Una scuola senza frontiere

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Una scuola senza frontiere"

Transcript

1 Scuola Media Statale Curiel - Muratori Cornaredo (Mi) Anno Scolastico Una scuola senza frontiere Il progetto è rivolto agli alunni stranieri neo arrivati e a quelli già presenti nella scuola (all 1/9/2010 iscritti N. 50 alunni, su un totale di 550). 1

2 Percezione della problematica - Alunni stranieri neo arrivati problema didattico (linguistico) che richiede interventi mirati e efficaci le differenze (culturali linguistiche religiose) - Alunni già presenti nella scuola e in Italia da diversi anni : difficoltà nel raggiungere gli obiettivi di apprendimento nelle diverse discipline Risultati attesi - Apprendimento dell italiano come L2 funzionale sia alla comunicazione di base sia allo studio. - Integrazione ed inserimento nella nuova realtà scolastica e socio culturale - Successo formativo Risorse interne - Docenti di entrambi i plessi - Funzione strumentale per i rapporti con il territorio - Commissione Intercultura - Amministrazione Risorse esterne - Progetto in rete con le altre scuole del territorio: Referente comunale (progetto legge 40) possibilità di richiesta del Mediatore culturale e/o mediatore linguistico - Associazione Intrecci. Consulenza e possibilità di intervento ( prima alfabetizzazione e sostegno allo studio) (progetto Legge 40) PARTECIPAZIONE AL PROGETTO IN RETE CON LE ALTRE SCUOLE DEL TERRITORIO - Protocollo di accoglienza degli alunni stranieri ( vedi allegato) - Spazi all interno della scuola per l accoglienza, il laboratorio, la consultazione dei testi - Scheda di presentazione dell alunno con informazioni sulla data e la modalità di arrivo, le scuole e i laboratori di Italiano frequentati, le competenze raggiunte in Italiano L2. - un computer per la consultazione e la ricerca del materiale, la possibilità di stampare e fotocopiare tutto il materiale necessario - formazione periodica dei docenti coinvolti nel progetto 2

3 LABORATORIO DI ITALIANO L2 E SOSTEGNO ALLO STUDIO (Intervento diversificato in base al livello di competenza) - Coordinamento dei docenti dei laboratori, esperti (progetto legge 40), ed eventualmente volontari delle associazioni che operano sul territorio : programmazione obiettivi, contenuti e attività svolte, griglie di valutazione, strategie comuni, verifica periodica e finale in collaborazione con i docenti dei Consigli di Classe AMPLIAMENTO DELLA BIBLIOTECA MULTICULTURALE (Libri di testo, materiale didattico) - testi sui paesi di origine dei gruppi immigrati presenti nel territorio - fiabe e libri di questi paesi (anche bilingui) - vocabolari - testi e materiali didattici per l insegnamento dell Italiano come 2 lingua - testi e materiali didattici di educazione interculturale - video e cd rom multimediali sulle diverse lingue e culture prodotti dall editoria e dalle associazioni degli immigrati - autobiografie degli immigrati e degli emigrati italiani - testi semplificati per il sostegno allo studio - normativa RACCORDO CON LA SCUOLA ELEMENTARE Al fine di rilevare il numero e la provenienza degli alunni stranieri presenti nelle scuole primarie di Cornaredo e S. Pietro all Olmo, e promuovere la circolazione delle informazioni e delle comunicazioni tra le singole sedi per garantire la continuità didattica -formativa dalla scuola primaria alla scuola media. Uso della scheda di presentazione dell alunno. ORIENTAMENTO PER GLI ALUNNI STRANIERI DELLE CLASSI TERZE: - coinvolgimento delle famiglie e produzione di materiale informativo in una pluralità di lingue. - attività di raccordo con i referenti dell orientamento, facilitatori e mediatori culturali delle scuole secondarie superiori - scheda di presentazione dell alunno - organizzazione di attività didattiche rivolte al confronto del sistema scolastico del paese di origine e quello della scuola italiana in classe e con le famiglie 3

4 EDUCAZIONE INTERCULTURALE Fondamentale il coinvolgimento degli alunni italiani in un rapporto interattivo con gli alunni stranieri immigrati. Nella programmazione dei Consigli di classe coinvolti in accordo con i docenti e gli esperti dei Laboratori Italiano L2 si prevede l inserimento di attività di educazione interculturale finalizzati alla valorizzazione delle differenze linguistico culturali FORMAZIONE Formazione periodica dei docenti dei laboratori di Italiano L2 e possibilmente dei docenti dei Consigli di Classe coinvolti Allegato : protocollo di accoglienza 4

5 Protocollo di accoglienza 5

6 CHE COSA SI PROPONE IL PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA Il protocollo d accoglienza è un documento che viene deliberato dal Collegio Docenti. Dovrebbe contenere criteri, principi, indicazioni riguardanti l iscrizione e l inserimento degli alunni immigrati, definire compiti e ruoli degli operatori scolastici, tracciare le diverse possibili fasi dell accoglienza e delle attività di facilitazione per l apprendimento della lingua italiana. Il protocollo costituisce uno strumento di lavoro che pertanto viene integrato e rivisto sulla base delle esperienze realizzate. La sua adozione consente di attuare in modo operativo le indicazioni normative contenute nell art. 45 del DPR 31/8/99 n 394 intitolato iscrizione scolastica che attribuisce al collegio docenti numerosi compiti deliberativi e di proposta. Il protocollo di accoglienza si propone di: Definire pratiche condivise all interno delle scuole in tema d accoglienza di alunni stranieri Facilitare l ingresso di bambini e ragazzi di altra nazionalità nel sistema scolastico e sociale Sostenere gli alunni neo arrivati nella fase di adattamento al nuovo contesto Favorire un clima d accoglienza e di attenzione alle relazioni che prevenga e rimuova eventuali ostacoli alla piena integrazione Costruire un contesto favorevole all incontro con le altre culture e con le storie di ogni bambino Promuovere la comunicazione e la collaborazione fra scuola e territorio sui temi dell accoglienza e dell educazione inter culturale nell ottica di un sistema formativo integrato. Il protocolla delinea prassi condivise di carattere: Amministrativo e burocratico ( l iscrizione), Comunicativo e relazionale (prima conoscenza), Educativo didattico (proposta di assegnazione alla classe, accoglienza, educazione inter culturale, insegnamento dell italiano seconda lingua), Sociale ( rapporti e collaborazioni con il territorio). NORMATIVA DI RIFERIMENTO: D.P.:R. n. 394 del art. 45 6

7 a)la COMMISSIONE D ACCOGLIENZA Il DPR 31/8/99 all art. 45 Iscrizione scolastica attribuisce al Collegi dei Docenti numerosi compiti deliberativi e di proposta in merito all inserimento nelle classi degli alunni stranieri. Per sostenere questi compiti è utile che in ogni scuola si istituisca la Commissione Accoglienza alunni stranieri, come gruppo di lavoro e articolazione del Collegio. La gestione dell accoglienza implica all interno dell Istituto un lavoro costante di formazione del personale, attraverso gli strumenti che la scuola nella sua autonomia riterrà di adottare. La commissione rappresenta l istituto e sarà composta dal Dirigente scolastico e da alcuni docenti. Le competenze del gruppo di lavoro hanno carattere consultivo, gestionale e progettuale. La commissione si riunisce nei casi di inserimento di alunni neo arrivati, per progettare azioni comuni, per monitorare i progetti esistenti, per operare un raccordo tra le diverse realtà. L istituzione formale di un gruppo di lavoro come articolazione del Collegio Docenti segnala l impegno dell istituto in questo campo ed evidenzia l assunzione collegiale di responsabilità. COMPOSIZIONE COMPITI INCONTRI - Consultivi e progettuali - Accoglienza degli alunni neo arrivati ( relazione scuola /famiglia; accoglienza-osservazione; proposte di inserimento e di assegnazione alla classe) - Raccordo tra le diverse realtà (di territorio, distrettuale) - Monitoraggio dell esistente - Rapporti con le amministrazioni - Dirigente Scolastico - Insegnanti Riferimento legislativo: C.M. n. 24 del 1 marzo Linee Guida -Variano in base alla realtà del singolo istituto ed in base alle esigenze della commissione costituita. -Incontri da prevedere nel caso di inserimento di alunni stranieri 7

8 b)l ISCRIZIONE L iscrizione rappresenta il primo passo di un percorso d accoglienza dell alunno straniero e della sua famiglia. E utile indicare, tra il personale di segreteria, chi è incaricato del ricevimento delle iscrizioni degli alunni stranieri anche al fine di affinare progressivamente abilità comunicative e relazionali che aiutano senz altro l interazione con i nuovi utenti. Si specificano i documenti e le informazioni da richiedere, oltre che gli avvisi, i moduli, le note informative sulla scuola scritte nelle lingue d origine da consegnare ai genitori per facilitare la loro comprensione della nuova realtà scolastica. La documentazione dovrebbe essere bilingue o in lingua d origine. Il primo incontro dei genitori stranieri, di carattere inevitabilmente amministrativo, si conclude con la definizione di una data per l incontro successivo fra i genitori e il nuovo alunno con uno dei docenti del gruppo accoglienza, in un orario da concordare con il referente della Commissione Accoglienza ( i primi giorni di settembre o in corso d anno per gli inserimenti tardivi). Schema di sintesi GLI UFFICI DI SEGRETERIA: Iscrivono i minori, Raccolgono la documentazione relativa alla precedente scolarità (se esistente), Acquisiscono l opzione di avvalersi o non avvalersi della religione cattolica, Avvisano tempestivamente il referente della commissione al fine di favorire le successive fasi dell accoglienza, Individuano tra gli ATA un incaricato del ricevimento delle iscrizioni, Forniscono ai genitori materiale in più lingue per una prima informazione sul sistema scolastico italiano. MATERIALI: Moduli di iscrizione ( in più lingue) Scheda di presentazione sul sistema della scuola italiana ( in più lingue) Riferimenti legislativi: C.M. n 24 del 1/03/06- linee guida- C.M. n 74/06 8

9 c)la PRIMA CONOSCENZA La segreteria trasmette al referente di commissione una copia della scheda dati (alleg. 1: dati anagrafici e scolarità) che è differente a seconda dell ordine di scuola, ciò poiché oltre agli aspetti amministrativi, occorre raccogliere una serie di informazioni di merito sull alunno che consentano di adottare decisioni adeguate, sia sulla classe in cui deve essere inserito, sia sui percorsi di facilitazione che dovrebbero essere attivati. E opportuno che la commissione sia preventivamente a conoscenza del modello di scuola nel paese d origine dei bambini immigrati: schede informative La prima conoscenza può articolarsi in un incontro con i genitori e un colloquio con l alunno, eventualmente alla presenza di un mediatore linguistico, laddove il referente ne valuti l opportunità. La presenza del mediatore culturale potrà contribuire a creare un clima sereno di comunicazione reale. In questa fase si raccolgono informazioni sulla storia personale e scolastica dell alunno e sulla situazione familiare. Dall incontro previsto in questa fase potrà emergere una significativa, per quanto iniziale, biografia scolastica dell alunno (alleg. 2). Schema di sintesi LA COMMISSIONE ACCOGLIENZA ALUNNI STRANIERI DELLA SCUOLA: Effettua al più presto un colloquio con la famiglia del nuovo iscritto Raccoglie una serie di informazioni sul bambino, sul suo percorso Sarebbe auspicabile, se necessario, avvalersi di un mediatore linguistico MATERIALI traccia di primo colloquio con la famiglia questionario in più lingue rivolto agli alunni neo arrivati la scuola nei paesi d origine dei bambini immigrati: schede informative Durante i primi giorni di frequenza è auspicabile un inserimento graduale dell alunno (ved. Indicazioni Metodologiche di Inserimento Graduale) e la contemporanea somministrazione di test (ogni scuola si organizza in modo autonomo in relazione ai tipi di test, per l orario e l ordine di scuola) 9

10 LINEE GUIDA d) INDICAZIONI METODOLOGICHE DI INSERIMENTO GRADUALE DI ALUNNI STRANIERI NEOARRIVATI L inserimento graduale, cioè con frequenza parziale della giornata scolastica, potrebbe avvenire con le seguenti caratteristiche: L inserimento avviene per max 3 giorni consecutivi (salvo diverse necessità) ed in concomitanza alla somministrazione dei tests d ingresso ed alla conseguente valutazione iniziale di livello. Segue l assegnazione alla classe da parte del Dirigente Scolastico così come previsto dal Protocollo d Accoglienza di Istituto e dalla normativa. Nel suddetto periodo di tre giorni circa si seguiranno le seguenti indicazioni : I docenti ( intersezione,team, interclasse, consiglio di classe, commissione di accoglienza), si fa carico dell alunno in ingresso effettuando eventuali adeguamenti e semplificazioni di attività. La sezione nella quale è inserito l alunno l ultima ora di lezione antimeridiana, si fa carico dello stesso per la sorveglianza in mensa e nel periodo antecedente la ripresa delle attività didattiche. Si affida il minore al collaboratore scolastico in servizio di sorveglianza al piano per i dovuti spostamenti all interno della struttura scolastica. La frequenza all attività di lingua italiana è svolta all interno della classe di grado inferiore per permettere una più facile fruizione del messaggio orale e/o scritto. L alunno entra a far parte di fatto all interno del piccolo gruppo degli alunni che usufruiscono dell attività alternativa alla religione cattolica per facilitare l esecuzione di iniziali 10

11 e) VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI COMPETENZA Durante i primi giorni di frequenza ( max 3 ) si procederà all inserimento graduale dell alunno secondo le modalità esposte e concordate e alla contemporanea somministrazione di tests (ogni scuola si organizza in modo autonomo in relazione ai tipi di tests, per l orario e l ordine di scuola). ( allegati i livelli di competenza). Schema di sintesi LA COMMISSIONE ACCOGLIENZA ALUNNI STRANIERI DELLA SCUOLA: Facilita la conoscenza della nuova scuola Osserva l alunno in situazione Sarebbe auspicabile, se necessario, avvalersi di un mediatore linguistico MATERIALI questionario in più lingue rivolto agli alunni neo arrivati schede per la rivelazione di abilità e competenze non verbali 11

12 f) ASSEGNAZIONE ALLA CLASSE Gli elementi raccolti durante le due precedenti fasi permettono di assumere decisioni in merito alla classe d inserimento. I criteri di riferimento per l assegnazione alla classe sono chiaramente indicati nel presente protocollo di accoglienza e deliberati dal collegio docenti sulla base di quanto previsto dall art. 45 del DPR 31/8/99 n 394: I minori stranieri soggetti all obbligo scolastico vengono iscritti alla classe corrispondente all età anagrafica, salvo che la commissione inter cultura attui l iscrizione ad una classe diversa, tenendo conto: a) dell ordinamento degli studi del Paese di provenienza dell alunno, che può determinare l iscrizione ad una classe immediatamente inferiore o superiore rispetto a quella corrispondente all età anagrafica: b) dell accertamento di competenze, abilità e livelli di preparazione dell alunno: c) del corso di studi eventualmente seguito dall alunno nel paese di provenienza: d) del titolo di studio eventualmente posseduto dall alunno. Sono evidenti i margini di flessibilità attribuiti alla scuola e la delicatezza del compito che il collegio docenti assegna al gruppo che si occupa dell accoglienza alunni stranieri. 12

13 Schema di sintesi LA COMMISSIONE ACCOGLIENZA, quale articolazione del collegio propone la classe e la sezione tenendo conto dell età anagrafica, dell ordinamento degli studi del paese di provenienza, dell accertamento di competenze e abilità, del titolo di studio eventualmente già posseduto dall alunno, delle aspettative familiari emerse nel colloquio ripartisce gli alunni nelle classi evitando la costituzione di sezioni con predominanza di alunni stranieri fornisce i primi dati raccolti al team docenti o al consiglio di classe che accoglierà l alunno neo arrivato 13

14 g) TRASMISSIONE DATI Il docente responsabile della Commissione si incontrerà con gli insegnanti della classe designata per presentare la situazione emersa: dal colloquio con la famiglia dalla prima conoscenza del bambino dalle prove di accertamento linguistico- culturale. Inserendo l alunno immigrato nella classe si avrà cura di fornire ai docenti della medesima una raccolta di materiali di routine bilingui, o nella sola lingua di origine a disposizione del circolo. h) L INSERIMENTO NELLA CLASSE La decisione sull assegnazione a una classe viene accompagnata dall individuazione dei percorsi di facilitazione che potranno essere attuati sulla base delle risorse disponibili. Negli allegati del protocollo vengono indicate le tipologie d intervento che la scuola annualmente è in grado di attivare sia attingendo a risorse professionali ed economiche interne sia mediante accordi e convenzioni con enti locali, associazioni, altre scuole del territorio. Un accoglienza amichevole potrebbe anche concretizzarsi, in particolare nelle classi di scuola media, nell individuazione per ogni nuovo alunno straniero di un ragazzo italiano - o immigrato di vecchia data o nato in Italia da genitori stranieri che svolga la funzione di Tutor, di compagno di viaggio specialmente nei primi tempi. IL TEAM DOCENTI favorisce l integrazione promovendo attività di contesto variato individua modalità di semplificazione o facilitazione linguistica per ogni disciplina rileva i bisogni specifici d apprendimento elabora, eventualmente, percorsi didattici di L2 14

15 COME DISTINGUERE I LIVELLI DI COMPETENZA LINGUISTICA IN ITALIANO L2 definizione di obiettivi di apprendimento in termini di prestazioni attese livello 0 neo arrivati ASCOLTARE Comprende e risponde ai saluti Comprende ed esegue comandi che richiedono una risposta fisica : Vieni qui! Alzati! Siediti! Comprende ed esegue consegne relative ad attività di manipolazione: Taglia! Incolla! Cobra! Comprende ed esegue indicazioni di lavoro scolastico: Leggi! Copia! Scrivi! Comprende semplici osservazioni di valutazione sul lavoro svolto: Bravo! Bene! Comprende frasi interrogative e/o affermative Durante un ascolto individua informazioni e risponde a domande relative a: persone (chi è lei? E la mamma di Karim?...) luoghi (dove è Karim? E a scuola.) azioni (cosa fa Karim? Mangia? Va a casa? ) Riconosce il lessico noto (parole già apprese...) Comprende le regole comuni di un gioco (Pronti? Via! Tocca a me! Tocca a te! Tira!...) PARLARE Si esprime solo in L1 Riproduce alcuni suoni Sperimenta la propria pronuncia con intonazioni (?! ) e pause (. /) Usa espressioni di una sola parola (Bagno! Gomma! Finito!) Richiama l attenzione (Prof! Ripeti per favore!) Risponde ai saluti con formale (Buongiorno!) e informale (ciao!) Usa formule per presentarsi (mi chiamo... vengo da... ho 11 anni... sono cinese) Identifica una persona (lui è Zheng..) Indica un oggetto (questa è la penna) Esprime possesso (è mia!) LEGGERE Decodifica l alfabeto Decodifica parole anche senza conoscerne il significato Possiede la corrispondenza grafema / fonema Identifica globalmente le parole conosciute Riconosce indici e segnali (maiuscolo, minuscolo, titolo, accenti, ecc.) Nella lettura usa i toni adatti alla punteggiatura (?!./) 15

16 Legge e comprende testi dove associa parole/brevi frasi a immagini Supportato da attività di comprensione, è in grado di ricavare informazioni da un semplice testo Sa consultare il dizionario SCRIVERE come? Riconosce e copia parole date Scrive in stampatello Scrive in corsivo Usa il maiuscolo quando necessario Sotto dettatura: riproduce suoni semplici e complessi (gl, gn, sc, str....) scrive parole sconosciute scrive brevi frasi usa la punteggiatura SCRIVERE cosa? Scrive parole e/o brevi didascalie relative a immagini conosciute Scrive un elenco Scrive un dialogo semplice relativo a situazioni conosciute Sostituisce la parola all immagine Trova la parola e/o frase mancante Riordina la frase Introduce la negazione Scrive un testo semplice riferito a situazione nota (descrizione di un compagno, di oggetti, della scuola, ecc.) 16

17 ASCOLTARE COME DISTINGUERE I LIVELLI DI COMPETENZA LINGUISTICA IN ITALIANO L2 definizione di obiettivi di apprendimento in termini di prestazioni attese livello 1 principianti (A1/A2 quadro europeo delle lingue ) 1. è in grado di ascoltare ed eseguire comandi e istruzioni più complesse riferite alla vita scolastica: es. porta il gesso al commesso 2. sa rispondere a domande aperte su temi conosciuti e ricorrenti come la famiglia, esperienze personali, ecc..(es. cosa hai fatto ieri?) con risposte articolate in soggetto+verbo+oggetto 3. sa comprendere alcune semplici informazioni nei messaggi dei pari (es. vieni alla festa di compleanno?) e nelle comunicazioni dirette dell insegnante (apri il libro e leggi il testo a pag.) 4. è in grado di individuare singole informazioni durante l ascolto registrato, da un video, su traccia data dall insegnante PARLARE 1. sa indicare e denominare oggetti, persone e luoghi (questo/a è. ).. 2. inizia a produrre semplici frasi anche se scorrette nella forma (es. gioco con il Barbie) (= non utilizza ancora correttamente genere e numero, non utilizza soggetto) e a rispondere a domande con pronomi interrogativi chi, che cosa, dove, quando, di chi è ma non come ) 3. prende la parola nelle interazioni informali con i pari e partecipa a semplici conversazioni di gruppo solo se si sente sicuro e libero di parlare LEGGERE 1. sa leggere facendo attenzione alla pronuncia (accenti, pause,..) e comprende un testo semplificato (es. già diviso in paragrafi) 2. si interroga sul significato di parole sconosciute solo se ben contestualizzate 3. è in grado di ricavare in formazioni significative da un testo complesso contenente lessico noto o di alta frequenza SCRIVERE 1. sa scrivere spontaneamente parole e semplici frasi relative a situazioni conosciute (es. la gita scolastica, la sua classe, ) rispettando la costruzione della frase semplice (S+V+O) anche se con errori ortografici 2. sa scrivere didascalie (supportate da immagini!), elenchi di parole nuove da dato esperienziale (es. erbario. animali, ecc..), dati personali esplicitati su scheda-supporto, eventualmente disegna e descrive. 3. risponde per iscritto a domande aperte che gli consentano di dare cenni riassuntivi di un esperienza vissuta (es. la gita) 17

18 COME DISTINGUERE I LIVELLI DI COMPETENZA LINGUISTICA IN ITALIANO L2 definizione di obiettivi di apprendimento in termini di prestazioni attese livello 2 intermedio (B1/B2 Quadro europeo delle lingue) ASCOLTARE 1. comprende con facilità messaggi, consegne, consigli 2. segue spiegazioni e lezioni frontali (nelle singole discipline) purché supportate da materiale iconografico, esemplificazioni alla lavagna e/o pratiche 3. ascolta e distingue diversi registri linguistici (linguaggio informale da linguaggio formale e/o delle discipline, da linguaggio extrascolastico, ecc.) PARLARE 1. si presenta e introduce altre persone, situazioni e argomenti 2. esprime, se pur semplicemente, opinioni personali, sensazioni, emozioni, giudizi 3. è in grado di fare proposte 4. è in grado di formulare ipotesi 5. è in grado di narrare esperienze vissute 6. espone oralmente con linguaggio semplice ma corretto, contenuti e informazioni relativi alle diverse discipline LEGGERE 1. legge e comprende il significato globale di un testo 2. si interroga sul significato di parole sconosciute e sperimenta interpretazioni personali, anche se non sempre corrette 3. legge e comprende il significato analitico di un testo: coglie le informazioni principali ordina in sequenze esegue una serie di istruzioni scritte risponde a domande strutturate sul testo 4. approccia diverse tipologie testuali (descrittivo, regolativo, narrativo, argomentativo) e ne comprende il significato SE supportato da facilitazioni con immagini, da esemplificazioni pratiche, ecc. SCRIVERE I. utilizza la lingua in semplici produzioni scritte (descrizione di oggetti, persone, ambienti, un diario quotidiano, ecc.) 2. completa testi scritti con parole o frasi mancanti 3. riordina le parti di un testo (due o più frasi, paragrafi, sequenze temporali, nessi causa/effetto, ecc.) 4. rielabora testi scritti: (in testi descrittivi) cambia la scena, un personaggio, il protagonista (intesti narrativi) cambia i tempi del racconto propone semplici espansioni, il finale, ecc. trasforma i dialoghi in fumetti 5. individua frasi chiave e riassume il testo 6. prende semplici appunti (da fonte orale / scritta) e sperimenta schemi e sintesi in modo personale 18

19 RILEVAZIONE DEI DATI RELATIVI AL BAMBINO STRANIERO E ALLA SUA FAMIGLIA DATI ANAGRAFICI Paese di provenienza Città, paese, regione di provenienza; contesto (cittadino; paese; rurale; ecc.) Composizione della famiglia nucleare Distribuzione della famiglia: - chi in Italia e da quanto. - chi al paese di origine.. - chi altrove Composizione della famiglia allargata (figure significative per il bambino e i genitori) e loro distribuzione con eventuale possibilità di contatto anche telefonico Percorso migratorio del bambino; Figure educative di riferimento nel percorso e contesti educativi e scolastici incontrati Percorso migratorio della famiglia Progetto migratorio della famiglia e dei suoi Componenti. Percorso scolastico dell alunno: Classe frequentata all estero. Classe frequentata in Italia Numero di anni di inserimento in scuola non italiana Numero di anni di inserimento in scuola italiana Eventuali sospensioni. interruzioni, bocciature... Eventuali contatti all interno della scuola 19

20 Relazioni della famiglia con connazionali con italiani con immigrati di altri paesi... Relazione scuola - famiglia: comprensione, reciproche aspettative, ecc. Fede religiosa professata Eventuali esigenze ( alternativa all IRC, diete..) Caratteristiche culturali che la famiglia mette in evidenza come importanti in maniera esplicita Competenza linguistica dei genitori in italiano Eventuale compresenza dell uso di lingue terze (inglese, francese, spagnolo, ecc.) e loro qualità Scelte sull insegnamento della lingua madre e eventuali azioni intraprese in tal senso Altro (situazione abitativa, lavorativa ): : 20

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Prot. N. 3156/B33 Crema, 24 Novembre 2014

Prot. N. 3156/B33 Crema, 24 Novembre 2014 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto Comprensivo Crema Uno Via Borgo S.Pietro 8-26013 Crema (CR) Tel. 0373-256238 Fax 0373-250556 E-mail ufficio: segreteriacircolo1@libero.it

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 DOMANDA DI ISCRIZIONE Al Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 _l_ sottoscritt in qualità di padre

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI. inseriti nel PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA TITOLO

MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI. inseriti nel PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA TITOLO Liceo Ginnasio D. A. Azuni Via Rolando, 4 - Sassari Tel 079 235265 Fax 079 2012672 Mail: lcazuni@tin.it Web: http://www.liceoazuni.it MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI inseriti nel PIANO DELL OFFERTA

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

Senato della Repubblica. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Senato della Repubblica. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Vorrei una legge che... Anno scolastico 2014-2015 1. Oggetto e finalità Il Senato della Repubblica,

Dettagli

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo.

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo. Regolamento G.L.I. Art. 1 Costituzione del G.L.I. (Gruppo di Lavoro per l Inclusione) Ai sensi della Direttiva Ministeriale del 27 dicembre 2012 (Strumenti d intervento per alunni con bisogni educativi

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA RISULTANZE MONITORAGGIO GENITORI A.S. 2012-13

SCUOLA DELL INFANZIA RISULTANZE MONITORAGGIO GENITORI A.S. 2012-13 SCUOLA DELL INFANZIA RISULTANZE MONITORAGGIO GENITORI A.S. 2012-13 STRUTTURE PULIZIA AMBIENTI 12 10 8 6 4 2 servizio di pulizia efficiente 10 0,0 AMBIENTI ADEGUATI ALLA FUNZIONE 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1 AMBIENTI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Prove di valutazione delle competenze linguistiche in italiano

Prove di valutazione delle competenze linguistiche in italiano Comune di Modena Settore Istruzione Il volume presenta i materiali che documentano tre diverse esperienze, realizzate nelle scuole se- condarie di I grado di Modena nell ambito di azioni e progetti per

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Oggetto: Disturbo di deficit di attenzione ed iperattività Premessa In considerazione della sempre maggiore e segnalata

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14 STTUTO COMPRENSVO UGO FOSCOLO SCUOLA SECONDARA D 1 GRADO PANO ANNUALE DELLE ATTVTA' A.S. 2013/14 PROT. N. 5991 /A-19 Vescovato, 19/09/2013 Data Giorno Sedi scolastiche Classi Orario Durata ATTVTA' COLLEGO

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

La privacy a scuola DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE

La privacy a scuola DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE La privacy DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE Temi in classe Non lede la privacy l insegnante che assegna ai propri alunni lo svolgimento di temi in classe riguardanti il loro

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE-

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE- 13 ISTITUTO COMPRENSIVO "Albino LUCIANI" RIONE GAZZI FUCILE - 98147 MESSINA (ME) Codice Fiscale 80007440839 - Codice Meccanografico MEIC86100G Telefono 090687511 - Fax 090680598 - E-Mail: meic86100g@istruzione.it

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA

DOMANDA DI ISCRIZIONE A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO CRESPELLANO Via IV Novembre, 23 Valsamoggia (BO) 40056 Località - Crespellano Tel. 051/6722325 051/960592 Fax. 051/964154 - C.F. 91235100376 E-mail: boic862002@istruzione.it - iccrespellano@virgilio.it

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO DI PASIAN DI PRATO Pasian di Prato (UD) - Via Leonardo da Vinci, 23 - C.A.P. 33037 tel/fax: 0432 699954 e-mail: ddpasian@tin.it udic856004@istruzione.it udic856004@pec.istruzione.it

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli