Piano dell Offerta Formativa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano dell Offerta Formativa"

Transcript

1 ISTITUTO COMPRENSIVO LUCA DELLA ROBBIA APPIGNANO-MONTEFANO Piano dell Offerta Formativa A.S

2 PRIMA PARTE PREMESSA La scuola nel territorio Che cos è il Pof Mission della scuola AREE DEL P.O.F Area 1. Gestione del Piano dell offerta formativa Area 2. Continuità ed Orientamento Area 3. Intercultura Area 4. Informatica e Nuove Tecnologie IL SERVIZIO SCOLASTICO Le strutture e i servizi Gli interventi formativi e i progetti integrati La relazione scuola/famiglia Le risorse e le collaborazioni Le scuole in cifre IL CURRICOLO DI ISTITUTO Premessa Articolazione del curricolo Gli strumenti culturali e le finalità del curricolo di Istituto Lo sviluppo delle competenze del curricolo di Istituto Tabelle curricolari di obiettivi e competenze Indicazioni, criteri e contenuti per l elaborazione delle prove in uscita e di ingresso Tabelle riassuntive dei progetti di Istituto e di plesso LA RICERCA E LA PROFESSIONALITA DOCENTE Didattica e strategie di insegnamento La formazione Percorsi verso la qualità Monitoraggio e qualità dell apprendimento Documentare la scuola I TEMPI E L ORGANIZZAZIONE Il tempo scuola e la sua articolazione Flessibilità e diversificazione LE RISORSE UMANE I docenti e il personale ATA L organigramma d Istituto Il piano delle attività

3 REGOLAMENTO VIAGGI D I ISTRUZIONE E VISITE GUIDATE Premessa Principali riferimenti normativi in materia di viaggi di istruzione Aspetti normativi ed organizzativi SECONDA PARTE LE SCHEDE PROGETTUALI DI ISTITUTO I progetti d Istituto I progetti di plesso

4 PREMESSA LA SCUOLA NEL TERRITORIO L Istituto Comprensivo "Luca della Robbia" è composto da 6 plessi scolastici, che costituiscono il primo ciclo dell istruzione. Le azioni formative, integrate e socializzate con il territorio in cui operano le scuole di Appignano e di Montefano, prevedono una serie di iniziative volte a potenziare il raccordo scuola-extrascuola nell ottica di un sistema formativo integrato o, ancora meglio, di una comunità educante. La scuola vuole essere sempre più promotrice di azioni educative insieme ad altre agenzie culturali, sociali, politiche del territorio. I punti di raccordo con l Ente Locale e con altre agenzie di formazione riguardano: Le esigenze emergenti a causa dell immigrazione L elevata presenza di alunni con handicap o svantaggio socio-culturale La crescente sensibilizzazione degli adulti alle tematiche educative e relazionali L organizzazione del tempo libero L ampliamento dell offerta formativa La gestione delle problematiche adolescenziali. Il territorio di Appignano offre un panorama sufficientemente variegato e significativo di proposte ricreative, formative, culturali. In particolare si rileva la presenza di Biblioteche Associazioni culturali Pro-loco Punto compiti Mediateca Ludoteca Oratorio parrocchiale Scuola di musica e associazione bandistica Associazioni ecologico- naturalistiche Gruppi di volontariato Cooperative di servizio Associazioni sportive. MAV scuola comunale di ceramica Nel territorio di Montefano sono presenti varie associazioni culturali, sportive e ricreative. Ben radicata è la tradizione musicale e teatrale che attraverso il Teatro La Rondinella, dopo la recente ristrutturazione, offre vari spettacoli durante l anno. In particolare nel territorio sono presenti La parrocchia e l oratorio Centro ricreativo per ragazzi Centro Studi Biblici Pro loco Biblioteca Strutture sportive Avis Avuls

5 Importanti e stabili collaborazioni sono attivate con: Con l Università di Macerata in quanto l Istituto è sede accreditata per il TFA 2013/2014 Altre scuole della Provincia Ambito territoriale sociale n 15 (Macerata) Esperti di didattica e tecnica informatica FAI per le giornate di primavera Professionisti di psicomotricità, atletica, avvio allo sport Lettori di madrelingua Anffas di Macerata Istituto Santo Stefano di Macerata e Filottrano ASUR n 3 di Macerata e Civitanova ASUR Cingoli Parrocchia di Appignano e Montefano Veneto Banca S.C.P.A Associazione Praxis di Macerata; PARS e RONDINELLA Comuni di Appignano e Montefano Regione Marche Provincia di Macerata L Istituto Comprensivo collabora inoltre ai progetti incentrati sull educazione alla salute ed al miglioramento della qualità della vita, proposti e coordinati dagli enti preposti.

6 I.C. DELLA ROBBIA APPIGNANO Scuola dell infanzia G. Rangoni Scuola primaria Dante Alighieri Scuola Secondaria di primo grado Luca Della Robbia MONTEFANO Scuola dell'infanzia Via della Vittoria Scuola Primaria OLIMPIA Scuola Secondaria di primo grado FALCONE BORSELLINO

7 CHE COS E IL POF Il POF (Piano dell Offerta Formativa), secondo l articolo 3 del D.P.R. 275/99, è il documento fondamentale, la carta d identità della comunità scolastica, perché in esso vi sono enunciati i principi educativi ispiratori ed è esplicitata la progettazione curricolare, extracurricolare ed organizzativa adottata dalle istituzioni scolastiche autonome in risposta alle esigenze di diritto allo studio nel pieno rispetto e valorizzazione delle diversità individuali, sociali e culturali di ciascuno ed ai bisogni formativi dell'utenza. Il nostro Istituto Scolastico si pone l obiettivo di promuovere un Offerta formativa sempre più elaborata e condivisa con le istituzioni del territorio. Il POF ha come fonti di ispirazione : gli articoli 3, 33 e 34 della Costituzione della Repubblica Italiana; i principi fondamentali enunciati dalla Direttiva del Presidente del Consiglio del 27 gennaio 1994: Principi sull'erogazione dei servizi pubblici ; il rispetto della trasparenza delle attività amministrative stabilita dalla Legge del 7 agosto 1990 n. 241; la legge n. 421 del 23 ottobre 1992 che ha dato l'avvio al processo di privatizzazione dei rapporti di lavoro e di impiego dei dipendenti delle pubbliche amministrazioni; il Decreto Legge 12 maggio n. 163, convertito in legge 11/7/1995 n. 273 che fa obbligo agli enti erogatori di pubblici servizi di adottare le rispettive carte dei servizi pubblici, dandone adeguata pubblicità agli utenti; l'art. 21 della legge 59 del 15 marzo 1997 che ha dato l'avvio al processo di autonomia delle scuole ; i Decreti legislativi 31 marzo 1998 n. 80 e 29 ottobre 1998 n. 387 che hanno comportato notevoli modifiche al D. L.vo n. 29/1993, con una marcata distinzione tra indirizzo politico e gestione amministrativa dei servizi pubblici; Il D.P.R n. 275 dell'8 marzo 1999, Regolamento recante le norme in materia di autonomia delle istituzioni scolastiche; le disposizioni contrattuali attualmente in vigore (C.C.N.L. 2003); il decreto interministeriale del 1 febbraio 2001 n. 44, concernente le istruzioni contabili sulla gestione amministrativo contabile delle istituzioni scolastiche; legge 28 marzo 2003 n Delega in materia di norme generali sull'istruzione e di livelli essenziali delle prestazioni in materia di istruzione e formazione professionale. Il POF ha come destinatari: Le famiglie e gli studenti che attraverso la conoscenza dell offerta formativa acquisiscono la consapevolezza delle opportunità che la scuola dell'autonomia offre come continuità verticale (tra i diversi ordini di scuola) e orizzontale (tra scuole e territorio, famiglie, amministrazioni locali, Enti territoriali,..) Gli insegnanti che partecipano direttamente e consapevolmente al processo educativo e al conseguimento degli obiettivi stabiliti.

8 MISSION DELLA SCUOLA Potenziare le attività per l apprendimento dei saperi essenziali in ambito linguistico e matematico. Promuovere le eccellenze. Promuovere il successo formativo di tutti Promuovere il saper essere nella società globale: interculturalità, apertura alla diversità, accoglienza, il confronto, la positività, la costruzione della pace. o Incentivare le attività sportive finalizzate al benessere fisico, psico-fisico, sociale Innovare la didattica attraverso l utilizzo delle nuove tecnologie e la ricerca-azione Sostenere la genitorialità Favorire lo sviluppo armonico della personalità

9 AREE DEL POF AREA 1. GESTIONE DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Funzioni strumentali. POF, curricolo, progetti: TROTTA VITTORIA Autoanalisi e qualità: VALENTINI MONICA COORDINAMENTO DELLE ATTIVITÀ DEL POF Raccoglie aspettative e bisogni locali - coordina proposte - elabora strumenti di supporto alla progettazione e al curricolo. ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DEL POF Regola e adegua il P.O.F. - promuove raccordi con Enti locali e altre agenzie del territorio DIFFUSIONE DEL POF Stabilisce modalità e tempi per la progettazione, la condivisione, la diffusione e la verifica del P.O.F. VALUTAZIONE DELLE ATTIVITÀ DEL POF Monitora l andamento delle attività del P.O.F. - fornisce strumenti di valutazione - fornisce la documentazione sull attività valutativa. AREA 2. ORIENTAMENTO E CONTINUITÀ Funzione strumentali. MEDEI MAURA, BORSELLA ANNA MARIA LA CONTINUITÀ Coordina l attività della commissione continuità formata dagli insegnanti degli anni ponte. Organizza attività di laboratorio e altre iniziative per l incontro e la conoscenza tra alunni e docenti di ordini di scuola diversi. Organizza iniziative di accoglienza e informazione rivolte ad alunni e genitori in vista delle iscrizioni. L ORIENTAMENTO Coordina attività di orientamento formativo per tutti gli alunni e di orientamento informativo per gli alunni delle classi seconde e terze della secondaria di primo grado attraverso progetti ( vedi schede progetti allegate ). OSSERVATORIO DEGLI ESITI SCOLASTICI Richiede alle scuole superiori nelle quali si sono iscritti gli alunni delle classi terze gli esiti finali del primo anno di frequenza, raccoglie ed elabora i dati per verificare il grado di preparazione scolastica acquisita nel primo ciclo scolastico e la valenza del consiglio orientativo dato in uscita dalla terza media.

10 AREA. 3 INCLUSIONE Funzione strumentali DVA e alunni con bisogni educativi speciali: CESARI FAUSTINA Intercultura: GABRIELLONI ANTONELLA DVA BES Coordina l integrazione alunni DVA a livello di Istituto. Coordina docenti di sostegno. Supervisiona i PEI. Fornisce Indicazioni per la pianificazione dei lavori e i raccordi con famiglia, neuropsichiatria, servizi sociali. Supporta la progettazione formativa e didattica. Imposta unità di apprendimento. Definisce obiettivi e azioni. Coordina l integrazione a livello di Istituto. Coordina il gruppo GLI. DISAGIO STRANIERI Utilizza materiale e modulistica appositi, per svolgere le procedure di iscrizione e raccolta dei dati utili Utilizza materiale didattico specifico per definire le competenze linguistiche degli alunni. Individua precocemente le difficoltà di apprendimento per attivare opportuni interventi di recupero. Segue i casi problematici. Promuove iniziative per la diffusione della cultura interetnica AREA. 4 INFORMATICA Funzione strumentali. Informatica PIETRANI PIERO E FRATINI NAZARENO INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE Mette a disposizione le proprie competenze al servizio dei docenti di istituto. Individua attività di formazione informatica. Adotta modalità efficaci per l informazione interna ed esterna. Documenta e cura il sito della scuola. È punto di riferimento dei docenti e della segreteria per il registro e la pagella elettronica.

11 COMMISSIONI, GRUPPI DI LAVORO, REFERENTI Commissione POF e qualità autoanalisi di Istituto (referenti nel plesso) Anno scolastico 2013/2014 I.C. Luca Della Robbia Appignano-Montefano Commissioni e gruppi di lavoro Albanesi Gilberta, Caporaletti Tiziana, Cudini Antonella Governatori Daniela, Russo Crocifissa Maria Rita, Valentini Monica, Commissione POF e curricolo (referenti nel plesso) Albanesi Gilberta, Arcangeli Federica, Izzo Maria Cristina, Furiasse Leida, Russo Crocifissa Maria Rita Commissione intercultura (referenti nel plesso) Commissione orario sc. secondaria Gruppo DVA e DSA Referente d Istituto per gli alunni con DSA Comitato di valutazione Gruppo lettura e scrittura Gruppo Ambiente e salute Referente d Istituto per il Progetto sicurezza e responsabili nei plessi Gruppo prove INVALSI Gruppo informatica (referenti nel plesso) Battaglia Romana (Primaria Appignano), Centonze Fabrizia (Secondaria Montefano), Fermani Roberta (Infanzia Appignano), Pettinari Simonetta (Sec. Appignano), Samori Luciana (Infanzia Montefano) Medei Maura, Salvatori Francesca, ( scuola sec. di Appignano) Volponi Maria Rosa ( scuola sec. di Montefano) Docenti di Sostegno, docenti che hanno in Classe Alunni Dva, Dsa, Bes Paparelli Tamara Caporaletti Tiziana, Salvatori Daniela, Samori Luciana, Temperini Verena(Titolari) Ricci Loretta, Sgalla Giuliano ( Docenti Supplenti) Arcangeli Federica (Referente Di Istituto) Tutti i Docenti di Materie Letterarie Cudini Antonella (Referente Di Istituto) Tutti i Docenti Matematica e Scienze. Cerioni Alessandro Accattoli Stefania (Primaria Appignano), Cardarelli Elide (Infanzia Appignano) Samori Luciana (Infanzia Montefano), Scodanibbio Giuseppe(Secondaria Appignano), Volpini Paola(Primaria Montefano), Volponi Maria Rosa (Secondaria Montefano) Tutti i docenti delle classi seconde e quinte della scuola primaria; i docenti di italiano e matematica delle classi prime della scuola primaria; i docenti di italiano e matematica delle classi prime scuola secondaria Accattoli Stefania (Primaria App.) Moretti Tiziana (Infanzia Mont.) Filipponi Luisa (Primaria Mont.) Porra Mariangela (Infanzia App.) Scodanibbio Giuseppe (Secondaria App.) Valentini Monica (Secondaria Mont.)

12 IL SERVIZIO SCOLASTICO Strutture L Istituto Comprensivo Luca della Robbia del Comune di Appignano e di Montefano è composto da 6 plessi scolastici, che costituiscono il primo ciclo dell istruzione. Le scuole: scuola dell infanzia Gherardo Rangoni scuola primaria Dante Alighieri scuola secondaria di primo grado Luca Della Robbia Scuola dell'infanzia Scuola Primaria Olimpia Scuola Secondaria di Primo grado Falcone Borsellino si inseriscono in un contesto caratterizzato principalmente da: lieve espansione demografica; servizi sociali e ricreativi (asilo nido, assistenza educativa,centro giovanile, ludoteca, mediateca, biblioteca ); progetti per l infanzia; iniziative e manifestazioni a carattere culturale; aumento della popolazione immigrata. Servizi. Le scuole dell Istituto offrono, oltre ai consueti spazi: aule informatiche e multimediali biblioteche palestre (scuola secondaria di Appignano, scuola primaria e secondaria di Montefano) laboratori spazi verdi per lo svolgimento delle attività educativo - didattiche, per interventi di potenziamento, di recupero degli svantaggi socio-culturali, per la realizzazione di progetti e laboratori, per l integrazione e le azioni di continuità. Per accedere e utilizzare gli spazi comuni sono definiti orari e modalità in ogni scuola. Insegnanti ed alunni possono agevolmente accedere a sussidi didattici, registrati e catalogati presso ogni scuola. Presso la scuola dell infanzia di Appignano e Montefano e la scuola secondaria di primo grado di Appignano è in funzione una mensa gestita dal Comune con collaboratori propri. I trasporti sono garantiti dai Comuni che li organizzano autonomamente. Gli Uffici di Segreteria dell Istituto Comprensivo sono situati in via Carducci n. 4, presso i locali della scuola secondaria di primo grado.

13 Il personale di segreteria è composto dal Direttore amministrativo (DSGA) e dagli assistenti amministrativi. La Segreteria dell Istituto con sede presso la scuola secondaria di Appignano, in via Carducci, 4 è aperta al pubblico secondo il seguente orario: Lunedì 10,00 10,30 12,00 13,30 Martedì 10,00 10,30 12,00 13, Mercoledì 10,00 10,30 12,00 13,30 Giovedì 10,00 10,30 12,00 13, Venerdì 10,00 10,30 12,00 13,30 Sabato 10,00 10,30 12,00 13,30 Durante i periodi di sospensione delle lezioni e durante il periodo estivo gli orari saranno i seguenti: da LUNEDI a VENERDI dalle alle Il Dirigente Scolastico riceve, previo appuntamento, (tel. ufficio 0733/57118), dalle alle : - A Appignano, in via Carducci 4: il lunedì, il martedì, il venerdì - A Montefano: il giovedì e il sabato, presso la Scuola secondaria di I grado

14 Interventi formativi e progetti integrati In collaborazione con l Ente Locale, o comunque utilizzando le risorse e i contributi reperiti sul territorio, sono previsti i seguenti interventi formativi: assistenza educativa agli alunni con handicap (orario curricolare e assistenza domiciliare); progetto istruzione domiciliare; corso di formazione per i genitori; sportello di ascolto (per le famiglie, per i ragazzi e per i docenti); supporto DSA ( a cura della referente di Istituto e relativa commissione ); gruppo/commissione GLI (DVA, DSA, BES); ludoteca- Punto compiti (Appignano) L Istituto Comprensivo realizza inoltre progetti integrati e di rete con: Regione Marche USP di Macerata ANSAS ex-irre Marche MIUR Università di Macerata (Scienze della formazione primaria e TFA) Scuola polo per la rete delle biblioteche scolastiche (Ita di Macerata) La rete sul curricolo interculturale di Petritoli Una rete di parole: per una didattica inclusiva ( Indicazioni Nazionali per il Curricolo) Progetto in rete per l Autonomia Scolastica sulla continuità scuola secondaria di primo grado e secondo grado Conosco, mi oriento e cresco finanziato dalla Regione Marche CDH Point di Macerata Il Giralibro di Torino (Associazione per la lettura) Comune di Treia e Comune di Appignano (per la FESTA della VITA ). Parrocchia di Appignano e Montefano Associazione Genitori di Appignano

15 Relazione scuola-famiglia Gli insegnanti ricevono i genitori nel corso di colloqui finalizzati: - alla comunicazione reciproca di informazioni relative al comportamento dell'alunno, sia nell'ambiente scolastico che in quello extrascolastico; - alla comunicazione dei risultati scolastici conseguiti dall'alunno; - alla ricerca di accordo sulle strategie educative da seguire. I colloqui hanno cadenza: annuale nella scuola dell infanzia; bimestrale nella scuola primaria e secondaria di primo grado. In casi particolari, gli insegnanti della scuola secondaria di Montefano fissano un diverso appuntamento per ricevere i genitori impossibilitati a partecipare nelle occasioni stabilite. I docenti della scuola secondaria di primo grado di Appignano prevedono mensilmente tempi di ricevimento prestabiliti. ELENCO SETTIMANE DI DISPONIBILITÀ DEI DOCENTI PER RICEVIMENTO GENITORI: NOVEMBRE SETTIMANA DAL 11 AL 16 DICEMBRE SETTIMANA DAL 9 AL 14 GENNAIO SETTIMANA DAL 13 AL 18 FEBBRAIO SETTIMANA DAL 10 AL 15 MARZO SETTIMANA DAL 10 AL 15 APRILE SETTIMANA DAL 7 AL 12 Cognome e nome Giorno Ora dalle alle BELLUCCI VALERIA LUNEDÌ 9:10 10:05 BIANCHINI BARBARA LUNEDÌ 10:20 11:00 CARLETTI ANTONELLA MERCOLEDÌ 10:20 10:50 CUDINI ANTONELLA LUNEDÌ 11:15 12:15 FABIANI LETIZIA GIOVEDÌ 11:15 12:15 FRATINI NAZARENO SABATO 10:20 11:15 GENGA ANNAMARIA VENERDÌ 11:15 12:15 GABRIELLI FEDERICA VENERDÌ 9:15 10:00 MEDEI MAURA VENERDÌ 11:15 12:15 PETTINARI SIMONETTA LUNEDÌ 12:15 12:45 PIETRANI PIERO SABATO 10:20 11:15 SALVATORI FRANCESCA LUNEDÌ 11:15 12:15 SCODANIBBIO GIUSEPPE LUNEDÌ 10:20 11:00 SGALLA GIULIANO GIOVEDI 12:15 13:00 TROTTA VITTORIA LUNEDÌ 11:15 12:15 Le assemblee dei genitori vengono convocate in orari compatibili con le esigenze di lavoro degli stessi. I genitori annualmente eleggono in forma democratica i loro rappresentanti che entrano a far parte del Consiglio di intersezione, di interclasse e di classe.

16 Risorse e collaborazioni Le risorse finanziarie sono gestite nel bilancio dell istituzione scolastica e sono costituite da: - finanziamenti statali e regionali; - contributi dell Ente Locale; - sponsorizzazioni e donazioni; - contributi volontari dei genitori (carta per fotocopie, cartelloni, materiale informatico e altro materiale di facile consumo, viaggi d istruzione, spettacoli, progetti, lettorato);

17 LA SCUOLA IN CIFRE SCUOLA DELL INFANZIA APPIGNANO ALUNNI 133 ALUNNI CON H 1 ALUNNI STRANIERI 19 ALUNNI ANTICIPATARI 0 SEZIONI 5 TURNO Turno intero 5 TEMPO SCUOLA 8,00 16,00 (INTERO) PERSONALE DOCENTE 10 PERSONALE SPECIALIZ. H PERSONALE ASSISTENTE H ASSISTENTI ALUNNI ANTICIPATARI PERSONALE AUSILIARIO

18 DATI AGGIORNATI AL 05/11/2013 SCUOLA PRIMARIA D. ALIGHIERI APPIGNANO ALUNNI 190 ALUNNI CON H 3 ALUNNI STRANIERI 31 CLASSI 10 SECONDA LINGUA INGLESE TEMPO SCUOLA 27 ore TUTTE PERSONALE DOCENTE 14 PERSONALE SPECIALIZ. H PERSONALE ASSISTENTE H ASSISTENTI LINGUISTICI PERSONALE AUSILIARIO DATI AGGIORNATI AL 05/11/2013 2

19 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO APPIGNANO L. DELLA ROBBIA ALUNNI 125 ALUNNI CON H 2 ALUNNI STRANIERI 29 CLASSI 6 LINGUE STRANIERE INGLESE FRANCESE 30 ore (orario curricolare) Classi 3^A; 2^A-3^B TEMPO SCUOLA 36 ore (Antim. + 2 Rientri) Classi 1^B-2^B PERSONALE DOCENTE 14 PERSONALE SPECIALIZ. H 1 PERSONALE ASSISTENTE H 1 PERSONALE AUSILIARIO 3 DATI AGGIORNATI AL 05/11/2013

20 SCUOLA DELL INFANZIA MONTEFANO ALUNNI 108 ALUNNI CON H 0 ALUNNI STRANIERI 20 ALUNNI ANTICIPATARI 13 SEZIONI 4 TURNO Turno intero 3 Turno ridotto TEMPO SCUOLA ( Intero ) ( Ridotto ) PERSONALE DOCENTE 8 PERSONALE SPECIALIZ. H PERSONALE ASSISTENTE H ASSISTENTI ALUNNI ANTICIPATARI PERSONALE AUSILIARIO DATI AGGIORNATI AL 05/11/2013

21 SCUOLA PRIMARIA OLIMPIA MONTEFANO ALUNNI 183 ALUNNI CON H 3 ALUNNI STRANIERI 42 CLASSI 10 SECONDA LINGUA INGLESE TEMPO SCUOLA 27 ore TUTTE PERSONALE DOCENTE 14 PERSONALE SPECIALIZ. H PERSONALE ASSISTENTE H ASSISTENTI LINGUISTICI PERSONALE AUSILIARIO DATI AGGIORNATI AL 05/11/2013 2

22 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MONTEFANO FALCONE E BORSELLINO ALUNNI 115 ALUNNI CON H 4 ALUNNI STRANIERI 26 CLASSI 6 LINGUE STRANIERE INGLESE FRANCESE 30 ore (orario curricolare) Classi 1^D; 2^D-3^D TEMPO SCUOLA 36 ore (Antim. + 2 Rientri) Classi 1^C-2^C-3^C PERSONALE DOCENTE 16 PERSONALE SPECIALIZ. H 3 PERSONALE ASSISTENTE H 2 PERSONALE AUSILIARIO 2 DATI AGGIORNATI AL 05/11/2013

23 CURRICOLO DI ISTITUTO PREMESSA Il curricolo descrive l'intero percorso formativo che uno studente compie nella scuola dell'infanzia e nelle scuola del primo ciclo, in cui si intrecciano e si fondono processi cognitivi, relazionali ed organizzativi. E il cuore didattico-educativo delle opportunità formative che la scuola sceglie, progetta e predispone per i propri alunni e che essi compiono e realizzano in attività organizzate nel processo di istruzione/formazione. La costruzione del curricolo in verticale di Istituto nasce dall esigenza di operare delle scelte formative che vanno dalla scuola dell infanzia alla scuola secondaria di primo grado, nell ottica del quadro normativo che trova il suo principio nell autonomia scolastica (L.275/99) e nel processo normativo per l attuazione delle Indicazioni nazionali. L importanza della partecipazione della famiglia è fondamentale per concorrere allo sviluppo personale ed educativo del bambino e degli adolescenti. Perciò la scuola intende costruire con la famiglia un alleanza educativa, cioè relazioni costanti, ognuno nel rispetto del proprio ruolo ma entrambi in vicendevole rapporto per il raggiungimento di comuni finalità educative, che nella infanzia e nella primaria si concretizza con lo slogan Genitori e regole. La regola come risorsa si esercita con il dialogo costante tra genitori e docenti che costruiscono un patto regolativo formativo e di corresponsabilità condiviso e basato su obiettivi irrinunciabili (vedi patto formativo e di corresponsabilità contenuto nel POF). ARTICOLAZIONE DEL CURRICOLO L asse dei valori (cultura- scuola- persona) del curricolo d istituto LA SCUOLA NEL NUOVO SCENARIO CULTURALE La progettazione curricolare dell istituto parte dal riconoscimento dei bisogni e dalle esperienze degli alunni ossia dalle richieste sociali delle famiglie degli alunni, che vivono il passaggio da una società relativamente stabile ad una società caratterizzata da molteplici cambiamenti e discontinuità. Per questo l obiettivo della scuola è duplice: 1. affiancare all insegnamento ad apprendere quello dell insegnare ad essere; 2. riorganizzare e reinventare i propri saperi e competenze, attraverso l alfabetizzazione culturale dall infanzia alla secondaria di I grado. Sul piano cognitivo si traducono in : - curiosità intellettuale; - capacità di comprensione; - capacità di analisi; - capacità di collegamento e di sintesi; - simbolizzazione; - pensiero divergente; - qualità dell apprendimento. Mediatori culturali privilegiati delle suddette competenze restano: la padronanza del sapere espressivo e linguistico che si attuano attraverso il Progetto Lettura (infanzia-primaria-secondaria);

24 la padronanza e il progressivo approfondimento del sapere logico e critico che vengono attuati con il progetto curricolare Il curriculum verticale. Dalle Indicazioni nazionali alle pratiche didattiche. Le principali strategie metacognitive, che la scuola dell infanzia e di base perseguono sono : - la motivazione; - la stima di sé; - l interesse, la memoria, l attenzione, la concentrazione e la riflessione. La costruzione dei saperi e del sapere si struttura attraverso: - percorsi transdisciplinari e interdisciplinari dei tre ordini scolastici; - la metodologia della ricerca azione innovazione didattica (vedi progetti allegati nel POF); - la didattica laboratoriale. CENTRALITÀ DELLA PERSONA La costruzione della persona rappresenta un elemento essenziale del percorso formativo: l obiettivo è quello di valorizzare l unicità e la singolarità dell identità culturale di ogni studente. La scuola mira, dall infanzia alla secondaria di I grado a perseguire il valore dell autonomia personale, della progettualità e centralità di ciascun alunno, declinate come: - autostima e la valorizzazione di sé; - sviluppo del pensiero critico e la capacità di scelte motivate; - libertà di azione e potenziale creativo divergente; - pari opportunità formative e diritto ai nuovi linguaggi; - qualità e merito. L acquisizione, inoltre di competenze relazionali è un obiettivo prioritario della scuola. L incontro con l altro consente e facilita l approfondimento dei propri valori come anche l apertura al mondo dei valori altrui. Tutto ciò la scuola lo realizza attraverso: - il progetto Continuità, Orientamento ed educazione Affettiva; - il progetto Giocosport dall infanzia, alla primaria, alla secondaria. Nello specifico per la secondaria è stato istituito a partire dall anno scolastico 2009/2010 il Centro Sportivo Scolastico.

25 NUOVA CITTADINANZA La scuola intende promuovere negli alunni il Saper Essere nella società civile in senso sia verticale (infanzia-primaria-secondaria) che orizzontale (alleanza educativa scuola famigliaterritorio-comunità) per il raggiungimento delle otto competenze chiave di cittadinanza: - imparare ad imparare - progettare - comunicare - collaborare e partecipare - agire in modo autonomo e responsabile - risolvere problemi - individuare collegamenti e relazioni - acquisire ed interpretare l informazione che si intendono raggiungere attraverso l asse culturale dei linguaggi, l asse storico geografico - sociale, l asse scientifico - tecnologico e i progetti curricolari d istituto: Progetto lettura: Leggere per crescere Far vivere la lettura come piacere, creando condizioni favorevoli. Stimolare ed incrementare la motivazione all'ascolto e alla lettura autonoma nei ragazzi anche e soprattutto in quelli che vivono un particolare svantaggio culturale. Stimolare gli alunni alla ricerca e alla scoperta di vari orizzonti testuali. Avvicinare gli studenti al Giornale per arricchire il loro patrimonio culturale. Far nascere un importante desiderio di frequentare biblioteche e librerie. Creare occasioni di scrittura piacevoli e motivanti, individuali e di gruppo. Condividere esperienze sulla lettura in rete e formazione dei docenti su progetti di animazione alla lettura (progetto Biblioteche in rete). Progetto: Osservo, sperimento, imparo Favorire l acquisizione di conoscenze e competenze attraverso l attività di laboratorio. Incrementare l interesse e la curiosità degli allievi verso fenomeni naturali. Far maturare, attraverso l attività laboratoriale, atteggiamenti di responsabilità verso il gruppo e verso se stessi. Progetto La città dei bambini Conoscenza delle istituzioni locali: il Comune. Conoscenza dei meccanismi che vengono messi in atto per proporre un provvedimento. Conoscenza dei meccanismi elettorali. Conoscenza del ruolo dei Consiglieri e degli Assessori. nell amministrazione del Comune Conoscenza ed attuazione della procedura da seguire per la discussione di alcuni provvedimenti e per l attuazione degli stessi Progetto: La revisione interculturale dei curricoli scolastici per una nuova cittadinanza coesa e basata sul rispetto dei valori della Costituzione rivedere la costruzione epistemologica dei saperi scolastici e dei metodi didattici in chiave interculturale sviluppare la cultura della qualità attraverso un processo di valutazione degli apprendimenti rapportati alle competenze da acquisire diminuire la dispersione scolastica elevando le competenze degli allievi

26 promuovere una cultura condivisa basata sul dialogo e sul rispetto delle differenze favorire una coesione sociale secondo una visione di cittadinanza coerente con i valori della Costituzione Progetto Sicurezza: A Scuola di Sicurezza Sensibilizzare gli alunni al discorso sulla sicurezza e prevenzione, affinché diventino cittadini attivi e responsabili, capaci di assumere comportamenti corretti e rispettosi nei confronti di se stessi e degli altri. Progetto Educazione ambientale e salute Promuovere negli allievi, in rapporto alla loro età, conoscenze ed abilità che conducano allo sviluppo di competenze specifiche disciplinari. Tutelare gli ecosistemi in rapporto allo sviluppo socio-economico. Avviare e consolidare il metodo sperimentale. Stimolare gli alunni ad un maggiore consumo di frutta e verdura per prevenire malattie legate ad una errata alimentazione. NUOVO UMANESIMO L'umanesimo è l'incontro di differenze culturali favorite dalla globalizzazione e dall'informatizzazione. L'umanesimo rispetta, traduce e rivaluta le varianti dei bisogni di credere e dei desideri di sapere che sono patrimonio universale di tutte le civiltà. Per fronteggiare il cambiamento tipico della nostra società complessa, la scuola si pone l obiettivo di sperimentare nuovi strumenti della tecnologia digitale nella didattica con : nella scuola secondaria di primo grado (1^ secondaria) con il progetto 2.0 Si propone, inoltre, di: favorire l incontro di differenze culturali nella vita di classe sviluppare il senso della solidarietà con l iniziativa dell Adozione a distanza promuovere l acquisizione di strumenti di pensiero, metodi e categorie, in grado di fare da bussola negli itinerari personali degli alunni, sostenendo i processi di valutazione e selezione delle informazioni con il conseguente sviluppo dell autonomia di pensiero.

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

Rapporto di autovalutazione

Rapporto di autovalutazione Rapporto di autovalutazione Sommario 1. Codice meccanografico istituto principale...3 2. Griglie di autovalutazione...3 1.1 Esiti...3 1.2 Contesto e risorse...4 1.3 Processi...5 3. Individuazione obiettivi

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012.

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012. Circolare interna n. 25 Ai docenti Al DSGA Alla segreteria alunni Alla segreteria docenti E, p.c. ai collaboratori scolastici Ve Mestre, 15 settembre 2011 Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri La documentazione Dall ICF alla DF al PDF al PEI La Diagnosi Funzionale (DF) 1. Utilizzo degli items di ICF nella definizione

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA RISULTANZE MONITORAGGIO GENITORI A.S. 2012-13

SCUOLA DELL INFANZIA RISULTANZE MONITORAGGIO GENITORI A.S. 2012-13 SCUOLA DELL INFANZIA RISULTANZE MONITORAGGIO GENITORI A.S. 2012-13 STRUTTURE PULIZIA AMBIENTI 12 10 8 6 4 2 servizio di pulizia efficiente 10 0,0 AMBIENTI ADEGUATI ALLA FUNZIONE 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1 AMBIENTI

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo.

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo. Regolamento G.L.I. Art. 1 Costituzione del G.L.I. (Gruppo di Lavoro per l Inclusione) Ai sensi della Direttiva Ministeriale del 27 dicembre 2012 (Strumenti d intervento per alunni con bisogni educativi

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, n. 87, articolo 8, comma 6) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

1 O. NEURATH, Il viaggio

1 O. NEURATH, Il viaggio ...Siamo come dei marinai che debbono ricostruire la loro nave in mare aperto... Essi possono usare il legname della vecchia struttura per modificare lo scheletro e il fasciame dell'imbarcazione, ma non

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime -

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Progetto Continuità" Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria 2010-11 11 Anno Scolastico 2010 Funzioni Strumentali A. Rubino Scuola Infanzia P. Stramonio Scuola

Dettagli