Piano Offerta Formativa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano Offerta Formativa"

Transcript

1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca USR-Lazio Istituto Comprensivo Via Latina 303 Via Latina, ROMA 17 Distretto Municipio VII - tel fax Cod. Fisc Codice Meccanografico RMIC8CV00V - PEC: Sito: Piano Offerta Formativa Anno Scolastico Pag. 1 I.C. via Latina 303 P.O.F. 14/15

2 INDICE PREMESSA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO... 3 PROFILO DELL ISTITUTO... 4 DESCRIZIONE PLESSI: SCUOLA PRIMARIA... 4 DESCRIZIONE PLESSI: SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO... 7 ORGANIGRAMMA D ISTITUTO... 8 GRUPPI DI LAVORO DEL COLLEGIO DOCENTI DAI PRINCIPI FONDAMENTALI AI COMPORTAMENTI LE FINALITÀ FORMATIVE, LE SCELTE PEDAGOGICHE E DIDATTICHE UNA SCUOLA PER TUTTI E PER CIASCUNO: L INTEGRAZIONE SCOLASTICA INTEGRAZIONE ALUNNI DSA INTERCULTURA E ACCOGLIENZA PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DI ALUNNI STRANIERI CONTINUITÀ DIDATTICA L'ORIENTAMENTO AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO CRITERI DI FORMAZIONE PER LE CLASSI PRIME LE INDICAZIONI NAZIONALI NEL CICLO PRIMARIO LA VALUTAZIONE NELLA SCUOLA PRIMARIA LA VALUTAZIONE NELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO RAPPORTI SCUOLA-FAMIGLIA SERVIZI FORNITI DALL ISTITUTO RICEVIMENTO DIRIGENTE SCOLASTICO...25 SERVIZI AMMINISTRATIVI OPERATORI SCOLASTICI.. SERVIZIO MENSA SERVIZIO ASSISTENZA EDUCATIVA...26 MEDICINA SCOLASTICA...26 LE NOSTRE PARTNERSHIP. 26 PROGETTI SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO... PROGETTI DI ARRICCHIMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA APERTI AL TERRITORIO pag. 2 di 30

3 Premessa del Dirigente Scolastico Il Piano dell Offerta Formativa del corrente anno scolastico 14/15 viene pubblicato in un momento nel quale il dibattito sulla scuola ha registrato un inusuale centralità anche sui media e fra i non addetti ai lavori. La consultazione proposta dal Governo Renzi sul documento La Buona Scuola ha impegnato i docenti del nostro istituto in una riflessione sulle innovazioni e sulle criticità previste nel piano che, condivise anche all interno della rete territoriale R.O.S.A., sono state poi inviate sul sito della consultazione. Purtroppo, occorre sottolineare che accanto al riaccendersi del dibattito generale sulla scuola, si riscontra una sempre maggiore difficoltà a realizzare un offerta formativa di qualità a causa del persistere di tagli alle risorse economiche attribuite alle scuole per il funzionamento generale e l offerta formativa ed agli Enti Locali per ciò che concerne la manutenzione degli edifici. In tale situazione, l impegno e la sfida dei docenti e di tutto il personale del nostro istituto rimangono quelli di realizzare appieno le finalità educative e formative definite in questo documento. Tali finalità risultano invariate, mentre le innovazioni progettuali riguardano essenzialmente due aspetti: formativo-didattico: - la commissione designata dal Collegio dei Docenti per la definizione del curricolo verticale, dopo la formazione effettuata lo scorso anno sulle Nuove indicazioni Nazionali, sta mettendo a punto i contenuti e le opzioni metodologiche relativi a tutte le aree disciplinari dalla prima classe della scuola primaria alla terza classe della scuola sec. di primo grado. Tale documento diverrà parte del POF come Allegato, entro dicembre ntroduzione, in via sperimentale in alcune classi della scuola primaria, del francese come lingua straniera accanto al consueto insegnamento dell inglese e, nella scuola media, della certificazione Cambridge Movers, livello A1, per gli alunni della classi prime. Tali progetti, attuati in partnership con l Alliance Francaise e la Cambridge University rafforzano le numerose azioni (progetto Comenius, conversazioni madrelingua, inglese per bambini in età pre-scolare) rivolte al potenziamento dell apprendimento delle lingue straniere - progetto teatrale interculturale per adulti che prevede la realizzazione di un laboratorio nel quale promuovere i principi dell accoglienza e della solidarietà, ma anche della libertà espressiva e del linguaggio non verbale. organizzativo: - avvio del progetto mensa per gli alunni della scuola sec. di primo grado; - costituzione del gruppo di lavoro sull autovalutazione di istituto per larilevazione dei punti forti e deboli e l elaborazione del Piano di miglioramento. A tutti l augurio di un sereno e proficuo anno scolastico. Roma, 20 novembre 2014 Il Dirigente Scolastico Dott.ssa Simona Fimiani pag. 3 di 30

4 Profilo dell Istituto L'Istituto Comprensivo "Via Latina 303 è composto da tre plessi tra Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado, dislocati nel verde dei parchi della Caffarella e di Villa Lazzaroni. Le classi della Scuola Primaria funzionano secondo due modelli orari: tempo pieno a 40 ore: dal lunedì al venerdì tempo normale a 30 ore (classi II, III, IV e V): tre giorni un giorno un giorno tempo normale classi prime a 27 ore quattro giorni un giorno Le classi della Scuola Secondaria di primo grado funzionano secondo il modello: 30 ore settimanali: al lunedì al venerdì Seconde lingue straniere studiate oltre all inglese: francese e spagnolo Descrizione plessi: Scuola Primaria Plesso ADA NEGRI Via Latina, 303 tel (A. Negri) tel (G. Deledda) 27 CLASSI SCUOLA PRIMARIA n. 6 classi prime di cui: n. 5 a tempo pieno e n. 1 a tempo normale; n. 6 classi seconde di cui: n. 4 a tempo pieno e n. 2 a tempo normale; n. 5 classi terze di cui: n. 4 a tempo pieno e n. 1 a tempo normale; n. 5 classi quarte di cui: n. 3 a tempo pieno e n. 2 a tempo normale; n. 5 classi quinte di cui: n. 4 a tempo pieno e n. 1 a tempo normale. La Scuola A. Negri è situata davanti ad un ingresso del Parco della Caffarella che porta ad un ampio parco-giochi. È sede della direzione e dei servizi amministrativi dell Istituto. Al piano terra dello stesso edificio e nel padiglione esterno sono ubicate 10 sezioni di scuola dell'infanzia comunale. pag. 4 di 30

5 Sono presenti alcuni laboratori: salone polivalente, dove si svolge buona parte dell'attività collegiale dell Istituto e dove si realizzano attività teatrali e musicali; laboratorio informatico con 12 postazioni complete, una LIM e connessione Internet; aula adibita a biblioteca scolastica e sala audiovisivi; aula psicomotricità; bagni per alunni non deambulanti. Il plesso "A.Negri" ha una grande palestra, utilizzata anche in orario extrascolastico, ai sensi dell'art.12 della legge 517/77, dai Centri Sportivi Circoscrizionali. La scuola ospita Centri Estivi ed Invernali, gestiti dalle Associazioni culturali Il Bosco e Moiselle le Blanc con organizzazione integrata dell'istituto e VII Municipio, nell'ambito dell'iniziativa "Il tempo della non scuola". Queste iniziative sono aperte ai ragazzi di tutto il quartiere. Nel plesso G. Deledda sono dislocate alcune classi della scuola primaria, le quali usufruiscono di una biblioteca, di un aula informatica con LIM. Per il servizio mensa funziona un locale-refettorio annesso; i cibi vengono trasportati dalla vicina cucina del plesso A. Negri. Gli alunni utilizzano part-time la palestra della scuola media e gli spazi in comune con la scuola A. Negri, compreso il giardino. Plesso VILLA LAZZARONI Via Appia Nuova, 522 tel CLASSI SCUOLA PRIMARIA n. 3 classi prime a tempo pieno; n. 3 classi seconde a tempo pieno; n. 3 classi terze a tempo pieno; n. 3 classi quarte di cui n. 2 a tempo pieno e n. 1 a tempo normale ; n. 2 classi quinte a tempo pieno. Il plesso è situato all'interno dell omonima Villa municipale. pag. 5 di 30

6 In questo plesso funzionano: biblioteca; laboratorio di informatica con 12 postazioni complete, una LIM e connessione Internet; aula polivalente; aula video; aula di musica; laboratorio d inglese; laboratorio scientifico; bagno per alunni non deambulanti. In tutte le sedi di scuola primaria dell Istituto funzionano i seguenti SERVIZI a pagamento: Servizio di mensa comunale con cucina in sede (ditta di ristorazione VIVENDA). Servizio di pre-scuola (ore ) e kinderheim durante gli incontri scuolafamiglia, gestiti dall'associazione culturale Il Bosco, con delibera del Consiglio d Istituto. A richiesta delle famiglie. Servizio di post-scuola (ore 16.15/17.30) aperto nel plesso A. Negri-G. Deledda, in risposta alla domanda sociale. Laboratori con esperti esterni nelle giornate di mercoledì, giovedì e venerdì. In tutte le scuole dell Istituto sono presenti le seguenti STRUTTURE: Laboratorio Multimediale Biblioteca Palestra Ampio giardino Bagno per alunni non deambulanti Ascensore Gli alunni, per i giochi all'aperto, usufruiscono di un ampio giardino. pag. 6 di 30

7 Descrizione plessi: Scuola Secondaria di primo grado Plesso GRAZIA DELEDDA Via T. Fortifiocca, 84 tel CLASSI SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO n. 7 classi prime di cui: n. 4 seconda lingua: francese n. 3 seconda lingua: spagnolo n. 5 classi seconde di cui: n. 3 seconda lingua: francese n. 2 seconda lingua: spagnolo n. 6 classi terze di cui: n. 4 seconda lingua: francese n. 2 seconda lingua: spagnolo Il plesso dispone delle seguenti STRUTTURE: 2 laboratori d informatica (per un totale di 22 postazioni complete) con connessione ADSL; 1 laboratorio scientifico attrezzato con tavoli di lavoro completi di microscopi mono e bioculari; è completa di attrezzature per esperimenti di chimica e fisica; è presente anche una LIM arricchita con software scientifico; 1 laboratorio linguistico con 25 postazioni e una LIM ; 1 sala video; 1 palestra; 1 biblioteca; bagni per alunni non deambulanti WI-fi pag. 7 di 30

8 Organigramma d Istituto pag. 8 di 30

9 Organigramma Nominativo Qualifica Dirigente Scolastico Collaboratori del Dirigente Scolastico Consiglio d Istituto Funzioni Strumentali Responsabili di plesso Fiduciari e Preposti ai sensi del D. Lfgs. 81/2008 Servizio prevenzione e protezione RLS Addetti al pronto soccorso Addetti al servizio prevenzione incendi ed evacuazione Direttore Servizi Generali e Amministrativi Assistenti Amministrativi Collaboratori Scolastici Nominativo Dott.ssa Fimiani Simona Docenti: Rastelli Stefania (collaboratore vicario), Montesano M.Rosa Docenti: Albano Angela Maria, Ciccone Luisa, Goffredo Leonardo, Montani Gloria, Poeta Giovanna, Ronsini Maria Antonella, Sforna Fiorella, Valenti Oriana Carmela. ATA: Colantoni Maria, Scek Patrizia. Membro di diritto: FIMIANI Simona Giunta Esecutiva: Dirigente Scolastico, DSGA, Funzione n. 1: Gruppo curricolo verticale: Albano Angela Maria, Aquino Vittoria, Ciccarese Paola, Della Pietra Maria, Di Gianvito Bruna, Fabiani Nicola, Giacomozzi Marina, Giordano Madia, Innocentini Giampaolo, Leli Elisabetta, Mercaldo Maria Carmina, Montesano Rosa Maria, Pica Bruna, Pino Gabriella, Piri Assunta, Ronco Beatrice, Sanchini Maria Grazia, Silvagni Maria Paola, Spallone Emilia, Valenti Oriana Carmela. Funzione n.2: Interventi per l integrazione degli alunni diversamente abili e con disagio: Lo Pizzo Mariangela, Laviano Concetta, Baldi Claudia, Sablone Graziella. Funzione n. 3: Continuità educativo-didattica ed orientamento: D Alfonso Gloria, La Montagna Lucia, Leli Elisabetta, Mariniello Silvana, Pica Bruna, Pierro Loredana, Valenti Oriana Maria Carmela Plesso Ada Negri : Di Gianvito Bruna Plesso Villa Lazzaroni : Piri Assunta Plesso G. Deledda primaria: Tartaglini Laura Plesso G. Deledda secondaria di primo grado: Valenti Oriana Carmela D.S.G.A. Cazzato Tiziana Plesso G. Deledda primaria: Di Gianvito Bruna e Pino Gabriella Plesso Villa Lazzaroni : Ciccolella Laura Plesso G. Deledda secondaria: Fabiani Nicola Collaboratore scolastico Scek Patrizia Segreteria: Frasca Emanuela Plesso Ada Negri : Maugeri Gianna e Giorgi Emma Plesso G. Deledda primaria: Di Pietro Berardina e Ippolito Serafina Plesso G. Deledda secondaria: Valenti Oriana, La Montagna Lucia, Sinibaldi Anna Rita e Verdiglione Angela Collaboratore vicario: Rastelli Stefania Segreteria: Frasca Emanuela Plesso Ada Negri : Maugeri Gianna, Necco Susi, Zito Maria e Nera Antonella. Plesso G. Deledda primaria: Di Gianvito Bruna e Guglielmi Maria Plesso G. Deledda secondaria: Di Fonzo e D Alfonso Plesso Villa Lazzaroni : Coarelli Caterina, Scagliola Stefania, Crescenzi Paola, Capitani Silvio, Di Summa Luciano. Cazzato Tiziana Colantoni Maria, Di Matteo Barbara, Re Andrea, Cacciante Carmine, Frasca Emanuela e Spoletini Margherita. Plesso Ada Negri : Necco Susi, Maugeri Gianna, Fioravanti Maria Paola, Matera Maria Paola, Mastrogregori Marisa. Plesso G. Deledda primaria: Di Pietro Berardina, Ippolito Serafina e Colanera Elio. Plesso Villa Lazzaroni : Scek Patrizia, Di Summa Luciano, Crescenzi Paola e Capitani Silvio. Plesso G. Deledda secondaria: Caramico Rossana, Di Tofano Luigia, Zinzilli Loredana, Proietti Rosaria, Iannicelli Emiliano e Gallina Alessia. pag. 9 di 30

10 Gruppi di lavoro del Collegio Docenti 1. Gruppo di lavoro sull Autovalutazione di istituto: Rastelli, Montani, Poeta, Roca, Sementilli 2. Gruppo di lavoro Avvio anno scolastico : Gentilini Laura, Leli Elisabetta, Montesano Rosa Maria, Tartaglini Laura Dai principi fondamentali I principi fondamentali su cui si fonda il servizio scolastico offerto dall'istituto comprensivo di via Latina, 303 si basano su: Costituzione italiana: - ART.3 Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. - ART.33 L arte e la scienza sono libere e libero ne è il loro insegnamento. - ART.34 La scuola è aperta a tutti. Convenzione internazionale sui diritti del fanciullo -New York ART.13 libertà di espressione del fanciullo. - ART.19 tutela del bambino contro ogni forma di violenza (abbandono-negligenza). - ART.23 tutela dei bambini disabili e loro partecipazione alla vita comunitaria. - ART.28 diritto all educazione-insegnamento primario obbligatorio e libero per tutti. - ART.29 favorire lo sviluppo della personalità del fanciullo, nonché lo sviluppo delle sue facoltà e delle sue attitudini mentali e fisiche. Strategie di Lisbona per l istruzione e la formazione che nell interesse dei cittadini dell Unione europea, dovrebbero entrare a regime entro il Il Parlamento europeo ed il Consiglio hanno formalmente espresso una Raccomandazione agli Stati membri relativa alle competenze chiave per l apprendimento permanente; le competenze chiave sono quelle di cui tutti hanno bisogno per la realizzazione e lo sviluppo personali, la cittadinanza attiva, l inclusione sociale e l occupazione. pag. 10 di 30

11 La Raccomandazione del Parlamento e del Consiglio europeo individua: Competenze chiave: Comunicazione nella madre lingua, Comunicazione nelle lingue straniere, Competenza matematica e competenze di base in scienza e tecnologia, Competenza digitale, Imparare ad imparare, Competenze sociali e civiche, Spirito di iniziativa ed imprenditorialità, Consapevolezza ed espressione culturale. I nostri principi costituzionali ed internazionali si integrano e completano il fine della nostra istituzione scolastica che si esplica attraverso la formazione globale ed armonica di tutti e di ciascuno e la consegna del patrimonio culturale alle nuove generazioni. Nessuna voce trovata per il sommario. Nel documento, selezionare le parole da includere nel sommario, quindi nella scheda Home, in Stili, scegliere uno stile intestazione. Ripetere la procedura per ogni intestazione che si desidera includere, quindi inserire il sommario nel documento. Per creare un sommario manualmente, nella scheda Elementi documento, in Sommario, scegliere uno stile e fare clic sul pulsante con la freccia giù. Fare clic su uno degli stili in Sommario manuale e digitare le voci manualmente. pag. 11 di 30

12 Ai comportamenti L'impegno di tutti a riconoscere gli alunni come soggetti centrali del processo educativo si attua attraverso: una metodologia didattica che valorizza l utilizzo di tutti i tipi di intelligenza facendo anche ricorso a uscite didattiche, campi scuola, attività laboratoriali, potenziamento dei linguaggi non verbali; la promozione del lavoro cooperativo tra i suoi componenti; la gestione degli inevitabili conflitti indotti dalla socializzazione 1 ; il lavoro collegiale degli insegnanti, a partire dalla corresponsabilità nei confronti di un progetto unitario e comune; la suddivisione delle competenze disciplinari fra gli insegnanti nella scuola primaria; il raccordo interdisciplinare fra i docenti come strumento che possa garantire l'unitarietà dell'insegnamento; il rapporto costante fra insegnanti e famiglie; la sperimentazione, l innovazione didattica e l'aggiornamento professionale; la multiculturalità. Le finalità formative, le scelte pedagogiche e didattiche Un attenzione privilegiata viene rivolta alle seguenti finalità formative, fondamentali e qualificanti rispetto al progetto unitario dell'istituto, intese come impronte di base di un corretto atteggiamento pedagogico e di un valido rapporto educativo: 1. Alfabetizzazione culturale. 2. Educazione all'identità personale e al rapporto con gli altri. 3. Educazione all affettività. 4. Educazione alla cittadinanza europea. 5. Educazione ambientale. 1. L alfabetizzazione culturale Le scuole dell'istituto, configurandosi come ambienti educativi di apprendimento, assumono il fine di promuovere l acquisizione dei fondamentali tipi di linguaggio e la migliore padronanza dei quadri concettuali, delle conoscenze, delle capacità indispensabili per la comprensione del mondo umano, della realtà sociale e delle espressioni culturali. A partire dagli interessi e dalle esperienze degli alunni le scuole si impegnano ad attivare processi di ricerca, di esplorazione, di riflessione e di studio individuale e a potenziare la creatività e l autonomia di giudizio, favorendo l acquisizione di codici di interpretazione e chiavi di lettura indispensabili per orientarsi senza smarrirsi nel complesso universo semiologico contemporaneo. 1 Dalle indicazioni nazionali per il curricolo, pag 17 pag. 12 di 30

13 2. Educazione all'identità personale e al rapporto con gli altri Nella convinzione che la scuola debba accogliere la cultura delle complessità e imparare a coniugare aspetti diversi della realtà, il fine della scuola sarà quello di promuovere la consapevolezza che la diversità e il pluralismo rappresentano una ricchezza e che su questo terreno possono esprimersi i valori del dialogo, dell integrazione, della solidarietà, della rimozione dei pregiudizi. 3. Educazione all affettività Da Daniel Goleman se cercheremo di aumentare l autoconsapevolezza, di controllare più efficacemente i nostri sentimenti negativi, di conservare il nostro ottimismo, di essere perseveranti nonostante le frustrazioni, di aumentare la nostra capacità di essere empatici e di curarci degli altri, di cooperare e di stabilire legami sociali - in altre parole, se presteremo attenzione in modo più sistematico all intelligenza emotiva - potremo sperare in futuro più sereno. La letteratura scientifica definisce l intelligenza emotiva come: - l abilità di percepire, interpretare ed esprimere le emozioni accuratamente; - l abilità di produrre e di accedere a sensazioni emotive che facilitano le attività cognitive; - le abilità di comprendere i vari concetti riferiti alla vita affettiva; - le abilità di usare un linguaggio specifico; - le abilità di gestire le proprie e altrui emozioni in modo da favorire lo sviluppo personale, il benessere e le relazioni sociali. 4. Educazione alla cittadinanza europea La scuola si impegna a creare un ambiente d'apprendimento capace di promuovere: un clima sociale positivo nella vita quotidiana della classe in cui apprendere anche in forma ludica le competenze di base di una lingua straniera; lo sviluppo di atteggiamenti coerenti e responsabili improntati al rispetto e alla cooperazione; l'autonomia di giudizio, di scelte e di assunzione di impegni, favorendo il superamento di pregiudizi e punti di vista egocentrici e soggettivi. Il raggiungimento di tali obiettivi passa attraverso strategie che prevedono: l'interazione formativa con la famiglia; la valorizzazione della relazione del bambino con l adulto e con i suoi pari; la discussione e la riflessione; il lavoro di gruppo. 5. Educazione ambientale Alcune finalità prioritarie da perseguire nel curricolo formativo sono: educare alla sensibilità verso i problemi ecologici (equilibrio dell'ecosistema, risparmio energetico, idrico, riciclaggio...); pag. 13 di 30

14 educare all'uso consapevole di oggetti e materiali; educare al rispetto e alla conservazione di strutture e servizi di pubblica utilità dell ambiente circostante; educare ad un comportamento stradale corretto e responsabile. Quindi in stretto rapporto con l'azione educativa della famiglia, la nostra scuola si propone di: concorrere alla costruzione di identità personali libere e consapevoli; formare alla cittadinanza e alla relazione interpersonale, fondate e vissute nei sensi profondi dell'appartenenza, dell'accoglienza, del rispetto reciproco e della solidarietà; promuovere, attraverso l'acquisizione di strumenti mentali idonei, di informazioni corrette e di riferimenti ideali positivi, un sapere organico e critico basato sulla conoscenza, sulla capacità di interpretazione e sulla sistemazione consapevole dei molteplici linguaggi che caratterizzano la comunicazione; potenziare l'autonomia personale e il senso di responsabilità verso sé e verso gli altri. Nella sua azione specifica, la nostra scuola intende ispirarsi ai principi di: uguaglianza e integrazione, senza distinzioni di sesso, cultura, religione, lingua, opinioni politiche, condizioni fisiche, psicologiche, sociali ed economiche; trasparenza nel motivare le ragioni delle scelte educative; efficienza nell'erogare il servizio secondo criteri di obiettività, efficacia ed equità; partecipazione nella costruzione di relazioni con le famiglie e con le altre realtà educative del territorio. Date queste premesse, la nostra scuola intende assicurare: il rispetto della libertà di scelta educativa delle famiglie; l'accoglienza e l'integrazione di tutti gli alunni, attraverso iniziative apposite, definite annualmente nella programmazione; pari opportunità di crescita culturale, a misura dei bisogni, delle potenzialità, dei ritmi e degli apprendimenti degli alunni; la gestione partecipata della scuola all'interno degli organi collegiali, per promuovere la corresponsabilità nei processi educativi di tutta la comunità scolastica; la libertà d'insegnamento nel rispetto dell'autonoma personalità degli alunni; l'aggiornamento del personale fondato sulla conoscenza costante delle teorie psicopedagogiche e metodologico-didattiche. pag. 14 di 30

15 Una scuola per tutti e per ciascuno: l integrazione scolastica. Il percorso formativo scolastico ha come obiettivo per ogni alunno l acquisizione degli strumenti minimi necessari per l integrazione sociale. La sua efficacia reale, dunque, si misura a lunga distanza, osservando modi, tempi e condizioni di vita delle singole persone e del gruppo sociale in cui esse si trovano inserite. Una trentennale esperienza su questo versante ha fortemente impegnato tutto l Istituto a creare le migliori condizioni per l accoglienza e la permanenza degli alunni con bisogni speciali nella scuola. Obiettivi La scuola ha il compito di garantire l istruzione e l educazione per tutti e deve interagire con la famiglia, con i servizi presenti sul territorio e con la comunità sociale per attivare tutte le opportunità educative utili al raggiungimento dell obiettivo. Si preoccupa di garantire una forma di ecologia interpersonale ed ambientale, quale strumento indispensabile per una serena integrazione. All interno dell Istituto operano figure di riferimento per il disagio e, in particolar modo, per il raccordo e il coordinamento delle attività che si riferiscono agli alunni diversamente abili. Si tratta di: Insegnanti di sostegno Insegnanti della classe Eventuali assistenti educatori Eventuale istruttore tecnico di nomina provinciale Insegnanti incaricati di funzione strumentale. Tali figure si pongono i seguenti obiettivi per garantire il diritto allo studio, l integrazione sociale e il pieno sviluppo della personalità del soggetto interessato: Creare, promuovere, migliorare iniziative volte all integrazione degli alunni con problemi di apprendimento, di comportamento e disabili Rilevare e analizzare indici e forme di disagio, disadattamento e insuccesso scolastico per attuare interventi migliorativi e per ridurre il fenomeno Favorire iniziative di raccordo pedagogico e curriculare tra i diversi ordini della scuola di base Realizzare rapporti funzionali fra i vari soggetti del sistema scolastico Attivare ricerche/intervento per migliorare la qualità del servizio scolastico offerto Garantire i diritti della persona che, nella scuola, si traducono in diritto ad apprendere oltre che a socializzare, nell ottica del miglioramento della qualità della vita collaborare con la famiglia e con gli operatori socio sanitari alla realizzazione del progetto di vita pag. 15 di 30

16 Ambiti d intervento Gli ambiti prevalenti di intervento possono essere sintetizzati come segue: - prevenzione delle difficoltà di relazione e/o di apprendimento - coordinamento degli interventi nel processo d integrazione dei suddetti alunni - continuità del processo educativo nella scuola di base - analisi e interpretazione di alcune caratteristiche fondamentali della scolarità - interventi a favore degli alunni stranieri (e/o nomadi temporanei) presenti nell'istituto Per quanto riguarda le attività specifiche riferite agli ambiti appena identificati, e gli aspetti operativi, metodologici e didattici, si rinvia al progetto educativo dei singoli moduli o consigli di classe. La scuola utilizza tutte le risorse disponibili: ci si avvale dei docenti di sostegno e delle ore di compresenza dei docenti della classe, per mettere in atto adeguate strategie individualizzate di recupero, di consolidamento o di sostegno degli apprendimenti. Inoltre, la scuola collabora con il Servizio di Neuropsichiatria Infantile dell ASL RMC presente nel Territorio e si avvale del supporto dell Ente Locale per il servizio psicopedagogico e l assistenza educativa. Nell istituto sono state identificate tra i docenti 3 figure di riferimento, che coordinano i rapporti tra la scuola, la famiglia e l equipe terapeutica. L articolazione del progetto per ogni singolo alunno con bisogni speciali viene definita nel Piano Educativo Personalizzato-Progetto di Vita, stilato dai docenti, discusso, approvato e verificato in sede di GLH operativo. Gli insegnanti di sostegno, coordinati dalle funzioni strumentali, si riuniscono periodicamente per confrontarsi e condividere i differenti progetti educativi e didattici. Integrazione alunni DSA Premessa Il sistema educativo,in coerenza con le attitudini e le scelte personali, promuove l apprendimento ed assicura a tutti pari opportunità di raggiungere elevati livelli culturali. Al fine di facilitare il percorso scolastico dello studente con DSA e predisporre le condizioni che gli favoriscano il successo formativo si dispone l attivazione di un Percorso Didattico Personalizzato (P.D.P., Nota Ministeriale n del ). Il termine personalizzato implica l adozione di tutte le misure compensative e dispensative, coerentemente con quanto indicato dalla nota MIUR n 4099 del 5/10/2004. Con l approvazione della Legge n.170/10 dell 8 ottobre 2010, la stesura del PDP è atto dovuto in presenza di alunni con DSA. Viene redatto collegialmente dal Consiglio di Classe e completato con le singole programmazioni curricolari, uguali al resto della classe, concordato con la famiglia e controfirmato dal Dirigente, il Consiglio di Classe al completo, il Referente DSA, lo studente (secondaria II grado) e i suoi genitori. Ogni docente esplicita le strategie con le quali si perverrà agli obiettivi definiti. Deve essere pag. 16 di 30

17 consegnato alla famiglia entro i mesi di novembre/dicembre e deve essere consultabile dai docenti che dovessero eventualmente sostituire i titolari della classe. Il PDP deve valersi anche della partecipazione diretta dello studente, per renderlo parte attiva del processo di apprendimento. Al Dirigente Scolastico ed agli Organi Collegiali deputati spetta il compito di assicurare l ottemperanza piena e fattiva di questi impegni. I riferimenti normativi per la definizione di un Piano Educativo Personalizzato per alunni con Disturbi Specifici dell Apprendimento non prevedono soltanto la eventuale certificazione ai sensi della Legge 104/92, ma anche la diagnosi di uno specialista, anche di strutture private. Pertanto anche la elaborazione delle prove di verifica, dovrà essere coerente con le modalità adottate in tutte le fasi del percorso scolastico (nota MIUR n 26 del 5/1/2005; nota MIUR prot. N 5744 del 28 maggio 2009, Decr. Pres. N. 122 del ), sulla base del P.E.P. predisposto per lo studente, ivi compresi i momenti di valutazione finale. Tale percorso deve essere documentato: nei verbali dei Consigli di Classe o d Interclasse; nel registro del singolo docente con la declinazione dei punti del P.D.P. (per la scuola secondaria). nei documenti elaborati dal C.di C., al fine dello svolgimento degli esami finali di terza media (per la scuola secondaria). Nel titolo finale, rilasciato al termine degli esami, non viene fatta menzione delle modalità di svolgimento e della personalizzazione delle prove. Il P.D.P. è aggiornabile e integrabile nel corso dell anno scolastico, in accordo con la famiglia, sulla base delle esigenze e delle strategie necessarie per compensare il processo di apprendimento dell alunno. Intercultura e accoglienza Nella scuola è presente un numero crescente di alunni, provenienti da diversi Paesi europei ed extraeuropei inseriti in progetti orientati all integrazione. All interno delle singole istituzioni sono attivi laboratori linguistici per favorire un adeguata conoscenza della lingua italiana. Consideriamo l accoglienza un momento formativo irrinunciabile per accompagnare ogni alunno nel suo percorso all interno della scuola, luogo di vita, di incontro, di crescita. Accogliere gli alunni significa accogliere la loro storia, i loro vissuti, le loro aspettative, i loro punti di forza e quelli di debolezza, al fine di progettare interventi motivanti e significativi. La scuola si impegna a creare un clima adeguato, affinché ciascuno trovi stimoli ed incentivi per apprendere, attraverso molteplici occasioni di socializzazione, di gioco. L accoglienza si qualifica come postulato di base dell azione educativa di tutta la scuola e intende porre particolare attenzione, ai momenti di passaggio dalla Scuola dell Infanzia alla Scuola Primaria, nonché da quest ultima alla Scuola Secondaria di primo grado. Favoriamo l iscrizione e la frequenza di alunni stranieri anche come contributo ad un educazione aperta e multiculturale, finalizzata alla conoscenza e al confronto positivo e dinamico delle culture altre. pag. 17 di 30

18 La presenza nella scuola di alunni di etnie e religioni diverse rappresenta un contributo importante alla conoscenza reciproca e alla pace tra i popoli. Protocollo per l accoglienza e l integrazione di alunni stranieri Gli alunni stranieri sono un fenomeno che riguarda ormai ogni ordine e grado di scuola, e la gestione di questa nuova realtà costituisce una consapevole assunzione di responsabilità nei confronti di un fenomeno strutturale qual è ormai l immigrazione e anche la normativa assegna alle istituzioni scolastiche il compito di promuovere e favorire iniziative per l inserimento degli alunni stranieri. In considerazione di ciò e compatibilmente con le risorse disponibili, già da diversi anni l Istituto offre supporto didattico individualizzato per l apprendimento della lingua italiana a favore degli studenti stranieri. La Commissione Intercultura ha ampliato e potenziato tali iniziative realizzando corsi di supporto linguistico a vari livelli: prima alfabetizzazione, base, intermedio. Tale progetto si propone le seguenti finalità: - favorire l integrazione degli alunni stranieri nel contesto scolastico locale, evitando fenomeni di rifiuto, esclusione, autoesclusione o invisibilità; - facilitare il successo scolastico degli alunni stranieri; - offrire pari opportunità anche ad alunni che eventualmente si inserissero ad anno scolastico inoltrato; - organizzare momenti di formazione, aggiornamento o autoaggiornamento che permettano di affrontare in modo efficace il fenomeno; - realizzare percorsi di intercultura; - avviare la cooperazione fra scuola e territorio finalizzata all accoglienza e all integrazione degli alunni stranieri. Si prefigge di raggiungere i seguenti obiettivi: - far acquisire agli allievi stranieri una conoscenza di base e/o un approfondimento della lingua italiana; - offrire accoglienza fin dal primo giorno di scuola; - seguire l apprendimento dell allievo in tutte le discipline; - intervenire didatticamente per favorire lo scambio di conoscenze e la valorizzazione delle diversità etniche e culturali degli allievi all interno del gruppo classe. Le attività programmate prevedono: - interventi mirati per la prima accoglienza; - proposte di assegnazione degli alunni stranieri alle classi di appartenenza; - corsi di sostegno linguistico; - attività di educazione interculturale; pag. 18 di 30

19 - indicazioni per le relazioni con il territorio; - iniziative di formazione per i docenti. - Continuità Didattica La continuità didattica è uno dei pilastri del processo educativo. E da tenere presente che la scuola del primo ciclo contribuisce in modo determinante all elevazione culturale, sociale ed economica del Paese e ne rappresenta un fattore decisivo di sviluppo e di innovazione, nell ottica dell educazione permanente e ricorrente. Il progetto continuità costituisce il filo conduttore che unisce i diversi ordini di scuola e collega il graduale progredire e svilupparsi dello studente, soggetto in formazione, al fine di rendere più organico e consapevole il percorso educativo e didattico dell alunno. Il percorso si esplica in tre momenti: il primo è rivolto agli alunni della Scuola Primaria e della Scuola dell infanzia e prevede attività di socializzazione ed esperienze sull affettività e sulla conoscenza della realtà che i bambini della scuola dell infanzia dovranno affrontare l anno successivo; il secondo è rivolto agli alunni della Scuola Primaria e della Scuola Secondaria di primo grado e prevede attività didattiche interdisciplinari su tematiche concordate dai docenti; il terzo è rivolto agli alunni della scuola Secondaria di Primo Grado e prevede forme di interazione didattica con Istituti Superiori di II grado su tematiche di attualità. I bambini della classe prima della Scuola Primaria saranno coinvolti in attività con gli alunni della scuola dell Infanzia in un azione di tutoraggio, mentre quelli delle classi quarte e quinte potranno essere coinvolti in attività con i compagni delle classi seconde e terze della Scuola Secondaria di Primo Grado. Gli alunni della classe terza della Scuola Secondaria collaboreranno con gli alunni delle classi prime degli Istituti Superiori. Obiettivi: Prevenire e limitare lo svantaggio utilizzando diverse opportunità in grado di motivare maggiormente gli alunni; Promuovere e sviluppare negli insegnanti la capacità di lavorare su obiettivi educativi e didattici dei diversi ordini di grado. Consolidare la continuità tra la scuola elementare e la scuola media di primo grado e tra la scuola media di primo grado e secondo facilitando il passaggio degli alunni tra i due ordini Confrontare la metodologia utilizzata. Progettare e realizzare attività di lavoro comuni dei diversi ordini di scuola. Risultati attesi Facilitazione dell inserimento nella nuova realtà scolastica Consolidamento dei rapporti tra docenti dei diversi ordini di grado. Gli incontri tra i docenti per la continuità saranno legati allo svolgimento dei progetti suddivisi per periodi. All inizio si punterà sull incontro degli alunni delle quinte con le prime medie attraverso attività didattiche presentate in modo ludico e finalizzate in primis alla socializzazione tra i diversi ordini di grado. pag. 19 di 30

20 La fase della socializzazione vedrà altresì lo studio, l approfondimento e la produzione, nelle singole classi, di materiale in relazione ai contenuti proposti tra gli alunni delle classi interessate e un incontro finale di scambio delle esperienze realizzate. Si prevedono eventuali collaborazioni con insegnanti coinvolti nel progetto continuità-orientamento provenienti dagli istituti secondari superiori. L'orientamento al termine della scuola secondaria di secondo grado L orientamento, come atto educativo, va considerato uno dei punti cardine dell'attività scolastica. E' inserito organicamente nei piani d intervento di ciascun docente, per quanto riguarda lo specifico delle proprie discipline, e nella programmazione educativa e didattica dei consigli di classe e d interclasse. Ciò nel rispetto della finalità ultima della scuola dell'obbligo che, obbedendo a quanto sancito dalla Costituzione, favorisce l'orientamento dei giovani ai fini della scelta dell'attività successiva. I protagonisti dell'orientamento sono i seguenti: - la scuola, l'alunno, la famiglia, gli enti locali, il mondo del lavoro, le figure professionali. L'aspetto educativo prevede: - la conoscenza di sé (attitudini, interessi, capacità); - l'accesso alle informazioni nell'ambito della scuola e all'esterno di essa; - il consolidamento della capacità di operare scelte. Le attività da privilegiare sono: - conversazioni guidate e somministrazione test, volti a favorire la conoscenza di sé; - il rafforzamento dello specifico delle discipline; - la somministrazione di questionari finalizzati; - l'ampliamento delle conoscenze del settore produttivo; - la conoscenza approfondita dell'ambiente circostante; - gli eventuali incontri con operatori del settore produttivo; - le eventuali visite guidate presso luoghi significativi di realtà operative; - la lettura e la consultazione di opuscoli illustrativi sulle scuole superiori; - gli incontri con docenti delle scuole superiori; - le visite guidate presso alcuni istituti superiori; - il coinvolgimento dei genitori nell azione orientativa; - l elaborazione, al termine della scuola secondaria di 1 grado, di un consiglio orientativo da segnalare agli alunni ed ai genitori. - pag. 20 di 30

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015 Istituto Comprensivo Statale Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazzale della Civiltà Tel. 0828/941197 fax. 0828/941197 84069 ROCCADASPIDE (Salerno) C.M. SAIC8AH00L Email-dirdirocca@tiscali.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Rapporto di autovalutazione

Rapporto di autovalutazione Rapporto di autovalutazione Sommario 1. Codice meccanografico istituto principale...3 2. Griglie di autovalutazione...3 1.1 Esiti...3 1.2 Contesto e risorse...4 1.3 Processi...5 3. Individuazione obiettivi

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri La documentazione Dall ICF alla DF al PDF al PEI La Diagnosi Funzionale (DF) 1. Utilizzo degli items di ICF nella definizione

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c.

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c. ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE Regolamento Regolamento GLHI del gruppo di lavoro sull handicap Ai sensi dell art. 15 c. L 104/92 Approvato dal Consiglio di stituto in data 08/07/2013 1 Gruppo di Lavoro

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

Progetto Formazione e informazione dei rappresentanti di classe

Progetto Formazione e informazione dei rappresentanti di classe Progetto Formazione e informazione dei rappresentanti di classe Guida pratica del rappresentante dei genitori a cura dell Associazione Per maggiori informazioni consultare il sito www.genitoriescuola.it

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE Anno scolastico 2012-2013 INSEGNANTI Clagluna Alessandra Corvitto Giovanna De Gaetanis Antonella Ficicchia Valeria Giuliani Cristina

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo.

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo. Regolamento G.L.I. Art. 1 Costituzione del G.L.I. (Gruppo di Lavoro per l Inclusione) Ai sensi della Direttiva Ministeriale del 27 dicembre 2012 (Strumenti d intervento per alunni con bisogni educativi

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Prof. Luigi d Alonzo

Prof. Luigi d Alonzo La complessità in classe Prof. Luigi d Alonzo Università Cattolica Ordinario di Pedagogia Speciale Centro Studi e Ricerche sulla Disabilità e Marginalità Presidente della Società Italiana di Pedagogia

Dettagli

RILEVAZIONE COMPETENZE LINGUISTICHE ITALIANO L2 ALUNNI STRANIERI I.C. Leonardo da Vinci

RILEVAZIONE COMPETENZE LINGUISTICHE ITALIANO L2 ALUNNI STRANIERI I.C. Leonardo da Vinci RILEVAZIONE COMPETENZE LINGUISTICHE ITALIANO L2 ALUNNI STRANIERI I.C. Leonardo da Vinci di Sorbolo-Mezzani a.s. 2013-2014 PREMESSA Essere alfabetizzati nella nostra lingua costituisce un buon indicatore,

Dettagli