Schede esplicative progetti istituzionali anno solare 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Schede esplicative progetti istituzionali anno solare 2014"

Transcript

1 Schede esplicative progetti istituzionali anno solare Sostegno all apprendimento Beginners help Destinatari: studenti delle classi prime individuare, già a partire dall'inizio dell'anno scolastico, gli alunni delle classi prime la cui preparazione in lingua inglese, valutata in base ad un test d'ingresso comune a tutte le classi prime dell'istituto, non raggiunge gli obiettivi minimi fissati per affrontare il programma previsto promuovere il successo scolastico con tempestive iniziative di sostegno all'apprendimento Metodologia: interventi di recupero in orario extra-scolastico (nei mesi di settembre e ottobre) tenuti da insegnanti di inglese dell'istituto Durata: da settembre a ottobre Risorse umane: docenti dell'istituto. Beni e servizi: aule del Liceo Responsabile del progetto: Prof.ssa Lia Buratti B. Student help/ Summer help Destinatari: studenti del biennio; studenti del triennio in particolari condizioni di necessità per assenze prolungate, soggiorni all'estero, provenienza da altro Istituto. promuovere il successo scolastico, attraverso interventi di recupero peer to peer educare alla solidarietà Metodologia: interventi di recupero in orario extrascolastico (nei mesi di luglio e agosto per "Summer help", nel corso dell'anno per "Student help"), condotti, a titolo volontario, da studenti del triennio selezionati dagli Insegnanti. Durata: da settembre a giugno per "Student help", luglio e agosto per "Summer help". Risorse umane: docenti dell'istituto e studenti del triennio disponibili e selezionati. Beni e servizi: aule del Liceo Responsabile del progetto: Prof.ssa Rita Lorenzini C. B.E.S. Disabilità e DSA Destinatari: classi in cui siano presenti studenti con disabilità o certificazioni di DSA, genitori, docenti Obiettivi disabilità: elaborare una progettualità mirata al successo scolastico degli alunni disabili promuovere una effettiva partecipazione degli alunni con disabilità alle attività didattiche ed extracurricolari promuovere una migliore conoscenza di problematiche relative alla 1

2 disabilità Obiettivi DSA: favorire il successo scolastico degli alunni con DSA elaborare una progettualità efficace e condivisa realizzare materiali didattici; promuovere una migliore conoscenza di problematiche relative ai DSA Metodologia: sostegno ai docenti nella stesura di un piano didattico personalizzato, attuazione dello stesso, monitoraggio sull efficacia dell azione didattica; collaborazione con le figure professionali di riferimento, incontri con esperti esterni, collaborazione con le famiglie. Durata: gennaio giugno 2014 e settembre dicembre 2014 Risorse umane: esperti esterni - docenti interni Beni e servizi: aula con videoproiettore fotocopie materiale didattico Responsabile del progetto: Prof.ssa Silvia Mattioli D. B.E.S. Intercultura Destinatari: alunni con cittadinanza non italiana; alunni con percorsi di studi all estero; alunni provenienti da altri paesi che frequenteranno il nostro istituto per un periodo di tempo di durata variabile, fino ad un intero anno scolastico sostenere gli alunni con cittadinanza non italiana nell apprendimento delle discipline scolastiche con particolare riferimento alla lingua italiana e favorire la loro integrazione; fornire informazioni agli alunni che andranno all estero sul percorso di studi che seguiranno e sulle modalità del loro rientro. favorire l inserimento degli alunni provenienti dall estero nella classe di destinazione Metodologia: alunni con cittadinanza non italiana accoglienza degli alunni con cittadinanza non italiana e delle loro famiglie orientamento e riorientamento corsi di L2 di primo e di secondo livello corsi di lingua per lo studio iniziative atte a favorire l integrazione degli alunni stranieri nella classe e nella- scuola formazione dei docenti operanti nel progetto e del personale ATA; monitoraggio sugli alunni non italiani presenti nella scuola; produzione/ divulgazione di documenti e materiali multimediali; alunni che seguiranno percorsi di studi all estero colloqui informativi con gli studenti coinvolti e con le loro famiglie; indicazioni per le procedure scolastiche da espletare al rientro dall esperienza. alunni presenti nella nostra scuola per una anno o per un periodo di tempo determinato elaborazione di un percorso di studi individualizzato e condiviso Durata: tutto l anno scolastico Risorse umane: docenti interni Beni e servizi: materiale didattico reperito dai docenti, uso di supporti multimediali Responsabile del progetto: Prof. Luciano Paradisi 2

3 2. Potenziamento area scientifica Viaggio nella Fisica moderna Destinatari: gli studenti delle classi quinte interessati al progetto (al massimo tre per classe) avvicinare gli studenti delle classi quinte alla fisica moderna e in particolare ai percorsi di ricerca che attualmente sono in fase di svolgimento nei laboratori scientifici europei favorire la conoscenza di tematiche che normalmente non vengono affrontate nei corsi tradizionali, ma che rappresentano una notevole fonte di interesse e arricchimento nell ambito della cultura scientifica intraprendere percorsi didattici che troveranno compimento e completamento nel programma curricolare della fisica del quinto anno previsto dalla riforma. Metodologia: ciclo di tre conferenze pomeridiane tenute da relatori interni e/o esterni su temi di fisica moderna e contemporanea, in data da destinarsi. L approfondimento disciplinare avviato si concluderà con la visita guidata al CERN di Ginevra Durata: conferenze pomeridiane di circa due ore ciascuna effettuate da gennaio ad aprile 2014 La visita guidata al CERN di Ginevra si svolgerà il 27 e 28 aprile 2014 Risorse umane: docenti interni o provenienti da altre realtà scolastiche o universitarie (per le conferenze), funzione strumentale viaggi (per l organizzazione della visita guidata conclusiva) Beni e servizi: aula magna dell istituto, mezzo di trasporto ( pullman ), strutture recettive alberghiere Responsabili del progetto: Prof.ssa Mariangela Dora, Prof.ssa Iole Scalvini e Prof. Giovanni Calarco B. Olimpiadi della Matematica Destinatari: studenti di tutte le classi, in piccoli gruppi o a classi intere, previa autorizzazione del Consiglio di classe mostrare contenuti duttili della matematica applicati a situazioni non standard valorizzare e stimolare gli studenti più capaci e motivati promuovere la logica, l intuizione e la creatività degli studenti, affrontando l aspetto ludico della matematica Metodologia: Proposta di esercizi e quesiti in prove di tipo competitivo Durata: da ottobre a maggio, secondo l esito delle diverse fasi (d Istituto, provinciale, nazionale) Risorse umane: Docenti interni ed eventualmente docenti universitari Beni e servizi: Aule, fotocopie Responsabile del progetto: Prof. Vidulis 3

4 C. Olimpiadi della Fisica Destinatari: studenti delle classi quarte e quinte, in piccoli gruppi o a classi intere, previa autorizzazione del Consiglio di classe favorire negli studenti un approccio motivato a significative problematiche di fisica promuovere l interesse e la curiosità per la fisica attraverso il Problem-solving valorizzare e stimolare gli studenti più capaci e motivati Metodologia: Proposta di esercizi e quesiti in prove di tipo competitivo Durata: da ottobre a maggio, secondo l esito delle diverse fasi (d Istituto, provinciale, nazionale) Risorse umane: Docenti interni ed eventualmente docenti universitari Beni e servizi: Aule, fotocopie Responsabile del progetto: Prof. ssa Loredana Lazzari D. Olimpiadi delle neuroscienze Destinatari: studenti delle classi quarte/quinte, in piccoli gruppi o per classi intere, previa autorizzazione del Consiglio di classe favorire negli studenti un approccio motivato a significative problematiche di biologia promuovere l interesse e la curiosità per le neuroscienze attraverso la competizione interna ed esterna all Istituto valorizzare e stimolare gli studenti più capaci e motivati Metodologia: Proposta di esercizi per preparare gli studenti ad una gara interna al Calini a cui seguirà una competizione a livello regionale, nazionale e, perché no, mondiale Durata: da gennaio a giugno; da settembre a dicembre Risorse umane: docenti interni Beni e servizi: aule e fotocopie Responsabile del progetto: Prof. Massimo Patelli E. Corso pratico di Microbiologia Destinatari: gli alunni delle classi seconde della curvatura biologica ampliare le nozioni di biologia con conoscenze specifiche di microbiologia di base riguardante le caratteristiche dei batteri, i metodi chimico fisici di controllo della crescita, i principi di coltivazione, le tecniche di semina, di coltivazione, di conta e di identificazione dei principali ceppi batterici Metodologia: semina, coltivazione,riconoscimento e colorazione di colonie batteriche Durata: 3 incontri pomeridiani di circa 2 ore + 2 incontri pomeridiani di potenziamento riguardo alla microbiologia degli alimenti Risorse umane: docenti interni, tecnico di laboratorio, microbiologo esterno Beni e servizi: laboratorio con varie strumentazioni e materiale di consumo Responsabile del progetto: Prof. Alessandro Ardenghi 4

5 F. Erbario digitale Destinatari: Studenti delle classi di potenziamento biologico favorire negli studenti un approccio motivato e pratico a significative problematiche di biologia promuovere l interesse e la curiosità per le botanica attraverso l esperienza sul campo abbinata all utilizzo delle moderne tecnologie valorizzare e stimolare gli studenti più capaci e motivati Metodologia: fotografare in ambienti diversi le specie indigene del nostro territorio, scaricarle in formato digitale ed inserirle in schede di classificazione Durata: da gennaio a giugno; da settembre a dicembre Risorse umane: Studenti del Calini e possibile esperto esterno Beni e servizi: computer della scuola e Laboratorio di Scienze Responsabile del progetto: Prof. Massimo Patelli G. Progetto di selezione Guppy Destinatari: tutti gli alunni del liceo approfondire mettendo in pratica l aspetto della genetica mendeliana legato all ereditarietà dei caratteri nelle diverse generazioni di organismi Metodologia: allevare e riprodurre i pesci Guppy presenti negli acquari del laboratorio del Liceo. Durata: gennaio - giugno e settembre- dicembre (1-2 ore alla settimana) Risorse umane: un ex alunno, 1 veterinario, alunni del liceo Beni e servizi: gli acquari del laboratorio di scienze Responsabile del progetto: Prof. Alessandro Ardenghi Per approfondire: 3. Potenziamento lingue straniere Madrelingua Inglese-Tedesco Francese (in orario curricolare) Destinatari: studenti delle classi II, III, IV e V del corso di ordinamento e biologico, studenti delle classi II, III, IV per i corsi di doppia lingua e studenti delle classi I e II del potenziamento di inglese. supportare lo sviluppo della competenza linguistica, specie nell'esposizione orale attuare un potenziamento linguistico con modello madre-lingua. Metodologia: conversazione guidata, lavori in coppia e in gruppo, lezione frontale Durata: gennaio giugno (un ora settimanale minimo 7 massimo 10 ore per i corsi di potenziamento di inglese) Risorse umane: docenti interni e collaboratori esterni di lingua madre inglese, francese e tedesca Beni e servizi: aule del liceo, fotocopie, videoproiettore, registratore Responsabile del progetto: Prof.ssa Angela De Giacomi 5

6 B. Non solo inglese Conversazione in lingua francese e tedesca (in orario extra curricolare) Destinatari: le classi prime e seconde del corso di liceo scientifico doppia lingua (francese tedesco) approfondire ed esercitare il lessico appreso dagli allievi durante le lezioni curricolari Metodologia: gli interventi si aggiungono al curricolo e si svolgono in orario extra-scolastico in coda alle lezioni del mattino (attività facoltativa a carico degli utenti). I corsi prevedono: lezioni frontali, lavori di coppia/gruppo, ascolto di brani musicali, proiezione di video Durata: da gennaio a maggio e da ottobre a dicembre Risorse umane: esperti di madre lingua Beni e servizi: aule con computer e proiettore e connessione internet; laboratorio linguistico Responsabile del progetto: Prof. ssa Luciana Brugnoli e Prof.ssa Lia Buratti C. Rete scolastica C.L.I.L. Destinatari: docenti che intendano prepararsi ad affrontare l insegnamento di discipline non linguistiche in una lingua straniera potenziare l apprendimento motivato (motivation-based learning) sia delle lingue, sia delle materie scolastiche sviluppare nei giovani un atteggiamento positivo di fiducia nella propria capacità di apprendere le lingue favorire l utilizzo della lingua straniera a fini comunicativi autentici favorire l innovazione metodologica e didattica favorire la presa di coscienza di un identità culturale europea favorire il plurilinguismo e lo sviluppo interculturale Attività: progettazione ed organizzazione di incontri per docenti con esperti della didattica CLIL - progettazione ed organizzazione corsi di formazione di lingua straniera e di didattica CLIL per docenti di discipline non linguistiche - progettazione ed organizzazione conferenze in lingua per studenti con l individuazione di esperti. Durata: gennaio-giugno Risorse umane: docenti interni ed esperti esterni Scuola Polo: ITC Lunardi di Brescia Responsabile del progetto: Prof. ssa Maria Luisa Silvestro 6

7 D. Learning week Destinatari: studenti di tutte le classi (anche provenienti da altri istituti) potenziare la conoscenza della lingua inglese con una settimana di full immersion tenuta da insegnanti madre-lingua di provata esperienza migliorare le capacità di ascolto e produzione scritta e orale(con particolare attenzione alla fonetica) affinare le capacità di comunicazione\interazione ampliare il bagaglio lessicale e acquisire consapevolezza dei diversi registri linguistici promuovere il successo scolastico con iniziative extracurricolari Metodologia: lezione frontale, lavori in coppia\gruppo, scoperta guidata, problem solving, ascolto di brani musicali, proiezione di video Durata: prima settimana di settembre: da lunedì a venerdì, cinque ore al giorno per un totale di 25 ore Risorse umane: collaboratori esterni madre-lingua Beni e servizi: aule con computer e proiettore o LIM e connessione Internet Responsabile del progetto: Prof.ssa Virginia Arici E. (in orario extra curricolare) Destinatari: studenti di tutte le classi potenziare la conoscenza della lingua inglese con corsi pomeridiani tenuti da insegnanti madre-lingua di provata esperienza migliorare le capacità di ascolto e produzione scritta e orale(con particolare attenzione alla fonetica) affinare le capacità di comunicazione\interazione ampliare il bagaglio lessicale e acquisire consapevolezza dei diversi registri linguistici promuovere il successo scolastico con iniziative extracurricolari prepararsi agli esami per la certificazione FCE e IELTS (solo per gli alunni del triennio) rispondere in modo articolato e flessibile alla richiesta di sempre maggiore competenza linguistica che università e luoghi di lavoro richiedono ai nostri studenti alla fine del loro percorso educativo. Metodologia: lezione frontale, lavori in coppia\gruppo, scoperta guidata, problem solving, ascolto di brani musicali, proiezione di video Durata: un incontro pomeridiano settimanale della durata di 90 minuti dalla seconda metà di ottobre Risorse umane: collaboratori esterni madre-lingua Beni e servizi: aule con computer e proiettore o LIM e connessione Internet Responsabile del progetto: Prof.ssa Virginia Arici 7

8 F. Lezioni di Astronomia In Inglese Destinatari: studenti delle classi quinte comprendere contenuti di tipo scientifico utilizzando la lingua inglese interagire con un collaboratore esterno (docente americano) su argomenti di astronomia, facendo ricorso alle proprie conoscenze linguistiche e della materia Metodologia: Conferenza con un astronomo americano, illustrazione di antiche leggende sulle costellazioni, osservazione della volta celeste e delle costellazioni in un planetario gonfiabile (iniziativa organizzata con il supporto dell'osservatorio di Lumezzane) Durata: un ora per classe nel secondo quadrimestre Risorse umane: docente americano di astronomia Beni e servizi: sala lettura Responsabile del progetto: Prof.ssa Virginia Arici G. Conferenze in lingua inglese Destinatari: tutti gli studenti del triennio sperimentare una lezione/ conferenza con esperti esterni su argomenti curricolari di letteratura Metodologia: lezione frontale approfondimenti curricolari con gli insegnanti della disciplina / primo approccio al testo e/o autore presentazione multimediale in lingua inglese / riferimenti pluridisciplinari Durata: circa due ore a conferenza Risorse umane: docenti interni /esperti esterni Beni e servizi: aula magna / video proiettore/ computer Responsabile del progetto: Prof.ssa Fiammetta Sabbatini 4. Potenziamento area creativo - espressiva Dies fasti Destinatari: studenti, genitori, personale della scuola e popolazione bresciana favorire l incontro tra le diverse componenti della scuola valorizzare l espressività e il protagonismo studenteschi presentare la scuola come risorsa per il territorio programmare attività con linguaggi diversi attorno ad un unico tema per affiancare, arricchire e potenziare il curricolare rafforzare il senso di appartenenza all Istituto e, nel contempo, la disposizione al confronto con realtà esterne. far convergere il bisogno di creatività e di espressione degli studenti in un progetto annuale riconosciuto e atteso Metodologia: letture attoriali, relazioni, proiezioni cinematografiche, dibattiti, conferenze, danza, musica, teatro come offerte culturali anche per 8

9 adulti Durata: si svolge in novembre con sospensione delle lezioni Risorse umane: Commissione Cultura allargata a studenti e genitori Beni e servizi: spazi interni all Istituto ed eventuali spazi esterni Responsabile del progetto: Prof.ssa Laura Forcella B. Booktrailer Film Festival Destinatari: studenti delle scuole superiori di secondo grado italiane anche estere organizzare un concorso nazionale di booktrailer in lingua italiana per gli studenti delle scuole superiori potenziare l attenzione alla lettura e al libro come strumenti per la crescita culturale, individuale e collettiva divulgare la lettura attraverso il linguaggio multimediale considerato impropriamente in concorrenza con quello della letteratura e della cultura utilizzare le capacità informatiche e cinematografiche degli studenti al servizio di un attività curricolare come la lettura trasformare gli studenti da passivi esecutori di letture imposte, attivi promotori di passioni letterarie autonomamente individuate far diventare i nostri studenti lettori e fruitori di cinema critici e consapevoli promuovere l'incontro degli studenti e della città con scrittori e registi al fine di divulgare la passione per la letteratura e il cinema Metodologia: elaborazione del bando di concorso da parte del gruppo di lavoro; ricerca dei finanziamenti necessari; attivazione di un sito dedicato, collegato a quello della scuola per accogliere i booktrailer dei concorrenti e pubblicizzare l iniziativa anche attraverso una pagina facebook collegata; nomina di una giuria competente per l individuazione dei vincitori e dei selezionati; organizzazione di serate evento pubbliche e aperte al territorio (premio della giuria e premio del pubblico); valutazione della qualità del festival da parte di un Comitato scientifico Durata: intero anno scolastico Risorse umane: docenti del gruppo di lavoro e della Commissione Cultura, esperti esterni, studenti, genitori, associazioni cinematografiche, librerie, editori, associazione di promozione della lettura Beni e servizi: sala lettura, Aula Magna, cinema Eden, centro commerciale Freccia Rossa, altri spazi esterni Responsabile del progetto: Prof.ssa Laura Forcella C. Progetto Montale Destinatari: studenti delle scuole superiori di secondo grado di Brescia e provincia, nonché di altre città italiane sensibilizzare i giovani alla poesia, in un contesto dominato dall esibizionismo isterico dei mezzi di comunicazione di massa (E. Montale) abituarli a esprimere i loro sentimenti in versi, acquisendo le tecniche di stesura di un testo poetico Metodologia: lettura e valutazione dei testi ricevuti, scelta dei migliori, 9

10 premiazione in Aula Magna Durata: da ottobre a dicembre (acquisizione dei testi); febbraio (premiazione) Risorse umane: tre docenti interni (giuria), un ospite e un collaboratore T. Beni e servizi: Aula Magna Responsabile del progetto: Prof. Manuel Dallera D. Calini Ensemble Laboratorio Musicale Destinatari: studenti della scuola con competenze musicali relative a qualunque genere e strumento musicale comprensione e contestualizzazione dei linguaggi musicali educazione all ascolto reciproco; costruzione di un atteggiamento critico e consapevole nei confronti della musica che ci circonda sviluppo della capacità di lavorare in gruppo; sviluppo delle competenze operative acquisizione della consapevolezza dell interdisciplinarietà e della complementarietà dei diversi linguaggi Metodologia: laboratorio stabile di musica d insieme, volto alla realizzazione di musiche originali e all esecuzione di brani appartenenti a vari repertori, dall ambito classico a quello pop-rock; il laboratorio comprende sia strumenti acustici sia amplificati, che, sotto la guida dei due esperti esterni, suonano insieme, in un orchestra mista, brani appositamente arrangiati per tale organico. Durata: da ottobre all inizio di giugno Risorse umane: docenti dell istituto e due esperti esterni Beni e servizi: aula musica, strumenti e attrezzatura musicale dell Istituto, service esterno per i momenti di esibizione dell ensemble Responsabile del progetto: Prof.ssa Rita Lorenzini E. Laboratorio teatrale Destinatari: studenti di tutte le classi sviluppare le abilità espressive della voce e del corpo per rinforzare la coscienza di sé e lo spirito di gruppo produrre uno spettacolo finale che soddisfi la necessità di protagonismo dei ragazzi e mostri l abilità di effettuare un lavoro corale Metodologia : dopo la fase di creazione del gruppo, il laboratorio darà vita ad uno spettacolo da definire anche in base agli stimoli dati dai ragazzi e alle diverse tipologie caratteriali che si presenteranno. Lo spettacolo verrà messo in scena a teatro per Inventari Superiori e per eventuali altre occasioni rappresentative Durata: da ottobre a maggio Risorse umane: un esperto esterno e un docente coordinatore interno all Istituto Beni e servizi: ci si avvale dell aiuto di sponsor esterni per l allestimento degli spettacoli Responsabile del progetto: Prof.ssa Emilia Baronchelli 10

11 5 Educazione alla memoria Un liceo e la sua Storia B. 25 aprile e 28 Maggio Destinatari: studenti di tutte le classi educare gli studenti interessati alla conoscenza e alla operatività sul materiale d archivio in modo da poter acquisire una corretta comprensione dei processi di elaborazione di un sapere storico Metodologia e attività: lavoro in archivio coordinato da un docente di storia e filosofia, per fornire agli studenti interessati percorsi di studio e riflessione sugli eventi del Novecento connessi con la tematica della memoria storica; tale gruppo si avvarrà anche del supporto storico e pedagogico di esperti esterni; si indagherà sulla storia del Calini, attraverso un accurata ricerca nei suoi archivi Durata: tutto l anno scolastico Risorse umane: docente Beni e servizi: materiali per archiviazione e preservazione dei documenti storici studiati Responsabile del progetto: Prof. Giulio Toffoli Destinatari: studenti di tutte le classi. far comprendere agli studenti l importanza della giornata della Liberazione e di quella che ricorda la Strage di Piazza Loggia come momenti fondamentali di differenti pagine della storia del nostro Paese Metodologia: Ricerche storiche, incontri con testimoni, partecipazione a cerimonie ufficiali Durata: tutto l anno con particolare riguardo ad aprile e maggio 2014 Risorse umane: Casa della Memoria, ANPI, docenti dell Istituto, esperti esterni Beni e servizi: centri di documentazione, Aula Magna Responsabile del progetto: Prof. Luciano Paradisi C. Giornata della memoria 27 gennaio Destinatari: studenti di tutte le classi interrogarsi sul rapporto con l altro, soprattutto in quanto diverso, straniero, nemico; capire che la Shoah è un evento particolare, unico, che riesce ad abbracciare l universale; coltivare la memoria e la capacità di narrazione, per educare al senso del limite, alla gratuità, al dono. Metodologia: Percorso formativo elaborato da docenti dell Istituto; viaggio ad Auschwitz realizzato in collaborazione con le istituzioni del territorio; incontri di restituzione dell esperienza del viaggio agli studenti del biennio e alla cittadinanza. Durata: tutto l anno scolastico con il viaggio organizzato per Marzo 2014 Risorse umane: docenti del Liceo e delle Università della Lombardia, istituzioni culturali del territorio, amministrazioni locali. Beni e servizi: Materiale documentario della biblioteca del Liceo e delle varie biblioteche cittadine, Aula Magna Responsabile del progetto: Prof. Luciano Paradisi 11

12 D. Giornata del ricordo 11 febbraio Destinatari: Studenti dell Istituto favorire una conoscenza critica matura sulla questione istriana Metodologia: conferenze, incontri con esperti Durata: tutto l anno e in particolare in occasione delle scadenze ufficiali Risorse umane: docenti, istituzioni culturali del territorio, esperti esterni Beni e servizi: Centri di documentazione locali, Aula Magna Responsabile del progetto: Prof. Luciano Paradisi 6. Cittadinanza e Costituzione Educare alla legalità fiscale Destinatari: studenti triennio educare alla legalità e al rispetto delle regole, con particolare riguardo alla legalità fiscale promuovere la cultura fiscale per far conoscere ai futuri contribuenti le basi del sistema tributario italiano Metodologia: lezione frontale e dibattito Durata: gennaio-giugno Risorse umane: Prof. Francesco Menoncin (docente di Economia e management presso l'università degli Studi di Brescia) Beni e servizi: aula magna del liceo Responsabile del progetto: Prof. Alberto Fenotti B. Ora alternativa all insegnamento della religione cattolica Destinatari: studenti di tutte le classi dell Istituto che hanno scelto di non avvalersi dell insegnamento delle religione cattolica promuovere negli alunni l idea di cittadinanza responsabile a vari livelli (locale, statale, europeo) renderli consapevoli della necessità rispettare diritti e doveri, cercando di coniugare libertà e solidarietà affinare la capacità di lettura critica del reale, con particolare riguardo ai problemi indotti dalle rapide trasformazioni in corso, sia in termini di interdipendenza fra culture, sia in termini di moltiplicazione delle informazioni, rapidità della loro diffusione e necessità di sviluppare maggiori capacità di selezione critica delle stesse educare alla legalità e al rispetto delle regole sotto ogni profilo : civile, fiscale e relazionale, con particolare riguardo all uso degli strumenti telematici (netiquette) e ai vincoli posti dal rispetto della privacy promuovere la conoscenza, il rispetto e la valorizzazione del patrimonio artistico sia come tradizione culturale che definisce un identità, sia come valore in sé, capace di parlare un linguaggio universale 12

13 Metodologia: gli interventi formativi saranno calibrati in ragione dell età e delle caratteristiche dei gruppi di alunni adenti al progetto. Le lezioni saranno articolate in moduli coerenti e conclusi e si avvarranno duttilmente di tutte le modalità didattiche atte a favorire la partecipazione attiva degli studenti intorno alle questioni proposte, sia in termini di indagine e di approfondimento, sia in termini di confronto dialettico Durata: da gennaio a giugno 2014 e da settembre a dicembre 2014 Risorse umane: docenti interni Beni e servizi: aule attrezzate con LIM e connessione internet, sala Lettura e/o altra aula ritenuta idonea in funzione del numero degli alunni Responsabile del progetto: Prof.ssa Tiziana Savio 7. Educazione alla salute La scuola e l ascolto Destinatari: gli studenti di tutte le classi del liceo, i genitori e i docenti. fornire un servizio di consulenza psicologica per favorire l apprendimento e alleviare il disagio scolastico. Metodologia: incontri di consulenza e formazione psicologica, periodici e anche con possibilità di reiterazione Durata: da ottobre a giugno Risorse umane: Dott.ssa Doriana Galderisi, psicologa ed esperta di problemi dell apprendimento Beni e servizi: aula Lettura ed auletta dell ascolto Responsabile del progetto: Prof. ssa Patrizia Lazzari B. Gruppi volontari Don Potieri (Volontariato) Destinatari: studenti del triennio che ne facciano richiesta e garantiscano la frequenza continuativa sia della parte teorica che della parte pratica formare al senso civico l adolescente educare alla solidarietà verso l anziano ed ai rapporti interpersonali Metodologia: assistenza sociale agli anziani a titolo di volontariato Durata: da ottobre a giugno con incontri pomeridiani che si realizzano nella struttura della Casa di Riposo scheda, matrice siamo qua noi questa la nostra con una matrice che abbiamo mandato allora questa la chiamiamo Richiede di Gussago Risorse umane: medici, infermieri e psicoterapeuti della struttura Responsabile del progetto Professoressa Raffaella Volterrani Beni e servizi: aula magna del liceo Calini e Casa di Riposo Richiedei Responsabile del progetto: Prof. ssa Raffaella Volterrani 13

14 C. Opinion leader Destinatari: tutti gli studenti del triennio formazione ed educazione comportamentale prevenzione all uso e all abuso di sostanze tossiche (particolare attenzione verrà rivolta alle sostanze come alcol, fumo, e alla dipendenza da computer e videogiochi -ludopatia) Metodologia: incontri formativi con i responsabili della scuola e dell Asl, gruppi di lavoro, attività di inserimento nelle classi. Durata: da ottobre a giugno Risorse umane: professor Luigi Guarisco e Dr. Angelo Valli del gruppo di ricerca della Asl di Brescia e studenti del Liceo Calini Beni e servizi: aule del liceo Responsabile del progetto: Prof. Luigi Guarisco D. Educazione Alimentare e Buona Salute Destinatari: tutti gli studenti delle classi seconde conoscenza e approfondimento di una corretta alimentazione Conoscenza e approfondimento di un adeguato rapporto tra introito calorico e attività fisica, con particolare attenzione alla attività sportiva del giovane Crescita e nutrizione Metodologia: lezioni con il Prof. C. Claudio Macca e confronto con le classi e gli insegnanti per una adeguata informazione ed educazione all alimentazione come strumento indispensabile per una corretta crescita ed attività fisica Durata: febbraio marzo Risorse umane: Prof. C. Claudio Macca e collaboratrici (dietiste della unità di Dietetica e Nutrizione Clinica degli Spedali Civili di Brescia) Beni e servizi: aula magna del liceo Calini Responsabile del progetto: Prof. ssa Patrizia Lazzari E. Scuola-ospedale istruzione domiciliare Destinatari: tutti gli studenti delle classi che ne avessero bisogno. fornire un supporto didattico agli studenti ospedalizzati e o costretti a lunghe convalescenze anche domiciliari. Metodologia: e-learning, interventi di istruzione domiciliare o ospedaliera a distanza, condotti sfruttando le opportunità offerte dalle tecnologie informatiche Durata: servizio attivo da ottobre a giugno Risorse umane: docenti di volta in volta coinvolti nel progetto, o docenti assegnati alle lezioni in ospedale con un mandato del Provveditorato. Beni e servizi: computer con connessioni in rete, e materiale didattico multimediale. Responsabile del progetto: Prof. ssa Patrizia Lazzari 14

15 F. Croce Bianca militi ausiliari (Volontariato) Destinatari: studenti maggiorenni delle classi quinte educare alla cittadinanza, alla solidarietà, alla salute acquisire lo status di Militi Collaboratori Ausiliari all interno della associazione Croce Bianca Metodologia e formazione preliminare: due lezioni propedeutiche sul ruolo e gli obiettivi della Croce Bianca (obbligatorie) Attività richieste agli studenti: Svolgimento, a titolo volontario, dei seguenti incarichi: 1. Logistici collaborare nella realizzazione della festa della Croce Bianca allestire stand pubblicitari collaborare con il responsabile della logistica in tutti i suoi compiti 2. Rappresentanza durante le pubbliche manifestazioni durante le cerimonie pubbliche (matrimoni, funerali, etc.) 3. Divulgativi presenziare nei vari punti informativi per divulgare i principi del volontariato. Partecipare alle varie campagne reclutamento e raccolta fondi della Croce Bianca 4. Presenze non sanitarie Tutti quei compiti in generale che non richiedono la presenza di militi soccorritori. 5. Ausilio amministrativo Durata: da novembre a giugno Risorse umane: membri della associazione per la pubblica assistenza della Croce Bianca Responsabile del progetto: Prof. ssa Patrizia Lazzari G. Avis (Volontariato) Destinatari: biennio; classi quarte e quinte - educare alla cittadinanza, alla solidarietà, alla salute Metodologia: biennio: incontro I giovani e il volontariato con due e studenti del Calini in veste di referente AVIS e del Gruppo Don Potieri in un ottica di peer tutoring classi quarte e quinte: Incontro di un ora, con un esperto AVIS con utilizzo di proiezioni o materiali multimediali Durata: l intero anno scolastico Risorse umane: Esperti AVIS del settore AVIS-Scuola, prof.ssa Silvia Mattioli, studenti ed ex studenti del Liceo Calini Beni e servizi: Sala Lettura, PC con videoproiettore. Una bacheca della scuola. Una cartella sul sito del Calini. Sede dell AVIS Responsabile del progetto: Prof. ssa Silvia Mattioli 15

16 H. Una Serena sessualità ed affettività Destinatari: tutti gli studenti delle prime e/ o terze classi del liceo informare in modo scientifico ed appropriato gli studenti riguardo alla pubertà e al sistema riproduttivo maschile e femminile introdurre il tema fondamentale della prevenzione e delle abitudini dannose da evitare nel comportamento sessuale Introdurre il tema della maternità e paternità responsabile Metodologia: due o più incontri di formazione con gli studenti attraverso lezioni frontali e discussioni di gruppo. Durata: da stabilire Risorse umane: Dott.ssa Maria Chiara Giusteri, ostetrica Beni e servizi: aula magna del liceo Calini e incontri nelle singole classi. Responsabile del progetto: Prof. ssa Patrizia Lazzari 8. Educazione stradale Educazione stradale Destinatari: tutti gli studenti delle classi del liceo dalla prima alla quinta, con differenziazione di età e di scopi. acquisizione da parte degli allievi di tutte le classi di comportamenti corretti responsabili nell ambiente strada sensibilizzazione nei confronti delle problematiche sociali, umane e legali Metodologia: incontri in orario con regolare o extra con regolare all interno della propria classe o per gruppi di classi parallele. Durata: durata minima di due ore, durata massima di cinque ore. Risorse umane: docenti interni al liceo Calini e relatori esterni. Beni e servizi: aule, sala audiovisivi ed aula magna. Responsabile del progetto: Prof. ssa Patrizia Lazzari 9. Pratica sportiva Pratica sportiva Torneo interno di pallavolo M/F B. Squadra interna pallavolo F C. Corsa campestre D. Torneo basket interno E. Torneo di rugby interscolastico F. Torneo interno di Destinatari: studenti di tutte le classi approfondire gli argomenti disciplinari, promuovendo la pratica dell attività motoria individuale e di squadra promuovere lo spirito di squadra, educando alla collaborazione e alla solidarietà imparare ad ascoltare il proprio fisico e a percepirsi come insieme organico di mente e corpo acquisire fiducia e sicurezza in sé attraverso il superamento di ostacoli e difficoltà favorire la socializzazione Metodologia: gli studenti verranno allenati sia in istituto, sia presso strutture esterne e parteciperanno a tornei e gare sportive, sia organizzate all interno 16

17 calcio G. Calinincorsa H. Basket a tre dell Istituto, sia all esterno fra istituti di scuola secondaria superiore Attività: tornei di pallavolo interni (M/F) ed esterni (squadra di Istituto maschile e femminile); corsa campestre, Torneo nazionale basket Durata: in orario curricolare ed extracurricolare durante tutto l anno scolastico Risorse umane: docenti interni Beni e servizi: palestre dell Istituto e strutture esterne Responsabili del progetto: docenti del Dipartimento di Scienze motorie 10. Alternanza scuola lavoro Alternanza scuola e lavoro Asl Laboratori di Sanità Pubblica B. Istituto Zooprofilattico C. Laboratorio Oxygen Vet, D. Fondazione Poliambulanza E. Spedali Civili Brescia F. Università di Medicina e Chirurgia Brescia G. Copan Italia H. Università della Montagna Edolo Destinatari: studenti classi seconde, terze, quarte e quinte (partecipazione facoltativa) sviluppare maggiore attenzione alle scienze naturali interessare gli studenti alle scoperte scientifiche svolte in laboratorio consolidare e sviluppare conoscenze circa la batteriologia, la parassitologia, la biologia molecolare, la citologia e l immunometria sensibilizzare l attenzione verso i risvolti economico-giuridici dell attività lavorativa frequentando uffici marketing e vendita sviluppare la capacità di comprendere e orientarsi nel mondo del lavoro promuovere specifiche competenze e capacità di interazione con gli altri Metodologia: osservazioni ed esercitazioni pratiche di laboratorio in collaborazione con le seguenti strutture esterne: Asl Laboratori di Sanità Pubblica, Istituto Zooprofilattico, Laboratorio Oxygen Vet, Fondazione Poliambulanza, Spedali Civili Brescia, Università di Medicina e Chirurgia Brescia, Copan Italia, Università della Montagna Edolo Durata: gennaio-dicembre (incontri pomeridiani) Risorse umane: docente interno e tutor esterno Beni e servizi: laboratorio di scienze del liceo, laboratori di enti esterni Responsabile dei progetti: Prof. Alessandro Ardenghi 11. prove di volo e di orchestra Prove di volo e di orchestra Destinatari: tutti gli studenti realizzare iniziative cultuali da inserire nella programmazione del Consiglio di classe che affianchino e potenzino l attività curricolare accogliere le proposte culturali del territorio far sperimentare agli studenti linguaggi non curriculari, in particolare la musica, ma anche il cinema ed il teatro, per potenziare 17

18 l apprendimento Durata: ogni Consiglio di classe o ciascun docente sceglie le iniziative a cui aderire, secondo un calendario predisposto dalla Commissione Cultura Risorse umane: docenti interni ed esperti esterni Beni e servizi: aule, Aula Magna, Sala Lettura e sala audiovisivi Responsabile del progetto: Prof.ssa Laura Forcella 12. Inviti Alcalini Inviti Alcalini Destinatari: studenti, genitori, personale della scuola e popolazione bresciana aprire la scuola al territorio rendere la scuola un centro di incontri culturali significativi anche per la città favorire dibattiti stimolanti con personalità di rilevo in orario extracurricolare ampliare l offerta curricolare educando alla partecipazione volontaria e libera Metodologia: conferenza, dibattito e spettacolo teatrale e cinematografico Durata: in orario pomeridiano extracurricolare durante l anno scolastico Risorse umane: docenti dell Istituto ed esperti esterni Beni e servizi: spazi interni all Istituto ed eventuali spazi esterni Responsabile del progetto: Prof.ssa Laura Forcella 13. cometa flessibilità laboratoriale Cometa Flessibilità Laboratoriale Destinatari: studenti del Liceo incrementare l utilizzo didattico degli strumenti multimediali promuovere la realizzazione di prodotti multimediali (tesine, presentazioni, approfondimenti) consolidare il metodo di approccio critico alle fonti multimediali, stimolare la ricerca con acquisizione di metodo scientifico promuovere attività di gruppo, spirito di collaborazione, spirito di solidarietà Metodologia: lezioni frontali, gruppi di studio, esercitazioni on-line, uso di internet proiezioni di filmati Durata: gennaio giugno, in orario extracurricolare Risorse umane: docenti del Liceo. Beni e servizi: laboratori informatici Responsabile del progetto: Prof.ssa Silvia Mattioli 18

19 14. Educazione ambientale - risparmio energetico Educazione ambientale - risparmio energetico Destinatari: studenti, personale della scuola, popolazione bresciana - Contribuire alla formazione di una corretta cultura ambientale - Diminuire i consumi energetici grazie ad un uso corretto dell illuminazione e dei computer Metodologia: - installazione di apparecchiature volte alla riduzione dei consumi energetici - monitoraggio dei consumi con proiezione e pubblicazione dei risultati - conferenze e dibattiti Durata: tutto l anno scolastico Risorse umane: Docenti, collaboratore scolastico e assistente tecnico interno, docenti esterni Beni e servizi: spazi interni Responsabile del progetto: Prof.ssa Ondina Bugatti 19

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

con il Patrocinio della Città di Ostuni ORGANIZZA IL A N T O N I O L E G R O T T A G L I E 14-16 maggio 2014

con il Patrocinio della Città di Ostuni ORGANIZZA IL A N T O N I O L E G R O T T A G L I E 14-16 maggio 2014 SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO N. O. Barnaba- S. G. BOSCO di OSTUNI Sede centrale: N. O. Barnaba via C. Alberto,2 tel/fax 0831301527 Plesso S. G. Bosco Via G. Filangieri, 24 TEL./FAX 0831 332088 C.F. 90044950740

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 -

Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 - Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 - Dal 1 maggio al 31 ottobre 2015 Milano ospiterà l Esposizione Universale dal tema Nutrire il Pianeta, Energia per

Dettagli

CALENDARIO ATTIVITA DI ORIENTAMENTO IN USCITA A.S. 2014/2015 (prima versione, aggiornato al 28.01.2015)

CALENDARIO ATTIVITA DI ORIENTAMENTO IN USCITA A.S. 2014/2015 (prima versione, aggiornato al 28.01.2015) CALENDARIO ATTIVITA DI ORIENTAMENTO IN USCITA A.S. 2014/2015 (prima versione, aggiornato al 28.01.2015) Si ricorda che le attività di orientamento predisposte per l'anno scolastico 2014/2015 sono state

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012 ATTIVITA 2012 L ORMA Educazione e Promozione Sociale Presentazione servizi e attività Anno 2012 L Orma è una realtà che opera da più di 10 anni nel settore dell Educazione e della Promozione Sociale. Tutte

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri La documentazione Dall ICF alla DF al PDF al PEI La Diagnosi Funzionale (DF) 1. Utilizzo degli items di ICF nella definizione

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA AL LAVORO 25 maggio 2015 San Michele all Adige 3 e 4 giugno 2015 Rovereto Progetto dell associazione culturale Artea di Rovereto in collaborazione con

Dettagli