Istituto Comprensivo Statale Giovanni XXIII- Piazzi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Istituto Comprensivo Statale Giovanni XXIII- Piazzi"

Transcript

1 Istituto Comprensivo Statale Giovanni XXIII- Piazzi C. F Cod.Mecc. PAIC8AL00X Sede Scuola Secondaria di 1 Grado: Via Mario Rutelli, Palermo tel. 091/ fax 091/ Direzione Didattica: Via Sampolo, Palermo tel. 091/ fax 091/ Pec: - Sito: Anno scolastico 2013/14 Dirigente Scolastico Prof. ssa Aurelia Patanella 1

2 PRESENTAZIONE Il Piano dell Offerta Formativa è il documento fondamentale dell identità culturale e progettuale della Scuola. È il risultato dell analisi del contesto, svolta dal Collegio dei Docenti che ha considerato la cultura pregressa dell istituto relativa all organizzazione e al sistema di competenze, le macro tendenze socio-culturali della società odierna, i bisogni e le risorse locali nelle sue componenti storico sociali. Su tali basi, esso delinea l insieme dei bisogni formativi degli alunni e definisce i servizi generali che l Istituto eroga, evidenziando le scelte educative curriculari, didattiche e organizzative che si intende esprimere e realizzare nell anno scolastico 2013/2014. Il seguente schema grafico ne propone i punti salienti. IL CONSIGLIO D ISTITUTO delibera GLIINDIRIZZI ELE SCELTE GENERALI DI GESTIONE E DI AMMINISTRAZIONE GLI ORGANISMI E LE ASSOCIAZIONI DI GENITORI E STUDENTI esprimono PROPOSTE E PARERI IL COLLEGIO DEI DOCENTI definisce L ELABORAZIONE DEL PIANO IL CONSIGLIO DI ISTITUTO adotta IL P.O.F. L UFFICIO DI SEGRETERIA consegna IL POF ALLE FAMIGLIE 2

3 1. L Istituto Comprensivo 1.1 La scuola e la sua storia L istituto comprensivo Giovanni XXIII-Piazzi nasce dalla fusione di due prestigiose istituzioni scolastiche: la scuola dell infanzia e primaria Giovanni XXIII già denominata Trieste, ubicata in Via Sampolo n.63 e la scuola secondaria di I grado Giuseppe Piazzi. La scuola Giovanni XXIII, nata come scuola per il reggimento Trieste, da cui prese la prima denominazione, è stata costruita nei primi anni del 900. Alla fine degli anni 50, fu trasformata in scuola speciale perché accoglieva gli alunni in situazione di handicap provenienti da tutta la città. Accanto alle classi speciali,funzionavano anche classi comuni. Abolite le classi speciali, la scuola ha mantenuto un apertura particolare alle problematiche dell integrazione. La Secondaria di I grado Giuseppe Piazzi vanta più di 140 anni di storia, fu istituita nell'anno scolastico 1868/69 come Scuola Tecnica Parallela alla scuola "regia". Nel 1876 l'istituto prese il nome del celebre astronomo Giuseppe Piazzi. Nell'anno 1879/80 venne istituita una scuola telegrafica, provvista di macchine proprie. La Scuola Tecnica "Giuseppe Piazzi" fu premiata con medaglia d'argento per il disegno all'esposizione Scolastica di Palermo nel 1888, con medaglia di bronzo all'esposizione Universale di Parigi nel Di questa lunghissima tradizione tecnico-scientifica, si conserva memoria nel museo interno, che custodisce alcuni antichi strumenti realizzati nelle sue officine. Negli anni '20 prese la denominazione di"scuola Complementare" e in seguito divenne Istituto di Avviamento Professionale. Con l'istituzione della "Scuola Media Unica" (1962) la "Piazzi" diventa scuola media e negli anni 70 viene trasferita in via Libertà. Dall'anno scolastico 1997/98, si trova in via Mario Rutelli n 50, nel luogo dove furono uccisi il giudice Cesare Terranova ed il maresciallo Lenin Mancuso, dei quali si conservano memoria e testimonianza non solo con una lapide sul muro di recinzione ma soprattutto attraverso una costante attività di educazione alla legalità. I due istituti già da anni collaborano attraverso percorsi di continuità e d integrazione, e strutturano azioni didattiche personalizzate e nel contempo rispondenti alla specificità del territorio. Oggi l Istituto Comprensivo, forte delle proprie tradizioni culturali, crea le condizioni per ricondurre in unico percorso strutturante, i molteplici apprendimenti che il mondo contemporaneo offre. Ciò per favorire un processo formativo verticale, in grado di durare lungo tutto l arco della vita. 3

4 2. Territorio 2.1 Il Contesto Sociale L Istituto opera in una zona residenziale in cui sono presenti negozi, uffici e banche. Il territorio è ricco di risorse di vario tipo. Esistono spazi attrezzati per l'aggregazione ed il tempo libero, offerti da Istituzioni religiose come l'istituto Don Bosco Ranchibile, il Don Bosco Sampolo, la chiesa di Maria Ausiliatrice, la Chiesa di San Luigi. Nelle zone limitrofe ci sono strutture sportive private, sale cinematografiche e teatri. Sono presenti anche la delegazione di Circoscrizione con centro sociale annesso, il Consultorio familiare, l ASP 2 con servizio di Medicina scolastica-neuropsichiatria infantile, l Associazione dei genitori (AGE) Boy scout, Aziende che erogano servizi pubblici e i distaccamenti di Pubblica Sicurezza. L interazione col territorio è costante. Il quartiere presenta un'alta densità abitativa e commerciale ed alcuni aspetti negativi come: mancanza di spazi verdi adeguati, traffico intenso, difficoltà di posteggio. La popolazione scolastica è eterogenea dal punto di vista sociale e culturale; vi sono famiglie di professionisti, impiegati, commercianti, operai ed artigiani. Negli ultimi anni è aumentata la presenza di immigrati e di alunni in situazione di disagio. Pertanto l Istituto fornisce un offerta formativa e didattica individualizzata. Tutto il personale da tempo si impegna affinché i bisogni individuali e del gruppo di appartenenza si incontrino con quelli della comunità. Le famiglie hanno un atteggiamento positivo nei confronti della scuola, vista come luogo di crescita e di formazione culturale. Alta è la partecipazione agli incontri scuola-famiglia. 2.2Iniziative Scuola Territorio 4

5 La scuola interagisce con il territorio collaborando con associazioni ed enti pubblici e privati. Partendo da una attenta analisi dei bisogni recepisce o elabora iniziative di: Arricchimento/potenziamento dell offerta formativa. Accordi di rete con altre scuole di ogni ordine e grado appartenenti a diversi contesti territoriali della città di Palermo e dei Comuni della provincia. Convenzioni e protocolli d'intesa con enti pubblici o privati. Supporto agli alunni disabili e in situazione di svantaggio socioculturale. Messa in sicurezza e miglioramento delle strutture. Autovalutazione. Progettazione e realizzazione di percorsi PON e POR. Formazione del personale. Supporto al lavoro dei docenti. Sono numerose le attività proposte: Sport a scuola: CONI, Centro Sportivo Piazzi Musica e teatro:massimo, Politeama Garibaldi, Zappalà, Play group, associazioni musicali La scuola al cinema Addiopizzo Navigazione sicura (polizia postale) Educazione alla salute e alla relazione (ASP e Consultorio) Intercultura (eshaparents) 2.3 Iniziative di Solidarietà Nel corso dell anno scolastico, le classi della scuola organizzano iniziative di solidarietà e partecipano a quelle proposte da: UNICEF, TELETHON, Associazione AIL, Telefono Azzurro, parrocchie e simili. 5

6 3. Offerta formativa 6

7 3.1 Principi Guida L Istituto Comprensivo crea le condizioni perché si affermi una scuola unitaria di base, attraverso la progettazione, realizzazione e verifica di un curricolo verticale, che prenda in carico i bambini dall età di quattro/cinque anni e li guidi fino al termine del primo ciclo d istruzione. L itinerario scolastico è progressivo, continuo, orientativo ed inclusivo pur nella specificità educativa delle tre tipologie di scuola. L orizzonte di riferimento per progettare percorsi per la promozione delle competenze deve essere quello delle otto competenze chiave raccomandate dal Parlamento europeo (Raccomandazione del 2006). Nella elaborazione del curricolo la scuola diversifica le proposte didattiche, collegate in un ottica transdisciplinare e centrate sull acquisizione delle seguenti competenze: cittadinanza attiva imparare ad imparare progettare comunicare collaborare e partecipare agire in modo autonomo e responsabile risolvere problemi individuare collegamenti e relazioni acquisire ed interpretare l informazione. E compito peculiare del primo ciclo di istruzione porre le basi per l esercizio della cittadinanza attiva, costruire il senso di legalità e lo sviluppo di un etica della responsabilità. 7

8 4. Accoglienza, integrazione e continuità educativa 4.1 L accoglienza L istituto comprensivo presta molta attenzione all accoglienza. Nella scuola dell infanzia accogliere significa facilitare l approccio del bambino alla nuova realtà scolastica, promuovendo la conoscenza di sé, dell altro e degli spazi scolastici. L ingresso nella scuola primaria è momento fondamentale dell integrazione sociale e culturale del bambino. L accoglienza, pertanto, non deve essere identificata nei primi giorni di scuola, con la festa d'ingresso, dopo la quale ha inizio la vera attività didattica. E un vero e proprio principio ispiratore della vita scolastica. Tutta l organizzazione deve favorire un esperienza importante per la costruzione di identità sicure ed aperte allo scambio con gli altri. L accoglienza, quindi, si manifesta come relazione educativa costante, pregnante e umanamente ricca, fondata sulla valorizzazione delle diversità, percepite come opportunità di sviluppo e di costruzione dell autostima. Le attività didattiche, pur presentando in relazione ai contenuti e alla metodologia elementi di peculiarità a seconda che si tratti della scuola dell infanzia, della prima classe della scuola primaria o della prima classe della scuola secondaria di primo grado, risultano unitarie nella loro valenza formativa e sono personalizzate rispetto ai bisogni formativi di ciascuno. 4.2 Integrazione degli Alunni e promozione del successo formativo Il nostro Istituto si prefigge la realizzazione del successo formativo per tutti gli alunni attraverso azioni didattiche personalizzate, volte a favorire gli apprendimenti con l utilizzo di metodologie e strumenti mirati. La progettazione delle attività didattiche tiene conto dei Bisogni Educativi Speciali o dei Disturbi Specifici di Apprendimento. La nostra Scuola si impegna ad essere Inclusiva e, in riferimento alla normativa sulle linee guida per l Integrazione scolastica degli alunni con disabilità, a trovare e a dare una risposta concreta ai bisogni di tutti gli alunni in difficoltà, che renda significativa la loro presenza nel contesto scolastico. Il nostro Istituto si propone di creare le condizioni adatte perché ogni alunno possa sentirsi protagonista di un esperienza pensata e realizzata in funzione della sua crescita affettiva, cognitiva, relazionale, sociale. Un Integrazione di qualità dal punto di vista relazionale e psicologico che rappresenti l obiettivo permanente della nostra azione educativa. Grazie alla presenza di risorse umane e professionali, l Istituto ha sviluppato nel tempo esperienze metodologiche e didattiche alternative per affrontare tutte le problematiche in 8

9 situazione di disagio. Il nostro Istituto Comprensivo collabora con l Osservatorio Distretto 13 Palermo aderendo alle attività proposte. Inoltre, ci si avvale di Gruppi di Lavoro operativi, i quali si riuniscono, di norma tre volte all anno in presenza degli specialisti dell ASP, progettando e verificando il PEI (Piano Educativo Individualizzato) dei singoli alunni. Le metodologie adottate sono orientate a potenziare le risorse di cui ciascuno dispone e si basano sul concetto di vantaggio reciproco in una dinamica di interazioni e di rapporti da cui tutti gli alunni possono trarre maturazione. Un analisi attenta degli elementi qualificanti l Integrazione, ci ha permesso di individuare una serie di parametri e di procedure che assicurano un monitoraggio continuo e un controllo puntuale dell Integrazione scolastica che viene realizzata attraverso: La programmazione coordinata dei servizi scolastici con quelli sanitari, culturali, sportivi; Rimozione di tutte le barriere architettoniche; Rapporti continui con le famiglie (sportello di ascolto); Rapporti con le scuole di provenienza; La dotazione di attrezzature tecniche e sussidi didattici specifici in collaborazione con Enti Territoriali; Rapporti col Comune di Palermo, Regione, Enti Locali; Orientamento scolastico in collaborazione con le Strutture Sanitarie territoriali; Attività laboratoriali in orario curricolare ed extracurricolare. I docenti Specializzati su Sostegno in collaborazione con i docenti di classe, si impegnano ad attuare metodologie come il tutoring, il cooperative learning che permettono di valorizzare una risorsa di inestimabile valore, sia sul piano cognitivo sia su quello relazionale-umano: i compagni di classe. L intera comunità scolastica, dunque, è coinvolta nel processo di integrazione. 4.3 La continuità educativa La continuità educativa è strategia per garantire all alunno un percorso graduale e regolare, privo di traumi e frammentazioni. Essa valorizza ed integra le esperienze pregresse attraverso la progettazione di: Obiettivi coordinati tra scuola dell infanzia, scuola primaria e scuola secondaria di primo grado. Stretta collaborazione tra gli insegnanti della scuola dell infanzia e primaria e della scuola secondaria di I grado. Microprogetti comuni tra le classi ponte. Attività di orientamento inteso come percorso triennale che nell ultimo anno comporta anche la collaborazione con le scuole superiori. Collaborazione con le scuole presenti nel territorio. 9

10 4.4 L organizzazione del Curricolo In base ai processi evolutivi degli allievi, i docenti determinano scelte educative e didattiche che favoriscono il migliore sviluppo del bambino e dell adolescente e gli consentono di costruire la propria identità, accrescendo autostima e autonomia e promuovendo l acquisizione di abilità, conoscenze e competenze attraverso:! L'organizzazione degli spazi e dei tempi.! La relazione, l animazione e la mediazione didattica.! La scelta delle esperienze, l'attenzione per il gioco, per la ricerca, per le attività di vita quotidiana.! Le modalità di collaborazione tra scuola e famiglia. 4.5 La scuola dell infanzia promuove:! il consolidamento dell identità! lo sviluppo dell autonomia! l educazione alla cittadinanza! l acquisizione delle competenze in rapporto ai campi di esperienza: - Il sé e l altro - Il corpo e il movimento - Immagini, suoni e colori - I discorsi e le parole - La conoscenza del mondo 4.6 La Scuola Primaria Promuove l alfabetizzazione culturale di base Offre l opportunità di sviluppare le dimensioni cognitive, emotive, affettive, sociali, corporee, etiche e religiose della persona. Si pone come scuola formativa che, attraverso gli alfabeti caratteristici di ciascuna disciplina,permette di esercitare differenti stili cognitivi, indispensabili per lo sviluppo del pensiero riflessivo e critico. Adotta una suddivisione oraria flessibile delle discipline: Religione n.2 ore per tutte le classi Musica n.1 ora per tutte le classi Arte e Immagine n.1 ora per tutte le classi Educazione Fisica n.2 ore per tutte le classi Tecnologia n.1 ora per tutte le classi Scienze n.2 ore per tutte le classi Matematica n. 6 ore Italiano n. 8/7 per le classi I e II n. 6 per le classi III, IV e V Lingua inglese n. 1 ora per le classi prime e n. 2 ore per le classi seconde n.3 ore per le classi terze, quarte e quinte Storia e geografia n. 3 ore per tutte le classi. 10

11 4.7 La scuola secondaria di primo grado: Realizza l accesso alle discipline come punti di vista sulla realtà, come modalità di conoscenza, interpretazione e rappresentazione del mondo. Favorisce l organizzazione delle conoscenze nella prospettiva di un sapere integrato e padroneggiato. Promuove lo sviluppo in senso ampio e trasversale delle competenze acquisite nell ambito delle singole discipline. Elabora percorsi dipartimentali per il raggiungimento degli obiettivi di apprendimento e dei traguardi per lo sviluppo delle competenze Piano di studio scuola secondaria di primo grado Italiano 5 Approfondimento disciplinare 1 Storia 2 Geografia-Cittadinanza e Costituzione 2 Matematica 4 Scienze 2 Inglese 3 Francese 2 Tecnologia 2 Educazione Musicale 2 Arte e immagine 2 Scienze motorie 2 Religione 1 11

12 5. Metodologia Nel rispetto della libertà d insegnamento, i docenti utilizzano oltre alla lezione frontale quella interattiva, la metodologia della ricerca, della mediazione secondo il metodo Feuerstein, la didattica metacognitiva e quella laboratoriale. L azione didattica prevede per alcune attività l organizzazione in assetto di gruppo, con alunni delle stesse classi o di classi diverse. Ciò contribuisce ad accrescere la motivazione; avvia gli alunni a convivere in situazioni stimolanti atte a favorire la socializzazione, l interscambio, il confronto e la collaborazione. La comunicazione didattica utilizza diversi canali per consentire a tutti gli alunni la comprensione dei messaggi. Si favoriscono il dialogo e il confronto aperto e si privilegia un autentica dimensione di ascolto. Un ruolo centrale giocano le strumentazioni tecnologiche, L.I.M. e computer nel processo di apprendimento insegnamento, che è attento agli stili cognitivi dei nativi digitali e li stimola al necessario spirito critico. Il ruolo del docente si configura, dunque, come mediatore e facilitatore del processo di conoscenza, stimolatore dell iniziativa, dell autodecisione, del senso di responsabilità personale, dell autonomia del processo di apprendimento. 6. Valutazione 6.1 Valutazione come processo La valutazione è un processo che accompagna costantemente l esperienza didattica. Essa è parte integrante della qualità dell offerta educativa ed assume la funzione di attivare forme di conoscenza dell esperienza educativa progettata e realizzata. Essa ha una funzione formativa, nella quale il soggetto valutato è parte attiva e consapevole del proprio apprendimento. La valutazione degli apprendimenti e del comportamento è effettuata con scansione quadrimestrale. Secondo quanto previsto dal D.P.R. 122/2009, alla fine della classe quinta primaria e della classe terza della scuola secondaria di primo grado viene redatta la certificazione delle competenze progressivamente acquisite dall alunno. I docenti della scuola in sede di consiglio d interclasse nella scuola primaria e di dipartimento disciplinare nella scuola secondaria elaborano degli indicatori 12

13 per la valutazione degli apprendimenti e delle competenze acquisite dagli alunni. La valutazione viene effettuata in itinere durante le attività quotidiane attraverso l osservazione, l ascolto ed il monitoraggio degli elaborati, secondo criteri verificabili, tracciabili e condivisi. La valutazione periodica viene effettuata, anche, attraverso la somministrazione di prove oggettive strutturate o libere e di prove standardizzate (test). Il Collegio ricorda, inoltre, che sarà indispensabile tener conto della situazione di partenza, delle diverse provenienze culturali, dei DSA, delle disabilità, per poter giungere ad una certificazione delle competenze chiara e condivisa. La valutazione degli alunni con disabilità certificata è riferita al comportamento, alle discipline e alle attività svolte sulla base del Piano Educativo Individualizzato. Per l esame conclusivo del primo ciclo possono essere predisposte prove di esame differenziate comprensive della prova a carattere nazionale, corrispondenti agli insegnamenti impartiti. Dette prove hanno valore equivalente a quelle ordinarie ( art.9, D.P.R. 122/2009). Per gli alunni con difficoltà specifiche di apprendimento, la valutazione effettuata in sede di esame conclusivo del primo ciclo deve tener conto delle specifiche situazioni soggettive. A tal fine vengono adottati gli strumenti metodologico-didattici compensativi e dispensativi ritenuti più idonei (art. 10,D.P.R. 122/2009). La valutazione esterna è effettuata dall INVALSI (Istituto Nazionale per la Valutazione del Sistema d Istruzione) per mezzo di: prove standardizzate per la misurazione dell apprendimento degli studenti. Questionari di sistema per l analisi della qualità del servizio scolastico. La legge30 ottobre 2008, n.169 ha reintrodotto nella scuola primaria e secondaria di primo grado la valutazione delle materie espressa in voti numerici ed il voto di comportamento espresso attraverso un giudizio sintetico nella scuola primaria e il voto in decimi in quella secondaria. Nella scuola secondaria eventuali insufficienze, in una o più materie, se ritenute dal C.d.C. passibili di recupero, comporteranno l ammissione alla classe successiva o all esame di stato con la dicitura in nota sulla scheda 6- voto di consiglio ed un ulteriore informazione alle famiglie mediante lettera. Per la valutazione del comportamento si terrà conto dei seguenti INDICATORI: livello di integrazione nella classe e nella scuola, inteso soprattutto come modalità di interazione con i pari e con gli adulti rispetto delle regole gestione e cura del materiale, degli arredi, degli attrezzi, dei locali scolastici partecipazione, attenzione, impegno ed interesse 13

14 regolarità della frequenza. 6.2L autoanalisi d Istituto e il Monitoraggio POF L Autoanalisi d Istituto rappresenta l assunzione di responsabilità di tutti i soggetti che operano nella scuola, nell ottica del miglioramento e del confronto continuo con i bisogni del territorio e della società e con quanto indicato nel piano dell offerta formativa. La scuola aderisce da tanti anni alla rete FARO, un progetto finalizzato all autovalutazione d Istituto. Durante l anno scolastico vengono raccolti dei dati attraverso la distribuzione di griglie e questionari. I questionari vengono compilati in forma anonima da tutto il personale della scuola (docenti, personale ATA, collaboratori, staff del dirigente), dai genitori e dagli alunni. I dati raccolti sono sia di tipo oggettivo (dati di contesto), sia personale (dati percettivi). Essi vengono poi digitalizzati e comparati attraverso alcuni indicatori forniti dalla rete, in modo da rilevare i punti di forza e i punti di debolezza della scuola ed attivare azioni di miglioramento del Piano della Offerta formativa e del Servizio pubblico 6.3 Criteri per gli esami di fine ciclo Per formulare i giudizi di ammissione agli esami di terza media il Consiglio di Classe valuta:la maturazione complessiva raggiunta nel triennio, lo sviluppo di capacità logiche e linguistiche, l acquisizione dei contenuti a livello globale e interdisciplinare, le capacità operative e tutto quanto previsto in sede di programmazione, nell ottica rigorosa dei ritmi di apprendimento, della situazione iniziale e delle reali possibilità di ciascun alunno. I criteri orientativi per le prove di licenza tengono conto del livello generale di preparazione e di maturazione conseguito dagli alunni. Negli anni scorsi sono stati approntati dai gruppi disciplinari i seguenti criteri orientativi di valutazione relativi alla conduzione dell esame di Stato: a) Prova scritta di Italiano Le tracce dei compiti indicativamente riguarderanno: Esperienze di vissuto personale o fantastico, in forma discorsiva oppure di lettera, diario o racconto. Proposta di redazione di un testo argomentativo o di un articolo di cronaca. Esperienze maturate a scuola (tematiche interdisciplinari, attività svolte o percorsi di approfondimento e/o ricerca) sotto forma di relazione. Criteri di valutazione: Coerenza con la traccia. 14

15 Completezza espositiva ed eventuale originalità creativa. Correttezza ortografica e morfosintattica, ricchezza lessicale. b) PROVA SCRITTA DI MATEMATICA Algebra: equazioni di 1 Problemi di geometria solida Studio di funzioni (leggi fisiche) Probabilità Criteri di valutazione: Correttezza formale. Scelta della strategia risolutiva. Applicazione delle tecniche di calcolo. Rappresentazione grafica. c) PROVE SCRITTE DI LINGUA INGLESE E DI LINGUA FRANCESE Comprensione di un brano. Stesura di una lettera. Redazione di un dialogo. Criteri di valutazione: Conoscenza lessicale e morfosintattica. Padronanza ortografica. Comprensione del contenuto e organizzazione del testo. Scioltezza del linguaggio. Efficacia della comunicazione, pertinenza e coerenza. Scioltezza del linguaggio. In riferimento alla Prova Nazionale INVALSI i docenti delle discipline coinvolte hanno predisposto da tempo ed utilizzato strumenti comuni oggettivi di verifica quadrimestrale per tutte le classi, con particolare attenzione alle esercitazioni/simulazioni per le classi terze. d) Criteri per i colloquio d esame Per le prove orali, allo scopo di aiutare i ragazzi a superare l impatto emozionale e per creare un clima disteso che possa mettere a proprio agio, si inizierà chiedendo un argomento particolarmente approfondito, oppure un itinerario di collegamenti a livello transdisciplinare. Saranno oggetto del colloquio anche le esperienze didattiche realizzate durante il corso dell anno, specie quelle riguardanti le attività di laboratorio. Si privilegerà nel corso del colloquio la visione d insieme, evitando l accertamento puntiglioso dei singoli contenuti disciplinari. Durante il colloquio orale si dovranno accertare: 15

16 I livelli di conoscenza dei contenuti. La capacità di rielaborare ed operare collegamenti. La chiarezza espositiva e la proprietà dei linguaggi. 16

17 7. Progettazione e arricchimento dell Offerta Formativa 7.1 Progettare con risorse interne ed esterne. Con il termine risorse ci si riferisce all insieme delle competenze umane e professionali a disposizione dell intero istituto. Elementi di qualità sono la professionalità, le competenze specifiche disciplinari e la disponibilità verso l innovazione. L Istituto ha, infatti, una lunga tradizione come scuola particolarmente sensibile e attenta alle esigenze formative del territorio e alle trasformazioni strutturali e metodologiche della scuola. La scuola può contare su un gruppo stabile di docenti. La mobilità del personale è molto ridotta e questo aspetto garantisce continuità nell azione didattica e nel lavoro collegiale. 7.2 Formazione dei docenti e del personale ATA La formazione costituisce una leva strategica, per il necessario sostegno agli obiettivi di cambiamento, al miglioramento e ampliamento dell Offerta formativa e all innalzamento della qualità del servizio. Un efficace politica di sviluppo delle risorse umane garantisce altresì stimoli per lo sviluppo professionale del personale. I docenti hanno partecipato e partecipano ad iniziative di aggiornamento e di formazione scelte autonomamente o concordate in sede collegiale. Un gruppo di docenti vanta un percorso formativo sulla didattica metacognitiva. Molti sono applicatori e formatori del programma di arricchimento strumentale del professore Feuerstein. Annualmente viene predisposto un programma interno di formazione e di aggiornamento che risponde al fabbisogno formativo del personale. Per l anno scolastico 2013/2014 il piano di formazione prevede: 1) Corso avanzato di aggiornamento sulla Sicurezza (collegiale) 2) Corso di formazione PON FSE informatica di base 3) Corso di formazione PON FSE sulle competenze in lingua inglese (parte seconda) 4) Corso di formazione PON FSE trasversalità-competenze comunicative nella costruzione del curricolo verticale 5) Incontri di formazione su tematiche specifiche, promossi da enti esterni durante il corso dell anno esaminati e selezionati dalle funzioni strumentali area 3. 17

18 A scuola di Sicurezza La Scuola ha redatto un documento di Valutazione dei rischi, con il relativo piano di miglioramento e di evacuazione in caso di emergenza (normativa sulla sicurezza Legge 81/2008). In tutti gli ambienti è esposta una piantina che mostra la via di fuga ed il percorso per raggiungere il luogo di raccolta. Almeno due volte l anno,viene simulata l evacuazione dell'edificio che impegna tutto il personale e gli alunni. Le attività relative alla sicurezza confluiscono in un Progetto Sicurezza che coinvolge l intero personale in azioni a tutela della salute e sicurezza degli allievi, dell utenza e dei lavoratori. Il piano ha una significativa ricaduta sulle attività didattiche ed educative, in quanto i docenti non si limitano a far esercitare gli alunni nelle procedure di evacuazione dall edificio, ma sollecitano apprendimenti relativi: all autocontrollo, oltre che alla perizia, in situazioni di rischio; alla corretta interpretazione dei simboli, delle piantine e dei percorsi di fuga; alla stesura di regolamenti necessari per la sicurezza; alla conoscenza di fattori di rischio e di norme di comportamento in vari contesti di vita. La scuola predispone ogni anno un piano per la formazione del personale sulla sicurezza. 7.3 Percorsi di Ampliamento dell Offerta Formativa Attraverso l analisi dei bisogni si sono strutturate attività nei seguenti ambiti:! Nuove tecnologie! Laboratori scientifici! Lingua inglese! Attività artistico / espressive! Attività musicali! Attività d integrazione! Attività di educazione alla cittadinanza! Attività di potenziamento disciplinare e propedeutica all istruzione secondaria di secondo grado! Attività sportive! Attività extra-scolastiche (visite guidate e viaggi di istruzione). Nella scuola Primaria le classi Quinte svolgeranno le seguenti attività opzionali :! Laboratorio di approfondimento di italiano! Laboratorio di lettura! Laboratorio di approfondimento di geografia! Laboratorio di approfondimento di storia! Laboratorio di approfondimento di matematica 18

19 7.4 L Arricchimento dell Offerta Formativa L istituto comprensivo propone le seguenti attività di arricchimento e potenziamento dell offerta formativa, finanziate con fondi Pubblici (M.I.U.R.- U.E.-EE.LL.) o privati (Contributi delle famiglie, sponsor, volontariato, privato sociale). In orario curriculare In orario extracurricolare Lettura e biblioteca Radio scuola Psicomotorio Manipolativo Espressivo Prevenzione e recupero della dispersione scolastica e promozione del successo formativo Integrazione alunni disabili Integrazione alunni stranieri Continuità Scuola al cinema Il Massimo della scuola Educazione musicale Educazione ambientale Educazione alla salute Educazione stradale Educazione alla legalità e alla cittadinanza AddioPizzo Intercultura: una sorella per una settimana Sport a scuola Sicurezza SCUOLA PRIMARIA Laboratorio Piccoli esploratori Laboratorio Piccoli archeologi Laboratorio di italiano L2 Laboratorio per l integrazione Laboratorio di recupero Laboratorio di scienze Laboratorio Creatività Laboratorio Io disegno Attività sportiva SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Laboratori di latino Laboratori di greco Laboratori musicali Laboratori artisticomanipolativi Laboratori per l integrazione Laboratori di italiano L2 Laboratori di scienze Attività sportiva Progetti PON 2007/2013 FESR Un avventura in classe con il notebook Se faccio capisco scienze Impariamo in modo nuovo informatica L Inglese intorno a noi Laboratorio musicale Una LIM per tutti Attività alternative alla religione cattolica Scopriamo l arte Leggiamo insieme Attività musicali Progetti PON 2007/2013 FSE C1 Interventi per lo sviluppo delle competenze chiave in Lingua italiana Matematica Lingua Inglese Scienze Musica La Scuola organizza visite guidate in Città e Provincia, viaggi d istruzione in Sicilia, Italia ed Europa 19

20 7.5 Progetti PON / FSE Al fine di migliorare l efficacia formativa e la qualità delle strutture scolastiche la scuola promuove strategie di rafforzamento delle attività di insegnamento/apprendimento, in funzione dell innalzamento dei livelli di competenza degli studenti. Tali strategie saranno realizzate attraverso: l attivazione di percorsi laboratoriali per gli alunni; la formazione del personale; la sperimentazione di metodologie didattiche innovative; il miglioramento della funzionalità delle strutture e delle attrezzature. La scuola, accogliendo le spinte innovative promosse dal Ministero e in linea con gli obiettivi della conferenza di Lisbona, ha aderito ai Programmi Operativi Nazionali Competenze per lo sviluppo ed Ambienti per l apprendimento, attraverso la redazione dei Piani Integrati al POF, attuando i seguenti progetti: Con fondi PON/FSE Competenze per lo sviluppo ASSE ALUNNI Obiettivo Azione C1 FSE Interventi per lo sviluppo delle competenze chiave: Piccoli giornalisti crescono 50 ore Alunni scuola secondaria 1 grado Matematica per noi 30 ore Alunni scuola secondaria 1 grado English for pupils 30 ore Alunni scuola secondaria 1 grado English for pupils 2 30 ore Alunni scuola secondaria 1 grado Musica!!! 30 ore Alunni scuola secondaria 1 grado Inglese corso 1 30 ore Alunni scuola primaria Inglese corso 2 30 ore Alunni scuola primaria Inglese corso 3 30 ore Alunni scuola primaria Inglese corso 4 30 ore Alunni scuola primaria Piccoli scienziati 30 ore Alunni scuola primaria ASSE PERSONALE DELLA SCUOLA Obiettivo Azione D1 FSE Interventi formativi sulle nuove tecnologie della comunicazione Informatica di base 30 ore Obiettivo Azione B 1 FSE Interventi per l aggiornamento del personale scolastico - Trasversalità competenze comunicative nella costruzione del curricolo verticale 30 ore Obiettivo Azione B 7 FSE Interventi per l aggiornamento del personale Inglese per noi - parte seconda 30 ore 20

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Rapporto di autovalutazione

Rapporto di autovalutazione Rapporto di autovalutazione Sommario 1. Codice meccanografico istituto principale...3 2. Griglie di autovalutazione...3 1.1 Esiti...3 1.2 Contesto e risorse...4 1.3 Processi...5 3. Individuazione obiettivi

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Cà Dotta Le Vie del Fumo

Cà Dotta Le Vie del Fumo Cà Dotta Le Vie del Fumo Laboratorio di didattica multimediale per la Promozione della Salute Esperienze Sensazioni Conoscenze - Emozioni L ULSS n 4 Alto Vicentino, in collaborazione con la Regione Veneto

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c.

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c. ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE Regolamento Regolamento GLHI del gruppo di lavoro sull handicap Ai sensi dell art. 15 c. L 104/92 Approvato dal Consiglio di stituto in data 08/07/2013 1 Gruppo di Lavoro

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri La documentazione Dall ICF alla DF al PDF al PEI La Diagnosi Funzionale (DF) 1. Utilizzo degli items di ICF nella definizione

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Progetto Formazione e informazione dei rappresentanti di classe

Progetto Formazione e informazione dei rappresentanti di classe Progetto Formazione e informazione dei rappresentanti di classe Guida pratica del rappresentante dei genitori a cura dell Associazione Per maggiori informazioni consultare il sito www.genitoriescuola.it

Dettagli