I RAPPORTI CONTRATTUALI NELLA DISTRIBUZIONE DEI CARBURANTI IN ITALIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I RAPPORTI CONTRATTUALI NELLA DISTRIBUZIONE DEI CARBURANTI IN ITALIA"

Transcript

1 I RAPPORTI CONTRATTUALI NELLA DISTRIBUZIONE DEI CARBURANTI IN ITALIA Elementi di studio e riflessione sulle forme contrattuali, derivate dalla applicazione della disciplina del c.c., legislativa, normativa e dagli accordi collettivi. A cura di PIETRO ROSA GASTALDO Segretario nazionale della Faib/Aisa Confesercenti Federazione Autonoma Italiana Benzinai Via Nazionale, Roma Tel Fax Mail: Roma, 22 gennaio 2005

2 2. Le fonti di diritto applicabili al settore della distribuzione dei carburanti in Italia, relative e conseguenti alla legislazione di settore: 3.1 La Legge 496 del , conversione con modifiche del Decreto Legge 383 del , recante disposizioni in materia di accise e liberalizzazione del settore distributivo dei carburanti.! "# #$$$! " # $" "%& ' '' ( ) *% *% %" % +, 2

3 I RAPPORTI CONTRATTUALI NELLA DISTRIBUZIONE DEI CARBURANTI IN ITALIA 1. Le Fonti normative del Codice Civile Le Forme contrattuali generali applicabili al settore della distribuzione dei carburanti. Le forme contrattuali che interessano sono essenzialmente: il contratto di comodato; il contratto di somministrazione o fornitura; il contratto di associazione in partecipazione; il contratto di commissione; l autonomia contrattuale, ovvero i contratti atipici;. 1.1 Il contratto di comodato. Il contratto di comodato è essenzialmente gratuito (c.c. 1803) e serve per regolare un rapporto fra due parti, una delle quali consegna all altra una cosa mobile o immobile, affinché se ne serva per un tempo (c.c. 1809) o per un uso determinato, con l obbligo di restituire la stessa cosa ricevuta. La Cassazione Civile ha riaffermato la natura essenzialmente gratuita del comodato, con sentenza del 20 gennaio La sua natura cessa se a vantaggio del comodante viene fornito un corrispettivo del godimento della cosa data in comodato, con natura di controprestazione. 3

4 1.2 Il contratto di somministrazione. Il contratto di somministrazione è l obbligazione di una parte, verso corrispettivo di un prezzo a favore dell altra, per la fornitura di prestazioni periodiche o continuative di cose (c.c. 1977). La fornitura si distingue da altre forme, per la periodicità e continuità delle cose fornite in funzione del fabbisogno del somministrato ed ogni prestazione è distinta ed autonoma rispetto le altre, e diverge sostanzialmente con forme o contratti a consegne ripartite. Uno dei fondamenti dei contratti di somministrazione nella distribuzione dei carburanti è l applicazione del diritto di esclusiva del somministrante che prevede il divieto, al somministrante, di ricevere da altri terzi prestazioni della stessa natura (nel caso acquisto di carburanti da terzi), norma prevista anche nel diritto di esclusiva dal regolamento CE 2790/99 relativo alle categorie di accordi verticali e pratiche concordate, 1.3 Il contratto dell associazione in partecipazione. La nozione di questo contratto consiste che l associante attribuisce all associato una partecipazione agli utili della sua impresa o di uno o più affari, verso un corrispettivo di un determinato apporto (c.c. 1350). La Cassazione Civile, con sentenza del 5 novembre 1983, ha stabilito che la configurabilità di un contratto di associazione in partecipazione presuppone, di norma, che l impresa sia gestita dall associante ed è da escludere che l associato rivesta le qualità dell imprenditore. Sempre la Cassazione Civile (sentenza del 21 novembre 1985) stabilisce che: si è in presenza di un associazione in partecipazione nel caso in cui l associato si limiti all apporto della sola attività lavorativa, bensì gli sia riconosciuta una partecipazione sui ricavi, con esclusione dalla partecipazione ad eventuali perdite di gestione. 4

5 E importante sottolineare i limiti dei poteri affidati all associato nel contratto di associazione in partecipazione: La Cassazione Civile ha sentenziato (sent ) che nell associazione in partecipazione è ammissibile l affidamento della gestione dell impresa all associato, sempre che questi ripeta i propri poteri gestori all associante e svolga la propria attività, anche rappresentativa, nei limiti dei poteri ricevuti dall associante. Sempre la Cassazione Civile ha stabilito che per l associato cha apporta la sua sola attività lavorativa, non trova l applicazione il principio della retribuzione sufficiente stabilito dall art. 36 della Costituzione, ne l associato può rivendicare una integrazione dei suoi emolumenti 1. 4 Il Contratto di commissione Il Contratto di commissione (c.c. 1730) è considerato come una specie di mandato, poiché il commissionario agisce, in nome proprio, per conto del committente e percepisce una provvigione per gli affari conclusi. La forma del contratto non è definita, ne regolata da pattuizioni ed osserva solo le norme del codice civile. Il Committente può informare il contratto di commissione a sua discrezione e prevedere la revoca del contratto stesso, senza alcuna garanzia di natura sindacale e di tutela del commissionario. E una formula contrattuale che limita significativamente i principiali fondamenti della autonomia commerciale dell imprenditore, perché lo assoggetta alle scelte del committente sia in materia di scelte e metodi vendita, sia delle azioni commerciali, sia nella fissazione dei prezzi di vendita dei prodotti. Il commissionario vende, in nome proprio e per conto del committente, beni e servizi di proprietà del committente stesso. 5

6 1.5 L autonomia contrattuale Le parti possono liberamente determinare il contenuto di un contratto nei limiti imposti dalla Legge (c.c. 1321). Le parti (c.c. 1322) possono anche concludere contratti che non appartengono ai tipi aventi una disciplina particolare (c.c. 1323) purché siano diretti a realizzare interessi meritevoli di tutela secondo l ordinamento giuridico. L art. 1 comma sei del Decreto Legislativo 32/1988 prevede che: La gestione degli impianti può essere affidata ai gestori con contratti gratuiti di comodato secondo le modalità ed i termini definiti dagli accordi interprofessionali, ma non esclude però altre forme contrattuali. Gli altri aspetti contrattuali, conseguenti alla applicazione di questa norma, sono però regolati dagli stessi predetti accordi professionali. Se ne deduce che, nel caso di affidamento con contratti di comodato i rapporti sono regolati dagli accordi professionali, applicabili per estensione e per analogia, anche ai contratti atipici in base ai principi civilistici dell applicazione degli usi e delle consuetudini maggiormente diffuse. 2. Le norme di legge relative ai contratti applicabili al settore della distribuzione dei carburanti in Italia, relative e conseguenti alla legislazione di settore. 2.1 Il decreto legislativo 32/98 cancella le norme della Legge 1034 del 18 dicembre 1970 che ordinava la materia della distribuzione dei carburanti; afferma il principio della libertà di esercitare la vendita della distribuzione dei carburanti, con autorizzazione rilasciata dal Sindaco e supera il regime concessorio, previsto dal D.L. n. 745 del 26 ottobre 1970; 6

7 subordina l autorizzazione alle disposizioni del piano regolatore, a quelle fiscali, alla sicurezza sanitaria, ambientale, stradale, ai vincoli urbanistici relativi ai centri storici e artistici; subordina l autorizzazione alle norme d indirizzo programmatico delle Regioni. 2.2 Il sesto comma dell art. 1 del D. Lgs 32/98: innovazione dei rapporti contrattuali. Le norme prevedono: La gestione degli impianti può essere affidata dal titolare dell autorizzazione ad altri soggetti, denominato gestori; occorre precisare che si tratta di una norma che non corrisponde ad un indirizzo obbligatorio, ma ad una facoltà del titolare della concessione; tale norma, infatti, non impedisce, le gestioni dirette o forme di gestione indiretta, atipica, esercitate dalle compagnie petrolifera e/o loro società di sistema; Con il 32/98 la durata minima del contratto di comodato, applicato al settore della distribuzione dei carburanti, da novennale diviene di un sessennio, secondo le modalità ed i termini definiti dagli accordi interprofessionali fra le Associazioni più rappresentative dei gestori ed i titolari dell Autorizzazione; Occorre precisare che sia il contratto novennale che il sessennio costituiscono la durata minima dei contratti, che può anche essere superiore In caso di rinnovo tacito del contratto novennale si rinnova per nove o più anni, sempre che non intervenga un nuovo contratto della durata di sei anni. 7

8 La norma prevede che gli accordi interprofessionali regolino anche gli altri aspetti contrattuali: del non oil: ovvero delle attività esercitate in regime non di esclusiva, ovvero i lavaggi, i bar, il ristorante i market ed altro ancora esercitatile sul punto vendita. E previsto che gli accordi inteprofessionali siano depositati presso il Ministero dell Industria, che ne assicura la pubblicità. E essenziale evidenziare, a questo punto, il rilievo pubblicistico degli accordi interprofessionali e quindi della contrattazione con le aziende, che è espressamente previsto prevista dalla Legge, dal decreto legislativo 32/1988. La norma contenuta nel comma sei, infatti, prevede il loro deposito al Ministero dell Industria, ora Attività produttive, anche ai fini della loro pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale e la loro pubblicità. Il sesto comma dell art, 1 del D. Lgs. 32/98 prevede inoltre: il tentativo obbligatorio di conciliazione in caso di controversie individuali; prevede l intervento del Ministero, su richiesta di una delle parti, di esperire le mediazioni sulle vertenze collettive, ovvero sui casi di controversie aziendali, per vertenze collettive. 2.3 Il settimo comma dell art. 1 del D. Lgs 32/98: innovazione dei rapporti contrattuali. Le norme prevedono: la conferma dei vecchi contratti novennali, fino alla loro scadenza, anche in caso di trasferimento della titolarità; 8

9 il rinvio alle norme Europee, sugli aspetti relative alle esenzione degli obblighi sulle restrizioni verticali degli acquisti in esclusiva, successivamente intervenute con : Regolamento (CE) 2790/1999, relativo agli accordi e pratiche concordate o verticali per la vendita di beni e servizi; La Comunicazione della Commissione del contenente le Linee Direttrici sulle restrizioni verticali in applicazione del 2790/99. la possibilità, nell area dell impianto, di poter commercializzare, previa comunicazione al Comune ed alle condizioni dei contratti fra le parti, altri prodotti; la possibilità di esercitare gli interventi di ordinaria e minuta manutenzione dei veicoli a motore. E di grande rilievo infine il comma 10 dell art. 1 del D. Lgs 32/98 che prevede la nullità di diritto di ogni pattuizione contraria all art. 1 dello stesso Decreto Legislativo 32/ Le Fonti normative sui contratti, successive al D. Lgs. 32/98. Su questo quadro generale e fondamentale, appena illustrato, delle leggi per il settore della distribuzione dei carburanti e che ha una gerarchia primaria, intervengono altre fonti normative generali e particolari di pari gerarchia ed altre norme ed accordi di gerarchie inferiori. Tali norme sono destinate a rafforzare ed estendere alcuni principi contenuti nel D. Lgs 32/98, e talvolta, come nel caso della legge 496/99, sono fortemente innovative volte a tutelare maggiormente il gestore, nei rapporti contrattuali e sono state fortemente osteggiate dalla Unione Petrolifera e dalla Aziende petrolifere. 9

10 3.1 La Legge 496 del , conversione con modifiche del Decreto Legge 383 del 29/10/1999, recante disposizioni in materia di accise e liberalizzazione del settore distributivo dei carburanti. la legge all art. 2 comporta una innovazione legislativa fondamentale relativa al contratto di cessione gratuita (comodato), che deve essere abbinato ad contratto di fornitura ovvero di somministrazione dei carburanti. questa norma consente di evitare che, accanto al contratto di comodato che serve per definire i rapporti di gestione delle attrezzature fisse e mobili del punto vendita, vi siano dei contratti atipici di fornitura, come quello di commissione, già diffusamente esercitato e sperimentato dalla compagnie petrolifere alla fine degli anni novanta, anche sulla base di disponibilità offerte dalla Associazioni di Categoria dei gestori. 3.2 L art. 2 della L. 496/99: Questo articolo prevede: la definizione di nuovi impianti completi di dispositivi self post pay, la completezza di servizi per l automobile, l automobilista e delle autonome attività commerciali integrative previste dalla legge di riforma del Commercio, la così detta Legge Bersani, ovvero il D. Lgs. 114 del 31 marzo L anticipo della liberalizzazione del settore della distribuzione dei carburanti al 1 luglio 2000, anziché al 1 luglio 2001; L obbligo per le compagnie petrolifere di rendere noto i costi degli omaggi delle promozioni e la possibilità, per il consumatore, dell opzione allo sconto sui carburanti. Quest ultima norma è stata diffusamente disapplicata dalla aziende petrolifere, anche perché in assenza delle relative sanzioni. In comma 5 dell art. 2 della L. 496/99, consente al consumatore che abbia conseguito il diritto all omaggio di optare per ritirare lo stesso oppure di procedere ad uno sconto per la fornitura del carburante di pari valore del costo diretto ed unitario dell omaggio stesso. 10

11 3.3 L art. 2 bis, della L. 496/99 Anche in questo caso è contenuta una norma essenziale che informa i rapporti contrattuali per la parte non oil. La norma stabilisce che i gestori (ovvero i titolari della licenza dell Ufficio Tecnico di Finanza) hanno titolo a porre in vendita tutti i prodotti relativi al settore merceologico alimentare e non alimentare. Si tratta della possibilità data ai gestori di esercitare direttamente nei locali in gestione delle attività non oil, nel termine più esteso, indipendentemente dai contingenti locali e dalle volontà aziendali, con le quali comunque occorre pattuire contratti di affitto ed autorizzazioni alla vendita. Il comma 3 dell art. 2 bis prevede la possibilità del consumo immediato dei prodotti a condizione che non si configura la forma della somministrazione; occorre rilevare che si apre il principio, poi reso esplicito nell art. 19 della Legge 57/2001, della possibilità di forme di consumo di prodotti alimentari, con i limiti sopra indicati, che apre la strada al vero e proprio diritti alla somministrazione di alimenti e bevande, successivamente sancito, oltre i contingenti numerici previsti dalla legislazione di settore (L. 287/1991) e dalle norme regionali e comunali conseguenti. La norma comunque rientra nei limiti imposti dalla riforma del commercio Bersani e l attività esercitata rientra nei limiti dell esercizio di vicinato, anche ai fini delle individuazione delle superfici su cui tali attività sono esercibili. 3.4 La legge 57, art 19, del 30 marzo 2001 prevede che l esercizio della somministrazione nei punti vendita, esercitata dai soggetti diversi dai gestori (ovvero dai titolari ella licenza UTF, sia soggetta alle disposizioni della Legge 287/91, ovvero la legge generale che regola e contingenta, mediante delega alle Regioni, le attività di somministrazione di alimenti e bevande; 11

12 la norma prevede che ciascuna Amministrazione locale, su norma prevista dalla Legge regionale, predisponga un contingente speciale per i punti vendita carburanti, ove è possibile esercitare tale attività, rilasciabile ai soli titolari della licenza UTF, ovvero ai gestori e non ai titolari delle autorizzazioni. la norma prevede altresì, la non trasferibilità delle autorizzazioni conferite ai gestori, dal punto vendita. L art. 19 della Legge 57/01, con la norma contenuta nella Legge 496/99, che permette la vendita di prodotti alimentari e non alimentari nei punti vendita carburanti, senza essere assoggettato a limiti e contingenti locali, costituisce una svolta epocale per il settore che apre davvero le porte al non oil Al comma terzo dell art. 19, è contenta una norma essenziale che riafferma il principio contenuto nel comma sesto dell art. 1 del decreto Legislativo 32/98. i rapporti economici fra i soggetti titolari di autorizzazione e concessione, o fornitori e le associazioni dei gestori di impianti di distribuzione dei carburanti, sono regolati secondo modalità e termini definiti nell ambito di specifici accordi aziendali Prosegue: Negli stessi accordi aziendali sono regolati i rapporti contrattuali ed economici inerenti le attività aggiuntive a quelle della distribuzione dei carburanti. Gli accordi definiscono altresì le modalità per esperire il tentativo obbligatorio di conciliazione delle controversie individuali. 12

13 Nel 4 comma dell art. 19 della Legge 57/01 si afferma inoltre: tutte le attrezzature fisse e mobili devono intendersi riferite anche alle attrezzature per l erogazione ed il pagamento sia anticipato che posticipato del rifornimento. Si tratta di una norma di rilievo, che ribadisce quanto già affermato nel D. Lgs. 32/98, art. 1 comma 6, che prevede la gratuità delle attrezzature self service pre pay, per le quali le aziende si facevano pagare dei canoni di affitto e/o manutenzione. questa norma ha dato la possibilità di risolvere definitivamente questo problema, in sede di sottoscrizione dei nuovi accordi con le compagnie petrolifere, le quali non avevano rispettato il dettato del 32/98 e lo avevano aggirato trasformando i contratti di affitto in manutenzione o simili. 3.5 Il Decreto del Ministero dell Industria Commercio Artigianato (Ministro Marzano) del 31 ottobre 2001 Il Decreto non contiene norme particolari dirette che influenzino i rapporti contrattuali, ma mediante le Linee Guida in esso contenute, che valgono da disposizioni di indirizzo per le Regioni, per uniformare le norme regionali in materia di razionalizzazione ed ammodernamento della rete, conferma i principi già contenuti nella legislazione di settore. Questo decreto influisce sull organizzazione del settore e per tanto influisce indirettamente anche sui contenuti contrattuali. Questo decreto è in linea con il completo trasferimento della competenza in materia di distribuzione dei carburanti alle Regioni, a seguito della riforma del titolo V della Costituzione. Ciò premesso, occorre ricordare le Regioni non hanno competenze in materia contrattuale. 13

14 4. Gli Accordi Economici e normativi fra Associazioni dei gestori ed Aziende Accordi Inteprofessionali. Gli accordi normativi generali fra le Aziende e le Associazioni dei gestori, che regolano una parte fondamentale dei rapporti contrattuali e commerciali sono due: L accordo interprofessionale del 29 luglio 1997 L accordo interprofessionale del 23 luglio L accordo interprofessionale del 29 luglio 1997 Questo accordo, anche per la parte relativa ai contratti è propedeutico alla emanazione del Decreto Legislativo 32/98, che ne contiene i principi e gli indirizzi espressi. L accordo prevede: il contratto di affidamento in uso gratuito delle attrezzature fisse e mobili dei punti vendita dei carburanti, con 25 mq. di locali gratuiti di ricovero del gestore, anche se adibiti alla vendita di merci diverse dai carburanti (solo accessori e ricambi auto); Questa parte dell accordo, sottoscritto prima della legge 496/1999 e della legge 57/2001, va ora interpretato per estensione, ovvero si ritiene che nei 25 mq. Di ricovero gratuito del gestore possano essere esercitate anche le attività di vendita e/o somministrazione, conferite successivamente dalla Legge al gestore e gli affitti, anche per tali attività siano applicabili solo per le superfici eccedenti ai 25 mq. 14

15 la durata dei contratti diviene di sei anni, con prova di sei mesi per il primo contratto che si sommerà alla durata minima; questa novità sarà poi ripresa nel D. Lgs. 32/98 rinnovo automatico del contratto per un periodo uguale di durata minima di sei anni; nel caso di disdetta contrattuale essa dovrà essere comunicata al gestore nei primi sei mesi dell ultimo anno contrattuale; possibilità di esplicare un tentativo di conciliazione, anche con il ricorso alla Camera delle Professioni ; si prevedono delle clausole risolutive espresse ai sensi dell art del codice civile e tali clausole sostituiscono quelle eventualmente contenute nei contratti in vigore e/o lettere integrative; la possibilità di avviare altre formule contrattuali (commissione); la condivisione del gestore delle promozioni commerciali e la loro partecipazione ai costi solo sui volumi aggiuntivi; la definizione dei contratti per la gestione delle attività non oil; affitto d azienda, franchising e locazione commerciale nel caso d investimenti fatti dal gestore; i nuovi contratti non oil saranno delle durata del contratto di comodato (sei anni); le attività non oil, correlate all auto, vengono affidate al gestore, le altre prioritariamente assegnate al gestore (modalità corretta con la Legge 496/99 che attribuisce al titolare della licenza UTF la possibilità di esercitarle anche in deroga ai contingenti comunali, per il food). 15

16 Occorre richiamare le clausole risolutive espresse previste dal punto 7 di tale accordo, che sono: inadempimento dei pagamenti delle forniture; violazione degli acquisti in esclusiva; alterazioni e manipolazioni con intenti fraudolenti dei prodotti petroliferi in esclusiva; manomissione dei sigilli e degli strumenti di misurazione; gravi e ripetute violazioni verso disposizioni di legge che determinino un danno al concessionario ( ora titolare d autorizzazione nella rete ordinaria); rimozione o alterazione dei segni distintivi del marchio; cessione o modifica della titolarità della gestione; risoluzione, nel caso di cessazione del contratto di comodato, di ogni altri contratti e patti; chiusura dell impianto, fatto salvo il diritto del gestore di seguire la concessione; Ogni altra clausola di risoluzione contrattuale, passate, presenti e future, come diffusamente le compagnie petrolifere ed i retisti privati prevedono sui contratti, sono nulle di diritto, non solo per il principio riaffermato successivamente nel D. Lgs 32/98, ma anche per gli effetti degli ultimi due capoversi del comma 7 dell accordo del 29 luglio Tali clausole improprie vanno sempre impugnate innanzi al giudice del lavoro, od ordinario, in relazione alle caratteristiche dell impresa di gestione del punto vendita, ove siano utilizzate dal concessionario o titolare dell autorizzazione per risolvere anticipatamente il contratto o non prevederne il rinnovo alla prima scadenza del sessennio 4.2 L accordo interprofessionale del 23 luglio 1998 Quest accordo riprende quanto contenuto in quello dell anno precedente e le norme del decreto legislativo 32/98 e contiene alcune norme nuove che influiscono sui contratti e sui rapporti commerciali fra gestore ed azienda: 16

17 l istituzione del concesso di sofferenza economica che comporta un supplemento di contrattazione individuale, volta a compensare gli sbilanci economici del punto vendita; separazione del conto economico fra l oil ed il non oil; riaffermazione della partecipazione dei gestori ai costi delle promozioni, solo sui volumi incrementali; definizione di una tabella allegata all accordo per i canoni degli affitti delle attività non oil, ad esclusione dei lavaggi; nomina del Presidente della Camera delle Professione (mai attivata, per la difficoltà di concordarne la regolamentazione di attività); riaffermazione dell inserimento nei contratti delle clausole risolutive espresse al fine di togliere quelle vessatorie. 5. Nota finale Dopo la paralisi della contrattazione economica collettiva, dovuta all intervento dell Antitrust nei rapporti commerciali fra aziende e gestori, si è avviata una contrattazione verticale e riservata con ciascuna compagnia petrolifera, sia per la rete ordinaria, sia per quella autostradale. A far data dalla stipula del primo accordo con la Esso, nel luglio del 2002, fermi restando i principi fondamentali qui esposti sui contratti, è ora avviata anche una specifica negoziazione con ogni singola azienda, per definire eventualmente anche i nuovi rapporti contrattuali, sulla base di modelli e schemi proposti dalle aziende. Le forme contrattuali, infatti debbono sempre più corrispondere all esigenza della tutela della categoria e all evoluzione del mercato, ma sempre improntate alla tutela dei diritti sanciti dalla Legge e dal Codice. 17

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

I contratti di gestione delle strutture alberghiere

I contratti di gestione delle strutture alberghiere 12/06/2013 il Contratti tipici: Contratti atipici: contratto di locazione di bene immobile contratto di affitto di azienda (alberghiera) contratto di gestione di azienda. alberghiera (c.d. contratto di

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo La modulistica nella

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO RELATIVE ALL ACQUISTO DI DIRITTI DI UTILIZZAZIONE DELLE IMMAGINI DELL ARCHIVIO FOTOGRAFICO ON-LINE DEL SISTEMA MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE Premesso che La Sovrintendenza

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero.

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero Milano, 31/1/13 1. Premessa - 2. L art. 32 L. 183/10-3. La riforma Fornero - L art. 28 DL 179/12. 1. Premessa Il contratto a termine detiene un

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN Le presenti condizioni generali hanno lo scopo di disciplinare l utilizzo dei Marchi di proprietà della società: Gefran S.p.A. con sede in

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B)

LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B) LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B) Avvocato Maurizio Iorio, presidente di ANDEC Seminario organizzato da ANDEC Martedì 17 giugno 2014 Milano, Confcommercio - Corso Venezia 47 Sala Turismo LA GARANZIA

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti Indice sommario Presentazione (di PAOLOEFISIO CORRIAS) 1 PARTE PRIMA Il contratto e le parti Capitolo I (di CLAUDIA SOLLAI) 13 Le fonti del contratto di agenzia 1. La pluralità di fonti. Il codice civile

Dettagli

= Circolare n. 9/2013

= Circolare n. 9/2013 = Scadenze + 27 dicembre + Invio degli elenchi INTRA- STAT mensili versamento acconto IVA mediante Mod. F24 + 30 dicembre + Stampa dei libri contabili dell'anno 2012 (libro giornale, registri IVA, libro

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

ATTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE IN CASO D USO AI SENSI DELL ART. 6 DEL D.P.R. 26 APRILE 1986, N. 131, E DELL ART. 2,

ATTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE IN CASO D USO AI SENSI DELL ART. 6 DEL D.P.R. 26 APRILE 1986, N. 131, E DELL ART. 2, COMUNE DI GAVARDO (Provincia di Brescia) ATTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE IN CASO D USO AI SENSI DELL ART. 6 DEL D.P.R. 26 APRILE 1986, N. 131, E DELL ART. 2, PARTE SECONDA, PUNTO 1, DELLA TARIFFA ALLEGATA.

Dettagli

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati I circoli privati rappresentano, da sempre, un problema nella gestione delle attività di controllo sul territorio

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 6 DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 23 Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183. (15G00037)

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA 1. PREMESSA L art. 33, comma 5, del D.L. 22.6.2012, n. 83, così come modificato dalla legge di conversione 7.8.2012 n. 134, ha sostituito il comma 5 dell articolo

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM1, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Definizione Riposi compensativi La banca ore è un istituto contrattuale che consiste nell accantonamento, su di un conto

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

DECRETO 26 ottobre 2011

DECRETO 26 ottobre 2011 DECRETO 26 ottobre 2011 Modalita' di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA, dei soggetti esercitanti l'attivita' di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2)

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) Il/La sig./soc. (1) di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2) in persona

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO Scheda esplicativa per la trattativa decentrata maggio 2009 ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO a cura di Giuseppe Montante e Carlo Palermo componenti la Delegazione trattante nazionale

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI Articolo 1 Son fissati, conformemente alle disposizioni del secondo alinea dell art. 45 della Costituzione, gli obiettivi fondamentali dell azione delo Stato, per i prossimi

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Professore Carla Bedogni Rabitti;

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Professore Carla Bedogni Rabitti; L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 5 giugno 2013; SENTITO il Relatore Professore Carla Bedogni Rabitti; VISTA la legge 10 ottobre 1990, n. 287; VISTO l articolo 101

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli