IL DIRIGENTE SCOLASTICO Dott.ssa Laura Giannini

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL DIRIGENTE SCOLASTICO Dott.ssa Laura Giannini"

Transcript

1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Luca Signorelli Vicolo del Teatro, Cortona (AR) Tel Fax Liceo Classico Cortona IPSS Cortona ITC Cortona ITC Foiano Sito Web: Cod. Fisc IL DIRIGENTE SCOLASTICO Dott.ssa Laura Giannini

2 SOMMARIO PREMESSA p. 4 SEZIONE I L ISTITUTO, LA SOCIETA E IL TERRITORIO 1. Presentazione dell Istituto p La società p Il territorio p La comunità scolastica p Indirizzi generali del Consiglio d Istituto p. 7 SEZIONE II SCELTE EDUCATIVE E DIDATTICHE 1.1 Scelte del MIUR - Profilo culturale, educativo e professionale dei tre indirizzi e relativo Piano degli studi p. 9 Liceo classico Luca Signorelli p. 9 Istituto Tecnico Commerciale Francesco Laparelli p. 11 Istituto Professionale per i servizi sociali Gino Severini p La programmazione per competenze Competenze chiave - Assi culturali p Scelte dell Istituto Organi decisionali della progettazione didattico educativa (organigramma) p Obiettivi educativi e didattici p. 17 Accoglienza e rinforzo motivazionale p. 17 Obiettivi educativi e cognitivi, generali e comuni p. 18 Strategie per il loro raggiungimento p. 21 Piano di arricchimento dell offerta formativa p Strategie educative Attività di sostegno, recupero e approfondimento p. 22 Integrazione scolastica degli alunni con disabilità p. 24 Interventi didattici individualizzati e personalizzati per gli alunni con Disturbi Specifici dell Apprendimento p. 25 Accoglienza e integrazione degli alunni stranieri p. 26 1

3 Prevenzione della dispersione scolastica p. 27 Orientamento e riorientamento p Verifica e valutazione Verifica e valutazione dell apprendimento p. 28 Criteri di valutazione dell apprendimento p. 29 Criteri di corrispondenza tra voto decimale e livello di apprendimento p. 31 Griglia per l attribuzione del voto di comportamento p. 32 Certificazione delle competenze acquisite nel primo biennio p. 33 Credito scolastico e credito formativo p. 33 Validità dell anno scolastico p. 34 SEZIONE III SCELTE ORGANIZZATIVE E DI GESTIONE 1. Scelte organizzative p. 35 Tempo scuola p. 35 Unità oraria di lezione p. 35 Suddivisione dell a.s. in periodi ai fini della valutazione p. 38 Rapporti scuola famiglia p. 39 Libri di testo p. 39 Criteri per la formazione delle classi p. 40 Criteri per l assegnazione dei docenti alle classi p. 40 Criteri di formulazione dell orario del personale docente p Risorse umane e incarichi di gestione Il Dirigente Scolastico p. 40 L Ufficio di Presidenza (o staff della Dirigenza) p. 40 Il Direttore dei servizi scolastici e Amministrativi p. 40 Le Funzioni Strumentali p. 41 Criteri per l individuazione dei docenti responsabili delle Funzione Strumentali p. 41 Il Consiglio d Istituto p. 42 Il Collegio dei docenti e le sue articolazioni funzionali p. 42 2

4 I Dipartimenti p. 43 Il Consiglio di Classe p. 43 Il Coordinatore di classe p. 43 Altri incarichi p Organizzazione amministrativa p Aggiornamento professionale p. 45 SEZIONE IV SERVIZI DIDATTICI 1. Biblioteca p Laboratori di Informatica e Lingue p Laboratori di Teatro e Musica p Laboratori per allievi diversamente abili p Centro Sportivo Scolastico p. 46 SEZIONE IV SISTEMA DI VALUTAZIONE 1. La valutazione dell apprendimento degli allievi p La valutazione d Istituto p. 47 ALLEGATI n. 1 - Regolamento d Istituto n. 2 - Patto Educativo di Corresponsabilità n. 3 - Regolamento Organo di Garanzia n. 4 Statuto delle Studentesse e degli Studenti della Scuola Secondaria (D.P.R. 249 del 24/06/1998) Successive modificazioni (D.P.R. 235 del 21/11/2007) e integrazioni (D.L. del 01/09/2008, n. 137) n. 5 Modello PDP per alunni con DSA n. 6 - Protocollo di accoglienza per gli alunni stranieri n. 7 - Modello di certificazione delle competenze di base acquisite nell assolvimento dell obbligo di istruzione n. 8 - Progetti arricchimento offerta formativa n. 9 Restituzione risultati Indagine OCSE-PISA 2009 n Assi culturali: declinazione delle competenze in abilità e conoscenze dell ISIS Luca Signorelli 3

5 PREMESSA Il Piano dell Offerta Formativa (POF) è il documento, redatto dal Collegio dei docenti ed approvato dal Consiglio d Istituto, mediante il quale la scuola definisce, in relazione alle aree di autonomia stabilite per legge, le proprie scelte didattico-educative ed organizzative. Il POF è, quindi, sia lo strumento che facilita la comunicazione con l esterno delle linee distintive dell Istituto d Istruzione Superiore L. Signorelli sia il piano esecutivo delle dichiarazioni d intenti esplicitate. Ne consegue il carattere di patto con gli studenti, le famiglie e la collettività, che implica l assunzione di responsabilità da parte della scuola circa la realizzazione effettiva dell offerta formativa. Il POF non può, pertanto, configurarsi come un astrazione. Tutti coloro che operano all interno della scuola collaborano nel definire il progetto educativo, poiché è dall impegno e dalla qualità dell azione quotidiana di ciascuno che dipende il raggiungimento degli obiettivi indirizzati alla formazione di cittadine e cittadini, che non solo conoscono e sanno fare, ma sanno anche agire, consapevoli delle proprie risorse e del contesto in cui si trovano ad operare. Ed è proprio questa finalità formativa integrale che fa emergere il carattere dialettico e flessibile del POF, la cui progettualità deve essere la risultante di una chiara individuazione del traguardo da raggiungere e del modo in cui arrivare, tenendo conto della situazione di partenza, delle esigenze dei singoli soggetti che compongono la comunità scuola e delle attese della collettività locale e nazionale. 4

6 SEZIONE I - L ISTITUTO, LA SOCIETA E IL TERRITORIO 1. Presentazione dell Istituto L Istituto di Istruzione Superiore Luca Signorelli nasce nel 1999 come risultato dell aggregazione di tre Istituti: il Liceo Classico Luca Signorelli, l Istituto Tecnico Commerciale Francesco Laparelli con sedi a Cortona e a Foiano della Chiana, l Istituto Professionale per i servizi sociali Gino Severini. Tutti gli Istituti sono situati nel centro storico: il Liceo Classico ha sede in Vicolo del Teatro, 4; l Istituto Tecnico Commerciale di Cortona (oggi Istituto Tecnico per il settore Economico, con indirizzi Amministrazione Finanza - Marketing e Turismo) è situato in via Maffei,7; l Istituto Tecnico Commerciale di Foiano della Chiana (oggi Istituto Tecnico per il settore Economico, con indirizzo Amministrazione Finanza e Marketing ) è situato in Piazza Nencetti, 7; l Istituto Professionale per i Servizi Sociali (oggi Istituto Professionale per i servizi socio-sanitari) è ubicato in Vicolo del Teatro, La società I processi di globalizzazione dei mercati mondiali, le incessanti trasformazioni economiche, sociali e culturali indotte dalla rivoluzione informatica e telematica, la rapida evoluzione delle conoscenze, le nuove frontiere della vita aperte dalla ricerca genetica, i fenomeni immigratori che caratterizzano le società occidentali, le prospettive della nascita di un grande Stato europeo, all interno di un contesto di spinte contrapposte, impongono la necessità di procedere ad un rinnovo costante delle nostre istituzioni educative. Alle nuove generazioni occorre assicurare dei percorsi formativi che valorizzino le loro attitudini personali, consolidino le strutture portanti del sapere e il loro spirito critico, rafforzino la capacità di individuare il cambiamento e di gestirlo, potenzino la padronanza dei linguaggi informatici e l uso adeguato delle tecnologie, accrescano la loro propensione a vivere in una società destinata ad assumere una fisionomia sempre più multietnica e multireligiosa. 5

7 3. Il territorio La scuola è per il territorio una risorsa indispensabile di sviluppo civile, culturale ed economico. Pertanto, nella definizione della sua organizzazione culturale e del suo agire quotidiano, non potrà prescindere dallo stabilire rapporti sempre più stretti con la realtà territoriale e istituzionale in cui è inserita, con le forze sociali ed economiche che vi operano, con le componenti più vive della società civile. Formare il cittadino - studente non può che significare fornirgli gli strumenti linguistici e conoscitivi per metterlo in grado di scoprire le sue radici culturali, per consentirgli di partecipare con consapevolezza alla vita democratica del paese, per garantirgli l accesso critico al sistema della comunicazione universale. Il nuovo Istituto di istruzione superiore, che è venuto a costituirsi in seguito ai provvedimenti di aggregazione, opera in una vasta area territoriale che abbraccia gran parte della Valdichiana aretina fino a comprendere le realtà limitrofe del perugino e del senese. La struttura economica di questo territorio si è notevolmente ammodernata negli ultimi decenni, facendo registrare una ragguardevole crescita della piccola e media impresa, del commercio, del settore turistico, anche se il tradizionale comparto dell agricoltura, in seguito ai processi di specializzazione produttiva, continua a conservare, per quanto riguarda la produzione di ricchezza, un ruolo di notevole rilievo. Tali trasformazioni hanno modificato notevolmente il mercato del lavoro: rispetto ad un recente passato in cui era possibile trovare occupazione con una preparazione professionale generica quand anche inesistente, oggi si richiedono competenze specifiche di sempre maggior livello e una solida preparazione culturale di base, indispensabile per sviluppare positive capacità di adattamento ad una società in continua trasformazione. D altra parte, un istruzione scolastica di qualità contribuisce, fortemente, allo sviluppo civile di una comunità rafforzandone i legami sociali, elevandone lo spirito di solidarietà e tolleranza, favorendone la crescita democratica e la lealtà verso le istituzioni, stimolandone i processi di integrazione personale e sociale. 4. La comunità scolastica (Ancora da compilare si tratta di una indagine sulla provenienza e sul contesto sociale e culturale che richiede maggior tempo) 6

8 5. Indirizzi generali del Consiglio d Istituto Il Consiglio d Istituto, tenendo conto del percorso realizzatosi negli anni di condivisione degli obiettivi educativi e di gestione, considerando gli indirizzi nazionali di carattere organizzativo relativi ai modelli di funzionamento delle scuole e proponendosi la finalità generale di creare una scuola che punti al massimo per tutti gli studenti in un clima di accoglienza e partecipazione, nella seduta del 15 giugno 2012, ha dettato i seguenti Indirizzi generali per le attività della scuola e le scelte di gestione e di amministrazione (art. 3 c.3 DPR 275/99 Regolamento recante norme in materia di autonomia delle istituzioni scolastiche, ai sensi dell art. 21 della legge 15 marzo 1997, n. 59 ): promuovere il benessere, lo sviluppo graduale dell identità e della capacità di scelta con attività di accoglienza, riflessione personale e di gruppo, continuità e orientamento; favorire l integrazione degli alunni in situazione di handicap e degli stranieri; favorire il colloquio precoce con la famiglia in caso di individuazione di problemi di apprendimento o di socializzazione, al fine di progettare e realizzare attività educative e di recupero degli alunni in difficoltà e valorizzare le potenzialità di ciascuno; rafforzare il raccordo scuola- famiglia- territorio, al fine di concorrere alla costruzione di una identità di comunità; promuovere attività di ampio respiro che dimostrino l attenzione alla diversità, ai temi della globalizzazione, all inserimento della comunità locale nel più ampio contesto di quella nazionale, europea, mondiale e promuovere l educazione alla cittadinanza e l educazione interculturale; prestare attenzione all ambiente e alla promozione di una cultura della biodiversità e della sostenibilità; integrare la programmazione curricolare con attività di arricchimento dell offerta formativa realizzate anche con l ausilio di esperti esterni ma in stretta relazione con l attività curricolare; promuovere lo sviluppo di competenze adottando come sfondo integratore o come parametri di riferimento ideali quelli individuati in documenti di indirizzo significativi quali, ad es., quelli relativi alle life skills education in schools dell OMS (1993), alle competenze chiave per l apprendimento 7

9 permanente della Comunità Europea (2006), alle competenze chiave di cittadinanza da acquisire al termine dell istruzione obbligatoria del MIUR (2007), ecc.; favorire la partecipazione dell Istituto a reti di scuole per la realizzazione di obiettivi e finalità didattiche, organizzative, amministrative, di formazione e ricerca coerenti con i bisogni della scuola; favorire la realizzazione di esperienze laboratoriali, di visite guidate, viaggi d istruzione, scambi culturali; favorire la formazione del personale in coerenza con gli obiettivi del POF, le esperienze di ricerca, sperimentazione e innovazione; promuovere lo sviluppo del sapere scientifico e l utilizzo delle TIC; organizzare i processi di insegnamento apprendimento, l organizzazione e l attività amministrativa e di supporto facendo ricorso alla flessibilità ed ispirandosi ai criteri di efficienza ed efficacia; prestare attenzione alla valutazione esplicitandone i criteri; organizzare e realizzare un servizio di autovalutazione dei processi e dei risultati al fine di monitorare e migliorare la qualità dell Offerta Formativa e dei servizi offerti. 8

10 SEZIONE II SCELTE EDUCATIVE E DIDATTICHE 1. Scelte del MIUR - Profilo culturale, educativo e professionale dei tre indirizzi e relativo Piano degli studi LICEO CLASSICO LUCA SIGNORELLI - L attualità di una scuola fondata sull universalismo del sapere - (D.P.R , n.89: Regolamento recante revisione dell assetto ordinamentale, organizzativo e didattico dei licei a norma dell articolo 64, comma 4, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito dalla legge 6 agosto 2008, n. 133). Il percorso del liceo classico è indirizzato allo studio della civiltà classica e della cultura umanistica. Favorisce una formazione letteraria, storica e filosofica idonea a comprenderne il ruolo nello sviluppo della civiltà e della tradizione occidentali e nel mondo contemporaneo sotto un profilo simbolico, antropologico e di confronto di valori. Favorisce l acquisizione dei metodi propri degli studi classici e umanistici, all interno di un quadro culturale che, riservando attenzione anche alle scienze matematiche, fisiche e naturali, consente di cogliere le intersezioni fra i saperi e di elaborare una visione critica della realtà. Guida lo studente ad approfondire e a sviluppare le conoscenze e le abilità e a maturare le competenze a ciò necessarie (Art. 5 comma 1). Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, oltre a raggiungere i risultati di apprendimento comuni, dovranno: aver raggiunto una conoscenza approfondita delle linee di sviluppo della nostra civiltà nei suoi diversi aspetti (linguistico, letterario, artistico, storico, istituzionale, filosofico, scientifico), anche attraverso lo studio diretto di opere, documenti ed autori significativi, ed essere in grado di riconoscere il valore della tradizione come possibilità di comprensione critica del presente; avere acquisito la conoscenza delle lingue classiche necessaria per la comprensione dei testi greci e latini, attraverso lo studio organico delle loro 9

11 strutture linguistiche (morfosintattiche, lessicali, semantiche) e degli strumenti necessari alla loro analisi stilistica e retorica, anche al fine di raggiungere una più piena padronanza della lingua italiana in relazione al suo sviluppo storico; aver maturato, tanto nella pratica della traduzione quanto nello studio della filosofia e delle discipline scientifiche, una buona capacità di argomentare, di interpretare testi complessi e di risolvere diverse tipologie di problemi anche distanti dalle discipline specificamente studiate; saper riflettere criticamente sulle forme del sapere e sulle reciproche relazioni e saper collocare il pensiero scientifico anche all interno di una dimensione umanistica. NUOVO PIANO DEGLI STUDI DEL LICEO CLASSICO Quadro 0rario settimanale Attività e insegnamenti obbligatori per tutti gli studenti DISCIPLINE 1 BIENNIO 2 BIENNIO 5 anno 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno Lingua e letteratura italiana Lingua e cultura latina Lingua e cultura greca Lingua e cultura straniera Storia Storia e Geografia 3 3 Filosofia Matematica (con Informatica al 1 biennio) Fisica Scienze naturali (Biologia, Chimica, Scienze della Terra) Storia dell arte Scienze motorie e sportive Religione cattolica o attività alternative ORE SETTIMANALI Il Nuovo Ordinamento del Liceo classico introduce l insegnamento di una lingua straniera dal primo al quinto anno e della Storia dell Arte nel secondo biennio e nel quinto anno per due ore settimanali, inoltre potenzia l asse matematico-scientifico. Per l anno scolastico 2012/2013 il nuovo piano degli studi si applica alle classi IV e V ginnasiale e al I anno liceale ( anno nello schema di riferimento ministeriale), le altre classi continuano a seguire i vecchi piani di studio. 10

12 ISTITUTO TECNICO PER IL SETTORE ECONOMICO FRANCESCO LAPARELLI - Una nuova professionalità al servizio dell azienda - (D.P.R , n. 88: Regolamento recante norme per il riordino degli istituti professionali, a norma dell articolo 64, comma 4, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito dalla legge 6 agosto 2008, n. 133). Il Regolamento per il riordino degli istituti tecnici trasforma l Istituto tecnico commerciale in Istituto tecnico per il settore economico e lo articola in due indirizzi: a) Amministrazione, finanza e marketing; b) Turismo. L indirizzo Amministrazione, finanza e marketing è al terzo anno di applicazione, sia presso la sede di Cortona sia presso la sede di Foiano. L indirizzo Turismo è attivo nella sede di Cortona dall anno scolastico in corso. <<Il diplomato in AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING ha competenze generali nel campo: dei macrofenomeni economici nazionali ed internazionali; della normativa civilistica e fiscale; dei sistemi e processi aziendali (organizzazione, pianificazione, programmazione, amministrazione, finanza e controllo); degli strumenti di marketing; dei prodotti assicurativo finanziari dell economia sociale. Integra le competenze dell ambito professionale specifico con quelle linguistiche e informatiche per operare nel sistema informativo dell azienda e contribuire sia all innovazione sia al miglioramento organizzativo e tecnologico dell impresa inserita nel contesto internazionale.>> 11

13 <<Il diplomato nel TURISMO ha competenze specifiche nel comparto delle imprese del settore del turistico e competenze generali nel campo: dei macrofenomeni economici nazionali ed internazionali; della normativa civilistica e fiscale; dei sistemi aziendali. Interviene nella valorizzazione integrata e sostenibile del patrimonio culturale, artistico, artigianale, enogastronomico, paesaggistico e ambientale. Integra le competenze dell ambito professionale specifico con quelle linguistiche e informatiche >> NUOVO PIANO DEGLI STUDI DEL SETTORE ECONOMICO Quadro 0rario settimanale DISCIPLINE 1 BIENNIO 2 BIENNIO 5 anno Area comune 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno Lingua e letteratura italiana Lingua inglese Storia Matematica Diritto ed economia 2 2 Scienze integrate (Scienze della Terra e 2 2 Biologia) Scienze motorie e sportive Religione cattolica o attività alternative DISCIPLINE Area di indirizzo AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Scienze integrate (Fisica) 2 Scienze integrate (Chimica) 2 Geografia 3 3 Informatica Seconda lingua comunitaria (Francese) Economia aziendale Diritto Economia politica DISCIPLINE Area di indirizzo TURISMO Scienze integrate (Fisica) 2 Scienze integrate (Chimica) 2 Geografia 3 3 Informatica 2 2 Economia aziendale 2 2 Seconda lingua comunitaria (Francese) Terza lingua straniera Discipline turistiche e aziendali Geografia turistica Diritto e legislazione turistica Arte e territorio ORE SETTIMANALI

14 ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI SOCIO-SANITARI GINO SEVERINI - Nuove professioni per il mondo del sociale (D.P.R , n. 89: Regolamento recante norme per il riordino degli istituti professionali, a norma dell articolo 64, comma 4, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito dalla legge 6 agosto 2008, n. 133) Il Regolamento per il riordino degli istituti professionali fa confluire l Istituto professionale per i servizi sociali nel settore dei Servizi Socio-Sanitari. La frequenza permette di conseguire al termine dei cinque anni <<le competenze necessarie per organizzare ed attuare interventi adeguati alle esigenze socio sanitarie di persone e comunità, per la promozione della salute e del benessere bio-psico sociale>>. IPSS ARTICOLAZIONE PERCORSO QUINQUENNALE 1 BIENNIO 2 BIENNIO 5 ANNO per consolidare la preparazione di base e per assolvere l obbligo scolastico per approfondire le discipline di indirizzo in ambito professionale anno scolastico conclusivo con esame di stato Secondo ricerche di mercato si ritiene che le migliori opportunità nel prossimo futuro saranno nel comparto dei Servizi Socio Sanitari. 13

15 NUOVO PIANO DEGLI STUDI DEL SETTORE SOCIO-SANITARIO Orario settimanale Per l anno scolastico 2012/2013 il nuovo piano degli studi si applica alle classi del primo biennio e del terzo anno, le altre classi continuano a seguire i vecchi piani di studio. DISCIPLINE 1 BIENNIO 2 BIENNIO 5 anno 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno Lingua e letteratura italiana Lingua inglese Storia Matematica Diritto ed economia 2 2 Scienze integrate (Scienze della Terra e Biologia) 2 2 Scienze motorie e sportive Religione cattolica o att alternative Scienze integrate (Fisica) 2 Scienze integrate (Chimica) 2 Scienze umane e sociali 4 4 di cui in compresenza 2 Elementi di storia dell arte ed 2 espressioni grafiche di cui in compresenza 1 Educazione musicale 2 di cui in compresenza 1 Metodologie operative Seconda lingua straniera Igiene e cultura medicosanitaria Psicologia generale ed applicata Diritto e legislazione sociosanitaria Tecnica amministrativa ed 2 2 economia sociale ORE SETTIMANALI IeFP <<OPERATORE DEL BENESSERE Per il prossimo a.s. 2013/14, il Collegio dei docenti e il Consiglio d Istituto, hanno riconfermato la richiesta di autorizzazione all attivazione del corso di Istruzione e Formazione Professionale <<OPERATORE DEL BENESSERE>> presso l IPSS Gino Severini. Tale corso, della durata triennale, rappresenta un ulteriore importante ampliamento dell offerta formativa dell Istituto. Oltre a garantire, infatti, una preparazione culturale di base nell area linguistico-espressiva, in quella matematicoscientifica e in quella delle scienze umane, l indirizzo è finalizzato a fornire conoscenze e abilità proprie della figura professionale operante nel settore del benessere psico-fisico. Le competenze che caratterizzano tale profilo sono funzionali allo svolgimento di attività 14

16 dei settori acconciatura e trattamento estetico di base e sono volte al mantenimento, al miglioramento e alla protezione dell aspetto della persona. Gli insegnamenti possono essere impostati con la massima flessibilità nella costruzione dell orario e privilegeranno le aree formative piuttosto che le singole discipline. Conseguita la qualifica Operatore del benessere, gli allievi possono proseguire gli studi iscrivendosi al quarto anno dell Indirizzo socio-sanitario e ottenere al quinto anno il diploma di Tecnico dei servizi socio-sanitari. 1.2 La programmazione per competenze Competenze chiave Assi culturali Il concetto di didattica per competenze comincia ad affermarsi nei documenti dell Unione Europea intorno alla metà degli anni 90. Il Libro bianco di Edith Cresson (Commissario Europeo con delega alla scienza, ricerca ed educazione), già nel 1995, esprimeva la necessità di innalzare i livelli d istruzione per accedere ad un sapere il cui contenuto si sarebbe trasformato continuamente e velocemente. Sollecitava, di conseguenza, i paesi europei a identificare le competenze chiave, a trovare i mezzi migliori per acquisirle, certificarle e valutarle. Proprio sul terreno delle competenze, riteneva Edith Cresson, studenti provenienti da diversi percorsi formativi avrebbero trovato un parametro di confronto e di definizione dell idea di cittadinanza europea. Il 18 dicembre 2006, il Parlamento e il Consiglio Europeo, sulla scia del processo avviato a Lisbona nel 2000, hanno approvato una Raccomandazione relativa agli otto ambiti di competenze chiave, per la realizzazione e lo sviluppo personale, la cittadinanza attiva, l inclusione sociale e l inserimento professionale. Si tratta ovviamente di competenze trasversali, sganciate dai diversi programmi scolastici, ma comunque espresse in termini di conoscenze, abilità e attitudini. In Italia tali competenze sono state richiamate nell'ambito del Decreto n.139 del 22 Agosto 2007, "Regolamento recante norme in materia di adempimento dell'obbligo di istruzione", che ha individuato le otto competenze chiave di cittadinanza che ogni cittadino dovrebbe possedere dopo aver assolto il dovere all'istruzione: imparare ad imparare comunicare progettare collaborare e partecipare agire in modo autonomo e responsabile risolvere i problemi individuare collegamenti e relazioni 15

17 acquisire ed interpretare l informazione Le competenze di cittadinanza possono essere acquisite attraverso conoscenze e abilità che si articolano lungo quattro assi culturali cardine: asse dei linguaggi asse storico sociale asse matematico asse scientifico tecnologico In una nota al Documento tecnico del 2007 si legge: <<La corrispondenza tra conoscenze e abilità in relazione a ciascuna competenza è rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del Consiglio di classe>>. Nell a.s. 2008/2009, i Dipartimenti, in cui si era articolato il nostro Collegio dei docenti, accogliendo la sollecitazione del Ministero, hanno rimodulato i percorsi d apprendimento del primo biennio in relazione ai quattro assi culturali, declinando le macrocompetenze, elencate nell Allegato del Decreto 22 agosto 2007, in abilità e conoscenze (cfr. Allegato n.10). Nel programmare per competenze i docenti tengono conto delle seguenti considerazioni desunte, in particolare, dalle Linee guida ministeriali che hanno accompagnato l attuazione del nuovo ordinamento dei tecnici e professionali, dalla definizione UE delle competenze e dalle riflessioni di Michele Pellerey: a) Una competenza generale, di studio o di lavoro, si sviluppa in un contesto nel quale il soggetto è coinvolto personalmente o collettivamente (coinvolgimento attivo); b) È necessario che le conoscenze fondamentali implicate in una competenza siano acquisite in maniera significativa, comprese e padroneggiate (apprendimento significativo e assimilazione); c) È fondamentale che docenti e studenti siano consapevoli del ruolo e del valore che le diverse discipline hanno nella costruzione delle competenze e che sviluppino tale consapevolezza attraverso l uso intelligente di quanto studiato, anche attraverso 16

18 esperienze di vita quotidiana (applicabilità delle conoscenze); d) L ambiente in cui si svolgono i vari percorsi di apprendimento dovrebbe assumere la caratteristica di laboratorio (didattica laboratoriale); e) Le competenze sviluppate nell area specifica e tecnica non possono essere svincolate da quelle dell area generale, operando continui reciproci rimandi (unità del sapere). 2. Scelte dell Istituto Organi decisionali della progettazione didattico educativa (organigramma) 2.1 Obiettivi educativi e didattici Accoglienza e rinforzo motivazionale Compito principale della scuola è quello di accogliere allieve e allievi con tutte le attenzioni dovute ad ospiti di riguardo. Solo in questa maniera è infatti possibile stabilire un clima di serena e proficua collaborazione tra docenti ed allievi e creare un ambiente pedagogico in cui ognuno si possa sentire apprezzato come persona e valorizzato secondo le sue capacità intellettuali. Il docente deve essere vissuto dagli allievi come una risorsa educativa e formativa in grado di offrire opportunità di crescita umana e culturale attraverso un metodo di lavoro basato sul dialogo, sulla sollecitazione degli interessi culturali, sullo spirito di ricerca. Il buon esito del processo di insegnamento-apprendimento dipende, in gran parte, dalla capacità dei soggetti interessati di stabilire rapporti di stima, di empatia e di 17

19 collaborazione, nel rispetto naturalmente dei ruoli propri di ciascuno. L istituzione inoltre si attiva per far comprendere agli allievi la sua organizzazione, il suo funzionamento, i suoi obiettivi educativi, le sue scelte metodologico-didattiche, i suoi criteri di valutazione. Obiettivi educativi e cognitivi, generali e comuni La didattica curricolare Il Collegio dei Docenti, i Dipartimenti disciplinari ed i Consigli di classe, ciascuno per le proprie competenze, rappresentano il luogo del confronto e della costruzione del curricolo scolastico. La didattica curricolare nelle singole discipline si svolge secondo le programmazioni predisposte dai singoli docenti, strutturate seguendo di norma le linee generali elaborate sia in sede di Dipartimenti disciplinari sia di Consiglio di classe. I cosiddetti Piani di lavoro, del Consiglio di classe e dei singoli docenti, rappresentano gli strumenti operativi della programmazione didattico - educativa dell Istituto. Per quanto attiene ai Piani di lavoro relativi ai vari anni di corso di ciascuno dei tre indirizzi, si rinvia alle apposite Schede di programmazione didattico-educativa consegnate dai Docenti e costituenti parte integrante del POF in vigore. Gli obiettivi educativi e formativi sono, naturalmente, rappresentati dalle finalità peculiari relative a ciascun percorso di studi. E possibile, però, centrare l azione didattica sullo sviluppo di competenze generali e comuni, alla cui formazione concorre ciascuna disciplina con la sua specificità metodologica, tematica, linguistico-comunicativa. In estrema sintesi, il curricolo si propone il raggiungimento dei seguenti obiettivi educativi e cognitivi al termine del corso di studio: 18

20 BIENNIO Nella formazione dell allievo, il biennio assume valenza orientativa e propedeutica, poiché facilita l acquisizione, il consolidamento e lo sviluppo di competenze trasversali nonché di specifiche conoscenze e abilità disciplinari di base. Competenze generali e comuni Acquisizione di autonomia e di responsabilità Acquisizione di un efficace metodo di studio Saper comunicare Saper leggere Saper strutturare Saper generalizzare Sapersi orientare Comportamenti osservabili Partecipare in modo costruttivo alla vita scolastica; Essere disponibile al confronto e alla collaborazione con gli altri; Rispettare le norme della collettività; Gestire in modo equilibrato l'impegno di studio tra le varie materie. Usare correttamente il materiale (libri di testo, dizionari, internet); Rielaborare le informazioni mediante appunti, schemi, sommari, mappe concettuali; Ricercare e selezionare nuove informazioni Gestire proficuamente l'errore. Ascoltare, comprendere e memorizzare tematiche rilevanti; Esporre in modo organico, chiaro e corretto il proprio pensiero, anche in lingua straniera. Decodificare, analizzare, inferire, interpretare testi diversificati. 1. Cogliere relazioni tra idee, concetti, fatti, fenomeni; Confrontare, selezionare, rappresentare, formulare ipotesi. Sintetizzare, classificare, indurre, dedurre. Selezionare e applicare conoscenze, procedure, regole e principi in situazioni nuove. 19

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze VISTO il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, recante approvazione del testo

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, n. 87, articolo 8, comma 6) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3)

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere riconoscibile

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

GUIDA ALLA SCELTA DELLA SCUOLA SUPERIORE. nel Circondario

GUIDA ALLA SCELTA DELLA SCUOLA SUPERIORE. nel Circondario GUIDA ALLA SCELTA DELLA SCUOLA SUPERIORE nel Circondario anno scolastico 2012/2013 INDICE dei Contenuti Premessa 1. Introduzione 1.1. Come usare questa guida: obiettivi, cosa contiene 1.2. Per gli studenti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Rapporto di autovalutazione

Rapporto di autovalutazione Rapporto di autovalutazione Sommario 1. Codice meccanografico istituto principale...3 2. Griglie di autovalutazione...3 1.1 Esiti...3 1.2 Contesto e risorse...4 1.3 Processi...5 3. Individuazione obiettivi

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

LA CULTURA ECONOMICA NEI LICEI

LA CULTURA ECONOMICA NEI LICEI LA CULTURA ECONOMICA NEI LICEI AGENZIA NAZIONALE PER LO SVILUPPO DELL AUTONOMIA SCOLASTICA (ex-irre Lombardia) in collaborazione con AEEE-Italia A cura di Chiara Sequi, USP di Milano ed Enrico Castrovilli,

Dettagli