UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA SCUOLA DI SCIENZE SOCIALI MANIFESTO DEGLI STUDI DEI CORSI DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA SCUOLA DI SCIENZE SOCIALI MANIFESTO DEGLI STUDI DEI CORSI DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA SCUOLA DI SCIENZE SOCIALI MANIFESTO DEGLI STUDI DEI CORSI DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA Anno Accademico 2014/2015

2 Il presente Manifesto degli Studi è conforme a quanto deliberato dal Consiglio di Dipartimento del 24 luglio 2014 Per eventuali integrazioni o rettifiche si faccia riferimento al sito:

3 LETTERA AGLI STUDENTI In questi anni profonde trasformazioni hanno coinvolto gli Atenei italiani; il nostro Ateneo comprende oggi 22 Dipartimenti, coordinati in 5 Scuole, ai quali afferiscono i corsi di studio. I Dipartimenti svolgono oggi, oltre alle attività di ricerca, anche le attività di gestione della didattica un tempo di competenza delle Facoltà. I Dipartimenti sono quindi le strutture alle quali Vi rapporterete nei prossimi anni. Al Dipartimento di Economia, che fa capo alla Scuola di Scienze Sociali, afferiscono i seguenti corsi di studio triennale: Economia e Commercio, Economia Aziendale, Economia delle Aziende marittime, della Logistica e dei Trasporti e il nuovo corso di laurea interdipartimentale in Scienze del turismo: Impresa, Cultura e Territorio presso il Polo di Imperia; afferiscono anche i seguenti corsi di laurea magistrale: Amministrazione, Finanza e Controllo, Economia e Istituzioni finanziarie, Economia e Management marittimo portuale, Management. Per l anno accademico 2014/15 l offerta formativa comprende: lauree triennali utili per acquisire una solida preparazione di base e lauree magistrali utili per approfondire conoscenze e competenze in ambiti rilevanti rispetto alle vocazioni economiche e produttive del territorio ed alle tendenze dell economia contemporanea. Per tutti i corsi di laurea dell area economico-aziendale (Sede di Genova) gli studenti troveranno nel primo anno lo stesso pacchetto di insegnamenti: ciò permetterà loro di intraprendere gli studi e al secondo anno - acquisita una maggiore conoscenza delle caratteristiche e degli obiettivi formativi di ciascun corso e dei propri reali interessi - confermare o modificare, senza conseguenze, la scelta iniziale. I percorsi sono impegnativi ma offrono, anche nell attuale periodo di crisi, concrete opportunità di inserimento nel mondo del lavoro. L impegno del Dipartimento di Economia per favorire questo processo è continuo e si concretizza in un crescente impegno nel miglioramento della qualità della didattica, della ricerca e nello sviluppo di relazioni con il mondo delle imprese e delle professioni. Nella consapevolezza che una seria esperienza all estero rappresenta un elemento di qualità nel curriculum di chi si affaccia al mondo del lavoro, il Dipartimento sta cercando di sviluppare le proprie convenzioni con altri Atenei europei nell ambito degli scambi Erasmus. E ovviamente fondamentale che gli studenti affrontino con impegno e serietà l esperienza universitaria. Buon lavoro a tutti. Il Direttore del Dipartimento di Economia (Prof. Luca Beltrametti) 3

4 4

5 DIPARTIMENTO DI ECONOMIA Via Vivaldi, 5 GENOVA Direttore Prof. Luca Beltrametti Vice Direttore Prof. Teresina Torre e- tel fax A.I.F.E. - Attività Internazionali e Formazione all Estero e- tel fax apertura al pubblico: lunedì, mercoledì, venerdì ore Aule informatiche e- tel Centro di Servizio Bibliotecario di Economia (CSB di Economia) Direzione tel fax e- Sala piano terra Servizi: prestito e consultazione, reference, prestito interbibliotecario e document delivery, fotocopie, accesso a internet, consultazione banche dati tel apertura al pubblico: da lunedì a giovedì: ore venerdì: ore Sala lettura II piano Servizi: prestito e consultazione, fotocopie tel apertura al pubblico: lunedì e mercoledì: / martedì, giovedì, venerdì: Centro di Documentazione Europea (E) di Genova 5

6 tel fax e- Centro di studi e documentazione di Storia economica Archivio Doria Via Vivaldi 5 (Darsena) Genova tel /5478 fax apertura al pubblico (previo appuntamento, tel ): da lunedì a venerdì dalle alle Informazioni (III piano) tel Informazioni (piano terra) tel Sala Internet tel apertura al pubblico: da lunedì a giovedì: ore venerdì: ore Sportello dello studente e- tel apertura al pubblico: da lunedì a venerdì ore il martedì anche ore Sportello dello studente tutor e- tel apertura al pubblico: (gli orari sono suscettibili a variazioni durante l anno pertanto vengono affissi presso lo sportello Tutor) Ufficio tirocini e stage e- tel fax apertura al pubblico: da lunedì a venerdì: ore (anche su appuntamento) 6

7 Polo didattico decentrato di Imperia - Via Nizza, Imperia Segreteria e Sportello Studente tel fax e- apertura al pubblico: da lunedì a venerdì: ore Biblioteca tel. e fax e- apertura al pubblico: da lunedì a venerdì: ore sabato: ore Informazioni online e Servizi Informazioni dettagliate su Economia sono disponibili all indirizzo: Via Bensa, 1 tel fax e- Segreteria Studenti di Ateneo apertura al pubblico: da lunedì a venerdì ore martedì ore ; ore

8 Professori ordinari (prima fascia) Alemanni Barbara Beltrametti Luca Boi Giorgetta Maria Brignardello Monica Di Antonio Marco Ferrando Pier Maria Gosio Cristina Midoro Renato Musso Enrico Parini Paolo Quagli Alberto Rollandi Maria Stella Sciomachen Anna Franca Zuccardi Merli Mara Corpo del Dipartimento Professori associati (seconda fascia) Avallone Francesco Giovanni Benevolo Clara Bruzzi Silvia Buratti Nicoletta Cavalletti Barbara D'Alauro Giovanni Doria Marco Ferrari Claudio Fontana Federico Garelli Roberto Gozzi Antonio Lagazio Corrado Lari Ester Cesarina Mazzoli Marco Nieri Laura Penco Lara Piccinno Luisa Profumo Giorgia Querci Francesca Testi Angela Torre Teresina Tronzano Marco Roberto Ricercatori Ambrosino Daniela Bonollo Elisa Bottasso Anna 8

9 Burlando Claudia Cardullo Gabriele Conti Maurizio Dameri Renata Di Bella Enrico Gabbioneta Claudia Gasparre Angelo Ghiara Hilda Guerrazzi Marco Montefiori Marcello Piscopo Gabriella Ramassa Paola Ravera Marina Remondino Marco Resta Marina Scarsi Roberta Scotto Serena Seghezza Elena Soliani Riccardo Spinelli Riccardo Tanfani Elena Uberti Pierpaolo Zanini Andrea Ricercatori a tempo determinato Marchese Malvina Panero Cinzia Maria Rita Persico Luca Romani Marina Satta Giovanni Professori a contratto Amato Amedeo Ballestreo Maria Vittoria Burro Giacomo Caselli Lorenzo Chirco Mauro Ciarletta Luisa Cozzi Gianni De Candia Giulia Fadda Liana Gagliardi Vincenzo Genco Pietro Giorgetti Giorgio Lombardo Giuseppe Longhi Giovanni 9

10 Macchiavello Eugenia Nicolini Elga Santini Laura Serrano Anna Vercellino Francesca Letizia Zunino Roberto Collaboratori ed esperti linguistici Greeve Cramer Christina Nal Dominique Rainey Justin Indirizzi e- , recapiti tel.efonici dei singoli docenti e i relativi programmi saranno reperibili sul sito web: nella sezione Docenti Rappresentanti degli studenti - triennio accademico 2014/2017 Consiglio di Dipartimento COSTANTINO SARA GIACCO IRENE GIRIBALDI ANDREA NEFFELLI MARCO ORLANDO LORENZOPRIORI ELEONORA Consiglio del Corso di Studi in Economia aziendale (Genova) FABBIANI BERTI Damiano FASCE MONICA GIACCO IRENE GIRIBALDI ANDREA PRIORI ELEONORA REMONDINI EMANUELE Consiglio del Corso di Studi in Economia aziendale (Imperia) CAROTA ALBERTO GARIBBO NINO BADELLINO ILARIA Consiglio del Corso di Studi in Economia delle aziende marittime logistica e trasporti KUZNETCOVA EKATERINA SARACINO PAOLO PASTORE CARLO Consiglio del Corso di Studi in Economia e Commercio 10

11 ORLANDO LORENZO COSTANTINO SARA LICARI LORENZO NUNZIO ARDISSONE GIACOMO BERTUCCI CARLOTTA Consiglio del Corso di Studi Magistrale in Amministrazione finanza e controllo VALDINOCI URIELE SISMONDINI ELIANA ANGOTTI MATTEO Consiglio del Corso di Studi Magistrale in Management ALACEVICH EMILIO SGUAIZER MATTHEW Consiglio del Corso di Studi Magistrale in Economia e management marittimo e portuale LUSIANI MARCO FEUDJEU MBAPTE DIDIER CARMEL GIANNATTASIO MATTEO Consiglio del Corso di Studi Magistrale in Economia e istituzioni finanziarie NEFFELLI MARCO 11

12 INFORMAZIONI UTILI Calendario didattico a.a. 2014/15: Organizzazione del calendario didattico Date da ricordare Calendario didattico a.a. 2014/15 Esami di laurea Compilazione dei piani di studio Rilevazione della qualità della didattica Scadenze amministrative di Ateneo Servizi per gli studenti: Centro di Servizio Bibliotecario di Economia (CSB) Centro studi e documentazione di Storia economica Archivio Doria Didattica online - AULAWEB English Package Manager didattico Orientamento e tutorato Programma europeo di apprendimento permanente Erasmus Plus Rilevazione della qualità della didattica Servizi didattici integrativi Servizi multimediali Servizi per studenti disabili e studenti con dsa Sportello dello studente Tirocini e stages 12

13 Organizzazione del calendario didattico a) Il calendario didattico è organizzato in 2 semestri. Le lezioni e gli esami sono previsti nelle giornate dal lunedì al venerdì. b) LE LEZIONI - degli insegnamenti da 6 cfu (48 ore e 36 ore per il Corso in Scienze del turismo di Imperia) sono articolate in 4 ore di lezione settimanali per tutti i corsi di studio (12 settimane); - degli insegnamenti da 9 cfu (72 ore e 54 ore per il Corso in Scienze del turismo di Imperia) sono articolate in 6 ore di lezione settimanali per tutti i corsi di studio (12 settimane) c) GLI ESAMI: per tutti gli insegnamenti - 4 appelli nella sessione d'esame alla fine del semestre in cui si è svolto l insegnamento; - 2 appelli nella sessione d'esame alla fine del semestre in cui non si è svolto l'insegnamento; - 1 appello nella sessione autunnale. Date da ricordare 2 settembre 2014 test scritto per la verifica della conoscenza della lingua italiana per studenti stranieri con diploma conseguito all estero (prima data) 8 settembre 2014 visita guidata al Polo di Imperia 9, 10, 11 settembre 2014 visite guidate al Dipartimento tra l 8 e il 12 settembre 2014 verifica adeguatezza preparazione personale per l accesso ai corsi di laurea magistrale 16 settembre accoglienza matricole a Genova 16 settembre accoglienza matricole a Imperia 17 settembre 2014 test di verifica per l accesso ai corsi triennali (prima data) 18, 19 settembre 2014 corso di recupero per chi non ha superato il test (frequenza obbligatoria) 4 novembre 2014 test di verifica per l accesso ai corsi triennali (seconda data) 5, 6 novembre 2014 corso di recupero per chi non ha superato il test (frequenza obbligatoria) tra il 10 e il 14 novembre 2014 verifica adeguatezza preparazione personale per l accesso ai corsi di laurea magistrale tra il 16 e il 20 febbraio 2015 verifica adeguatezza preparazione personale per l accesso ai corsi di laurea magistrale 18 febbraio 2015 termine ultimo per conseguire la laurea (28 febbraio termine ultimo per iscriversi ad un corso di laurea magistrale) aprile 2015 test di verifica per l accesso ai corsi triennali (terza data) aprile 2015 corso di recupero per chi non ha superato il test (frequenza obbligatoria) tra il 6 e il 10 luglio 2015 verifica adeguatezza preparazione personale per l accesso ai corsi di laurea magistrale (per chi si iscriverà all a.a. 2015/16) 13

14 Calendario didattico a.a (unico per tutti i corsi di studio afferenti al Dipartimento) 1-12 settembre 2014 esami sessione autunnale (appello unico) 1 SEMESTRE 22 settembre 2014 inizio lezioni per tutti i corsi novembre 2014 appello straordinario riservato agli studenti che abbiano già acquisito tutte le frequenze degli insegnamenti previsti nel corso di studi 12 dicembre 2014 termine lezione per tutti i corsi 15 dicembre febbraio 2015 periodo esami sessione invernale 24 dicembre gennaio 2015 vacanze natalizie 2 SEMESTRE 2 marzo 2015 inizio lezioni per tutti i corsi 2-8 aprile 2015 vacanze pasquali 29 maggio 2015 termine lezione per tutti i corsi 1 giugno 31 luglio 2015 periodo esami sessione estiva ******* 1-11settembre 2015 periodo esami sessione autunnale (appello unico) Esami di laurea 2014 a partire dal 6 ottobre 2015 a partire dal 26 gennaio 16 marzo 13 luglio 21 settembre 14

15 Compilazione dei piani di studio DAL MESE DI OTTOBRE 2014 La compilazione del piano di studi è obbligatoria per tutti gli studenti e rappresenta il programma di lavoro annuale dello studente che permetterà allo studente di prenotarsi agli esami e al di effettuare la regolare registrazione del voto conseguito. Le modalità di predisposizione dei piani di studio sono pubblicate nei capitoli dedicati alle Norme e organizzazione delle attività didattiche sia per i corsi di laurea triennale, sia per i corsi di laurea magistrale. Nel periodo indicato dal Calendario didattico di ciascun anno (vedi Date da ricordare ) ogni studente è obbligato a compilare e approvare il proprio piano di studi, usando direttamente la procedura informatizzata presente sul Portale studenti in Servizi agli studenti, alla voce Inserimento piani di studio : Nei piani di studio standard, per ciascun corso di studi sono indicati gli esami che devono obbligatoriamente essere sostenuti. A questi, nel triennio/biennio, dovranno essere aggiunti la Lingua inglese, gli esami A scelta dello studente (non curricolari; tirocini; altri esami dell offerta didattica), le Altre attività formative (obbligatorie nei corsi di laurea magistrale). Durante il periodo di compilazione, possono anche essere fatte modifiche ad inserimenti fatti negli anni precedenti per esami A scelta dello studente, oppure per scelte opzionali fra esami del piano di studi. E necessario però sapere che le modifiche al piano di studi hanno come possibile conseguenza la perdita del diritto ai benefici di merito previsti dall Ateneo e impongono il rinnovo dell iscrizione ad un nuovo anno accademico, con conseguente pagamento delle tasse nella loro interezza e l obbligo di laurearsi dopo marzo. I piani di studio standard, in quanto aderenti ai piani di studio proposti dal Consiglio di corso di studi, saranno approvati automaticamente online e riversati nella carriera dello studente. I piani di studio che si discostano per qualunque motivo da quelli standard dovranno essere compilati seguendo le istruzioni di compilazione per un piano di studi non conforme (sempre attraverso il Portale studenti in Servizi agli studenti, alla voce Inserimento piani di studio ) e presentati (o inviati tramite e ) allo Sportello dello studente per l approvazione da parte del Consiglio del Corso di Studi. Gli studenti del primo anno delle lauree magistrali in continuità (senza obblighi formativi aggiuntivi) possono compilare il piano di studio senza ulteriori formalità. Gli studenti del primo anno delle lauree magistrali non in continuità (con obblighi formativi aggiuntivi) possono compilare il piano di studi solo dopo aver ottenuto il nulla osta ed aver formalizzato l iscrizione in Segreteria Centrale, Via Bensa 1. Gli studenti Erasmus in partenza, devono compilare un piano di studi non conforme, segnalando nelle Note gli esami che sosterranno all estero e i corrispondenti esami della sede di Genova. 15

16 Gli studenti che effettuano passaggi di corso, opzioni, riconoscimento di carriera precedente, trasferimenti da altro Ateneo, sono tenuti alla compilazione del piano di studi, dopo la delibera del Consiglio di Corso di Studi, presentandosi con la stessa presso lo Sportello dello studente. Scadenze amministrative di Ateneo Sul Portale Studenti dell Università di Genova sono indicati i termini entro i quali chiedere: immatricolazione (iscrizione all'università per la prima volta): laurea o laurea magistrale iscrizione: ad anni successivi al primo, ad anni oltre la durata normale dei corsi (nuovo ordinamento), fuori corso (vecchio ordinamento) iscrizioni a singole attività formative pagamento II rata passaggi ad altro corso di studi studio del caso (valutazione degli studi pregressi) trasferimenti dottorato di ricerca SERVIZI PER GLI STUDENTI Centro di Servizio Bibliotecario di Economia (CSB) La biblioteca, ricca di una collezione che assomma quasi a volumi, con 900 titoli di periodici correnti, occupa nel Quartiere Scio l'imponente sala a volte -densa di storia- al piano terra e un ampia sala al secondo livello. Alla diversificazione logistica corrisponde una diversificazione di quanto offerto: alla consultazione del materiale cartaceo tradizionale, reso adesso ancora più fruibile dalla scaffalatura aperta, si affianca progressivamente ed in maniera sempre più massiccia la consultazione di materiale informativo in formato elettronico. La biblioteca si affianca ai compiti formativi, tutto sommato ancora parzialmente tradizionali nonostante i diversi supporti, offrendo servizi quali la possibilità di elaborare testi utilizzando le strutture informatiche messe a disposizione. Per maggiori informazioni: Centro di Documentazione Europea (E) di Genova Dal 2001 è istituito presso il Centro Servizi Bibliotecari di Economia dell'università di Genova il Centro di Documentazione Europea (E) sulla base di apposita convenzione con la Commissione Europea. Il E è uno dei punti di servizio delle Reti d'informazione dell'unione Europea. Le principali finalità del E sono: promuovere e consolidare l'insegnamento e la ricerca nel campo dell'integrazione europea; rendere accessibile ai cittadini europei l'informazione sull'unione e le sue politiche; 16

17 offrire a studenti, studiosi, cittadini provenienti dal mondo del lavoro e delle professioni un servizio integrato di informazione e documentazione sulle attività dell'unione europea, attraverso la consultazione di basi dati e di differenti tipologie di documentazione. A Genova il E è dislocato presso la Sala lettura al Piano Terra del Centro Servizi Bibliotecari (CSB) di Economia. Esso mette a disposizione dell'utente le Pubblicazioni della Comunità Europea edite a partire dal 2001 e numerose Banche Dati Comunitarie. E' da subito attivo un Servizio richiesta di documentazione e informazioni in linea curato dall'ufficio reference al quale è possibile mandare una per ogni necessità informativa. Per maggiori informazioni: Centro studi e documentazione di Storia economica Archivio Doria "Contenitore" di documentazione preziosa e nel complesso rara, non solo e non tanto per il tipo di materiale conservato, ma per l'ampia utilizzazione cui si presta. In questa sede hanno lavorato e stanno attualmente svolgendo i propri studi ricercatori italiani e stranieri. Come è stato di recente sottolineato da esperti archivisti, la documentazione di tipo contabile, soprattutto dei secoli XVI - XVIII, attinente l'amministrazione di beni di persone o famiglie, non è facilmente reperibile e ciò sottolinea in modo particolare il significato e il peso scientifico di tale struttura. Si tratta dei fondi Doria di Montaldeo, Salvago Raggi, Doria Lamba, Balbi, Brignole. Va però ricordato un altro elemento che ne sottolinea la peculiarità: la collocazione in un contesto universitario, come, nell'unico altro caso esistente in Italia, il fondo delle famiglie Saminiati - Pazzi conservato presso l'istituto di Storia economica dell'università Bocconi di Milano. Ciò fa sì che alla funzione di contenitore di documenti a disposizione di studiosi, si affianchi quella di materiale didattico di alto livello per i docenti e gli studenti di Economia per i quali si svolgono corsi integrativi a quello di Storia economica e attività seminariali, che mostrano una struttura archivistica operante nella sua piena e completa realtà. Al contempo è dato loro modo di comprendere i passaggi attraverso i quali, con la valutazione critica e l'analisi dei documenti e delle informazioni storicamente sedimentatesi, si giunga a delineare quelle sintesi e quei processi dinamicamente correlati che vengono loro illustrati nel corso delle lezioni. Non a caso si ritiene perciò che l'archivio Doria costituisca una struttura di grande pregio il cui alto significato debba essere reso noto in termini sempre più ampi. Gli studiosi già lo conoscono e da tempo vi attingono elementi per le loro ricerche. Per maggiori informazioni: Didattica online - AulaWeb I Docenti di Economia usufruiscono ampiamente, per la propria didattica, di AULAWEB, il portale per la didattica online dell'ateneo che può essere utilizzato sia a supporto delle lezioni in presenza, sia per l'erogazione di corsi completamente a distanza. 17

18 Dalla homepage del sito di Economia, il link ad AULAWEB permette di raggiungere le aule virtuali per i propri Corsi di Studio (Lauree triennali e magistrali, Corsi di Master, Corsi di Dottorato,...) o per singoli moduli didattici. Possono accedere ad AULAWEB gli studenti, i docenti e tutto il personale dell'ateneo genovese, nonché gli studenti Erasmus regolarmente iscritti. Per accedere ai corsi di AULAWEB si usano le credenziali che consistono in un nome utente (Username) e una Password che vengono assegnate al momento dell'immatricolazione. Sul portale si possono trovare e scaricare documenti relativi alle lezioni frontali, approfondimenti, dispense, lucidi, ecc. Possono essere eseguiti i test, i compiti e le attività elaborate dai docenti, individualmente o in gruppo. E anche possibile entrare nei forum e partecipare alle discussioni. I docenti che utilizzano AULAWEB sono indicati nell elenco degli insegnamenti attivati in ciascun anno accademico e sono essi che stabiliscono i contenuti e le modalità di fruizione, informandone gli studenti all inizio dei corsi. Per maggiori informazioni: Per informazioni sui corsi offerti da Economia tramite AULAWEB: Referenti per AulaWeb prof. Claudia Gabbioneta dott. Enrico Ivaldi English package Economia offre ai propri studenti alcuni insegnamenti tenuti in lingua inglese, finalizzati a un miglior inserimento nel mondo del lavoro. Tali corsi sono aperti anche agli studenti stranieri e possono costituire un ambito formativo importante per la loro integrazione. Cod. Insegnamenti In Lingua Inglese DOCENTE CFU Organization Theory Angelo Gasparre Financial Econometrics Malvina Marchese Law and practice of national, EU and international shipping programmes 6/9 Mauro Chirco 3 Statistical models Corrado Lagazio 6/9 18

19 Manager didattico Il Manager Didattico è una figura (amministrativa-gestionale) la cui funzione è quella di facilitare l adeguamento ai cambiamenti imposti dalla riforma dei cicli universitari dell offerta formativa e dei servizi ad essa correlati. Opera in una posizione di staff rispetto al Direttore e ai Coordinatori dei Corsi di Studio. Le attività del Manager Didattico riguardano: la promozione dell offerta didattica, l informazione, l orientamento e l accompagnamento degli studenti; il supporto all organizzazione e al monitoraggio dei Corsi di Studio per la programmazione dell offerta formativa; la revisione del Manifesto degli Studi; la predisposizione degli orari di lezione. Orientamento e tutorato Particolare attenzione viene dedicata all attività di orientamento, sotto differenti profili: orientamento all ingresso; orientamento in itinere; orientamento in uscita. La competenza per tali attività spetta alla Commissione orientamento e tutorato. Nella propria attività la Commissione è affiancata sia da studenti tutor all ingresso, sia da tutor didattici, nella sede di Genova e nel Polo di Imperia. La presenza degli studenti tutor è di grande importanza per l immediatezza e informalità che caratterizza il colloquio tra studenti e può agevolare la presa di coscienza di eventuali problemi e l individuazione delle opportunità di risolverli. Per l orientamento in ingresso viene fornito un servizio rivolto a supportare le matricole nel loro primo anno di attività nel mondo universitario. Tale servizio prevede l attività di tutor che hanno seguito uno specifico corso di formazione e che sono stati attribuiti a ciascuna delle classi nelle quali sono inserite le matricole, secondo lettera iniziale del cognome: gruppo A-C; gruppo D-L; gruppo M-Q; gruppo R-Z. Il servizio sarà operativo con l inizio delle lezioni (22 settembre 2014). Per ciascun gruppo sarà attivo un forum su aulaweb, raggiungibile da questo indirizzo: Per l orientamento in itinere è preziosa l attività dei tutor didattici che svolgono attività didattica integrativa per alcuni insegnamenti, secondo programmi specifici. Il tutorato didattico viene svolto da studenti di corso di laurea magistrale o dottorandi di ricerca che abbiano svolto una carriera universitaria caratterizzata da un ottimo rendimento. Alcuni tutor didattici forniscono aiuto all inserimento degli studenti stranieri e collaborano al programma di sostegno didattico per gli studenti a tempo parziale (es. lavoratori o impegnati in altre attività a tempo pieno). Lo Sportello dello studente tutor ha sede al terzo piano, in prossimità della Piazza degli studenti. Per maggiori informazioni: 19

20 Programma europeo di Erasmus Plus La promozione della mobilità studentesca sul piano internazionale rappresenta un momento strategico di qualificazione dell offerta didattica e dei processi di sviluppo di Economia, perseguito attraverso la sottoscrizione di accordi bilaterali di cooperazione con sedi universitarie europee ed extraeuropee. Nell ambito del programma comunitario Erasmus è previsto, in particolare, che gli studenti possano muoversi all interno di scambi tra Università europee che si siano accordate a tale scopo, soggiornando all estero per un semestre o, ove il calendario didattico risulti organizzato con un sistema ad annualità, per un periodo non superiore a dodici mesi, sia per seguire corsi di insegnamento e sostenere gli esami che vengono riconosciuti dalla sede di origine ai fini del loro curriculum, sia per raccogliere i materiali necessari all elaborazione di tesi di laurea, sia per realizzare esperienze significative di inserimento nel mondo del lavoro attraverso un tirocinio o uno stage (vedi Regolamento Tirocini di formazione ed orientamento e stages Il sistema presuppone la trasparenza dei contenuti dei corsi di insegnamento e dei relativi carichi di lavoro, a garanzia dell equivalenza degli studi svolti nelle diverse sedi. A tal fine è previsto che ogni sede attribuisca ai propri corsi un valore in termini di Crediti Formativi (l European Credit Transfer System ECTS). Nei siti web delle sedi ospitanti, normalmente, sono reperibili informazioni sull organizzazione, l offerta didattica complessiva e il contenuto degli insegnamenti. Economia ha sottoscritto accordi di scambio per studenti con circa 40 sedi partner che configurano un network articolato su 10 Paesi (Austria, Belgio, Finlandia, Francia, Germania, Gran Bretagna, Polonia, Spagna, Svezia, Ungheria) ed offrono la possibilità di muoversi in quattro aree linguistiche (francese, inglese, spagnolo, tedesco). Per l elenco delle sedi vedere il Manifesto Erasmus: Per gli studenti Erasmus in entrata saranno inoltre resi disponibili, per un certo numero di insegnamenti, supporti e materiale didattico, oltre alla possibilità di effettuare esami in altre lingue. Informazioni puntuali saranno pubblicate all inizio dei corsi sul sito Internet alla pagina Durante tutto l anno accademico, infine, gli studenti stranieri potranno trovare un valido aiuto a rendere proficuo il proprio periodo di mobilità nella nostra sede anche grazie alla presenza di studenti tutor, appositamente designati per prestare loro assistenza. Per maggiori informazioni: Rilevazione della qualità della didattica La compilazione dei questionari sulla qualità della didattica è un obbligo previsto dalla legge. 20

21 E un momento importante di impegno della comunità studentesca rivolto ad allargare e a qualificare la partecipazione alla vita universitaria, per un funzionamento sempre migliore e un adeguamento alle nuove esigenze dei percorsi formativi. Tutti gli studenti, frequentanti e non frequentanti, dovranno collegarsi con le proprie credenziali al sito https://valutazione.servizionline.unige.it/ e compilare le schede relative agli insegnamenti inseriti nel loro piano di studi, oppure (ma sarebbe una mancata occasione di miglioramento), per esprimere la loro volontà di non compilarle. La rilevazione per via telematica garantisce una compilazione del questionario anonima, grazie all utilizzo di appositi algoritmi che separano la registrazione della valutazione da qualsiasi dato che possa consentire il riconoscimento dell autore. Un insegnamento può essere valutato se: non è ancora stato valutato non si è ancora sostenuto l esame fa parte degli insegnamenti del semestre in corso Servizi didattici integrativi Il possesso dell attestato della Patente europea, programma EL Syllabus 5 o di pari grado o superiore, viene valutato esclusivamente ai fini di un parziale superamento della parte generale (A) del programma dell esame di Idoneità di conoscenze e competenze informatiche, obbligatorio in tutti i corsi di laurea triennale. Servizi multimediali Tutte le aule e gli uffici della sede della Darsena sono connesse a Internet tramite la rete universitaria nazionale GARR. La connessione è attiva anche nei poli decentrati. E operativa, in tutte e tre le sedi, una rete wireless, nell ambito del progetto di Ateneo GenuaWiFi, grazie al quale è possibile accedere a Internet tramite connessione protetta (utilizzando le credenziali dagli studenti. Servizi web 21 ) da numerosi locali e aree frequentate Attraverso l utilizzo del sito gli studenti acquisiscono informazioni aggiornate necessarie al loro percorso universitario e possono essere facilitati ad effettuare operazioni indispensabili alla loro attività universitaria. Tramite il sito di Economia, dalla pagina è possibile: compilare il piano di studi gestire la prenotazione degli esami compilare il questionario per la qualità della didattica compilare la domanda di laurea o diploma.

Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale

Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale Art. 1 Premessa e ambito di competenza Art. 2 Requisiti di ammissione. Modalità di verifica Il presente

Dettagli

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA LM-33 Classe delle lauree magistrali in INGEGNERIA MECCANICA Art. 1 - Finalità TITOLO

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA AZIENDALE XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento disciplina l articolazione

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA E MANAGEMENT DELLE IMPRESE DI SERVIZI XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento

Dettagli

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE E INTERNAZIONALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INTERNAZIONALI INTERNATIONAL STUDIES (Classe LM 52 Relazioni

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CORSO DI STUDIO DI ECONOMIA E SUI SERVIZI DI ATENEO. Anno Accademico 2012-2013

INFORMAZIONI SUL CORSO DI STUDIO DI ECONOMIA E SUI SERVIZI DI ATENEO. Anno Accademico 2012-2013 INFORMAZIONI SUL CORSO DI STUDIO DI ECONOMIA E SUI SERVIZI DI ATENEO Anno Accademico 2012-2013 Argomenti Calendario accademico e orario delle lezioni Insegnamenti e docenti Manifesto degli studi Posta

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea specialistica in Classe Facoltà ECONOMIA E LEGISLAZIONE D IMPRESA 84/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economico-aziendali Economia Art. 1. Finalità Il presente

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO DIPARTIMENTO DI STUDI AZIENDALI E GIUSPRIVATISTICI CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E GESTIONE DELLE AZIENDE E DEI SERVIZI TURISTICI REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. 2014-2015

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA E COMMERCIO XXVIII Scienze economiche Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento disciplina l articolazione dei contenuti e le modalità

Dettagli

Dipartimento di Lingue, Letterature straniere e Comunicazione CALENDARIO DIDATTICO a.a. 2015/2016

Dipartimento di Lingue, Letterature straniere e Comunicazione CALENDARIO DIDATTICO a.a. 2015/2016 Dipartimento di Lingue, Letterature straniere e Comunicazione CALENDARIO DIDATTICO a.a. 2015/2016 Immatricolazioni per tutti i corsi che non prevedono pre-iscrizione Dal 13 Luglio al 8 Settembre 2015 In

Dettagli

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2015/2016

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2015/2016 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA DIPARTIMENTO DIIES Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2015/ 1 Premessa L offerta formativa del DIIES dell Università degli Studi

Dettagli

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA DIPARTIMENTO DIIES Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/ 1 Premessa L offerta formativa del DIIES dell Università degli Studi

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea specialistica in Classe Facoltà MARKETING E COMUNICAZIONE 84/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economico-aziendali Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento

Dettagli

AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE

AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE .UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA CLASSE DELLE LAUREE MAGISTRALI LM77 AI SENSI DEL D.M. 270/2004 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE (Sede di

Dettagli

Consiglio di Facoltà del 19.01.2012-allegato n.5 di 9 pagine

Consiglio di Facoltà del 19.01.2012-allegato n.5 di 9 pagine UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA ENZO FERRARI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA INFORMATICA (CLASSE LM-32 INGEGNERIA INFORMATICA)

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria Civile e Meccanica Regolamento didattico dei corsi di laurea magistrale in LM - 23 - Classe

Dettagli

Corso di laurea interclasse in LINGUE E LETTERATURE MODERNE Classe L-11 [Lingue e culture moderne] (D.M. 270/04)

Corso di laurea interclasse in LINGUE E LETTERATURE MODERNE Classe L-11 [Lingue e culture moderne] (D.M. 270/04) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA DIPARTIMENTO DI STUDI UMANISTICI Corso di laurea interclasse in LINGUE E LETTERATURE MODERNE Classe L- [Lingue e culture moderne] (D.M. 70/04) DESCRIZIONE DEL PERCORSO

Dettagli

Scuola ARCHITETTURA E DESIGN Eduardo Vittoria REGOLAMENTO

Scuola ARCHITETTURA E DESIGN Eduardo Vittoria REGOLAMENTO Scuola ARCHITETTURA E DESIGN Eduardo Vittoria REGOLAMENTO del Corso di Laurea in SCIENZE DELL ARCHITETTURA (Classe L - 17 ) Anno Accademico di istituzione: 2008-2009 Art. 1. Organizzazione del corso di

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN CHIMICA E TECNOLOGIA FARMACEUTICHE (CLASSE LM-13 FARMACIA E FARMACIA

Dettagli

FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO

FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 CONSIGLIO DI FACOLTÀ 1. Il Consiglio di Facoltà ha il compito di programmare, coordinare e gestire tutte le attività didattiche che fanno capo alla Facoltà.

Dettagli

CALENDARIO ACCADEMICO 2014/2015

CALENDARIO ACCADEMICO 2014/2015 CALENDARIO ACCADEMICO 2014/2015 Date e scadenze comuni Inizio dell Anno Accademico: 1 ottobre 2014 (mercoledì). Inizio delle attività didattiche: 1 ottobre 2014 (mercoledì). Nel rispetto delle scadenze

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN INGEGNERIA INDUSTRIALE L - 9

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN INGEGNERIA INDUSTRIALE L - 9 REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN INGEGNERIA INDUSTRIALE L - 9 TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Laurea in Ingegneria industriale afferisce alla Classe

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 Premesse e finalità 1. Il Corso di laurea magistrale in Scienze Storiche afferisce alla Classe delle lauree magistrali LM-84 in Scienze

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI SCIENZE STORICHE, FILOSOFICO-SOCIALI, DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN SONIC ARTS (in modalità didattica

Dettagli

(Emanato con D.R. n. 1032/15 del 02.11.2015) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto

(Emanato con D.R. n. 1032/15 del 02.11.2015) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le finalità, l organizzazione e il funzionamento del Corso di studio in Giurisprudenza

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali. Parte generale

Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali. Parte generale Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali Capo I. Disposizioni generali Parte generale Art. 1. Ambito di competenza 1. Il presente Regolamento disciplina,

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione. Parte generale

Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione. Parte generale Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione Capo I. Disposizioni generali Parte generale Art. 1. Ambito di competenza 1. Il presente Regolamento

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI GENOVA MANUALE PER L'ACCESSO ALLA LAUREA MAGISTRALE IN BIOTECNOLOGIE MEDICO-FARMACEUTICHE A.A.

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI GENOVA MANUALE PER L'ACCESSO ALLA LAUREA MAGISTRALE IN BIOTECNOLOGIE MEDICO-FARMACEUTICHE A.A. UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI GENOVA MANUALE PER L'ACCESSO ALLA LAUREA MAGISTRALE IN BIOTECNOLOGIE MEDICO-FARMACEUTICHE A.A. 2015/2016 1) Cose essenziali da fare Ogni studente, per poter frequentare la Laurea

Dettagli

Scuola di Giurisprudenza

Scuola di Giurisprudenza Scuola di Giurisprudenza PARTE NORMATIVA DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN GIURISPRUDENZA - sede di Bologna ART. 1 REQUISITI PER L'ACCESSO AL CORSO Per essere ammesso

Dettagli

Corso di laurea magistrale in LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Classe LM 37 [Lingue e letterature moderne europee e americane] (DM 270/04)

Corso di laurea magistrale in LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Classe LM 37 [Lingue e letterature moderne europee e americane] (DM 270/04) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA Corso di laurea magistrale in LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Classe LM 37 [Lingue e letterature moderne europee e americane] (DM 70/04)

Dettagli

FAQ ORIENTAMENTO IN INGRESSO

FAQ ORIENTAMENTO IN INGRESSO FAQ ORIENTAMENTO IN INGRESSO 1. CHI SIAMO? 2. COME RAGGIUNGERCI? 3. COSA SONO I DIPARTIMENTI? 4. COS È L ORIENTAMENTO IN INGRESSO? 5. COSA SONO I C.F.U.? 6. COSA SONO I CORSI DI LAUREA DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011) Università degli Studi di Perugia Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN FARMACIA (CLASSE LM-13 FARMACIA E FARMACIA INDUSTRIALE) Art. 1

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014) Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche

Facoltà di Scienze Politiche Università degli Studi di Siena Facoltà di Scienze Politiche Regolamento didattico di Facoltà (Emanato con Decreto Rettorale n. 1412/2000-01 del 18.09.2001, pubblicato nel Bollettino Ufficiale n. 35 del

Dettagli

II anno di Corso gli studenti saranno chiamati a scegliere il CURRICULUM/PERCORSO tra..

II anno di Corso gli studenti saranno chiamati a scegliere il CURRICULUM/PERCORSO tra.. I anno di corso è COMUNE II anno di Corso gli studenti saranno chiamati a scegliere il CURRICULUM/PERCORSO tra.. Impresa e Mercati Internazionali (classe LM-56) Management dei Servizi pubblici ed Economia

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN LINGUE PER LA COMUNICAZIONE NELL IMPRESA E NELLE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE E TECNOLOGIE ERBORISTICHE (CLASSE L-29) Art. 1 Premesse e finalità 1. Il presente

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/2015

MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/2015 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INFORMATICA Classe LM-18 Informatica 1. ASPETTI GENERALI La durata normale del Corso di Laurea Magistrale in Informatica è di due anni. Lo

Dettagli

Regolamenti ISIA Firenze

Regolamenti ISIA Firenze Regolamenti ISIA Firenze Regolamento di transizione dei corsi accademici di secondo livello di indirizzo specialistico Il Consiglio Accademico dell ISIA di Firenze VISTA la legge 21 dicembre 1999, n. 508,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI (L-36)

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI (L-36) REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI (L-36) TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Studi in Scienze Politiche

Dettagli

Facoltà: LETTERE E FILOSOFIA Corso: 0966 - CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE (LM) Ordinamento: DM270

Facoltà: LETTERE E FILOSOFIA Corso: 0966 - CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE (LM) Ordinamento: DM270 Page 1 of 5 Facoltà: LETTERE E FILOSOFIA Corso: 0966 - CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE (LM) Ordinamento: DM270 Titolo: CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE Testo: LAUREA MAGISTRALE

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI STUDIO: Culture e tecniche del costume e della moda FACOLTÀ: Lettere e Filosofia CLASSE: 23 Art. 1 Coerenza tra crediti delle attività formative e obiettivi formativi programmati

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN LINGUE E CULTURE EUROPEE (CLASSE L-12 Mediazione linguistica) Art. 1 Premesse

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI GENOVA SCUOLA DI SCIENZE M.F.N. MANUALE PER L'ACCESSO ALLE LAUREE MAGISTRALI DELLA SCUOLA A.A.

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI GENOVA SCUOLA DI SCIENZE M.F.N. MANUALE PER L'ACCESSO ALLE LAUREE MAGISTRALI DELLA SCUOLA A.A. UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI GENOVA SCUOLA DI SCIENZE M.F.N. MANUALE PER L'ACCESSO ALLE LAUREE MAGISTRALI DELLA SCUOLA A.A. 2015/2016 1) Cose essenziali da fare Ogni studente, per poter frequentare le Lauree

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN ECONOMIA AZIENDALE E MANAGEMENT L - 18

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN ECONOMIA AZIENDALE E MANAGEMENT L - 18 REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN ECONOMIA AZIENDALE E MANAGEMENT L - 18 TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Laurea in Economia aziendale e management

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA Tor Vergata

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA Tor Vergata UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA Tor Vergata Facoltà di Economia Master Universitario di I livello in Economia e Gestione in Sanità Direttore del Master: Prof Amalia Donia Sofio E attivato presso la Facoltà

Dettagli

- Università degli Studi di Sassari - Dipartimento di Scienze Biomediche

- Università degli Studi di Sassari - Dipartimento di Scienze Biomediche - Università degli Studi di Sassari - Dipartimento di Scienze Biomediche MANIFESTO DEGLI STUDI - Anno Accademico 2015/2016 Valido per gli studenti immatricolati nell a.a. 2015/2016 Corso di Laurea in SCIENZE

Dettagli

Facoltà di Giurisprudenza REGOLAMENTO

Facoltà di Giurisprudenza REGOLAMENTO REGOLAMENTO del Corso di Laurea magistrale a ciclo Unico in Giurisprudenza ( Classe LMG /01 ) Anno Accademico di istituzione: 2006/2007 Art. 1. Organizzazione del corso di studio 1. È istituito presso

Dettagli

8841 - FASHION CULTURE AND MANAGEMENT / CULTURA E Corso: MANAGEMENT DELLA MODA (LM) Ordinamento: DM270

8841 - FASHION CULTURE AND MANAGEMENT / CULTURA E Corso: MANAGEMENT DELLA MODA (LM) Ordinamento: DM270 Pagina 1 di 6 Facoltà: LETTERE E FILOSOFIA 8841 - FASHION CULTURE AND MANAGEMENT / CULTURA E Corso: MANAGEMENT DELLA MODA (LM) Ordinamento: DM270 Titolo: FASHION CULTURE AND MANAGEMENT / CULTURA E MANAGEMENT

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Università degli Studi di Cagliari Regolamento Didattico del Corso di Studi in Ingegneria Elettrica, A.A. 2007/08 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Art. 1. Articolazione del Corso di Laurea in Ingegneria

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Titolo I - Istituzione ed attivazione Art. 1 - Informazioni generali 1. Il presente Regolamento didattico si riferisce al Corso di Laurea in Informatica,

Dettagli

Università degli studi di Milano Bicocca Scuola di Scienze Corso di Laurea in Ottica e Optometria

Università degli studi di Milano Bicocca Scuola di Scienze Corso di Laurea in Ottica e Optometria Università degli studi di Milano Bicocca Scuola di Scienze Corso di Laurea in Ottica e Optometria Manifesto annuale degli studi ANNO ACCADEMICO 2013/2014 Offerta formativa Il Corso di Laurea in Ottica

Dettagli

Corso di laurea in SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE

Corso di laurea in SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE Corso di laurea in SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE A.A. 2014/2015 Anno Accademico 2014/2015 I ANNO II ANNO III ANNO E2401P - Scienze e tecniche psicologiche (Classe L-24 D.M. 270/2004) Attivato Attivato

Dettagli

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ADVANCED PROGRAMME IN INTERNATIONAL STUDIES ACADEMIC REGULATIONS

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ADVANCED PROGRAMME IN INTERNATIONAL STUDIES ACADEMIC REGULATIONS UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INTERNAZIONALI (Classe LM-52 Relazioni Internazionali) UNIVERSITY OF SIENA FACULTY

Dettagli

Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologia Quantitative (SEAM) Università degli Studi di Messina

Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologia Quantitative (SEAM) Università degli Studi di Messina Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologia Quantitative (SEAM) Università degli Studi di Messina REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE ECONOMICHE E FINANZIARIE

Dettagli

Consiglio di Facoltà del 19.01.2012 allegato n.7 di 10 pagine

Consiglio di Facoltà del 19.01.2012 allegato n.7 di 10 pagine Art. 1 Premesse e finalità 1. Il presente Regolamento disciplina gli aspetti organizzativi e didattici del Corso di laurea magistrale in Ingegneria Meccanica (classe LM-33), in conformità alla normativa

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Medicina e Chirurgia

Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Medicina e Chirurgia Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale in Scienze infermieristiche e Sede U.C.S.C. Manifesto degli studi Anno Accademico 2012-2013 CLASSE DI LAUREA DI APPARTENENZA: LM/SNT1 SCIENZE

Dettagli

ART. 1 Oggetto del Regolamento

ART. 1 Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN DIDATTICA DELL ITALIANO COME LINGUA STRANIERA ART. 1 Oggetto del Regolamento Il presente regolamento disciplina, ai sensi dell articolo 1 comma 3 del Regolamento

Dettagli

Facoltà di Lettere e Filosofia Regolamento didattico del Corso di laurea magistrale in Scienze Pedagogiche (LM 85)

Facoltà di Lettere e Filosofia Regolamento didattico del Corso di laurea magistrale in Scienze Pedagogiche (LM 85) Facoltà di Lettere e Filosofia Regolamento didattico del Corso di laurea magistrale in Scienze Pedagogiche (LM 85) Articolo 1 Definizioni e finalità Il presente regolamento, nel rispetto della libertà

Dettagli

Articolo 1 Definizioni e finalità

Articolo 1 Definizioni e finalità Università di Cassino Facoltà di Ingegneria Regolamento didattico dei corsi di laurea magistrale in LM-23 - Classe delle Lauree Magistrali in INGEGNERIA CIVILE Ingegneria Civile LM -27 Classe delle Lauree

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN MARKETING E ORGANIZZAZIONE D IMPRESA (CLASSE L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale) Art. 1 Premesse e finalità 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA -

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA - Scuola di Lettere e Beni culturali LAUREA MAGISTRALE IN CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE CLASSE LM-65 REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA - Art. 1 Requisiti per l'accesso

Dettagli

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ACADEMIC REGULATIONS PROGRAMME IN SOCIAL WORK

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ACADEMIC REGULATIONS PROGRAMME IN SOCIAL WORK UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DEL SERVIZIO SOCIALE (Classe L-39 Servizio sociale) UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL

Dettagli

CALENDARIO ACCADEMICO 2015/2016

CALENDARIO ACCADEMICO 2015/2016 CALENDARIO ACCADEMICO 2015/2016 Date e scadenze comuni Inizio dell Anno Accademico: 1 ottobre 2015. Inizio delle attività didattiche: 1 ottobre 2015. Per motivi di organizzazione ed efficacia della didattica,

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari Facoltà di Scienze Politiche Regolamento Didattico

Università degli Studi di Cagliari Facoltà di Scienze Politiche Regolamento Didattico Università degli Studi di Cagliari Facoltà di Scienze Politiche Regolamento Didattico (14 dicembre 2010) Art. 1 - Autonomia didattica 1. Il presente regolamento, conformemente a quanto previsto dallo Statuto

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN PSICOLOGIA DELLE ORGANIZZAZIONI E DEI SERVIZI LM 51

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN PSICOLOGIA DELLE ORGANIZZAZIONI E DEI SERVIZI LM 51 REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN PSICOLOGIA DELLE ORGANIZZAZIONI E DEI SERVIZI LM 51 TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Studi Magistrale in

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN GIURISPRUDENZA

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN GIURISPRUDENZA REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN GIURISPRUDENZA TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Laurea Magistrale in Giurisprudenza afferisce alla Classe delle Lauree

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Art. 1 Premesse e finalità 1. Il presente Regolamento disciplina gli aspetti organizzativi e didattici del Corso di laurea in Ingegneria Informatica (classe L-8), in conformità alla normativa vigente in

Dettagli

SCIENZE CRIMINOLOGICHE PER L INVESTIGAZIONE E LA SICUREZZA

SCIENZE CRIMINOLOGICHE PER L INVESTIGAZIONE E LA SICUREZZA Ammissione al Corso di Laurea Magistrale in SCIENZE CRIMINOLOGICHE PER L INVESTIGAZIONE E LA SICUREZZA Classe delle lauree magistrali LM 88 Sociologia e ricerca sociale a.a. 2015/16 Il Corso di Laurea

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA. Tor Vergata FACOLTÀ DI ECONOMIA MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO IN ECONOMIA E GESTIONE IMMOBILIARE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA. Tor Vergata FACOLTÀ DI ECONOMIA MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO IN ECONOMIA E GESTIONE IMMOBILIARE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA Tor Vergata FACOLTÀ DI ECONOMIA MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO IN ECONOMIA E GESTIONE IMMOBILIARE A.A. 2010/2011 Nell'anno accademico 2010/2011 è istituito ed attivato

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN RELAZIONI INTERNAZIONALI LM 52

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN RELAZIONI INTERNAZIONALI LM 52 REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN RELAZIONI INTERNAZIONALI LM 52 TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Studi Magistrale in Relazioni internazionali

Dettagli

Diritto Tributario. Master Universitario di secondo livello. IV edizione. Facoltà di Economia. Anno Accademico 2014/2015. In collaborazione con:

Diritto Tributario. Master Universitario di secondo livello. IV edizione. Facoltà di Economia. Anno Accademico 2014/2015. In collaborazione con: Diritto Tributario Master Universitario di secondo livello Facoltà di Economia IV edizione Anno Accademico 2014/2015 In collaborazione con: L Università Cattolica del Sacro Cuore attiva per l anno accademico

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ANALISI, CONSULENZA E GESTIONE FINANZIARIA (INTERCLASSE LM-16 FINANZA

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di REGGIO EMILIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di REGGIO EMILIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di REGGIO EMILIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA GESTIONALE (CLASSE LM-31 INGEGNERIA GESTIONALE)

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN SCIENZE PSICOLOGICHE DEL LAVORO E DELLE ORGANIZZAZIONI L-24

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN SCIENZE PSICOLOGICHE DEL LAVORO E DELLE ORGANIZZAZIONI L-24 REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN SCIENZE PSICOLOGICHE DEL LAVORO E DELLE ORGANIZZAZIONI L-24 TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Studio che rilascia la

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO ISTITUZIONI MUSICALI AFAM LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO (Generalità) Il presente regolamento disciplina, ai sensi delle leggi

Dettagli

DIZIONARIO UNIVERSITARIO

DIZIONARIO UNIVERSITARIO DIZIONARIO UNIVERSITARIO ANNO ACCADEMICO L anno accademico può essere suddiviso in due periodi dell anno in cui frequentare le lezioni e dare gli esami. In genere il primo periodo dura da ottobre a gennaio,

Dettagli

SCIENZA E TECNICHE DELLA PREVENZIONE E DELLA SICUREZZA LIVELLO I - A.A. 2015-2016 EDIZIONE VII

SCIENZA E TECNICHE DELLA PREVENZIONE E DELLA SICUREZZA LIVELLO I - A.A. 2015-2016 EDIZIONE VII SCIENZA E TECNICHE DELLA PREVENZIONE E DELLA SICUREZZA LIVELLO I - A.A. 2015-2016 EDIZIONE VII Presentazione Il Master mira alla definizione di una figura professionale tecnico-scientifica di alto livello

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Domande frequenti a.a. 2014-2015 Corso di Studio triennale: Lingue e Letterature Straniere Moderne (LLSM) 1. Sono previsti test obbligatori? Sì. Benché il Corso di Studio non sia a numero chiuso, e dunque

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE (CLASSE L-2 BIOTECNOLOGIE) Art. 1 Premesse e finalità 1.

Dettagli

REGOLAMENTO PROVA FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA ACCADEMICO DI 1 LIVELLO ANNO ACCADEMICO 2015 2016

REGOLAMENTO PROVA FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA ACCADEMICO DI 1 LIVELLO ANNO ACCADEMICO 2015 2016 REGOLAMENTO PROVA FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA ACCADEMICO DI 1 LIVELLO ANNO ACCADEMICO 2015 2016 CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO ART. 1 PRINCIPI GENERALI DI RIFERIMENTO 1. Il titolo

Dettagli

Articolo 1 Definizioni e finalità. Articolo 2 Attività formative

Articolo 1 Definizioni e finalità. Articolo 2 Attività formative Università di Cassino Facoltà di Ingegneria Regolamento didattico dei corsi di laurea in L7 - Classe delle Lauree in INGEGNERIA CIVILE ED AMBIENTALE Ingegneria Civile ed Ambientale L8 - Classe delle Lauree

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI (CLASSE L-36 D.M. 16 MARZO 2007) Avviso per l immatricolazione a.a.

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI (CLASSE L-36 D.M. 16 MARZO 2007) Avviso per l immatricolazione a.a. CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI (CLASSE L-36 D.M. 16 MARZO 2007) Avviso per l immatricolazione a.a. 2013/2014 Art. 1 - Disposizioni generali per l ammissione Costituiscono

Dettagli

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI FROSINONE

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI FROSINONE ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI FROSINONE Regolamento della Prova Finale per il conseguimento del Diploma Accademico di Primo Livello e Diploma Accademico di Secondo Livello Art. 1 Principi generali di riferimento

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN PUBBLICITA, EDITORIA E CREATIVITA D IMPRESA (Classe LM-19 Informazione e sistemi editoriali e Classe LM-59 Scienze della comunicazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di Reggio Emilia

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di Reggio Emilia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di Reggio Emilia REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE (CLASSE L-9 INGEGNERIA INDUSTRIALE e L-8

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CORSI DI STUDIO ACCADEMICI DI I e II LIVELLO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DEI CORSI DI STUDIO ACCADEMICI DI I e II LIVELLO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DEI CORSI DI STUDIO ACCADEMICI DI I e II LIVELLO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DIDATTICO Indice Art. 1. (Generalità) Art. 2. (Titoli di accesso) Art. 3. (Competenze di accesso e loro verifica) Art.

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica

Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica Laurea di primo livello Classe L-31 Scienze e Tecnologie Informatiche (studenti immatricolati negli

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l'organizzazione didattica e lo svolgimento delle attività formative del

Dettagli

Diritto Tributario. Master Universitario di secondo livello. III edizione. Facoltà di Economia. Anno Accademico 2013/2014. In collaborazione con:

Diritto Tributario. Master Universitario di secondo livello. III edizione. Facoltà di Economia. Anno Accademico 2013/2014. In collaborazione con: Diritto Tributario Master Universitario di secondo livello Facoltà di Economia III edizione Anno Accademico 2013/2014 In collaborazione con: L Università Cattolica del Sacro Cuore attiva per l anno accademico

Dettagli

ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina il Master di I livello in Didattica dell Italiano a Stranieri.

ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina il Master di I livello in Didattica dell Italiano a Stranieri. REGOLAMENTO DIDATTICO DEL MASTER DI I LIVELLO IN DIDATTICA DELL ITALIANO A STRANIERI ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina il Master di I livello in Didattica dell Italiano

Dettagli

MASS MEDIA E POLITICA - LM MMP

MASS MEDIA E POLITICA - LM MMP Ammissione al Corso di Laurea Magistrale in MASS MEDIA E POLITICA - LM MMP (8051) Classe delle lauree magistrali LM 62 Scienze della politica a.a. 2015/16 Il Corso di Laurea Magistrale in Mass media e

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea in Lingue e Letterature straniere

Regolamento didattico del Corso di Laurea in Lingue e Letterature straniere Regolamento didattico del Corso di Laurea in Lingue e Letterature straniere classe delle lauree n. 11 Lingue e culture moderne approvato dal Consiglio di Facoltà del 17 Dicembre 2003 ART. 1 DENOMINAZIONE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN BIOLOGIA (CLASSE LM-6 BIOLOGIA) Art. 1 Premesse e finalità

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA (Approvato con delibera del CdF del 03.05.06 e modificato con delibere del CdF del 07.03.07, del 12.03.08 e del 08.04.08) Regolamento didattico

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA -

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA - Scuola di Lettere e Beni culturali LAUREA MAGISTRALE IN FILOLOGIA, LETTERATURA E TRADIZIONE CLASSICA CLASSE LM-15 REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA - Art. 1 Requisiti per l'accesso

Dettagli

Facoltà di Scienze MFN Manifesto degli Studi A.A. 2011/2012

Facoltà di Scienze MFN Manifesto degli Studi A.A. 2011/2012 Facoltà di Scienze MFN Manifesto degli Studi A.A. 2011/2012 Il presente Manifesto degli Studi è conforme a quanto deliberato dalla Facoltà di Scienze MFN nella seduta del Consiglio del 31 Maggio 2011.

Dettagli