a.s ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE CURRICOLO DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "a.s. 2012-13 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE CURRICOLO DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO"

Transcript

1 a.s ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE CURRICOLO DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO 1

2 ITALIANO INGLESE STORIA FRANCESE MUSICA MATEMATICA GEOGRAFIA ARTE I IMMAGINE STRUMENTO MUSICALE SCIENZE TECNOLOGIA EDUCAZIONE FISICA I.R.C. 2

3 1-Curricolo di Italiano Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado L allievo interagisce in modo efficace in diverse situazioni comunicative Usa la comunicazione orale per collaborare con gli altri Ascolta e comprende testi di vario tipo Espone oralmente argomenti di studio e di ricerca Usa manuali delle discipline o testi divulgativi (continui, non continui e misti) nelle attività di studio personali e collaborative, per ricercare, raccogliere e rielaborare dati, informazioni e concetti Legge testi letterari di vario tipo (narrativi, poetici, teatrali) e comincia a costruirne un interpretazione Scrive correttamente testi di tipo diverso (narrativo, descrittivo, espositivo, regolativo, argomentativo) adeguati a situazione, argomento, scopo, destinatario Produce testi multimediali Comprende e usa in modo appropriato le parole del vocabolario di base Riconosce e usa termini specialistici in base ai campi di discorso Adatta opportunamente i registri informale e formale in base alla situazione comunicativa Riconosce il rapporto tra varietà linguistiche Padroneggia e applica in situazioni diverse le conoscenze fondamentali relative al lessico, alla morfologia, all organizzazione logico-sintattica della frase semplice e complessa, ai connettivi testuali; utilizza le conoscenze metalinguistiche per comprendere con maggiore precisione i significati dei testi e per correggere i propri scritti I nuclei tematici, i relativi obiettivi e contenuti: Obiettivi di apprendimento CLASSE PRIMA Ascolto e parlato - Comprendere testi individuando l'argomento, le informazioni principali e lo scopo - Intervenire in una conversazione in modo pertinente rispettando tempi e turni di parola - Narrare correttamente esperienze ed eventi - Riferire su un argomento di studio in modo adeguato Contenuti CLASSE PRIMA - La favola - La fiaba - Il mito - Il testo narrativo - Il testo descrittivo - Il testo regolativo - Esperienze di vita - La poesia: primi elementi del testo poetico; filastrocche, nonsense, Limerick - Epica classica - Fonetica, ortografia e morfologia Lettura 3

4 - Leggere ad alta voce in modo corretto - Leggere ad alta voce in modo espressivo - Leggere silenziosamente ricavando le informazioni esplicite Scrittura - Produrre testi corretti sul piano morfosintattico e lessicale - Produrre testi aderenti alla traccia - Produrre testi chiari ed organici - Produrre testi ricchi nel contenuto - Produrre testi di vario tipo e a seconda degli scopi e dei destinatari Acquisizione ed espansione del lessico ricettivo e produttivo - Ampliare, sulla base delle esperienze scolastiche ed extrascolastiche, delle letture e di attività specifiche, il proprio patrimonio lessicale - Comprendere i termini specialistici di base - Realizzare scelte lessicali adeguate in base alla situazione comunicativa - Utilizzare dizionari di vario tipo Elementi di grammatica esplicita e riflessione sugli usi della lingua - Riconoscere le caratteristiche e le strutture dei principali tipi testuali (narrativi, descrittivi, regolativi, espositivi, argomentativi) - Riconoscere le principali relazioni fra significati delle parole - Conoscere i principali meccanismi di formazione delle parole: derivazione, composizione - Riconoscere in un testo le parti del discorso, o categorie lessicali, e i loro tratti grammaticali CLASSE SECONDA - Testo narrativo letterario e non - Racconto, diario, lettera, biografia, autobiografia, cronaca - Esperienze di vita - Dall epica classica a quella Europea - Principali tappe evolutive della lingua italiana - Elementi di Storia della letteratura italiana dalle origini al Settecento - Il testo poetico: denotazione e connotazione - Struttura della frase semplice e rapporti logici tra le parole CLASSE SECONDA Ascolto e parlato - Comprendere testi individuando l'argomento, le informazioni principali e secondarie e lo scopo - Avviarsi all uso di tecniche di supporto alla comprensione - Intervenire in una conversazione con 4

5 pertinenza e coerenza - Narrare correttamente esperienze ed eventi - Riferire su esperienze e argomenti di studio utilizzando un lessico adeguato Lettura - Leggere ad alta voce in modo espressivo - Leggere silenziosamente ricavando le informazioni esplicite ed implicite Scrittura - Produrre testi corretti sul piano morfosintattico e lessicale - Produrre testi aderenti alla traccia - Produrre testi chiari ed organici - Produrre testi ricchi nel contenuto - Produrre testi di vario tipo e a seconda degli scopi e dei destinatari Acquisizione ed espansione del lessico ricettivo e produttivo - Comprendere e usare parole in senso figurato - Comprendere e usare in modo appropriato i termini specialistici di base - Realizzare scelte lessicali adeguate in base alla situazione comunicativa, agli interlocutori e al tipo di testo - Rintracciare all interno di una voce di dizionario le informazioni utili per risolvere problemi e dubbi linguistici Elementi di grammatica esplicita e riflessione sugli usi della lingua - Riconoscere le caratteristiche e le strutture dei principali tipi testuali (narrativi, descrittivi, regolativi, espositivi, argomentativi) - Riconoscere le principali relazioni fra significati delle parole - Riconoscere l organizzazione logicosintattica della frase semplice CLASSE TERZA Ascolto e parlato - Comprendere e riorganizzare le CLASSE TERZA - Testo narrativo letterario: novella, racconto e romanzo - Testo argomentativo - Relazione - Esperienze di vita - Elementi di storia della letteratura italiana dal Neoclassicismo al Novecento - La poesia dall Ottocento al Novecento - Tematiche di attualità - Sintassi della frase complessa 5

6 informazioni da diverse fonti individuando il punto di vista dell emittente - Applicare tecniche di supporto alla comprensione durante l ascolto - Intervenire in un dibattito argomentando il proprio punto di vista - Riferire oralmente su esperienze ed argomenti attraverso un registro adeguato e lessico specifico - Argomentare le proprie tesi su diverse tematiche motivandole adeguatamente Lettura - Leggere ad alta voce in modo espressivo testi di vario tipo - Leggere testi letterari di vario tipo individuando il tema principale e le intenzioni comunicative dell autore - Confrontare, su uno stesso argomento, informazioni ricavabili da più fonti e riorganizzarle Scrittura - Produrre testi corretti sul piano morfosintattico e lessicale - Produrre testi aderenti alla traccia - Produrre testi chiari ed organici - Produrre testi ricchi nel contenuto - Produrre testi di vario tipo e a seconda degli scopi e dei destinatari Acquisizione ed espansione del lessico ricettivo e produttivo - Comprendere e usare parole in senso figurato - Realizzare scelte lessicali adeguate in base alla situazione comunicativa, agli interlocutori e al tipo di testo - Rintracciare all interno di una voce di dizionario le informazioni utili per risolvere problemi e dubbi linguistici Elementi di grammatica esplicita e riflessione sugli usi della lingua - Riconoscere le caratteristiche e le strutture dei principali tipi testuali (narrativi, descrittivi, regolativi, espositivi, argomentativi) 6

7 - Riconoscere le principali relazioni fra significati delle parole - Riconoscere la struttura e la gerarchia logico-sintattica della frase complessa almeno a un primo grado di subordinazione Obiettivi minimi obiettivi di apprendimento per gli alunni in condizione di disagio socio-culturale Comprendere le informazioni principali di un testo Interagire in una conversazione rispettando tempi e turni Riferire con chiarezza gli argomenti di studio Leggere in modo chiaro Ricavare dai testi letti le principali informazioni Produrre semplici testi corretti e coerenti Riscrivere testi sintetizzandoli Riconoscere le principali categorie lessicali e i loro tratti grammaticali (classe I) Riconoscere gli elementi fondamentali della frase semplice (classe II) Riconoscere gli elementi fondamentali della frase complessa almeno a un primo grado di subordinazione (classe III) Metodologie specifiche centrate sui processi che connettono i saperi disciplinari Metodo sperimentale: induttivo, deduttivo, problem-solving e ricerca-azione Uso di tecnologie multimediali Metodologia generale Lezione frontale Lezione dialogata Brain storming Cooperative learning Metodo tutoriale Discussione libera e guidata modalità di organizzazione di classe Valutazioni Verifiche iniziali diagnostiche, in itinere e conclusive Prove oggettive strutturate e semistrutturate Esercitazioni scritte Verifiche scritte Produzione di testi Verifiche orali Relazioni su tema assegnato Conversazioni guidate 7

