nel presente e per comprendere i problemi fondamentali del mondo contemporaneo. 4. Conoscere l organizzazione e le norme fondamentali che regolano la vita della comunità e del proprio Paese Competenze Secondaria 1. Conoscere e collocare nello spazio e nel tempo fatti ed eventi della storia della propria comunità, del Paese, delle civiltà. 2. Individuare trasformazioni intervenute nelle strutture delle civiltà nella storia e nel paesaggio, nelle società. 3. Utilizzare conoscenze e abilità per orientarsi nel presente, per comprendere i problemi fondamentali del mondo contemporaneo, per sviluppare atteggiamenti critici e consapevoli. 4. Conoscere l organizzazione e le norme fondamentali che regolano la vita del proprio Paese e le principali organizzazioni sovranazionali Geografia e uso del territorio Arte Musica Espressione motoria e comunicazio ne non verbale 1. Leggere e ricavare informazioni da varie tipologie di carte 2. Orientarsi nello spazio circostante e sulle carte geografiche 3. Utilizzare il linguaggio specifico 4. Ricavare dalla lettura di carte, mappe e foto, gli elementi fisici e antropici dei paesaggi italiani 5. Analizzare la regione geografica dal punto di vista fisico-climatico, storico-culturale e amministrativo 1. Conoscere gli elementi del linguaggio visivo e del patrimonio storico-artistico 2. Produrre messaggi visivi con impiego di tecniche e materiali diversi 1. Comprendere e utilizzare gli elementi basilari del linguaggio musicale 2. Eseguire brani vocali e/o strumentali 1- Utilizzare gli schemi motori e posturali di base e loro semplici combinazioni 2- Partecipare alle attività di gioco e di sport rispettando le regole 3- Comunicare con espressività attraverso posture, gesti ed azioni 4- Utilizzare in modo responsabile spazi ed attrezzature per tutelare se stessi e gli altri 1. Disegnare carte mentali utilizzando la simbologia convenzionale 2. Orientarsi con l utilizzo di vari tipi di carte 3. Comprendere e utilizzare i concetti cardine della Geografia per comunicare e agire sul territorio 4. Utilizzo carte, mappe, foto, relazioni di viaggi, testi, nuovi strumenti per comprendere e comunicare la specificità di un territorio 1. Conoscere gli elementi del linguaggio visivo e del patrimonio storico-artistico 2. Produrre e creare messaggi visivi con impiego di tecniche e materiali diversi 1. Padroneggiare gli elementi del linguaggio musicale 2. Eseguire brani vocali e/o strumentali 1- Controllare gli schemi motori e posturali di base, loro combinazioni, interazioni e adattamenti ai cambiamenti morfologici e funzionali del corpo - Conoscere e applicare le tecniche, le tattiche dei giochi e degli sport praticati, mettendo in atto comportamenti leali e collaborativi 3- Comunicare con espressività attraverso posture, gesti ed azioni 4- Utilizzare in modo responsabile spazi ed attrezzature per tutelare se stessi e gli altri Imparare a imparare 1. Reperire e selezionare le informazioni da fonti diverse. 2. Collegare e organizzare le conoscenze in modo significativo. 1. Reperire e selezionare le informazioni da fonti diverse. 2. Collegare e organizzare le conoscenze in modo significativo. 12

13 Competenze sociali e civiche Spirito di iniziativa e imprenditoria lità 3. Utilizzare le informazioni per gestire situazioni e risolvere problemi. 4. Utilizzare strategie di problem solving 1.Rispettare le regole di convivenza interne e quelle della comunità, utilizzando con cura e responsabilità materiali, spazi scolastici e ambiente 2. Ascoltare, aiutare i compagni e collaborare con essi nelle varie attività, tenendo conto dei loro punti di vista. 3. Rispettare le diversità mettendo in atto comportamenti di accoglienza e di aiuto 1. Assumere iniziative personali 2. Portare a termine i compiti affidati con impegno e responsabilità. 3. Valutare gli esiti del proprio lavoro, gli aspetti positivi e negativi di alcune scelte e possibili conseguenze 4. Pianificare e organizzare il proprio lavoro 3. Utilizzare le informazioni per gestire situazioni e risolvere problemi. 4. Utilizzare strategie di problem solving 1.Rispettare le regole di convivenza interne e quelle della comunità, utilizzando con cura e responsabilità materiali, spazi scolastici e ambiente 2. Ascoltare, aiutare i compagni e collaborare con essi nelle varie attività, tenendo conto dei loro punti di vista. 3. Rispettare le diversità mettendo in atto comportamenti di accoglienza e di aiuto 1. Assumere iniziative personali 2. Portare a termine i compiti affidati con impegno e responsabilità. 3. Valutare gli esiti del proprio lavoro, gli aspetti positivi e negativi di alcune scelte e possibili conseguenze 4. Pianificare e organizzare il proprio lavoro Valutazione degli Apprendimenti La valutazione è parte integrante della programmazione non solo come controllo degli apprendimenti, ma come verifica dell intervento didattico al fine di operare con flessibilità sul progetto educativo. La valutazione accompagna i processi di insegnamento/apprendimento e consente un costante adeguamento della programmazione didattica in quanto permette ai docenti di: personalizzare il percorso formativo degli studenti; predisporre collegialmente percorsi individualizzati in situazioni di svantaggio e/o di insuccesso. Tale valutazione, di tipo formativo, assolve funzione di: rilevamento finalizzato a fare il punto della situazione; individuazione e correzione di eventuali carenze di impostazione del lavoro. I docenti, in sede di programmazione, prevedono e mettono a punto prove di verifica degli apprendimenti da utilizzare: in ingresso; in itinere; nel momento finale. Le valutazioni vengono riportate nel registro personale dei docenti. La valutazione periodica quadrimestrale avviene a fine gennaio e a giugno ed è contenuta nel documento di valutazione. Essa viene espressa in voti dal 5 al 10 nella Scuola Primaria e dal 4 al 10 nella Scuola Secondaria. Al termine dell anno conclusivo della Scuola Primaria e Secondaria, l Istituto certifica i livelli di competenza raggiunti da ciascun alunno. 13

14 Valutazione del Comportamento Nella Scuola Primaria il comportamento dell alunno viene espresso, nel documento di valutazione, con un voto in decimi espresso in numero e in lettere, coerente con il giudizio globale dell allievo, secondo i criteri di valutazione deliberati dal Collegio dei Docenti. Nella Scuola Secondaria lo stesso viene espresso con un voto decimale da 5 a 10 espresso in numero e in lettere secondo i criteri di valutazione deliberati dal Collegio dei Docenti. ALLEGATO N. 2 Documento di valutazione Scuola Primaria e Scuola Secondaria a.s. 2012/2013 CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE La certificazione delle competenze raggiunte viene rilasciata al termine di ogni ciclo di istruzione. I livelli di certificazione delle competenze specifiche sono 5. Ogni livello si riferisce al modo in cui l alunno utilizza le conoscenze, le abilità ed esercita autonomia e responsabilità; ad ogni livello corrisponde una valutazione in decimi: LIVELLO VOTO DESCRITTORE BASILARE 6 Utilizza la maggior parte delle conoscenze e abilità in modo essenziale. Esegue i compiti richiesti con il supporto e/o le indicazioni dell adulto o dei compagni. ADEGUATO 7 Utilizza la maggior parte delle conoscenze e abilità in modo adeguato. Porta a termine con sufficiente autonomia i compiti richiesti. CONSOLIDATO 8 Utilizza in modo adeguato tutte le conoscenze ed abiità. Porta a termine di propria iniziativa ed in autonomia i compiti richiesti. AVANZATO 9 Padroneggia tutte le conoscenze e abilità. Assume iniziative e porta a termine i compiti affidati in modo autonomo e responsabile ECCELLENTE 10 Padroneggia in modo sicuro, completo e approfondito tutte le conoscenze e abilità. Assume iniziative e porta a termine i compiti affidati in modo autonomo e responsabile. Risolve i problemi utilizzando strategie personali I rapporti scuola-famiglia I rapporti tra scuola e famiglia vengono enunciati nel patto di corresponsabilità e stabiliscono le mete educative intorno alle quali costruire le abilità, le conoscenze e le competenze. ALLEGATO N. 3 Patto di corresponsabilità Spetta alla scuola fornire informazioni chiare e puntuali su: le programmazioni educative e didattiche annuali, in linea con i curricoli verticali disciplinari predisposti dal Collegio dei Docenti rivisti secondo le Indicazioni Nazionali per il curricolo della Scuola dell Infanzia e del Primo Ciclo d Istruzione; le competenze dei singoli alunni e sul loro progredire, sia mediante le valutazioni periodiche, sia attraverso i colloqui individuali tra docenti e genitori; le iniziative inerenti le attività di recupero e di potenziamento; ulteriori attività extracurricolari predisposte di anno in anno. Le comunicazioni scuola-famiglia avvengono: 14

15 negli organi collegiali (Consiglio d Istituto, Consiglio di Classe e d Interclasse); nelle assemblee; durante i colloqui individuali. La famiglia entra nella scuola quale rappresentante degli studenti e come tale partecipa al progetto educativo condividendone responsabilità ed impegni nel reciproco rispetto delle competenze e dei ruoli. È compito dell istituzione scolastica: a. formulare le proposte educative e didattiche; b. fornire, in merito ad esse, informazioni chiare e precise; c. valutare l efficacia delle proposte; d. rendere conto periodicamente degli apprendimenti dei singoli alunni e del loro progredire in ambito disciplinare e sociale; e. individuare iniziative tese al sostegno e al recupero dei ragazzi in situazione di handicap, svantaggio, disagio, difficoltà esplicitandone le modalità, la frequenza e la durata. In generale, i momenti assembleari rispondono maggiormente alle esigenze di dibattito, di proposizione e di confronto di valori educativi comuni e condivisi. Ai colloqui individuali si attribuisce una funzione primaria per la raccolta e la diffusione di tutte le informazioni necessarie all elaborazione di un quadro di riferimento il più possibile completo dello studente: comunicare, in un clima disteso e nei modi più accessibili, la situazione socio-affettiva e conoscitiva dello studente; costruire possibili itinerari comuni per il superamento delle difficoltà; costruire un arricchimento dei campi esperenziali del bambino. Scuola Primaria: L informazione alle famiglie sui livelli di apprendimento e sul grado complessivo di maturazione raggiunto dagli alunni è garantita da: assemblea generale per la presentazione della programmazione educativa-didattica annuale, in occasione delle votazioni per il rinnovo del Consiglio d Interclasse; colloqui individuali strutturati e calendarizzati con le singole famiglie nei mesi di dicembre ed aprile; assemblea generale in occasione della consegna del documento di valutazione degli alunni (mesi di febbraio e giugno); eventuali ulteriori colloqui individuali, su richiesta specifica delle famiglie o degli insegnanti, per situazioni di particolare urgenza e/o gravità. Scuola Secondaria di primo grado: assemblea per la presentazione della programmazione educativa-didattica annuale, in occasione delle votazioni per il rinnovo del Consiglio di classe; colloqui individuali a scadenza settimanale ricevimento generale nei mesi di dicembre e aprile consegna del documento di valutazione degli alunni da parte del docente coordinatore di classe (mesi di febbraio e giugno); La famiglia, per quanto le compete, si impegna a: a. intervenire alle assemblee collettive che vengono convocate; b. partecipare ai colloqui individuali; 15

16 c. tenersi informata e al corrente delle iniziative della scuola, contribuendo alla loro realizzazione sia sul piano ideativo che operativo; d. sostenere i bambini nel mantenimento degli impegni assunti a scuola (es. svolgimento dei compiti assegnati per casa). Organizzazione dell impegno didattico Scuola Primaria Nella Scuola Primaria, per l anno scolastico 2013/2014, le classi prime verranno formate, su richiesta specifica dei genitori, secondo lo schema seguente: sezioni a 27 ore con orario dal lunedì al sabato con orario antimeridiano (Badoere e Santa Cristina) sezioni a 27 ore con orario dal lunedì al venerdì con 2 rientri pomeridiani + 8 sabati aggiuntivi obbligatori (Quinto) sezioni a 27 ore con orario dal lunedì al venerdì con 3 rientri pomeridiani (Morgano) richiesta di istituzione di una sezione a 40 ore (Morgano). L ora di mensa non è compresa nell orario; l assistenza è a carico dei due Comuni e dei genitori. Scuola Secondaria Nella Scuola Secondaria, per l anno scolastico 2013/2014, le classi prime saranno organizzate con un monte-ore così articolato: 30 ore settimanali dal lunedì al sabato senza rientri pomeridiani (Quinto e Badoere) 32 ore settimanali con richiesta di attivazione dell indirizzo musicale presso la Scuola Secondaria Ciardi di Quinto con i seguenti strumenti: pianoforte, violino, flauto traverso e clarinetto. L organizzazione oraria delle attività didattiche Il Regolamento in materia di autonomia scolastica (DPR n. 275/99) consente alle Istituzioni scolastiche di definire i curricoli e le quote orarie riservate alle diverse discipline in modo autonomo e flessibile, sulla base delle reali esigenze formative degli alunni. 16

17 Scuola Primaria In considerazione dell esperienza sino ad ora maturata, il monte-ore minimo settimanale delle attività d insegnamento è così articolato (delibera del Collegio dei Docenti n. del ): DISCIPLINE I II III IV V Italiano Approfondimento linguistico Matematica Scienze Storia Geografia Immagine Corpo, sport e movimento Musica Inglese Religione cattolica TOTALE * Nelle classi il potenziamento dell orario settimanale viene concordato dai docenti dell equipe di classe. Il monte-ore settimanale indicato nella summenzionata tabella non deve essere inteso in modo rigido, in quanto esigenze ambientali e/o organizzative possono suggerire integrazioni, adeguamenti e correzioni. Per esempio, le attività di educazione musicale possono richiedere un intensificazione in determinati periodi dell anno. Le compensazioni orarie devono comunque consentire di assegnare a ciascuna disciplina un monte-ore annuale congruo e, tendenzialmente, pari ai valori della tabella moltiplicati per 33 (il numero di settimane di lezione). Il curricolo obbligatorio viene così articolato: Scuola Secondaria di Primo Grado DISCIPLINA ORE Italiano, storia e geografia 9 Approfondimento linguistico 1 Matematica e Scienze 6 Inglese 3 Francese/Tedesco 2 Tecnologia 2 Arte e immagine 2 Musica 2 Scienze motorie e sportive 2 Religione Cattolica 1 Totale ore curricolari 30 17

18 Per l anno scolastico 2014/2015 viene riproposto l indirizzo musicale che prevede 32 ore settimanali di lezione: 30 ore antimeridiane + 2 ore pomeridiane che possono comprendere: lezione individuale, teoria e/o orchestra. Iniziative per promuovere l accoglienza La Scuola si impegna a favorire l accoglienza degli alunni e dei genitori. In concomitanza con l avvio delle iscrizioni al successivo anno scolastico, e quindi durante il mese di gennaio, l Istituto organizza incontri rivolti alle famiglie degli alunni che dovrebbero iscriversi in classe prima (della Scuola primaria e di quella Secondaria). Gli incontri sono finalizzati alla presentazione di una sintesi del piano dell offerta formativa e al chiarimento di aspetti organizzativi specifici dei due ordini di scuola. In tutte le scuole dell Istituto si presta molta attenzione all accoglienza dei bambini che frequentano per la prima volta la Scuola Primaria organizzando in modo specifico "La giornata dell accoglienza" nella quale i bambini di prima hanno un orario differenziato per consentire loro di ambientarsi e di conoscere i loro insegnanti. Nella Scuola Secondaria di I grado, viene offerto ai ragazzi delle classi prime un percorso introduttivo alle attività scolastiche della durata di due giorni, costituito da momenti conoscitivi degli spazi e dei docenti, nonché alla conoscenza dei nuovi compagni di classe. La continuità Al fine di garantire la continuità dell azione didattico-educativa e per favorire il passaggio degli studenti da un ordine di scuola all altro, sono assicurate specifiche attività. Nel concreto, abbiamo messo a punto una serie di strumenti perfezionati nel corso degli anni: attività di raccordo con la scuola dell Infanzia: partecipazione della referente d Istituto per la continuità e di alcuni docenti a colloqui con le insegnanti per la raccolta di informazioni finalizzata ad una prima conoscenza dei bambini; iniziative di screening precoce in collaborazione con le Scuole dell Infanzia del territorio e contributo alla formazione delle classi prime (nei plessi dove vengono istituite due classi prime); nel periodo aprile/maggio gli alunni dell ultimo anno della scuola dell infanzia effettuano una visita con attività strutturata presso la Scuola primaria di riferimento, in gruppi misti, per una prima conoscenza della futura nuova scuola. Questa attività viene programmata e organizzata dalle insegnanti referenti di plesso per la continuità e dalle colleghe della scuola dell Infanzia; nel mese di gennaio gli alunni di classe quinta effettuano una visita presso la Scuola Secondaria e prendono parte alle attività che vengono preparate dai docenti e dagli alunni; incontri tra docenti dei due ordini scolastici per la trasmissione e l esame delle informazioni sugli alunni in transito dalla Primaria alla Secondaria di I grado: Open day alla Scuola Secondaria : prima dell iscrizione i genitori e gli studenti delle classi finali della Scuola Primaria possono visitare la Scuola Secondaria di Quinto assistendo alle varie presentazioni delle attività che vengono svolte effettuate dai compagni che già la frequentano. 18

19 LE FUNZIONI STRUMENTALI Nel nostro Istituto da alcuni anni operano su progetti specifici alcune funzioni strumentali i cui ambiti di intervento vengono stabiliti dal Collegio Docenti in base ad esigenze specifiche che possono variare di anno in anno. Per ognuna di esse gli insegnanti interessati presentano un progetto ed una relazione finale. Il programma può prevedere un lavoro individuale o di coordinamento di una commissione. Nel corso del corrente hanno scolastico il Collegio dei Docenti ha deliberato che vengano attivate le seguenti funzioni strumentali: - gestione e revisione del P.O.F. e dei progetti d Istituto (con commissione di lavoro); - intercultura (con commissione di lavoro); - gestione delle tecnologie informatiche e del sito web; - alunni diversamente abili e con difficoltà di apprendimento (con gruppo di lavoro); - attività teatrale (con commissione di lavoro); - attività didattico-scientifica (con gruppo di lavoro); - orientamento scolastico GESTIONE E REVISIONE DEL P.O.F. E DEI PROGETTI D ISTITUTO Il Piano dell Offerta Formativa è il documento che esplicita l identità culturale e progettuale di ogni Istituto. Esso contiene ed illustra tutti gli elementi che caratterizzano e differenziano tra loro le varie scuole attive al suo interno sia dello stesso ordine che di ordini diversi. Le scelte possono riguardare: 1) le offerte integrative e/o aggiuntive del curricolo (progetti, iniziative varie, mostre, uscite didattiche, viaggi d istruzione, ecc.); 2) l organizzazione interna (commissioni, modalità di lavoro, compiti e funzioni, sistema di controllo e di valorizzazione delle risorse, ecc.); 3) interventi ed in iniziative in risposta a particolari bisogni formativi degli studenti e dei cittadini del territorio; 4) le scelte didattiche ed organizzative: programmazione educativa, curricoli delle varie classi per ogni disciplina, percorsi didattici individualizzati, inserimento di alunni stranieri e/o diversamente abili, articolazione di gruppi di alunni provenienti anche da classi diverse, uso delle tecnologie informatiche e multimediali, ecc. Il Piano contiene inoltre le scelte ed i risultati della progettazione curricolare, extracurricolare, educativa ed organizzativa. In particolare indica: 1) gli obiettivi educativi (programmazione educativa trasversale); 2) le competenze ed i percorsi disciplinari (curricolo verticale); 3) i minimi orari per ogni materia (sulla base delle 27 ore settimanali); 4) le attività che ogni scuola adotta per rendere fattibile questo percorso; 5) le eventuali attività aggiuntive (progetti). Esso contiene inoltre il Regolamento di Istituto, il suo organigramma e tutti i riferimenti di ogni singolo plesso (indirizzo, , telefono, orari, rientri, responsabili, ecc.) e della Segreteria. Integrazione Alunni con cittadinanza non italiana Allo scopo di favorire la frequenza e l integrazione scolastica degli alunni con cittadinanza non italiana (CNI), l Istituto si impegna a realizzare iniziative anche in collaborazione con la Rete Integrazione alunni stranieri di Treviso volte a: creare un clima di accoglienza tale da favorire l inserimento degli alunni CNI nel gruppo classe e l integrazione nella comunità scolastica; facilitare l apprendimento linguistico; valorizzare gli aspetti culturali peculiari di ciascun alunno nei diversi ambiti disciplinari. 19

20 La presenza nelle scuole di studenti stranieri rappresenta anche un occasione importante per favorire fra adulti e bambini/ragazzi la diffusione dei valori del rispetto e della solidarietà. L iscrizione degli alunni CNI avviene in qualsiasi momento dell anno scolastico, generalmente nella classe corrispondente a quella già frequentata nel Paese di origine o a quella relativa all età anagrafica, salvo diverse disposizioni concordate con le figure che si occupano del disagio e degli alunni stranieri. Dato il considerevole numero di quest ultimi iscritti nelle classi del nostro Istituto è stata formata una commissione con lo scopo di predisporre interventi didattici comuni e di creare apposite dotazioni di sussidi e materiali. La Commissione è coordinata da una Funzione Strumentale specifica. L Istituto ha elaborato un protocollo di accoglienza ALLEGATO N. 4 -Protocollo di accoglienza + scheda di rilevazione biografia familiare alunni stranieri. Il sito web Il sito web dell istituto comprensivo rappresenta lo strumento ideale per far conoscere le attività in cui alunni e docenti sono coinvolti. Le famiglie possono accedere a informazioni riguardanti l organizzazione didattica, gli orari scolastici e di ricevimento degli insegnanti; oppure scaricare modulistica e comunicazioni riguardanti le classi dei propri figli, comunicare con segreteria e dirigenza. I docenti possono consultare documenti, circolari interne e comunicazioni ministeriali, scaricare modulistica, trovare informazioni e link su bandi di concorso pubblico, su corsi di formazione e concorsi per la partecipazione delle proprie classi; possono pubblicare e/o trovare materiale didattico da condividere, far conoscere i lavori dei propri alunni, consultare documentazione relativa ad attività sindacali e a graduatorie ecc. Uno spazio particolare deve essere riservato ad eventi, viaggi d istruzione e gemellaggi, attività in collaborazione con gli enti e le associazioni ecc. Il responsabile del sito, figura strumentale per l informatica, possiede le competenze tecniche e creative necessarie per la progettazione e la gestione generale, sa organizzare e modificare la struttura in modo dinamico e a seconda delle esigenze, aggiorna costantemente le pagine e/o ne progetta di nuove, pubblica il materiale proveniente dai docenti, dalla segreteria, dal ministero, controlla costantemente la funzionalità con browser e sistemi operativi diversi. Attività per prevenire e superare lo Svantaggio Lo svantaggio socio-culturale è uno stato di sofferenza che, per quanto possibile, dovrebbe essere contenuto al fine di non compromettere le potenziali capacità di apprendimento e di relazione degli alunni. Riteniamo che la Scuola debba creare le condizioni per l uguaglianza offrendo servizi adeguati ai bisogni di chi proviene da situazioni familiari ed ambientali deprivate. Tale possibilità deve essere affidata a strategie operative accuratamente elaborate e definite. L intervento dovrebbe essere rivolto agli alunni partendo dal presupposto che la valorizzazione mirata delle risorse che la Scuola, come sistema socio-culturale può offrire, permette di ridurre le problematiche e di lavorare in un ottica processuale più ampia. Tutto ciò dovrebbe agevolare l emergere nei bambini di una loro "disponibilità ad apprendere" nel rispetto e nella tutela del pieno sviluppo delle proprie capacità e prevenire fenomeni di insuccesso. 20

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo.

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo. Regolamento G.L.I. Art. 1 Costituzione del G.L.I. (Gruppo di Lavoro per l Inclusione) Ai sensi della Direttiva Ministeriale del 27 dicembre 2012 (Strumenti d intervento per alunni con bisogni educativi

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c.

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c. ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE Regolamento Regolamento GLHI del gruppo di lavoro sull handicap Ai sensi dell art. 15 c. L 104/92 Approvato dal Consiglio di stituto in data 08/07/2013 1 Gruppo di Lavoro

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Rapporto di autovalutazione

Rapporto di autovalutazione Rapporto di autovalutazione Sommario 1. Codice meccanografico istituto principale...3 2. Griglie di autovalutazione...3 1.1 Esiti...3 1.2 Contesto e risorse...4 1.3 Processi...5 3. Individuazione obiettivi

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Scheda di lettura del contratto annuale integrativo del 15 luglio 2010. Di cosa si tratta Si tratta della possibilità

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri La documentazione Dall ICF alla DF al PDF al PEI La Diagnosi Funzionale (DF) 1. Utilizzo degli items di ICF nella definizione

Dettagli

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192)

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) Gazzetta Ufficiale N. 244 del 18 Ottobre 2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA

I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA Bologna, 24 febbraio 2014 I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA Il P.O.F. La DIAGNOSI Il PDP Il GIUDIZIO

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo GIORGIO GABER Scuola Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria I grado Via Trieste, 85 55041 Lido di Camaiore (LU) Tel. 0584 67563 Fax 0584 67047 e-mail: luic83200q@istruzione.it

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

Prot. N. 3156/B33 Crema, 24 Novembre 2014

Prot. N. 3156/B33 Crema, 24 Novembre 2014 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto Comprensivo Crema Uno Via Borgo S.Pietro 8-26013 Crema (CR) Tel. 0373-256238 Fax 0373-250556 E-mail ufficio: segreteriacircolo1@libero.it

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

RISULTATI DELL INDAGINE SVOLTA A NOVEMBRE/DICEMBRE 2009 SULLE INIZIATIVE INTRAPRESE NELLE SCUOLE TOSCANE A FAVORE DI ALUNNI CON DSA

RISULTATI DELL INDAGINE SVOLTA A NOVEMBRE/DICEMBRE 2009 SULLE INIZIATIVE INTRAPRESE NELLE SCUOLE TOSCANE A FAVORE DI ALUNNI CON DSA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Direzione Generale RISULTATI DELL INDAGINE SVOLTA A NOVEMBRE/DICEMBRE 29 SULLE INIZIATIVE INTRAPRESE

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA

DOMANDA DI ISCRIZIONE A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO CRESPELLANO Via IV Novembre, 23 Valsamoggia (BO) 40056 Località - Crespellano Tel. 051/6722325 051/960592 Fax. 051/964154 - C.F. 91235100376 E-mail: boic862002@istruzione.it - iccrespellano@virgilio.it

Dettagli

BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ESPERIENZE CHE INSEGNANO IL FUTURO BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI GUIDA ALLA NUOVA NORMATIVA AA. VV. AGOSTINO MIELE Il presente volume nasce dall esperienza maturata all interno dell Istituto Tecnico per il

Dettagli

Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali. Il sistema educativo italiano

Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali. Il sistema educativo italiano Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali Il sistema educativo italiano 29 Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca (MIUR)

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli