ISTITUTO COMPRENSIVO 2 -DATI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO COMPRENSIVO 2 -DATI"

Transcript

1 ISTITUTO COMPRENSIVO 2 -DATI Scuola ad indirizzo musicale Via Promiscua n 1-Boscoreale -Tel C.F PRQ 007 Mod PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO LINGUE STRANIERE Anno Scolastico 2013/2014 Lingua: Docente: Classe:

2 1. PRESENTAZIONE DELLA CLASSE Analisi del contesto

3 Primo livello: Comportamento corretto e collaborativo; metodo di studio efficiente; conoscenza completa e coordinata; ottima competenza specifica (valutazione in decimi 9/10) Secondo livello: comportamento corretto e impegno proficuo; metodo di studio autonomo e completo; conoscenza soddisfacente; buona competenza specifica ( valutazione in decimi 8) Terzo livello: comportamento corretto ed impegno costante; metodo di studio organizzato; buona conoscenza; competenza specifica adeguata ( valutazione in decimi 7 ) Quarto livello: comportamento generalmente corretto ed impegno settoriale; metodo di studio poco organico; conoscenza superficiale; competenza specifica approssimata (valutazione in decimi 6) Quinto livello: comportamento poco collaborativo; impegno incostante; metodo di studio non ancora autonomo; competenza modesta ( valutazione in decimi 5) Sesto livello: comportamento non collaborativo/ scorretto; impegno scarso/ nullo; metodo di studio poco efficace/ non efficace; conoscenza lacunosa/ molto lacunosa; competenza limitata/ molto limitata ( valutazione in decimi 3/ 4 )

4 2. DEFINIZIONE DEGLI INDICATORI COMUNI E DISCIPLINARI 2.1 AREA TRASVERSALE NON COGNITIVA ( comune a tutte le discipline ) Criteri Indicatore Descrittori 1)Parteci pazione 2)Consap evolezza degli impegni 3)Metodo di studio 4)Socializ zazione Atteggiamento dell alunno verso il lavoro scolastico Interviene con pertinenza esprimendo valutazioni personali 9/10 Se sollecitato, sa proporre il suo punto di vista 8 Presta attenzione, ma interviene raramente 7 Mostra superficiale attenzione e interviene raramente 6 Segue passivamente, non esprime opinioni personali da 5 a 3 Rispetto delle consegne Esegue i compiti in modo accurato e puntuale 9/10 Mostra consapevolezza negli impegni scolastici 8 Mostra consapevolezza, ma è superficiale nell esecuzione dei compiti 7 E superficiale e dispersivo nell esecuzione dei compiti 6 Non esegue mai i compiti e necessita di guida costante da 5 a 3 Capacità di organizzare il proprio lavoro Capacità comunicativo relazionali Sa collaborare ed offrire il suo apporto alle attività 9 /10 E autonomo e ordinato 8 Va guidato nella fase iniziale del lavoro 7 Il suo metodo non sempre è proficuo e produttivo 6 E incapace di operare da solo da 5 a 3 E aperto e disponibile 9/10 Sa controllare le proprie reazioni e osservare le regole della classe 8 Socializza con pochi e/o in modo superficiale 7 Non sempre valuta con attenzione le proprie reazioni Reagisce spesso in modo incontrollato instaurando difficili rapporti con i compagni da 5 a 3

5 2.2 AREA TRASVERSALE COGNITIVA (Prima e Seconda Lingua Comunitaria) Criteri Indicatori Descrittori 1) Comprensione delle Abilità nel comprendere le informazioni -Elaborazione operativa 9/10 lingua :orale e scritta contenute in una comunicazione -Elaborazione logica 8 -Elaborazione corretta 7 -Elaborazione meccanica 6 -Elaborazione stentata 5 2)Produzione orale Capacità di intervenire in scambi dialogici e fornire descrizioni -Elaborazione carente 4 -Completa ed analitica 9/10 -Piena 8 -Essenziale 7 -Sommaria 6 -Parziale 5 -Carente 4 3 )Produzione scritta Capacità di scrivere testi semplici e coerenti -Completa 9/10 -Disinvolta 8 -Corretta 7 -Essenziale 6 -Frammentaria 5 -Carente 4 4) Conoscenza ed uso delle strutture e delle funzioni linguistiche 5) Conoscenza della cultura e della civiltà Abilità nell utilizzare il repertorio linguistico conosciuto Osservazione Capacità di stabilire relazioni Analisi Sintesi Rielaborazione 6) Uso degli strumenti Utilizzo dei libri di testo e di altri sussidi didattici 7) Possesso dei linguaggi specifici Conoscenza dei termini inerenti le singole discipline -Completa 9/10 -Corretta 8 -Esauriente 7 -Essenziale 6 -Incerta 5 -Carente 4 -Autonome ed esaustive 9/10 -Autonome e coerenti 8 - Autonome 7 -Limitate 6 -Parziali 5 -Disorganiche 4 -Autonomo ed ordinato 9/10 -Autonomo ed adeguato 8 -Autonomo 7 -Guidato 6 -Incerto 5 -Inadeguato 4 -Approfondita ed interiorizzata9/10 -Approfondita ed appropriata 8 -Esauriente 7 -Superficiale 6 -Approssimata 5 -Lacunosa 4

6 2.3 DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI FORMATIVI DISCIPLINARI Tenuto conto dei traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di I grado per le lingue straniere, si delineano i seguenti obiettivi formativi: 1) COMPRENSIONE ORALE Comprensione di espressioni di uso quotidiano cogliendo l argomento del discorso nella sua globalità Individuazione di termini e informazioni attinenti ai contenuti di studio di altre discipline Comprensione di brevi testi multimediali 2) PRODUZIONE ORALE Esprimersi in modo semplice su argomenti di carattere quotidiano Interagire con uno o più interlocutori formulando domande e scambiandosi informazioni 3) COMPRENSIONE SCRITTA Comprensione nel senso globale di un testo concreto ed estrapolazione di informazioni specifiche 4) PRODUZIONE SCRITTA Scrivere brevi testi e/o lettere Rispondere a questionari e formulare domande 5) RIFLESSIONE SULLA LINGUA Conoscenza del funzionamento delle strutture grammaticali e delle principali funzioni comunicative Individuare analogie e differenze tra L1 e L2

7 3 COMPETENZE LINGUISTICHE Lingua: Ascoltare e comprendere semplici consegne, domande,informazioni Sostenere con corretta pronuncia, semplici conversazioni Leggere brevi e semplici testi con corretta pronuncia, cogliendone il messaggio globale Scrivere brevi e semplici testi di tipo personale Individuare analogie e differenze fra la lingua italiana e quella francese Civiltà: Accettazione e apprezzamento dei valori di culture diverse Rispetto delle diversità geografiche, storiche, sociali e politiche Educazione alla tolleranza 4 ABILITA LINGUISTICHE Comprendere i punti principali di messaggi e annunci semplici e chiari su argomenti di interesse personale, quotidiano, sociale o professionale Ricercare informazioni all interno di testi di breve estensione di interesse personale, quotidiano, sociale o professionale Descrivere in maniera semplice esperienze ed eventi relativi all ambito personale o sociale Utilizzare in modo adeguato le strutture grammaticali Interagire in semplici e brevi conversazioni su temi di interesse personale, quotidiano, sociale, o professionale Scrivere brevi testi di interesse personale, quotidiano, sociale, professionale Scrivere correttamente semplici testi su tematiche coerenti con i percorsi di studio Riflettere sui propri atteggiamenti in rapporto all altro in contesti multiculturali

8 5 METODOLOGIE. MEZZI E STRUMENTI. METODOLOGIA Esperienziale Comunicazione orale Comunicazione iconica Comunicazione grafica Comunicazione multimediale METODI Induttivo Deduttivo Sperimentale Ricerca/azione MEZZI E STRUMENTI VERIFICHE DEL CONSEGUIMENTO DEGLI OSA Libri di testo in adozione Libri della biblioteca degli alunni e dei docenti Materiale integrativo Schede illustrate Laboratori Accesso guidato ad internet Uso della posta elettronica Sussidi didattici disponibili Uscite didattiche e visite guidate Prove scritte ed orali non strutturate Prove strutturate Prove semi/strutturate Prove grafiche e grafico/pittoriche Prove pratiche STRATEGIE Lezione espositiva Problem posing e problem solving Cooperative learning Mappe concettuali Tutoring Ascolto guidato Prendere appunti Lettura veloce Mnemo/tecnic he

9 6 VERIFICHE E VALUTAZIONE Per la correzione delle verifiche scritte in Lingua straniera saranno adottati i seguenti criteri: 1) Correttezza grammaticale 2) Padronanza e varietà del lessico 3) Rispondenza alla richiesta della traccia 4) Coerenza e coesione del contenuto Per esprimere le valutazioni quadrimestrali e finali, ci si atterrà ai seguenti criteri: Raffrontare la situazione iniziale personale di ogni alunno con quella finale Tener conto dei ritmi di apprendimento, delle conoscenze e dell acquisizione delle abilità, delle potenzialità individuali e di tutte le situazioni che oggettivamente abbiano condizionato il processo formativo. Ogni tipo di valutazione sarà espressa in decimi partendo dal 4 Il docente La presente programmazione educativa didattica è stata approvata dal Consiglio di classe nella seduta del

10 VISTO, il Dirigente Scolastico L'originale viene depositato agli Atti in Presidenza, a disposizione di chiunque ne abbia interesse. MODULI ED UNITA DI APPRENDIMENTO LINGUA FRANCESE

11 MODULO PRIMO (Unità di apprendimento ) TITOLO:CONOSCENZE PRELIMINARI DELLA LINGUA FRANCESE. LA SCUOLA. CLASSE PRIMA COMPETENZE: Ascoltare e comprendere brevi messaggi orali relativi a se stessi e all ambito scolastico CONOSCENZE Primi elementi di fonetica francese Salutare Presentarsi/presentare qualcuno OSA/ABILITA Comprendere i principali elementi fonologici Comprendere/usare elementi linguistici, lessicali e socioculturali del francese Comunicare con semplici situazioni dialogiche. Comunicare in classe con i compagni e gli insegnanti. Parlare della professioni Identificare qualcosa/qualcuno Esprimere i propri gusti. Parlare delle proprie preferenze CONTENUTI: La scuola, le materie Interagire su argomenti di pertinenza della scuola. Scambiarsi informazioni relative a se stessi, alla propria professione, scuola, classe, aula. Conoscere/usare alcune funzioni della lingua per parlare dei propri gusti e delle proprie preferenze Conoscere semplici strutture

12 scolastiche, i giorni della settimana, gli sport, i numeri, le professioni, il materiale scolastico grammaticali: pronomi pers. sogg.,articoli determ. e indeterm, il presente ind. dei verbi essere, avere e di I gruppo, il plurale. MODULO SECONDO (Unità di apprendimento 3 4 ) TITOLO: LA CARTA D IDENTITA PARLO DI ME E DELLA MIA FAMIGLIA. CLASSE PRIMA COMPETENZE: Comunicare oralmente in attività che richiedono uno scambio di informazioni relative a se stessi e all ambito familiare CONOSCENZE Descrivere se stessi e gli altri dal punto di vista fisico e del carattere Chiedere/dire l età e la nazionalità Parlare della propria famiglia. Esprimere l appartenenza Parlare delle proprie passioni OSA/ABILITA Scambiarsi semplici informazioni personali Conoscere il funzionamento di semplici strutture grammaticali:la forma negativa,il femminile, il plurale dei nomi e degli aggettivi, gli agg. possessivi, i pronomi personali tonici, uso di il y a, la forma interrogativa Interagire con semplici dialoghi sulle relazioni familiari Ampliare il lessico CONTENUTI: La descrizione fisica e del carattere. Le nazionalità. La famiglia. I divertimenti e il tempo libero. La convivialità e l educazione alla pace.

13 MODULO TERZO (Unità di apprendimento 5-6) TITOLO: LA JOURNEE DE L ADOLESCENT CLASSE PRIMA COMPETENZE: Descrivere oralmente in modo semplice aspetti del proprio vissuto. CONOSCENZE OSA/ABILITA Parler de ses activitées quotidiennes Saper scandire i vari momenti delle giornata utilizzando un lessico adeguato Parler des vacances et des sports Saper osservare le immagini, ascoltare un testo ad esse inerente e comprenderne il significato Demander /dire l heure Comprendere /usare elementi linguistici e lessicali propedeutici alla comunicazione CONTENUTI: Les saisons et les lieux de vacances, les sport et les loisirs, les moyens de transports, les moments de la journée.

14 MODULO PRIMO (Unità di apprendimento ) TITOLO: L ESPACE ET LE TEMPS CLASSE SECONDA COMPETENZE: Comprendere ed usare funzioni e strutture nelle diverse situazioni di vita quotidiana. CONOSCENZE Se presente. Se situer dans l espace. Demander son chemin.indiquer les directions Parler au téléphone. Faire une pro position. Accepter/ Refuser. Parler de ses repas. Parler de la quantité. OSA/ABILITA Comprendere / usare alcune funzioni della lingua per presentarsi, chiedere informazioni, indicare le direzioni. Utilizzare funzioni e strutture in diverse situazioni di vita quotidiana. Comunicare in semplici situazioni dialogiche. Exprimer une opinion. Exprimer ses gouts. Parler de ses préférences. Interagire su argomenti di vita familiare e personale. Conoscere/usare alcune funzioni della lingua per parlare dei propri gusti e delle proprie preferenze

15 CONTENUTI: La maison. Le chemin. Le corps. Les saisons et les mois de l année. CIVILISATION: La convivialité. Utilizzare il lessico appreso. MODULO SECONDO (Unità di apprendimento 3 4 ) TITOLO :CA FAIT COMBIEN? CLASSE SECONDA COMPETENZE : Descrivere oralmente e per iscritto aspetti relativi ad ambiti specifici. Interagire per iscritto con brevi lettere. Leggere semplici testi di vita quotidiana CONOSCENZE Parler des repas Parler de la quantité Prendre une commande Exprimer une opinion. Raconter Parler du temps qu il fait. Ecrire une petite lettre pour parler de sa journée Comprendere/Usare la funzione comunicativa combien de. Utilizzare adeguatamente il lessico relativo agli alimenti Conoscere/usare le strutture verbali :passé composé, passé récent,. La negazione al passato. Conoscere/usare le strutture relative ai partitivi. Saper riconoscere/utilizzare l espressione di tempo il fait Saper scrivere un semplice messaggio tramite lettera CONTENUTI:Les aliments. Le menu. La méteo. Les médias

16 CIVILISATION.Education à la santé: L alimentation equilibré. Les médias. MODULO TERZO (Unità di apprendimento 5 6 ) TITOLO : ALLONS! LES COURSES CLASSE SECONDA COMPETENZE : Raccontare oralmente esperienze personali. Interagire con uno o più interlocutori su argomenti noti. CONOSCENZE Raconter une succession de faits passés. Les interjections Parler de l argent Exprimer la surprise. Parler des conditions de santé Les vetements. Les nombres jusqu à Les magasins OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO /ABILITA Comprendere ed usare il passato.i gallicismi:present progressif passé récent futur proche Comprendere e usare le funzioni discorsive delle unità Saper riconoscere e applicare le strutture esaminate in diverse situazioni di vita quotidiana Utilizzare il lessico appreso CONTENUTI: Les adolescents. L argent de poche CIVILISATION : Education à la santé

17 MODULO PRIMO (Unità di apprendimento ) TITOLO: LES LOISIRS ET LES SORTIES CLASSE TERZA COMPETENZE : Comprendere e usare le funzioni discorsive del modulo. Leggere e scrivere brevi testi. CONOSCENZE Présenter et décrire quelqu un. Demander/donner des informations. Localiser un lieu Donner son avis et demander une opinion Proposer/accepter/apprecier/refuser OSA/ABILITA Comprendere ed usare le strutture in situazioni pertinenti: gli interrogativi, i gallicismi, i pronomi relativi. Comprendere e usare le funzioni discorsive delle unità Saper utilizzare i verbi di gusto e i verbi in re Saper comprendere un testo e rispondere ad un questionario CONTENUTI: Les loisirs, la déscription physique et vestimentaire. CIVILISATION : Secondo i criteri di interdisciplinarietà

18 MODULO SECONDO (Unità di apprendimento 3 4 ) TITOLO: L ENVIRONNEMENT. LE TEMPS ET LA DUREE CLASSE TERZA COMPETENZE: Leggere testi riferiti al tempo ed alla durata. Comunicare in lingua orale e scritta in attività che richiedono uno scambio di informazioni. CONOSCENZE Exprimer le temps, la durée, les périodes historiques Exprimer la comparaison Poser des questions sur les faits. Parler des faits marquant d un vie Ecrire un texte indiquant les étapes du récit CONTENUTI: L invironnement, les périodes de l histoire OSA/ABILITA Saper produrre semplici situazioni dialogiche utilizzando le funzioni esaminate Analizzare e indicare le informazioni relative alle situazioni linguistiche studiate. Interagire su argomenti relativi al passato Saper utilizzare la lingua orale e scritta per descrivere avvenimenti storici CIVILISATION: Secondo i criteri di interdisciplinarietà

19 MODULO TERZO (Unità di apprendimento 5 6 ) TITOLO: LES OBJETS ET LE PAYSAGE CLASSE TERZA :COMPETENZE: Stabilire relazioni tra elementi linguisticocomunicativi e culturali propri della lingua. Chiedere spiegazioni, svolgere compiti e confrontare i risultati conseguiti L1/L2 CONOSCENZE Décrire des objets Suggérer et conseiller Exprimer ses émotions et ses états d ame Demander des conseils OSA/ABILITA Saper descrivere in forma orale e scritta Saper comunicare utilizzando funzioni e strutture esaminate Interagire su argomenti di vita personale Saper utilizzare la lingua per chiedere consigli ed esprimere opinioni CONTENUTI: Les objets, la matière, le paysage et le climat CIVILISATION : Secondo i criteri di interdisciplinarietà

20 MODULI ED UNITA DI APPRENDIMENTO LINGUA INGLESE

21 MODULO DI APPRENDIMENTO N 1 TITOLO: WELCOME MODULE MY FAMILY CLASSE PRIMA COMPETENZE : Ascoltare, comprendere e produrre brevi messaggi orali relativi a se stessi e all ambito familiare. O.S.A CONOSCENZE Salutare,chiedere e dire il nome, chiedere e dire l età,chiedere e dire la provenienza, chiedere e dire il colore degli oggetti, chiedere e dire che giorno, mese, anno e data è O.S.A ABILITA Interagire in semplici scambi dialogici usando le funzioni comunicative appropriate Presentarsi e presentare la propria famiglia Sapere usare le strutture ed il lessico adeguato Identificare oggetti e persone Saper completare una canzone con il lessico adeguato dopo averla ascoltata Parlare di possesso Utilizzare lo spelling

22 CONTENUTI: L alfabeto, saluti formali ed informali, pronomi interrogativi who-whatwhere, pronomi personali soggetto, presente di to be, aggettivi possessivi,aggettivi e pronomi dimostrativi, articoli indeterminativi e determinativicaratteristiche dell aggettivo, uso di how old CONTENUTI: l alfabeto, i numeri, i colori, i giorni della settimana, i mesi e le stagioni, gli oggetti scolastici, i saluti, le consegne usate a scuola, la famiglia, paesi e nazionalità MODULO DI APPRENDIMENTO N 2 TITOLO: PEOPLE AND PLACES CLASSE PRIMA COMPETENZE : Produrre semplici e brevi frasi per descrivere persone e oggetti (1). O.S.A CONOSCENZE Chiedere e dire dove si trova qualcosa Chiedere e dire l ora Descrivere una casa Descrivere le persone fisicamente O.S.A ABILITA Interagire in semplici scambi dialogici utilizzando le funzioni linguistiche appropriate. Saper riconoscere le caratteristiche di una tipica casa inglese utilizzando il lessico appropriato Produrre semplici frasi ortograficamente e grammaticalmente corrette Parlare di quantità Utilizzare le strutture adeguate Parlare di possesso

23 CONTENUTI: Preposizioni di luogo,genitivo sassone, there is /are + some/any, presente di to have got, uso di how many..? plurale dei nomi con eccezioni, Uso di what time? CONTENUTI : Oggetti di uso comune, casa e mobili, descrizione fisica MODULO DI APPRENDIMENTO N 3 TITOLO: LIKES AND DISLIKES CLASSE PRIMA COMPETENZE : Interagire scambiandosi informazioni nell ambito sociale utilizzando le funzioni comunicative e le strutture grammaticali apprese. O.S.A CONOSCENZE Parlare di abilità Ordinare qualcosa da mangiare o bere O.S.A ABILITA Interagire scambiandosi informazioni di tipo familiare e sociale Comunicare utilizzando brevi dialoghi di tipo sociale Chiedere e dire il prezzo Riconoscere ed utilizzare funzioni comunicative Dare ed eseguire comandi Saper usare l imperativo Parlare di ciò che piace e ciò che non piace Saper parlare e scrivere di ciò che piace e ciò che non piace

24 CONTENUTI: Uso del verbo can, how much..?, l imperativo, uso di to like, presente semplice, uso di connettori and/but/or,pronomi personali complemento. CONTENUTI: Attività del tempo libero, corpo, cibo e bevande, vestiti,verbi di movimento. MODULO DI APPRENDIMENTO N 1 TITOLO: REVISION MODULE CLASSE SECONDA COMPETENZE: Interagire in semplici scambi dialogici su argomenti di tipo personale, familiare e sociale. Saper leggere brevi testi. O.S.A CONOSCENZE Chiedere e dire informazioni personali O.S.A ABILITA Saper ascoltare concentrandosi sui messaggi orali e scritti proposti Parlare di azioni abituali Saper leggere adeguatamente brevi testi Chiedere e dire quello che qualcuno sta facendo Saper interagire in semplici scambi dialogici Parlare di ciò che piace o non piace Esprimere possesso

25 CONTENUTI: Ripetizione dei principali contenuti esaminati durante il primo anno scolastico, in particolare la revisione del presente semplice e del presente progressivo. Which/what, verbi + ing form, Uso di whose, pronomi possessivi, nomi numerabili e non numerabili, a lot /much /many CONTENUTI: Attività quotidiane, attività sportive, materie scolastiche, cibi e bevande, negozi e luoghi pubblici MODULO DI APPRENDIMENTO N 2 TITOLO: PAST ACTIONS CLASSE SECONDA COMPETENZE : Comprendere ed utilizzare funzioni comunicative relative ad eventi passati. Leggere brevi testi usando adeguatamente il dizionario. O.S.A CONOSCENZE Parlare di personaggi famosi del passato O.S.A ABILITA Saper individuare informazioni specifiche Parlare di viaggi nello spazio Comprendere ed utilizzare le funzioni del discorso in relazione ad eventi passati. Parlare di luoghi famosi Leggere un breve testo e usare un dizionario per trovare il passato dei verbi irregolari e le categorie grammaticali dei vocaboli cercati.

26 Parlare di azioni passate CONTENUTI: Il passato di to be, il passato dei verbi regolari,principali verbi irregolari, date+ to be born, how +aggettivo CONTENUTI : professioni, date, numeri superiori a 100, aggettivi qualificativi MODULO DI APPRENDIMENTO N 3 TITOLO: DESCRIPTIONS AND COMPARISONS CLASSE SECONDA COMPETENZE : Saper descrivere e fare confronti tra persone e oggetti. O.S.A CONOSCENZE Parlare di animali O.S.A ABILITA Saper fare dei confronti oralmente e per iscritto Parlare di hobby ed interessi Rispondere a semplici domande Parlare di intenzioni future Ascoltare e completare un intervista Fare proposte e rispondere Saper usare le strutture ed il lessico

27 appropriato CONTENUTI: Il comparativo di maggioranza, il superlativo, uso di be going to, uso di shall?/let s CONTENUTI: animali,aggettivi qualificativi, hobby,verbi di azione. MODULO DI APPRENDIMENTO N 1 TITOLO: REVISION MODULE CLASSE TERZA COMPETENZE: Comunicare in modo efficace esperienze personali interagendo con uno o piu interlocutori su argomenti noti. Scrivere lettere nell ambito personale, familiare e sociale. O.S.A CONOSCENZE Chiedere e dare informazioni personali O.S.A ABILITA Comunicare in modo efficace utilizzando le funzioni linguistiche acquisite Chiedere che cosa sta accadendo Parlare di intenzioni future Leggere e comprendere informazioni fattuali usando immagini, testi e registrazioni. Rispondere ad un questionario Parlare di eventi programmati Saper riflettere sulla lingua attraverso conoscenza di strutture già studiate Parlare di eventi passati Parlare di ciò che si sapeva fare da piccoli

28 CONTENUTI: ripetizione dei principali contenuti del secondo anno, particolarmente di quelli acquisiti in modo più labile. Presente semplice/presente progressivo, be going to/presente progressivo, past simple, which one/ones?, could CONTENUTI : attività per il tempo libero, verbi di azione MODULO DI APPRENDIMENTO N 2 TITOLO: PAST AND PRESENT CLASSE : TERZA COMPETENZE: Ascoltare e completare dialoghi relativi alla sfera sociale (negozi, cinema, ecc.). Leggere testi e rispondere a questionari. O.S.A CONOSCENZE Parlare di quanto stava accadendo in un determinato momento del passato O.S.A ABILITA Chiedere e dire cosa si stava facendo in determinati orari Confrontare passato e presente Scrivere un breve testo Parlare di abbigliamento Ascoltare e completare un dialogo Parlare di cinema Leggere un brano e rispondere ad un questionario Acquistare biglietti per il cinema Indovinare personaggi e oggetti

29 CONTENUTI: il passato progressivo, when/while, used to, too/enough, pronomi relativi, pronomi indefiniti CONTENUTI: preposizioni di moto,strumenti musicali, vestiti,modelli e stili, generi cinematografici, forme e materiali MODULO DI APPRENDIMENTO N 3 TITOLO: OUR FUTURE LIVES CLASSE : TERZA COMPETENZE: Comunicare oralmente e per iscritto i propri progetti futuri usando le funzioni comunicative e le strutture grammaticali adeguate. O.S.A CONOSCENZE Fare previsioni sul futuro O.S.A ABILITA Leggere un testo e completare delle frasi relative al testo stesso. Offrirsi di fare qualcosa Ascoltare e completare una conversazione Rammentare di fare qualcosa Riordinare le parole di una lettera Parlare di ambizioni e di lavori che piacerebbe fare Interagire usando le funzioni comunicative adeguate Parlare di situazioni ipotetiche Rispondere a domande di comprensione del testo

30 Parlare di situazioni immaginarie CONTENUTI: uso di will, il condizionale presente, il periodo ipotetico di 1 tipo e 2 tipo CONTENUTI: tecnologia, mobili e apparecchi, professioni, aggettivi per descrivere la personalità, verbi per cucinare.

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme I pronomi soggetto e complemento Gli aggettivi e pronomi possessivi

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a.

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a. SIS Piemonte Parlare del futuro, fare delle previsioni Specializzata: Paola Barale Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi a.a. 2003-2004 1 1. Contesto Liceo linguistico, secondo anno 2. Livello A2

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

STORIA CLASSI I E II

STORIA CLASSI I E II STORIA CLASSI I E II INDICATORE N 1 Descrittori di /livelli di comportamento Organizzazione delle informazioni. Riordinare graficamente e/o verbalmente i fatti vissuti e narrati, riconoscendo relazioni

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA - SITUAZIONE DI PAR ARTENZA TENZA: L analisi della situazione di partenza ha mirato a rilevare il possesso di prerequisiti considerati fondamentali per l individuazione

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Esami orali Trinity in inglese

Esami orali Trinity in inglese Esami orali Trinity in inglese (Graded Examinations in Spoken English - GESE) Syllabus 2010-2013 Questi titoli in inglese come lingua straniera si riferiscono ai livelli compresi tra A1 e C2 del Quadro

Dettagli

Nuovo sillabo della Certificazione PLIDA

Nuovo sillabo della Certificazione PLIDA Nuovo sillabo della Certificazione PLIDA Livelli A1-C2 Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Nota Il Nuovo sillabo della Certificazione PLIDA descrive i contenuti delle prove PLIDA per ognuno dei sei

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Sezione I: presupposti teorici della certificazione CILS

Sezione I: presupposti teorici della certificazione CILS testo:layout 1 12-10-2009 10:31 Pagina 9 Sezione I: presupposti teorici della certificazione CILS 1.1 La CILS - Certificazione di italiano come lingua straniera La CILS, Certificazione di Italiano come

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Approfondimento N 2. Scuola primaria

Approfondimento N 2. Scuola primaria Approfondimento N 2 Scuola primaria, Nuclei tematici e Obiettivi di apprendimento al termine della classe quinta Italiano L'allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori dei CFP di cui 47 del CIOFS FP e 6 del CNOS - FAP Dall analisi dei dati emerge che l 8 % dei formatori conosce abbastanza

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

PROGRAMMA MODULO B Didattica delle discipline CLASSI A245 A246 AREA COMUNE Data lezione Docente Numero

PROGRAMMA MODULO B Didattica delle discipline CLASSI A245 A246 AREA COMUNE Data lezione Docente Numero PROGRAMMA MODULO B Didattica delle discipline CLASSI A245 A246 AREA COMUNE Data lezione Docente Numero modulo Titolo Venerdì 14/11 Martinelli 1 Le quattro abilità linguistiche di base. I livelli di competenza

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

10 passi verso i CPIA

10 passi verso i CPIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione generale per l istruzione e formazione tecnica superiore e per i rapporti con i sistemi formativi delle

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE

STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE Arianna Danelon 1 1 Università degli Studi di Torino, Scuola di Dottorato in Scienze del Linguaggio

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS?

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS? Cos è il BULATS Il Business Language Testing Service (BULATS) è ideato per valutare il livello delle competenze linguistiche dei candidati che hanno necessità di utilizzare un lingua straniera (Inglese,

Dettagli

La salute vien mangiando

La salute vien mangiando La salute vien mangiando Progetto di Arricchimento dell Offerta Formativa Curricolo Verticale di Scienze Classi II A II B Scuola Primaria L. Illuminati a. s. 2013/2014 Insegnanti Leopardi Anna F., Moffa

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI DI ITALIANO - BIENNIO DI TUTTI GLI INDIRIZZI Conoscenze a) Conoscenza completa e ragionata della grammatica e dell

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

PAI Piano Annuale per l Inclusione

PAI Piano Annuale per l Inclusione ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli