Lettera del dirigente scolastico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lettera del dirigente scolastico"

Transcript

1

2 Lettera del dirigente scolastico Gentili signore e signori, quest anno presentiamo un Piano dell offerta formativa del nostro Istituto profondamente rinnovato. Come già negli anni scorsi, è nostra intenzione fornire informazioni sull organizzazione del nostro Istituto e dare precise indicazioni sui percorsi educativi che in esso vengono sviluppati, ma, più ancora che in passato, vogliamo farlo con la massima chiarezza e trasparenza. Siamo convinti che, oggi più che mai, la scuola sia chiamata a dare risposte concrete alle molteplici esigenze di una società complessa e in vorticosa evoluzione. Il Collegio dei docenti ha, pertanto, analizzato con attenzione i cambiamenti culturali e sociali che stanno avvenendo nella nostra realtà territoriale ed ha elaborato un offerta formativa ricca e in linea con la normativa vigente. L art.3 del Regolamento in materia di autonomia delle Istituzioni scolastiche definisce il POF come il documento fondamentale costitutivo dell identità culturale e progettuale delle istituzioni scolastiche. Esso esplicita, inoltre, la progettazione educativa, didattica e organizzativa che le singole istituzioni adottano nell ambito della loro autonomia. Ebbene, il nostro POF riunifica ed armonizza in un disegno organico le diverse attività ed i diversi progetti che si intendono realizzare ed esplicita le strategie organizzative e gestionali ritenute funzionali al conseguimento degli obiettivi fissati. Esso, inoltre, è in linea con le Indicazioni nazionali del 2012 ed è basato sul rispetto di tutti e di ciascuno, in quanto si propone di aiutare gli alunni a crescere puntando al loro successo formativo:il nostro obiettivo è quello di sviluppare nella coscienza dei nostri allievi, in rapporto all età e al loro sviluppo psicofisico, la motivazione, il desiderio di imparare, il senso di appartenenza al nostro Paese. Per ottenere tale risultato siamo impegnati a predisporre un ambiente scolastico adeguato in cui gli alunni si sentano protagonisti del proprio percorso culturale e formativo. La realizzazione del POF è sicuramente un impegno molto serio per tutti, alunni, docenti e personale ATA e richiede la collaborazione dell Amministrazione comunale, di tutte le realtà del territorio e delle famiglie: se ognuno, nel rispetto dei ruoli e delle competenze, svolgerà con professionalità e passione il proprio compito, certamente i nostri ragazzi saranno persone preparate ad affrontare con gli strumenti più idonei la sfida del futuro. LA DIRIGENTE SCOLASTICA

3 ANALISI DEL CONTESTO SOCIO-CULTURALE DEI BISOGNI EDUCATIVI E FORMATIVI Il nostro Istituto si trova ad operare in una realtà estremamente eterogenea per quanto riguarda l estrazione socio-economica degli alunni. Sul territorio comunale l attività primaria è il turismo, con numerosi alberghi ed altre strutture ricettive (villaggi turistici, ristoranti, agriturismi, bed & breakfast, bar e pasticcerie, pub, stabilimenti balneari, agenzie di viaggi, ecc.). Legate al settore turistico vi sono molte società fornitrici di servizi (autonoleggi, garage, noleggio barche, grossisti di bevande ed alimenti, manutentori di attrezzature) e, sempre in relazione al turismo, è sviluppato anche il commercio. Completano il panorama delle attività economiche alcune fabbriche di mattoni refrattari per forni e camini, un'antica cereria, una segheria con commercio all'ingrosso di legni pregiati (noce), distillerie di liquori, frantoi oleari. Le aziende agricole di tipo tradizionale, dopo un periodo di recessione, stanno riscoprendo la loro identità, grazie alla produzione del Limoncello (tipico liquore locale), all organizzazione per la commercializzazione del limone sorrentino, e all attività agrituristica. A queste attività tipiche del territorio vanno naturalmente aggiunte tutte quelle legate al libero professionismo, all impiego pubblico e privato e a vari tipi d imprenditoria. Il contesto sociale, come ormai si verifica nella odierna società fluida, è fondato spesso su rapporti instabili e superficiali, fortemente influenzati dalla cultura dei mass media. La scuola resta il principale punto di riferimento culturale e sociale per la popolazione, affiancata anche dalla Parrocchia, da alcune associazioni culturali e di volontariato e soprattutto dall Amministrazione Comunale,che interviene con attive forme di collaborazione. In un ottica più ampia, va rilevato che negli ultimi anni è andato delineandosi un nuovo scenario sociale e culturale che si connota per specifiche caratteristiche: ricchezza e coesistenza di stimoli culturali, talvolta anche contraddittori; orizzonti territoriali allargati; diffusione di tecnologie di informazione e comunicazione in continua evoluzione; progressivo cambiamento della relazione tra il sistema formativo e il mondo del lavoro. La nostra scuola intende dare, attraverso il POF, risposte ai bisogni formativi fondamentali degli allievi dai 3 ai 14 di questa specifica realtà, connotandosi come

4 comunità che aiuta l alunno a crescere, a maturare e a far proprie le conoscenze in un sapere organico, in modo che si trasformino in competenze permanenti. PROGETTO EDUCATIVO (VISION) Gli Organi collegiali responsabili dei processi formativi hanno individuato i seguenti obiettivi di formazione: scuola che colloca nel mondo; scuola formativa in una dimensione culturale, non settoriale; scuola della pluralità e della valorizzazione dell identità di ogni soggetto; scuola della motivazione e del significato; scuola dell inclusione, dell integrazione e dell attenzione ai disagi e al recupero degli svantaggi; scuola della relazione educativa; scuola della valorizzazione delle eccellenze; scuola che educa alla trasparenza.

5 FINALITÀ EDUCATIVE (MISSION) Le scelte educative della scuola, espresse nelle programmazioni dei Consigli di classe e negli interventi personalizzati, mirano a soddisfare i bisogni dell alunno, al fine di contribuire alla realizzazione della sua persona in tutta la sua complessità ed al raggiungimento del successo scolastico. Tali scelte si concretizzano attraverso il seguente percorso: rilevare, analizzare, definire i bisogni formativi dell utenza e del territorio; elaborare il Piano come risposta della scuola ai bisogni emersi; promuovere un efficace rapporto di comunicazione e collaborazione scuola - famiglia - territorio, valorizzando ogni sinergia; individuare le linee guida delle attività curricolari, extracurricolari, integrative, utilizzando opportunamente tutte le risorse e gli strumenti della scuola dell Autonomia; favorire tutte le iniziative atte a promuovere il conseguimento del successo formativo e l integrazione; prevenire e recuperare fenomeni di disagio, di dispersione e situazioni di handicap; favorire l inserimento e l integrazione degli alunni stranieri; predisporre adeguati strumenti di monitoraggio, verifica e valutazione del P.O.F.

6 CARATTERISTICHE DISTINTIVE DEL POF Crescere insieme vuol dire: imparare a conoscere, per acquisire gli strumenti della conoscenza e della comprensione; imparare a fare, per essere capaci di agire creativamente nel proprio ambiente; imparare a vivere insieme, per partecipare e collaborare con gli altri in tutte le attività umane; imparare ad essere, per sviluppare le proprie potenzialità e per agire con crescente autonomia. A tal fine, il nostro Istituto progetta e realizza interventi educativi e formativi differenziati, tali da garantire "flessibilità, diversificazione, efficienza ed efficacia del servizio scolastico, integrazione e miglior utilizzo delle risorse e delle strutture, introduzione di tecnologie innovative e coordinamento con il contesto territoriale". Pertanto, tutte le scelte educative effettuate dalla nostra scuola sono finalizzate ad offrire agli alunni opportunità aggiuntive, da spendere nel proseguimento della proprio percorso scolastico e lavorativo. In particolare, per l anno scolastico in corso, il nostro Istituto ha scelto di: arricchire i contenuti del programma di storia della Scuola primaria, usufruendo della quota del 20% da dedicare alla storia locale, come previsto dalle Indicazioni Nazionali (Progetto storia); lavorare per gruppi di livello fra classi parallele, offrendo così a ciascun alunno l opportunità di procedere nel rispetto delle proprie potenzialità. Inoltre, la nostra scuola offre: Inglese in orario curricolare per tutti i bambini che frequentano l ultimo anno di Scuola dell infanzia Potenziamento di inglese in orario extracurricolare per gli alunni della Scuola primaria Francese in orario extracurricolare per gli alunni della Scuola primaria Potenziamento di inglese per gli alunni della Scuola secondaria di I grado con possibilità di conseguimento di certificazione Trinity Potenziamento di francese per gli alunni della Scuola secondaria di I grado con possibilità di conseguimento di certificazione Delf Tedesco e spagnolo in orario extracurricolare, con docente madrelingua, per gli alunni della Scuola secondaria di I grado Avviamento allo studio della musica ed al suono di uno strumento (flauto dolce) per gli alunni della Scuola primaria Avviamento allo studio della musica ed al suono di uno strumento(a scelta tra pianoforte, violino, chitarra e percussioni) per gli alunni della Scuola secondaria di I grado

7 Le nostre scelte educative sono in linea con le nuove "Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell'infanzia e del primo ciclo d'istruzione" del 4 settembre 2012 che, in base al Regolamento del 16/11/2012, sostituiscono le precedenti Indicazioni del Questo documento sottolinea la necessità di una formazione scolastica che ponga l alunno in grado di orientarsi e di agire con autonomia e consapevolezza come cittadino dell Italia e dell'europa. Diventano, dunque, obiettivi generali del processo formativo per gli alunni del primo ciclo d'istruzione le "competenze-chiave per l'apprendimento permanente" definite dal Parlamento europeo e dal Consiglio dell'unione europea (Raccomandazione del 18/12/2006): comunicazione nella madrelingua, comunicazione nelle lingue straniere, competenza matematica e competenze di base in scienza e tecnologia, competenza digitale, imparare ad imparare, competenze sociali e civiche, spirito di iniziativa ed imprenditorialità, consapevolezza ed espressione culturale. Il POF del nostro Istituto si colloca nel panorama normativo e socio-culturale di riferimento a più livelli: europeo, adottando le "competenze-chiave per l'apprendimento permanente" definite dal Parlamento europeo, come obiettivi generali del processo formativo degli alunni ed accedendo ai Fondi strutturali europei con l attuazione di una vasta gamma di progetti PON; intensificando l utilizzo della piattaforma e-twinning per la collaborazione e la condivisione di percorsi con scuole di altri paesi; nazionale, strutturando il curricolo educativo/didattico degli alunni sulla base delle "Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell'infanzia e del primo ciclo d'istruzione" e realizzando i progetti previsti dal POF stesso; locale, riflettendo le esigenze del contesto culturale, sociale ed economico della realtà locale attraverso la realizzazione di attività ed iniziative in collaborazione con Enti Locali, associazioni ed altre agenzie presenti sul territorio Per realizzare il proprio progetto educativo, il nostro Istituto ha scelto di incentrare la propria azione educativa e formativa su tre cardini fondamentali: saper essere - offrire agli alunni un percorso che, attraverso le conoscenze acquisite (sapere) e le abilità raggiunte (saper fare), permetta di sviluppare personalità, disponibilità, capacità di operare scelte e di intervenire correttamente nella vita sociale, con particolare riferimento alla priorità inderogabile del concetto di "essere" rispetto a quello di "avere"; cittadinanza - indirizzare esperienze e conoscenze verso la tutela e il consolidamento della propria identità individuale, familiare e sociale, sia per superare processi di globalizzazione e omologazione dei comportamenti (recuperando così il senso degli altri e la conseguente valorizzazione di concetti quali legalità, libertà, responsabilità e sensibilità verso differenze e diversità), sia per essere in grado di inserirsi in un contesto europeo e mondiale conservando il senso di appartenenza alla propria cultura di origine; competenze linguistiche - fornire gli strumenti per stimolare e/o rafforzare atteggiamenti positivi nei confronti della comunicazione orale e scritta, in quanto manifestazione di disponibilità ed interesse ad interagire con gli altri,

8 sia nell'ambito della lingua madre (acquisizione di competenze e relativa fiducia nelle proprie capacità di dialogo e partecipazione attiva nella società), sia nel campo delle lingue straniere (maturazione di competenze e capacità non solo di produrre e comprendere messaggi, ma anche di apprezzare diversità culturali e sociali, nella consapevolezza di una realtà territoriale a vocazione turistica). In particolare, la Programmazione territoriale del nostro Istituto per l anno scolastico in corso prevede iniziative in collaborazione con: Istituzioni scolastiche del territorio (I.S.U. San Paolo e I.S. F. Grandi), organizzate in rete, per il Progetto Segnali 3, incontri di formazioneinformazione rivolti ad alunni e genitori sul tema della lotta alle dipendenze, con la partecipazione di esperti della ASL NAPOLI 3 SUD Commissione Pari Opportunità e Assessorato alla Pubblica Istruzione del Comune di Sant Agnello per progetti di interesse generale e/o legati a ricorrenze e manifestazioni locali, come lo stand a cura del progetto Ecogemelli allestito in occasione della festa patronale, nonché il Presepe vivente nel centro storico e i Giochi sotto l albero realizzati per Natale Associazione Bambini curiosi, genitori fantasiosi, per iniziative varie rivolte ad alunni e famiglie Medici accreditati e personale qualificato per corsi di formazione sulla sicurezza e la gestione delle emergenze Teatri presenti sul territorio per spettacoli, proiezioni, ecc. Inoltre, il nostro Istituto si avvale della concreta collaborazione di varie attività commerciali che, in qualità di sponsor, sostengono la scuola e le consentono di affrontare con maggiore serenità la gestione di un Istituto ampio ed articolato come il nostro (SUPERMERCATO NETTO, QUICK COPY, IMMA STORE, AU PETIT MUGUET, CHIC ISSIMA, SCARPATI, GERARDO NAPPO). PER UNA SCUOLA DI QUALITÀ Una prova evidente della qualità del servizio offerto dalla nostra scuola è fornita dai risultati dell apprendimento degli allievi: negli ultimi anni scolastici, la valutazione relativa alle prove INVALSI sostenute dagli alunni del nostro Istituto, i cui esiti sono visionabili sul sito Web dell Istituto, si è sempre attestata notevolmente al di sopra della media regionale, nonché al di sopra della media riportata dalle Istituzioni scolastiche dell Italia meridionale, e ciò costituisce un ulteriore incentivo a proseguire nel percorso di ricerca del miglioramento continuo intrapreso dalla nostra istituzione scolastica. Tuttavia, sulla base della convinzione che la scuola non può essere autoreferenziale, ma deve aprirsi al confronto per operare in un ottica di miglioramento continuo e garantire un servizio di qualità, il nostro Istituto aderisce ad alcuni progetti volti a monitorare, valutare e migliorare l istituzione scolastica: Progetto Qualità: si articolerà in una serie di iniziative altamente innovative di supporto, promozione e potenziamento, volte alla qualificazione del sistema di istruzione e formazione; saranno attivati, in quest ottica, progetti di ricercaazione finalizzati a garantire il miglioramento continuo dell offerta formativa

9 della nostra Istituzione Scolastica ( Memo Scuola, Inclusion 2020, Valutazione e certificazione per competenze ). Dallo scorso anno scolastico, inoltre,la nostra scuola è stata ammessa a far parte della Rete Nazionale U.N.E.S.C.O- Italia, in quanto ha portato avanti il progetto Cittadini si diventa che è stato sottoposto alla prevista valutazione e che sarà riproposto per il corrente anno scolastico. Progetto Valutazione & Miglioramento : progetto promosso con il contributo dei fondi strutturali europei, i cui strumenti e percorsi sono stati definiti dall Invalsi. Essendo stata ammessa a parteciparvi, la nostra scuola, durante lo scorso anno scolastico 2013/14, è stata oggetto di valutazione esterna da parte di un team di due valutatori che hanno analizzato tutta la documentazione, intervistato il personale e i rappresentanti dei genitori ed hanno restituito un Rapporto di valutazione che ha visto il nostro istituto attestarsi su posizioni soddisfacenti in tutti gli ambiti della valutazione. In particolare è emerso che: per quanto attiene alla selezione dei saperi (definizione del curricolo, offerta formativa) il giudizio è stato eccellente; anche per quanto riguarda la progettazione didattica e la valutazione degli studenti, la continuità e l orientamento, l identità strategica e la capacità di direzione della scuola, la capacità di governo del territorio e i rapporti con le famiglie il giudizio è stato eccellente; per quanto riguarda la relazione educativa tra pari, per l inclusione e l integrazione,la gestione strategica, lo sviluppo professionale delle risorse e l attività di autovalutazione il giudizio è stato buono. Nel corrente anno scolastico sarà implementato il Piano di Miglioramento elaborato sulla base del Report ricevuto. Sempre nell ottica della valutazione e del miglioramento, già dall anno scolastico 2012/2013, la nostra scuola ha adottato il modello CAF (Common Assessment Framework, ovvero Griglia Comune di Autovalutazione), in base al quale è stato svolto un percorso di autovalutazione che ha condotto alla stesura del RAV (Rapporto di Autovalutazione); successivamente, nel corso dello scorso anno scolastico 2013/14, alla luce di quanto evidenziato dal RAV,è stato elaborato ed avviato un PDM (Piano di Miglioramento), allo scopo di introdurre un efficiente gestione della qualità e progredire nella direzione del miglioramento continuo. In questo anno scolastico 2014/15, sarà implementato tale PDM, integrandolo con le altre iniziative finalizzate al miglioramento. Il piano si articola in tre progetti: Comunicare per migliorare; Mappare, gestire e monitorare processi; Innovare per crescere.

10 LE INTERAZIONI TRA I PROCESSI FORMATIVI Nell ambito del progetto Mappare, gestire e monitorare processi, si è proceduto ad individuare i processi primari che riguardano le pratiche educative e didattiche mediante le quali l offerta formativa viene attuata: Inclusione, integrazione, differenziazione dei percorsi, progettazione e pianificazione, didattica e insegnamento, continuità e orientamento, valutazione degli alunni, verifica e monitoraggio dei processi

11 Sono stati, altresì, individuati i processi di supporto all'apprendimento, che costituiscono gli aspetti organizzativi e gestionali indispensabili all attuazione del piano: sviluppo professionale delle risorse, gestione strategica delle risorse, comunicazione interna esterna, rapporti con il territorio e con le famiglie autovalutazione PIANO DELL INCLUSIVITÀ (COME LA SCUOLA ACCOGLIE, SOSTIENE, PREVIENE) FUNZIONI STRUMENTALI DI RIFERIMENTO: PERSICO M.ROSARIA (infanzia e primaria) ASTARITA GIOVANNA (secondaria) Il 27 dicembre 2012 è stata firmata la Direttiva concernente gli Strumenti d intervento per alunni con bisogni educativi speciali e organizzazione territoriale per l inclusione scolastica, che delinea e precisa la strategia inclusiva della scuola italiana, al fine di realizzare pienamente il diritto all'apprendimento per tutti gli alunni e gli studenti in situazione di difficoltà. La Direttiva ridefinisce e completa il tradizionale approccio all'integrazione scolastica, basato sulla certificazione della disabilità, estendendo il campo di intervento e di responsabilità di tutta la comunità educante all'intera area dei Bisogni Educativi Speciali (BES),comprendente: alunni disabili (legge 104/1992); alunni con disturbi specifici di apprendimento e/o disturbi evolutivi specifici (legge 170/2010); svantaggio sociale e culturale; difficoltà derivanti dalla non conoscenza della cultura e della lingua italiana perché appartenenti a culture diverse.

12 La Direttiva estende pertanto a tutti gli studenti in difficoltà il diritto alla personalizzazione dell'apprendimento, richiamandosi espressamente ai principi enunciati dalla Legge 53/2003. Il Piano d Inclusione rivolto agli alunni con Bisogni Educativi Speciali deve tener conto di alcuni indicatori di qualità, riferibili alle principali aree di funzionamento del sistema-scuola: sistema di accoglienza (modalità); programmazione dell offerta (iniziative e percorsi specifici); pratiche didattiche e ambienti di apprendimento (metodologie e gestione dei gruppi); processi organizzativi e di sviluppo professionale (sistemi di partecipazione alle decisioni, di coordinamento dei processi, di sviluppo delle competenze professionali); relazioni interne (contesti relazionali formali e informali per lo scambio e la mediazione di pratiche, modelli e strategie); relazioni con le famiglie e il territorio (iniziative volte al loro coinvolgimento; sistema di valutazione (modelli adottati); sistema di documentazione e di condivisione delle buone prassi (iniziative di diffusione). Il Piano d'inclusione ha dunque lo scopo di: definire pratiche condivise tra scuola e famiglia; sostenere gli alunni con BES nella fase di adattamento al nuovo ambiente e in tutto il percorso di studi; favorire un clima di accoglienza e inclusione; favorire il successo scolastico e formativo e prevenire blocchi nell'apprendimento di questi studenti, agevolandone la piena inclusione sociale e culturale; ridurre i disagi formativi ed emozionali, favorendone al contempo la piena formazione; adottare piani di formazione che prevedono un ruolo attivo degli insegnanti; promuovere qualsiasi iniziativa di comunicazione e di collaborazione tra scuola, famiglia ed Enti territoriali coinvolti (Comune, ASL, Enti di formazione,...). INTEGRAZIONE DELLE COMPETENZE L offerta formativa della Scuola deve prevedere, nella quotidianità delle azioni da compiere, degli interventi da adottare e dei progetti da realizzare, la possibilità di dare risposte diverse a esigenze educative differenti. In tal senso, la presenza di alunni disabili o in difficoltà non va mai considerata un'emergenza da presidiare, ma un evento per il quale il sistema si riorganizza, avendo già previsto, al suo interno, forme di flessibilità o adattamenti in grado di rispondere alle varie richieste educative. In particolare, la necessità di elaborare un percorso individualizzato e personalizzato, si realizza attraverso la redazione del PDP, Piano Didattico

13 Personalizzato dell alunno, che serva come strumento di lavoro in itinere per gli insegnanti ed abbia la funzione di documentare alle famiglie le strategie di intervento programmate. L'insegnante ha, quindi, nei confronti di ciascun alunno, il compito principale di divenire il mediatore delle conoscenze; colui attraverso il quale gli apprendimenti vengono filtrati, per essere tradotti nel linguaggio più vicino ed appropriato, utilizzando metodologie e strumenti diversi, per arrivare ad individuare quelli più idonei alla situazione specifica. Nella prospettiva di una scuola inclusiva ed accogliente, il nostro istituto si propone di: fare in modo che l'esperienza scolastica si possa sviluppare secondo un percorso unitario, il più possibile in armonia con i singoli ritmi di maturazione e di apprendimento; individuare i bisogni formativi degli alunni diversamente abili o in difficoltà e programmare interventi didattici che offrano gli stimoli più adeguati; collegare i bisogni alle risorse necessarie, secondo una logica progettuale che utilizzi tutte le professionalità disponibili e le risorse utilizzabili; svolgere compiti di collaborazione con le famiglie e le strutture sanitarie del territorio. CONTINUITÀ ORIENTAMENTO L Istituto Comprensivo programma attività di continuità-orientamento, trasversali a tutti gli ordini di scuola, al fine di agevolare un passaggio sereno e consapevole degli alunni tra i vari gradi di istruzione. Le attività di Continuità-Orientamento si pongono le seguenti finalità: familiarizzare con il nuovo ambiente scolastico; sperimentare attività comuni; orientare verso una scelta scolastica consapevole; sperimentare una condivisione didatticometodologica tra gli insegnanti degli anni ponte delle scuole primaria e secondaria. Gli obiettivi sono: favorire il passaggio fra i vari ordini di scuola; programmare attività comuni tra gli alunni delle classi-ponte (sezioni anni 5 della scuola dell infanzia; classi prime, quinte della scuola primaria; classi prime della scuola secondaria di primo grado); favorire l inserimento degli alunni nella nuova realtà scolastica; progettare attività finalizzate all acquisizione di competenze trasversali. Il Progetto si attua attraverso le attività programmate in appositi incontri di progettazione tra insegnanti degli anni ponte (infanzia/primaria, primaria/secondaria). Gli alunni della Scuola Primaria usufruiscono di una lezione di seconda lingua per crescere in un ottica di apertura al contesto europeo e in linea con la particolare attenzione dell Istituto all aspetto linguistico della formazione. Conferenze ed attività che coinvolgono gli istituti superiori sono rivolte, invece, alle classi terze della scuola secondaria di primo grado, finalizzate alla conoscenza delle opportunità lavorative e scolastiche offerte dal territorio. In tale prospettiva viene organizzata la Giornata dell orientamento, per favorire rapporti di stretta collaborazione tra Istituti Superiori e la scuola Secondaria di primo grado.

14 VIAGGI D ISTRUZIONE La scuola favorisce e promuove l adesione ad attività integrative, quali visite guidate e viaggi di istruzione inerenti le tematiche della programmazione e legate anche ad avvenimenti culturali di rinomanza locale, regionale o nazionale (uscite didattiche, mostre, concorsi, spettacoli musicali e teatrali ). Il Coro Alamirè, che da circa dieci anni la nostra scuola cura e promuove, partecipa a concorsi nazionali, ottenendo sempre riconoscimenti importanti. Tutte le iniziative sono inserite nella programmazione didattica della scuola e sono coerenti con gli obiettivi didattici e formativi propri di ciascun ordine scolastico. In particolare da molti anni la scuola effettua il gemellaggio con scuole francesi, che costituisce un importante momento di scambio di esperienze sia per i docenti che per gli alunni. Anche il viaggio in Kent, organizzato nell ambito dell approfondimento dello studio della lingua inglese, è diventato ormai una tradizione del nostro istituto. Tutte queste attività tendono alla promozione personale e culturale degli allievi ed alla loro piena integrazione scolastica e sociale. I viaggi e le visite programmate, in particolare, favoriscono la conoscenza del territorio dal punto di vista culturale, sociale ed economico e contribuiscono a potenziare il clima relazionale tra alunni e docenti. Il Piano annuale delle uscite a breve e lungo raggio deve essere approvato dal Consiglio di Istituto ed è gestito direttamente dall Istituto Comprensivo. SVILUPPO PROFESSIONALE DELLE RISORSE: FORMAZIONE AGGIORNAMENTO Il Collegio dei Docenti, tenendo conto della complessiva offerta formativa proposta dal Ministero, dalle Università e da altri Enti e Associazioni accreditati, autorizza ed agevola la partecipazione a corsi finalizzati a: approfondimento della preparazione didattica, affinché si approdi ad una progettazione corresponsabile e condivisa; conoscenza e sperimentazione di innovazioni metodologico-didattiche che possono avere una ricaduta nell attività di classe; formazione più specifica ed approfondita sull utilizzo degli strumenti multimediali; riflessioni ed approfondimento su educazione, pedagogia e didattica interculturale. VERIFICA E MONITORAGGIO DEI PROCESSI Già da alcuni anni, la scuola svolge un attenta attività di autovalutazione che ha consentito di individuare punti di forza e di debolezza, sulla base dei quali realizzare specifici interventi di miglioramento. Si utilizzano questionari di gradimento per acquisire il livello di soddisfazione dell utenza e raccoglierne le proposte. Come già nello scorso anno, l attività di verifica e monitoraggio dei processi sarà oggetto di particolare cura: saranno valutati gli esiti degli interventi già effettuati e i risultati saranno diffusi tra gli stakeholders interni ed esterni, anche a mezzo della pubblicazione sul sito web dell Istituto.

15 RAPPORTI CON LE FAMIGLIE La collaborazione scuola famiglia è indispensabile per attivare atteggiamenti e comportamenti atti a realizzare un processo educativo "completo", nella salvaguardia dei diritti dei bambini e dei ragazzi. A tal fine si ritiene opportuno concordare tra insegnanti e genitori modalità di relazione improntate a: chiarezza, collaborazione basata sulla fiducia, trasparenza, dialogo, rispetto delle scelte e delle rispettive competenze e responsabilità A tal proposito, nell anno scolastico l Istituto Comprensivo ha proceduto alla stesura del Patto Educativo di Corresponsabilità, strumento utile a definire in maniera puntuale e condivisa i diritti e i doveri nel rapporto tra istituzione scolastica, famiglia e studenti. Esso deve essere sottoscritto da genitori e alunni della Scuola secondaria di primo grado e dal Dirigente Scolastico in rappresentanza dei docenti. Nell a.s la Scuola ha rimodulato tale Patto che, ulteriormente integrato, sarà condiviso anche quest anno, con l impegno da parte di tutti gli operatori di favorirne la diffusione e il rispetto. Viene costantemente incoraggiata la partecipazione attiva dei genitori agli Organi Collegiali, la loro presenza nelle assemblee di classe/sezione per garantire un informazione costante alle famiglie ed una fattiva collaborazione. Sono garantiti, inoltre, momenti di incontro specifici con le famiglie degli alunni disabili ed i referenti dell ASL. RAPPORTI CON IL TERRITORIO L offerta formativa dell Istituto tende, nella propria programmazione educativa e didattica, a valorizzare le risorse culturali, ambientali e strumentali offerte dal territorio o dalle strutture in esso operanti. Nell ottica della costruzione di una comunità educante, dove la scuola dà il proprio contributo affinché ognuno possa partecipare in modo consapevole ed attivo alla vita sociale, si è stabilito un particolare rapporto di collaborazione con l Amministrazione Comunale che sostiene la scuola nella realizzazione degli obiettivi formativi che si propone. La scuola, infine, per promuovere al meglio il suo mandato formativo collabora con altre scuole per progetti in rete, con le imprese artigianali e commerciali e con le altre agenzie educative del territorio. SITO WEB L Istituto Gemelli da diversi anni è dotato di un proprio sito web istituzionale: che nel corso dell a.s. 2013/14 si è cercato di migliorare e fare evolvere. Nato con l intento di favorire la comunicazione con l esterno, oggi si pone l obiettivo di raccontare i vari aspetti della vita della scuola, ma anche di offrire all utenza occasioni di informazione e di partecipazione. Da esso si può accedere ai documenti istituzionali (POF, Regolamento di Istituto, Carta dei Servizi, ), alla modulistica per i genitori e i docenti, ad alcune circolari

16 informative e a tutti gli avvisi riguardanti la vita della scuola; i file possono essere scaricati sul proprio PC e/o stampati. Il sito vuole essere un canale di collegamento con i genitori e con le agenzie educative del territorio in modo da favorire la collaborazione e una piena condivisione di valori, per un comune progetto educativo. Esso rappresenta, inoltre, uno strumento efficace di comunicazione e di condivisione per tutti gli operatori della scuola. LA SICUREZZA NELLA SCUOLA Al fine di garantire la sicurezza degli alunni e del personale all'interno e all'esterno della scuola, sono previsti i seguenti provvedimenti di interesse generale: - Vigilanza La vigilanza, sia sugli alunni, sia sulle strutture, viene effettuata da tutto il personale della scuola in ogni momento dell'attività didattica. - Assicurazione La scuola stipula una polizza assicurativa, che riguarda sia gli infortuni che la responsabilità civile,scegliendo, tra le proposte delle varie società assicuratrici, quella più vantaggiosa. Essa deve coprire gran parte dei rischi connessi ai diversi momenti dell'attività didattica,compresi i viaggi e le visite d'istruzione. - Evacuazione La scuola ha elaborato un piano di evacuazione veloce dai vari edifici, in caso si dovessero verificare incidenti (crolli, incendi, allagamenti, terremoti), che rendano necessario un esodo improvviso dai locali scolastici. Gli alunni vengono addestrati allo scopo, anche tramite prove programmate di esercitazione pratica (almeno due l anno). La scuola provvede anche a informare e a formare tutto il personale sui problemi della sicurezza,tramite corsi informativi e/o distribuzione di opuscoli formativi/informativi IL PIANO DI EVACUAZIONE DELLA SCUOLA In tutti gli edifici con alta concentrazione di persone, come sono le scuole, si possono verificare delle situazioni di emergenza che potrebbero richiedere l'evacuazione dell'intera popolazione scolastica o di una parte di essa dall'edificio e dagli spazi limitrofi. Perciò bisogna che alunni, insegnanti e personale non docente assimilino alcune norme di comportamento da adottare qualora si verifichi una situazione di emergenza che renda necessario l'abbandono dell'edificio scolastico. I principali casi che potrebbero generare situazioni di emergenza e tali da dover procedere a un'improvvisa evacuazione sono: incendio all'interno dell'edificio; terremoto di lieve o di grave entità;

17 allagamento; altra emergenza segnalata dalle autorità competenti. FINALITA' DEL PIANO Mettere in condizione gli alunni, i docenti e il personale di saper controllare una situazione di emergenza senza panico. Sapersi muovere in tali evenienze in modo corretto e razionale per diminuire il rischio di incidenti e per facilitare le operazioni di soccorso.

18 PLESSO CAPOLUOGO 7 sezioni: 181 alunni 18 docenti 3 ATA SCUOLA DELL INFANZIA dal lunedì al venerdì: PLESSO VIA CIAMPA 4 sezioni: 109 alunni 18 docenti 2 ATA PLESSO COLLI DI FONTANELLE 2 sezioni: 55 alunni 4 docenti 2 ATA STRUTTURAZIONE DELL'ISTITUTO SCUOLA PRIMARIA Tempo normale dal lunedì al venerdì: per 4 giorni per 1 giorno prolungato Tempo pieno dal lunedì al venerdì: per 5 giorni PLESSO CAPOLUOGO 22 classi: 482 alunni 40 docenti 5 ATA PLESSO COLLI DI FONTANELLE 5 classi: 71 alunni 8 docenti 2 ATA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Tempo normale dal lunedì al sabato: per 4 giorni per 1 giorno per 1 giorno Tempo normale dal lunedì al venerdì: per 5 giorni SEDE UNICA 18 classi: 303 alunni 47 docenti 6 ATA

19 RISORSE PROFESSIONALI DELL ISTITUTO

20 CURRICOLO Essendo il nostro un Istituto Comprensivo, e poiché la nostra azione educativa è finalizzata alla crescita e al successo formativo di tutti gli alunni nel loro percorso dalla Scuola dell Infanzia alla Secondaria di primo grado, è indispensabile costruire un percorso educativo - didattico verticale, un curricolo che accompagni l alunno nel suo processo di crescita in maniera organica e continua, garantendo il diritto di ciascuno ad un percorso formativo integrato e completo. La finalità del percorso formativo sarà dunque unica: formare nello studente l uomo cittadino del domani, capace di padroneggiare molteplici linguaggi e diversi modi di pensare. L'individuazione di grandi aree di intervento educativo rappresenta proprio l intenzione di una organizzazione non frammentaria degli interventi.

21 Il percorso educativo-didattico che guida l alunno verso il raggiungimento del traguardo formativo unico si snoda attraverso i tre ordini di scuola del nostro istituto: matura l'identità nella Scuola dell Infanzia conquista l'autonomia sviluppa le competenze di base sperimenta una corretta convivenza sociale socializza nella Scuola Primaria collabora matura il senso di responsabilità conquista la prima "alfabetizzazione culturale" affina ed utilizza le proprie competenze di base nella Scuola Secondaria di I grado conquista una propria identità, acquisendo capacità e senso critico partecipa ai valori della cultura e della convivenza civile e sociale

22 Il percorso formativo si articola in cinque assi culturali: Asse dei linguaggi, Asse logico-matematico, Asse scientifico-tecnologico, Asse storico sociale, Asse motorio. L organizzazione dei saperi in assi cognitivi, risponde alla necessità di non frammentare le conoscenze e di operare nell ottica della transdisciplinarità, cioè della scoperta di un orizzonte che unifica tutti i saperi.

23 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA Il percorso finora delineato rappresenta il canovaccio su cui ciascun insegnante e ciascun Consiglio di classe/interclasse/intersezione è chiamato ad effettuare delle scelte in termini di obiettivi, contenuti e metodi che possano meglio garantire la formazione dei propri alunni. Pertanto, tali scelte, oltre a tener conto dei programmi e delle indicazioni ministeriali, devono rispettare le finalità ed i traguardi che rappresentano la volontà specifica di ciascun' istituzione scolastica. In tale ottica,la programmazione didattica: delinea il percorso formativo della classe, adeguando ad essa gli interventi operativi; utilizza il contributo delle varie aree disciplinari per il raggiungimento degli obiettivi e delle finalità educative indicati dal Consiglio di classe e dal Collegio dei docenti; viene sottoposta a momenti di verifica e di valutazione dei risultati, al fine di adeguare l azione didattica alle esigenze formative che emergono "in itinere". Nel nostro Istituto, le programmazioni didattiche prevedono il raggiungimento degli obiettivi per fasce di livello (Elementare/Intermedio/Avanzato) così che ciascun alunno, in fase di valutazione, riceva il corretto riconoscimento dei propri progressi.

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Rapporto di autovalutazione

Rapporto di autovalutazione Rapporto di autovalutazione Sommario 1. Codice meccanografico istituto principale...3 2. Griglie di autovalutazione...3 1.1 Esiti...3 1.2 Contesto e risorse...4 1.3 Processi...5 3. Individuazione obiettivi

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime -

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Progetto Continuità" Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria 2010-11 11 Anno Scolastico 2010 Funzioni Strumentali A. Rubino Scuola Infanzia P. Stramonio Scuola

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

Circolare n 47. Ai Direttori Generai i degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n 47. Ai Direttori Generai i degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI MIUR - Ministero dell'istruzione dell'università e della Rice,::]ca AOODGOSV - D.G. per gli Ordinamenti scolastici e la Valutazione del S.N.I. REGISTRO UFFICIALE _. Prot. n. 0006257-21Il 0/20 14 - USCITA

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli