ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AGGIUS SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Via Coltis, 17 Tel Fax

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AGGIUS SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Via Coltis, 17 Tel. 079 620310 Fax 079 620851"

Transcript

1 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AGGIUS SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Via Coltis, 17 Tel Fax DIRIGENTE SCOLASTICO: CHIARA MARIA ADDIS COLLABORATORI: Ghilò Agostina DIRETTORE DEI D SERVIZI AMMINISTRATIVI: Piga Ettore Aggius AglientU AglientU-Luogosanto PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S Sito web Scuole Primarie Scuola Secondaria di primo grado di Aggius tel Scuola Secondaria di primo grado di Aglientu tel Scuola Secondaria di primo grado di Luogosanto tel SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO Piano delle attività Assegnazione docenti Finalità Strategie e metodi Attività formativa Progetti - orientamento Sistema di valutazione Griglie di valutazione Patto di corresponsabilità SEDI CLASSI N ALUNNI TOT ORARIO AGGIUS giorni dalle ore 8,30 alle 13,30 Rientri: lunedì e mercoledì dalle ore 14,30 alle 16,30 Tempo prolungato AGLIENTU Pluricl giorni dalle 8,30 alle 13,30 LUOGOSANTO giorni dalle 8,30 alle 13,30 Rientro : lunedì e giovedì dalle14,20 alle 16,30 Tempo prolungato 1

2 FORMULAZIONE DELL ORARIO DEL PERSONALE DOCENTE: criteri I criteri per la predisposizione degli orari sono i seguenti: - predisporre l orario in modo da essere presenti a scuola per 18 ore; - orario didattico, teso a non caricare troppo alcuni giorni, come -ad esempio- il sabato; - giornata libera: indicare due giorni, in ordine di priorità; se non sarà possibile soddisfare tutti si procederà ad estrazione; - tutti, se necessario, una volta mattino e/o pomeriggio; - tutti almeno un pomeriggio. All inizio dell anno scolastico il Dirigente incarica un docente fiduciario, in ogni sede, per formulare l orario delle lezioni, che dovrà avere valenza didattica (tenere conto in primo luogo del carico giornaliero, cercando di variare le discipline) ma, allo stesso tempo, compatibile con l utilizzo degli insegnanti impegnati in più scuole o sedi, con un equilibrata distribuzione delle ore di lezione di ogni materia nell arco della settimana. L orario prevederà anche le ore delle attività di laboratorio e di mensa scelte dalle famiglie (che nella classe terza potranno anche comprendere ore di compresenza o contemporaneità dei docenti) e saranno articolate in 36/39 ore di attività didattica, con due/tre rientri pomeridiani. Nelle ore pomeridiane si cercherà, per quanto possibile, di inserire laboratori che prevedano attività complementari di ampliamento dell offerta formativa. L orario definitivo entra in vigore quando tutti gli insegnanti siano stati nominati, siano stati presi gli opportuni accordi con le altre scuole di servizio e sia assicurato il servizio di mensa (dove esiste). Per la scuola secondaria di primo grado l orario di cattedra è di 18 ore settimanali, distribuite in non meno di 5 giorni, pertanto i docenti possono fruire di una giornata libera da impegni di insegnamento (compatibilmente con le esigenze d orario). I docenti il cui orario di cattedra sia inferiore alle 18 ore settimanali sono tenuti al completamento dell orario di insegnamento, da realizzare mediante la sostituzione dei colleghi assenti, interventi didattici ed educativi integrativi (supporto in classe agli alunni in difficoltà), in attività di recupero, assistenza in mensa o rimanendo a disposizione per attività parascolastiche. 2

3 PROGRAMMAZIONE ATTIVITA FUNZIONALI ALL INSEGNAMENTO PIANO DELLE ATTIVITA anno scolastico Mesi AGGIUS AGLIENTU LUOGOSANTO Ottobre 2013 Venerdì 18 ( ore 15,00-18,00) Ottobre 2013 Martedì 22 elez. rapp. Genitori e incontro con le famiglie Novembre 2013 Dicembre 2013 COLLOQUI ( ore 16,00-17,30) Venerdì 22 ( ore 15,00-18,00) con i rapp. dei genitori Venerdì 6 colloqui con i genitori ore 15.30/18.00 Gennaio 2014 Venerdì 24 ( ore 15,00-18,00) con i rapp. dei genitori Febbraio 2014 SCRUTINI 1^ Q. Febbraio 2014 COLLOQUI Venerdì 7 scrutini 1 quad.stre (ore 15.00/18.00) (sede Aggius ) Venerdì 14 colloqui e visione schede ore 15.30/18.00 Marzo 2014 Venerdì 21 ( ore 15,00-18,00) con i rapp. dei genitori Aprile 2014 COLLOQUI Venerdì 11 Colloqui ore 16:00/18:30 Maggio 2014 Venerdì 16 (ore 15,00-18,00) Martedì 22 (ore 14,15-15,15) Martedì 22 elez. rapp. Genitori incontro con le famiglie ( ore 16,00-17,00) Mercoledì 20 (ore 14,15-15,30) con i rapp. dei genitori Mercoledì 4 colloqui con i genitori ore 15.00/17,00 Mercoledì 22 (ore 14,15-15,30) rapp. genitori Mercoledì 5 scrutini 1 quad.stre 14.30/15.30 (sede Aggius ) Mercoledì 12 colloqui e visione schede ore 15.00/17.00 Mercoledì 19 (ore 14,15-15,30) rapp. genitori Mercoledì 9 Colloqui Ore 15:00/ 16:30 Venerdì 23 (ore 14:30-15:30) Martedì 15 (ore 15,00-18,00) Martedì 22 elez. rapp. Genitori incontro con le famiglie (16,00-17,30) Martedì 26 (ore 15,00-18,00) rapp. genitori Martedì 10 colloqui con i genitori ore 15.30/18.00 Martedì 21 (ore 15,00-18,00) rapp. genitori Martedì 4 scrutini 1 quad.stre 15.00/18.00(sede Aggius ) Martedì 11 colloqui e visione schede ore 15.30/18.00 Martedì 18 (ore 15,00-18,00) rapp. genitori Martedì 15 Colloqui Ore 16,00-18,30 Martedì 20 (ore 15,00-18,00) Giugno 2014 SCRUTINI FINALI Giugno Mercoledì 11 Ore 15:30/19:00 (Sede Aggius) consegna delle schede data da stabilire Mercoledì 11 Ore 14:30/15:30 (Sede Aggius) consegna delle schede data da stabilire Martedì 10 15:00/18:30 (Sede Aggius) consegna delle schede data da stabilire 3

4 RIUNIONI DEL COLLEGIO DEI DOCENTI (Le date sono indicative e potrebbero essere modificate) Data Riunioni collegio docenti Ore 2/13 Settembre insediamento del collegio e avvio attività 10 ( vedi circ.re di convocazione) 11 ottobre 2013 approvazione P.O.F, progetti e piano 2 attività 13 Dicembre 2013 (valutazione intermedia attività didattica) 2 21 Febbraio 2014 iscrizione alunni, previsione organico / maggio 2014 adozione libri di testo/organizzazione 2 esame 30 Giugno 2014 valutazione finale attività varie 2 RAPPORTI SCUOLA - FAMIGLIA Colloqui collegiali nelle date stabilite (vedi calendario) Colloqui individuali dei docenti con le famiglie Previo appuntamento, o a richiesta dell insegnante, nel periodo ottobre 2013 maggio 2014, ogni docente assicura un ora alla settimana di colloqui individuali con le famiglie Altre modalità di comunicazione scuola-famiglia L ufficio di presidenza, i coordinatori di classe e i docenti assicurano ordinariamente la comunicazione scuola famiglia per il controllo di assenze, ritardi e valutazioni ecc. attraverso le annotazioni nei libretti personali degli studenti, le comunicazioni telefoniche, le comunicazioni scritte 4

5 ASSEGNAZIONE DOCENTI CLASSI E DISCIPLINE Aggius Aglientu Luogosanto NOME MATERIA NOME MATERIA NOME MATERIA Fara Giovanna Maria Lettere Idda Giovanna Lettere Deiana Maria Ignazia Lettere Ticca Francesca Lettere Chessa Maria Antonia Matematica Lentinu Maria Luisa Lettere Lentinu Maria Luisa Lettere Macciocco Tiziana Anna Inglese Deiana Maria Ignazia Lettere Bella Marcello Matematica Razzetti Anna Maria Spagnolo Orecchioni Annino Matematica Meloni M. Antonietta Matematica Ugnutu Leonardo Tecnica Fresu Sonia Matematica Serra Alessandro Inglese Sini Angela Ed artistica Serra Alessandro Inglese Alfonsa Antonella Francese sost. Aresu Francesco Ed. Fisica Razzetti Anna Maria Spagnolo Cherchi Alessandro Tecnica Amadori Roberto Ed musicale Cocco Albino Ed. Fisica Dessanti Giovanni Ed.Artistica Toni Angela Religione Contursi Massimo Musica Bruno Orlando Ed.Fisica Scavio Andrea Tecnica Deffenu Costantina Ed musicale Cauli Simona Arte Toni Angela Religione Amadori Roberto Sostegno Toni Angela Religione Plesso Aggius Aglientu Luogosanto Responsabile di plesso Fara Giovanna Maria Idda Giovanna Orecchioni Annino Plesso Classe Coordinatori Segretari Aggius Classe I A Fara G. M. Alfonsa Antonella Classe II A Meloni M.A. Lentinu M.Luisa Classe III A Ticca Bella Marcello Francesca Aglientu Pluriclasse Idda Giovanna Chessa M.Antonia Luogosanto Classe I A Lentinu Serra A. Classe II A Deiana Cauli S. Classe III A Stangoni Orecchioni Annino Plesso Collaboratore scolastico Aggius Aglientu Luogosanto Mela Leonardo Pinducciu Pierina Angius Fulvia Scampuddu Piera Agostina 5

6 SCUOLA DEL PRIMO CICLO Il primo ciclo d istruzione comprende la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado. Esso ricopre un arco di tempo fondamentale per l apprendimento e per la costruzione dell identità degli alunni, nel quale si pongono le basi e si sviluppano le competenze indispensabili per continuare ad apprendere a scuola e lungo l intero arco della vita. La finalità del primo ciclo è la promozione del pieno sviluppo della persona. Per realizzarla la scuola concorre con altre istituzioni alla rimozione di ogni ostacolo alla frequenza; cura l accesso facilitato per gli alunni con disabilità; previene l evasione dell obbligo scolastico e contrasta la dispersione; persegue con ogni mezzo il miglioramento della qualità di istruzione. In questa prospettiva la scuola accompagna gli alunni nell elaborare il senso della propria esperienza, promuove la pratica consapevole della cittadinanza attiva e l acquisizione degli alfabeti di base della cultura. La Scuola Secondaria di primo grado rappresenta la fase in cui si realizza l accesso alle discipline come punti di vista sulla realtà e come modalità di interpretazione, simbolizzazione e rappresentazione del mondo. Vengono favorite una più appropriata padronanza delle discipline e una articolata organizzazione delle conoscenze, nella prospettiva della elaborazione di un sapere integrato. Le competenze sviluppate nell ambito delle singole discipline concorrono a loro volta alla promozione di competenze più ampie e trasversali, che rappresentano una condizione essenziale per la piena realizzazione personale e per la partecipazione attiva alla vita sociale. Finalità Generali La Scuola Secondaria di primo grado costituisce il secondo segmento dell istruzione del primo ciclo ed è chiamata a: promuovere lo sviluppo della personalità nel rispetto delle diversità; favorire la crescita delle capacità autonome di imparare ad apprendere e di studio; aiutare ad orientarsi per la successiva scelta di istruzione e formazione professionale. 6

7 LE STRATEGIE, I METODI Scuola Secondaria di primo grado persegue efficacemente le finalità che le sono assegnate nella misura in cui si costituisce un contesto idoneo a promuovere apprendimenti significativi e a garantire il successo formativo per tutti gli alunni. A tal fine è possibile individuare alcune impostazioni metodologiche di fondo: Valorizzare l esperienza e le conoscenze degli alunni, per ancorarvi nuovi contenuti. Nel processo di apprendimento l alunno porta la ricchezza di esperienze e conoscenze, si presenta con una dotazione di informazioni, abilità, modalità di apprendere, che l azione didattica può richiamare, esplorare, problematizzare. In questo modo l allievo riesce a dare senso e significato a ciò che va imparando. Attuare interventi adeguati nei riguardi delle diversità, per fare in modo che non diventino disuguaglianze. La scuola deve progettare e realizzare percorsi didattici specifici per rispondere ai bisogni educativi degli allievi. Particolare attenzione va rivolta agli alunni con cittadinanza non italiana e agli alunni con disabilità. Favorire l esplorazione e la scoperta, al fine do promuovere la passione per la ricerca di nuove conoscenze sollecitando gli alunni a individuare problemi,, a sollevare domande, a trovare soluzioni anche attraverso un pensiero divergente e creativo. Incoraggiare l apprendimento collaborativo, con forme di interazione e collaborazione che possono essere introdotte sia all interno della classe sia attraverso la formazione di gruppi di lavoro con alunni di classi e di età diverse. Promuovere la consapevolezza del proprio modo di apprendere, al fine di imparare ad apprendere, riconoscendo le difficoltà incontrate, prendendo atto degli errori commessi e riconoscendo i propri punti di forza. Ogni alunno va posto nelle condizioni di capire il compito assegnato, valutare le difficoltà e stimare le proprie abilità. Realizzare percorsi in forma di laboratorio per favorire l operatività. Il laboratorio incoraggia la sperimentazione e la progettualità, coinvolge gli alunni nel pensare-realizzare-valutare attività vissute e condivise con altri. Per conseguire al meglio gli obiettivi cognitivi e formativi è indispensabile che tutti i docenti siano concordi sugli atteggiamenti da tenere nei confronto di ogni classe o di ogni gruppo trasversale alle classi, e precisamente: dialogo aperto e franco con ogni alunno, rispetto delle opinioni altrui, piena collaborazione con le famiglie, fermezza e solidarietà tra docenti. Costituiscono metodi generali di lavoro : la lettura; l ascolto; la consultazione di fonti diverse; la discussione in classe o nel gruppo; le correzioni individuali e collettive; i lavori di gruppo; le ricerche guidate; gli esperimenti e le realizzazioni pratiche; l uso costante dei sussidi in dotazione ai singoli plessi in cui è articolata la scuola; le indagini sul territorio; l uso di tecnologie multimediali; le visite d istruzione; le attività sportive; e le attività di drammatizzazione. L azione didattica è improntata anche al metodo scientifico e cerca di sollecitare gli alunni, in qualsiasi momento o contesto didattico- disciplinare, a formulare ipotesi, a condurre verifiche, ad operare confronti, ad esprimere convinzioni e dubbi, ad esercitare gli apprendimenti acquisiti (questionari aperti o chiusi, relazioni, sintesi, grafici, ). Il lavoro prevalente viene svolto in classe e non a casa da parte degli alunni: occorre evitare di finalizzare ogni lezione ed ogni attività ad una verifica arida, e sostanzialmente improduttiva, del lavoro effettuato dagli alunni a casa,il più delle volte in maniera superficiale e meccanica. E bene ricordare sempre che le esercitazioni domestiche degli alunni sono e devono essere considerate tali e non di più. Le stesse, opportunamente individualizzate, vanno sapientemente dosate, evitando carichi di lavoro inutili e dispersivi agli alunni, specialmente nei pomeriggi in cui sono impegnati in rientri a scuola. Peraltro l individualizzazione degli interventi deve sempre caratterizzare ogni azione del docente: dall accertamento, mediante costanti prove di verifica iniziale e periodica, degli effettivi livelli di sviluppo cognitivo di ogni alunno alla proposta di obiettivi didattici, alla somministrazione di contenuti, fino alla valutazione formativa e sommativi 7

8 Attività Formativa L attività formativa, ispirandosi alle Indicazioni Nazionali, è suddivisa complessivamente in otto fasi, di cui cinque (dalla seconda alla sesta ) costituiscono essenzialmente attività di programmazione, due di valutazione (la prima e l ultima) ed una (la settima) consiste nella realizzazione esecutiva dell itinerario didattico-formativo. Le fasi fondamentali dell attività formativa sono, perciò, le seguenti: valutazione analisi del contesto e accertamento dei livelli d apprendimento; programmazione definizione e analisi degli obiettivi didattici; selezione e organizzazione dei contenuti; scelta e definizione dei metodi; scelta e allestimento dei materiali e degli strumenti; strutturazione propedeutico-sequenziale del processo di apprendimento-insegnamento; esecuzione allestimento e realizzazione delle attività didattiche; valutazione verifica e valutazione dei risultati (controllo sistematico e misurazione del processo di apprendimento e dei comportamenti; valutazione collegiale quadrimestrale e finale ). Queste fasi non si succedono l una all altra secondo tale ordine, ma possono alternarsi fra loro e susseguirsi secondo un ordine diverso, in relazione alle esigenze che di volta in volta emergono dalla messa in atto dell itinerario didattico programmatico. 8

9 IL CURRICOLO DELLE CLASSI 1ª - 2 ª - 3 ª Secondo l attuale normativa ministeriale relativa alla programmazione didattica ed alla organizzazione del curricolo nella scuola del primo ciclo, ogni scuola predispone il proprio curricolo in piena autonomia, purché nel rispetto delle finalità, dei traguardi per lo sviluppo delle competenze, degli obiettivi di apprendimento posti dalle Indicazioni stesse. Nella scuola del primo ciclo la progettazione didattica promuove l organizzazione degli apprendimenti in maniera progressivamente orientata ai saperi disciplinari, promuovendo la ricerca delle connessioni fra i saperi disciplinari e la collaborazione fra i docenti. La programmazione nelle singole discipline avrà come punto di riferimento gli Obiettivi di apprendimento da raggiungere al termine della classe terza della scuola secondaria di primo grado, a loro volta finalizzati al raggiungimento dei Traguardi per lo sviluppo delle competenze previste a conclusione del primo ciclo d'istruzione. Il curricolo nella scuola secondaria di 1 grado prevede la seguente distribuzione oraria: Discipline 0re Attività Educative Mensa Italiano 8 Storia 3 Geografia 2 Matematica 6 Scienze 2 Tecnologia 2 Inglese 3 Seconda lingua 2 comunitaria Arte ed immagine 2 Musica 2 Scienze motorie e 2 sportive Religione 1 Totale 36 2 Totale ore settimanali: 36 36x33=1188 9

10 TEMPO PROLUNGATO: attività laboratoriali iniziative di recupero e potenziamento iniziative di orientamento Introduzione La necessità di un offerta formativa che garantisca l uguaglianza di opportunità comporta l impegno di attivare una didattica che privilegi progettualità e creatività di alunni e docenti. A tale scopo, propone una maggiore integrazione delle iniziative sperimentali e di laboratorio, con diversificazione dei percorsi, in rapporto alle esigenze dell utenza, secondo i seguenti criteri: uso flessibile di risorse e un organizzazione scolastica non rigidamente definita nel gruppo classe; uso di attività laboratoriali: informatica, drammatizzazione, valorizzazione della lingua gallurese, attività corale, ambiente, sport, ampliamento e approfondimento, recupero; uso della continuità come strumento di orientamento e miglioramento dell offerta formativa; sperimentazione di diverse forme di innovazione didattica, mettendo in collaborazione le scuole dei diversi comuni che fanno parte dell Istituto Comprensivo; realizzazione di attività opzionali e di ampliamento dell offerta formativa. Nell Istituto Comprensivo la Scuola secondaria di 1 grado di Aggius e di Luogosanto è orientata tradizionalmente a mantenere un tempo prolungato (opportunità molto importante nel processo educativo del territorio) articolato in 36 ore, più il tempo mensa. Iniziative di Recupero/Potenziamento Sono tutte quelle attività che, proposte dai docenti (sulla base dei criteri generali indicati dal Collegio dei docenti e del Consiglio di Istituto), il Consiglio di classe ritiene necessario adottare al fine di colmare i divari di partenza tra gli alunni. Tutte le iniziative saranno svolte dai docenti in servizio nella scuola non solo nell ambito delle attività opzionali facoltative, ma -se necessario- con attività aggiuntive di insegnamento e con attività aggiuntive funzionali all insegnamento. Il Recupero sarà attivato soprattutto per incentivare la partecipazione degli alunni in difficoltà, così da garantire a tutti pari opportunità e contrastare le difficoltà di apprendimento e la dispersione scolastica. Progetti attività di Istituto Piano dei progetti e delle attività A. S. 2013/2014 Orientamento Un pallone nello zaino Atti di culto e tradizioni religiose Ulisse: viaggio istruzione e visite guidate Scuola Secondaria Agghju meu agghju meu Orto biologico Aggius Luogosanto 10

11 ORIENTAMENTO SCOLASTICO L orientamento è uno degli aspetti più significativi e qualificanti della scuola dell obbligo a partire da quella dell infanzia. E un processo multifattoriale che coinvolge fattori insiti nel soggetto, quali le sue capacità, i suoi interessi e desideri che vanno messi a confronto con la realtà esterna. Nel campo educativo orientare significa rendere una persona capace di autorientarsi. In quest ottica la scelta del proseguimento degli studi rappresenta quindi solo la conclusione di un processo articolato in momenti specifici ben definiti. L alunno viene pertanto guidato a scoprire progressivamente: Chi è; Che cosa lo interessa; quali sono le sue aspirazioni; Quale realtà lo circonda; Che cosa sa fare; E, infine, quali sono le possibilità che gli offre il mondo del lavoro attraverso gli istituti scolastici di istruzione secondaria di secondo grado. Orientamento scolastico e professionale, formativo e informativo La scuola organizza l osservazione del territorio e del mondo del lavoro nei suoi vari settori nel corso del triennio della scuola secondaria di primo grado. Nel terzo anno si prendono accordi con tutti gli Istituti della scuola secondaria di secondo grado, raggiungibili con i mezzi pubblici dalle tre sedi interessate: Aggius, Aglientu, Bortigiadas, Luogosanto. Si stabilisce di portare gli alunni a visitare le scuole che svolgono attività di laboratorio mentre si invitano i responsabili dell orientamento dei Licei ad esporre i piani di studio, direttamente nelle classi. Gli Istituti contattati sono tutti quelli presenti a Tempio; per Aglientu e Luogosanto si prevedono visite ad Arzachena; per Aggius l Istituto per l Agricoltura di Perfugas. E prevista la visita all IPIA di Calangianus per tutti i plessi. 11

12 IL SISTEMA DI VALUTAZIONE gli insegnanti compete la responsabilità della valutazione e la cura della documentazione didattica, nonché la scelta dei relativi strumenti nel quadro dei criteri deliberati dai competenti organi collegiali. La valutazione precede, accompagna e segue i percorsi curricolari. Attiva le azioni da intraprendere, regola quelle avviate, promuove il bilancio critico su quelle portate a termine. Assume una preminente funzione formativa, di accompagnamento dei processi di apprendimento e di stimolo al miglioramento continuo. La valutazione degli alunni, intesa sia come verifica dei risultati, sia come valutazione dei processi cognitivi, è orientativa e sarà preceduta da opportune prove di controllo / verifica effettuate nell ambito degli specifici settori di apprendimento/insegnamento e sarà strettamente collegata alla programmazione educativa e didattica. questionari prove soggettive prove pratiche test oggettivi colloqui con gli alunni (interrogazioni) Gli strumenti di verifica saranno rappresentati da: Tali strumenti saranno opportunamente integrati da osservazioni sistematiche significative. I risultati delle verifiche periodiche saranno utilizzati ai fini della valutazione quadrimestrale per gli opportuni adeguamenti, oltre che per eventuali interventi di recupero e di sostegno. La valutazione globale terrà conto della situazione di partenza, delle reali capacità dell alunno, dell impegno dimostrato e dell efficacia dell azione formativa, considerate le condizioni ambientali, fisiche e psichiche. Costituiscono oggetto della valutazione periodica annuale: gli apprendimenti: riguardano i livelli raggiunti dagli allievi nelle conoscenze-abilità individuate dagli obiettivi di apprendimento per le diverse discipline. il comportamento dell alunno: viene considerato in ordine al grado di interesse e alle modalità di partecipazione alla comunità educativa della classe e della scuola, all impegno e alla capacità di relazione con gli altri. Quest anno scolastico, l Istituto Comprensivo di Aggius, in merito alla sperimentazione delle nuove Indicazioni per il curricolo, ha programmato le seguenti scelte: programmazione bimestrale articolata sulle basi degli obiettivi di apprendimento stabiliti dalle nuove Indicazioni. Valutazione quadrimestrale su schede da predisporre. 12

13 Modalità di valutazione La valutazione dei livelli consta di alcuni punti di riferimento: Le prove d ingresso relative alla verifica degli apprendimenti pregressi saranno concordate dagli insegnanti della scuola media con i docenti della scuola elementare in un incontro programmato prima dell inizio delle lezioni. La valutazione si articola secondo 3 fasi fondamentali: 1^ fase ( sett. - ott.): - Somministrazione delle prove d ingresso. Correzione dei dati Compilazione del modello situazione di partenza e interventi programmati al fine di valutare la situazione di partenza dell alunno e quindi di individuare gli interventi didattici di recuperoconsolidamento - potenziamento necessari per una ulteriore evoluzione,. 2^ fase (1 quadr.) Somministrazione delle prove disciplinari di verifica orale e scritta; Compilazione della scheda personale relativa al 1 quadrimestre 3^ fase (2 quadr.) Somministrazione delle prove disciplinari di verifica orale e scritta; Compilazione della scheda relativa al 2 quadrimestre. La valutazione periodica e annuale degli apprendimenti effettuata in decimi, spetta ai soli docenti responsabili degli insegnamenti compresi nell orario annuale delle lezioni. Gli esperti, eventualmente impiegati nello svolgimento delle attività aggiuntive finalizzate all ampliamento dell offerta formativa, devono relazionare il lavoro svolto e il loro giudizio non è vincolante per la valutazione. I docenti di sostegno, contitolari della classe, partecipano alla valutazione di tutti gli alunni. Nel caso in cui l ammissione alla classe successiva sia deliberata anche in presenza di carenze nel raggiungimento degli obiettivi di apprendimento, la scuola provvede ad inserire una specifica nota al riguardo nel documento individuale di valutazione ed a trasmettere quest ultimo alla famiglia dell alunno. STRUMENTI PER LA VALUTAZIONE L attestazione dei traguardi via via raggiunti negli apprendimenti sarà affidata a sobrie schede di valutazione. La scheda di valutazione personale dell alunno elaborata dall Istituto garantisce la valutazione degli apprendimenti conseguiti nelle diverse discipline e del comportamento degli alunni.. Le valutazioni quadrimestrali sono espresse in decimi. Il voto in condotta è determinante per l ammissione alla classe successiva. Al termine di ciascun ciclo di istruzione verrà rilasciato il Certificato delle Competenze con votazione espressa in decimi. 13

14 INDICATORI VALUTATIVI Complete, approfondite, ampliate e personalizzate Complete, approfondite, ampliate Complete, approfondite e ampliate Complete e sicure Semplici ma corrette Superficiali Frammentarie e incomplete Pochissime o nessuna ABILITÀ COMPETENZE VOTI Sa cogliere e stabilire relazioni in problematiche complesse, operando collegamenti fra discipline, esprimendo valutazioni critiche, originali e personali. Sa cogliere e stabilire relazioni in problematiche complesse, operando collegamenti fra discipline ed esprimendo valutazioni critiche e originali. Sa cogliere e stabilire relazioni nelle varie problematiche; effettua analisi e sintesi complete, coerenti e approfondite. Sa cogliere e stabilire relazioni nelle problematiche note; effettua sintesi adeguate e coerenti. Sa cogliere e stabilire relazioni nelle problematiche semplici; mostra un elementare ma pertinente capacità di analisi e sintesi. Sa effettuare analisi e sintesi ; tuttavia, opportunamente guidato riesce a organizzare le conoscenze in situazioni molto semplici. Sa effettuare analisi solo parziali, mostra difficoltà di sintesi e riesce ad organizzare qualche conoscenza solo se opportunamente guidato. Non sa effettuare analisi e sintesi e non riesce ad organizzare le poche conoscenze, neanche se opportunamente guidato. Esegue compiti complessi; sa applicare con la massima precisione contenuti e procedure in qualsiasi nuovo contesto. Esegue compiti complessi; sa applicare con precisione contenuti e procedure in vari contesti. Esegue compiti complessi; sa applicare contenuti e procedure anche in contesti non usuali. Esegue compiti di una certa complessità, applicando con coerenza le giuste procedure. Esegue compiti semplici, applicando le conoscenze acquisite nei contesti usuali. Esegue semplici compiti ma commette qualche errore; ha difficoltà ad applicare le conoscenze acquisite Esegue solo compiti piuttosto semplici e commette errori nell applicazione delle procedure. Non riesce ad applicare neanche le poche conoscenze di cui è in possesso

15 CRITERI DI VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO DEGLI ALUNNI 10 Molto corretto nei comportamenti con i docenti, con i compagni, con il personale della scuola. Sempre responsabile nell utilizzo del materiale, sempre puntuale nelle consegne e rispettoso delle strutture scolastiche. 9 Corretto nei comportamenti con i docenti, con i compagni, con il personale della scuola. Responsabile nell utilizzo del materiale, puntuale nelle consegne e rispettoso delle strutture scolastiche. 8 Comportamento sostanzialmente corretto con i docenti, con i compagni, con il personale della scuola. Sostanzialmente responsabile nell utilizzo del materiale, abbastanza puntuale nelle consegne e rispettoso delle strutture scolastiche. 7 Comportamento talvolta poco corretto con i docenti, con i compagni, con il personale della scuola. Talora poco responsabile nell utilizzo del materiale, non sempre puntuale nelle consegne. Qualche episodio di disturbo dell attività didattica. 6 Comportamento frequentemente scorretto nei confronti dei docenti, dei compagni, del personale della scuola. Negligente nell utilizzo del materiale. Assolve le consegne in modo superficiale e incostante. Frequenti episodi di indisciplina con conseguenti note sul registro. 5 Comportamento molto scorretto nei confronti dei docenti, dei compagni, del personale della scuola. Frequentemente irresponsabile nell utilizzo del materiale. Numerosi episodi di indisciplina con conseguenti note sul registro e/o allontanamento temporaneo dalla scuola. Mancanza di miglioramento dopo i provvedimenti. 15

16 PATTO DI CORRESPONSABILITA ALUNNO/A DOCENTI FAMIGLIA Io,sottoscritto/a. si impegna a raggiungere i seguenti obiettivi: Gli insegnanti della classe.., per aiutare l alunno/a a raggiungere i suoi obiettivi, devono: I genitori di per aiutarlo/a a raggiungere i suoi obiettivi, devono : Rispettare il Regolamento d Istituto Tenere un comportamento corretto a scuola Portare tutto il materiale necessario per le lezioni Rispettare le consegne degli insegnanti Prestare attenzione durante la lezione e collaborare attivamente con impegno e serietà Svolgere le attività proposte in classe e a casa Accettare consapevolmente gli altri, tollerando e rispettando le opinioni e i modi diversi di essere Rispettare il Regolamento d Istituto Ascoltare con la massima disponibilità le esigenze e le opinioni dei ragazzi Illustrare e motivare i contenuti, i metodi e gli obiettivi del proprio insegnamento Tener conto delle difficoltà degli alunni Rispettare i ritmi di attenzione e di apprendimento Accertarsi che l alunno abbia compreso chiaramente le lezioni Dare compiti anche differenti commisurate alle abilità degli alunni Dosare i carichi di lavoro in modo che non risultino eccessivi, con particolare riferimento ai giorni successivi a quelli con lezioni pomeridiane Comunicare a breve termine le valutazioni (voti e giudizi) delle prove orali e scritte (i risultati delle prove scritte o pratiche saranno comunicate entro 15 giorni dalla loro effettuazione, a seconda della disciplina, salvo motivate esigenze) Tenere informata con regolarità la famiglia sulla situazione scolastica dell alunno allo scopo di favorire la collaborazione e per affrontare e risolvere eventuali problemi. Rispettare il Regolamento d Istituto Favorire l autonomia personale del proprio figlio attraverso l educazione al rispetto ed alla cura della persona sia nell igiene che nell abbigliamento, decoroso e adeguato all ambiente scolastico Giustificare puntualmente le assenze Assicurare la regolarità di frequenza del proprio figlio sia al mattino sia nella giornata di rientro pomeridiano. Si rammenta che per la valutazione finale è richiesta la frequenza di almeno i ¾ dell orario scolastico annuale Sostenere il figlio nel mantenimento degli impegni scolastici e non sostituirsi a lui quando è in difficoltà nell eseguire i compiti assegnati per casa Informare la scuola in caso di problemi che possano incidere sulla situazione scolastica del ragazzo Essere disponibili ad assicurare la frequenza a corsi di recupero e di potenziamento nel caso siano ritenuti necessari dal Consiglio di Classe. Controllare che il/la figlio/a svolga i compiti assegnati per casa Firma alunno Firma degli insegnanti Firma dei genitori 16

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO Al Dirigente del Dipartimento Istruzione

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 3 SAN BERNARDINO BORGO TRENTO Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente Via G. Camozzini, 5 37126 Verona (VR) Tel.

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 DOMANDA DI ISCRIZIONE Al Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 _l_ sottoscritt in qualità di padre

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri La documentazione Dall ICF alla DF al PDF al PEI La Diagnosi Funzionale (DF) 1. Utilizzo degli items di ICF nella definizione

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario Prot. Novara, 20 luglio 20 OGGETTO: CALENDARIO DEGLI IMPEGNI DI SETTEMBRE 20 Date Impegni Orario 1 settembre Collegio Docenti :00 2 settembre Prove studenti con giudizio sospeso (vedi elenco) 8:30 3 settembre

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze VISTO il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, recante approvazione del testo

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14 STTUTO COMPRENSVO UGO FOSCOLO SCUOLA SECONDARA D 1 GRADO PANO ANNUALE DELLE ATTVTA' A.S. 2013/14 PROT. N. 5991 /A-19 Vescovato, 19/09/2013 Data Giorno Sedi scolastiche Classi Orario Durata ATTVTA' COLLEGO

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO DI PASIAN DI PRATO Pasian di Prato (UD) - Via Leonardo da Vinci, 23 - C.A.P. 33037 tel/fax: 0432 699954 e-mail: ddpasian@tin.it udic856004@istruzione.it udic856004@pec.istruzione.it

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Scheda di lettura del contratto annuale integrativo del 15 luglio 2010. Di cosa si tratta Si tratta della possibilità

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali. Il sistema educativo italiano

Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali. Il sistema educativo italiano Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali Il sistema educativo italiano 29 Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca (MIUR)

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA - SITUAZIONE DI PAR ARTENZA TENZA: L analisi della situazione di partenza ha mirato a rilevare il possesso di prerequisiti considerati fondamentali per l individuazione

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli