P.O.F. Anno Scolastico 2010/2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "P.O.F. Anno Scolastico 2010/2011"

Transcript

1 ISTITUTO COMPRENSIVO PATARI RODARI CATANZARO Via DANIELE, CATANZARO C.M. : CZIC85200P C.F tel.: 0961/ fax: 0961/ P.O.F. Anno Scolastico 2010/2011 Le nostre sedi Plesso Rodari: Scuola Infanzia e Primaria Plesso Patari: Scuola Secondaria I grado Plesso Gagliardi: Scuola Infanzia Plesso Gagliardi(Fondo Corallo): Scuola Primaria APPROVATO DAL COLLEGIO DEI DOCENTI nella seduta n 2 del 27/09/201O ADOTTATO DAL CONSIGLIO D'ISTITUTO nella seduta n 2 del 18/10/2010 IL DIRIGENTE SCOLASTICO (Dott.ssa Teresa RIZZO)

2 INDICE PAGINA INDICE. 2 IL NOSTRO ISTITUTO COMPRENSIVO: - Plesso Patari: Scuola Secondaria di I Grado... - Plesso Rodari: Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria - Plesso Gagliardi: Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria IL POF.. 7 ORGANIGRAMMA D ISTITUTO... 9 RISORSE: - Dirigente, Staff del Dirigente (Collaboratori, Fiduciari, Funzioni Strumentali), Commissioni (Orario, POF, Continuità), Comitato di Valutazione, Responsabili (Biblioteca e libri in comodato d uso, laboratorio Scientifico, Laboratorio Multimediale, Laboratorio Musicale)... - Collegio dei Docenti. - Direttore dei Servizi Amministrativi; Assistenti Amministrativi; Collaboratori Scolastici ORGANIZZAZIONE DELLE CLASSI E DELLE SEZIONI 14 CALENDARIO SCOLASTICO 16 PROGETTI ED ATTIVITA DELL ISTITUTO. 17 INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI CARTA DELLE GARANZIE 22 DECALOGO DELLO STUDENTE.. 23 PATTO DI CORRESPONSABILITA. 24

3 TEMPI E MODALITA DI VALUTAZIONE. - Criteri di valutazione Scuola dell Infanzia... - Criteri di valutazione Scuola Primaria.. - Criteri di valutazione Scuola Secondaria di I Grado MONITORAGGIO DEL POF E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO 43

4 IL NOSTRO ISTITUTO COMPRENSIVO Il nostro Istituto Comprensivo è nato nell anno scolastico 2009/10, a seguito del dimensionamento di tre plessi di altrettante scuole (Rodari I circolo, Gagliardi VII Circolo, Patari Scuola Media Manzoni), sotto la dirigenza della Prof. ssa Maria Bordino e dal successivo diretto dalla Dott. ssa Teresa Rizzo, professionista di grande esperienza, ed ha beneficiato dell importante storia che i tre plessi possedevano. La caratteristica dell Istituto Comprensivo Patari-Rodari, che comprende tre ordini di scuola: Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado, consente di rispondere pienamente alle esigenze formative dell allievo in quanto accompagna la sua crescita dall età pre-scolare alla preadolescenza. Plesso Patari: Scuola Secondaria di I Grado Via Daniele Responsabile e Vicario: Prof. ssa Virginia Gigliotti E collocato al centro della città comprende 12 aule dislocate su due piani, ben illuminate ed aerate. Essa è fornita di ampia palestra, di Laboratori scientifico ed informatico, di sala mensa, biblioteca, sala professori, sala teatro, androne coperto per l accoglienza degli alunni. Il bacino di utenza rientra nella fascia medio alta, molti alunni risiedono nel quartiere, altri provengono dalle zone periferiche della città. I genitori sono in gran parte professionisti e dipendenti del pubblico impiego e partecipano direttamente alla formazione culturale e sociale dei propri figli.

5 La scuola usufruisce di collegamenti con la Circoscrizione, con l Università Magna Graecia, con Scuole di ogni ordine e grado, con la biblioteca presso il Liceo Galluppi. Sono inoltre presenti nel territorio diversi servizi sociali ricreativi. Plesso Rodari: Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Via Broussard Responsabile Scuola dell Infanzia: Ins. Giuseppina Correggia Responsabile Scuola Primaria: Ins. Ines Silipo Il plesso comprende quattro sezioni di Scuola dell Infanzia, ubicate al piano terra dell edificio che ha l entrata da Via Broussard e 11 classi di Scuola Primaria distribuite su tre piani; dispone di palestra comune, di Laboratorio linguistico multimediale, di postazione multimediale per disabili, di aula video e di sale mensa. Come nel plesso Patari l utenza che frequenta la scuola appartiene ad una fascia medio alta, gli alunni risiedono per la maggior parte nel quartiere e una piccola parte di essi proviene da zone periferiche della città, in quanto i genitori lavorano negli uffici pubblici del circondario. Gli stessi genitori sono molto presenti nella vita della scuola e, insieme alle insegnanti, partecipano direttamente al percorso formativo culturale e sociale dei loro figli. La scuola dell Infanzia e Primaria Rodari partecipa e realizza progetti proposti dall USR e USP, dalle scuole presenti sul territorio e dalle varie Organizzazioni e Associazioni che si propongono come partner.

6 Scuola dell Infanzia Via Carbonari Responsabile: Ins. Valeria Guerra Plesso Gagliardi Scuola Primaria (Fondo Corallo) Via Mottola D Amato Responsabile: Ins. Pina Rosa Nicita I plessi di Scuola dell Infanzia e Primaria A. Gagliardi sono ubicati nel quartiere Stadio, una zona non troppo periferica, ma considerata già a Nord della città. Non operano più nello stesso stabile da almeno un anno perché, per motivi di ristrutturazione dello stesso, la scuola Primaria è stata trasferita in un edificio sito in Via D.co Mottola di Amato, zona denominata da sempre Fondo Corallo, con ampio spazio verde esterno. La scuola dell Infanzia è, invece, rimasta nell edificio ristrutturato di Via R. Carbonari.

7 IL P.O.F. Il POF, cioè il Piano per l Offerta Formativa, è la carta d'identità con cui la nostra scuola si definisce nei confronti delle famiglie, degli studenti e della realtà locale e costituisce la base per gli impegni reciproci da assumere per realizzare la missione dell Istituzione Scolastica. Il POF: illustra la struttura, l'organizzazione della scuola e le attività che vi si svolgono; presenta tutti i progetti, le attività e i servizi offerti dall'istituto; illustra le modalità e i criteri per la valutazione degli alunni. Gli obiettivi che il P.O.F. si pone sono: definire le caratteristiche specifiche della scuola; esplicitare tutte le azioni svolte dalla scuola per realizzare il progetto formativo, attraverso la scelta libera e programmata di metodologie, di strumenti, di organizzazioni di tempi d insegnamento e di ogni altra iniziativa integrativa, compresa l offerta di attività opzionali, facoltative o aggiuntive;

8 permettere il confronto con l utenza, per verificare quelli che sono i reali bisogni di alunni e genitori. Viene redatto dal Collegio dei Docenti partendo dall'analisi dei bisogni e delle risorse del territorio e dall'attenta valutazione delle competenze professionali del personale scolastico. Deve essere approvato dal Consiglio d'istituto. Per procedere alla realizzazione del presente POF gli ordini collegiali procedono all analisi dei bisogni degli alunni quali: BISOGNO di sentirsi accolto; BISOGNO d'identità; BISOGNO di sicurezza e di autonomia; BISOGNO di appartenenza; BISOGNO di esplorare; BISOGNO di comunicare; BISOGNO di sentirsi persona motivata e parte integrante della società in cui viviamo; BISOGNO di esprimere la propria creatività.

9 ORGANIGRAMMA DIRIGENTE SCOLASTICO Giunta Collegio dei Docenti Staff del Dirigente Consiglio d Istituto Funzione Docente Funzione Amministrativa DSGA Curricol Formazion Valutazion Collaboratori Scolastici Assistenti Amministrativi Collaboratori Pulizia Protocollo Vigilanza Certificazioni Collaborazione Collaborazione DSGA

10 DIRIGENTE SCOLASTICO STAFF del Dirigente COMMISSIONI RESPONSABILI RISORSE Dott.ssa Teresa RIZZO Collaboratori: Virginia Gigliotti Ines Silipo Fiduciari: Virginia Gigliotti (Secondaria I grado Patari) Pinarosa Nicita (Primaria Gagliardi) Valeria Guerra (Infanzia Gagliardi) Giuseppina Correggia (Infanzia Rodari) Ines Silipo (Primaria Rodari) Funzioni Strumentali: Area n. 1 Gestione del Piano dell Offerta Formativa: Palma Rao e Sara Iozzi Area n. 2 1^ funzione: Aggiornamento e Formazione Carmela Iorio 2^ funzione: Valutazione e Autovalutazione d Istituto Anna Donato e Antonella Drago Area n. 3 1^ funzione: Multimedialità Anna Sala 2^ funzione: Continuità Anna Amelio e Adele Spagnolo Area n. 4 1^ funzione: Gestione del Sito della scuola Annunciata Sganga 2^ funzione: Viaggi d Istruzione e Visite guidate Anna Guido Orario Virginia Gigliotti, Annunciata Sganga, Palma Rao, Antonella Colicchia. POF Anna Sala, Elia Rotundo, Rosaria Iozzi, Rosetta Scopacasa, Adele Spagnolo, Annunciata Sganga, Rosetta Falbo. Continuità Rosetta Falbo, Palma Rao, Antonella Colicchia, Elia Rotundo, Ida Sensi, Antonietta Santacroce, Adele Spagnolo, Rosaria Iozzi. Comitato di valutazione Rosaria Garisto, Anna Sala, Maria Teresa Leonetti, Anna Guido, Annunciata Sganga. Biblioteca e libri in comodato d uso: Spagnolo Adele Laboratorio Scientifico: Mario Mancini Laboratorio Multimediale: Rosaria Iozzi Laboratorio Musicale: Nino Borrino

11 Collegio dei docenti Scuola Secondaria di I Grado - Patari N Docenti 34 Materia BARBARA CONCETTA Lettere BIANCHI ROSA BORRINO NINO BRESCIA ELISA CALABRETTA GIOVANNA CONDORELLI MARCELLA DE CARLO GIULIO DONATO ANNA DRAGO ANTONELLA FANILE GIUSEPPINA FINISSI SILVANA GIUSEPPA GARISTO MARIA ROSARIA GIGLIOTTI VIRGINIA GUIDO ANNA IMPERATRICE GIUSEPPINA IORIO CARMELA MAGRO MARCELLA MANCINI MARIO MICHELETTI LAURA PRESTERA' ANTONIETTA ROTELLA RAIMONDO ROTUNDO MARIA PAOLA RUSSO GIUSEPPINA RUSSO MARIA SACCA DANIELA SANTACROCE ANTONIETTA SARACENO DANIELA SCALZO CARMINE SCALZO FRANCESCO SCIBELLI MONICA SDANGANELLI CLAUDIO SGANGA ANNUNCIATA SPAGNOLO ADELINA VISCOMI DONATELLA Religione Chitarra Inglese Matematica Scienze Arte Religione Lettere Lettere Lettere Inglese Lettere Motoria Lettere Musica Matematica Scienze Tecnica Matematica Scienze Francese Lettere Arte Inglese Matematica Scienze Lettere Spagnolo Pianoforte Matematica Scienze Oboe Musica Violino Tecnica Matematica Scienze Lettere Sostegno

12 Scuola Primaria Rodari N Docenti 24 ALOI ADRIANA AMELIO ANNA AMODEI ANNA MARIA BERLINGÒ CATERINA COLICCHIA ANTONELLA DE ANGELIS CHIARA FALBO ROSETTA GALASSO BIANCA GARCEA MARIA C. GIAMPÀ ILENIA IOZZI ROSARIA LEONETTI MARIA TERESA MADIA ANNAMARIA MAURO MARIA MEROLA GIUSEPPINA PALLONE MARIA E. PERRI ANTONELLA PETA LOREDANA PICCOLI ANGELINA RAO PALMA ROTELLA ANNA SCOPACASA ROSINA SILIPO INES TRIFILÒ CARMELA T. Scuola dell Infanzia Rodari N Docenti 10 ARCURI ANGELA BILOTTA COSTANTINA CORREGGIA GIUSEPPINA GRANDINETTI FRANCESCA MASCARO GIOVANNA PROCOPIO CINZIA ROTUNDO ELIA SALA ANNA STRANIERI PASQUALINA VENTURA ROSA MARIA Scuola Primaria Gagliardi Fondo Corallo N Docenti 09 ALTILIA ANNA MARIA BERLINGÒ CATERINA FERRARO ANGELA MADIA ANNAMARIA MANTELLA DOMENICA NICITA PINAROSA PANETTA TERESA PICCOLI ANGELINA PORTOLESI MINICI ROSA Scuola dell Infanzia Gagliardi N Docenti 07 DE CARLO GIULIO GUERRA VALERIA PANE PAOLA PILEGGI LUIGINA SENSI ANGIOLINA IDA TALARICO M. CRISTINA TOSCANO GIOVANNA

13 Direttore Dei Servizi Amministrativi Gabriella AMATO Assistenti Amministrativi CAIAZZA Elvira MAMONE Paola MURRONE Franca SPATAFORA Stefania TRONCA Marianna Collaboratori Scolastici Infanzia Gagliardi FRANCO Pasquale Primaria Gagliardi MERCURI Vincenzina Patari Rodari ALBANESE Rosa BARBUTO Alba CAIAZZA Antonio CAMPISANO Maria GIOVANNELLI Concetta GRANDE Lucia MANCUSO Concetta MANCUSO Maria Rita MOLINARO Angela NATALIA Anna Maria PIRAINA Giovanna

14 ORGANIZZAZIONE DELLE CLASSI E DELLE SEZIONI PLESSO GAGLIARDI Fondo Corallo SCUOLA PRIMARIA SCUOLA DELL INFANZIA PLESSO GAGLIARDI PLESSO RODARI Sezioni n 2 Sezioni n 4 Popolazione Scolastica n 37 Alunni 18 Maschi 19 Femmine Alunni diversamente abili n 1 (M) PLESSO RODARI Popolazione scolastica n 110 Alunni 50 Maschi 60 Femmine Alunni diversamente abili n 1 (F) ORARIO SCOLASTICO Plesso Gagliardi Da lunedì a venerdì ore 7,30 15,30 Sabato Chiuso Plesso Rodari Da lunedì a venerdì ore 8,00 16,00 Sabato Chiuso N tot. classi 5 n 1 prima n 1 seconda n 1 terza n 1 quarta n 1 quinta Orario di funzionamento: 8,30-13,30 dal Lunedì al Sabato Popolazione scolastica n 95 alunni 44 Maschi 51 Femmine Alunni diversamente abili n 1 (M) N tot. classi 11 n 1 prime Tempo pieno n 2 prime Tempo normale n 1 seconda Tempo pieno n 1 seconda Tempo normale n 1 terza Tempo pieno n 1 terza Tempo normale n 2 quarte Tempo normale n 2 quinte Tempo normale Orario di funzionamento: Tempo pieno 8,15-16,15 da Lun al Merc 8,15-15,15 il Giov e il Ven Tempo normale 8,15-13,15 Lun Mart Giov Ven Mercoledì 8,15-16,15 Sabato chiuso Popolazione scolastica n 246 alunni 122 Maschi 124 Femmine Alunni diversamente abili n 7 (4 M 3 F)

15 Organizzazione tempo scuola secondaria di primo grado PATARI La scuola organizza attività educative e didattiche unitarie che promuovono la trasformazione degli obiettivi generali del processo formativo e degli obiettivi specifici d apprendimento presenti nelle indicazioni nazionali in competenze (DPR 275/99). Nella nostra scuola per soddisfare le esigenze degli utenti, viene proposto l orario di 36 ore, distribuite in 6 giorni settimanali. Sono previsti 2 rientri pomeridiani nei giorni della settimana, eccetto il sabato. Il 15% del monte ore viene utilizzato per migliorare e diversificare l offerta formativa. I contenuti, i tempi, i metodi, gli strumenti verranno progettati dai singoli consigli di classe in base ai bisogni e agli interessi degli allievi Scuola Secondaria di primo grado Patari N 280 Alunni N 12 Classi Orario di Funzionamento 8,10 13,10 T. Normale 8,10 16,00 T. Prolungato Corso 1^- 2^- 3^A Tempo Prolungato Corso 1^- 2^- 3^B Tempo Normale (Indirizzo Musicale) Classi prime n 80 alunni Corso 1^- 2^- 3^C Tempo Prolungato Classi seconde n 94 alunni Corso 1^- 2^- 3^D Tempo Prolungato Classi terze n 106 alunni (II lingua-spagnolo) *Per la classe prima, sez D, l organico di fatto autorizzato dall USP non prevede il tempo prolungato, ma un ottimale utilizzo delle risorse interne e l organizzazione del tempo scuola a 36 ore settimanali, hanno permesso di attivare anche per la classe 1 sez D il tempo prolungato. SERVIZI OFFERTI Servizio mensa erogato dal Comune di Catanzaro tramite la ditta SIARC Servizio vigilanza offerto in collaborazione con la Catanzaro Servizi

16 CALENDARIO SCOLASTICO Inizio Lezioni: 13 settembre 2010 Termine Lezioni: 11 giugno 2011 La scuola dell'infanzia termina le attività educative il 30 giugno 2011 Festività Natalizie: dal 22 dicembre 2010 al 6 gennaio 2011 Festività Pasquali: dal 20 aprile 2011 al 27 aprile 2011 Altre Festività: 2 novembre 2010 tutte le domeniche; il primo novembre, festa di tutti i Santi; l 8 dicembre, Immacolata Concezione; il 25 dicembre Natale; il 26 dicembre; il primo gennaio, Capodanno; il 6 gennaio, Epifania; il lunedì dopo Pasqua (Pasquetta); il 25 aprile, anniversario della Liberazione; il primo maggio, festa del Lavoro; il 2 giugno, festa nazionale della Repubblica. Il Consiglio d Istituto ha aggiunto: il 6 ed il 7 dicembre 2010; il 7 e l 8 gennaio 2011; l 8 marzo 2011 (martedì di carnevale)

17 PROGETTI ED ATTIVITA DELL ISTITUTO Progetti Autofinanziati Progetti con Associazioni PROGETTI DIDATTICI Progetti con Enti Progetti Ministeriali Tutto l Istituto si attiva attraverso percorsi integrativi e scelte didattiche adeguate ad offrire a tutti le stesse opportunità culturali, gli stessi stimoli per rimuovere i disagi e le eventuali difficoltà, nonché lo svantaggio e la dispersione scolastica e promuovere il successo formativo. Essendo presenti alunni provenienti da nazionalità diverse, la scuola collaborerà nel corso dell anno scolastico con l Associazione PROMIDEA per favorirne la piena integrazione attraverso l intervento di mediatori linguistici. L attività progettuale si rinnova puntualmente ogni anno riscuotendo consensi e soprattutto suscitando entusiasmo e partecipazione. La scuola rimane aperta anche nel pomeriggio promuovendo attività di vario genere, tra le quali: laboratorio di attività motorie, laboratorio teatrale, laboratorio linguistico, secondo un calendario prestabilito, con flessibilità e mobilità d orario per gruppi di ragazzi. La scuola accoglie le sollecitazioni degli Enti Locali e delle Associazioni presenti sul territorio ed integra i loro progetti con i curricula. Nel plesso di scuola primaria Rodari è stato deliberato l orario delle lezioni articolato su cinque giorni alla settimana e un giorno di rientro pomeridiano. Per andare incontro alle famiglie, la scuola ha organizzato per tutto l anno scolastico nella mattinata del sabato, dalle ore 8:15 alle ore 12:15, una serie di iniziative e attività progettuali, come i Laboratori artistico-espressivo, musicale ed informatico, le attività sono programmate ed eseguite dai docenti in servizio nell Istituto. Inoltre, l organizzazione funzionale del plesso offre la possibilità di classi con orario a tempo pieno per dare agli alunni tempi più distesi nell acquisizione delle abilità e delle competenze e degli apprendimenti di base; si permette, così, ai docenti di proporre e attivare gli obiettivi previsti con più distensione, alternandoli ad attività pratiche e di rinforzo. Con questa organizzazione oraria la scuola viene anche incontro ai genitori che hanno esigenze di lavoro e di rientri.

18 La progettualità curriculare dell' Istituto si svolge in orario sia scolastico che extrascolastico ed ha lo scopo dì ampliare l offerta formativa. Progetti Curriculari Scuola dell' Infanzia Giochi tra cielo e terra (plesso Gagliardi) Energia da amare (plesso Gagliardi) Viaggiamo con ENIAC nello strano mondo del computer (plesso Rodari) Gioco Orieteering nella scuola dell Infanzia: nel Parco a1la scoperta di...(plesso Rodari) Lingua inglese: "Batti 5 pro... seguire nella continuità (plesso Rodari) Lingua inglese.-"give me... five" (plesso Gagliardi) Progetto motoria: "Bimbinsegnanti in campo (sezioni di cinque anni tutti i plessi) Progetti Curriculari Scuota Primaria Progetto motoria: " Bimbinsegnanti in campo" (tutte le classi dell I.C. con l insegnante formata) Progetto pilota MIUR C0N1 dì alfabetizzazione motoria "(tutte le classi dell'i.c.) Progetto di Educazione Alimentare Progetto Continuità* Progetti Curriculari Scuota Secondaria di I grado Giocare con la matematica* Teatro in Lingua* Progetto Giornalino Progetto Lingua Latina Progetti extra-curriculari Progetto Gutenberg Progetto Ambiente/Legalìtà «Coloriamo il nostro futuro" (adesione alla rete) Attività Motorie, Fisiche e Sportive Scolastiche CAM (Associazionismo Sportivo - adesione ala rete) Progetto Scuola Amica" ( UNICEF) Progetto continuità: POESIA E MUSICA: Ricordando Rodari Progetto Telethon (plesso Gagliardi - Infanzia e Primaria) Progetto dì Laboratorio-Artistico - Espressivo - Grafico pittorico, Musicale e Informatico

19 Progetto Integrazione Alunni Diversamente Abili Progetti extra curriculari a carico delle famiglie su proposta di Enti ed Organizzazioni del territorio Il magico gioco del teatro Enjoy your English Progetti PON FSE - Piano Integrato 2009/10 F1 Dalla lettera all FSE - Piano Integrato 2009/10 B4 Formazione docenti Didattica e valutazione: il nuovo sistema di valutazione FSE Piano Integrato 2010/11 C1 Certificazione lingua straniera FSE Piano Integrato 2010/11 B1 Formazione docenti Progetto PON - Obiettivo C Azione 3 Le(g)ali al Sud: Un progetto per la legalità in ogni scuola Amico Eolo in collaborazione con l Associazione RA-GI Progetto POR Scuola Amica I progetti curriculari Teatro in Lingua, Continuità e Giocare con la matematica, avranno uno svolgimento anche in orario extra curriculare per i docenti referenti e per gruppi di alunni coinvolti negli specifici progetti.

20 INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Coordinatrice Ins. Falbo Rosetta L Istituto Comprensivo Patari-Rodari di Catanzaro offre la possibilità di usufruire di strutture che generalmente mancano sul territorio: palestra, mezzi informatici, biblioteca, mensa, laboratori linguistici. Per una idonea ipotesi di programmazione l attività di sostegno si prefigge di valutare correttamente e preventivamente ogni singolo alunno, indipendentemente dalla propria patologia attraverso l uso di: test d ingresso, questionari, schede illustrate ecc. Ciò servirà per programmare interventi finalizzati al raggiungimento degli obiettivi previsti dalle singole programmazioni individualizzate, realizzate tenendo in considerazione gli obiettivi generali contenuti nel POF. L APPRENDIMENTO si effettuerà in modo gerarchico dal più elementare al più complesso, ognuno sarà prerequisito di quello di ordine più elevato. LA CONOSCENZA dei prerequisiti curricolari (le abilità e le nozioni specifiche) e dei prerequisiti educazionali (attenzione, motivazione, comportamento, memoria, interesse) permetterà di fissare gli obiettivi didattici adeguati alle capacità degli alunni. Ogni obiettivo sarà scisso in obiettivi intermedi al fine di progettare gli interventi educativi e didattici più idonei a soddisfare i bisogni degli alunni e far emergere le potenzialità intrinseche individuali. Obiettivo prioritario sarà quello di dare vita ad un didattica essenziale e non emarginante, attenta alle reali esigenze dell alunno per mezzo di metodi e strumenti senza i quali risulterebbe impossibile riabilitare. Qualora la minorazione riduca l autonomia personale sarà necessario un intervento assistenziale permanente che assicuri gli spostamenti all interno dell edificio (l ingresso nelle proprie aule, le uscite dalle classi) e che provveda ai bisogni personali. L Istituto terrà conto dei bisogni educativi speciali degli alunni in difficoltà affiancando, dove necessario, le insegnanti con figure specializzate: educatori, esperti nella comunicazione, ecc. L ipotesi di lavoro sarà formulata sulla base di:

21 OSSERVAZIONI DEL COMPORTAMENTO STESURA DI UNA CHECK LIST (a cui devono necessariamente collaborare gli insegnanti curricolari) per valutare le aree di potenzialità e di carenza. SCELTA DELLE VARIABILI E DEI PARAMETRI ADEGUATI AL CASO VERIFICHE SISTEMATICHE per misurare l efficacia dei propri interventi e poter modificare quando è necessario, le strategie adottate. VALUTAZIONE intesa come evoluzione a livello cognitivo e comportamentali. PROGETTI FORMATIVI INTEGRATIVI DELLE ATTIVITA DI SOSTEGNO: Laboratorio multimediale Laboratori per attività manuali Lavori in aula di psicomotricità (musicoterapica danza-terapia )

22 CARTA DELLE GARANZIE Criteri di formazione delle classi I criteri seguiti per la formazione delle classi nell Istituto Comprensivo sono: - Acquisizione dei pareri stabiliti dagli Organi Collegiali; - Valutazione delle priorità, in modo che le classi formate risultino: equi eterogenee per le potenzialità degli alunni; equilibrate nel numero. - Acquisizione delle richieste delle famiglie; I portatori di handicap vengono inseriti nelle classi più idonee alla loro integrazione. Qualora le richieste dei genitori non consentono di rispettare i primi due criteri, una Commissione, indicata dal Collegio dei Docenti, metterà in atto spostamenti garantendo l equilibrio delle classi. La scuola Media di I Grado consegna libri in comodato d uso. Al termine dell'anno scolastico i testi devono essere restituiti. Verranno fatti pagare i libri sciupati per motivi non giustificati o non restituiti;ciò vale anche per i libri della biblioteca di classe. Criteri di assegnazione dei docenti alle classi I criteri seguiti per l'assegnazione dei docenti alle classi condivisi dal Dirigente Scolastico, dal Collegio dei Docenti e dal Consiglio d'istituto nell'interesse esclusivo degli alunni sono: a) Continuità didattica b) Assegnazione alle classi prime, scuola primaria, delle docenti uscenti di fine ciclo c) Competenze professionali d) Maggior numero di anni di continuità nell Istituto e/o nel plesso e) Considerazioni di opzioni ed esigenze personali f) Anzianità di servizio g) Graduatoria d Istituto h) Richiesta scritta a cambiare classe/sezione o plesso su posti disponibili Non si effettuano spostamenti di docenti, su cattedre o ambiti disciplinari diversi da quelli di appartenenza, se non sussistono motivazioni didattiche valide. Criteri per la formulazione dell'orario delle lezioni Distribuzione equa delle materie in modo che il monte ore delle stesse e l'orario interno sia ben articolato rispettando, nei limiti delle possibilità, i collegamenti con le altre scuole per le cattedre orarie esterne Assicurazione, per tutti i docenti, di un giorno libero settimanale.

23 DECALOGO DELLO STUDENTE 1. Rispettare l orario d entrata e tutte le regole scolastiche. 2. Rispettare i compagni e tutto il personale della scuola. 3. Rispettare l ambiente e il patrimonio della comunità scolastica (strutture, arredi, laboratori, sussidi, libri di testo e non). 4. Rispettare, senza recare disturbo, qualsiasi attività educativo - didattica (lezioni frontali, attività laboratoriali ). 5. Mantenere un comportamento corretto, educato e civile durante tutte le discipline (occupare sempre il proprio posto nel banco, spostarsi nell aula e/o nello stesso edificio solo con il permesso del docente, evitare di affacciarsi alle finestre, evitare l uso del cellulare durante l orario scolastico. 6. Usare abbigliamento decoroso. 7. Rispettare l orario d intervallo per l utilizzo dei servizi. 8. Durante l intervallo è opportuno seguire un alimentazione sana ed equilibrata, evitando bevande gasate, patatine e merendine, preferendo pane e frutta. 9. In caso di assenza, rientrare con regolare giustificazione, certificazione medica se l assenza supera i cinque giorni e aggiornarsi sulle attività svolte. 10. Rispettare l orario d uscita evitando richieste anticipate (salvo casi urgenti). Le richieste devono essere limitate e giustificate. N.B. a) E diritto/ dovere dei genitori collaborare col l istituzione scolastica al fine di tutelare i diritti e i doveri dei minori. b) la famiglia viene informata per iscritto sulle ammonizioni disciplinari impartite dal Docente. Il Consiglio di Classe è delegato a deliberare eventuale esclusione da viaggi di istruzione, da visite guidate, da altro La partecipazione alle attività extra-scolastiche e progettuali dipende dal comportamento, dall interesse, dal rispetto per la struttura, per gli arredi e per il personale di ogni singolo alunno.

24 PATTO DI CORRESPONSABILITA SCUOLA-FAMIGLIA-STUDENTE La scuola si impegna: a garantire un piano formativo basato su progetti ed iniziative volte a promuovere il benessere ed il successo dello studente, la sua valorizzazione come persona, la sua realizzazione umana e culturale; a creare un clima sereno in cui stimolare il dialogo e la discussione, ed a favorire la conoscenza ed il rapporto reciproco tra studenti, l integrazione, l accoglienza e il rispetto di se e dell altro, promuovendo il talento e l eccellenza comportamentali ispirati alla partecipazione solidale, alla gratuità, al senso di cittadinanza; ad ascoltare e coinvolgere gli studenti e le famiglie, richiamandoli a una assunzione di responsabilità a quanto espresso nel patto formativo; a comunicare costantemente con le famiglie e ad informarle - anche attraverso l uso dei moderni strumenti di comunicazione informatici (sms, e mail ed accesso al sito della scuola con password) ove a ciò espressamente autorizzati nel rispetto della normativa della privacy - sull andamento didattico e disciplinare degli studenti, nonché sulle eventuali assenze, sul profitto e sui comportamenti. Inoltre, la scuola dovrà far rispettare le norme di comportamento, i regolamenti e i divieti, con particolare riferimento all utilizzo di telefonini e di altri dispositivi elettronici. I genitori, che sono i responsabili più diretti dell educazione e dell istruzione dei propri figli e pertanto hanno il dovere di condividere con la scuola tale importante compito, si impegnano a: trasmettere ai ragazzi che la scuola è di fondamentale importanza per costruire il loro futuro e la loro formazione culturale; prendere visione del piano formativo, condividerlo, discuterlo con i propri figli, assumendosi la responsabilità di quanto espresso e sottoscritto; stabilire rapporti corretti con gli insegnanti, rispettandone la professionalità e adottando atteggiamenti improntati a fiducia, reciproca stima, scambio e comunicazione, condividendo con essi le linee educative comuni in modo da consentire alla scuola di dare continuità alla propria azione educativa;

25 controllare, leggere e firmare puntualmente le comunicazioni sul libretto personale e/o sul diario e prendere visione di tutte le comunicazioni provenienti dalla scuola, discutendo con i figli di eventuali decisioni e provvedimenti disciplinari, in modo da stimolare una riflessione sugli episodi di conflitto e di criticità; partecipare con regolarità alle riunioni previste e collaborare attivamente per mezzo degli strumenti messi a disposizione dall istituzione scolastica, informandosi costantemente del percorso didattico-educativo dei propri figli; favorire la partecipazione dei figli alle attività programmate dalla scuola; osservare le modalità di giustificazione delle assenze, dei ritardi e delle uscite anticipate; attivarsi affinché l alunno frequenti regolarmente la scuola, sia puntuale e adempia ai suoi doveri scolastici; curare l igiene personale e l abbigliamento dei propri figli affinché sia consono all ambiente scolastico ed alle attività proposte; curare che l alunno diventi più responsabile nel presentarsi a scuola con tutto il materiale occorrente per le attività didattiche; responsabilizzare i propri figli al rispetto dell ambiente scolastico e dei materiali della scuola, impegnandosi a risarcire eventuali danni arrecati; condividere gli obiettivi formativi dell istituzione Scolastica riguardanti l educazione alimentare con particolare riferimento al momento della mensa e dell intervallo. I genitori inoltre esprimono il proprio consenso (ai sensi del D.Lgs. 196/03 sulla riservatezza dei dati personali) affinché il proprio figlio partecipi ai Progetti di screening proposti dalla scuola. I dati rilevati verranno trattati con procedure idonee a tutelare la riservatezza. La valutazione individuale verrà svolta dalla docente psicopedagogista d Istituto. Con particolare riferimento alla responsabilità civile che può insorgere a carico dei genitori, soprattutto in presenza di gravi episodi di violenza, di bullismo o di vandalismo, per eventuali danni causati dai figli a persone o cose durante le attività didattiche, si ritiene opportuno far presente che i genitori, in sede di giudizio civile, potranno essere ritenuti direttamente responsabili dell accaduto, anche a prescindere dalla sottoscrizione del Patto Educativo di Corresponsabilità.

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Scheda di lettura del contratto annuale integrativo del 15 luglio 2010. Di cosa si tratta Si tratta della possibilità

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Verbale del Consiglio di Istituto del 2 ottobre 2013

Verbale del Consiglio di Istituto del 2 ottobre 2013 Anno scolastico 2013-2014 Verbale n. 1 Verbale del Consiglio di Istituto del 2 ottobre 2013 Il 2 Ottobre 2013, alle ore 16.30, si riunisce il Consiglio di Istituto del Comprensivo 1 di Frosinone nell aula

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE Anno scolastico 2012-2013 INSEGNANTI Clagluna Alessandra Corvitto Giovanna De Gaetanis Antonella Ficicchia Valeria Giuliani Cristina

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave CARTA DEI SERVIZI Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave Provincia Reg. le di Catania 1 1. Premessa La presente Carta dei Servizi rappresenta

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

RILEVAZIONE COMPETENZE LINGUISTICHE ITALIANO L2 ALUNNI STRANIERI I.C. Leonardo da Vinci

RILEVAZIONE COMPETENZE LINGUISTICHE ITALIANO L2 ALUNNI STRANIERI I.C. Leonardo da Vinci RILEVAZIONE COMPETENZE LINGUISTICHE ITALIANO L2 ALUNNI STRANIERI I.C. Leonardo da Vinci di Sorbolo-Mezzani a.s. 2013-2014 PREMESSA Essere alfabetizzati nella nostra lingua costituisce un buon indicatore,

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

Regolamento di disciplina alunne/i

Regolamento di disciplina alunne/i Regolamento di disciplina alunne/i Premessa: La scuola, quale luogo di crescita civile e culturale della persona, rappresenta, insieme alla famiglia, la risorsa più idonea ad arginare il rischio del dilagare

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri La documentazione Dall ICF alla DF al PDF al PEI La Diagnosi Funzionale (DF) 1. Utilizzo degli items di ICF nella definizione

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo ed ATA per il 2011/2012

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo ed ATA per il 2011/2012 Di cosa si tratta Si tratta della possibilità che ha il personale della scuola di poter partecipare alla "mobilità annuale", e cioè di poter prestare servizio, per un anno, in una scuola diversa da quella

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Rapporto di autovalutazione

Rapporto di autovalutazione Rapporto di autovalutazione Sommario 1. Codice meccanografico istituto principale...3 2. Griglie di autovalutazione...3 1.1 Esiti...3 1.2 Contesto e risorse...4 1.3 Processi...5 3. Individuazione obiettivi

Dettagli

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 3 SAN BERNARDINO BORGO TRENTO Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente Via G. Camozzini, 5 37126 Verona (VR) Tel.

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA RISULTANZE MONITORAGGIO GENITORI A.S. 2012-13

SCUOLA DELL INFANZIA RISULTANZE MONITORAGGIO GENITORI A.S. 2012-13 SCUOLA DELL INFANZIA RISULTANZE MONITORAGGIO GENITORI A.S. 2012-13 STRUTTURE PULIZIA AMBIENTI 12 10 8 6 4 2 servizio di pulizia efficiente 10 0,0 AMBIENTI ADEGUATI ALLA FUNZIONE 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1 AMBIENTI

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 DOMANDA DI ISCRIZIONE Al Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 _l_ sottoscritt in qualità di padre

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA (Articolo 3, Dpr 21 Novembre 2007,n.235 )

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA (Articolo 3, Dpr 21 Novembre 2007,n.235 ) ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE "G.M.ANGIOY" Via Principessa Mafalda sn 07100 SASSARI; Tel. 079 219408; Fax 219077; C.F. 80004330900 e-mail SSTF010007@istruzione.it www.itiangioy.sassari.it Anno Scolastico

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO DI PASIAN DI PRATO Pasian di Prato (UD) - Via Leonardo da Vinci, 23 - C.A.P. 33037 tel/fax: 0432 699954 e-mail: ddpasian@tin.it udic856004@istruzione.it udic856004@pec.istruzione.it

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli