Una scuola senza frontiere

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Una scuola senza frontiere"

Transcript

1 Scuola Media Statale Curiel - Muratori Cornaredo (Mi) Anno Scolastico Una scuola senza frontiere Il progetto è rivolto agli alunni stranieri neo arrivati e a quelli già presenti nella scuola (all 1/9/2010 iscritti N. 50 alunni, su un totale di 550). 1

2 Percezione della problematica - Alunni stranieri neo arrivati problema didattico (linguistico) che richiede interventi mirati e efficaci le differenze (culturali linguistiche religiose) - Alunni già presenti nella scuola e in Italia da diversi anni : difficoltà nel raggiungere gli obiettivi di apprendimento nelle diverse discipline Risultati attesi - Apprendimento dell italiano come L2 funzionale sia alla comunicazione di base sia allo studio. - Integrazione ed inserimento nella nuova realtà scolastica e socio culturale - Successo formativo Risorse interne - Docenti di entrambi i plessi - Funzione strumentale per i rapporti con il territorio - Commissione Intercultura - Amministrazione Risorse esterne - Progetto in rete con le altre scuole del territorio: Referente comunale (progetto legge 40) possibilità di richiesta del Mediatore culturale e/o mediatore linguistico - Associazione Intrecci. Consulenza e possibilità di intervento ( prima alfabetizzazione e sostegno allo studio) (progetto Legge 40) PARTECIPAZIONE AL PROGETTO IN RETE CON LE ALTRE SCUOLE DEL TERRITORIO - Protocollo di accoglienza degli alunni stranieri ( vedi allegato) - Spazi all interno della scuola per l accoglienza, il laboratorio, la consultazione dei testi - Scheda di presentazione dell alunno con informazioni sulla data e la modalità di arrivo, le scuole e i laboratori di Italiano frequentati, le competenze raggiunte in Italiano L2. - un computer per la consultazione e la ricerca del materiale, la possibilità di stampare e fotocopiare tutto il materiale necessario - formazione periodica dei docenti coinvolti nel progetto 2

3 LABORATORIO DI ITALIANO L2 E SOSTEGNO ALLO STUDIO (Intervento diversificato in base al livello di competenza) - Coordinamento dei docenti dei laboratori, esperti (progetto legge 40), ed eventualmente volontari delle associazioni che operano sul territorio : programmazione obiettivi, contenuti e attività svolte, griglie di valutazione, strategie comuni, verifica periodica e finale in collaborazione con i docenti dei Consigli di Classe AMPLIAMENTO DELLA BIBLIOTECA MULTICULTURALE (Libri di testo, materiale didattico) - testi sui paesi di origine dei gruppi immigrati presenti nel territorio - fiabe e libri di questi paesi (anche bilingui) - vocabolari - testi e materiali didattici per l insegnamento dell Italiano come 2 lingua - testi e materiali didattici di educazione interculturale - video e cd rom multimediali sulle diverse lingue e culture prodotti dall editoria e dalle associazioni degli immigrati - autobiografie degli immigrati e degli emigrati italiani - testi semplificati per il sostegno allo studio - normativa RACCORDO CON LA SCUOLA ELEMENTARE Al fine di rilevare il numero e la provenienza degli alunni stranieri presenti nelle scuole primarie di Cornaredo e S. Pietro all Olmo, e promuovere la circolazione delle informazioni e delle comunicazioni tra le singole sedi per garantire la continuità didattica -formativa dalla scuola primaria alla scuola media. Uso della scheda di presentazione dell alunno. ORIENTAMENTO PER GLI ALUNNI STRANIERI DELLE CLASSI TERZE: - coinvolgimento delle famiglie e produzione di materiale informativo in una pluralità di lingue. - attività di raccordo con i referenti dell orientamento, facilitatori e mediatori culturali delle scuole secondarie superiori - scheda di presentazione dell alunno - organizzazione di attività didattiche rivolte al confronto del sistema scolastico del paese di origine e quello della scuola italiana in classe e con le famiglie 3

4 EDUCAZIONE INTERCULTURALE Fondamentale il coinvolgimento degli alunni italiani in un rapporto interattivo con gli alunni stranieri immigrati. Nella programmazione dei Consigli di classe coinvolti in accordo con i docenti e gli esperti dei Laboratori Italiano L2 si prevede l inserimento di attività di educazione interculturale finalizzati alla valorizzazione delle differenze linguistico culturali FORMAZIONE Formazione periodica dei docenti dei laboratori di Italiano L2 e possibilmente dei docenti dei Consigli di Classe coinvolti Allegato : protocollo di accoglienza 4

5 Protocollo di accoglienza 5

6 CHE COSA SI PROPONE IL PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA Il protocollo d accoglienza è un documento che viene deliberato dal Collegio Docenti. Dovrebbe contenere criteri, principi, indicazioni riguardanti l iscrizione e l inserimento degli alunni immigrati, definire compiti e ruoli degli operatori scolastici, tracciare le diverse possibili fasi dell accoglienza e delle attività di facilitazione per l apprendimento della lingua italiana. Il protocollo costituisce uno strumento di lavoro che pertanto viene integrato e rivisto sulla base delle esperienze realizzate. La sua adozione consente di attuare in modo operativo le indicazioni normative contenute nell art. 45 del DPR 31/8/99 n 394 intitolato iscrizione scolastica che attribuisce al collegio docenti numerosi compiti deliberativi e di proposta. Il protocollo di accoglienza si propone di: Definire pratiche condivise all interno delle scuole in tema d accoglienza di alunni stranieri Facilitare l ingresso di bambini e ragazzi di altra nazionalità nel sistema scolastico e sociale Sostenere gli alunni neo arrivati nella fase di adattamento al nuovo contesto Favorire un clima d accoglienza e di attenzione alle relazioni che prevenga e rimuova eventuali ostacoli alla piena integrazione Costruire un contesto favorevole all incontro con le altre culture e con le storie di ogni bambino Promuovere la comunicazione e la collaborazione fra scuola e territorio sui temi dell accoglienza e dell educazione inter culturale nell ottica di un sistema formativo integrato. Il protocolla delinea prassi condivise di carattere: Amministrativo e burocratico ( l iscrizione), Comunicativo e relazionale (prima conoscenza), Educativo didattico (proposta di assegnazione alla classe, accoglienza, educazione inter culturale, insegnamento dell italiano seconda lingua), Sociale ( rapporti e collaborazioni con il territorio). NORMATIVA DI RIFERIMENTO: D.P.:R. n. 394 del art. 45 6

7 a)la COMMISSIONE D ACCOGLIENZA Il DPR 31/8/99 all art. 45 Iscrizione scolastica attribuisce al Collegi dei Docenti numerosi compiti deliberativi e di proposta in merito all inserimento nelle classi degli alunni stranieri. Per sostenere questi compiti è utile che in ogni scuola si istituisca la Commissione Accoglienza alunni stranieri, come gruppo di lavoro e articolazione del Collegio. La gestione dell accoglienza implica all interno dell Istituto un lavoro costante di formazione del personale, attraverso gli strumenti che la scuola nella sua autonomia riterrà di adottare. La commissione rappresenta l istituto e sarà composta dal Dirigente scolastico e da alcuni docenti. Le competenze del gruppo di lavoro hanno carattere consultivo, gestionale e progettuale. La commissione si riunisce nei casi di inserimento di alunni neo arrivati, per progettare azioni comuni, per monitorare i progetti esistenti, per operare un raccordo tra le diverse realtà. L istituzione formale di un gruppo di lavoro come articolazione del Collegio Docenti segnala l impegno dell istituto in questo campo ed evidenzia l assunzione collegiale di responsabilità. COMPOSIZIONE COMPITI INCONTRI - Consultivi e progettuali - Accoglienza degli alunni neo arrivati ( relazione scuola /famiglia; accoglienza-osservazione; proposte di inserimento e di assegnazione alla classe) - Raccordo tra le diverse realtà (di territorio, distrettuale) - Monitoraggio dell esistente - Rapporti con le amministrazioni - Dirigente Scolastico - Insegnanti Riferimento legislativo: C.M. n. 24 del 1 marzo Linee Guida -Variano in base alla realtà del singolo istituto ed in base alle esigenze della commissione costituita. -Incontri da prevedere nel caso di inserimento di alunni stranieri 7

