PROVINCIA DI AREZZO EDUCARE A SCUOLA. Alcune progettazioni nelle Scuole Aretine

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROVINCIA DI AREZZO EDUCARE A SCUOLA. Alcune progettazioni nelle Scuole Aretine"

Transcript

1 PROVINCIA DI AREZZO EDUCARE ALLA legalità A SCUOLA Alcune progettazioni nelle Scuole Aretine

2 2

3 Prefazione Educare alla legalità, educare al rispetto di sé e degli altri. Tante le azioni presenti nella nostra provincia, da parte della scuola, delle forze dell ordine e dell amministrazione provinciale stessa, per questo è stato necessario effettuare una mappatura che identificasse le iniziative esistenti, raccogliesse nuove esigenze provenienti dalle singole scuole, traducendole in unica programmazione condivisa. Interventi rivolti agli insegnanti, ai genitori e agli studenti, che affrontano il tema legalità nelle sue molteplici sfaccettature, una modalità operativa a rete che darà frutto a medio e lungo termine. Un unico tavolo, coordinato dalla Provincia Di Arezzo, di cui fanno parte Prefettura, Scuole, Forze dell ordine e Zone socio-sanitarie. Un tavolo che deve avere sempre di più la capacità di ascoltare attentamente le comunità locali, progettare azioni educative efficaci, monitorando annualmente l effettiva ricaduta territoriale. Mirella Ricci Vicepresidente e Assessore alle Politiche Sociali della Provincia di Arezzo EDUCARE ALLA legalità A SCUOLA Alcune progettazioni nelle Scuole Aretine 3

4 4

5 Indice 1. Pr e m e s s a Sperimentazione regionale sull educazione a l l a l e g a l i t à n e l c u r r i c u l u m s c o l a s t i c o Di r e z i o n i d i d a t t i c h e Is t i t u t i c o m p r e n s i v i Sc u o l e s e c o n d a r i e d i 1 g r a d o Sc u o l e s e c o n d a r i e d i 2 g r a d o Le progettazioni che seguono costituiscono delle ipotesi di lavoro che si realizzano nelle scuole in una molteplicità di attività educative-didattiche, si concretizzano in metodologie e soluzioni organizzative innovative, a conclusione dei percorsi operativi si producono documentazioni efficaci e spesso vengono organizzate manifestazioni pubbliche per rendere visibili i risultati raggiunti. Tutto questo lavoro quotidiano della scuola finalizzato a contestualizzare gli obiettivi formativi formulati in una progettazione, naturalmente non può apparire in questa raccolta. Questa pubblicazione vuole essere un piccolo contributo per far conoscere, diffondere ed offrire spunti operativi riguardo l educazione alla legalità in atto nella nostra Provincia. EDUCARE ALLA legalità A SCUOLA Alcune progettazioni nelle Scuole Aretine 5

6 6

7 1. Premessa Antonino Caponnetto, a conclusione di un intervento con gli studenti di una scuola del nord, così si esprimeva: Voi crescerete, e ve lo auguro, nel culto dei valori veri, nel culto della legalità, della solidarietà, dell amore per il prossimo, del rispetto della persona umana qualunque sia il colore della sua pelle, qualunque sia la sua razza, qualunque sia la sua religione. Questo è l augurio che vi faccio. Con tutto il cuore. Queste parole, che sono rimaste impresse nell animo dei ragazzi, ci sembrano molto significative per sottolineare lo spirito di questa pubblicazione. In qualità di referente USP di Arezzo sull educazione alla legalità ho l opportunità di conoscere ed interagire con molte realtà scolastiche della Provincia; istituzione scolastiche diverse per tipologia, appartenenza territoriale, tuttavia unite nel FAR VIVERE la legalità ai propri studenti. Dalla lettura delle progettazioni qui raccolte si evince che gli studenti sperimentano sul campo i valori democratici: rispetto, apertura, fiducia,onestà, giustizia, correttezza che mettono in pratica nella scuola educatrice alla legalità mediante esercizio e pratica di cittadinanza attiva. La scuola, infatti, luogo privilegiato di etica e conoscenze si impegna a coltivare e a far crescere sempre più tale cultura. EDUCARE ALLA legalità A SCUOLA Alcune progettazioni nelle Scuole Aretine 7

8 Come? Per la scuola non si tratta tanto di aderire in modo formale ai vari progetti, bensì inserire le tematiche legalità nella progettazione ordinaria dell intero Istituto, valorizzando la dimensione formativa dell educazione alla legalità che diventa trasversale ai saperi: educazione alla legalità quale snodo interdisciplinare integrato nei curricoli scolastici. Le tematiche che emergono dalla progettazioni sono molteplici, a titolo esemplificativo: La funzione delle regole nella vita scolastica e sociale I valori della democrazia e della partecipazione Conoscenza nella storia e nell attualità dei principali fenomeni di illegalità e delle azioni da mettere in atto per contrastarli Seppur nelle molteplicità delle tematiche e nella varietà delle metodologie utilizzate la finalità educativa che persegue la scuola di ogni ordine e grado è la promozione del rispetto verso l altro e della valorizzazione delle differenze di tutti e di ciascuno, in un quadro di condivisione e rispetto delle regole fondanti la comunità scolastica e la società civile. Ormai da tempo tutte le scuole della Provincia aretina, nella loro autonomia organizzativa e didattica, sono impegnate a diffondere la cultura della legalità attraverso collaborazioni con: Prefettura Forze dell Ordine Enti locali Asl Associazioni Spesso i soggetti sopra menzionati ricercando la collaborazione con la scuola avanzano una molteplicità di proposte dalle tematiche simili (anche per la legalità) che finiscono per soprapporsi; per questo è avvertita sempre più l esigenza di stipulare raccordi interistituzionali proprio per favorire un interazione sempre più fattiva scuola-territorio. Nella nostra Provincia opera il Tavolo tecnico permanente di coordinamento a cura dell Osservatorio e Commissione Provinciale per la cultura della legalità e della sicurezza, è da questo Tavolo composto dai rappresentanti della Prefettura, Questura, USP, Forze dell Ordine, Zone Socio Sanitarie, 8

9 che è nata l esigenza di monitorare le progettazioni delle scuole in tema di legalità nel corrente anno scolastico. Le progettazioni qui raccolte non sono certamente esaustive di tutte le scuole della provincia, ma quelle pervenute e qui pubblicate dimostrano che i nostri insegnanti sono convinti che educare alla legalità è la condizione indispensabile per l acquisizione di una vera CITTADINANZA ATTIVA che aspiri al bene comune. Tiziana Giovenali Referente per l educazione alla legalità USP di Arezzo EDUCARE ALLA legalità A SCUOLA Alcune progettazioni nelle Scuole Aretine 9

10 10

11 2. Sperimentazione regionale sull educazione alla legalità nel curriculum scolastico La raccolta delle progettazioni inizia con quelle di cinque scuole aretine che dall anno scolastico 2007/08 con durata biennale (insieme ad altre 45 scuole della Toscana) hanno aderito ad una sperimentazione di modelli di intervento didattico sull educazione alla legalità promossa dalla Regione Toscana e dalla Direzione Generale dell Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana. EDUCARE ALLA legalità A SCUOLA Alcune progettazioni nelle Scuole Aretine 11

12 DENOMINAZIONE DELLA SCUOLA Istituto Comprensivo scuola materna, elementare e media di Civitella in Val di Chiana. NOME E COGNOME DEL DIRIGENTE SCOLASTICO Prof. Domenico Sarracino CLASSE/I COINVOLTA/E Tutte le classi della scuola media TITOLO DELL AZIONE DIDATTICA SICURI E AUTONOMI DA CASA A SCUOLA Famiglia, scuola e comune per la sicurezza, la responsabilità e lo sviluppo dell autonomia dei ragazzi. RISULTATI ATTESI Maggiore capacità dei ragazzi a muoversi autonomamente nel percorso da casa a scuola, sui bus scolastici, nei momenti pre e post scuola. Acquisizione di una maggiore consapevolezza delle problematiche relative alla viabilità. Acquisizione di conoscenze più adeguate in termini di educazione stradale, norme di comportamento del pedone e sviluppo di maggiore autonomia nell ambito della mobilità sostenibile. TEMPI DI SVOLGIMENTO DELL AZIONE DIDATTICA Dicembre Maggio 2009 ELENCO DELLE DISCIPLINE COINVOLTE Il progetto ha carattere trasversale ed interessa tutte le discipline. In particolare si può prevedere il coinvolgimento e il contributo specifico da parte di materie quali tecnologia, ed. artistica, ed. motoria, ed. civica e storia. DESCRIZIONE SINTETICA DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE PREVISTE SICURI E AUTONOMI DA CASA A SCUOLA Famiglia, scuola e Comune per la sicurezza, la responsabilità e lo sviluppo dell autonomia dei ragazzi. Descrizione del progetto Tale progetto nasce come risposta al bisogno di educare e sensibilizzare gli alunni ai problemi legati all autonomia e alla viabilità. Il progetto non approfondisce solo i contenuti teorici ma, come è consuetudine nel 12

13 nostro Istituto, offre un esperienza di partecipazione ed assunzione di responsabilità agli alunni e si fonda sulla interazione tra genitori, scuola e comune con la collaborazione di UNICEF e delle forze dell ordine. A tal fine si cercherà di rendere l alunno soggetto attivo e consapevole, capace di partecipare in modo motivato e costruttivo alla vita della scuola e del proprio territorio. La pratica della democrazia nella nostra scuola si pone, infatti, come momento centrale del progetto e si basa sul coinvolgimento degli alunni in molteplici attività che abbiano come fine principale la partecipazione diretta e responsabile, nonché l assunzione di responsabilità da parte di ciascuno. Con questo progetto gli alunni diventano soggetti privilegiati da educare e sensibilizzare. Gli interventi didattici previsti si propongono di condurli alla riflessione sul problema della sicurezza, della viabilità e dei pericoli individuabili lungo i percorsi, al fine di sviluppare negli alunni anche la capacità di muoversi in autonomia negli spazi comunali. Tale progetto vuol promuovere la formazione degli alunni in materia di sicurezza stradale, fornendo loro un bagaglio di conoscenze che li renda consapevoli del corretto comportamento sulla strada. Tipo di attività Discussione delle problematiche in tutte le classi. Discussione sul problema della sicurezza, della viabilità, dei pericoli individuati lungo i percorsi. Elaborazione di un questionario per indagare sulle modalità di spostamento casa-scuola e sul grado di autonomia dei bambini nel percorrere tale tragitto. Somministrazione del questionario agli alunni della scuola. Rielaborazione dei dati emersi e costruzione di una mappa delle problematiche evidenziate. Discussione sulle problematiche emerse per prendere coscienza dei problemi evidenziati. Elaborazione di un documento scritto. Referendum come esperienza di democrazia e partecipazione responsabile su un tema vero. Du r a t a Le attività verranno svolte da Dicembre 2008 fino a Maggio EDUCARE ALLA legalità A SCUOLA Alcune progettazioni nelle Scuole Aretine 13

14 Finalità e obiettivi Finalità Pratica nell ambito della democrazia e sviluppo di una coscienza civile e democratica. Obiettivi Promuovere l assunzione di comportamenti corretti, rispettosi di sé e degli altri. Favorire la formazione di cittadini capaci di partecipare in modo attivo, responsabile ed autonomo anche nella mobilità. Sviluppare il senso di appartenenza alla comunità scolastica e al territorio. Sviluppare coscienza sulla necessità di norme che regolano la vita sociale. Abituare al senso critico e valorizzare le proposte positive. Promuovere nei ragazzi la capacità di sapersi gestire con sicurezza nel percorso casa-scuola, nei tempi di attesa prima dell ingresso a scuola e appena dopo l uscita. Promuovere comportamenti corretti da tenere sugli scuolabus, sui bus di linea e durante la salita e la discesa dai bus. Rendere più sicuri gli spazi circostanti la scuola anche con interventi sulla viabilità (segnaletica etc.) e con eventuale presenza di adulti che vigilano. Strumenti didattici previsti Risorse umane: - docenti Funzione strumentale e docenti di classe - Personale ATA - Esperti Risorse materiali Laboratorio d informatica Apparecchiature multimediali Audiovisivi Bacheca Materiale didattico Me t o d o l o g i e Verranno utilizzate varie metodologie che si ispirano alla progettualità, alla responsabilizzazione, all operatività, all interazione e dialogo, all utilizzo di tecniche innovative. Ruolo fondamentale sarà attribuito 14

15 alla relazione, all ascolto dei bisogni degli alunni, alla partecipazione responsabile dei ragazzi alla vita della scuola e del territorio. Soggetti coinvolti Scuola: alunni e personale scolastico Famiglia Comune di Civitella in Val di Chiana Operatori Unicef Forze dell ordine Eventualmente Associazioni di volontariato COLLABORAZIONE CON ALTRI ENTI DEL TERRITORIO Comune di Civitella in Val di Chiana Unicef Forze dell Ordine PRODUZIONE FINALE DELLA SEGUENTE DOCUMENTAZIONE Elaborati scritti Ricerche Elaborati grafico pittorici EDUCARE ALLA legalità A SCUOLA Alcune progettazioni nelle Scuole Aretine 15

16 DENOMINAZIONE DELLA SCUOLA Istituto Comprensivo Statale MASACCIO NOME E COGNOME DEL DIRIGENTE SCOLASTICO Martellini Giovanni CLASSE/I COINVOLTA/E CLASSI 3^A; 3^B, 3^C; 3^D - Alunni coinvolti n 87 TITOLO DELL AZIONE DIDATTICA LEGALITA E DIRITTI UMANI (a partire dall articolo 3 della Costituzione Italiana) RISULTATI ATTESI Saper definire il concetto di dignità umana e riconoscere i contesti dove più frequentemente è calpestata. Acquisizione dei valori che stanno alla base della convivenza civile, della consapevolezza di essere titolari di diritti e di doveri, nel rispetto degli altri e della loro dignità. Conoscenza della Costituzione. TEMPI DI SVOLGIMENTO DELL AZIONE DIDATTICA A.S. 2008/2009 da ottobre 2008 a maggio 2009 ELENCO DELLE DISCIPLINE COINVOLTE Lettere - Religione - Tecnologia DESCRIZIONE SINTETICA DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE PREVISTE Co n t e n u t i : Analisi dei principi fondamentali della Costituzione (articoli 3,27, 36, 41) e degli impedimenti che ostacolano il rispetto della dignità umana. Individuazione dei ruoli e dei compiti delle persone e istituzioni preposte alla salvaguardia della dignità umana. Analisi dell ordinamento della Repubblica. Me t o d o l o g i e Lavoro di gruppo o di gruppo-classe Cooperative learning Didattica laboratoriale Inchieste Reportage 16

17 Interviste Lezioni dialogo Confronto/dibattito COLLABORAZIONE CON ALTRI ENTI DEL TERRITORIO Comune di San Giovanni Valdarno: Partecipazione a sedute del Consiglio Comunale Incontri con amministratori Visita del Municipio Associazioni di volontariato o culturali del territorio impegnate nella difesa dei diritti umani e della pace: Libera Valdarno Associazione Rondine - Cittadella della Pace PRODUZIONE FINALE DELLA SEGUENTE DOCUMENTAZIONE Elaborati scritti Ricerche EDUCARE ALLA legalità A SCUOLA Alcune progettazioni nelle Scuole Aretine 17

18 DENOMINAZIONE DELLA SCUOLA Istituto Tecnico Commerciale Statale Michelangelo Buonarroti NOME E COGNOME DEL DIRIGENTE SCOLASTICO Prof. Anselmo Grotti CLASSI COINVOLTE I C - 24 allievi - II C 22 allievi - (totale 46 allievi) TITOLO DELL AZIONE DIDATTICA Statuto e autonomia RISULTATI ATTESI Intendere il diritto come espressione del patto sociale anche nella comunità scolastica. Consentire l acquisizione di una nozione più profonda ed estesa dei diritti di cittadinanza, a partire dalla consapevolezza della reciprocità fra soggetti dotati della stessa dignità. Aiutare a comprendere come anche l organizzazione della vita nella scuola si fondi su un sistema di relazioni giuridiche. Sviluppare la consapevolezza che condizioni quali la dignità, la libertà, la democrazia non possono considerarsi come acquisite per sempre, ma vanno perseguite, volute e, una volta conquistate, protette. OBIETTIVI: Conoscere e rispettare gli altri (promuovere comportamenti centrati sul rispetto dell altro) Rispettare le istituzioni Prevenire comportamenti devianti ELENCO DELLE DISCIPLINE COINVOLTE Diritto ed Economia Scienza della Natura Scienza della Materia Religione DESCRIZIONE SINTETICA DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE PREVISTE Il progetto interdisciplinare è costituito da un modulo motivazionale centrato sulla scelta responsabile e da un secondo, laboratoriale e finalizzato alla conoscenza dello statuto degli studenti e all introiezione delle norme del regolamento d istituto. 18

19 Metodologie utilizzate: Studio e riflessione sulla legislazione vigente, momenti di confronto e discussione. De s c r i z i o n e d e l l e f a s i d i r e a l i z z a z i o n e d e l p r o g e t t o/a t t i v i t à: Modulo 1: la scelta e l autonomia Visione della presentazione la scelta e l autonomia riflessione singola e di gruppo Modulo 2: Statuto degli studenti e legalità 1- analisi di Diritti e Doveri lettura di Statuto e Regolamento scolastico il patto formativo analisi delle schede sintetiche e spunti di riflessione 2-Violazioni, sanzioni e ricorsi trarre le conclusioni sul progetto svolto annotare qualche riflessione scegliere le proposte da esporre, durante l assemblea d istituto, insieme all analisi di qualche argomento trattato Fi n a l i t à: informazione e coinvolgimento: come il singolo può dare il suo contributo personale sia come singolo che quale membro della comunità scolastica, partecipando ai processi decisionali interni e rispettando diritti e doveri reciproci. PRODUZIONE FINALE DELLA SEGUENTE DOCUMENTAZIONE Elaborati scritti e Ricerche concernenti in particolare: atteggiamenti individuali corretti, scelti personalmente schede sintetiche illustrative dello statuto degli studenti proposte in merito al regolamento d istituto. EDUCARE ALLA legalità A SCUOLA Alcune progettazioni nelle Scuole Aretine 19

20 DENOMINAZIONE DELLA SCUOLA Istituto Tecnico Industriale Statale Galileo Galilei NOME E COGNOME DEL DIRIGENTE SCOLASTICO Prof. Anselmo Grotti CLASSI COINVOLTE Saranno coinvolte tutte le classi terminali dell Istituto; (tot. Alunni circa 120) potranno essere coinvolte 1 o 2 classi del biennio (tot. alunni circa 40) TITOLO DELL AZIONE DIDATTICA Rispettare le regole?... Conviene!!! RISULTATI ATTESI L obiettivo che l Istituto si prefigge è sensibilizzare gli alunni in merito ad alcune tematiche connesse strettamente con quella della legalità avendo come fine prioritario quello di fare comprendere che le norme non devono essere rispettate solo perché esiste una sanzione ma che le stesse evidenziano utilità intrinseche per una pacifica convivenza civile. Gli alunni dovrebbero riuscire a comprendere che dall osservanza delle regole si ricavano evidenti vantaggi. TEMPI DI SVOLGIMENTO DELL AZIONE DIDATTICA Tutto l Anno Scolastico ELENCO DELLE DISCIPLINE COINVOLTE Italiano, Storia, diritto e laddove presente filosofia DESCRIZIONE SINTETICA DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE PREVISTE Le attività sottoindicate potranno essere svolte cumulativamente e/o alternativamente a seconda delle delibere degli organi collegiali competenti: a) Conferenza sul tema Uso di alcool e droga :problematiche connesse. b) Conferenza sul tema Diritto d autore e problematiche connesse con l uso di internet. c) Conferenza sul tema legge 1990/241:indicazioni pratiche per il buon cittadino. Al termine di ogni iniziativa si chiederà ai colleghi di materie letterarie di sottoporre gli alunni ad una riflessione critica scritta per comprendere quanto le tematiche esposte siano state recepite. 20

21 d) Incontro con la Polizia Scientifica perché gli alunni del corso biologico e chimico comprendano l applicabilità pratica di quanto acquisito in modo teorico. e) per alcune classi del biennio:analisi comparata di alcuni articoli della Costituzione Italiana con lo Statuto Albertino. f) spot video inerenti il titolo dell azione didattica. g) proiezione materiale audiovisivo inerente l attività con connessa riflessione in classe degli alunni coinvolti. COLLABORAZIONE CON ALTRI ENTI DEL TERRITORIO Si chiederà la partecipazione alle attività di organi istituzionali quali ad es. giudici del Tribunale, Polizia di Stato,Guardia di Finanza, rappresentanti dell UTG (ex Prefettura), Difensore civico comunale, al fine di potere approfondire le tematiche sopra esposte ma soprattutto di avvicinare le istituzioni agli alunni al fine di fare comprendere loro che non si tratta di soggetti antagonisti bensì di istituzioni con obiettivi simili alla comunità civile. PRODUZIONE FINALE DELLA SEGUENTE DOCUMENTAZIONE Elaborati scritti Ricerche Elaborati grafico-pittorici Video Foto EDUCARE ALLA legalità A SCUOLA Alcune progettazioni nelle Scuole Aretine 21

22 DENOMINAZIONE DELLA SCUOLA Istituto D istruzione Superiore L. Signorelli Cortona NOME E COGNOME DEL DIRIGENTE SCOLASTICO Prof. Vito Amedeo Cozzi Lepri CLASSI COINVOLTE Istituto Tecnico Commerciale F. Laparelli Cortona Classi III A e III B (Circa 40 alunni) TITOLO DELL AZIONE DIDATTICA CHE CITTADINO SEI? Conoscere le regole comuni del vivere insieme. RISULTATI ATTESI Maggior consapevolezza del valore di un comportamento legale anche da parte dei minori. TEMPI DI SVOLGIMENTO DELL AZIONE DIDATTICA Innalzare il livello di responsabilità sociale dei cittadini di domani. Il senso civico e di responsabilità sociale è sempre più latitante nella nostra società e, inaspettatamente nel nostro territorio. In questo scenario educare al rispetto delle regole e alla cultura della responsabilità è una necessità avvertita con forza sempre maggiore, non solo dalla scuola ma anche dalle altre Istituzioni del territorio. ELENCO DELLE DISCIPLINE COINVOLTE Diritto, Italiano, Trattamento testi DESCRIZIONE SINTETICA DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE PREVISTE Proposta di un questionario anonimo elaborato insieme ai ragazzi dell Istituto superiore nelle classi terze della scuola media del territorio. Correzione del medesimo questionario da parte dei ragazzi, elaborazione e discussione dei risultati. Restituzione dell elaborazione ai ragazzi delle medie. Seminario finale con i genitori delle terze medie del territorio e la presenza delle forze dell ordine. COLLABORAZIONE CON ALTRI ENTI DEL TERRITORIO Scuola media Berettini Pancrazi Comune di Cortona 22

23 Arma dei Carabinieri PRODUZIONE FINALE DELLA SEGUENTE DOCUMENTAZIONE Elaborati scritti Ricerche Elaborati grafico-pittorici Video Foto CD presentazione risultati EDUCARE ALLA legalità A SCUOLA Alcune progettazioni nelle Scuole Aretine 23

24 24

25 3. Direzioni Didattiche EDUCARE ALLA legalità A SCUOLA Alcune progettazioni nelle Scuole Aretine 25

26 DENOMINAZIONE DELLA SCUOLA Direzione Didattica 1 Circolo Cortona NOME E COGNOME DEL DIRIGENTE SCOLASTICO Carla Fierli CLASSI COINVOLTE Classe V (alunni 17) DESCRIZIONE SINTETICA DELLE ATTIVITÀ REALIZZATE Progetto EDUCARE ALLA LEGALITÀ ED ALLA CONVIVENZA CIVILE Lezioni frontali, lavori di gruppo, visite guidate,letture di fiabe, storie ed articoli di giornale, visione di film, incontri con testimoni legalità, laboratori e giochi. Finalità Raggiunte - Prevenzione illegalità - Contenimento malesseri derivanti da episodi di violenza e bullismo - Potenziamento del senso di giustizia - Partecipazione attiva alla manifestazioni eventi sulla legalità ELENCO DELLE DISCIPLINE COINVOLTE Storia, geografia, immagine e italiano COLLABORAZIONE CON ENTI DEL TERRITORIO En t e Lo c a l e Comune Cortona Provincia Regione Forze Dell ordine Arma dei Carabinieri PRODUZIONE FINALE DELLA SEGUENTE DOCUMENTAZIONE Elaborati scritti Elaborati grafico-pittorici 26

27 DENOMINAZIONE DELLA SCUOLA 2 Circolo Didattico Monte Bianco NOME E COGNOME DEL DIRIGENTE SCOLASTICO Luciano Tripponcini CLASSI COINVOLTE Progetto Cicciottà. 2 classi quinte (primaria): 44 Progetto Caschiamoci : 22 classi della primaria e 8 sezioni infanzia: 420 Progetto La città dei bambini : le classi quarte e quinte dei plessi di Monte Bianco, La Chimera ed Orciolaia: 162 DESCRIZIONE SINTETICA DELLE ATTIVITÀ REALIZZATE Progetto Cicciottà È un cantiere itinerante cofinanziato dalla regione Toscana (Legge Regionale 30 luglio 1997 n. 55). Il percorso è costituito da 6 incontri di due ore ciascuno. Per acquisire la carta d identità cicciottese, documento pensato per riconoscere quanti dichiarano di volersi impegnare in prima persona per costruire un mondo più giusto e solidale, il bambino dovrà superare delle prove e dimostrare di possedere le caratteristiche giuste per essere un cittadino globale :dovrà partecipare attivamente alla vita della città lavorando, prendendo decisioni riguardanti la collettività, negoziando le proprie idee, dando priva di saper risolvere in modo non violento gli eventuali conflitti, di possedere atteggiamenti positivi di cooperazione, spirito di solidarietà e capacità di decentrare il suo punto di vista, dovrà dimostrare inoltre interesse verso i problemi ed i conflitti della sua micro-società, ma anche quelli macro-sociali. Il progetto si è concluso a fine febbraio con un convegno. Progetto Caschiamoci Riguarda l educazione stradale e coinvolge le scuole dell infanzia e gran parte delle classi della primaria. È un progetto integrato con la collaborazione del Comune di Arezzo, provincia, USP, ACI, ATAM, Polizia Municipale, ASL, Autoscuole, Polizia di Stato e Arma dei Carabinieri. Nasce dall esigenza di creare nei bambini, fin dalla scuola dell Infanzia, un habitus comportamentale affinché diventino persone corrette, responsabili, rispettose degli altri e delle regole della convivenza civile e democratica. Ogni classe o sezione elabora un proprio progetto inserito nella programmazione ed in base alle proprie esigenze richiede l intervento dell esperto. EDUCARE ALLA legalità A SCUOLA Alcune progettazioni nelle Scuole Aretine 27

28 Progetto La città dei bambini Gli alunni delle classi quarte e quinte dei plessi di Monte Bianco, Chimera ed Orciolaia saranno i piccoli Consiglieri della città di Arezzo. Il progetto iniziato, in collaborazione con il Comune, nel 1998, è molto simile a quello di altre città italiane: i piccoli consiglieri si riuniscono mensilmente per discutere temi e progetti per una città adatta ai bambini. ELENCO DELLE DISCIPLINE COINVOLTE Tutte COLLABORAZIONE CON ENTI DEL TERRITORIO En t e Lo c a l e Comune Provincia Regione Forze Dell ordine PRODUZIONE FINALE DELLA SEGUENTE DOCUMENTAZIONE Convegno finale per il progetto Cicciottà 28

29 DENOMINAZIONE DELLA SCUOLA 2 Circolo Didattico Cortona Con Sede In Terontola NOME E COGNOME DEL DIRIGENTE SCOLASTICO Prof.ssa Franca Biagiotti CLASSI COINVOLTE Plesso Num. Alunni Num. Alunni Classe 4 Classe 5 Pergo Terontola Centoia Montecchio DESCRIZIONE SINTETICA DELLE ATTIVITÀ REALIZZATE Gli argomenti affrontati allo ZAK sono state riprese nelle classi, però a livello di conversazione in classe. Nelle classi sono stati svolti lavori paralleli in cui sono emerse le problematiche legate alla legalità (lavoro infantile, povertà; regole e comportamento relazione con i compagni e gli adulti), intesa soprattutto come vita di relazione. ELENCO DELLE DISCIPLINE COINVOLTE In generale tutte, soprattutto italiano ed educazione stradale. C è il confronto soprattutto con storia. COLLABORAZIONE CON ENTI DEL TERRITORIO En t e Lo c a l e Comune Cortona Provincia Regione Associazioni del territorio Forze Dell ordine PRODUZIONE FINALE DELLA SEGUENTE DOCUMENTAZIONE Elaborati scritti: testi nei quaderni. Elaborati grafico-pittorici: disegni esposti in classe. Interventi di persone con esperienze di aiuto negli altri paesi (Tanzania). EDUCARE ALLA legalità A SCUOLA Alcune progettazioni nelle Scuole Aretine 29

30 DENOMINAZIONE DELLA SCUOLA 4 Circolo Di Arezzo - Scuola Primaria Di Pratantico NOME E COGNOME DEL DIRIGENTE SCOLASTICO Anna Maria Coluccio CLASSI COINVOLTE CLASSE I (16 alunni) + CLASSE II (18 alunni) + CLASSE III (14 alunni) + CLASSE IV (6 alunni) + CLASSE V (16 alunni) = 70 alunni DESCRIZIONE SINTETICA DELLE ATTIVITÀ REALIZZATE Fi n a l i t à: - Attivare modalità relazionali positive nei confronti dei compagni e degli adulti - Mettere in atto comportamenti di autonomia e autocontrollo - Conoscere il proprio ambiente di vita per imparare ad attuare comportamenti di rispetto e di difesa - Stimolare i bambini a riflettere, in maniera creativa anche attraverso l uso di arti grafiche e di elaborati, sui loro diritti in particolare quelli legati alla sicurezza - Favorire lo sviluppo di una cultura della legalità e del rispetto delle regole Contenuti (Classi I E Ii): - Le figure di riferimento ( genitori, insegnanti, poliziotti ) - Conoscenza della figura e del ruolo del poliziotto - Salvaguardia e rispetto dell ambiente relativo all esperienza degli alunni (classe, scuola, giardini pubblici ) Contenuti (Classi Iii, Iv E V): - Le forze dell ordine: conoscenza delle varie istituzioni - La gerarchia e i gradi delle forze dell ordine in particolar modo della Polizia di Stato - La gestione delle emergenze - in relazione al rispetto del codice della strada - il 112 come unico numero di emergenza - La salvaguardia e il rispetto dell ambiente - Gli atti di vandalismo Me t o d o l o g i e : - Creazione di un clima positivo che favorisca la relazione e la comunicazione 30

31 - Valorizzazione dell esperienza personale. - Promozione di interventi che inducano alla problematizzazione e alla scoperta - Promozione dell impegno personale e della solidarietà sociale - Attuazione di forme di apprendimento collaborativo - Realizzazione di percorsi operativi Strumenti Didattici e Attività: - Conversazioni, discussioni e riflessioni - Uso delle diverse forme di espressione orale: brainstorming - Attività di circle-time. Riconoscimento di situazioni emotive diverse - Analisi di vissuti e confronto di esperienze di vita - Verbalizzazioni orali e scritte - Attività di tipo espressivo - creativo in forma grafico-pittorica - Cartelloni - Attività ludiche - Documentazione su testi e materiali diversi anche a carattere divulgativo (rivista Polizia Moderna, articolo di giornale riguardante atti di vandalismo, ) per approfondire le conoscenza degli argomenti trattati ELENCO DELLE DISCIPLINE COINVOLTE Trasversale a tutte le discipline COLLABORAZIONE CON ENTI DEL TERRITORIO Forze Dell ordine Polizia di Stato (Poliziotti di quartiere) PRODUZIONE FINALE DELLA SEGUENTE DOCUMENTAZIONE Elaborati scritti Elaborati grafico-pittorici EDUCARE ALLA legalità A SCUOLA Alcune progettazioni nelle Scuole Aretine 31

32 32

33 3. Istituti Comprensivi EDUCARE ALLA legalità A SCUOLA Alcune progettazioni nelle Scuole Aretine 33

34 34

35 DENOMINAZIONE DELLA SCUOLA Istituto Comprensivo Petrarca - Montevarchi NOME E COGNOME DEL DIRIGENTE SCOLASTICO Vasco Macconi CLASSI COINVOLTE Terze sc. secondaria 1 grado - n 63 alunni DESCRIZIONE SINTETICA DELLE ATTIVITÀ REALIZZATE 3^ b n 24 alunni - progetto di educazione alla legalitù della provincia 3^ a-b-c n 63 alunni - incontro con i carabinieri. Tutte le classi di istituto: visione di filmati e lettura di giornali e racconti sull argomento. ELENCO DELLE DISCIPLINE COINVOLTE Italiano, storia, scienze, scienze motorie COLLABORAZIONE CON ENTI DEL TERRITORIO En t e Lo c a l e Comune Montevarchi Provincia Arezzo Forze Dell ordine Arma dei Carabinieri EDUCARE ALLA legalità A SCUOLA Alcune progettazioni nelle Scuole Aretine 35

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia (Approvato dal Consiglio d Istituto nella seduta del 18 dicembre 2008) ---------------- L Istituto Comprensivo VIA CASAL BIANCO è una scuola che svolge

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE S.

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE S. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE S. Grandis C U N E O Istituto Professionale Statale Commerciale, Socio-Sanitario,Meccanico, Elettrico, Elettronico Istituto Tecnico per il Turismo Sezione Associata I.P.S.S.C.T.

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI ALUNNI ANNO SCOLASTICO 2012/2013

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI ALUNNI ANNO SCOLASTICO 2012/2013 REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI ALUNNI ANNO SCOLASTICO 2012/2013 1 PREMESSA Il presente regolamento, ai sensi di quanto previsto dal D.P.R. 24 giugno 1998, n. 249 (Statuto delle studentesse e degli studenti)

Dettagli

Prot. 4387/C-27 Brindisi, 22/10/2008. Art. 1 Vita della comunità scolastica

Prot. 4387/C-27 Brindisi, 22/10/2008. Art. 1 Vita della comunità scolastica Istituto di Istruzione Secondaria Superiore LICEO CLASSICO B. MARZOLLA - BRINDISI Sede Centrale: Via Nardelli, 2 - Tel./Fax 0831516102 - C.F. 80006060745 - e-mail: liceocla@liceoclassicomarzolla.it LICEO

Dettagli

Patto educativo di corresponsabilità Scuola - Famiglia

Patto educativo di corresponsabilità Scuola - Famiglia Appendice F Patto educativo di corresponsabilità Scuola - Famiglia PREMESSA L istituzione scolastica risulta luogo di crescita civile, culturale e di valorizzazione della persona quando vengono coinvolti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO

ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO Anni scolastici 2010/2011-2011/2012 2012/2013 Approvato con delibera n. 17 del Consiglio di Istituto del 23/11/2010 ( Validità triennale ) In considerazione del

Dettagli

VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI

VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI Via Madonna del Rosario, 148 35100 PADOVA Tel. 049/617932 fax 049/607023 - CF 92200190285 e-mail: pdic883002@istruzione.it sito web:6istitutocomprensivopadova.gov.it

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA

LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA Obiettivi generali del processo formativo Costituiscono la base progettuale degli aspetti pedagogico didattici ed organizzativi dell attività didattica.

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA Statuto degli Studenti e delle Studentesse

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA Statuto degli Studenti e delle Studentesse ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA I GRADO Centro Territoriale Permanente per l Educazione e la Formazione in età adulta Via San Giovanni Bosco, 5-23014 DELEBIO (SO) tel.

Dettagli

Regolamento di Disciplina

Regolamento di Disciplina ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA DI I GRADO dei Comuni di Anghiari e Monterchi Tel. 0575/749269 e Fax 0575/787954-0575/789102 Via Bozia, 2 52031 ANGHIARI (AR) aree0100n@

Dettagli

Richiamo verbale. Richiamo ufficiale con annotazione sul registro di classe. Richiamo verbale. Annotazione registro di classe

Richiamo verbale. Richiamo ufficiale con annotazione sul registro di classe. Richiamo verbale. Annotazione registro di classe ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO San Domenico Savio MATTINATA Premessa La scuola è luogo di crescita civile e culturale della persona. E quindi ad essa, oltre che alla famiglia, che spetta

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA SALUTE

EDUCAZIONE ALLA SALUTE ISTITUTO COMPRENSIVO GARIBALDI-LEONE TRINITAPOLI EDUCAZIONE ALLA SALUTE Anno scolastico 2015/2016 La salute è creata e vissuta dalle persone all interno degli ambienti organizzati della vita quotidiana:

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE PER IL SETTORE ECONOMICO Raffaele Piria

ISTITUTO TECNICO STATALE PER IL SETTORE ECONOMICO Raffaele Piria via Piria n 2, 89127 REGGIO CALABRIA - 0965 28547 0965 313252 Anno Scolastico 2011/2012 Premesso che Ai Genitori Agli Alunni Ai Docenti Al Personale ATA La scuola non è soltanto ambiente di apprendimento

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO A SCUOLA DI REGOLE

UNITÀ DI APPRENDIMENTO A SCUOLA DI REGOLE ISTITUTO COMPRENSIVO PIETRO VANNUCCI SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA - SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO 06062 Città della Pieve (PG) Via Marconi, 18 Tel. 0578/298018 Fax 0578/2987 E-mail: pgic82100x@istruzione.it

Dettagli

Codice di comportamento della comunità scolastica. I diritti fondamentali dello studente appaiono indicati nell art. 2:

Codice di comportamento della comunità scolastica. I diritti fondamentali dello studente appaiono indicati nell art. 2: Codice di comportamento della comunità scolastica Il liceo si propone come luogo di educazione in senso ampio, dove il processo di apprendimento, l'acquisizione delle conoscenze e lo sviluppo della coscienza

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA. Il presente regolamento è in aggiornamento da parte di un apposita commissione.

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA. Il presente regolamento è in aggiornamento da parte di un apposita commissione. REGOLAMENTO DI DISCIPLINA Il presente regolamento è in aggiornamento da parte di un apposita commissione. Premessa Le norme del presente regolamento si ispirano ai principi dello Statuto delle studentesse

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Religione Classe: I AM A.S. 2015-2016 Docente: Emanuela Cerato

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Religione Classe: I AM A.S. 2015-2016 Docente: Emanuela Cerato SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Religione Classe: I AM A.S. 2015-2016 Docente: Emanuela Cerato PREMESSA Anche quest anno la programmazione risulterà aderente ai

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ISTITUTO ANNI SCOLASTICI 2013/2016 ALUNNI

REGOLAMENTO DI ISTITUTO ANNI SCOLASTICI 2013/2016 ALUNNI Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo di Cellatica Collebeato Viale Risorgimento, 23 25060 Cellatica (BS) Tel: 030.2770188-0302774730 - Fax: 030.2525792 C. F.

Dettagli

Regolamento di disciplina alunne/i

Regolamento di disciplina alunne/i Regolamento di disciplina alunne/i Premessa: La scuola, quale luogo di crescita civile e culturale della persona, rappresenta, insieme alla famiglia, la risorsa più idonea ad arginare il rischio del dilagare

Dettagli

MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO CLASSICO «SOCRATE»

MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO CLASSICO «SOCRATE» MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO CLASSICO «SOCRATE» Alla luce del nuovo Statuto delle studentesse e degli studenti promulgato con Decreto del Presidente

Dettagli

Istituto Statale di Istruzione Superiore Amedeo Voltejo Obici Oderzo (TV)

Istituto Statale di Istruzione Superiore Amedeo Voltejo Obici Oderzo (TV) Istituto Statale di Istruzione Superiore Amedeo Voltejo Obici Oderzo (TV) REGOLAMENTO di DISCIPLINA (Approvato dal consiglio d Istituto del 12/7/2012) anno scolastico 2011-2012 via Stadio, 2/a tel. 0422

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

Il Regolamento di Istituto è integrato dal regolamento di disciplina di seguito riportato.

Il Regolamento di Istituto è integrato dal regolamento di disciplina di seguito riportato. Il Regolamento di Istituto è integrato dal regolamento di disciplina di seguito riportato. Regolamento di disciplina Il nostro Regolamento di disciplina è stata elaborata sulla base dello Statuto delle

Dettagli

ESTRATTO DEL REGOLAMENTO DI ISTITUTO

ESTRATTO DEL REGOLAMENTO DI ISTITUTO ESTRATTO DEL REGOLAMENTO DI ISTITUTO Art.17 Visite e viaggi di istruzione Le visite d istruzione e le uscite didattiche costituiscono una parte integrante della programmazione didattico - educativa in

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINARE

REGOLAMENTO DISCIPLINARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Eleonora D Arborea Via E. D Arborea n 7, 08020 Torpè (Nu) tel. e fax 0784/829017 E-mail : numm056006@istruzione.it REGOLAMENTO DISCIPLINARE Aggiornato nell anno scolastico

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

Finalità. Comportamenti configuranti mancanze disciplinari. Classificazione delle sanzioni disciplinari diverse dall allontanamento

Finalità. Comportamenti configuranti mancanze disciplinari. Classificazione delle sanzioni disciplinari diverse dall allontanamento MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ELSA MORANTE C.M.RMIC805003 C.F. 971980000586 Via A. Volta, 41-00153 ROMA - /Fax

Dettagli

VERSO UNA SCUOLA AMICA DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI

VERSO UNA SCUOLA AMICA DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI Il IV Circolo Didattico Don P. Uva di Bisceglie in collaborazione con l UNICEF aderisce al PROGETTO PILOTA NELL AMBITO DEL PROGRAMMA VERSO UNA SCUOLA AMICA DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI - SPERIMENTAZIONE ANNO

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione

Ministero della Pubblica Istruzione Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale Gino Capponi via Pestalozzi 13-20143 Milano Tel: 02 88444729 - Fax: 02 89123381 e-mail: miic8cy00p@istruzione.it - pec: miic8cy00p@pec.istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 7 LATINA

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 7 LATINA Via Bachelet n. 5-04100 LATINA - Tel. 0773/620905 - fax 0773/629059- ltic846006@istruzione.it SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MANCANZE DISCIPLINARI E CORRISPONDENTI SANZIONI Mancanze disciplinari Doveri

Dettagli

PRINCIPI E FINALITÀ GENERALI OFFERTA FORMATIVA CURRICOLARE

PRINCIPI E FINALITÀ GENERALI OFFERTA FORMATIVA CURRICOLARE PRINCIPI E FINALITÀ GENERALI LA SCUOLA: Concorre alla formazione dell uomo e del cittadino secondo i principi stabiliti dalla Costituzione. Rispetta e valorizza le diversità individuali, sociali e culturali.

Dettagli

Lo statuto degli studenti e delle studentesse

Lo statuto degli studenti e delle studentesse Sommario Lo statuto degli studenti e delle studentesse... 1 Art. 1 (Vita della comunità scolastica)... 1 Art. 2 (Diritti)... 1 Art. 3 (Doveri)... 2 Art. 4 (Disciplina)... 3 Art. 5 (Impugnazioni)... 5 Art.

Dettagli

Criteri di costruzione del curriculum verticale

Criteri di costruzione del curriculum verticale Criteri di costruzione del curriculum verticale 1. Integrazione degli obiettivi cognitivi con gli obiettivi motivazionali e relazionali 2. individuazione di aree disciplinari 3. sviluppo della trasversalità

Dettagli

Progetto educativo per i bambini anticipatari

Progetto educativo per i bambini anticipatari Progetto educativo per i bambini anticipatari PREMESSA La questione dell anticipo deve essere affrontata facendo riferimento a discipline quali la psicologia dello sviluppo, la pedagogia e l organizzazione

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CESALPINO Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 grado Via Porta Buia - Arezzo Tel. 0575/20626 Fax 0575/28056 e mail: media.cesalpino@tin.it sito internet: www.iccesalpino.it

Dettagli

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Rivolto agli studenti della scuola secondaria di primo grado PREMESSE L educazione affettiva e relazionale dei giovani d oggi pone, a quanti

Dettagli

9. PROGETTI ANNUALI e ATTIVITA EXTRACURRICOLARI 2014-15

9. PROGETTI ANNUALI e ATTIVITA EXTRACURRICOLARI 2014-15 9. PROGETTI ANNUALI e ATTIVITA EXTRACURRICOLARI 2014-15 CENTRO DI INFORMAZIONE E CONSULENZA (C.I.C.) Il servizio prevede la consultazione psicologica individuale aperta a tutte le componenti scolastiche:

Dettagli

Obiettivi formativi del documento

Obiettivi formativi del documento DIREZIONE DIDATTICA STATALE S.S. GIOVANNI PAOLO II SAN MARZANO SUL SARNO (SA) Piazza Amendola-84010-Tel. 081/955291- Fax: 081/5189080 C.F. 80047350659 Codice Meccanografico SAEE152003 Sito: www.ddsanmarzano.gov.it

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: Storia, Cittadinanza e Costituzione DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte Le competenze

Dettagli

Progettazione annuale di sezione

Progettazione annuale di sezione ISTITUTO COMPRENSIVO GANDHI Via Mannocci, 23 59100 PRATO Scuola dell Infanzia Gandhi Progettazione annuale di sezione Sez. 1 ANNO SCOLASTICO 2014-15 PROGETTAZIONE ANNUALE DI SEZIONE SEZ. 1) CAMPI DI ESPERIENZA

Dettagli

ICAS FRANCOLISE A) DIRITTI

ICAS FRANCOLISE A) DIRITTI ICAS FRANCOLISE SCUOLA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA 1 Via Roma, 3 81050 S. Andrea del Pizzone Tel. 0823/884410 - COD.MECC. CEIC819004 E-mail: icas.francolise@virgilio.it U.R.L. : www.icasfrancolise.it

Dettagli

TRA PREMESSO TUTTO QUANTO SOPRA PREMESSO OBIETTIVI DEL PROTOCOLLO:

TRA PREMESSO TUTTO QUANTO SOPRA PREMESSO OBIETTIVI DEL PROTOCOLLO: PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE. TRA La Prefettura di Modena, l Amministrazione

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO SCUOLA DEL PRIMO CICLO (Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado) FINALITÀ SPECIFICHE

ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO SCUOLA DEL PRIMO CICLO (Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado) FINALITÀ SPECIFICHE ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO SCUOLA DEL PRIMO CICLO (Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado) FINALITÀ SPECIFICHE La scuola del primo ciclo, avviando il pieno sviluppo della persona, concorre

Dettagli

Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità

Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità VALORE DI RIFERIMENTO Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità Democrazia, non violenza e pace (società):

Dettagli

scelte educative sostenere orientare attraverso percorsi significativi che mettono in gioco sapere saper fare saper essere saper stare insieme

scelte educative sostenere orientare attraverso percorsi significativi che mettono in gioco sapere saper fare saper essere saper stare insieme Lo sviluppo umano riguarda l essere di più e non l avere di più scelte educative La nostra Scuola si impegna per sostenere motivazione riflessione l imparare ad imparare orientare stili di vita buone pratiche

Dettagli

Istituto Scolastico Comprensivo Cardarelli Massaua via Strozzi, 11-20146 Milano tel.0288441534 fax 0288441537 e-mail info@cardarelli-massaua.

Istituto Scolastico Comprensivo Cardarelli Massaua via Strozzi, 11-20146 Milano tel.0288441534 fax 0288441537 e-mail info@cardarelli-massaua. Istituto Scolastico Comprensivo Cardarelli Massaua via Strozzi, 11-20146 Milano tel.0288441534 fax 0288441537 e-mail info@cardarelli-massaua.it Sito internet: www.cardarelli-massaua.it Dirigente Scolastico

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI TORANO CASTELLO/LATTARICO PIANO DI LAVORO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE SEZ. SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SEDE DI

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI TORANO CASTELLO/LATTARICO PIANO DI LAVORO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE SEZ. SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SEDE DI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI TORANO CASTELLO/LATTARICO PIANO DI LAVORO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE SEZ. SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SEDE DI a.s. 2014/2015 COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE 1. La

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

REGOLAMENTO di DISCIPLINA

REGOLAMENTO di DISCIPLINA REGOLAMENTO di DISCIPLINA Alunni di Scuola Primaria protocollato atti scuola 369/B19_ 23 settembre 2013 Presidenza - plesso Troisi, via Gianturco 75 TELEFAX - 0815743460 Direzione Amministrativa ed uffici

Dettagli

"Statuto delle studentesse e degli studenti della scuola secondaria"

Statuto delle studentesse e degli studenti della scuola secondaria "Statuto delle studentesse e degli studenti della scuola secondaria" DPR 24 giugno 1998, n. 249 Regolamento recante lo Statuto delle studentesse e degli studenti della scuola secondaria (in GU 29 luglio

Dettagli

scuola secondaria di primo grado.

scuola secondaria di primo grado. Progetto di Educazione Stradale rivolto alle scuole : dell infanzia; primaria; scuola secondaria di primo grado. 1 PREMESSA La legge n. 53/03 riconosce alla Scuola Primaria il compito di promuovere lo

Dettagli

Italiano Inglese. Arte e immagine. Storia Geografia. Scienze motorie e sportive. Matematica. Religione cattolica. Attività didattiche alternative

Italiano Inglese. Arte e immagine. Storia Geografia. Scienze motorie e sportive. Matematica. Religione cattolica. Attività didattiche alternative Italiano Inglese Storia Geografia Arte e immagine Scienze motorie e sportive Matematica Tecnologia e Informatica Musica Scienze Religione cattolica Attività didattiche alternative Convivenza civile: -Ed.

Dettagli

Art. 1 D.D.G. Prot. N 5735/1 del 18.07.2008. Scuole Polo Oltre le emergenze - Attività di Formazione per docenti a.s. 2008/2009.

Art. 1 D.D.G. Prot. N 5735/1 del 18.07.2008. Scuole Polo Oltre le emergenze - Attività di Formazione per docenti a.s. 2008/2009. Allegato alla Comunicazione Prot. n 169 del 12.01.09 Art. 1 D.D.G. Prot. N 5735/1 del 18.07.2008 Scuole Polo Oltre le emergenze - Attività di Formazione per docenti a.s. 2008/2009 Scheda Progetto Istituzione

Dettagli

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 La valigia delle idee Progetti e percorsi formativi per gli studenti delle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado di Sesto Fiorentino 1

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE ALLA SCUOLA DELL INFANZIA Al Dirigente scolastico dell Istituto Comprensivo Papa Giovanni Paolo II CANDELA (FG)

DOMANDA DI ISCRIZIONE ALLA SCUOLA DELL INFANZIA Al Dirigente scolastico dell Istituto Comprensivo Papa Giovanni Paolo II CANDELA (FG) DOMANDA DI ISCRIZIONE ALLA SCUOLA DELL INFANZIA Al Dirigente scolastico dell Istituto Comprensivo Papa Giovanni Paolo II CANDELA (FG) _l_ sottoscritt in qualità di padre madre (cognome e nome) tutore CHIEDE

Dettagli

Istituto Comprensivo Ugo Betti - Piano dell Offerta Formativa

Istituto Comprensivo Ugo Betti - Piano dell Offerta Formativa SCUOLA DELL INFANZIA Dimensione didattico - pedagogica La scuola dell infanzia, liberamente scelta dalle famiglie, si rivolge a tutti i bambini dai 2,5 ai 6 anni di età ed è la risposta al loro diritto

Dettagli

Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014

Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014 STRUTTURA DELLA CLASSE Alunni iscritti n. Alunni frequentanti n. Alunni ripetenti n. /. Alunni disabili n.. Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Classe 1 TIPOLOGIA

Dettagli

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3 Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione Scuola dell infanzia - Anni 3 A Identità e appartenenza. A1 Percepire e riconoscere se stesso. A1Mi conosco attraverso giochi motori sul corpo. A2 Saper

Dettagli

Centro Direzionale Via G.Porzio - Isola E3 80143 - Napoli Tel: 081.19811450 Fax: 081.19811451 Sito: www.amesci.org Email: info@amesci.

Centro Direzionale Via G.Porzio - Isola E3 80143 - Napoli Tel: 081.19811450 Fax: 081.19811451 Sito: www.amesci.org Email: info@amesci. BREVE DESCRIZIONE DEL PROGETTO IL MIO SPAZIO SETTORE D INTERVENTO AREA D INTERVENTO OBIETTIVO GENERALE OBIETTIVI SPECIFICI ASSISTENZA MINORI Il progetto qui presentato ha l obiettivo generale di alleviare

Dettagli

ASL TO2 DIPARTIMENTO PATOLOGIA DELLE DIPENDENZE 2 C. Olievenstein

ASL TO2 DIPARTIMENTO PATOLOGIA DELLE DIPENDENZE 2 C. Olievenstein DIPARTIMENTO PATOLOGIA DELLE DIPENDENZE 2 C. Olievenstein 57 Dipartimento Patologia delle Dipendenze 2 C. Olievenstein Circoscrizioni 6 e 7 Unplugged È un programma scolastico di prevenzione delle dipendenze,

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO GARGNANO Scuola dell infanzia - Scuola Primaria - Scuola secondaria di 1 grado Via Repubblica 17 25084 GARGNANO (BS) - C.F.:

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO. Il tempo dell intervallo va trascorso nelle rispettive aule. Non è consentito spostarsi da un piano all altro.

REGOLAMENTO INTERNO. Il tempo dell intervallo va trascorso nelle rispettive aule. Non è consentito spostarsi da un piano all altro. REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI ALUNNI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CALUSCO D ADDA 1 REGOLAMENTO INTERNO Entrata Gli alunni sono tenuti a presentarsi a scuola sia al mattino, sia al pomeriggio almeno cinque

Dettagli

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA SCUOLA PARITARIA dell INFANZIA e PRIMARIA MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Chi è chiamato ad educare e ad animare educazione, deve offrire nutrimento, nascondendo la mano che

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA PER GLI ALUNNI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO. (Deliberato dal Consiglio d Istituto nella seduta del 10 dicembre 2014)

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA PER GLI ALUNNI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO. (Deliberato dal Consiglio d Istituto nella seduta del 10 dicembre 2014) M i n i s t e r o d e l l a P u b b l i c a I s t r u z i o n e Istituto Comprensivo Statale Gino Capponi via Pestalozzi 13-20143 Milano Tel: 02 88444729 - Fax: 02 89123381 e-mail: miic8cy00p@istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA Istituto Comprensivo G.B. Della Torre Via Rivarola, 7 16043 Chiavari (GE) Tel. 0185308022 Fax 0185309471 geic86500c@istruzione.it geic86500c@pec.istruzione.it codice fiscale 90064220107 sito internet:

Dettagli

GLOSSARIO. Studiare sicurezza

GLOSSARIO. Studiare sicurezza 59 Studiare sicurezza In che modo le Indicazioni nazionali per i Piani di studio personalizzati relative alla scuola primaria e a quella secondaria di primo grado possono aiutare a formulare percorsi di

Dettagli

Fondo Europeo per l Integrazione di cittadini di Paesi terzi Annualità 2011

Fondo Europeo per l Integrazione di cittadini di Paesi terzi Annualità 2011 Fondo Europeo per l Integrazione di cittadini di Paesi terzi Annualità 2011 Capofila: Provincia di Arezzo Partner: Oxfam Italia, Migrantes, ARCI, Pronto Donna, TSD, Comune di Arezzo, Zona Valdarno, Cooperativa

Dettagli

Testo redatto dalla Commissione ad hoc ex DD.RR. di nomina 477 e 524 /2011 CODICE ETICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI ROMA TRE

Testo redatto dalla Commissione ad hoc ex DD.RR. di nomina 477 e 524 /2011 CODICE ETICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI ROMA TRE Testo redatto dalla Commissione ad hoc ex DD.RR. di nomina 477 e 524 /2011 CODICE ETICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI ROMA TRE in attuazione della Legge 240/2010, art. 2, comma 4 Preambolo 1. Correttezza

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

SCUOLA DEL PRIMO CICLO Il primo ciclo di istruzione comprende la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado.

SCUOLA DEL PRIMO CICLO Il primo ciclo di istruzione comprende la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado. c) Compilazione del quadro sintetico riassuntivo d) Analisi dei dati a cura dei docenti e Funzione Strumentale e individuazione degli alunni a rischio e) Valutazione approfondita alunni a rischio entro

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO

REGOLAMENTO D ISTITUTO REGOLAMENTO D ISTITUTO VITA QUOTIDIANA A SCUOLA Lo Statuto degli Studenti definisce i diritti e i doveri degli studenti per garantire una serena convivenza scolastica. Il presente regolamento elaborato

Dettagli

Vista la legge 27 maggio 1991, n. 176 di ratifica della Convenzione sui diritti del fanciullo, fatta a New York il 20 novembre 1989;

Vista la legge 27 maggio 1991, n. 176 di ratifica della Convenzione sui diritti del fanciullo, fatta a New York il 20 novembre 1989; Il Presidente della Repubblica Visto l'articolo 87, comma 5, della Costituzione; Visto l'articolo 328 del decreto legislativo 16 aprile 1994 n.297; Visto l'articolo 21, commi 1, 2 e 13 della legge 15 marzo

Dettagli

Scuola dell Infanzia G. Cotta Legnago Anno scolastico 2010-2011 PROGETTO EDUCATIVO

Scuola dell Infanzia G. Cotta Legnago Anno scolastico 2010-2011 PROGETTO EDUCATIVO 1 Scuola dell Infanzia G. Cotta Legnago Anno scolastico 2010-2011 PROGETTO EDUCATIVO PROGRAMMAZIONE DI PLESSO 1. FINALITA A.S. 2010/2011 Le finalità della scuola dell infanzia sono lo sviluppo dell identità,

Dettagli

INCLUSIONE TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO

INCLUSIONE TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO INCLUSIONE Integrazione Alunni disabili DSA BES TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO.LINEE GUIDA PER L INCLUSIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITA LINEE GUIDA PER L INCLUSIONE SCOLASTICA L inclusione è un

Dettagli

PROGETTO LET S PLAY AND TALK

PROGETTO LET S PLAY AND TALK PROGETTO LET S PLAY AND TALK FINALITA Il progetto Let s play and talk riguarda tutti i plessi di scuola primaria. Esso intende avvicinare gli alunni alla comprensione ed all uso della lingua straniera

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SAN FRUTTUOSO ad indirizzo musicale Via Berghini, 1-16132 Genova TEL. 010352712 fax 0105220210 e-mail geic808008@istruzione.it - www.icsanfruttuoso.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

Dettagli

ASS. INMEDIA ONLUS VILLAFRANCA TIRRENA (ME)

ASS. INMEDIA ONLUS VILLAFRANCA TIRRENA (ME) ASS. INMEDIA ONLUS VILLAFRANCA TIRRENA (ME) Anno scolastico 2013/2014 Proponente: Associazione INMEDIA ONLUS Sede legale: Via Consortile, 32 - Villafranca Tirrena (ME) Tel. 3480457173 e-mail: inmediaonlus@libero.it

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO 3-VICENZA DIPARTIMENTO DI RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazio ne nella madre lingua COMPETENZE SPECIFICHE Conoscere il

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA LM / 85 BIS

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA LM / 85 BIS UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA LM / 85 BIS PROGETTO DI TIROCINIO L istituzione del nuovo Corso di Laurea in Scienze

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. VERONESE LICEO: SCIENTIFICO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE - CLASSICO - SCIENZE UMANE - LINGUISTICO Via Togliatti, 833 30015 - CHIOGGIA (VE) - Tel. 041/5542997-5543371

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINA ALUNNI

REGOLAMENTO DISCIPLINA ALUNNI Prot. 6037 del 20/11/2014 REGOLAMENTO DISCIPLINA ALUNNI Estremi approvazione: Collegio dei Docenti: Delibera n 5 del 11/11/2014 Consiglio di Istituto: Delibera n 7 del 18/11/2014 Pag. 1 Premessa Ai sensi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO-SANITARI ANNO SCOLASTICO: 2013/2014 1.

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO-SANITARI ANNO SCOLASTICO: 2013/2014 1. 1 di 9 21/11/2013 10.29 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO-SANITARI ANNO SCOLASTICO: 2013/2014 PRIMO BIENNIO DISCIPLINA: METODOLOGIE OPERATIVE DOCENTE:

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO Tel. 031. 607321 - E-mail: sms.inverigo@tiscali.it - Sito: www.icsinverigo.gov.it Direzione e Segreteria dell Istituto Comprensivo: Via

Dettagli

Regolamento di Disciplina

Regolamento di Disciplina ISTITUTO COMPRENSIVO J. SANNAZARO VIA F. CAVALLOTTI, 15 TEL. 0828/793037 - FAX 0828/793256 84020 OLIVETO CITRA (SA) cf. 82005110653 C.M. SAIC81300D e-mail: SAIC81300D@ISTRUZIONE.IT SITO INTERNET: WWW.OLIVETOCITRAIC.GOV.IT

Dettagli

REGOLAMENTO D'ISTITUTO Istituto d Istruzione Superiore Giovanni GIORGI

REGOLAMENTO D'ISTITUTO Istituto d Istruzione Superiore Giovanni GIORGI REGOLAMENTO D'ISTITUTO Istituto d Istruzione Superiore Giovanni GIORGI CAPO I : OSSERVAZIONI PRELIMINARI Art.1. La scuola è una comunità di dialogo, di ricerca, di esperienza sociale, informata ai valori

Dettagli

Proposta formativa A.S. 2014 2015

Proposta formativa A.S. 2014 2015 Proposta formativa A.S. 2014 2015 Premio Consiglio Comunale di Portogruaro 12^ Edizione Laboratorio audiovisivo sul tema della promozione nuova Biblioteca comunale La Biblioteca con i tuoi occhi! Premesse

Dettagli

PERSONAGGI ED INTERPRETI

PERSONAGGI ED INTERPRETI PERSONAGGI ED INTERPRETI REFERENTE DEL PROGETTO Responsabile Daniela Nocentini Unione Comuni Montani del Casentino Responsabile dei Servizi Sociali Via Roma, n. 203 52014 POPPI Tel. 0575 507258 Fax 0575

Dettagli

COSA OFFRE IL PASCAL?

COSA OFFRE IL PASCAL? I. INDICE RAGIONATO COS E IL PASCAL? UN ISTITUTO ORGANIZZATO IN: 4 indirizzi sperimentali: - Informatico (Indirizzo Tecnico) - Linguistico (Indirizzo Tecnico) - Grafico-Beni Culturali (Liceo artistico)

Dettagli

EMANA IL SEGUENTE ATTO DI INDIRIZZO

EMANA IL SEGUENTE ATTO DI INDIRIZZO Castiglione delle Stiviere, 05/10/2015 Prot. n. 9298/C6 Al Collegio dei Docenti Alla DSGA All albo E p.c. al Consiglio di Istituto Oggetto: ATTO DI INDIRIZZO RIGUARDANTE LA DEFINIZIONE E LA PREDISPOSIZIONE

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

Anno scolastico 2008/09

Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO AZZANO SAN PAOLO Il presente opuscolo, che racchiude le linee programmatiche essenziali utili ad identificare la nostra scuola, costituisce una sintesi del Piano dell Offerta Formativa;

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PREMESSA La società attuale non solo ci invita a pensarci e a pensare in termini di globalità e di globalizzazione, ma ci chiede anche

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA LICEO DELLE SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Anno scolastico 2010/2011 Programmazione didattica Materia d insegnamento: Psicologia

Dettagli

Ruolo ed attività previste per i giovani in servizio civile nell ambito del progetto.

Ruolo ed attività previste per i giovani in servizio civile nell ambito del progetto. Allegato B) CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: Mercurio Settore di intervento del progetto: n) educazione contro ogni forma di discriminazioni anche per orientamento sessuale Codice identificativo

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO V. DE CAPRARIIS ATRIPALDA (AV) PROGETTAZIONE di SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PRIMO BIENNIO. Anno scolastico 2013-2014

LICEO SCIENTIFICO V. DE CAPRARIIS ATRIPALDA (AV) PROGETTAZIONE di SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PRIMO BIENNIO. Anno scolastico 2013-2014 LICEO SCIENTIFICO V. DE CAPRARIIS ATRIPALDA (AV) PROGETTAZIONE di SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PRIMO BIENNIO Anno scolastico 2013-2014 Docente Prof.ssa Caramico Luigina LINEE GENERALI E COMPETENZE Acquisire

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe II sezione B Data di approvazione 24 ottobre -

Dettagli