Istituto Comprensivo Statale Giovanni XXIII- Piazzi

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Istituto Comprensivo Statale Giovanni XXIII- Piazzi"

Transcript

1 Istituto Comprensivo Statale Giovanni XXIII- Piazzi C. F Cod.Mecc. PAIC8AL00X Sede Scuola Secondaria di 1 Grado: Via Mario Rutelli, Palermo tel. 091/ fax 091/ Direzione Didattica: Via Sampolo, Palermo tel. 091/ fax 091/ Pec: - Sito: Anno scolastico 2013/14 Dirigente Scolastico Prof. ssa Aurelia Patanella 1

2 PRESENTAZIONE Il Piano dell Offerta Formativa è il documento fondamentale dell identità culturale e progettuale della Scuola. È il risultato dell analisi del contesto, svolta dal Collegio dei Docenti che ha considerato la cultura pregressa dell istituto relativa all organizzazione e al sistema di competenze, le macro tendenze socio-culturali della società odierna, i bisogni e le risorse locali nelle sue componenti storico sociali. Su tali basi, esso delinea l insieme dei bisogni formativi degli alunni e definisce i servizi generali che l Istituto eroga, evidenziando le scelte educative curriculari, didattiche e organizzative che si intende esprimere e realizzare nell anno scolastico 2013/2014. Il seguente schema grafico ne propone i punti salienti. IL CONSIGLIO D ISTITUTO delibera GLIINDIRIZZI ELE SCELTE GENERALI DI GESTIONE E DI AMMINISTRAZIONE GLI ORGANISMI E LE ASSOCIAZIONI DI GENITORI E STUDENTI esprimono PROPOSTE E PARERI IL COLLEGIO DEI DOCENTI definisce L ELABORAZIONE DEL PIANO IL CONSIGLIO DI ISTITUTO adotta IL P.O.F. L UFFICIO DI SEGRETERIA consegna IL POF ALLE FAMIGLIE 2

3 1. L Istituto Comprensivo 1.1 La scuola e la sua storia L istituto comprensivo Giovanni XXIII-Piazzi nasce dalla fusione di due prestigiose istituzioni scolastiche: la scuola dell infanzia e primaria Giovanni XXIII già denominata Trieste, ubicata in Via Sampolo n.63 e la scuola secondaria di I grado Giuseppe Piazzi. La scuola Giovanni XXIII, nata come scuola per il reggimento Trieste, da cui prese la prima denominazione, è stata costruita nei primi anni del 900. Alla fine degli anni 50, fu trasformata in scuola speciale perché accoglieva gli alunni in situazione di handicap provenienti da tutta la città. Accanto alle classi speciali,funzionavano anche classi comuni. Abolite le classi speciali, la scuola ha mantenuto un apertura particolare alle problematiche dell integrazione. La Secondaria di I grado Giuseppe Piazzi vanta più di 140 anni di storia, fu istituita nell'anno scolastico 1868/69 come Scuola Tecnica Parallela alla scuola "regia". Nel 1876 l'istituto prese il nome del celebre astronomo Giuseppe Piazzi. Nell'anno 1879/80 venne istituita una scuola telegrafica, provvista di macchine proprie. La Scuola Tecnica "Giuseppe Piazzi" fu premiata con medaglia d'argento per il disegno all'esposizione Scolastica di Palermo nel 1888, con medaglia di bronzo all'esposizione Universale di Parigi nel Di questa lunghissima tradizione tecnico-scientifica, si conserva memoria nel museo interno, che custodisce alcuni antichi strumenti realizzati nelle sue officine. Negli anni '20 prese la denominazione di"scuola Complementare" e in seguito divenne Istituto di Avviamento Professionale. Con l'istituzione della "Scuola Media Unica" (1962) la "Piazzi" diventa scuola media e negli anni 70 viene trasferita in via Libertà. Dall'anno scolastico 1997/98, si trova in via Mario Rutelli n 50, nel luogo dove furono uccisi il giudice Cesare Terranova ed il maresciallo Lenin Mancuso, dei quali si conservano memoria e testimonianza non solo con una lapide sul muro di recinzione ma soprattutto attraverso una costante attività di educazione alla legalità. I due istituti già da anni collaborano attraverso percorsi di continuità e d integrazione, e strutturano azioni didattiche personalizzate e nel contempo rispondenti alla specificità del territorio. Oggi l Istituto Comprensivo, forte delle proprie tradizioni culturali, crea le condizioni per ricondurre in unico percorso strutturante, i molteplici apprendimenti che il mondo contemporaneo offre. Ciò per favorire un processo formativo verticale, in grado di durare lungo tutto l arco della vita. 3

4 2. Territorio 2.1 Il Contesto Sociale L Istituto opera in una zona residenziale in cui sono presenti negozi, uffici e banche. Il territorio è ricco di risorse di vario tipo. Esistono spazi attrezzati per l'aggregazione ed il tempo libero, offerti da Istituzioni religiose come l'istituto Don Bosco Ranchibile, il Don Bosco Sampolo, la chiesa di Maria Ausiliatrice, la Chiesa di San Luigi. Nelle zone limitrofe ci sono strutture sportive private, sale cinematografiche e teatri. Sono presenti anche la delegazione di Circoscrizione con centro sociale annesso, il Consultorio familiare, l ASP 2 con servizio di Medicina scolastica-neuropsichiatria infantile, l Associazione dei genitori (AGE) Boy scout, Aziende che erogano servizi pubblici e i distaccamenti di Pubblica Sicurezza. L interazione col territorio è costante. Il quartiere presenta un'alta densità abitativa e commerciale ed alcuni aspetti negativi come: mancanza di spazi verdi adeguati, traffico intenso, difficoltà di posteggio. La popolazione scolastica è eterogenea dal punto di vista sociale e culturale; vi sono famiglie di professionisti, impiegati, commercianti, operai ed artigiani. Negli ultimi anni è aumentata la presenza di immigrati e di alunni in situazione di disagio. Pertanto l Istituto fornisce un offerta formativa e didattica individualizzata. Tutto il personale da tempo si impegna affinché i bisogni individuali e del gruppo di appartenenza si incontrino con quelli della comunità. Le famiglie hanno un atteggiamento positivo nei confronti della scuola, vista come luogo di crescita e di formazione culturale. Alta è la partecipazione agli incontri scuola-famiglia. 2.2Iniziative Scuola Territorio 4

5 La scuola interagisce con il territorio collaborando con associazioni ed enti pubblici e privati. Partendo da una attenta analisi dei bisogni recepisce o elabora iniziative di: Arricchimento/potenziamento dell offerta formativa. Accordi di rete con altre scuole di ogni ordine e grado appartenenti a diversi contesti territoriali della città di Palermo e dei Comuni della provincia. Convenzioni e protocolli d'intesa con enti pubblici o privati. Supporto agli alunni disabili e in situazione di svantaggio socioculturale. Messa in sicurezza e miglioramento delle strutture. Autovalutazione. Progettazione e realizzazione di percorsi PON e POR. Formazione del personale. Supporto al lavoro dei docenti. Sono numerose le attività proposte: Sport a scuola: CONI, Centro Sportivo Piazzi Musica e teatro:massimo, Politeama Garibaldi, Zappalà, Play group, associazioni musicali La scuola al cinema Addiopizzo Navigazione sicura (polizia postale) Educazione alla salute e alla relazione (ASP e Consultorio) Intercultura (eshaparents) 2.3 Iniziative di Solidarietà Nel corso dell anno scolastico, le classi della scuola organizzano iniziative di solidarietà e partecipano a quelle proposte da: UNICEF, TELETHON, Associazione AIL, Telefono Azzurro, parrocchie e simili. 5

6 3. Offerta formativa 6

7 3.1 Principi Guida L Istituto Comprensivo crea le condizioni perché si affermi una scuola unitaria di base, attraverso la progettazione, realizzazione e verifica di un curricolo verticale, che prenda in carico i bambini dall età di quattro/cinque anni e li guidi fino al termine del primo ciclo d istruzione. L itinerario scolastico è progressivo, continuo, orientativo ed inclusivo pur nella specificità educativa delle tre tipologie di scuola. L orizzonte di riferimento per progettare percorsi per la promozione delle competenze deve essere quello delle otto competenze chiave raccomandate dal Parlamento europeo (Raccomandazione del 2006). Nella elaborazione del curricolo la scuola diversifica le proposte didattiche, collegate in un ottica transdisciplinare e centrate sull acquisizione delle seguenti competenze: cittadinanza attiva imparare ad imparare progettare comunicare collaborare e partecipare agire in modo autonomo e responsabile risolvere problemi individuare collegamenti e relazioni acquisire ed interpretare l informazione. E compito peculiare del primo ciclo di istruzione porre le basi per l esercizio della cittadinanza attiva, costruire il senso di legalità e lo sviluppo di un etica della responsabilità. 7

8 4. Accoglienza, integrazione e continuità educativa 4.1 L accoglienza L istituto comprensivo presta molta attenzione all accoglienza. Nella scuola dell infanzia accogliere significa facilitare l approccio del bambino alla nuova realtà scolastica, promuovendo la conoscenza di sé, dell altro e degli spazi scolastici. L ingresso nella scuola primaria è momento fondamentale dell integrazione sociale e culturale del bambino. L accoglienza, pertanto, non deve essere identificata nei primi giorni di scuola, con la festa d'ingresso, dopo la quale ha inizio la vera attività didattica. E un vero e proprio principio ispiratore della vita scolastica. Tutta l organizzazione deve favorire un esperienza importante per la costruzione di identità sicure ed aperte allo scambio con gli altri. L accoglienza, quindi, si manifesta come relazione educativa costante, pregnante e umanamente ricca, fondata sulla valorizzazione delle diversità, percepite come opportunità di sviluppo e di costruzione dell autostima. Le attività didattiche, pur presentando in relazione ai contenuti e alla metodologia elementi di peculiarità a seconda che si tratti della scuola dell infanzia, della prima classe della scuola primaria o della prima classe della scuola secondaria di primo grado, risultano unitarie nella loro valenza formativa e sono personalizzate rispetto ai bisogni formativi di ciascuno. 4.2 Integrazione degli Alunni e promozione del successo formativo Il nostro Istituto si prefigge la realizzazione del successo formativo per tutti gli alunni attraverso azioni didattiche personalizzate, volte a favorire gli apprendimenti con l utilizzo di metodologie e strumenti mirati. La progettazione delle attività didattiche tiene conto dei Bisogni Educativi Speciali o dei Disturbi Specifici di Apprendimento. La nostra Scuola si impegna ad essere Inclusiva e, in riferimento alla normativa sulle linee guida per l Integrazione scolastica degli alunni con disabilità, a trovare e a dare una risposta concreta ai bisogni di tutti gli alunni in difficoltà, che renda significativa la loro presenza nel contesto scolastico. Il nostro Istituto si propone di creare le condizioni adatte perché ogni alunno possa sentirsi protagonista di un esperienza pensata e realizzata in funzione della sua crescita affettiva, cognitiva, relazionale, sociale. Un Integrazione di qualità dal punto di vista relazionale e psicologico che rappresenti l obiettivo permanente della nostra azione educativa. Grazie alla presenza di risorse umane e professionali, l Istituto ha sviluppato nel tempo esperienze metodologiche e didattiche alternative per affrontare tutte le problematiche in 8

9 situazione di disagio. Il nostro Istituto Comprensivo collabora con l Osservatorio Distretto 13 Palermo aderendo alle attività proposte. Inoltre, ci si avvale di Gruppi di Lavoro operativi, i quali si riuniscono, di norma tre volte all anno in presenza degli specialisti dell ASP, progettando e verificando il PEI (Piano Educativo Individualizzato) dei singoli alunni. Le metodologie adottate sono orientate a potenziare le risorse di cui ciascuno dispone e si basano sul concetto di vantaggio reciproco in una dinamica di interazioni e di rapporti da cui tutti gli alunni possono trarre maturazione. Un analisi attenta degli elementi qualificanti l Integrazione, ci ha permesso di individuare una serie di parametri e di procedure che assicurano un monitoraggio continuo e un controllo puntuale dell Integrazione scolastica che viene realizzata attraverso: La programmazione coordinata dei servizi scolastici con quelli sanitari, culturali, sportivi; Rimozione di tutte le barriere architettoniche; Rapporti continui con le famiglie (sportello di ascolto); Rapporti con le scuole di provenienza; La dotazione di attrezzature tecniche e sussidi didattici specifici in collaborazione con Enti Territoriali; Rapporti col Comune di Palermo, Regione, Enti Locali; Orientamento scolastico in collaborazione con le Strutture Sanitarie territoriali; Attività laboratoriali in orario curricolare ed extracurricolare. I docenti Specializzati su Sostegno in collaborazione con i docenti di classe, si impegnano ad attuare metodologie come il tutoring, il cooperative learning che permettono di valorizzare una risorsa di inestimabile valore, sia sul piano cognitivo sia su quello relazionale-umano: i compagni di classe. L intera comunità scolastica, dunque, è coinvolta nel processo di integrazione. 4.3 La continuità educativa La continuità educativa è strategia per garantire all alunno un percorso graduale e regolare, privo di traumi e frammentazioni. Essa valorizza ed integra le esperienze pregresse attraverso la progettazione di: Obiettivi coordinati tra scuola dell infanzia, scuola primaria e scuola secondaria di primo grado. Stretta collaborazione tra gli insegnanti della scuola dell infanzia e primaria e della scuola secondaria di I grado. Microprogetti comuni tra le classi ponte. Attività di orientamento inteso come percorso triennale che nell ultimo anno comporta anche la collaborazione con le scuole superiori. Collaborazione con le scuole presenti nel territorio. 9

10 4.4 L organizzazione del Curricolo In base ai processi evolutivi degli allievi, i docenti determinano scelte educative e didattiche che favoriscono il migliore sviluppo del bambino e dell adolescente e gli consentono di costruire la propria identità, accrescendo autostima e autonomia e promuovendo l acquisizione di abilità, conoscenze e competenze attraverso:! L'organizzazione degli spazi e dei tempi.! La relazione, l animazione e la mediazione didattica.! La scelta delle esperienze, l'attenzione per il gioco, per la ricerca, per le attività di vita quotidiana.! Le modalità di collaborazione tra scuola e famiglia. 4.5 La scuola dell infanzia promuove:! il consolidamento dell identità! lo sviluppo dell autonomia! l educazione alla cittadinanza! l acquisizione delle competenze in rapporto ai campi di esperienza: - Il sé e l altro - Il corpo e il movimento - Immagini, suoni e colori - I discorsi e le parole - La conoscenza del mondo 4.6 La Scuola Primaria Promuove l alfabetizzazione culturale di base Offre l opportunità di sviluppare le dimensioni cognitive, emotive, affettive, sociali, corporee, etiche e religiose della persona. Si pone come scuola formativa che, attraverso gli alfabeti caratteristici di ciascuna disciplina,permette di esercitare differenti stili cognitivi, indispensabili per lo sviluppo del pensiero riflessivo e critico. Adotta una suddivisione oraria flessibile delle discipline: Religione n.2 ore per tutte le classi Musica n.1 ora per tutte le classi Arte e Immagine n.1 ora per tutte le classi Educazione Fisica n.2 ore per tutte le classi Tecnologia n.1 ora per tutte le classi Scienze n.2 ore per tutte le classi Matematica n. 6 ore Italiano n. 8/7 per le classi I e II n. 6 per le classi III, IV e V Lingua inglese n. 1 ora per le classi prime e n. 2 ore per le classi seconde n.3 ore per le classi terze, quarte e quinte Storia e geografia n. 3 ore per tutte le classi. 10

11 4.7 La scuola secondaria di primo grado: Realizza l accesso alle discipline come punti di vista sulla realtà, come modalità di conoscenza, interpretazione e rappresentazione del mondo. Favorisce l organizzazione delle conoscenze nella prospettiva di un sapere integrato e padroneggiato. Promuove lo sviluppo in senso ampio e trasversale delle competenze acquisite nell ambito delle singole discipline. Elabora percorsi dipartimentali per il raggiungimento degli obiettivi di apprendimento e dei traguardi per lo sviluppo delle competenze Piano di studio scuola secondaria di primo grado Italiano 5 Approfondimento disciplinare 1 Storia 2 Geografia-Cittadinanza e Costituzione 2 Matematica 4 Scienze 2 Inglese 3 Francese 2 Tecnologia 2 Educazione Musicale 2 Arte e immagine 2 Scienze motorie 2 Religione 1 11

12 5. Metodologia Nel rispetto della libertà d insegnamento, i docenti utilizzano oltre alla lezione frontale quella interattiva, la metodologia della ricerca, della mediazione secondo il metodo Feuerstein, la didattica metacognitiva e quella laboratoriale. L azione didattica prevede per alcune attività l organizzazione in assetto di gruppo, con alunni delle stesse classi o di classi diverse. Ciò contribuisce ad accrescere la motivazione; avvia gli alunni a convivere in situazioni stimolanti atte a favorire la socializzazione, l interscambio, il confronto e la collaborazione. La comunicazione didattica utilizza diversi canali per consentire a tutti gli alunni la comprensione dei messaggi. Si favoriscono il dialogo e il confronto aperto e si privilegia un autentica dimensione di ascolto. Un ruolo centrale giocano le strumentazioni tecnologiche, L.I.M. e computer nel processo di apprendimento insegnamento, che è attento agli stili cognitivi dei nativi digitali e li stimola al necessario spirito critico. Il ruolo del docente si configura, dunque, come mediatore e facilitatore del processo di conoscenza, stimolatore dell iniziativa, dell autodecisione, del senso di responsabilità personale, dell autonomia del processo di apprendimento. 6. Valutazione 6.1 Valutazione come processo La valutazione è un processo che accompagna costantemente l esperienza didattica. Essa è parte integrante della qualità dell offerta educativa ed assume la funzione di attivare forme di conoscenza dell esperienza educativa progettata e realizzata. Essa ha una funzione formativa, nella quale il soggetto valutato è parte attiva e consapevole del proprio apprendimento. La valutazione degli apprendimenti e del comportamento è effettuata con scansione quadrimestrale. Secondo quanto previsto dal D.P.R. 122/2009, alla fine della classe quinta primaria e della classe terza della scuola secondaria di primo grado viene redatta la certificazione delle competenze progressivamente acquisite dall alunno. I docenti della scuola in sede di consiglio d interclasse nella scuola primaria e di dipartimento disciplinare nella scuola secondaria elaborano degli indicatori 12

13 per la valutazione degli apprendimenti e delle competenze acquisite dagli alunni. La valutazione viene effettuata in itinere durante le attività quotidiane attraverso l osservazione, l ascolto ed il monitoraggio degli elaborati, secondo criteri verificabili, tracciabili e condivisi. La valutazione periodica viene effettuata, anche, attraverso la somministrazione di prove oggettive strutturate o libere e di prove standardizzate (test). Il Collegio ricorda, inoltre, che sarà indispensabile tener conto della situazione di partenza, delle diverse provenienze culturali, dei DSA, delle disabilità, per poter giungere ad una certificazione delle competenze chiara e condivisa. La valutazione degli alunni con disabilità certificata è riferita al comportamento, alle discipline e alle attività svolte sulla base del Piano Educativo Individualizzato. Per l esame conclusivo del primo ciclo possono essere predisposte prove di esame differenziate comprensive della prova a carattere nazionale, corrispondenti agli insegnamenti impartiti. Dette prove hanno valore equivalente a quelle ordinarie ( art.9, D.P.R. 122/2009). Per gli alunni con difficoltà specifiche di apprendimento, la valutazione effettuata in sede di esame conclusivo del primo ciclo deve tener conto delle specifiche situazioni soggettive. A tal fine vengono adottati gli strumenti metodologico-didattici compensativi e dispensativi ritenuti più idonei (art. 10,D.P.R. 122/2009). La valutazione esterna è effettuata dall INVALSI (Istituto Nazionale per la Valutazione del Sistema d Istruzione) per mezzo di: prove standardizzate per la misurazione dell apprendimento degli studenti. Questionari di sistema per l analisi della qualità del servizio scolastico. La legge30 ottobre 2008, n.169 ha reintrodotto nella scuola primaria e secondaria di primo grado la valutazione delle materie espressa in voti numerici ed il voto di comportamento espresso attraverso un giudizio sintetico nella scuola primaria e il voto in decimi in quella secondaria. Nella scuola secondaria eventuali insufficienze, in una o più materie, se ritenute dal C.d.C. passibili di recupero, comporteranno l ammissione alla classe successiva o all esame di stato con la dicitura in nota sulla scheda 6- voto di consiglio ed un ulteriore informazione alle famiglie mediante lettera. Per la valutazione del comportamento si terrà conto dei seguenti INDICATORI: livello di integrazione nella classe e nella scuola, inteso soprattutto come modalità di interazione con i pari e con gli adulti rispetto delle regole gestione e cura del materiale, degli arredi, degli attrezzi, dei locali scolastici partecipazione, attenzione, impegno ed interesse 13

14 regolarità della frequenza. 6.2L autoanalisi d Istituto e il Monitoraggio POF L Autoanalisi d Istituto rappresenta l assunzione di responsabilità di tutti i soggetti che operano nella scuola, nell ottica del miglioramento e del confronto continuo con i bisogni del territorio e della società e con quanto indicato nel piano dell offerta formativa. La scuola aderisce da tanti anni alla rete FARO, un progetto finalizzato all autovalutazione d Istituto. Durante l anno scolastico vengono raccolti dei dati attraverso la distribuzione di griglie e questionari. I questionari vengono compilati in forma anonima da tutto il personale della scuola (docenti, personale ATA, collaboratori, staff del dirigente), dai genitori e dagli alunni. I dati raccolti sono sia di tipo oggettivo (dati di contesto), sia personale (dati percettivi). Essi vengono poi digitalizzati e comparati attraverso alcuni indicatori forniti dalla rete, in modo da rilevare i punti di forza e i punti di debolezza della scuola ed attivare azioni di miglioramento del Piano della Offerta formativa e del Servizio pubblico 6.3 Criteri per gli esami di fine ciclo Per formulare i giudizi di ammissione agli esami di terza media il Consiglio di Classe valuta:la maturazione complessiva raggiunta nel triennio, lo sviluppo di capacità logiche e linguistiche, l acquisizione dei contenuti a livello globale e interdisciplinare, le capacità operative e tutto quanto previsto in sede di programmazione, nell ottica rigorosa dei ritmi di apprendimento, della situazione iniziale e delle reali possibilità di ciascun alunno. I criteri orientativi per le prove di licenza tengono conto del livello generale di preparazione e di maturazione conseguito dagli alunni. Negli anni scorsi sono stati approntati dai gruppi disciplinari i seguenti criteri orientativi di valutazione relativi alla conduzione dell esame di Stato: a) Prova scritta di Italiano Le tracce dei compiti indicativamente riguarderanno: Esperienze di vissuto personale o fantastico, in forma discorsiva oppure di lettera, diario o racconto. Proposta di redazione di un testo argomentativo o di un articolo di cronaca. Esperienze maturate a scuola (tematiche interdisciplinari, attività svolte o percorsi di approfondimento e/o ricerca) sotto forma di relazione. Criteri di valutazione: Coerenza con la traccia. 14

15 Completezza espositiva ed eventuale originalità creativa. Correttezza ortografica e morfosintattica, ricchezza lessicale. b) PROVA SCRITTA DI MATEMATICA Algebra: equazioni di 1 Problemi di geometria solida Studio di funzioni (leggi fisiche) Probabilità Criteri di valutazione: Correttezza formale. Scelta della strategia risolutiva. Applicazione delle tecniche di calcolo. Rappresentazione grafica. c) PROVE SCRITTE DI LINGUA INGLESE E DI LINGUA FRANCESE Comprensione di un brano. Stesura di una lettera. Redazione di un dialogo. Criteri di valutazione: Conoscenza lessicale e morfosintattica. Padronanza ortografica. Comprensione del contenuto e organizzazione del testo. Scioltezza del linguaggio. Efficacia della comunicazione, pertinenza e coerenza. Scioltezza del linguaggio. In riferimento alla Prova Nazionale INVALSI i docenti delle discipline coinvolte hanno predisposto da tempo ed utilizzato strumenti comuni oggettivi di verifica quadrimestrale per tutte le classi, con particolare attenzione alle esercitazioni/simulazioni per le classi terze. d) Criteri per i colloquio d esame Per le prove orali, allo scopo di aiutare i ragazzi a superare l impatto emozionale e per creare un clima disteso che possa mettere a proprio agio, si inizierà chiedendo un argomento particolarmente approfondito, oppure un itinerario di collegamenti a livello transdisciplinare. Saranno oggetto del colloquio anche le esperienze didattiche realizzate durante il corso dell anno, specie quelle riguardanti le attività di laboratorio. Si privilegerà nel corso del colloquio la visione d insieme, evitando l accertamento puntiglioso dei singoli contenuti disciplinari. Durante il colloquio orale si dovranno accertare: 15

16 I livelli di conoscenza dei contenuti. La capacità di rielaborare ed operare collegamenti. La chiarezza espositiva e la proprietà dei linguaggi. 16

17 7. Progettazione e arricchimento dell Offerta Formativa 7.1 Progettare con risorse interne ed esterne. Con il termine risorse ci si riferisce all insieme delle competenze umane e professionali a disposizione dell intero istituto. Elementi di qualità sono la professionalità, le competenze specifiche disciplinari e la disponibilità verso l innovazione. L Istituto ha, infatti, una lunga tradizione come scuola particolarmente sensibile e attenta alle esigenze formative del territorio e alle trasformazioni strutturali e metodologiche della scuola. La scuola può contare su un gruppo stabile di docenti. La mobilità del personale è molto ridotta e questo aspetto garantisce continuità nell azione didattica e nel lavoro collegiale. 7.2 Formazione dei docenti e del personale ATA La formazione costituisce una leva strategica, per il necessario sostegno agli obiettivi di cambiamento, al miglioramento e ampliamento dell Offerta formativa e all innalzamento della qualità del servizio. Un efficace politica di sviluppo delle risorse umane garantisce altresì stimoli per lo sviluppo professionale del personale. I docenti hanno partecipato e partecipano ad iniziative di aggiornamento e di formazione scelte autonomamente o concordate in sede collegiale. Un gruppo di docenti vanta un percorso formativo sulla didattica metacognitiva. Molti sono applicatori e formatori del programma di arricchimento strumentale del professore Feuerstein. Annualmente viene predisposto un programma interno di formazione e di aggiornamento che risponde al fabbisogno formativo del personale. Per l anno scolastico 2013/2014 il piano di formazione prevede: 1) Corso avanzato di aggiornamento sulla Sicurezza (collegiale) 2) Corso di formazione PON FSE informatica di base 3) Corso di formazione PON FSE sulle competenze in lingua inglese (parte seconda) 4) Corso di formazione PON FSE trasversalità-competenze comunicative nella costruzione del curricolo verticale 5) Incontri di formazione su tematiche specifiche, promossi da enti esterni durante il corso dell anno esaminati e selezionati dalle funzioni strumentali area 3. 17

18 A scuola di Sicurezza La Scuola ha redatto un documento di Valutazione dei rischi, con il relativo piano di miglioramento e di evacuazione in caso di emergenza (normativa sulla sicurezza Legge 81/2008). In tutti gli ambienti è esposta una piantina che mostra la via di fuga ed il percorso per raggiungere il luogo di raccolta. Almeno due volte l anno,viene simulata l evacuazione dell'edificio che impegna tutto il personale e gli alunni. Le attività relative alla sicurezza confluiscono in un Progetto Sicurezza che coinvolge l intero personale in azioni a tutela della salute e sicurezza degli allievi, dell utenza e dei lavoratori. Il piano ha una significativa ricaduta sulle attività didattiche ed educative, in quanto i docenti non si limitano a far esercitare gli alunni nelle procedure di evacuazione dall edificio, ma sollecitano apprendimenti relativi: all autocontrollo, oltre che alla perizia, in situazioni di rischio; alla corretta interpretazione dei simboli, delle piantine e dei percorsi di fuga; alla stesura di regolamenti necessari per la sicurezza; alla conoscenza di fattori di rischio e di norme di comportamento in vari contesti di vita. La scuola predispone ogni anno un piano per la formazione del personale sulla sicurezza. 7.3 Percorsi di Ampliamento dell Offerta Formativa Attraverso l analisi dei bisogni si sono strutturate attività nei seguenti ambiti:! Nuove tecnologie! Laboratori scientifici! Lingua inglese! Attività artistico / espressive! Attività musicali! Attività d integrazione! Attività di educazione alla cittadinanza! Attività di potenziamento disciplinare e propedeutica all istruzione secondaria di secondo grado! Attività sportive! Attività extra-scolastiche (visite guidate e viaggi di istruzione). Nella scuola Primaria le classi Quinte svolgeranno le seguenti attività opzionali :! Laboratorio di approfondimento di italiano! Laboratorio di lettura! Laboratorio di approfondimento di geografia! Laboratorio di approfondimento di storia! Laboratorio di approfondimento di matematica 18

19 7.4 L Arricchimento dell Offerta Formativa L istituto comprensivo propone le seguenti attività di arricchimento e potenziamento dell offerta formativa, finanziate con fondi Pubblici (M.I.U.R.- U.E.-EE.LL.) o privati (Contributi delle famiglie, sponsor, volontariato, privato sociale). In orario curriculare In orario extracurricolare Lettura e biblioteca Radio scuola Psicomotorio Manipolativo Espressivo Prevenzione e recupero della dispersione scolastica e promozione del successo formativo Integrazione alunni disabili Integrazione alunni stranieri Continuità Scuola al cinema Il Massimo della scuola Educazione musicale Educazione ambientale Educazione alla salute Educazione stradale Educazione alla legalità e alla cittadinanza AddioPizzo Intercultura: una sorella per una settimana Sport a scuola Sicurezza SCUOLA PRIMARIA Laboratorio Piccoli esploratori Laboratorio Piccoli archeologi Laboratorio di italiano L2 Laboratorio per l integrazione Laboratorio di recupero Laboratorio di scienze Laboratorio Creatività Laboratorio Io disegno Attività sportiva SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Laboratori di latino Laboratori di greco Laboratori musicali Laboratori artisticomanipolativi Laboratori per l integrazione Laboratori di italiano L2 Laboratori di scienze Attività sportiva Progetti PON 2007/2013 FESR Un avventura in classe con il notebook Se faccio capisco scienze Impariamo in modo nuovo informatica L Inglese intorno a noi Laboratorio musicale Una LIM per tutti Attività alternative alla religione cattolica Scopriamo l arte Leggiamo insieme Attività musicali Progetti PON 2007/2013 FSE C1 Interventi per lo sviluppo delle competenze chiave in Lingua italiana Matematica Lingua Inglese Scienze Musica La Scuola organizza visite guidate in Città e Provincia, viaggi d istruzione in Sicilia, Italia ed Europa 19

20 7.5 Progetti PON / FSE Al fine di migliorare l efficacia formativa e la qualità delle strutture scolastiche la scuola promuove strategie di rafforzamento delle attività di insegnamento/apprendimento, in funzione dell innalzamento dei livelli di competenza degli studenti. Tali strategie saranno realizzate attraverso: l attivazione di percorsi laboratoriali per gli alunni; la formazione del personale; la sperimentazione di metodologie didattiche innovative; il miglioramento della funzionalità delle strutture e delle attrezzature. La scuola, accogliendo le spinte innovative promosse dal Ministero e in linea con gli obiettivi della conferenza di Lisbona, ha aderito ai Programmi Operativi Nazionali Competenze per lo sviluppo ed Ambienti per l apprendimento, attraverso la redazione dei Piani Integrati al POF, attuando i seguenti progetti: Con fondi PON/FSE Competenze per lo sviluppo ASSE ALUNNI Obiettivo Azione C1 FSE Interventi per lo sviluppo delle competenze chiave: Piccoli giornalisti crescono 50 ore Alunni scuola secondaria 1 grado Matematica per noi 30 ore Alunni scuola secondaria 1 grado English for pupils 30 ore Alunni scuola secondaria 1 grado English for pupils 2 30 ore Alunni scuola secondaria 1 grado Musica!!! 30 ore Alunni scuola secondaria 1 grado Inglese corso 1 30 ore Alunni scuola primaria Inglese corso 2 30 ore Alunni scuola primaria Inglese corso 3 30 ore Alunni scuola primaria Inglese corso 4 30 ore Alunni scuola primaria Piccoli scienziati 30 ore Alunni scuola primaria ASSE PERSONALE DELLA SCUOLA Obiettivo Azione D1 FSE Interventi formativi sulle nuove tecnologie della comunicazione Informatica di base 30 ore Obiettivo Azione B 1 FSE Interventi per l aggiornamento del personale scolastico - Trasversalità competenze comunicative nella costruzione del curricolo verticale 30 ore Obiettivo Azione B 7 FSE Interventi per l aggiornamento del personale Inglese per noi - parte seconda 30 ore 20

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO COORDINATO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE CURRICOLO Il Curricolo è il complesso organizzato delle esperienze di apprendimento che una scuola intenzionalmente progetta e realizza per gli alunni al fine di conseguire le mete formative desiderate.

Dettagli

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA mediante momenti di raccordo pedagogico, curriculare e organizzativo fra i tre ordini di scuola, promuove la continuità del processo educativo, condizione essenziale per

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA Scuola Primaria Anno scolastico 2013/2014 Il Collegio dei Docenti della Scuola Primaria dell Istituto Comprensivo di Balangero condivide

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado Classe: Sezione: Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado PROGETTAZIONE CURRICOLARE Approvazione del Consiglio di Classe in data: Coordinatore:Prof.

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI PASIAN DI PRATO Istituzione scolastica dotata di personalità giuridica Decreto del Direttore Generale dell Ufficio Scolastico Regionale del F.V.G. del 25 gennaio 2012 - prot. n.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015 DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI Composizione I Dipartimenti sono composti dai docenti, raggruppati per aree disciplinari e/o per

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso FINALITA Il presente documento contiene criteri, principi e indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche per un ottimale inserimento

Dettagli

I.C. FUTURA SCUOLA PRIMARIA

I.C. FUTURA SCUOLA PRIMARIA I.C. FUTURA SCUOLA PRIMARIA FINALITÀ TRASVERSALI Sviluppa autostima Sviluppa competenze disciplinari e trasversali Impara a cooperare e vivere in gruppo Impara a superare ansie e difficoltà Impara a conoscere

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE GUIDO CAVALCANTI SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI Via G. Guerrazzi 178, 50019 Sesto Fiorentino (FI) Tel 055/4210541/2 FAX 055/4200419 E-mail: fimm495000x@istruzione.it Sito Web: www.scuolacavalcanti.gov.it

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione

Ministero della Pubblica Istruzione ALLEGATO 3 SCHEDA DI AUTOANALISI: SIAMO UNA SCUOLA INCLUSIVA? Contesto: CLASSE Azioni : DIDATTICA Esperienze/oggetti : STRATEGIE INTEGRANTI E RELAZIONI D AIUTO Quali attività/esperienze servono a favorire

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il Curricolo

Indicazioni Nazionali per il Curricolo Indicazioni Nazionali per il Curricolo Scuola dell infanzia e primo ciclo di istruzione Conferenza Stampa Mercoledì 6 Marzo 2013 MIUR- Sala della Comunicazione Ore 15:00-17:00 #InScuola Le nuove Indicazioni

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE I.I.S. Federico II di Svevia PROGRAMMAZIONE DI CLASSE a. s. 2013-2014 classe VB docente coordinatore Prof.ssa Teresa CARUSO La programmazione educativa e didattica per l a. s. in corso è elaborata dal

Dettagli

Istituto Comprensivo Poggiomarino1-Capoluogo. Piano dell offerta formativa

Istituto Comprensivo Poggiomarino1-Capoluogo. Piano dell offerta formativa Istituto Comprensivo Poggiomarino1-Capoluogo Piano dell offerta formativa Istituto Comprensivo Poggiomarino1-Capoluogo I PROGETTI DIDATTICI INDIRIZZI GENERALI DELLA SCUOLA LE STRUTTURE IL CURRICOLO P.O.F

Dettagli

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO Prof. Paola Perrone PREMESSA Nell attuale contesto storico, che ha acquisito la tematica europea dell orientamento lungo

Dettagli

a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga,

a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga, PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga, fertile in avventure e in esperienze.... Sempre devi avere in mente Itaca raggiungerla

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR)

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR) Prot. n. 4723/A01 Cassino 19 settembre2015 Ai docenti dell istituto comprensivo Loro sedi Atti Oggetto: indicazioni e chiarimenti in merito al POF 2015/16 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Vista la L. n.107/2015

Dettagli

DOCUMENTO DI LINEE D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO A.S.

DOCUMENTO DI LINEE D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO A.S. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I.C. NUOVO PONTE DI NONA - VIA GASTINELLI N. 58-00132 ROMA TEL. 06/22180417- fax: 06/22188121 C.M.RMIC8CR006

Dettagli

5.1. OBIETTIVI EDUCATIVI GENERALI

5.1. OBIETTIVI EDUCATIVI GENERALI PARTE SECONDA 5. LA SCUOLA PRIMARIA DELL'ISTITUTO 5.1. OBIETTIVI EDUCATIVI GENERALI La scuola Primaria promuove il benessere dei bambini e si impegna ad educarli tenendo conto delle diverse dimensioni

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

2 FINALITA FORMATIVE DELLA SCUOLA PRIMARIA

2 FINALITA FORMATIVE DELLA SCUOLA PRIMARIA 2 FINALITA FORMATIVE DELLA SCUOLA PRIMARIA Il nostro impianto educativo vuol porre al centro la ricerca del sé nella scoperta della necessità dell altro. Noi siamo tutti gli altri che abbiamo incontrato

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. Sperimentare un nuovo metodo d insegnamento per un apprendimento integrato di contenuto e lingua.

SCUOLA PRIMARIA. Sperimentare un nuovo metodo d insegnamento per un apprendimento integrato di contenuto e lingua. SCUOLA PRIMARIA Denominazione progetto Priorità cui si riferisce (L.107/2015)e Traguardi di risultato Obiettivo di processo CLIL SCIENCE Sviluppare e potenziare le competenze chiave di cittadinanza. Rispondere

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO N. 1 DI BOLOGNA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO N. 1 DI BOLOGNA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO N. 1 DI BOLOGNA Anno scolastico 2014-2015 LE NOSTRE SCUOLE scuola dell infanzia FUTURA scuola primaria GIOVANNI XXIII scuola secondaria 1^ grado GIUSEPPE

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE FINALITA Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è un documento che nasce da una più dettagliata esigenza d informazione relativamente all

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini PROGETTO DI PLESSO SCUOLA PRIMARIA PIERANTONIO a. s. 2014/2015 PREMESSA La scuola rappresenta lo spazio

Dettagli

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 1 via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA CHE COS E IL

Dettagli

Marco Polo descrive un ponte, pietra per pietra. "Ma qual è la pietra che sostiene il ponte?" - chiede Kublai Kan. "Il ponte non è sostenuto da

Marco Polo descrive un ponte, pietra per pietra. Ma qual è la pietra che sostiene il ponte? - chiede Kublai Kan. Il ponte non è sostenuto da LA CONCRETEZZA DELL'INVISIBILE Marco Polo descrive un ponte, pietra per pietra. "Ma qual è la pietra che sostiene il ponte?" - chiede Kublai Kan. "Il ponte non è sostenuto da questa o quella pietra, -

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 3

ISTITUTO COMPRENSIVO N 3 ISTITUTO COMPRENSIVO N 3 Giovanni XXIII 73043 COPERTINO - Via Mogadiscio, 45 - Tel. 0832.947164 Fax 0832.934582 e-mail: leic865009@istruzione.it Allegato al Regolamento d Istituto PROTOCOLLO per l ACCOGLIENZA

Dettagli

I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca

I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca ANALISI ESPERIENZE PREGRESSE (da compilare on line entro il 30 marzo 2008) I CARE Imparare Comunicare Agire

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale ADELAIDE RISTORI Via L. D Alagno, 16-80138 Napoli

Istituto Comprensivo Statale ADELAIDE RISTORI Via L. D Alagno, 16-80138 Napoli Prot.2429/O Napoli 28.09.2015 Al Collegio Docenti Alla DSGA All Albo AL SITO WEB IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTI il D.P.R. n.297/94 ; il D.P.R. n. 275/99; il D.P.R. 20 MARZO 2009, N.89, recante Revisione

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA Allegato 4 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA IL protocollo d accoglienza è un documento deliberato dal Collegio Docenti che contiene principi, indicazioni riguardanti l iscrizione

Dettagli

Anno scolastico 2008/09

Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO AZZANO SAN PAOLO Il presente opuscolo, che racchiude le linee programmatiche essenziali utili ad identificare la nostra scuola, costituisce una sintesi del Piano dell Offerta Formativa;

Dettagli

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità Istituto Comprensivo Statale Lorenzo Bartolini di Vaiano Piano dell Offerta Formativa Scheda di progetto Progetto 5 Formazione, discipline e continuità I momenti dedicati all aggiornamento e all autoaggiornamento

Dettagli

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia gli alunni che i genitori apprezzano: - competenze e

Dettagli

Orario p.m. Tot. ore settimanali Scuola dell Infanzia 8.00-16.00 Dal LUN. al VEN. 40h. Primaria Rodari 8.30-16.30 Dal LUN. al VEN.

Orario p.m. Tot. ore settimanali Scuola dell Infanzia 8.00-16.00 Dal LUN. al VEN. 40h. Primaria Rodari 8.30-16.30 Dal LUN. al VEN. L I.C. è composto dai seguenti plessi: 1 Scuola dell Infanzia San Francesco 4 Scuole primarie: De Amicis, Pasini, Pertile, Rodari 1 Scuola Secondaria di 1 grado Mainardi Orario scolastico a.s. 2015/16

Dettagli

Indicazioni nazionali per il curricolo

Indicazioni nazionali per il curricolo Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo di istruzione a cura di Valentina Urgu per l I.C. Monastir L ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO Indicazioni quadro di riferimento

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola dell infanzia-scuola primaria-scuola secondaria di 1 a indirizzo musicale BOER-VERONA TRENTO Via XXIV Maggio,

Dettagli

CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA

CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA ISTITUTO COMPRENSIVO E. FERMI DI CARVICO SCUOLA SECONDARIA di CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA Estratto Piano dell Offerta Formativa Anno Scolastico 2015-2016 L OFFERTA FORMATIVA comune a tutti

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

Istituto Comprensivo Aldo Moro Saronno OPEN DAY 2011

Istituto Comprensivo Aldo Moro Saronno OPEN DAY 2011 Istituto Comprensivo Aldo Moro Saronno OPEN DAY 2011 L alunno al centro RISPETTO DELLE INDIVIDUALITA ATTENZIONE ALLE SPECIFICITA PERSONALI ATTENZIONE AI DIVERSI STILI DI APPRENDIMENTO CURA DELLE RELAZIONI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado

ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado Piano Annuale per l Inclusività A.S. 2013/14 L I.C. Tivoli 2 A.Baccelli pone particolare attenzione

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ. Anno scolastico 2015/2016. Docente referente: Franzosi Flavia

PROGETTO CONTINUITÀ. Anno scolastico 2015/2016. Docente referente: Franzosi Flavia PROGETTO CONTINUITÀ Anno scolastico 2015/2016 Docente referente: Franzosi Flavia PREMESSA Motivazione del Progetto La continuità nasce dall'esigenza primaria di garantire il diritto dell'alunno a un percorso

Dettagli

PROGETTO D ISTITUTO: IN CONTINUITA SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA. Anno scolastico 2015/2016

PROGETTO D ISTITUTO: IN CONTINUITA SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA. Anno scolastico 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CESALPINO PROGETTO D ISTITUTO: IN CONTINUITA SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2015/2016 MOTIVAZIONE La continuità didattica è parte determinante del processo

Dettagli

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596 Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596 Piano Annuale per l Inclusione 2015/16 1. FINALITA GENERALE E NORMATIVA DI RIFERIMENTO Legge 104/92 Legge

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLEGATA AL PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLEGATA AL PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLEGATA AL PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015 Il programma annuale è direttamente raccordato al Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) e traduce, in

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione

Piano Annuale per l Inclusione Scuola _I.C. NOLE CAN.SE (TO) a.s._2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge 104/92

Dettagli

SCHEDA PROGETTO DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA (PTOF)

SCHEDA PROGETTO DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA (PTOF) SCHEDA PROGETTO DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA (PTOF) 1.1 Denominazione progetto Indicare denominazione del progetto Il Progetto, denominato Educare con l arte, si articola in due Sezioni :

Dettagli

5 IL SISTEMA INTERNO DI VALUTAZIONE 5.1 RAPPORTI SCUOLA FAMIGLIA

5 IL SISTEMA INTERNO DI VALUTAZIONE 5.1 RAPPORTI SCUOLA FAMIGLIA 5 IL SISTEMA INTERNO DI VALUTAZIONE L autovalutazione delle attività progettuali previste nel POF viene attuata tramite la somministrazione di questionari rivolti agli alunni, ai genitori e agli insegnanti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 La programmazione educativa, redatta dal Presidente del Gruppo H e stilata dalla Docente F/S per le attività a sostegno

Dettagli

L istituto comprensivo include : quattro scuole dell infanzia due plessi di scuola primaria la scuola secondaria di primo grado.

L istituto comprensivo include : quattro scuole dell infanzia due plessi di scuola primaria la scuola secondaria di primo grado. Offerta formativa L istituto comprensivo include : quattro scuole dell infanzia due plessi di scuola primaria la scuola secondaria di primo grado Vi operano Il dirigente scolastico La collaboratrice del

Dettagli

Scuola I.C. UBALDO FERRARI CASTELVERDE a. s. 2014-2015. Piano Annuale per l Inclusione

Scuola I.C. UBALDO FERRARI CASTELVERDE a. s. 2014-2015. Piano Annuale per l Inclusione Scuola I.C. UBALDO FERRARI CASTELVERDE a. s. 2014-2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo Studente Ufficio VI

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo Studente Ufficio VI EDUCAZIONE alla SICUREZZA STRADALE Il Progetto Nazionale Il Progetto ha la finalità di educare a comportamenti corretti e responsabili e, in particolare i giovani utenti della strada, ad una guida dei

Dettagli

Progetto alunni stranieri accoglienza, integrazione, L2

Progetto alunni stranieri accoglienza, integrazione, L2 Progetto alunni stranieri accoglienza, integrazione, L2 Anno Scolastico 2012/2013 [[[Nessun bambino può essere considerato straniero, laddove ci si occupa di educazione, di trasmissione di valori, di conoscenze

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA - ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO DI SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO Francesco D Este MASSA LOMBARDA (RA) PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA Il PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA è un documento che viene deliberato

Dettagli

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe:

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe: Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016 Consiglio della Classe Sez. Indirizzo Scenografia Coordinatore: Data di approvazione: Docenti: Disciplina:

Dettagli

PROGETTO DI INTERVENTO DIDATTICO/FORMATIVO PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI CON DISABILITÀ

PROGETTO DI INTERVENTO DIDATTICO/FORMATIVO PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI CON DISABILITÀ PROGETTO DI INTERVENTO DIDATTICO/FORMATIVO PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI CON DISABILITÀ QUANDO LE SCUOLE SI INCONTRANO CON IL TERRITORIO VITA QUOTIDIANA E STRATEGIE D INTERVENTO PER GLI ALUNNI DISABILI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VIA A. MORO BUCCINASCO SCUOLA PRIMARIA ROBBIOLO via A.Moro SCUOLA PRIMARIA ROBARELLO via degli Alpini

ISTITUTO COMPRENSIVO VIA A. MORO BUCCINASCO SCUOLA PRIMARIA ROBBIOLO via A.Moro SCUOLA PRIMARIA ROBARELLO via degli Alpini www.icsaldomorobuccinasco.gov.it ISTITUTO COMPRENSIVO VIA A. MORO BUCCINASCO SCUOLA PRIMARIA ROBBIOLO via A.Moro SCUOLA PRIMARIA ROBARELLO via degli Alpini Anno Scolastico 2015-2016 Iscrizioni 2016-2017

Dettagli

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana. Collegio dei docenti. Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana. Collegio dei docenti. Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana Collegio dei docenti Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria Approvato nella seduta del Collegio del 17 gennaio 2013 Prima

Dettagli

Neoassunti 2015/16. BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale. Versione del 09/12/15

Neoassunti 2015/16. BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale. Versione del 09/12/15 Neoassunti 2015/16 BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale Versione del 09/12/15 Sommario Sommario Sommario... 1 Introduzione... 2 La guida per la compilazione del Bilancio di Competenze... 2 A cosa

Dettagli

La Scuola Secondaria di Primo Grado

La Scuola Secondaria di Primo Grado La Scuola Secondaria di Primo Grado È un ambiente educativo sereno, nel quale i ragazzi imparano solide nozioni di base e un efficace metodo di studio, utilizzando le nuove tecnologie, la rete internet

Dettagli

LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016

LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016 LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016 LA DIMENSIONE DEL BISOGNO: COMUNICAZIONE E DIVERSITÀ Motivazione dell idea progettuale Il nostro Istituto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLONGO SCUOLA PRIMARIA. Estratto del POF

ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLONGO SCUOLA PRIMARIA. Estratto del POF ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLONGO SCUOLA PRIMARIA Estratto del POF La scuola, come ambiente educativo di apprendimento, luogo di convivenza democratica, deve offrire un clima sociale positivo ed essere

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012 / 2013 Scuola Comunale dell infanzia Pollicinia Via Roma Potenza Tel. 0971 / 273041 DOVE SIAMO CHI SIAMO Potenza, capoluogo di regione, è la città della

Dettagli

Prot. n. 4273 / A 2 Andria, 12 ottobre 2015

Prot. n. 4273 / A 2 Andria, 12 ottobre 2015 8 CIRCOLO DIDATTICO "A. ROSMINI" Corso Italia, 7-76123 ANDRIA C.F. 90000300724 Tel 0883/246459 - Fax 0883/292770 email: baee05600t@istruzione.it Sito web: www.circolodidatticorosmini.gov.it pec baee05600t@pec.istruzione.it

Dettagli

PROGETTO "Diversità e inclusione"

PROGETTO Diversità e inclusione MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO CERVARO Corso della Repubblica, 23 (Fr) Tel. 0776/367013 - Fax 0776366759 - e-mail:fric843003@istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO TOMMASEO. EccoCi Qua

ISTITUTO COMPRENSIVO TOMMASEO. EccoCi Qua ISTITUTO COMPRENSIVO TOMMASEO EccoCi Qua PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 2015-2016 SCUOLA SECONDARIA Linee essenziali Valori, obiettivi e piano d azione IC TOMMASEO - SECONDARIA UNA SCELTA DI CONTINUITÀ La

Dettagli

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PRESENTAZIONE Il presente progetto costituisce un iniziativa volta a promuovere un percorso di crescita dei ragazzi nel confronto,

Dettagli

Oggetto: descrizione dettagliata del progetto Un curricolo verticale per il successo formativo, Linea 1.

Oggetto: descrizione dettagliata del progetto Un curricolo verticale per il successo formativo, Linea 1. Castelfranco E., 13 04-2013 Oggetto: descrizione dettagliata del progetto Un curricolo verticale per il successo formativo, Linea 1. Come già specificato il progetto, parte integrante del POF della scuola,

Dettagli

Progetto delle attività del II anno di tirocinio, III anno di corso

Progetto delle attività del II anno di tirocinio, III anno di corso S C U O L A D E L L E S C I E N Z E U M A N E E D E L P A T R I M O N I O C U L T U R A L E CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA Ufficio Coordinamento e Supervisione Tirocinio c/o Albergo

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI DISABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI DISABILI All.9 POF 2015-2016 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI DISABILI Il Protocollo di Accoglienza è il documento che predispone e organizza le modalità che l Istituto intende seguire relativamente all

Dettagli

Prot.n.2638 Palau 7 Ottobre 2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E P.C. AL CONSIGLIO D ISTITUTO AI GENITORI AL PERSONALE ATA ATTI ALBO

Prot.n.2638 Palau 7 Ottobre 2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E P.C. AL CONSIGLIO D ISTITUTO AI GENITORI AL PERSONALE ATA ATTI ALBO M.I.U.R. UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA ISTITUTO COMPRENSIVO Anna Compagnone SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA 1 GRADO Via del Faro N 1 0 7 0 2 0 P A L A U Tel. 0789-70 95 40 fax

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO Tel. 031. 607321 - E-mail: sms.inverigo@tiscali.it - Sito: www.icsinverigo.gov.it Direzione e Segreteria dell Istituto Comprensivo: Via

Dettagli

Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA

Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA L'adozione di un Protocollo di Accoglienza consente di attuare in modo operativo

Dettagli

Scuola I.I.S. DON MILANI MONTICHIARI a.s. 2015 2016. Piano Annuale per l Inclusione

Scuola I.I.S. DON MILANI MONTICHIARI a.s. 2015 2016. Piano Annuale per l Inclusione Scuola I.I.S. DON MILANI MONTICHIARI a.s. 2015 2016 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge

Dettagli

Progetto. A.S. 2015/2016 Scuola secondaria di primo grado. Sedi di Simaxis, Solarussa, Ollastra, Villaurbana e Zerfaliu

Progetto. A.S. 2015/2016 Scuola secondaria di primo grado. Sedi di Simaxis, Solarussa, Ollastra, Villaurbana e Zerfaliu ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SIMAXIS -VILLAURBANA DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO VIA ROMA, 2-09088 SIMAXIS (OR) - Tel. 0783 405013/Fax 0783 406452 C.F. 80005050952 - E-Mail

Dettagli

Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro

Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro RAV Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro fotografia); individuazione dei punti di forza e di

Dettagli

Istituto Comprensivo Pio Fedi. Grotte S. Stefano-Viterbo PROTOCOLLO D ISTITUTO

Istituto Comprensivo Pio Fedi. Grotte S. Stefano-Viterbo PROTOCOLLO D ISTITUTO Istituto Comprensivo Pio Fedi Grotte S. Stefano-Viterbo PROTOCOLLO D ISTITUTO INTEGRAZIONE-INCLUSIONE ALUNNI DIVERSAMENTI ABILI Premessa Questo documento denominato PROTOCOLLO D'ISTITUTO: integrazioneinclusione

Dettagli

Progetto. Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo

Progetto. Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo Misure di accompagnamento alle Indicazioni Nazionali Progetto CITTADINANZA COME AGIRE SOCIALE Incontro conclusivo 25 maggio 2015 Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo Un percorso che

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione

Piano Annuale per l Inclusione Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: Infa Prim Med 1. disabilità certificate (Legge 104/92 art. 3, commi 1 e 3) N.n. 7 14. Ø

Dettagli

Prof. Paolo Seclì EDUCAZIONE MOTORIA: SCUOLA E TERRITORIO

Prof. Paolo Seclì EDUCAZIONE MOTORIA: SCUOLA E TERRITORIO Prof. Paolo Seclì EDUCAZIONE MOTORIA: SCUOLA E TERRITORIO NUOVI ORIZZONTI NON SEMPRE TUTTI I DOCENTI SVOLGONO CON REGOLARITÀ DURANTE L A. S. L EDUCAZIONE MOTORIA. NON SEMPRE LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO (per i docenti dei tre ordini di scuola)

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO (per i docenti dei tre ordini di scuola) QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO (per i docenti dei tre ordini di scuola) Docente di: scuola infanzia scuola primaria scuola secondaria I Professionalità dei docenti Programmazione e valutazione

Dettagli

Linee di indirizzo generali per le attività della scuola (delibera n. 109 - Consiglio di Istituto del 9 aprile 2015) Il CONSIGLIO DI ISTITUTO ADOTTA

Linee di indirizzo generali per le attività della scuola (delibera n. 109 - Consiglio di Istituto del 9 aprile 2015) Il CONSIGLIO DI ISTITUTO ADOTTA Linee di indirizzo generali per le attività della scuola (delibera n. 109 - Consiglio di Istituto del 9 aprile 2015) VISTO il DPR 8 marzo 1999, n. 275 art. 3, c.3: Il Piano dell'offerta formativa è elaborato

Dettagli

Prot. n. 4223/B18 Mugnano di Napoli, 13 ottobre 2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI

Prot. n. 4223/B18 Mugnano di Napoli, 13 ottobre 2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI I CIRCOLO DIDATTICO GENNARO SEQUINO Via Roma, 80 80018 MUGNANO DI NAPOLI Telefono/Fax 081-7451142 Distretto 26 Codice NAEE15100R Codice fiscale 80101770636 @-mail: naee15100r@istruzione.it web site: www.cdsequino.gov.it

Dettagli

Scuola dell infanzia di Ponte Ronca via Risorgimento 217

Scuola dell infanzia di Ponte Ronca via Risorgimento 217 ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA segreteria: Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it Pec : boic86400n@pec.istruzione.it sito

Dettagli

Direzione Didattica Statale G. MAZZINI

Direzione Didattica Statale G. MAZZINI Direzione Didattica Statale G. MAZZINI Progetto A.M.I.C.O. Azioni Metodologiche ed Iniziative per la Cooperazione aa.ss. 2014/2015 Sede/i di realizzazione del progetto: Plessi di scuola primaria della

Dettagli

Progettazione curriculare verticale Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria, Scuola Secondaria di I grado

Progettazione curriculare verticale Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria, Scuola Secondaria di I grado Istituto Comprensivo "San Giovanni Bosco" Naro ISTITUTO COMPRENSIVO "SAN GIOVANNI BOSCO" NARO Progettazione curriculare verticale Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria, Scuola Secondaria di I grado A.S.2015-16

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO PIANO DI MIGLIORAMENTO Premessa Nel mese di settembre 2015 si è conclusa la fase di autovalutazione di Istituto con la pubblicazione del Rapporto di Autovalutazione consultabile sul sito dell Istituto

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ. Istituto Compresivo Rita Levi-Montalcini. Una scuola da scoprire e da vivere

PROGETTO CONTINUITÀ. Istituto Compresivo Rita Levi-Montalcini. Una scuola da scoprire e da vivere PROGETTO CONTINUITÀ Istituto Compresivo Rita Levi-Montalcini [Plesso di Arbostella, Plesso di Fuorni, Plesso di Mariconda, Plesso di Mercatello] Una scuola da scoprire e da vivere icritalevimontalcini.gov.it

Dettagli

RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI

RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI INTEGRAZIONE, ORIENTAMENTO E BUONE PRASSI RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI L iscrizione degli alunni con certificazione L.104

Dettagli

DISCIPLINE INSEGNATE MONTE ORE SETTIMANALE PER DISCIPLINA ITALIANO - STORIA - GEOGRAFIA - LATINO

DISCIPLINE INSEGNATE MONTE ORE SETTIMANALE PER DISCIPLINA ITALIANO - STORIA - GEOGRAFIA - LATINO OFFERTA FORMATIVA La Scuola Secondaria di 1 Grado - nel rispetto del Regolamento relativo all assetto ordinamentale, organizzativo e didattico art. 64 D.L. 25 giugno 2008 n. 112, convertito dalla Legge

Dettagli

(Collegio Docenti del / /2012)

(Collegio Docenti del / /2012) Codice Fiscale: 80014050357 CM: CMRETD02000L Vìa Prati, 2 42015 Correggio (RE) Tel. 0522 693271 Fax 0522 632119 Sito Web: www.einaudicorreggio.gov.it e mail: info@einaudicorreggio.gov.it e mail certificata:

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI FINALITÀ Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è una guida dettagliata d informazione riguardante l integrazione degli alunni

Dettagli

VALUTAZIONE FORMATIVA

VALUTAZIONE FORMATIVA VALUTAZIONE FORMATIVA SETTEMBRE PROVE DI INGRESSO Le prove d ingresso, mirate e funzionali, saranno comuni a tutte le classi prime della scuola secondaria di primo grado dell Istituto Comprensivo e correlate

Dettagli

Breve excursus sulle leggi relative all integrazione scolastica degli alunni disabili

Breve excursus sulle leggi relative all integrazione scolastica degli alunni disabili INCLUSIVITÀ a Integrazione del disagio Breve excursus sulle leggi relative all integrazione scolastica degli alunni disabili Il POF d istituto riconosce pienamente il modello d istruzione italiano in termini

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ - ORIENTAMENTO

PROGETTO CONTINUITÀ - ORIENTAMENTO PROGETTO CONTINUITÀ - ORIENTAMENTO Il progetto nasce dall' esigenza di garantire all'alunno un percorso formativo organico e completo, cercando di prevenire eventuali difficoltà che potrebbero insorgere

Dettagli

DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI

DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE LEONIDA MONTANARI Via Cesare Battisti, 14-00040 Rocca di Papa (Roma)- Tel: 06/9499928 Fax:06/9495523

Dettagli