ISTITUTO COMPRENSIVO MATTEOTTI-CIRILLO GRUMO NEVANO (NA)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO COMPRENSIVO MATTEOTTI-CIRILLO GRUMO NEVANO (NA)"

Transcript

1 ISTITUTO COMPRENSIVO MATTEOTTI-CIRILLO GRUMO NEVANO (NA) La scuola che vorrei gioco...mi diverto.imparo Anno scolastico 2013/2014 Pagina 1 di 98

2 INDICE PREMESSA pag LA FISIONOMIA DELL'ISTITUTO 1.1 La struttura dell'istituto 1.2 Le risorse umane 1.3 Le modalità organizzative 1.4 Organigramma 1.5 Funzionigramma pag. 4 pag. 4 pag. 7 pag. 8 pag.10 pag IL TERRITORIO pag LA FINALITA' EDUCATIVA 3.1 Scuola dell'infanzia 3.2 Scuola Primaria 3.3 Scuola Secondaria di 1 Grado 4. GLI INTERVENTI EDUCATIVI 4.1Accoglienza 4.2Continuità 4.3Orientamento 4.4Integrazione/Inclusione pag.20 pag.22 pag.25 pag.33 pag.41 pag.41 pag.44 pag.47 pag AREA PROGETTUALE pag CTP - CENTRO TERRITORIALE PERMANENTE PER L EDUCAZIONE E L ISTRUZIONE IN ETA ADULTA pag LA VALUTAZIONE pag L'AUTOVALUTAZIONE E IL SISTEMA DI QUALITA' PER I.C. E PER LA DIDATTICA pag LA SICUREZZA NELLA NOSTRA SCUOLA pag PATTO FORMATIVO E DI CORRESPONSABILITA' (Primaria) pag PATTO FORMATIVO E DI CORRESPONSABILITA' (Medie) pag.88 - ALLEGATI GRIGLIE DI LAVORO A SUPPORTO DELL'ELEBORAZIONE DEL PIANO DI INCLUSIONE ALCUNI ESEMPI GRIGLIE DI LAVORO A SUPPORTO DEL MONITORAGGIO DEGLI APPRENDIMENTI pag.91 Pagina 2 di 98

3 PREMESSA Il Piano dell Offerta Formativa (P.O.F) è il documento con cui ogni scuola comunica e rende comprensibili anche ai non addetti ai lavori, ai genitori e al territorio, la progettazione educativa e didattica e le ragioni pedagogiche che la sostengono. Il Piano è discusso e approvato dal Collegio e dal Consiglio di Istituto, fatto salvo il rispetto delle competenze reciproche. Pagina 3 di 98

4 1. LA FISIONOMIA DELL ISTITUTO 1.1 La struttura dell Istituto: PLESSO DI VIA BARACCA Uffici di presidenza Uffici amministrativi 4 sezioni di Scuola dell Infanzia 16 classi di Scuola Primaria; 2 sezioni di Scuola Media (C, E) 1 Laboratorio multimediale 1 laboratorio scientifico 4 LIM (1 per la Scuola Media e 3 per la Scuola primaria) 1 palestra Pagina 4 di 98

5 PLESSO DI VIA MEUCCI 5 Sezioni di Scuola Media (A,B,D,F,H) 1 Laboratorio multimediale 2 LIM 1 Sala Musica e biblioteca 1 palestra Pagina 5 di 98

6 PLESSO DI VIA QUINTAVALLE 3 Sezioni di Scuola dell Infanzia; 4 Sezioni di Scuola Media (G,I,L,M); CTP Sezione Primavera 1 Biblioteca 1 laboratorio scientifico 1 laboratorio linguistico 2 laboratori multimediali 2 LIM 1palestra Auditorium Pagina 6 di 98

7 1.2 Le risorse umane: ALUNNI SCUOLA INFANZIA 146 SCUOLA PRIMARIA 276 SCUOLA SECONDARIA 729 DOCENTI SCUOLA INFANZIA 16 SCUOLA PRIMARIA 27 SCUOLA SECONDARIA 83 PERSONALE ATA 7 ASSISTENTI AMMINISTRATIVI 14 COLLABORATORI SCOLASTICI Pagina 7 di 98

8 1.3 Le modalità organizzative: Scuola dell Infanzia Orario funzionamento: dal Lunedì al Venerdì Orario mensa: Orario docenti: turno A turno B Sezione Primavera Orario Scuola Primaria Orario funzionamento: dal Lunedì al Venerdì Sabato 29 ore settimanali, di cui n. 27 ore curricolari e n. 2 ore opzionali obbligatorie. Tale orario consente di completare il curricolo con la realizzazione delle attività laboratoriali. Il rapporto classi-docenti è così regolamentato: Classi prime: 29 ore settimanali di cui 27 curricolari ( 24 ore disciplinari + 2 ore religione + 1 ora inglese) e 2 ore laboratorio; Classi seconde: 29 ore settimanali di cui 27 curricolari ( 23 ore disciplinari + 2 ore religione + 2 ore inglese) e 2 ore laboratorio; Classi terze: 29 ore settimanali di cui 27 curricolari ( 22 ore disciplinari + 2 ore religione + 3 ore inglese) e 2 ore laboratorio; Classi quarte: 29 ore settimanali di cui 27 curricolari ( 22 ore disciplinari + 2 ore religione + 3 ore inglese) e 2 ore laboratorio; Classi quinte: 29 ore settimanali di cui 27 curricolari ( 22 ore disciplinari + 2 ore religione + 3 ore inglese) e 2 ore laboratorio. Le ore di laboratorio sono dedicate ad approfondimenti nell area storico-geografica e in quella musicale Pagina 8 di 98

9 Scuola Secondaria di 1 Grado Orario funzionamento: dal Lunedì al Sabato Curricolo Tempo Normale: 30 ore settimanali, di cui 29 curricolari e 1 di approfondimento a carico del docente di Lettere. Curricolo corso ad indirizzo musicale (sede di via Meucci corso D): 30 ore settimanali 2 ore settimanali pomeridiane di strumento musicale e musica d insieme. Il rapporto classi-docenti è così regolamentato: Classi prime: 5 ore di Italiano, 1 ora di Approfondimento di Italiano, 2 ore di Storia, 2 di Geografia, 6 Matematica e Scienze, 3 di Inglese, 2 di Francese, 2 di Arte, 2 di Musica, 2 di Tecnologia, 2 di Scienze Motorie, 1 di Religione; Classi seconde: 5 ore di Italiano, 1 ora di Approfondimento di Italiano, 2 ore di Storia, 2 di Geografia, 6 Matematica e Scienze, 3 di Inglese, 2 di Francese, 2 di Arte, 2 di Musica, 2 di Tecnologia, 2 di Scienze Motorie, 1 di Religione; Classi terze: 5 ore di Italiano, 1 ora di Approfondimento di Italiano, 2 ore di Storia, 2 di Geografia, 6 Matematica e Scienze, 3 di Inglese, 2 di Francese, 2 di Arte, 2 di Musica, 2 di Tecnologia, 2 di Scienze Motorie, 1 di Religione. Approfondimento di Lettere: il CD del nostro Istituto ha deliberato che l ora di approfondimento sia svolta dal docente di Lettere che, attraverso una metodologia rigorosamente laboratoriale, sviluppi un progetto didattico di scrittura creativa finalizzato al recupero, consolidamento e potenziamento delle abilità linguistiche Pagina 9 di 98

10 1.4 Organigramma CONSIGLIO DI ISTITUTO DIRIGENTE SCOLASTICO GIUNTA ESECUTIVA D.S.G.A. PERSONALE ATA COLLEGIO DOCENTI COLLABORATORE VICARIO STAFF DI PRESIDENZA 2 COLLABORATORE ASSISTENTI AMMINISTRATIVI COLLABORATORI SCOLASTICI RESPONSABILI DI PLESSO COMMISSIONI DI LAVORO: - ORARIO - ELETTORALE - SICUREZZA COMITATO DI VALUTAZIONE FUNZIONI STRUMENTALI GRUPPI DI SUPPORTO ALLE F.S.: - POF - QUALITA' ORIENTAMENTO - VISITE GUIDATE - ATTIVITA' EXTRACURRICOLARI REFERENTI AREE INTERDISCIPLINARI - SALUTE E BENESSERE - AMBIENTE - LEGALITA' E CITTADINANZA ATTIVA - EDUCAZIONE STRADALE GRUPPI DI LAVORO COORDINATORI DI DIPARTIMENTO C.D.C. CONSIGLI D'INTERCLASSE Pagina 10 di 98

11 1.5 Funzionigramma Rientrano nel concetto di funzionamento della scuola i seguenti Organi Collegiali e attività connesse con la funzione docente: il Consiglio d Istituto, le riunioni del Collegio Docenti,dei Consigli di Classe, Interclasse e Intersezione e dei gruppi di lavoro; rapporti collegiali con le famiglie, espletamento di incarichi o funzioni attribuite dal Collegio Docenti o dal Dirigente ai singoli insegnanti. Consiglio d Istituto Il Consiglio di Istituto definisce gli indirizzi generali per le attività della scuola e le scelte generali di gestione e amministrazione; adotta il POF. E composto dal DS, 8 docenti, 2 ATA, 8 genitori. Collegio dei docenti Al Collegio Docenti spetta il compito di progettare, organizzare, verificare, controllare e valutare la vita didattica dell istituto in tutte le sue componenti. Consigli di classe, interclasse e intersezione. Compiti del coordinatore Formulano al Collegio dei Docenti proposte in ordine all azione educativa e didattica, integrazione e sostegno, nonchè in merito alle proposte di adozione dei libri di testo. Agevolano ed estendono rapporti reciproci tra docenti, genitori ed alunni. Spettano ai Consigli di intersezione, interclasse e classe, con la sola presenza dei docenti, le competenze relative alla realizzazione del coordinamento didattico e dei rapporti interdisciplinari, nonché la valutazione periodica e finale degli alunni. I Consigli di intersezione, di interclasse, di classe sono presieduti dal Dirigente Scolastico o dal docente incaricato e composti dagli insegnanti della classe o della scuola e dai rappresentanti dei genitori eletti annualmente. In particolare al coordinatore, vanno ascritti i seguenti compiti: Pagina 11 di 98

12 - stesura del piano didattico coordinato della classe; - si tiene informato sul profitto e il comportamento della classe tramite frequenti contatti con gli altri docenti del consiglio; - è il punto di riferimento circa tutti i problemi specifici del c.d.c.; - ha un collegamento diretto con la presidenza ed informa il D.S. sugli avvenimenti più significativi della classe facendo presente eventuali problemi; - mantiene, in collaborazione con gli altri docenti della classe, il contatto con la rappresentanza dei genitori e, in particolare con i genitori degli alunni in difficoltà; - controlla le assenze degli studenti ponendo attenzione ai casi di irregolare frequenza; - presiede le sedute del c.d.c., quando ad esse non intervenga il D.S. Le funzioni strumentali Le Funzioni Strumentali al P.O.F. sono attribuite seguendo il criterio della maggiore funzionalità possibile con riferimento alle necessità dell Istituto. L incarico delle Funzioni Strumentali è annuale e la scelta compete al Collegio dei Docenti. Le aree individuate per il corrente anno scolastico ed i relativi docenti nominati, avranno il compito di: AREA 1) Gestione del Piano dell Offerta Formativa Coordina l elaborazione e la gestione del POF Coordina la progettualità dei dipartimenti e dei consigli di classe, di interclasse, e di intersezione Segue il monitoraggio e la valutazione dei percorsi formativi,la corretta realizzazione delle procedure Fa circolare il materiale circa laboratori curricolari e programmazioni Propone e costruisce con le altre FF.SS. schede di monitoraggio Controlla la corretta realizzazione delle procedure riferibili ai vari segmenti del proprio ambito. Pagina 12 di 98

13 AREA 2) Formazione, sostegno ai docenti, qualità ed autovalutazione Individua i bisogni formativi dei docenti Coordina le iniziative di formazione dei docenti:in presenza ed in sede, e-learning, presso agenzie esterne Fa circolare il materiale che ogni docente acquisisce nei corsi di formazione e aggiornamento Accoglie e mette in situazione fornendo materiale utile, i docenti in ingresso Propone e costruisce con le altre funzioni strumentali schede di monitoraggio Cura e coordina le procedure di valutazione e autoanalisi d istituto AREA 3) Attività integrative, extracurricolari ed extrascolastiche Coordina le attività extrascolastiche Promuove e coordina attività coincidenti con festività e/o fine anno Coordina la partecipazione a concorsi,manifestazioni esterne Segue i progetti che hanno attinenza con laboratori aggiuntivi opzionali Controlla la corretta realizzazione delle procedure riferibili al proprio ambito e ne cura gli strumenti di monitoraggio. AREA 4) Visite guidate e viaggio d'istruzione Coordina la partecipazione a concorsi e a manifestazioni esterne alla scuola Organizza e coordina le visite guidate e i viaggi d istruzione Controlla la corretta realizzazione delle procedure riferibili al proprio ambito AREA 5) Continuità, orientamento e dispersione Cura le fasi di passaggio tra scuola primaria, secondaria di primo grado Coordina le iniziative finalizzate alle scelte scolastiche Coordina iniziative progettuali comuni con la scuola primaria e le scuole di grado successive Elabora con i docenti delle scuole superiori iniziative di riorientamento in itinere Rileva i bisogni di integrazione e di recupero, le esigenze degli alunni e delle Pagina 13 di 98

14 famiglie e ne informa il C.D Tiene sotto controllo i dati sulla dispersione scolastica e sull obbligo formativo Controlla la corretta realizzazione delle procedure riferibili al proprio ambito AREA 6) Disagio e disabilità: Favorisce la diffusione della cultura dell inserimento degli alunni diversamente abili tra tutti gli operatori scolastici. Stabilisce e coordina i rapporti con gli enti responsabili per l integrazione, come previsto della L. 104/92. Verifica che il lavoro svolto negli anni precedenti sia conosciuto,disponibile ed utilizzabile in tutte le situazioni di bisogno. Fornisce adeguate e dettagliate informazioni ai nuovi insegnanti. Approfondisce le problematiche relative alla disabilità e allo svantaggio. Ricerca e propone tecniche, modalità, attività finalizzate all inserimento, integrazione, recupero e sostegno degli alunni diversamente abili e/o con svantaggio AREA 7) Coordinamento didattico e funzionale dei laboratori multimediali Sede via Meucci; Sede via Baracca; Sede via Quintavalle Tenere sotto controllo la funzionalità e l efficienza attraverso: l elaborazione di un regolamento per docenti ed alunni e di un calendario per l accesso. Sollecitare e coordinare l utilizzo dei laboratori multimediali, delle LIM, dei laboratori scientifici e del laboratorio linguistico. I gruppi di lavoro Le FS saranno coadiuvate da gruppi di lavoro nelle diverse sedi, vista la complessità del nostro istituto, identificati annualmente, all'atto della progettazione della vita didatticoeducativa operata dal Collegio dei Docenti all'inizio dell'anno scolastico: Pagina 14 di 98

15 POF - Gruppo di lavoro: 1 doc Lettere;1 doc Scienze Matematiche; 1 doc Lingue, 1 doc. Scuola Primaria QUALITA' - Gruppo di lavoro : 2 doc Scuola Secondaria ATTIVITA' INTEGRATIVE ED EXTRACURRICOLARI - Gruppo di lavoro : 2 doc Scuola Secondaria, 1 doc. Scuola Primaria CONTINUITA', DISPERSIONE, DISAGIO - Gruppo di lavoro : 2 doc Scuola Secondaria, 1 doc. Scuola Primaria VISITE GUIDATE, VIAGGI DI ISTRUZIONE - Gruppo di lavoro : 1 doc Scuola Secondaria, 1 doc. Scuola Primaria Accanto a queste figure di riferimento ci sono altre figure di rilievo, cui è demandato dal Collegio Docenti il compito di interessarsi di particolari ambiti della vita della scuola: responsabili di plesso e di settore, referenti, coordinatori di dipartimento. Struttura amministrativa e dei servizi: - DSGA - 7 assistenti amministrativi, di cui uno vicario del DSGA - 14 collaboratori scolastici. I carichi di lavoro, i compiti e l orario di servizio degli assistenti e dei collaboratori sono proposti e coordinati dal DSGA, sulla base degli obiettivi e delle attività stabilite nel POF, in ordine a criteri di efficienza ed efficacia. Anche per il personale ATA viene strutturata un organigramma, assegnando incarichi specifici finalizzati alla funzionalità e alla produttività. Per il personale AA. - gestione ricostruzione carriera; - inventari dei beni mobili dello stato Pagina 15 di 98

16 - PEC e salvataggio e periodico dei dati informatici - Sistemazione funzionale archivio via Quintavalle - Sistemazione funzionale archivio via Baracca Per il personale C.S.: - Assistenza al personale e agli alunni diversamente abili - Servizio primo soccorso Pagina 16 di 98

17 2 IL TERRITORIO L'Istituto Comprensivo "Matteotti-Cirillo di Grumo Nevano opera in un contesto sociale e culturale piuttosto deficitario, ove si consideri che sono presenti sul territorio soltanto poche strutture, agenzie e associazioni che costituiscono normalmente un utile punto di riferimento per il ritrovo e il recupero sociale. In tale contesto, la scuola viene a porsi come unica alternativa ai fenomeni di devianza e di disagio che, con preoccupante frequenza si registrano sul nostro territorio. Inoltre nel giro degli ultimi dieci anni si è andato registrando un aumento della presenza di lavoratori immigrati sul territorio con la conseguenza di calibrare l azione formativa sulle rinnovate esigenze della diversificata platea scolastica. Il territorio è contraddistinto da forme di microcriminalità piuttosto diffuse. Sono, inoltre, presenti sul territorio gruppi deboli perché svantaggiati economicamente e di frequente la componente femminile del contesto territoriale non percepisce le varie realtà in modo paritario ed autonomo. In questo contesto,nuove prospettive di impegno si presentano al mondo istituzionale ed in via previa e prevalente alla scuola. Necessita cioè avviare un patto sociale per lo sviluppo integrato del quale siano artefici e propositivi protagonisti:le famiglie,l amministrazione comunale,la scuola,il vasto e variegato mondo del volontariato,le espressioni più vive e sensibili della società civile. Tali considerazioni hanno portato il Collegio Docenti a programmare una azione didattico-educativa che abbia come finalità principale la formazione di un soggetto attivo, artefice del proprio sviluppo, nonché la progressiva modifica degli stili di vita, anche al fine di stimolare nei giovani un processo di responsabilizzazione in ordine alla propria formazione personale e sociale, fornendo quelle strutture culturali di base, intese come capacità di orientarsi, comprendere, costruire, criticare argomentazioni e discorsi, dare significato alle proprie esperienze. La Scuola, si propone quindi di offrire al fanciullo, al bambino, al ragazzo, attraverso l articolazione di un CURRICOLO LOCALE, possibilità che tendono a soddisfare i suoi bisogni, fornirgli capacità autonome di gestione, cooperazione e organizzazione delle attività scolastiche, Pagina 17 di 98

18 sviluppare attitudini emergenti della sua personalità (anche attraverso la compensazione del curricolo) suscitare interessi permanenti, ma anche fornirgli competenze spendibili nel sociale. Inoltre, poiché in questa fase dello sviluppo, assume grande importanza l'autostima del soggetto, la scuola si propone di organizzarsi come ambiente in cui l'alunno possa sperimentare esperienze positive e gratificanti, attraverso le quali possa recuperare la stima di sé e la fiducia nelle proprie possibilità di governare il mondo e di avere influenza sugli eventi. E' per questo che molta attenzione è dedicata all'attività di accoglienza, considerata come atto di aiuto nel difficile passaggio da un ambiente all'altro. A tal fine si attua anche un percorso di familiarizzazione con il nuovo ambiente e una esplicitazione delle aspettative reciproche. Tutto ciò, attraverso un percorso didattico-formativo unitario che, rispettando le differenze evolutive, garantisca coerenza di finalità, stili e metodologie. Un percorso che dai "campi di esperienza", conduca progressivamente, attraverso gli ambiti disciplinari", al costrutto delle discipline. Il progetto, tendenzialmente non discontinuo, parte dall' individuazione di quegli elementi che consentono di legare le esperienze didattiche per fare cose diverse in una prospettiva di omogeneità pedagogica. RAPPORTI CON IL TERRITORIO Collaborazioni con l Ente locale; Collaborazioni con associazioni del territorio: Cantiere Giovani, Centro Astalli; Collaborazioni con le altre Istituzioni Scolastiche del territorio; Partecipazione ad attività proposte e/o gestite da enti ed operatori esterni; Adesione ad iniziative proposte da associazioni presenti sul territorio; L Istituto Comprensivo è inoltre aperto alle richieste di utilizzo dei propri spazi per iniziative di carattere sportivo e culturale purché in linea con le proprie finalità e senza oneri. Pagina 18 di 98

19 I BISOGNI FORMATIVI La lettura e l analisi del territorio mettono in evidenza alcune carenze nei servizi alla popolazione giovanile. Nel contesto in cui la scuola opera essa si colloca di fatto come il principale centro culturale ed educativo dedicato ai giovani del territorio, dei quali si individuano i seguenti bisogni: Riconoscere il valore della formazione educativa e culturale. Acquisire consapevolezza di sé e delle proprie potenzialità. Acquisire una formazione adeguata alle proprie potenzialità. Acquisire capacità spendibili nei diversi contesti della vita Acquisire comportamenti critici nei confronti della realtà. Avere esempi positivi negli adulti che li circondano. Integrarsi e sviluppare relazioni positive. Crescere in un ambiente sereno e stimolante in cui possano sviluppare interessi e passioni e compiere scelte consapevoli. Credere nell incisività del proprio ruolo per migliorare se stessi, l ambiente che li circonda. Maturare atteggiamenti positivi nei confronti della diversità e interagire con essa. Pagina 19 di 98

20 3 LA FINALITÁ EDUCATIVA Le finalità della scuola devono essere definite a partire dalla persona che apprende, con l originalità del suo percorso individuale e le aperture offerte dalla rete di relazioni che la legano alla famiglia e all ambiente. La definizione e la realizzazione delle strategie educative e didattiche devono sempre tener conto della singolarità e complessità di ogni persona, della sua articolata identità, delle sue aspirazioni, capacità e fragilità, nelle varie fasi di sviluppo e di formazione. (dalle Indicazioni Nazionali 2012). Il nostro Istituto vuole promuovere negli alunni: la conoscenza di sé e l autostima; la socializzazione e il rispetto della persona; la capacità di autocontrollo; il superamento di ogni forma di intolleranza; la motivazione ad apprendere; interesse, partecipazione, impegno; autonomia e capacità organizzativa; acquisizione di un metodo di studio e di lavoro sistematico, valido e funzionale per l apprendimento di conoscenze e la formazione di competenze. Obiettivi dell offerta formativa: Ottenere una ricaduta operativa efficace sugli alunni, attraverso proposte integrate e coerenti; Valorizzare, sostenere e facilitare l azione educativo - didattica dei docenti; Innalzare il successo formativo degli alunni attraverso attività educativo didattiche mirate ai loro bisogni; Integrare l Offerta Formativa delle Scuole e del Territorio, per realizzare una Pagina 20 di 98

21 proposta globale e coerente di formazione. Scelte metodologiche e didattiche: Piano di miglioramento: delineare i percorsi formativi è operazione complessa, che acquista particolare significato se si pone attenzione alla "persona", la quale impone una progettazione di percorsi formativi con l'individuazione di specifiche attività di apprendimento da organizzare e svolgere con modalità diverse, per rendere efficaci gli interventi di insegnamento/apprendimento e per la realizzazione di un valido curricolo; Uso di strumenti didattici e attività di laboratorio; uso delle tecnologie informatiche; Attenzione costante al miglioramento della qualità dell insegnamento: Partecipazione dei docenti a corsi d aggiornamento organizzati dalla scuola o da altri enti ed associazioni; confronto e collaborazione fra colleghi; commissioni di lavoro; Collaborazione con soggetti esterni e con progetti integrati: adesione ad iniziative proposte da associazioni presenti sul territorio. Pagina 21 di 98

22 3.1 Scuola dell Infanzia I CAMPI D ESPERIENZA La scuola dell'infanzia si rivolge a tutti i bambini di età compresa tra i tre ed i sei anni, quale risposta al loro diritto all'educazione, così come sancito nella nostra Costituzione. Essa si pone la finalità di promuovere nei bambini lo sviluppo dell'identità, dell'autonomia della competenza attraverso l'organizzazione di un ambiente di vita, di relazioni ed apprendimento di qualità garantito dal dialogo sociale ed educativo con la famiglia e con la comunità. La programmazione annuale si basa quindi sulla costruzione di un itinerario educativo - didattico che, tenendo presente gli elementi posti dallo specifico contesto in cui operiamo (risorse a disposizione, vincoli strutturali, organizzativi, normativi) parte dalle caratteristiche dei bambini della nostra scuola e individua obiettivi formativi, attività di gioco e modalità operative adeguati ai loro livelli di sviluppo. La nostra proposta pedagogica ha come riferimento principale i "campi dell esperienza educativa, diversi ambiti del fare e dell agire del bambino e dei relativi apprendimenti che si vogliono consolidare e promuovere nella scuola dell infanzia. Pianificare per "campi di esperienza" significa accogliere, valorizzare ed estendere le curiosità, le esplorazioni e le proposte dei bambini creando occasioni di apprendimento finalizzate a promuovere nei piccoli l'organizzazione di ciò che vanno scoprendo. Il sé e l altro: le grandi domande,il senso morale,il vivere insieme. Pagina 22 di 98

23 Sviluppare il senso dell identità personale ed essere consapevole delle proprie esperienze e dei propri sentimenti,controllandoli ed esprimendoli in modo adeguato. Riflettere,confrontarsi con adulti e bambini,essere consapevole delle differenze e rispettarle. Comprendere chi è fonte di autorità e di responsabilità nei diversi contesti,seguire regole di comportamento e assumersi responsabilità Il corpo e il movimento: Identità,autonomia,salute Prendere coscienza e acquisire il senso del proprio sé fisico,il controllo del corpo,delle sue funzioni,della sua immagine,delle possibilità sensoriali,espressive e di relazione. Imparare ad averne cura attraverso l educazione alla salute. Immagini, suoni e colori: Gestualità, arte, musica, multimedialità. Sviluppare interesse per l ascolto della musica e educare al sentire estetico e al piacere del bello. Comunicare ed esprimere emozioni utilizzando le varie possibilità del linguaggio del corpo:con la voce,il gesto,la drammatizzazione,i suoni,la musica,la manipolazione e la trasformazione dei materiali più diversi,le esperienze grafico-pittoriche,i mass-media. I discorsi e le parole: Comunicazione, lingua, cultura. Sviluppare la padronanza d uso della lingua italiana,arricchire e precisare il proprio lessico. Comunicare agli altri le proprie emozioni,le proprie domande,i propri ragionamenti e i propri pensieri. Raccontare,inventare,ascoltare e comprendere le narrazioni e la lettura di storie. La conoscenza del mondo: Ordine, misura, spazio, tempo, materia. Raggruppare e ordinare secondo criteri diversi. Confrontare e valutare quantità. Orientarsi nel tempo della vita quotidiana. Osservare i fenomeni naturali e gli organismi viventi. Collocare correttamente nello spazio se stessi,oggetti e persone Coglie il passare del tempo. Pagina 23 di 98

24 SEZIONE SPERIMENTALE PRIMAVERA ( sede di via Quintavalle) La "Sezione Primavera" ha un progetto educativo che si basa su attività finalizzate allo sviluppo armonico del bambino. Qui il bambino trascorrerà la giornata in modo gioioso e giocoso esplorando e sperimentando, acquisendo autonomia e indipendenza nel rispetto dei suoi tempi di crescita. Molta importanza è stata data all organizzazione dell ambiente, costruito su misura e adatto a questa fascia d età, così da offrire al bambino, attraverso piccoli dettagli, un messaggio di calore, d affetto e di amore.la sezione si rivolge, con una attenzione speciale ai bambini di 2-3 anni. A questa età, infatti, cominciano a diventare consapevoli di un sempre maggiore bagaglio di esperienze, hanno bisogno di sentirsi sicuri e di capire cosa i" grandi", gli adulti si aspettano da loro. Il progetto educativo, infatti, si basa su attività che sono finalizzate allo sviluppo armonico del bambino. Gli operatori della Sezione Primavera : Due educatori della cooperativa Mani Tese; Un coordinatore didattico, docente della nostra Scuola dell Infanzia; Un collaboratore scolastico Pagina 24 di 98

25 3.2 Scuola Primaria COMPETENZE TRASVERSALI IN USCITA Comunicazione in madre lingua: Esprimere e comprendere concetti, pensieri, sentimenti, fatti in forma sia orale sia scritta e interagire adeguatamente e in modo creativo in diversi contesti. Comunicazione in lingua straniera: Esprimersi a livello elementare in lingua inglese e comprendere semplici enunciati appropriati alle diverse situazioni. Competenza matematica-scientifica: Affrontare e determinare situazioni problematiche, rappresentandole in diversi modi, conducendo le esplorazioni opportune, individuando ciò che è noto e di ciò che si intende trovare individuando possibili strategie risolutive. Utilizzare le proprie capacità per rielaborare e realizzare progetti riguardanti le proprie attività di studio e di lavoro. Competenza digitale e in campo tecnologico:conoscere e comprendere i cambiamenti determinati dall attività umana, utilizzare con dimestichezza e in modo critico le tecnologie per comunicare, ricercare e produrre. Imparare ad imparare: Organizzare il proprio apprendimento, individuando, scegliendo e utilizzando varie fonti e varie modalità di informazione e di formazione anche in funzione dei tempi disponibili, delle proprie strategie e del proprio metodo di studio e di lavoro. Pagina 25 di 98

26 Competenze sociali e civiche: Interagire in gruppo, comprendendo i diversi punti di vista,valorizzando le altrui capacità, gestendo la conflittualità, contribuendo all apprendimento comune e alla realizzazione delle attività collettive, nel riconoscimento dei diritti fondamentali degli altri, e ala realizzazione delle attività collettive, nel riconoscimento dei diritti fondamentali degli altri. TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO L alunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti (conversazione,discussione, scambi epistolari ) attraverso messaggi semplici, chiari e pertinenti, formulati in un registro il più possibile adeguato alla situazione. Comprendere testi di tipo diverso in vista di scopi funzionali, di intrattenimento e/o svago, di studio, ne individua il senso globale e/o le informazioni principali, utilizza strategie di lettura funzionali agli scopi. Legge testi letterari di vario genere appartenenti alla letteratura dell infanzia, sia a voce alta, con tono di voce espressivo,sia con lettura silenziosa e autonoma, riuscendo a formulare su di essi semplici pareri personali. Produce testi (di invenzione, per lo studio, per la comunicare) legati alle diverse occasioni di scrittura che la scuola offre, rielabora testi manipolandoli, parafrasandoli, completandoli, trasformandoli (parafrasi e scrittura). Sviluppa gradualmente abilità funzionali allo studio estrapolando dai testi scritti informazioni su un dato argomento utili per l esposizione orale e la memorizzazione acquisendo un primo nucleo di terminologia specifica, raccogliendo impressioni personali e/o collettive, registrando opinioni proprie o altrui. Svolge attività esplicite di riflessione linguistica su ciò che si dice o si scrive, si ascolta o si legge, mostra di cogliere le operazioni che si fanno quando si comunica e le diverse scelte determinate dalla varietà di situazioni in cui la lingua si usa. Pagina 26 di 98

27 INGLESE L alunno comprende messaggi verbali orali e semplici testi,chiede spiegazioni, svolge i compiti secondo le indicazioni date in lingua straniera dall insegnante,stabilisce relazioni tra elementi linguistico comunicativi e culturali appartenenti alla lingua materna e alla lingua straniera. Descrive in termini semplici,aspetti del proprio vissuto e del proprio ambiente ed elementi che si riferiscono a bisogni immediati. Legge semplici testi con strategie adeguate; legge testi informativi e ascolta spiegazioni attinenti a contenuti d studio di altre discipline. Scrive semplici resoconti e compone brevi lettere o messaggi rivolti a coetanei e familiari. Usa la lingua per apprendere argomenti anche di ambiti disciplinari diversi, collabora attivamente con i compagni nella realizzazione di attività e progetti. STORIA L alunno riconosce elementi significativi del passato del suo ambiente Usa la linea del tempo per collocare un fatto o un periodo storico. Individua le relazioni tra gruppi umani e contesti spaziali. Organizza le informazioni e le conoscenze, compre i testi storici proposti e sa individuarne le caratteristiche. Produce semplici testi storici; sa usare carte geostoriche. GEOGRAFIA L alunno si orienta nello spazio circostante e sulle carte geografiche, utilizzando riferimenti topologici, punti cardinali e coordinate geografiche. Si rende conto che lo spazio geografico è costituito da elementi fisici e antropici, legati da rapporti di connessione e/o interdipendenza. Pagina 27 di 98

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino raggruppa e ordina secondo criteri diversi, confronta

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE Anno scolastico 2012-2013 INSEGNANTI Clagluna Alessandra Corvitto Giovanna De Gaetanis Antonella Ficicchia Valeria Giuliani Cristina

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Approfondimento N 2. Scuola primaria

Approfondimento N 2. Scuola primaria Approfondimento N 2 Scuola primaria, Nuclei tematici e Obiettivi di apprendimento al termine della classe quinta Italiano L'allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

Traguardi e Obiettivi di Apprendimento della Scuola Secondaria di 1 grado

Traguardi e Obiettivi di Apprendimento della Scuola Secondaria di 1 grado ISTITUTO COMPRENSIVO di OPPEANO Via A. Moro, 12 tel. 045/7135458 telefax: 045/7135049 e-mail vric843009@istruzione.it - www.icoppeano.gov.it Nell ambito di una Visione Interdisciplinare, gli Insegnanti,

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492 SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA DELL'INFANZIA DI ALBINO Viale Gasparini, Tel/Fax 035 754 420 SCUOLA DELL'INFANZIA DI DESENZANO Via Loverini, Tel/Fax. 035 751 436 SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento Scuola primaria: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 -

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - L esposizione universale è, per eccellenza, il luogo delle visioni del futuro. Nutrire il pianeta, Energia per la vita è l invito

Dettagli

Rapporto di autovalutazione

Rapporto di autovalutazione Rapporto di autovalutazione Sommario 1. Codice meccanografico istituto principale...3 2. Griglie di autovalutazione...3 1.1 Esiti...3 1.2 Contesto e risorse...4 1.3 Processi...5 3. Individuazione obiettivi

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE Istituto Comprensivo Ferentino 1 SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE ANNUALE anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE : il ruolo della Scuola dell Infanzia Nelle recenti Bozze delle Indicazioni Nazionali

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri La documentazione Dall ICF alla DF al PDF al PEI La Diagnosi Funzionale (DF) 1. Utilizzo degli items di ICF nella definizione

Dettagli

Curricolo verticale di consapevolezza ed espressione culturale

Curricolo verticale di consapevolezza ed espressione culturale ISTITUTO COMPRENSIVO ARCOLA-AMEGLIA Curricolo verticale di consapevolezza ed espressione culturale DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: Storia, Geografia, Arte e immagine, Musica, Educazione fisica, Religione Anno

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli