IL MONDO A SCUOLA PERCORSI DIDATTICI PER LE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL MONDO A SCUOLA PERCORSI DIDATTICI PER LE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE"

Transcript

1 IL MONDO A SCUOLA PERCORSI DIDATTICI PER LE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE

2 indice Il commercio equo e solidale nel Tigullio 3 Note ai percorsi & altre proposte 4 Intercultura note generali 5 Tutto in un gioco 5 Suoni dal mondo 6 Un mondo di fiabe 6 Con gli occhi degli altri 7 Per mano di donna 8 Il commercio equo e solidale note generali 9 Il viaggio del chicco di cacao 10 Cosa si mangia oggi? 10 Ho la stoffa giusta 11 Trade not aid 12 Fiori e diritti 13 Localizzati/globalizzati 13 Diritto e convivenza civile note generali 15 Diritti per tutti 15 Le guerre dimenticate 16 Inform-attori 17 Semi di legalità 17 Ambiente note generali 19 Che tempo fa 19 Acqua in bocca 20 Metodologia 21

3 Zucchero Amaro, il commercio equo e solidale nel Tigullio Il commercio equo e solidale è un modello di cooperazione in ternazionale che offre un alternativa concreta ai meccanismi di sfruttamento nel Sud del mondo. Consiste nell instaurare rap porti commerciali diretti e stabili con piccole organizzazioni di produttori dei paesi più poveri del mondo, che prevedono: salari e condizioni di lavoro dignitosi produzioni eco-compatibili pagamento anticipato fino al 50% dell importo finanziamento di progetti sociali delle comunità dei produttori coinvolti prezzo equo e concordato con i produttori L attività commerciale è accompagnata e rafforzata da un in tensa attività di sensibilizzazione per la promozione di un eco nomia di giustizia e solidarietà. Zucchero Amaro, realtà radicata nel Tigullio da più di 15 anni, proprio in questa direzione è da sempre pronta a creare sinergie con le realtà locali che come lei credono che un altro mondo è possibile. La scuola è uno degli ambiti privilegiati: è con l educazione alla mondialità, al rispetto dei diritti e della dignità umana che si creano i presupposti per una società multietnica e tollerante. È con il dialogo e con l ascolto dei giovani e attraverso l esem pio di pratiche altre di economia e di convivialità che si tra smettono valori quali la solidarietà e la giustizia. I percorsi educativi proposti vogliono pertanto essere sia strumento di conoscenza e comprensione della realtà sia stimolo per iniziare ad agire il cambiamento. 3

4 Note ai percorsi didattici e altre proposte I percorsi didattici proposti in questa pubblicazione e suddivisi per tematiche possono essere modificati sia nella durata sia parzialmente nei contenuti qualora richiesto preventivamente. È possibile, inoltre, richiedere interventi su argomenti non previsti dai vari percorsi, a patto che siano tematiche inerenti o affini l'attività di Zucchero Amaro. Tutti i materiali prodotti o utilizzati durante le attività, verranno lasciati alla classe. Zucchero Amaro propone altre possibili collaborazioni con il mondo della scuola: fornitura di supporti didattici (cartine geografiche, libri, testi utili per l aggiornamento ) fornitura di prodotti alimentari (inserimento prodotti distributori automatici, inserimento prodotti nei menù delle mense, fornitura di macchinette caffè e relative cialde) proposte di gemellaggi con produttori di commercio equo del Sud del mondo disponibilità per organizzazione di momenti ludici o altri eventi scolastici. Per ulteriori informazioni: Arianna Solari Zucchero Amaro Via Entella Chiavari (Ge) /

5 intercultura Ci sono amici e nemici, e poi ci sono gli stranieri (Zygmunt Bauman) I percorsi proposti hanno come obiettivo la riflessione sul concetto di straniero ed immigrato, alla scoperta degli stereotipi e della situazione reale delle nostre città, ma soprattutto alla scoperta dell Altro. Partendo dalla conoscenza del sé e della propria cultura rifletteremo sull accoglienza, sulla tolleranza e sulla diversità. Cercheremo di valorizzare le differenze e far emergere quei pregiudizi che ci impediscono, ad un primo impatto, di guardare al di là della cultura altra per scoprire l umanità che si cela dietro: volti, storie, vissuti unici ed irripetibili. I percorsi proveranno a stimolare la curiosità, aumentare la conoscenza ed il tempo dedicato all ascolto dell altro partendo anche semplicemente da elementi che ci accomunano ma, allo stesso tempo, ci rendono così diversi quali fiabe, musica, giochi tra storie di emigrazione ed immigrazione che hanno caratterizzato la vita del nostro Paese. tutto in un gioco Un panorama sui giochi lontani e vicini, tecnologici o poveri, sulla fantasia, sull arte di arrangiarsi e di divertirsi. Destinatari: classi della scuola dell infanzia e della scuola primaria 5

6 consapevolezza dell importanza del gioco come veicolo di valori quali il rispetto delle regole consapevolezza dell uguaglianza dei bambini pur nella diversità della loro quotidianità conoscenza dei modi di divertirsi nel mondo e nel tempo riflessione sul diritto al gioco Note: Secondo la disponibilità della compagnia teatrale "Teatro velato" è possibile anche la rappresentazione dello spettacolo Stracci e stracci con costi da concordare. i suoni del mondo Percorso tra i suoni del mondo e la conoscenza dei modi differenti di fare musica, approfondendone la geografia. Destinatari: classi della scuola dell infanzia e della scuola primaria conoscenza, attraverso la musica, delle diverse culture conoscenza di strumenti musicali differenti a seconda del luogo di origine e del materiale di costruzione educazione all ascolto di musiche e strumenti altri valorizzazione del riciclo di materiali e stimolo della fantasia e della creatività per trasformarli in strumenti capaci di produrre musica un mondo di fiabe Un percorso sensoriale in cui si fondono suoni, immagini, parole, gesti e movimenti attraverso i quali magicamente - conoscere e capire gli altri popoli, partendo dalla fiaba, spunto per un educazione ai valori e punto di incontro tra mondi lontani. Destinatari: classi della scuola dell infanzia e della scuola primaria 6

7 conoscenza delle culture diverse riconoscere la diversità come ricchezza imparare ad utilizzare tutti i sensi per l apprendimento scoperta del mondo delle fiabe e le loro caratteristiche Note: Secondo la disponibilità della compagnia teatrale "Teatro velato" è possibile anche la rappresentazione dello spettacolo Quasi una favola con costi da concordare. con gli occhi degli altri Riflessione sul concetto di straniero e immigrato, alla scoperta degli stereotipi e dei pregiudizi per riscoprire il gusto della curiosità e dell interesse per ciò che non si conosce. Destinatari: dalla classe 3 alla 5 della scuola primaria, classi della scuola secondaria di primo e secondo grado conoscenza del sé e della propria cultura sviluppo della capacità di calarsi nei panni dell altro assumere capacità di incontro e comunicazione con l altro scoprire punti d incontro riflettere sui concetti di tolleranza ed accoglienza riflessione sulla presenza di cittadini stranieri nelle nostre città Note: Per la scuola secondaria il percorso può concentrasi od approfondire diversi elementi: la storia italiana tra emigrazione ed immigrazione l identità culturale delle seconde generazioni di stranieri residenti sul nostro territorio il ruolo preminente della donna nel fenomeno migratorio la presenza di cittadini stranieri nelle nostre città e la convivenza più o meno facile di culture differenti immigrazione=criminalità? 7

8 Proposte ulteriori ed approfondimenti: Se la classe fosse interessata in un terzo appuntamento o in parte del secondo può essere organizzato un incontro/intervista per ascoltare la testimonianza di un cittadino immigrato del Gruppo Migrantes della Caritas Diocesana di Chiavari oppure si può visitare il Centro d Ascolto più vicino alla scuola o l ufficio della Caritas per capire qual è la condizione di vita degli stranieri e quali sono i progetti e gli ambiti di intervento sul nostro territorio. per mano di donna Viaggio nel mondo femminile, alla ricerca di costumi e visioni che riguardano il ruolo della donna nella società, ma soprattutto per mettersi in ascolto di voci, troppe volte silenziose, che ci parlano di un rapporto intimo e unico con la realtà. Destinatari: classi della scuola secondaria di primo e secondo grado riflessione sugli stereotipi sul rapporto uomo/donna che ci propongono i mass media conoscenza della condizione della donna nel mondo riflessione sul ruolo della donna valorizzazione della ricchezza che si trova nelle differenze riflessione sui diritti delle donne conoscenza di culture diverse attraverso gli occhi delle donne Proposte ulteriori ed approfondimenti: Se la classe fosse interessata in un terzo appuntamento o in parte del secondo può essere organizzato un incontro/intervista per ascoltare la testimonianza di una donna del Gruppo Migrantes della Caritas Diocesana di Chiavari. 8

9 commercio equo e solidale ed economia La principale speranza di armonia nel nostro tormentato mondo risiede nella pluralità delle nostre identità, che si intrecciano l una con l altra e sono refrattarie a divisioni drastiche lungo linee di confine invalicabili a cui non si può opporre resistenza. (Amartya Sen) Cosa vuol dire realmente commercio? Cosa c è dietro la mia maglietta, il cioccolato che mangio o i fiori che regalo alla mamma? I percorsi di quest area riguardano la nostra vita di tutti i giorni a partire da ciò che consumiamo, compriamo, ma di cui sappiamo poco o niente. Le proposte sono viaggi a ritroso per ricostruire le filiere, per scoprire quali volti hanno faticato per produrre ciò che noi indossiamo/mangiamo, quali tradizioni, leggende, culture ci racconta l aroma di un chicco di caffè o il colore intenso di qualche spezia. Cercheremo di riflettere su quali conseguenze hanno le nostre azioni per sapere se davvero un altro mondo è possibile e quale può essere la nostra parte nel cambiamento. Il Commercio Equo e Solidale è un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove giustizia sociale ed economica, sviluppo sostenibile, rispetto per le persone e per l ambiente, attraverso il commercio, la crescita della consapevolezza dei consumatori, l educazione, l informazione e l azione politica. Il Commercio Equo e Solidale è una relazione paritaria fra tutti i soggetti coinvolti nella catena di commercializzazione: dai produttori ai consumatori. (Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale, art.1) 9

10 il viaggio del chicco di cacao In viaggio con il chicco di cacao, dalla pianta al quadretto di cioccolato. Un percorso tra leggenda ed assaggi per conoscere qualcosa di più sul cibo degli dei. Destinatari: classi della scuola dell infanzia e della scuola primaria conoscenza di storia ed origini del cacao conoscenza del concetto di filiera di un prodotto conoscenza dei principi del commercio equo e solidale imparare ad utilizzare tutti i sensi per l apprendimento cosa si mangia oggi? Vi siete mai chiesti cosa ci sia dietro ad un quadratino di cioccolata o al riso che mangiate? Quali conseguenze a livello ambientale hanno alcune coltivazioni? Un percorso alla scoperta del rapporto che lega Nord e Sud del mondo e dei suoi squilibri. A partire dai prodotti che anche noi mangiamo come caffè, cacao e banane si andrà alla ricerca delle possibili alternative, e di un prodotto davvero buono, per chi lo produce e per chi lo consuma. Destinatari: dalla classe 3 alla 5 della scuola primaria e classi della scuola secondaria di primo e secondo grado conoscenza di alcune delle cause che generano lo squilibrio tra Nord e Sud del mondo, in particolare le dinamiche della produzione e del commercio di alcuni prodotti alimentari consapevolezza delle conseguenze sociali ed ambientali delle scelte di consumo di ciascuno di noi conoscenza dei principi del commercio equo e solidale riflessione sul modo di mangiare e sul suo significato conoscenza del concetto di sovranità alimentare, biodiversità e diritto al cibo 10

11 conoscenza delle cooperative che anche in ambito locale lavorano per una nuova cultura del cibo Note: Secondo la disponibilità della compagnia teatrale "Teatro velato" è possibile anche la rappresentazione dello spettacolo Giovanna a testa in giù con costi da concordare. Il secondo incontro può incentrasi sull approfondimento della filiera di un prodotto in particolare. Per le classi della scuola secondaria altre proposte possono essere: diritto al cibo, biodiversità (con riferimenti alla Rivoluzione Verde indiana), consumo critico. Proposte ulteriori ed approfondimenti: Se la classe fosse interessata in un terzo appuntamento o in parte del secondo può essere organizzato un incontro/intervista per ascoltare la testimonianza di un produttore dell entroterra del Tigullio socio della Cooperativa Agricoltura dell Equo. ho la stoffa giusta Jeans, vestiti e magliette di cotone sono gli abiti più comunemente utilizzati: ma sappiamo da dove viene il cotone e quali problematiche sono legate alla sua produzione? Come funziona la moda? E quanto influenza la nostra vita e le nostre scelte? In viaggio seguendo un filo di cotone per dare un volto alla nostra maglietta. Destinatari: dalla classe 3 alla 5 della scuola primaria e classi della scuola secondaria di primo e secondo grado conoscenza della pianta del cotone ricostruzione della filiera produttiva apprendere, mettendo a frutto la propria creatività, attraverso un esperienza di tessitura consapevolezza sui meccanismi di funzionamento del mondo della moda e dell abbigliamento fornire informazioni sugli aspetti ambientali e sociali connessi alla produzione del cotone, sulle condizioni di vita e di lavoro dei produttori 11

12 presentare alternative per comportamenti individuali a favore di equilibri economici più rispettosi dell uomo e dell ambiente trade not aid Il commercio equo e solidale è una forma di cooperazione internazionale che promuove giustizia sociale ed economica, sviluppo sostenibile, rispetto per le persone e per l ambiente, attraverso il commercio, la crescita della consapevolezza dei consumatori, l educazione, l informazione e l azione politica. È una relazione paritaria tra tutti i soggetti coinvolti nella catena di commercializzazione: produttori, lavoratori, botteghe del mondo, importatori e consumatori. È una possibile soluzione agli squilibri Nord/Sud? È praticabile? Quali risultati ha ottenuto? Viaggio attraverso una via d uscita, tra successi ed insuccessi accompagnati dalle storie di chi fa il commercio equo e solidale. Destinatari: classi della scuola secondaria di primo e secondo grado conoscenza di alcune delle cause che generano lo squilibrio tra Nord e Sud del mondo consapevolezza delle conseguenze sociali ed ambientali delle scelte di consumo di ciascuno di noi conoscenza dei principi del commercio equo e solidale riflessione sul proprio modo di fare la spesa e su cosa significa essere consumatori critici conoscenza delle differenze tra le filiere tradizionali e quelle del commercio equo e solidale Note: Il secondo incontro può incentrasi sull approfondimento di un produttore di commercio equo. Come si diventa produttori, come funziona la relazione con le centrali di importazioni, i controlli e le certificazioni. Proposte ulteriori ed approfondimenti: Se la classe fosse interessata, in un terzo appuntamento o in 12

13 parte del secondo può essere organizzata una visita alla bottega di Zucchero Amaro più vicina alla scuola. fiori e diritti Per tutti il fiore è simbolo della natura, della semplicità e del dono, ma pochi sanno che la produzione dei fiori nel Sud del mondo ha spesso implicazioni ambientali e socioeconomiche molto gravi (danni ambientali, sfruttamento, privazioni e abusi...). Un viaggio alla ricerca del fiore più giusto. Destinatari: classi della scuola secondaria di primo e secondo grado comprensione delle cause che generano squilibri ed ingiustizia negli attuali meccanismi che regolano gli scambi commerciali presentazione della filiera dei fiori e delle alternative per arrivare ad un fiore più giusto conoscenza della realtà delle coltivazioni dei fiori in Kenia e Ecuador localizzati / globalizzati La globalità si costituisce anche nei termini di una particolare spazialità, distinta dal semplice luogo di incontro dei diversi paesi. [ ] La globalizzazione, quindi è come uno spazio diverso, situato in un certo senso al di fuori delle relazioni fra i paesi. (Saskia Sassen) La globalizzazione, ormai, interessa tutti gli ambiti della nostra vita, da ciò che indossiamo o vediamo in televisione, fino alle possibilità di lavoro e alla nostra gestione economica. Questo percorso vuole avvicinare i ragazzi ad una tematica considerata così lontana e difficile, fornendo uno sguardo più globale su quello che accade intorno a noi. Ma soprattutto vuole stimolare una forma di responsabilizzazione verso un mondo che ci appartiene e condividiamo con tanti altri. Destinatari: classi della scuola secondaria di primo e secondo grado 13

14 comprensione del concetto di globalizzazione conoscenza dei principali attori del commercio internazionale conoscenza delle dinamiche di sfruttamento derivate dalla liberalizzazione dei mercati riflessione sulle altre vie Note: Il secondo incontro può incentrasi sull approfondimento e sulla riflessione sulle buone pratiche per uno stile di vita sostenibile: turismo responsabile, consumo critico, uso del tempo, car sharing, finanza solidale, 14

15 diritto e convivenza civile Per l ottimista viviamo nel migliore dei mondi possibili. Il pessimista teme che sia vero (James Branch Cabell) Sempre più spesso di fronte alla quotidianità di atti violenti ed aggressività ci sentiamo impotenti, senza domandarci cosa sta alla base di queste profonde trasformazioni del nostro modo di vivere. Questi percorsi hanno l obiettivo di far percepire ai ragazzi la loro appartenenza alla comunità, legando il concetto di legalità a quello di cittadinanza attiva. Riflettendo su cosa siano diritti e doveri e sul perché in altre parti del mondo siano così facilmente dimenticati. diritti per tutti I diritti umani sono l elemento fondamentale che consente ad ogni persona di vivere con dignità in quanto essere umano. Solo grazie ad essi, infatti, è possibile costruire la libertà, la giustizia, la pace ed è rispettandoli che l individuo e la comunità possono svilupparsi integralmente. Destinatari: dalla classe 3 alla 5 della scuola primaria e classi della scuola secondaria di primo e secondo grado 15

16 conoscenza e comprensione dei diritti umani consapevolezza dell importanza dei diritti umani e della loro difesa conoscenza delle principali leggi o convenzioni sui diritti dell infanzia Note: Il secondo incontro, per le scuole secondarie di primo e secondo grado, può incentrasi sull approfondimento di alcune tematiche legate al fenomeno del lavoro minorile. le guerre dimenticate Una riflessione sul concetto di guerra e un approfondimento sui conflitti in corso, soprattutto quelli dimenticati dai mass media. Come immaginiamo una guerra, cos era in passato e cosa è diventata adesso. Un occasione per capire quali possono essere le cause di un conflitto ma soprattutto le conseguenze sulla vita di un popolo coinvolto a breve e a lungo termine. Il percorso si propone di mostrare la geografia mondiale dei conflitti in corso e di riflettere sul ruolo dell informazione e del cittadino in prima persona rispetto a questa tematica. Si lavorerà sulle varie definizioni del termine guerra, anche partendo dall idea stessa dei ragazzi, e delle classificazioni che sono state operate a seconda delle cause e delle modalità dei conflitti. Destinatari: classi della scuola secondaria di secondo grado conoscenza dello stato attuale del mondo in riferimento ai conflitti in corso conoscenza e riflessione sul concetto di guerra, sulle cause e sulle conseguenze riflessione sul ruolo dell informazione e di ogni cittadino rispetto ai temi trattati riflettere sul concetto di pace e sulla gestione delle situazioni conflittuali Note: Il secondo incontro può incentrasi sull approfondimento di 16

17 uno o più conflitti a scelta dell insegnante o degli alunni. inform-attori In un mondo in cui ci sembra di aver accesso ad ogni tipo di informazione in qualsiasi momento, andiamo alla scoperta del percorso che fanno le notizie. Come vengono costruite? È facile/possibile essere imparziali? Quanto siamo influenzati dall informazione? Ma soprattutto, i canali di informazione che conosciamo sono gli unici validi e di cui possiamo fidarci? I ragazzi verranno stimolati a cercare risposte a questi quesiti anche con un esperienza in prima persona di racconto di una notizia, per acquisire capacità critiche anche nell utilizzo dei mezzi di informazione. Destinatari: classi della scuola secondaria di secondo grado conoscenza di come vengono costruite le notizie e come vengono strutturate le testate giornalistiche riflessione sul funzionamento del sistema di informazione e sulle logiche che ne stanno alla base acquisire consapevolezza dell influenza che ha l informazione sulle nostre vite acquisire una conoscenza di base degli strumenti di informazione supplementare e alternativa riflessione sull uso di Internet e degli altri strumenti di informazione Note: Il secondo incontro può incentrasi sull approfondimento del rapporto tra guerra ed informazione e sul perché di alcune dinamiche di disinformazione su questi argomenti. semi di legalita È necessario incoraggiare il cambiamento, attraverso l educazione alla responsabilità, come presupposto indispensabile per educare alla legalità, per forzare l alba di un nuovo giorno, c é bisogno dell impegno di tutti. (don Luigi Ciotti) 17

18 Ma cosa vuol dire, realmente, educare alla legalità? Significa cooperare alla costruzione di una personalità consapevole dei suoi diritti e dei doveri, ben integrata nella società e protesa verso il bene comune, ma soprattutto capace di trovare il proprio posto nel mondo. I ragazzi verranno condotti in una riflessione sul senso delle regole ma anche sulle relazioni di gruppo, sviluppando la capacità di ascolto come strumento di integrazione e di relazione con gli altri e le capacità di collaborazione, di comunicazione, di partecipazione all interno degli impegni e delle esperienze comuni. Destinatari: classi della scuola secondaria di secondo grado comprensione del significato della parola Regola Riflessione sul concetto di giustizia, sul valore delle leggi, sui diritti e sui doveri di ogni persona comprensione della forte connessione tra regole e valori e sull importanza di condivisione degli stessi Conoscenza delle storie di persone e di realtà impegnate in opposizione alla criminalità organizzata 18

19 ambiente La democrazia è data dai semi, la democrazia che vediamo e pensiamo noi è solo superficiale, è una monocultura della mente che non vede la diversità. I contadini devono essere liberi di coltivare i loro semi perché in fondo noi siamo quello che mangiamo e non è solo la tecnologia a creare sviluppo, è la biodiversità ad arricchirci e ad essere più produttiva della tecnologia. (Vandana Shiva) Percorsi alla scoperta della situazione ambientale del nostro pianeta, con particolare attenzione a consumo-risparmio idrico, energetico e dei rifiuti. Qual è il nostro impatto ambientale? Cosa possiamo fare? Un occasione per riflettere e divenire consapevoli della propria responsabilità e della possibilità di impegnarsi, sia come singoli che come gruppi, nella realizzazione di stili di vita più sostenibili. che tempo fa Riflessione sul clima e sui climi, sull inquinamento e su stili di vita maggiormente sostenibili per il rispetto dell ecosistema. Com è cambiato il clima e perché? Quali sono le nostre responsabilità? Il percorso parte da una riflessione sul clima e sui suoi cambiamenti per affrontare il tema 19

20 dell inquinamento, dell utilizzo/sfruttamento delle risorse che la terra ci offre e dei vari stili di vita possibili. Destinatari: classi della scuola secondaria di secondo grado Approfondimento dei cambiamenti più significativi degli ultimi anni a livello globale Approfondimento sulle varie soluzioni proposte, sia a livello internazionale nelle Conferenze Mondiali sul Clima, sia per quanto riguarda pratiche e comportamenti virtuosi che ogni singolo cittadino può seguire Riflessione sul significato di sostenibilità e sviluppo sostenibile Riflessione sul rapporto tra l uomo e le risorse, com è stato finora e come può cambiare acqua in bocca L acqua, pur essendo essenziale per la vita di ogni essere vivente, è un elemento di cui diamo per scontata la disponibilità: basta aprire un rubinetto e ci dimentichiamo dei problemi ad essa legati e dei numerosi conflitti sorti per il controllo di questa risorsa vitale. Insieme ai ragazzi cercheremo di riavvicinarci all acqua. Ne rivaluteremo l importanza e, insieme, valuteremo il futuro dell'acqua il futuro dell acqua cercando di dare una risposta alle seguenti domande: A chi appartiene? È un diritto o una merce? Destinatari: classi della scuola secondaria di secondo grado Educare all acqua come bene comune dell umanità e diritto alla vita Riflettere sullo sfruttamento indiscriminato di questa risorsa Riflettere sul significato di sostenibilità e sviluppo sostenibile Acquisire consapevolezza degli abusi nei consumi domestici 20

21 metodologia e note ai percorsi I nostri laboratori hanno l obiettivo di fornire spunti di riflessione e basi per iniziare ad approcciare alcune tematiche. Vanno, perciò, inseriti e collocati in un percorso formativo più ampio di cui possono essere punto di partenza od integrazione ed approfondimento. Sono strutturati in due incontri da due ore e si differenziano in base alle fasce di età sia per attività che per contenuti. La metodologia prescelta è di tipo attivo tramite lavori di gruppo, giochi, letture e simulazioni ed è integrata da strumenti informatici quali film e presentazioni power point. Collegamenti con il Piano di Offerta Formativa geografia Nord e Sud del mondo: definizione economica, rapporto di interdipendenza, squilibri dello sviluppo, delocalizzazione, rappresentazione geografica (carta di Mercatore/ carta di Peters) Globalizzazione Materie prime: provenienza, mercato internazionale Sfruttamento: manodopera, ambiente Acqua: bene comune dell umanità, desertificazione Sviluppo sostenibile storia Colonialismo Migrazioni Organismi internazionali Scienze Sviluppo sostenibile 21

22 Energia: tra consumo e sostenibilità letteratura italiana Saggi e letteratura dal mondo Lingua inglese, francese e spagnola: Dominazione inglese, francese e spagnola durante il colonialismo Neocolonialismo Saggi e letteratura dal mondo 22

23 Giorno dopo giorno, si nega ai bambini il diritto di essere tali. I fatti, che si burlano di questo diritto, impartiscono i loro insegnamenti nella vita quotidiana. Il mondo tratta i bambini ricchi come se fossero denaro, affinché si abituino ad agire come agisce il denaro. Il mondo tratta i bambini poveri come se fossero rifiuti, affinché diventino dei rifiuti. E quelli che stanno in mezzo, i bambini che non sono né ricchi né poveri, li tiene legati alla gamba del televisore, perché fin da molto piccoli accettino, come destino, una vita prigioniera. I bambini che riescono a essere bambini hanno molta magia e molta fortuna. E. Galeano 23

24 Chiavari via Entella 205 Levanto via Jacopo da Levanto 5 Santa Margherita Ligure via Roma 1/e Sestri Levante via Val di Canepa 4

Proposta laboratori didattici anno sc. 2014-2015 COOPERATIVA UNICOMONDO

Proposta laboratori didattici anno sc. 2014-2015 COOPERATIVA UNICOMONDO Proposta laboratori didattici anno sc. 2014-2015 COOPERATIVA UNICOMONDO tanti giochi e tante storie per scoprire il commercio equo e solidale, per esplorare le possibilità e le alternative per uno sviluppo

Dettagli

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 La valigia delle idee Progetti e percorsi formativi per gli studenti delle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado di Sesto Fiorentino 1

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PREMESSA La società attuale non solo ci invita a pensarci e a pensare in termini di globalità e di globalizzazione, ma ci chiede anche

Dettagli

Expo Milano 2015 Nutrire il pianeta, energia per la vita il tema della sostenibilità in forma cartografi ca

Expo Milano 2015 Nutrire il pianeta, energia per la vita il tema della sostenibilità in forma cartografi ca la GuiDa L Educazione al Consumo Consapevole è un progetto nazionale che Coop rivolge agli insegnanti, agli studenti delle scuole di ogni ordine e grado e alle famiglie con l obiettivo di promuovere una

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE FRA SCUOLE DEL TERRITORIO E CENTRO ITALIANO PER TUTTI

SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE FRA SCUOLE DEL TERRITORIO E CENTRO ITALIANO PER TUTTI Istituto Beata Vergine Addolorata via Calatafimi, 10-20122 Milano tel: +39.02.58.10.11.85 info@ibva.it www.ibva.it italianopertutti@ibva.it tel: 02.4952.4600 SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI

Dettagli

SCU LIDALE. nuova edizione

SCU LIDALE. nuova edizione SCU LIDALE nuova edizione Introduzione Il commercio equo e solidale cos è? è un commercio che: si svolge con gruppi di piccoli produttori impegnati in attività cooperative su progetti di autosviluppo,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE A.S. 2014/2015 EXPO: PIANETA MILANO

PROGRAMMAZIONE A.S. 2014/2015 EXPO: PIANETA MILANO SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA MARIA MATER MEA VIA PUSIANO, 57 MILANO Tel. 02/2722141 Fax 02/2722143 e-mail. Mariamatermea@ libero.it PROGRAMMAZIONE A.S. 2014/2015 EXPO: PIANETA MILANO Questo progetto

Dettagli

Curricolo Scuola dell'infanzia

Curricolo Scuola dell'infanzia Curricolo Scuola dell'infanzia I Campi d'esperienza sviluppati sono destinati a confluire nei nuclei tematici che le diverse discipline svilupperanno già a partire dal primo anno della Scuola Primaria

Dettagli

Geografia 5ª. PRIMO PERCORSO Le comunità territoriali organizzate (pag. 102-113) Antares 5 a. Programmazione. Percorsi - conoscenze - competenze

Geografia 5ª. PRIMO PERCORSO Le comunità territoriali organizzate (pag. 102-113) Antares 5 a. Programmazione. Percorsi - conoscenze - competenze VERSO I TRAGUARDI DI COMPETENZA Geografia 5ª si orienta nello spazio circostante e sulle carte geografiche, utilizzando riferimenti topologici e punti cardinali; riconosce e denomina i principali oggetti

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

PROGETTI INTEGRATIVI ALLA PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014-2015 SCUOLA DELL INFANZIA di CASTEL DI CASIO

PROGETTI INTEGRATIVI ALLA PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014-2015 SCUOLA DELL INFANZIA di CASTEL DI CASIO PROGETTI INTEGRATIVI ALLA PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014-2015 SCUOLA DELL INFANZIA di CASTEL DI CASIO PROGETTO 3-5: UN LIBRO PER. 2 ANNUALITA La tematica scelta come indirizzo principale fra quelli proposti

Dettagli

OBIETTIVO LA REALIZZAZIONE DI UN PROGETTO INTERDISCIPLINARE SUL TEMA NUTRIRE IL PIANETA, ENERGIA PER LA VITA

OBIETTIVO LA REALIZZAZIONE DI UN PROGETTO INTERDISCIPLINARE SUL TEMA NUTRIRE IL PIANETA, ENERGIA PER LA VITA OBIETTIVO LA REALIZZAZIONE DI UN PROGETTO INTERDISCIPLINARE SUL TEMA NUTRIRE IL PIANETA, ENERGIA PER LA VITA 1 Expo Milano 2015 affronterà un tema d importanza fondamentale per il futuro dell umanità:

Dettagli

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3 Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione Scuola dell infanzia - Anni 3 A Identità e appartenenza. A1 Percepire e riconoscere se stesso. A1Mi conosco attraverso giochi motori sul corpo. A2 Saper

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

CENTRI RICREATIVI ESTIVI COMUNALI CALDOGNO 2010

CENTRI RICREATIVI ESTIVI COMUNALI CALDOGNO 2010 CENTRI RICREATIVI ESTIVI COMUNALI CALDOGNO 2010 PROGETTO EDUCATIVO PREMESSA I centri estivi, che proponiamo e realizziamo, oltre a prevedere l aspetto ludico ricreativo, vogliono essere anche un occasione

Dettagli

A SCUOLA CON GUSTO. Progetto di educazione alimentare, sensoriale e del gusto

A SCUOLA CON GUSTO. Progetto di educazione alimentare, sensoriale e del gusto A SCUOLA CON GUSTO Progetto di educazione alimentare, sensoriale e del gusto Il progetto A SCUOLA CON GUSTO Il progetto A SCUOLA CON GUSTO, giunto oggi alla quarta edizione, mira ad avvicinare adulti e

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA SCUOLA PARITARIA dell INFANZIA e PRIMARIA MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Chi è chiamato ad educare e ad animare educazione, deve offrire nutrimento, nascondendo la mano che

Dettagli

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito che la globalizzazione ha degli effetti positivi per il

Dettagli

Delibera N. del Settembre 2012 del Collegio dei Docenti Pagg. N.13

Delibera N. del Settembre 2012 del Collegio dei Docenti Pagg. N.13 Scuola paritaria dell Infanzia e Primaria Parificata Caterina Troiani Via Sbarre Centrali, 71 89133 Reggio Calabria Tel/Fax: 0965 57496 e-mail: istsuore_caterinatroiani@tin.it Anno scolastico 2012/2013

Dettagli

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Premessa La Carta di qualità di cui si parla in questa scheda è stata elaborata da ONG e associazioni di 5 regioni italiane nel corso del

Dettagli

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 INDICE Il Piano dell Offerta Formativa 1 Presentazione del Asilo Nido Navaroli 1-2 La nostra idea di bambino 3 Partecipazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Scuole dell Infanzia Gianni Rodari Istituto Comprensivo Crespellano R E L I G I O N E C A T T O L I C A Anno scolastico 2014-2015 Insegnante: Calì Angela PREMESSA Insegnare

Dettagli

La Scuola Primaria. Affrontare insieme le difficoltà

La Scuola Primaria. Affrontare insieme le difficoltà La Scuola Primaria Un percorso di crescita fondamentale nello sviluppo delle competenze e delle conoscenze. Un ambiente educativo sereno e inclusivo nel quale è possibile promuovere, sostenere ed accompagnare

Dettagli

Periferie educative 2014 - LA SPEZIA

Periferie educative 2014 - LA SPEZIA Presidenza del Consiglio dei Ministri Ufficio Nazionale per il Servizio Civile PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA della Caritas Diocesana della LA SPEZIA TITOLO DEL PROGETTO

Dettagli

PROGETTO SCUOLA EXPO MILANO 2015. Vademecum Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Settembre 2014

PROGETTO SCUOLA EXPO MILANO 2015. Vademecum Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Settembre 2014 PROGETTO SCUOLA EXPO MILANO 2015 Vademecum Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Settembre 2014 1. Premessa L Esposizione Universale del 2015, che avrà come tema centrale Nutrire il Pianeta, Energia

Dettagli

L ACQUARIO DI BOLSENA, offre ad adulti e ragazzi una grande quantità di attività:

L ACQUARIO DI BOLSENA, offre ad adulti e ragazzi una grande quantità di attività: L ACQUARIO DI BOLSENA, offre ad adulti e ragazzi una grande quantità di attività: visite guidate, laboratori didattici, filmati, conferenze, convegni, mostre, eventi artistici, ma anche: soggiorni per

Dettagli

Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo

Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo Dal progetto educativo alla creazione di reti relazionali Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo La forza autentica della scoperta e dell incontro con l altro può essere solamente la fede in

Dettagli

Alimentazione e stili di vita. L azione educativa della Scuola

Alimentazione e stili di vita. L azione educativa della Scuola Alimentazione e stili di vita. L azione educativa della Scuola Prof. Alessandro Vienna Roma, 20.02.13 La Scuola come volàno per l Educazione alla Salute e al Benessere La scorretta alimentazione è stata

Dettagli

Vi chiediamo di scrivere di seguito alle indicazioni le vostre risposte rispettando il limite orientativo di 20 righe per punto.

Vi chiediamo di scrivere di seguito alle indicazioni le vostre risposte rispettando il limite orientativo di 20 righe per punto. Questa scheda si inserisce nelle attività di valutazione che il LaREA intende sviluppare nell ambito del Bando 2005/2006. La scheda vuole essere uno strumento che ci permetta di fare una valutazione in

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: Storia, Cittadinanza e Costituzione DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte Le competenze

Dettagli

QUELLO CHE CERCHI C È Il mago di Oz - L. FrankBaum

QUELLO CHE CERCHI C È Il mago di Oz - L. FrankBaum QUELLO CHE CERCHI C È Il mago di Oz - L. FrankBaum Questa storia è stata scelta perché ricca di spunti educativi. Nel periodo dell inserimento ci guiderà DOROTHY che ci aiuterà nella conoscenza delle regole

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

Insieme per crescere, pensare, formarsi al domani

Insieme per crescere, pensare, formarsi al domani Insieme per crescere, pensare, formarsi al domani Tutto questo si traduce in : È lo sfondo in cui la scuola accompagna l alunno alla scoperta di se stesso, degli altri, nello spazio e nel tempo attività

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progetti e Laboratori a.s. 2015/16

Scuola dell Infanzia Progetti e Laboratori a.s. 2015/16 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

PROGETTO di comunicazione ed educazione alimentare ALIMENTAZIONE E VITA. Scuola dell infanzia M.Beci Istituto Comprensivo G.

PROGETTO di comunicazione ed educazione alimentare ALIMENTAZIONE E VITA. Scuola dell infanzia M.Beci Istituto Comprensivo G. Allegato 1 PROGETTO di comunicazione ed educazione alimentare ALIMENTAZIONE E VITA Scuola dell infanzia M.Beci Istituto Comprensivo G.Binotti di Pergola motivazione Il nostro progetto si prefigge la costituzione

Dettagli

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Premessa Educare alla pace è responsabilità di tutti ma la scuola ha una responsabilità

Dettagli

Risparmio idrico e valorizzazione dell acqua del rubinetto nelle scuole elementari e medie

Risparmio idrico e valorizzazione dell acqua del rubinetto nelle scuole elementari e medie Acqua T.V.B. TI VOGLIO BERE JUNIOR Risparmio idrico e valorizzazione dell acqua del rubinetto nelle scuole elementari e medie PREMESSA L ipotesi di progetto è finalizzata ad educare ad un consumo responsabile

Dettagli

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTO ACCOGLIENZA A SCUOLA SIAMO TUTTI AMICI Fermani Roberta Nocelli Rita - Grassi Katia Bambini di 2 anni e mezzo e 3 anni Sezioni D e E Il progetto Accoglienza

Dettagli

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2. Istituto Comprensivo C.

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2. Istituto Comprensivo C. PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2 Istituto Comprensivo C. Angiolieri Siena Centro di Alfabetizzazione Italiano L2 C. Angiolieri Scuola Secondaria

Dettagli

Presentazione del Progetto Scuole Anno Scolastico 2010/11

Presentazione del Progetto Scuole Anno Scolastico 2010/11 Presentazione del Progetto Scuole Anno Scolastico 2010/11 DC.DP.00.33 1. PRESENTAZIONE DELLA FONDAZIONE aiutare i bambini ONLUS "aiutare i bambini" è una fondazione italiana, laica e indipendente, nata

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123

SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123 SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123 ORGANIZZAZIONE La scuola accoglie i bambini da 3 a 6 anni. E aperta dal lunedì al venerdì dalle ore 7,30

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

Premio rina gatti 2013-2014. per la creatività intergenerazionale vii edizione multidisciplinare

Premio rina gatti 2013-2014. per la creatività intergenerazionale vii edizione multidisciplinare Premio rina gatti 2013-2014 per la creatività intergenerazionale vii edizione multidisciplinare ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VOLUMNIO PONTE SAN GIOVANNI A SPASSO NEL TEMPO Il premio è dedicato alla memoria

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

4.6 La sostenibilità: prendersi cura della vita del pianeta

4.6 La sostenibilità: prendersi cura della vita del pianeta 4.6 La sostenibilità: prendersi cura della vita del pianeta Definendo lo sviluppo come un concetto dinamico, implicante trasformazioni qualitative più che quantitative della società, allora lo studio del

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI CASALGRASSO

SCUOLA DELL INFANZIA DI CASALGRASSO ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORETTA DI CASALGRASSO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 MAMME E PAPÀ, questa è la prima SCUOLA che incontrate da genitori e sarà un esperienza nuova, per voi e per i vostri bambini. NON

Dettagli

Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso

Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso Titolo: Confronto tra fiabe: Pinocchio e le fiabe di paesi lontani Possibili discipline coinvolte - Italiano, Lingua2 (inglese,

Dettagli

Progettazione annuale

Progettazione annuale Scuola dell Infanzia PORRANEO Paritaria di ispirazione Salesiana dal 1899 Progettazione annuale Anno scolastico 2013/2014 TITOLO DELLA PROGETTAZIONE MARILU E I 5 SENSI Alla scoperta dei cinque sensi: Gustare

Dettagli

A c t i n g D i v e r s i t y Un progetto di teatro interculturale per rifugiati politici e giovani 1 ottobre 2012 30 settembre 2013 Con il sostegno

A c t i n g D i v e r s i t y Un progetto di teatro interculturale per rifugiati politici e giovani 1 ottobre 2012 30 settembre 2013 Con il sostegno A c t i n g D i v e r s i t y Un progetto di teatro interculturale per rifugiati politici e giovani 1 ottobre 2012 30 settembre 2013 Con il sostegno di Anna Lindh Foundation www.euromedalex.org Acting

Dettagli

SOLIDARIETA. Alcune delle attività alle quali la nostra scuola aderisce da anni sono:

SOLIDARIETA. Alcune delle attività alle quali la nostra scuola aderisce da anni sono: SOLIDARIETA La nostra scuola pone come elemento fondante della sua azione formativa lo sviluppo di condizioni di esercizio attivo del diritto-dovere di cittadinanza, coinvolgendo, in questo, tutte le componenti

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

L evoluzione negli obiettivi della cooperativa l identità

L evoluzione negli obiettivi della cooperativa l identità Carissimi/e soci/e, avete già ricevuto la lettera che vi preavvisava del Forum soci del prossimo 1 Febbraio 2004. Vi possiamo oggi confermare che il luogo dell incontro sarà il Santuario N.S. del Monte

Dettagli

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I CAMPI DI ESPERIENZA Gli insegnanti accolgono, valorizzano ed estendono le curiosità, le esplorazioni, le proposte dei bambini e creano occasioni di apprendimento

Dettagli

MANIFESTO del Terzo Settore per la sostenibilità PREMESSA

MANIFESTO del Terzo Settore per la sostenibilità PREMESSA MANIFESTO del Terzo Settore per la sostenibilità PREMESSA Il Gruppo tematico Politiche ambientali e educazione chiede a tutte le realtà del Terzo Settore di impegnarsi per un futuro sostenibile e propone:

Dettagli

Progettazione annuale di sezione

Progettazione annuale di sezione ISTITUTO COMPRENSIVO GANDHI Via Mannocci, 23 59100 PRATO Scuola dell Infanzia Gandhi Progettazione annuale di sezione Sez. 1 ANNO SCOLASTICO 2014-15 PROGETTAZIONE ANNUALE DI SEZIONE SEZ. 1) CAMPI DI ESPERIENZA

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO Premessa NOI SIAMO PARTE DELLA TERRA ED ESSA È PARTE DI NOI INSEGNATE AI VOSTRI BAMBINI CHE LA TERRA È NOSTRA

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Scuola dell infanzia di v.le Papa Giovanni XXIII Scuola dell infanzia di Ozzero Scuola dell infanzia di Morimondo propongono ampliamento del progetto

Dettagli

Italiano Inglese. Arte e immagine. Storia Geografia. Scienze motorie e sportive. Matematica. Religione cattolica. Attività didattiche alternative

Italiano Inglese. Arte e immagine. Storia Geografia. Scienze motorie e sportive. Matematica. Religione cattolica. Attività didattiche alternative Italiano Inglese Storia Geografia Arte e immagine Scienze motorie e sportive Matematica Tecnologia e Informatica Musica Scienze Religione cattolica Attività didattiche alternative Convivenza civile: -Ed.

Dettagli

EDUCAZIONE MUSICALE ANDIAMO IN SALA PROVE MUSICA RIVOLTO A alunni della scuola secondaria di 1 o grado e loro insegnanti. OBIETTIVI - promozione di un servizio del Comune che fornisce una sala prove attrezzata

Dettagli

DESCRIZIONE ATTIVITA ANNO SCOLASTICO 2010-2011

DESCRIZIONE ATTIVITA ANNO SCOLASTICO 2010-2011 DESCRIZIONE ATTIVITA ANNO SCOLASTICO 2010-2011 1 INDICE 1. PREMESSA 2. OBIETTIVI 3. INCONTRO FORMATIVO PER GLI INSEGNANTI 4. ATTIVITA SUDDIVISE per CLASSI 5. EVENTI ORGANIZZATI: GIORNATE ECOLOGICHE 6.

Dettagli

PROGETTO EDUCAZIONE ALIMENTARE

PROGETTO EDUCAZIONE ALIMENTARE PROGETTO EDUCAZIONE ALIMENTARE SCUOLA DELL INFANZIA VIA T. M. FUSCO a.s.2011/2012 Premessa Nel periodo della Scuola dell infanzia i bambini acquisiscono e strutturano atteggiamenti e modelli comportamentali

Dettagli

Scuola dell Infanzia. Brezzo di Bedero

Scuola dell Infanzia. Brezzo di Bedero Scuola dell Infanzia Brezzo di Bedero PROGRAMMAZIONE DIDATTICA a.s. 2014-2015 PREMESSA Un viaggio che ha come finalità il generale miglioramento dello stato di benessere degli individui attraverso corrette

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VARESE 2

ISTITUTO COMPRENSIVO VARESE 2 ISTITUTO COMPRENSIVO VARESE 2 Scuola Primaria Statale E. Canziani PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE DEL PERCORSO: 1) Premessa p. 2 2) funzioni e carattere dell'offerta formativa p. 2 3) analisi del contesto

Dettagli

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia (Approvato dal Consiglio d Istituto nella seduta del 18 dicembre 2008) ---------------- L Istituto Comprensivo VIA CASAL BIANCO è una scuola che svolge

Dettagli

UN ORTO DI CLASSE Curare la terra, nutrire la vita.

UN ORTO DI CLASSE Curare la terra, nutrire la vita. UN ORTO DI CLASSE Curare la terra, nutrire la vita. Progetto rivolto alle classi della scuola primaria e secondaria di primo grado dell Emilia Romagna a.s. 2014-2015 Novità 2014/15 KIT PER ORTO DEL CONTADINO

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

Diritti e valori. Diritti e valori UN MONDO A SCUOLA SCATTO-CRESCENDO INSIEME IL GIOCO DI RE FIORDILEGGE. EDUCAZIONE ALLA LEGALITA FISCO E SCUOLA

Diritti e valori. Diritti e valori UN MONDO A SCUOLA SCATTO-CRESCENDO INSIEME IL GIOCO DI RE FIORDILEGGE. EDUCAZIONE ALLA LEGALITA FISCO E SCUOLA Diritti e valori UN MONDO A SCUOLA SCATTO-CRESCENDO INSIEME IL GIOCO DI RE FIORDILEGGE. EDUCAZIONE ALLA LEGALITA FISCO E SCUOLA SCAMBI SOLIDALI PENSIERI DI CARTA LA GIORNATA DI SIDI E KARISA NONNI E BAMBINI:

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO: HELLO CHILDREN!

UNITÀ DI APPRENDIMENTO: HELLO CHILDREN! Scuola dell Infanzia Ad Onore degli Eroi UNITÀ DI APPRENDIMENTO: HELLO CHILDREN! LABORATORIO DI APPROCCIO ALLA LINGUA INGLESE PER I BAMBINI DI CINQUE ANNI Anno Scolastico 2013-2014 Anno Scolastico 2013-2014

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 DIO DIPINGE I COLORI DELLA VITA CHE DONO LA FESTA... HO UN AMICO DI NOME GESU A CHIESA COME SEGNO VIVENTE D 但 MORE Insegnanti: Cambareri

Dettagli

PROGETTI TRASVERSALI PROGETTO FINALITÀ DESTINATARI

PROGETTI TRASVERSALI PROGETTO FINALITÀ DESTINATARI PROGETTI TRASVERSALI FINALITÀ DESTINATARI SCIENZE MOTORIE: 1. PSICOMOTRICITA 2. GIOCO-SPORT 3. SPORTIVAMENTE A SCUOLA Acquisire la conoscenza-coscienza del proprio Io corporeo e la capacità d interagire

Dettagli

Storie di migranti a fumetti.

Storie di migranti a fumetti. Storie di migranti a fumetti. Il fumetto nelle scuole come strumento di sensibilizzazione e informazione per la diffusione dei contributi positivi dell immigrazione Settembre 2005 UN FUMETTO ALLA SCOPERTA

Dettagli

CAMPI DI VOLONTARIATO 2012

CAMPI DI VOLONTARIATO 2012 CAMPI DI VOLONTARIATO 2012 SOLIDARIETA ANCHE IN VACANZA! I campi estivi di Mani Tese sono un modo alternativo di trascorrere le vacanze estive. Sono una sperimentazione di stili di vita sostenibili, un

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SAN FRUTTUOSO ad indirizzo musicale Via Berghini, 1-16132 Genova TEL. 010352712 fax 0105220210 e-mail geic808008@istruzione.it - www.icsanfruttuoso.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

Dettagli

Programmazione educativo-didattica anno scolastico 2013-2014 GEOGRAFIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica anno scolastico 2013-2014 GEOGRAFIA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica anno scolastico 2013-2014 GEOGRAFIA CLASSE

Dettagli

PIANO DELLE ATTIVITÁ EXTRASCOLASTICHE ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PIANO DELLE ATTIVITÁ EXTRASCOLASTICHE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PIANO DELLE ATTIVITÁ EXTRASCOLASTICHE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Il piano delle attivitá extrascolastiche per l anno scolastico 2014-2015 é stato disegnato con la duplice finalitá di offrire agli alunni

Dettagli

PROGETTO ATTIVITÀ EDUCATIVE ISTITUTI SCOLASTICI ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DI FONNI OLIENA - ORGOSOLO

PROGETTO ATTIVITÀ EDUCATIVE ISTITUTI SCOLASTICI ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DI FONNI OLIENA - ORGOSOLO PROGETTO ATTIVITÀ EDUCATIVE ISTITUTI SCOLASTICI ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DI FONNI OLIENA - ORGOSOLO È ormai noto che la base per orientare le future generazioni verso lo sviluppo sostenibile è l educazione

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

Costituzione e Cittadinanza

Costituzione e Cittadinanza ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERTOSA SCUOLA PRIMARIA DI GIUSSAGO Progetto Costituzione e Cittadinanza A.S. 2013 2014 Quest anno la scuola primaria di Giussago si è cimentata in un progetto che ha coinvolto,

Dettagli

Carta dei. Valori PREMESSA. La Carta dei Valori rappresenta la sintesi dei principi e dei valori su cui si fonda l associazione

Carta dei. Valori PREMESSA. La Carta dei Valori rappresenta la sintesi dei principi e dei valori su cui si fonda l associazione PREMESSA La rappresenta la sintesi dei principi e dei valori su cui si fonda l associazione Bhalobasa. Nel perseguire questo nucleo di valori, la Carta individua le responsabilità e ispira i comportamenti

Dettagli

Consultazione sulla Food Policy nelle 9 zone

Consultazione sulla Food Policy nelle 9 zone Consultazione sulla Food Policy nelle zone Ecco i principali temi emersi nelle discussioni sulla Food Policy avvenuta nelle zone di Milano tra il e il maggio 0 TEMA ZONA EDUCAZIONE Educazione alimentare

Dettagli

BACK TO SCHOOL CON EUROPE DIRECT EMILIA-ROMAGNA. scolastico 2014/2015. anno

BACK TO SCHOOL CON EUROPE DIRECT EMILIA-ROMAGNA. scolastico 2014/2015. anno anno scolastico 2014/2015 BACK TO SCHOOL CON EUROPE DIRECT EMILIA-ROMAGNA Il catalogo delle offerte formative per le scuole di Bologna, Ferrara e Piacenza Il rapporto costante con il mondo scolastico è

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE. referente ins. MASCI LUANA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE. referente ins. MASCI LUANA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE referente ins. MASCI LUANA 1 Con l anno scolastico 2013-14 entrano pienamente in vigore le Indicazioni Nazionali per il Curricolo della Scuola

Dettagli

Giornata/e per aziende Team Building Sostenibilità: lavoriamo per l ambiente che ci ospita!

Giornata/e per aziende Team Building Sostenibilità: lavoriamo per l ambiente che ci ospita! KOINE COOPERATIVA SOCIALE ONLUS PROGETTAZIONE E GESTIONE DI INIZIATIVE SOCIALI Giornata/e per aziende Team Building Sostenibilità: lavoriamo per l ambiente che ci ospita! KOINE COOPERATIVA SOCIALE ONLUS

Dettagli

Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.11 ANNO SCOLASTICO 2014/2015

Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.11 ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.11 PROGETTO CONTINUITÀ EROI CHE PASSANO, EROI CHE RESTANO DOCENTI: scuola Primaria e Secondaria di Primo Grado DESTINATARI: ALUNNI/E CLASSI 5^ SCUOLA PRIMARIA - 1^ 1.

Dettagli

Via Stazione di Albanella, Capaccio Paestum (SA) INDIRIZZI DI STUDIO. Istituto Tecnico Tecnologico C.A.T. (Costruzione-Ambiente-Territorio)

Via Stazione di Albanella, Capaccio Paestum (SA) INDIRIZZI DI STUDIO. Istituto Tecnico Tecnologico C.A.T. (Costruzione-Ambiente-Territorio) Via Stazione di Albanella, Capaccio Paestum (SA) INDIRIZZI DI STUDIO Istituto Tecnico Tecnologico C.A.T. (Costruzione-Ambiente-Territorio) Istituto Tecnico Economico A.F.M. (Amministrazione-Finanza-Marketing)

Dettagli

Titolo LO SPAZIO INTORNO A NOI Il territorio: un testo da leggere, interpretare, apprezzare, valorizzare

Titolo LO SPAZIO INTORNO A NOI Il territorio: un testo da leggere, interpretare, apprezzare, valorizzare UNITÀ DI APPRENDIMENTO INTERDISCIPLINARE Classe IV Scuola primaria Titolo LO SPAZIO INTORNO A NOI Il territorio: un testo da leggere, interpretare, apprezzare, valorizzare Senso formativo del percorso

Dettagli

PROGETTO D ISTITUTO "IN CRESCENDO CON IL VIOLINO FINALITA. Il Progetto si chiama In crescendo.

PROGETTO D ISTITUTO IN CRESCENDO CON IL VIOLINO FINALITA. Il Progetto si chiama In crescendo. PROGETTO D ISTITUTO "IN CRESCENDO CON IL VIOLINO FINALITA Il Progetto si chiama In crescendo. Gli alunni conosceranno tutti gli strumenti del mondo, in particolare il violino, in quanto è quello sicuramente

Dettagli

S cuele A tive V ierte E ducative PROPOSTE EDUCATIVE DEL LUDOBUS - LUDOTECA. per l anno scolastico 2013/2014

S cuele A tive V ierte E ducative PROPOSTE EDUCATIVE DEL LUDOBUS - LUDOTECA. per l anno scolastico 2013/2014 S cuele A tive V ierte E ducative IMPARARE GIOCANDO PROPOSTE EDUCATIVE DEL LUDOBUS - LUDOTECA per l anno scolastico 2013/2014 IMPARARE GIOCANDO L U.O. Ludobus propone per l anno scolastico 2013-2014 percorsi

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO A SCUOLA DI REGOLE

UNITÀ DI APPRENDIMENTO A SCUOLA DI REGOLE ISTITUTO COMPRENSIVO PIETRO VANNUCCI SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA - SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO 06062 Città della Pieve (PG) Via Marconi, 18 Tel. 0578/298018 Fax 0578/2987 E-mail: pgic82100x@istruzione.it

Dettagli