Istituto Comprensivo Guido Novello

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Istituto Comprensivo Guido Novello"

Transcript

1 Istituto Comprensivo Guido Novello Piazza Caduti per la Libertà, Ravenna PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA anno scolastico 2013/2014 Acrilico su tavola ( porta di classe) reralizzato dagli studenti di Scuola Secondaria Queste pagine sono state scritte pensando in primo luogo ai ragazzi che frequentano la nostra scuola e alle loro famiglie. Cerchiamo di informarli sulle scelte e le attività che caratterizzano l anno scolastico. Desideriamo continuare ad avere da loro suggerimenti che ci aiutino a lavorare in modo proficuo. Siamo inoltre interessati a collaborare con gli enti locali e con le altre realtà del territorio: a loro presentiamo la nostra identità professionale. 1

2 Dati generali sull Istituto Comprensivo Guido Novello. p. 3 Organigramma l p.4 Il contesto p. 6 La nostra identità professionale.. p. 8 Accoglienza, continuità e orientamento. p. 10 Disagio e dispersione.. p. 12 Area alunni stranieri p. 13 Inserimento degli alunni diversamente abili. p. 15 La valutazione. p. 17 Rapporti scuola famiglia. p. 19 Aspetti organizzativi... p. 20 I progetti.. p. 28 2

3 L Istituto Comprensivo Guido Novello è nato il 1 settembre 2013 dalla fusione di quattro scuole preesistenti, in seguito alla riorganizzazione scolastica attuata nel Comune di Ravenna. L Istituto Comprensivo raduna in unità i plessi che vanno dalla Scuola dell Infanzia alla Scuola Secondaria di Primo grado e intende offrire un progetto didattico e pedagogico nella logica della continuità curricolare, in un percorso scolastico per gli studenti dai 3 anni fino ai 14. Del nuovo IC fanno parte scuole provenienti dal 2 e dal 3 Circolo Didattico e dalla scuola Secondaria di 1 grado ex Damiano-Novello. L IC Guido Novello è formato dai plessi: Scuola dell Infanzia VIA LANDONI Via Landoni, 4 tel Scuola Primaria FILIPPO MORDANI Via Mordani, 5 tel Scuola Primaria GIOVANNI PASCOLI Via Scuole Pubbliche, 9 tel Scuola Secondaria di Primo grado GUIDO NOVELLO Piazza Caduti per la Libertà, 15 tel

4 Dirigente scolastico: Gennaro Zinno 1 collaboratore 2 collaboratore Maria Cristina Suprani Saura Turri Funzioni strumentali: 1) Funzione sostegno (condivisa tra i plessi Novello, Mordani e Pascoli): Elisa BIANCHINI- Margherita TURCHI- Filippa LOMBARDI 2) Funzione disagio e dispersione: Francesca BERTOZZI 3) Funzione stranieri: Annunziata GENTILE 3) Funzione continuità ed orientamento: Elisabetta AGOSTINI- Rossana BALLESTRAZZI 4) Funzione nuove tecnologie e sito web : Stefano MARTINI 4

5 Plesso Via Landoni Referente di Plesso:Maroni Referente alunni H: Franzese Referente Disagio e Dispersione: Franzese Referente alunni stranieri: Longobardi Referente rapporti con il territorio: Franzese Referente per la biblioteca: Cortesi Plesso F. Mordani Referente di Plesso: Cicognani Referente Disagio e Dispersione: Ranucci Referente alunni stranieri: Gentile Referente Tecnologie: Reina Referente educazione motoria: Cicognani Referente per la biblioteca: Tumiatti Plesso G. Pascoli Referente di Plesso: Rossi Referente Disagio e Dispersione: Savini Referente alunni stranieri: Gentile Referente Tecnologie: Ravaglioli Plesso G. Novello Referente di Plesso: Turri Referente Disagio, Dispersione e alunni stranieri: Bertozzi Referente Tecnologie: Martini Referente per la biblioteca: Ballestrazzi Referente educazione motoria: Franchi Referente per la biblioteca: Minenna Commissione POF (5 componenti):bianchini - Cortesi Marangoni Martignon - Mercati Referente orario Scuola secondaria di primo grado: Turri Referente viaggi d istruzione: Turri Referenti classi parallele Scuola Primaria: 1 ^ Giovanetti 2 ^ Mercuri 3^ Forleo 4^ Reina 5 ^ Rossi Lingua Inglese: Esposito Religione Cattolica: Colantuono Referente per la sicurezza Plesso F. Mordani : Sanzani Referente per la sicurezza Plesso G.Pascoli : Mengucci Referente per la sicurezza Plesso Via Landoni : Maroni 5

6 Le scuole dell I.C. G. Novello sono ubicate nella zona del centro della città e fanno parte delle Circoscrizioni Prima e Seconda del Comune di Ravenna. La loro posizione privilegiata all interno della città, permette a docenti e studenti di muoversi con facilità nella zona storica di Ravenna e partecipare regolarmente ad una vasta gamma di attività proposte da docenti, Istituzioni, Enti e Associazioni. La composizione della popolazione deriva innanzitutto dal bacino di utenza relativo allo stradario di competenza, quello del centro della città di Ravenna, oltre ad alunni provenienti da altre zone della città. Nel complesso gli alunni rappresentano oggi una realtà socio-culturale eterogenea, anche soggetta al flusso migratorio di alunni provenienti da altre regioni e di alunni extracomunitari. Scuola dell infanzia Via Landoni La Scuola per l Infanzia di Via Landoni è in funzione da 3 anni, dopo un intervento di riqualificazione dell edificio conosciuto con il nome di ex Campetto. Tale intervento ha rispettato le caratteristiche di particolare pregio storico della struttura, che fu edificata nel 1910, ma ne ha migliorato l aspetto funzionale, l accessibilità e la sicurezza. Scuola primaria F. Mordani La Scuola Primaria Filippo Mordani è la scuola più antica della città: dal 1845 nell ex convento di San Domenico furono trasferite le scuole elementari cittadine. L Amministrazione Comunale del tempo considerava prioritario intervenire nel settore dell istruzione: L istruzione della gioventù a qualsiasi classe del popolo appartenga, è il primo ufficio de Municipi in un Governo libero. Fu grazie a questo progetto politico, che venne gradualmente ridotto l analfabetismo nel nostro Comune. 6

7 La scuola è dedicata a Filippo Mordani: patriota, Deputato della Repubblica Romana nel 1849; fu anche insegnante e scrittore. Venerdi' 22 maggio 2009 nell ingresso della scuola è stata scoperta una lapide per ricordare questo illustre nostro concittadino. Scuola primaria G. Pascoli La Scuola Primaria Giovanni Pascoli porta il nome del grande poeta romagnolo. Per ricordarlo, nell edificio scolastico sono state collocate due opere artistiche: un bassorilievo in bronzo sul muro che fiancheggia l ingresso di via Coronelli e un grande pannello a mosaico nell atrio di via Scuole Pubbliche. Scuola Secondaria di Primo Grado G. Novello La Scuola Guido Novello è stata, con la Scuola Damiano, la prima Scuola Media della città al momento della istituzione di tale ordine scolastico negli anni 40. La scuola è intitolata a Guido Novello (ca ), instauratore della signoria dei Da Polenta a Ravenna. Il suo nome, come è noto, è legato alla generosa ospitalità che diede a Dante Alighieri negli ultimi anni della sua vita, permettendogli di portare a termine la stesura del Paradiso. La scuola si trova in Piazza dei Caduti, a pochi passi dalla Chiesa di San Francesco e dalla Tomba di Dante.L offerta scolastica permette di scegliere un tempo orario flessibile secondo le esigenze delle famiglie (corso a tempo normale o corso a tempo prolungato), o privilegiare l apprendimento della musica con il corso a indirizzo musicale. 7

8 La natura stessa di un Istituto Comprensivo, la ragione prioritaria per la quale nasce, è quella di garantire un percorso coerente, unitario ed efficace. Il nostro Istituto accoglie bambini che iniziano la Scuola dell Infanzia a tre anni, proseguono la loro formazione nella Scuola Primaria, crescono e diventano ragazzi della Scuola Secondaria di Primo grado; di qui si affacceranno, poi, su una società sempre più complessa dove potranno essere in grado di leggere la realtà, dotati di capacità critica. I docenti dell I.C. G. Novello si impegnano ad operare nel pieno rispetto dei diritti e degli interessi dell utenza scolastica in generale e dell alunno in particolare, facendo propri i criteri della Convenzione sui Diritti dell Infanzia: Quando un adulto ha a che fare con te, deve fare quel che è meglio per te (Art. 3). I principi sui quali si fonda l attività educativa dell Istituto si possono così riassumere: Promozione umana, sociale e civile degli alunni; Imparzialità; Accoglienza, solidarietà, integrazione; Uguaglianza delle opportunità educative. PRINCIPI EDUCATIVI Il Piano dell Offerta Formativa si articola intorno ad obiettivi trasversali che si sviluppano in una prospettiva verticale coerente, tenendo conto: dei Curricoli definiti a livello nazionale dal Ministero della Pubblica Istruzione; di una declinazione in termini disciplinari, interdisciplinari ed educativi dei diversi contesti; delle caratteristiche specifiche dei soggetti coinvolti; della richiesta dell utenza nella scelta dei percorsi da privilegiare; della partecipazione degli alunni di ogni scuola ad iniziative innovative e arricchenti; della collegialità del lavoro dei docenti, per una programmazione e una valutazione coerenti e condivise. 8

9 OBIETTIVI FORMATIVI I docenti sono in costante contatto, sia negli ambiti istituzionali, sia attraverso colloqui individuali, con la Presidenza, collaborando, proponendo e integrando, con il loro contributo personale, alla vita della scuola. Nei Consigli di Classe e di Materia, per la scuola Secondaria, nei Consigli di Interclasse tecnica e negli incontri di programmazione settimanale, per le Scuole primarie, e nei Consigli di Intersezione, per la Scuola dell Infanzia, i docenti si confrontano sugli obiettivi formativi che devono essere espressi e condivisi. I docenti intendono promuovere: La formazione integrale della personalità del ragazzo; La valorizzazione delle potenzialità individuali e lo sviluppo armonico della persona; Lo sviluppo di una coscienza personale, leale, impegnata, disponibile, tollerante, solidale, capace di cooperare con gli altri e di rispettare le idee altrui; La qualità della vita scolastica dell alunno, il benessere psicofisico e sociale, prevenendo forme di disagio, attraverso l integrazione e il supporto sia degli alunni stranieri, sia degli alunni con difficoltà di apprendimento; Le opportune strategie per l integrazione degli alunni disabili, per valorizzare al massimo le loro potenzialità; La continuità del processo educativo, contribuendo tutti e ognuno per ciò che gli compete, alla formazione di conoscenze, abilità e competenze, con particolare attenzione al metodo di lavoro, all orientamento, alla socializzazione e alla partecipazione; L integrazione del percorso curricolare con attività extracurricolari che promuovano linguaggi diversificati e concorrano a trasmettere il piacere di conoscere. Essere autonomi nello studio Utilizzare in modo adeguato gli strumenti e i tempi Metodo di lavoro Procedere con ordine Organizzarsi nel lavoro utilizzando percorsi adeguati Organizzarsi nel lavoro ricercando percorsi personali Individuare i propri limiti Utilizzare le proprie risorse Orientamento Confrontare le proprie opinioni con quelle altrui Valutare ed autovalutare Conoscere i piani di studio, l organizzazione e gli sbocchi professionali delle varie scuole superiori Rispettare gli altri e le cose Socializzazione Essere disponibile al lavoro di gruppo Dimostrare un adeguato autocontrollo Seguire con attenzione ed intervenire in modo opportuno Partecipazione Chiedere chiarimenti e seguire consegne Saper riconoscere eventuali errori 9

10 I progetti verticali di continuità e orientamento investono una parte fondamentale dell'azione educativa dell'istituto. I tre ordini di scuola condividono un percorso di continuità progettuale e di didattica orientativa, volto a perseguire finalità educative e formative comuni, nonché a favorire un positivo passaggio degli alunni da un ordine di scuola all'altro. Nelle classi ponte (anni iniziali e finali delle varie scuole) vengono attivati percorsi di continuità che prevedono attività comuni fra gli alunni dei diversi ordini di scuola, visite guidate nei plessi, scambio di informazioni fra i docenti. Scuola dell'infanzia Particolare importanza assume il momento del primo inserimento, in vista dell ingresso del bambino nella nuova scuola, per una convivenza serena basata sulla cooperazione tra scuola e famiglia. Per realizzare questo ingresso nella comunità scolastica in modo positivo per la crescita dei bambini, si auspica un accoglienza concordata anticipatamente con la famiglia e la scuola, per definire i modi e i tempi corrispondenti alle diverse esigenze di chi è accolto. Nell ultimo anno di scuola dell Infanzia vengono concordate attività di raccordo con la Scuola Primaria attraverso la scelta di un tema comune sul quale svolgere attività laboratoriali che prevedono incontri tra bambini dei due ordini di scuola e momenti ricreativi. Scuola primaria Nella Scuola Primaria è significativo accogliere e valorizzare le precedenti esperienze vissute dagli alunni alla scuola dell infanzia. Tenuto conto che gli alunni provengono da situazioni ed organizzazioni didattiche differenti, presentano tempi di attenzione diversi, faticano ad adattarsi ai nuovi ritmi scolastici, durante i primi tempi di scuola la giornata verrà strutturata in modo da dedicare tempo all imparare a conoscersi, a parlarsi, a comunicare, a vivere serenamente nell ambiente scolastico. Nel corso della classe quinta gli alunni della scuola primaria e della scuola secondaria di primo grado, entrano in contatto tramite attività concordate e strutturate per favorire la conoscenza del nuovo ordine scolastico. 10

11 Scuola secondaria di 1 grado Anche nella Scuola secondaria di I grado il primo periodo è dedicato ad attività miranti alla conoscenza reciproca e alla costituzione dell identità di gruppo. Nella scuola secondaria le attività di orientamento mirano essenzialmente a perseguire i seguenti obiettivi: valorizzare attitudini, capacità e interessi personali; stimolare il senso di responsabilità e la capacità di scegliere in modo consapevole; essere informati sui possibili percorsi di studio futuri; conoscere le caratteristiche del territorio in relazione alle opportunità di collocazione professionale; condividere con i genitori degli alunni le scelte educative e di orientamento fatte dal consiglio di classe; garantire agli studenti in difficoltà e a rischio di dispersione scolastica un'attività di sostegno e di aiuto personalizzato, con finalità di prevenzione dell'insuccesso. Durante l ultimo anno della Scuola Secondaria di I grado l azione orientativa è più organica e specifica, sia sotto l aspetto dell autovalutazione, sia per quanto riguarda i diversi percorsi scolastici. Sul piano operativo l Istituto predispone e organizza attività per gli studenti ed iniziative e incontri informativi per studenti e famiglie. dialoghi e discussioni mirate in classe; analisi di opuscoli informativi; visite agli Open day delle Scuole Superiori; incontri con docenti della Scuola Secondaria di secondo grado in occasione dei "Banchetti informativi di orientamento"; partecipazione ad attività laboratoriali nei micro stage pomeridiani delle scuole superiori, concordati con i docenti referenti per l'orientamento; incontri con esperti del mondo professionale. giudizio orientativo: colloquio individuale fra Famiglie e Docenti del nostro Istituto con consegna del Giudizio orientativo. 11

12 Il disagio scolastico è un aspetto del disagio giovanile che può manifestarsi con varie modalità, comportamentali, di disturbo in classe, irrequietezza, iperattività, difficoltà di apprendimento, di attenzione, di inserimento nel gruppo, scarsa motivazione, basso rendimento, fino all abbandono e alla dispersione scolastica. Il disagio può anche comparire non solo nelle forme esplicite ed eclatanti di una particolare condotta problematica o trasgressiva, ma anche nelle forme più sommerse e invisibili di sofferenza interiore, di assenze, di silenzi e scarso coinvolgimento. Le variabili che conducono a tali condizioni possono essere sia di natura personale (autostima, autoefficacia, componenti cognitive) sia di natura contestuale e relazionale (ambiente di vita, ambiente scolastico, rapporto tra alunno e insegnante, tra famiglia e insegnante). Il primo passo di una prevenzione deve essere allora una attenta osservazione: saper riconoscere il disagio e saper riconoscere le situazioni a rischio di disagio. Poiché il contesto in cui ci si trova ad operare risulta essere piuttosto eterogeneo, esso richiede: un attenta lettura delle nuove realtà; il continuo monitoraggio dell esistente; una flessibilità organizzativa, progettuale e didattica in grado di rispondere ai diversi bisogni formativi; un azione di coordinamento con le risorse del territorio; l attenzione e la valorizzazione delle diversità come risorse. Anche alla luce delle nuove normative sui Bisogni Educativi Speciali il nostro Istituto si attiva per contrastare e compensare le difficoltà di diversa origine che gli alunni possono incontrare, attraverso azioni mirate nelle seguenti aree: Prevenzione, individuazione precoce delle difficoltà; Progettazione di interventi a favore di alunni in difficoltà di apprendimento, di comportamento, in situazione di svantaggio, con problematiche relative all orientamento; Garanzia di percorsi didattici che tengano veramente conto di potenzialità e difficoltà individuali, ponendo al centro del processo la persona e non solo le competenze; Realizzazione di esperienze scolastiche soddisfacenti per gli insegnanti e gli allievi e quindi in grado di diffondere un idea di scuola come luogo di benessere psicologico e sociale. 12

13 L I.C. G. Novello tiene conto della specificità e storia di ogni singola scuola attraverso il confronto, lo scambio, la cooperazione e la condivisione. Affronta il nuovo contesto scolastico tenendo conto dell evoluzione del ciclo migratorio che ha interessato la città di Ravenna e con essa le quattro scuole appartenenti all istituto comprensivo. Si è rilevata la necessità di attivare piano strategici di intervento per migliorare sempre più concretamente il processo di integrazione. In presenza di un numero sempre più elevato di stranieri c è la consapevolezza di dover interpretare, gestire e indirizzare il cambiamento. Per favorire l accoglienza, l integrazione degli alunni stranieri nel proprio sistema formativo e per rimuovere ostacoli che impediscono la scolarizzazione e l apprendimento, viene attuata una pluralità di interventi, in sinergia con gli enti locali, associazioni territoriali e l assessorato alle politiche per l immigrazione. Ci si avvale di vari strumenti e progettualità integrate. Strumenti: Protocollo d Intesa tra le scuole di ogni ordine e grado del Comune di Ravenna, la Casa delle Culture (un servizio dell amministrazione comunale, volto alla promozione della didattica e della cittadinanza interculturale ) e il C.S.A.(Centro servizi amministrativo). Il Gruppo Intercultura, composto dai docenti referenti di ogni ordine e grado della scuola e i mediatori culturali dell Associazione Terra Mia, lavorano sulla base delle finalità definite nel protocollo d Intesa. La Casa delle Culture propone progetti in rete tra scuole che consentono raccordi di percorsi formativi e didattico-laboratoriali. Attiva percorsi di formazione per insegnanti e mediatori culturali per l insegnamento dell italiano come seconda lingua (o L2) e la didattica interculturale in collaborazione con l Università Ca Foscari di Venezia Protocollo d Accoglienza per alunni migranti dell I.C. G. Novello. Il documento fornisce indicazioni relative all iscrizione ed inserimento nelle classi degli alunni, definisce le fasi dell accoglienza e propone modalità di intervento per l apprendimento della lingua italiana e dei contenuti curricolari. Il team che opera nell ambito dell intercultura comprende il Dirigente Scolastico, un referente per ogni scuola e una figura strumentale. 13

14 Interventi e progetti: Intervento di Mediazione Linguistica culturale. I mediatori culturali sono ponti di accoglienza e integrazione. Forniscono informazioni sulla biografia scolastica degli alunni, sui vissuti e sui sistemi scolastici di provenienza, favoriscono la relazione con le famiglie. Supportano gli insegnanti nella comprensione delle problematiche dell alunno. I mediatori, inoltre, pianificano l intervento attraverso la condivisione di obiettivi con il team docente o il coordinatore. Intervento di tutoraggio tra allievi. Alunni con competenze discrete o buone nella lingua italiana che abbiano mantenuto la lingua di origine, tali alunni possono svolgere funzioni di tutor, sotto la guida degli insegnanti, per gli alunni neoarrivati. Progetto di alfabetizzazione e potenziamento della lingua italiana per le scuole primarie e la scuola secondaria di I grado prevede laboratori plurilingue. Piano didattico personalizzato per studenti stranieri (PDP). Il piano si inserisce nel quadro della normativa sui Bisogni Educativi Speciali che contempla, nell ampliamento dell inclusione scolastica, gli alunni con difficoltà derivanti dalla non conoscenza della lingua italiana perché appartenenti a culture diverse. Progetto sperimentale di continuità e orientamento tra la scuola secondaria di I grado e II grado. Intende favorire il passaggio degli alunni stranieri dalla scuola secondaria di I Grado alla Scuola secondaria di II grado. Collaborazione con associazione di volontariato Compiti Insieme. 14

15 L integrazione dell alunno in situazione di handicap è un processo che coinvolge tutti gli insegnanti della classe e dell istituto. L attività di integrazione è quindi azione di tutti i docenti. L insegnante di sostegno svolge, in linea generale, la sua attività nell ambito del gruppo classe di cui è contitolare e collabora con i colleghi e gli specialisti (UONPIA ed educatori) nell impostazione e realizzazione prima del profilo dinamico funzionale (PDF) e poi del progetto educativo individualizzato (PEI) riferito all alunno diversamente abile. Di conseguenza l intera classe beneficia di maggiori opportunità, gli studenti possono trovare risposte più vicine ai loro bisogni educativi e la presenza dell insegnante di sostegno favorisce l integrazione evitando forme di isolamento. Nella realizzazione del progetto di vita dell alunno con disabilità, sono fondamentali: la collaborazione con la famiglia per la condivisione delle progettualità e le strategie da mettere in atto e il rapporto continuo con gli specialisti dell AUSL per gli aggiornamenti della documentazione personale. Per favorire l integrazione e il recupero, il nuovo istituto comprensivo sulla scia delle quattro esperienze precedenti (una scuola dell infanzia, due scuole primarie e una secondaria di primo grado) promuoverà la realizzazione di vari tipi di laboratori anche con la collaborazione degli enti territoriali. La scelta laboratoriale permette agli alunni di sperimentare attraverso la corporeità e il gioco una diversa modalità d apprendimento con un risultato di feedback positivo che rafforza la percezione di sé e l autostima. I laboratori trovano una diversa organizzazione nei vari ordini di scuola: gli alunni lavorano sia in gruppi all interno della classe sia per gruppi eterogenei. Le esperienze laboratoriali che l istituto propone sono: Espressione teatrale Musicoterapia Materialità Informatica Imparare giocando Cucina Tennis Nuoto Ippoterapia 15

16 Tradizione dell istituto è anche l attuazione del progetto Skipper per un giorno che vede i ragazzi diversamente abili affrontare l esperienza di una giornata in barca a vela accompagnati dagli insegnanti e affiancati da esperti. La formazione del nuovo istituto comprensivo permetterà uno scambio facilitato delle informazioni sugli alunni durante il loro percorso scolastico. Il fine che si pone è quello di favorire un passaggio tranquillo e sereno da un ordine all altro di scuola che riduca le negative regressioni sia nel campo comportamentale-relazionale che nel campo dell apprendimento. Il delicato passaggio dalla scuola secondaria di primo al secondo grado vede particolarmente attenti gli insegnanti che si attivano per realizzare degli stage personalizzati di orientamento in collaborazione con gli istituti presenti nel territorio. 16

17 La rilevazione degli apprendimenti è un attività importante svolta dai docenti: indica i risultati via via conseguiti dagli alunni. Costituisce, inoltre, per gli insegnanti un momento di analisi e di riflessione sul lavoro svolto. La verifica diviene strumento determinante del percorso didattico. Per ogni quadrimestre gli insegnanti appongono un voto di valutazione in ogni disciplina ed indicano gli eventuali interventi individualizzati attuati per mettere ogni alunno nella condizione di progredire nell apprendimento. L attività di valutazione è legata a molteplici aspetti della vita scolastica e comprende: Coerenza della tipologia e del livello delle prove con la relativa sezione di lavoro effettivamente svolta in classe; Nella valutazione si terrà conto della situazione di partenza di ciascun alunno, delle capacità individuali, dello sviluppo delle abilità di base, dell impegno dimostrato, delle situazioni personali, dei progressi compiuti. Si farà riferimento ai criteri deliberati in sede di collegio dei docenti. Adeguata distribuzione delle prove durante il corso dell anno. Vengono utilizzate: PROVE SCRITTE PROVE ORALI PROVE PRATICHE o Componimenti o Relazioni su attività svolte o Prove grafico cromatiche o Relazioni o Interrogazioni o Prove strumentali e vocali o Sintesi o Interventi o Test motori o Questionari aperti o Discussione su argomenti di o Questionari a scelta multipla studio o Testi da completare o Esercizi o Soluzione problemi 17

18 Modalità analisi della situazione di partenza; definizione degli obiettivi intermedi e finali; osservazioni periodiche e elaborazione delle prove di verifica adeguatamente distribuite nel corso dell anno e coerenti con il programma effettivamente svolto in classe; verifica degli apprendimenti attraverso l analisi degli elaborati; osservazione e analisi della classe; comunicazione alle famiglie (in sede di incontri periodici). Documento di valutazione Nel Documento di Valutazione i voti sono espressi in decimi. Per la Scuola Primaria i voti utilizzati partono dal 5 (equivalente a insufficiente) fino a 10 (equivalente a ottimo). Nel documento è presente anche la valutazione del comportamento che per la Primaria è espresso con un giudizio. Al termine della classe quinta al Documento di Valutazione si aggiunge un documento di Certificazione delle Competenze. La valutazione del comportamento si rileva secondo i seguenti criteri di misurazione: o Rispetto di sé, degli altri e del personale della scuola. o Partecipazione nel corso delle lezioni. o Collaborazione con compagni ed insegnanti. o Svolgimento delle consegne scolastiche. o Osservanza del regolamento scolastico. o Osservanza delle disposizioni organizzative e di sicurezza. o Frequenza alle lezioni. Valutazione del piano dell offerta formativa Al termine dell anno scolastico, il Collegio dei Docenti è tenuto a valutare l efficacia del Piano dell Offerta Formativa dell Istituto. 18

19 Il rapporto tra famiglie e docenti ha l obiettivo di condividere il percorso educativo e didattico dei bambini e dei ragazzi. La famiglia è il primo soggetto educativo e ha perciò la prima responsabilità di predisporre un cammino favorevole alla maturazione delle potenzialità di ciascuno. La scuola è forse il collaboratore più importante nella crescita educativa e non può realizzare il proprio compito senza la condivisione della famiglia. Occorre costruire insieme, docenti e genitori, un percorso di crescita, nell ascolto reciproco, nell attenzione alle comunicazioni, nella tempestività delle osservazioni, nel rispetto dei punti di vista, dei ruoli e delle competenze di ciascuno. La scuola ha un proprio compito specifico ed insostituibile: guidare l alunno alla conoscenza dentro ad un terreno specifico, quello della vita culturale e sociale. Famiglia e scuola agiscono sul soggetto in educazione mettendo in campo prerogative diverse; essendo però ogni ragazzo una persona unica, è indispensabile che la collaborazione fra queste due prerogative trovi un fattore unificante non di tipo esteriore. Uno scopo comune e condiviso può costituire fattore unificante e permettere una vera alleanza educativa per il bene dei ragazzi. Gli strumenti del rapporto genitori insegnanti sono: nella scuola dell infanzia: colloqui individuali solo se concordati con i docenti su appuntamento a inizio a.s. per i bambini di 3 anni e di nuovo ingresso, a febbraio marzo per i bambini di 4 anni, a fine a.s. per i bambini di 5 anni assemblee generali con i genitori nella scuola primaria: colloqui individuali con i docenti due assemblee di classe con gli insegnanti per anno scolastico, di norma una nel mese di ottobre (con elezione del Rappresentante di Classe) e una nel mese di marzo; incontri bimestrali con le famiglie, di norma novembre e aprile per i colloqui individuali, febbraio e giugno per la consegna del Documento di Valutazione. Particolare attenzione viene riservata alle classi prime. Per le famiglie dei bambini che dovranno iniziare il primo anno di Scuola Primaria vengono organizzati: una assemblea per le famiglie presieduta dal Dirigente Scolastico che espone il POF di Istituto nel periodo delle iscrizioni; una visita alla scuola da parte delle famiglie guidata dai docenti; 19

20 una assemblea di classe nel mese di settembre, qualche giorno prima l inizio della scuola, a carattere esplicativo e organizzativo. nella scuola secondaria di primo grado: Colloqui individuali settimanali con i singoli docenti Colloqui generali per quadrimestre Per tutti gli ordini di scuola: colloqui individuali con la Presidenza Consiglio di Istituto a cui partecipano per tre anni i genitori eletti (nel nostro Istituto sei genitori); Consigli di Intersezione (per la scuola dell infanzia), Interclasse (per la scuola primaria), Classe(per la scuola secondaria di primo grado) a cui partecipano per un anno i Rappresentanti di Classe eletti (di norma tre incontri per anno scolastico) I genitori possono inoltre richiedere di riunirsi in assemblee di Classe, Plesso, Istituto. 20

21 PLESSO Scuola dell Infanzia Via Landoni Gli spazi: Piano terra 1 ampio corridoio 1 aula con piccola stanza adiacente 1 aula con porta di sicurezza per l uscita in giardino 1 locale per porzionamento pasti Primo piano 1 ampio corridoio 1 aula insegnanti 1 aula con piccola stanza adiacente 1 aula con porta di sicurezza verso la scala antincendio 1 piccola palestra di psicomotricità Nella scuola è presente un ampio giardino alberato, con uno scivolo e una casetta-gioco. Le attrezzature La scuola dell infanzia utilizza, in prevalenza, materiali flessibili e deperibili, a forte valenza manuale, operativa e creativa da parte di tutti i bambini. I docenti utilizzano i seguenti strumenti a carattere tecnologico, soprattutto per realizzare schede didattiche di lavoro per i bambini: - un computer - una stampante - una fotocopiatrice - un fax. La palestra del 1 piano è attrezzata in modo funzionale alle attività motorie e creativoespressive dei bambini ed è uno spazio-strumento importante. Nella palestra vi sono strumenti flessibili per la motricità e la realizzazione di giochi e percorsi (es. palle, cerchi, tappeti, un tunnel ). Il giardino ha spazi che rendono possibile realizzare attività motorie e ludiche, sia di carattere libero che organizzato (es. giochi di gruppo e percorsi ). La casetta è spazio aperto di gioco di gruppo e di fantasia. La biblioteca contiene libri e libri-gioco per educare i bambini all ascolto e alla capacità di rielaborazione di brevi storie e fiabe; la lettura operata dalle insegnanti, inoltre, è fondamentale per sviluppare la creatività e l immaginazione, oltre che a guidare il bambino nel riconoscimento delle categorie spazio-tempo e causa-effetto. Tempo scuola dalle ore 8.00 alle ore 16, dal lunedì al venerdì. 21

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime -

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Progetto Continuità" Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria 2010-11 11 Anno Scolastico 2010 Funzioni Strumentali A. Rubino Scuola Infanzia P. Stramonio Scuola

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri La documentazione Dall ICF alla DF al PDF al PEI La Diagnosi Funzionale (DF) 1. Utilizzo degli items di ICF nella definizione

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE Anno scolastico 2012-2013 INSEGNANTI Clagluna Alessandra Corvitto Giovanna De Gaetanis Antonella Ficicchia Valeria Giuliani Cristina

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave CARTA DEI SERVIZI Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave Provincia Reg. le di Catania 1 1. Premessa La presente Carta dei Servizi rappresenta

Dettagli

1 Circolo Didattico di Abbiategrasso

1 Circolo Didattico di Abbiategrasso 1 Circolo Didattico di Abbiategrasso Anno Scolastico 2011/2012 1 Indice Mappa pag. 3 La struttura del Circolo pag. 4 Premessa pag. 5 Obiettivi formativi Scuola dell Infanzia pag. 7 Obiettivi Formativi

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

RILEVAZIONE COMPETENZE LINGUISTICHE ITALIANO L2 ALUNNI STRANIERI I.C. Leonardo da Vinci

RILEVAZIONE COMPETENZE LINGUISTICHE ITALIANO L2 ALUNNI STRANIERI I.C. Leonardo da Vinci RILEVAZIONE COMPETENZE LINGUISTICHE ITALIANO L2 ALUNNI STRANIERI I.C. Leonardo da Vinci di Sorbolo-Mezzani a.s. 2013-2014 PREMESSA Essere alfabetizzati nella nostra lingua costituisce un buon indicatore,

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 3 SAN BERNARDINO BORGO TRENTO Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente Via G. Camozzini, 5 37126 Verona (VR) Tel.

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 DOMANDA DI ISCRIZIONE Al Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 _l_ sottoscritt in qualità di padre

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Rapporto di autovalutazione

Rapporto di autovalutazione Rapporto di autovalutazione Sommario 1. Codice meccanografico istituto principale...3 2. Griglie di autovalutazione...3 1.1 Esiti...3 1.2 Contesto e risorse...4 1.3 Processi...5 3. Individuazione obiettivi

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo GIORGIO GABER Scuola Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria I grado Via Trieste, 85 55041 Lido di Camaiore (LU) Tel. 0584 67563 Fax 0584 67047 e-mail: luic83200q@istruzione.it

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli