IL DIRIGENTE SCOLASTICO Dott.ssa Laura Giannini

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL DIRIGENTE SCOLASTICO Dott.ssa Laura Giannini"

Transcript

1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Luca Signorelli Vicolo del Teatro, Cortona (AR) Tel Fax Liceo Classico Cortona IPSS Cortona ITC Cortona ITC Foiano Sito Web: Cod. Fisc IL DIRIGENTE SCOLASTICO Dott.ssa Laura Giannini

2 SOMMARIO PREMESSA p. 4 SEZIONE I L ISTITUTO, LA SOCIETA E IL TERRITORIO 1. Presentazione dell Istituto p La società p Il territorio p La comunità scolastica p Indirizzi generali del Consiglio d Istituto p. 7 SEZIONE II SCELTE EDUCATIVE E DIDATTICHE 1.1 Scelte del MIUR - Profilo culturale, educativo e professionale dei tre indirizzi e relativo Piano degli studi p. 9 Liceo classico Luca Signorelli p. 9 Istituto Tecnico Commerciale Francesco Laparelli p. 11 Istituto Professionale per i servizi sociali Gino Severini p La programmazione per competenze Competenze chiave - Assi culturali p Scelte dell Istituto Organi decisionali della progettazione didattico educativa (organigramma) p Obiettivi educativi e didattici p. 17 Accoglienza e rinforzo motivazionale p. 17 Obiettivi educativi e cognitivi, generali e comuni p. 18 Strategie per il loro raggiungimento p. 21 Piano di arricchimento dell offerta formativa p Strategie educative Attività di sostegno, recupero e approfondimento p. 22 Integrazione scolastica degli alunni con disabilità p. 24 Interventi didattici individualizzati e personalizzati per gli alunni con Disturbi Specifici dell Apprendimento p. 25 Accoglienza e integrazione degli alunni stranieri p. 26 1

3 Prevenzione della dispersione scolastica p. 27 Orientamento e riorientamento p Verifica e valutazione Verifica e valutazione dell apprendimento p. 28 Criteri di valutazione dell apprendimento p. 29 Criteri di corrispondenza tra voto decimale e livello di apprendimento p. 31 Griglia per l attribuzione del voto di comportamento p. 32 Certificazione delle competenze acquisite nel primo biennio p. 33 Credito scolastico e credito formativo p. 33 Validità dell anno scolastico p. 34 SEZIONE III SCELTE ORGANIZZATIVE E DI GESTIONE 1. Scelte organizzative p. 35 Tempo scuola p. 35 Unità oraria di lezione p. 35 Suddivisione dell a.s. in periodi ai fini della valutazione p. 38 Rapporti scuola famiglia p. 39 Libri di testo p. 39 Criteri per la formazione delle classi p. 40 Criteri per l assegnazione dei docenti alle classi p. 40 Criteri di formulazione dell orario del personale docente p Risorse umane e incarichi di gestione Il Dirigente Scolastico p. 40 L Ufficio di Presidenza (o staff della Dirigenza) p. 40 Il Direttore dei servizi scolastici e Amministrativi p. 40 Le Funzioni Strumentali p. 41 Criteri per l individuazione dei docenti responsabili delle Funzione Strumentali p. 41 Il Consiglio d Istituto p. 42 Il Collegio dei docenti e le sue articolazioni funzionali p. 42 2

4 I Dipartimenti p. 43 Il Consiglio di Classe p. 43 Il Coordinatore di classe p. 43 Altri incarichi p Organizzazione amministrativa p Aggiornamento professionale p. 45 SEZIONE IV SERVIZI DIDATTICI 1. Biblioteca p Laboratori di Informatica e Lingue p Laboratori di Teatro e Musica p Laboratori per allievi diversamente abili p Centro Sportivo Scolastico p. 46 SEZIONE IV SISTEMA DI VALUTAZIONE 1. La valutazione dell apprendimento degli allievi p La valutazione d Istituto p. 47 ALLEGATI n. 1 - Regolamento d Istituto n. 2 - Patto Educativo di Corresponsabilità n. 3 - Regolamento Organo di Garanzia n. 4 Statuto delle Studentesse e degli Studenti della Scuola Secondaria (D.P.R. 249 del 24/06/1998) Successive modificazioni (D.P.R. 235 del 21/11/2007) e integrazioni (D.L. del 01/09/2008, n. 137) n. 5 Modello PDP per alunni con DSA n. 6 - Protocollo di accoglienza per gli alunni stranieri n. 7 - Modello di certificazione delle competenze di base acquisite nell assolvimento dell obbligo di istruzione n. 8 - Progetti arricchimento offerta formativa n. 9 Restituzione risultati Indagine OCSE-PISA 2009 n Assi culturali: declinazione delle competenze in abilità e conoscenze dell ISIS Luca Signorelli 3

5 PREMESSA Il Piano dell Offerta Formativa (POF) è il documento, redatto dal Collegio dei docenti ed approvato dal Consiglio d Istituto, mediante il quale la scuola definisce, in relazione alle aree di autonomia stabilite per legge, le proprie scelte didattico-educative ed organizzative. Il POF è, quindi, sia lo strumento che facilita la comunicazione con l esterno delle linee distintive dell Istituto d Istruzione Superiore L. Signorelli sia il piano esecutivo delle dichiarazioni d intenti esplicitate. Ne consegue il carattere di patto con gli studenti, le famiglie e la collettività, che implica l assunzione di responsabilità da parte della scuola circa la realizzazione effettiva dell offerta formativa. Il POF non può, pertanto, configurarsi come un astrazione. Tutti coloro che operano all interno della scuola collaborano nel definire il progetto educativo, poiché è dall impegno e dalla qualità dell azione quotidiana di ciascuno che dipende il raggiungimento degli obiettivi indirizzati alla formazione di cittadine e cittadini, che non solo conoscono e sanno fare, ma sanno anche agire, consapevoli delle proprie risorse e del contesto in cui si trovano ad operare. Ed è proprio questa finalità formativa integrale che fa emergere il carattere dialettico e flessibile del POF, la cui progettualità deve essere la risultante di una chiara individuazione del traguardo da raggiungere e del modo in cui arrivare, tenendo conto della situazione di partenza, delle esigenze dei singoli soggetti che compongono la comunità scuola e delle attese della collettività locale e nazionale. 4

6 SEZIONE I - L ISTITUTO, LA SOCIETA E IL TERRITORIO 1. Presentazione dell Istituto L Istituto di Istruzione Superiore Luca Signorelli nasce nel 1999 come risultato dell aggregazione di tre Istituti: il Liceo Classico Luca Signorelli, l Istituto Tecnico Commerciale Francesco Laparelli con sedi a Cortona e a Foiano della Chiana, l Istituto Professionale per i servizi sociali Gino Severini. Tutti gli Istituti sono situati nel centro storico: il Liceo Classico ha sede in Vicolo del Teatro, 4; l Istituto Tecnico Commerciale di Cortona (oggi Istituto Tecnico per il settore Economico, con indirizzi Amministrazione Finanza - Marketing e Turismo) è situato in via Maffei,7; l Istituto Tecnico Commerciale di Foiano della Chiana (oggi Istituto Tecnico per il settore Economico, con indirizzo Amministrazione Finanza e Marketing ) è situato in Piazza Nencetti, 7; l Istituto Professionale per i Servizi Sociali (oggi Istituto Professionale per i servizi socio-sanitari) è ubicato in Vicolo del Teatro, La società I processi di globalizzazione dei mercati mondiali, le incessanti trasformazioni economiche, sociali e culturali indotte dalla rivoluzione informatica e telematica, la rapida evoluzione delle conoscenze, le nuove frontiere della vita aperte dalla ricerca genetica, i fenomeni immigratori che caratterizzano le società occidentali, le prospettive della nascita di un grande Stato europeo, all interno di un contesto di spinte contrapposte, impongono la necessità di procedere ad un rinnovo costante delle nostre istituzioni educative. Alle nuove generazioni occorre assicurare dei percorsi formativi che valorizzino le loro attitudini personali, consolidino le strutture portanti del sapere e il loro spirito critico, rafforzino la capacità di individuare il cambiamento e di gestirlo, potenzino la padronanza dei linguaggi informatici e l uso adeguato delle tecnologie, accrescano la loro propensione a vivere in una società destinata ad assumere una fisionomia sempre più multietnica e multireligiosa. 5

7 3. Il territorio La scuola è per il territorio una risorsa indispensabile di sviluppo civile, culturale ed economico. Pertanto, nella definizione della sua organizzazione culturale e del suo agire quotidiano, non potrà prescindere dallo stabilire rapporti sempre più stretti con la realtà territoriale e istituzionale in cui è inserita, con le forze sociali ed economiche che vi operano, con le componenti più vive della società civile. Formare il cittadino - studente non può che significare fornirgli gli strumenti linguistici e conoscitivi per metterlo in grado di scoprire le sue radici culturali, per consentirgli di partecipare con consapevolezza alla vita democratica del paese, per garantirgli l accesso critico al sistema della comunicazione universale. Il nuovo Istituto di istruzione superiore, che è venuto a costituirsi in seguito ai provvedimenti di aggregazione, opera in una vasta area territoriale che abbraccia gran parte della Valdichiana aretina fino a comprendere le realtà limitrofe del perugino e del senese. La struttura economica di questo territorio si è notevolmente ammodernata negli ultimi decenni, facendo registrare una ragguardevole crescita della piccola e media impresa, del commercio, del settore turistico, anche se il tradizionale comparto dell agricoltura, in seguito ai processi di specializzazione produttiva, continua a conservare, per quanto riguarda la produzione di ricchezza, un ruolo di notevole rilievo. Tali trasformazioni hanno modificato notevolmente il mercato del lavoro: rispetto ad un recente passato in cui era possibile trovare occupazione con una preparazione professionale generica quand anche inesistente, oggi si richiedono competenze specifiche di sempre maggior livello e una solida preparazione culturale di base, indispensabile per sviluppare positive capacità di adattamento ad una società in continua trasformazione. D altra parte, un istruzione scolastica di qualità contribuisce, fortemente, allo sviluppo civile di una comunità rafforzandone i legami sociali, elevandone lo spirito di solidarietà e tolleranza, favorendone la crescita democratica e la lealtà verso le istituzioni, stimolandone i processi di integrazione personale e sociale. 4. La comunità scolastica (Ancora da compilare si tratta di una indagine sulla provenienza e sul contesto sociale e culturale che richiede maggior tempo) 6

8 5. Indirizzi generali del Consiglio d Istituto Il Consiglio d Istituto, tenendo conto del percorso realizzatosi negli anni di condivisione degli obiettivi educativi e di gestione, considerando gli indirizzi nazionali di carattere organizzativo relativi ai modelli di funzionamento delle scuole e proponendosi la finalità generale di creare una scuola che punti al massimo per tutti gli studenti in un clima di accoglienza e partecipazione, nella seduta del 15 giugno 2012, ha dettato i seguenti Indirizzi generali per le attività della scuola e le scelte di gestione e di amministrazione (art. 3 c.3 DPR 275/99 Regolamento recante norme in materia di autonomia delle istituzioni scolastiche, ai sensi dell art. 21 della legge 15 marzo 1997, n. 59 ): promuovere il benessere, lo sviluppo graduale dell identità e della capacità di scelta con attività di accoglienza, riflessione personale e di gruppo, continuità e orientamento; favorire l integrazione degli alunni in situazione di handicap e degli stranieri; favorire il colloquio precoce con la famiglia in caso di individuazione di problemi di apprendimento o di socializzazione, al fine di progettare e realizzare attività educative e di recupero degli alunni in difficoltà e valorizzare le potenzialità di ciascuno; rafforzare il raccordo scuola- famiglia- territorio, al fine di concorrere alla costruzione di una identità di comunità; promuovere attività di ampio respiro che dimostrino l attenzione alla diversità, ai temi della globalizzazione, all inserimento della comunità locale nel più ampio contesto di quella nazionale, europea, mondiale e promuovere l educazione alla cittadinanza e l educazione interculturale; prestare attenzione all ambiente e alla promozione di una cultura della biodiversità e della sostenibilità; integrare la programmazione curricolare con attività di arricchimento dell offerta formativa realizzate anche con l ausilio di esperti esterni ma in stretta relazione con l attività curricolare; promuovere lo sviluppo di competenze adottando come sfondo integratore o come parametri di riferimento ideali quelli individuati in documenti di indirizzo significativi quali, ad es., quelli relativi alle life skills education in schools dell OMS (1993), alle competenze chiave per l apprendimento 7

9 permanente della Comunità Europea (2006), alle competenze chiave di cittadinanza da acquisire al termine dell istruzione obbligatoria del MIUR (2007), ecc.; favorire la partecipazione dell Istituto a reti di scuole per la realizzazione di obiettivi e finalità didattiche, organizzative, amministrative, di formazione e ricerca coerenti con i bisogni della scuola; favorire la realizzazione di esperienze laboratoriali, di visite guidate, viaggi d istruzione, scambi culturali; favorire la formazione del personale in coerenza con gli obiettivi del POF, le esperienze di ricerca, sperimentazione e innovazione; promuovere lo sviluppo del sapere scientifico e l utilizzo delle TIC; organizzare i processi di insegnamento apprendimento, l organizzazione e l attività amministrativa e di supporto facendo ricorso alla flessibilità ed ispirandosi ai criteri di efficienza ed efficacia; prestare attenzione alla valutazione esplicitandone i criteri; organizzare e realizzare un servizio di autovalutazione dei processi e dei risultati al fine di monitorare e migliorare la qualità dell Offerta Formativa e dei servizi offerti. 8

10 SEZIONE II SCELTE EDUCATIVE E DIDATTICHE 1. Scelte del MIUR - Profilo culturale, educativo e professionale dei tre indirizzi e relativo Piano degli studi LICEO CLASSICO LUCA SIGNORELLI - L attualità di una scuola fondata sull universalismo del sapere - (D.P.R , n.89: Regolamento recante revisione dell assetto ordinamentale, organizzativo e didattico dei licei a norma dell articolo 64, comma 4, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito dalla legge 6 agosto 2008, n. 133). Il percorso del liceo classico è indirizzato allo studio della civiltà classica e della cultura umanistica. Favorisce una formazione letteraria, storica e filosofica idonea a comprenderne il ruolo nello sviluppo della civiltà e della tradizione occidentali e nel mondo contemporaneo sotto un profilo simbolico, antropologico e di confronto di valori. Favorisce l acquisizione dei metodi propri degli studi classici e umanistici, all interno di un quadro culturale che, riservando attenzione anche alle scienze matematiche, fisiche e naturali, consente di cogliere le intersezioni fra i saperi e di elaborare una visione critica della realtà. Guida lo studente ad approfondire e a sviluppare le conoscenze e le abilità e a maturare le competenze a ciò necessarie (Art. 5 comma 1). Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, oltre a raggiungere i risultati di apprendimento comuni, dovranno: aver raggiunto una conoscenza approfondita delle linee di sviluppo della nostra civiltà nei suoi diversi aspetti (linguistico, letterario, artistico, storico, istituzionale, filosofico, scientifico), anche attraverso lo studio diretto di opere, documenti ed autori significativi, ed essere in grado di riconoscere il valore della tradizione come possibilità di comprensione critica del presente; avere acquisito la conoscenza delle lingue classiche necessaria per la comprensione dei testi greci e latini, attraverso lo studio organico delle loro 9

11 strutture linguistiche (morfosintattiche, lessicali, semantiche) e degli strumenti necessari alla loro analisi stilistica e retorica, anche al fine di raggiungere una più piena padronanza della lingua italiana in relazione al suo sviluppo storico; aver maturato, tanto nella pratica della traduzione quanto nello studio della filosofia e delle discipline scientifiche, una buona capacità di argomentare, di interpretare testi complessi e di risolvere diverse tipologie di problemi anche distanti dalle discipline specificamente studiate; saper riflettere criticamente sulle forme del sapere e sulle reciproche relazioni e saper collocare il pensiero scientifico anche all interno di una dimensione umanistica. NUOVO PIANO DEGLI STUDI DEL LICEO CLASSICO Quadro 0rario settimanale Attività e insegnamenti obbligatori per tutti gli studenti DISCIPLINE 1 BIENNIO 2 BIENNIO 5 anno 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno Lingua e letteratura italiana Lingua e cultura latina Lingua e cultura greca Lingua e cultura straniera Storia Storia e Geografia 3 3 Filosofia Matematica (con Informatica al 1 biennio) Fisica Scienze naturali (Biologia, Chimica, Scienze della Terra) Storia dell arte Scienze motorie e sportive Religione cattolica o attività alternative ORE SETTIMANALI Il Nuovo Ordinamento del Liceo classico introduce l insegnamento di una lingua straniera dal primo al quinto anno e della Storia dell Arte nel secondo biennio e nel quinto anno per due ore settimanali, inoltre potenzia l asse matematico-scientifico. Per l anno scolastico 2012/2013 il nuovo piano degli studi si applica alle classi IV e V ginnasiale e al I anno liceale ( anno nello schema di riferimento ministeriale), le altre classi continuano a seguire i vecchi piani di studio. 10

12 ISTITUTO TECNICO PER IL SETTORE ECONOMICO FRANCESCO LAPARELLI - Una nuova professionalità al servizio dell azienda - (D.P.R , n. 88: Regolamento recante norme per il riordino degli istituti professionali, a norma dell articolo 64, comma 4, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito dalla legge 6 agosto 2008, n. 133). Il Regolamento per il riordino degli istituti tecnici trasforma l Istituto tecnico commerciale in Istituto tecnico per il settore economico e lo articola in due indirizzi: a) Amministrazione, finanza e marketing; b) Turismo. L indirizzo Amministrazione, finanza e marketing è al terzo anno di applicazione, sia presso la sede di Cortona sia presso la sede di Foiano. L indirizzo Turismo è attivo nella sede di Cortona dall anno scolastico in corso. <<Il diplomato in AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING ha competenze generali nel campo: dei macrofenomeni economici nazionali ed internazionali; della normativa civilistica e fiscale; dei sistemi e processi aziendali (organizzazione, pianificazione, programmazione, amministrazione, finanza e controllo); degli strumenti di marketing; dei prodotti assicurativo finanziari dell economia sociale. Integra le competenze dell ambito professionale specifico con quelle linguistiche e informatiche per operare nel sistema informativo dell azienda e contribuire sia all innovazione sia al miglioramento organizzativo e tecnologico dell impresa inserita nel contesto internazionale.>> 11

13 <<Il diplomato nel TURISMO ha competenze specifiche nel comparto delle imprese del settore del turistico e competenze generali nel campo: dei macrofenomeni economici nazionali ed internazionali; della normativa civilistica e fiscale; dei sistemi aziendali. Interviene nella valorizzazione integrata e sostenibile del patrimonio culturale, artistico, artigianale, enogastronomico, paesaggistico e ambientale. Integra le competenze dell ambito professionale specifico con quelle linguistiche e informatiche >> NUOVO PIANO DEGLI STUDI DEL SETTORE ECONOMICO Quadro 0rario settimanale DISCIPLINE 1 BIENNIO 2 BIENNIO 5 anno Area comune 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno Lingua e letteratura italiana Lingua inglese Storia Matematica Diritto ed economia 2 2 Scienze integrate (Scienze della Terra e 2 2 Biologia) Scienze motorie e sportive Religione cattolica o attività alternative DISCIPLINE Area di indirizzo AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Scienze integrate (Fisica) 2 Scienze integrate (Chimica) 2 Geografia 3 3 Informatica Seconda lingua comunitaria (Francese) Economia aziendale Diritto Economia politica DISCIPLINE Area di indirizzo TURISMO Scienze integrate (Fisica) 2 Scienze integrate (Chimica) 2 Geografia 3 3 Informatica 2 2 Economia aziendale 2 2 Seconda lingua comunitaria (Francese) Terza lingua straniera Discipline turistiche e aziendali Geografia turistica Diritto e legislazione turistica Arte e territorio ORE SETTIMANALI

14 ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI SOCIO-SANITARI GINO SEVERINI - Nuove professioni per il mondo del sociale (D.P.R , n. 89: Regolamento recante norme per il riordino degli istituti professionali, a norma dell articolo 64, comma 4, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito dalla legge 6 agosto 2008, n. 133) Il Regolamento per il riordino degli istituti professionali fa confluire l Istituto professionale per i servizi sociali nel settore dei Servizi Socio-Sanitari. La frequenza permette di conseguire al termine dei cinque anni <<le competenze necessarie per organizzare ed attuare interventi adeguati alle esigenze socio sanitarie di persone e comunità, per la promozione della salute e del benessere bio-psico sociale>>. IPSS ARTICOLAZIONE PERCORSO QUINQUENNALE 1 BIENNIO 2 BIENNIO 5 ANNO per consolidare la preparazione di base e per assolvere l obbligo scolastico per approfondire le discipline di indirizzo in ambito professionale anno scolastico conclusivo con esame di stato Secondo ricerche di mercato si ritiene che le migliori opportunità nel prossimo futuro saranno nel comparto dei Servizi Socio Sanitari. 13

15 NUOVO PIANO DEGLI STUDI DEL SETTORE SOCIO-SANITARIO Orario settimanale Per l anno scolastico 2012/2013 il nuovo piano degli studi si applica alle classi del primo biennio e del terzo anno, le altre classi continuano a seguire i vecchi piani di studio. DISCIPLINE 1 BIENNIO 2 BIENNIO 5 anno 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno Lingua e letteratura italiana Lingua inglese Storia Matematica Diritto ed economia 2 2 Scienze integrate (Scienze della Terra e Biologia) 2 2 Scienze motorie e sportive Religione cattolica o att alternative Scienze integrate (Fisica) 2 Scienze integrate (Chimica) 2 Scienze umane e sociali 4 4 di cui in compresenza 2 Elementi di storia dell arte ed 2 espressioni grafiche di cui in compresenza 1 Educazione musicale 2 di cui in compresenza 1 Metodologie operative Seconda lingua straniera Igiene e cultura medicosanitaria Psicologia generale ed applicata Diritto e legislazione sociosanitaria Tecnica amministrativa ed 2 2 economia sociale ORE SETTIMANALI IeFP <<OPERATORE DEL BENESSERE Per il prossimo a.s. 2013/14, il Collegio dei docenti e il Consiglio d Istituto, hanno riconfermato la richiesta di autorizzazione all attivazione del corso di Istruzione e Formazione Professionale <<OPERATORE DEL BENESSERE>> presso l IPSS Gino Severini. Tale corso, della durata triennale, rappresenta un ulteriore importante ampliamento dell offerta formativa dell Istituto. Oltre a garantire, infatti, una preparazione culturale di base nell area linguistico-espressiva, in quella matematicoscientifica e in quella delle scienze umane, l indirizzo è finalizzato a fornire conoscenze e abilità proprie della figura professionale operante nel settore del benessere psico-fisico. Le competenze che caratterizzano tale profilo sono funzionali allo svolgimento di attività 14

16 dei settori acconciatura e trattamento estetico di base e sono volte al mantenimento, al miglioramento e alla protezione dell aspetto della persona. Gli insegnamenti possono essere impostati con la massima flessibilità nella costruzione dell orario e privilegeranno le aree formative piuttosto che le singole discipline. Conseguita la qualifica Operatore del benessere, gli allievi possono proseguire gli studi iscrivendosi al quarto anno dell Indirizzo socio-sanitario e ottenere al quinto anno il diploma di Tecnico dei servizi socio-sanitari. 1.2 La programmazione per competenze Competenze chiave Assi culturali Il concetto di didattica per competenze comincia ad affermarsi nei documenti dell Unione Europea intorno alla metà degli anni 90. Il Libro bianco di Edith Cresson (Commissario Europeo con delega alla scienza, ricerca ed educazione), già nel 1995, esprimeva la necessità di innalzare i livelli d istruzione per accedere ad un sapere il cui contenuto si sarebbe trasformato continuamente e velocemente. Sollecitava, di conseguenza, i paesi europei a identificare le competenze chiave, a trovare i mezzi migliori per acquisirle, certificarle e valutarle. Proprio sul terreno delle competenze, riteneva Edith Cresson, studenti provenienti da diversi percorsi formativi avrebbero trovato un parametro di confronto e di definizione dell idea di cittadinanza europea. Il 18 dicembre 2006, il Parlamento e il Consiglio Europeo, sulla scia del processo avviato a Lisbona nel 2000, hanno approvato una Raccomandazione relativa agli otto ambiti di competenze chiave, per la realizzazione e lo sviluppo personale, la cittadinanza attiva, l inclusione sociale e l inserimento professionale. Si tratta ovviamente di competenze trasversali, sganciate dai diversi programmi scolastici, ma comunque espresse in termini di conoscenze, abilità e attitudini. In Italia tali competenze sono state richiamate nell'ambito del Decreto n.139 del 22 Agosto 2007, "Regolamento recante norme in materia di adempimento dell'obbligo di istruzione", che ha individuato le otto competenze chiave di cittadinanza che ogni cittadino dovrebbe possedere dopo aver assolto il dovere all'istruzione: imparare ad imparare comunicare progettare collaborare e partecipare agire in modo autonomo e responsabile risolvere i problemi individuare collegamenti e relazioni 15

17 acquisire ed interpretare l informazione Le competenze di cittadinanza possono essere acquisite attraverso conoscenze e abilità che si articolano lungo quattro assi culturali cardine: asse dei linguaggi asse storico sociale asse matematico asse scientifico tecnologico In una nota al Documento tecnico del 2007 si legge: <<La corrispondenza tra conoscenze e abilità in relazione a ciascuna competenza è rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del Consiglio di classe>>. Nell a.s. 2008/2009, i Dipartimenti, in cui si era articolato il nostro Collegio dei docenti, accogliendo la sollecitazione del Ministero, hanno rimodulato i percorsi d apprendimento del primo biennio in relazione ai quattro assi culturali, declinando le macrocompetenze, elencate nell Allegato del Decreto 22 agosto 2007, in abilità e conoscenze (cfr. Allegato n.10). Nel programmare per competenze i docenti tengono conto delle seguenti considerazioni desunte, in particolare, dalle Linee guida ministeriali che hanno accompagnato l attuazione del nuovo ordinamento dei tecnici e professionali, dalla definizione UE delle competenze e dalle riflessioni di Michele Pellerey: a) Una competenza generale, di studio o di lavoro, si sviluppa in un contesto nel quale il soggetto è coinvolto personalmente o collettivamente (coinvolgimento attivo); b) È necessario che le conoscenze fondamentali implicate in una competenza siano acquisite in maniera significativa, comprese e padroneggiate (apprendimento significativo e assimilazione); c) È fondamentale che docenti e studenti siano consapevoli del ruolo e del valore che le diverse discipline hanno nella costruzione delle competenze e che sviluppino tale consapevolezza attraverso l uso intelligente di quanto studiato, anche attraverso 16

18 esperienze di vita quotidiana (applicabilità delle conoscenze); d) L ambiente in cui si svolgono i vari percorsi di apprendimento dovrebbe assumere la caratteristica di laboratorio (didattica laboratoriale); e) Le competenze sviluppate nell area specifica e tecnica non possono essere svincolate da quelle dell area generale, operando continui reciproci rimandi (unità del sapere). 2. Scelte dell Istituto Organi decisionali della progettazione didattico educativa (organigramma) 2.1 Obiettivi educativi e didattici Accoglienza e rinforzo motivazionale Compito principale della scuola è quello di accogliere allieve e allievi con tutte le attenzioni dovute ad ospiti di riguardo. Solo in questa maniera è infatti possibile stabilire un clima di serena e proficua collaborazione tra docenti ed allievi e creare un ambiente pedagogico in cui ognuno si possa sentire apprezzato come persona e valorizzato secondo le sue capacità intellettuali. Il docente deve essere vissuto dagli allievi come una risorsa educativa e formativa in grado di offrire opportunità di crescita umana e culturale attraverso un metodo di lavoro basato sul dialogo, sulla sollecitazione degli interessi culturali, sullo spirito di ricerca. Il buon esito del processo di insegnamento-apprendimento dipende, in gran parte, dalla capacità dei soggetti interessati di stabilire rapporti di stima, di empatia e di 17

19 collaborazione, nel rispetto naturalmente dei ruoli propri di ciascuno. L istituzione inoltre si attiva per far comprendere agli allievi la sua organizzazione, il suo funzionamento, i suoi obiettivi educativi, le sue scelte metodologico-didattiche, i suoi criteri di valutazione. Obiettivi educativi e cognitivi, generali e comuni La didattica curricolare Il Collegio dei Docenti, i Dipartimenti disciplinari ed i Consigli di classe, ciascuno per le proprie competenze, rappresentano il luogo del confronto e della costruzione del curricolo scolastico. La didattica curricolare nelle singole discipline si svolge secondo le programmazioni predisposte dai singoli docenti, strutturate seguendo di norma le linee generali elaborate sia in sede di Dipartimenti disciplinari sia di Consiglio di classe. I cosiddetti Piani di lavoro, del Consiglio di classe e dei singoli docenti, rappresentano gli strumenti operativi della programmazione didattico - educativa dell Istituto. Per quanto attiene ai Piani di lavoro relativi ai vari anni di corso di ciascuno dei tre indirizzi, si rinvia alle apposite Schede di programmazione didattico-educativa consegnate dai Docenti e costituenti parte integrante del POF in vigore. Gli obiettivi educativi e formativi sono, naturalmente, rappresentati dalle finalità peculiari relative a ciascun percorso di studi. E possibile, però, centrare l azione didattica sullo sviluppo di competenze generali e comuni, alla cui formazione concorre ciascuna disciplina con la sua specificità metodologica, tematica, linguistico-comunicativa. In estrema sintesi, il curricolo si propone il raggiungimento dei seguenti obiettivi educativi e cognitivi al termine del corso di studio: 18

20 BIENNIO Nella formazione dell allievo, il biennio assume valenza orientativa e propedeutica, poiché facilita l acquisizione, il consolidamento e lo sviluppo di competenze trasversali nonché di specifiche conoscenze e abilità disciplinari di base. Competenze generali e comuni Acquisizione di autonomia e di responsabilità Acquisizione di un efficace metodo di studio Saper comunicare Saper leggere Saper strutturare Saper generalizzare Sapersi orientare Comportamenti osservabili Partecipare in modo costruttivo alla vita scolastica; Essere disponibile al confronto e alla collaborazione con gli altri; Rispettare le norme della collettività; Gestire in modo equilibrato l'impegno di studio tra le varie materie. Usare correttamente il materiale (libri di testo, dizionari, internet); Rielaborare le informazioni mediante appunti, schemi, sommari, mappe concettuali; Ricercare e selezionare nuove informazioni Gestire proficuamente l'errore. Ascoltare, comprendere e memorizzare tematiche rilevanti; Esporre in modo organico, chiaro e corretto il proprio pensiero, anche in lingua straniera. Decodificare, analizzare, inferire, interpretare testi diversificati. 1. Cogliere relazioni tra idee, concetti, fatti, fenomeni; Confrontare, selezionare, rappresentare, formulare ipotesi. Sintetizzare, classificare, indurre, dedurre. Selezionare e applicare conoscenze, procedure, regole e principi in situazioni nuove. 19

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 1 via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA CHE COS E IL

Dettagli

ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA

ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA VISTO l art. 3 comma 4 del D.P.R. 275/1999 come modificato dall art. 1, comma 14, della Legge

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore

Istituto d Istruzione Superiore Istituto d Istruzione Superiore Alfonso M. de Liguori Sant Agata de Goti Distretto scolastico n 8 82019 SANT AGATA DEI GOTI (BN) Tel. 0823/953117 0823/953140(fax) Via S. Antonio Abate n. 32 ANNO SCOLASTICO

Dettagli

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia gli alunni che i genitori apprezzano: - competenze e

Dettagli

L OFFERTA FORMATIVA. AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING Articolazione Relazioni Internazionali per il Marketing

L OFFERTA FORMATIVA. AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING Articolazione Relazioni Internazionali per il Marketing L OFFERTA FORMATIVA La nostra offerta formativa, alla luce del Regolamento di Riordino dei Cicli approvato dal Consiglio dei Ministri il 4.2.2010, comprende: A. - Settore Economico: Amministrazione, Finanza

Dettagli

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado Classe: Sezione: Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado PROGETTAZIONE CURRICOLARE Approvazione del Consiglio di Classe in data: Coordinatore:Prof.

Dettagli

ISTITUTO OBERDAN TREVIGLIO 1-INDIRIZZI DI STUDIO DELL ANNO SCOLASTICO 2013-2014

ISTITUTO OBERDAN TREVIGLIO 1-INDIRIZZI DI STUDIO DELL ANNO SCOLASTICO 2013-2014 ISTITUTO OBERDAN TREVIGLIO 1-INDIRIZZI DI STUDIO DELL ANNO SCOLASTICO 2013-2014 ISTRUZIONE TECNICA ECONOMICA: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING, RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING, SISTEMI INFORMATIVI

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE GUIDO CAVALCANTI SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI Via G. Guerrazzi 178, 50019 Sesto Fiorentino (FI) Tel 055/4210541/2 FAX 055/4200419 E-mail: fimm495000x@istruzione.it Sito Web: www.scuolacavalcanti.gov.it

Dettagli

Liceo Classico e Linguistico Statale G. Pico Obiettivi del progetto per l anno scolastico 2012/13

Liceo Classico e Linguistico Statale G. Pico Obiettivi del progetto per l anno scolastico 2012/13 Liceo Classico e Linguistico Statale G. Pico Obiettivi del progetto per l anno scolastico 2012/13 Liceo classico Il percorso del liceo classico è indirizzato allo studio della civiltà classica e della

Dettagli

a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga,

a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga, PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga, fertile in avventure e in esperienze.... Sempre devi avere in mente Itaca raggiungerla

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale ADELAIDE RISTORI Via L. D Alagno, 16-80138 Napoli

Istituto Comprensivo Statale ADELAIDE RISTORI Via L. D Alagno, 16-80138 Napoli Prot.2429/O Napoli 28.09.2015 Al Collegio Docenti Alla DSGA All Albo AL SITO WEB IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTI il D.P.R. n.297/94 ; il D.P.R. n. 275/99; il D.P.R. 20 MARZO 2009, N.89, recante Revisione

Dettagli

OPERATORE ELETTRONICO

OPERATORE ELETTRONICO CONSORZIO PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE E PER L EDUCAZIONE PERMANENTE Il Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente è un Ente Pubblico, che organizza, in diversi settori

Dettagli

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività)

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) I dati si riferiscono all anno scolastico 2014/2015 Approvato nel Collegio dei Docenti del 12 giugno 2015 Gli alunni certificati in base alla Legge 104/1992 Tabella

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA Scuola Primaria Anno scolastico 2013/2014 Il Collegio dei Docenti della Scuola Primaria dell Istituto Comprensivo di Balangero condivide

Dettagli

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe:

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe: Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016 Consiglio della Classe Sez. Indirizzo Scenografia Coordinatore: Data di approvazione: Docenti: Disciplina:

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso FINALITA Il presente documento contiene criteri, principi e indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche per un ottimale inserimento

Dettagli

PIANO ANNUALE DELL INCLUSIONE

PIANO ANNUALE DELL INCLUSIONE Gallarate (VA) - Via Bonomi, 4 Tel. 0331.795141 - Fax 0331.784134 sacrocuoregallarate@fastwebnet.it www.sacrocuoregallarate.it Scuola Secondaria di I grado PIANO ANNUALE DELL INCLUSIONE DEGLI ALUNNI CON

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015 DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI Composizione I Dipartimenti sono composti dai docenti, raggruppati per aree disciplinari e/o per

Dettagli

L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione. Dario Nicoli

L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione. Dario Nicoli L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione Dario Nicoli I Regolamenti sul Riordino Nei nuovi Regolamenti sul Riordino dei diversi istituti secondari di II grado (Istituti

Dettagli

Indicazioni nazionali per il curricolo

Indicazioni nazionali per il curricolo Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo di istruzione a cura di Valentina Urgu per l I.C. Monastir L ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO Indicazioni quadro di riferimento

Dettagli

L INDIRIZZO SPERIMENTALE LINGUISTICO BROCCA

L INDIRIZZO SPERIMENTALE LINGUISTICO BROCCA L INDIRIZZO SPERIMENTALE LINGUISTICO BROCCA Che cos è L indirizzo si caratterizza per lo studio delle lingue straniere in stretto collegamento con il latino e l italiano. L obiettivo primario è far acquisire

Dettagli

Il Collegio dei Docenti delibera

Il Collegio dei Docenti delibera Il Collegio dei Docenti delibera MODALITÀ E CRITERI DI VALUTAZIONE ai sensi dell art. 1, comma 5, del DPR 122 /2009: Il collegio dei docenti definisce modalità e criteri per assicurare omogeneità, equità

Dettagli

I BISOGNI DEL BAMBINO CON DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO.

I BISOGNI DEL BAMBINO CON DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO. I BISOGNI DEL BAMBINO CON DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO. Dott.ssa Cinzia De Cicco, Pedagogista Clinico Esperta in Disturbi dell Apprendimento Presidente Provinciale Associazione Italiana Dislessia

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Decreto N. 5669 IL MINISTRO VISTO VISTA VISTO VISTA VISTA l articolo 34 della Costituzione; la Legge 8 ottobre 2010, n. 170, recante Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. CALINI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. CALINI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. CALINI VIA MONTE SUELLO, 2 25128 BRESCIA tel. 030-304924 - fax 030-396105 E-MAIL: bscalini@ provincia.brescia.it LICEO STATALE B R E S C I A SCIENTIFICO A. CALINI via Monte

Dettagli

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana. Collegio dei docenti. Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana. Collegio dei docenti. Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana Collegio dei docenti Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria Approvato nella seduta del Collegio del 17 gennaio 2013 Prima

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

I.I.S. Astolfo Lunardi

I.I.S. Astolfo Lunardi Piano dell offerta formativa IL Dirigente Scolastico Funzione Strumentale Pagina 1 di 1 POF - vers 02 - Copertina, 11/10/2010 Delibera CD n. 09 del 29/09/2010 Data stampa: 06/12/12 Delibera Cdi n. 17 del

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR)

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR) Prot. n. 4723/A01 Cassino 19 settembre2015 Ai docenti dell istituto comprensivo Loro sedi Atti Oggetto: indicazioni e chiarimenti in merito al POF 2015/16 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Vista la L. n.107/2015

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia C.P.I.A. RAGUSA

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia C.P.I.A. RAGUSA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia C.P.I.A. RAGUSA Centro Provinciale per l Istruzione degli Adulti Via Giordano Bruno sn 97100 RAGUSA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 La programmazione educativa, redatta dal Presidente del Gruppo H e stilata dalla Docente F/S per le attività a sostegno

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado

ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado Piano Annuale per l Inclusività A.S. 2013/14 L I.C. Tivoli 2 A.Baccelli pone particolare attenzione

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA ISIS SARPI

OFFERTA FORMATIVA ISIS SARPI ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA DI 2 GRADO TECNICA E PROFESSIONALE Paolo Sarpi Scuola ESABAC Sede legale: via Brigata Osoppo -33078 San Vito al Tagliamento (PN) tel. 0434/80496 tel.0434/80372 fax 0434/833346

Dettagli

DIPLOMATO SISTEMA MODA ARTICOLAZIONE CALZATURE E MODA

DIPLOMATO SISTEMA MODA ARTICOLAZIONE CALZATURE E MODA DIPLOMATO SISTEMA MODA ARTICOLAZIONE CALZATURE E MODA PROFILO PROFESSIONALE Il Diplomato nell Indirizzo "Sistema Moda" ha competenze specifiche nell ambito delle diverse realtà ideativo-creative, progettuali,

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE Dallo studio delle scienze sperimentali alla comprensione del mondo tecnologico

LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE Dallo studio delle scienze sperimentali alla comprensione del mondo tecnologico LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE Dallo studio delle scienze sperimentali alla comprensione del mondo tecnologico Non si impara mai pienamente una scienza difficile, per esempio la matematica,

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

FINALITA solida base culturale di carattere scientifico e tecnologico limitato numero di ampi indirizzi esercizio di professioni tecniche

FINALITA solida base culturale di carattere scientifico e tecnologico limitato numero di ampi indirizzi esercizio di professioni tecniche FINALITA fornire una solida base culturale di carattere scientifico e tecnologico in linea con le indicazioni dell Unione europea offrire un limitato numero di ampi indirizzi, correlati a settori fondamentali

Dettagli

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596 Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596 Piano Annuale per l Inclusione 2015/16 1. FINALITA GENERALE E NORMATIVA DI RIFERIMENTO Legge 104/92 Legge

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO DELLE SCIENZE UMANE (Potenziamento Linguistico - Antropologico) Il Liceo delle Scienze Umane completa la formazione umanistica con materie relative all area psicologica, sociale e formativa allo

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE

PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE COMPETENZE CHIAVE EUROPEE e COMPETENZE SPECIFICHE 1 PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE PROFILO Il Diplomato

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA Allegato 4 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA IL protocollo d accoglienza è un documento deliberato dal Collegio Docenti che contiene principi, indicazioni riguardanti l iscrizione

Dettagli

ISTITUTO TECNICO E. Mattei DECIMOMANNU (CA)

ISTITUTO TECNICO E. Mattei DECIMOMANNU (CA) ISTITUTO TECNICO E. Mattei DECIMOMANNU (CA) INDIRIZZI, PROFILI, QUADRI ORARI E RISULTATI DI APPRENDIMENTO DEL SETTORE ECONOMICO INDIRIZZI: - B1 Amministrazione, finanza e marketing (Ragioniere Perito Commerciale

Dettagli

Orientamento. La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi

Orientamento. La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi Orientamento La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi A cura del Prof. Graziano Galassi (Componente della Commissione Orientamento) IDENTITA DEGLI ISTITUTI TECNICI Solida base culturale

Dettagli

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano 1. PROFILO DELLA CLASSE La classe, formata quest anno da 25 alunni, comprende 20 alunne e 1 alunno

Dettagli

INDIRIZZI PER IL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA

INDIRIZZI PER IL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA INDIRIZZI PER IL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA (Comma 14 della legge n 107 del 13 luglio 2015 che modifica l art. 3 del DPR n 275 dell 8 marzo 1999 e introduce il comma 4). ALCUNI PUNTI SALIENTI

Dettagli

Investimento sull istruzione e formazione dei giovani Articolazione unitaria del sistema libertà di scelta Flessibilità strutturale

Investimento sull istruzione e formazione dei giovani Articolazione unitaria del sistema libertà di scelta Flessibilità strutturale Investimento sull istruzione e formazione dei giovani per favorire la crescita personale, culturale e professionale in linea con le politiche del capitale umano, assicurando loro conoscenze, abilità, capacità

Dettagli

Partecipare all organizzazione di convegni ed eventi

Partecipare all organizzazione di convegni ed eventi Area di Riferimento 1 Gestione POF Riscrittura del POF alla luce delle innovazioni normative e dei bisogni formativi attuali, sia interni che del territorio Monitoraggio in itinere dell attuazione del

Dettagli

Questo documento è uno strumento a disposizione degli insegnanti di sostegno e dei docenti curricolari.

Questo documento è uno strumento a disposizione degli insegnanti di sostegno e dei docenti curricolari. H A N D I C A P E S C U O L A Questo documento è uno strumento a disposizione degli insegnanti di sostegno e dei docenti curricolari. L INTEGRAZIONE DELLE PERSONE IN SITUAZIONE DI HANDICAP L art. 3 della

Dettagli

DOCUMENTO DI LINEE D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO A.S.

DOCUMENTO DI LINEE D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO A.S. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I.C. NUOVO PONTE DI NONA - VIA GASTINELLI N. 58-00132 ROMA TEL. 06/22180417- fax: 06/22188121 C.M.RMIC8CR006

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO COORDINATO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI. 2.1 Novità e caratteristiche

I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI. 2.1 Novità e caratteristiche I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI 2.1 Novità e caratteristiche Il segno distintivo dei licei? Una formazione culturale di base per così dire a banda larga, propedeutica alla continuazione degli studi e

Dettagli

Dirigente Anna Maria AMORUSO. LICEO "BIANCHI DOTTULA"

Dirigente Anna Maria AMORUSO. LICEO BIANCHI DOTTULA I NUOVI LICEI D.Lgs 226/ 05 Moratti D.L 112/ 08 conv L 133/ 08 razionalizzazione uso risorse DPR 89 del 15.03.2010 Gelmini Indicazioni nazionali Liceo Artistico Liceo Classico Liceo Linguistico Liceo delle

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Per la realizzazione dall anno scolastico 2003/2004

Dettagli

LA CERAMICA TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE Anni scolastici 2011-2012/2012-2013/2013-2014 Progetto triennale

LA CERAMICA TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE Anni scolastici 2011-2012/2012-2013/2013-2014 Progetto triennale LA CERAMICA TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE Anni scolastici 2011-2012/2012-2013/2013-2014 Progetto triennale Gruppo di progetto: Dirigente scolastico Referente di Istituto Tutor di classe ANALISI DEI BISOGNI

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Allegato parte integrante regolamento PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Regolamento per l inserimento e l integrazione degli studenti stranieri nel sistema educativo provinciale (articolo 75 della legge provinciale

Dettagli

I CORSI DI STUDIO I PROFILI PROFESSIONALI SERVIZI DI SALA E DI VENDITA

I CORSI DI STUDIO I PROFILI PROFESSIONALI SERVIZI DI SALA E DI VENDITA I CORSI DI STUDIO I PROFILI PROFESSIONALI L Istituto offre tre diversi profili professionali: ENOGASTRONOMIA SERVIZI DI SALA E DI VENDITA ACCOGLIENZA TURISTICA Nell articolazione dell ENOGASTRONOMIA, il

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLONGO SCUOLA PRIMARIA. Estratto del POF

ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLONGO SCUOLA PRIMARIA. Estratto del POF ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLONGO SCUOLA PRIMARIA Estratto del POF La scuola, come ambiente educativo di apprendimento, luogo di convivenza democratica, deve offrire un clima sociale positivo ed essere

Dettagli

CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A ALLE VENDITE

CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A ALLE VENDITE U Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A ALLE VENDITE Il Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente è un

Dettagli

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento L'a.s. 2013/14 oltre alla realizzazione della fase di, è stato dedicato all'avvio e al proseguimento di azioni di Miglioramento

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA di MATEMATICA Classi QUINTE PROFESSIONALI A.S. 2015/2016

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA di MATEMATICA Classi QUINTE PROFESSIONALI A.S. 2015/2016 Note Il presente documento va inviato in formato elettronico all indirizzo piani.lavoro@majorana.org a cura del Coordinatore della Riunione Disciplinare. Il Registro Elettronico SigmaSchool è il canale

Dettagli

RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI

RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI INTEGRAZIONE, ORIENTAMENTO E BUONE PRASSI RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI L iscrizione degli alunni con certificazione L.104

Dettagli

2. CAMPO DI APPLICAZIONE

2. CAMPO DI APPLICAZIONE 1. SCOPO Questo protocollo nasce con l intento di pianificare le prime azioni d inserimento degli alunni stranieri e favorire il dibattito intorno alle nuove prospettive dell educazione interculturale

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22. Al Collegio dei Docenti. E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA

Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22. Al Collegio dei Docenti. E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22 Al Collegio dei Docenti E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA Oggetto : Pubblicazione Atto di Indirizzo del Dirigente Scolastico per la predisposizione

Dettagli

LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016

LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016 LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016 LA DIMENSIONE DEL BISOGNO: COMUNICAZIONE E DIVERSITÀ Motivazione dell idea progettuale Il nostro Istituto

Dettagli

SCUOLA COLLEGIO CONVITTO. celana. Via Papa Giovanni XXIII, 2/A 24030 - Celana di Caprino B.sco Tel. 035 781002 www.scuolacollegiocelana.

SCUOLA COLLEGIO CONVITTO. celana. Via Papa Giovanni XXIII, 2/A 24030 - Celana di Caprino B.sco Tel. 035 781002 www.scuolacollegiocelana. SCUOLA COLLEGIO CONVITTO celana Via Papa Giovanni XXIII, 2/A 24030 - Celana di Caprino B.sco Tel. 035 781002 www.scuolacollegiocelana.com e-mail: SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Anno Scolastico 2010-2011

Dettagli

E-Mail: parentucelli@hotmail.com. http://www.parentucelli.com

E-Mail: parentucelli@hotmail.com. http://www.parentucelli.com 0187610831 E-Mail: parentucelli@hotmail.com http://www.parentucelli.com Gli ambienti Laboratori multimediali Informatico Linguistico Nuove Tecnologie Gli ambienti I Laboratori di Scienze Chimica Biologia

Dettagli

CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA

CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA ISTITUTO COMPRENSIVO E. FERMI DI CARVICO SCUOLA SECONDARIA di CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA Estratto Piano dell Offerta Formativa Anno Scolastico 2015-2016 L OFFERTA FORMATIVA comune a tutti

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ALUNNI DSA

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ALUNNI DSA MOD. A04 Allegato n. 4 al P.O.F. PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ALUNNI DSA Punti del documento: - Dichiarazione d intenti - Premessa - Obiettivi - Procedure e Strategie - Soggetti coinvolti - Prassi condivise.

Dettagli

FORMAT DI INTEGRAZIONE DEL PROGETTO APPROVATO PER L ATTUAZIONE DI PERCORSI IN ALTERNANZA a.s. 2009-10

FORMAT DI INTEGRAZIONE DEL PROGETTO APPROVATO PER L ATTUAZIONE DI PERCORSI IN ALTERNANZA a.s. 2009-10 FORMAT DI INTEGRAZIONE DEL PROGETTO APPROVATO PER L ATTUAZIONE DI PERCORSI IN ALTERNANZA a.s. 2009-10 1 Il progetto è presentato da: Istituto di Istruzione Superiore G. TORNO P.le Don Milani 1 20022 Castano

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI DISABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI DISABILI All.9 POF 2015-2016 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI DISABILI Il Protocollo di Accoglienza è il documento che predispone e organizza le modalità che l Istituto intende seguire relativamente all

Dettagli

2 FINALITA FORMATIVE DELLA SCUOLA PRIMARIA

2 FINALITA FORMATIVE DELLA SCUOLA PRIMARIA 2 FINALITA FORMATIVE DELLA SCUOLA PRIMARIA Il nostro impianto educativo vuol porre al centro la ricerca del sé nella scoperta della necessità dell altro. Noi siamo tutti gli altri che abbiamo incontrato

Dettagli

Progetto Educativo d Istituto

Progetto Educativo d Istituto LICEO SCIENTIFICO Paritario LICEO delle SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Paritario ISAAC NEWTON Progetto Educativo d Istituto P.E.I. A.S. 2014/2015 0 INDICE 1. Introduzione. pag. 2 2. Finalità e

Dettagli

Istruzione professionale:

Istruzione professionale: Istruzione professionale: DUE BIENNI + QUINTO ANNO - ESAME DI STATO - ACCESSO AI CORSI UNIVERSITARI Indirizzi attivi: Servizi Commerciali dal terzo anno è possibile anche scegliere Servizi Socio-Sanitari

Dettagli

I CORSI DI STUDIO I PROFILI PROFESSIONALI

I CORSI DI STUDIO I PROFILI PROFESSIONALI I CORSI DI STUDIO I PROFILI PROFESSIONALI L Istituto offre quattro diversi profili professionali: ENOGASTRONOMIA CUCINA SERVIZI DI SALA E DI VENDITA ENOGASTRONOMIA PROD. DOLCIARI ARTIGIANALI E INDUSTRIALI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 3

ISTITUTO COMPRENSIVO N 3 ISTITUTO COMPRENSIVO N 3 Giovanni XXIII 73043 COPERTINO - Via Mogadiscio, 45 - Tel. 0832.947164 Fax 0832.934582 e-mail: leic865009@istruzione.it Allegato al Regolamento d Istituto PROTOCOLLO per l ACCOGLIENZA

Dettagli

QUADRI ORARI E COMPETENZE SPECIFICHE DEGLI INDIRIZZI

QUADRI ORARI E COMPETENZE SPECIFICHE DEGLI INDIRIZZI QUADRI ORARI E COMPETENZE SPECIFICHE DEGLI INDIRIZZI Nel nostro Istituto sono attivi i seguenti indirizzi, articolati nelle classi e nei quadri orari di cui sotto. Meccanica, Meccatronica Elettrotecnica

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO. tra. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana. Direzione Generale

CONVENZIONE QUADRO. tra. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana. Direzione Generale CONVENZIONE QUADRO tra Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e il Consiglio Regionale della Toscana L', P.I. 80022410486, con sede legale in Firenze, via Mannelli n. 113, rappresentato

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE CONSIGLI DI CLASSE. CLASSE 5A igea ANNO SCOLASTICO 2009/2010

SCHEDA PROGRAMMAZIONE CONSIGLI DI CLASSE. CLASSE 5A igea ANNO SCOLASTICO 2009/2010 ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE ARCHIMEDE Via Cento n. 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto (BO) C.F. 80073690374 Tel 051 821832/823651 Fax 051 825226 E-Mail: informazioni@isis-archimede.it Sito

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE FINALITA Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è un documento che nasce da una più dettagliata esigenza d informazione relativamente all

Dettagli

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO Prof. Paola Perrone PREMESSA Nell attuale contesto storico, che ha acquisito la tematica europea dell orientamento lungo

Dettagli

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo 2003, n.53 Criteri e procedure per la certificazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale D. Alighieri Scuola dell'infanzia/primaria/secondaria di primo grado Via per Duno, 10-21030 CUVEGLIO (VA) tel. 0332.650200/650152

Dettagli

ISTRUZIONE PROFESSIONALE Pecup comune Profilo culturale, educativo e professionale (PECUP) comune a tutti i percorsi dell Istruzione professionale

ISTRUZIONE PROFESSIONALE Pecup comune Profilo culturale, educativo e professionale (PECUP) comune a tutti i percorsi dell Istruzione professionale ISTRUZIONE PROFESSIONALE Pecup comune Profilo culturale, educativo e professionale (PECUP) comune a tutti i percorsi dell Istruzione professionale A conclusione dei percorsi degli istituti professionali,

Dettagli

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità Istituto Comprensivo Statale Lorenzo Bartolini di Vaiano Piano dell Offerta Formativa Scheda di progetto Progetto 5 Formazione, discipline e continuità I momenti dedicati all aggiornamento e all autoaggiornamento

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CRISTOFARO MENNELLA

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CRISTOFARO MENNELLA ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CRISTOFARO MENNELLA CORSO GARIBALDI 11, 80074 CASAMICCIOLA TERME (NA) ipiacasamicciola@libero.it www.istitutosuperioreischia.it C.F. 91005980635 Tel 081900215 Fax 081900998

Dettagli

Istituto di istruzione secondaria di secondo Grado per le scienze umane e per i servizi. Claudia de Medici Bolzano

Istituto di istruzione secondaria di secondo Grado per le scienze umane e per i servizi. Claudia de Medici Bolzano Istituto di istruzione secondaria di secondo Grado per le scienze umane e per i servizi Claudia de Medici Bolzano Il 14 dicembre 2010 con delibera della Giunta Provinciale l Istituto De Medici è diventato

Dettagli

Liceo Artistico Statale Aldo Passoni

Liceo Artistico Statale Aldo Passoni Liceo Artistico Statale Liceo Artistico Statale Aldo Passoni Via della Rocca,7-10123 Torino - Tel.: 011.8177377 - Fax: 011.8127290 Mail: istpassoni@tin.it - sito web: http://www.lapassoni.it 1 2 Liceo

Dettagli

Scuola Secondaria di 1 Grado A. di Cambio Via Volterrana 2-53034 Colle di Val d Elsa (SI)

Scuola Secondaria di 1 Grado A. di Cambio Via Volterrana 2-53034 Colle di Val d Elsa (SI) Prot. 28571 c23a Colle di val d Elsa 18/9/2015 ATTO D INDIRIZZO AL COLLEGIO DEI DOCENTI PER LA PREDISPOSIZIONE DEL POF TRIENNALE il D.lgs. n.297/94 ; il D.P.R. n. 275/99; IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTO

Dettagli

N.B. A CORREDO DEL MODELLO NELLA CARTE VIENE RIPORTATA LA DOCUMENTAZIONE UTILE PER LA PREDISPOSIZIONE DELLA PROGRAMMAZIONE

N.B. A CORREDO DEL MODELLO NELLA CARTE VIENE RIPORTATA LA DOCUMENTAZIONE UTILE PER LA PREDISPOSIZIONE DELLA PROGRAMMAZIONE N.B. A CORREDO DEL MODELLO NELLA CARTE VIENE RIPORTATA LA DOCUMENTAZIONE UTILE PER LA PREDISPOSIZIONE DELLA PROGRAMMAZIONE Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO ISTRUZIONE

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini

Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE 1. Situazione iniziale Anno Scolastico

Dettagli

Orientamento per il successo scolastico e formativo. PIANO REGIONALE ORIENTAMENTO 2010-2011 USR Lombardia Ufficio X - Bergamo

Orientamento per il successo scolastico e formativo. PIANO REGIONALE ORIENTAMENTO 2010-2011 USR Lombardia Ufficio X - Bergamo Orientamento per il successo scolastico e formativo PIANO REGIONALE ORIENTAMENTO 2010-2011 USR Lombardia Ufficio X - Bergamo 2 I nuovi Licei 3 I nuovi licei LA STRUTTURA DEL PERCORSO QUINQUENNALE Il percorso

Dettagli

2.3. COMPETENZE CHIAVE E DI CITTADINANZA

2.3. COMPETENZE CHIAVE E DI CITTADINANZA QUESTIONARIO DOCENTI Gentile docente, Le chiediamo di esprimere la sua opinione su alcuni aspetti della vita scolastica e sul funzionamento della scuola nella quale attualmente lavora. Le risposte che

Dettagli

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE CURRICOLO Il Curricolo è il complesso organizzato delle esperienze di apprendimento che una scuola intenzionalmente progetta e realizza per gli alunni al fine di conseguire le mete formative desiderate.

Dettagli

Neoassunti 2015/16. BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale. Versione del 09/12/15

Neoassunti 2015/16. BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale. Versione del 09/12/15 Neoassunti 2015/16 BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale Versione del 09/12/15 Sommario Sommario Sommario... 1 Introduzione... 2 La guida per la compilazione del Bilancio di Competenze... 2 A cosa

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA STESURA DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PER IL TRIENNIO 2016/2019

LINEE DI INDIRIZZO PER LA STESURA DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PER IL TRIENNIO 2016/2019 I.C. 6 QUASIMODO DICEARCHIA 80078 POZZUOLI (NA)-Via Caio Vestorio,3 Tel e Fax 081/8042620 Cod. Fisc. 96029330634 Cod.Mecc. NAIC8DY002 http://www.ic6quasimododicearchia.gov.it e-mail: NAIC8DY002@istruzione.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE F E R M I-GALILEI Via S. G. Bosco, 17-10073 C I R I E (TO) - tel. 011.9214575 011.9210546 fax 011.9214267- e-mail: fermi@icip.com - sito internet: www.istitutofermicirie.it

Dettagli

INDIRIZZI DI STUDIO I.P.S.E.O.O.A.

INDIRIZZI DI STUDIO I.P.S.E.O.O.A. LA NOSTRA OFFERTA FORMATIVA INDIRIZZI DI STUDIO I.P.S.E.O.O.A. Al fine di facilitare la scelta dell indirizzo di studi e le eventuali opzioni, il nostro Istituto ha predisposto il seguente prospetto che,

Dettagli