SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO LIDIA POET

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO LIDIA POET"

Transcript

1 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO LIDIA POET Sede centrale in Pinerolo, via dei Rochis, 29 Succursale in Pinerolo Sezioni associate in: Buriasco Frossasco - Piscina ANNO SCOLASTICO 2013/2014 1

2 PIANO dell OFFERTA FORMATIVA La scuola è aperta a tutti. L istruzione inferiore, impartita per almeno otto anni, è obbligatoria e gratuita. I capaci e i meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi. [Art. 34 de La Costituzione Italiana, commi 1,2,3] 2

3 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO LIDIA POET Dal 1 gennaio 2008 la nostra scuola è intitolata a Lidia Poet. La scelta è stata dettata da motivazioni etiche, poiché la vicenda biografica di Lidia Poet coagula simbolicamente molteplici istanze educative che i docenti di questa scuola ritengono fondamentali: il valore della cultura e il diritto incondizionato all educazione scolastica, l uguaglianza fra i sessi. Lidia POET si laureò in giurisprudenza nel 1881, all età di 26 anni, presso l Università di Torino. L evento suscitò grande clamore tanto che venne enfatizzato su un giornale dell epoca «LA DONNA» che mise in luce la grande forza dimostrata dalla neo-laureata nella lotta per l affermazione del sesso femminile in campo culturale e scientifico fino ad allora esclusivamente riservato agli uomini. Dopo la laurea Lidia POET svolse per due anni la pratica forense, indispensabile per il superamento degli esami da procuratore legale. Appena superato l esame chiese l iscrizione nell Albo degli Avvocati e Procuratori Legali e la sua domanda fu accolta il 9 agosto Ma il Pubblico Ministero impugnò il provvedimento d iscrizione ma la Corte di Appello di Torino la revocò e la Cassazione rigettò il suo ricorso. Le motivazioni di entrambe le decisioni facevano leva su leggi non scritte come il diritto comune e la legge naturale. Si sostenne inoltre che le donne, non avendo gli stessi diritti degli uomini ed essendo sottoposte alla volontà del marito che dovevano seguire in ogni spostamento, non potevano essere affidabili e potevano risultare pregiudizievoli per il cliente che avrebbe avuto un difensore privo di tutte le facoltà giuridiche. Lidia POET, che fu molto attiva anche nel movimento internazionale delle donne, riuscì finalmente ad iscriversi nell Albo degli Avvocati di Torino solo nel 1920, all età di sessantacinque anni, dopo che era entrata in vigore una legge (17 luglio 1919 n.1176) che permetteva alle donne l accesso ad alcuni Uffici Pubblici. 3

4 CALENDARIO DELL ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INIZIO DELLE LEZIONI: mercoledì 10/09/2013 FINE DELLE LEZIONI: sabato 07/06/ 2014 FESTIVITÁ Ognissanti: 1-2 novembre 2013 Vacanze di Natale: dal 23 dicembre 2013 al 6 gennaio 2014 Vacanze di Carnevale: dal 28 febbraio al 4 marzo 2014 Vacanze Pasquali: dal 17 al 27 aprile maggio 2014: Festa dei Lavoratori 2 giugno 2014: Festa della Repubblica INCONTRI TRA CONSIGLI DI CLASSE E GENITORI La scuola garantisce incontri periodici tra genitori e docenti, nella forma di colloqui individuali, collettivi e assemblee. Sono inoltre assicurati incontri orientativi con i genitori degli alunni delle classi terze. Nel corso dell anno scolastico 2013/2014 sono previsti i seguenti incontri: Ottobre: riunione assembleare per la presentazione delle programmazioni didattiche ed educative e per l elezione dei rappresentanti dei genitori di ogni classe; colloqui individuali. Dicembre: incontro Consigli di Classe/Genitori delle classi terze per l orientamento scolastico e la valutazione degli apprendimenti nelle aree disciplinari; colloqui individuali. Febbraio: Maggio: riconsegna delle schede di valutazione del 1 quadrimestre. Colloqui con i genitori. incontro collegiale Consigli di Classe/Genitori con successiva possibilità di colloqui individuali con gli Insegnanti. Il calendario dettagliato delle date, che è adattato alle esigenze dei singoli plessi, è comunicato alle famiglie tramite circolare. I docenti sono disponibili per colloqui individuali con i genitori ogni volta che la situazione dell alunno lo richieda o quando ne venga fatta esplicita richiesta, in orario da concordarsi telefonicamente o tramite diario. 4

5 LA SCUOLA TERRITORIO E UTENZA La scuola comprende, dal 1 settembre 2000, cinque plessi dislocati in quattro comuni diversi: Pinerolo Pinerolo Buriasco Frossasco Piscina Sede centrale Succursale Sezione associata Sezione associata Sezione associata via de Rochis, 29 via Giovanni XXIII, 19 via 4 Novembre, 31 via Don R. Asvisio, 6 via Calvetti, 5 SEDE E SUCCURSALE Il bacino di utenza della Sede raccoglie alunni provenienti prevalentemente dalla zona est di Pinerolo e dalle frazioni di Riva e Baudenasca, ai quali si aggiunge un certo numero di alunni da altre zone. Molti genitori sono operai, commercianti, artigiani e professionisti; un numero limitato, sempre più in via di riduzione, appartiene al ceto rurale. Sono presenti situazioni di povertà economica dovuta al lavoro precario. In aumento, da alcuni anni a questa parte, la presenza di alunni stranieri, comunitari ed extracomunitari (in prevalenza provenienti dalla Romania o dal Marocco). L utenza della Succursale appartiene a zone diverse: allievi che provengono dalla zona circostante, dove convivono quartieri di edilizia popolare e convenzionata, sorti in seguito alla consistente emigrazione dal Sud degli anni Sessanta, e quartieri residenziali di recente costruzione; alunni del Centro Storico. La tipologia delle famiglie è abbastanza simile a quella della sede con situazioni di difficoltà economiche e, in taluni casi, gravi problemi sociali. In ambedue le scuole è in aumento la presenza di alunni originari di paesi non facenti parte Comunità Europea. BURIASCO Il territorio in cui opera Buriasco è piuttosto vasto: comprende, oltre al Comune di Buriasco, quello di Macello e numerose piccole frazioni sparse nella campagna. Il bacino di utenza presenta due tipi diversi di popolazione scolastica: da un lato ci sono i ragazzi di estrazione contadina e dall altro quelli che appartengono a famiglie di impiegati, professionisti e artigiani. La diversa estrazione sociale fa sì che ci siano da parte delle famiglie aspettative ed esigenze diverse rispetto alla scuola. Numerose sono le aziende a conduzione familiare in cui alcuni ragazzi sono impegnati spesso nel pomeriggio; altri, a causa dell ampiezza del bacino di utenza, provengono da frazioni piuttosto distanti dalla scuola e i bus, per far fronte alle esigenze di tutti, sono costretti a turnazione, cosa che obbliga i ragazzi a sveglie antelucane e rientri tardivi. D altro canto esiste da parte di alcune famiglie la richiesta di recuperi o di potenziamenti di attività extracurricolari, anche in vista delle scuole superiori. 5

6 FROSSASCO La sezione associata di Frossasco è la scuola consorziale dei tre comuni di Frossasco, Cantalupa, e Roletto in area collinare, con caratteristiche prevalentemente residenziali, ma con presenza di una zona artigianale ed industriale di piccole e medie imprese e una realtà agricola in regresso. L utenza della scuola è pertanto formata da ragazzi provenienti dalle diverse situazioni: famiglie della media- borghesia con livello culturale generalmente mediosuperiore, famiglie insediatesi nella zona nei decenni passati, ma non del tutto pienamente inserite e che spesso manifestano situazioni di povertà economica e culturale, famiglie di extracomunitari recentemente insediatesi con problemi di povertà e di diversità culturale e linguistica, famiglie appartenenti alla realtà contadina. Una delle caratteristiche più evidenti è il notevole divario tra le diverse realtà che si riflette anche nell utilizzo del tempo libero. I ragazzi del bivio (che vivono principalmente lungo la strada provinciale) si ritrovano in strada o al bar, sono generalmente meno seguiti dalle famiglie e godono di maggior libertà di movimento, frequentano ragazzi più grandi e ne condividono a volte le problematiche. I ragazzi che vivono nella zona residenziale sono generalmente impegnati nelle più svariate attività extrascolastiche, pratiche sportive, partecipazione a gruppi, ma spesso hanno minori occasioni d incontro con i compagni al di fuori della scuola per l ubicazione delle loro abitazioni, sparse nelle zone collinari. PISCINA L utenza di Piscina presenta consistente presenza di extracomunitari, livelli socio-culturali e economici medio bassi, alta percentuale di ex-immigrati della seconda e terza generazione con residui di connotazioni culturali proprie. La componente contadina della popolazione si va esaurendo e aumenta quella operaia e impiegatizia, con un alto tasso di pendolarismo. Alcune famiglie mantengono la doppia attività, il lavoro in fabbrica e quello rurale. RISORSE Il piano annuale delle attività che la scuola offre tiene conto, oltre che delle risorse finanziarie, delle risorse professionali e ambientali presenti nell istituto, quali: Competenze professionali degli operatori scolastici Spazi Laboratori Palestre Possibilità offerte dall autonomia Volontariato (collaborazione con docenti in pensione che offrono la loro esperienza e competenza gratuitamente al servizio della scuola). 6

7 STRUTTURE S E D E La sede, collocata all interno di uno spazio delimitato con accesso e circolazione controllati, è situata nella zona studi di Pinerolo, è dotata di spazi ampi e strutture efficienti: laboratorio di informatica biblioteca laboratorio audiovisivi laboratorio linguistico teatro laboratorio fotografico laboratorio di trattamento immagini laboratorio scientifico laboratorio musicale laboratorio artistico aula con la LIM (Lavagna Interattiva Multimediale) sala stampa aule speciali palestra attrezzata sala mensa giardino S U C C U R S A L E La succursale, collocata all interno di uno spazio delimitato con accesso e circolazione controllati, è situata in un quartiere di edilizia relativamente recente, poco distante dalla sede, conta numerosi spazi ben attrezzati: laboratorio di informatica biblioteca laboratorio di scienze laboratorio di educazione musicale laboratorio di educazione artistica aule con la LIM (Lavagna Interattiva Multimediale) aula multimediale due aule speciali aula dell armonia teatro palestra mensa aula insegnanti giardino. 7

8 B U R I A S C O L edificio di Buriasco si trova al centro del paese, in una antica villa situata in un ampio parco. La scuola si estende su tre piani ed ha: laboratorio di audiovisivi laboratorio di informatica laboratorio di scienze laboratorio di educazione artistica aula insegnanti aula con la LIM (Lavagna Interattiva Multimediale) biblioteca. La palestra si trova entro i confini del parco, in un edificio indipendente ed è di proprietà e gestione del comune. F R O S S A S C O La scuola di Frossasco è situata in un edificio di recente costruzione, disposta su un unico piano, composto da tre blocchi di quattro aule ciascuno. La zona di raccordo centrale accoglie: laboratorio d informatica laboratorio di scienze laboratorio audiovisivi laboratorio di educazione artistica laboratorio di educazione musicale aula con la LIM (Lavagna Interattiva Multimediale) sala stampa aule speciali biblioteca sala insegnanti auditorium mensa. P I S C I N A La scuola di Piscina è dotata di: un laboratorio di informatica condiviso con la scuola elementare laboratorio audiovisivi laboratorio di scienze e artistico (in un unico ambiente) due biblioteche, quella scolastica e quella comunale sala insegnanti aula con la LIM (Lavagna Interattiva Multimediale) palestra e mensa in un edificio adiacente alla scuola, gestite dal comune e condivise con le scuole materna e elementare. 8

9 ORGANIGRAMMMA DIRIGENTE SCOLASTICO REGGENTE COLLABORATORE PRINCIPALE COLLABORATORE DIRETTORE SERVIZI GENERALI E AMMINISTRATIVI Prof.ssa Manuela Buosi Prof.ssa Gabriella Picotto Prof. Luca Perrone Sig.ra Antonia Pugliese RESPONSABILI DEI PLESSI SEDE Prof.ssa Loredana Collino SUCCURSALE Prof. Luca Perrone BURIASCO FROSSASCO PISCINA Prof.ssa Maura Salvai Prof.ssa Flora Cavallone Prof.ssa Paola Maldera COMPITI E FUNZIONI Il Dirigente Scolastico è il rappresentante legale ed il responsabile della Scuola. Il Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi coordina l ufficio di segreteria e organizza i servizi non didattici della Scuola. Il Collaboratore vicario, i Responsabili della succursale e delle sezioni associate coadiuvano il Dirigente Scolastico. Le Figure Strumentali esplicano le funzioni in aree fondamentali del Piano dell Offerta Formativa. I docenti, in pieno rispetto della libertà di insegnamento, sono responsabili della programmazione didattica e educativa. Gli Assistenti Amministrativi coadiuvano il direttore Amministrativo. I Collaboratori scolastici svolgono compiti di accoglienza, coadiuvano i docenti, contribuiscono alla vigilanza e provvedono alla pulizia della scuola. 9

10 FUNZIONI STRUMENTALI Il Collegio dei Docenti ha deliberato la suddivisione degli incarichi tra più docenti allo scopo di garantire la ricaduta del servizio svolto dalle Funzioni Strumentali a tutti i plessi scolastici. Pertanto l assegnazione degli incarichi è stata così definita: SERVIZI PER GLI STUDENTI 1 Accoglienza alunni stranieri Accoglienza alunni con Esigenze Educative Speciali Referente Prof.ssa Loredana Collino Prof.ssa Laura Forchino SERVIZI PER GLI STUDENTI 2 Inserimento e orientamento alunni con handicap Referente Prof.ssa Carla Scarsella SERVIZI PER GLI STUDENTI E I DOCENTI 1 Orientamento e raccordo Referente Prof.ssa Martina Gaiardoni Prof.ssa Laura Forchino SERVIZI PER GLI STUDENTI E I DOCENTI 2 Informatica e Sito internet Referente Prof. Michele Labriola SERVIZI PER GLI STUDENTI, I DOCENTI E LE FAMIGLIE Piano dell Offerta Formativa Referente Prof.ssa Provvidenza Mancuso 10

11 LINEE GUIDA DELL INTERVENTO EDUCATIVO La scuola partecipa in modo dinamico ai cambiamenti della società: per questo motivo si impegna a sviluppare negli studenti la capacità di comunicare, di orientarsi nel mondo circostante, di utilizzare le nuove tecnologie. Obiettivo comune per alunni e operatori è lavorare in un ambiente sereno e stimolante, che consenta agli studenti lo sviluppo armonioso della propria personalità. L alunno è il centro intorno a cui ruota il sistema scolastico: gli operatori utilizzano la loro professionalità per creare un ambiente favorevole alla sua crescita attraverso la gratificazione personale, il piacere di rendere manifeste le proprie idee, la possibilità di proporre iniziative. Il Collegio dei Docenti ha individuato come prioritarie le seguenti finalità: considerare le allieve e gli allievi soggetti del processo educativo; Impostare il processo di insegnamento /apprendimento con criteri scientifici, espliciti nelle premesse, controllabili nell applicazione e verificabili nei risultati; Rispondere in modo adeguato alle diverse esigenze e aspettative delle famiglie (analisi della situazione di partenza degli alunni, dei problemi e delle risorse presenti sul territorio); Sviluppare abilità e competenze; Arricchire e diversificare il processo di formazione offrendo a tutti reali possibilità di crescita; Educare alla cittadinanza attiva; Realizzare una vera continuità con la scuola elementare e con le scuole superiori. LINEE GUIDA DELL INTERVENTO DIDATTICO La scuola interviene all interno della situazione socio-culturale in cui si trova ad operare con i seguenti strumenti: Colloqui con le maestre della scuola elementare; Analisi della situazione di partenza degli alunni; Analisi dei problemi e delle risorse presenti sul territorio; Raccordo con le scuole elementari e superiori. AMBITI ED OBIETTIVI INDIVIDUATI DAL COLLEGIO DEI DOCENTI AMBITO AFFETTIVO RELAZIONALE COMPORTAMENTALE Sviluppare la coscienza di sé e l'autonomia Acquisire senso di responsabilità e di rispetto verso persone, ambiente, cose Potenziare la capacità di scegliere, di collaborare, di organizzarsi AMBITO COGNITIVO Far acquisire la capacità di esprimersi attraverso: l uso corretto della lingua italiana l utilizzo di linguaggi specifici l uso delle nuove tecnologie l apprendimento di una o più lingue straniere. Sviluppare le capacità di ragionamento. Sviluppare le capacità di osservazione e di analisi. 11

12 Sviluppare la consapevolezza dell importanza di conciliare lo sviluppo tecnologico con la salvaguardia dell ambiente. Valorizzare le capacità fantastiche, creative, immaginative. Promuovere una equilibrata maturazione psicofisica ed un armonico sviluppo corporeo. PROGRAMMAZIONE I Consigli di classe effettuano la programmazione che tiene conto: Dei livelli presenti nella classe; Delle linee didattiche concordate nelle riunioni per materie; Degli interessi manifestati dagli allievi; Degli strumenti didattici presenti nella scuola; Delle proposte culturali del territorio. A seguito delle norme che regolano l organizzazione della scuola, si è assistito alla definitiva scomparsa delle ore di compresenza. L utilizzo delle ore di compresenze/contemporaneità dei docenti è stato negli anni di particolare importanza perché consentiva di: Programmare attività (di recupero, di approfondimento, di integrazione) per gruppi, dove il docente può seguire in modo quasi individuale gli alunni Gestire in modo condiviso e qualitativamente proficuo attività che coinvolgono un consistente numero di allievi; Offrire percorsi di apprendimento diversi e stimolanti, integrati in un unico progetto formativo. ATTIVITÀ DI RECUPERO La scuola realizza iniziative di recupero e sostegno per gli alunni che presentano difficoltà di apprendimento o di organizzazione o di comportamento per consentire a tutti gli alunni di superare lo svantaggio e di acquisire o rafforzare quelle abilità che permetteranno loro di trovare gratificazioni nel processo di apprendimento. Gli interventi e le loro modalità vengono decisi dai Consigli di Classe, utilizzando i seguenti strumenti: Razionale utilizzo delle risorse professionali presenti nella scuola; Attuazione di progetti specifici, quali le attività di sportello, lo studio in piccolo gruppo, l intervento individualizzato; il numero consistente dei progetti avviati dai Consigli di Classe in tutta la scuola conferma l impegno dei docenti a far raggiungere a tutti gli alunni quei livelli educativi e culturali che gli consentiranno di operare scelte consapevoli e di proseguire gli studi; Collaborazione di esperti esterni per fornire interventi specifici e individualizzati agli allievi con difficoltà linguistiche o di recente inserimento. Essendo scomparse le ore di compresenza, le attività di recupero vengono attuate utilizzando le risorse del Fondo di istituto o attingendo a progetti specifici. 12

13 ATTIVITÀ DI SOSTEGNO L'integrazione degli alunni in situazione di handicap o diversamente abili costituisce ormai per la Scuola Media un esperienza consolidata che avviene attraverso: La collaborazione, nell'ambito del consiglio di classe, tra gli insegnanti curricolari e gli insegnanti di sostegno; La piena titolarità di questi ultimi sull'intera classe attraverso modalità organizzative flessibili e una partecipazione attiva alla programmazione; La creazione di "laboratori aperti" per consentire ai ragazzi con abilità diverse di vivere esperienze comuni positive e stimolanti; La collaborazione con le agenzie presenti sul territorio, soprattutto ASL e Servizi Sociali. Al fine di migliorare la qualità del servizio offerto, ormai da parecchi anni è stato istituito il GRUPPO HC composto, oltre che dai docenti di sostegno, da alcuni docenti curricolari, un genitore e il dirigente scolastico. I docenti dell area hanno acquisito una competenza specialistica che viene sempre più qualificata attraverso la costante frequenza di corsi di aggiornamento. La scuola, inoltre, aderisce al POLO HC che coinvolge le istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado presenti sul territorio. La presenza dei docenti di sostegno nella scuola significa non solo aiuto per l alunno in situazione svantaggiata, in modo che partecipi effettivamente alle attività della classe, ma anche supporto al lavoro dei docenti in tutte le situazioni che presentino problematiche particolari. Proprio per l importanza di tale servizio il Collegio dei Docenti si è pronunciato a favore dell individuazione di Funzioni Strumentali in tale ambito. Il rappresentante della componente genitori per il Gruppo di lavoro HC è il sig. QUINTO Francesco, che collaborerà con la referente per la componente insegnanti, la prof.ssa Carla Scarsella BES L entrata in vigore della legge 8 ottobre 2010, n. 170 e delle Linee guida per il diritto allo studio degli alunni e degli studenti con disturbi specifici di apprendimento allegate al Decreto Ministeriale 12 luglio 2011 dal Miur, rappresentano un importante novità, a partire dal riconoscimento della dislessia, della disortografia, della disgrafia e della discalculia come Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA), assegnando al sistema nazionale di istruzione il compito di individuare le forme didattiche e le modalità di valutazione più adeguate affinché alunni e studenti con DSA possano raggiungere il successo formativo. La nostra scuola ha attivato una Commissione di lavoro, presieduta dalla prof.ssa Forchino, al fine di fornire informazioni ai Consigli di classe e ai singoli docenti in merito alle linee didattiche da seguire per realizzare interventi didattici individualizzati e personalizzati. Oltre a ciò la Commissione darà indicazioni in merito all utilizzo degli strumenti compensativi, all applicazione delle misure dispensative previsti per legge e alla predisposizione della documentazione necessaria redigendo, come richiesto dalla Circolare prot. n del dell Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte e della Regione Piemonte, un percorso educativo personalizzato (PEP) per ogni allievo con DSA (Disturbi Specifici di Apprendimento), dove vengono indicate tutte le 13

14 strategie da mettere in atto per rispondere alle esigenze specifiche dell allievo, e una scheda tecnica, su cui registrare sinteticamente il percorso specifico predisposto per ogni alunno con DSA certificato. La predisposizione di questa documentazione e l attivazione di misure compensative e dispensative viene attuata anche nei confronti degli allievi con Esigenze Educative Speciali (Sindromi e disturbi da alterato sviluppo psicologico, sindromi ipercinetiche, deficit cognitivo), individuate dalla D.G.R. della Regione Piemonte n del 9/02/2009 "Modalità individuazione studenti con Esigenze Educative Speciali" modificata con D.G.R. n del 02/03/2009. Strumenti di intervento per alunni con Bisogni Educativi Speciali A seguito della Direttiva del 27 dicembre 2012 (Strumenti d intervento per alunni con bisogni educativi speciali e organizzazione territoriale per l inclusione scolastica) la nostra scuola e il Collegio Docenti sta attivando un percorso che prevede: l individuazione dei casi di alunni con Bisogni Educativi Speciali ed elaborazione da parte dei Consigli di classe del Piano Didattico Personalizzato per gli allievi che ne necessitano, essendo infatti peculiare facoltà dei Consigli di classe, sulla base di criteri generali stabiliti dal Collegio dei docenti, individuare casi specifici per i quali sia utile attivare percorsi di studio individualizzati e personalizzati; l elaborazione del Piano annuale per l inclusività, inteso come un momento di riflessione di tutta la comunità educante per realizzare la cultura all inclusione, come fondamento sul quale sviluppare una didattica attenta ai bisogni di ciascuno nel realizzare gli obiettivi comuni. Scopo del piano è anche quello di far emergere criticità e punti di forza, rilevando le tipologie dei diversi bisogni educativi speciali e le risorse impiegabili. L insieme delle difficoltà e dei disturbi riscontrati daranno consapevolezza alla comunità scolastica - in forma di quadro sintetico - di quanto sia consistente e variegato lo spettro delle criticità all interno della scuola; costituzione del Gruppo di lavoro per l inclusività, in via di attuazione. INTERVENTI SUL DISAGIO Laboratorio scuola formazione Da alcuni anni ormai è stato avviato il progetto Laboratorio scuola Formazione in partnerariato con le Agenzie formative del territorio (Engim, CFIQ, CIOFS di Cumiana) per la riduzione della dispersione scolastica e nell ambito dell orientamento rivolto a ragazzi pluriripetenti delle classi terze. Collaborazione con enti e associazioni accreditate:la scuola collabora con il Centro Didattico Libro Aperto che opera sul territorio con specifici progetti riconosciuto dall ASL TO3 e dal CISS. 14

15 INTEGRAZIONE DI ALUNNI STRANIERI Ogni anno aumenta il numero degli alunni provenienti da paesi stranieri che chiedono l iscrizione nelle nostra scuola. I docenti hanno previsto percorsi di studio che possano favorire la piena integrazione di questi alunni, adeguandoli alle loro esigenze, entrando in contatto con le loro famiglie per aiutarli nella costruzione di un progetto di vita. Pertanto sono previste azioni di sostegno e accoglienza Per aiutarli ad inserirsi nelle classi; Per affrontare lo studio della nuova lingua e accostarsi ad una nuova cultura; Per mantenere la propria identità e il proprio patrimonio culturale; Per ridurre lo svantaggio socio-culturale. Il Collegio dei Docenti ha ritenuto opportuno affidare l incarico di Funzioni Strumentali ad alcuni docenti per favorire l ingresso degli alunni stranieri e venire incontro alle necessità dei docenti delle classi in cui essi vengono inseriti. La scuola attiva, nelle situazioni che lo richiedano, la presenza di mediatori culturali madrelingua che si affianchino all insegnante. La scuola, inoltre, aderisce alla RETE TERRITORIALE PER L INSERIMENTO DEGLI ALUNNI STRANIERI che coinvolge le istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado presenti sul territorio. LAVAGNE INTERATTIVE E MULTIMEDIALI Tutti i plessi sono stati dotati di almeno una LIM, Lavagna Interattiva Multimediale, che consente di sperimentare un nuovo rapporto tra libri di testo e contenuti digitali. I docenti hanno così la possibilità di sviluppare nuove soluzioni e metodologie didattiche che prevedano una forte integrazione tra testo a stampa e contenuti digitali. VALUTAZIONE Tenuto conto del Decreto Legge n.137/2008 e dal DPR 275/99 il Collegio Docenti ha deliberato l adozione della valutazione scritta e orale in decimi, nell intervallo dal 4 al 10, sia con i voti pieni, sia con i gradi intermedi, espressi in mezzi punti. La valutazione intermedia e finale (primo e secondo quadrimestre) sarà espressa solo con voti pieni nell intervallo dal 4 al 10. La valutazione dei risultati finali tiene conto: Delle effettive abilità conseguite; Degli aspetti relazionali, affettivi, comportamentali; Dell inserimento nella classe e della partecipazione; Delle ulteriori possibilità di recupero. La valutazione avviene in tre momenti: Iniziale, per individuare la situazione di partenza ed i bisogni, finalizzata alla programmazione educativa e didattica; Intermedia, nell arco di ciascun quadrimestre, per accertare il progredire degli a- lunni, le difficoltà che incontrano ed intervenire, eventualmente, con azioni di recupero; Finale, al termine di ciascun quadrimestre, per evidenziare l insieme delle competenze e delle conoscenze acquisite, il processo di maturazione. 15

16 Le valutazioni intermedie delle diverse discipline sono riportate sul Libretto personale delle assenze e delle valutazioni, ritirato dai genitori all inizio dell anno scolastico. La valutazione finale tiene conto dei progressi rispetto al livello di partenza, della socializzazione, della partecipazione, dell interesse e dell impegno nello studio. La valutazione del comportamento, secondo la legge n. 169 del 30 ottobre 2008 e il D.P.R. 122 del 22/06/2009, è espressa con un voto numerico in decimi deciso collegialmente accompagnato da una specifica nota illustrativa definita sulla base di alcuni indicatori condivisi dal Collegio Docenti. L'ammissione alla classe successiva e all'esame di Stato, è disposta, previo accertamento della prescritta frequenza ai fini della validità dell'anno scolastico e al conseguimento di una votazione non inferiore a sei decimi in ciascuna disciplina e un voto di comportamento non inferiore a sei decimi. A proposito dell Esame di stato il Collegio docenti della Scuola Secondaria di 1 Grado LIDIA POET dell 11 settembre 2012 tenuto conto del DPR 122/2009, regolamento di valutazione; viste le indicazioni ministeriali fornite in occasione degli esami conclusivi del 1 ciclo di istruzione alla conclusione dell anno scolastico 2011/12; tenuto conto delle indicazioni emerse nella valutazione degli alunni negli anni scolastici precedenti; ha deliberato: 1. il giudizio di idoneità, rappresentato dal voto numerico attribuito agli alunni delle classi terze alla conclusione dell anno scolastico, è un voto pieno, senza decimali, costituito dalla media delle valutazioni del 1 e del 2 quadrimestre, cui può essere assegnato, con votazione a maggioranza del Consiglio di classe, un correttivo in decimali migliorativo, tenuto conto del percorso dello studente nel corso del triennio di frequenza della scuola media; 2. il voto finale è costituito dalla media, arrotondata all'unità superiore per frazione pari o superiore a 0,5, tra le sette valutazioni rappresentate da: giudizio di idoneità; valutazione prova di italiano valutazione prova di matematica; valutazione prova di inglese; valutazione prova di francese; media della valutazione delle prove nazionali InValSI; valutazione del colloquio interdisciplinare. 16

17 AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA A causa della riduzione di risorse economiche e umane a disposizione della scuola, purtroppo, è stata ridimensionata la possibilità di ampliare l offerta formativa della scuola. Tuttavia il Collegio Docenti ha scelto di continuare ad adoperarsi per garantire il miglior servizio pubblico possibile a famiglie e studenti. PROGETTI E INIZIATIVE DELLA SCUOLA E DEI CONSIGLI DI CLASSE I singoli plessi e i singoli consigli di classe propongono e attuano percorsi e attività che arricchiscono l offerta formativa e sono indirizzate a: Migliorare la capacità di comunicare Orientarsi nel mondo circostante Sviluppare la personalità LA SCUOLA aderisce a Rete territoriale - Centro Territoriale Integrato di Orientamento e Promozione del successo scolastico e formativo; Rete stranieri in collaborazione con il IV Circolo; Polo HC; Scambi con scuole italiane, europee ed extra-europee (partenariati, gemellaggi, gite all estero, corrispondenza); Scambi in rete liste di discussione posta elettronica; Progetto continuità con diversi ordini di scuole; Webgiornale LaFragola.it in collaborazione con il quotidiano La Repubblica; Progetti per lo sviluppo dei sistemi informativi; Concorsi a livello locale, regionale, nazionale ed europeo; Progetti volti al recupero; A progetti promossi da Regione, Provincia, Comuni, Asl, Comunità Pinerolese Pedemontana, volti all ampliamento dell offerta formativa, all integrazione, educazione alla salute e alla convivenza civile; Certificazioni europee; Rete MIRE (Musica in rete); Progetto ACEA Concorso Kangourou di matematica e lingua inglese Consiglio Comunale dei Ragazzi Organizza Laboratori di: Teatro Musica (strumenti a corda e a percussione) Giornale Manualità fine e manipolazione Informatica 17

18 Scienze Cinema e video Educazione ambientale Lingue straniere Educazione all immagine Murales Lettura e scrittura creativa Storia Attività di: Orientamento. Sport Recupero e potenziamento. Sportello: consulenza didattica individualizzata. Giochi logico-matematici Mostre. Gite in città d arte. Campi scuola. Visite a mostre, spettacoli, musei. Elabora Progetti di riorganizzazione oraria. Pubblicazioni d informazione per le famiglie. Sistemi di rilevazione della qualità. DPS - Documento Programmatico sulla Sicurezza. Modello Certificazione Competenze Regolamenti e norme per il personale, gli utenti, il funzionamento della scuola. Sito WEB. Promuove Corsi di formazione e aggiornamento su: Cooperative Learning, Metodo di apprendimento-insegnamento cooperativo Progetto Storia E-Learning-Autoformazione in rete (puntoedu.indire.it) Progetto Storia in collaborazione con il 1 Circolo (continuità tra scuola elementare e media) Percorsi di Certificazione competenze in lingua straniera (KET Key English Test for Schools) Primo Soccorso Sicurezza Corsi AIACE Cineforum Pratica di laboratorio tenuto dai docenti dell ITIS di Pinerolo per gli insegnanti di Scienze. Educazione alla cittadinanza A partire dall anno scolastico 2008/09 la nostra scuola è capofila territoriale per la realizzazione di iniziative di educazione alla cittadinanza e collabora con le istituzioni 18

19 del territorio e gli uffici periferici del Ministero dell Istruzione per la crescita della cultura della cittadinanza consapevole. PROGETTI D ISTITUTO La scuola dovrebbe concorrere a sviluppare il potenziale creativo degli alunni in tutti gli aspetti, facilitandone l'impegno dinamico e la consapevolezza della propria capacità produttiva. L attenzione alla creatività rappresenta, in sostanza, l'esigenza di promuovere le possibilità e la capacità d autonoma valutazione sul piano personale e sociale. L individualizzazione degli itinerari d apprendimento dovrebbe, inoltre, costituire la garanzia per l'effettiva soddisfazione del diritto allo studio, cui corrisponde il dovere di impegnarsi per la promozione di sé e per la preparazione ad assolvere i propri compiti sociali in termini sia di conquista degli elementi culturali, comunque indispensabili, sia di sviluppo di tutte le potenzialità personali. Per rispondere alle esigenze formative di carattere generale e allo scopo di sperimentare tecniche e metodi d insegnamento personalizzato, si è ritenuto opportuno arricchire l offerta formativa con Progetti di Istituto che si prestino a garantire un ampliamento delle competenze e il necessario raccordo con il territorio. I Progetti, elaborati ed approvati dagli Organi Collegiali, su tematiche coerenti con le scelte prioritarie indicate dal Piano dell'offerta Formativa, costituiscono parte integrante della Programmazione e perseguono i seguenti obiettivi: sviluppare l individuo come persona, attraverso la libera espressione delle potenzialità e la partecipazione attiva a tutte le iniziative proposte; valorizzare ed armonizzare le diversità individuali e culturali; sviluppare la creatività, la produttività e l'iniziativa personale; potenziare le capacità espressivo-comunicative nei diversi linguaggi, inclusi quelli informatici e tecnologici; sviluppare le competenze necessarie ad effettuare indagini: formulare ipotesi, raccogliere e analizzare dati, costruire strumenti di rilevazione, individuare fonti ed interlocutori, progettare soluzioni; potenziare l apprendimento tecnico-scientifico. I Progetti Operativi, riportati di seguito, per comodità di consultazione sono suddivisi nelle seguenti aree progettuali: Educazione Ambientale Educazione alla Salute Pari Opportunità: Progetto Recupero e Consolidamento ; Progetto Inserimento e integrazione per alunni in situazione di handicap e/o in difficoltà di apprendimento ; Progetto Fasce Deboli ; Progetto Accoglienza e inclusione degli alunni di madrelingua non italiana. Potenziamento delle Competenze: Progetto Educazione alla cittadinanza ; Progetto Educazione alla legalità ; Progetto Storia, cittadinanza e Costituzione ; Progetto Solidarietà ; Laboratorio teatrale ; Progetto Giochi matematici ; Progetto Musica insieme e Festa della Musica ; Progetto Corso di preparazione all esame di certificazione DELF ; Progetto Corso di preparazione all esame di certificazione KET. Continuità Orientamento: Progetto Accoglienza per gli alunni provenienti dalla scuola primaria ; Progetto Continuità con le scuole del precedente e del successivo grado di istruzione ; Progetto Informazione-orientamento per gli alunni delle classi terze. 19

20 Visite guidate e viaggi di istruzione. AMBITI DELLA PROGETTAZIONE COLLEGIO RIUNIONI CONSIGLI DI CONSIGLIO DI DOCENTI PER DISCIPLINA CLASSE ISTITUTO Generale Disciplinare Trasversale Generale Finalità Competenze Obiettivi Didattici speciali tra- Competenze sversali Obiettivi Organizzativi Finanziari Cittadinanza Descrivono: principi e fini generali stabiliti dai decreti Ministeriali e calati nella realtà della scuola. Descrivono: -Contenuti da apprendere - Abilità e/o prestazioni (ciò che un alunno deve saper fare con i CONTENUTI). Descrivono: CAPACITA di fornire PRESTAZIONE descritta dall obiettivo specifico Descrivono: - Modalità organizzative -Costi della gestione del servizio formativo 20

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192)

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) Gazzetta Ufficiale N. 244 del 18 Ottobre 2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c.

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c. ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE Regolamento Regolamento GLHI del gruppo di lavoro sull handicap Ai sensi dell art. 15 c. L 104/92 Approvato dal Consiglio di stituto in data 08/07/2013 1 Gruppo di Lavoro

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli