FARE E RIPENSARE L ORIENTAMENTO. Mappa della funzione orientativa e dell orientamento nelle scuole secondarie di 1 grado della provincia di Rimini

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FARE E RIPENSARE L ORIENTAMENTO. Mappa della funzione orientativa e dell orientamento nelle scuole secondarie di 1 grado della provincia di Rimini"

Transcript

1 FARE E RIPENSARE L ORIENTAMENTO Mappa della funzione orientativa e dell orientamento nelle scuole secondarie di 1 grado della provincia di Rimini Progetto (F.S.E. ob. 3 Rif. P.A /Rn Asse C Misura C.2 Fase 1) approvato dalla Provincia di Rimini con det. dir. n 16 del , realizzato da Spin Sviluppo Promozione Iniziative s.r.l.

2 Indice Premessa Il metodo..pag. 3 Il gruppo di ricerca..pag. 5 I luoghi..pag. 5 I tempi e l articolazione del progetto...pag. 5 L organizzazione del report..pag. 6 Analisi delle attività di orientamento Le scuole e gli alunni.pag. 7 I target delle azioni di orientamento..pag. 9 La molteplicità dei bisogni di orientamento.pag. 12 Metodologie e strumenti..pag. 14 Modalità di attuazione..pag. 15 Monitoraggio e verifica..pag. 17 Le professionalità coinvolte..pag. 18 Le conclusioni I punti di forza le criticità..pag. 20 ALLEGATO A.pag. 22 Le Mappe delle azioni di orientamento nelle scuole: - ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO DI S. GIOVANNI IN MARIGNANO - SCUOLA MEDIA STATALE E. FILIPPINI CATTOLICA - SCUOLA MEDIA FRANCHINI SANTARCANGELO DI ROMAGNA - SCUOLA MEDIA STATALE N. PAZZINI VILLA VERUCCHIO - ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO DI MORCIANO DI ROMAGNA E SAN CLEMENTE - SCUOLA MEDIA MANFRONI CERVI PASCOLI DI RICCIONE - SCUOLA MEDIA GABELLINI DI CORIANO MONTESCUDO OSPEDALETTO - SCUOLA MEDIA STATALE ALIGHIERI FERMI RIMINI - SCUOLA MEDIA PANZINI DI BELLARIA IGEA MARINA - SCUOLA MEDIA STATALE AURELIO BERTOLA DI RIMINI - ISTITUTO COMPRENSIVO DEL FORESE S. M. A. MARVELLI DI RIMINI - SCUOLA MEDIA MAESTRE PIE DI RIMINI - ISTITUTO COMPRENSIVO DI DUCCIO DI MIRAMARE - SCUOLA MEDIA PANZINI BORGHESE DI RIMINI - SCUOLA MEDIA F.LLI CERVI DI MONDAINO E ALBINI DI SALUDECIO - SCUOLA MEDIA W. SPALLANZANI - RIMINI - SCUOLA MEDIA GIOVANNI XXIII - MISANO A. ALLEGATO B pag. 40 Schede dei principali progetti di orientamento attivati con le classi terze ALLEGATO C..pag. 51 Griglia semistrutturata per le interviste sulle attività di orientamento nelle scuole ALLEGATO D..pag. 53 Questionario per raccolta prime informazioni 2

3 Premessa La mappatura dell orientamento nelle Scuole Medie Secondarie di I Grado è stata realizzata nell ambito del progetto della Provincia di Rimini denominato: Fare e ripensare l orientamento. Il progetto prevede diverse azioni, fra cui la ricerca sulle scuole, la costruzione di un repertorio di buone pratiche, l organizzazione di incontri in rete fra gli attori sociali e formativi del territorio e proposte di sviluppo per l area provinciale. La ricerca, illustrata in questo report, ha lo scopo di fornire uno stato dell arte aggiornato sulle funzioni e sui servizi orientativi, in sintesi cosa significa oggi fare orientamento a Rimini, analizzando le pratiche e i progetti attuati nell anno scolastico nelle Scuole Medie Secondarie di I Grado. Questa azione costituisce la prima fase del progetto, in quanto tale base conoscitiva può rappresentare uno strumento utile per un azione di riflessione da parte dei diversi attori sociali e formativi e per formulare proposte di miglioramento e di integrazione del sistema di orientamento nella provincia di Rimini. Il metodo La mappatura è stata realizzata attraverso una analisi di tipo qualitativo delle funzioni e dei servizi di orientamento. Gli elementi chiave della griglia proposta per la rilevazione sono stati preventivamente discussi all interno di uno specifico Focus group, che si è tenuto nello scorso aprile con il titolo Partecipiamo alla ricerca sullo stato dell orientamento nella provincia di Rimini. L incontro ha coinvolto esponenti del mondo della scuola, dell impresa, della formazione professionale, dei servizi per l impiego per avere un confronto e una condivisione sull approccio e sulle funzioni dell orientamento nella scuola dell obbligo e sul ruolo, all interno, degli attori sociali. I punti chiave, attraverso cui si è cercato di analizzare la consistenza dell offerta e le tipologie di attività, sono descritti sinteticamente nello schema seguente:

4 I punti chiave dell analisi target bisogni di orientamento azioni e modalità di attuazione metodologie/strumenti monitoraggio e verifica professionalità coinvolte rete territoriale punti di forza /criticità Attraverso la rilevazione delle esperienze compiute dalle scuole si è cercato anche di leggere: quanto è presente una visione dell orientamento come strumento per la valorizzazione di sé e per affrontare il mondo esterno se i percorsi orientativi sono sviluppati all interno delle discipline oppure sono supportati da risorse formative esterne se le attività annoverano tipologie diverse di destinatari accanto agli alunni, come ad esempio le famiglie il grado di utilizzo da parte della scuola di risorse locali e le modalità attraverso le quali realizza le collaborazioni il ruolo assunto dal docente nell ambito dei progetti che si avvalgono di risorse esterne il livello di innovazione degli strumenti pensati per le azioni orientative a favore dei ragazzi La mappatura è stata realizzata attraverso i seguenti strumenti di indagine : questionario per una prima raccolta di informazioni; una griglia semistrutturata di analisi sulle iniziative di orientamento condotte nelle scuole, messa a punto sulla base dei punti chiave (in allegato); interviste ai dirigenti scolastici e/o ai referenti dell orientamento realizzate prevalentemente attraverso la grigia semistruttrata, ma anche attraverso focus group composto da più scuole dello stesso comune; raccolta ed elaborazione dei dati per la conoscenza del contesto e il recupero di elementi di scenario; 4

5 l elaborazione delle interviste è stata effettuata con la matrice a grappolo, strumento di sintesi che consente di rappresentare il panorama di attività delle scuole. Con lo strumento della matrice a grappolo, è stato possibile visualizzare in seguito alla fase di rilevazione le funzioni orientative presidiate, illuminando le aree presidiate e spegnendo le altre, in relazione ai bisogni di orientamento che si presentano nell arco del ciclo di studi, e alle azioni attivate in risposta ai bisogni. In particolare sono stati distinte in entrata le attività orientative del primo e del secondo anno, in uscita le attività del terzo anno produzione del report di ricerca Il gruppo di ricerca Il gruppo di ricerca è stato composto da persone con caratteristiche diverse come formazione (psicologica, pedagogica, sociologica) e come esperienza (attività di orientamento e di ricerca) ma con un approccio di analisi comune e condiviso. La ricerca ha potuto beneficiare dell esperienza e della supervisione metodologica di Marta Consolini, che ha sviluppato un ruolo di Project Manager supportata da Loredana Urbini, esperta di servizi di orientamento, e Cinzia Bertuccioli con competenze nell area della psicologia scolastica. I luoghi Le interviste sono state realizzate e condotte direttamente presso le scuole. Tale scelta ha consentito di raccogliere molti elementi sulle pratiche realizzate, con un attenzione alle pratiche migliori, contestualizzandole nell area geografica e nella struttura organizzativa delle scuole. Il focus group con le scuole del comune di Rimini è stato realizzato presso l aula magna della Scuola Media Statale Panzini Borghese nel centro storico di Rimini. I tempi e l articolazione del progetto Questa fase del progetto si è raccordata con le altre fasi, la sua programmazione è stata infatti arricchita dai contributi del primo focus group realizzato il 21 aprile 2004, successivamente la mappatura ha avuto la precedenza sulle altre attività e si è concentrata nel periodo maggio - giugno Le interviste sono state realizzate entro la fine dell anno scolastico Ogni intervista è stata preceduta da contatti telefonici, comunicazioni via fax e posta elettronica, al fine di informare, promuovere e condividere le finalità dell azione. Ai dirigenti scolastici sono state inviate schede informative riguardanti il progetto, una breve presentazione del gruppo di ricerca e del ruolo dei soggetti coinvolti nel progetto. 5

6 L intervista individuale è stata proposta ai dirigenti scolastici o ai referenti per l orientamento per avere il quadro più completo e una raccolta di informazioni utili alla mappatura dei progetti e delle attività di orientamento attivate nella scuola media secondaria di I grado della provincia. Hanno risposto 20 scuole su 21 contattate, poiché l organizzazione e la configurazione territoriale di alcune strutture prevedono un dirigente scolastico per Istituto Comprensivo o per più complessi scolastici, sono state condotte 17 interviste. L organizzazione del report Dopo una visione d insieme sulle caratteristiche quantitative, numero di scuole e di alunni, finalizzata a mettere a fuoco l oggetto di indagine, il report descrive punto per punto i risultati relativi agli elementi chiave, che hanno costituito la griglia di analisi e la base delle interviste qualitative: i target delle azioni di orientamento, i bisogni, le modalità attuative, metodologie e strumenti di azione, il monitoraggio e la verifica delle azioni svolte, le professionalità coinvolte, le collaborazioni con il territorio. Al fine di far comprendere immediatamente il modo di fare orientamento nelle scuole sono state inserite alcune schede sintetiche sui principali progetti realizzati in prevalenza nella terza classe, che oltre la didattica orientativa costituiscono il core orientativo specifico. Seguono le mappe delle scuole, descritte secondo la matrice a grappolo, distinguendo in entrata le attività orientative del primo e del secondo anno, in uscita le attività del terzo anno. Completano il rapporto le interviste fatte, che meglio del nostro commento, presentano e fanno vivere con molto calore la realtà della provincia di Rimini. 6

7 Analisi delle attività di orientamento Le scuole e gli alunni Le seguenti tabelle, costruite sulla base della ricerca documentaria, sono finalizzate a dare in modo sintetico una visione d insieme dell oggetto di indagine. Le scuole medie secondarie di I grado sono presenti in 14 comuni della provincia di Rimini. Rispetto alle tipologie di gestione le Scuole Secondarie di 1 grado si dividono in due grandi gruppi: A gestione statale 10 Istituti Comprensivi con 146 classi, 5 Scuole Secondarie di 1 grado con 171 classi A gestione non statale 3 Scuole con 21 classi Complessivamente nell anno 2003/04 le classi sono 338, gli alunni sono Sono inseriti in scuole a gestione statale alunni ( il 94%) e in scuole a gestione non statale 449 (il 6%) Comune Nome Scuola Classi Classi II I anno Alunni anno Alunni Classi III anno Alunni Totale Totale Classi Alunni Bellaria Panzini Cattolica Filippini Coriano Gabellini Montescudo Gabellini Rimini Marvelli Rimini Miramare Di Duccio Rimini Bertola Rimini Alighieri Fermi Rimini Panzini Borghese Rimini Maestre Pie Rimini Spallanzani Santarcangelo Franchini Riccione Manfroni Cervi Pascoli Verucchio Pazzini S. Giovanni in M. S. Giovanni S. Giovanni in M. S. Filomena Morciano Broccoli S. Clemente Villa Mondaino F.lli Cervi Saludecio Albini Misano Giovanni XXIII TOTALE

8 Dei alunni totali risultano ragazze e ragazzi iscritti nelle scuole secondarie di I grado nella provincia di Rimini. Ragazze 45% Alunni per genere Ragazzi 55% Ragazzi Ragazze La distribuzione geografica degli alunni segue la concentrazione demografica della popolazione, la stragrande maggioranza si concentra nel comune di Rimini. Alunni per comune Alunni I anno Alunni II anno Alunni III anno Misano Saludecio Mondaino S. Clemente Morciano S. Giovanni in M. Verucchio Riccione Santarcangelo Rimini Montescudo Coriano Cattolica Bellaria

9 I target delle azioni di orientamento Fatta questa visione d insieme prendiamo ora in esame i diversi target delle azioni di orientamento, alunni e genitori, con una particolare attenzione agli immigrati e ai diversamente abili. Tutti gli alunni sono coinvolti nel processo di orientamento fin dal primo anno, come per altro prevede il Decreto Legislativo che definisce le norme generali relative alla scuola dell infanzia e al primo ciclo dell istruzione nonché le indicazioni nazionali per i Piani di Studio personalizzati nella Scuola Secondaria di 1 grado1. All'interno di ciascun ciclo trovano spazio le attività di orientamento, inteso come attività istituzionale processuale presente in ogni ordine e grado scolastico, che "costituisce parte integrante dei curricoli di studio e del processo educativo e formativo fin dalla scuola dell'infanzia" e si realizza con due modalità: 1) attività di orientamento integrate con gli insegnamenti disciplinari (competenze orientative generali attraverso l'orientamento formativo o la didattica orientativa); 2) specifiche azioni in attività aggiuntive di gruppo e individuali (competenze orientative specifiche) anche in integrazione con i soggetti istituzionali competenti. In modo specifico il decreto riporta che.il Primo Ciclo di istruzione, dai 6 ai 14 anni, è un passaggio fondamentale per la costruzione del progetto di vita di ogni persona perché fornisce le basi che permettono ad ogni ragazzo di affrontare in modo positivo le esperienze successive proprie del Secondo Ciclo di istruzione e di formazione e, in particolare, i problemi del vivere quotidiano e del responsabile inserimento nella vita familiare, sociale e civile in questa particolare fase dell età evolutiva. Per quanto concerne l'orientamento,a conclusione del Primo Ciclo di istruzione, il ragazzo è in grado di pensare al proprio futuro, dal punto di vista umano, sociale e professionale. Per questo, elabora, esprime e argomenta un proprio progetto di vita che tiene conto del percorso svolto e si integra nel mondo reale in modo dinamico ed evolutivo. A questo scopo, egli collabora responsabilmente e intenzionalmente con la scuola e con la famiglia nella preparazione del Portfolio delle competenze personali; riconosce e interagisce con i singoli individui e con le organizzazioni sociali e territoriali che possono partecipare alla definizione e alla attuazione del proprio progetto di vita; infine, dimostra disponibilità a verificare con costanza l'adeguatezza delle decisioni sul proprio futuro scolastico e professionale. Secondo le raccomandazioni del Miur quindi le azioni di orientamento attivate dalle Scuole Secondarie di 1 grado devono vedere gli alunni non solo come destinatari 1 Decreto Legislativo 19 febbraio 2004, n. 59 (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 51 del 2 marzo Suppl. Ord. n. 31) All. A - Indicazioni Nazionali Piani di studio Scuola dell'infanzia All. B - Indicazioni Nazionali Piani di Studio Scuola Primaria All. C - Indicazioni nazionali Piani di studio Scuola Secondaria di 1 grado 9

10 principali, ma come protagonisti, i soggetti al centro dell azione orientativa in particolare e dell azione educativa in generale. Alunni Dall indagine condotta risulta che, nell anno scolastico , tutti i studenti della provincia hanno sviluppato il seguente percorso: nel primo anno sono stati coinvolti studenti in attività di accoglienza e di conoscenza di sé nel secondo anno sono stati coinvolti studenti con attività finalizzate ad aiutare gli studenti ad acquisire una immagine sempre più chiara ed approfondita della realtà sociale e del territorio, anche attraverso laboratori e percorsi formativi, nel terzo anno sono gli studenti che hanno svolto attività di conoscenza delle opportunità per proseguire gli studi e la formazione dopo l esame di stato. A queste attività comuni a tutte le scuole, previste dalla normativa e che utilizzano soprattutto le modalità della didattica orientante, si aggiungono progetti specifici di orientamento in terza media, realizzati in collaborazione con esperti e soggetti esterni (alcuni di questi sono descritti in seguito). Questi progetti specifici riguardano 59 classi su 114, con una copertura che rappresenta il 52 % circa. Da segnalare inoltre che fra le 59 classi terze, che hanno seguito progetti specifici, 5 classi ne hanno seguito più di uno. Quasi tutte le scuole hanno attivato uno sportello (psico-pedagogico e/o didattico) rivolto agli alunni per consulenze individuali, per nuclei familiari o per gruppi di studenti. La Scuola Pazzini di Verucchio ha attivato uno sportello dedicato alle classi terze. Genitori Tutte le scuole hanno realizzato incontri con le famiglie, nella maggioranza dei casi tenuti dai docenti della Scuola secondaria di 1 grado e di quelle di grado successivo, in taluni casi condotti anche da esperti (psicologi, sociologi ecc). In Terza media, i genitori sono direttamente coinvolti nel processo quali facilitatori del processo decisionale dei propri figli. Tale coinvolgimento dei familiari nelle azioni di orientamento in Terza Media avviene prevalentemente attraverso l invito alla partecipazione agli incontri informativi che ogni scuola organizza. Tali incontri hanno lo scopo di illustrare loro la nuova riforma scolastica, e, in un secondo tempo, di presentare i vari Istituti Scolastici Superiori, descrivendone l offerta formativa, le caratteristiche distintive e gli sbocchi futuri. Inoltre sono stati attivati specifici incontri sulla scelta dopo la terza media per i genitori delle classi terze dalla Provincia di Rimini in collaborazione con il Centro per l impiego. Ai servizi di sportello attivati nelle scuole possono accedere anche i genitori. 10

11 Ragazzi diversamente abili Gli alunni diversamente abili iscritti alla Scuola Secondaria di 1 grado nella provincia sono 188 e rappresentano il 2,4% della popolazione studentesca; nella stragrande maggioranza si tratta di inabilità psicofisica. Per questi studenti si è consolidato un modello di intervento molto attento alle specificità dei singoli soggetti, alla continuità educativa e didattica: seguono il percorso di orientamento della classe ma sono previste anche attività mirate e, a volte, del tutto individualizzate, rapportate alle capacità del soggetto. In questa funzione gli insegnanti di sostegno svolgono un ruolo importante, mettendo in atto un percorso di accompagnamento in entrata e in uscita. Le attività sono definite in accordo con la famiglia e la struttura scolastica, che li accoglierà al termine della scuola Media. Tali attività sono presidiate dal docente di sostegno della scuola di appartenenza e dal docente di sostegno futuro: le linee programmatiche del venturo anno scolastico si definiscono insieme. Alunni stranieri Il sistema scolastico italiano è influenzato da diversi fenomeni tra questi, quello della presenza di alunni non italiani ha assunto, specialmente negli ultimi anni dimensioni notevoli. A livello nazionale nell anno sono gli alunni stranieri a scuola, rappresentano una percentuale del 2,96 % sul totale della popolazione scolastica, con una concentrazione maggiore sulle coste. Nella nostra provincia sono in forte crescita gli studenti con cittadinanza non italiana, nel sono complessivamente e rappresentano il 6,65 % sul totale degli alunni iscritti nelle istituzioni scolastiche, di cui nelle Scuole Secondarie di 1 grado sono 545 e rappresentano circa il 7% del totale iscritti. Di questi il 47% sono ragazze e il 53% ragazzi, hanno una provenienza molto eterogenea, con una forte prevalenza di albanesi. L inserimento di alunni stranieri nelle classi avviene durante tutto l arco dell anno scolastico in corrispondenza dell età anagrafica, si inseriscono quindi nel percorso di orientamento della classe. Questo richiede una forte flessibilità da parte della scuola e dei ragazzi sia sul piano didattico che su quello sociale e relazionale talvolta con non pochi disagi per entrambi. E difficoltosa anche la relazione con la famiglia sia per la lingua che per la difficile comprensione della Legge sull obbligo scolastico. In qualche caso sono stati attivati laboratori di educazione interculturale che hanno facilitato l integrazione. La Scuola Alighieri Fermi di Rimini ha attivato il progetto S.O.S. rivolto agli alunni stranieri che sono stati inseriti nelle classi terze, si tratta di un sostegno in funzione della preparazione all esame di stato, gestito da docenti in pensione che fanno questo servizio alla scuola. 11

12 La molteplicità dei bisogni di orientamento: In questo capitolo sono descritte le azioni attivate per rispondere ai principali bisogni orientativi, che vanno dalla fase di inserimento e dall esigenza di capire la nuova scuola nel primo anno, all uscita verso la scelta di un percorso formativo, attraverso esperienze di analisi delle proprie risorse e di miglior conoscenza del mondo esterno. Accoglienza Ai fini dell inserimento in una nuova realtà formativa e nell ottica della gradualità e continuità, tutte le scuole realizzano attività di accoglienza nel primo anno di Scuola Media. Alcune scuole, in particolare gli Istituti Comprensivi, attivano progetti di orientamento a partire dalla Quinta Elementare (per l inserimento in Prima Media). Nel corso dell anno scolastico, i bambini di Quinta Elementare entrano nella Scuola Secondaria di 1 grado, nelle classi Prime, per uno stage nella futura scuola di appartenenza. Talvolta questo percorso di conoscenza non si limita alle strutture e agli insegnanti ma si sviluppa anche attraverso relazioni con gli alunni, con i quali vengono attivati scambi epistolari, utili per superare dubbi e ansie. In altre Scuole (come nel caso della W. Spallanzani di Rimini) l attività di accoglienza prevede anche viaggi e convivenze a cui partecipano volentieri anche i genitori. Analisi delle risorse individuali Terminata la fase di accoglienza relativa all inserimento nella nuova realtà formativa, si prosegue con l analisi delle risorse individuali. Per queste attività si utilizzano schede strutturate, già incluse nelle Antologie oppure ci si serve di schede specifiche contenute nel materiale consegnato ai referenti per l orientamento nei corsi di formazione. Tali schede riguardano la conoscenza di sé, la scoperta delle proprie attitudini, le inclinazioni, gli interessi e i punti di forza degli allievi. Infine, si evidenziano i limiti e i punti critici di ognuno. Con l ausilio delle schede si affrontano anche i temi relativi alle scelte future e il processo decisionale. L allievo viene posto al centro dell azione educativa per poter riconoscere e valorizzare la propria emotività, razionalità, creatività e progettualità. L orientamento è essenzialmente inteso come formativo; veicolato attraverso le attività didattiche di tutti i giorni e da tutti gli insegnanti, in particolar modo dagli insegnanti di Lettere, che spesso sono anche i referenti di tutta l attività di orientamento della scuola. L aspetto formativo e l educazione alla scelta si inserisce nell ottica della didattica orientativa, in cui tutte le discipline scolastiche sono coinvolte. Ciascuna ora di 12

13 lezione, in questo modo, può diventare luogo di confronto e di educazione alla scelta per tutti gli alunni. L aspetto formativo prosegue nella classe Seconda con attività di conoscenza degli altri e del territorio, il passaggio dal sé agli altri e l attenzione verso i problemi più rilevanti dell adolescenza. Sono attivati anche progetti specifici che aiutano i ragazzi a porre attenzione al mondo circostante. Maturano così diversi progetti dedicati all educazione: ambientale, alimentare, stradale, musicale, interculturale affettiva artistica che hanno anche una valenza orientativa facilitata dalla scoperta/conoscenza di aree e competenze e dallo sviluppo di abilità operative. Definizione della scelta post terza media In generale il percorso di orientamento informativo sulle opportunità di studio dopo la terza media viene articolato attraverso incontri con gli insegnanti delle Scuole Superiori rivolti ai ragazzi e in molti casi rivolti anche ai genitori, durante i quali vengono presentati i curricula di tutte le materie previste dai diversi programmi scolastici. Viene distribuito il materiale informativo e promozionale delle Scuole Superiori ai ragazzi e genitori ma viene anche analizzato in classe con gli insegnanti così come la Guida Avviso ai naviganti della Provincia di Rimini. Infine gli alunni prendono parte all Open Day in cui, ognuno, ha la possibilità di seguire una lezione nelle Scuole Superiori di proprio interesse. Al termine di questo percorso, che si sviluppa nei mesi di ottobre- dicembre, i ragazzi effettuano la prescrizione. Conoscenza della realtà formativa e lavorativa Contestualmente agli incontri e alle attività di conoscenza delle Scuole Superiori vengono proposti anche incontri informativi con Centri di formazione professionale e incontri sulla realtà occupazionale e sull obbligo formativo anche in collaborazione con il sistema della formazione professionale: l Assessorato alla formazione e politiche del lavoro della Provincia di Rimini, il Centro per l impiego e alcuni enti di formazione. Nei progetti specifici di orientamento inoltre vengono realizzate attività informative sia sulle professioni sia sulle opportunità formative. 13

14 Metodologie e strumenti L analisi dal punto di vista metodologico evidenzia il forte ruolo che ha nella scuola media la didattica orientativa. L orientamento è ricondotto all interno delle tematiche disciplinari, come testimoniano i numerosi laboratori, attraverso i quali viene affrontata anche la cultura del lavoro A titolo di esempio citiamo l esperienza della Scuola Media Broccoli- Villa di Morciano e San Clemente che realizza, attraverso il laboratorio di cucina del Medioevo, il collegamento con la storia e il lavoro con l Istituto Alberghiero di Riccione Savioli, dove vengono proposte anche le figure professionali che operano nella ristorazione e ricezione. Altri esempi sono i laboratori di cucina della Scuola Media Panzini di Bellaria Igea Marina in collaborazione con l Istituto Alberghiero di Cervia o gli incontri di educazione stradale (il caso della Scuola Media Alighieri Fermi con le testimonianze degli autisti della TRAM che raccontano la loro professione spiegando il servizio e l uso corretto del mezzo pubblico). In secondo luogo però il mondo della scuola considera con attenzione la collaborazione con gli attori sociali, come testimoniano il gradimento del progetto Impresa didattica, le visite in azienda e i progetti specifici, realizzati con il contributo di esperti/ soggetti esterni. Dall analisi di questi progetti emerge che il modello teorico di riferimento attraverso il quale le diverse attività vengono sviluppate, è il modello psico-sociale, che considera la scelta come l esito dell interazione di più fattori: risorse e caratteristiche personali, vincoli e opportunità del contesto. Dal punto di vista metodologico, il modello di riferimento è riconducibile all A.D.V.P. francese, che ha influenzato molte azioni orientative in Italia, pur con diversi adattamenti. In tutti i progetti, infatti, si rilevano almeno alcune delle seguenti caratteristiche: - la centralità dell individuo nel percorso di orientamento - il gruppo come strumento per l allargamento delle rappresentazioni sociali - il conduttore come animatore del gruppo - l esplorazione delle caratteristiche personali e della realtà esterna Non sono invece state rilevate nella ricerca metodologie con una decisa caratterizzazione sulle differenze di genere, tuttavia i metodi adottati di ispirazione psico-sociale pongono al centro il soggetto con la valorizzazione delle risorse e delle caratteristiche soggettive, inoltre le attività proposte in seconda lavorano sulla percezione dell identità. Gli strumenti utilizzati sono principalmente di tre tipi: Schede e griglie per attività individuali e di gruppo sulla conoscenza di sé (vedi edizioni Lattes schede per insegnanti sull orientamento o testi di antologia) Materiali e guide informative sulle Scuole Superiori. 14

15 Strumenti didattici e formativi, che realizzati parallelamente al percorso di orientamento, consentono ai ragazzi di sperimentarsi e di conoscere attività in ambiti e aree di competenza specifiche. Modalità di attuazione Dal punto di vista delle azioni, sono presenti : azioni formative di educazione alla scelta; azioni informative azioni di consulenza, in particolare attraverso gli sportelli. Tutte le attività in materia di orientamento sono deliberate dal Collegio Docenti e riguardano tutte le classi, il percorso inizia in prima media e si conclude in terza. Le azioni formative di educazione alla scelta e per una miglior conoscenza di sé sono realizzate in classe soprattutto attraverso la didattica di gruppo e l uso di dispositivi di lavoro (schede, materiale didattico strutturato, test e griglie presenti nelle antologie ecc), che danno spazio alla dimensione affettiva ed emotiva di ognuno, che insegnano a vedersi e a valutarsi in un ottica di gruppo e di rapporti. Contemporaneamente, si impiegano giochi didattici per la rappresentazione spontanea del mondo del lavoro e si organizzano visite e testimonianze di imprenditori, attraverso cui sviluppare la conoscenza del mondo del lavoro locale. Un esempio in tal senso è il progetto Impresa didattica, il percorso maggiormente centrato sulla cultura del lavoro, che si propone di far conoscere il sistema delle imprese artigiane attraverso l incontro con l imprenditore in classe e la visita alla sua azienda, facendo lavorare i ragazzi con materiali didattici semistrutturati. Le iniziative di informazione occupano un periodo di tempo relativamente breve, da settembre a gennaio, e coinvolgono anche le famiglie. Questa attività si incentra soprattutto sulla conoscenza dei percorsi scolastici che si potranno scegliere al termine della scuola media. Si organizzano incontri, aperti anche ai genitori, in cui i docenti delle Superiori illustrano le caratteristiche dei propri Istituti. Alcune scuole li attuano in tre mattinate: una per i Licei, una per gli Istituti Professionali, una per gli Istituti Tecnici e i ragazzi, volendo, possono assistere a tutte e tre le presentazioni. Si organizzano, quindi, visite nelle diverse scuole del territorio proseguendo poi, con incontri della durata variabile di 2/4 ore circa, con docenti delle Superiori. Tali incontri, aperti a tutti i ragazzi di Terza Media e ai loro genitori, comprendono la presentazione di una lezione tipo e le potenzialità formative degli Istituti Superiori. In quasi tutte le scuole, inoltre, i ragazzi possono diventare alunni per un giorno partecipando ad alcune lezioni nelle classi delle Scuole Superiori di loro interesse. Le attività di accoglienza, da parte delle Scuole Superiori, prevedono una rivisitazione delle 15

16 lezione per permettere un facile inserimento agli studenti più giovani. In questo modo i ragazzi possono confermare o disdire la scelta iniziale. Viene utilizzato inoltre tantissimo il materiale inviato dalle scuole superiori, che è ben distribuito. Innanzi tutto è dato individualmente ai ragazzi, poi alle classi, dove ci sono cartelloni e cartelle, e a volte si organizza un tavolo per raccogliere il materiale. Con il contributo degli insegnanti i ragazzi leggono in classe diversi materiali informativi sulle Scuole Superiori, tra cui l opuscolo distribuito dalla Provincia. Servizi di Sportello Servizi di sportello, inoltre, sono stati attivati nella maggior parte delle scuole, con una funzione prevalentemente informativa, sono denominati sportello didattico e sono gestiti da insegnanti. A volte sono forniti anche servizi consulenziali, con il contributo di psicologi, come nel caso delle Scuole Panzini- Borghese e Bertola di Rimini che lo hanno attivato con il progetto Servizio di consulenza orientativa gestito da Enaip, o come nel caso della scuola Franchini di Santarcangelo che lo ha attivato con il Comune. Si tratta di servizi che camminano al fianco delle altre attività di orientamento, vengono fruiti anche dai genitori e dai nuclei famigliari, in quanto è in questo contesto in particolare che vengono portati i dubbi e le domande relative al processo di scelta. 16

17 Progetti specifici Tra i progetti specifici di orientamento, realizzati anche con il contributo di esperti esterni, di cui in allegato sono fornite alcune schede descrittive, citiamo: Il Bruco e La farfalla che ha coinvolto le 12 classi della Scuola Alighieri Fermi di Rimini, Il Timone della vita che ha coinvolto 12 classi della Scuola Manfroni Cervi Pascoli di Riccione, Progetto triennale di orientamento a cura della Scuola Broccoli di Morciano che coinvolge tutte le classi di cui 5 terze Impresa Didattica che ha coinvolto 20 classi, rispettivamente 4 della Scuola Panzini di Bellaria, 2 classi della Scuola Alighieri Fermi di Rimini, Scuola Manfroni Cervi Pascoli di Riccione 3 classi, Scuola Pazzini di Verucchio con 5 classi, Scuola Franchini di Santarcangelo con 6 classi. Per non perdere la bussola che ha coinvolto 3 classi della Scuola San Giovanni di San Giovanni in Marignano. Progetto Cooperativa Alter.Op ha coinvolto 5 classi della Scuola Franchini di Santarcangelo Come cerchi nell acqua 5 classi terze della Scuola Marvelli di Rimini, questo progetto coinvolge anche le scuole di Rimini (Bertola, Alighieri- Fermi, Panzini- Borghese e Istituto Comprensivo di Miramare) Specchio mi rifletto e mi riscopro che ha coinvolto 2 classi terze rispettivamente della Scuola F.lli Cervi di Mondaino e della Scuola Albini di Saludecio Monitoraggio e verifica L impianto di monitoraggio e valutazione dell efficacia delle azioni di orientamento più strutturato è quello della Scuola Media Broccoli di Marciano che ha messo a punto un questionario sui seguenti punti che viene somministrato agli ex alunni delle classi terze medie: - il livello di soddisfazione rispetto al percorso orientativo seguito nella scuola media e la corrispondenza alle attitudini, conoscenze e competenze - l utilità del percorso di orientamento svolto - l inserimento nella nuova scuola - eventuali ricorsi ad attività di ri- orientamento Successivamente i dati vengono elaborati e raccolti in una matrice suddivisa per Scuola Superiore. 17

18 Quasi tutte le azioni di orientamento non sono corredate da strumenti di monitoraggio strutturati, in tutte le scuole questo aspetto viene evidenziato come opportunità di sviluppo futuro, la valutazione delle attività si basa sul confronto degli insegnanti, che generalmente in sede di Consiglio di Classe da un anno all altro adattano le modalità e gli strumenti. Le professionalità coinvolte Gli insegnanti referenti dell orientamento sono nella stragrande maggioranza gli insegnanti di Lettere a cui seguono gli insegnanti di Scienze e Matematica. Gli insegnanti coinvolti nell orientamento sono ancora in ordine gli insegnanti di Lettere e poi gli insegnanti di sostegno, nelle classi terze però sono coinvolti tutti gli insegnanti della classe nei processi di orientamento coordinati dall insegnante Referente dell orientamento. Insegnanti referenti orientamento Sostegno 6% Matematica Scienze 18% Lettere 76% Lettere Matematica Scienze Sostegno La formazione degli insegnanti I percorsi di aggiornamento e di formazione sui processi di orientamento sono attivati direttamente dalle scuole. I percorsi di aggiornamento specifici sull orientamento sono stati attivati a carico della Provincia diversi anni indietro, altri si sono svolti fuori dal territorio provinciale. L attività di confronto e di arricchimento professionale degli insegnanti avviene prevalentemente nel momento di avvio dell anno scolastico, nell ambito del Consiglio di Classe. 18

19 Una significativa differenza si evidenzia tra le scuole dei comuni periferici rispetto al comune di Rimini, in quest ultimo infatti sono molto più presenti occasioni di incontro e scambio interscuola. Il consolidamento delle esperienze Rispetto alle informazioni raccolte tutte le scuole sviluppano attività di orientamento da diversi anni le più consolidate sono quelle della Scuola Media Alighieri Fermi di Rimini e la Scuola Media W. Spallanzani di Rimini che svolgono attività di orientamento da oltre 20 anni, sono 6 le Scuole che sviluppano attività di orientamento da oltre 10 anni: Scuola Media Panzini di Bellaria Igea Marina, Scuola Media Franchini di Santarcangelo, Scuola Media Manfroni - Cervi- Pascoli di Riccione, Scuola Media Pazzini di Verucchio, Scuola Media Di Duccio Rimini (Diramare), Scuola Media Panzini Borghese di Rimini, Scuola. Mentre le altre scuole svolgono attività di orientamento per un periodo dichiarato fra 4 a 8 anni, la Scuola Media Marvelli di Rimini ha attivato iniziative negli ultimi 3 anni. 19

20 Conclusioni I punti di forza e le criticità Tutte le scuole hanno attivato e consolidato progetti ed attività di orientamento capitalizzando le risorse e le competenze maturate nel tempo. Hanno mirato alla continuità come strategia dell intero processo nel ciclo di studio. In Terza media è considerato di notevole efficacia il progetto Open day, reso fruibile per l impegno organizzativo delle Scuole. Grazie ad esso i ragazzi delle scuole medie partecipano per un giorno alle lezioni nelle prime classi delle Scuole Superiori. Le attività e le risorse per ragazzi diversamente abili sono ritenute adeguate al bisogno, tali azioni si sono consolidate negli anni apportando molti miglioramenti con uniformità di interventi sul territorio e con un presidio degli enti pubblici preposti. La situazione presentata dalle scuole come più critica e deficitaria è quella riguardante i ragazzi stranieri, i quali vengono inseriti nei gruppi classe a percorso scolastico avviato durante tutto l arco dell anno, con forti difficoltà sia per i ragazzi che hanno difficoltà di inserimento, sia per la struttura scolastica ospitante che deve mettere a disposizione strumenti, competenze e risorse adeguate. Le scuole hanno consolidato i rapporti con altri soggetti sul territorio per la realizzazione di progetti di orientamento nelle classi terze, in generale collaborano in modo prevalente con la Provincia per l organizzazione di incontri con le famiglie, per il materiale informativo e per progetti di diritto allo studio. La collaborazione con gli altri enti locali riguarda i progetti di Educazione Ambientale, Alimentare, Stradale. In alcune scuole il rapporto con il Comune si concretizza attraverso piccoli finanziamenti per la realizzazione di piccoli progetti di orientamento (è il caso di Verucchio, Bellaria Igea Marina, Riccione, Santarcangelo). In alternativa la collaborazione si realizza attraverso la messa a disposizione di risorse professionali qualificate, è il caso ad esempio di Santarcangelo e di Cattolica con la messa in opera di attività di sportello. Il distretto scolastico interviene in taluni casi con lo stesso tipo di interventi dei comuni. I soggetti esterni che hanno collaborato con le scuole per attività di orientamento, nell anno , sono la Cooperativa Sociale Alter.Op costituita da psicologi, BuonLavoro CNA con Ecipar, Enaip. Emergono tuttavia delle criticità che rimandano ad una visione di prospettiva dei servizi di orientamento nella scuola: non emerge, infatti, una regia uniforme, una rete reale di 20

Il RUOLO DELLA SECONDARIA II

Il RUOLO DELLA SECONDARIA II Orientamento per il successo scolastico e formativo Il RUOLO DELLA SECONDARIA II seconda parte 2011/2012 ruolo orientativo della secondaria II una scuola che ha un RUOLO DI REGIA Sostiene i propri studenti

Dettagli

OGGETTO: Linee guida Progetto PERCORSO DI ORIENTAMENTO in collaborazione con la FS Prof. Sergio.

OGGETTO: Linee guida Progetto PERCORSO DI ORIENTAMENTO in collaborazione con la FS Prof. Sergio. Distretto Scolastico N 53 Nocera Inferiore (SA) Prot. n. 1676 C/2 Nocera Superiore,18/10/2012 A tutti i docenti All attenzione della prof. Sergio FS di riferimento All attenzione di tutti i genitori Tramite

Dettagli

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO Prof. Paola Perrone PREMESSA Nell attuale contesto storico, che ha acquisito la tematica europea dell orientamento lungo

Dettagli

FUNZIONE STRUMENTALE ORIENTAMENTO PROGETTO

FUNZIONE STRUMENTALE ORIENTAMENTO PROGETTO Istituto Comprensivo Casale 1 Anna D Alençon Scuola Secondaria di 1 grado Andrea Trevigi Anno Scolastico 2014 / 2015 FUNZIONE STRUMENTALE ORIENTAMENTO PROGETTO FINALITA Nel corso degli ultimi anni il tema

Dettagli

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA mediante momenti di raccordo pedagogico, curriculare e organizzativo fra i tre ordini di scuola, promuove la continuità del processo educativo, condizione essenziale per

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ. Anno scolastico 2015/2016. Docente referente: Franzosi Flavia

PROGETTO CONTINUITÀ. Anno scolastico 2015/2016. Docente referente: Franzosi Flavia PROGETTO CONTINUITÀ Anno scolastico 2015/2016 Docente referente: Franzosi Flavia PREMESSA Motivazione del Progetto La continuità nasce dall'esigenza primaria di garantire il diritto dell'alunno a un percorso

Dettagli

PROGETTO CONTINUITA' ORIENTAMENTO

PROGETTO CONTINUITA' ORIENTAMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO G.GALILEI Scuola dell infanzia, primaria, secondaria di primo grado VIA CAPPELLA ARIENZO TEL. 0823/755441 FAX 0823-805491 e-mail ceee08200n@istruzione.it C.M. CEIC848004 Sito web www.scuolarienzo.it

Dettagli

PROGETTO ORIENTAMENTO SCEGLIERE CONOSCENDOSI E CONOSCERE PER SCEGLIERE

PROGETTO ORIENTAMENTO SCEGLIERE CONOSCENDOSI E CONOSCERE PER SCEGLIERE PROGETTO ORIENTAMENTO SCEGLIERE CONOSCENDOSI E CONOSCERE PER SCEGLIERE 1 DENOMINAZIONE PROGETTO Scegliere conoscendosi e conoscere per scegliere COLLOCAZIONE DEL PROGETTO Parte integrante del PTOF. Livelli

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA Allegato 4 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA IL protocollo d accoglienza è un documento deliberato dal Collegio Docenti che contiene principi, indicazioni riguardanti l iscrizione

Dettagli

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro 1 Laboratorio della conoscenza: scuola e lavoro due culture a confronto per la formazione 14 Novembre 2015 Alternanza scuola e lavoro

Dettagli

1) Orientarsi nella scuola, conoscenza di spazi e persona della scuola secondaria

1) Orientarsi nella scuola, conoscenza di spazi e persona della scuola secondaria PROGETTO ORIENTAMENTO La scuola secondaria di primo grado è per sua finalità orientativa in quanto favorisce l iniziativa del soggetto per il proprio sviluppo e lo pone in condizione di conquistare la

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ - ORIENTAMENTO

PROGETTO CONTINUITÀ - ORIENTAMENTO PROGETTO CONTINUITÀ - ORIENTAMENTO Il progetto nasce dall' esigenza di garantire all'alunno un percorso formativo organico e completo, cercando di prevenire eventuali difficoltà che potrebbero insorgere

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE FINALITA Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è un documento che nasce da una più dettagliata esigenza d informazione relativamente all

Dettagli

Orientamento scolastico e partnership dei genitori

Orientamento scolastico e partnership dei genitori Orientamento scolastico e partnership dei genitori Progetto di Ricerca per l Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio nelle scuole secondarie di primo grado Prof. Antonio Cocozza Responsabile scientifico

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI E TURISTICI "L. EINAUDI"

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI E TURISTICI L. EINAUDI PROPOSTA ATTIVITA A.S. 2008-09 M1/PA08 CURRICOLARE EXTRACURRICOLARE ALTRO Titolo del Progetto Accoglienza- Alfabetizzazione,- Educazione interculturale Responsabile del Progetto Prof. ssa Colombo Lidia

Dettagli

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità Istituto Comprensivo Statale Lorenzo Bartolini di Vaiano Piano dell Offerta Formativa Scheda di progetto Progetto 5 Formazione, discipline e continuità I momenti dedicati all aggiornamento e all autoaggiornamento

Dettagli

Piano scolastico di orientamento a.s. 2014/2015

Piano scolastico di orientamento a.s. 2014/2015 I S T I T U T O O M N I C O M P R E N S I V O SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO E LICEO SCIENTIFICO Via Cupello n.2-86047 Santa Croce di Magliano (CB) Tel 0874728014 Fax 0874729822

Dettagli

OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2014-2015. Scuola secondaria primo e secondo grado

OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2014-2015. Scuola secondaria primo e secondo grado OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2014-2015 Scuola secondaria primo e secondo grado ORIENTARE è Porre l individuo in grado di prendere coscienza di sé e progredire con i suoi studi e la sua professione,

Dettagli

LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO

LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO ANNO SCOLASTICO 2014 2015 LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO Un ponte per unire: in viaggio con Ulisse SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA- SCUOLA PRIMARIA - SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Venite

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI

ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA PROGETTO SPAZIO D ASCOLTO PSICOLOGICO PER ALLIEVI E FAMIGLIE E SUPPORTO ALLE DINAMICHE PONTE NEL CONTESTO SCOLASTICO Insegnante Valeria Sassu ISTITUTO

Dettagli

Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.9 ANNO SCOLASTICO 2015/2016

Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.9 ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.9 PROGETTO CONTINUITÀ INCONTRARSI A SCUOLA DOCENTI: scuola Primaria e Secondaria di Primo Grado DESTINATARI: ALUNNI/E CLASSI 5^ SCUOLA PRIMARIA - 1^ - AMBIENTI, FATTI,

Dettagli

Conoscere se stessi e l altro

Conoscere se stessi e l altro Conoscere se stessi e l altro Progetto Orientamento Anno scolastico 2014/2015 I S T I T U TO CO M P R E N S I V O S TATA L E Q U A R T U C C I U Via Ales - 09044 QUARTUCCIU (CA) Tel 070/845068 fax 070/85954410-070/852811

Dettagli

2 FINALITA FORMATIVE DELLA SCUOLA PRIMARIA

2 FINALITA FORMATIVE DELLA SCUOLA PRIMARIA 2 FINALITA FORMATIVE DELLA SCUOLA PRIMARIA Il nostro impianto educativo vuol porre al centro la ricerca del sé nella scoperta della necessità dell altro. Noi siamo tutti gli altri che abbiamo incontrato

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO PIANO DI MIGLIORAMENTO Premessa Nel mese di settembre 2015 si è conclusa la fase di autovalutazione di Istituto con la pubblicazione del Rapporto di Autovalutazione consultabile sul sito dell Istituto

Dettagli

SCHEDA DEL PROGETTO N 07

SCHEDA DEL PROGETTO N 07 Allegato 2 PROGETTI MIGLIORATIVI DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2013/2014 CIRCOSCRIZIONE CONSOLARE: MADRID Scuola/iniziative scolastiche: SCUOLA STATALE ITALIANA DI MADRID SCHEDA DEL PROGETTO N

Dettagli

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE CURRICOLO Il Curricolo è il complesso organizzato delle esperienze di apprendimento che una scuola intenzionalmente progetta e realizza per gli alunni al fine di conseguire le mete formative desiderate.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA dell INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA di PRIMO GRADO BORGO TOSSIGNANO

ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA dell INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA di PRIMO GRADO BORGO TOSSIGNANO ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA dell INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA di PRIMO GRADO BORGO TOSSIGNANO RESPONSABILE DEL PIANO La Dirigente scolastica Grassi Grazia RIELABORAZIONE DEL PIANO Dall Osso Silvia

Dettagli

Progetto Non uno di meno per l integrazione positiva delle ragazze e dei ragazzi immigrati

Progetto Non uno di meno per l integrazione positiva delle ragazze e dei ragazzi immigrati Ministero della Pubblica Istruzione Osservatorio nazionale per l integrazione degli alunni stranieri e per l educazione interculturale Progetto Non uno di meno per l integrazione positiva delle ragazze

Dettagli

Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.11 ANNO SCOLASTICO 2014/2015

Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.11 ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.11 PROGETTO CONTINUITÀ EROI CHE PASSANO, EROI CHE RESTANO DOCENTI: scuola Primaria e Secondaria di Primo Grado DESTINATARI: ALUNNI/E CLASSI 5^ SCUOLA PRIMARIA - 1^ 1.

Dettagli

Orientamento in uscita - Università

Orientamento in uscita - Università ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE G. FALCONE - ASOLA (MN) Orientamento in uscita - Università prof. Ruggero Remaforte A.S.. 2012/2013 Premettendo che per orientare bisogna attivare non solo strumenti ma anche

Dettagli

A più voci contro la dispersione scolastica

A più voci contro la dispersione scolastica A più voci contro la dispersione scolastica 1. Contesto dell intervento Abbandoni, interruzioni formalizzate, frequenze irregolari, ripetenze, ritardi : hanno nomi diversi le disfunzioni che caratterizzano

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso FINALITA Il presente documento contiene criteri, principi e indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche per un ottimale inserimento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA Scuola Primaria Anno scolastico 2013/2014 Il Collegio dei Docenti della Scuola Primaria dell Istituto Comprensivo di Balangero condivide

Dettagli

proporre iniziative comuni per realizzare la continuità attraverso le fasi dell accoglienza e la formazione delle classi iniziali;

proporre iniziative comuni per realizzare la continuità attraverso le fasi dell accoglienza e la formazione delle classi iniziali; CONTINUITA' Il concetto di continuità nella scienza educativa, si riferisce a uno sviluppo e a una crescita dell individuo che si realizza senza macroscopici salti o incidenti. La continuità nasce dall

Dettagli

AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO

AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO Premessa La scuola,oggi, trova la sua ragione di essere nell assicurare ad ogni alunno il successo formativo, inteso come piena formazione della persona umana nel rispetto

Dettagli

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Corso Serale I.G.E.A. LA FORMAZIONE TRA SCUOLA ED AZIENDA ANNO SCOLASTICO 2010 2011 DIRIGENTE SCOLASTICO : Dott.ssa ADDOLORATA BRAMATO RESPONSABILE DEL PROGETTO :Prof.ssa LOREDANA CAROPPO REFERENTE SCUOLA

Dettagli

La Fase 2 del Progetto Valutazione e Miglioramento

La Fase 2 del Progetto Valutazione e Miglioramento Progetto Valutazione e Miglioramento Strumenti per valutare le scuole Seminario con gli osservatori 21 25 marzo 2011 Radisson Blu Hotel Roma La Fase 2 del Progetto Valutazione e Miglioramento Il Progetto

Dettagli

Scuola I.I.S. DON MILANI MONTICHIARI a.s. 2015 2016. Piano Annuale per l Inclusione

Scuola I.I.S. DON MILANI MONTICHIARI a.s. 2015 2016. Piano Annuale per l Inclusione Scuola I.I.S. DON MILANI MONTICHIARI a.s. 2015 2016 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI FINALITÀ Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è una guida dettagliata d informazione riguardante l integrazione degli alunni

Dettagli

Sintesi del Piano dell Offerta Formativa

Sintesi del Piano dell Offerta Formativa Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale «ALESSANDRO VOLTA» Sintesi del Piano dell Offerta Formativa SCUOLA PRIMARIA Dirigente Scolastico Prof. Incoronata

Dettagli

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività)

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) I dati si riferiscono all anno scolastico 2014/2015 Approvato nel Collegio dei Docenti del 12 giugno 2015 Gli alunni certificati in base alla Legge 104/1992 Tabella

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ. Istituto Compresivo Rita Levi-Montalcini. Una scuola da scoprire e da vivere

PROGETTO CONTINUITÀ. Istituto Compresivo Rita Levi-Montalcini. Una scuola da scoprire e da vivere PROGETTO CONTINUITÀ Istituto Compresivo Rita Levi-Montalcini [Plesso di Arbostella, Plesso di Fuorni, Plesso di Mariconda, Plesso di Mercatello] Una scuola da scoprire e da vivere icritalevimontalcini.gov.it

Dettagli

PROGETTO D ISTITUTO: IN CONTINUITA SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA. Anno scolastico 2015/2016

PROGETTO D ISTITUTO: IN CONTINUITA SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA. Anno scolastico 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CESALPINO PROGETTO D ISTITUTO: IN CONTINUITA SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2015/2016 MOTIVAZIONE La continuità didattica è parte determinante del processo

Dettagli

a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga,

a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga, PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga, fertile in avventure e in esperienze.... Sempre devi avere in mente Itaca raggiungerla

Dettagli

Progetto. A.S. 2015/2016 Scuola secondaria di primo grado. Sedi di Simaxis, Solarussa, Ollastra, Villaurbana e Zerfaliu

Progetto. A.S. 2015/2016 Scuola secondaria di primo grado. Sedi di Simaxis, Solarussa, Ollastra, Villaurbana e Zerfaliu ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SIMAXIS -VILLAURBANA DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO VIA ROMA, 2-09088 SIMAXIS (OR) - Tel. 0783 405013/Fax 0783 406452 C.F. 80005050952 - E-Mail

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE 2

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE 2 (Allegato 1) SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE ENTE Ente proponente il progetto: COMUNE DI ITTIRI CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: GIOVANI AL

Dettagli

Progetto Educativo d Istituto

Progetto Educativo d Istituto LICEO SCIENTIFICO Paritario LICEO delle SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Paritario ISAAC NEWTON Progetto Educativo d Istituto P.E.I. A.S. 2014/2015 0 INDICE 1. Introduzione. pag. 2 2. Finalità e

Dettagli

Progetto alunni stranieri accoglienza, integrazione, L2

Progetto alunni stranieri accoglienza, integrazione, L2 Progetto alunni stranieri accoglienza, integrazione, L2 Anno Scolastico 2012/2013 [[[Nessun bambino può essere considerato straniero, laddove ci si occupa di educazione, di trasmissione di valori, di conoscenze

Dettagli

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia gli alunni che i genitori apprezzano: - competenze e

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria RESPONSABILI DEI PROGETTI E DEI CORSI DI FORMAZIONE: dott.ssa Mena Caso (Psicologa, Psicoterapeuta) cell. 32081422223

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO TINOZZI-PASCOLI PESCARA

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO TINOZZI-PASCOLI PESCARA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO TINOZZI-PASCOLI PESCARA PROGETTO CONTINUITÀ EDUCATIVA E DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2007/2008 1) Cosa significa Continuità educativa e didattica La Continuità è un processo

Dettagli

Progetto DopolaScuola Presentazione Esiti 1 fase. Caregivers e percezione del bisogno formativo dei soggetti dagli 11 ai 14 anni. Legnano, 09.10.

Progetto DopolaScuola Presentazione Esiti 1 fase. Caregivers e percezione del bisogno formativo dei soggetti dagli 11 ai 14 anni. Legnano, 09.10. Presentazione Esiti 1 fase Caregivers e percezione del bisogno formativo dei soggetti dagli 11 ai 14 anni Legnano, 09.10.2014 Obiettivi dell'incontro Presentare gli esiti della prima fase di analisi Attivare

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo Studente Ufficio VI

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo Studente Ufficio VI EDUCAZIONE alla SICUREZZA STRADALE Il Progetto Nazionale Il Progetto ha la finalità di educare a comportamenti corretti e responsabili e, in particolare i giovani utenti della strada, ad una guida dei

Dettagli

La Scuola Secondaria di Primo Grado

La Scuola Secondaria di Primo Grado La Scuola Secondaria di Primo Grado È un ambiente educativo sereno, nel quale i ragazzi imparano solide nozioni di base e un efficace metodo di studio, utilizzando le nuove tecnologie, la rete internet

Dettagli

Istituto Comprensivo G. Fanciulli Arrone. PROGETTO CONTINUITA Anno Scolastico 2014/2015

Istituto Comprensivo G. Fanciulli Arrone. PROGETTO CONTINUITA Anno Scolastico 2014/2015 Istituto Comprensivo G. Fanciulli Arrone PROGETTO CONTINUITA Anno Scolastico 2014/2015 PREMESSA La continuità nasce dall esigenza primaria di garantire il diritto dell alunno ad un percorso formativo organico

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI PASIAN DI PRATO Istituzione scolastica dotata di personalità giuridica Decreto del Direttore Generale dell Ufficio Scolastico Regionale del F.V.G. del 25 gennaio 2012 - prot. n.

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA DEGLI STUDENTI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA DEGLI STUDENTI STRANIERI PROTOCOLLO ACCOGLIENZA DEGLI STUDENTI STRANIERI SOMMARIO 1. Premessa 2. Finalità 3. Valutazione 4. Strumenti e risorse 5. Fasi e modalità di lavoro 6. Commissione Accoglienza- Intercultura 7. Piano organico

Dettagli

I Regolamenti - Le Indicazioni Nazionali

I Regolamenti - Le Indicazioni Nazionali Ministero della Pubblica Istruzione Direzione Generale Regionale per la Sicilia Via Fattori, 60 90146 Palermo Prot. n. 184 out del 22.9.2008 Segr. Ispettiva USR Sicilia I Regolamenti - Le Indicazioni Nazionali

Dettagli

U A : La competizione sportiva

U A : La competizione sportiva U A : La competizione sportiva DATI IDENTIFICATIVI Anno scolastico 200 /200 Scuola: secondaria di I grado Destinatari: gruppi di alunni del terzo anno Discipline coinvolte: scienze motorie e sportive,

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

Istituto Comprensivo Via F. BORROMEO VIA F. BORROMEO, 53/57-00168 ROMA TEL./FAX 066281239-066145764. E-Mail: dd25aprile.137circol@libero.

Istituto Comprensivo Via F. BORROMEO VIA F. BORROMEO, 53/57-00168 ROMA TEL./FAX 066281239-066145764. E-Mail: dd25aprile.137circol@libero. Istituto Comprensivo Via F. BORROMEO VIA F. BORROMEO, 53/57-00168 ROMA TEL./FAX 066281239-066145764 E-Mail: dd25aprile.137circol@libero.it Progetto a.s.2013/2014 Funzioni Strumentali Area 3 CONTINUITA

Dettagli

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES.

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES. PROGRAMMA PROVINCIALE FINALIZZATO ALLA SPERIMENTAZIONE DI MODELLI ORGANIZZATIVI INNOVATIVI DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI DI RETE RIVOLTI ALLE PERSONE DISABILI L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART.

Dettagli

Neoassunti 2015/16. BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale. Versione del 09/12/15

Neoassunti 2015/16. BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale. Versione del 09/12/15 Neoassunti 2015/16 BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale Versione del 09/12/15 Sommario Sommario Sommario... 1 Introduzione... 2 La guida per la compilazione del Bilancio di Competenze... 2 A cosa

Dettagli

Ufficio Scolastico Provinciale di Bergamo - Segreteria particolare -

Ufficio Scolastico Provinciale di Bergamo - Segreteria particolare - Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Provinciale di Bergamo - Segreteria particolare - 20 novembre 2008 COMUNICATO STAMPA Alunni disabili, il 28 novembre parliamone

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CENTRO STORICO. www.centrostorico.gov.it

ISTITUTO COMPRENSIVO CENTRO STORICO. www.centrostorico.gov.it ISTITUTO COMPRENSIVO CENTRO STORICO www.centrostorico.gov.it ISTITUTO COMPRENSIVO... Cos è? Un Istituto che riunisce la scuola di base, dai 3 ai 14 anni Un organizzazione educativa che dà continuità alle

Dettagli

Educando nella Provincia di Varese 2012

Educando nella Provincia di Varese 2012 Scheda progetto Educando nella Provincia di Varese 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica comune

Dettagli

PROTOCOLLO CONTINUITA

PROTOCOLLO CONTINUITA PROTOCOLLO CONTINUITA Premessa La Continuità nasce dall esigenza primaria di garantire il diritto del bambino/ragazzo a un percorso formativo organico e completo[ ] a livello psicologico, pedagogico e

Dettagli

Presentazione dei lavori laboratoriali

Presentazione dei lavori laboratoriali Presentazione dei lavori laboratoriali «Progetto NEVERSTOPLEARNING» Istituto Tecnico Tecnologico Statale Alessandro Volta Dott.ssa Raffaella Gentile Psicologa Insegnante organizzazione: gli insegnanti

Dettagli

PIANO DI ORIENTAMENTO Promuovere le scelte U.S.R per l Umbria A.s. 2010/2011

PIANO DI ORIENTAMENTO Promuovere le scelte U.S.R per l Umbria A.s. 2010/2011 PIANO DI ORIENTAMENTO Promuovere le scelte U.S.R per l Umbria A.s. 2010/2011 Il Piano di orientamento dell U.S.R. dell Umbria Promuovere le scelte è rivolto ai docenti della scuola secondaria di I grado

Dettagli

La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio

La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio COMUNE DI MASSA Assessorato Turismo, Cultura, Pubblica Istruzione e Gemellaggi La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio COMUNE DI MASSA

Dettagli

PROGETTO RACCORDO SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO RACCORDO SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO RACCORDO SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA FINALITÀ Creare le condizioni ed i presupposti per un sereno passaggio dei bambini dalla Scuola dell Infanzia alla scuola primaria, con particolare

Dettagli

PROGETTI DI AMPLEMENTO DELL'OFFERTA DIDATTICA a.s. 2015-16

PROGETTI DI AMPLEMENTO DELL'OFFERTA DIDATTICA a.s. 2015-16 PROGETTI DI AMPLEMENTO DELL'OFFERTA DIDATTICA a.s. 2015-16 Progetto Descrizione Destinatari Valorizzazione della matematica Coinvolge tutto L Istituto; in particolare vede coinvolte le classi V^ della

Dettagli

L istituto comprensivo include : quattro scuole dell infanzia due plessi di scuola primaria la scuola secondaria di primo grado.

L istituto comprensivo include : quattro scuole dell infanzia due plessi di scuola primaria la scuola secondaria di primo grado. Offerta formativa L istituto comprensivo include : quattro scuole dell infanzia due plessi di scuola primaria la scuola secondaria di primo grado Vi operano Il dirigente scolastico La collaboratrice del

Dettagli

SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO

SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO AUTOANALISI D ISTITUTO SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO RAV A partire dal corrente anno scolastico tutte le scuole del Sistema Nazionale di Istruzione, statali e paritarie,

Dettagli

Orario p.m. Tot. ore settimanali Scuola dell Infanzia 8.00-16.00 Dal LUN. al VEN. 40h. Primaria Rodari 8.30-16.30 Dal LUN. al VEN.

Orario p.m. Tot. ore settimanali Scuola dell Infanzia 8.00-16.00 Dal LUN. al VEN. 40h. Primaria Rodari 8.30-16.30 Dal LUN. al VEN. L I.C. è composto dai seguenti plessi: 1 Scuola dell Infanzia San Francesco 4 Scuole primarie: De Amicis, Pasini, Pertile, Rodari 1 Scuola Secondaria di 1 grado Mainardi Orario scolastico a.s. 2015/16

Dettagli

PROGETTO DI TIROCINIO PER GLI STUDENTI DEI TFA. Motivazioni e criteri di riferimento

PROGETTO DI TIROCINIO PER GLI STUDENTI DEI TFA. Motivazioni e criteri di riferimento 1 PROGETTO DI TIROCINIO PER GLI STUDENTI DEI TFA Motivazioni e criteri di riferimento La formazione completa degli insegnanti sul piano universitario rimanda alla necessità di tenere presente che nel definire

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLEGATA AL PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLEGATA AL PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLEGATA AL PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015 Il programma annuale è direttamente raccordato al Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) e traduce, in

Dettagli

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 1 via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA CHE COS E IL

Dettagli

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo 2003, n.53 Criteri e procedure per la certificazione

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA. tra L UNIONE TERRE D ARGINE, I COMUNI DI CAMPOGALLIANO, CARPI, NOVI DI MODENA E SOLIERA

PROTOCOLLO D'INTESA. tra L UNIONE TERRE D ARGINE, I COMUNI DI CAMPOGALLIANO, CARPI, NOVI DI MODENA E SOLIERA PROTOCOLLO D'INTESA RELATIVO AL SERVIZIO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO- CULTURALE NEGLI ISTITUTI COMPRENSIVI E DIREZIONI DIDATTICHE DELL UNIONE TERRE D ARGINE tra L UNIONE TERRE D ARGINE, I COMUNI DI CAMPOGALLIANO,

Dettagli

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica Progetto Educazione alla salute e psicologia scolastica Il progetto di psicologia scolastica denominato Lo sportello delle domande viene attuato nella nostra scuola da sei anni. L educazione è certamente

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO V.O.CENCELLI SABAUDIA RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE

ISTITUTO COMPRENSIVO V.O.CENCELLI SABAUDIA RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE ISTITUTO COMPRENSIVO V.O.CENCELLI SABAUDIA RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE Ferraro Adele Anno Scolastico 2013 2014 ATTIVITA di Continuità educativo - didattica Accoglienza PROGETTO Conoscere per

Dettagli

I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca

I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca ANALISI ESPERIENZE PREGRESSE (da compilare on line entro il 30 marzo 2008) I CARE Imparare Comunicare Agire

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Per la realizzazione dall anno scolastico 2003/2004

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO Il progetto teatro nasce dalla necessità di avvicinare gli alunni al mondo teatrale perché

Dettagli

LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016

LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016 LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016 LA DIMENSIONE DEL BISOGNO: COMUNICAZIONE E DIVERSITÀ Motivazione dell idea progettuale Il nostro Istituto

Dettagli

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento L'a.s. 2013/14 oltre alla realizzazione della fase di, è stato dedicato all'avvio e al proseguimento di azioni di Miglioramento

Dettagli

Educando nelle Province di Bergamo e Brescia

Educando nelle Province di Bergamo e Brescia Scheda progetto Educando nelle Province di Bergamo e Brescia Il progetto si sviluppa in otto comuni delle province di Bergamo e Brescia. OBIETTIVI GENERALI La realizzazione del progetto si pone i seguenti

Dettagli

Come caratterizzare la comunità educante di un istituto: il protocollo di accoglienza per gli allievi con DSA. Luigi Oliva Liceo classico C.

Come caratterizzare la comunità educante di un istituto: il protocollo di accoglienza per gli allievi con DSA. Luigi Oliva Liceo classico C. Come caratterizzare la comunità educante di un istituto: il protocollo di accoglienza per gli allievi con DSA Luigi Oliva Liceo classico C. Colombo Va tenuto in debito conto il fatto che gli studenti con

Dettagli

Gruppo di lavoro genitori

Gruppo di lavoro genitori Onlus Gruppo di lavoro genitori PREMESSA Noi genitori, consapevoli di quanto sia impegnativo occuparsi dei nostri figli sotto il profilo educativo ed assistenziale, mettiamo a disposizione della scuola

Dettagli

ALLEGATO B. Nel corso degli anni il monitoraggio ha previsto nelle diverse annualità:

ALLEGATO B. Nel corso degli anni il monitoraggio ha previsto nelle diverse annualità: ALLEGATO B Il modello di monitoraggio Il gruppo di Progetto di PQM, nell anno scolastico 2010-2011 ha costituito un gruppo di lavoro tecnico composto dal gruppo di progetto stesso e dai ricercatori dei

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO Il Centro di Psicoterapia e Psicologia Clinica è un Associazione Professionale di psicoterapeuti di formazione psicoanalitica e di psicologi clinici che opera nell ambito

Dettagli

RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI

RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI INTEGRAZIONE, ORIENTAMENTO E BUONE PRASSI RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI L iscrizione degli alunni con certificazione L.104

Dettagli

Incontriamoci a scuola

Incontriamoci a scuola a.s. 2014-2015 I. C. via Ferraironi Roma PROGETTO DI PSICOLOGIA SCOLASTICA Incontriamoci a scuola progetto vincitore bando Regione Lazio Promozione di nuove frontiere per l integrazione sociale Premessa

Dettagli

I.C. FUTURA SCUOLA PRIMARIA

I.C. FUTURA SCUOLA PRIMARIA I.C. FUTURA SCUOLA PRIMARIA FINALITÀ TRASVERSALI Sviluppa autostima Sviluppa competenze disciplinari e trasversali Impara a cooperare e vivere in gruppo Impara a superare ansie e difficoltà Impara a conoscere

Dettagli

Scuola Istituto Comprensivo via A.Moro Buccinasco a.s.2015/2016 Piano Annuale per l Inclusione

Scuola Istituto Comprensivo via A.Moro Buccinasco a.s.2015/2016 Piano Annuale per l Inclusione Scuola Istituto Comprensivo via A.Moro Buccinasco a.s.2015/2016 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti 2014/2015: n 1. disabilità

Dettagli