8 b)l ISCRIZIONE L iscrizione rappresenta il primo passo di un percorso d accoglienza dell alunno straniero e della sua famiglia. E utile indicare, tra il personale di segreteria, chi è incaricato del ricevimento delle iscrizioni degli alunni stranieri anche al fine di affinare progressivamente abilità comunicative e relazionali che aiutano senz altro l interazione con i nuovi utenti. Si specificano i documenti e le informazioni da richiedere, oltre che gli avvisi, i moduli, le note informative sulla scuola scritte nelle lingue d origine da consegnare ai genitori per facilitare la loro comprensione della nuova realtà scolastica. La documentazione dovrebbe essere bilingue o in lingua d origine. Il primo incontro dei genitori stranieri, di carattere inevitabilmente amministrativo, si conclude con la definizione di una data per l incontro successivo fra i genitori e il nuovo alunno con uno dei docenti del gruppo accoglienza, in un orario da concordare con il referente della Commissione Accoglienza ( i primi giorni di settembre o in corso d anno per gli inserimenti tardivi). Schema di sintesi GLI UFFICI DI SEGRETERIA: Iscrivono i minori, Raccolgono la documentazione relativa alla precedente scolarità (se esistente), Acquisiscono l opzione di avvalersi o non avvalersi della religione cattolica, Avvisano tempestivamente il referente della commissione al fine di favorire le successive fasi dell accoglienza, Individuano tra gli ATA un incaricato del ricevimento delle iscrizioni, Forniscono ai genitori materiale in più lingue per una prima informazione sul sistema scolastico italiano. MATERIALI: Moduli di iscrizione ( in più lingue) Scheda di presentazione sul sistema della scuola italiana ( in più lingue) Riferimenti legislativi: C.M. n 24 del 1/03/06- linee guida- C.M. n 74/06 8

9 c)la PRIMA CONOSCENZA La segreteria trasmette al referente di commissione una copia della scheda dati (alleg. 1: dati anagrafici e scolarità) che è differente a seconda dell ordine di scuola, ciò poiché oltre agli aspetti amministrativi, occorre raccogliere una serie di informazioni di merito sull alunno che consentano di adottare decisioni adeguate, sia sulla classe in cui deve essere inserito, sia sui percorsi di facilitazione che dovrebbero essere attivati. E opportuno che la commissione sia preventivamente a conoscenza del modello di scuola nel paese d origine dei bambini immigrati: schede informative La prima conoscenza può articolarsi in un incontro con i genitori e un colloquio con l alunno, eventualmente alla presenza di un mediatore linguistico, laddove il referente ne valuti l opportunità. La presenza del mediatore culturale potrà contribuire a creare un clima sereno di comunicazione reale. In questa fase si raccolgono informazioni sulla storia personale e scolastica dell alunno e sulla situazione familiare. Dall incontro previsto in questa fase potrà emergere una significativa, per quanto iniziale, biografia scolastica dell alunno (alleg. 2). Schema di sintesi LA COMMISSIONE ACCOGLIENZA ALUNNI STRANIERI DELLA SCUOLA: Effettua al più presto un colloquio con la famiglia del nuovo iscritto Raccoglie una serie di informazioni sul bambino, sul suo percorso Sarebbe auspicabile, se necessario, avvalersi di un mediatore linguistico MATERIALI traccia di primo colloquio con la famiglia questionario in più lingue rivolto agli alunni neo arrivati la scuola nei paesi d origine dei bambini immigrati: schede informative Durante i primi giorni di frequenza è auspicabile un inserimento graduale dell alunno (ved. Indicazioni Metodologiche di Inserimento Graduale) e la contemporanea somministrazione di test (ogni scuola si organizza in modo autonomo in relazione ai tipi di test, per l orario e l ordine di scuola) 9

10 LINEE GUIDA d) INDICAZIONI METODOLOGICHE DI INSERIMENTO GRADUALE DI ALUNNI STRANIERI NEOARRIVATI L inserimento graduale, cioè con frequenza parziale della giornata scolastica, potrebbe avvenire con le seguenti caratteristiche: L inserimento avviene per max 3 giorni consecutivi (salvo diverse necessità) ed in concomitanza alla somministrazione dei tests d ingresso ed alla conseguente valutazione iniziale di livello. Segue l assegnazione alla classe da parte del Dirigente Scolastico così come previsto dal Protocollo d Accoglienza di Istituto e dalla normativa. Nel suddetto periodo di tre giorni circa si seguiranno le seguenti indicazioni : I docenti ( intersezione,team, interclasse, consiglio di classe, commissione di accoglienza), si fa carico dell alunno in ingresso effettuando eventuali adeguamenti e semplificazioni di attività. La sezione nella quale è inserito l alunno l ultima ora di lezione antimeridiana, si fa carico dello stesso per la sorveglianza in mensa e nel periodo antecedente la ripresa delle attività didattiche. Si affida il minore al collaboratore scolastico in servizio di sorveglianza al piano per i dovuti spostamenti all interno della struttura scolastica. La frequenza all attività di lingua italiana è svolta all interno della classe di grado inferiore per permettere una più facile fruizione del messaggio orale e/o scritto. L alunno entra a far parte di fatto all interno del piccolo gruppo degli alunni che usufruiscono dell attività alternativa alla religione cattolica per facilitare l esecuzione di iniziali 10

11 e) VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI COMPETENZA Durante i primi giorni di frequenza ( max 3 ) si procederà all inserimento graduale dell alunno secondo le modalità esposte e concordate e alla contemporanea somministrazione di tests (ogni scuola si organizza in modo autonomo in relazione ai tipi di tests, per l orario e l ordine di scuola). ( allegati i livelli di competenza). Schema di sintesi LA COMMISSIONE ACCOGLIENZA ALUNNI STRANIERI DELLA SCUOLA: Facilita la conoscenza della nuova scuola Osserva l alunno in situazione Sarebbe auspicabile, se necessario, avvalersi di un mediatore linguistico MATERIALI questionario in più lingue rivolto agli alunni neo arrivati schede per la rivelazione di abilità e competenze non verbali 11

12 f) ASSEGNAZIONE ALLA CLASSE Gli elementi raccolti durante le due precedenti fasi permettono di assumere decisioni in merito alla classe d inserimento. I criteri di riferimento per l assegnazione alla classe sono chiaramente indicati nel presente protocollo di accoglienza e deliberati dal collegio docenti sulla base di quanto previsto dall art. 45 del DPR 31/8/99 n 394: I minori stranieri soggetti all obbligo scolastico vengono iscritti alla classe corrispondente all età anagrafica, salvo che la commissione inter cultura attui l iscrizione ad una classe diversa, tenendo conto: a) dell ordinamento degli studi del Paese di provenienza dell alunno, che può determinare l iscrizione ad una classe immediatamente inferiore o superiore rispetto a quella corrispondente all età anagrafica: b) dell accertamento di competenze, abilità e livelli di preparazione dell alunno: c) del corso di studi eventualmente seguito dall alunno nel paese di provenienza: d) del titolo di studio eventualmente posseduto dall alunno. Sono evidenti i margini di flessibilità attribuiti alla scuola e la delicatezza del compito che il collegio docenti assegna al gruppo che si occupa dell accoglienza alunni stranieri. 12

13 Schema di sintesi LA COMMISSIONE ACCOGLIENZA, quale articolazione del collegio propone la classe e la sezione tenendo conto dell età anagrafica, dell ordinamento degli studi del paese di provenienza, dell accertamento di competenze e abilità, del titolo di studio eventualmente già posseduto dall alunno, delle aspettative familiari emerse nel colloquio ripartisce gli alunni nelle classi evitando la costituzione di sezioni con predominanza di alunni stranieri fornisce i primi dati raccolti al team docenti o al consiglio di classe che accoglierà l alunno neo arrivato 13

14 g) TRASMISSIONE DATI Il docente responsabile della Commissione si incontrerà con gli insegnanti della classe designata per presentare la situazione emersa: dal colloquio con la famiglia dalla prima conoscenza del bambino dalle prove di accertamento linguistico- culturale. Inserendo l alunno immigrato nella classe si avrà cura di fornire ai docenti della medesima una raccolta di materiali di routine bilingui, o nella sola lingua di origine a disposizione del circolo. h) L INSERIMENTO NELLA CLASSE La decisione sull assegnazione a una classe viene accompagnata dall individuazione dei percorsi di facilitazione che potranno essere attuati sulla base delle risorse disponibili. Negli allegati del protocollo vengono indicate le tipologie d intervento che la scuola annualmente è in grado di attivare sia attingendo a risorse professionali ed economiche interne sia mediante accordi e convenzioni con enti locali, associazioni, altre scuole del territorio. Un accoglienza amichevole potrebbe anche concretizzarsi, in particolare nelle classi di scuola media, nell individuazione per ogni nuovo alunno straniero di un ragazzo italiano - o immigrato di vecchia data o nato in Italia da genitori stranieri che svolga la funzione di Tutor, di compagno di viaggio specialmente nei primi tempi. IL TEAM DOCENTI favorisce l integrazione promovendo attività di contesto variato individua modalità di semplificazione o facilitazione linguistica per ogni disciplina rileva i bisogni specifici d apprendimento elabora, eventualmente, percorsi didattici di L2 14

15 COME DISTINGUERE I LIVELLI DI COMPETENZA LINGUISTICA IN ITALIANO L2 definizione di obiettivi di apprendimento in termini di prestazioni attese livello 0 neo arrivati ASCOLTARE Comprende e risponde ai saluti Comprende ed esegue comandi che richiedono una risposta fisica : Vieni qui! Alzati! Siediti! Comprende ed esegue consegne relative ad attività di manipolazione: Taglia! Incolla! Cobra! Comprende ed esegue indicazioni di lavoro scolastico: Leggi! Copia! Scrivi! Comprende semplici osservazioni di valutazione sul lavoro svolto: Bravo! Bene! Comprende frasi interrogative e/o affermative Durante un ascolto individua informazioni e risponde a domande relative a: persone (chi è lei? E la mamma di Karim?...) luoghi (dove è Karim? E a scuola.) azioni (cosa fa Karim? Mangia? Va a casa? ) Riconosce il lessico noto (parole già apprese...) Comprende le regole comuni di un gioco (Pronti? Via! Tocca a me! Tocca a te! Tira!...) PARLARE Si esprime solo in L1 Riproduce alcuni suoni Sperimenta la propria pronuncia con intonazioni (?! ) e pause (. /) Usa espressioni di una sola parola (Bagno! Gomma! Finito!) Richiama l attenzione (Prof! Ripeti per favore!) Risponde ai saluti con formale (Buongiorno!) e informale (ciao!) Usa formule per presentarsi (mi chiamo... vengo da... ho 11 anni... sono cinese) Identifica una persona (lui è Zheng..) Indica un oggetto (questa è la penna) Esprime possesso (è mia!) LEGGERE Decodifica l alfabeto Decodifica parole anche senza conoscerne il significato Possiede la corrispondenza grafema / fonema Identifica globalmente le parole conosciute Riconosce indici e segnali (maiuscolo, minuscolo, titolo, accenti, ecc.) Nella lettura usa i toni adatti alla punteggiatura (?!./) 15

16 Legge e comprende testi dove associa parole/brevi frasi a immagini Supportato da attività di comprensione, è in grado di ricavare informazioni da un semplice testo Sa consultare il dizionario SCRIVERE come? Riconosce e copia parole date Scrive in stampatello Scrive in corsivo Usa il maiuscolo quando necessario Sotto dettatura: riproduce suoni semplici e complessi (gl, gn, sc, str....) scrive parole sconosciute scrive brevi frasi usa la punteggiatura SCRIVERE cosa? Scrive parole e/o brevi didascalie relative a immagini conosciute Scrive un elenco Scrive un dialogo semplice relativo a situazioni conosciute Sostituisce la parola all immagine Trova la parola e/o frase mancante Riordina la frase Introduce la negazione Scrive un testo semplice riferito a situazione nota (descrizione di un compagno, di oggetti, della scuola, ecc.) 16

17 ASCOLTARE COME DISTINGUERE I LIVELLI DI COMPETENZA LINGUISTICA IN ITALIANO L2 definizione di obiettivi di apprendimento in termini di prestazioni attese livello 1 principianti (A1/A2 quadro europeo delle lingue ) 1. è in grado di ascoltare ed eseguire comandi e istruzioni più complesse riferite alla vita scolastica: es. porta il gesso al commesso 2. sa rispondere a domande aperte su temi conosciuti e ricorrenti come la famiglia, esperienze personali, ecc..(es. cosa hai fatto ieri?) con risposte articolate in soggetto+verbo+oggetto 3. sa comprendere alcune semplici informazioni nei messaggi dei pari (es. vieni alla festa di compleanno?) e nelle comunicazioni dirette dell insegnante (apri il libro e leggi il testo a pag.) 4. è in grado di individuare singole informazioni durante l ascolto registrato, da un video, su traccia data dall insegnante PARLARE 1. sa indicare e denominare oggetti, persone e luoghi (questo/a è. ).. 2. inizia a produrre semplici frasi anche se scorrette nella forma (es. gioco con il Barbie) (= non utilizza ancora correttamente genere e numero, non utilizza soggetto) e a rispondere a domande con pronomi interrogativi chi, che cosa, dove, quando, di chi è ma non come ) 3. prende la parola nelle interazioni informali con i pari e partecipa a semplici conversazioni di gruppo solo se si sente sicuro e libero di parlare LEGGERE 1. sa leggere facendo attenzione alla pronuncia (accenti, pause,..) e comprende un testo semplificato (es. già diviso in paragrafi) 2. si interroga sul significato di parole sconosciute solo se ben contestualizzate 3. è in grado di ricavare in formazioni significative da un testo complesso contenente lessico noto o di alta frequenza SCRIVERE 1. sa scrivere spontaneamente parole e semplici frasi relative a situazioni conosciute (es. la gita scolastica, la sua classe, ) rispettando la costruzione della frase semplice (S+V+O) anche se con errori ortografici 2. sa scrivere didascalie (supportate da immagini!), elenchi di parole nuove da dato esperienziale (es. erbario. animali, ecc..), dati personali esplicitati su scheda-supporto, eventualmente disegna e descrive. 3. risponde per iscritto a domande aperte che gli consentano di dare cenni riassuntivi di un esperienza vissuta (es. la gita) 17

18 COME DISTINGUERE I LIVELLI DI COMPETENZA LINGUISTICA IN ITALIANO L2 definizione di obiettivi di apprendimento in termini di prestazioni attese livello 2 intermedio (B1/B2 Quadro europeo delle lingue) ASCOLTARE 1. comprende con facilità messaggi, consegne, consigli 2. segue spiegazioni e lezioni frontali (nelle singole discipline) purché supportate da materiale iconografico, esemplificazioni alla lavagna e/o pratiche 3. ascolta e distingue diversi registri linguistici (linguaggio informale da linguaggio formale e/o delle discipline, da linguaggio extrascolastico, ecc.) PARLARE 1. si presenta e introduce altre persone, situazioni e argomenti 2. esprime, se pur semplicemente, opinioni personali, sensazioni, emozioni, giudizi 3. è in grado di fare proposte 4. è in grado di formulare ipotesi 5. è in grado di narrare esperienze vissute 6. espone oralmente con linguaggio semplice ma corretto, contenuti e informazioni relativi alle diverse discipline LEGGERE 1. legge e comprende il significato globale di un testo 2. si interroga sul significato di parole sconosciute e sperimenta interpretazioni personali, anche se non sempre corrette 3. legge e comprende il significato analitico di un testo: coglie le informazioni principali ordina in sequenze esegue una serie di istruzioni scritte risponde a domande strutturate sul testo 4. approccia diverse tipologie testuali (descrittivo, regolativo, narrativo, argomentativo) e ne comprende il significato SE supportato da facilitazioni con immagini, da esemplificazioni pratiche, ecc. SCRIVERE I. utilizza la lingua in semplici produzioni scritte (descrizione di oggetti, persone, ambienti, un diario quotidiano, ecc.) 2. completa testi scritti con parole o frasi mancanti 3. riordina le parti di un testo (due o più frasi, paragrafi, sequenze temporali, nessi causa/effetto, ecc.) 4. rielabora testi scritti: (in testi descrittivi) cambia la scena, un personaggio, il protagonista (intesti narrativi) cambia i tempi del racconto propone semplici espansioni, il finale, ecc. trasforma i dialoghi in fumetti 5. individua frasi chiave e riassume il testo 6. prende semplici appunti (da fonte orale / scritta) e sperimenta schemi e sintesi in modo personale 18

19 RILEVAZIONE DEI DATI RELATIVI AL BAMBINO STRANIERO E ALLA SUA FAMIGLIA DATI ANAGRAFICI Paese di provenienza Città, paese, regione di provenienza; contesto (cittadino; paese; rurale; ecc.) Composizione della famiglia nucleare Distribuzione della famiglia: - chi in Italia e da quanto. - chi al paese di origine.. - chi altrove Composizione della famiglia allargata (figure significative per il bambino e i genitori) e loro distribuzione con eventuale possibilità di contatto anche telefonico Percorso migratorio del bambino; Figure educative di riferimento nel percorso e contesti educativi e scolastici incontrati Percorso migratorio della famiglia Progetto migratorio della famiglia e dei suoi Componenti. Percorso scolastico dell alunno: Classe frequentata all estero. Classe frequentata in Italia Numero di anni di inserimento in scuola non italiana Numero di anni di inserimento in scuola italiana Eventuali sospensioni. interruzioni, bocciature... Eventuali contatti all interno della scuola 19

20 Relazioni della famiglia con connazionali con italiani con immigrati di altri paesi... Relazione scuola - famiglia: comprensione, reciproche aspettative, ecc. Fede religiosa professata Eventuali esigenze ( alternativa all IRC, diete..) Caratteristiche culturali che la famiglia mette in evidenza come importanti in maniera esplicita Competenza linguistica dei genitori in italiano Eventuale compresenza dell uso di lingue terze (inglese, francese, spagnolo, ecc.) e loro qualità Scelte sull insegnamento della lingua madre e eventuali azioni intraprese in tal senso Altro (situazione abitativa, lavorativa ): : 20

PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI I.I.S. CARTESIO LUXEMBURG ROMA PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Vers.02-1 - Premessa Questo documento si propone quale parte integrante del P.O.F. e intende presentare un modello di accoglienza

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

PROPOSTA DI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI

PROPOSTA DI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI PROPOSTA DI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI Silvana Cantù Graziella Favaro Arcangela Mastromarco Centro COME Cooperativa Farsi Prossimo Via Porpora, 26 20131 Milano tel 02.29.53.74.62

Dettagli

Proposta di programmazione Italiano L2 per bambini stranieri

Proposta di programmazione Italiano L2 per bambini stranieri Proposta di programmazione Italiano L2 per bambini stranieri 1 Livello 1) ASCOLTARE E COMPRENDERE l A) Ascoltare e comprendere semplici e brevi messaggi orali ricorrenti nel linguaggio della classe e del

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI 1. L ISCRIZIONE Per l iscrizione degli alunni stranieri la normativa vigente (D.P.R. 394/99) prevede quanto segue: I minori stranieri

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI STRANIERI Pag. 1 a 7 Protocollo di accoglienza alunni stranieri Istituto Comprensivo Via Cassia 1694 Roma XV Municipio XXVIII Distretto PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI STRANIERI Il Protocollo di accoglienza alunni

Dettagli

RETE SCUOLE MONZA PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA CITTADINO

RETE SCUOLE MONZA PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA CITTADINO RETE SCUOLE MONZA PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA CITTADINO PREMESSA Per dare un benvenuto visibile ad alunni/e e famiglie saranno predisposti all interno dei vari plessi scritte in varie lingue, foto di altri

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI STRANIERI PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI STRANIERI Questo documento si propone quale parte integrante del P.O.F. e intende presentare un modello di accoglienza che illustri una modalità comune, corretta

Dettagli

Protocollo di accoglienza e di inclusione degli alunni con cittadinanza non italiana

Protocollo di accoglienza e di inclusione degli alunni con cittadinanza non italiana Protocollo di accoglienza e di inclusione degli alunni con cittadinanza non italiana Premessa Il Protocollo di accoglienza e di integrazione degli alunni stranieri contiene principi, criteri ed indicazioni

Dettagli

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2. Istituto Comprensivo C.

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2. Istituto Comprensivo C. PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2 Istituto Comprensivo C. Angiolieri Siena Centro di Alfabetizzazione Italiano L2 C. Angiolieri Scuola Secondaria

Dettagli

DOCUMENTO D ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA

DOCUMENTO D ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA DOCUMENTO D ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La commissione per l accoglienza e l integrazione degli alunni stranieri, all inizio dell anno scolastico ha lavorato con l obiettivo di produrre un

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA

LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA L ISCRIZIONE Le iscrizioni dei minori stranieri, indipendentemente dalla regolarità

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E ACCOMPAGNAMENTO PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E ACCOMPAGNAMENTO PER ALUNNI STRANIERI ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G. L. LAGRANGE Sezioni associate ITI G.L. LAGRANGE - IPSAR G. BRERA Via A. Litta Modignani, 65-20161 MILANO Tel. 02 66222804/54 Fax 02 66222266 PROTOCOLLO DI

Dettagli

ISTITUTO AUTONOMO COMPRENSIVO Norberto Bobbio Scuola Statale Materna, Elementare e Media

ISTITUTO AUTONOMO COMPRENSIVO Norberto Bobbio Scuola Statale Materna, Elementare e Media ISTITUTO AUTONOMO COMPRENSIVO Norberto Bobbio Scuola Statale Materna, Elementare e Media Via IV Novembre 2 - RIVALTA BORMIDA tel. 0144 364113 fax 0144 364643 Codice Fiscale 81003050069 e-mail scuolerivalta@libero.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO D I P A R T I M E N T O D I L I N G U E S T R A N I E R E

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO D I P A R T I M E N T O D I L I N G U E S T R A N I E R E ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO D I P A R T I M E N T O D I L I N G U E S T R A N I E R E D I P A R T I M E N T O D I L I N G U E S T R A N I E R E L apprendimento di due lingue comunitarie permette

Dettagli

IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione)

IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione) IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione) COMPETENZE DI BASE A CONCLUSIONE DELL OBBLIGO DI Utilizzare

Dettagli

PROTOCOLLO D'ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO D'ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI PROTOCOLLO D'ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI IN VIGORE DALL ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE ISCRIZIONE Modulistica da consegnare ai genitori Documenti da richiedere PRIMA ACCOGLIENZA Conoscenza della

Dettagli

LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA

LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA 1 RICEZIONE ORALE 1. Familiarizzare coi primi suoni della lingua inglese 2. Comprendere semplici espressioni di uso quotidiano, pronunciate chiaramente. 3. Comprendere,

Dettagli

(Collegio Docenti del / /2012)

(Collegio Docenti del / /2012) Codice Fiscale: 80014050357 CM: CMRETD02000L Vìa Prati, 2 42015 Correggio (RE) Tel. 0522 693271 Fax 0522 632119 Sito Web: www.einaudicorreggio.gov.it e mail: info@einaudicorreggio.gov.it e mail certificata:

Dettagli

Progetto Non uno di meno per l integrazione positiva delle ragazze e dei ragazzi immigrati

Progetto Non uno di meno per l integrazione positiva delle ragazze e dei ragazzi immigrati Ministero della Pubblica Istruzione Osservatorio nazionale per l integrazione degli alunni stranieri e per l educazione interculturale Progetto Non uno di meno per l integrazione positiva delle ragazze

Dettagli

Programmazione di INGLESE Indicazioni Nazionali 2012

Programmazione di INGLESE Indicazioni Nazionali 2012 ISTITUTO COMPRENSIVO "Dante Alighieri" di COLOGNA VENETA (Vr) Via Rinascimento, 45-37044 Cologna Veneta - tel. 0442 85170 - fax 0442 419294 www.iccolognaveneta.it - e-mail: vric89300a@istruzione.it - vric89300a@pec.istruzione.it

Dettagli

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Profilo dello studente Lo studente al termine del primo ciclo, attraverso gli apprendimenti sviluppati a scuola,

Dettagli

INGLESE- CLASSE 1.a TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA

INGLESE- CLASSE 1.a TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA INGLESE- CLASSE 1.a TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA L alunno: Ascolta e comprende parole e semplici espressioni, istruzioni,

Dettagli

LA FONDAZIONE MANODORI HA FINANZIATO IL PRESENTE PROGETTO

LA FONDAZIONE MANODORI HA FINANZIATO IL PRESENTE PROGETTO Progetto stranieri Istiitutii Superiiorii delllla Proviinciia dii Reggiio Emiilliia LINEE GUIDA PER L INTEGRAZIONE DEGLI ALLIEVI STRANIERI IL PRESENTE DOCUMENTO È STATO ELABORATO DAL GRUPPO DI PROGETTO

Dettagli

REGOLAMENTO DI ISTITUTO ALLEGATO C SINTESI DELLA NORMATIVA ATTUALMENTE VIGENTE IN MATERIA DI INTEGRAZIONE SCOLASTICA DI ALUNNI STRANIERI

REGOLAMENTO DI ISTITUTO ALLEGATO C SINTESI DELLA NORMATIVA ATTUALMENTE VIGENTE IN MATERIA DI INTEGRAZIONE SCOLASTICA DI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometri Liceo Linguistico/Linguistico Moderno Liceo

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE TOMMASO GROSSI MILANO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE TOMMASO GROSSI MILANO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE TOMMASO GROSSI MILANO L Istituto Comprensivo Statale Tommaso Grossi realizza, sin dall anno scolastico 1990/1991, interventi specifici tesi all alfabetizzazione e all integrazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGOSATOLLO Via Roma 42-25010 Borgosatollo (Brescia) tel. 030-2501557 fax 030-2508868 c.f. 98040230173

ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGOSATOLLO Via Roma 42-25010 Borgosatollo (Brescia) tel. 030-2501557 fax 030-2508868 c.f. 98040230173 ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGOSATOLLO Via Roma 42-25010 Borgosatollo (Brescia) tel. 030-2501557 fax 030-2508868 c.f. 98040230173 PROGETTO PER L'INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ANNO SCOLASTICO 2010/2011

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA C. FERRINI

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA C. FERRINI PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA C. FERRINI Premessa. L autonomia scolastica prevede che sia di competenza delle Scuole elaborare la programmazione curricolare attraverso la quale vengono individuate

Dettagli

RACCORDO TRA LE COMPETENZE

RACCORDO TRA LE COMPETENZE L2 RACCORDO TRA LE COMPETENZE (AREA SOCIO AFFETTIVA E COGNITIVA) L2 COLLEGAMENTO TRA LE COMPETENZE DELLA SCUOLA PRIMARIA E DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Il Quadro Comune di riferimento Europeo distingue

Dettagli

Scuola primaria. Imparare ad imparare Comunicare Collaborare e partecipare Individuare collegamenti e relazioni

Scuola primaria. Imparare ad imparare Comunicare Collaborare e partecipare Individuare collegamenti e relazioni classe 1^ L alunno comprende brevi messaggi orali e scritti relativi ad ambiti familiari. Descrive oralmente e per iscritto, in modo semplice, aspetti del proprio vissuto e del proprio ambiente ed elementi

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUE STRANIERE DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte TRAGUARDI PER LO SVILUPPO

Dettagli

SEZIONE DI POTENZIAMENTO DI INGLESE Scuola secondaria di primo grado

SEZIONE DI POTENZIAMENTO DI INGLESE Scuola secondaria di primo grado SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO - SCUOLA MEDIA PARITARIA Via Vittorio Emanuele II, 80-10023 Chieri (TO) Tel: 0119472185 / Fax: 0119411267 Web: http://www.salesianichieri.it mail: scuolasanluigi@salesianichieri.it

Dettagli

INGLESE - CLASSE PRIMA

INGLESE - CLASSE PRIMA INGLESE - CLASSE PRIMA 1) Discriminazione di suoni, intonazione e ritmo Sa riconoscere suoni non familiari della lingua 2 Sa pronunciare parole in lingua inglese Capisce parole e espressioni di uso frequente

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA 3 CIRCOLO GUBBIO. PROGETTO Integrazione Alunni Stranieri con validità pluriennale Apprendere e comunicare tra diverse culture

DIREZIONE DIDATTICA 3 CIRCOLO GUBBIO. PROGETTO Integrazione Alunni Stranieri con validità pluriennale Apprendere e comunicare tra diverse culture DIREZIONE DIDATTICA 3 CIRCOLO GUBBIO in collaborazione con il Comune di Gubbio, la Caritas Diocesana, con il contributo del M.I.U.R.(Art.9 del C.C.N.L.Comparto Scuola 2002/2005) e della Regione Umbria,

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER GLI ALUNNI CON DISTURBI DA DEFICIT DELL ATTENZIONE (ADHD) E COMPORTAMENTALI

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER GLI ALUNNI CON DISTURBI DA DEFICIT DELL ATTENZIONE (ADHD) E COMPORTAMENTALI PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER GLI ALUNNI CON DISTURBI DA DEFICIT DELL ATTENZIONE (ADHD) E COMPORTAMENTALI Art.5 D.M. n 5669 del 12.7.2011; Linee guida per il diritto allo studio degli studenti con

Dettagli

Protocollo di accoglienza degli studenti stranieri

Protocollo di accoglienza degli studenti stranieri Protocollo di accoglienza degli studenti stranieri PROCEDURA PROGRAMMA DI ACCOGLIENZA 1. Obiettivi Garantire pari opportunità di accesso all istruzione e di successo scolastico agli studenti stranieri.

Dettagli

1. Sintetica descrizione del Progetto

1. Sintetica descrizione del Progetto Protocollo di Intesa per l Accoglienza degli Alunni Stranieri e lo Sviluppo Interculturale del Territorio Pratese PROGETTO RETE : COMUNI MEDICEI -Poggio a Caiano e Carmignano A.S. Istituto_capofila -ISTITUTO

Dettagli

Compilazione della scheda iscrizione e biografia linguistica (modello di seguito allegato).

Compilazione della scheda iscrizione e biografia linguistica (modello di seguito allegato). PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E INSERIMENTO DEGLI ALUNNI STRANIERI Premessa Il Protocollo di Accoglienza (PdA) presenta le procedure (approvate e condivise dal Collegio Docenti) che il nostro Istituto attua

Dettagli

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE Dalla competenza chiave alla competenza base Competenza chiave: comunicazione nelle lingue straniere. Competenza base:

Dettagli

POLO I MONTERONI DI LECCE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A.S.2013/2014 CURRICOLO DI LINGUA STRANIERA: FRANCESE CLASSI SECONDE

POLO I MONTERONI DI LECCE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A.S.2013/2014 CURRICOLO DI LINGUA STRANIERA: FRANCESE CLASSI SECONDE POLO I MONTERONI DI LECCE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A.S.2013/2014 CURRICOLO DI LINGUA STRANIERA: FRANCESE CLASSI SECONDE FINALITA Acquisire una competenza plurilingue e pluriculturale. Esercitare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO E. MONACI SORIANO NEL CIMINO A.S. 2013-14. SCUOLA DELL INFANZIA Fine Terzo Anno

ISTITUTO COMPRENSIVO E. MONACI SORIANO NEL CIMINO A.S. 2013-14. SCUOLA DELL INFANZIA Fine Terzo Anno ISTITUTO COMPRENSIVO E. MONACI SORIANO NEL CIMINO A.S. 013-14 SCUOLA DELL INFANZIA Fine Terzo Anno COMPETENZE-CHIAVE EUROPEE madrelingua COMPETENZE DISCIPLINARI Interagisce oralmente nella lingua italiana

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE INGLESE-FRANCESE

PIANO DI LAVORO ANNUALE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE INGLESE-FRANCESE ISTITUTO COMPRENSIVO DI RONCADE via Vivaldi 24-31056 Roncade (TV) PIANO DI LAVORO ANNUALE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE INGLESE-FRANCESE Traguardi di sviluppo delle competenze relative

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI ISTITUTO TECNICO STATALE Periti Aziendali e Corrispondenti in Lingue Estere Astolfo Lunardi Via Riccobelli, 47-25123 Brescia - Tel. 0302009508 - Fax: 030390996 E-mail info@lunardi.bs.it - URL http://www.lunardi.bs.it

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO L alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE CLASSI TERZE e QUARTE (RIM, Turismo) TERZA LINGUA STRANIERA

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE CLASSI TERZE e QUARTE (RIM, Turismo) TERZA LINGUA STRANIERA SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE CLASSI TERZE e QUARTE (RIM, Turismo) TERZA LINGUA STRANIERA a.s. 2013-2014 INDIRIZZI E ARTICOLAZIONI: TURISMO e RIM DISCIPLINA TERZA LINGUA COMUNITARIA- TEDESCO PROFILO

Dettagli

Cominciare bene: protocolli d accoglienza e mediazione a scuola

Cominciare bene: protocolli d accoglienza e mediazione a scuola Spinea, 30 gennaio 2012 Cominciare bene: protocolli d accoglienza e mediazione a scuola a cura di Paola Pasqualon LA PRESENZA DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI STRANIERI È SEDIMENTATA NEL TEMPO; DIFFUSA SUL TERRITORIO,

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO (per i docenti dei tre ordini di scuola)

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO (per i docenti dei tre ordini di scuola) QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO (per i docenti dei tre ordini di scuola) Docente di: scuola infanzia scuola primaria scuola secondaria I Professionalità dei docenti Programmazione e valutazione

Dettagli

Dai 3 anni Bene In parte No Comprende semplici consegne e risponde utilizzando prevalentemente codici extralinguistici

Dai 3 anni Bene In parte No Comprende semplici consegne e risponde utilizzando prevalentemente codici extralinguistici 1. Comunicare oralmente:comprensione e produzione Dai 3 anni Bene In parte No Comprende semplici consegne e risponde utilizzando prevalentemente codici extralinguistici Risponde fisicamente a semplici

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE

DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE LICEO CLASSICO CAVOUR TORINO DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE Documento programmatico Anno scolastico 2014-15 1. DOCUMENTO PROGRAMMATICO DEI DOCENTI DI LINGUA INGLESE. Gli insegnanti di Lingua Inglese del

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO PIANO DI LAVORO DI LINGUA INGLESE

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO PIANO DI LAVORO DI LINGUA INGLESE SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO PIANO DI LAVORO DI LINGUA INGLESE Riferito al Piano dell'offerta Formativa al Curricolo Verticale d'istituto al Curricolo delle Competenze Trasversali anno scolastico 2015/2016

Dettagli

PIANO EDUCATIVO PERSONALIZZATO PEP

PIANO EDUCATIVO PERSONALIZZATO PEP PIN EDUCIV PESNLIZZ PEP Nome e cognome alunno Classe nno scolastico * questo piano educativo viene compilato in sede di CdC periodicamente integrato e/o aggiornato. IFEIMENI NMIVI - Costituzione della

Dettagli

IL CURRICOLO DI SCUOLA LINGUA INGLESE E SECONDA LINGUA COMUNITARIA

IL CURRICOLO DI SCUOLA LINGUA INGLESE E SECONDA LINGUA COMUNITARIA IL CURRICOLO DI SCUOLA LINGUA INGLESE E SECONDA LINGUA COMUNITARIA SCUOLA DELL INFANZIA - I DISCORSI E LE PAROLE SCUOLA PRIMARIA - LINGUA INGLESE SCUOLA SECONDARIA I GRADO - LINGUE COMUNITARIE - LINGUA

Dettagli

SCHEDA DI PRESENTAZIONE DEL PROGETTO

SCHEDA DI PRESENTAZIONE DEL PROGETTO 0Dati identificativi dell'istituto SCHEDA DI PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Nome scuola/tipologia Distr.Scol. ISTITUTO COMPRENSIVO MILANO VIA RUSSO, 27 83 Tel. Fax Comune 02-88444317 02-88444319 M I L A N

Dettagli

P.D.P. PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO. Istituto Comprensivo di Civate A.S. 2013-14

P.D.P. PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO. Istituto Comprensivo di Civate A.S. 2013-14 P.D.P. PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Per studenti con altri Bisogni Educativi Speciali (BES-Dir. Min. 27/12/2012; C.M. n. 8 del 6/03/2013) Istituto Comprensivo di Civate A.S. 2013-14 Alunno/a (sigla):

Dettagli

Italiano Lingua Seconda. A s c o l t o. Verifica (Indicatori) Abilità Capacità Conoscenze Competenze parziali e indicazioni didatticometodologiche

Italiano Lingua Seconda. A s c o l t o. Verifica (Indicatori) Abilità Capacità Conoscenze Competenze parziali e indicazioni didatticometodologiche Italiano Lingua Seconda Competenze al termine del 1 biennio L alunna, l alunno è in grado di comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in lingua standard, anche trasmesso attraverso canali

Dettagli

PERCORSO DIDATTICO SPECIFICO PER ALUNNI CON DSA. DATI RELATIVI ALL ALUNNO Cognome e nome: Data e luogo di nascita: Istituto: Classe:

PERCORSO DIDATTICO SPECIFICO PER ALUNNI CON DSA. DATI RELATIVI ALL ALUNNO Cognome e nome: Data e luogo di nascita: Istituto: Classe: PERCORSO DIDATTICO SPECIFICO PER ALUNNI CON DSA DATI RELATIVI ALL ALUNNO Cognome e nome: Data e luogo di nascita: Istituto: Classe: 1. DESCRIZIONE DEL FUNZIONAMENTO DELLE ABILITÀ STRUMENTALI (situazione

Dettagli

LINGUA COMUNITARIA INGLESE SCUOLA SECONDARIA CLASSE PRIMA

LINGUA COMUNITARIA INGLESE SCUOLA SECONDARIA CLASSE PRIMA LINGUA COMUNITARIA INGLESE SCUOLA SECONDARIA CLASSE PRIMA Livello A2 Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue del Consiglio d Europa TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI AD ASCOLTO

Dettagli

P.D.P. PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

P.D.P. PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO P.D.P. PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Per allievi con Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA-Legge 170/2010) Istituto A.S. 201_/201_ Alunno/a: Classe: Ordine di Scuola: Coordinatore di classe/team: Referente/i:

Dettagli

PROGETTO Laboratorio Multidisciplinare di Italiano L2 per studenti NAI di Abba-Ballini, Castelli e Moretto anno scolastico 2013-2014

PROGETTO Laboratorio Multidisciplinare di Italiano L2 per studenti NAI di Abba-Ballini, Castelli e Moretto anno scolastico 2013-2014 PROGETTO Laboratorio Multidisciplinare di Italiano L2 per studenti NAI di Abba-Ballini, Castelli e Moretto anno scolastico 2013-2014 FINALITA GENERALI - Accogliere gli alunni stranieri all interno di una

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI CAPITONE

SCUOLA DELL INFANZIA DI CAPITONE SCUOLA DELL INFANZIA DI CAPITONE PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO a. s. 2008/2009 INSEGNANTI DI SEZIONE : CANAL Chetti FRANCIA Meri VALUTAZIONE DELLA SITUAZIONE INIZIALE La scuola dell infanzia di Capitone

Dettagli

LINGUA INGLESE AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA. ASCOLTO (comprensione orale)

LINGUA INGLESE AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA. ASCOLTO (comprensione orale) TRIENNIO: classe prima TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L alunno : comprende brevi messaggi orali e scritti relativi ad ambiti familiari descrive oralmente e

Dettagli

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Inglese, francese, tedesco, spagnolo Indirizzi Classico e Linguistico BIENNIO (Li, L2), (L3 l a e 2 a liceo) OBIETTIVI GENERALI (L1, L2, L3 e sezioni classiche) Obiettivo

Dettagli

Anno Scolastico PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO (PDP) TRA. ISTITUTO COMPRENSIVO GRAMSCI Via Matteotti 51, Camponogara VE

Anno Scolastico PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO (PDP) TRA. ISTITUTO COMPRENSIVO GRAMSCI Via Matteotti 51, Camponogara VE Anno Scolastico PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO (PDP) TRA ISTITUTO COMPRENSIVO GRAMSCI Via Matteotti 51, Camponogara VE SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CONSIGLIO di CLASSE E GENITORI dell

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - VICENZA DIPARTIMENTO DI ITALIANO CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA SCUOLA SECONDARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO NORD 1 BRESCIA

ISTITUTO COMPRENSIVO NORD 1 BRESCIA ISTITUTO COMPRENSIVO NORD 1 BRESCIA Codice fiscale : 98156990172 SINTESI PIANO OFFERTA FORMATIVA A.S. 2013/2014 SINTESI PROGETTO / ATTIVITA Sezione 1 Descrittiva 1.1 Denominazione progetto Indicare codice

Dettagli

INGLESE SCUOLA PRIMARIA. INGLESE - CLASSI PRIME, SECONDE e TERZE Scuola Primaria

INGLESE SCUOLA PRIMARIA. INGLESE - CLASSI PRIME, SECONDE e TERZE Scuola Primaria INGLESE SCUOLA PRIMARIA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria per la lingua inglese (I traguardi sono riconducibili al Livello A1 del Quadro Comune Europeo di Riferimento

Dettagli

FRANCESE. Ricezione orale (ascolto) Comprendere istruzioni, espressioni e frasi di uso quotidiano. Comprendere il senso generale di un una storia.

FRANCESE. Ricezione orale (ascolto) Comprendere istruzioni, espressioni e frasi di uso quotidiano. Comprendere il senso generale di un una storia. FRANCESE FINE CLASSE TERZA PRIMARIA L alunno comprende brevi messaggi orali e scritti relativi ad ambiti familiari. Descrive oralmente e per iscritto, in modo semplice, aspetti del proprio vissuto e del

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER SERVIZI COMMERCIALI, TURISTICI, SOCIALI e della GRAFICA PUBBLICITARIA EUROPA POMIGLIANO D ARCO

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER SERVIZI COMMERCIALI, TURISTICI, SOCIALI e della GRAFICA PUBBLICITARIA EUROPA POMIGLIANO D ARCO ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER SERVIZI COMMERCIALI, TURISTICI, SOCIALI e della GRAFICA PUBBLICITARIA EUROPA POMIGLIANO D ARCO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO E DIDATTICA FRANCESE ANNO SCOLASTICO 2007-2008

Dettagli

Premessa Questionario DOCENTI - n. 90 partecipanti.

Premessa Questionario DOCENTI - n. 90 partecipanti. Premessa Tutti i questionari sono stati somministrati on line; a questa regola hanno fatto parziale eccezione solo quelli dei genitori per l ovvio motivo della difficoltà di averli a scuola, per cui in

Dettagli

Italiano Primo biennio

Italiano Primo biennio PROFILO IN USCITA DELLO STUDENTE IN TERMINI DI COMPETENZE E ABILITÀ TECNICO-ECONOMICO Italiano Primo biennio Competenze Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi di base indispensabili per

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE Anno scolastico: 2015/2016 Prof. Faes Roberto Disciplina: Musica Classe: 1ª B 1 Livelli di partenza rilevati Livello numero alunni A ottimo 5 B- Discreto / Buono 8 C Sufficiente

Dettagli

INGLESE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUINTA

INGLESE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUINTA INGLESE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUINTA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI AD ASCOLTO L alunno comprende brevi messaggi orali e scritti relativi ad ambiti familiari. Svolge i compiti secondo

Dettagli

La scuola secondaria di fronte ai DSA e ai BES

La scuola secondaria di fronte ai DSA e ai BES Lab.D.A. Laboratorio sui Disturbi dell Apprendimento Galleria Berchet, 3 Padova Direttore: Prof. Cesare Cornoldi La scuola secondaria di fronte ai DSA e ai BES La gestione delle verifiche e degli strumenti

Dettagli

Scuola Secondaria di Primo Grado F. Montanari di Mirandola PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA P.A.I. Anno scolastico 2014/2015

Scuola Secondaria di Primo Grado F. Montanari di Mirandola PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA P.A.I. Anno scolastico 2014/2015 Scuola Secondaria di Primo Grado F. Montanari di Mirandola PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA P.A.I. Anno scolastico 2014/2015 Nel piano annuale per l inclusività sono riassunti i principali dati inerenti

Dettagli

Obiettivi di Apprendimento al termine della Classe 4^

Obiettivi di Apprendimento al termine della Classe 4^ ISTITUTO COMPRENSIVO di OPPEANO Via A. Moro, 12 tel. 045/7135458 telefax: 045/7135049 e-mail vric843009@istruzione.it - www.icoppeano.gov.it Nell ambito di una Visione Interdisciplinare, gli Insegnanti,

Dettagli

ASCOLTO (comprensione orale) -Comprende i punti essenziali di semplici discorsi e testi su argomenti relativi alla vita quotidiana e di studio.

ASCOLTO (comprensione orale) -Comprende i punti essenziali di semplici discorsi e testi su argomenti relativi alla vita quotidiana e di studio. ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Via Venezia, 15-66020 SAN GIOVANNI TEATINO (CH) www.istitutocomprensivosgt.it CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE I SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO INGLESE SVILUPPO

Dettagli

LINGUE STRANIERE: INGLESE e FRANCESE. Obiettivi

LINGUE STRANIERE: INGLESE e FRANCESE. Obiettivi LINGUE STRANIERE: INGLESE e FRANCESE Obiettivi Ascoltare Parlare Leggere 1. individuare gli elementi essenziali della situazione; 2. individuare le intenzioni comunicative; 3. capire il significato globale

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA DOCENTI: DI MARCO LOREDANA, GIOFFREDI ANGELA, DI NANNO STEFANIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA DOCENTI: DI MARCO LOREDANA, GIOFFREDI ANGELA, DI NANNO STEFANIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE Pag. 1 di 3 ANNO SCOLASTICO 2014-15 DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE INDIRIZZO AFM SIA RIM CLASSE BIENNIO TRIENNIO DOCENTI: DI MARCO LOREDANA, GIOFFREDI ANGELA, DI NANNO STEFANIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO 3-VICENZA DIPARTIMENTO DI RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazio ne nella madre lingua COMPETENZE SPECIFICHE Conoscere il

Dettagli

PRIMA LINGUA COMUNITARIA (LINGUA INGLESE) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

PRIMA LINGUA COMUNITARIA (LINGUA INGLESE) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA PRIMA LINGUA COMUNITARIA (LINGUA INGLESE) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L alunno comprende brevi messaggi orali e scritti relativi ad ambiti familiari. Descrive

Dettagli

Programmazione Collegiale Attività Didattiche Anno scolastico 2010-2011

Programmazione Collegiale Attività Didattiche Anno scolastico 2010-2011 Liceo Tecnico Chimica Industriale Meccanica Elettrotecnica e Automazione Elettronica e Telecomunicazioni Informatica Istituto Tecnico Tecnologico Statale Ex -Istituto Tecnico Industriale Statale Alessandro

Dettagli

Criteri di costruzione del curriculum verticale

Criteri di costruzione del curriculum verticale Criteri di costruzione del curriculum verticale 1. Integrazione degli obiettivi cognitivi con gli obiettivi motivazionali e relazionali 2. individuazione di aree disciplinari 3. sviluppo della trasversalità

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO A.S.

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO A.S. ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE AGRARIA E ALBERGHIERA G.RAINERI G.MARCORA Strada Agazzana, 35 P I A C E N Z A 0523 458929 0523 458938 @ pcis00200v@istruzione.it codice fiscale 80004680338 PIANO

Dettagli

P.D.P. PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO. Istituto

P.D.P. PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO. Istituto P.D.P. PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Per allievi con Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA-Legge 170/2010) Per allievi con altri Bisogni Educativi Speciali (BES-Dir. Min. 27/12/2012; C.M. n. 8 del

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CLASSE PRIMA: LINGUA ITALIANA, MATEMATICA, INGLESE

PROGRAMMAZIONE CLASSE PRIMA: LINGUA ITALIANA, MATEMATICA, INGLESE PROGRAMMAZIONE CLASSE PRIMA: LINGUA ITALIANA, MATEMATICA, INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere un messaggio e un testo Conoscere le regole comportamentali della

Dettagli

INGLESE PRIMO BIENNIO: CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA

INGLESE PRIMO BIENNIO: CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA INGLESE PRIMO BIENNIO: CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA - Comprendere semplici informazioni su argomenti relativi alla vita quotidiana. - Comprendere il significato globale di semplici messaggi e istruzioni.

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

INGLESE - SCUOLA PRIMARIA Classe 1 a

INGLESE - SCUOLA PRIMARIA Classe 1 a INGLESE - SCUOLA PRIMARIA Classe a comprendere testi di vario tipo. Colori Oggetti di uso comune Animali domestici Numeri (-0) Identificare la corrispondenza parole/immagini e viceversa di : colorioggetti-animali-numeri

Dettagli

IL CURRICOLO PER IL PRIMO CICLO D ISTRUZIONE SCUOLA PRIMARIA E

IL CURRICOLO PER IL PRIMO CICLO D ISTRUZIONE SCUOLA PRIMARIA E IL CURRICOLO PER IL PRIMO CICLO D ISTRUZIONE SCUOLA PRIMARIA E SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA - CLASSE PRIMA L apprendimento della lingua inglese permette all alunno di

Dettagli

Il mio Portfolio per. l apprendimento. dello spagnolo. Biografia linguistica Passaporto linguistico Dossier. 2005, Paravia Bruno Mondadori Editori

Il mio Portfolio per. l apprendimento. dello spagnolo. Biografia linguistica Passaporto linguistico Dossier. 2005, Paravia Bruno Mondadori Editori S C U O L A S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O Il mio Portfolio per l apprendimento dello spagnolo Biografia linguistica Passaporto linguistico Dossier 2005, Paravia Bruno Mondadori Editori Che

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO Tel. 031. 607321 - E-mail: sms.inverigo@tiscali.it - Sito: www.icsinverigo.gov.it Direzione e Segreteria dell Istituto Comprensivo: Via

Dettagli

PIANO DI STUDIO Anno Scolastico 2013 / 2014 CLASSE 2 A DOCENTE DANIELA MAZZA DISCIPLINA INGLESE SITUAZIONE DELLA CLASSE COMPOSIZIONE

PIANO DI STUDIO Anno Scolastico 2013 / 2014 CLASSE 2 A DOCENTE DANIELA MAZZA DISCIPLINA INGLESE SITUAZIONE DELLA CLASSE COMPOSIZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO "E. da Rotterdam Via Giovanni XXIII, 8-20080 - Cisliano (MI) C.M.: MIIC86900D Tel / Fax 02 9018574 e-mail: info@albaciscuole.it Internet: www.albaciscuole.it PIANO DI STUDIO Anno Scolastico

Dettagli

SCUOLA MEDIA STATALE ITALIANA DI MADRID PROGRAMMAZIONE DI LINGUA INGLESE Anno Scolastico 2014/15 Scuola secondaria di primo grado - Classe I C

SCUOLA MEDIA STATALE ITALIANA DI MADRID PROGRAMMAZIONE DI LINGUA INGLESE Anno Scolastico 2014/15 Scuola secondaria di primo grado - Classe I C SCUOLA MEDIA STATALE ITALIANA DI MADRID PROGRAMMAZIONE DI LINGUA INGLESE Anno Scolastico 2014/1 Scuola secondaria di primo grado - Classe I C Obiettivi educativi - Acquisire la consapevolezza della lingua

Dettagli

ITALIANO LINGUA SECONDA (SOZ-GYM / FOB-TOUR)

ITALIANO LINGUA SECONDA (SOZ-GYM / FOB-TOUR) L LGU SCD (SZ-GYM / FB-U) 1 biennio (classi 1 e 2 ) della scuola secondaria di secondo grado (2 = solo seconda classe L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO (1) ITALIANO L allievo interagisce in modo efficace in diverse situazioni comunicative, attraverso modalità dialogiche sempre rispettose delle idee degli altri; con ciò

Dettagli

PROGRAMMAZIONE LINGUA INGLESE ANNO SCOLASTICO 2012-2013. Classe Prima

PROGRAMMAZIONE LINGUA INGLESE ANNO SCOLASTICO 2012-2013. Classe Prima Presentazione della classe PROGRAMMAZIONE LINGUA INGLESE ANNO SCOLASTICO 2012-2013 Classe Prima All inizio dell anno scolastico vengono effettuate prove d ingresso e osservazioni sistematiche che permettono

Dettagli