P.ZZA SGARALLINO 1, MARINA DI CAMPO (LI)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "P.ZZA SGARALLINO 1, 57034 MARINA DI CAMPO (LI)"

Transcript

1 ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO P.ZZA SGARALLINO 1, MARINA DI CAMPO (LI) tel. 0565/ Fax 0565/ iano fferta ormativa

2 I N D I C E 1. Il Piano dell Offerta Formativa 1.1 Presentazione dell Istituto 1.2 Analisi del territorio e del contesto socioculturale 1.3 Rilevazione dei bisogni formativi Pag Le scelte educative 2.1 I valori di riferimento 2.2 Le finalità educative 2.3 Gli obiettivi prioritari 2.4 Le scelte educative in aggiunta alle attività curricolari 2.5 I progetti e i laboratori in atto 2.6 Raccordo e continuità 2.7 L inserimento degli alunni in situazione di svantaggio 2.8 L inserimento e l integrazione degli alunni stranieri 2.9 Le attività di formazione Pag 6 3. Le scelte organizzative 3.1 Il tempo scolastico 3.2 L organizzazione flessibile della didattica 3.3 I contenuti dell offerta formativa 3.4 Le sezioni e le classi 3.5 La valutazione quadrimestrale e finale Pag Le scuole dell Istituto 4.1 La Scuola dell Infanzia 4.2 La Scuola Primaria 4.3 La Scuola Secondaria di 1 grado Pag Le risorse professionali e le scelte di gestione 5.1. La direzione dell Istituto 5.2. Il Dirigente Scolastico 5.3. I collaboratori del Dirigente Scolastico 5.4. Le Funzioni Strumentali al P.O.F I docenti 5.6. Il personale amministrativo e ausiliario A.T.A Organigramma dell Istituto Pag Gli organi Collegiali 6.1. Norme generali 6.2. Il Collegio dei Docenti 6.3. I Consigli di Intersezione, di Interclasse e di Classe 6.4. Il Consiglio di Istituto 6.5. La Giunta Esecutiva Pag. 25 2

3 1. PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOL. 2004/2005 Premessa Il Piano dell Offerta Formativa, (art. 3 del Regolamento attuativo dell'autonomia, D.P.R , n. 275) è il piano organizzativo e didattico elaborato dalla scuola. In tale documento sono indicate le scelte educative, curriculari, didattiche ed organizzative che delineano l'identità culturale e progettuale dell Istituto. La proposta educativa è costituita da due elementi: il curricolo nazionale e l'insieme delle scelte operate dalla scuola, nell'ambito delle norme giuridiche e delle regole di funzionamento stabilite dalla legislazione, tenendo conto delle proposte e dei pareri formulati dai genitori, dagli organismi e dalle associazioni che operano sul territorio. 1.1 PRESENTAZIONE DELL ISTITUTO L istituto Comprensivo di Marina di Campo, nato nell anno scolastico 1997/ 98 con l unificazione di parte della ex Direzione Didattica di Marciana Marina e la Scuola Media di Marina di Campo, riunisce sotto l aspetto organizzativo e gestionale la Scuola dell Infanzia, quella Primaria e quella Secondaria di I grado, pur mantenendo ognuna le proprie caratteristiche specifiche dal punto di vista didattico. Esso opera nel territorio del Comune di Campo nell Elba e, per una piccola parte, in quello di Marciana ( loc. Procchio). L Istituto non dispone di una sede unica, bensì è dislocato su quattro plessi: - SCUOLA DELL INFANZIA L. Gentini - Via San Piero, Loc. San Piero Tel SCUOLA PRIMARIA Teseo Tesei - Via G. Giusti 7, Loc. Marina di Campo Tel Via a Roma 81, Loc. Marina di Campo Tel SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO G. Giusti - P.zza Vittime del Piroscafo A. Sgarallino 1, Loc. Marina di Campo - Tel La sede centrale dell Istituto Comprensivo è situata presso l edificio della Scuola Secondaria di I grado. Qui risiedono la Direzione e gli Uffici amministrativi, inoltre sono ospitate le classi V A e V B della Scuola Primaria, la palestra, i laboratori e la mensa scolastica, utilizzate anche da tutti gli alunni della Scuola Primaria. La popolazione scolastica attuale ammonta a 370 alunni distribuiti su 21 classi/sezioni. La situazione generale dell Istituto è specificata nel prospetto che segue: 3

4 ORDINE DI SCUOLA NUMERO PLESSI NUMERO SEZIONI O CLASSI NUMERO ALUNNI NUMERO DOCENTI Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di I grado TOTALI ANALISI DEL TERRITORIO E DEL CONTESTO SOCIO-CULTURALE Il territorio in cui operano le scuole dell Istituto si sviluppa quasi tutto in pianura ed è situato nella costa occidentale dell Isola. Campo nell Elba è il secondo comune del territorio insulare per numero di abitanti e per rilevanza economica. La popolazione attuale ammonta a circa 4400 abitanti distribuiti nei paesi di Marina di Campo, Sant Ilario, San Piero, La Pila, Cavoli, Seccheto e Fetovaia. La dimensione esigua della popolazione è sostenuta da una dinamica migratoria positiva, legata alla capacità di attrazione che l area elbana esercita su soggetti in cerca di occupazione, per la maggior parte di tipo stagionale. La storia economica e sociale, fino alla prima metà del secolo scorso, è rappresentata principalmente dalla tradizione dell agricoltura, da una limitata pastorizia e dalla pesca, quest ultima sviluppatasi, a partire dagli anni 40, grazie all immigrazione di pescatori siciliani e ponzesi. Poco più tardi tali attività hanno subito un grave crollo e progressivamente sono state relegate in una posizione di secondo piano, soprattutto a causa dell ondata turistica abbattutasi sul territorio insulare negli anni Sessanta e Settanta. Anche l artigianato locale, in particolar modo la tradizione millenaria che ha coinvolto migliaia di scalpellini di Seccheto, Cavoli e San Piero, gradualmente si è spento sotto la spinta della domanda consumistica. Così, a partire dagli anni 60, i Campesi hanno riposto tutte le speranze di una vita meno dura nel mare: il volto moderno dell attività economica del territorio del Comune di Campo nell Elba, come del resto di tutta l isola, è rappresentato, infatti, dall industria del turismo, che ha favorito un diffuso benessere nella zona, risollevando le sorti di un area economicamente depressa. L evoluzione economica che in questi ultimi anni ha modificato profondamente il volto della realtà sociale del campese, è stata rivolta, tuttavia, prevalentemente allo sviluppo turistico e commerciale. A tale cambiamento non sempre è corrisposta un adeguata modifica socio-culturale. Il territorio si presenta, dunque, come una realtà penalizzata sia dalla propria posizione geografica di insularità, sia dalla carenza di occasioni culturali e formative esterne all ambiente scolastico. La comunità risente, inoltre, della dicotomia estate-inverno, che condiziona i ritmi di vita, contrapponendo ad una concentrazione di attività culturali e ricreative nei mesi estivi una generale assenza di iniziative nel periodo invernale, anche se in questi ultimi anni gli Enti Locali e alcune iniziative private stanno dando vita a varie opportunità culturali, sportivo-ricreative e associative. 4

5 Il quadro generale della situazione dell istruzione sul territorio insulare è caratterizzato da una certa situazione di disagio, in quanto gli abbandoni scolastici e le ripetenze si attestano su standard superiori alla media regionale. Gli alunni sembrano scarsamente stimolati da un ambiente che offre ben poche occasioni culturali e da un territorio che garantisce occupazione, anche se temporanea, e dunque, una condizione economica agiata. Il mercato del lavoro, infatti, benché caratterizzato da dinamiche di assunzioni e licenziamenti che risentono del carattere marcatamente stagionale dell attività svolta, consente agli elbani livelli di reddito apprezzabili anche in condizioni di basso tasso di occupazione permanente. In questi ultimi anni, tuttavia, si sta registrando una piena partecipazione al mondo della scuola superiore, in linea con la media nazionale stimata intorno al 60%, anche se per molti giovani rimane problematico il raggiungimento del diploma RILEVAZIONE DEI BISOGNI FORMATIVI Dall analisi della situazione socio-culturale-ambientale, relativa al territorio nel quale opera l Istituto emergono i seguenti bisogni formativi prioritari: Sviluppare una cultura basata su conoscenze e competenze; Sentirsi parte integrante della comunità sociale d appartenenza; Favorire l integrazione d immigrati provenienti da culture diverse; Promuovere la conoscenza di due lingue straniere comunitarie per rispondere alla vocazione turistica, nonché alle esigenze lavorative dell Isola d Elba; Promuovere la conoscenza dell ambiente naturale di appartenenza; Recuperare e valorizzare il patrimonio storico e le proprie tradizioni socio-culturali; Potenziare la pratica sportiva, anche come momento d aggregazione e socializzazione 5

6 2. LE SCELTE EDUCATIVE 2.1. I VALORI DI RIFERIMENTO L istituto Comprensivo si caratterizza per seguire la formazione di tutti i ragazzi dai 3 ai 14 anni: dalla prima infanzia alle soglie dell adolescenza. Esso, in base alle potenzialità di cui dispone, sia sul piano delle strutture, sia sul piano delle professionalità e delle risorse economiche, si impegna a fornire le migliori opportunità di apprendimento adeguate alle diverse età degli alunni, nel rispetto delle specificità e delle diversità, al fine di condurre ognuno lungo la strada più adeguata per esprimere le proprie capacità. La scuola, che riconosce come compito principale quello di inserirsi sempre più profondamente nella società, al cui servizio si pone come elemento significativo di promozione culturale, nello svolgimento dell azione formativa: considera e valorizza il contesto territoriale in cui opera e ne utilizza le risorse ambientali, strutturali, sociali e culturali promuove e sollecita tutte le iniziative che realizzano la sua funzione come centro di elevamento culturale, sociale e civile del territorio. A tal fine collabora con gli E.E.L.L. e le Associazioni culturali del territorio considera di fondamentale importanza la collaborazione delle famiglie per il miglioramento delle attività e per il successo formativo degli alunni, nella consapevolezza che scuola e famiglia costituiscono il nucleo della comunità educante da cui dipende la crescita culturale e sociale delle nuove generazioni. L attività didattica, culturale e sociale dell Istituto si svolge in modo che la partecipazione e la gestione della scuola acquistino una loro più definita prospettiva democratica ed un loro valore educativo e sociale LE FINALITA EDUCATIVE Sulla base di questa premessa la scuola persegue le seguenti finalità educative: garantire a tutti una cultura basata su competenze e conoscenze nel rispetto delle differenze individuali valorizzare le diversità come risorsa valorizzare le attitudini degli alunni e orientare verso un corso di studi adeguato sviluppare e consolidare comportamenti democratici, responsabili e consapevoli promuovere la personalità dell alunno come uomo e cittadino, favorendo la maturazione progressiva della coscienza di sé e del proprio rapporto con il mondo esterno favorire la conquista dell autonomia e preparare all età adulta conoscere e il territorio di appartenenza (risorse ambientali, strutturali, sociali e culturali) recuperare e valorizzare il patrimonio storico e le proprie tradizioni socio-culturali 6

7 attraverso: elaborazione di percorsi adeguati alle necessità socio - affettive cognitive dei singoli alunni attività socializzanti ed educative, che abituino al rispetto di se stessi, degli altri e delle regole insegnamento della lingua inglese e/o francese nella Scuola dell Infanzia e Primaria, il bilinguismo nella Scuola Secondaria di 1 grado attivazione di laboratori (multimediale, di educazione ambientale, di animazione teatrale, di espressione artistica, di attività motorie manuali e logiche) uscite e visite guidate sul territorio insulare e in altre località condivisione con le famiglie e con il territorio del progetto formativo dell Istituto momenti di collaborazione con gli E.E.L.L. e le Associazioni culturali del territorio GLI. OBIETTIVI PRIORITARI L Istituto, per l anno scolastico in corso, ha individuato come prioritari i seguenti obiettivi: 1. Migliorare la qualità complessiva dell azione didattica mediante: il sostegno ad una qualificata formazione del personale per un adeguato sviluppo professionale; la valorizzazione delle risorse umane. 2. Favorire l innovazione didattica mediante: l incremento delle attrezzature e dotazioni didattiche, soprattutto delle infrastrutture informatiche e telematiche, presupposti sia per le funzionalità del servizio di formazione ed istruzione sia per l organizzazione e gestione della vita scolastica; l attivazione di un offerta formativa personalizzata (interventi di recupero, sviluppo / ampliamento, arricchimento, in forma laboratoriale, progetti); la promozione di iniziative a sostegno dell integrazione; lo scambio con altre esperienze del territorio a vari livelli, locale, provinciale, regionale, nazionale. 3. Promuovere una cultura della sicurezza mediante: iniziative di informazione e formazione rivolte principalmente al personale della scuola, ma che coinvolgano, a diversi livelli, anche gli alunni e le famiglie; 4. Favorire lo spirito di collaborazione con le famiglie e un loro maggiore coinvolgimento nella vita della scuola mediante: interventi di formazione comuni finalizzati ad una crescita sana ed armonica dei bambini e dei ragazzi che frequentano l istituto; incontri in cui vengano affrontate le problematiche legate al disagio adolescenziale, eventualmente, con la partecipazione di personale esperto esterno. 5. Promuovere attività destinate all educazione degli adulti, nell ottica di una visione della scuola quale punto di riferimento culturale per tutto il territorio mediante: l attivazione di corsi di informatica ed inglese, che rispondono in più larga misura alle richieste dell utenza; l attivazione di un corso di prima alfabetizzazione nella Lingua Italiana per cittadini stranieri. la collaborazione con il Centro Territoriale Permanente del Distretto 34, con il Comune, con altri enti, per attivare altre eventuali iniziative che si propongano come momento di sviluppo e di formazione sul territorio. 7

8 2.4. LE SCELTE EDUCATIVE IN AGGIUNTA ALLE ATTIVITA CURRICOLARI La scuola, per offrire all utenza un servizio quanto più vario ed articolato nelle opportunità e per rispondere ai bisogni evidenziati nell analisi del contesto, attua diverse iniziative di formazione in aggiunta alle attività curricolari. Queste si riconducono in particolare allo sport, alle lingue straniere, all educazione ambientale e territoriale, all educazione stradale, all educazione alla legalità, all educazione teatrale e alla multimedialità, 1. Accoglienza 2. Continuità 3. Orientamento 4. Rapporti Scuola- Famiglia-Territorio Tanti modi per stare bene insieme. Tanti modi per esprimersi, conoscersi, conoscere e scoprire. 1. Ed. alla legalità 2. Ed. stradale 3. Corso di scacchi 4. Corso di vela 5. Giochi della gioventù 6. Nuoto in piscina 7. Ed. teatrale 8. Multimedialità e media in genere 9. Educazione ambientale 10. Educazione alimentare 8

9 2. 5. I PROGETTI E I LABORATORI IN ATTO In merito ai bisogni evidenziati l Istituto intende dare una risposta coerente aggiungendo allo strumento curricolare i seguenti progetti disciplinari o interdisciplinari. Questi si rivolgono a più classi, a una sola classe, a gruppi di alunni e si articolano in tempi modulati sulla flessibilità dell orario. I progetti hanno lo scopo fondamentale di consentire agli studenti ulteriori esperienze e opportunità per raggiungere una sempre maggiore maturazione nel campo cognitivo e socio-affettivo. A tal fine la scuola collabora con le agenzie educative presenti sul territorio per il perseguimento d obiettivi comuni, attraverso strategie preliminarmente concordate. La scelta delle tematiche di fondo di ogni progetto educativo e didattico risponde agli obiettivi del modello educativo scelto dal ns. Istituto. Le lingue straniere Nella Scuola Secondaria di I grado, con l introduzione della riforma Moratti, in tutte le classi sono previste tre ore di insegnamento della lingua inglese e tre per la lingua francese. Un punto di forza del nostro Istituto è, già da qualche anno, quello dell insegnamento della lingua straniera nelle sezioni della Scuola dell Infanzia. I bambini di 4 e 5 anni svolgono attività linguistiche con le insegnanti specializzate della Scuola Primaria. Nella Scuola Primaria, secondo quanto suggerito dalle Indicazioni nazionali per i piani di studio personalizzati (Allegato E art. 25 comma 1), è previsto l insegnamento della lingua inglese per un ora nella prima classe, per due ore e trenta nelle seconde e terze e per tre ore nelle quarte e quinte classi. Nelle classi terze continua la sperimentazione del bilinguismo, in accordo con i genitori, poiché i bambini avevano usufruito fin dalla scuola dell infanzia dell insegnamento sperimentale della lingua francese con l insegnante Galli Paola. I rapporti Scuola-Famiglia Promuovere la partecipazione delle famiglie alla vita della scuola, favorire lo spirito di collaborazione teso ad affrontare le problematiche relative all età scolare e a prevenire eventuali forme di disagio è uno degli obiettivi che il piano d Istituto privilegia. Grazie alla sensibilità dell amministrazione comunale di Campo nell Elba nei confronti delle problematiche giovanili, già a partire dallo scorso anno scolastico, viene realizzato il Progetto Benessere con l intervento dello psicologo scolastico, che prevede l attivazione di uno sportello al quale possono rivolgersi alunni, genitori e docenti. In collaborazione con l A.S.L. sono previsti incontri rivolti ai genitori sulle tematiche dell alimentazione, della sessualità e dell affettività. I Progetti P.I.A. L Istituto ha aderito al P.I.A. presentando una serie di progetti che rientrano nel Piano di Indirizzo della Regione Toscana per il diritto allo studio: integrazione culturale, svantaggio, disabilità e insuccesso scolastico, innovazione educativo-didattica e sperimentazione, educazione ambientale. I progetti sono finalizzati a limitare il fenomeno della dispersione e del disagio scolastico attraverso la promozione di attività stimolanti e motivanti. L Educazione ai valori e alla solidarieta Avendo tra gli obiettivi trasversali a fondamento del P.O.F. il perseguimento di valori portanti quali la pace, la solidarietà, l integrazione e la legalità, la scuola propone anche per questo anno scolastico iniziative finalizzate al coinvolgimento diretto degli alunni su tali temi. 9

10 Continua la collaborazione con le fondazioni Caponnetto e Pertini, ed è prevista, inoltre, l adesione al premio Valenti alla sportività e la partecipazione alla Festa della Toscana, la quale ha visto l avvicinamento degli studenti alle associazioni di volontariato presenti sul territorio. L Istituto partecipa, inoltre, ad iniziative di beneficenza nei confronti di enti che operano a sostegno dell infanzia o in favore di situazioni di bisogno, al fine di educare i ragazzi alla solidarietà nei confronti dei compagni meno fortunati. L Educazione stradale e il Patentino Gli alunni della Scuola Secondaria di I grado che compiranno 14 anni entro il 31 agosto 2008 potranno avvalersi della frequenza di un corso per il conseguimento del patentino per il ciclomotore. Il corso, tenuto da un insegnante della scuola, sarà svolto in collaborazione con il comando dei Vigili Urbani del Comune di Campo nell Elba. Le attività di gioco e sport Per gli alunni delle classi prime della Scuola Secondaria di I grado proseguono anche in questo anno scolastico le attività sportive di nuoto (progetto piscina) presso la piscina comunale di Portoferraio. Per gli alunni delle classi terze della Scuola Primaria è previsto un corso di Scuola di vela, grazie al contributo degli istruttori del Club della vela di Marina di Campo. L attività ha l obiettivo di avvicinare i ragazzi allo sport, di conoscerlo nei suoi elementi base per comprenderne più profondamente i valori, nonché quello di promuovere una adeguata conoscenza e fruizione del mare. In questa ottica è da considerare anche il progetto Scacchi rivolto agli allievi della Scuola Secondaria di I grado e realizzato da un genitore esperto nella disciplina. L attività, intrapresa da vari anni, non si propone il solo scopo di far conoscere lo sport nei suoi elementi base e nei suoi valori, bensì di favorire nei ragazzi la conoscenza delle proprie potenzialità e capacità, insegnandoli a saperle usare per divertirsi con i compagni in maniera sana e serena. L Educazione ambientale Per favorire la conoscenza dell ambiente naturale, e poterlo amare ed apprezzare, sono previste uscite, visite guidate e viaggi di istruzione sia sul territorio insulare che in altre località, prescelte in sintonia con le programmazioni didattiche delle classi. Per promuovere la conservazione e la valorizzazione del patrimonio storico e culturale la scuola ha programmato visite guidate, condotte con l intervento d esperti, e attività in classe tramite l utilizzo di percorsi didattici e di materiale pubblicato. Prosegue il progetto di Agenda 21 locale, iniziato da due anni, che affronta il tema del risparmio energetico. Tale iniziativa ben si colloca nella realtà che circonda la scuola, in quanto dotata di uno dei pochi impianti fotovoltaici della provincia. Per approfondire la conoscenza del mare che ci circonda e delle specie animali e vegetali che lo abitano, alcune classi della Scuola Primaria e della Scuola Secondaria partecipano alla realizzazione del progetto Il mare e la scuola. Altre attività di arricchimento La scuola partecipa a concorsi promossi da enti o associazioni del territorio e non, ritenuti validi dal punto di vista didattico, aderendo anche questo anno al bando della fondazione della Cassa di risparmio di Livorno allo scopo di contribuire alla valorizzazione di un bene culturale nel comune di Campo. Continua anche la Festa del diploma, istituita a partire dal a.s. 2005/2006. Al termine della classe terza media, la scuola rilascerà un attestato a tutti gli alunni che avranno superato l esame di licenza media e premierà, nei limiti delle risorse che potranno essere reperite, quegli studenti che avranno conseguito una buona valutazione. 10

11 Altra attività di arricchimento è il progetto Suoniamo insieme, mirato allo studio di uno strumento musicale, effettuato dalla insegnante di educazione musicale in orario extracurricolare. L educazione degli adulti Anche per questo anno la scuola, in collaborazione con il CTP di Portoferraio e il comune di Campo, promuovere varie attività finalizzate all educazione degli adulti. Sono previsti corsi di informatica e alfabetizzazione di lingua italiana per cittadini stranieri. Tenuto conto che il P.O.F. e un documento di previsione programmatica, ulteriori iniziative potranno essere aggiunte nel corso dell anno scolastico, così come alcune delle iniziative proposte potranno non essere realizzate, venendo a mancare le condizioni e/o le risorse economiche e/o umane RACCORDO E CONTINUITA L Istituto Comprensivo si presenta come l adeguato laboratorio in cui promuovere la continuità, perché in esso è possibile attuare e controllare i processi educativi, farli emergere, coordinarli in forme sempre più efficaci. Al fine di valutare la situazione iniziale degli alunni delle classi prime, si utilizzano tre momenti fondamentali: a) analisi delle schede di valutazione; b) prove d ingresso; c) incontri di raccordo, durante i quali si concordano obiettivi e metodologie comuni. Il passaggio dalla Scuola dell Infanzia alla Scuola Primaria Nel mese di settembre gli insegnanti dei due ordini di scuola si incontrano per procedere alla formazione delle classi. I docenti della scuola dell infanzia esplicitano il percorso seguito dal bambino nella costruzione dell identità personale e culturale, tracciano un ritratto delle sue qualità, competenze, potenzialità, autonomia. Sulla base delle informazioni acquisite i docenti della scuola primaria organizzano le classi, rispettando il più possibile il criterio della equi- eterogeneità. Periodicamente si effettuano incontri di raccordo tra i docenti dei due ordini di scuola per un continuo ed efficace confronto che garantisca la continuità educativa. Il passaggio dalla Scuola Primaria alla Scuola Secondaria di I grado Allo stesso modo avviene anche per il passaggio dalla Scuola Primaria a quella Secondaria di I grado. Gli insegnanti dei due ordini di scuola e si incontrano per procedere alla formazione delle classi nel mese di giugno. I docenti della Scuola Primaria, sulla base delle prove di verifica di fine anno e delle osservazioni sistematiche effettuate sugli alunni, illustrano il percorso seguito dal bambino nella costruzione dell identità personale e culturale, nonché le sue qualità, competenze, potenzialità e grado di autonomia raggiunto. Sulla base delle informazioni acquisite si procede alla formazione delle classi, rispettando il più possibile il criterio della equi- eterogeneità. Il passaggio dalla Scuola Secondaria di I grado alla Scuola Secondaria di II grado Durante l anno scolastico vengono programmati incontri con i docenti e con i Dirigenti Scolastici degli Istituti di Scuola Secondaria di II grado, presenti sul territorio insulare ed extra, per presentare le offerte formative delle varie scuole. Questi incontri sono la premessa indispensabile per pianificare i futuri apprendimenti e per prevenire possibili dispersioni scolastiche. 11

12 Vengono, inoltre, effettuate visite guidate finalizzate all orientamento scolastico nei diversi istituti superiori, elbani e non, e al salone Orientando organizzato dalla provincia di Livorno. Il progetto raccordo/continuità e orientamento è garantito, oltre che dalla programmazione curricolare, anche da: a) incontri tra docenti dei diversi ordini di scuola; b) confronti periodici fra docenti dei diversi ordini di scuola per condividere comportamenti e di stili di apprendimenti e di attività didattiche; c) assemblee dei genitori. Prima della scadenza del termine fissato per le iscrizioni degli alunni alle classi successive è convocata un assemblea dei genitori, con la presenza del Dirigente Scolastico, per illustrare il percorso scolastico successivo L INSERIMENTO DEGLI ALUNNI IN SITUAZIONE DI SVANTAGGIO Il disagio e lo svantaggio rappresentano problematiche abbastanza diffuse nella classi dell Istituto. In base alle caratteristiche dello svantaggio i docenti stabiliscono le migliori modalità per l'inserimento degli alunni, coinvolgendo tutte le forze presenti: insegnante specializzato, insegnanti curricolari, genitori ed esperti dell' A.S.L. Per l'inserimento e il recupero dell'alunno vengono adottate le strategie di intervento più opportune con una programmazione individualizzata modificabile a seconda della situazione. I contenuti proposti vengono semplificati e/o ridotti in funzione degli obiettivi prefissati. Gli interventi sono guidati dall'insegnante specializzato che lavora in stretto contatto con gli insegnanti della classe e con gli esperti dell A.S.L. ( incontri P.E.I.) L'alunno lavora singolarmente con l'insegnante presente, o inserito in piccoli o grandi gruppi con insegnante di sostegno e di classe, secondo le sue necessità o il tipo di lavoro in corso. Al fine di individuare prima possibile disturbi dell apprendimento dovuti alla dislessia nelle classi prime e seconde della Scuola Primaria, ad ogni inizio dell anno scolastico, vengono effettuate attività di screening in collaborazione con l A.S.L. ( progetto Elba Dislessie referente ASL Dott. Coscarella) L INSERIMENTO E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Per gli alunni provenienti da Paesi stranieri, con difficoltà nell uso della lingua italiana, l Istituto attua interventi mirati nell ambito delle attività di recupero. Nel caso della presenza di allievi con minime conoscenze linguistiche che non consentono una corretta ed adeguata comunicazione, gli interventi sono mirati alla prima alfabetizzazione e, soprattutto, all individuazione di percorsi didattici individualizzati che facilitino l inserimento nella scuola e nella comunità LE ATTIVITA DI FORMAZIONE Nell anno scolastico in corso sono programmate iniziative di formazione ( sulla riservatezza dei dati personali e sensibili, sulla privacy ) e autoformazione attraverso gruppi di lavoro del Collegio, nonché momenti di formazione in comune con gli altri istituti comprensivi e con le scuole secondarie superiori del territorio elbano, attraverso accordi di rete, anche in presenza di esperti, per confronto e approfondimento di alcune tematiche quali la valutazione degli apprendimenti, la certificazione delle competenze all uscita del primo ciclo e le metodologie di insegnamento dell area logico matematica ( 12

13 progetto TRE API - Rete degli Istituti Scolastici Elbani in collaborazione con il Dipartimento di matematica dell università di Pisa). I docenti della scuola primaria hanno aderito al Piano pluriennale formazione nell ambito dell attività motoria. Alcuni, inoltre, partecipano all iniziativa di formazione promossa da Puntoedu lingue e altri al corso sull integrazione degli alunni stranieri che si svolge a Piombino. Altra iniziativa di formazione riguarda l area dell integrazione dei soggetti in situazione di disagio e di svantaggio, mediante la prosecuzione del progetto dal segno al testo sui disturbi dell apprendimento legati alla dislessia, in collaborazione con l ASL, al quale l Istituto ha aderito nel 2003/2004. Questo prosegue con la formazione di un docente referente per ognuno dei tre ordini di scuola e con l attivazione di uno sportello di consulenza per i docenti. Nel corrente anno scolastico la scuola è impegnata anche nel settore della sicurezza, in ottemperanza alle norme di attuazione della Legge 626, nelle due componenti docente e ATA. 3. LE SCELTE ORGANIZZATIVE 3.1. IL TEMPO SCOLASTICO In tutte le scuole dell Istituto le attività educative e didattiche hanno inizio il 13 Settembre Il termine delle lezioni per la Scuola Primaria e Secondaria di I grado è fissato per sabato 7 Giugno Le attività educative della Scuola dell Infanzia, invece, avranno termine venerdì 30 Giugno Durante l anno scolastico è prevista la sospensione delle lezioni secondo il calendario delle festività, in conformità alle disposizioni vigenti ( Calendario nazionale e regionale per l anno 2007/2008). Tale calendario, tuttavia, potrà essere modificato per adattarsi alle esigenze didattico-organizzative, derivanti dal P.O.F ed a quelle eventualmente indicate dalle famiglie, fermo restando il numero minimo effettivo di almeno 200 giorni di lezione ( art. 74 del D. L.vo n. 297/94 ). Il Consiglio d Istituto ha deliberato la sospensione delle lezioni secondo il seguente calendario: 2 Novembre 2007, per la Scuola dell Infanzia 2/3 Novembre 2007, per la Scuola Primaria e Secondaria 22 Febbraio 2008, per la Scuola dell Infanzia 25 Febbraio 2008, per tutti gli ordini di scuola 26 Aprile 2008, per la Scuola Primaria e Secondaria 2 Maggio 2008, per la Scuola dell Infanzia 3.2 L ORGANIZZAZIONE FLESSIBILE DELLA DIDATTICA Fermo restando che per tutti e tre gli ordini di scuola sono state attuate le indicazioni organizzative previste dalla legge di riforma del sistema educativo ( L. 53/2003), uno degli aspetti fondamentali della flessibilità riguarda il modo di organizzare l insegnamento per renderlo sempre più vicino ai ritmi dell apprendimento. In particolare, la flessibilità permette di elaborare e realizzare progetti di media durata ( bimestrale, quadrimestrale) articolando il monte ore annuale di una o più discipline. 13

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA RISULTANZE MONITORAGGIO GENITORI A.S. 2012-13

SCUOLA DELL INFANZIA RISULTANZE MONITORAGGIO GENITORI A.S. 2012-13 SCUOLA DELL INFANZIA RISULTANZE MONITORAGGIO GENITORI A.S. 2012-13 STRUTTURE PULIZIA AMBIENTI 12 10 8 6 4 2 servizio di pulizia efficiente 10 0,0 AMBIENTI ADEGUATI ALLA FUNZIONE 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1 AMBIENTI

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali. Il sistema educativo italiano

Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali. Il sistema educativo italiano Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali Il sistema educativo italiano 29 Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca (MIUR)

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri La documentazione Dall ICF alla DF al PDF al PEI La Diagnosi Funzionale (DF) 1. Utilizzo degli items di ICF nella definizione

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze VISTO il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, recante approvazione del testo

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Rapporto di autovalutazione

Rapporto di autovalutazione Rapporto di autovalutazione Sommario 1. Codice meccanografico istituto principale...3 2. Griglie di autovalutazione...3 1.1 Esiti...3 1.2 Contesto e risorse...4 1.3 Processi...5 3. Individuazione obiettivi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 3 SAN BERNARDINO BORGO TRENTO Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente Via G. Camozzini, 5 37126 Verona (VR) Tel.

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14 STTUTO COMPRENSVO UGO FOSCOLO SCUOLA SECONDARA D 1 GRADO PANO ANNUALE DELLE ATTVTA' A.S. 2013/14 PROT. N. 5991 /A-19 Vescovato, 19/09/2013 Data Giorno Sedi scolastiche Classi Orario Durata ATTVTA' COLLEGO

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 DOMANDA DI ISCRIZIONE Al Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 _l_ sottoscritt in qualità di padre

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012.

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012. Circolare interna n. 25 Ai docenti Al DSGA Alla segreteria alunni Alla segreteria docenti E, p.c. ai collaboratori scolastici Ve Mestre, 15 settembre 2011 Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Scheda di lettura del contratto annuale integrativo del 15 luglio 2010. Di cosa si tratta Si tratta della possibilità

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO DI PASIAN DI PRATO Pasian di Prato (UD) - Via Leonardo da Vinci, 23 - C.A.P. 33037 tel/fax: 0432 699954 e-mail: ddpasian@tin.it udic856004@istruzione.it udic856004@pec.istruzione.it

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli