INGLESE FRANCESE TEDESCO. Curricolo in verticale! dalla Scuola Primaria alla Scuola Secondaria di Primo Grado!

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INGLESE FRANCESE TEDESCO. Curricolo in verticale! dalla Scuola Primaria alla Scuola Secondaria di Primo Grado!"

Transcript

1 Istituto Comprensivo di San Daniele del Friuli - UDINE Scuole Primarie di Ragogna, San Daniele, Villanova, Dignano e Rive d Arcano Scuole Secondarie di primo grado di Ragogna e San Daniele del Friuli Lingue Straniere INGLESE FRANCESE TEDESCO Curricolo in verticale dalla Scuola Primaria alla Scuola Secondaria di Primo Grado declinato secondo le Indicazioni per il Curricolo 2012 e il Common European Framework riveduto e corretto durante l anno scolastico Apprendere una o più Lingue straniere accanto alla Lingua Italiana e - nel caso dei nostri territori - alla Lingua Friulana, aiuta bambini e ragazzi a diventare studenti consapevoli della propria cultura d origine e rispettosi di quella altrui individui preparati all incontro e al confronto con l altro e cittadini responsabili in grado di costruire relazioni significative. Page 1 of 27

2 1. Un patrimonio per la vita Qualcosa di prezioso per l educazione, il mondo del lavoro e il tempo libero Le lingue sono parte della ricchezza culturale della società e del mondo in cui viviamo, lavoriamo e viaggiamo. Imparare una o più lingue straniere contribuisce allo scambio tra culture, alla costruzione di un senso di appartenenza al mondo e alla soddisfazione personale di poter usare le proprie competenze per costruire relazioni significative. Gli studenti imparano a conoscere paesi, culture, comunità e genti diverse e, in un ottica di confronto, guadagnano maggiore consapevolezza della loro cultura e della loro comunità di appartenenza. La capacità di comprendere e comunicare in una lingua straniera è una competenza preziosa per tutta la vita e risulterà spendibile nello studio, nel lavoro e nei momenti di svago e di vacanza, sia nel proprio paese d origine che nel mondo. Imparare una lingua straniera fornisce allo Studente la possibilità di sviluppare la sua capacità di ascolto e comprensione, di lettura, scrittura e di espressione personale, e ne incoraggia la fiducia, l indipendenza e la creatività. Nell esplorare somiglianze e differenze con la Lingua Italiana (o la Lingua Madre nel caso di Studenti Stranieri da poco iscritti nella Scuola Italiana), sarà più facile comprendere come la comunicazione risulti efficace e produttiva quando costruita con consapevolezza. Lo sviluppo delle competenze comunicative nelle diverse lingue, inclusa la Lingua Italiana (Lingua Madre) e la Lingua Friulana nella gran parte dei casi, non può che arricchire lo sviluppo globale della persona e del cittadino europeo al passo con i tempi. The ability to understand and communicate in another language is a lifelong skill for education, employment and leisure in this country and throughout the world. Page 2 of 27

3 2. Un apprendimento continuo 2.1 Continuità Dalla scuola primaria alla scuola secondaria di primo grado, la programmazione è declinata in termini di verticalità e continuità, ed i contenuti disciplinari (lessico, grammatica, strutture) vengono presentati nel tempo secondo un ottica didattica di progressione e affinamento. L apprendimento di una lingua straniera è di fatto per sua natura ricorsivo ed ogni unità di apprendimento presenta nuovi contenuti, lessico e strutture sistematicamente richiamati, ripresi ed ampliati in unità successive con una modalità a spirale. 2.2 Trasversalità Lo sviluppo del sapere linguistico è osservato e progettato come insieme di competenze che crescono con la pratica e l esercizio. Le quattro abilità di base (ascolto, parlato, scrittura e lettura) sono presentate in maniera integrata, ovvero quanto più similmente accade nella vita reale, ed esercitate attorno a temi ed ambiti adatti e adattati all età degli allievi. Lo studio di una e più lingue straniere non si esaurisce al suo interno ma trova terreno fertile anche nel confronto con la propria o le proprie lingue madri (nel nostro territorio anche la lingua friulana, e nel caso di studenti stranieri la propria lingua e cultura): ecco che, trasversalmente, una gamma di contesti e attività avrà come finalità anche la riflessione sulla lingua e sulla cultura di cui ogni lingua è portatrice. 2.3 Cittadinanza consapevole In linea con le Raccomandazioni dell Unione Europea e con le recenti pubblicazioni dedicate alle 21st-century Skills, il curricolo incoraggia e stimola lo sviluppo di competenze trasversali in apprendimento continuo e la costruzione di un sapere dove conoscenze, abilità e attitudini contribuiscano allo sviluppo della persona e al suo inserimento in una società multietnica e plurilingue come cittadino attivo e consapevole. Progrediranno competenze trasversali di tipo inter-disciplinare (trovare nessi e legami tra le diverse competenze disciplinari) metodologico (saper procedere in base ad un metodo) interpersonale (sapersi relazionare con sé e con altri) culturale (sapersi relazionare con il proprio capitale culturale e quello dell altro) meta-cognitivo (saper operare riflettendo sui procedimenti dell apprendimento) e, attraverso il confronto con lingue e culture del mondo, lo sviluppo graduale di una sensibilità interculturale. Page 3 of 27

4 3. Dalla primaria alla secondaria 3.1 Una metodologia comune La metodologia nell insegnamento delle lingue straniere fa costante riferimento all approccio comunicativo-funzionale e al concetto di apprendimento ricorsivo o a spirale, e si costruisce seguendo un percorso basato su correlazione di partenza del noto con il non noto presentazione dei nuovi contenuti practice dei nuovi contenuti produzione dei nuovi contenuti 3.2 Lingua Inglese nella primaria (L2) Nella scuola primaria l approccio metodologico è essenzialmente di tipo ludico/comunicativo, basato sul principio del learning by doing e proposto in sequenze spontanee e naturali, ancorate e quanto i bambini già sanno nella lingua madre. connotandosi, tuttavia, di aspetti peculiari in relazione all età degli allievi. Il gioco ha un ruolo fondamentale: da un lato permette l attivazione di tutti i canali senso-percettivi (approccio VAK) e dall altro favorisce la risoluzione di situazioni ansiogene spesso connesse con l apprendimento di una nuova lingua, creando un clima positivo all interno della classe. Viene dato ampio spazio alla fase dell ascolto (linguaggio passivo), durante il quale l alunno assimila numerosi vocaboli e strutture che gli permettono di comprendere un codice diverso e di appropriarsene gradualmente; inizialmente l attività didattica privilegia la forma orale, sviluppando nell alunno la capacità di comprendere, tramite l associazione parola/immagine, parole/suono, parola/gesto o azione, semplici messaggi/parole e di rispondere in maniera adeguata. E importante rispettare la sequenza saper comprendere - saper parlare saper leggere - saper scrivere, variando l intensità e la durata delle fasi a seconda dell età dei bambini. Le finalità trasversali dell insegnamento della lingua straniera nella scuola primaria concorrono ad aiutare ad arricchire il linguaggio cognitivo dei bambini, offrendo loro uno strumento di organizzazione delle conoscenze che permetta agli alunni di ampliare le proprie possibilità comunicative avviandoli, attraverso lo strumento linguistico, alla comprensione e alla valorizzazione delle diversità etnico-culturali. Quanto ad un primo approccio agli aspetti culturali, è importante far comprendere all alunno che si avvicina alla lingua straniera che le sue strutture esprimono abitudini specifiche del Paese relativo alla lingua appresa: gli alunni verranno così accostati ad aspetti culturali adatti alla loro comprensione e si programmeranno attività per le principali festività delle società anglofone. Page 4 of 27

5 3.3 Lingua Inglese (L2) nella secondaria di primo grado La fase produttiva viene potenziata, si propone una riflessione sistematica sulle strutture e si contemplano obiettivi anche di tipo socio-culturale. I contenuti vengono proposti, senza una distinzione netta delle abilità ricettive e produttive che in questa fase interagiscono (integrated skills), attraverso un percorso didattico che prevede quattro fasi distinte: In particolare, queste fasi prevedono: presentazione - comprensione - ripetizione - assimilazione la preparazione alla nuova unità attraverso il richiamo di quanto appreso precedentemente la visione e/o ascolto del materiale introduttivo alla nuova unità didattica la comprensione globale del nuovo materiale attraverso domande (aperte/chiuse, vero/falso...) il ri-ascolto del nuovo materiale e ripetizione orale (listen and repeat) l analisi del nuovo lessico o di nuove strutture (focus on vocabulary / structures /use of English) la ripetizione attraverso esercizi di memorizzazione (pairwork, role-play, drama...) l esecuzione di esercizi di comprensione e produzione orale (descriptions, dialogues, presentations..) l esecuzione di esercizi di comprensione e produzione scritta (compilazione di tabelle, griglie, risposte a scelta multipla, vero/falso, riordino di una frase e di una storia, abbinamenti...) le strutture grammaticali vengono esplicitate, ma solo in seguito all esposizione a testi orali e scritti che le inseriscano in un adeguato contesto comunicativo. E sarà soprattutto il terzo anno di scuola secondaria di primo grado ad avviare lo studente sempre più verso l autonomia comunicativa, creando situazioni di comunicazione efficace, quanto più vicine alla vita reale. Page 5 of 27

6 3.4 Lingua Tedesca o Francese (L3) nella secondaria di primo grado L apprendimento di una seconda lingua comunitaria (L3) mette ulteriormente gli studenti in condizione di esercitare una cittadinanza attiva e consapevole al di fuori dei confini del territorio nazionale, all interno del patrimonio linguistico europeo, non solo confrontandosi con aspetti della propria cultura, ma anche riconoscendo l esistenza di differenti sistemi linguistici che sono veicolo, simbolo e strumento di comunicazione di culture diverse. La seconda lingua straniera (L3: Tedesco oppure Francese) a partire dal primo anno di scuola secondaria di primo grado arricchisce e favorisce la crescita del giovane studente europeo in un contesto di plurilinguismo e fornisce al tempo stesso strategie e strumenti utili per affrontare l apprendimento delle altre discipline ed altre eventuali lingue straniere. Cittadini d Europa e cittadini del Mondo. 3.5 Common European Framework La preparazione scolastica in uscita dalla scuola primaria si attesta comunemente attorno al livello A1 previsto dal Common European Framework; la preparazione in uscita dalla scuola secondaria di primo grado, tenendo conto delle debite differenziazioni, corrisponde ai livelli A2/B1 dello stesso, mentre la preparazione in uscita dal biennio superiore (tralasciando eventuali e ovvie differenze di competenza relative all indirizzo di studi) viene mediamente calcolata come riferita al livello B2: grado scolastico SCUOLA ITALIANA livello CEFR descrittori CEFR in uscita dalla SCUOLA PRIMARIA in uscita dalla SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A1 A2 / B1 BASIC SPEAKER A1: breakthrough or beginner from BASIC to INDEPENDENT SPEAKER A2: waystage or elementary B1: threshold or pre-intermediate Page 6 of 27

7 3.6 Valutazione delle Lingue Straniere e continual assessment Al fine di valutare il progressivo costruirsi delle competenze comunicative delle diverse lingue straniere, si annoverano di seguito le diverse tipologie di prove scritte ed orali somministrabili lungo tutto il percorso scolastico degli allievi, sebbene con gli adeguamenti e le selezioni operate nel rispetto dell età scolare per ciascun ordine di scuola. Oltre a queste, adeguata osservazione e registrazione sarà dedicata alle situazioni osservabili e valutabili ovvero a quei processi e a quelle circostanze di lavoro linguistico produttivo che concorrono al raggiungimento dei traguardi di competenza linguistica: a. prove scritte 1. prove oggettive a. scelta binaria (true/false; right/wrong) b. scelta multipla (multiple choice) c. completamento (fill-in exercises, cloze...) d. abbinamento (matching) e. riordino (ordering, sequencing...) f. trasformazione (transformation exercises) g. editing (mistake correction, odd ones out) h. performing tests (follow instructions ) i. dettato (dictation - numbers, words, sentences, passage ) j. risposte brevi (short answers) 2. prove soggettive a. prova scritta guidata (guided writing) b. prova scritta non guidata (free writing) c. risposta a domanda aperta (personal response) b. prove orali e situazioni valutabili 1. situazioni processabili e valutabili a. prove di verifica in sessione unica i. grammar and language test (prove strutturate) ii. reading comprehension iii. dictation iv. writing test v. speaking test vi. pair work: role plays and interviews vii. lettura viii. reading comprehension b. altre situazioni multi-sessione i. elaborazione di projects ii. ricerche, approfondimenti iii. padronanza dei fondamentali pre-requisiti linguistici (relativi a Lingua Inglese) 2. processi spontanei rilevabili e valutabili (area meta-cognitiva) i. interviene nella discussione ii. collabora con i compagni iii. prende appunti iv. ascolta v. reagisce positivamente al feedback comunicativo vi. riutilizza creativamente ciò che ha acquisito Page 7 of 27

8 Lingua INGLESE Lingua inglese - Scuola Primaria traguardi di competenza in uscita L alunno - riconosce se ha o meno capito messaggi verbali orali e semplici testi scritti, chiede spiegazioni, svolge i compiti secondo le indicazioni date in lingua straniera dall insegnante, stabilisce relazioni tra elementi linguistico-comunicativi e culturali appartenenti alla lingua materna e alla lingua straniera; - collabora attivamente con i compagni nella realizzazione di attività collettive o di gruppo, dimostrando interesse e fiducia verso l altro; - individua differenze culturali veicolate dalla lingua materna e dalla lingua straniera senza avere atteggiamenti di rifiuto; - comprende frasi ed espressioni di uso frequente, relative ad ambiti familiari (ad esempio informazioni di base sulla persona e sulla famiglia, acquisti, geografia locale, lavoro) ; - descrive in termini semplici, aspetti del proprio vissuto e del proprio ambiente ed elementi che si riferiscono a bisogni immediati - interagisce nel gioco e comunica in modo comprensibile e con espressioni e frasi memorizzate in scambi di informazioni semplici e di routine. Lingua inglese - Scuola Primaria obiettivi di apprendimento in uscita A. ASCOLTO: l alunno comprende istruzioni, espressioni e frasi di uso quotidiano pronunciate chiaramente. B. LETTURA: l alunno comprende cartoline, biglietti di auguri, brevi messaggi, accompagnati preferibilmente da supporti visivi, cogliendo parole e frasi con cui si è familiarizzato oralmente. C. PARLATO: l alunno interagire con un compagno per presentarsi, giocare e soddisfare bisogni di tipo concreto, utilizzando espressioni e frasi memorizzate adatte alla situazione, anche se formalmente difettose. D. SCRITTURA: l alunno è in grado di copiare e scrivere parole e semplici frasi attinenti alle attività svolte in classe. Page 8 of 27

9 Lingua inglese - Scuola Primaria obiettivi di apprendimento per prima seconda e terza A. ASCOLTO B. LETTURA C. PARLATO D. SCRITTURA A1 comprendere presentazioni e saluti B1 leggere semplici presentazioni e saluti C1 dare e chiedere informazioni sulla propria identità e su quella altrui D1 trascrivere o completare frasi riferite alla propria identità o quella altrui A2 comprendere istruzioni orali e formule di cortesia B2 leggere semplici istruzioni e i vocaboli legati alle formule di cortesia C2 chiedere e dare istruzioni orali; saper utilizzare espressioni di saluto D2 scrivere un breve messaggio A3 comprendere i numeri B3 collegare numeri in cifra a numeri in parola C3 dire i numeri (il proprio numero di telefono, la targa dell auto, anni, semplici operazioni orali,...) D3 eseguire operazioni con i numeri A4 comprendere l alfabeto inglese B4 leggere correttamente i vocaboli proposti e l alfabeto C4 pronunciare correttamente tutte le lettere dell alfabeto (spelling) D4 scrivere sotto dettatura A5 identificare oggetti scolastici, colori, animali, giocattoli, cibo, parti del corpo, stanze della casa, mobilio, indumenti, sport, dimensioni (What s this?) B5 leggere correttamente i vocaboli proposti e collegarli all immagine corrispondente C5 sostenere una facile conversazione strutturata in domande e risposte relativa ai nuclei tematici affrontati D5 trascrivere o completare frasi o saper descrivere una situazione tematica affrontata A6 comprendere domande su preferenze (What s your favourite.?) B6 leggere e comprendere questionari C6 chiedere e fornire informazioni su preferenze D6 trascrivere o completare frasi o saper descrivere una situazione tematica affrontata A7 localizzare oggetti, luoghi, animali e persone nello spazio (Where is?) B7 leggere informazioni riguardanti oggetti, luoghi, animali e persone nello spazio C7 dare e chiedere informazioni relative alla posizione di oggetti, luoghi, animali e persone D7 trascrivere o completare frasi o saper descrivere una situazione tematica affrontata A8 comprendere il lessico legato a particolari giorni del calendario (When s..?) B8 leggere il calendario con riferimento a giorni della settimana, mesi, stagioni e festività C8 rispondere e/o fare domande legate al calendario e festività D8 trascrivere o completare frasi o saper descrivere una situazione tematica affrontata A9 comprendere giochi, auguri, canti, filastrocche riferite a diverse ricorrenze B9 leggere frasi o semplici brani legati a giochi, auguri, canti, filastrocche C9 formulare auguri, recitare filastrocche, interpretare canti e partecipare a giochi D9 trascrivere o completare frasi o saper descrivere una situazione tematica affrontata. Page 9 of 27

10 Lingua inglese - Scuola Primaria programmazione per prima seconda e terza Sue Mohamed, Catia Longo, Happy Friends, Oxford University Press oppure Sarah Howell, Lisa Kester-Dodgson, Treetops, Oxford University Press oppure Sue Mohamed, Catia Longo, Friends Forever, Oxford University Press UNITA CONTENUTI TEMPI CL.1 saluti e colori RACCORDI INTERDISCIPLINARI UD1 - UD2 e CULTURA CL.2 compleanno e oggetti scolastici I bimestre ottobre novembre Arte e immagine Convivenza civile CL.3 ripasso e oggetti scolastici UD3 e CULTURA CL.1 numeri CL.2 stanze della casa CL.3 vestiti II bimestre dicembre gennaio Matematica Geografia Arte e immagine Convivenza civile UD4 - UD5 e CULTURA CL.1 famiglia e oggetti scolastici CL.2 vestiti e animali III bimestre febbraio marzo Geografia Scienze Arte e immagine Convivenza civile CL.3 famiglia e stanze della casa UD6 e CULTURA CL.1 animali e parti del viso CL.2 parti del corpo e cibo CL.3 cibi e oggetti preferiti IV bimestre aprile maggio Scienze Arte e immagine Convivenza civile NOTA: il programma effettivamente svolto può per ragioni diverse e giustificabili discostarsi da quello ipotizzato. Page 10 of 27

11 Scuola Primaria: obiettivi di apprendimento per quarta e quinta A. ASCOLTO B. LETTURA C. PARLATO D. SCRITTURA A1 conoscere e comprendere informazioni su ore, giorni della settimana, mesi, date (numeri cardinali) B1 leggere e comprendere informazioni su ora, giorni della settimana, mesi, date (numeri cardinali) C1 sapere dare informazioni su ora, giorni della settimana, mesi, date (numeri cardinali) D1 produrre frasi inerenti a ora, giorni della settimana, mesi, date (numeri cardinali). A2 conoscere e comprendere il tempo atmosferico B2 leggere e comprendere informazioni sul tempo atmosferico C2 sapere dare informazioni sul tempo atmosferico D2 produrre frasi inerenti al tempo atmosferico. A3 comprendere informazioni su abilità e capacità B3 leggere e comprendere informazioni su abilità e capacità C3 dare e chiedere informazioni su abilità e capacità D3 produrre brevi testi su abilità e capacità. A4 comprendere e conoscere il lessico relativo ad ambienti, hobby, sport, mestieri, edifici, negozi, cibo, denaro B4 leggere correttamente brevi testi relativi ai vocaboli proposti C4 sostenere una facile conversazione strutturata in domande e risposte relativa ai nuclei tematici affrontati D4 produrre brevi brani relativi a una situazione tematica affrontata A5 localizzare oggetti, luoghi, animali e persone nello spazio (Where is?) B5 leggere informazioni riguardanti oggetti, luoghi, animali e persone nello spazio C5 saper dare indicazioni relative alla posizione di oggetti, luoghi, animali e persone D5 produrre brevi brani relativi a una situazione tematica affrontata A6 comprendere domande su preferenze (I like /What s your favourite.?) B6 leggere e comprendere semplici brani relativi a preferenze personali C6 chiedere e fornire informazioni su preferenze D6 produrre brevi brani relativi a una situazione tematica affrontata A7 conoscere alcuni elementi della grammatica inglese: articoli; preposizioni; singolare/plurale; terza persona singolare; verbo essere e avere; aggettivi; pronomi personali; genitivo sassone B7 leggere e comprendere alcuni elementi della grammatica inglese C7 saper utilizzare in modo corretto gli elementi della grammatica inglese proposti D7 saper utilizzare in modo corretto gli elementi della grammatica inglese proposti Page 11 of 27

12 Lingua inglese - Scuola Primaria programmazione per quarta e quinta Sue Mohamed, Catia Longo, Happy Friends, Oxford University Press oppure Sarah Howell, Lisa Kester-Dodgson, Treetops, Oxford University Press oppure Sue Mohamed, Catia Longo, Friends Forever, Oxford University Press UNITA CONTENUTI TEMPI RACCORDI INTERDISCIPLINARI UD1 - UD2 e CULTURA CL.4 animali, casa e famiglia CL.5 natura e mestieri I bimestre ottobre novembre Scienze Convivenza civile UD3 e CULTURA CL.4 tempo atmosferico, tempo libero e persone famose CL.5 routine giornaliera II bimestre dicembre gennaio Scienze Convivenza civile UD4 - UD5 e CULTURA CL.4 negozi, denaro, alimenti e pasti, edifici e orientamento CL.5 negozi, denaro, hobbies e sports III bimestre febbraio marzo Scienze Matematica Arte e immagine Convivenza civile UD 6 e CULTURA CL.4 edifici e orientamento, animali selvaggi CL.5 l inglese nel mondo IV bimestre aprile maggio Scienze Geografia Arte e immagine Convivenza civile NOTA: il programma effettivamente svolto può per ragioni diverse e giustificabili discostarsi da quello ipotizzato. Language and communication are at the heart of human experience. Page 12 of 27

13 INGLESE FRANCESE TEDESCO Scuola Secondaria di primo grado traguardi di competenza e obiettivi comuni alle Lingue Straniere TRAGUARDO di COMPETENZA comprendere i punti chiave in una conversazione OBIETTIVO di APPRENDIMENTO DISCIPLINARE OBIETTIVI di APPRENDIMENTO SPECIFICI ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI UNITA di APPRENDIMENTO TEMPI STRUMENTI METODOLOGIA APPROFONDIMENTO RINFORZO RECUPERO PROVE ADATTAMENTO Ascolto capire i punti essenziali di un discorso inerente ambiti di interesse relativi all età dell allievo cogliere il senso generale di una conversazione distinguere tra informazioni specifiche richieste e parti accessorie di un messaggio orale inferire informazioni dal testo ascoltato (età dei parlanti, provenienza, momento e luogo della conversazione ) sa riconoscere sa distinguere sa inferire ricorsivamente libro di testo digitale e quaderno materiale audio materiale video realia LIM Il lavoro di classe prevede quotidianamente occasioni per comprensione di un messaggio da parte dell insegnante comprensione di un messaggio da parte di un compagno comprensione di un messaggio audio-video in classe: materiale audio-video a casa: materiale audio-video prove di ascolto (anche per allenamento/autovalutazione) dettato Allievi che seguano eventuali Piani Didattici Personalizzati e Piani Educativi Individualizzati usufruiranno di misure dispensative e strumenti compensativi. In particolare, per la prova di ascolto si prevedono semplificazione dei materiali e delle richieste diversa strutturazione della prova Page 13 of 27

14 TRAGUARDO di COMPETENZA OBIETTIVO di APPRENDIMENTO DISCIPLINARE OBIETTIVI di APPRENDIMENTO SPECIFICI ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI UNITA di APPRENDIMENTO TEMPI STRUMENTI METODOLOGIA APPROFONDIMENTO RINFORZO RECUPERO PROVE ADATTAMENTO comunicare con uno o più interlocutori in contesti che gli sono familiari e su argomenti noti esporre punti-chiave di un racconto e le proprie opinioni Parlato interazione orale produzione orale interagire in semplici dialoghi, chiedendo e rispondendo descrivere ed illustrare spiegare, dare ragioni raccontare e narrare (dal secondo anno) prospettare scelte ed eventi futuri (dal secondo/terzo anno) sa porre quesiti sa offrire una risposta sa dire che non sa o non ricorda sa chiedere di ripetere ricorsivamente libro di testo digitale e quaderno materiale audio materiale video realia LIM Il lavoro di classe prevede quotidianamente occasioni per conversazione con l insegnante conversazione con un compagno esposizione di proprie conoscenze, idee, ragioni esposizione di materiale preparato a casa o in classe in classe: conversazioni, role plays in coppie o gruppetti a casa: preparazione presentazioni e test orale occasioni di conversazione in classe (spontanea o su argomenti preparati) role-plays: conversazioni in situazione esposizione di argomento preparato test orale Allievi che seguano eventuali Piani Didattici Personalizzati e Piani Educativi Individualizzati usufruiranno di misure dispensative e strumenti compensativi. In particolare, per la prova orale si prevedono semplificazione dei materiali e delle richieste utilizzo di immagini, mappe e schemi di supporto Page 14 of 27

15 TRAGUARDO di COMPETENZA OBIETTIVO di APPRENDIMENTO DISCIPLINARE OBIETTIVI di APPRENDIMENTO SPECIFICI ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI UNITA di APPRENDIMENTO TEMPI STRUMENTI METODOLOGIA APPROFONDIMENTO RINFORZO RECUPERO PROVE ADATTAMENTO leggere con corretta pronuncia e intonazione comprendere le informazioni primarie e secondarie in un testo Lettura lettura ad alta voce comprensione di un testo scritto lettura comprensibile di parole, frasi, paragrafi, con pronuncia ed intonazione corrette e distinzione di pause, ed altri segni linguistici comprensione di un messaggio scritto, nel suo senso globale e nei dettagli richiesti fare lo spelling di parole anche non note pronunciare correttamente le principali parole studiate leggere con intonazione distinguere tra scrittura e lettura di un vocabolo comprendere globalmente un testo scritto ricavare informazioni richieste da un testo scritto ricorsivamente libro di testo materiale scritto o digitale Il lavoro di classe prevede quotidianamente occasioni per ascolto, ripetizione ed imitazione della lettura presentata occasioni di lettura e rilettura in classe comprensione di testi scritti tramite questionario, vero/falso, griglie e altra modalità in classe: materiale audio-video, lettura dell insegnante a casa: materiale audio-video, libro di testo, materiale proposto dagli allievi in caso di ricerca lettura ad alta voce prova di comprensione di un testo scritto Allievi che seguano eventuali Piani Didattici Personalizzati e Piani Educativi Individualizzati usufruiranno di misure dispensative e strumenti compensativi. In particolare, per la prova di comprensione scritta si prevedono semplificazione dei materiali e delle richieste adattamento grafico dei materiali utilizzo di immagini, mappe e schemi di supporto Page 15 of 27

16 TRAGUARDO di COMPETENZA OBIETTIVO di APPRENDIMENTO DISCIPLINARE OBIETTIVI di APPRENDIMENTO SPECIFICI ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI UNITA di APPRENDIMENTO TEMPI STRUMENTI METODOLOGIA APPROFONDIMENTO RINFORZO RECUPERO PROVE ADATTAMENTO produrre testi scritti per il racconto di situazioni, avvenimenti ed esperienze familiari o note interagire in forma scritta in contesti dati Scrittura interazione scritta produzione scritta compilare schede che richiedano dati personali interagire in dialoghi scritti, fornendo risposta o ricostruendo la domanda costruire un dialogo su traccia, operando decisioni su lessico, grammatica e strutture appropriati al contesto esporre fatti e situazioni in forma scritta (risposta a quesito, breve composizione, cartolina, lettera personale, , post ) esporre fatti e situazioni formulare quesiti fornire risposte gestire le convenzioni legate al tipo di comunicazione scritta (avviso, lettera, , annotazione ) ricorsivamente libro di testo digitale e quaderno video-scrittura LIM Il lavoro di classe prevede quotidianamente occasioni per scrittura di parole, frasi, mini-dialoghi, paragrafi risposta scritta a quesiti composizione di brano (guidata o libera) in classe: copiatura da testo dato; scrittura di vocaboli, frasi o paragrafi; scrittura guidata; dettato a casa: scrittura di vocaboli, espressioni, frasi e paragrafi secondo gli esercizi proposti dal testo e dall insegnante; copiatura da testo dato; scrittura modellata su testo dato risposta a quesiti scritti elaborazione di dialogo su traccia redazione di messaggio in situazione (annotazione, invito, cartolina, lettera, , post ) esposizione scritta di argomento preparato Allievi che seguano eventuali Piani Didattici Personalizzati e Piani Educativi Individualizzati usufruiranno di misure dispensative e strumenti compensativi. In particolare, per lo svolgimento delle prove scritte si prevedono adattamento grafico dei materiali dispensa dalla produzione scritta libera utilizzo di colori, immagini, mappe e schemi di supporto semplificazione delle richieste formulazione in italiano delle richieste riduzione delle richieste / tempi supplettivi uso del dizionario Page 16 of 27

17 TRAGUARDO di COMPETENZA OBIETTIVO di APPRENDIMENTO DISCIPLINARE OBIETTIVI di APPRENDIMENTO SPECIFICI ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI UNITA di APPRENDIMENTO TEMPI STRUMENTI METODOLOGIA PROVE costruire ed affinare una sensibilità linguistica e culturale imparare a imparare Riflessione sulla lingua sulla cultura sull apprendimento riflettere sulla lingua: rilevare regolarità e differenze, confrontare parole e strutture, raffinando il proprio patrimonio comunicativo; operare confronti con la propria cultura di appartenenza o con altre (Italiano L1, L3 o Lingua Madre quando diversa da italiano L1) riflettere sulla cultura: riconoscere la lingua come veicolo di trasmissione di cultura; comprendere e richiamare conoscenze socio-culturali relative ai paesi di lingua straniera, oppure desunte da testi in lingua straniera che trattino di tematiche, avvenimenti e fatti di interesse (CLIL, attività interdisciplinari, progetti) riflettere sull apprendimento: creare un proprio metodo quanto più efficace di apprendimento, sviluppando capacità di autovalutazione e ricorrendo a strumenti e risorse in grado di affiancare l apprendimento e l esecuzione di tasks richiesti; utilizzare le conoscenze meta-linguistiche per migliorare le proprie competenze analizzare confrontare collegare provare correggere sintetizzare vi concorrono tutte le unità ricorsivamente libro di testo digitale e quaderno materiale digitale o scritto scelto da docente / allievi confronto verbale riflessione secondo domande guida fruizione spettacoli / film / musica Il lavoro di classe costruisce spesso occasioni per legare lingua e cultura approfondire tematiche di interesse riflettere sulle strategie di apprendimento Occasionalmente, si presenteranno occasioni per costruire progetti speciali (teatro, ricerche, filmati ) realizzare progetti per CLIL auto-valutare le proprie prestazioni riflettere su strategie di miglioramento prove di conoscenza culturale momenti di autovalutazione orale e scritta correzione individuale o a coppie delle prove scritte Page 17 of 27

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme I pronomi soggetto e complemento Gli aggettivi e pronomi possessivi

Dettagli

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a.

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a. SIS Piemonte Parlare del futuro, fare delle previsioni Specializzata: Paola Barale Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi a.a. 2003-2004 1 1. Contesto Liceo linguistico, secondo anno 2. Livello A2

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Liceo scientifico A. Einstein

Liceo scientifico A. Einstein Liceo scientifico A. Einstein Cervignano del Friuli CLASSE 1^ALSA PROGRAMMA DIDATTICO MODULI REALIZZATI Disciplina: LINGUA E LETTERATURA INGLESE Prof.ssa Marilena Beltramini Anno scolastico 2013-2014 PROGRAMMA

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS?

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS? Cos è il BULATS Il Business Language Testing Service (BULATS) è ideato per valutare il livello delle competenze linguistiche dei candidati che hanno necessità di utilizzare un lingua straniera (Inglese,

Dettagli

Esami orali Trinity in inglese

Esami orali Trinity in inglese Esami orali Trinity in inglese (Graded Examinations in Spoken English - GESE) Syllabus 2010-2013 Questi titoli in inglese come lingua straniera si riferiscono ai livelli compresi tra A1 e C2 del Quadro

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Viva le vacanze! Leitfaden

Viva le vacanze! Leitfaden Viva le vacanze! Viva le vacanze! è un corso ideato per un pubblico adulto, senza preconoscenze della lingua italiana ed interessato ad acquisire una competenza linguistica e culturale di base, soprattutto

Dettagli

1. SIMPLE PRESENT. Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente.

1. SIMPLE PRESENT. Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente. 1. SIMPLE PRESENT 1. Quando si usa? Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente. Quanto abitualmente? Questo ci viene spesso detto dalla presenza

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Key English Test for Schools. Informazioni per i candidati

Key English Test for Schools. Informazioni per i candidati Key English Test for Schools Informazioni per i candidati Informazioni per i candidati: il Test KET per le Scuole Perché decidere di sostenere il KET (Key English Test) per le Scuole? Un buon risultato

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D Present Perfect Affirmative Forma intera I have played we have played you have played you have played he has played

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not?

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not? Il passato Grammar File 12 Past simple Il past simple inglese corrisponde al passato prossimo, al passato remoto e, in alcuni casi, all imperfetto italiano. Con l eccezione del verbo be, la forma del past

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Sezione I: presupposti teorici della certificazione CILS

Sezione I: presupposti teorici della certificazione CILS testo:layout 1 12-10-2009 10:31 Pagina 9 Sezione I: presupposti teorici della certificazione CILS 1.1 La CILS - Certificazione di italiano come lingua straniera La CILS, Certificazione di Italiano come

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

1. E indispensabile da sapere! Les must 1. Sì, è piacevole cominciare con la parola di assenso: sì Oui 2. A volte però non c è scelta, e siamo

1. E indispensabile da sapere! Les must 1. Sì, è piacevole cominciare con la parola di assenso: sì Oui 2. A volte però non c è scelta, e siamo 1. E indispensabile da sapere! Les must 1. Sì, è piacevole cominciare con la parola di assenso: sì Oui 2. A volte però non c è scelta, e siamo costretti a dire no... chi vi sente capisce subito che per

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life PRESENT SIMPLE Indicativo Presente = Presente Abituale Prerequisiti: - Pronomi personali soggetto e complemento - Aggettivi possessivi - Esprimere l ora - Presente indicativo dei verbi essere ed avere

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento Scuola primaria: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

PRESENT PERFECT CONTINUOS

PRESENT PERFECT CONTINUOS PRESENT PERFECT CONTINUOS 1. Si usa il Present Perfect Continuous per esprimere un'azione che è appena terminata, che si è prolungata per un certo tempo e la cui conseguenza è evidente in questo momento.

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE

STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE Arianna Danelon 1 1 Università degli Studi di Torino, Scuola di Dottorato in Scienze del Linguaggio

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

PROGETTO COMPETENZE LINGUISTICHE PROVINCIA DI TORINO. Anno scolastico 2008-2009. Prima fase

PROGETTO COMPETENZE LINGUISTICHE PROVINCIA DI TORINO. Anno scolastico 2008-2009. Prima fase PROGETTO COMPETENZE LINGUISTICHE PROVINCIA DI TORINO Anno scolastico 2008-2009 Prima fase Responsabile del progetto per la Provincia di Torino Sheila Bombardi Responsabile del progetto per British Institutes

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Approfondimento N 2. Scuola primaria

Approfondimento N 2. Scuola primaria Approfondimento N 2 Scuola primaria, Nuclei tematici e Obiettivi di apprendimento al termine della classe quinta Italiano L'allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli