P.ZZA SGARALLINO 1, MARINA DI CAMPO (LI)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "P.ZZA SGARALLINO 1, 57034 MARINA DI CAMPO (LI)"

Transcript

1 ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO P.ZZA SGARALLINO 1, MARINA DI CAMPO (LI) tel. 0565/ Fax 0565/ iano fferta ormativa

2 I N D I C E 1. Il Piano dell Offerta Formativa 1.1 Presentazione dell Istituto 1.2 Analisi del territorio e del contesto socioculturale 1.3 Rilevazione dei bisogni formativi Pag Le scelte educative 2.1 I valori di riferimento 2.2 Le finalità educative 2.3 Gli obiettivi prioritari 2.4 Le scelte educative in aggiunta alle attività curricolari 2.5 I progetti e i laboratori in atto 2.6 Raccordo e continuità 2.7 L inserimento degli alunni in situazione di svantaggio 2.8 L inserimento e l integrazione degli alunni stranieri 2.9 Le attività di formazione Pag 6 3. Le scelte organizzative 3.1 Il tempo scolastico 3.2 L organizzazione flessibile della didattica 3.3 I contenuti dell offerta formativa 3.4 Le sezioni e le classi 3.5 La valutazione quadrimestrale e finale Pag Le scuole dell Istituto 4.1 La Scuola dell Infanzia 4.2 La Scuola Primaria 4.3 La Scuola Secondaria di 1 grado Pag Le risorse professionali e le scelte di gestione 5.1. La direzione dell Istituto 5.2. Il Dirigente Scolastico 5.3. I collaboratori del Dirigente Scolastico 5.4. Le Funzioni Strumentali al P.O.F I docenti 5.6. Il personale amministrativo e ausiliario A.T.A Organigramma dell Istituto Pag Gli organi Collegiali 6.1. Norme generali 6.2. Il Collegio dei Docenti 6.3. I Consigli di Intersezione, di Interclasse e di Classe 6.4. Il Consiglio di Istituto 6.5. La Giunta Esecutiva Pag. 25 2

3 1. PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOL. 2004/2005 Premessa Il Piano dell Offerta Formativa, (art. 3 del Regolamento attuativo dell'autonomia, D.P.R , n. 275) è il piano organizzativo e didattico elaborato dalla scuola. In tale documento sono indicate le scelte educative, curriculari, didattiche ed organizzative che delineano l'identità culturale e progettuale dell Istituto. La proposta educativa è costituita da due elementi: il curricolo nazionale e l'insieme delle scelte operate dalla scuola, nell'ambito delle norme giuridiche e delle regole di funzionamento stabilite dalla legislazione, tenendo conto delle proposte e dei pareri formulati dai genitori, dagli organismi e dalle associazioni che operano sul territorio. 1.1 PRESENTAZIONE DELL ISTITUTO L istituto Comprensivo di Marina di Campo, nato nell anno scolastico 1997/ 98 con l unificazione di parte della ex Direzione Didattica di Marciana Marina e la Scuola Media di Marina di Campo, riunisce sotto l aspetto organizzativo e gestionale la Scuola dell Infanzia, quella Primaria e quella Secondaria di I grado, pur mantenendo ognuna le proprie caratteristiche specifiche dal punto di vista didattico. Esso opera nel territorio del Comune di Campo nell Elba e, per una piccola parte, in quello di Marciana ( loc. Procchio). L Istituto non dispone di una sede unica, bensì è dislocato su quattro plessi: - SCUOLA DELL INFANZIA L. Gentini - Via San Piero, Loc. San Piero Tel SCUOLA PRIMARIA Teseo Tesei - Via G. Giusti 7, Loc. Marina di Campo Tel Via a Roma 81, Loc. Marina di Campo Tel SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO G. Giusti - P.zza Vittime del Piroscafo A. Sgarallino 1, Loc. Marina di Campo - Tel La sede centrale dell Istituto Comprensivo è situata presso l edificio della Scuola Secondaria di I grado. Qui risiedono la Direzione e gli Uffici amministrativi, inoltre sono ospitate le classi V A e V B della Scuola Primaria, la palestra, i laboratori e la mensa scolastica, utilizzate anche da tutti gli alunni della Scuola Primaria. La popolazione scolastica attuale ammonta a 370 alunni distribuiti su 21 classi/sezioni. La situazione generale dell Istituto è specificata nel prospetto che segue: 3

4 ORDINE DI SCUOLA NUMERO PLESSI NUMERO SEZIONI O CLASSI NUMERO ALUNNI NUMERO DOCENTI Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di I grado TOTALI ANALISI DEL TERRITORIO E DEL CONTESTO SOCIO-CULTURALE Il territorio in cui operano le scuole dell Istituto si sviluppa quasi tutto in pianura ed è situato nella costa occidentale dell Isola. Campo nell Elba è il secondo comune del territorio insulare per numero di abitanti e per rilevanza economica. La popolazione attuale ammonta a circa 4400 abitanti distribuiti nei paesi di Marina di Campo, Sant Ilario, San Piero, La Pila, Cavoli, Seccheto e Fetovaia. La dimensione esigua della popolazione è sostenuta da una dinamica migratoria positiva, legata alla capacità di attrazione che l area elbana esercita su soggetti in cerca di occupazione, per la maggior parte di tipo stagionale. La storia economica e sociale, fino alla prima metà del secolo scorso, è rappresentata principalmente dalla tradizione dell agricoltura, da una limitata pastorizia e dalla pesca, quest ultima sviluppatasi, a partire dagli anni 40, grazie all immigrazione di pescatori siciliani e ponzesi. Poco più tardi tali attività hanno subito un grave crollo e progressivamente sono state relegate in una posizione di secondo piano, soprattutto a causa dell ondata turistica abbattutasi sul territorio insulare negli anni Sessanta e Settanta. Anche l artigianato locale, in particolar modo la tradizione millenaria che ha coinvolto migliaia di scalpellini di Seccheto, Cavoli e San Piero, gradualmente si è spento sotto la spinta della domanda consumistica. Così, a partire dagli anni 60, i Campesi hanno riposto tutte le speranze di una vita meno dura nel mare: il volto moderno dell attività economica del territorio del Comune di Campo nell Elba, come del resto di tutta l isola, è rappresentato, infatti, dall industria del turismo, che ha favorito un diffuso benessere nella zona, risollevando le sorti di un area economicamente depressa. L evoluzione economica che in questi ultimi anni ha modificato profondamente il volto della realtà sociale del campese, è stata rivolta, tuttavia, prevalentemente allo sviluppo turistico e commerciale. A tale cambiamento non sempre è corrisposta un adeguata modifica socio-culturale. Il territorio si presenta, dunque, come una realtà penalizzata sia dalla propria posizione geografica di insularità, sia dalla carenza di occasioni culturali e formative esterne all ambiente scolastico. La comunità risente, inoltre, della dicotomia estate-inverno, che condiziona i ritmi di vita, contrapponendo ad una concentrazione di attività culturali e ricreative nei mesi estivi una generale assenza di iniziative nel periodo invernale, anche se in questi ultimi anni gli Enti Locali e alcune iniziative private stanno dando vita a varie opportunità culturali, sportivo-ricreative e associative. 4

5 Il quadro generale della situazione dell istruzione sul territorio insulare è caratterizzato da una certa situazione di disagio, in quanto gli abbandoni scolastici e le ripetenze si attestano su standard superiori alla media regionale. Gli alunni sembrano scarsamente stimolati da un ambiente che offre ben poche occasioni culturali e da un territorio che garantisce occupazione, anche se temporanea, e dunque, una condizione economica agiata. Il mercato del lavoro, infatti, benché caratterizzato da dinamiche di assunzioni e licenziamenti che risentono del carattere marcatamente stagionale dell attività svolta, consente agli elbani livelli di reddito apprezzabili anche in condizioni di basso tasso di occupazione permanente. In questi ultimi anni, tuttavia, si sta registrando una piena partecipazione al mondo della scuola superiore, in linea con la media nazionale stimata intorno al 60%, anche se per molti giovani rimane problematico il raggiungimento del diploma RILEVAZIONE DEI BISOGNI FORMATIVI Dall analisi della situazione socio-culturale-ambientale, relativa al territorio nel quale opera l Istituto emergono i seguenti bisogni formativi prioritari: Sviluppare una cultura basata su conoscenze e competenze; Sentirsi parte integrante della comunità sociale d appartenenza; Favorire l integrazione d immigrati provenienti da culture diverse; Promuovere la conoscenza di due lingue straniere comunitarie per rispondere alla vocazione turistica, nonché alle esigenze lavorative dell Isola d Elba; Promuovere la conoscenza dell ambiente naturale di appartenenza; Recuperare e valorizzare il patrimonio storico e le proprie tradizioni socio-culturali; Potenziare la pratica sportiva, anche come momento d aggregazione e socializzazione 5

6 2. LE SCELTE EDUCATIVE 2.1. I VALORI DI RIFERIMENTO L istituto Comprensivo si caratterizza per seguire la formazione di tutti i ragazzi dai 3 ai 14 anni: dalla prima infanzia alle soglie dell adolescenza. Esso, in base alle potenzialità di cui dispone, sia sul piano delle strutture, sia sul piano delle professionalità e delle risorse economiche, si impegna a fornire le migliori opportunità di apprendimento adeguate alle diverse età degli alunni, nel rispetto delle specificità e delle diversità, al fine di condurre ognuno lungo la strada più adeguata per esprimere le proprie capacità. La scuola, che riconosce come compito principale quello di inserirsi sempre più profondamente nella società, al cui servizio si pone come elemento significativo di promozione culturale, nello svolgimento dell azione formativa: considera e valorizza il contesto territoriale in cui opera e ne utilizza le risorse ambientali, strutturali, sociali e culturali promuove e sollecita tutte le iniziative che realizzano la sua funzione come centro di elevamento culturale, sociale e civile del territorio. A tal fine collabora con gli E.E.L.L. e le Associazioni culturali del territorio considera di fondamentale importanza la collaborazione delle famiglie per il miglioramento delle attività e per il successo formativo degli alunni, nella consapevolezza che scuola e famiglia costituiscono il nucleo della comunità educante da cui dipende la crescita culturale e sociale delle nuove generazioni. L attività didattica, culturale e sociale dell Istituto si svolge in modo che la partecipazione e la gestione della scuola acquistino una loro più definita prospettiva democratica ed un loro valore educativo e sociale LE FINALITA EDUCATIVE Sulla base di questa premessa la scuola persegue le seguenti finalità educative: garantire a tutti una cultura basata su competenze e conoscenze nel rispetto delle differenze individuali valorizzare le diversità come risorsa valorizzare le attitudini degli alunni e orientare verso un corso di studi adeguato sviluppare e consolidare comportamenti democratici, responsabili e consapevoli promuovere la personalità dell alunno come uomo e cittadino, favorendo la maturazione progressiva della coscienza di sé e del proprio rapporto con il mondo esterno favorire la conquista dell autonomia e preparare all età adulta conoscere e il territorio di appartenenza (risorse ambientali, strutturali, sociali e culturali) recuperare e valorizzare il patrimonio storico e le proprie tradizioni socio-culturali 6

7 attraverso: elaborazione di percorsi adeguati alle necessità socio - affettive cognitive dei singoli alunni attività socializzanti ed educative, che abituino al rispetto di se stessi, degli altri e delle regole insegnamento della lingua inglese e/o francese nella Scuola dell Infanzia e Primaria, il bilinguismo nella Scuola Secondaria di 1 grado attivazione di laboratori (multimediale, di educazione ambientale, di animazione teatrale, di espressione artistica, di attività motorie manuali e logiche) uscite e visite guidate sul territorio insulare e in altre località condivisione con le famiglie e con il territorio del progetto formativo dell Istituto momenti di collaborazione con gli E.E.L.L. e le Associazioni culturali del territorio GLI. OBIETTIVI PRIORITARI L Istituto, per l anno scolastico in corso, ha individuato come prioritari i seguenti obiettivi: 1. Migliorare la qualità complessiva dell azione didattica mediante: il sostegno ad una qualificata formazione del personale per un adeguato sviluppo professionale; la valorizzazione delle risorse umane. 2. Favorire l innovazione didattica mediante: l incremento delle attrezzature e dotazioni didattiche, soprattutto delle infrastrutture informatiche e telematiche, presupposti sia per le funzionalità del servizio di formazione ed istruzione sia per l organizzazione e gestione della vita scolastica; l attivazione di un offerta formativa personalizzata (interventi di recupero, sviluppo / ampliamento, arricchimento, in forma laboratoriale, progetti); la promozione di iniziative a sostegno dell integrazione; lo scambio con altre esperienze del territorio a vari livelli, locale, provinciale, regionale, nazionale. 3. Promuovere una cultura della sicurezza mediante: iniziative di informazione e formazione rivolte principalmente al personale della scuola, ma che coinvolgano, a diversi livelli, anche gli alunni e le famiglie; 4. Favorire lo spirito di collaborazione con le famiglie e un loro maggiore coinvolgimento nella vita della scuola mediante: interventi di formazione comuni finalizzati ad una crescita sana ed armonica dei bambini e dei ragazzi che frequentano l istituto; incontri in cui vengano affrontate le problematiche legate al disagio adolescenziale, eventualmente, con la partecipazione di personale esperto esterno. 5. Promuovere attività destinate all educazione degli adulti, nell ottica di una visione della scuola quale punto di riferimento culturale per tutto il territorio mediante: l attivazione di corsi di informatica ed inglese, che rispondono in più larga misura alle richieste dell utenza; l attivazione di un corso di prima alfabetizzazione nella Lingua Italiana per cittadini stranieri. la collaborazione con il Centro Territoriale Permanente del Distretto 34, con il Comune, con altri enti, per attivare altre eventuali iniziative che si propongano come momento di sviluppo e di formazione sul territorio. 7

8 2.4. LE SCELTE EDUCATIVE IN AGGIUNTA ALLE ATTIVITA CURRICOLARI La scuola, per offrire all utenza un servizio quanto più vario ed articolato nelle opportunità e per rispondere ai bisogni evidenziati nell analisi del contesto, attua diverse iniziative di formazione in aggiunta alle attività curricolari. Queste si riconducono in particolare allo sport, alle lingue straniere, all educazione ambientale e territoriale, all educazione stradale, all educazione alla legalità, all educazione teatrale e alla multimedialità, 1. Accoglienza 2. Continuità 3. Orientamento 4. Rapporti Scuola- Famiglia-Territorio Tanti modi per stare bene insieme. Tanti modi per esprimersi, conoscersi, conoscere e scoprire. 1. Ed. alla legalità 2. Ed. stradale 3. Corso di scacchi 4. Corso di vela 5. Giochi della gioventù 6. Nuoto in piscina 7. Ed. teatrale 8. Multimedialità e media in genere 9. Educazione ambientale 10. Educazione alimentare 8

9 2. 5. I PROGETTI E I LABORATORI IN ATTO In merito ai bisogni evidenziati l Istituto intende dare una risposta coerente aggiungendo allo strumento curricolare i seguenti progetti disciplinari o interdisciplinari. Questi si rivolgono a più classi, a una sola classe, a gruppi di alunni e si articolano in tempi modulati sulla flessibilità dell orario. I progetti hanno lo scopo fondamentale di consentire agli studenti ulteriori esperienze e opportunità per raggiungere una sempre maggiore maturazione nel campo cognitivo e socio-affettivo. A tal fine la scuola collabora con le agenzie educative presenti sul territorio per il perseguimento d obiettivi comuni, attraverso strategie preliminarmente concordate. La scelta delle tematiche di fondo di ogni progetto educativo e didattico risponde agli obiettivi del modello educativo scelto dal ns. Istituto. Le lingue straniere Nella Scuola Secondaria di I grado, con l introduzione della riforma Moratti, in tutte le classi sono previste tre ore di insegnamento della lingua inglese e tre per la lingua francese. Un punto di forza del nostro Istituto è, già da qualche anno, quello dell insegnamento della lingua straniera nelle sezioni della Scuola dell Infanzia. I bambini di 4 e 5 anni svolgono attività linguistiche con le insegnanti specializzate della Scuola Primaria. Nella Scuola Primaria, secondo quanto suggerito dalle Indicazioni nazionali per i piani di studio personalizzati (Allegato E art. 25 comma 1), è previsto l insegnamento della lingua inglese per un ora nella prima classe, per due ore e trenta nelle seconde e terze e per tre ore nelle quarte e quinte classi. Nelle classi terze continua la sperimentazione del bilinguismo, in accordo con i genitori, poiché i bambini avevano usufruito fin dalla scuola dell infanzia dell insegnamento sperimentale della lingua francese con l insegnante Galli Paola. I rapporti Scuola-Famiglia Promuovere la partecipazione delle famiglie alla vita della scuola, favorire lo spirito di collaborazione teso ad affrontare le problematiche relative all età scolare e a prevenire eventuali forme di disagio è uno degli obiettivi che il piano d Istituto privilegia. Grazie alla sensibilità dell amministrazione comunale di Campo nell Elba nei confronti delle problematiche giovanili, già a partire dallo scorso anno scolastico, viene realizzato il Progetto Benessere con l intervento dello psicologo scolastico, che prevede l attivazione di uno sportello al quale possono rivolgersi alunni, genitori e docenti. In collaborazione con l A.S.L. sono previsti incontri rivolti ai genitori sulle tematiche dell alimentazione, della sessualità e dell affettività. I Progetti P.I.A. L Istituto ha aderito al P.I.A. presentando una serie di progetti che rientrano nel Piano di Indirizzo della Regione Toscana per il diritto allo studio: integrazione culturale, svantaggio, disabilità e insuccesso scolastico, innovazione educativo-didattica e sperimentazione, educazione ambientale. I progetti sono finalizzati a limitare il fenomeno della dispersione e del disagio scolastico attraverso la promozione di attività stimolanti e motivanti. L Educazione ai valori e alla solidarieta Avendo tra gli obiettivi trasversali a fondamento del P.O.F. il perseguimento di valori portanti quali la pace, la solidarietà, l integrazione e la legalità, la scuola propone anche per questo anno scolastico iniziative finalizzate al coinvolgimento diretto degli alunni su tali temi. 9

10 Continua la collaborazione con le fondazioni Caponnetto e Pertini, ed è prevista, inoltre, l adesione al premio Valenti alla sportività e la partecipazione alla Festa della Toscana, la quale ha visto l avvicinamento degli studenti alle associazioni di volontariato presenti sul territorio. L Istituto partecipa, inoltre, ad iniziative di beneficenza nei confronti di enti che operano a sostegno dell infanzia o in favore di situazioni di bisogno, al fine di educare i ragazzi alla solidarietà nei confronti dei compagni meno fortunati. L Educazione stradale e il Patentino Gli alunni della Scuola Secondaria di I grado che compiranno 14 anni entro il 31 agosto 2008 potranno avvalersi della frequenza di un corso per il conseguimento del patentino per il ciclomotore. Il corso, tenuto da un insegnante della scuola, sarà svolto in collaborazione con il comando dei Vigili Urbani del Comune di Campo nell Elba. Le attività di gioco e sport Per gli alunni delle classi prime della Scuola Secondaria di I grado proseguono anche in questo anno scolastico le attività sportive di nuoto (progetto piscina) presso la piscina comunale di Portoferraio. Per gli alunni delle classi terze della Scuola Primaria è previsto un corso di Scuola di vela, grazie al contributo degli istruttori del Club della vela di Marina di Campo. L attività ha l obiettivo di avvicinare i ragazzi allo sport, di conoscerlo nei suoi elementi base per comprenderne più profondamente i valori, nonché quello di promuovere una adeguata conoscenza e fruizione del mare. In questa ottica è da considerare anche il progetto Scacchi rivolto agli allievi della Scuola Secondaria di I grado e realizzato da un genitore esperto nella disciplina. L attività, intrapresa da vari anni, non si propone il solo scopo di far conoscere lo sport nei suoi elementi base e nei suoi valori, bensì di favorire nei ragazzi la conoscenza delle proprie potenzialità e capacità, insegnandoli a saperle usare per divertirsi con i compagni in maniera sana e serena. L Educazione ambientale Per favorire la conoscenza dell ambiente naturale, e poterlo amare ed apprezzare, sono previste uscite, visite guidate e viaggi di istruzione sia sul territorio insulare che in altre località, prescelte in sintonia con le programmazioni didattiche delle classi. Per promuovere la conservazione e la valorizzazione del patrimonio storico e culturale la scuola ha programmato visite guidate, condotte con l intervento d esperti, e attività in classe tramite l utilizzo di percorsi didattici e di materiale pubblicato. Prosegue il progetto di Agenda 21 locale, iniziato da due anni, che affronta il tema del risparmio energetico. Tale iniziativa ben si colloca nella realtà che circonda la scuola, in quanto dotata di uno dei pochi impianti fotovoltaici della provincia. Per approfondire la conoscenza del mare che ci circonda e delle specie animali e vegetali che lo abitano, alcune classi della Scuola Primaria e della Scuola Secondaria partecipano alla realizzazione del progetto Il mare e la scuola. Altre attività di arricchimento La scuola partecipa a concorsi promossi da enti o associazioni del territorio e non, ritenuti validi dal punto di vista didattico, aderendo anche questo anno al bando della fondazione della Cassa di risparmio di Livorno allo scopo di contribuire alla valorizzazione di un bene culturale nel comune di Campo. Continua anche la Festa del diploma, istituita a partire dal a.s. 2005/2006. Al termine della classe terza media, la scuola rilascerà un attestato a tutti gli alunni che avranno superato l esame di licenza media e premierà, nei limiti delle risorse che potranno essere reperite, quegli studenti che avranno conseguito una buona valutazione. 10

11 Altra attività di arricchimento è il progetto Suoniamo insieme, mirato allo studio di uno strumento musicale, effettuato dalla insegnante di educazione musicale in orario extracurricolare. L educazione degli adulti Anche per questo anno la scuola, in collaborazione con il CTP di Portoferraio e il comune di Campo, promuovere varie attività finalizzate all educazione degli adulti. Sono previsti corsi di informatica e alfabetizzazione di lingua italiana per cittadini stranieri. Tenuto conto che il P.O.F. e un documento di previsione programmatica, ulteriori iniziative potranno essere aggiunte nel corso dell anno scolastico, così come alcune delle iniziative proposte potranno non essere realizzate, venendo a mancare le condizioni e/o le risorse economiche e/o umane RACCORDO E CONTINUITA L Istituto Comprensivo si presenta come l adeguato laboratorio in cui promuovere la continuità, perché in esso è possibile attuare e controllare i processi educativi, farli emergere, coordinarli in forme sempre più efficaci. Al fine di valutare la situazione iniziale degli alunni delle classi prime, si utilizzano tre momenti fondamentali: a) analisi delle schede di valutazione; b) prove d ingresso; c) incontri di raccordo, durante i quali si concordano obiettivi e metodologie comuni. Il passaggio dalla Scuola dell Infanzia alla Scuola Primaria Nel mese di settembre gli insegnanti dei due ordini di scuola si incontrano per procedere alla formazione delle classi. I docenti della scuola dell infanzia esplicitano il percorso seguito dal bambino nella costruzione dell identità personale e culturale, tracciano un ritratto delle sue qualità, competenze, potenzialità, autonomia. Sulla base delle informazioni acquisite i docenti della scuola primaria organizzano le classi, rispettando il più possibile il criterio della equi- eterogeneità. Periodicamente si effettuano incontri di raccordo tra i docenti dei due ordini di scuola per un continuo ed efficace confronto che garantisca la continuità educativa. Il passaggio dalla Scuola Primaria alla Scuola Secondaria di I grado Allo stesso modo avviene anche per il passaggio dalla Scuola Primaria a quella Secondaria di I grado. Gli insegnanti dei due ordini di scuola e si incontrano per procedere alla formazione delle classi nel mese di giugno. I docenti della Scuola Primaria, sulla base delle prove di verifica di fine anno e delle osservazioni sistematiche effettuate sugli alunni, illustrano il percorso seguito dal bambino nella costruzione dell identità personale e culturale, nonché le sue qualità, competenze, potenzialità e grado di autonomia raggiunto. Sulla base delle informazioni acquisite si procede alla formazione delle classi, rispettando il più possibile il criterio della equi- eterogeneità. Il passaggio dalla Scuola Secondaria di I grado alla Scuola Secondaria di II grado Durante l anno scolastico vengono programmati incontri con i docenti e con i Dirigenti Scolastici degli Istituti di Scuola Secondaria di II grado, presenti sul territorio insulare ed extra, per presentare le offerte formative delle varie scuole. Questi incontri sono la premessa indispensabile per pianificare i futuri apprendimenti e per prevenire possibili dispersioni scolastiche. 11

12 Vengono, inoltre, effettuate visite guidate finalizzate all orientamento scolastico nei diversi istituti superiori, elbani e non, e al salone Orientando organizzato dalla provincia di Livorno. Il progetto raccordo/continuità e orientamento è garantito, oltre che dalla programmazione curricolare, anche da: a) incontri tra docenti dei diversi ordini di scuola; b) confronti periodici fra docenti dei diversi ordini di scuola per condividere comportamenti e di stili di apprendimenti e di attività didattiche; c) assemblee dei genitori. Prima della scadenza del termine fissato per le iscrizioni degli alunni alle classi successive è convocata un assemblea dei genitori, con la presenza del Dirigente Scolastico, per illustrare il percorso scolastico successivo L INSERIMENTO DEGLI ALUNNI IN SITUAZIONE DI SVANTAGGIO Il disagio e lo svantaggio rappresentano problematiche abbastanza diffuse nella classi dell Istituto. In base alle caratteristiche dello svantaggio i docenti stabiliscono le migliori modalità per l'inserimento degli alunni, coinvolgendo tutte le forze presenti: insegnante specializzato, insegnanti curricolari, genitori ed esperti dell' A.S.L. Per l'inserimento e il recupero dell'alunno vengono adottate le strategie di intervento più opportune con una programmazione individualizzata modificabile a seconda della situazione. I contenuti proposti vengono semplificati e/o ridotti in funzione degli obiettivi prefissati. Gli interventi sono guidati dall'insegnante specializzato che lavora in stretto contatto con gli insegnanti della classe e con gli esperti dell A.S.L. ( incontri P.E.I.) L'alunno lavora singolarmente con l'insegnante presente, o inserito in piccoli o grandi gruppi con insegnante di sostegno e di classe, secondo le sue necessità o il tipo di lavoro in corso. Al fine di individuare prima possibile disturbi dell apprendimento dovuti alla dislessia nelle classi prime e seconde della Scuola Primaria, ad ogni inizio dell anno scolastico, vengono effettuate attività di screening in collaborazione con l A.S.L. ( progetto Elba Dislessie referente ASL Dott. Coscarella) L INSERIMENTO E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Per gli alunni provenienti da Paesi stranieri, con difficoltà nell uso della lingua italiana, l Istituto attua interventi mirati nell ambito delle attività di recupero. Nel caso della presenza di allievi con minime conoscenze linguistiche che non consentono una corretta ed adeguata comunicazione, gli interventi sono mirati alla prima alfabetizzazione e, soprattutto, all individuazione di percorsi didattici individualizzati che facilitino l inserimento nella scuola e nella comunità LE ATTIVITA DI FORMAZIONE Nell anno scolastico in corso sono programmate iniziative di formazione ( sulla riservatezza dei dati personali e sensibili, sulla privacy ) e autoformazione attraverso gruppi di lavoro del Collegio, nonché momenti di formazione in comune con gli altri istituti comprensivi e con le scuole secondarie superiori del territorio elbano, attraverso accordi di rete, anche in presenza di esperti, per confronto e approfondimento di alcune tematiche quali la valutazione degli apprendimenti, la certificazione delle competenze all uscita del primo ciclo e le metodologie di insegnamento dell area logico matematica ( 12

13 progetto TRE API - Rete degli Istituti Scolastici Elbani in collaborazione con il Dipartimento di matematica dell università di Pisa). I docenti della scuola primaria hanno aderito al Piano pluriennale formazione nell ambito dell attività motoria. Alcuni, inoltre, partecipano all iniziativa di formazione promossa da Puntoedu lingue e altri al corso sull integrazione degli alunni stranieri che si svolge a Piombino. Altra iniziativa di formazione riguarda l area dell integrazione dei soggetti in situazione di disagio e di svantaggio, mediante la prosecuzione del progetto dal segno al testo sui disturbi dell apprendimento legati alla dislessia, in collaborazione con l ASL, al quale l Istituto ha aderito nel 2003/2004. Questo prosegue con la formazione di un docente referente per ognuno dei tre ordini di scuola e con l attivazione di uno sportello di consulenza per i docenti. Nel corrente anno scolastico la scuola è impegnata anche nel settore della sicurezza, in ottemperanza alle norme di attuazione della Legge 626, nelle due componenti docente e ATA. 3. LE SCELTE ORGANIZZATIVE 3.1. IL TEMPO SCOLASTICO In tutte le scuole dell Istituto le attività educative e didattiche hanno inizio il 13 Settembre Il termine delle lezioni per la Scuola Primaria e Secondaria di I grado è fissato per sabato 7 Giugno Le attività educative della Scuola dell Infanzia, invece, avranno termine venerdì 30 Giugno Durante l anno scolastico è prevista la sospensione delle lezioni secondo il calendario delle festività, in conformità alle disposizioni vigenti ( Calendario nazionale e regionale per l anno 2007/2008). Tale calendario, tuttavia, potrà essere modificato per adattarsi alle esigenze didattico-organizzative, derivanti dal P.O.F ed a quelle eventualmente indicate dalle famiglie, fermo restando il numero minimo effettivo di almeno 200 giorni di lezione ( art. 74 del D. L.vo n. 297/94 ). Il Consiglio d Istituto ha deliberato la sospensione delle lezioni secondo il seguente calendario: 2 Novembre 2007, per la Scuola dell Infanzia 2/3 Novembre 2007, per la Scuola Primaria e Secondaria 22 Febbraio 2008, per la Scuola dell Infanzia 25 Febbraio 2008, per tutti gli ordini di scuola 26 Aprile 2008, per la Scuola Primaria e Secondaria 2 Maggio 2008, per la Scuola dell Infanzia 3.2 L ORGANIZZAZIONE FLESSIBILE DELLA DIDATTICA Fermo restando che per tutti e tre gli ordini di scuola sono state attuate le indicazioni organizzative previste dalla legge di riforma del sistema educativo ( L. 53/2003), uno degli aspetti fondamentali della flessibilità riguarda il modo di organizzare l insegnamento per renderlo sempre più vicino ai ritmi dell apprendimento. In particolare, la flessibilità permette di elaborare e realizzare progetti di media durata ( bimestrale, quadrimestrale) articolando il monte ore annuale di una o più discipline. 13

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA Scuola Primaria Anno scolastico 2013/2014 Il Collegio dei Docenti della Scuola Primaria dell Istituto Comprensivo di Balangero condivide

Dettagli

A tutti i genitori degli alunni e delle alunne delle classi quinte della Scuola primaria

A tutti i genitori degli alunni e delle alunne delle classi quinte della Scuola primaria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOTTICINO Via Udine, 6 25080 Botticino Mattina - CF 80064290176 - Tel. 030 2693113 Fax: 030 2191205 email: ddbottic@provincia.brescia.it

Dettagli

Anno scolastico 2008/09

Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO AZZANO SAN PAOLO Il presente opuscolo, che racchiude le linee programmatiche essenziali utili ad identificare la nostra scuola, costituisce una sintesi del Piano dell Offerta Formativa;

Dettagli

DOCUMENTO DI LINEE D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO A.S.

DOCUMENTO DI LINEE D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO A.S. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I.C. NUOVO PONTE DI NONA - VIA GASTINELLI N. 58-00132 ROMA TEL. 06/22180417- fax: 06/22188121 C.M.RMIC8CR006

Dettagli

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA mediante momenti di raccordo pedagogico, curriculare e organizzativo fra i tre ordini di scuola, promuove la continuità del processo educativo, condizione essenziale per

Dettagli

ISCRIZIONI a.s. 2015/16. Istituto Comprensivo Statale di Poppi www.poppi-scuola.it

ISCRIZIONI a.s. 2015/16. Istituto Comprensivo Statale di Poppi www.poppi-scuola.it ISCRIZIONI a.s. 2015/16 Istituto Comprensivo Statale di Poppi www.poppi-scuola.it UGUAGLIANZA INCLUSIONE-ACCOGLIENZA BISOGNI EDUCATIVI STAR BENE CON SE E GLI ALTRI Il nostro istituto unisce infanzia, primaria

Dettagli

CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA

CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA ISTITUTO COMPRENSIVO E. FERMI DI CARVICO SCUOLA SECONDARIA di CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA Estratto Piano dell Offerta Formativa Anno Scolastico 2015-2016 L OFFERTA FORMATIVA comune a tutti

Dettagli

La scuola dell infanzia è un ambiente educativo di esperienze concrete e di apprendimento riflessivo che integra le differenti forme del fare,

La scuola dell infanzia è un ambiente educativo di esperienze concrete e di apprendimento riflessivo che integra le differenti forme del fare, ITALIA Introduzione La riforma del sistema italiano è stata oggetto di numerose discussioni e polemiche. La legge di riforma dell ordinamento varata nel 2000 è stata successivamente abrogata dal nuovo

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO

ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO Ogni docente è libero di attuare le pratiche educative che ritiene più efficaci. Le lezioni si svolgono alternando metodologie didattiche tradizionali come lezione frontale, a

Dettagli

VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI

VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI Via Madonna del Rosario, 148 35100 PADOVA Tel. 049/617932 fax 049/607023 - CF 92200190285 e-mail: pdic883002@istruzione.it sito web:6istitutocomprensivopadova.gov.it

Dettagli

Istituto Comprensivo di Sedegliano. Tutti a scuola. Piccola guida alle nostre scuole primarie

Istituto Comprensivo di Sedegliano. Tutti a scuola. Piccola guida alle nostre scuole primarie Istituto Comprensivo di Sedegliano Tutti a scuola Piccola guida alle nostre scuole primarie gennaio 2010 Istituto Comprensivo di Sedegliano Presentazione Questo opuscolo contiene alcune informazioni utili

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI OSIO SOTTO (BG) SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO OFFERTA FORMATIVA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI OSIO SOTTO (BG) SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO DI OSIO SOTTO (BG) SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO OFFERTA FORMATIVA 2015/2016 1 PREMESSA Come specificato nelle Nuove Indicazioni, la scuola primaria, insieme alla scuola secondaria

Dettagli

L istituto comprensivo include : quattro scuole dell infanzia due plessi di scuola primaria la scuola secondaria di primo grado.

L istituto comprensivo include : quattro scuole dell infanzia due plessi di scuola primaria la scuola secondaria di primo grado. Offerta formativa L istituto comprensivo include : quattro scuole dell infanzia due plessi di scuola primaria la scuola secondaria di primo grado Vi operano Il dirigente scolastico La collaboratrice del

Dettagli

SECONDARIA "L. VERGA"

SECONDARIA L. VERGA SECONDARIA "L. VERGA" SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO LUIGI VERGA Via Trino 32, Tel. 0161-215814, E-mail vergadocenti@tiscali.it CLASSI ALUNNI INSEGNANTI 16 334 38 10 DI SOSTEGNO 1 DI RELIGIONE COLLABORATRICI

Dettagli

Istituto Comprensivo Aldo Moro Saronno OPEN DAY 2011

Istituto Comprensivo Aldo Moro Saronno OPEN DAY 2011 Istituto Comprensivo Aldo Moro Saronno OPEN DAY 2011 L alunno al centro RISPETTO DELLE INDIVIDUALITA ATTENZIONE ALLE SPECIFICITA PERSONALI ATTENZIONE AI DIVERSI STILI DI APPRENDIMENTO CURA DELLE RELAZIONI

Dettagli

In base alla nuova legislazione L.169/ 08 ed ai decreti attuativi correlati ( regolamenti) la scuola primaria può essere organizzata ;

In base alla nuova legislazione L.169/ 08 ed ai decreti attuativi correlati ( regolamenti) la scuola primaria può essere organizzata ; In base alla nuova legislazione L.169/ 08 ed ai decreti attuativi correlati ( regolamenti) la scuola primaria può essere organizzata ; 1. Orario 24 ore settimanali 2. Orario 27 ore settimanali 3. Orario

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE CURRICOLO Il Curricolo è il complesso organizzato delle esperienze di apprendimento che una scuola intenzionalmente progetta e realizza per gli alunni al fine di conseguire le mete formative desiderate.

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA STESURA DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PER IL TRIENNIO 2016-19 PREMESSA

LINEE DI INDIRIZZO PER LA STESURA DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PER IL TRIENNIO 2016-19 PREMESSA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazza Volta 4/a 22077 OLGIATE COMASCO (CO) tel. 031-944033 / 947207 cod.min. COIC80700A - cod.fisc. 80013700135 e.mail

Dettagli

EMANA IL SEGUENTE ATTO DI INDIRIZZO

EMANA IL SEGUENTE ATTO DI INDIRIZZO Castiglione delle Stiviere, 05/10/2015 Prot. n. 9298/C6 Al Collegio dei Docenti Alla DSGA All albo E p.c. al Consiglio di Istituto Oggetto: ATTO DI INDIRIZZO RIGUARDANTE LA DEFINIZIONE E LA PREDISPOSIZIONE

Dettagli

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento L'a.s. 2013/14 oltre alla realizzazione della fase di, è stato dedicato all'avvio e al proseguimento di azioni di Miglioramento

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLEGATA AL PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLEGATA AL PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLEGATA AL PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015 Il programma annuale è direttamente raccordato al Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) e traduce, in

Dettagli

Scuola Primaria Trento TROVA

Scuola Primaria Trento TROVA Scuola Primaria Trento TROVA Carissimi genitori e bambini, sono lieto di farvi giungere il mio più cordiale saluto e, al tempo stesso, presentarvi il Collegio Arcivescovile. È una scuola di lunga tradizione

Dettagli

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità Istituto Comprensivo Statale Lorenzo Bartolini di Vaiano Piano dell Offerta Formativa Scheda di progetto Progetto 5 Formazione, discipline e continuità I momenti dedicati all aggiornamento e all autoaggiornamento

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ARDIGO BELLANI AD INDIRIZZO MUSICALE

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ARDIGO BELLANI AD INDIRIZZO MUSICALE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ARDIGO BELLANI AD INDIRIZZO MUSICALE CHI SIAMO LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ARDIGO BELLANI DI MONZA E FORMATA DA DUE PLESSI : PLESSO ARDIGO : via Magellano, 42 PLESSO

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO N. 1 DI BOLOGNA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO N. 1 DI BOLOGNA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO N. 1 DI BOLOGNA Anno scolastico 2014-2015 LE NOSTRE SCUOLE scuola dell infanzia FUTURA scuola primaria GIOVANNI XXIII scuola secondaria 1^ grado GIUSEPPE

Dettagli

Allegato A) 1. PREMESSA

Allegato A) 1. PREMESSA Delibera N. 1193 del 10.04.2006 Riforma scolastica nelle scuole primarie e secondarie di primo grado in lingua italiana. Anno scolastico 2006/200 (modificata con delibera n. 4926 vom 29.12.2006) omissis

Dettagli

LA SCUOLA MEDIA DI PAINA

LA SCUOLA MEDIA DI PAINA 1 Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto comprensivo don Rinaldo Beretta" Scuola secondaria di primo grado Salvo D Acquisto 20030 PAINA DI GIUSSANO - VIA A. MANZONI, 50 TEL.

Dettagli

Via Sismondi, 17 - tel. 0572 476298 51017 Pescia (PT)

Via Sismondi, 17 - tel. 0572 476298 51017 Pescia (PT) Via Sismondi, 17 - tel. 0572 476298 51017 Pescia (PT) La Scuola Primaria di Valchiusa è situata in una zona verdeggiante meglio conosciuta come Valchiusa e occupa parte della sede centrale dell Istituto

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA U FFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA L'inserimento delle/degli studenti diversamente abili nelle classi è finalizzato alla piena integrazione di

Dettagli

Istituto Comprensivo Karol Wojtyla

Istituto Comprensivo Karol Wojtyla Istituto Comprensivo Karol Wojtyla Sintesi del Piano Dell offerta Formativa A.S. 2014-2015 16 gennaio 2015: presentazione delle scelte educativo-didattiche ai genitori (ore 18.00) 17 gennaio 2015: scuola

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 PROPOSTE FORMATIVE. ATTIVITA di AMPLIAMENTO dell OFFERTA FORMATIVA

ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 PROPOSTE FORMATIVE. ATTIVITA di AMPLIAMENTO dell OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 PROPOSTE FORMATIVE di AMPLIAMENTO dell OFFERTA FORMATIVA I tre ordini di scuola, in accordo fra loro per garantire una continuità dalla scuola dell Infanzia alla scuola Superiore

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso FINALITA Il presente documento contiene criteri, principi e indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche per un ottimale inserimento

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CESALPINO Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 grado Via Porta Buia - Arezzo Tel. 0575/20626 Fax 0575/28056 e mail: media.cesalpino@tin.it sito internet: www.iccesalpino.it

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA PROGETTAZIONE EDUCATIVA ORGANIZZAZIONE DIDATTICA

SCUOLA PRIMARIA PROGETTAZIONE EDUCATIVA ORGANIZZAZIONE DIDATTICA SCUOLA PRIMARIA La scuola Primaria si propone di introdurre i bambini nel mondo della conoscenza, maturando in ciascuno la capacità di esprimere le proprie esperienze attraverso la lettura, la scrittura,

Dettagli

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado Classe: Sezione: Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado PROGETTAZIONE CURRICOLARE Approvazione del Consiglio di Classe in data: Coordinatore:Prof.

Dettagli

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 1 via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA CHE COS E IL

Dettagli

All'albo della scuola e sul sito web

All'albo della scuola e sul sito web Prot. n. 4684 Roma, 28 settembre 2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E p.c. Al Consiglio d istituto Alle famiglie Agli alunni Al personale ATA All'albo della scuola e sul sito web OGGETTO: ATTO DI INDIRIZZO DEL

Dettagli

OBIETTIVI DEL PROTOCOLLO

OBIETTIVI DEL PROTOCOLLO PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PREMESSA Facilitare l'ingresso nel nostro sistema scolastico ai ragazzi provenienti da altre nazionalità e culture, sostenerli nella fase di adattamento al nuovo contesto e favorire

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO Tel. 031. 607321 - E-mail: sms.inverigo@tiscali.it - Sito: www.icsinverigo.gov.it Direzione e Segreteria dell Istituto Comprensivo: Via

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI SCUOLA MEDIA ARMANDO DIAZ OLBIA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI PREMESSA Da alcuni anni la nostra scuola è frequentata da alunni stranieri provenienti da paesi europei ed extraeuropei, da

Dettagli

Istituto Comprensivo Poggiomarino1-Capoluogo. Piano dell offerta formativa

Istituto Comprensivo Poggiomarino1-Capoluogo. Piano dell offerta formativa Istituto Comprensivo Poggiomarino1-Capoluogo Piano dell offerta formativa Istituto Comprensivo Poggiomarino1-Capoluogo I PROGETTI DIDATTICI INDIRIZZI GENERALI DELLA SCUOLA LE STRUTTURE IL CURRICOLO P.O.F

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA BAROLO

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA BAROLO CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA BAROLO L ISTITUZIONE SCOLASTICA E IL NUOVO SISTEMA DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE L Istituzione Scolastica ha proceduto alla definizione del proprio Curricolo operando l essenzializzazione

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PIAZZA S. COLOMBANO, 5 29022 BOBBIO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI Anche un lungo cammino comincia con un piccolo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI OSIO SOTTO (BG) SCUOLA PRIMARIA PIANO OFFERTA FORMATIVA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI OSIO SOTTO (BG) SCUOLA PRIMARIA PIANO OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO DI OSIO SOTTO (BG) SCUOLA PRIMARIA PIANO OFFERTA FORMATIVA 2014/2015 1 PREMESSA Come specificato nelle Nuove Indicazioni la scuola primaria, insieme alla scuola secondaria di I grado

Dettagli

UNA SCUOLA CHE PARLA ALLE INTELLIGENZE DI CIASCUNO

UNA SCUOLA CHE PARLA ALLE INTELLIGENZE DI CIASCUNO Istituto Comprensivo Statale Villasanta Scuola Secondaria di Primo Grado E.Fermi UNA SCUOLA CHE PARLA ALLE INTELLIGENZE DI CIASCUNO A.S. 2015/2016 1 TRADIZIONE Contenuti, abilità, competenze irrinunciabili

Dettagli

Le Scuole Primaria e Secondaria di primo grado di Campione d'italia

Le Scuole Primaria e Secondaria di primo grado di Campione d'italia Le Scuole Primaria e Secondaria di primo grado di Campione d'italia IL CONTESTO Campione d'italia è un'enclave, un'isola di terra italiana in territorio straniero. È sottoposta alla legislazione italiana

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ED INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ED INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ED INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Finalità Questo documento contiene informazioni, principi, criteri ed indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche per l inclusione

Dettagli

4. PROGETTI FORMATIVI IN ATTO NELL ISTITUTO

4. PROGETTI FORMATIVI IN ATTO NELL ISTITUTO 4. PROGETTI FORMATIVI IN ATTO NELL ISTITUTO Il sistema scolastico deve essere efficace ed efficiente affinché l alunno raggiunga il successo formativo e sia in grado di decodificare ed interagire in modo

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA Allegato alla delibera di C.C. n.32 dell 11/05/07 1 ART.1 (Definizione) Il Centro diurno per disabili

Dettagli

Scuola I. I. S P. Artusi FORLIMPOPOLI a.s. 2014/2015. Piano Annuale per l Inclusione

Scuola I. I. S P. Artusi FORLIMPOPOLI a.s. 2014/2015. Piano Annuale per l Inclusione Scuola I. I. S P. Artusi FORLIMPOPOLI a.s. 2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge

Dettagli

CI SONO SCELTE CHE FANNO LA DIFFERENZA

CI SONO SCELTE CHE FANNO LA DIFFERENZA CI SONO SCELTE CHE FANNO LA DIFFERENZA ISTITUTO PARITARIO D.M. 15.02.2014 Liceo Internazionale Quadriennale IL NUOVO MODO DI FARE SCUOLA. WWW.LICEOINTERNAZIONALE.ORG Liceo Internazionale Quadriennale In

Dettagli

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE a. s. 2015-2016 Scuola Primaria e Secondaria di 1 grado

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE a. s. 2015-2016 Scuola Primaria e Secondaria di 1 grado Prot. n 2475/A36 San Costantino Cal. 29.04.2015 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE a. s. 2015-2016 Scuola Primaria e Secondaria di 1 grado Il Coordinatore del G.L.I. 1 PARTE I Obiettivi di miglioramento dell

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA A. MANZONI Via IV novembre

SCUOLA PRIMARIA A. MANZONI Via IV novembre SCUOLA PRIMARIA A. MANZONI Via IV novembre 11 classi 40 ore settimanali INSEGNANTI: n 20 per il tempo pieno n 1 specialista per religione cattolica n 1 specialista di lingua inglese n 2 di sostegno PERSONALE

Dettagli

Istituto Comprensivo di Porto Viro. Scuola Primaria

Istituto Comprensivo di Porto Viro. Scuola Primaria Istituto Comprensivo di Porto Viro Scuola Primaria La nostra MISSION ciò che vogliamo essere MISSION La nostra scuola è un ambiente educativo per l apprendimento: spazio di incontro ed integrazione di

Dettagli

Orientamento come progetto di istituto

Orientamento come progetto di istituto L OFFERTA FORMATIVA PER IL SUCCESSO FORMATIVO DI TUTTI GLI STUDENTI Orientamento come progetto di istituto L orientamento assume un posto di assoluto rilievo nella progettazione educativa dell istituto.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. LEOPARDI DI PESARO

ISTITUTO COMPRENSIVO G. LEOPARDI DI PESARO ISTITUTO COMPRENSIVO G. LEOPARDI DI PESARO Piano Annuale per l Inclusione a.s.2015-2016 Parte I analisi dei punti di forza e di criticità Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge

Dettagli

1.1. DIMENSIONE E COMPLESSITA DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA ORGANICO DI FATTO 2013/2014

1.1. DIMENSIONE E COMPLESSITA DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA ORGANICO DI FATTO 2013/2014 PRESENTAZIONE Il Programma Annuale rappresenta lo strumento esecutivo fondamentale per il passaggio dalla fase programmatica all attuazione del Piano dell Offerta Formativa, attraverso l individuazione

Dettagli

Linee di indirizzo generali per le attività della scuola (delibera n. 109 - Consiglio di Istituto del 9 aprile 2015) Il CONSIGLIO DI ISTITUTO ADOTTA

Linee di indirizzo generali per le attività della scuola (delibera n. 109 - Consiglio di Istituto del 9 aprile 2015) Il CONSIGLIO DI ISTITUTO ADOTTA Linee di indirizzo generali per le attività della scuola (delibera n. 109 - Consiglio di Istituto del 9 aprile 2015) VISTO il DPR 8 marzo 1999, n. 275 art. 3, c.3: Il Piano dell'offerta formativa è elaborato

Dettagli

Istituto Scolastico Comprensivo Statale "R. Fucini"

Istituto Scolastico Comprensivo Statale R. Fucini Istituto Scolastico Comprensivo Statale "R. Fucini" Scuola Infanzia Primaria e Secondaria di I di Monteroni d Arbia e Murlo Viale Rimembranze,127 Tel 0577375118 53014 - MONTERONI D'ARBIA (SI) e. mail siic80800q@istruzione.it

Dettagli

Una buona organizzazione è un indicatore prezioso di un buon curricolo;

Una buona organizzazione è un indicatore prezioso di un buon curricolo; PREMESSA Spazi di autonomia organizzativa Una buona organizzazione è un indicatore prezioso di un buon curricolo; - Il regolamento dell autonomia (Dpr 275/1999) offre spazi normativi e gestionali per sperimentare

Dettagli

A.S. 2015/2016. Piano Annuale per l Inclusione. Parte I analisi dei punti di forza e di criticità a.s. 2014/2015

A.S. 2015/2016. Piano Annuale per l Inclusione. Parte I analisi dei punti di forza e di criticità a.s. 2014/2015 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERTÀ DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Istituto Comprensivo Statale Scuola Infanzia Primaria Secondaria di primo grado Montalto di Castro (VT)

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione

Piano Annuale per l Inclusione Scuola _I.C. NOLE CAN.SE (TO) a.s._2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge 104/92

Dettagli

proporre iniziative comuni per realizzare la continuità attraverso le fasi dell accoglienza e la formazione delle classi iniziali;

proporre iniziative comuni per realizzare la continuità attraverso le fasi dell accoglienza e la formazione delle classi iniziali; CONTINUITA' Il concetto di continuità nella scienza educativa, si riferisce a uno sviluppo e a una crescita dell individuo che si realizza senza macroscopici salti o incidenti. La continuità nasce dall

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado

ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado Piano Annuale per l Inclusività A.S. 2013/14 L I.C. Tivoli 2 A.Baccelli pone particolare attenzione

Dettagli

I Circolo Didattico S. G. Bosco Sestu Via Repubblica, 6 09028 Sestu Tel.070/260146 - Fax. 070/238632 - C.F. 80006380929 - C.M.

I Circolo Didattico S. G. Bosco Sestu Via Repubblica, 6 09028 Sestu Tel.070/260146 - Fax. 070/238632 - C.F. 80006380929 - C.M. I Circolo Didattico S. G. Bosco Sestu Via Repubblica, 6 09028 Sestu Tel.070/260146 - Fax. 070/238632 - C.F. 80006380929 - C.M. CAEE033002 e-mail: caee033002@istruzione.it pec: caee033002@pec.istruzione.it

Dettagli

Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22. Al Collegio dei Docenti. E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA

Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22. Al Collegio dei Docenti. E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22 Al Collegio dei Docenti E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA Oggetto : Pubblicazione Atto di Indirizzo del Dirigente Scolastico per la predisposizione

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo Studente Ufficio VI

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo Studente Ufficio VI EDUCAZIONE alla SICUREZZA STRADALE Il Progetto Nazionale Il Progetto ha la finalità di educare a comportamenti corretti e responsabili e, in particolare i giovani utenti della strada, ad una guida dei

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI REMEDELLO. Sintesi del Piano dell offerta formativa. Scuola Secondaria di Primo Grado

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI REMEDELLO. Sintesi del Piano dell offerta formativa. Scuola Secondaria di Primo Grado ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI REMEDELLO Sintesi del Piano dell offerta formativa Scuola Secondaria di Primo Grado ANNO SCOLASTICO 2014-2015 SEDI ED INDIRIZZI DELL ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE L Istituto

Dettagli

Scuola Secondaria di 1 Grado A. di Cambio Via Volterrana 2-53034 Colle di Val d Elsa (SI)

Scuola Secondaria di 1 Grado A. di Cambio Via Volterrana 2-53034 Colle di Val d Elsa (SI) Prot. 28571 c23a Colle di val d Elsa 18/9/2015 ATTO D INDIRIZZO AL COLLEGIO DEI DOCENTI PER LA PREDISPOSIZIONE DEL POF TRIENNALE il D.lgs. n.297/94 ; il D.P.R. n. 275/99; IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTO

Dettagli

ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA. Progetto integrazione diversamente abili

ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA. Progetto integrazione diversamente abili ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA Progetto integrazione diversamente abili Anno scolastico 2010/2011 Istituto Cesare Arici - Via Trieste, 17-25121 - Brescia tel. 030.42432 fax 030.2400638

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA TEMPO PIENO F. BARACCA DI RONCHI

SCUOLA PRIMARIA TEMPO PIENO F. BARACCA DI RONCHI SCUOLA PRIMARIA TEMPO PIENO F. BARACCA DI RONCHI 1 DISTRIBUZIONE ORARIA DELLA DISCIPLINE Classe I Classe II Classe III Classe IV Classe V ITALIANO 8 8 8 8 8 MATEMATICA 7 6 6 6 6 IMMAGINE 1 1 1 1 1 STORIA

Dettagli

PROTOCOLLO di ACCOGLIENZA ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO di ACCOGLIENZA ALUNNI STRANIERI PROTOCOLLO di ACCOGLIENZA ALUNNI STRANIERI Premessa Questo documento definisce tutte le azioni con cui attuare l inserimento scolastico degli alunni stranieri, sia di quelli che si iscrivono prima dell

Dettagli

SCUOLA DEL PRIMO CICLO Il primo ciclo di istruzione comprende la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado.

SCUOLA DEL PRIMO CICLO Il primo ciclo di istruzione comprende la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado. c) Compilazione del quadro sintetico riassuntivo d) Analisi dei dati a cura dei docenti e Funzione Strumentale e individuazione degli alunni a rischio e) Valutazione approfondita alunni a rischio entro

Dettagli

LA SCUOLA PRIMARIA. Le parole insegnano, gli esempi trascinano solo i fatti danno credibilità alle parole. Sant Agostino

LA SCUOLA PRIMARIA. Le parole insegnano, gli esempi trascinano solo i fatti danno credibilità alle parole. Sant Agostino LA SCUOLA PRIMARIA Le parole insegnano, gli esempi trascinano solo i fatti danno credibilità alle parole. Sant Agostino 1 Istituto Comprensivo Savignano sul Panaro PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 2014-2015

Dettagli

Anni scolastici 2016/2017 2018/2019

Anni scolastici 2016/2017 2018/2019 ISTITUTO COMPRENSIVO N.6 BOLOGNA 40126 Bologna via Finelli, 2 Tel. 051-240188 051-247720 Fax 051-262024 Sito web: www.ic6bologna.com e-mail: boic817004@istruzione.it Anni scolastici 2016/2017 2018/2019

Dettagli

Scuola dell infanzia di Ponte Ronca via Risorgimento 217

Scuola dell infanzia di Ponte Ronca via Risorgimento 217 ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA segreteria: Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it Pec : boic86400n@pec.istruzione.it sito

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI POGGIO RUSCO MN. Scuola dell infanzia, Scuola primaria, Scuola secondaria di primo grado

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI POGGIO RUSCO MN. Scuola dell infanzia, Scuola primaria, Scuola secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI POGGIO RUSCO MN Scuola dell infanzia, Scuola primaria, Scuola secondaria di primo grado PREMESSA La scuola oggi deve affrontare il tema delle relazioni, dell incontro con

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO E. FERMI DI CARVICO POF 2012-2013 LA SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO E. FERMI DI CARVICO POF 2012-2013 LA SCUOLA PRIMARIA LA SCUOLA PRIMARIA La Scuola Primaria, in continuità con il percorso formativo iniziato dalla Famiglia e dalla Scuola dell Infanzia: promuove, nel rispetto delle diversità individuali, lo sviluppo della

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L importanza di un protocollo di accoglienza L adozione di un Protocollo di Accoglienza consente di attuare in modo operativo le indicazioni stabilite

Dettagli

P i a n A n n u a l e

P i a n A n n u a l e ISTITUTO COMPRENSIVO VADO - MONZUNO P i a n o A n n u a l e dell Inclusività ANNO SCOLASTICO 2015-2016 Quadro di sintesi delle risorse a disposizione della scuola : Risorse di personale : Dirigente Scolastico,

Dettagli

Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro

Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro RAV Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro fotografia); individuazione dei punti di forza e di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VERDELLO

ISTITUTO COMPRENSIVO VERDELLO ISTITUTO COMPRENSIVO VERDELLO PROGETTO SULLA CONTINUITA' EDUCATIVA SCUOLA DELL INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA DI 1 GRADO PREMESSA a. s. 2007/2008 Il problema della continuità, come è noto, nasce sostanzialmente

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 5 BOLOGNA a.s. 2015/2016. Piano Annuale per l Inclusione

ISTITUTO COMPRENSIVO N 5 BOLOGNA a.s. 2015/2016. Piano Annuale per l Inclusione ISTITUTO COMPRENVO N 5 BOLOGNA a.s. 2015/2016 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità Rilevazione dei BES presenti 1. disabilità certificate (Legge 104/92 art.

Dettagli

INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE

INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE 1. CONTESTO 1.1 Popolazione scolastica Status socio economico e culturale delle famiglie Livello medio dell'indice ESCS 1.1.a degli studenti Prove

Dettagli

I.C. FUTURA SCUOLA PRIMARIA

I.C. FUTURA SCUOLA PRIMARIA I.C. FUTURA SCUOLA PRIMARIA FINALITÀ TRASVERSALI Sviluppa autostima Sviluppa competenze disciplinari e trasversali Impara a cooperare e vivere in gruppo Impara a superare ansie e difficoltà Impara a conoscere

Dettagli

Scuola dell Infanzia PAOLA DI ROSA Scuola Primaria SAN GIUSEPPE

Scuola dell Infanzia PAOLA DI ROSA Scuola Primaria SAN GIUSEPPE Scuola dell Infanzia PAOLA DI ROSA Scuola Primaria SAN GIUSEPPE Scuola dell Infanzia Paola di Rosa Scuola Primaria San Giuseppe La vera educazione è apertura alla realtà nella sua ricchezza la scuola è

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO CUNEO a.s. 2015-16. Piano Annuale per l Inclusione

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO CUNEO a.s. 2015-16. Piano Annuale per l Inclusione DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO CUNEO a.s. 2015-16 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge 104/92

Dettagli

Mini P.O.F. scuole dell infanzia 2012-2013

Mini P.O.F. scuole dell infanzia 2012-2013 Mini P.O.F. scuole dell infanzia 2012-2013 Il Piano dell Offerta Formativa Esplicita la progettazione curricolare, extracurricolare, educativa ed organizzativa che una scuola adotta nell ambito della sua

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

Infanzia. Girasoli. Primaria. A. da Rosciate. Infanzia. Arcobaleno. Secondaria. Galgario. Primaria. Secondaria. Codussi. Ghisleri

Infanzia. Girasoli. Primaria. A. da Rosciate. Infanzia. Arcobaleno. Secondaria. Galgario. Primaria. Secondaria. Codussi. Ghisleri ISTITUTO COMPRENSIVO A. DA ROSCIATE - BERGAMO VIA CODUSSI, 7 TEL 035243373 FAX 035270323 e-mail: segreteria@darosciate.it bgic81400p@pec.istruzione.it Sito web: www.darosciate.it Infanzia Girasoli (Via

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione

Piano Annuale per l Inclusione Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: Infa Prim Med 1. disabilità certificate (Legge 104/92 art. 3, commi 1 e 3) N.n. 7 14. Ø

Dettagli

Piano Offerta Formativa I.C. G.Montezemolo Via A. di Bonaiuto, 16 - Roma

Piano Offerta Formativa I.C. G.Montezemolo Via A. di Bonaiuto, 16 - Roma Linee programmatiche Pof 2013/2014 Scuola Primaria e Secondaria di Primo grado Nella consapevolezza della relazione che unisce cultura, scuola e persona, la finalità della scuola è lo sviluppo armonico

Dettagli

Breve excursus sulle leggi relative all integrazione scolastica degli alunni disabili

Breve excursus sulle leggi relative all integrazione scolastica degli alunni disabili INCLUSIVITÀ a Integrazione del disagio Breve excursus sulle leggi relative all integrazione scolastica degli alunni disabili Il POF d istituto riconosce pienamente il modello d istruzione italiano in termini

Dettagli

DPR275/1999 L107/2015. Durata Annuale Triennale-revisione annuale. Indirizzi Consiglio d Istituto Dirigente Scolastico

DPR275/1999 L107/2015. Durata Annuale Triennale-revisione annuale. Indirizzi Consiglio d Istituto Dirigente Scolastico Prot. 4828/A22 Surbo, 25/09/2015 LINEE DI INDIRIZZO PER LA STESURA DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PER IL TRIENNIO 2015/2018 PREMESSA La Legge 107/2015 di Riforma del sistema nazionale di istruzione e

Dettagli

PROPOSTE E PARERI FORMULATI DAGLI STAKEHOLDERS

PROPOSTE E PARERI FORMULATI DAGLI STAKEHOLDERS PROPOSTE E PARERI FORMULATI DAGLI STAKEHOLDERS Avvicinare i bambini alla figura del soccorritore e alle manovre di primo intervento. Ampliare la conoscenza sui Magistri Intelvesi attraverso lo studio delle

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione Anno scolastico 2015-2016

Piano Annuale per l Inclusione Anno scolastico 2015-2016 Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Statale Tarra Via Correggio, 80-20020 Busto Garolfo (MI) Tel. 0331 569087 - Fax 0331 564462 Cod. Mec.: MIIC8DL00N - Cod.

Dettagli

Convitto Nazionale Amedeo di Savoia Duca d Aosta. Piano di Integrazione di Istituto

Convitto Nazionale Amedeo di Savoia Duca d Aosta. Piano di Integrazione di Istituto Convitto Nazionale Amedeo di Savoia Duca d Aosta Piano di Integrazione di Istituto Valido per il triennio scolastico 2015 / 2018 PREMESSA Con il Progetto d Istituto per l Integrazione Scolastica degli

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Schema di regolamento recante Revisione dell assetto ordinamentale, organizzativo e didattico della scuola dell infanzia e del primo ciclo di istruzione ai sensi dell'articolo 64 del decreto legge 25 giugno

Dettagli