Tel. Fax 0864/ web site:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tel. Fax 0864/845904-847474. e-mail: aqic837001@istruzione.it. web site: www.iccasteldisangro.gov.it"

Transcript

1 Tel. Fax 0864/ web site:

2 INDICE 1. Introduzione... pag.1 2. Atto d indirizzo dell I.C... pag.1 3. Il contesto... pag L'Istituto Comprensivo di Castel di Sangro... pag Il territorio e i servizi... pag I rapporti scuola-famiglia... pag La rete... pag.4 4. Progettazione curricolare... pag.5 5. Bisogni Educativi Speciali... pag.5 6. Criteri di verifica e di valutazione... pag.7 7. Sezione progetti... pag Iniziative, eventi e manifestazioni... pag Attività di aggiornamento e formazione... pag Docenti coordinatori e referenti dell I.C.... pag.15

3 INTRODUZIONE Il POF è il documento d identità culturale e progettuale dell Istituto. Esso esplicita la programmazione curriculare, extracurricolare, educativa ed organizzativa che la scuola adotta nell ambito dell autonomia. Il documento è coerente con gli obiettivi educativi determinati a livello nazionale e riflette le esigenze culturali e socio-economiche della realtà locale. Attraverso il POF l Istituto Comprensivo si fa conoscere: consente soprattutto alle famiglie di sapere chi opera in esso, in che modo e seguendo quali principi educativi e formativi. ATTO D INDIRIZZO DELL ISTITUTO COMPRENSIVO L Istituto Comprensivo di Castel di Sangro opera per realizzare un Istituto unitario negli intenti e nelle scelte educative di base che poi si diversificano nelle scelte curricolari (didattiche, progettuali e laboratoriali) di ciascuna scuola. Esso intende porre al centro di tutta l azione educativa l alunno, considerato come un individualità complessa nella quale si integrano diverse componenti: cognitiva, affettiva, emotiva e sociale. L alunno è protagonista di un percorso di formazione globale, che promuova lo sviluppo armonico ed integrale di tutte le dimensioni della persona. Ad ogni alunno l I.C. vuole offrire la possibilità di sviluppare nel modo migliore le proprie potenzialità favorendo l acquisizione di uno spirito critico, di un pensiero creativo e di un sistema di valori cui far riferimento. Sul piano cognitivo, in una società che cambia continuamente, vuole fornire gli strumenti per imparare ad apprendere, cioè per imparare a riorganizzare e adeguare le proprie conoscenze e competenze in una continua dinamica di conquiste. Su tale premessa, l atto d indirizzo dell Istituto Comprensivo di Castel di Sangro, per l anno scolastico , sarà incentrato sul potenziamento degli esiti di apprendimento, che non potrà essere conseguito secondo dinamiche tradizionali ma bisognerà che ciascun docente si metta alla prova rinunciando al comando, individuando le competenze, spostando le posizioni, valorizzando l errore, utilizzando l ironia e ricorrendo al gioco, valorizzando il potenziale delle persone, dando attenzione ai singoli, avendo pazienza, stimolando l immaginazione, stimolando le persone, stabilendo un contatto vero, infondendo fiducia, dando significato, il senso della misura, stimolando l ascolto reciproco, riconoscendo il passato.

4 IL CONTESTO L ISTITUTO COMPRENSIVO L Istituto Comprensivo di Castel di Sangro è costituito da otto plessi scolastici ubicati a: - Castel di Sangro (Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria - Scuola Secondaria di Primo Grado) - Ateleta (Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria - Scuola Secondaria di Primo Grado) - Alfedena (Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria) Scuola dell Infanzia di Castel di Sangro La Scuola dell Infanzia di Castel di Sangro consta di 5 sezioni con 126 alunni. Non è provvista di una sala mensa ma ha un piccolo salone, in cui si effettuano attività motorie e ludico-ricreative, un aula lettura e un laboratorio multimediale. All esterno, la Scuola dispone di un giardino per le attività all aperto. Il sabato, pur essendo sospese le attività didattiche e al fine di rispondere alle esigenze lavorative delle famiglie, la scuola promuove e organizza delle attività educative svolte dal personale docente. Inoltre, è attuato il progetto accoglienza finalizzato all inserimento degli alunni anticipatari in riferimento al quadro normativo vigente. Scuola Primaria di Castel di Sangro La Scuola Primaria di Castel di Sangro comprende 13 classi di cui 2 a tempo pieno, 3 a tempo normale con 28 ore e 8 a tempo normale con 30 ore, per un totale di 279 alunni. L edificio ospita inoltre gli uffici di Segreteria, l ufficio della D.S.G.A. e l ufficio di Presidenza. Il plesso è dotato di un laboratorio multimediale, di una biblioteca per il servizio di prestito libri e materiale didattico-informativo. Un ampio locale adibito a palestra, viene utilizzato per attività di gioco-sport con il supporto di esperti di attività motoria di base. Gli alunni possono inoltre usufruire del servizio di accoglienza che prevede l entrata anticipata al fine di agevolare le esigenze lavorative delle famiglie. Scuola Secondaria di Primo Grado di Castel di Sangro A causa dell'evento sismico del 6 aprile 2009, i locali della sede storica sono inagibili, pertanto, le aule sono state trasferite presso i locali dell'istituto Tecnico Commerciale e per Geometri. La scuola comprende 4 corsi completi ed è frequentata da 234 alunni. L orario settimanale è di 30 ore. Già dallo scorso anno scolastico è attivo l indirizzo musicale che prevede lo studio dei seguenti strumenti: pianoforte, tromba, clarinetto, violino. L attività di scienze motorie si svolge presso le palestre del vicino Istituto d Istruzione Secondaria Superiore Patini Liberatore e presso il Palazzetto dello Sport. Scuola dell Infanzia di Ateleta La Scuola dell Infanzia di Ateleta è situata nello stesso edificio che ospita la Scuola Primaria, ma ha un ingresso autonomo. E frequentata da 40 bambini, suddivisi in due

5 sezioni, che hanno a disposizione un salone per attività motorie e ludico-ricreative, un refettorio e un giardino. Scuola Primaria di Ateleta La scuola primaria di Ateleta è composta da 5 classi a tempo normale, che accolgono 64 alunni. L edificio scolastico è dotato di una palestra, di spazi utilizzabili per la mensa e per attività ludico-ricreative e di un aula multimediale, utilizzata anche dagli alunni della Scuola dell'infanzia ubicata nello stesso edificio. Scuola Secondaria di Primo Grado di Ateleta La Scuola Secondaria di Primo Grado di Ateleta consta di 3 classi, di cui 1 a tempo pieno, per un totale di 36 alunni. Da quest anno è attivo l indirizzo musicale che prevede lo studio dei seguenti strumenti: pianoforte, tromba, clarinetto, violino. L attività motoria si svolge nella palestra della Scuola Primaria e dell Infanzia di Ateleta. Gli alunni possono usufruire del servizio di accoglienza che prevede l entrata anticipata, al fine di agevolare le esigenze lavorative delle famiglie. Scuola dell Infanzia e Primaria di Alfedena La Scuola dell Infanzia è frequentata da 18 alunni. La Scuola Primaria di Alfedena è formata da 2 pluriclassi, 2^-3^ e 4^-5^ per un totale di 26 alunni. L edificio che ospita le scuole è situato al centro del paese ed è dotato di una sala mensa, una palestra, un aula multimediale, laboratori vari e un aula adibita ad attività creative e teatrali. IL TERRITORIO E I SERVIZI Il territorio dell Istituto Comprensivo di Castel di Sangro si caratterizza come zona prevalentemente montana, a forte connotazione turistica estiva ed invernale. Le attività economiche maggiormente diffuse sono a carattere commerciale e turistico. Il comprensorio è interessato, da qualche anno, da un processo immigratorio che si riflette anche sulla popolazione scolastica locale, che appare eterogenea e multiculturale. Il territorio vive un forte momento di rivalutazione delle proprie caratteristiche sotto la guida degli Enti locali nei progetti di promozione ambientale. L Istituzione Scolastica collabora con Enti e associazioni operanti sul territorio; ha in atto convenzioni con le facoltà di Scienze della Formazione Primaria per l attività di tirocinio delle studentesse delle Università di L Aquila; è inserita nella rete Insieme possiamo con altre scuole di ogni ordine e grado operanti nel territorio dell Alto Sangro; si avvale delle strutture presenti sul territorio per l attuazione delle attività progettuali. I comuni di Castel di Sangro, Ateleta, Alfedena, Scontrone e Castel del Giudice garantiscono alle scuole dell I.C. il servizio di scuolabus. Il comune di Castel di Sangro garantisce il servizio mensa alla scuola dell infanzia e primaria; il comune di Ateleta garantisce il servizio mensa alla scuola dell infanzia e secondaria; il comune di Alfedena garantisce il servizio mensa alla scuola dell infanzia e primaria, consentendo a quest ultima l attuazione del progetto Più ore per Imparare.

6 Il progetto accoglienza garantisce agli alunni della Scuola dell Infanzia e Primaria di Castel di Sangro e della Scuola Secondaria di Ateleta, il servizio di pre-scuola dalle ore 8,00 alle ore 8,30 al fine di agevolare le famiglie con particolari esigenze lavorative. L I.C. come ogni anno prevede il pagamento di una quota assicurativa annuale per tutti gli alunni, il cui versamento è da effettuare sul conto corrente postale n intestato all Istituto Comprensivo di Castel di Sangro. I RAPPORTI SCUOLA-FAMIGLIA Affinché si raggiunga il successo formativo è indispensabile che la scuola curi la formazione delle famiglie, corresponsabili dell intero progetto di crescita dell alunno e del raggiungimento di obiettivi educativi comuni. La scuola, per migliorare e ottimizzare il piano dell offerta formativa, promuove iniziative intese a favorire rapporti maggiormente collaborativi con le famiglie su temi di interesse educativo ed orientativo. Nel corso dell anno sono previsti due incontri scuola-famiglia, un assemblea dei genitori nel mese di ottobre per eleggerne i rappresentanti, che parteciperanno a consigli di classe e di sezione, quando previsto. Per la scuola primaria ci sono ulteriori due incontri alla fine di ogni quadrimestre per la consegna del documento di valutazione. Per quanto concerne la scuola secondaria di I grado, invece, a inizio anno vengono date ai genitori degli alunni le credenziali per accedere all area famiglie del portale Argo ScuolaNext, dove poter visualizzare quotidianamente le attività che si svolgono a scuola e i compiti assegnati, le assenze e le notazioni disciplinari dei propri figli, nonché scaricare le pagelle. I genitori possono richiedere incontri individuali con i docenti: il martedì pomeriggio, previo appuntamento, per la scuola primaria; durante le ore di ricevimento docenti per la scuola secondaria di primo grado. I docenti possono convocare i genitori, qualora l andamento didattico-disciplinare dei propri figli, o problematiche di altra natura, lo richiedano. Il Dirigente scolastico riceve previo appuntamento. L Ufficio di Segreteria è aperto al pubblico il lunedì, il mercoledì ed il venerdì dalle ore 11,00 alle ore 13,00. LA RETE L Istituto Comprensivo di Castel di Sangro è inserito nelle seguente rete di scuole: Insieme possiamo finalizzata alla formazione e all aggiornamento dei docenti; al potenziamento del livello di apprendimento della popolazione locale; allo scambio di idee, esperienze e strutture per migliorare l Offerta Formativa. Fanno parte della suddetta rete le scuole del comprensorio dell Alto Sangro e del Piano delle Cinque Miglia.

7 PROGETTAZIONE CURRICULARE Partendo dal Curriculum Verticale, strutturato dai singoli dipartimenti lo scorso anno, ogni disciplina ha steso una progettazione per nuclei fondanti, qui di seguito inserite in allegato. BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Per l I.C. di Castel di Sangro l alunno è al centro dell azione educativa che punti al successo formativo, pertanto tutti coloro che operano in esso devono attivarsi perché si superino gli ostacoli che si frappongono all apprendimento e alla partecipazione attiva di ognuno. Solo in questo modo è possibile realizzare l inclusione scolastica di tutti gli alunni. Nelle nostre scuole ci sono situazioni certificate da parte di professionisti dell ambito clinico-riabilitativo, ma anche situazioni di disagio dell area dello svantaggio socioeconomico, linguistico e culturale, per le quali è doveroso attivare, da parte di noi docenti, la procedura di individuazione di percorsi personalizzati. Gli alunni cosiddetti diversamente abili, quelli che presentano comportamenti da annoverare nell area del disagio, o quelli che, più genericamente, vanno male a scuola per una varietà di altre ragioni che impediscono il loro ottimale progresso sono alunni che necessitano di Bisogni Educativi Speciali. Tuttavia l inclusione si riferisce all educazione di tutti e consiste nella condivisione di pratiche organizzative e didattiche riguardanti non solo gli alunni che vengono definiti BES ma anche quelli che presentano regolarità nell apprendimento. Per la natura del documento, quindi, all interno del POF trova posto a pieno titolo anche la progettazione per BES e DSA. Più precisamente, questo documento va integrato con il Piano Annuale per l Inclusività (PAI) che indica, in sostanza, le scelte metodologiche finalizzate alla realizzazione di percorsi che possano fornire pari opportunità per tutti gli alunni, garantendo l attuazione di strategie didattiche ed organizzative per soggetti BES in un contesto efficace.

8

9 CRITERI DI VERIFICA E DI VALUTAZIONE La valutazione ha finalità formativa e non selettiva ed è parte integrante del processo formativo, in quanto mira a rendere lo studente consapevole del proprio processo di apprendimento. Inoltre essa deve essere chiara, trasparente e condivisa affinché l alunno conosca i risultati e i criteri di valutazione delle verifiche, riferiti ad ogni singola prova. Tradizionalmente, la valutazione degli alunni dell Istituto Comprensivo è direttamente connessa alla programmazione didattico-educativa e si realizza attraverso: - osservazioni occasionali su comportamenti-apprendimenti spontanei; - osservazioni sistematiche, cioè programmate e periodiche in cui l insegnante rileva consapevolmente comportamenti e apprendimenti specifici; - prove oggettive che verifichino conoscenze, abilità e competenze. In ogni caso, il processo di valutazione tiene conto della situazione iniziale dell alunno dei processi formativi individuali e delle competenze emotivo-relazionali. Nella scuola dell infanzia, all inizio e alla fine di ogni anno scolastico, si compilano schede di osservazione diversificate per età (3-4-5 anni); esse costituiscono il fascicolo personale dell alunno che diventerà il punto di partenza per l ingresso alla scuola primaria. Nella scuola primaria e nella scuola secondaria la valutazione è quadrimestrale. Alla fine di ogni quadrimestre (febbraio-giugno) si svolgono gli scrutini alla presenza del D.S. Il giudizio delle singole discipline è dato dalla valutazione delle prove di verifica e dalle osservazioni sistematiche effettuate dai docenti. Il giudizio globale tiene conto sia degli apprendimenti curricolari sia del comportamento (interesse, partecipazione, impegno, relazioni con gli altri ). Per la scuola primaria e per la scuola secondaria i criteri comuni per attribuire ad ogni materia i voti espressi in decimi sul documento di valutazione fanno riferimento alle indicazioni ministeriali. Attualmente però sono in atto dei cambiamenti nella scuola del primo ciclo d istruzione, così come riportati nelle Indicazioni Nazionali per il Curricolo Verticale, che derivano da un ripensamento profondo nel modo di essere della scuola e, conseguentemente, di fare scuola così da garantire ad ogni alunno competenze più solide e appropriate, a partire dalla padronanza della lingua italiana, dalle capacità di argomentare e risolvere problemi, dall incontro con il nostro patrimonio storico, artistico e ambientale, dalle sempre più indispensabili competenze digitali. Tanto le indicazioni nazionali per il curricolo verticale, quanto la loro ricaduta sulla prassi didattico-educativa muovono dal Quadro delle competenze-chiave per l apprendimento permanente, definite dal Parlamento Europeo e dal Consiglio dell UE, che sono: Comunicazione nella madre lingua Capacità di esprimere ed interpretare concetti, pensieri, sentimenti, fatti e opinioni in forma sia orale sia scritta e di interagire in modo creativo sul piano linguistico in ogni contesto. Comunicazione nelle lingue straniere Padronanza della lingua straniera che richiede abilità quali la mediazione e la comprensione interculturale. Competenza matematica e competenze di base in scienza e tecnologia Abilità di sviluppare e applicare il pensiero matematico, le conoscenze e le metodologie scientifico-tecnologiche per risolvere problemi in situazioni quotidiane e adidattiche.

10 Competenza digitale Saper utilizzare con dimestichezza e spirito critico le tecnologie della società dell informazione per il lavoro, il tempo libero e la comunicazione. Imparare a imparare Acquisire un metodo di studio e di lavoro, partendo dalla consapevolezza del proprio processo di apprendimento e dei propri bisogni, da applicare in tutta una serie di contesti: a casa, sul lavoro, nell istruzione e nella formazione. Competenze sociali e civiche Capacità di partecipare in modo efficace e costruttivo alla vita sociale e lavorativa, riconoscendo il valore delle regole e della responsabilità personale. Spirito di iniziativa e imprenditorialità Capacità di tradurre le idee in azione. In ciò rientrano la creatività, l innovazione e l assunzione di rischi, come la capacità di pianificare e di gestire progetti per raggiungere obiettivi significativi e realistici. Consapevolezza ed espressione culturale Capacità di esprimere creativamente idee, esperienze ed emozioni in un ampia varietà di mezzi di comunicazione, compresi la musica, le arti dello spettacolo, la letteratura e le arti visive. Di fatto, lo scorso anno, le scuole dell I.C. hanno progettato un Curriculum verticale, impostato sul raggiungimento delle suddette competenze, in cui i livelli di partenza o prerequisiti rappresentassero essenziali elementi di continuità da un ordine di scuola all altro. Nel corrente anno scolastico, e specificatamente nella scuola secondaria di I grado, si sta progettando per unità formative certificabili (UFC), partendo dai nuclei fondanti di ogni disciplina e costruendo ambienti di apprendimenti efficaci al raggiungimento dei livelli di competenza. Per effettuare poi una valutazione per competenze saranno strutturate prove di verifica disciplinare per livelli di competenza: base, intermedio, avanzato, non raggiunto. Lo stesso criterio di valutazione verrà adottato nella scuola primaria, dove si prevedono prove di verifica strutturate per classi parallele a termine di ogni quadrimestre. Per raggiungere il livello base, l alunno deve dimostrare una conoscenza adeguata dei contenuti; per raggiungere quello intermedio alla conoscenza dei contenuti si aggiunge la capacità di saper fare; infine per raggiungere il livello avanzato, l alunno deve dimostrare di saper affrontare prove per le quali non si è preparato, affrontando quesiti che non rispondono in maniera diretta agli argomenti trattati ma che,tuttavia, non prescindono da essi e calati in un contesto reale e adidattico, così da dare prova di spirito critico e senso pratico. Nelle pagine seguenti vengono riportate la griglia dei criteri di valutazione per livelli di competenze e la griglia dei criteri di valutazione comportamento.

11 CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE Livelli generali di competenza Livello di competenza Valutazione in decimi Competenza utilizzata con sicurezza padronanza in autonomia, osservata in contesti numerosi e complessi Competenza utilizzata con buona padronanza con apprezzabile autonomia, osservata con frequenza e talvolta in contesti complessi Competenza utilizzata con sufficiente sicurezza, non sempre in autonomia, osservata in contesti ricorrenti e/o non complessi Competenza utilizzata con qualche incertezza e con modesta autonomia, osservata in contesti abbastanza semplici Competenza utilizzata parzialmente, spesso accompagnata da richieste d'aiuto, in contesti semplici Competenza assente o lacunosa, anche in contesti semplici avanzato intermedio 10 base 6 Non raggiunto < CRITERI DI VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO PER LA SCUOLA PRMARIA Indicatori generali di comportamento - Interesse e partecipazione attiva alle lezioni; - Rispetto degli altri e dell'istituzione scolastica; - Atteggiamento positivo e collaborativo all'interno della classe; - Scrupoloso rispetto del regolamento scolastico; - Ottima socializzazione. - Interesse e partecipazione attiva alle lezioni; - Rispetto degli altri e dell'istituzione scolastica; - Costante adempimento dei doveri interpersonali; - Equilibrio nei rapporti interpersonali; - Rispetto delle norme disciplinari dell'istituto; - Atteggiamento positivo nel gruppo classe. - Adeguato adempimento dei doveri scolastici; - Generale equilibrio nei rapporti interpersonali; - Rispetto delle norme relative alla vita scolastica; - Atteggiamento generalmente positivo e di collaborazione nel gruppo classe se sollecitato. - Limitata attenzione e partecipazione discontinua alle attività scolastiche; - Svolgimento non sempre puntuale delle norme relative all'attività scolastica; - Disturbo del regolare svolgimento delle lezioni; - Partecipazione poco collaborativa al funzionamento del gruppo classe; - Non rispetto dell'orario scolastico. - Scarso interesse per le varie discipline; - Saltuario svolgimento dei compiti; - Frequente disturbo dell'attività didattica; - Episodi di mancato rispetto delle regole o del regolamento d'istituto; - Frequenti ritardi; - Non rispetto dell'orario scolastico. - Comportamento gravemente scorretto nel rapporto con insegnanti e compagni, che viola la dignità delle persone; - Atti gravi di vandalismo e bullismo, lesivi delle strutture scolastiche e dell'incolumità delle persone; - Gravi sanzioni disciplinari dovute al mancato rispetto del regolamento d'istituto. Valutazione in decimi

12 CRITERI DI VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO PER LA SCUOLA SEC.ONDARIA DI I GRADO (delibera n. 47 del collegio docenti n.5 del ) Indicatori generali di comportamento - Frequenza assidua; - Rispetto dell orario scolastico; - Partecipazione attiva e collaborativa al dialogo educativo; - Puntuale rispetto delle consegne e utilizzo corretto del materiale didattico; - Rispetto dell Istituzione Scolastica e di tutti coloro che operano nella scuola; - Disponibilità a collaborare in maniera costruttiva con insegnanti e compagni al raggiungimento degli obiettivi formativi. - Frequenza assidua; - Rispetto dell orario scolastico; - Partecipazione attiva e collaborativa alle lezioni e alle attività proposte in orario curricolare; - Puntuale rispetto delle consegne; - Rispetto dell Istituzione Scolastica e di tutti coloro che operano nella scuola; - Disponibilità a collaborare in maniera costruttiva con insegnanti e compagni al raggiungimento degli obiettivi formativi. - Frequenza e/o rispetto orario scolastico abbastanza regolare; - Rispetto delle consegne e del regolamento di istituto; - Rispetto verso coloro che operano nella scuola; - Selettiva disponibilità a collaborare costruttivamente con insegnanti e compagni al raggiungimento degli obiettivi formativi. - Frequenza irregolare e/o scarso rispetto dell orario scolastico; - Numerose richieste di permessi di entrata/uscita e/o numerose assenze strategiche in concomitanza di verifiche scritte/orali e/o di attività proposte dalla scuola; - Frequenti inadempienze nel rispetto delle consegne e del regolamento d Istituto; - Episodica mancanza di rispetto nei confronti di coloro che operano nella scuola; - Episodico uso improprio delle strutture e degli arredi scolastici e dei beni altrui; - Limitata collaborazione con insegnanti e compagni al raggiungimento degli obiettivi formativi. - Presenza di più richiami scritti per reiterate infrazioni disciplinari, derivanti anche da uno solo dei seguenti elementi: continua inosservanza delle consegne e/o dispregio del regolamento d istituto; - Comportamenti episodici che violino la dignità e il rispetto della persona (offese verbali, sottrazione di beni altrui, utilizzo improprio e/o doloso di spazi, attrezzature, strumenti elettronici e informatici e cellulari); - Grave mancanza di rispetto nei confronti delle strutture, degli arredi e delle dotazioni scolastiche (sottrazione e/o danneggiamento), sottrazione di beni altrui; - Atti di para-bullismo. - Presenza di più richiami scritti per reiterate infrazioni disciplinari, sospensioni dalle lezioni, derivanti da anche uno solo dei seguenti elementi: reati che violino la dignità e il rispetto della persona umana (violenza privata, minacce, ingiurie), azioni che creano una concreta situazione di pericolo per l incolumità delle persone (allagamenti, incendi, ecc); - Ogni altro atto penalmente perseguibile e sanzionabile dal regolamento d istituto. Valutazione in decimi

13 SEZIONE PROGETTI I progetti sono stati elaborati partendo dall analisi dei bisogni formativi dei soggetti interessati, delle peculiarità del territorio, delle risorse naturali e umane disponibili e dei principi educativi a cui si ispira il POF. Qui di seguito viene riportato l elenco dei progetti suddivisi per ambito. Per le schede progettuali si rimanda alla documentazione depositata in segreteria. Area ambiente e sport Educazione e interpretazione ambientale Scuola Primaria di Castel di Sangro classi III Scuola Secondaria di I grado classi I Ecotur Scuola Primaria classi IV (A-B-C); classi V (B-C-D-E) Velascuola Scuola Primaria classi V Ambiente fino in fondo: Orienteering Scuola Secondaria di I grado classi II La bottega dello sport Istituto Comprensivo La settimana dello sport e della cultura Scuola Primaria e Scuola Secondaria di I grado Compostaggio Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di Castel di Sangro Area linguistico-artistico-espressiva I Can English Scuola Infanzia Alfedena, Ateleta, Castel di Sangro Speak English..and go, Certificazione Cambridge Ket Scuola Primaria classi V Scuola Secondaria di I grado classi III Francese e Spagnolo Scuola Primaria di Castel di Sangro classe IA e classi V Multimediando Scuola primaria di Castel di Sangro classi I Le storie di fata letterina Scuola Infanzia di Castel di Sangro Lettura espressiva Scuola Infanzia e Primaria di Alfedena L oretta della Lettura Scuola Infanzia e Primaria di Alfedena Laboratorio giornalistico Scuola Primaria di Ateleta e Castel di Sangro classi V Festeggiando Scuola Infanzia Alfedena, Ateleta, Castel di Sangro Un Natale di pace Scuola Primaria di Ateleta Grande Guerra Scuola Secondaria di I grado classi III Premio Letterario Istituto Comprensivo Prate Cardille Scuola Secondaria di i grado

14 Area scuola per tutti Progetto di recupero e potenziamento Istituto Comprensivo Aree a rischio Istituto Comprensivo Accoglienza Scuola Secondaria di I grado di Ateleta Achille e la tartaruga Scuola Primaria Giochi matematici e Problem solving Scuola Secondaria di I grado Orientamento Scuola Secondaria di I grado classi III Educazione stradale, alla legalità e alla convivenza civile Istituto Comprensivo Progetto genitori Scuola Primaria di Castel di Sangro classi I CONCORSI, EVENTI E MANIFESTAZIONI All interno di questa sezione vengono riportati i concorsi finora banditi e ai quali l I.C., nell autonomia delle diverse scuole che lo compongono, ha scelto di partecipare; gli eventi e le manifestazioni che vedono gli alunni protagonisti del proprio percorso formativo, che si svolgeranno nel corso dell anno scolastico, tra le quali inserire anche le uscite didattiche e i viaggi d istruzione. LIBRIAMOCI Ottobre : Manifestazione nazionale di lettura sul tema Leggimi l anima che prevede la libera partecipazione di bambini, adolescenti, giovani e adulti, che coinvolge tutto l I.C. ASSESSORE PER UN GIORNO 10 Novembre: Concorso promosso dalla Regione Abruzzo Assessorato alle Politiche Sociali, Lavoro, Istruzione e Formazione e rivolto alle scuole primarie e secondarie di I grado della regione. VENDITA MELE MELISE 29 Novembre: iniziativa per il finanziamento di un progetto per alunni BES. PIANETA ALFEDENA 5-6 Dicembre: Manifestazione che vede coinvolte la scuola dell Infanzia e Primaria di Alfedena e che offre l opportunità di visitare il planetario realizzato dagli alunni in collaborazione con l associazione culturale Mani colorate TOMBOLATA Festività di Natale: Manifestazione che vede coinvolte tutte le classi della Scuola dell Infanzia e Primaria, attraverso la quale si raccolgono fondi destinati all acquisto di materiali utili per l I.C. MANIFESTAZIONE CANORA 17 Gennaio: In occasione della ricorrenza di Sant Antonio Abate. CANCRO TI BOCCIO Gennaio: Vendita delle arance per l AIRC da parte degli alunni della scuola dell infanzia e delle classi quinte della scuola primaria con il coinvolgimento delle famiglie. PAUSA DIDATTICA 2-6 Febbraio: Settimana dello sport e della cultura VIVERE LA NEVE Febbraio: Concorso promosso dal MIUR in collaborazione con la FISI e rivolto alle scuole secondarie di I grado della regione Abruzzo e delle regioni alpine. CERCO UN UOVO AMICO Festività di Pasqua: Manifestazione che vede coinvolte tutte le classi della Scuola d Infanzia e Primaria di Alfedena. FRUTTA NELLE SCUOLE Tutto l anno scolastico: Campagna di sensibilizzazione alimentare, che vede coinvolte tutte le classi dei vari plessi della Scuola Primaria. MERCATINO Manifestazione che vede coinvolte tutte le scuole dell I.C. in occasione delle festività durante il corso dell anno scolastico.

15 USCITA CINEMA GANDE GUERRA SANGRIADI - L incredibile storia di Winter il delfino2 (Scuola Primaria) - Storia di una ladra di libri (Scuola Secondaria di I grado) DATE DA DEFINIRE 24 Maggio: Manifestazione che vede coinvolte le classi III della Scuola Secondaria di I grado in occasione delle celebrazioni per il centenario della prima guerra mondiale Fine anno scolastico: Manifestazione sportiva per tutte le classi della Scuola dell Infanzia e Primaria. USCITE DIDATTICHE E VIAGGI D ISTRUZIONE Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Sec. di I grado Alfedena Ateleta Castel di Sangro Castel di Sangro Castel di Sangro e Ateleta Castel di Sangro e Ateleta Castel di Sangro, Alfedena e Ateleta Catel di Sangro e Ateleta Castel di Sangro e Ateleta VILLETTA BARREA: Azienda L ape e L orso CASTEL DI SANGRO: Azienda avicola Fattore Mario SCONTRONE: Museo Paleontologico CASTEL DI SANGRO: Abruzzo Zoo (corso C) INTRAMONTI (classi prime) Parco Nazionale+ Pescasseroli centro visite + tour FORESTALE (classi seconde e classe prima di Ateleta) Lanciano polo museale: Vasi (b c) scavi (d) e le pitture rupestri (b c d) + progetto LIFE forestale con uscita (classi terze) PESCARA: Museo delle genti d Abruzzo e SULMONA: Fabbrica confetti Pelino (classi quarte e classi seconde,terze e quinte di Alfedena) NAPOLI: Città della scienza (classi quinte) PESCARA: Circolo Vela (classi quinte) CIVITELLA ALFEDENA-CASALE GRUGNALE: A scuola nella riserva in collaborazione con il Corpo Forestale dello Stato (classi prime) BENEVENTO: I luoghi dei Longobardi (classi prime) CASERTA: Reggia di Caserta (classi seconde) ROMA: I luoghi della memoria (gita di 3 giorni con 2 pernottamenti per le classi terze)

16 ATTIVITA DI AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE Nella scuola odierna, caratterizzata dalla complessità della prassi didattico-educativa, grande importanza riveste la formazione in servizio dei docenti e del personale ATA. Attraverso l aggiornamento continuo, le attività didattiche vengono legittimate dalle teorie e viene stimolata la riflessione individuale e collegiale sulle modalità di progettazione, sulle strategie di realizzazione e sui criteri di valutazione. Vengono predilette forme di autoaggiornamento, come l iniziativa del caffè pedagogico svolta nello scorso anno scolastico, pur non disdegnando il ricorso ad esperti-formatori con funzione di stimolo e di guida alla riflessione collegiale. In ogni caso, particolare attenzione viene posta alla ricaduta delle proposte formative sulle attività didattiche. Per il presente anno scolastico si prevede la realizzazione di un attività di aggiornamentoformazione con il prof. Maurizio Gentile, esperto sulla valutazione delle competenze e dati INVALSI, sulla programmazione per unità formative certificabili (UFC) e la conseguente valutazione per livelli di competenze. Infine, a partire dal corrente anno scolastico, tutte le scuole saranno coinvolte nel progetto VALES (Valutazione e Sviluppo) che prevede, da parte della scuola, l elaborazione di un piano di miglioramento a partire dall analisi degli esiti delle prove invalsi e dall analisi dei punti di forza e dei punti di debolezza. Prendendo in considerazione tali esiti, la scuola dovrà predisporre un piano di miglioramento che sposti in avanti il livello di apprendimento di un % rispetto allo standard prefissato sia a livello locale sia a livello nazionale. Il VALES si avvale, inoltre, del supporto di professionisti provenienti dalle facoltà di economia con il compito di intervistare, a campione, docenti e famiglie per arrivare ad una analisi dell operato della scuola. Gli intervistatori intersecheranno interviste e risultati invalsi, evidenziando le differenze emerse, restituendo il tutto alla scuola, la quale avrà il compito di attuare un piano di miglioramento che riconsideri, se necessario, le metodologie tradizionali per un approccio didattico più nuovo, efficace e dinamico, rispondente al contesto attuale.

17 DOCENTI COORDINATORI E REFERENTI DELL ISTITUTO COMPRENSIVO Dirigente scolastico: I collaboratori del Dirigente CINZIA D ALTORIO-ENRICA ROMANO ANNA RITA CIMINI (responsabile plesso primaria Castel di Sangro) FABRIZIO TRONCA (responsabile plesso sec. I Castel di Sangro) Funzioni Strumentali AREA 1 Organizzazione e gestione del Piano dell'offerta Formativa CLAUDIA CICALINI / IVANA GIUNTA AREA 2 - Sostegno al lavoro docente MORENA PRETE / ALESSANDRO NUSCO AREA 3 - Interventi e servizi per gli alunni ANNAMARIA CARUSO / MARIA RITA CANGI / CARLA MARINO AREA 4 - Organizzazione, coordinamento e gestione di viaggi d'istruzione; rapporti con Enti Locali VITTORIO DI QUINZIO Nucleo di valutazione interno Scuola Infanza di Castel di Sangro: ANNA MARIA CARUSO Scuola Primaria di Castel di Sangro: FRANCESCA COLANGELO Scuola Infanzia e Primaria Ateleta: GIULIANA D AMICO Scuola Secondaria di I grado Castel di Sangro e Ateleta: CASSIODORA FIOCCA Scuola Infanzia e Primaria di Alfedena: MADDALENA DE PALATIS Fanno altresì parte del Nucleo di Valutazione Interno i docenti collaboratori del D.S. e le Funzioni Srumentali. Responsabili di plesso Scuola Infanza di Castel di Sangro: MAURIZIA TORRINI Scuola Infanzia e Primaria Ateleta: GELSOMINA URSITTI Scuola Secondaria di I grado Ateleta: MARIO CAPOTOSTO Scuola Infanzia e Primaria di Alfedena: ANNA BARBARA DI IANNI

18 Coordinatori di classe Scuola Primaria Classe 1A ANNA RITA CIMINI Classe 2A MONICA PANNONI Classe 3A CLAUDIA CICALINI Classe 4A FILOMENA LOMBARDI Classe 5A ANGELA MILO Classe 1C DONATELLA STRIZZI Classe 3C ROSALBA DE SIMONE Classe 5C MARIA RITA CANGI Classe 2-3E BARBARA DI IANNI Classe 4-5E LINA DI CIUCCIO Classe 1B NUNZIA GUIDONE Classe 2B ANNA ORSINI Classe 3B ANNA MARINELLI Classe 4B ELENA PIROZZI Classe 5B MONICA PRETE Classe 1D FRANCA CIOTOLA Classe 2D GIULIANA D AMICO Classe 3D ANNALISA DI RAMIO Classe 4D GELSOMINA URSITTI Classe 5D GIOVANNA DONATELLI Coordinatori di classe Scuola Secondaria di I grado Classe 1A PIETRO AMADIO Classe 1B SANTINO ALESSANDRINI Classe 2A ELVIRA BUONANDI Classe 3A CARLA MARINO Classe 1C DANIELA DI BACCO Classe 2C ALESSANDRO NUSCO Classe 3C ANNA CHIARA TIZZANO Classe 2B NELLA COLANTUONO Classe 3B GIUSEPPE ROCCI Classe 1D IVANA GIUNTA Classe 2D VITTORIO DI QUINZIO Classe 3D TERESA BALZANO Classe 1E GIUSEPPINA CURCIO Classe 2E MARIO CAPOTOSTO Classe 3E ROSSANA PAVONI

Istituto Comprensivo Poggiomarino1-Capoluogo. Piano dell offerta formativa

Istituto Comprensivo Poggiomarino1-Capoluogo. Piano dell offerta formativa Istituto Comprensivo Poggiomarino1-Capoluogo Piano dell offerta formativa Istituto Comprensivo Poggiomarino1-Capoluogo I PROGETTI DIDATTICI INDIRIZZI GENERALI DELLA SCUOLA LE STRUTTURE IL CURRICOLO P.O.F

Dettagli

Piano Offerta Formativa

Piano Offerta Formativa Piano Offerta Formativa ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via Venezia,15 San Giovanni Teatino Chieti I plessi Scuola dell'infanzia Dragonara Scuola

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015 DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI Composizione I Dipartimenti sono composti dai docenti, raggruppati per aree disciplinari e/o per

Dettagli

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA mediante momenti di raccordo pedagogico, curriculare e organizzativo fra i tre ordini di scuola, promuove la continuità del processo educativo, condizione essenziale per

Dettagli

PIANO OFFERTA FORMATIVA Scuola Secondaria di Primo Grado Pietra Ligure - Borgio Verezzi

PIANO OFFERTA FORMATIVA Scuola Secondaria di Primo Grado Pietra Ligure - Borgio Verezzi ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI PIETRA LIGURE PIETRA LIGURE BORGIO VEREZZI VAL MAREMOLA UFFICI VIA OBERDAN 84 17027 - PIETRA LIGURE SV Tel 019/628109 - fax 019/6295160 PIANO OFFERTA FORMATIVA Scuola Secondaria

Dettagli

VALUTAZIONE DELL ALUNNO

VALUTAZIONE DELL ALUNNO LA VALUTAZIONE VALUTAZIONE DELL ALUNNO In seguito all introduzione del voto decimale nella scuola, ripristinato dal tanto discusso e contestato decreto Gelmini, si è sviluppato, nelle scuole, un ampio

Dettagli

Via Sismondi, 17 - tel. 0572 476298 51017 Pescia (PT)

Via Sismondi, 17 - tel. 0572 476298 51017 Pescia (PT) Via Sismondi, 17 - tel. 0572 476298 51017 Pescia (PT) La Scuola Primaria di Valchiusa è situata in una zona verdeggiante meglio conosciuta come Valchiusa e occupa parte della sede centrale dell Istituto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA Scuola Primaria Anno scolastico 2013/2014 Il Collegio dei Docenti della Scuola Primaria dell Istituto Comprensivo di Balangero condivide

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione

Piano Annuale per l Inclusione Scuola _I.C. NOLE CAN.SE (TO) a.s._2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge 104/92

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO COORDINATO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO (per i docenti dei tre ordini di scuola)

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO (per i docenti dei tre ordini di scuola) QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO (per i docenti dei tre ordini di scuola) Docente di: scuola infanzia scuola primaria scuola secondaria I Professionalità dei docenti Programmazione e valutazione

Dettagli

Marco Polo descrive un ponte, pietra per pietra. "Ma qual è la pietra che sostiene il ponte?" - chiede Kublai Kan. "Il ponte non è sostenuto da

Marco Polo descrive un ponte, pietra per pietra. Ma qual è la pietra che sostiene il ponte? - chiede Kublai Kan. Il ponte non è sostenuto da LA CONCRETEZZA DELL'INVISIBILE Marco Polo descrive un ponte, pietra per pietra. "Ma qual è la pietra che sostiene il ponte?" - chiede Kublai Kan. "Il ponte non è sostenuto da questa o quella pietra, -

Dettagli

LA VALUTAZIONE. Valutazione degli apprendimenti

LA VALUTAZIONE. Valutazione degli apprendimenti LA VALUTAZIONE Valutazione degli apprendimenti Le verifiche hanno da sempre la duplice funzione di controllare il grado di apprendimento degli allievi e la validità dell azione educativa e didattica. Infatti,mentre

Dettagli

CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA

CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA ISTITUTO COMPRENSIVO E. FERMI DI CARVICO SCUOLA SECONDARIA di CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA Estratto Piano dell Offerta Formativa Anno Scolastico 2015-2016 L OFFERTA FORMATIVA comune a tutti

Dettagli

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE CURRICOLO Il Curricolo è il complesso organizzato delle esperienze di apprendimento che una scuola intenzionalmente progetta e realizza per gli alunni al fine di conseguire le mete formative desiderate.

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR)

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR) Prot. n. 4723/A01 Cassino 19 settembre2015 Ai docenti dell istituto comprensivo Loro sedi Atti Oggetto: indicazioni e chiarimenti in merito al POF 2015/16 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Vista la L. n.107/2015

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola dell infanzia-scuola primaria-scuola secondaria di 1 a indirizzo musicale BOER-VERONA TRENTO Via XXIV Maggio,

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO N. 1 DI BOLOGNA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO N. 1 DI BOLOGNA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO N. 1 DI BOLOGNA Anno scolastico 2014-2015 LE NOSTRE SCUOLE scuola dell infanzia FUTURA scuola primaria GIOVANNI XXIII scuola secondaria 1^ grado GIUSEPPE

Dettagli

CURRICOLO CLASSI I II III IV - V SCUOLE PRIMARIE IC PORTO MANTOVANO

CURRICOLO CLASSI I II III IV - V SCUOLE PRIMARIE IC PORTO MANTOVANO ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

VALUTAZIONE scuola primaria valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni

VALUTAZIONE scuola primaria valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni VALUTAZIONE In base all art. 3 del decreto legge del 30 ottobre 2008, n.169, dall'anno scolastico 2008/09, nella scuola primaria la valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni è espressa

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s.

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s. 2014 15 L obiettivo del patto di corresponsabilità è quello di impegnare le

Dettagli

Milano, 22/09/2015. Dirigente Scolastico Prof.ssa Angela Izzuti 15.15-16.15 GIOVEDI 1/10 16.15-17.15 14.15-15.15 15.15 16.15 VENERDI 2/10 16.15 17.

Milano, 22/09/2015. Dirigente Scolastico Prof.ssa Angela Izzuti 15.15-16.15 GIOVEDI 1/10 16.15-17.15 14.15-15.15 15.15 16.15 VENERDI 2/10 16.15 17. Circolare n. 14 A Docenti corsi diurni Oggetto: Consigli di Classe Sono convocati i Consigli di Classe, secondo il calendario allegato, con il seguente OdG 1. Andamento didattico disciplinare (per le classi

Dettagli

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana. Collegio dei docenti. Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana. Collegio dei docenti. Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana Collegio dei docenti Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria Approvato nella seduta del Collegio del 17 gennaio 2013 Prima

Dettagli

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596 Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596 Piano Annuale per l Inclusione 2015/16 1. FINALITA GENERALE E NORMATIVA DI RIFERIMENTO Legge 104/92 Legge

Dettagli

VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO

VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI PAESE Viale Panizza 4-31038 - PAESE (TV) TEL. 0422.959057 - FAX 0422.959459 - Codice Fiscale 94131860267 e-mail: tvic868002@istruzione.it pec: tvic868002@pec.istruzione.it sito:

Dettagli

ISCRIZIONI a.s. 2014/15

ISCRIZIONI a.s. 2014/15 - 0652209322 ISCRIZIONI a.s. 2014/15 27/01/2014 ISCRIZIONI entro il 28 febbraio SCUOLA SECONDARIA I grado: on line 27/01/2014 Adempimenti delle famiglie - individuare la scuola d interesse (anche attraverso

Dettagli

Progettazione curriculare verticale Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria, Scuola Secondaria di I grado

Progettazione curriculare verticale Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria, Scuola Secondaria di I grado Istituto Comprensivo "San Giovanni Bosco" Naro ISTITUTO COMPRENSIVO "SAN GIOVANNI BOSCO" NARO Progettazione curriculare verticale Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria, Scuola Secondaria di I grado A.S.2015-16

Dettagli

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 1 via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA CHE COS E IL

Dettagli

I.C. FUTURA SCUOLA PRIMARIA

I.C. FUTURA SCUOLA PRIMARIA I.C. FUTURA SCUOLA PRIMARIA FINALITÀ TRASVERSALI Sviluppa autostima Sviluppa competenze disciplinari e trasversali Impara a cooperare e vivere in gruppo Impara a superare ansie e difficoltà Impara a conoscere

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale D. Alighieri Scuola dell'infanzia/primaria/secondaria di primo grado Via per Duno, 10-21030 CUVEGLIO (VA) tel. 0332.650200/650152

Dettagli

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano 1. PROFILO DELLA CLASSE La classe, formata quest anno da 25 alunni, comprende 20 alunne e 1 alunno

Dettagli

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento L'a.s. 2013/14 oltre alla realizzazione della fase di, è stato dedicato all'avvio e al proseguimento di azioni di Miglioramento

Dettagli

a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga,

a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga, PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga, fertile in avventure e in esperienze.... Sempre devi avere in mente Itaca raggiungerla

Dettagli

Orario p.m. Tot. ore settimanali Scuola dell Infanzia 8.00-16.00 Dal LUN. al VEN. 40h. Primaria Rodari 8.30-16.30 Dal LUN. al VEN.

Orario p.m. Tot. ore settimanali Scuola dell Infanzia 8.00-16.00 Dal LUN. al VEN. 40h. Primaria Rodari 8.30-16.30 Dal LUN. al VEN. L I.C. è composto dai seguenti plessi: 1 Scuola dell Infanzia San Francesco 4 Scuole primarie: De Amicis, Pasini, Pertile, Rodari 1 Scuola Secondaria di 1 grado Mainardi Orario scolastico a.s. 2015/16

Dettagli

DOCUMENTO E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO

DOCUMENTO E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO IN QUESTA SCUOLA SI ATTUANO PROGETTI PON I.C. 3 de Curtis Ungaretti ad Indirizzo Musicale Scuola dell Infanzia -Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Sede Centrale: Via Viola, 20 80056, Ercolano

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Benvenuti in prima media!

Benvenuti in prima media! ISTITUTO COMPRENSIVO SELVAZZANO II Scuola Secondaria I grado M. Cesarotti di Selvazzano & «L. Da Vinci» di Saccolongo Benvenuti in prima media! Corresponsabilità educativa Importanza della famiglia per

Dettagli

Criteri ed indicazioni per la valutazione degli alunni

Criteri ed indicazioni per la valutazione degli alunni Criteri ed indicazioni per la valutazione degli alunni La verifica degli apprendimenti, momento importante del processo formativo, servirà ai docenti per modificare o integrare gli obiettivi, i metodi

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE GUIDO CAVALCANTI SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI Via G. Guerrazzi 178, 50019 Sesto Fiorentino (FI) Tel 055/4210541/2 FAX 055/4200419 E-mail: fimm495000x@istruzione.it Sito Web: www.scuolacavalcanti.gov.it

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO Tel. 031. 607321 - E-mail: sms.inverigo@tiscali.it - Sito: www.icsinverigo.gov.it Direzione e Segreteria dell Istituto Comprensivo: Via

Dettagli

Istituto di Istruzione Superiore F. Corni Liceo e Tecnico COD. MIUR: MOIS018002 C.F.: 94177210369

Istituto di Istruzione Superiore F. Corni Liceo e Tecnico COD. MIUR: MOIS018002 C.F.: 94177210369 CRITERI DI VALUTAZIONE Approvato in Collegio Docenti 15/10/2013 CRITERI DI VALUTAZIONE DELLA CONDOTTA Indicatori: Rispetto del regolamento di Istituto, delle persone e dell ambiente scolastico Assiduità

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 9 BOLOGNA LINEE GUIDA AI CRITERI DI VERIFICA E VALUTAZIONE A.S. 2014-2015

ISTITUTO COMPRENSIVO 9 BOLOGNA LINEE GUIDA AI CRITERI DI VERIFICA E VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 LINEE GUIDA AI CRITERI DI VERIFICA E VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 1 Premessa Nel rispetto della normativa vigente sulla valutazione vengono preparati, secondo criteri il più possibile oggettivi, test di

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012 / 2013 Scuola Comunale dell infanzia Pollicinia Via Roma Potenza Tel. 0971 / 273041 DOVE SIAMO CHI SIAMO Potenza, capoluogo di regione, è la città della

Dettagli

PIANO PROGRAMMATICO per l anno scolastico 2015/2016. Bisogni. Curare la qualità dell ambiente di apprendimento favorendo l inclusione

PIANO PROGRAMMATICO per l anno scolastico 2015/2016. Bisogni. Curare la qualità dell ambiente di apprendimento favorendo l inclusione PIANO PROGRAMMATICO per l anno scolastico 2015/2016 Bisogni 1 Curare la qualità dell ambiente di apprendimento favorendo l inclusione 4 Riflettere sugli esiti degli apprendimenti, sulla valutazione e certificazione

Dettagli

Sintesi del Piano dell Offerta Formativa

Sintesi del Piano dell Offerta Formativa Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale «ALESSANDRO VOLTA» Sintesi del Piano dell Offerta Formativa SCUOLA PRIMARIA Dirigente Scolastico Prof. Incoronata

Dettagli

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività)

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) I dati si riferiscono all anno scolastico 2014/2015 Approvato nel Collegio dei Docenti del 12 giugno 2015 Gli alunni certificati in base alla Legge 104/1992 Tabella

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ. Istituto Compresivo Rita Levi-Montalcini. Una scuola da scoprire e da vivere

PROGETTO CONTINUITÀ. Istituto Compresivo Rita Levi-Montalcini. Una scuola da scoprire e da vivere PROGETTO CONTINUITÀ Istituto Compresivo Rita Levi-Montalcini [Plesso di Arbostella, Plesso di Fuorni, Plesso di Mariconda, Plesso di Mercatello] Una scuola da scoprire e da vivere icritalevimontalcini.gov.it

Dettagli

5 IL SISTEMA INTERNO DI VALUTAZIONE 5.1 RAPPORTI SCUOLA FAMIGLIA

5 IL SISTEMA INTERNO DI VALUTAZIONE 5.1 RAPPORTI SCUOLA FAMIGLIA 5 IL SISTEMA INTERNO DI VALUTAZIONE L autovalutazione delle attività progettuali previste nel POF viene attuata tramite la somministrazione di questionari rivolti agli alunni, ai genitori e agli insegnanti

Dettagli

I.C. DE AMICIS - Busto Arsizio

I.C. DE AMICIS - Busto Arsizio I.C. DE AMICIS - Busto Arsizio http://www.icdeamicis.gov.it Secondaria di 1 Grado E. De Amicis Anno scolastico 2016/2017 Piano Triennale dell Offerta Formativa (ex. L. 107 cd. «Buona scuola») La carta

Dettagli

GIORNO DOPO GIORNO. PER IMPARARE, CONOSCERE E CRESCERE INSIEME. A.S. 2015/2016

GIORNO DOPO GIORNO. PER IMPARARE, CONOSCERE E CRESCERE INSIEME. A.S. 2015/2016 GIORNO DOPO GIORNO. PER IMPARARE, CONOSCERE E CRESCERE INSIEME. A.S. 2015/2016 8.15: ingresso a scuola 8.20: inizio lezioni 10.20 / 10.40 : ricreazione 12.20/14.20: pranzo e pausa con giochi in classe

Dettagli

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado Classe: Sezione: Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado PROGETTAZIONE CURRICOLARE Approvazione del Consiglio di Classe in data: Coordinatore:Prof.

Dettagli

VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI

VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI Via Madonna del Rosario, 148 35100 PADOVA Tel. 049/617932 fax 049/607023 - CF 92200190285 e-mail: pdic883002@istruzione.it sito web:6istitutocomprensivopadova.gov.it

Dettagli

PIANO ANNUALE DELL INCLUSIONE

PIANO ANNUALE DELL INCLUSIONE Gallarate (VA) - Via Bonomi, 4 Tel. 0331.795141 - Fax 0331.784134 sacrocuoregallarate@fastwebnet.it www.sacrocuoregallarate.it Scuola Secondaria di I grado PIANO ANNUALE DELL INCLUSIONE DEGLI ALUNNI CON

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO PIANO DI MIGLIORAMENTO Premessa Nel mese di settembre 2015 si è conclusa la fase di autovalutazione di Istituto con la pubblicazione del Rapporto di Autovalutazione consultabile sul sito dell Istituto

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA dell INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA di PRIMO GRADO BORGO TOSSIGNANO

ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA dell INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA di PRIMO GRADO BORGO TOSSIGNANO ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA dell INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA di PRIMO GRADO BORGO TOSSIGNANO RESPONSABILE DEL PIANO La Dirigente scolastica Grassi Grazia RIELABORAZIONE DEL PIANO Dall Osso Silvia

Dettagli

Prot.n. 30 Milano, 7 gennaio 2014 Circ.n. 162/Doc Ai Coordinatori di classe Ai Docenti

Prot.n. 30 Milano, 7 gennaio 2014 Circ.n. 162/Doc Ai Coordinatori di classe Ai Docenti Prot.n. 30 Milano, 7 gennaio 2014 Circ.n. 162/Doc Ai Coordinatori di classe Ai Docenti OGGETTO: Scrutini: indicazioni per le attività di recupero e per la valutazione del comportamento degli alunni Attività

Dettagli

SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO

SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO AUTOANALISI D ISTITUTO SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO RAV A partire dal corrente anno scolastico tutte le scuole del Sistema Nazionale di Istruzione, statali e paritarie,

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso FINALITA Il presente documento contiene criteri, principi e indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche per un ottimale inserimento

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ - ORIENTAMENTO

PROGETTO CONTINUITÀ - ORIENTAMENTO PROGETTO CONTINUITÀ - ORIENTAMENTO Il progetto nasce dall' esigenza di garantire all'alunno un percorso formativo organico e completo, cercando di prevenire eventuali difficoltà che potrebbero insorgere

Dettagli

Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015

Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015 Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015 a cura del nucleo di autovalutazione guidato dalla FS prof. Busatto Il percorso di formazione In vista della compilazione del RAV (Rapporto

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità

Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità ISTITUTO COMPRENVO STATALE POLO EST LUMEZZANE a. s. 2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: Infanzia Primaria Sec.I grado

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2014/15

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2014/15 ISTITUTO COMPRENSIVO DI SASSO MARCONI Scuola dell Infanzia Primaria Secondaria di primo grado Via Porrettana, 258 40037 SASSO MARCONI - Tel. 051.84.11.85 Fax 051.84.32.24 e.mail: ic.sassomarconi@libero.it

Dettagli

SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO

SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO MINISTERO ISTRUZIONE UNIVERSITÀ RICERCA DIREZIONE REGIONALE TOSCANA UFFICIO TERRITORIALE DI AREZZO ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MATERNA ELEMENTARE MEDIA DI CIVITELLA IN VAL DI CHIANA INFORMAZIONI ESSENZIALI

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO EDUCAZIONE CITTADINANZA E COSTITUZIONE

DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO EDUCAZIONE CITTADINANZA E COSTITUZIONE DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO EDUCAZIONE CITTADINANZA E COSTITUZIONE Modello di matrice adottata per la costruzione del curricolo Campo d esperienza/area EUCAZIONE CITTADINANZA COSTITUZIONE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DON MILANI Scuola Statale dell Infanzia Bruno Munari 2015-2016

ISTITUTO COMPRENSIVO DON MILANI Scuola Statale dell Infanzia Bruno Munari 2015-2016 ISTITUTO COMPRENSIVO DON MILANI Scuola Statale dell Infanzia Bruno Munari 2015-2016 Via di Pontaldo, 2 PRATO tel. 0574 635112 E mail info@donmilani.prato.it Sito web:www.donmilani.prato.gov.it Dirigente

Dettagli

5.1. OBIETTIVI EDUCATIVI GENERALI

5.1. OBIETTIVI EDUCATIVI GENERALI PARTE SECONDA 5. LA SCUOLA PRIMARIA DELL'ISTITUTO 5.1. OBIETTIVI EDUCATIVI GENERALI La scuola Primaria promuove il benessere dei bambini e si impegna ad educarli tenendo conto delle diverse dimensioni

Dettagli

VALUTAZIONE FORMATIVA

VALUTAZIONE FORMATIVA VALUTAZIONE FORMATIVA SETTEMBRE PROVE DI INGRESSO Le prove d ingresso, mirate e funzionali, saranno comuni a tutte le classi prime della scuola secondaria di primo grado dell Istituto Comprensivo e correlate

Dettagli

Finalità del percorso scolastico

Finalità del percorso scolastico Finalità del percorso scolastico Mettere ciascuno in condizione di raggiungere la piena realizzazione di sé, di acquisire la cultura e i valori necessari per vivere da cittadini responsabili; nessuno deve

Dettagli

LA VALUTAZIONE. Criteri di valutazione

LA VALUTAZIONE. Criteri di valutazione LA VALUTAZIONE Criteri di valutazione Per assicurare una omogeneità, equità e trasparenza della valutazione da parte dei Consigli di Classe, in sede di scrutinio, nel rispetto del principio della libertà

Dettagli

Progetto. A.S. 2015/2016 Scuola secondaria di primo grado. Sedi di Simaxis, Solarussa, Ollastra, Villaurbana e Zerfaliu

Progetto. A.S. 2015/2016 Scuola secondaria di primo grado. Sedi di Simaxis, Solarussa, Ollastra, Villaurbana e Zerfaliu ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SIMAXIS -VILLAURBANA DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO VIA ROMA, 2-09088 SIMAXIS (OR) - Tel. 0783 405013/Fax 0783 406452 C.F. 80005050952 - E-Mail

Dettagli

PROGETTO "Diversità e inclusione"

PROGETTO Diversità e inclusione MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO CERVARO Corso della Repubblica, 23 (Fr) Tel. 0776/367013 - Fax 0776366759 - e-mail:fric843003@istruzione.it

Dettagli

Rapporto con persone e con l istituzione scolastica, rispetto del Regolamento d Istituto

Rapporto con persone e con l istituzione scolastica, rispetto del Regolamento d Istituto Indicatori e descrittori per l attribuzione del voto relativo al comportamento di ciascuno studente VOTO 10 9 8 7 6 5 Rapporto con persone e con l istituzione scolastica, rispetto del Regolamento d Istituto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado

ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado Piano Annuale per l Inclusività A.S. 2013/14 L I.C. Tivoli 2 A.Baccelli pone particolare attenzione

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE FINALITA Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è un documento che nasce da una più dettagliata esigenza d informazione relativamente all

Dettagli

Per la SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO

Per la SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO Scuola dell Infanzia Fornaci Chizzolini Scuola Primaria Bertolotti Deledda Marcolini Scuola Secondaria di 1^ grado Franchi Calvino Appunti tratti dal nostro Per la SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. Sperimentare un nuovo metodo d insegnamento per un apprendimento integrato di contenuto e lingua.

SCUOLA PRIMARIA. Sperimentare un nuovo metodo d insegnamento per un apprendimento integrato di contenuto e lingua. SCUOLA PRIMARIA Denominazione progetto Priorità cui si riferisce (L.107/2015)e Traguardi di risultato Obiettivo di processo CLIL SCIENCE Sviluppare e potenziare le competenze chiave di cittadinanza. Rispondere

Dettagli

Scuola I.C. UBALDO FERRARI CASTELVERDE a. s. 2014-2015. Piano Annuale per l Inclusione

Scuola I.C. UBALDO FERRARI CASTELVERDE a. s. 2014-2015. Piano Annuale per l Inclusione Scuola I.C. UBALDO FERRARI CASTELVERDE a. s. 2014-2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge

Dettagli

DOCUMENTO DI LINEE D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO A.S.

DOCUMENTO DI LINEE D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO A.S. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I.C. NUOVO PONTE DI NONA - VIA GASTINELLI N. 58-00132 ROMA TEL. 06/22180417- fax: 06/22188121 C.M.RMIC8CR006

Dettagli

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 6 21/11/2013 10.58 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Un bambino, un insegnante, un libro e una penna possono cambiare il mondo. Malala Yousafzai Premio Nobel per

Dettagli

Mini P.O.F. scuole dell infanzia 2012-2013

Mini P.O.F. scuole dell infanzia 2012-2013 Mini P.O.F. scuole dell infanzia 2012-2013 Il Piano dell Offerta Formativa Esplicita la progettazione curricolare, extracurricolare, educativa ed organizzativa che una scuola adotta nell ambito della sua

Dettagli

SECONDARIA "L. VERGA"

SECONDARIA L. VERGA SECONDARIA "L. VERGA" SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO LUIGI VERGA Via Trino 32, Tel. 0161-215814, E-mail vergadocenti@tiscali.it CLASSI ALUNNI INSEGNANTI 16 334 38 10 DI SOSTEGNO 1 DI RELIGIONE COLLABORATRICI

Dettagli

Progetto. Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo

Progetto. Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo Misure di accompagnamento alle Indicazioni Nazionali Progetto CITTADINANZA COME AGIRE SOCIALE Incontro conclusivo 25 maggio 2015 Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo Un percorso che

Dettagli

A N N A L O M B A R D O - U F F I C I O V A M B I T O T E R R I T O R I A L E D I B O L O G N A

A N N A L O M B A R D O - U F F I C I O V A M B I T O T E R R I T O R I A L E D I B O L O G N A IL PERCORSO NORMATIVO IN MATERIA DI ADOZIONI A SCUOLA Linee di indirizzo per favorire il diritto allo studio degli alunni adottati MIUR 18 dicembre 2014 Due punti: Cosa ci dicono le Linee di indirizzo

Dettagli

SCHEDA DI PROGETTO. INCLUSIONE : Per tutti e per ciascuno

SCHEDA DI PROGETTO. INCLUSIONE : Per tutti e per ciascuno SCHEDA DI PROGETTO INCLUSIONE : Per tutti e per ciascuno Denominazione progetto Priorità cui si riferisce Per tutti e per ciascuno La difficoltà dichiarata anche nel RAV - che la scuola vive nel realizzare

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Scolastica Regionale per il Piemonte ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO STATALE DI

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Scolastica Regionale per il Piemonte ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO STATALE DI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Scolastica Regionale per il Piemonte ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO STATALE DI PIANEZZA (TO) 1 Le nostre Scuole Primarie DIRIGENTE

Dettagli

proporre iniziative comuni per realizzare la continuità attraverso le fasi dell accoglienza e la formazione delle classi iniziali;

proporre iniziative comuni per realizzare la continuità attraverso le fasi dell accoglienza e la formazione delle classi iniziali; CONTINUITA' Il concetto di continuità nella scienza educativa, si riferisce a uno sviluppo e a una crescita dell individuo che si realizza senza macroscopici salti o incidenti. La continuità nasce dall

Dettagli

A. MORO CERRO AL LAMBRO

A. MORO CERRO AL LAMBRO ISTITUTO COMPRENSIVO P. FRISI MELEGNANO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO A. MORO CERRO AL LAMBRO Iscrizioni a.s. 2015/2016 1 La proposta didattica e formativa della Scuola Secondaria di Primo Grado per le

Dettagli

SCUOLA DEL PRIMO CICLO Il primo ciclo di istruzione comprende la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado.

SCUOLA DEL PRIMO CICLO Il primo ciclo di istruzione comprende la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado. c) Compilazione del quadro sintetico riassuntivo d) Analisi dei dati a cura dei docenti e Funzione Strumentale e individuazione degli alunni a rischio e) Valutazione approfondita alunni a rischio entro

Dettagli

PROGETTO D ISTITUTO: IN CONTINUITA SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA. Anno scolastico 2015/2016

PROGETTO D ISTITUTO: IN CONTINUITA SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA. Anno scolastico 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CESALPINO PROGETTO D ISTITUTO: IN CONTINUITA SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2015/2016 MOTIVAZIONE La continuità didattica è parte determinante del processo

Dettagli

All'albo della scuola e sul sito web

All'albo della scuola e sul sito web Prot. n. 4684 Roma, 28 settembre 2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E p.c. Al Consiglio d istituto Alle famiglie Agli alunni Al personale ATA All'albo della scuola e sul sito web OGGETTO: ATTO DI INDIRIZZO DEL

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione

Piano Annuale per l Inclusione Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: Infa Prim Med 1. disabilità certificate (Legge 104/92 art. 3, commi 1 e 3) N.n. 7 14. Ø

Dettagli

Istituto Comprensivo Karol Wojtyla

Istituto Comprensivo Karol Wojtyla Istituto Comprensivo Karol Wojtyla Sintesi del Piano Dell offerta Formativa A.S. 2014-2015 16 gennaio 2015: presentazione delle scelte educativo-didattiche ai genitori (ore 18.00) 17 gennaio 2015: scuola

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO S. GIOVANNI ILARIONE Scuola dell infanzia, Primaria, Secondaria di I grado. P.E.C. Patto Educativo di Corresponsabilità

ISTITUTO COMPRENSIVO S. GIOVANNI ILARIONE Scuola dell infanzia, Primaria, Secondaria di I grado. P.E.C. Patto Educativo di Corresponsabilità ISTITUTO COMPRENSIVO S. GIOVANNI ILARIONE Scuola dell infanzia, Primaria, Secondaria di I grado P.E.C. Patto Educativo di Corresponsabilità anno scolastico 2008 2009 IC SAN GIOVANNI IL. P.E.C. pag.1 ISTITUTO

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ. Anno scolastico 2015/2016. Docente referente: Franzosi Flavia

PROGETTO CONTINUITÀ. Anno scolastico 2015/2016. Docente referente: Franzosi Flavia PROGETTO CONTINUITÀ Anno scolastico 2015/2016 Docente referente: Franzosi Flavia PREMESSA Motivazione del Progetto La continuità nasce dall'esigenza primaria di garantire il diritto dell'alunno a un percorso

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA Allegato 4 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA IL protocollo d accoglienza è un documento deliberato dal Collegio Docenti che contiene principi, indicazioni riguardanti l iscrizione

Dettagli

Progetto di plesso Scuola primaria di Lama Anno scolastico 2014/2015

Progetto di plesso Scuola primaria di Lama Anno scolastico 2014/2015 Progetto di plesso Scuola primaria di Lama Anno scolastico 2014/2015 Segui sempre le 3 R : Rispetto per te stesso. Rispetto per gli altri. Responsabilità per le tue azioni. (Dalai Lama) Impara le regole,

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO

ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO Ogni docente è libero di attuare le pratiche educative che ritiene più efficaci. Le lezioni si svolgono alternando metodologie didattiche tradizionali come lezione frontale, a

Dettagli