8 Interventi Controllo sistematico del lavoro svolto in classe e a casa 8

9 2-Curricolo di lingua inglese Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado E in grado di comprendere i punti essenziali di messaggi chiari sia orali che scritti, in lingua standard su argomenti familiari che affronta normalmente al lavoro, a scuola, nel tempo libero ecc. E in grado di produrre testi semplici e coerenti su argomenti che gli siano familiari o siano di suo interesse. E in grado di descrivere esperienze e avvenimenti, sogni, speranze, ambizioni, di esporre brevemente ragioni e dare spiegazioni su opinioni e progetti. E in grado di partecipare a conversazioni su argomenti familiari, di interesse personale o riguardanti la vita quotidiana ( per es la famiglia, gli hobby, il lavoro, i viaggi e i fatti di attualità ), affrontando molte delle situazioni che si possono verificare viaggiando in un Paese dove si parla la lingua. E in grado di stabilire relazioni tra elementi linguistico-comunicativi e culturali propri delle lingue di studio. I nuclei tematici, i relativi obiettivi e contenuti: Obiettivi di apprendimento Contenuti Ascolto comprensione orale Comprendere espressioni e frasi di uso quotidiano ed individuare l argomento e gli elementi essenziali di un discorso. Parlato produzione e interazione orale Saper formulare messaggi circa la sfera personale e sociale. Chiedere e rispondere a quesiti riguardanti la sfera personale e/o avvenimenti presenti, passati e futuri. Lettura- comprensione scritta Comprendere testi di vario genere, individuando le informazioni principali in essi contenute. Scrittura- produzione scritta Formulare messaggi adeguati in contesti di vita sociale Parlare di avvenimenti presenti, passati e futuri Produrre testi adeguati seguendo le indicazioni date Chiedere e fornire dati su argomenti relativi alla sfera personale. Riflessione sulla lingua Osservare la struttura della frase Ambiti lessicali e funzionali: luoghi- istituzioni- persone- oggettiavvenimenti- azioni. Studio delle forme del sistema linguistico: ortografia- fonologia- morfologia- sintassi Conoscenze di base della cultura e della civiltà del Regno Unito e di altri Paesi di lingua inglese relative a storia geografia, feste e tradizioni, gastronomia, scuola, sport. 9

10 individuandone gli elementi linguistici e mettere in relazione costrutti e funzioni comunicative. Confrontare parole e strutture relative a codici linguistici diversi. Cultura e civiltà - Individuare e confrontare abitudini e stili di vita nelle diverse culture. Obiettivi minimiobiettivi di apprendimento irrinunciabili che l alunno deve conseguire Riesce a comprendere e utilizzare espressioni familiari di uso quotidiano e formule molto comuni per soddisfare bisogni di tipo concreto. Sa presentare se stesso/a e altri ed è in grado di porre domande su dati personali e rispondere a domande analoghe ( il luogo dove abita, le persone che conosce, le cose che possiede ). E in grado di interagire in modo semplice purchè l interlocutore parli lentamente e chiaramente e sia disposto a collaborare. Individua e confronta abitudini e stili di vita nelle diverse culture. Metodologie specifichecentrate sui processi che connettono i saperi disciplinari Metodo situazionale-funzionale-comunicativo- deduttivo- induttivo. Metodologia generalemodalità di organizzazione di classe Le attività possono partire da abilità di tipo diverso (listening, speaking, reading, writing ) e poi proseguire con un coinvolgimento continuo degli alunni, motivati con riferimenti alle loro esperienze personali. L allievo sarà guidato all intuizione della regola nel momento della riflessione sulla lingua. Le strategie possono essere le seguenti: pair work, role play, cooperative learning, tutoring, dramatization, masterylearning..si utilizzeranno il libro di testo, il dizionario, giornalini di livello adeguato, CD, DVD e tutti i sussidi didattici tecnico-informatici necessari. Valutazioni Le verifiche simultanee, progressive e finali, serviranno ad accertare le competenze linguistiche raggiunte dall alunno e consentiranno, oltre che di valutare, di intervenire in itinere per il recupero in caso di difficoltà. La valutazione sarà formativa, sommativa e comparativa; sarà inoltre finalizzata anche all orientamento. 10

11 3-Curricolo di LINGUA FRANCESE Traguardi per lo sviluppo delle competenze primo grado al termine della scuola secondaria di L alunno e in grado di comprendere oralmente e per iscritto semplici messaggi per soddisfare bisogni concreti e legati alla propria esperienza quotidiana. L alunno e in grado di interagire oralmente e per iscritto utilizzando espressioni e semplici test relativi ad ambiti familiari e sociali. L alunno e in grado di produrre oralmente e per iscritto semplici messaggi per soddisfare bisogni immediati (sulla persona, famiglia, scuola, aspetti turistici, lavoro) L'alunno stabilisce relazioni tra semplici elementi linguistico comunicativi e culturali propri delle lingue di studio. I nuclei tematici, i relativi obiettivi e contenuti: Obiettivi di apprendimento Contenuti Ascolto Comprensione orale -Comprendere espressioni e frasi di uso quotidiano ed individuare l argomento, gli elementi essenziali di un discorso. Parlato produzione e interazione orale -Saper formulare messaggi circa la sfera personale e sociale. chiedere e rispondere a quesiti riguardanti la sfera personale e/o avvenimenti presenti passati e futuri. Lettura comprensione scritta -Comprendere semplici testi e ricavare le informazioni principali. Scrittura produzione scritta -formulare semplici messaggi in contesti di vita sociale -parlare di avvenimenti presenti, passati, futuri -comporre semplici testi seguendo le indicazioni date -chiedere e fornire dati su argomenti relativi alla sfera personale Riflessione sulla lingua -osservare la struttura della frase e mettere in relazione costrutti e intenzioni comunicative. -confrontare parole e strutture relative a codici verbali diversi. Cultura e civiltà Ambiti lessicali e funzionali: luoghi - istituzioni - persone - oggetti - avvenimenti - azioni Studio delle forme e del sistema linguistico: ortografia - fonologia - morfologia - sintassi 11

12 -individuare e confrontare abitudini e stili di vita nelle diverse culturali. Obiettivi minimi obiettivi di apprendimento irrinunciabili che l alunno deve conseguire Comprensione orale: comprende brevi e semplici messaggi se contengono pause articolate accuratamente. Comprensione scritta: comprende un testo scritto riconoscendo parole, nomi familiari e frasi basilari. Produzione orale: si esprime con frasi semplici su persone, luoghi e su argomenti familiari Produzione scritta: sa scrivere semplici testi con dati personali Conoscenza strutturale: conosce semplici strutture grammaticali che usa in modo comprensibile Metodologie specifiche centrate sui processi che connettono i saperi disciplinari Situazionale - funzionale - comunicativo - deduttivo-induttivo Metodologia generale - modalità di organizzazione di classe Partendo dal presupposto che una forte motivazione facilita e rende piu efficace l apprendimento, si seguira un approccio metodologico centrato sull alunno che viene coinvolto facendo riferimento al suo vissuto, alle sue esperienze, al suo territorio. Gli alunni lavoreranno singolarmente, a gruppi, con lezione frontale, correzioni collettive con attivita guidate, individuali, a coppie esercizi di vario tipo, jeux de role, completamento di dialoghi, composizioni scritte, visioni video, canzoni, questionari, lettura di testi autentici. Si fara uso del libro di testo, dizionario, videoregistratore, CD, DVD, Lavagna Lim ed altri sussidi didattici. Valutazioni Le verifiche simultanee, progressive e finali, riferite agli obiettivi dei percorsi formativi, serviranno ad accertare le competenze linguistiche raggiunte da ogni singolo alunno e dovranno consentire, oltre che di valutare, di intervenire in modo mirato per il recupero degli alunni piu in difficolta. La valutazione, intesa come valutazione continua del processo formativo terra conto dei risultati, delle prove di verifica attestanti le abilita acquisite e del processo di maturazione globale dell allievo Lo studio della lingua straniera ha una particolare importanza nell educazione alla comprensione e al rispetto di popoli e mondi diversi ed allarga gli orizzonti culturali, sociali ed umani dell allievo. Contribuisce, in armonia con le altre discipline alla formazione di una cultura di base sviluppando le capacita di comprendere, esprimersi e comunicare. 12

13 4-Curricolo di Storia Traguardi per lo sviluppo delle competenze primo grado al termine della scuola secondaria di L alunno si informa in modo autonomo su fatti e problemi storici Produce informazioni storiche e le sa organizzare Comprende testi storici e li sa rielaborare con un personale metodo di studio Espone le conoscenze storiche acquisite operando collegamenti Usa le conoscenze per comprendere il presente Comprende aspetti, processi e avvenimenti fondamentali della storia italiana Conosce aspetti e processi e fondamentali della storia europea medievale, moderna e contemporanea Conosce aspetti e processi fondamentali della storia mondiale fino alla globalizzazione Conosce aspetti e processi essenziali della storia del suo ambiente Conosce aspetti del patrimonio culturale, italiano e dell umanità, e li sa mettere in relazione con i fenomeni storici studiati I nuclei tematici, i relativi obiettivi e contenuti: Obiettivi di apprendimento Contenuti Uso delle fonti Conoscere e usare fonti di diverso tipo Organizzazione delle informazioni Selezionare ed organizzare le informazioni con mappe, schemi, tabelle, grafici e risorse digitali Costruire grafici e mappe spaziotemporali, per organizzare le conoscenze studiate Collocare la storia locale in relazione con la storia italiana, europea, mondiale Formulare ipotesi sulla base delle informazioni e delle conoscenze Strumenti concettuali Comprendere aspetti e strutture dei processi storici italiani, europei e mondiali Conoscere il patrimonio culturale collegato ai temi affrontati - Periodizzazione - La civiltà romana e la sua crisi - I regni romano-barbarici - L Europa medievale fino al Mille (L Impero bizantino, il Monachesimo, la Civiltà islamica). - L Impero di Carlo Magno e le sue caratteristiche. - Il Feudalesimo - La civiltà europea dopo il Mille e l unificazione culturale e religiosa dell Europa: radici di un identità comune. - L apertura dell Europa ad un sistema mondiale di relazioni: la scoperta dell altro e le sue conseguenze - La crisi socio- politica e culturale del Medioevo - La scoperta di nuovi mondi - Umanesimo e Rinascimento - La crisi dell unità religiosa e la destabilizzazione dell Europa - Il Seicento - Il Settecento: nuovi saperi e nuovi problemi, 13

14 Usare le conoscenze apprese per comprendere problemi ecologici, interculturali e di convivenza civile Produzione scritta e orale Produrre testi, utilizzando conoscenze selezionate da fonti di informazione diverse Argomentare su conoscenze e concetti appresi usando il linguaggio specifico della disciplina nascita dell idea di progresso e sue conseguenze - L Illuminismo, la Rivoluzione americana, la Rivoluzione francese - Napoleone e l Europa post-napoleonica - Il collegamento tra cittadinanza, libertà, nazione: la costituzione dei principali stati liberali dell Ottocento - Lo stato nazionale italiano e il rapporto con le realtà regionali: il significato di simboli quali, la bandiera tricolore, l inno nazionale - L Europa ed il mondo degli ultimi decenni dell Ottocento - Le istituzioni liberali e i problemi, in questo contesto, dell Italia unita - Le ideologie come tentativi di dar senso al rapporto uomo, società, storia. - La competizione tra gli Stati e le sue conseguenze - La I Guerra mondiale - L età delle masse e la fine della centralità europea - Crisi e modificazione delle democrazie - I totalitarismi - La II Guerra mondiale - La nascita della Repubblica Italiana - La società del benessere e la crisi degli anni 70 - Il crollo del comunismo nei Paesi dell Est europeo - L integrazione europea Metodologie specifiche centrate sui processi che connettono i saperi disciplinari Metodo sperimentale: induttivo, deduttivo, problem-solving e ricerca-azione Uso di tecnologie multimediali Metodologia generale Lezione frontale Lezione dialogata Brain storming Cooperative learning Metodo tutoriale Discussione libera e guidata modalità di organizzazione di classe 14

15 Valutazioni Verifiche iniziali diagnostiche, in itinere e conclusive Prove oggettive strutturate e semistrutturate Esercitazioni scritte Verifiche scritte Produzione di testi Verifiche orali Conversazioni guidate Interventi Controllo sistematico del lavoro svolto in classe e a casa 15

16 5-Curricolo di Geografia Traguardi per lo sviluppo delle competenze primo grado al termine della scuola secondaria di Sa orientarsi nello spazio e sulle carte di diversa scala Utilizza opportunamente carte geografiche, fotografie, immagini da telerilevamento, grafici,dati statistici Riconosce nei paesaggi europei e mondiali, raffrontandoli in particolare a quelli italiani, gli elementi fisici significativi e le emergenze storiche, artistiche e architettoniche, come patrimonio naturale e culturale da tutelare e valorizzare Osserva, legge e analizza sistemi territoriali vicini e lontani, nello spazio e nel tempo e valuta gli effetti di azioni dell uomo sui sistemi territoriali alle diverse scale geografiche I nuclei tematici, i relativi obiettivi e contenuti: Obiettivi di apprendimento Contenuti Orientamento Orientarsi sulle carte Orientarsi nelle realtà territoriali lontane Linguaggio della geo-graficità Leggere ed interpretare vari tipi di carte geografiche Utilizzare strumenti tradizionali (carte, ecc.) e innovativi per comprendere e comunicare fatti e fenomeni territoriali Paesaggio Interpretare e confrontare alcuni caratteri dei paesaggi italiani, europei e mondiali, anche in relazione alla loro evoluzione nel tempo Conoscere temi e problemi di tutela del paesaggio come patrimonio naturale e culturale e progettare azioni di valorizzazione Regione e sistema territoriale Consolidare il concetto di regione geografica ( fisica, climatica, storica, economica) applicandolo all Italia, all Europa e agli altri continenti Analizzare in termini di spazio le - Orientamento - Per capire la geografia - Per leggere il paesaggio - Rilievi e pianure d Europa - Fiumi, laghi e mari d Europa - Il clima - Europei e italiani - I centri urbani in Europa - L Economia in Europa - L Unione Europea - L Europa: caratteristiche fisico-antropiche di alcuni stati occidentali - La popolazione europea: - distribuzione della popolazione - la varietà etnica, linguistica, religiosa. - L economia europea: - l agricoltura - l industria - La Penisola Iberica - La regione francese - L Europa germanica - Le isole britanniche - L Europa del Nord - L Europa centro- orientale - I Balcani - Il Mediterraneo orientale - La regione russa - Ambienti e territori del mondo - La popolazione mondiale 16

17 interrelazioni tra fatti e fenomeni demografici, sociali ed economici di portata nazionale, europea e mondiale Utilizzare modelli interpretativi di assetti territoriali dei principali paesi europei e degli altri continenti, anche in relazione alla loro evoluzione storico-politicoeconomica - Situazione economico-sociale, indicatori di povertà e ricchezza. Sistema economico mondiale - I più significativi temi geo - antropici contemporanei attraverso l uso di documenti quantitativiqualitativi desunti da fonti diverse (stampa, televisione, Internet..) - Gli Stati del Mondo ( caratteristiche degli ambienti e loro rapporto con le popolazioni che li abitano, analizzate per grandi aree culturali e geo-politiche ) - I più significativi temi geo - antropici contemporanei attraverso l uso di documenti e dati quantitativi e qualitativi desunti da varie fonti Metodologie specifiche centrate sui processi che connettono i saperi disciplinari Metodo sperimentale: induttivo, deduttivo, problem-solving e ricerca-azione Uso di tecnologie multimediali Metodologia generale Lezione frontale Lezione dialogata Brain storming Cooperative learning Metodo tutoriale Discussione libera e guidata modalità di organizzazione di classe Valutazioni Verifiche iniziali diagnostiche, in itinere e conclusive Prove oggettive strutturate e semistrutturate Esercitazioni scritte Verifiche scritte Produzione di testi Verifiche orali Conversazioni guidate Interventi Controllo sistematico del lavoro svolto in classe e a casa 17

18 6-Curricolo di MATEMATICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze primo grado al termine della scuola secondaria di Possiede sicurezza nel calcolo, anche con i numeri irrazionali. Padroneggia le diverse rappresentazioni e stima la grandezza di un numero e il risultato di operazioni. Riconosce e denomina le forme del piano e dello spazio, le loro rappresentazioni e coglie le relazioni tra gli elementi. Analizza e interpreta rappresentazioni di dati per ricavarne misure di variabilità. Riconosce e risolve problemi in contesti diversi; ne spiega il procedimento risolutivo eseguito controllando il processo e i risultati. Confronta procedimenti diversi e produce formalizzazioni che consentono di passare da un problema specifico ad una classe di problemi. Produce argomentazioni in base alle conoscenze teoriche acquisite. Sostiene le proprie convinzioni, portando esempi e contro esempi adeguati ma accetta e riconosce le conseguenze logiche di una argomentazione corretta differente dalla propria. Interpreta e utilizza il linguaggio matematico in modo rigoroso. Possiede un atteggiamento positivo nei confronti della matematica e ha compreso come gli strumenti matematici appresi risultino utilizzabili nella realtà. I nuclei tematici, i relativi obiettivi e contenuti: Numeri Obiettivi di apprendimento Contenuti Eseguire operazioni, ordinamenti e confronti tra i numeri conosciuti, a mente o utilizzando gli algoritmi scritti, le calcolatrici e i fogli di calcolo. Dare stime approssimare per il risultato di un operazione. Rappresentare i numeri conosciuti sulla retta. Utilizzare scale graduate in vari contesti per le scienze e per la tecnica. Descrivere rapporti e quozienti mediante frazioni. Utilizzare frazioni equivalenti e numeri decimali per denotare uno stesso numero razionale. Comprendere il significato di percentuale e saperla calcolare utilizzando strategie diverse. Insiemi Numeri naturali Operazioni con i numeri interi. Potenze di numeri naturali interi. Massimo comune divisore e minimo comune multiplo. Numeri razionali. Operazioni tra numeri razionali. Rapporti, percentuali e proporzioni. Calcolo approssimativo ed errore. Successivi ampliamento del concetto di numero: dai naturali ai reali. Aspetti storici del numero 18

19 Interpretare una valutazione percentuale di una quantità data come una moltiplicazione per un numero decimale. Individuare multipli e divisori di un numero naturale, e multipli e divisori comuni a più numeri. Comprendere il significato e l utilità del multiplo comune più piccolo e del divisore comune più grande, in matematica e in situazioni concrete. In casi semplici scomporre numeri naturali in fattori primi e conoscere l utilità di tale scomposizione per diversi fini. Utilizzare la notazione usuale per le potenze con esponente intero positivo, consapevoli del significato e le proprietà delle potenze per semplificare calcoli e notazioni. Conoscere la radice quadrata come operatore inverso dell elevamento al quadrato. Dare stime della radice quadrata utilizzando solo la moltiplicazione. Sapere che non si può trovare una frazione o un numero decimale che, elevato al quadrato, dia 2 o altri numeri interi. Utilizzare la proprietà associativa e distributiva per raggruppare e semplificare, anche mentalmente, le operazioni. Descrivere con un espressione numerica la sequenza di operazioni che fornisce la soluzione di un problema. Eseguire semplici espressioni di calcolo con i numeri conosciuti, essendo consapevoli del significato delle parentesi e delle convenzioni sulla precedenza delle operazioni. Esprimere misure utilizzando anche le potenze del 10 e le cifre significative. Spazio e figure Obiettivi di apprendimento Contenuti Riprodurre figure e disegni geometrici utilizzando strumenti appropriati. Figure piane e solide. Rappresentazione piana di figure solide 19

20 Rappresentare punti, segmenti e figure nel piano cartesiano. Conoscere definizioni e proprietà delle principali figure piane. Descrivere figure complesse e costruzioni geometriche per comunicarle ad altri. Riprodurre figure e disegni geometrici in base a descrizione e decodificazione fatta da altri. Riconoscere figure simili in contesti diversi e riprodurre in scala una figura assegnata. Conoscere il teorema di Pitagora e le sue applicazioni in matematica e in situazioni concrete. Determinare l area di semplici figure scomponendole in figure elementari. Stimare per difetto e per eccesso l area di una figura delimitata da linee curve. Conoscere il numero Л e come approssimarlo. Calcolare l area del cerchio e la lunghezza della circonferenza. Conoscere e utilizzare le principali trasformazioni geometriche e i loro invarianti. Rappresentare oggetti e figure tridimensionali in vario modo tramite disegni sul piano. Visualizzare oggetti tridimensionali a partire da rappresentazioni bidimensionali Calo calare l area e il volume delle figure solide più comuni. Risolvere problemi utilizzando le proprietà geometriche delle figure. Rapporto tra grandezze. Somma degli angoli di un triangolo e di un poligono. Teorema di Pitagora. Traslazioni rotazioni simmetrie. Omotetie e similitudini. Lunghezza della circonferenza e area del cerchio. Descrizione di alcuni numeri irrazionali. Aspetti storici della geometria. Relazioni e Funzioni Obiettivi di apprendimento Contenuti Interpretare, costruire e trasformare formule che contengono lettere, per esprimere in forma generale relazioni e proprietà. Alcune relazioni significative: uguaglianza, equivalenza, molteplicità, ordine, parallelismo e perpendicolarità. Grandezze direttamente e inversamente 20

21 Esprimere la relazione di proporzionalità con un uguaglianza di frazioni e viceversa. Usare il piano cartesiano per rappresentare relazioni e funzioni, e per conoscere in particolare le funzioni del tipo y = x e y = a/x. Esplorare e risolvere problemi utilizzando equazioni di primo grado. proporzionali. Funzioni: tabulazioni e grafici. Funzioni del tipo y=ax e y=a/x e loro rappresentazione grafica. Equazioni numeriche di primo grado. Semplici modelli di fatti sperimentali e di leggi matematiche. Dati e Previsioni Obiettivi di apprendimento Rappresentare dati anche facendo uso di foglio elettronico. In situazioni significative, confrontare dati, per prendere decisioni, utilizzando le distribuzioni delle frequenze e delle frequenze relative e le nozioni di media aritmetica e mediana. In semplici situazioni aleatorie, individuare gli eventi elementari, assegnare a essi una probabilità, calcolare la probabilità di qualche evento scomponendoli in eventi elementari disgiunti. Riconoscere coppie di eventi elementari, incompatibili, indipendenti. Contenuti Caratteri derivanti da misurazioni e organizzazione dei dati, tabelle e grafici. Classificare i dati con intervalli di ampiezza uguale e diversa. Istogramma di frequenze. Calcolo di frequenze relative e percentuali e loro confronti. Campione estratto da una popolazione: esempi di campioni rappresentativi e no rappresentativi. Media aritmetica e valore atteso. Probabilità di un evento (come rapporto e percentuale) Aspetti storici della probabilità. Obiettivi minimi obiettivi di apprendimento irrinunciabili che l alunno deve conseguire Conoscere termini, regole, proprietà propri della disciplina Risolvere semplici operazioni nei diversi insiemi numerici Analizzare semplici situazioni problematiche, individuare e applicare strategie risolutive Comprendere e utilizzare il linguaggio specifico: rappresentare dati, informazioni, tabelle e funzioni Metodologie specifiche centrate sui processi che connettono i saperi disciplinari Problematizzazione, scoperta, discussione collettiva, metodo esperienziale Metodo sperimentale: induttivo, deduttivo, problem -solving e ricerca-azione Uso di tecnologie multimediali e di rete 21

22 Metodologia generale modalità di organizzazione di classe Lezione frontale Lezione dialogata Metodo maieutico Metodo laboratoriale: lavoro cooperativo di gruppo Metodo tutoriale Brain storming Valutazioni Verifiche iniziali diagnostiche, in itinere e conclusive Prove oggettive a risposta chiusa: del tipo vero/falso, di completamento e a scelta multipla Prove a risposta aperta: saggi brevi, applicazione di formule e mappe concettuali Valutazione delle quantità calcolate e degli algoritmi utilizzati Esercitazioni scritte Verifiche orali e scritte Valutazione anche qualità del ragionamento e dell esposizione Controllo sistematico del lavoro svolto in classe e a casa 22

23 7-Curricolo di Scienze Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado Esplora e sperimenta nella realtà quotidiana, lo svolgersi dei fenomeni, immaginandone e verificandone le cause; trova soluzione ai problemi con ricerca autonoma, utilizzando le conoscenze acquisite. Sviluppa semplici schemi e modelli di fatti e fenomeni della realtà ricorrendo anche a misure appropriate e a semplici formalizzazioni. Riconosce nel proprio organismo strutture e funzionamenti a livelli macroscopici e microscopici acquisendo la consapevolezza della sua potenzialità e dei suoi limiti. Consegue una visione della complessità del sistema dei viventi e della sua evoluzione nel tempo. Acquisisce la consapevolezza del ruolo della comunità umana sulla Terra, del carattere finito delle risorse, per adottare modelli di vita ecologicamente responsabili. Sviluppa atteggiamenti di curiosità e interesse verso l indagine scientifica e tecnologica. Comprende che i concetti e le teorie scientifiche non sono definitive ma in continuo sviluppo, al fine di cogliere aspetti sempre nuovi, diversi e più complessi della realtà. I nuclei tematici, i relativi obiettivi e contenuti: La Fisica e La Chimica Obiettivi di apprendimento Contenuti Utilizzare i concetti fisici fondamentali in varie situazioni di esperienza Costruire ed utilizzare correttamente il concetto di energia come quantità che si conserva; individuare la sua dipendenza da altre variabili e riconoscere la produzione di calore nelle catene energetiche reali Padroneggiare concetti di trasformazioni chimiche La materia e le sue proprietà Il calore e la temperatura L equilibrio e il movimento dei corpi Le forze Le leve Il peso, la massa e il peso specifico Il lavoro L energia : le forme e le fonti L elettricità Le leggi di Ohm Il magnetismo Gli elementi e la tavola periodica I legami chimici Le reazioni chimiche I composti del carbonio 23

24 L Astronomia e La Scienza della terra Obiettivi di apprendimento Contenuti Interpretare i più evidenti fenomeni astronomici attraverso l osservazione o utilizzando planetari Spiegare i meccanismi delle eclissi di sole e luna Riconoscere i principali tipi di rocce ed i processi geologici da cui hanno avuto origine Conoscere la struttura della terra e i suoi movimenti interni Individuare i rischi sismici, vulcanici e idrogeologici della propria regione per preventivare azioni di prevenzione L acqua, l aria e il suolo L universo Il sistema solare La terra L evoluzione della terra I vulcani e i terremoti L atmosfera, l idrosfera e la litosfera Le rocce e i minerali La Biologia Obiettivi di apprendimento Contenuti Riconoscere le somiglianze e le differenze nel funzionamento delle diverse specie di viventi Comprendere qual è il senso delle classificazioni e che i fossili rappresentano elementi fondamentali per ricostruire nel tempo le trasformazioni dell ambiente fisico, la successione e l evoluzione delle specie. Conoscere le basi biologiche della trasmissione dei caratteri ereditari Acquisire informazioni per sviluppare la cura e il controllo della propria salute Assumere comportamenti personali consapevoli per il rispetto Le caratteristiche degli esseri viventi La classificazione dei viventi Gli ecosistemi Sistemi ed apparati del corpo umano Educazione alla salute L evoluzione Il DNA, struttura e funzione Elementi di genetica umana Le leggi di Mendel 24

25 dell ambiente e per preservare la biodiversità. Obiettivi minimi obiettivi di apprendimento irrinunciabili che l alunno deve conseguire Conoscere gli elementi di base dell argomento trattato Osservare fatti e fenomeni Utilizzare semplici schemi per rappresentare una situazione Comprendere e usare in modo corretto il linguaggio specifico Metodologie specifiche centrate sui processi che connettono i saperi disciplinari Metodo laboratoriale, esplorazione scoperta, ricerca e progettualità Metodo ipotetico-deduttivo Metodo induttivo Lavori individuali e di gruppo Uso di tecnologie multimediali e di rete Uso di audiovisivi Studio guidato con attività di tutoring Metodologia generale modalità di organizzazione di classe Metodo espositivo, interrogativo Metodo laboratoriale: lavoro di gruppo e scoperta guidata Metodo assistito: tutor Brain storming Valutazioni Verifiche iniziali diagnostiche, in itinere e conclusive Prove oggettive a risposta chiusa: del tipo vero/falso, di completamento e a scelta multipla Prove a risposta aperta: saggi brevi, applicazione di formule e mappe concettuali Verifiche orali e scritte Valutazione anche qualità del ragionamento e dell esposizione Controllo sistematico del lavoro svolto Stesura di relazioni sulle attività di laboratorio Schemi, relazioni scritte, corredati di disegno, tabelle e grafici Verbalizzazione di un fenomeno osservato 25

26 8-Curricolo di Musica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado E in grado di eseguire brani strumentali e vocali di media difficoltà, di generi e culture differenti Decodifica e utilizza la notazione tradizionale e altri sistemi di scrittura E in grado di ideare e realizzare, anche attraverso l improvvisazione, messaggi musicali e multimediali Sa dare significato alle proprie esperienze musicali, dimostrando di saper conoscere e interpretare opere musicali anche in relazione al contesto storico-culturale Integra le proprie esperienze musicali con altri saperi e forme artistiche, servendosi, anche, di appropriati sistemi di codifica e utilizzando software specifici. I nuclei tematici, i relativi obiettivi e contenuti: Obiettivi di apprendimento Contenuti 1)Eseguire in modo espressivo, collettivamente e individualmente, brani vocali e strumentali di diversi generi e stili, anche avvalendosi di strumentazioni elettroniche 2) Improvvisare, rielaborare, comporre brani musicali, vocali e strumentali, utilizzando sia strutture aperte, sia semplici schemi ritmico-melodici 3)Riconoscere e classificare, anche stilisticamente, i più importanti elementi costitutivi del linguaggio musicale 4) Conoscere e interpretare in modo critico, opere d arte musicali e progettare-realizzare eventi sonori che integrino altre forme artistiche, quali danza, teatro, arti visive e multimediali 5) Decodificare e utilizzare la notazione tradizionale e altri sistemi di scrittura 6) Orientare la costruzione della propria identità musicale valorizzando le proprie esperienze, il percorso svolto e le opportunità offerte dal contesto 7) Saper utilizzare Internet per la ricerca musicale e utilizzare software specifici per l elaborazione sonora e per la scrittura musicale Percorsi visivo- grafico-notazionali; parametri del suono; l onomatopea; Il paesaggio acustico; la musica del silenzio; musicisti e paesaggi sonori,; le mappe della musica; la partitura; l inquinamento acustico ; lettura delle note sul pentagramma e con i tagli addizionali, in chiave di sol; simboli di durata; segni di abbreviazione e di ritornello; legatura e punto di valore; pulsazione, ritmo, tempi semplici e composti; tecnica del flauto a becco; tecnica di base del canto; canzoni di ogni genere ed epoca, canti di lavoro, canti didattici; ostinati ritmici e melodici; pedali tonali; usi e funzioni della musica, con particolare riguardo ai mass-media; famiglie di strumenti musicali; analogie e differenze stilistiche di epoche e generi musicali diversi; forme musicali ;la storia della musica e la danza dall antichità al Novecento. 26

27 Obiettivi minimi obiettivi di apprendimento irrinunciabili che l alunno deve conseguire Eseguire in modo accettabile brani vocali e strumentali di diversi generi e stili Saper riconoscere gli elementi costitutivi del linguaggio musicale Conoscere i principali aspetti teorici della notazione musicale Conoscere e interpretare in modo accettabile opere d arte musicali Improvvisare e comporre semplici idee musicali Metodologie specifiche centrate sui processi che connettono i saperi disciplinari Esercitazioni collettive per gruppi di livello, di elezione e con la presenza di un tutor, esercizi-gioco. Scoperta e analisi guidata per l ascolto; manipolazione e brain storming, apprendimento cooperativo, esercizi-gioco; apprendimento cooperativo; sperimentazione espressiva. Metodologia generale modalità di organizzazione di classe Metodo induttivo, deduttivo, lavori di gruppo, ricerche individuali e/o di gruppo. Valutazioni Verifiche: osservazione di comportamenti; conversazioni; test; commenti; mappe; schede operative; controllo di materiale e dei compiti svolti a casa; esecuzioni strumentali individuali,in piccoli e grandi gruppi; esercitazioni;dettati. Criteri di valutazione: Valutazione formativa, sommativa, comparativa e finalizzata all orientamento verso le future scelte. 27

28 9-Curricolo di Strumento Musicale Traguardi per lo sviluppo delle competenze primo grado al termine della scuola secondaria di capacità di lettura allo strumento, intesa come capacità di correlazione segno (con tutte le valenze semantiche che comporta nel linguaggio musicale) - gesto - suono; uso e controllo dello strumento nella pratica individuale e collettiva, con particolare riferimento ai riflessi - determinati dal controllo della postura e dallo sviluppo senso-motorio - sull'acquisizione delle tecniche specifiche; capacità di esecuzione e ascolto nella pratica individuale e collettiva, ossia livello di sviluppo dei processi di attribuzione di senso e delle capacità organizzative dei materiali sonori; esecuzione interpretazione ed eventuale elaborazione autonoma allo strumento del materiale sonoro, laddove anche l'interpretazione può essere intesa come livello di sviluppo delle capacità creative. I nuclei tematici, i relativi obiettivi e contenuti: Obiettivi di apprendimento Contenuti dominio tecnico del proprio strumento al fine di produrre eventi musicali tratti da repertori della tradizione scritta e orale con consapevolezza interpretativa, sia nella restituzione dei processi formali sia nella capacità di attribuzione di senso; ricerca di un corretto assetto psico-fisico: postura, percezione corporea, rilassamento, respirazione, equilibrio in situazioni dinamiche, coordinamento; capacità di produrre autonome elaborazioni di materiali sonori, pur all'interno di griglie predisposte; autonoma decodificazione allo strumento dei vari aspetti delle notazioni musicali: ritmico, metrico, frastico, agogico, dinamico, timbrico; armonico; acquisizione di abilità in ordine alla lettura ritmica e intonata e di conoscenze di base della teoria musicale; padronanza dello strumento sia attraverso la lettura sia attraverso l'imitazione e l'improvvisazione, sempre opportunamente guidata; 28

29 consapevolezza del rapporto tra organizzazione dell'attività senso-motoria legata al proprio strumento e formalizzazione dei propri stati emotivi; capacità performative con tutto ciò che ne consegue in ordine alle possibilità di controllo del proprio stato emotivo in funzione dell'efficacia della comunicazione. lettura ed esecuzione del testo musicale che dia conto, a livello interpretativo, della comprensione e del riconoscimento dei suoi parametri costitutivi; acquisizione, da parte degli alunni, di un metodo di studio basato sull'individuazione dell'errore e della sua correzione. promozione della dimensione ludicomusicale attraverso la musica di insieme e la conseguente interazione di gruppo. Obiettivi minimi obiettivi di apprendimento irrinunciabili che l alunno deve conseguire Alla fine del triennio gli allievi dovranno saper eseguire con consapevolezza brani solistici e d'insieme appartenenti a diversi generi, epoche, stili, di difficoltà tecnica adeguata al percorso compiuto. Flauto traverso principali figurazioni ritmiche in tempi semplici e composti utilizzo dell'estensione di 2 ottave con passaggi diatonici e cromatici staccato e legato variazioni dinamiche e agogiche Violino principali figurazioni ritmiche in tempi semplici e composti, utilizzo della prima posizione con diverse applicazioni delle dita, legatura su una e più corde, staccato, variazioni dinamiche e agogiche. Chitarra capacità di eseguire brani solistici nelle tonalità più agevoli, almeno a due voci, anche con semplici cambi di posizioni, contenenti le principali figurazioni ritmiche. Pianoforte Mano chiusa (dita su gradi congiunti): scale, abbellimenti, cinque note non consecutive, note ribattute, glissandi; 29

30 mano aperta (dita su gradi disgiunti): arpeggi, passaggi per gradi disgiunti; bicordi e accordi: terze, seste, ottave, altri bicordi, accordi, clusters; salti: note singole, bicordi, ottave, accordi, clusters. Metodologie specifiche centrate sui processi che connettono i saperi disciplinari Lezione singola Lezione collettiva Musica d insieme Metodologia generale modalità di organizzazione di classe Metodo induttivo-deduttivo Euristico guidato Problem solving Valutazioni Prove pratiche Interrogazioni Prove scritte Test oggettivi 30

31 10-Curricolo di Arte e Immagine Traguardi per lo sviluppo delle competenze primo grado al termine della scuola secondaria di L alunno realizza elaborati personali e creativi sulla base di un ideazione e progettazione originale, applicando le conoscenze e le regole del linguaggio visivo, scegliendo in modo funzionale tecniche e materiali differenti anche con l integrazione di più media e codici espressivi. Padroneggia gli elementi principali del linguaggio visivo, legge e comprende i significati di immagini statiche e in movimento, di filmati audiovisivi e di prodotti multimediali. Legge le opere più significative prodotte nell arte antica, medievale, moderna e contemporanea, sapendole collocare nei rispettivi contesti storici, culturali e ambientali; riconosce il valore culturale di immagini, di opere e di oggetti artigianali prodotti in paesi diversi dal proprio. Riconosce gli elementi principali del patrimonio culturale, artistico e ambientale del proprio territorio ed è sensibile ai problemi della sua tutela e conservazione. Analizza e descrive beni culturali, immagini statiche e multimediali, utilizzando il linguaggio appropriato. I nuclei tematici, i relativi obiettivi e contenuti: Obiettivi di apprendimento Esprimersi e Comunicare Ideare e progettare elaborati ricercando soluzioni creative originali, ispirate anche dallo studio dell arte e della comunicazione visiva. Utilizzare consapevolmente gli strumenti, le tecniche figurative (grafiche, pittoriche e plastiche) e le regole della rappresentazione visiva per una produzione creativa che rispecchi le preferenze e lo stile espressivo personale. Rielaborare creativamente materiali di uso comune, immagini fotografiche, scritte, elementi iconici e visivi per produrre nuove immagini. Scegliere le tecniche e i linguaggi più adeguati per realizzare prodotti visivi seguendo una precisa finalità operativa o comunicativa, anche integrando più codici e facendo riferimento ad altre discipline. Contenuti Osservare e leggere le immagini 31

32 Utilizzare diverse tecniche osservative per descrivere, con un linguaggio verbale appropriato, gli elementi formali ed estetici di un contesto reale. Leggere e interpretare un immagine o un opera d arte utilizzando gradi progressivi di approfondimento dell analisi del testo per comprenderne il significato e cogliere le scelte creative e stilistiche dell autore. Riconoscere i codici e le regole compositive presenti nelle opere d arte e nelle immagini della comunicazione multimediale per individuarne la funzione simbolica, espressiva e comunicativa nei diversi ambiti di appartenenza (arte, pubblicità, informazione, spettacolo). Comprendere e apprezzare le opere d arte Leggere e commentare criticamente un opera d arte mettendola in relazione con gli elementi essenziali del contesto storico e culturale a cui appartiene. Possedere una conoscenza delle linee fondamentali della produzione artistica dei principali periodi storici del passato e dell arte moderna e contemporanea, anche appartenenti a contesti culturali diversi dal proprio. Conoscere le tipologie del patrimonio ambientale, storico-artistico Obiettivi minimi obiettivi di apprendimento irrinunciabili che l alunno deve conseguire Metodologie specifiche centrate sui processi che connettono i saperi disciplinari Metodologia generale modalità di organizzazione di classe Valutazioni 32

33 11-Curricolo di EDUCAZIONE FISICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado L alunno è consapevole delle proprie capacità motorie e sa riconoscerne sia i punti di forza che i limiti; Utilizza le abilità motorie acquisite, adattando il movimento nelle varie situazioni; Utilizza il linguaggio motorio per relazionarsi con gli altri, mettendo in pratica i valori sportivi( fair- play, rispetto delle regole) nelle relazioni quotidiane; Riconosce, ricerca e applica comportamenti che promuovono stili di vita e prevenzione per la salute; Rispetta criteri di base di sicurezza per sé e per gli altri. I nuclei tematici, i relativi obiettivi e contenuti Obiettivi di apprendimento Contenuti Il corpo e la sua relazione con lo spazio e con il tempo. Saper utilizzare e trasferire le abilità per realizzare i gesti dei vari sport. Saper utilizzare l esperienza motoria acquisita per risolvere situazioni nuove o inusuali. Sapersi orientare nell ambiente naturale e artificiale; Andature e corsa nelle varie direzioni, anche con cambio di ritmo Equilibrio statico, dinamico e in volo Coordinazione oculo manuale, oculo podalico, specifico e generale Il linguaggio del corpo come modalità comunicativo-espressiva. Conoscere ed applicare semplici tecniche di epressione corporea per rappresentare idee e stati d animo in forma individuale, a coppie e in gruppo. Saper decodificare i gesti dei compagni, avversari e i gesti arbitrali in situazioni di gioco e di sport; Accoppiamento e combinazione dei movimenti Vari tipi di danza Esercizi semplici ai grandi attrezzi (trave, spalliera ) Il gioco, lo sport e il fair-play: padroneggiare le capacità di coordinamento, adattandoli alle 33 Esercizi di potenziamento della forza, della resistenza e della velocità

34 situazioni richieste dal gioco. Partecipare, in forma propositiva, alle scelte di gioco e mettere in atto comportamenti collaborativi. Conoscere e applicare correttamente il regolamento degli sport, assumendo anche il ruolo di arbitro. Saper gestire in modo consapevole gli eventi delle gare con autocontrollo e rispetto dell altro, sia in caso di vittoria che di sconfitta; Esercizi di mobilità articolare Corsa, salti, lanci Fondamentali della pallacanestro, pallamano e relativi giochi propedeutici Sicurezza e prevenzione, salute e benessere Saper disporre, utilizzare e riporre correttamente gli attrezzi, salvaguardando le proprie e le altrui sicurezze. Saper applicare tecniche di controllo respiratorio e di rilassamento muscolare a conclusione del lavoro. Praticare attività di movimento per migliorare la propria efficienza fisica, riconoscendone i benefici Conoscere ed essere consapevoli degli effetti nocivi legati all assunzione di integratori e di sostanze che inducono dipendenza. Staffette Lavori a coppie e in gruppo Obiettivi minimi obiettivi di apprendimento irrinunciabili che l alunno deve conseguire Utilizzare semplici gesti tecnici, abilità e tecniche elementari Applicare le regole dei giochi di squadra Metodologie specifiche centrate sui processi che connettono i saperi disciplinari Metodologia di tipo operativo e cognitivo Esercitazioni mirate alla consapevolezza delle azioni, della loro origine e verifica Metodologia generale modalità di organizzazione di classe 34

35 Metodo induttivo-deduttivo- scientifico Lavori di gruppo Valutazioni Valutazione formativa Valutazione sommativa Valutazione comparativa Valutazione finalizzata alle future scelte 35

36 12-Curricolo di TECNOLOGIA Traguardi per lo sviluppo delle competenze secondaria di primo grado al termine della scuola Conosce i principali sistemi tecnologici e opera riflessioni sul loro impatto ambientale. Conosce i principali processi di trasformazione di risorse o di produzione di beni e le diverse forme di energia coinvolte. Utilizza il disegno tecnico e/o linguaggi multimediali per la progettazione e la rappresentazione grafica di modelli, oggetti e sistemi. Conosce, classifica e descrive le relazioni forma / funzione / struttura / materiale in prodotti di uso comune. Utilizza iter procedurali e istruzioni tecniche per l esecuzione di compiti operativi. Conosce i sistemi di produzione dell energia e ne analizza benefici, problemi economici, ambientali e sociali. I nuclei tematici, i relativi obiettivi e contenuti: Obiettivi di apprendimento Contenuti eseguire misurazioni e rilievi grafici sull'ambiente scolastico o sulla propria abitazione: 1. conoscere le grandezze fondamentali e derivate e i relativi strumenti di misura 2. applicare le tecniche grafiche per il disegno in scala grandezze fondamentali e derivate: lunghezza, area, volume, capacità. unità di misura e strumenti il rilievo e il disegno in scala: ingrandimenti e riduzioni con scale di proporzione rappresentazione grafica di dati statistici leggere e interpretare semplici disegni tecnici e dati ricavandone informazioni: 1. tradurre una comunicazione da verbale a grafica impiegare gli strumenti e le regole del disegno tecnico nella RAPPRESENTAZIONE DI OGGETTI: 1. conoscere le regole per la costruzione di figure geometriche caratteristiche delle figure geometriche costruzione di figure di geometria piana progetto con forme geometriche settori dell'economia materiali: il legno, la carta origine, proprietà, uso,tecnologie di lavorazione la stampa: sistemi di stampa, stampa a colori progettazione di schemi e tabelle anche con l eventuale uso del computer 36

37 2. conoscere gli elementi del disegno tecnico e le regole delle proiezioni ortogonali, dell assonometria e della prospettiva 3. analizzare, misurare e rappresentare oggetti in p.o., in assonometria e in prospettiva. pianificare e progettare le diverse fasi per la realizzazione di modelli e/o oggetti 1. strutturare una sequenza operativa progettuale individuando la forma geometrica in oggetti reali effettuare indagini conoscitive sulle proprieta fisiche, meccaniche e tecnologiche di vari materiali 1. conoscere origine, proprieta', tecnologie di lavorazione e uso dei materiali 2. riferire utilizzando il linguaggio specifico valutare le conseguenze di scelte e decisioni relative alla produzione di energia e indagare sui benefici e problemi legati alle varie forme e modalita' di produzione: 1. conoscere origine, estrazione, lavorazione, impieghi e tipologie di inquinamento delle fonti energetiche 2. conoscere il funzionamento di centrali elettriche 3. analizzare benefici, costi, problemi economici ed ambientali 4. conoscere grandezze, leggi e principali apparecchi elettrici 5. riferire utilizzando il linguaggio specifico 6. rappresentare schemi di circuiti e risolvere problemi sulla legge di ohm anche con l uso del piano cartesiano elementi del disegno tecnico e regole per le proiezioni ortogonali: Figure Piane e Solide,Solidi sezionati Proiezioni ortogonali di semplici oggetti materiali: il vetro, i metalli, le materie plastiche, le gomme origine, proprietà, tecnologie di lavorazione, uso forze e macchine semplici: caratteristiche e rappresentazione grafica leva,carrucola, verricello, piano inclinato, cuneo, vite forza d attrito rappresentazione di schemi abitazione e strutture in architettura: sollecitazioni elementari caratteristiche e rappresentazione grafica strutture elementari trilite, telaio, arco, capriata rappresentazione di schemi elementi del disegno tecnico e regole per l'assonometria e la prospettiva. sviluppo dei solidi assonometria di solidi sezionati progetto di composizione di solidi fonti energetiche combustibili fossili: petrolio gas naturale origine, estrazione, lavorazione, impieghi, inquinamento energia nucleare: composizione dell atomo, fissione, fusione, impieghi, inquinamento centrali elettriche corrente elettrica: conduttori e isolanti grandezze elettriche 1 a legge di ohm generatori circuito elettrico: schemi principali apparecchi elettrici consumi e sicurezza 37

38 Obiettivi minimi obiettivi di apprendimento irrinunciabili che l alunno deve conseguire tradurre una comunicazione da verbale a grafica e rappresentare schemi e tabelle conoscere le regole per la costruzione di figure geometriche elementari conoscere gli elementi del disegno tecnico e rappresentare elementi semplici in proiezioni ortogonali e in assonometria conoscere le informazioni di base sull origine, proprietà, tecnologie di lavorazione e uso dei materiali utilizzare il linguaggio specifico essenziale classificare le fonti energetiche e e saper descrivere le informazioni principali su origine, estrazione, lavorazione, impieghi e tipologie di inquinamento delle fonti energetiche conoscere grandezze, leggi e principali apparecchi elettrici e rappresentare schemi di circuiti elementari risolvendo semolici problemi sulla legge di ohm strutturare una sequenza operativa progettuale Metodologie specifiche centrate sui processi che connettono i saperi disciplinari Lezione frontale Esemplificazione dell insegnante Esercitazioni grafiche Elaborazione di schemi e tabelle Risoluzione di problemi Ricerche Metodologia generale modalità di organizzazione di classe Metodo deduttivo Metodo Esperenziale Metodo Scientifico Problem-solving Valutazioni VERIFICHE DEL LIVELLO DI APPRENDIMENTO Interrogazioni Prove scritte Esercitazioni individuali Prove grafiche di Disegno Tecnico CRITERI DI VALUTAZIONE Valutazione formativa Valutazione sommativa Valutazione finalizzata all orientamento verso le future scelte 38

39 13-Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado L alunno è aperto alla sincera ricerca della verità e sa interrogarsi sul trascendente e porsi domande di senso, cogliendo l intreccio tra dimensione religiosa e culturale. A partire dal contesto in cui vive, sa interagire con persone di religione differente, sviluppando un identità capace di accoglienza, confronto e dialogo. Individua, a partire dalla Bibbia, le tappe essenziali e i dati oggettivi della storia della salvezza, della vita e dell insegnamento di Gesù, del cristianesimo delle origini. Ricostruisce gli elementi fondamentali della storia della Chiesa e li confronta con le vicende della storia civile passata e recente elaborando criteri per avviarne una consapevole. Riconosce i linguaggi espressivi della fede (simboli, preghiere, riti, ecc.), ne individua le tracce presenti in ambito locale, italiano, europeo e nel mondo imparando ad apprezzarli dal punto di vista artistico, culturale e spirituale. Coglie le implicazioni etiche della fede cristiana e le rende oggetto di riflessione in vista di scelte di vita progettuali e responsabili. Inizia a confrontarsi con la complessità dell esistenza e impara a dare valore ai propri comportamenti, per relazionarsi in maniera armoniosa con se stesso, con gli altri, con il mondo che lo circonda. Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola secondaria di primo grado Dio e l uomo Cogliere nelle domande dell uomo e in tante sue esperienze tracce di una ricerca Religiosa. Comprendere alcune categorie fondamentali della fede ebraico - cristiana (rivelazione, promessa, alleanza, messia, risurrezione, grazia, Regno di Dio, salvezza) e confrontarle con quelle di altre maggiori religioni. Approfondire l identità storica, la predicazione e l opera di Gesù e correlarle alla fede cristiana che, nella prospettiva dell evento pasquale (passione, morte e risurrezione), riconosce in Lui il Figlio di Dio fatto uomo, Salvatore del mondo che invia la Chiesa nel mondo. Conoscere l evoluzione storica e il cammino ecumenico della Chiesa, realtà voluta da Dio, universale e locale, articolata secondo carismi e ministeri e rapportarla alla fede cattolica che riconosce in essa l azione dello Spirito Santo. Confrontare la prospettiva della fede cristiana e i risultati della scienza come letture distinte ma non conflittuali dell uomo e del mondo. La Bibbia e le altre fonti Saper adoperare la Bibbia come documento storico-culturale e apprendere che nella 39

40 fede della Chiesa è accolta come Parola di Dio. Individuare il contenuto centrale di alcuni testi biblici, utilizzando tutte le informazioni necessarie ed avvalendosi correttamente di adeguati metodi interpretativi. Individuare i testi biblici che hanno ispirato le principali produzioni artistiche (letterarie, musicali, pittoriche) italiane ed europee. Il linguaggio religioso Comprendere il significato principale dei simboli religiosi, delle celebrazioni liturgiche e dei sacramenti della Chiesa. Riconoscere il messaggio cristiano nell arte e nella cultura in Italia e in Europa, nell epoca tardo-antica, medievale, moderna e contemporanea. Individuare gli elementi specifici della preghiera cristiana e farne anche un confronto con quelli di altre religioni. Focalizzare le strutture e i significati dei luoghi sacri dall antichità ai nostri giorni. I valori etici e religiosi Cogliere nelle domande dell uomo e in tante sue esperienze tracce di una ricerca religiosa. Riconoscere l originalità della speranza cristiana, in risposta al bisogno di salvezza della condizione umana nella sua fragilità, finitezza ed esposizione al male. Saper esporre le principali motivazioni che sostengono le scelte etiche dei cattolici rispetto alle relazioni affettive e al valore della vita dal suo inizio al suo termine, in un contesto di pluralismo culturale e religioso. Confrontarsi con la proposta cristiana di vita come contributo originale per la realizzazione di un progetto libero e responsabile. I nuclei tematici, i relativi obiettivi e contenuti: Obiettivi di apprendimento Contenuti Dio e l uomo Cogliere nelle domande dell uomo e in tante sue esperienze tracce di una ricerca Religiosa. Comprendere alcune categorie fondamentali della fede ebraico - cristiana (rivelazione, promessa, alleanza, messia, risurrezione, grazia, Regno di Dio, salvezza) e Dio, l uomo e la religione Scoprire la Rivelazione e la Ricerca di Dio nella storia - La valenza culturale della Religione - Alla ricerca del trascendente - Morfologia della Religione: cos è la Religione, la fede, Dio e le sue caratteristiche - Il linguaggio religioso e gli elementi fondamentali della Religione - Vari tipi di religione 40

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Traguardi e Obiettivi di Apprendimento della Scuola Secondaria di 1 grado

Traguardi e Obiettivi di Apprendimento della Scuola Secondaria di 1 grado ISTITUTO COMPRENSIVO di OPPEANO Via A. Moro, 12 tel. 045/7135458 telefax: 045/7135049 e-mail vric843009@istruzione.it - www.icoppeano.gov.it Nell ambito di una Visione Interdisciplinare, gli Insegnanti,

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Approfondimento N 2. Scuola primaria

Approfondimento N 2. Scuola primaria Approfondimento N 2 Scuola primaria, Nuclei tematici e Obiettivi di apprendimento al termine della classe quinta Italiano L'allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino raggruppa e ordina secondo criteri diversi, confronta

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Curricolo verticale di consapevolezza ed espressione culturale

Curricolo verticale di consapevolezza ed espressione culturale ISTITUTO COMPRENSIVO ARCOLA-AMEGLIA Curricolo verticale di consapevolezza ed espressione culturale DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: Storia, Geografia, Arte e immagine, Musica, Educazione fisica, Religione Anno

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

10 passi verso i CPIA

10 passi verso i CPIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione generale per l istruzione e formazione tecnica superiore e per i rapporti con i sistemi formativi delle

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica. dal volume: "TIMSS 2007 Assessment Frameworks"

TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica. dal volume: TIMSS 2007 Assessment Frameworks Capitolo Uno TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica dal volume: "TIMSS 2007 Assessment Frameworks" a cura di Anna Maria Caputo, Cristiano Zicchi Copyright 2005 IEA International Association for

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

Piano annuale per la Classe 4^ A

Piano annuale per la Classe 4^ A Istituto Comprensivo N.2 - Arzachena Scuola Primaria di Abbiadori Piano annuale per la Classe 4^ A ANCORA IN VIAGGIO a.s. 204/2015 Insegnanti: Depperu Anna Maria, Melino Vittorina, Peddis Giuliana, Angius

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento Scuola primaria: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Rete di Treviso Integrazione Alunni Stranieri LABORATORIO SUL TRATTAMENTO DEI TESTI DISCIPLINARI SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO TITOLO: IL SISTEMA SOLARE AMBITO DISCIPLINARE: SCIENZE AUTORE: GIANCARLA VOLPATO

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado I quesiti sono distribuiti negli ambiti secondo la tabella seguente Ambito

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo.

Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo. Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo. Tutti i bambini che ne fanno richiesta v engono ammessi al Coro,

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

La scala musicale e le alterazioni

La scala musicale e le alterazioni La scala musicale e le alterazioni Unità didattica di Educazione Musicale classe seconda Obiettivi del nostro lavoro Acquisire il concetto di scala musicale e di intervallo. Conoscere la struttura della

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava Scale Chi ha stabilito i rapporti d altezza fra le note musicali? Chi ha stabilito che le note sono sette e i semitoni dodici? Se il è uguale al Re perché hanno lo stesso nome? Se sono diversi qual è più

Dettagli